La gestione del disequilibrio nella vela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione del disequilibrio nella vela"

Transcript

1 Dario Riva, Centro Ricerche della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino; Claudio Scotton, Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino, Federazione italiana vela; Paola Trevisson, Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino; Luca Ferraris, Federazione italiana vela. La gestione del disequilibrio nella vela Il controllo posturale statico e dinamico in velisti di classe olimpica fortyniner 1

2 Lo studio si pone l obiettivo di accertare le caratteristiche delle capacità coordinative di velisti della Classe Olimpica 49er. I risultati hanno evidenziato sostanziali differenze tra i due ruoli di timoniere e di prodiere confermando l ipotesi di partenza che vedeva nel timoniere l atleta in grado di esprimere la maggior economicità nei movimenti e i più alti livelli di controllo posturale. Queste qualità sono infatti indispensabili per creare i giusti compensi atti a limitare gli squilibri della barca provocati dall attuazione delle tecniche proprie del prodiere. I dati emersi confermano la necessità, per i velisti di Classi Olimpiche, di incrementare (o inserire nelle sessioni di allenamento, ove non siano ancora previsti) esercizi che stimolino in modo massimale e quantificabile i sistemi propriocettivo, visivo e vestibolare, così da sviluppare, con la progressione dell allenamento, capacità di controllo raffinato del movimento, fondamentali per il livello della prestazione. Introduzione Lo sport della vela Olimpica ha subito negli ultimi dieci anni una radicale trasformazione; la scelta di imbarcazioni sempre più veloci e performanti, la modifica dei tracciati di regata dal tradizionale triangolo a percorsi a trapezio o a bastone, l aumento del numero di prove giornaliere durante le regate, hanno reso necessario per i velisti la cura e lo sviluppo di capacità motorie che prima potevano, almeno in parte, essere trascurate, dipendendo maggiormente la conduzione della barca da fattori strategici, tattici e di esperienza. Questa evoluzione ha reso necessario per i velisti una modifica dei propri programmi di allenamento, che prima venivano svolti quasi esclusivamente in acqua: alla preparazione specifica si sono ora affiancate la preparazione generale a secco, e la valutazione delle capacità degli atleti. A questo proposito ricordiamo che il termine vela olimpica comprende ad oggi undici diverse Classi, ognuna delle quali pone ai praticanti richieste ben diverse in termini energetici, metabolici, psicologici, coordinativi, tattici, tecnici. Tra queste capacità sembrano assumere una notevole importanza quelle legate alla coordinazione motoria, in particolare in quelle imbarcazioni dove l abilità motoria sportiva viene svolta parzialmente o completamente in posizione eretta, dove i cambiamenti di direzione (virata e strambata) comportano la rapida acquisizione di un nuovo assetto dell equipaggio. Nei doppi in particolare, gli spostamenti a bordo del prodiere e del timoniere devono essere coordinati in modo preciso, al fine di non far perdere stabilità e velocità all imbarcazione. Il fortyniner (49er) è uno skiff, ossia una deriva con linee plananti, terrazze e gennaker (spinnaker asimmetrico). Scelta come nuova classe olimpica nel novembre del 96, il primo esemplare di 49er risale a quasi un anno prima. Il progetto è dell australiano Julian Bethwaite, che lo realizzò basandosi sulle linee di una barca molto in voga in Australia, il 18 piedi ( eighteenfooter ). Per ammissione del suo stesso progettista e costruttore: Il 49er è una barca molto veloce in qualsiasi condizione, ma è anche molto instabile e difficile da condurre. Le regole di stazza stabiliscono un limite di vento tra i 25 e 30 nodi, tenendo anche conto però della grandezza delle onde. Con onde alte e corte il limite della barca diminuisce di molto fino a quasi 20 nodi. Con mare piatto invece si regata con vento intorno ai nodi. La particolare difficoltà legata a questa imbarcazione è che tutte le manovre vanno effettuate in piedi, e che la velocità della barca deve essere mantenuta il più possibile, per evitare perdite di stabilità e conseguenti rovesciamenti ( scuffie ). Lo sbandamento della barca viene controllato in misura diversa tra prodiere e timoniere a seconda delle andature e delle manovre 2

3 effettuate: ad esempio nella strambata (cambiamento di mure con vento in poppa) è il timoniere a controllare lo sbandamento della barca per permettere al prodiere di issare lo spinnaker; in bolina, è invece il prodiere a controllare lo sbandamento della barca, essendo libero di muoversi dentro e fuori la barca e governando la scotta della randa; nell andatura di poppa, lo sbandamento viene controllato dal peso di entrambi i velisti, con una azione aggiuntiva del timoniere, che orza se la barca è sbandata sopravento o poggia se lo sbandamento è sottovento (Bruni 1999). Nella figura 1 viene riportato il disegno del 49er e le principali caratteristiche dell imbarcazione, mentre nella tabella I sono schematicamente riportate le caratteristiche antropometriche, fisiologiche e sportive tipiche dell equipaggio del 49er. Figura 1: disegno e principali caratteristiche del 49er. 3

4 Tabella 1: le caratteristiche antropometriche, fisiologiche e sportive tipiche dell equipaggio del 40er. Da un precedente lavoro (Ghezzi, Ducci 1999) sul miglioramento della sensibilità propriocettiva degli atleti di classe 49er a confronto con veliste di classe 470 femminile, si nota come nei velisti di 49er la sensibilità propriocettiva nei passi risultasse maggiore rispetto alle veliste del 470. Lo studio di osservazione di cui sopra, l esperienza dei tecnici della Federazione Italiana Vela, ma, soprattutto, la raccolta di esperienze ed impressioni ed il confronto con i velisti provenienti da altre classi, che hanno confermato la crescita della stabilità degli appoggi da quando si allenano con lo skiff olimpico, hanno orientato la presente ricerca ponendo particolare attenzione nella lettura delle prove effettuate dai velisti azzurri di 49er. A maggior ragione, il lavoro ci è parso opportuno in quanto nella letteratura scientifica riguardante la vela olimpica (Marchetti, D Andrea 1995; Mackie; Legg 1999; De Vito et al. 1996) non vi sono lavori relativi al controllo posturale. Tutti gli atleti testati possedevano un buon livello di esperienze in campo nazionale, con presenze in quello internazionale, non solo sulla classe olimpica nella quale regatano attualmente. Materiali e metodi Campione esaminato Otto regatanti maschi del 49er (fortyniner) (www.49er.org, sono stati sottoposti, da parte del Centro Ricerche in Scienze motorie della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze motorie (SUISM), dell Università degli Studi di Torino, a test di valutazione del controllo posturale statico e dinamico in appoggio monopodalico. Per l indagine è stato impiegato il Delos Postural System (Riva 2000; Riva, Trevisson 2000; Riva, Soardo 1999) uno strumento in grado di analizzare le differenti strategie posturali, composto da una tavola basculante-traslante (DEB) con feedback visivo in tempo reale, da una struttura di sostegno per evitare le cadute dotata di sensore infrarosso (DAD) e da un 4

5 dispositivo elettronico per la lettura del controllo posturale (DVC) (a livello dello sterno della velista), tutti connessi ad un computer (foto 1). Foto 1 Tale sistema permette di quantificare, in pochi minuti, il livello di stabilità funzionale degli arti inferiori e del sistema colonna-bacino dell atleta testato. Per valutare correttamente i risultati dello studio, sono stati utilizzati come gruppi di confronto un gruppo di soggetti sani non sportivi (n=10, maschi), ed un gruppo di sportivi praticanti lo sci alpino (Squadra nazionale italiana) (n=10, maschi), sport dove il controllo dell equilibrio gioca un ruolo fondamentale nell esecuzione del gesto e nell efficacia della performance. Le caratteristiche antropometriche dei tre gruppi, espresse come media e deviazione standard, sono riportate nella tabella 2. Tabella 2 5

6 Test valutativi La batteria di test somministrati comprendeva prove di posturometria statica in appoggio monopodalico su base fissa (Test di Riva statico), eseguite in due differenti condizioni visive (occhi aperti e occhi chiusi) seguite da prove di posturometria dinamica in appoggio monopodalico su superficie instabile (Test di Riva dinamico) (traslazione ad alta frequenza del punto di appoggio) eseguite alternando l arto di appoggio. Variabili Le variabili considerate per valutare il livello di controllo posturale statico e dinamico sono state, le seguenti. Massimo tempo senza aiuto: espresso in secondi, rappresenta il più lungo intervallo di tempo senza appoggio al Delos Assistant Desk nel corso di una prova. È espressione del grado di autonomia posturale del soggetto. DVC Ampiezza cono posturale: espresso in gradi, indica di quanto il soggetto si è scostato dall asse medio della prova. Rappresenta l indice di stabilità posturale. DEB - Errore medio: indica di quanti gradi il soggetto si è scostato mediamente dal compito assegnato (mantenere la tavola orizzontale). Valori elevati sono indice di un basso livello di precisione e quindi di uno scarso controllo propriocettivo. Instabilità Uomo-Tavola: espressa in gradi, è la somma delle variabili DV- Ampiezza cono posturale e DEB-Errore medio. Rappresenta l instabilità totale del sistema. Indicatore di strategia: è il rapporto tra le variabili DVC-Ampiezza cono posturale e DEB- Errore medio. Valori vicini allo zero identificano strategie di controllo di tipo propriocettivo-visivo (utilizzo di sistemi informativi di precisione). Al contrario, valori superiori a uno identificano la prevalenza di strategie di tipo vestibolare (utilizzo di strategie posturali di emergenza). Analisi statistica Per ogni variabile e condizione considerata sono stati calcolati gli indici statistici ordinari come media, deviazione standard e percentili. Le analisi dei campioni utilizzano test di descrizione della distribuzione (Test di normalità di Shapiro-Wilk), e test parametrici e non parametrici per il calcolo della significatività statistica (Test di Mann-Whitney e Test di Kruskal-Wallis per campioni indipendenti). La significatività statistica è stata fissata a p < Risultati della ricerca Nel Test statico eseguito ad Occhi Chiusi (OC), la differenza nella gestione del cono posturale tra prodieri (5,4 ± 3,77 ) e timonieri (1,94 ±1,25 ) è risultata statisticamente significativa (p < 0,05) (tabella 3). 6

7 Tabella 3 Per quanto riguarda il Test dinamico monopodalico non si sono invece registrate differenze statisticamente significative (p = n.s.) dal confronto tra prodieri (4,47±1,90) e timonieri (5,66±1,71) (tabella 4). Tabella 4 Se confrontiamo i dati dei tre gruppi esaminati (velisti, sciatori e soggetti sani), nel Test statico eseguito ad Occhi Chiusi si evidenziano differenze statisticamente significative per ambedue le variabili (Autonomia e Cono posturale) se confrontiamo i due gruppi di atleti con il gruppo di controllo costituito da soggetti sani. Inoltre, il livello di precisione relativo all ampiezza del cono posturale risulta migliore nel gruppo degli sciatori rispetto agli atleti della Nazionale di vela, questo presumibilmente imputabile alle particolari caratteristiche tecniche della disciplina invernale dove il 7

8 sistema vestibolare (qui sollecitato dalla condizione del test) interviene in maniera massiccia nella gestione dell instabilità (tabella 5). Tabella 5 Infine per quanto riguarda il Test dinamico i risultati evidenziano strategie di controllo posturale sovrapponibili (p = n.s.) per i due gruppi di atleti che raggiungono prestazioni migliori se confrontati con il gruppo campione di soggetti sani. Differenze statisticamente significative (p<0,0001) si evidenziano nel controllo della base di appoggio dove gli atleti della Nazionale di Sci sono in grado di gestire maggiori livelli di precisione (tabella 6). Tabella 6 8

9 Considerazioni conclusive I risultati di questa ricerca consentono una misurazione precisa delle capacità di controllo posturale statico e dinamico, in appoggio monopodalico, su velisti. Essi forniscono oggettivi elementi di giudizio su importanti aspetti di difficile valutazione oggettiva legati alle capacità coordinative e al controllo posturale dinamico. Sulla base del presente lavoro, ci sembra di poter dedurre che, nell attuazione delle tecniche di conduzione sui 49er, il sistema propriocettivo-visivo rivesta un ruolo più importante rispetto al vestibolare che, per necessità tecniche, viene maggiormente mantenuto in stato di quiete. In particolare i compiti svolti dal timoniere sviluppano maggiori competenze di tipo coordinativo speciale rispetto al prodiere. Se consideriamo il confronto fra i due differenti ruoli (timoniere-prodiere) possiamo rilevare che, mentre nel test dinamico non si evidenziano differenze statisticamente significative (figura 2), nel test statico ad occhi chiusi i timonieri ottengono risultati migliori rispetto ai prodieri registrando livelli propriocettivi e di controllo posturale più raffinati (figura 3). In questa particolare condizione di test, i timonieri ottimizzano al meglio la gestione della verticale mettendo in stato di quiete il sistema vestibolare (riducendo quindi i movimenti di compenso). Figura 2: posturometria dinamica. I risultati non evidenziano differenze statisticamente significative tra prodieri e timonieri che raggiungono prestazioni sovrapponibili. 9

10 Figura 3: posturometria statica ad occhi chiusi. I risultati mostrano differenze statisticamente significative tra prodieri e timonieri che raggiungono prestazioni migliori. Infatti, per gestire il maggior numero di difficoltà tecniche, i timonieri sono più allenati all utilizzo di strategie senza l ausilio dell informazione visiva. In questo test eseguito ad Occhi Chiusi (dove il coinvolgimento del sistema vestibolare è molto importante), la loro performance risulta migliore rispetto ai prodieri che invece sviluppano maggiormente strategie propriocettivo-visive. Questo diverso comportamento si spiega considerando la differente tipologia dei due ruoli e quindi il diverso tipo di situazioni che gli atleti devono gestire in allenamento e in gara. Ambedue ricercano la massima velocità dell imbarcazione ma, in particolare, il timoniere deve cercare di controbilanciare gli squilibri della barca prodotti dal prodiere nelle manovre di issata ed ammainata, riducendo al massimo i propri spostamenti (e minimizzando quindi l intervento del vestibolare) o, qualora lo richiedesse la situazione, effettuandoli in modo molto rapido ed economico. Nella classe 49er, quindi, le capacità coordinative sembrano particolarmente importanti, tanto da giustificare un apposito allenamento per svilupparle e mantenerle. Parte di questo compito viene svolto dall allenamento specifico in acqua, che rappresenta per i velisti un mezzo insostituibile per la perfetta padronanza della barca mediante abilità motorie sportive sempre più precise ed efficaci in rapporto alla risposta del mezzo. Peraltro, sembra opportuno raccomandare di sviluppare queste capacità anche durante la preparazione a secco, e questo sembra tanto più valido quando ci si trova ad allenare atleti che da altre classi passano al 49er (in cui pertanto le capacità coordinative vanno rapidamente adeguate al livello richiesto sul 49er), o in caso di atleti che abbiano subito infortuni che possano alterare, anche se temporaneamente e reversibilmente, la propriocettività (ad esempio, distorsioni della articolazione tibiotarsica o lesioni muscolari che abbiano causato lunghi periodi di inattività). Infine, anche se i risultati di questo lavoro sembrano interessanti, riteniamo utile rivederli alla luce di più ampie casistiche, così da poterne verificare appieno la validità. Se consideriamo invece il confronto fra i tre campioni esaminati (Atleti della Nazionale italiana di vela classe 49er, Soggetti sani e Atleti della Nazionale italiana di sci alpino Slalom e Gigante) possiamo 10

11 affermare che i due gruppi di atleti raggiungono in generale prestazioni migliori in entrambi i test rispetto ai soggetti sani (figure 4 e 5). Figura 4: posturometria dinamica. Confronto tra gruppi. I risultati evidenziano strategie di controllo posturale sovrapponibili per i due gruppi di atleti che raggiungono prestazioni migliori se confrontati con il gruppo campione di soggetti sani. Differenze statisticamente significative si evidenziano nel controllo della base di appoggio, dove gli atleti della Nazionale di sci sono in grado di gestire maggiori livelli di precisione presentando però una priorità posturale invertita che identifica la prevalenza dei sistemi di controllo vestibolari. 11

12 Figura 5: posturometria statica ad occhi chiusi. Confronto fra gruppi. I risultati mostrano differenze statisticamente significative se confrontiamo i due gruppi di atleti con il gruppo di controllo costituito da soggetti sani che presentano notevoli difficoltà nel momento in cui, esclusa l informazione visiva, il sistema vestibolare diventa il gestore primario dell instabilità. Inoltre il livello di precisione relativo all ampiezza del cono posturale risulta migliore nel gruppo degli sciatori rispetto agli atleti della Nazionale di vela, questo presumibilmente imputabile alle particolari caratteristiche tecniche della disciplina invernale dove il sistema vestibolare (qui sollecitato dalla condizione del test) interviene in maniera massiccia nella gestione dell instabilità. Esaminando invece i dati registrati dalle due differenti tipologie di atleti emergono differenze nel controllo dell instabilità sia nel test statico che in quello dinamico (figure 4 e 5). Gli sciatori presentano maggiori livelli di controllo vestibolare rispetto ai velisti con una priorità posturale però invertita (prevalenza del sistema vestibolare su quello visuo-propriocettivo). Questa risulta essere una caratteristica che accomuna tutti gli atleti dello sci alpino e dello snowboard, in quanto le particolari caratteristiche tecniche della disciplina possono indurre modificazioni nelle gerarchie di utilizzo delle informazioni sensoriali afferenti, creando una strategia invertita in cui il sistema vestibolare (il più grossolano e tardivo dei tre sistemi informativi) prende il sopravvento e diventa il gestore primario dell instabilità. Risulta importante, invece, con esercitazioni biomeccanicamente aspecifiche (e che, quindi, non disturbano gli automatismi tecnici), ma altamente specifiche nel ritarare i sistemi di controllo sottocorticale, riportare i meccanismi di regolazione del movimento sotto il dominio visuopropriocettivo, il sistema informativo periferico in grado di produrre risposte effettrici e reazioni posturali rapide e di alta precisione. Inoltre, partendo dal presupposto che maggiore è l efficienza dei meccanismi di controllo del movimento migliore sarà la possibilità di costruire raffinate capacità coordinative specifiche, si sottolinea la necessità anche per le specialità (Scotton 2003) della vela di introdurre allenamenti specifici per migliorare il controllo posturale dinamico e per riadeguare le capacità coordinative ai nuovi livelli organico-muscolari raggiunti. 12

13 49er al lasco: notare la posizione (entrambi al trapezio) e il gennaker. 13

14 Bibliografia Riva D., Archeopropriocezione, Sport e medicina, 2000, marzo-aprile, Riva D., Trevisson P., Il controllo posturale, Sport e medicina, 2000, luglio-agosto, Riva D., Soardo G.P., Per ritrovare l equilibrio, Sport e medicina, 1999, settembre-ottobre, Marchetti M., D Andrea M., Étude biomécanique du genou dans la voile, Comunicazione al 5 Congres de medicine et traumatologie du sport- Sport et mer, Mackie H. W., Legg S. J., Development of knowledge and reported use of sport science by Elite New Zealand Olympic Class Sailors, Applied Human Science, XVIII, 1999, 4, De Vito G., Di Filippo L., Felici F., Gallozzi C., Madaffari A., Marino S. et al., Assessment of energetic cost in Laser and Mistral sailor, International Journal of sports cardiology, 1996, 5, Ghezzi M., Ducci A., L allenamento propriocettivo, Quaderni di tecnica, Sport vela, 8, 1999, FIV. Bruni F., Meraviglie da 49er, Quaderni di tecnica, Sport vela, 4, 1999, FIV. Scotton C., Classificazione tecnica delle specialità sportive, Perugia, Edizioni Calzetti- Mariucci, Direttore della ricerca: Claudio Scotton Ringraziamenti Si ringrazia per la collaborazione il dottor Marco Ghezzi, Preparatore atletico FIV, e Sara Carando, laureata in Scienze motorie e sportive. Un particolare ringraziamento a Pietro e Gianfranco Sibello, Luca Villata ed Editorial Free per la concessione alla pubblicazione delle foto sul 49er. Indirizzo dell autore: Claudio Scotton, Viale Pio VII 38-9, 16148, Genova. E.mail: 14

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham Guida per i velisti all allenamento con l Indoor Rower Di Eddie Fletcher Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham RYA Exercise Physiologist, componente della Squadra Olimpica di Vela della Gran Bretagna.

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas

Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas Guida per le regolazioni del Dinghy 12 di Paolo Viacava e Vittorio d Albertas con la collaborazione di Filippo Jannello e Paco Rebaudi 1 Guida per la regolazione del Dinghy 12 PREMESSA 3 1. PREPARAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE

CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE CURRICULUM VITAE del Prof. ANTONIO DAL MONTE Il Prof. Antonio Dal Monte si è laureato in Medicina e Chirurgia a Roma ed ha conseguito la docenza in Fisiologia Umana ed in Medicina dello Sport. E specialista

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1

MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1 MANUALE DELL UTENTE OWNER S MANUAL HAPPY CAT EVOLUTION PARTE 1 - PART 1 Numero imbarcazione: Boat number: Data di acquisto: Date of purchase: Utente/nome: Owner/name: CAP, città: Post code, town: via,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 10/11

Riassunto delle ammissioni programma talenti SMS anno scolastico 10/11 Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 0/ Classi di prima Richiesta di documentazione all'uefs 75 Domande accettate secondo i criteri previsti 5 68.0% artisti 9 ( 8 musica,

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Il punto ed il vento. Ottimizzare la discesa

Il punto ed il vento. Ottimizzare la discesa Capitolo 4 Avere il meglio dalla proprio vela 23 Se guardate una zona di atterraggio impegnata per un momento, diventerà ovvio che alcuni paracadutisti sono padroni della propria vela. Essi atterrano bene

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

House organ. La carta stampata non muore mai. di Roberto Morini

House organ. La carta stampata non muore mai. di Roberto Morini House organ La carta stampata non muore mai di Roberto Morini La carta nell era del web ovvero: mai usata tanta carta come da quando c è il computer I testi lunghi gli approfondimenti La grafica l impaginazione:

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Stagione invernale 2014/2015 1. Le presenti Condizioni Generali di Vendita regolano le condizioni contrattuali relative all acquisto ed all utilizzo degli skipass e delle

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE Il Settore Equitazione Ludico Educativo Ricreativa per Diversamente Abili (E.R.D.) nasce dalla necessità di conciliare l'inserimento nella società della persona diversamente abile, o a rischio di emarginazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli