La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*"

Transcript

1 M. Teresa Sorrenti La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa* Nelle indimenticabili pagine dedicate alla storia religiosa e civile della città di Reggio mons. Antonio De Lorenzo 1, accurato studioso e fine archeologo, inserisce un paragrafetto dall emblematico titolo I sette nomi della Piazza Vittorio Emanuele 2 nel quale ripercorre brevemente le vicende storiche che comportarono il mutare della denominazione della piazza che oggi, intitolata all Italia (F. 1), rappresenta, nel tessuto urbano cittadino, un luogo elitario per l eleganza dei prospetti architettonici degli edifici pubblici che su di essa si affacciano. Ricorda il De Lorenzo che, dopo la parentesi francese durante la quale la piazza ebbe nome dal Re Gioacchino - restaurata l antica dinastia, la piazza fu ribattezzata col nome di Piazza dei Gigli. E poi che venivano a compiersi le aspirazioni cittadine con la inaugurazione della provincia di Reggio, per sentimento di riconoscenza fu elevata nella piazza la statua marmorea di Ferdinando I, lavoro bellissimo del Tenerani. L alto piedistallo che portava il simulacro, era chiuso con ringhiera di ferro poggiante sopra i sedili di un recinto poligonale di pietra [ ] Venne finalmente il 21 agosto Quel giorno fu abbattuta e vandalicamente distrutta la statua; e la piazza, già della Cattolica, di Re Gioacchino, dei Gigli, prese il quarto nome di Vittorio Emanuele. Il popolino però, che non bada troppo ai titoli lapidari [ ] oggi lo chiama all Italia dalla statua del Larussa 3 che sorge nel mezzo L illustre storico fornisce, quindi, preziose informazioni, purtroppo però non sempre precise, come la ricerca archivistica ha consentito di rilevare. Il presente contributo è stato presentato nell ambito del Convegno Patrimonio Culturale e Fonti archivistiche. Esperienze a confronto, tenutosi a Reggio Calabria il 25 maggio 2012 ed organizzato dalla Soprintendenza Archivistica della Calabria e l Assessorato alla Cultura della Amministrazione provinciale di Reggio Calabria 1 Mons. De Lorenzo ( ), figura insigne di storico ed archeologo, resse la diocesi di Mileto e concluse la sua operosa esistenza a Roma dove venne insignito del titolo di arcivescovo di Seleucia e Consulente della Congregazione delle Indulgenze e delle Sacre Reliquie. Per approfondimenti sull opera e la figura di quest insigne studioso cfr. D. COPPOLA, Antonio Maria De Lorenzo e l ambiente culturale reggino attraverso i documenti dell Archivio di Stato di Reggio Calabria, <Rivista Storica Calabrese> N.S. XVII (1996), nn.1-2, pp ; D. MINUTO, Annotazioni sul lavoro storico di Antonio Maria De Lorenzo, <Rivista Storica Calabrese >N.S. XVIII (1997) nn. 1-2 ; Ibidem, V.F.LUZZI, Antonio Maria De Lorenzo, storico di Calabria e vescovo di Mileto( ), pp ; F. MARTORANO, Antonio De Lorenzo ( ): gli studi di topografia antica e medioevale,< Rivista Storica Calabrese> N.S. XIX (1998) nn. 1-2, pp A. DE LORENZO, Un terzo manipolo di monografie e memorie reggine e calabresi, Siena, tip. S. Bernardino, 1899; r.a. a cura di A. DENISI, Reggio Calabria, 2000, ed. Laruffa, p Rocco Larussa ( ), figura di ardente patriota oltre che di apprezzato scultore, compì la sua formazione presso l Accademia Albertina di Torino. Fu direttore della Scuola d Arte di Reggio e ricevette molte commissioni dal Municipio e dalla borghesia reggina. Per una aggiornata bibliografia su questo artista cfr. G. MUSOLINO., Il censimento del Gran Camposanto di Messina e la produzione funeraria tra Ottocento e Novecento, in G. MOLONIA P. AZZOLINA (a cura di), Un libro aperto sulla città. Il Gran Camposanto di Messina, La Grafica Editoriale, Messina 2000, pp : Nel Camposanto di Reggio si ammira tutt oggi il bassorilievo che orna la tomba del figlioletto dello scultore, Duilio, morto ad appena tre anni. Tra gli altri monumenti realizzati dallo scultore per la città di Reggio, si ricordano il monumento a Giuseppe Garibaldi, che veniva inaugurato nel 1864 nel piazzale antistante la stazione centrale, ed i busti del conte di Cavour (1864) e di Demetrio Salazar (1883), il primo.., il secondo nei locali del Museo Archeologico. Più tardo invece(1895), ma sostanzialmente ancorato agli schemi della ritrattistica romantica è il monumento a Federico, patriota e politico di primo piano nella storia del Risorgimento calabrese. Per approfondimenti su questi ultimi cfr. M. T. SORRENTI, Il patrimonio degli Enti Pubblici tra committenza ed acquisizioni, in S. VALTIERI (a cura di),la Grande Ricostruzione..

2 Si legge infatti, nella copia del contratto stilato il giorno 20 agosto del 1819 in presenza del notaio Don Antonio Lo Faro 4, che innanzi a lui erano comparsi Don Felice Genovese, con mandato di Procura dei deputati della Comune di Reggio, e Don Angelo Solari Scultore de Regi Studi della Corte di Napoli; le parti convenivano circa la realizzazione della statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I dell altezza di circa palmi 8 napoletani da eseguirsi in marmo statuario di Carrara. Il Solari si obbligava ad eseguire un modelletto in creta, della stessa altezza che avrebbe avuto l opera in marmo, e poi farne il calco in gesso e trarne due gettiti parimenti in gesso di cui uno sarebbe rimasto all artista per la successiva esecuzione in marmo, l altro da donarsi, invece, alla città di Reggio, fintanto che non fosse stata terminata l opera in marmo. Tempo per l esecuzione un anno e tre mesi e costo ducati 1300 di moneta effettiva di Argento. Solo alcuni anni più tardi nel maggio del 1828 si sarebbe proceduto all appalto del piedistallo in marmo sul quale collocarsi la statua di Sua Maestà Ferdinando I di dolce rimembranza ; l appalto andava al marmoraro messinese Antonio Amato di Giovanni colla garenzia solidale del Capomastro Giovanni Pangallo di Reggio per la somma di 1449 ducati, ivi compresi i 52,48 ducati per le iscrizioni e qualunque spesa imprevista; il basamento sarebbe stato consegnato il 31 agosto del La documentazione archivistica relativa all appalto del basamento contiene la perizia di spesa nella quale vengono indicate le caratteristiche del marmo da utilizzarsi, pietra marmoraria color grigio di Taormina di Sicilia e bianco di Carrara, numero dei gradini e loro lunghezza, descrizione degli elementi decorativi quali quattro ghirlande, ossiano festoni di fiori nelle quattro facciate del fregio sotto la crornice della cimasa [ ] quattro teste a basso rilievo nella corrispondenza di detto fergio [ ] esprimenti la.. Giustizia, la Clemenza, la Gloria [ ] quattro Trofei legati in una ghirlanda di fiori [ ] quattro cornucopie versanti monete d oro che verranno situati nei quattro angoli del finimento a piè della statua. Il disegno allegato alla perizia restituisce fedelmente quanto descritto nel contratto.(foto 2) Intorno al gruppo scultoreo con il suo piedistallo era, inoltre, prevista la realizzazione di uno steccato in ferro che servir deve per custodia ; Francesco Fargione e Domenicano Cartisano se ne aggiudicavano l appalto, mentre a Giovanni Carrozza spettava di situare intorno alla statua otto fanali per essere accesi in tutte le feste Civili. In data 31 agosto 1828 i Deputati incaricati di verificare l esecuzione dell opera secondo le regole dell arte e le prescrizioni in perizia, osservavano non poche discordanze in relazione ai materiali utilizzati e, nello specifico, che taluni marmi specialmente i più principali, che sono situati nei fondi delle facciate, sono pezzi levati di altre opere antiche ; essi evidenziavano anche irregolarità nella connessione delle facce eseguite e chiedevano, quindi, che nel pagare il lavoro si applicassero le sanzioni previste nel contratto corrispondendo, anziché i1449 ducati pattuiti, ducati 1397,51. Del sopralluogo veniva redatto verbale ed inviato all Intendente. Le note vicende politiche che travolsero la monarchia borbonica e coinvolsero la città di Reggio ed il suo territorio videro una partecipazione convinta di molti patrioti reggini ai moti insurrezionali esplosi nella città sin dal settembre 1848; moti repressi nel sangue si conclusero in Calabria con l arrivo del generale Garibaldi e la presa di Reggio il 21 agosto 1860.(foto 3) Come ricorda il De Lorenzo, fu in quella circostanza che la statua del Re Ferdinando I venne abbattuta dai reggini i quali, qualche anno più tardi, decidevano di commemorare l insurrezione del 2 settembre 1847 con il fare erigere nella nuova piazza Vittorio Emanuele una statua all Italia unita. 4 Archivio di Stato di Reggio Calabria (ASRC), Costruzione statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I ( ), inv. 37, B. 41, f ivi,

3 Nelle Delibere dell Amministrazione Municipale di Reggio Calabria del 10 novembre si conserva quanto deciso dal Consiglio in merito a lla proposta del Sig. Larussa Rocco del 26 settembre ultimo colla quale offre al Municipio di eseguire la scultura in marmo di una statua rappresentante l Italia per collocarsi sulla Piazza Vittorio Emanuele di questa città. Il Consiglio avendo diligentemente considerata l offerta del Signor Larussa, ed il parere dato dall Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e l attestato del professore di quella scuola dello scultore Sig. Vela coi quali si pronuncia unanime suffragio di lode al modello in creta per detta opera scultoria. [ ] delibera all unanimità dei voti accogliere l offerta del Signor Larussa incaricando la Giunta di stabilire le condizioni del contratto Ed in una successiva riunione del 23 ottobre dello stesso anno delibera una prima rata per l esecuzione dell opera di. 2000,00 Apprendiamo che il contratto veniva concluso tra il Larussa ed il Municipio il 26 novembre 1866, ma con delibera del 16 maggio 1868 il Consiglio accoglie per le circostanze da lui riferite la proposta dello scultore di modificare il contratto pel modo di valutarsi il merito della sua opera artistica, quanto per la nuova maniera da lui proposta per rimodernarsi il piedistallo esistente nella medesima Piazza [ ] il Sindaco procede alla nomina della Commissione in persone di Consiglieri Sigg. Vollaro Saverio, Gullì Saverio e Calarco Saverio [ ] il Consiglio all unanimità di voti l approva. Ad integrare i dati archivistici e darne più compiuta comprensione, interviene un opuscoletto contenente una memoria scritta da un non identificato AB*** che, nell intento di supplire ad un sepolcrale silenzio non degno di scusa seguito all inaugurazione del monumento all Italia il 12 settembre 1868, traccia un breve profilo del La Russa ricordandone anche l ardente patriottismo, e ripercorre la storia della genesi del monumento. Il modello in gesso della statua, compiuto nei primi mesi del 66, era stato sottoposto al giudizio dell Accademia di Torino il cui lusinghiero giudizio convinse il Municipio reggino ad affidare al maestro l esecuzione dell opera in marmo di Carrara, per la cui realizzazione riferisce l autore della memoria lo scultore impegnò fatica e denari ben oltre quanto il committente gli rifuse. Passa quindi a descrivere l imponente monumento e la fisionomia del volto della Signora che non esprime l alterigia, né la burbanza di chi si trascina legati al carro trionfale i re delle altre nazioni [ ] pel contrario Ella presenta una fisionomia maestosa e serena [ ] si scorge che l Artista possedeva nell attegiar quell aspetto la filosofia del bello 7 Abbiamo voluto riferire l entusiastico giudizio con il quale veniva accolta la pregevole scultura del Larussa nell ambiente culturale reggino perché esso ci fornisce significative indicazioni di ordine estetico e, in altre parole, individua quali fossero in città i linguaggi artistici ancora fortemente apprezzati a metà dell 800, attestati su formule oscillanti tra esperienze veriste ed un persistente gusto neoclassico. Il Larussa nel dar forma alla sua raffigurazione dell Italia unita dovette tener presente quanto il suo maestro all Accademia Albertina di Torino, Vincenzo Vela, aveva realizzato per il monumento che, dedicato ad una delle più prestigiose figure del Risorgimento italiano, Daniele Manin, di fatto iconograficamente raffigurava l Italia (F. 4, 5, 6, 7, 8), classicamente atteggiata, rappresentata mentre ostende con la mano destra la palma del martirio e con la sinistra tiene il medaglione entro cui è rilevata l effigie del Manin; il monumento era stato inaugurato il 22 marzo 1861 a Torino, ma il giudizio che un altro affermato scultore del tempo, Gaspare Galeazzi, pronuncia sull opera e sul suo autore non è senza dubbio lusinghiero. Il Galeazzi, pur nel lodare la corretta conduzione dell opera cosa che spregiativamente dice è merito di diligente scalpellino - osserva Oh quanto mi rallegrerei se il Vela si fosse educato ed ispirato allo studio degli artisti Greci, sì nella severità di stile, di composizione, e del giusto impianto che nell acconciamento delle parti accessorie, per 6 ASCRC, (Archivio Storico Comune di Reggio Calabria), Delibere dell Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, Sessione ordinaria di autunno dell anno 1866, B.9, f. 2 7 Rocco La Russa e l Italia statua ch ei lavorò per Reggio di Calabria. Memoria scritta dall AB***, Reggio Calabria, Tipografia Lipari e Basile, 1869

4 mezzo delle quali si otterrebbe il maggiore effetto del tutto - insieme. [ ] l intelligente contemplando la statua è quasi obbligato ad esclamare «peccato che sia stato negletto un sì bel concetto». [ ] Quelli che sono istruiti alla di lui (Vela) scuola, peggioreranno questa nobile arte ad eccezione forse di qualche privilegiato ingegno, che si persuaderà doversi applicare a più solidi studi 8 Si è voluto riferire il giudizio forse non del tutto asettico del Galeazzi per tentare una contestualizzazione storico culturale dell ambiente artistico che si era venuto maturando nelle riconosciute capitali dell arte in Italia nel corso del primo 800, oscillante tra una protratta fortuna della poetica classicista e le affermazioni puriste degli anni 40, epoca in cui il Vela era venuto a contatto a Roma, luogo privilegiato dell istruzione artistica, con uno dei riconosciuti protagonisti della scultura europea del tempo, Pietro Tenerani 9, professore di scultura all Accademia di San Luca, dal quale avrebbe derivato quel guardare tanto ai modelli antichi, quanto ai classici moderni 10, degni, cioè, di essere considerati opere canoniche da imitarsi. Accanto allo scultore ticinese, erano a Roma, allievi del Tenerani, molti maestri meridionali e tra questi il messinese Giuseppe Prinzi 11 che nel 1858, eseguiva, su commissione del Senato cittadino, la statua raffigurante Messina riconoscente al sovrano per la concessione del Portofranco (F. 9), originariamente collocata entro una nicchia, tra due lapidi commemorative dei patrioti del 1847, e Saro Zagari 12 che nella Verità scoperta dal Tempo, svolge come è stato già osservato 13 - una derivazione da un fortunato modello teneriano, quello della Flora (foto 10), oggi alla Gipsoteca di Palazzo Braschi. Prototipo molto fortunato, replicato anche dal calabrese Larussa per un notabile reggino, il cav. Domenico Genoese Zerbi (foto 11), e certo indicativo di un condiviso apprezzamento verso una poetica ed un linguaggio che cui si impronta tanta parte della produzione scultorea meridionale ben oltre la metà del secolo. Vicende di un monumento La documentazione archivistica consultata, unitamente ad una lettura dei periodici, ci informa che la Giunta Municipale reggina in data 14 gennaio 1920 deliberava, in considerazione dell avvenuta sistemazione della Piazza Vittorio Emanuele, lo spostamento della statua dell Italia che veniva a 8 G. GALEAZZI, L Italia (statua di Vela), Torino 1861, Tip. Naz. Di G. Biancardi 9 Sulla figura e la prolifica produzione di Pietro Tenerani cfr, S. GRANDESSO, Pietro Tenrani ( ), Milano, Silvana ed S. GRANDESSO, cit, p L. PALADINO, G. Prinzi, Messina riconoscente alla sovrana per la concessione del Portofranco, in L. PALADINO (a cura di ) La scultura a Messina nell Ottocento, Catalogo mostra (Messina Museo Regionale 21 agosto 31 ottobre 1997) p BARBERA G., Due statue ottocentesche per Messina: Ferdinando II di Pietro Tenerani e Messina riconoscente pel benefizio del Portofranco, in MOLONIA G:( a cura di) Il Quartiere ottavo di Messina Centro storico Diana e Clarenza, Messina 1994, pp

5 trovarsi in posizione eccentrica rispetto ad essa; la perizia di spesa era di ed il lavoro sarebbe stato eseguito a cura della ditta f.lli Pellegrino 14. Fu nel corso dell esecuzione dei lavori che comportavano, si legge, lo spostamento del manufatto su un altro basamento, che si vide precipitare la bella opera ed infrangersi. Si videro staccati i più importanti pezzi, la testa e il braccio che porgeva la corona ( F.12,13) 15. Tanto si legge nell articolo apparso su Cronaca di Calabria e nel quale Alfonso Frangipane, oltre a dare notizia dei danni accorsi all opera, ricorda come il Larussa, cui l opera era stata commissionata avesse scelto di dar vita trattandosi di un libero soggetto e non essendoci, quindi, alcuna indicazione iconografica da parte dell Amministrazione committente - una raffigurazione che prescindesse dal diventare apoteosi personale di un condottiero, ma divenisse piuttosto figurazione solenne della Patria libera. Le parole del Frangipane confermano quanto i documenti avevano già fatto rilevare in merito all impegno anche economico dell artista che assunse a suo carico spese come il trasporto del marmo dalle cave carraresi, normalmente a carico del committente. Ricorda, infine, lo studioso che l opera era stata inizialmente destinata ad ornare una nicchia del palazzo della Prefettura ma, successivamente, in considerazione delle dimensioni acquisite lo scultore era andato ben oltre i due metri commissionategli si ritenne più opportuno collocarla nella più importante piazza cittadina. I danni occorsi al monumento, che proprio in occasione del suo trasferimento venne collocato sull alto basamento gradonato ove trovasi tutt oggi, sono stati rilevati nel corso del recente restauro 16 che ha consentito di apprezzare, anche sotto il profilo tecnico oltre che estetico, la straordinaria abilità dello scultore reggino; l intervento conservativo ha, inoltre, portato ad un insperato ma alquanto significativo recupero. Di fatti, dovendosi provvedere al riallettamento e consolidamento delle sezioni lapidee poste a mò di piedistallo della statua, si osservava come due delle quattro sezioni recassero al loro interno un iscrizione che, seppure lacunosa, è stato possibile identificare ( F. 14, 15) con quella riportata dal De Lorenzo 17 ed incisa sul basamento del distrutto monumento 18 a Re Ferdinando I. Difficile dire, allo stato attuale delle ricerche, se la presenza di questi interessanti brani lapidei sia da ritenersi casuale, o, meglio, sia da considerarsi quale precisa scelta della committenza intesa ad onorare il martirio di quanti nel settembre del 1847 venivano fucilati, colpevoli di avere cospirato contro il sovrano e dato origine a quella rivolta che ben presto avrebbe portato alla caduta dell odiata tirannide. A noi sembra che non sia troppo lontana dal reale l ipotesi di una scelta mirata, quella di riutilizzare una lapide, non si sa bene come scampata all abbattimento del monumento da parte dei reggini esultanti per l ingresso di Garibaldi, e, si badi bene, utilizzarla quale scannello di quella scultura con la quale la collettività intendeva rendere omaggio al sacrificio di quei concittadini il cui sacrificio aveva contribuito a creare l Italia Unita. 14 ASRC, Prefettura, Spostamento della statua dell Italia, inv. 25, B. 239, f A. Frangipane, La statua dell Italia caduta a Reggio, in Cronaca di Calabria, A. XXVI, n. 27,p Sull intervento conservativo, diretto dal Soprintendente BSAE della Calabria, dr. Fabio de Chirico ed attuato di recente in occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario dell Unità d Italia con finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Unità Tecnica di Missione, cfr. M. T. SORRENTI, P. PASTORELLO,.in 17 A. DE LORENZO, Un terzo cit, p. 18 L. LOPA, La statua di Ferdinando I di Borbone a Reggio Calabria, < Calabria Sconosciuta> a. XVIII (1995), n. 41 e F. ARILLOTTA,

6

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo 01. Giuseppe Fiorelli G. Fiorelli (1823-1896) 1896) Nel contesto dell epoca: epoca: H. Schliemann 1822-1890 1890 W. Dörpfeld 1853-1940 1940 A.L.P.

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

- CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli

- CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli - CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli Palinuro (SA) - Via Indipendenza, 218 - Tel. - 931048-340/4657831 Consulenze, Manifestazioni, Rievocazioni storiche di eventi nel Regno delle

Dettagli

ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) FERDINANDO I NOI FRANCESCO

ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) FERDINANDO I NOI FRANCESCO ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) DECRETO DEL VICARIO GENERALE DEL RE NOI FRANCESCO DUCA DI CALABRIA, VICARIO GENERALE DEL RE COLL Alter Ego. In virtù dell atto della

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO Info e prenotazioni Ogni ultimo martedì del mese dalle ore 10:30 alle ore 12:30 Prenotazione obbligatoria Tel.: 081.2522371-373 e-mail saad.progetti@unisob.na.it per

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703. Torino, luglio 2011

REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703. Torino, luglio 2011 REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703 Torino, luglio 2011 Oggetto: elenco lavori eseguiti c/o Aleat * Restauro conservativo

Dettagli

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA Il Museo Nazionale del Cinema di Torino nasce nel 1941 da un progetto di Marita Adriana Prolo, collezionista e storica.oggi il Museo Nazionale del Cinema è ritornato

Dettagli

178 guida all archivio storico del senato

178 guida all archivio storico del senato 177 Real Casa «Gli atti, coi quali si accertano legalmente le nascite, i matrimonii e le morti dei membri della Famiglia reale, sono presentati al Senato, che ne ordina il deposito nei suoi archivii» (art.

Dettagli

Report Monumenti. Cerreto Alpi. Collagna. Collagna_1. Antistante alla chiesa. Composizione monumentale. Discreta 31/10/2013. Presidenza SEZIONE

Report Monumenti. Cerreto Alpi. Collagna. Collagna_1. Antistante alla chiesa. Composizione monumentale. Discreta 31/10/2013. Presidenza SEZIONE _1 Cerreto Alpi Antistante alla chiesa Composizione monumentale Si tratta di una composizione monumentale costituita da una struttura in pietra fluviale a cui sono fissate due lapidi in marmo bianco decorate

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE

VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE Data: 30/10/1980 Protocollo: 586/TN2 Mittente: Provincia autonoma di Trento Assessorato alle Attività Culturali e Sportive - dott. Guido Lorenzi Destinatario: Ministero

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese 7 aprile 2009 Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese Federica Bellè Gli aiuti ungheresi al popolo reggino in occasione del terremoto del 1908 è il tema

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7667 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO Disposizioni per la salvaguardia e il recupero del Real Albergo dei Poveri di

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO

ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA REGOLAMENTO DEL CERIMONIALE approvato con delibera di Consiglio Comunale n.40 del 09/10/2012 ART. 1 - FINALITA E CONTENUTO Il presente regolamento contiene l insieme delle

Dettagli

Tesori Sacri 2005. Esito del bando

Tesori Sacri 2005. Esito del bando Tesori Sacri 2005 Esito del bando Al bando Tesori Sacri 2005 hanno aderito 127 progetti, di cui 105 dal Piemonte e 22 dalla Liguria. A conclusione delle procedure di valutazione effettuate dagli Uffici,

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

Approvato nella riunione della Presidenza della C.E.I. del 28 gennaio 2015. Art. 1 Destinazione dei contributi (cfr. Disposizioni, art.

Approvato nella riunione della Presidenza della C.E.I. del 28 gennaio 2015. Art. 1 Destinazione dei contributi (cfr. Disposizioni, art. Regolamento applicativo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per l edilizia di culto Approvato nella riunione della Presidenza della

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a Giovan Pietro Morettini Pietro Morettini, figlio di Filippo, maestro muratore, e di Filippina Casserini, nacque nel 1660 a Camanoglio, frazione di Cerentino, località della Val Maggia nel Canton Ticino.

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 205 Seduta del 21/10/2013 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio. LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi

Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio. LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi Il ruolo degli archivi di Stato sul territorio LUCIANO SCALA Direttore Generale per gli Archivi Vorrei ringraziare i Vigili del fuoco dei quali ho avuto modo di apprezzare da vicino l impegno, la passione

Dettagli

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Il primo gruppo della processione dei Misteri, la Separazione, è formato dalla figura di Gesù, al centro, leggermente

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

PROSSIMI APPUNTAMENTI

PROSSIMI APPUNTAMENTI PROSSIMI APPUNTAMENTI Aperte le prenotazioni per la mostra RENOIR dalle Collezioni del Musée d'orsay e dell'orangerie!! AFFRETTATEVI A PRENOTARE I POSTI DISPONIBILI! Una grande mostra a Torino: Pierre-Auguste

Dettagli

Giuseppe Guzzetta VINCENZO MIRABELLA (1570 1624)

Giuseppe Guzzetta VINCENZO MIRABELLA (1570 1624) 26 Giuseppe Guzzetta VINCENZO MIRABELLA (1570 1624) Vincenzo Mirabella nacque a Siracusa nel 1570 da famiglia patrizia di origine francese, che si era trasferita in Sicilia agli inizi del Trecento, stabilendosi

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba VILLA ANGELICA (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba La villa Angelica, utilizzata da lord Hamilton per le sue escursioni sul Vesuvio, si trova tra Torre del Greco e Torre Annunziata, al numero civico

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo Archeologia Archeologia industriale industriale complesso complessodi diedifici edificiarea areaex ExSift Sift aa Piacenza Piacenza ex exmagazzini Magazzinigenerali generalicomunali comunali Piano Pianocaricatore

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

LUX FIDES Arte alla luce luce alla Fede

LUX FIDES Arte alla luce luce alla Fede COMUNE DI TAVERNA MUSEO CIVICO DI TAVERNA HERITAGE MALTA REGIONE CALABRIA - ASSESSORATO ALLA CULTURA PROVINCIA DI CATANZARO - ASSESSORATO ALLA CULTURA COLLABORAZIONE PREVISTE : MINISTERO PER I BENI E LE

Dettagli

la scuola è coinvolta in un servizio culturale per il pubblico

la scuola è coinvolta in un servizio culturale per il pubblico La Delegazione FAI di Siena e provincia in occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario dell'unità d'italia è lieta di presentare i seguenti progetti: Apprendisti Ciceroni al Museo la scuola è

Dettagli

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE A. CAMUSSONI DI ALBAIRATE S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE DENOMINAZIONE - SEDE ORIGINE NATURA GIURIDICA ART. 1 La Scuola dell Infanzia ALESSANDRO CAMUSSONI, con sede in Albairate Via Roma n. 22, ebbe

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO

CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO CHE COS É LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI

TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI TRACCE DEL RISORGIMENTO NEL TERRITORIO BRESCIANO IL MONUMENTO A GARIBALDI Il 13 giugno 1859 Garibaldi entrava trionfalmente a Brescia passando da Porta San Giovanni. Il popolo lo accoglieva con applausi

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

ITINERARIO GRAFICO... Il fascino di una città da scoprire...

ITINERARIO GRAFICO... Il fascino di una città da scoprire... ITINERARIO GRAFICO... Il fascino di una città da scoprire... LEGENDA 1 GIORNO 2 GIORNO 3 GIORNO ITINERARIO SINTETICO... 1 GIORNO: Partenza dai maggiori aeroporti italiani, ed arrivo in mattinata presso

Dettagli

La chiesa di San Biagio al Tegoleto

La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa di San Biagio al Tegoleto La chiesa, secolare, è sempre appartenuta al Capitolo della Cattedrale Aretina. Alcuni documenti attestano la sua esistenza già prima dell anno 1000. Varie sono state

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

A TORINO C È UN NUOVO MUSEO TUTTO DA SCOPRIRE.

A TORINO C È UN NUOVO MUSEO TUTTO DA SCOPRIRE. A TORINO C È UN NUOVO MUSEO Reale Mutua apre le porte del suo Museo Storico alle scuole. La SOCIETÀ REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI, fondata nel 1828, è una delle aziende più longeve del nostro Paese ed è

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA LA SINDONE A PALAZZO REALE TESORI PREZIOSI E LUOGHI SACRI AL TEMPO DI GUARINI, JUVARRA E ALFIERI Polo Reale di Torino Galleria della Sindone di Palazzo Reale

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Prot. n. 0275 1/3 Torino, 11 maggio 2010. Alle Società di Ginnastica sez. G.R.

Prot. n. 0275 1/3 Torino, 11 maggio 2010. Alle Società di Ginnastica sez. G.R. FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA Via Giordano Bruno, 191-10134 TORINO - Tel. 011/543600 - Telefax 011/533895 e-mail fgicrpv@alma.it sito web www.federginnastica-crpva.it

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Verso la costituzione della Fondazione Francesco Saverio Nitti. Il 17 novembre 2009 presso il Comune di Melfi la firma dell atto costitutivo

Verso la costituzione della Fondazione Francesco Saverio Nitti. Il 17 novembre 2009 presso il Comune di Melfi la firma dell atto costitutivo Verso la costituzione della Fondazione Francesco Saverio Nitti Il 17 novembre 2009 presso il Comune di Melfi la firma dell atto costitutivo Verso la costituzione della Fondazione Francesco Saverio Nitti

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 3 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico fondo uniformata locale

Dettagli

VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO

VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO VETRINA DELLE ECCELLENZE MADE IN ITALY PALAZZO ISIMBARDI MILANO 29 MAGGIO GIORNATE DI MOSCA 2014 Dal 29 al 31 maggio 2014 si svolgeranno a Milano le Giornate di Mosca a Milano 2014 che vede al centro di

Dettagli

(ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC.

(ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC. (ATTI DEL GOVERNO N. 3725). LEGGE in data 13 novembre 1859 sul Riordinamento dell Istruzione pubblica. VITTORIO EMANUELE II, ECC. ECC. In virtù dei poteri straordinarii a Noi conferiti colla Legge del

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

Eventi unici in alcuni dei luoghi più straordinari al mondo.

Eventi unici in alcuni dei luoghi più straordinari al mondo. eventi corporate Eventi unici in alcuni dei luoghi più straordinari al mondo. Chi decide di rivolgersi a Zètema per un evento di media o piccola entità, può scegliere tra più di quindici location aperte

Dettagli

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio RAFFAELLA MANELLI Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio Quaderni Estensi Rivista, I 2009 Con l avvio da parte

Dettagli

Cronistoria del prestigioso trofeo.. della Bandiera Triveneta

Cronistoria del prestigioso trofeo.. della Bandiera Triveneta Cronistoria del prestigioso trofeo.. della Bandiera Triveneta. La bandiera triveneta ha una storia più che centenaria, infatti essa è stata donata dall amministrazione comunale di Venezia nel 1898, alle

Dettagli

PITTI REGGIA APERTA. Cortile dell'ammannati. PalazzoPitti. Modello ligneo di Palazzo Pitti In restauro all'uffrcio restauri

PITTI REGGIA APERTA. Cortile dell'ammannati. PalazzoPitti. Modello ligneo di Palazzo Pitti In restauro all'uffrcio restauri PITTI REGGIA APERTA Cortile dell'ammannati Stoldo Lorerzi Fontana di Nettuno (statua in bronzo e quattro Deità marine in marmo) Restauro. con i fondi governativi (forse non suffrcienti per il calco) Seo.XVII

Dettagli

L approvazione del verbale n. 17/12 del 03/07/2012, viene rinviato.

L approvazione del verbale n. 17/12 del 03/07/2012, viene rinviato. VERBALE N 18/2012 Estratti delibere L anno 2012, il giorno 23 del mese di luglio, alle ore 15:20, previa osservanza di tutte le formalità previa osservazione di tutte le formalità prescritte dalle vigenti

Dettagli

Archivio Capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 61: Campo Verano e cimiteri

Archivio Capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 61: Campo Verano e cimiteri Archivio Capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 61: Campo Verano e cimiteri Il titolo 61 del Titolario generale postunitario racchiude in 131 buste documentazione relativa soprattutto

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi COMUNE DI CORANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 005, n 1 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI SINDACO

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli