R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE"

Transcript

1 di R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ASSESSORATO AL WELFARE GLI INVESTIMENTI PER QUALIFICARE L OFFERTA DI STRUTTURE PER LE PERSONE CON DISABILITÀ IN PUGLIA NEL PERIODO Sono stati ,87 milioni di euro i fondi investiti in Puglia per la realizzazione di strutture dedicate alle persone disabili negli ultimi 4 anni, 91 strutture in totale al momento, tra residenziali e semiresidenziali. Di questi, 51,9 milioni di euro (66%) sono stati assicurati da contributi finanziari regionali (Fondi propri e Fesr ). Sul totale degli investimenti il 63%% cioè 49,7 milioni di euro sono destinati alla creazione di strutture residenziali (in totale 40), il 37% cioè 29,4 milioni di euro, sono destinati alla creazione di strutture semiresidenziali (in totale 51). Nelle tabelle che seguono, tutti i dettagli delle strutture realizzate e in corso di realizzazione, con la suddivisione per provincia. STRUTTURE DISABILITÀ N STRUTTURE DISABILI IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,11 BRINDISI , , , , , ,59 BAT , , , , , ,73 FOGGIA , , , , , ,87 LECCE , , , , , ,71 TARANTO , , , , , ,95 REGIONE PUGLIA , , , , , ,96

2 STRUTTURE RESIDENZIALI DISABILITÀ N STR. RESID. DISABILI IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,55 BRINDISI , , , , , ,59 BAT , , , , , ,73 FOGGIA , , , , , ,31 LECCE , , , , , ,95 TARANTO ,65 0, , ,65 0, ,65 REGIONE PUGLIA , , , , , ,78 STRUTTURE SEMIRESIDENZIALI DISABILITÀ N STR. SEMIRESID. DISABILI IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,56 BRINDISI , , , , , ,00 BAT , , ,59 0, , ,00 FOGGIA , , , , , ,56 LECCE , , , , , ,76 TARANTO , , , , , ,30 REGIONE PUGLIA , , , , , ,18 COMUNITÀ ALLOGGIO PER PERSONE CON DISABILITÀ Sono 4 le Comunità alloggio realizzate finora in Puglia, nelle province di Bari, Brindisi, Bat e Taranto, realizzate da enti pubblici e privati

3 La comunità alloggio è struttura residenziale a bassa intensità assistenziale, destinata a soggetti maggiorenni, in età compresa tra i 18 e i 64 anni, privi di validi riferimenti familiari, in situazione di handicap fisico, intellettivo o sensoriale che mantengano una buona autonomia (art.55 R.R. 4/2007 e smi.) N COMUNITA' ALLOGGIO IMPORTI INVESTIMENTI PROVINCIA PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , ,00 0, , ,00 BRINDISI , , ,00 0, , ,00 BAT ,00 0, , ,00 0, ,00 FOGGIA ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 LECCE ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 TARANTO ,65 0, , ,65 0, ,65 REGIONE PUGLIA , , , , , ,65 GRUPPO APPARTAMENTO PER PERSONE CON DISABILITÀ Sono 3 i Gruppi Appartamento realizzati finora in Puglia, nelle province di Bari, Foggia e Lecce realizzate da enti pubblici e privati. Il gruppo appartamento è struttura residenziale a bassa intensità assistenziale, parzialmente autogestita, destinata a soggetti maggiorenni, in età compresa tra i 18 e i 64 anni, privi di validi riferimenti familiari, in situazione di handicap fisico, intellettivo o sensoriale che mantengano una buona autonomia (art.56 R.R. 4/2007 e smi.) N GRUPPI APPARTAMENTI IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , ,00 0, , ,00 BRINDISI ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 BAT ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 FOGGIA ,00 0, , ,00 0, ,00 LECCE ,00 0, , ,00 0, ,00 REGIONE PUGLIA , , , , , ,00

4 COMUNITÀ SOCIORIABILITATIVA PER PERSONE CON DISABILITÀ Sono 18 le Comunità socioriabilitative realizzate finora in Puglia, nelle province di Bari, Brindisi, Bat, Foggia, Lecce e Taranto realizzate da enti pubblici e privati La comunità socio-riabilitativa è struttura residenziale socio-assistenziale a carattere comunitario destinata a soggetti maggiorenni, in età compresa tra i 18 e i 64 anni, in situazione di handicap fisico, intellettivo e sensoriale, privi del sostegno familiare o per i quali la permanenza nel nucleo familiare sia valutata temporaneamente o definitivamente impossibile o contrastante con il progetto individuale. (art.57 R.R. 4/2007 e smi.) N COMUNITA' SOCIO-RIABILITATIVE IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , ,74 0, , ,95 BRINDISI , , , , , ,59 BAT , , ,57 0, , ,73 FOGGIA ,00 0, , ,00 0, ,00 LECCE , , , , , ,95 TARANTO ,00 0, , ,00 0, ,00 REGIONE PUGLIA , , , , , ,22 RESIDENZA SOCIOSANITARIA ASSISTITA PER PERSONE CON DISABILITÀ Sono 9 le Residenze sociosanitarie assistite realizzate finora in Puglia, nelle province di Bari, Brindisi, Bat e Lecce realizzate da enti pubblici e privati La residenza sociosanitaria assistenziale eroga prevalentemente servizi socioassistenziali a persone in situazione di handicap con gravi deficit psico-fisici, in età compresa tra i 18 e i 64 anni, che non necessitano di prestazioni sanitarie complesse in RSA, ma che richiedono un alto grado di assistenza alla persona con interventi di tipo educativo, assistenziale e riabilitativo a elevata integrazione socio-sanitaria, che non sono in grado di condurre una vita autonoma (art. 58 R.R. 4/2007 e smi). N R.S.S.A. IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , ,71 0, , ,22 BRINDISI , , ,00 0, , ,00 BAT , , , , , ,00

5 FOGGIA ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 LECCE , , ,00 0, , ,00 REGIONE PUGLIA , , , , , ,22 CASA FAMIGLIA PER L AUTONOMIA DELLE PERSONE CON DISABILITÀ Sono 6 le Case Famiglia per l autonomia delle persone con disabilità realizzate finora in Puglia, nelle province di Bari, Bat e Foggia realizzate da enti pubblici e privati La Casa Famiglia è struttura residenziale socio-assistenziale a carattere familiare destinata prevalentemente a soggetti maggiorenni in età compresa tra i 18 e i 64 anni, con disabilità intellettiva o psichica o con patologia psichiatrica stabilizzata (art. 60 bis R.R. 4/2007) N CASA FAMIGLIA AUTONOMIE IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,38 BRINDISI ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 BAT ,00 0, , ,00 0, ,00 FOGGIA , , ,62 0, , ,31 LECCE ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 REGIONE PUGLIA , , , , , ,69 CENTRI SOCIOEDUCATIVI E RIABILITATIVI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ Sono 37 i Centri socioeducativi e riabilitativi realizzati finora in Puglia, nelle province di Bari, Brindisi, Bat, Foggia, Lecce e Taranto realizzate da enti pubblici e privati Il Centro diurno socioeducativo e riabilitativo è struttura socioassistenziale a ciclo diurno finalizzata al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia della persona e al sostegno della famiglia (art. 60 R.R. 4/2007) N CENTRI SOCIO-EDU. E RIAB. IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,56 BRINDISI , , ,00 0, , ,00 BAT , , ,59 0, , ,00

6 FOGGIA , , , , , ,33 LECCE , , , , , ,83 TARANTO , , , , , ,30 REGIONE PUGLIA , , , , , ,02 CENTRI DIURNI PER LE PERSONE CON ALZHEIMER Sono 4 i Centri diurni per persone con Alzheimer realizzati finora in Puglia, nelle province di Bari, Brindisi e Lecce e realizzati da enti pubblici e privati Il centro diurno demenze è una struttura socio-sanitaria a ciclo diurno finalizzata all accoglienza di soggetti in condizione di non autosufficienza, che per il loro declino cognitivo e funzionale esprimono bisogni non sufficientemente gestibili a domicilio per l intero arco della giornata (art. 60ter R.R. 4/2007 e smi) N CENTRI DIURNI ALZHEIMER IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,00 BRINDISI ,68 0, , ,00 0, ,00 BAT ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 FOGGIA ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 LECCE , , ,00 0, , ,00 REGIONE PUGLIA , , , , , ,00 CENTRI DIURNI SOCIALI POLIVALENTI Sono 10 i Centri diurni Sociali polivalenti realizzati finora in Puglia, nelle province di Bari, Foggia e Lecce e realizzati da enti pubblici e privati. Il Centro sociale polivalente per diversamente abili è struttura autorizzata per la erogazione di un servizio aperto alla partecipazione anche non continuativa di diversamente abili. (art.105 R.R. 4/2007 e smi) N CENTRI SOCIALI POLIVALENTI IMPORTI INVESTIMENTI AMBITO PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI PUBBLICI PRIVATI BARI , , , , , ,00 BRINDISI ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 BAT ,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

7 FOGGIA ,23 0, , ,23 0, ,23 LECCE ,93 0, , ,93 0, ,93 REGIONE PUGLIA , , , , , ,16

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE RIQUALIFICATI 13 ADDETTI GENERICI DI ASSISTENZA IN OPERATORI SOCIO SANITARI ILL I PPROFFI R ILLO L Operatore Socio Sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus Come a Casa Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni Dott.ssa Maria Assunta Pintus Bologna 14 novembre 2012 La Regione Autonoma della Sardegna 377 Comuni 8 Province 8 ASL 1 Azienda

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

L Azienda pubblica di Servizi alla Persona (ASP) Castriota e Corroppoli di Chieuti presenta il proprio bilancio sociale.

L Azienda pubblica di Servizi alla Persona (ASP) Castriota e Corroppoli di Chieuti presenta il proprio bilancio sociale. AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI Via PAPA GIOVANNI XXIII, 4 71010 CHIEUTI (FG) ISCRITTA NEL REGISTRO REGIONALE DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTITO PRESSO IL

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

SERVIZI REGIONALI A TUTELA DEI DISABILI. Calabria

SERVIZI REGIONALI A TUTELA DEI DISABILI. Calabria Calabria Tipologia di intervento Destinatari Condizioni di accesso L.R. n. 28/1984 SUPERAMENTO DELL'EMARGINAZIONE DEI CITTADINI PORTATORI DI HANDICAP Prestazione La Regione Calabria promuove l'istituzione

Dettagli

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania

Walter Di Munzio. Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania Walter Di Munzio Accreditamento definitivo in Sanità: Stato dell arte in Campania ACCREDITAMENTO /1 L accreditamento istituzionale ha l obiettivo di regolamentare l ingresso nel mercato sanitario dei soggetti

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI Catalogo delle Tipologie di Servizio Trento 2002 3.1 CENTRI SERVIZI A RETE Centro a ciclo semiresidenziale

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

DAL WELFARE DI STATO AL WELFARE DELLE RELAZIONI

DAL WELFARE DI STATO AL WELFARE DELLE RELAZIONI DAL WELFARE DI STATO AL WELFARE DELLE RELAZIONI Titolo in piccolo Area Vasta:una pianificazione strategica per rispondere alla complessità e alla diversificazione dei problemi sociali nella provincia di

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

PROGETTI DEDICATI ALLE PERSONE CON DISABILITÀ

PROGETTI DEDICATI ALLE PERSONE CON DISABILITÀ AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ ASSESSORATO AL WELFARE PROGETTI DEDICATI ALLE PERSONE CON DISABILITÀ UN GIORNO ALL ANNO, TUTTO L ANNO GIORNATA INTERNAZIONALE

Dettagli

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali di cui alle lettere a), b), c) d) dell art. 4 del regolamento di attuazione della LR n. 23/2005 Organizzazione e funzionamento delle

Dettagli

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013 1 Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa 2 luglio 2013 2 Gentili Colleghi, sulla base delle richieste di chiarimento da parte degli utenti e degli Ambiti convenzionati si è proceduto con la pubblicazione

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Osservazioni Anci Piemonte sullo schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia. Approvato

Dettagli

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI Il progetto d innovazione CASA RUSCONI 1 Cos era la CASA RUSCONI: La casa Rusconi nasce come Comunità Alloggio nella prima metà degli anni 80 Grazie al lascito del dott. Ingegnere-architetto Antonino RUSCONI

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E REQUISITI MINIMI DELLE STRUTTURE SOCIALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E REQUISITI MINIMI DELLE STRUTTURE SOCIALI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIALI INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI E REQUISITI MINIMI DELLE STRUTTURE SOCIALI Art. 1 Oggetto e finalità pag. 3 2 Soggetti destinatari» 3 3 Tipologie»

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori MASSIDDA e GRAMAZIO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disposizioni per la prevenzione e la cura del

Dettagli

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2010 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA CASA FAMIGLIA, VIA SCALABRINI 19, 29100 PIACENZA PC - Tel./Fax: 0523/318392; Email aiaspiacenza@yahoo.it GRUPPO APPARTAMENTO - 6 posti (+1 emerg.) Ente gestore: ASSOCIAZIONE

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile 8605 beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile DETERMINA 1. di approvare, ai sensi dell art. 8

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie

Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie Provincia di Piacenza Ufficio Politiche Socio-sanitarie LE STRUTTURE SOCIIO-ASSIISTENZIIALII E SOCIIO-SANIITARIIE NELLA PROVIINCIIA DII PIIACENZA Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali ESTRATTO

Dettagli

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2007 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA

STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARIE PER DISABILI Dati riferiti al 31/12/2007 DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA DISTRETTO DELLA CITTA DI PIACENZA CASA FAMIGLIA, VIA SCALABRINI 19, 29100 PIACENZA PC - Tel.: 0523/337922; Fax 0523/344266; Email aiaspiacenza@yahoo.it. GRUPPO APPARTAMENTO - 7 posti Ente gestore: ASSOCIAZIONE

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

AZIONI TRASVERSALI UE - ITALIA - REGIONE - AMBITO TERRITORIALE

AZIONI TRASVERSALI UE - ITALIA - REGIONE - AMBITO TERRITORIALE Beneficiari 2012 non superiore a 20.000. Progetti di vita indipendente (PRO.V.I.) Persone con disabilità motoria/ affetti dagravi patologie neurodegenerative con permenenti limitazioni alla capacità di

Dettagli

L'assistenza domiciliare nella realtà piemontese: attività e costi

L'assistenza domiciliare nella realtà piemontese: attività e costi Università di Torino Master Economia e Politica Sanitaria XII Congresso Cure Primarie TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA L'assistenza domiciliare nella realtà piemontese: Nerina Dirindin attività

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

REGIONE PUGLIA IN BREVE

REGIONE PUGLIA IN BREVE REGIONE PUGLIA IN BREVE Nella Regione il principale riferimento normativo è costituito dal Piano regionale di salute 2008-10, che identifica nuovi obiettivi per la prevenzione e il trattamento delle disabilità,

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 114 05/02/2015 Oggetto : Approvazione della prima tranche di spesa,

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

Inclusione sociale e contrasto alla povertà nella programmazione dei Piani Sociali di Zona 2010-2012

Inclusione sociale e contrasto alla povertà nella programmazione dei Piani Sociali di Zona 2010-2012 Inclusione sociale e contrasto alla povertà nella programmazione dei Piani Sociali di Zona 2010-2012 Barletta 24 febbraio 2011 Dott. Claudio Natale Regione Puglia - Assessorato al Welfare Gruppo di Assistenza

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

I servizi sociosanitari. provincia di Piacenza

I servizi sociosanitari. provincia di Piacenza Provincia di Piacenza I servizi sociosanitari in provincia di Piacenza (parte integrante del documento CRITERI PER L UTILIZZO DEI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER SPESE DI INVESTIMENTO (L.R. 2/03, artt.

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI HANDICAP PSICO-FISICO 2005 /2009 (AGG. AL 20 AGOSTO 2009)

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI HANDICAP PSICO-FISICO 2005 /2009 (AGG. AL 20 AGOSTO 2009) COOPERATIVA SOCIALE SAN BERNARDO- ONLUS - SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI HANDICAP PSICO-FISICO 2005 / (AGG. AL 20 AGOSTO ) NOME DESCRIZIONE FORNITURA ENTE COMMITTENTE TERRITORIO SEDE DEL 2005 2006 (FINO AL 20

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Rsa disabili psichici. Per la regione Marche le strutture autorizzate non esistono

Rsa disabili psichici. Per la regione Marche le strutture autorizzate non esistono Rsa disabili psichici. Per la regione Marche le strutture autorizzate non esistono Riportiamo di seguito l interrogazione dei consiglieri regionali Binci (Verdi) e Altomeni (Rifondazione Comunista) avente

Dettagli

Riguardo alle autorizzazioni di comunità alloggio per persone con disturbi mentali

Riguardo alle autorizzazioni di comunità alloggio per persone con disturbi mentali Riguardo alle autorizzazioni di comunità alloggio per persone con disturbi mentali Riportiamo di seguito l interrogazione del Consigliere regionale, gruppo sinistra democratica, Massimo Binci in merito

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Riordino del sistema tariffario per la residenzialità e semiresidenzialità sociosanitaria. Abrogazione della D.G.R. n. 308/2005. N. 969 IN 01/08/2008 del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA Richiamati

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.658 DEL 23/09/2014 DISTRETTO SANITARIO TEMPIO DOTT. MARCO MULAS (firma digitale apposta) OGGETTO: assistenza

Dettagli

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa

Allegato A Indice Indicazioni preliminari intensità assistenziale complessità organizzativa Allegato A Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale) Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità (Residenza

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento Comunità Socio-Riabilitativa Dopo di Noi

Città di Lecce. Regolamento Comunità Socio-Riabilitativa Dopo di Noi Città di Lecce Regolamento Comunità Socio-Riabilitativa Dopo di Noi Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 108 del 16 dicembre 2011 AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di LECCE LECCE (capofila) ARNESANO

Dettagli