La gestione del disequilibrio nella vela

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione del disequilibrio nella vela"

Transcript

1 Dario Riva, Centro Ricerche della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino; Claudio Scotton, Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino, Federazione italiana vela; Paola Trevisson, Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie, Università degli Studi di Torino; Luca Ferraris, Federazione italiana vela. La gestione del disequilibrio nella vela Il controllo posturale statico e dinamico in velisti di classe olimpica fortyniner 1

2 Lo studio si pone l obiettivo di accertare le caratteristiche delle capacità coordinative di velisti della Classe Olimpica 49er. I risultati hanno evidenziato sostanziali differenze tra i due ruoli di timoniere e di prodiere confermando l ipotesi di partenza che vedeva nel timoniere l atleta in grado di esprimere la maggior economicità nei movimenti e i più alti livelli di controllo posturale. Queste qualità sono infatti indispensabili per creare i giusti compensi atti a limitare gli squilibri della barca provocati dall attuazione delle tecniche proprie del prodiere. I dati emersi confermano la necessità, per i velisti di Classi Olimpiche, di incrementare (o inserire nelle sessioni di allenamento, ove non siano ancora previsti) esercizi che stimolino in modo massimale e quantificabile i sistemi propriocettivo, visivo e vestibolare, così da sviluppare, con la progressione dell allenamento, capacità di controllo raffinato del movimento, fondamentali per il livello della prestazione. Introduzione Lo sport della vela Olimpica ha subito negli ultimi dieci anni una radicale trasformazione; la scelta di imbarcazioni sempre più veloci e performanti, la modifica dei tracciati di regata dal tradizionale triangolo a percorsi a trapezio o a bastone, l aumento del numero di prove giornaliere durante le regate, hanno reso necessario per i velisti la cura e lo sviluppo di capacità motorie che prima potevano, almeno in parte, essere trascurate, dipendendo maggiormente la conduzione della barca da fattori strategici, tattici e di esperienza. Questa evoluzione ha reso necessario per i velisti una modifica dei propri programmi di allenamento, che prima venivano svolti quasi esclusivamente in acqua: alla preparazione specifica si sono ora affiancate la preparazione generale a secco, e la valutazione delle capacità degli atleti. A questo proposito ricordiamo che il termine vela olimpica comprende ad oggi undici diverse Classi, ognuna delle quali pone ai praticanti richieste ben diverse in termini energetici, metabolici, psicologici, coordinativi, tattici, tecnici. Tra queste capacità sembrano assumere una notevole importanza quelle legate alla coordinazione motoria, in particolare in quelle imbarcazioni dove l abilità motoria sportiva viene svolta parzialmente o completamente in posizione eretta, dove i cambiamenti di direzione (virata e strambata) comportano la rapida acquisizione di un nuovo assetto dell equipaggio. Nei doppi in particolare, gli spostamenti a bordo del prodiere e del timoniere devono essere coordinati in modo preciso, al fine di non far perdere stabilità e velocità all imbarcazione. Il fortyniner (49er) è uno skiff, ossia una deriva con linee plananti, terrazze e gennaker (spinnaker asimmetrico). Scelta come nuova classe olimpica nel novembre del 96, il primo esemplare di 49er risale a quasi un anno prima. Il progetto è dell australiano Julian Bethwaite, che lo realizzò basandosi sulle linee di una barca molto in voga in Australia, il 18 piedi ( eighteenfooter ). Per ammissione del suo stesso progettista e costruttore: Il 49er è una barca molto veloce in qualsiasi condizione, ma è anche molto instabile e difficile da condurre. Le regole di stazza stabiliscono un limite di vento tra i 25 e 30 nodi, tenendo anche conto però della grandezza delle onde. Con onde alte e corte il limite della barca diminuisce di molto fino a quasi 20 nodi. Con mare piatto invece si regata con vento intorno ai nodi. La particolare difficoltà legata a questa imbarcazione è che tutte le manovre vanno effettuate in piedi, e che la velocità della barca deve essere mantenuta il più possibile, per evitare perdite di stabilità e conseguenti rovesciamenti ( scuffie ). Lo sbandamento della barca viene controllato in misura diversa tra prodiere e timoniere a seconda delle andature e delle manovre 2

3 effettuate: ad esempio nella strambata (cambiamento di mure con vento in poppa) è il timoniere a controllare lo sbandamento della barca per permettere al prodiere di issare lo spinnaker; in bolina, è invece il prodiere a controllare lo sbandamento della barca, essendo libero di muoversi dentro e fuori la barca e governando la scotta della randa; nell andatura di poppa, lo sbandamento viene controllato dal peso di entrambi i velisti, con una azione aggiuntiva del timoniere, che orza se la barca è sbandata sopravento o poggia se lo sbandamento è sottovento (Bruni 1999). Nella figura 1 viene riportato il disegno del 49er e le principali caratteristiche dell imbarcazione, mentre nella tabella I sono schematicamente riportate le caratteristiche antropometriche, fisiologiche e sportive tipiche dell equipaggio del 49er. Figura 1: disegno e principali caratteristiche del 49er. 3

4 Tabella 1: le caratteristiche antropometriche, fisiologiche e sportive tipiche dell equipaggio del 40er. Da un precedente lavoro (Ghezzi, Ducci 1999) sul miglioramento della sensibilità propriocettiva degli atleti di classe 49er a confronto con veliste di classe 470 femminile, si nota come nei velisti di 49er la sensibilità propriocettiva nei passi risultasse maggiore rispetto alle veliste del 470. Lo studio di osservazione di cui sopra, l esperienza dei tecnici della Federazione Italiana Vela, ma, soprattutto, la raccolta di esperienze ed impressioni ed il confronto con i velisti provenienti da altre classi, che hanno confermato la crescita della stabilità degli appoggi da quando si allenano con lo skiff olimpico, hanno orientato la presente ricerca ponendo particolare attenzione nella lettura delle prove effettuate dai velisti azzurri di 49er. A maggior ragione, il lavoro ci è parso opportuno in quanto nella letteratura scientifica riguardante la vela olimpica (Marchetti, D Andrea 1995; Mackie; Legg 1999; De Vito et al. 1996) non vi sono lavori relativi al controllo posturale. Tutti gli atleti testati possedevano un buon livello di esperienze in campo nazionale, con presenze in quello internazionale, non solo sulla classe olimpica nella quale regatano attualmente. Materiali e metodi Campione esaminato Otto regatanti maschi del 49er (fortyniner) (www.49er.org, sono stati sottoposti, da parte del Centro Ricerche in Scienze motorie della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze motorie (SUISM), dell Università degli Studi di Torino, a test di valutazione del controllo posturale statico e dinamico in appoggio monopodalico. Per l indagine è stato impiegato il Delos Postural System (Riva 2000; Riva, Trevisson 2000; Riva, Soardo 1999) uno strumento in grado di analizzare le differenti strategie posturali, composto da una tavola basculante-traslante (DEB) con feedback visivo in tempo reale, da una struttura di sostegno per evitare le cadute dotata di sensore infrarosso (DAD) e da un 4

5 dispositivo elettronico per la lettura del controllo posturale (DVC) (a livello dello sterno della velista), tutti connessi ad un computer (foto 1). Foto 1 Tale sistema permette di quantificare, in pochi minuti, il livello di stabilità funzionale degli arti inferiori e del sistema colonna-bacino dell atleta testato. Per valutare correttamente i risultati dello studio, sono stati utilizzati come gruppi di confronto un gruppo di soggetti sani non sportivi (n=10, maschi), ed un gruppo di sportivi praticanti lo sci alpino (Squadra nazionale italiana) (n=10, maschi), sport dove il controllo dell equilibrio gioca un ruolo fondamentale nell esecuzione del gesto e nell efficacia della performance. Le caratteristiche antropometriche dei tre gruppi, espresse come media e deviazione standard, sono riportate nella tabella 2. Tabella 2 5

6 Test valutativi La batteria di test somministrati comprendeva prove di posturometria statica in appoggio monopodalico su base fissa (Test di Riva statico), eseguite in due differenti condizioni visive (occhi aperti e occhi chiusi) seguite da prove di posturometria dinamica in appoggio monopodalico su superficie instabile (Test di Riva dinamico) (traslazione ad alta frequenza del punto di appoggio) eseguite alternando l arto di appoggio. Variabili Le variabili considerate per valutare il livello di controllo posturale statico e dinamico sono state, le seguenti. Massimo tempo senza aiuto: espresso in secondi, rappresenta il più lungo intervallo di tempo senza appoggio al Delos Assistant Desk nel corso di una prova. È espressione del grado di autonomia posturale del soggetto. DVC Ampiezza cono posturale: espresso in gradi, indica di quanto il soggetto si è scostato dall asse medio della prova. Rappresenta l indice di stabilità posturale. DEB - Errore medio: indica di quanti gradi il soggetto si è scostato mediamente dal compito assegnato (mantenere la tavola orizzontale). Valori elevati sono indice di un basso livello di precisione e quindi di uno scarso controllo propriocettivo. Instabilità Uomo-Tavola: espressa in gradi, è la somma delle variabili DV- Ampiezza cono posturale e DEB-Errore medio. Rappresenta l instabilità totale del sistema. Indicatore di strategia: è il rapporto tra le variabili DVC-Ampiezza cono posturale e DEB- Errore medio. Valori vicini allo zero identificano strategie di controllo di tipo propriocettivo-visivo (utilizzo di sistemi informativi di precisione). Al contrario, valori superiori a uno identificano la prevalenza di strategie di tipo vestibolare (utilizzo di strategie posturali di emergenza). Analisi statistica Per ogni variabile e condizione considerata sono stati calcolati gli indici statistici ordinari come media, deviazione standard e percentili. Le analisi dei campioni utilizzano test di descrizione della distribuzione (Test di normalità di Shapiro-Wilk), e test parametrici e non parametrici per il calcolo della significatività statistica (Test di Mann-Whitney e Test di Kruskal-Wallis per campioni indipendenti). La significatività statistica è stata fissata a p < Risultati della ricerca Nel Test statico eseguito ad Occhi Chiusi (OC), la differenza nella gestione del cono posturale tra prodieri (5,4 ± 3,77 ) e timonieri (1,94 ±1,25 ) è risultata statisticamente significativa (p < 0,05) (tabella 3). 6

7 Tabella 3 Per quanto riguarda il Test dinamico monopodalico non si sono invece registrate differenze statisticamente significative (p = n.s.) dal confronto tra prodieri (4,47±1,90) e timonieri (5,66±1,71) (tabella 4). Tabella 4 Se confrontiamo i dati dei tre gruppi esaminati (velisti, sciatori e soggetti sani), nel Test statico eseguito ad Occhi Chiusi si evidenziano differenze statisticamente significative per ambedue le variabili (Autonomia e Cono posturale) se confrontiamo i due gruppi di atleti con il gruppo di controllo costituito da soggetti sani. Inoltre, il livello di precisione relativo all ampiezza del cono posturale risulta migliore nel gruppo degli sciatori rispetto agli atleti della Nazionale di vela, questo presumibilmente imputabile alle particolari caratteristiche tecniche della disciplina invernale dove il 7

8 sistema vestibolare (qui sollecitato dalla condizione del test) interviene in maniera massiccia nella gestione dell instabilità (tabella 5). Tabella 5 Infine per quanto riguarda il Test dinamico i risultati evidenziano strategie di controllo posturale sovrapponibili (p = n.s.) per i due gruppi di atleti che raggiungono prestazioni migliori se confrontati con il gruppo campione di soggetti sani. Differenze statisticamente significative (p<0,0001) si evidenziano nel controllo della base di appoggio dove gli atleti della Nazionale di Sci sono in grado di gestire maggiori livelli di precisione (tabella 6). Tabella 6 8

9 Considerazioni conclusive I risultati di questa ricerca consentono una misurazione precisa delle capacità di controllo posturale statico e dinamico, in appoggio monopodalico, su velisti. Essi forniscono oggettivi elementi di giudizio su importanti aspetti di difficile valutazione oggettiva legati alle capacità coordinative e al controllo posturale dinamico. Sulla base del presente lavoro, ci sembra di poter dedurre che, nell attuazione delle tecniche di conduzione sui 49er, il sistema propriocettivo-visivo rivesta un ruolo più importante rispetto al vestibolare che, per necessità tecniche, viene maggiormente mantenuto in stato di quiete. In particolare i compiti svolti dal timoniere sviluppano maggiori competenze di tipo coordinativo speciale rispetto al prodiere. Se consideriamo il confronto fra i due differenti ruoli (timoniere-prodiere) possiamo rilevare che, mentre nel test dinamico non si evidenziano differenze statisticamente significative (figura 2), nel test statico ad occhi chiusi i timonieri ottengono risultati migliori rispetto ai prodieri registrando livelli propriocettivi e di controllo posturale più raffinati (figura 3). In questa particolare condizione di test, i timonieri ottimizzano al meglio la gestione della verticale mettendo in stato di quiete il sistema vestibolare (riducendo quindi i movimenti di compenso). Figura 2: posturometria dinamica. I risultati non evidenziano differenze statisticamente significative tra prodieri e timonieri che raggiungono prestazioni sovrapponibili. 9

10 Figura 3: posturometria statica ad occhi chiusi. I risultati mostrano differenze statisticamente significative tra prodieri e timonieri che raggiungono prestazioni migliori. Infatti, per gestire il maggior numero di difficoltà tecniche, i timonieri sono più allenati all utilizzo di strategie senza l ausilio dell informazione visiva. In questo test eseguito ad Occhi Chiusi (dove il coinvolgimento del sistema vestibolare è molto importante), la loro performance risulta migliore rispetto ai prodieri che invece sviluppano maggiormente strategie propriocettivo-visive. Questo diverso comportamento si spiega considerando la differente tipologia dei due ruoli e quindi il diverso tipo di situazioni che gli atleti devono gestire in allenamento e in gara. Ambedue ricercano la massima velocità dell imbarcazione ma, in particolare, il timoniere deve cercare di controbilanciare gli squilibri della barca prodotti dal prodiere nelle manovre di issata ed ammainata, riducendo al massimo i propri spostamenti (e minimizzando quindi l intervento del vestibolare) o, qualora lo richiedesse la situazione, effettuandoli in modo molto rapido ed economico. Nella classe 49er, quindi, le capacità coordinative sembrano particolarmente importanti, tanto da giustificare un apposito allenamento per svilupparle e mantenerle. Parte di questo compito viene svolto dall allenamento specifico in acqua, che rappresenta per i velisti un mezzo insostituibile per la perfetta padronanza della barca mediante abilità motorie sportive sempre più precise ed efficaci in rapporto alla risposta del mezzo. Peraltro, sembra opportuno raccomandare di sviluppare queste capacità anche durante la preparazione a secco, e questo sembra tanto più valido quando ci si trova ad allenare atleti che da altre classi passano al 49er (in cui pertanto le capacità coordinative vanno rapidamente adeguate al livello richiesto sul 49er), o in caso di atleti che abbiano subito infortuni che possano alterare, anche se temporaneamente e reversibilmente, la propriocettività (ad esempio, distorsioni della articolazione tibiotarsica o lesioni muscolari che abbiano causato lunghi periodi di inattività). Infine, anche se i risultati di questo lavoro sembrano interessanti, riteniamo utile rivederli alla luce di più ampie casistiche, così da poterne verificare appieno la validità. Se consideriamo invece il confronto fra i tre campioni esaminati (Atleti della Nazionale italiana di vela classe 49er, Soggetti sani e Atleti della Nazionale italiana di sci alpino Slalom e Gigante) possiamo 10

11 affermare che i due gruppi di atleti raggiungono in generale prestazioni migliori in entrambi i test rispetto ai soggetti sani (figure 4 e 5). Figura 4: posturometria dinamica. Confronto tra gruppi. I risultati evidenziano strategie di controllo posturale sovrapponibili per i due gruppi di atleti che raggiungono prestazioni migliori se confrontati con il gruppo campione di soggetti sani. Differenze statisticamente significative si evidenziano nel controllo della base di appoggio, dove gli atleti della Nazionale di sci sono in grado di gestire maggiori livelli di precisione presentando però una priorità posturale invertita che identifica la prevalenza dei sistemi di controllo vestibolari. 11

12 Figura 5: posturometria statica ad occhi chiusi. Confronto fra gruppi. I risultati mostrano differenze statisticamente significative se confrontiamo i due gruppi di atleti con il gruppo di controllo costituito da soggetti sani che presentano notevoli difficoltà nel momento in cui, esclusa l informazione visiva, il sistema vestibolare diventa il gestore primario dell instabilità. Inoltre il livello di precisione relativo all ampiezza del cono posturale risulta migliore nel gruppo degli sciatori rispetto agli atleti della Nazionale di vela, questo presumibilmente imputabile alle particolari caratteristiche tecniche della disciplina invernale dove il sistema vestibolare (qui sollecitato dalla condizione del test) interviene in maniera massiccia nella gestione dell instabilità. Esaminando invece i dati registrati dalle due differenti tipologie di atleti emergono differenze nel controllo dell instabilità sia nel test statico che in quello dinamico (figure 4 e 5). Gli sciatori presentano maggiori livelli di controllo vestibolare rispetto ai velisti con una priorità posturale però invertita (prevalenza del sistema vestibolare su quello visuo-propriocettivo). Questa risulta essere una caratteristica che accomuna tutti gli atleti dello sci alpino e dello snowboard, in quanto le particolari caratteristiche tecniche della disciplina possono indurre modificazioni nelle gerarchie di utilizzo delle informazioni sensoriali afferenti, creando una strategia invertita in cui il sistema vestibolare (il più grossolano e tardivo dei tre sistemi informativi) prende il sopravvento e diventa il gestore primario dell instabilità. Risulta importante, invece, con esercitazioni biomeccanicamente aspecifiche (e che, quindi, non disturbano gli automatismi tecnici), ma altamente specifiche nel ritarare i sistemi di controllo sottocorticale, riportare i meccanismi di regolazione del movimento sotto il dominio visuopropriocettivo, il sistema informativo periferico in grado di produrre risposte effettrici e reazioni posturali rapide e di alta precisione. Inoltre, partendo dal presupposto che maggiore è l efficienza dei meccanismi di controllo del movimento migliore sarà la possibilità di costruire raffinate capacità coordinative specifiche, si sottolinea la necessità anche per le specialità (Scotton 2003) della vela di introdurre allenamenti specifici per migliorare il controllo posturale dinamico e per riadeguare le capacità coordinative ai nuovi livelli organico-muscolari raggiunti. 12

13 49er al lasco: notare la posizione (entrambi al trapezio) e il gennaker. 13

14 Bibliografia Riva D., Archeopropriocezione, Sport e medicina, 2000, marzo-aprile, Riva D., Trevisson P., Il controllo posturale, Sport e medicina, 2000, luglio-agosto, Riva D., Soardo G.P., Per ritrovare l equilibrio, Sport e medicina, 1999, settembre-ottobre, Marchetti M., D Andrea M., Étude biomécanique du genou dans la voile, Comunicazione al 5 Congres de medicine et traumatologie du sport- Sport et mer, Mackie H. W., Legg S. J., Development of knowledge and reported use of sport science by Elite New Zealand Olympic Class Sailors, Applied Human Science, XVIII, 1999, 4, De Vito G., Di Filippo L., Felici F., Gallozzi C., Madaffari A., Marino S. et al., Assessment of energetic cost in Laser and Mistral sailor, International Journal of sports cardiology, 1996, 5, Ghezzi M., Ducci A., L allenamento propriocettivo, Quaderni di tecnica, Sport vela, 8, 1999, FIV. Bruni F., Meraviglie da 49er, Quaderni di tecnica, Sport vela, 4, 1999, FIV. Scotton C., Classificazione tecnica delle specialità sportive, Perugia, Edizioni Calzetti- Mariucci, Direttore della ricerca: Claudio Scotton Ringraziamenti Si ringrazia per la collaborazione il dottor Marco Ghezzi, Preparatore atletico FIV, e Sara Carando, laureata in Scienze motorie e sportive. Un particolare ringraziamento a Pietro e Gianfranco Sibello, Luca Villata ed Editorial Free per la concessione alla pubblicazione delle foto sul 49er. Indirizzo dell autore: Claudio Scotton, Viale Pio VII 38-9, 16148, Genova. E.mail: 14

Il controllo posturale

Il controllo posturale Il controllo posturale Dario Riva e Paola Trevisson Dipartimento di Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università degli Studi di Torino La qualità dei movimenti dipende dal controllo

Dettagli

DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO

DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO DPPS 4.0 METODOLOGIA DI LAVORO INDICE Test di Valutazione pag. 1 Monitoraggio Test.. pag. 2 Interpretazione dei risultati - Referto Stabilità... pag. 3 Interpretazione dei risultati - Referto Strategie.

Dettagli

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro

ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro ALLENAMENTO DELL EQUILIBRIO Influenza sulla forza e decadimento propriocettivo nel giocatore di pallacanestro Relatore MARCO ARMENISE: preparatore fisico Pallacanestro Varese La scelta dello studio Molti

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

CORSI DI VELA OVER 18

CORSI DI VELA OVER 18 CORSI DI VELA OVER 18 AGOSTO E SETTEMBRE - convenzione bnl Non hai ancora scelto la tua vacanza? Mancano poche settimane, ma sei ancora in tempo per fare una vacanza originale e divertente, 100% acqua

Dettagli

8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE. Programma

8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE. Programma 8 TROFEO CHALLENGER DI MATCH RACE Memorial Raffaele Risaliti Programma La manifestazione velica, organizzata con la formula Trofeo Challenger, verrà disputata con regate Match Race. All equipaggio vincitore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA Articolo 1 Il presente Regolamento del Gruppo Vela è redatto in conformità ai principi contenuti nel Regolamento per i Gruppi Sportivi della Lega Navale Italiana, approvato

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

CORSO BASE (1 livello)

CORSO BASE (1 livello) CORSI VELA CORSO BASE (1 livello) L'obiettivo del corso base è quello di iniziare a conoscere la barca :si imparerà a condurre un' imbarcazione nelle varie andature, bolina,traverso,lasco, poppa, tante

Dettagli

Propriocezione: istruzioni per l uso

Propriocezione: istruzioni per l uso Propriocezione: istruzioni per l uso Dario Riva Paola Trevisson Roberto Minoletti Nicolò Venturin Ornella Ottino Centro Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università di Torino

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Livelli di Formazione

Livelli di Formazione C.O.N.I. FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA Piano di formazione dei Quadri Tecnici Livelli di Formazione degli Istruttori di Scacchi Compiti, profili di attività, competenze, conoscenze e struttura della

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma La fisica della vela comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! laura.romano@fis.unipr.it Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma Il gioco della simmetria Dal

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA

JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA JUDO COME EDUCAZIONE MOTORIA L età d oro della motricità La prima età scolare DAI 6 AI 10 ANNI Tratti dominante del comportamento motorio per i bambini dai 6 ai 10 anni Notevole vivacità Bisogno di imitazione

Dettagli

ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO

ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO Aggiornato il 18 febbraio 2009 ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

CON IL PATROCINIO DI:

CON IL PATROCINIO DI: Con la collaborazione di: SPONSOR TECNICO ELETTRONICO CANTIERE FORNITORE CATAMARANO Genova Milano Marittima, 19 giugno 31 luglio ITALIA IN VELA GIRO D ITALIA IN CATAMARANO CON IL PATROCINIO DI: FEDERAZIONE

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA SCIENZA&SPORT Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA La bicicletta come laboratorio equilibrio avanzamento cambio di direzione bilancio energetico meccanica Concetti

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

I disturbi dell equilibrio sono eventi molto comuni e riguardano una quota sempre più rilevante della popolazione.

I disturbi dell equilibrio sono eventi molto comuni e riguardano una quota sempre più rilevante della popolazione. I disturbi dell equilibrio sono eventi molto comuni e riguardano una quota sempre più rilevante della popolazione. Possono colpire soggetti di tutte le età, fin dall infanzia, anche se sono più frequenti

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

III CONVEGNO NAZIONALE D.M.S.A Profilo professionale del dottore in scienze motorie ILLASI 2 DICEMBRE 2006 Profilo professionale del dottore in scienze motorie LAUREE IN SCIENZE MOTORIE LAUREA TRIENNALE

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ]

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ] 1.6 I circuiti risonanti I circuiti risonanti, detti anche circuiti accordati o selettivi, sono strutture fondamentali per la progettazione dell elettronica analogica; con essi si realizzano oscillatori,

Dettagli

Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking

Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking SGS tracking Genova Gestione integrata Regate Iscrizioni e Tracking Revisione 13/12/2012 1 YCI, pioniere nella tecnica Lo YCI è stato pioniere nella localizzazione remota di regate ed eventi sportivi a

Dettagli

Introduzione. Materiali e metodi.

Introduzione. Materiali e metodi. Analisi biomeccanica della forza espressa in curva. C. Cotelli 1, A.Canclini 1, P.Lupotto 1 1 Lab. Alta Prestazione S.Caterina Valfurva (Fed. Italiana Sport Invernali - C.O.N.I.) Introduzione. Nello sci

Dettagli

Criteri di valutazione per le gare di Kata

Criteri di valutazione per le gare di Kata Dal sito www.wjjim.it Criteri di valutazione per le gare di Kata (eventualmente valido anche per Embu e Dimostrazione) (a cura del M Carlo Maria Cordio) I criteri di valutazione sono una regola per scegliere,

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Prua su Rio 2016 la nostra sfida Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Silvia e Vittorio sono velisti giovani e con molte vittorie alle spalle. Un equipaggio affiatato e determinato che ha lanciato una sfida:

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm.

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. La struttura del programma Il programma può essere strutturato

Dettagli

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386

GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 GAIT TRAINER GT2 COD. 950-386 Addestramento e valutazione quantitativa del passo Velocità di scorrimento adattata ai parametri funzionali del passo Inserendo l età, il sesso e l altezza, il software propone

Dettagli

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione

Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione Condizioni di equilibrio: 2 tipi Equilibrio statico: la capacità di un segmento corporeo o del corpo nel suo insieme di mantenere una posizione statica Equilibrio dinamico: la capacità di mantenere, durante

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo.

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. L EQUILIBRIO Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. introduzione: Nella metodologia dell insegnamento,si deve tener conto

Dettagli

Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/

Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/ Geo Sailing Tracks http://www.geost.it/ Sistema di gestione pratica, economica e sicura della flotta navale. Questa tecnologia rappresenta un sistema integrato che permette di conoscere, in ogni istante,

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio

Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio Conferenza Regionale Allenatori di Canottaggio Andrea Benecchi Allenatore Nazionale settore Femminile Federazione Italiana Canottaggio Trieste Friuli V.G., 15 dicembre 2012 Presentazione a cura di Andrea

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI (proposta per il CF da inserire nelle Norme Attuative 2015) PREMESSA Come già comunicato in occasione della riunione

Dettagli

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo Confronti con ISM Cap. Cosimo Sforza D.P.A. & C.S.O. Motia Compagnia di Navigazione SPA Cos è la Sicurezza La scienza della sicurezza è la disciplina che

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

La preparazione per le gare brevi

La preparazione per le gare brevi I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare brevi La maggior parte delle competizioni su cui si cimentano i podisti, sono le gare su strada, le cui lunghezze solitamente sono intorno

Dettagli

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E.

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E. Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE Scienze Motorie e Sportive 11 SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Scienze Motorie e Sportive COORDINATORE Ranucci Emidio Sono presenti i proff. Borsato

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa

LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa LA BORSITE TROCANTERICA DEL PORTIERE DI CALCIO SECONDA PARTE AGGIORNATA 2013 enrico sarli massofisioterapista allenatore di base B Uefa IL PORTIERE E IL GIOCO DEL CALCIO nel gioco del calcio quello dell

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Mediche e Biologiche P.le M. Kolbe 4 Udine Progetto: E.M.C. 0-3000 Energetica e meccanica della corsa da 0 a 3000 m Stefano Lazzer, Desy Salvadego,

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELLE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Questa Disciplina fonda la sa azione sui saperi motori, i quali rappresentano beni irrinunciabili nel processo formativo dell alunno, in quanto finalizzati

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand TopActive è un team di professionisti che lavora da più di vent anni con Entusiasmo e Creatività alla realizzazione di progetti attraverso attività di Incentive e di Formazione Esperienziale. Nato da un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

BITE tratto da Sport Invernali - Organo Ufficiale F.I.S.I.

BITE tratto da Sport Invernali - Organo Ufficiale F.I.S.I. BITE tratto da Sport Invernali - Organo Ufficiale F.I.S.I. Introduzione di Chicco Cotelli Negli ultimi anni sempre più sciatori, nelle varie specialità di sci alpino e nordico della Coppa del Mondo, usano

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. Per materia

PROGRAMMA SVOLTO. Per materia PROGRAMMA SVOLTO Per materia Mod.43 rev.00 DOCENTE: Sabrina Piastrellini CLASSE 3 MC ANNO SCOLASTICO 20157/2016 MATERIA Scienze Motorie e Sportive LIBRO DI TESTO GIULIANI MARIO EDUCAZIONE FISICA, IL CAMPO

Dettagli

Innovation experience

Innovation experience Innovation experience Ricerca e Innovazione Tecnologica per lo Sport CENTROCOT: un valido supporto per la competitività e lo sviluppo delle imprese Con il contributo della Camera di Commercio di Varese

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

www.skiffsailing.it M A T C H R A C E f o R R E n T

www.skiffsailing.it M A T C H R A C E f o R R E n T M A T C H R A C E f o r r e n t www.skiffsailing.it L A f o r m u l a m a t c h r a c e f o r r e n t Siete velisti appassionati di match race? Avete due equipaggi che vogliono sfidarsi, o piu equipaggi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2 DATI PRELIMINARI Lunghezza fuori tutto: 12,15m Lunghezza al galleggiamento: 11,50m Baglio: 3,99m Pescaggio: 2,60/1,60m Peso a vuoto: 4750Kg Zavorra: 2400Kg Peso equipaggio: 700Kg Motore: 40 cv Saildrive

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

BANDO CORSO ISTRUTTORI 2015

BANDO CORSO ISTRUTTORI 2015 BANDO CORSO ISTRUTTORI 2015 Il Comitato Regionale FIDAL Piemonte organizza il corso di ISTRUTTORE. Il conseguimento del livello di Istruttore avviene tramite l ottenimento di competenze acquisite dal candidato,

Dettagli

Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era

Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era Dario Riva Dipartimento di Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università degli Studi di Torino Lo sviluppo della capacità

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Intervenire sull organizzazione del lavoro

Intervenire sull organizzazione del lavoro Intervenire sull organizzazione del lavoro Sistema Ambiente ha un modulo per l esame delle condizioni più specificatamente ergonomiche. Il metodo consente la definizione di parametri oggettivi di misurazione

Dettagli

IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 TROFEO COM.

IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 TROFEO COM. IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE ORGANIZZA RADUNO INTERZONALE DI CLASSE 01-02 MAGGIO 2014 E TROFEO COM.TE MIELE 03 MAGGIO 2014 PROGRAMMA RADUNO 01 MAGGIO ore 11,00

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

Fabio Ferrone, Vincenzo Losito, Luca Cesaretti, Cesare Cesaretti IL 470. Conduzione, regolazioni e messa a punto

Fabio Ferrone, Vincenzo Losito, Luca Cesaretti, Cesare Cesaretti IL 470. Conduzione, regolazioni e messa a punto Fabio Ferrone, Vincenzo Losito, Luca Cesaretti, Cesare Cesaretti IL 470 Conduzione, regolazioni e messa a punto Indice Introduzione pag. 9 2013 Nutrimenti srl Prima edizione novembre 2013 www.nutrimenti.net

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE KATA

CRITERI DI VALUTAZIONE KATA CRITERI DI VALUTAZIONE KATA TECNICA: Ogni singola azione motoria prende forma nello spazio e nel tempo ed è il risultato di una partecipazione coordinata di tutti i segmenti dell Atleta. La tecnica viene

Dettagli