Roberto Soldati Appunti volanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Soldati Appunti volanti"

Transcript

1 Roberto Soldati Appunti volanti PAROLA DI EDITORE!! L aspetto più difficile di questa piccola impresa editoriale è stata quella di convincere Roberto Soldati a pubblicare i suoi appunti, sparsi qua e la nell arco di un trentennio, tra riviste di volo e canovacci che sbucavano da ogni dove. La mia proposta editoriale è nata, se non altro, come ringraziamento a questo autore, di avermi inculcato la passione per il volo in aliante anche se da semplice passeggero. Come posso dimenticare le innumerevoli avventure vissute insieme? Per esempio quella volta che facemmo fuori campo nei pressi di Tivoli. Spingemmo l aliante fino al parcheggio di un ristorantino e come niente fosse entrammo per pranzare tra gli altri clienti che ci guardavano come fossimo marziani che con la loro astronave avevano occupato una diecina di posti macchina. O quella volta, quando fummo costretti ad atterrare su di una regolare avio superficie, cimentandoci in una ginkana tra i covoni di grano, muli, ed una vecchia trebbiatrice che alcuni contadini incoscienti vi avevano piazzato. L evento più sconcertante ci capitò nell 88. Durante uno stage con traino al verricello sulla piana di Campo Felice, in attesa dell ora di pranzo dove mi aspettava una mia cugina con il nuovo fidanzato da presentare ai rispettivi genitori, nonni, compari e parenti vari, sfiorammo in volo e

2 Roberto Soldati Appunti volanti ripetutamente una coppietta com-ple-ta-me-nte nuda, distesa sull erba di monte Ocre, che ci ignorava quasi con disprezzo. Non potete immaginare la faccia di Roberto quando, finalmente a pranzo, la mia cuginetta, che per me era come una sorella, ci disse: Ha! a proposito di volo, oggi sono passati tanti, tantissimi alianti mentre prendevamo il sole sull Ocre, Che cariiini. Poi, il suo fidanzato, con una smorfia nella sua faccia come avesse trovato una mosca nel piatto ci disse: Hem, c eravate anche voi a monte ocre? Non trovammo proprio il coraggio di dire la verità l imbarazzo era totale. Era da tempo che accarezzavo l idea di regalare ai nostri lettori un invito al volo libero avulso dal tecnicismo pedante di altri racconti nei quali mi sono imbattuto prima. Sentivo il bisogno che Roberto mettesse una buona volta su carta i suoi racconti così come li espone ad amici e curiosi che ascoltano tanto affascinati per quanto timorosi di volare all inizio ma che poi, come e stato per il sottoscritto, ne uscivano convertiti a questa nuova religione della quale, come lui stesso si definisce, ne è l umile sacerdote che catechizza i fedeli ad elevarsi in termica. Fino al giardino dell eden di monte Ocre. Di Augusto Sforza Cesarini, IAF Edizioni Italy

3 Roberto Soldati Appunti volanti INTRODUZIONE DELL AUTORE: Che questi appunti sulla mia esperienza di aeronauta non siano intesi come l autobiografia di uno sconosciutissimo pilota quale io sono, bensì una semplice esposizione, in questo caso scritta, di un esperienza di volo destinata a soddisfare le tantissime curiosità di voi, amici o semplici curiosi, che pur provando un attrazione irresistibile per l oceano aria lo temete, con tutto il corredo di pregiudizi d ogni sorta e magari... chissà, potrei cercare di condurvi oltre le colonne d Ercole di questo oceano aria, che al contrario dell oceano d acqua, si trova in ogni anfratto della biosfera e nutre la nostra vita. Navigandovi attraverso, non solo in lungo e largo ma anche dal basso in alto, anche voi potrete esplorarvi punti di vista inattesi e sorprendenti, magari a perpendicolo sulla vostra casa. Punti di vista che adesso potrete condividere con il falco, le rondini e le cornacchie che per anni avete visto roteare e giocare con il vento nel cielo sopra di voi. Roberto Soldati

4 La prima volta che mi capitò di vedere un aliante fu nel 66, mentre tornavo a casa dal liceo. Proprio in cima una montagna a ridosso del paese, un velivolo silenzioso dalle ali lunghe e sottili, faceva avanti e dietro il pendio senza perdere quota, inseguito da una dozzina di cornacchie che difendevano il loro territorio da quell'intruso. Ad un certo punto, con un lieve sibilo, si spostò più a valle. Arrivato sotto una nube, cominciò a girarci sotto, salendo rapidamente fino alla base piatta e scura. Infine si allontanò verso est e sparì dietro la montagna. Siccome non avevo mai sentito parlare di un aereo senza motore, mi convinsi che si trattava di un aquilone sfuggito al proprietario. Finita la spiegazione, ripresi il viaggio lungo il sentiero che portava alla montagna; ma non feci neanche un chilometro che nel bel mezzo di un prato vidi l'aliante a terra con una estremità alare poggiata sull'erba e un tettuccio trasparente aperto. Con un certo timore, mi avvicinai e vidi il pilota sdraiato in cabina che dormiva con la visiera del cappello calata sul viso. Mi fermai ad una certa distanza, almeno per dieci minuti, indeciso di cosa fare. Poi il pilota con un dito tirò su la visiera, mi guardò e con forte accento veneto mi disse: "Vieni pure avanti, puoi guardarlo da vicino, non morde mica". Vinsi il timore e mi avvicinai. Una scena dal film PITERPANCLUB realizzato con un aliante M 100 che compie un volo di escursione attraverso il microcosmo del mondo vegetale 2002 R. Soldati Per cui, finito il pranzo, pensai di salire, in Vespa, fin sopra alla montagna per recuperare quel coso, nel caso fosse caduto da qualche parte. Mentre attraversavo la valle, un contadino mi disse di aver visto un aliante molto basso in quella zona. Io trovai la parola aliante estremamente suggestiva. Mi dava l'idea di qualcosa leggero come una piuma; una parola che una volta pronunciata fluisce libera nell aria, come fosse disegnata a pennello su quel velivolo, esile ed elegante come nessun altro aereo. Il contadino mi spiegò che l'aliante è un aereo con pilota e senza motore e con le ali piene di un gas leggerissimo, come quello dei palloni, che permette al velivolo di stare in aria. Era un signore sulla cinquantina. Uscì dall'abitacolo, si sgranchì un po i muscoli, poi mi chiese: "Come si chiama questo posto?". "Campo Felice di Lucoli", gli risposi. Dopodichè, preso il microfono della radio di bordo, comunicò con un'altro pilota ancora in volo, specificando la zona di atterraggio per facilitare alla squadra di recupero l'arrivo sul posto. Poi, chiusa la comunicazione, mi spiegò praticamente tutto sull'aliante e sulla navigazione aerea. Si chiamava Felice Valenzano, e mi fece da istruttore senza mai chiedermi una sola lira. Nel 68 se ne andò a fare il pilota in Venezuela ma rimanemmo sempre in contatto, fino alla sua scomparsa avvenuta nell 88. Grazie!

5 Sequenza fotografica di un aliante K13 in atteraggio all aeroclub di L Aquila. Quando chiesi a Felice conferma sul gas leggero dentro le ali, come mi aveva spiegato il contadino, si mise a sghignazzare di vero gusto, dicendo che mai aveva sentito una fesseria del genere. Appena dopo il tramonto arrivò la squadra di recupero. A dire il vero, erano solo due persone con una macchina e un carrello a rimorchio simile a quelli per trasportare le barche. Uno dei due uscì agitando minacciosamente una bottiglia di spumante. Felice indietreggiò, dandosi poi alla fuga inseguito dall'amico, deciso a punirlo con un bagno di Asti per non essere rientrato al campo base. Finito il bagno, dopo aver smontato e impacchettato l'aliante sul carrello, brindammo insieme con il poco spumante che rimaneva. "Brindiamo a cosa?", disse uno di loro. "Mah... qui c'è un nuovo volovelista, brindiamo per lui disse Felice. Non passò un mese che Felice mi mandò via posta il modulo d iscrizione all'aeroclub di Rieti, incluse le modalità di come ottenere un forte sconto per prendere il brevetto di volo a vela, riservato agli studenti. Conscio di non potermi sottrarre a quell'invitante invito mi cercai un lavoro per pagarmi il brevetto e dopo qualche anno ero in volo anch'io. In meno di otto anni collezionai più di duemila ore di volo, portando a spasso i turisti sopra le valli e le montagne abruzzesi. Navigando dentro le correnti termiche ascensionali, il volo poteva anche durare sei o sette ore, il che corrispondeva a circa ottocento chilometri di percorso e senza consumare una sola goccia di benzina, se si esclude quella per l'aereo trainatore. Il volo a vela è uno sport spirituale vicino all'ascetismo. Il fatto che sia così poco praticato non dipende tanto dai costi, quanto dal fatto che lo sport in generale è esibizione. Di solito, l'atleta gareggia oltre che per se anche per un pubblico. Il volovelista invece, è sempre solo tra il silenzio delle nuvole e qualche parente a terra un po annoiato o in ansiosa attesa. Descrivere il fascino del volo in aereo è difficile, descrivere il fascino del volo in aliante, in delta o in parapendio è impossibile ma ci proverò. Gli psicologi sostengono che pur essendo l uomo un animale terrestre subisce un attrazione irresistibile verso il cielo nel tentativo di liberarsi dalle sofferenze, le angosce, il grigiore e le angherie che la vita terrena ci induce giorno dopo giorno, o roba del genere.

6 A parte le varie argomentazioni psicoanalitiche il volo, senza citare il solito mito di Icaro, è stato sin dai primordi il pensiero magico insito nel DNA dell umano che si esprime sottoforma di angeli, super eroi, ed altri simboli celesti che la mente cavalca elevandosi in volo con essi attraverso un tipo di realtà che la fantasia crea tralasciando accuratamente d introdurvi tutti quegli attributi negativi presenti e inevitabili del mondo terreno. La moglie di un volovelista finito dentro un cumulonembo trovò conforto al suo dolore quando le dissero che il marito, dopo aver tentato un lancio con il paracadute, era stato trascinato verso l alto. La vedova sollevando gli occhi al cielo disse: Ecco è questa l immagine che io porterò sempre nel mio cuore Il fatto che quel pilota morì lentamente congelato a 6000, metri per la vedova sembrava un dettaglio del tutto secondario. Il barone rosso in un duello aereo L elemento aria diviene così come una boutique dove ognuno va a farsi confezionare addosso il proprio ambiente ideale nel quale non alberga sofferenza fisica. Chi contamina il cielo merita di essere scaraventato nella direzione opposta, in basso all inferno come Lucifero, Adamo ed Eva, Icaro ed altri dannati. Per quanto io cerchi di rovistare nella mia memoria non conosco cattivi scaraventati verso il cielo o buoni verso terra. Il buono, più leggero dell aria vola in alto, mentre il malvagio diviene pesante al punto da essere risucchiato in basso dalla forza gravitazionale di madre Terra senza possibilità di scampo. Sin dal giorno che Mongolfier staccò i piedi da terra tutti gli aeronauti che seguirono, interpretarono a modo loro il rapporto conl aria, secondo il personale retroterra culturale. La nobiltà fin de siècle trasformò i cieli in un regno dove eternare le gesta cavalleresche dei loro illustri avi e l aeroplano fu il loro cavallo alato, fu il Pegaso in legno e tela con il quale sfidare in torneo le casate antagoniste. Gli snob si scatenavano in spericolate esibizioni acrobatiche sfoggiando il loro ego a mo di muscolo bicipite da impressionare il mondo per tanto ardire. Gli avventurieri usavano l aereo come mezzo da viaggio, i militari per collezionare onori, i romantici per volare tra le nuvole.

7 Non so bene quale scegliere tra le categorie appena elencate, ma una cosa è sicura; sono irresistibilmente attratto dall aspetto metafisico del volo. Per dirla terra terra, anzi aria aria, sin dal primo giorno che spiccai il mio volo in aliante durato 3826 ore registrate sul libretto al 16, 5, 2000, si manifestarono i primi connotati surreali insiti nella nuova esperienza. All epoca, parlo del 1969, oltre a frequentare il primo anno dell Istituto Europeo di Design, mi cimentavo anche con i miei primi rudimentali esperimenti sulla percezione visiva (la mia attuale professione), presso uno studio che si chiamava La Microstampa. Il mio tecnico di laboratorio preferito era il sig. Ferdinando Verde. Una mattina, seduti in moviola, gli dissi di non poter continuare il lavoro nel pomeriggio poiché avevo un impegno a Guidonia. Spaventoso!! Quello che tutti cercano, il classico ago nel pagliaio, l avevo trovato io, tra milioni di persone che popolano Roma e dintorni. Superato lo shock presi quella coincidenza pazzesca come un segno del destino che sanciva definitivamente il mio sodalizio con il volo, e se mai mi fosse rimasta qualche ombra di dubbio anche questa fu dissipata quando, arrivato all aeroporto scoprii che il pilota dell aereo trainatore era... Se siete emotivamente labili, sedetevi che è meglio, era Ferro, un mio professore dell Istituto Europeo di Design. La quardratura del cerchio era compiuta, sgancio a 600 metri ed il volo delle 3826 ore ebbe inizio. Il pilota trentino Felice Valenzano e Roberto Soldati nel 1966 a Rieti Verde: Ho ma bene! Anch io devo andare a Guidonia, se vuoi ti do uno strappo. Io: Benissimo grazie! Gli risposi, devo andare all aeroporto Verde: Ha perfetto! anch io vado all aeroporto, e che cavolo vai a fare all aeroporto per non impicciarmi dei fatti tuoi? Io: Beh, sai volevo iscrivermi al corso di volo a vela di Rieti ma siccome lavoro a Roma mi hanno consigliato di parlare con l istruttore di Guidonia che è più vicino. Verde: Più che vicino è vicinissimo! mi fa, scattando sull attenti, e saluto militare: Comandante Soldati, l istruttore di Guidonia eccolo qua di fronte a lei Un allievo pronto al battesimo dell aria a bordo di un vecchio veleggiatore. I primi alianti erano poco veloci, questo consentiva ai vecchi velivoli di sfruttare molto bene le correnti ascendenti strette.

8 Scoprii con stupore che il sogno del volo era divenuto realtà era invece la terra che scorreva sotto, con tutti i suoi eventi, a divenire sogno. Non potevo concepire che quel trainatore ed anche mio professore o quell istruttore seduto dietro me sull aliante ed anche tecnico seduto in moviola fossero le stesse persone. Alla quindicesima ora di volo mi voltai dietro, ed ero solo. Il mio istruttore si era dissolto nel nulla dopo avermi abbandonato in aria al mio destino. Quando il mattino seguente incrociai il mio professore a scuola mi comportai come nulla fosse accaduto. Accennare dell incontro all aeroporto sarebbe equivalso a dirgli: professore questa notte l ho sognata che mi stava trainando in volo, ma che buffo Persino volando sul mio paese, mi sentivo come un fantasma che aleggiava sopra la mia gente, e sopra i miei boschi. C era il solito Giacomino che se ne tornava a casa con il trattore seguito dal suo cane Turco. Vidi la corriera blu delle 15 e 15, che mi aveva sempre portato a scuola, mentre manovrava per superare la solita curva ad U sotto casa mia. Vidi le due vedove in nero sul sentiero che portavano i fiori al cimitero tutti i santi giorni. C erano i Domenichi che giocavano a bocce sulla piazza del paese (Li chiamavamo Domenichi perché in quel paese di 86 uomini 14 si chiamavano Domenico). Sentivo la mia terra sotto come un luogo senza tempo. Se tra gli studenti che scendevano dalla corriera vi fossi stato anch io non mi sarei meravigliato troppo. Risalendo verso la montagna, munito dell inseparabile radiolina con la mutilazione di frequenza, c era Lorenzo e le sue pecore che pascolavano allo stato ebraico, (parole sue), mi chiamava aliantero. Lo sfiorai quanto bastava per non spaventargli le pecore e lo salutai, lui mi rispose con un cenno perplesso. La zona, lunga una decina di chilometri tra Campoli e Vallefredda (fingete di sapere dov é, grazie), era il posto di sorvolo che più spesso mi divertivo a rasentare. Era fatta di dune verdi, delimitate da muri a secco, gruppi di faggi e laghetti circondati di pecore, vacche e cavalli all abbeverata. Era quello il mio tipo di volo preferito, alla parapendista insomma, ed anche molto apprezzato dai miei passeggeri, senza però disdegnare situazioni mozzafiato, come, ad esempio rasentare la cresta del Corno grande affollato di escursionisti per poi finire, in modo repentino ed inatteso sopra lo strapiombo dei prati di Tivo. Ma la specialità dell aliante, proibita al parapendio, è il volo tra le nuvole.

9 La terra sottostante, che prima appariva senza distanza come volare sopra un plastico in miniatura pieno di casette e macchinine, vista attraverso le nuvole diviene improvvisamente abissale. Il decollo al traino è una fase piuttosto delicata da eseguire con molto impegno e concentrazione Non tutti sanno che l entrata in nube provoca un impatto con essa, ma niente paura, è come una lievissima frenata che terminerà uscendone fuori. La navigazione in aliante diviene talmente istintiva che si può governare il volo col solo pensiero, come fanno aquile e poiane che spesso vengono a ricordarmi: Divertiti pure ma sappi che questa è la mia zona e tu sei solo un ospite eh? E dei passeggeri che dire? Il mal d aria è purtroppo il più frequente e solo tra i maschietti, si!! Incredibile ma vero. Mai, dico mai mi si è sentita male una donna, se qualcuno ha una spiegazione la dica. Una volta uno dei tanti passeggeri salito a bordo per scommessa con gli amici codardi rimasti a terra ad ammirare, naso in su, il suo eroismo decise, suo malgrado, di rivoltarsi lo stomaco come un calzino depositandone il contenuto in quello che poco prima era un berretto e poco dopo un cesso. Pensando di evitare una di quelle figuracce che rimangono negli annali della comunità, mi implorò di atterrare in qualsiasi posto nascosto dagli amici; una strada un campo di calcio un prato, ma non in aeroporto. Trovammo un compromesso, atterrai a fondo pista e dopo essersi disfatto del cesso si modellò, alla meglio, una specie di sorriso sulla faccia bianca come una candela e se ne tornò tra gli amici per l accoglienza trionfale, dopodichè svenne tra le loro braccia. Si riebbe subito ma spesso mi chiedo quale sia stato il suo destino dopo tanta onta. Un altra volta si presentò un ex pilota militare, tipo: Petto in fuori!! pancia in dentro!! anche se adesso era l esatto contrario, deciso a forgiare il nipotino dodicenne della sua stessa tempra e farne, tramite i suoi agganci presso lo stato maggiore, un vero ardito dell aria. Fummo fortunati, un volo stupendo. Tra monti e foreste continuavo a fare il cicerone, ma quando mi voltai, lo vidi sprofondato in un sonno abissale. Pensando che stesse male gli chiesi se voleva tornare a terra: Si mi rispose farfugliando attraverso un teatrale sbadiglio: Torniamo : Il nonno, povero nonno! Mi chiese: Allora com è stato? Era tranquillo? Ho hem, si si, tranquillo, molto tranquillo, gli risposi,. Che altro potevo dire? Alianti in volo sopra alla città di L Aquila

10 Zac!! Tagliare il vincolo gravitazionale e via verso il blu e le nuvole se non altro tramite il pensiero e l elevazione spirituale fino in paradiso. Pensate che bello se la volpe stremata di fatica e terrore, braccata da orde di cacciatori e branchi di cani feroci messa alle strette, di colpo gli spuntassero le ali e via! verso l alto. Haa! che soddisfazione starsene lassù a gustarsi le facce ribollenti di rabbia dei cacciatori e la frustrazione quasi insopportabile dei cani. In quelle condizioni di assoluta beatitudine tra le nubi non trova posto neanche il rancore si è pronti a perdonare tutto e tutti, persino la stupidità e le peggiori cattiverie perpetrate a chi vuole solo vivere tranquillo al di fuori della legge della giungla. Ricordo bene il sottile piacere che provai un giorno nel veleggiare, come falco tra le rondini, sopra migliaia di macchine invischiate nell asfalto in un rovente esodo di ferragosto, ed io ero li al fresco e libero di fluttuare nell oceano azzurro tra le nuvole senza limiti e confini. Mi tuffai con sadico piacere a fianco della strada un centinaio di metri più sotto che si inerpicava sulla montagna e ci feci un rapido passaggio rasentando il guard rail per poi risalire veleggiando verso il monte sopra gli sguardi trafelati dei vacanzieri, punendoli di essere finiti come fessi tra le braccia dell ora di punta invece di attenersi alle le regole della partenza intelligente come aveva detto la TV... Va be non esageriamo. In una ventosa giornata di Ognisanti, del 1976 fui incaricato di riportare un aliante da L Aquila all aeroporto di Rieti. Attaccato al trainatore, l aria si faceva sempre più turbolenta, un vento da nord ovest ci sballottava in modo così violento che decisi di sganciarmi sulla verticale del monte Giano (fingete di sapere dov è, grazie) anziché sul Terminillo come stabilito sul piano di volo. Lo Stinson che mi aveva trainato se ne tornò indietro con una repentina affondata. Attraverso la radio di bordo potevo già sentire le conversazioni radio tra i piloti reatini che cercavano affannosamente la prelibatezza più ambita dal volovelista; la termo onda un raro moto dell aria che ti può portare a quote stratosferiche. Tra le tante voci concitate una mi preoccupò particolarmente: Niente sottovento, abbiamo 110 km orari, non si cammina 110 orari? ooh mamma mia!. Preoccupato, chiamai Rieti e mi rispose una voce gentile e pacata che mi rassicurò di stare tranquillo poiché a terra il vento era sostenuto ma accettabile, con qualche precauzione in procedura d atterraggio. Una spettacolare nube lenticolare formata da aghi di ghiaccio La voce era quella di Plinio Rovesti un vero monumento della meteorologia aviatoria; sempre impegnato a scrutare i segni del cielo e autore di un testo tutt oggi utilizzato da tutti i piloti anche quelli del volo libero e sul quale io stesso mi sono formato.

11 Scrutando in cielo, vidi alcuni alianti altissimi, praticamente immobili, in cima alle creste del monte Terminillo dove si erano formate alcune nubi lenticolari che sembravano dischi volanti, chiaro segno di termoonda, ma la mia preoccupazione era solo quella di atterrare incolume con tutto quel vento, finchè Rovesti mi chiamò: Lei del november! non venga giù, se si sposta verso il costone, a ore 6, troverà un ascendenza, ci dia dentro che la porterà dritto dritto in onda. Dopo qualche minuto notai con sorpresa che mi stavo allontanando dall aeroporto contro prua. Incredibile ero in retromarcia dentro un flusso laminare di 110 km orari ad una velocità superiore a quella dell avanzamento dell aliante che era di soli 90 orari, il tutto senza una bava di turbolenza. Che emozione! Il mio primo volo in termoonda. Da 800 metri mi ritrovai a 2000 metri ancora in salita. A quota 3800 una voce mi chiese: November! Mi comunichi, quota, velocità, il nome del suo aliante ed in quale aeroporto si trova. Quelle domande le trovai alquanto strane ma non ci badai preso com ero dagli eventi. Pensai ad una specie di prova radio e mi misi a dare una serie di numeri, finchè sentii di nuovo il Rovesti che mi chiese: Lei del november come va lassù? Mi ripeta... e dalli ancora con lo stesso quesito al quale risposi per la seconda volta. A quel punto sentii la voce del mio vecchio istruttore, il comandante Muzi, che mi ordinò di non salire oltre. Solo dopo l atterraggio mi spiegarono che quelle domande erano un test non per la radio ma per capire se un pilota sia in anossia da altezza. Nube d onda generata da una risonanza dei venti d alta quota Un aliante in volo di termoonda a 4000 metri sul Gran sasso Lo feci ma in una turbolenza da panico. Rovesti mi incitò d insistere, ma strapazzato sempre più dalla turbolenza ed il variometro in salita a fondo scala, lo chiamai dicendo preoccupato: Ma guardi che qui si sconocchia tutto, no! non molli prorio ora, viri, viri a ore 9...ecco bravo! dritto così ed entrerà in onda. Il suono del variometro acustico che fino a quel momento mi ricordava i fischi delle pallottole nel mezzo di una gigantesca sparatoria nel saloon si trasformò in un unica suadente nota simile alla voce del Rovesti. La turbolenza cessò completamente. Ero in pieno flusso laminare, le ali immobili come fossi atterrato sopra un grattacielo. Con il variometro incollato a più 4, sospeso sopra l aeroporto, salivo in senso verticale come una mongolfiera.

12 Nella zona tra monte Terminillo e l aeroporto di Rieti si era instaurata la parte ascendente della termoonda che mi impediva praticamente di scendere senza finire in mezzo ai rotori che nel frattempo si erano resi visibili sottoforma di nuvolaglia come mani che roteando minacciose mi dicevano: Vieni, vieni che ti stritolo io, ti stritolo. Timoroso di quella minaccia chiamai il direttore di linea per istruzioni ma mi rispose ancora Muzi che mi disse con il suo consueto tono duro e rassicurante: Amico mio sei tu il comandante, sta a te decidere il da farsi. Appena fermo, due assistenti placcarono il mio aliante afferrandolo per le ali. Solo allora mi resi conto dell intensità del vento. La sera stessa mi recai a ringraziare Rovesti che mi invitò ad assistere alla sua lezione che ovviamente accettai. Rovesti parlò, ammaliando un intera platea di piloti, della eccezionale situazione che quel giorno si era creata e che io stesso ci ero finito dentro, grazie a lui e senza averlo mai visto prima. Un giorno Rovesti venne, con un suo amico, all aeroclub di L Aquila e ne approfittai ancora una volta. Nelle due foto si vede l evoluzione di una nube d onda, che si è formata nella zona sotto la cresta di flusso Strinsi le cinture più che potevo, tirai i diruttori e... discrazia tra le discrazie erano completamente bloccati dal ghiaccio. Per fortuna sfruguliando un po la leva i diruttori uscirono fiiuuf. La turbolenza non tardò a farsi sentire di nuovo. Tenni l aliante in pre stallo e la superai senza troppa difficoltà. Durante la manovra di avvicinamento vidi un aliante atterrato al di fuori dell aeroporto per via del forte vento; senza danni per fortuna. Tagliai il circuito, per non replicare lo stesso errore, e scesi come appeso ad un paracadute ma regolarmente, fino all atterraggio. Quando ripartirono in macchina si fermò più volte continuando ad istruire via radio sia me che altri due piloti ancora in volo. Le teorie di Rovesti ed i suoi collaboratori venivano accolte addirittura con denigrazione dalla meteorologia ufficiale. Più noi volovelisti utilizzavamo la termoonda, più la meteorologia ufficiale ne negava il fenomeno fino al giorno quando lessi un articolo che diceva: Studiate correnti laminari d alta quota dal meteorologo che purtroppo, neanche citava Plinio Rovesti come sempre fanno gli scippatori di meriti dei nostri atenei.

13 L officina dove, nel 1930, Rovesti ed un manipolo di squattrinati studenti trentini, ma con tanta voglia di volare, costruirono le proprie ali dando vita al volo a vela italiano. E riconoscibile in questa foto la replica dell aliante a traliccio tedesco Zogling. Successivamente, sotto la guida gratuita di ingegneri delle industrie aeronautiche, Marchetti e Caproni, i volovelisti trentini crearono prodotti originali come l aliante anfibio ROMA nella foto sotto, con Plinio Rovesti alla guida che decollava da una rampa sulla vetta del monte Campo dei fiori per poi ammarare sul lago della Sciranna. Nella foto sotto il libratore TRENTO ed il camioncino che trasportava alianti ed allievi. Ve la immaginate oggi una scuola dove gli studenti realizzano e volano con veri aerei fai da te? Nel lontano 1930, nel Trentino, Rovesti ed un gruppo di amici volavano su alianti che loro stessi realizzavano a scuola. Nel 2002, per fare un paragone, uno studente scendendo le scale di un liceo italiano si è slogata una caviglia. Aaaalt!! Fermi tutti, accesso proibito, scale chiuse per due mesi. Perché? La scuola non aveva provveduto a sostituire gli antiscivolo logori sui gradini, capito?. Figurarsi se ti fanno volare con un aereo fatto in classe. Le regole che ci tutelano, Plinio Rovesti a bordo dell aliante anfibio Roma sia pure intelligenti, nel clima politico attuale del vieni avanti cretino servono solo a tarpare le ali di chi vorrebbe librarsi libero nell aria in senso reale o figurato. Ah! che bello quando al cospetto di un sogno, e non per mazzetta, il tutore della legge strizza un occhio e finge di non vedere. Fu così che nel 1968 nacque anche l aeroclub di L Aquila, un hangar, un prato e un cielo per volarci dentro. Purtroppo l ingordigia di chi razzola nel terreno politico, solo per poco non riuscì a trasformare quel paradiso del volo a vela in una sterile landa d asfalto.

14 Nessuna rappresentazione potrebbe schematizzare meglio, una situazione di termoonda come in queste due immagini fotografate in una zona di confine tra una catena alpina e la Pianura padana sulla quale sta soffiando la bora. Zona alpina, venti da nord rotori Pianura padana, venti fohn in discesa Sopra: Il cumulo nembo, è ritenuto il nemico numero uno degli aeromobili di qualsiasi tipo, persino i più robusti. Nel suo interno vi è un inferno di fulmini e correnti ascensionali che risucchiano verso l alto persino chicchi di grandine come palle da biliardo. Il cumulonembo è la tipica nube temporalesca ed è riconoscibile dalla sommità a forma di incudine con la base scura e piovosa. Il cumulo nembo, Charlie Bravo in gergo meteorologico, non vi spaventi più di tanto poiché, grazie proprio alla sua imponenza, è una situazione assolutamente prevedibile e quindi evitabile, a menochè non lo si sfidi deliberatamente.

15 Il cosiddetto volo senza motore mi ha affascinato da sempre per via della mia innata vocazione minimalista, una filosofia che fa parte del mio stile di vita a 360 gradi, dal lavoro al tempo libero dal corpo allo spirito. In assoluta controcorrente, lo scarnire dalla mia vita ogni supporto tecnologico, gettare via il superfluo generatore d ansia, è sempre stato in mio anelo e la mia ossessione. A nove anni mi regalarono una bicicletta corredata di tutto dalla quale piano piano, facendo in modo che i miei non si accorgessero, vi strappai via prima il campanello poi la dinamo, il faretto, gli stop, i parafango, il porta oggetti, insomma tutto tranne telaio ruote pedali e freni. Persino il nome da bicicletta divenne semplicemente bici, tutto tranne il minimo per viaggiare. Così ridotta la bici appariva ai miei occhi un concetto di essa. Più che una macchina, un pensiero magico, un tramite tra la realtà e la fantasia che ti fa viaggiare nello spazio e nel tempo, e ti fa volare sulla strada sfiorandola con un semplice colpo di pedale attraverso la natura che ti scorre accanto. Qualche anno dopo mi comprai una vespa solo per provare il brivido del consumismo per poi passare, magari all utilitaria e così via fino alla Maserati, come tutti sognano, ma niente da fare. Il tarlo del minimalismo covava dentro di me e per una improvvisa ricaduta passai, dalla Vespa al motorino pieghevole, poi di nuovo alla bici e dalla bici a piedi. Applicai la mia filosofia minimalista persino al mio sport preferito, il volo. Iniziai col motore poi l aliante ed in fine al parapendio. Se anche voi intendete sposare il mio tipo di filosofia, fregatevene del giudizio di amici e parenti, lasciateli rosolare nella convinzione che le cose vi sono andate sempre peggio e che la vostra vita è stata un fallimento totale. Lasciateli vivere al limite delle loro possibilità. Lasciate che siano loro a finire tra le grinfie dei cravattari. Quando toccheranno il fondo voi sarete li ad aspettarli per poi staccarvene fluttuanti nell aere. Haug!! Parola di grande capo. La prima volta che mi recai a scuola di parapendio, fiutai una certa invidia da parte degli altri allievi verso i mio passato di volovelista come se loro avessero scelto quello sport di ripiego alternativo all aereo. Pur amando molto l aliante, l ho sempre considerato una specie di protesi alare, una sedia a rotelle per uccelli disabili. Il parapendio mi ricorda invece la mia bici minimale. L idea di avere dentro lo zainetto una tela che una volta distesa si gonfia di vento dispiegandosi come ali d uccello e ti porta in aria, mi fa impazzire di meraviglia e stupore.

16 Ma che cosa è un parapendio e come è nato? Il volo in parapendio fu inventato da due paracadutisti francesi nei primi anni ottanta nel tentativo di praticare del paracadutismo senza utilizzare l aereo come base di lancio. Il parapendio è infatti una versione più fine del paracadute direzionale trapezoidale. I primi rozzi parapendio, servivano solo a fare delle lunghe planate dal monte di decollo alla pianura ma la rapida diffusione di questo sport spinse ricercatori e progettisti a produrre vele sempre più sofisticate ed efficienti fino ad arrivare al parapendio moderno perfettamente in grado di veleggiare per ore ed ore. Gli inventori del volo in parapendio I. G. Betemp e G. Basson nel 1978 in decollo con un paracadute trapezzoidale. Sopra, una vela moderna In presenza di correnti dinamiche siapure modeste il parapendio non solo veleggia ma, navigando nelle correnti ascensionali diventa addirittura difficoltoso atterrare se non dopo ripetuti tentativi, e questo non è un problema ma un sicuro vantaggio. Attenzione! Il parapendio non è un paracadute ma una vera e propria ala pieghevole che quando si irrigidisce incamerando aria è in grado di veleggiare dentro le correnti ascensionali come un aliante. Il classico paracadute a cupola è invece un sistema frenante che rallenta solo la velocità di caduta verticale. Il pilotaggio del parapendio è abbastanza semplice. Una volta gonfiata la vela è sufficiente correre per qualche metro controvento ed una volta in aria il parapendio va praticamente da se, il pilota deve solo gestire il volo con due comandi bivalenti che tirati in modo alterno, ne cambiano la direzione, tirandoli insieme funzionano da freni. Anche prima di Basson e Betemp furono fatti tentativi come questo di un americano in una valle alpina nei primi anni 70 La struttura di un moderno parapendio e le parti che lo compongono L insidia maggiore del volo come in altri sport, è nascosta nel fattore umano cioè il pilota, anzi quei piloti, che hanno l irresistibile attrazione a strafare, ma per fortuna lo strafare è una scelta. Anche lo sci, come tanti altri sport, può restare tranquillo o diventare rischioso a seconda che si decida di sciare solo sulle piste verdi o anche su quelle nere. L atteggiamento superficiale e presuntuoso nell affrontare l elemento aria, hanno causato incidenti che talvolta sembrano ispirati da manuali di volo al contrario; Come dire: studiate punto per punto tutti gli errori che ha fatto quell idiota, evitateli e volando volando prima o poi morirete, di vecchiaia

17 Linea d orizzonte Angolo di discesa Zona ascendente Flusso del vento Ostacolo Illustrazione R. Soldati Ma come può un velivolo senza motore restare in volo per tante ore? In aria perfettamente calma, sia l aliante che il parapendio o il deltaplano, dal punto di partenza sono destinati a scendere fino a terra secondo un angolo più o meno inclinato rispetto alla linea d orizzonte. Un aliante, per esempio, perde circa 50cm al secondo. Se finisce dentro una corrente ascendente che invece sale a 50 cm al secondo, pur continuando la discesa relativa all aria, l aliante mantiene la quota sollevato dalla corrente verticale. Se invece la corrente sale ad una velocità di 100 cm al secondo, l aliante comincerà a salire guadagnando 50 cm al secondo di quota. Al momento che lo strumento rivelerà una corrente in salita il pilota non dovrà fare altro che rimanere dentro la zona di ascendenza con delle virate, come si vede nell illustrazione. Nel caso dell immagine sopra la corrente è generata dalla montagna che devia il vento verso l alto ma esistono anche ascendenze generate da aria calda che sale per effetto del riscaldamento del terreno o dei centri abitati. La stessa tecnica, che si chiama veleggiamento, viene utilizzata anche dai parapendisti e i deltaplani che una volta cessata l ascendenza ne troveranno un altra seguendo indizi che i piloti conoscono. I vuoti d aria tanto temuti dai passeggeri, altro non sono che correnti d aria discendenti; situazioni fastidiose ma raramente pericolose, salvo in casi del tutto eccezionali.

18 Ciò che rende diversi gli sport del volo da tutti gli altri è la condizione innaturale dell uomo nell aria. Chiunque fosse attratto, sia pure da uno sport veramente pericoloso come la formula uno, non rinuncerebbe mai a farsi un giro a 300 all ora con una Ferrari, magari in autostrada all ora di punta. Tante persone invece pur subendo il fascino del volo non salirebbero mai e poi mai a bordo di un aereo, figurarsi un parapendio o un aliante: Noo...un aereo senza motore... I vuoti d aria. No no io i miei piedi li tengo qui!! appiccicati a terra. Dicono di solito. La riluttanza al volo o addirittura la fobia di chi non ha mai volato è molto spesso indotta dalla paura del vuoto e la vertigine. Non tutti sanno che la percezione sensoriale della vertigine o del vuoto è accentuata dagli indizi di riferimento, ad esempio le linnee di fuga verticali di muri, rupi e alture in generale, come meccanismo psicologico di difesa che protegge noi umani e tutti gli altri esseri dalle cadute potenzialmente rovinose. Strano a dirsi ma una esperienza in otto volante è ben più traumatica di una acrobazia in aereo, anche per un pilota incallito. La paura dell altezza si potrebbe definire un fenomeno inversamente proporzionale al peso, e al grado di fragilità che il soggetto ha di se stesso in relazione all entità del danno che ne conseguirebbe in caso di caduta libera. Per esempio un gatto salta senza problemi da altezze molto maggiori di un uomo soprattutto se riferite alle rispettive proporzioni fisiche. Un individuo non ha paura di grandi altezze se si sente protetto da un parapetto o altro vincolo. La paura del vuoto è dunque causata dai riferimenti verticali che quando sono assenti, come in volo nell atmosfera, la paura del vuoto si attenua o cessa. Personalmente ho notato che nei battesimi dell aria la tanto temuta vertigine cede il posto al mal di movimento indotto da percezioni dinamiche distorte. Ad esempio la sensazione di vuoto d aria o di ribaltamento in virata causata dall assenza degl indizi di velocità ravvicinati, come, la strada, alberi etc... Il senso di vertigine in questa immagine è indotto dalle linee di fuga rappresentate dai cordini. L effetto di precipizio si annullerebbe senza le immagini in primo piano.

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272 Sped. in abb. postale - 70% Fil. di Varese. TAXE PERÇUE. Euro 8,00 GENNAIO/FEBBRAIO 2015 - n. 347 La Rivista dei Volovelisti Italiani Caro volovelista, ti invio in omaggio una copia dell ultima rivista

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute?

Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute? Domande stimolo: Come cadono i corpi? Quali corpi cadendo si comportano come un paracadute? Giulia Letizia Davide Amirah Mattia Matilde Matilda Matteo C. Martina Giada Asia Andrea I corpi cadono come la

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli