La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*"

Transcript

1 M. Teresa Sorrenti La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa* Nelle indimenticabili pagine dedicate alla storia religiosa e civile della città di Reggio mons. Antonio De Lorenzo 1, accurato studioso e fine archeologo, inserisce un paragrafetto dall emblematico titolo I sette nomi della Piazza Vittorio Emanuele 2 nel quale ripercorre brevemente le vicende storiche che comportarono il mutare della denominazione della piazza che oggi, intitolata all Italia (F. 1), rappresenta, nel tessuto urbano cittadino, un luogo elitario per l eleganza dei prospetti architettonici degli edifici pubblici che su di essa si affacciano. Ricorda il De Lorenzo che, dopo la parentesi francese durante la quale la piazza ebbe nome dal Re Gioacchino - restaurata l antica dinastia, la piazza fu ribattezzata col nome di Piazza dei Gigli. E poi che venivano a compiersi le aspirazioni cittadine con la inaugurazione della provincia di Reggio, per sentimento di riconoscenza fu elevata nella piazza la statua marmorea di Ferdinando I, lavoro bellissimo del Tenerani. L alto piedistallo che portava il simulacro, era chiuso con ringhiera di ferro poggiante sopra i sedili di un recinto poligonale di pietra [ ] Venne finalmente il 21 agosto Quel giorno fu abbattuta e vandalicamente distrutta la statua; e la piazza, già della Cattolica, di Re Gioacchino, dei Gigli, prese il quarto nome di Vittorio Emanuele. Il popolino però, che non bada troppo ai titoli lapidari [ ] oggi lo chiama all Italia dalla statua del Larussa 3 che sorge nel mezzo L illustre storico fornisce, quindi, preziose informazioni, purtroppo però non sempre precise, come la ricerca archivistica ha consentito di rilevare. Il presente contributo è stato presentato nell ambito del Convegno Patrimonio Culturale e Fonti archivistiche. Esperienze a confronto, tenutosi a Reggio Calabria il 25 maggio 2012 ed organizzato dalla Soprintendenza Archivistica della Calabria e l Assessorato alla Cultura della Amministrazione provinciale di Reggio Calabria 1 Mons. De Lorenzo ( ), figura insigne di storico ed archeologo, resse la diocesi di Mileto e concluse la sua operosa esistenza a Roma dove venne insignito del titolo di arcivescovo di Seleucia e Consulente della Congregazione delle Indulgenze e delle Sacre Reliquie. Per approfondimenti sull opera e la figura di quest insigne studioso cfr. D. COPPOLA, Antonio Maria De Lorenzo e l ambiente culturale reggino attraverso i documenti dell Archivio di Stato di Reggio Calabria, <Rivista Storica Calabrese> N.S. XVII (1996), nn.1-2, pp ; D. MINUTO, Annotazioni sul lavoro storico di Antonio Maria De Lorenzo, <Rivista Storica Calabrese >N.S. XVIII (1997) nn. 1-2 ; Ibidem, V.F.LUZZI, Antonio Maria De Lorenzo, storico di Calabria e vescovo di Mileto( ), pp ; F. MARTORANO, Antonio De Lorenzo ( ): gli studi di topografia antica e medioevale,< Rivista Storica Calabrese> N.S. XIX (1998) nn. 1-2, pp A. DE LORENZO, Un terzo manipolo di monografie e memorie reggine e calabresi, Siena, tip. S. Bernardino, 1899; r.a. a cura di A. DENISI, Reggio Calabria, 2000, ed. Laruffa, p Rocco Larussa ( ), figura di ardente patriota oltre che di apprezzato scultore, compì la sua formazione presso l Accademia Albertina di Torino. Fu direttore della Scuola d Arte di Reggio e ricevette molte commissioni dal Municipio e dalla borghesia reggina. Per una aggiornata bibliografia su questo artista cfr. G. MUSOLINO., Il censimento del Gran Camposanto di Messina e la produzione funeraria tra Ottocento e Novecento, in G. MOLONIA P. AZZOLINA (a cura di), Un libro aperto sulla città. Il Gran Camposanto di Messina, La Grafica Editoriale, Messina 2000, pp : Nel Camposanto di Reggio si ammira tutt oggi il bassorilievo che orna la tomba del figlioletto dello scultore, Duilio, morto ad appena tre anni. Tra gli altri monumenti realizzati dallo scultore per la città di Reggio, si ricordano il monumento a Giuseppe Garibaldi, che veniva inaugurato nel 1864 nel piazzale antistante la stazione centrale, ed i busti del conte di Cavour (1864) e di Demetrio Salazar (1883), il primo.., il secondo nei locali del Museo Archeologico. Più tardo invece(1895), ma sostanzialmente ancorato agli schemi della ritrattistica romantica è il monumento a Federico, patriota e politico di primo piano nella storia del Risorgimento calabrese. Per approfondimenti su questi ultimi cfr. M. T. SORRENTI, Il patrimonio degli Enti Pubblici tra committenza ed acquisizioni, in S. VALTIERI (a cura di),la Grande Ricostruzione..

2 Si legge infatti, nella copia del contratto stilato il giorno 20 agosto del 1819 in presenza del notaio Don Antonio Lo Faro 4, che innanzi a lui erano comparsi Don Felice Genovese, con mandato di Procura dei deputati della Comune di Reggio, e Don Angelo Solari Scultore de Regi Studi della Corte di Napoli; le parti convenivano circa la realizzazione della statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I dell altezza di circa palmi 8 napoletani da eseguirsi in marmo statuario di Carrara. Il Solari si obbligava ad eseguire un modelletto in creta, della stessa altezza che avrebbe avuto l opera in marmo, e poi farne il calco in gesso e trarne due gettiti parimenti in gesso di cui uno sarebbe rimasto all artista per la successiva esecuzione in marmo, l altro da donarsi, invece, alla città di Reggio, fintanto che non fosse stata terminata l opera in marmo. Tempo per l esecuzione un anno e tre mesi e costo ducati 1300 di moneta effettiva di Argento. Solo alcuni anni più tardi nel maggio del 1828 si sarebbe proceduto all appalto del piedistallo in marmo sul quale collocarsi la statua di Sua Maestà Ferdinando I di dolce rimembranza ; l appalto andava al marmoraro messinese Antonio Amato di Giovanni colla garenzia solidale del Capomastro Giovanni Pangallo di Reggio per la somma di 1449 ducati, ivi compresi i 52,48 ducati per le iscrizioni e qualunque spesa imprevista; il basamento sarebbe stato consegnato il 31 agosto del La documentazione archivistica relativa all appalto del basamento contiene la perizia di spesa nella quale vengono indicate le caratteristiche del marmo da utilizzarsi, pietra marmoraria color grigio di Taormina di Sicilia e bianco di Carrara, numero dei gradini e loro lunghezza, descrizione degli elementi decorativi quali quattro ghirlande, ossiano festoni di fiori nelle quattro facciate del fregio sotto la crornice della cimasa [ ] quattro teste a basso rilievo nella corrispondenza di detto fergio [ ] esprimenti la.. Giustizia, la Clemenza, la Gloria [ ] quattro Trofei legati in una ghirlanda di fiori [ ] quattro cornucopie versanti monete d oro che verranno situati nei quattro angoli del finimento a piè della statua. Il disegno allegato alla perizia restituisce fedelmente quanto descritto nel contratto.(foto 2) Intorno al gruppo scultoreo con il suo piedistallo era, inoltre, prevista la realizzazione di uno steccato in ferro che servir deve per custodia ; Francesco Fargione e Domenicano Cartisano se ne aggiudicavano l appalto, mentre a Giovanni Carrozza spettava di situare intorno alla statua otto fanali per essere accesi in tutte le feste Civili. In data 31 agosto 1828 i Deputati incaricati di verificare l esecuzione dell opera secondo le regole dell arte e le prescrizioni in perizia, osservavano non poche discordanze in relazione ai materiali utilizzati e, nello specifico, che taluni marmi specialmente i più principali, che sono situati nei fondi delle facciate, sono pezzi levati di altre opere antiche ; essi evidenziavano anche irregolarità nella connessione delle facce eseguite e chiedevano, quindi, che nel pagare il lavoro si applicassero le sanzioni previste nel contratto corrispondendo, anziché i1449 ducati pattuiti, ducati 1397,51. Del sopralluogo veniva redatto verbale ed inviato all Intendente. Le note vicende politiche che travolsero la monarchia borbonica e coinvolsero la città di Reggio ed il suo territorio videro una partecipazione convinta di molti patrioti reggini ai moti insurrezionali esplosi nella città sin dal settembre 1848; moti repressi nel sangue si conclusero in Calabria con l arrivo del generale Garibaldi e la presa di Reggio il 21 agosto 1860.(foto 3) Come ricorda il De Lorenzo, fu in quella circostanza che la statua del Re Ferdinando I venne abbattuta dai reggini i quali, qualche anno più tardi, decidevano di commemorare l insurrezione del 2 settembre 1847 con il fare erigere nella nuova piazza Vittorio Emanuele una statua all Italia unita. 4 Archivio di Stato di Reggio Calabria (ASRC), Costruzione statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I ( ), inv. 37, B. 41, f ivi,

3 Nelle Delibere dell Amministrazione Municipale di Reggio Calabria del 10 novembre si conserva quanto deciso dal Consiglio in merito a lla proposta del Sig. Larussa Rocco del 26 settembre ultimo colla quale offre al Municipio di eseguire la scultura in marmo di una statua rappresentante l Italia per collocarsi sulla Piazza Vittorio Emanuele di questa città. Il Consiglio avendo diligentemente considerata l offerta del Signor Larussa, ed il parere dato dall Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e l attestato del professore di quella scuola dello scultore Sig. Vela coi quali si pronuncia unanime suffragio di lode al modello in creta per detta opera scultoria. [ ] delibera all unanimità dei voti accogliere l offerta del Signor Larussa incaricando la Giunta di stabilire le condizioni del contratto Ed in una successiva riunione del 23 ottobre dello stesso anno delibera una prima rata per l esecuzione dell opera di. 2000,00 Apprendiamo che il contratto veniva concluso tra il Larussa ed il Municipio il 26 novembre 1866, ma con delibera del 16 maggio 1868 il Consiglio accoglie per le circostanze da lui riferite la proposta dello scultore di modificare il contratto pel modo di valutarsi il merito della sua opera artistica, quanto per la nuova maniera da lui proposta per rimodernarsi il piedistallo esistente nella medesima Piazza [ ] il Sindaco procede alla nomina della Commissione in persone di Consiglieri Sigg. Vollaro Saverio, Gullì Saverio e Calarco Saverio [ ] il Consiglio all unanimità di voti l approva. Ad integrare i dati archivistici e darne più compiuta comprensione, interviene un opuscoletto contenente una memoria scritta da un non identificato AB*** che, nell intento di supplire ad un sepolcrale silenzio non degno di scusa seguito all inaugurazione del monumento all Italia il 12 settembre 1868, traccia un breve profilo del La Russa ricordandone anche l ardente patriottismo, e ripercorre la storia della genesi del monumento. Il modello in gesso della statua, compiuto nei primi mesi del 66, era stato sottoposto al giudizio dell Accademia di Torino il cui lusinghiero giudizio convinse il Municipio reggino ad affidare al maestro l esecuzione dell opera in marmo di Carrara, per la cui realizzazione riferisce l autore della memoria lo scultore impegnò fatica e denari ben oltre quanto il committente gli rifuse. Passa quindi a descrivere l imponente monumento e la fisionomia del volto della Signora che non esprime l alterigia, né la burbanza di chi si trascina legati al carro trionfale i re delle altre nazioni [ ] pel contrario Ella presenta una fisionomia maestosa e serena [ ] si scorge che l Artista possedeva nell attegiar quell aspetto la filosofia del bello 7 Abbiamo voluto riferire l entusiastico giudizio con il quale veniva accolta la pregevole scultura del Larussa nell ambiente culturale reggino perché esso ci fornisce significative indicazioni di ordine estetico e, in altre parole, individua quali fossero in città i linguaggi artistici ancora fortemente apprezzati a metà dell 800, attestati su formule oscillanti tra esperienze veriste ed un persistente gusto neoclassico. Il Larussa nel dar forma alla sua raffigurazione dell Italia unita dovette tener presente quanto il suo maestro all Accademia Albertina di Torino, Vincenzo Vela, aveva realizzato per il monumento che, dedicato ad una delle più prestigiose figure del Risorgimento italiano, Daniele Manin, di fatto iconograficamente raffigurava l Italia (F. 4, 5, 6, 7, 8), classicamente atteggiata, rappresentata mentre ostende con la mano destra la palma del martirio e con la sinistra tiene il medaglione entro cui è rilevata l effigie del Manin; il monumento era stato inaugurato il 22 marzo 1861 a Torino, ma il giudizio che un altro affermato scultore del tempo, Gaspare Galeazzi, pronuncia sull opera e sul suo autore non è senza dubbio lusinghiero. Il Galeazzi, pur nel lodare la corretta conduzione dell opera cosa che spregiativamente dice è merito di diligente scalpellino - osserva Oh quanto mi rallegrerei se il Vela si fosse educato ed ispirato allo studio degli artisti Greci, sì nella severità di stile, di composizione, e del giusto impianto che nell acconciamento delle parti accessorie, per 6 ASCRC, (Archivio Storico Comune di Reggio Calabria), Delibere dell Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, Sessione ordinaria di autunno dell anno 1866, B.9, f. 2 7 Rocco La Russa e l Italia statua ch ei lavorò per Reggio di Calabria. Memoria scritta dall AB***, Reggio Calabria, Tipografia Lipari e Basile, 1869

4 mezzo delle quali si otterrebbe il maggiore effetto del tutto - insieme. [ ] l intelligente contemplando la statua è quasi obbligato ad esclamare «peccato che sia stato negletto un sì bel concetto». [ ] Quelli che sono istruiti alla di lui (Vela) scuola, peggioreranno questa nobile arte ad eccezione forse di qualche privilegiato ingegno, che si persuaderà doversi applicare a più solidi studi 8 Si è voluto riferire il giudizio forse non del tutto asettico del Galeazzi per tentare una contestualizzazione storico culturale dell ambiente artistico che si era venuto maturando nelle riconosciute capitali dell arte in Italia nel corso del primo 800, oscillante tra una protratta fortuna della poetica classicista e le affermazioni puriste degli anni 40, epoca in cui il Vela era venuto a contatto a Roma, luogo privilegiato dell istruzione artistica, con uno dei riconosciuti protagonisti della scultura europea del tempo, Pietro Tenerani 9, professore di scultura all Accademia di San Luca, dal quale avrebbe derivato quel guardare tanto ai modelli antichi, quanto ai classici moderni 10, degni, cioè, di essere considerati opere canoniche da imitarsi. Accanto allo scultore ticinese, erano a Roma, allievi del Tenerani, molti maestri meridionali e tra questi il messinese Giuseppe Prinzi 11 che nel 1858, eseguiva, su commissione del Senato cittadino, la statua raffigurante Messina riconoscente al sovrano per la concessione del Portofranco (F. 9), originariamente collocata entro una nicchia, tra due lapidi commemorative dei patrioti del 1847, e Saro Zagari 12 che nella Verità scoperta dal Tempo, svolge come è stato già osservato 13 - una derivazione da un fortunato modello teneriano, quello della Flora (foto 10), oggi alla Gipsoteca di Palazzo Braschi. Prototipo molto fortunato, replicato anche dal calabrese Larussa per un notabile reggino, il cav. Domenico Genoese Zerbi (foto 11), e certo indicativo di un condiviso apprezzamento verso una poetica ed un linguaggio che cui si impronta tanta parte della produzione scultorea meridionale ben oltre la metà del secolo. Vicende di un monumento La documentazione archivistica consultata, unitamente ad una lettura dei periodici, ci informa che la Giunta Municipale reggina in data 14 gennaio 1920 deliberava, in considerazione dell avvenuta sistemazione della Piazza Vittorio Emanuele, lo spostamento della statua dell Italia che veniva a 8 G. GALEAZZI, L Italia (statua di Vela), Torino 1861, Tip. Naz. Di G. Biancardi 9 Sulla figura e la prolifica produzione di Pietro Tenerani cfr, S. GRANDESSO, Pietro Tenrani ( ), Milano, Silvana ed S. GRANDESSO, cit, p L. PALADINO, G. Prinzi, Messina riconoscente alla sovrana per la concessione del Portofranco, in L. PALADINO (a cura di ) La scultura a Messina nell Ottocento, Catalogo mostra (Messina Museo Regionale 21 agosto 31 ottobre 1997) p BARBERA G., Due statue ottocentesche per Messina: Ferdinando II di Pietro Tenerani e Messina riconoscente pel benefizio del Portofranco, in MOLONIA G:( a cura di) Il Quartiere ottavo di Messina Centro storico Diana e Clarenza, Messina 1994, pp

5 trovarsi in posizione eccentrica rispetto ad essa; la perizia di spesa era di ed il lavoro sarebbe stato eseguito a cura della ditta f.lli Pellegrino 14. Fu nel corso dell esecuzione dei lavori che comportavano, si legge, lo spostamento del manufatto su un altro basamento, che si vide precipitare la bella opera ed infrangersi. Si videro staccati i più importanti pezzi, la testa e il braccio che porgeva la corona ( F.12,13) 15. Tanto si legge nell articolo apparso su Cronaca di Calabria e nel quale Alfonso Frangipane, oltre a dare notizia dei danni accorsi all opera, ricorda come il Larussa, cui l opera era stata commissionata avesse scelto di dar vita trattandosi di un libero soggetto e non essendoci, quindi, alcuna indicazione iconografica da parte dell Amministrazione committente - una raffigurazione che prescindesse dal diventare apoteosi personale di un condottiero, ma divenisse piuttosto figurazione solenne della Patria libera. Le parole del Frangipane confermano quanto i documenti avevano già fatto rilevare in merito all impegno anche economico dell artista che assunse a suo carico spese come il trasporto del marmo dalle cave carraresi, normalmente a carico del committente. Ricorda, infine, lo studioso che l opera era stata inizialmente destinata ad ornare una nicchia del palazzo della Prefettura ma, successivamente, in considerazione delle dimensioni acquisite lo scultore era andato ben oltre i due metri commissionategli si ritenne più opportuno collocarla nella più importante piazza cittadina. I danni occorsi al monumento, che proprio in occasione del suo trasferimento venne collocato sull alto basamento gradonato ove trovasi tutt oggi, sono stati rilevati nel corso del recente restauro 16 che ha consentito di apprezzare, anche sotto il profilo tecnico oltre che estetico, la straordinaria abilità dello scultore reggino; l intervento conservativo ha, inoltre, portato ad un insperato ma alquanto significativo recupero. Di fatti, dovendosi provvedere al riallettamento e consolidamento delle sezioni lapidee poste a mò di piedistallo della statua, si osservava come due delle quattro sezioni recassero al loro interno un iscrizione che, seppure lacunosa, è stato possibile identificare ( F. 14, 15) con quella riportata dal De Lorenzo 17 ed incisa sul basamento del distrutto monumento 18 a Re Ferdinando I. Difficile dire, allo stato attuale delle ricerche, se la presenza di questi interessanti brani lapidei sia da ritenersi casuale, o, meglio, sia da considerarsi quale precisa scelta della committenza intesa ad onorare il martirio di quanti nel settembre del 1847 venivano fucilati, colpevoli di avere cospirato contro il sovrano e dato origine a quella rivolta che ben presto avrebbe portato alla caduta dell odiata tirannide. A noi sembra che non sia troppo lontana dal reale l ipotesi di una scelta mirata, quella di riutilizzare una lapide, non si sa bene come scampata all abbattimento del monumento da parte dei reggini esultanti per l ingresso di Garibaldi, e, si badi bene, utilizzarla quale scannello di quella scultura con la quale la collettività intendeva rendere omaggio al sacrificio di quei concittadini il cui sacrificio aveva contribuito a creare l Italia Unita. 14 ASRC, Prefettura, Spostamento della statua dell Italia, inv. 25, B. 239, f A. Frangipane, La statua dell Italia caduta a Reggio, in Cronaca di Calabria, A. XXVI, n. 27,p Sull intervento conservativo, diretto dal Soprintendente BSAE della Calabria, dr. Fabio de Chirico ed attuato di recente in occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario dell Unità d Italia con finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Unità Tecnica di Missione, cfr. M. T. SORRENTI, P. PASTORELLO,.in 17 A. DE LORENZO, Un terzo cit, p. 18 L. LOPA, La statua di Ferdinando I di Borbone a Reggio Calabria, < Calabria Sconosciuta> a. XVIII (1995), n. 41 e F. ARILLOTTA,

6

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

WILHELM SENONER E UNO DI NOI

WILHELM SENONER E UNO DI NOI WILHELM SENONER E UNO DI NOI Dopo l installazione presso il Padiglione Italia di Torino in occasione della 54 Biennale d Arte di Venezia, una nuova metafora della condizione umana rappresentata dal lavoro

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con

SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Orario in vigore dal 23 Febbraio 2015 integrato con SESTRIERE - PEROSA A. - PINEROLO - TORINO Frequenza 123456 12345 GG 123456 12345 6 12345 78 12345 12345 12345 12345 6 123456 6 12345 12345 12345 12345 12345 Note A A A A A Scol A A V A A SESTRIERE PRAGELATO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli