La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa*"

Transcript

1 M. Teresa Sorrenti La conservazione del patrimonio e la ricerca d archivio. Il caso del Monumento all Italia di Rocco Larussa* Nelle indimenticabili pagine dedicate alla storia religiosa e civile della città di Reggio mons. Antonio De Lorenzo 1, accurato studioso e fine archeologo, inserisce un paragrafetto dall emblematico titolo I sette nomi della Piazza Vittorio Emanuele 2 nel quale ripercorre brevemente le vicende storiche che comportarono il mutare della denominazione della piazza che oggi, intitolata all Italia (F. 1), rappresenta, nel tessuto urbano cittadino, un luogo elitario per l eleganza dei prospetti architettonici degli edifici pubblici che su di essa si affacciano. Ricorda il De Lorenzo che, dopo la parentesi francese durante la quale la piazza ebbe nome dal Re Gioacchino - restaurata l antica dinastia, la piazza fu ribattezzata col nome di Piazza dei Gigli. E poi che venivano a compiersi le aspirazioni cittadine con la inaugurazione della provincia di Reggio, per sentimento di riconoscenza fu elevata nella piazza la statua marmorea di Ferdinando I, lavoro bellissimo del Tenerani. L alto piedistallo che portava il simulacro, era chiuso con ringhiera di ferro poggiante sopra i sedili di un recinto poligonale di pietra [ ] Venne finalmente il 21 agosto Quel giorno fu abbattuta e vandalicamente distrutta la statua; e la piazza, già della Cattolica, di Re Gioacchino, dei Gigli, prese il quarto nome di Vittorio Emanuele. Il popolino però, che non bada troppo ai titoli lapidari [ ] oggi lo chiama all Italia dalla statua del Larussa 3 che sorge nel mezzo L illustre storico fornisce, quindi, preziose informazioni, purtroppo però non sempre precise, come la ricerca archivistica ha consentito di rilevare. Il presente contributo è stato presentato nell ambito del Convegno Patrimonio Culturale e Fonti archivistiche. Esperienze a confronto, tenutosi a Reggio Calabria il 25 maggio 2012 ed organizzato dalla Soprintendenza Archivistica della Calabria e l Assessorato alla Cultura della Amministrazione provinciale di Reggio Calabria 1 Mons. De Lorenzo ( ), figura insigne di storico ed archeologo, resse la diocesi di Mileto e concluse la sua operosa esistenza a Roma dove venne insignito del titolo di arcivescovo di Seleucia e Consulente della Congregazione delle Indulgenze e delle Sacre Reliquie. Per approfondimenti sull opera e la figura di quest insigne studioso cfr. D. COPPOLA, Antonio Maria De Lorenzo e l ambiente culturale reggino attraverso i documenti dell Archivio di Stato di Reggio Calabria, <Rivista Storica Calabrese> N.S. XVII (1996), nn.1-2, pp ; D. MINUTO, Annotazioni sul lavoro storico di Antonio Maria De Lorenzo, <Rivista Storica Calabrese >N.S. XVIII (1997) nn. 1-2 ; Ibidem, V.F.LUZZI, Antonio Maria De Lorenzo, storico di Calabria e vescovo di Mileto( ), pp ; F. MARTORANO, Antonio De Lorenzo ( ): gli studi di topografia antica e medioevale,< Rivista Storica Calabrese> N.S. XIX (1998) nn. 1-2, pp A. DE LORENZO, Un terzo manipolo di monografie e memorie reggine e calabresi, Siena, tip. S. Bernardino, 1899; r.a. a cura di A. DENISI, Reggio Calabria, 2000, ed. Laruffa, p Rocco Larussa ( ), figura di ardente patriota oltre che di apprezzato scultore, compì la sua formazione presso l Accademia Albertina di Torino. Fu direttore della Scuola d Arte di Reggio e ricevette molte commissioni dal Municipio e dalla borghesia reggina. Per una aggiornata bibliografia su questo artista cfr. G. MUSOLINO., Il censimento del Gran Camposanto di Messina e la produzione funeraria tra Ottocento e Novecento, in G. MOLONIA P. AZZOLINA (a cura di), Un libro aperto sulla città. Il Gran Camposanto di Messina, La Grafica Editoriale, Messina 2000, pp : Nel Camposanto di Reggio si ammira tutt oggi il bassorilievo che orna la tomba del figlioletto dello scultore, Duilio, morto ad appena tre anni. Tra gli altri monumenti realizzati dallo scultore per la città di Reggio, si ricordano il monumento a Giuseppe Garibaldi, che veniva inaugurato nel 1864 nel piazzale antistante la stazione centrale, ed i busti del conte di Cavour (1864) e di Demetrio Salazar (1883), il primo.., il secondo nei locali del Museo Archeologico. Più tardo invece(1895), ma sostanzialmente ancorato agli schemi della ritrattistica romantica è il monumento a Federico, patriota e politico di primo piano nella storia del Risorgimento calabrese. Per approfondimenti su questi ultimi cfr. M. T. SORRENTI, Il patrimonio degli Enti Pubblici tra committenza ed acquisizioni, in S. VALTIERI (a cura di),la Grande Ricostruzione..

2 Si legge infatti, nella copia del contratto stilato il giorno 20 agosto del 1819 in presenza del notaio Don Antonio Lo Faro 4, che innanzi a lui erano comparsi Don Felice Genovese, con mandato di Procura dei deputati della Comune di Reggio, e Don Angelo Solari Scultore de Regi Studi della Corte di Napoli; le parti convenivano circa la realizzazione della statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I dell altezza di circa palmi 8 napoletani da eseguirsi in marmo statuario di Carrara. Il Solari si obbligava ad eseguire un modelletto in creta, della stessa altezza che avrebbe avuto l opera in marmo, e poi farne il calco in gesso e trarne due gettiti parimenti in gesso di cui uno sarebbe rimasto all artista per la successiva esecuzione in marmo, l altro da donarsi, invece, alla città di Reggio, fintanto che non fosse stata terminata l opera in marmo. Tempo per l esecuzione un anno e tre mesi e costo ducati 1300 di moneta effettiva di Argento. Solo alcuni anni più tardi nel maggio del 1828 si sarebbe proceduto all appalto del piedistallo in marmo sul quale collocarsi la statua di Sua Maestà Ferdinando I di dolce rimembranza ; l appalto andava al marmoraro messinese Antonio Amato di Giovanni colla garenzia solidale del Capomastro Giovanni Pangallo di Reggio per la somma di 1449 ducati, ivi compresi i 52,48 ducati per le iscrizioni e qualunque spesa imprevista; il basamento sarebbe stato consegnato il 31 agosto del La documentazione archivistica relativa all appalto del basamento contiene la perizia di spesa nella quale vengono indicate le caratteristiche del marmo da utilizzarsi, pietra marmoraria color grigio di Taormina di Sicilia e bianco di Carrara, numero dei gradini e loro lunghezza, descrizione degli elementi decorativi quali quattro ghirlande, ossiano festoni di fiori nelle quattro facciate del fregio sotto la crornice della cimasa [ ] quattro teste a basso rilievo nella corrispondenza di detto fergio [ ] esprimenti la.. Giustizia, la Clemenza, la Gloria [ ] quattro Trofei legati in una ghirlanda di fiori [ ] quattro cornucopie versanti monete d oro che verranno situati nei quattro angoli del finimento a piè della statua. Il disegno allegato alla perizia restituisce fedelmente quanto descritto nel contratto.(foto 2) Intorno al gruppo scultoreo con il suo piedistallo era, inoltre, prevista la realizzazione di uno steccato in ferro che servir deve per custodia ; Francesco Fargione e Domenicano Cartisano se ne aggiudicavano l appalto, mentre a Giovanni Carrozza spettava di situare intorno alla statua otto fanali per essere accesi in tutte le feste Civili. In data 31 agosto 1828 i Deputati incaricati di verificare l esecuzione dell opera secondo le regole dell arte e le prescrizioni in perizia, osservavano non poche discordanze in relazione ai materiali utilizzati e, nello specifico, che taluni marmi specialmente i più principali, che sono situati nei fondi delle facciate, sono pezzi levati di altre opere antiche ; essi evidenziavano anche irregolarità nella connessione delle facce eseguite e chiedevano, quindi, che nel pagare il lavoro si applicassero le sanzioni previste nel contratto corrispondendo, anziché i1449 ducati pattuiti, ducati 1397,51. Del sopralluogo veniva redatto verbale ed inviato all Intendente. Le note vicende politiche che travolsero la monarchia borbonica e coinvolsero la città di Reggio ed il suo territorio videro una partecipazione convinta di molti patrioti reggini ai moti insurrezionali esplosi nella città sin dal settembre 1848; moti repressi nel sangue si conclusero in Calabria con l arrivo del generale Garibaldi e la presa di Reggio il 21 agosto 1860.(foto 3) Come ricorda il De Lorenzo, fu in quella circostanza che la statua del Re Ferdinando I venne abbattuta dai reggini i quali, qualche anno più tardi, decidevano di commemorare l insurrezione del 2 settembre 1847 con il fare erigere nella nuova piazza Vittorio Emanuele una statua all Italia unita. 4 Archivio di Stato di Reggio Calabria (ASRC), Costruzione statua in marmo di Sua Maestà Ferdinando I ( ), inv. 37, B. 41, f ivi,

3 Nelle Delibere dell Amministrazione Municipale di Reggio Calabria del 10 novembre si conserva quanto deciso dal Consiglio in merito a lla proposta del Sig. Larussa Rocco del 26 settembre ultimo colla quale offre al Municipio di eseguire la scultura in marmo di una statua rappresentante l Italia per collocarsi sulla Piazza Vittorio Emanuele di questa città. Il Consiglio avendo diligentemente considerata l offerta del Signor Larussa, ed il parere dato dall Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e l attestato del professore di quella scuola dello scultore Sig. Vela coi quali si pronuncia unanime suffragio di lode al modello in creta per detta opera scultoria. [ ] delibera all unanimità dei voti accogliere l offerta del Signor Larussa incaricando la Giunta di stabilire le condizioni del contratto Ed in una successiva riunione del 23 ottobre dello stesso anno delibera una prima rata per l esecuzione dell opera di. 2000,00 Apprendiamo che il contratto veniva concluso tra il Larussa ed il Municipio il 26 novembre 1866, ma con delibera del 16 maggio 1868 il Consiglio accoglie per le circostanze da lui riferite la proposta dello scultore di modificare il contratto pel modo di valutarsi il merito della sua opera artistica, quanto per la nuova maniera da lui proposta per rimodernarsi il piedistallo esistente nella medesima Piazza [ ] il Sindaco procede alla nomina della Commissione in persone di Consiglieri Sigg. Vollaro Saverio, Gullì Saverio e Calarco Saverio [ ] il Consiglio all unanimità di voti l approva. Ad integrare i dati archivistici e darne più compiuta comprensione, interviene un opuscoletto contenente una memoria scritta da un non identificato AB*** che, nell intento di supplire ad un sepolcrale silenzio non degno di scusa seguito all inaugurazione del monumento all Italia il 12 settembre 1868, traccia un breve profilo del La Russa ricordandone anche l ardente patriottismo, e ripercorre la storia della genesi del monumento. Il modello in gesso della statua, compiuto nei primi mesi del 66, era stato sottoposto al giudizio dell Accademia di Torino il cui lusinghiero giudizio convinse il Municipio reggino ad affidare al maestro l esecuzione dell opera in marmo di Carrara, per la cui realizzazione riferisce l autore della memoria lo scultore impegnò fatica e denari ben oltre quanto il committente gli rifuse. Passa quindi a descrivere l imponente monumento e la fisionomia del volto della Signora che non esprime l alterigia, né la burbanza di chi si trascina legati al carro trionfale i re delle altre nazioni [ ] pel contrario Ella presenta una fisionomia maestosa e serena [ ] si scorge che l Artista possedeva nell attegiar quell aspetto la filosofia del bello 7 Abbiamo voluto riferire l entusiastico giudizio con il quale veniva accolta la pregevole scultura del Larussa nell ambiente culturale reggino perché esso ci fornisce significative indicazioni di ordine estetico e, in altre parole, individua quali fossero in città i linguaggi artistici ancora fortemente apprezzati a metà dell 800, attestati su formule oscillanti tra esperienze veriste ed un persistente gusto neoclassico. Il Larussa nel dar forma alla sua raffigurazione dell Italia unita dovette tener presente quanto il suo maestro all Accademia Albertina di Torino, Vincenzo Vela, aveva realizzato per il monumento che, dedicato ad una delle più prestigiose figure del Risorgimento italiano, Daniele Manin, di fatto iconograficamente raffigurava l Italia (F. 4, 5, 6, 7, 8), classicamente atteggiata, rappresentata mentre ostende con la mano destra la palma del martirio e con la sinistra tiene il medaglione entro cui è rilevata l effigie del Manin; il monumento era stato inaugurato il 22 marzo 1861 a Torino, ma il giudizio che un altro affermato scultore del tempo, Gaspare Galeazzi, pronuncia sull opera e sul suo autore non è senza dubbio lusinghiero. Il Galeazzi, pur nel lodare la corretta conduzione dell opera cosa che spregiativamente dice è merito di diligente scalpellino - osserva Oh quanto mi rallegrerei se il Vela si fosse educato ed ispirato allo studio degli artisti Greci, sì nella severità di stile, di composizione, e del giusto impianto che nell acconciamento delle parti accessorie, per 6 ASCRC, (Archivio Storico Comune di Reggio Calabria), Delibere dell Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, Sessione ordinaria di autunno dell anno 1866, B.9, f. 2 7 Rocco La Russa e l Italia statua ch ei lavorò per Reggio di Calabria. Memoria scritta dall AB***, Reggio Calabria, Tipografia Lipari e Basile, 1869

4 mezzo delle quali si otterrebbe il maggiore effetto del tutto - insieme. [ ] l intelligente contemplando la statua è quasi obbligato ad esclamare «peccato che sia stato negletto un sì bel concetto». [ ] Quelli che sono istruiti alla di lui (Vela) scuola, peggioreranno questa nobile arte ad eccezione forse di qualche privilegiato ingegno, che si persuaderà doversi applicare a più solidi studi 8 Si è voluto riferire il giudizio forse non del tutto asettico del Galeazzi per tentare una contestualizzazione storico culturale dell ambiente artistico che si era venuto maturando nelle riconosciute capitali dell arte in Italia nel corso del primo 800, oscillante tra una protratta fortuna della poetica classicista e le affermazioni puriste degli anni 40, epoca in cui il Vela era venuto a contatto a Roma, luogo privilegiato dell istruzione artistica, con uno dei riconosciuti protagonisti della scultura europea del tempo, Pietro Tenerani 9, professore di scultura all Accademia di San Luca, dal quale avrebbe derivato quel guardare tanto ai modelli antichi, quanto ai classici moderni 10, degni, cioè, di essere considerati opere canoniche da imitarsi. Accanto allo scultore ticinese, erano a Roma, allievi del Tenerani, molti maestri meridionali e tra questi il messinese Giuseppe Prinzi 11 che nel 1858, eseguiva, su commissione del Senato cittadino, la statua raffigurante Messina riconoscente al sovrano per la concessione del Portofranco (F. 9), originariamente collocata entro una nicchia, tra due lapidi commemorative dei patrioti del 1847, e Saro Zagari 12 che nella Verità scoperta dal Tempo, svolge come è stato già osservato 13 - una derivazione da un fortunato modello teneriano, quello della Flora (foto 10), oggi alla Gipsoteca di Palazzo Braschi. Prototipo molto fortunato, replicato anche dal calabrese Larussa per un notabile reggino, il cav. Domenico Genoese Zerbi (foto 11), e certo indicativo di un condiviso apprezzamento verso una poetica ed un linguaggio che cui si impronta tanta parte della produzione scultorea meridionale ben oltre la metà del secolo. Vicende di un monumento La documentazione archivistica consultata, unitamente ad una lettura dei periodici, ci informa che la Giunta Municipale reggina in data 14 gennaio 1920 deliberava, in considerazione dell avvenuta sistemazione della Piazza Vittorio Emanuele, lo spostamento della statua dell Italia che veniva a 8 G. GALEAZZI, L Italia (statua di Vela), Torino 1861, Tip. Naz. Di G. Biancardi 9 Sulla figura e la prolifica produzione di Pietro Tenerani cfr, S. GRANDESSO, Pietro Tenrani ( ), Milano, Silvana ed S. GRANDESSO, cit, p L. PALADINO, G. Prinzi, Messina riconoscente alla sovrana per la concessione del Portofranco, in L. PALADINO (a cura di ) La scultura a Messina nell Ottocento, Catalogo mostra (Messina Museo Regionale 21 agosto 31 ottobre 1997) p BARBERA G., Due statue ottocentesche per Messina: Ferdinando II di Pietro Tenerani e Messina riconoscente pel benefizio del Portofranco, in MOLONIA G:( a cura di) Il Quartiere ottavo di Messina Centro storico Diana e Clarenza, Messina 1994, pp

5 trovarsi in posizione eccentrica rispetto ad essa; la perizia di spesa era di ed il lavoro sarebbe stato eseguito a cura della ditta f.lli Pellegrino 14. Fu nel corso dell esecuzione dei lavori che comportavano, si legge, lo spostamento del manufatto su un altro basamento, che si vide precipitare la bella opera ed infrangersi. Si videro staccati i più importanti pezzi, la testa e il braccio che porgeva la corona ( F.12,13) 15. Tanto si legge nell articolo apparso su Cronaca di Calabria e nel quale Alfonso Frangipane, oltre a dare notizia dei danni accorsi all opera, ricorda come il Larussa, cui l opera era stata commissionata avesse scelto di dar vita trattandosi di un libero soggetto e non essendoci, quindi, alcuna indicazione iconografica da parte dell Amministrazione committente - una raffigurazione che prescindesse dal diventare apoteosi personale di un condottiero, ma divenisse piuttosto figurazione solenne della Patria libera. Le parole del Frangipane confermano quanto i documenti avevano già fatto rilevare in merito all impegno anche economico dell artista che assunse a suo carico spese come il trasporto del marmo dalle cave carraresi, normalmente a carico del committente. Ricorda, infine, lo studioso che l opera era stata inizialmente destinata ad ornare una nicchia del palazzo della Prefettura ma, successivamente, in considerazione delle dimensioni acquisite lo scultore era andato ben oltre i due metri commissionategli si ritenne più opportuno collocarla nella più importante piazza cittadina. I danni occorsi al monumento, che proprio in occasione del suo trasferimento venne collocato sull alto basamento gradonato ove trovasi tutt oggi, sono stati rilevati nel corso del recente restauro 16 che ha consentito di apprezzare, anche sotto il profilo tecnico oltre che estetico, la straordinaria abilità dello scultore reggino; l intervento conservativo ha, inoltre, portato ad un insperato ma alquanto significativo recupero. Di fatti, dovendosi provvedere al riallettamento e consolidamento delle sezioni lapidee poste a mò di piedistallo della statua, si osservava come due delle quattro sezioni recassero al loro interno un iscrizione che, seppure lacunosa, è stato possibile identificare ( F. 14, 15) con quella riportata dal De Lorenzo 17 ed incisa sul basamento del distrutto monumento 18 a Re Ferdinando I. Difficile dire, allo stato attuale delle ricerche, se la presenza di questi interessanti brani lapidei sia da ritenersi casuale, o, meglio, sia da considerarsi quale precisa scelta della committenza intesa ad onorare il martirio di quanti nel settembre del 1847 venivano fucilati, colpevoli di avere cospirato contro il sovrano e dato origine a quella rivolta che ben presto avrebbe portato alla caduta dell odiata tirannide. A noi sembra che non sia troppo lontana dal reale l ipotesi di una scelta mirata, quella di riutilizzare una lapide, non si sa bene come scampata all abbattimento del monumento da parte dei reggini esultanti per l ingresso di Garibaldi, e, si badi bene, utilizzarla quale scannello di quella scultura con la quale la collettività intendeva rendere omaggio al sacrificio di quei concittadini il cui sacrificio aveva contribuito a creare l Italia Unita. 14 ASRC, Prefettura, Spostamento della statua dell Italia, inv. 25, B. 239, f A. Frangipane, La statua dell Italia caduta a Reggio, in Cronaca di Calabria, A. XXVI, n. 27,p Sull intervento conservativo, diretto dal Soprintendente BSAE della Calabria, dr. Fabio de Chirico ed attuato di recente in occasione delle celebrazioni per il 150 anniversario dell Unità d Italia con finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Unità Tecnica di Missione, cfr. M. T. SORRENTI, P. PASTORELLO,.in 17 A. DE LORENZO, Un terzo cit, p. 18 L. LOPA, La statua di Ferdinando I di Borbone a Reggio Calabria, < Calabria Sconosciuta> a. XVIII (1995), n. 41 e F. ARILLOTTA,

6

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano

Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano Lavoro ed Industria nelle sculture di Luigi Venzano Genova Sestri Ponente, dal 28 ottobre al 3 novembre 2013 Supporto interattivo per la mostra omonima realizzata dall Associazione genovese Museo Gipsoteca

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO Palazzo Canevari, Largo di S. Susanna 13, Roma Il Palazzo già sede del Museo Geologico Nazionale di Largo Santa Susanna, voluto da Quintino Sella alla fine dell 800,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo 01. Giuseppe Fiorelli G. Fiorelli (1823-1896) 1896) Nel contesto dell epoca: epoca: H. Schliemann 1822-1890 1890 W. Dörpfeld 1853-1940 1940 A.L.P.

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) FERDINANDO I NOI FRANCESCO

ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) FERDINANDO I NOI FRANCESCO ADOZIONE DELLA COSTITUZIONE SPAGNOLA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE (1820) DECRETO DEL VICARIO GENERALE DEL RE NOI FRANCESCO DUCA DI CALABRIA, VICARIO GENERALE DEL RE COLL Alter Ego. In virtù dell atto della

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

Catalogo delle mostre itineranti

Catalogo delle mostre itineranti Catalogo delle mostre itineranti Consiglio regionale del Piemonte Palazzo Lascaris Via Alfieri, 15 10121 Torino Sommario Una vita per l'asia. Il Tibet di Fosco Maraini... 3 Tibetani: storia e storie...

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

- CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli

- CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli - CENTRO STUDI MURATTIANIfondato nel 1994 dal Dott. G. Cernelli Palinuro (SA) - Via Indipendenza, 218 - Tel. - 931048-340/4657831 Consulenze, Manifestazioni, Rievocazioni storiche di eventi nel Regno delle

Dettagli

CHIESA DI SAN GIACOMO

CHIESA DI SAN GIACOMO CHIESA DI SAN GIACOMO La chiesa di San Giacomo sorge nel centro del rione Liparlati ed è una delle più antiche di Positano. Fondata nel XII secolo in onore di Santiago de Compostela( San Giacomo dal Campo

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Monumento a Carlo Goldoni Ulisse Cambi

Monumento a Carlo Goldoni Ulisse Cambi SCHEDA TECNICA Monumento a Ulisse Cambi LUOGO DI COLLOCAZIONE: Piazza, Firenze CONDIZIONE GIURIDICA: Comune di Firenze OGGETTO: Monumento a DATAZIONE: 1873 AUTORE: Ulisse Cambi MATERIALI: Marmo, bronzo

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 LA PIETÀ DI SAN PIETRO IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 Storia di un restauro ABSTRACTS "LA VIOLENZA E LA PIETÀ" PRESENTAZIONE E COMMENTO DEL FILM- DOCUMENTARIO La violenza e la Pietà è il film documentario

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE La ditta Carmela Sirello Restauro Archeologico e Conservazione Opere d Arte opera dal 1991 nel settore della valorizzazione e della conservazione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 25 APRILE: FESTA DELLA LIBERAZIONE Si festeggia la liberazione

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Report Monumenti. Boretto. Boretto. Boretto_1. Sul muro del Casello n.23. Lapide. Buona 31/10/2013. Presidenza SEZIONE. Boretto. Verifica manutenzione

Report Monumenti. Boretto. Boretto. Boretto_1. Sul muro del Casello n.23. Lapide. Buona 31/10/2013. Presidenza SEZIONE. Boretto. Verifica manutenzione _1 Sul muro del Casello n.23 Si tratta di due lapidi in marmo bianco. La prima presenta l'epigrafe in rosso con la fotografia smaltata del caduto e venne scoperta il 5 gennaio 1995 per iniziativa di un

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX. Le leggi e l iconografia

Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX. Le leggi e l iconografia Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX Le leggi e l iconografia Il linguaggio delle uniformi civili antiche è complesso e rigorosamente codificato: ogni uniforme era regolata da precisi

Dettagli

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO Info e prenotazioni Ogni ultimo martedì del mese dalle ore 10:30 alle ore 12:30 Prenotazione obbligatoria Tel.: 081.2522371-373 e-mail saad.progetti@unisob.na.it per

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI COMUNE DI CESENA (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE PRELIMINARE, DEFINITIVA ED ESECUTIVA CON PRIME INDICAZIONI SULLA SICUREZZA E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UN PADIGLIONE ESPOSITIVO, DESTINATO

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

Cosa abbiamo vissuto...

Cosa abbiamo vissuto... Dies Bernardinianus Dies Bernardinianus Nei giorni dal 17 al 20 maggio il Centro Culturale delle Grazie e l Associazione Amici di S. Bernardino di Lallio, u- nitamente alle rispettive Parrocchie e in collaborazione

Dettagli

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911)

La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) La decorazione della Chiesa di Santa Maria Assunta a Calavino (1911) Scheda n. 7 Calavino, Veduta esterna Calavino, La decorazione presbiterale Oggetto Ciclo pittorico Soggetto Sulla volta presbiterale

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano STATUTO DELLA Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano Statuto della Fondazione Bergamo nella storia* Art. 1 - È costituita la fondazione

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Aisha Buzi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Barbara Masi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Lorenzo Lori -

Dettagli

REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703. Torino, luglio 2011

REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703. Torino, luglio 2011 REALE RESTAURI di Forconi Cristina Via Ormea 67/b 10125 TORINO Tel. 011-6694675 - cell. 3317639584 Fax 178-2279703 Torino, luglio 2011 Oggetto: elenco lavori eseguiti c/o Aleat * Restauro conservativo

Dettagli

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica

Vincolo n. 207. Palazzo e giardino Gavazzeni in via Porta Dipinta, 5. Estratto foto prospettica Vincolo n. 207 CULTURALE Estratto foto prospettica Fonte: Pictometry - Compagnia Generale Ripreseaeree CULTURALE Vincolo n. 207 Estratto di decreto di vincolo Elementi identificativi riferiti al decreto

Dettagli

Report Monumenti. Cerreto Alpi. Collagna. Collagna_1. Antistante alla chiesa. Composizione monumentale. Discreta 31/10/2013. Presidenza SEZIONE

Report Monumenti. Cerreto Alpi. Collagna. Collagna_1. Antistante alla chiesa. Composizione monumentale. Discreta 31/10/2013. Presidenza SEZIONE _1 Cerreto Alpi Antistante alla chiesa Composizione monumentale Si tratta di una composizione monumentale costituita da una struttura in pietra fluviale a cui sono fissate due lapidi in marmo bianco decorate

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

itinerari didattici al Museo del Cenedese

itinerari didattici al Museo del Cenedese itinerari didattici al Museo del Cenedese itinerari didattici al Museo del Cenedese Gli itinerari didattici promossi dall Associazione Culturale MAI hanno come obiettivo principale quello di far apprendere

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese

Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese 7 aprile 2009 Al centro dell ultimo dibattito dell Agorà Il terremoto del 1908 e la solidarietà ungherese Federica Bellè Gli aiuti ungheresi al popolo reggino in occasione del terremoto del 1908 è il tema

Dettagli

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito.

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito. Sommario Introduzione... 2 Capitolo I... Errore. Il segnalibro non è La storia del monastero... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Le origini... Errore. Il segnalibro non è 1.2 I primi documenti in cui è

Dettagli

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro.

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. CARTA DEI SERVIZI CHE COS è LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. La Carta individua i servizi

Dettagli

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella 2015 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione

Dettagli

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante.

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Itinerario Libero non Guidato Segui il nostro consiglio, prendi per mano tua moglie o la tua fidanzata e portala

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA

LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA LA MOLE ANTONELIANA - MUSEO DEL CINEMA Il Museo Nazionale del Cinema di Torino nasce nel 1941 da un progetto di Marita Adriana Prolo, collezionista e storica.oggi il Museo Nazionale del Cinema è ritornato

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO Una scultura per celebrare

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice

Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Descrizione, tecnica di esecuzione ed intervento di restauro Mariarita Morfino Restauratrice Il primo gruppo della processione dei Misteri, la Separazione, è formato dalla figura di Gesù, al centro, leggermente

Dettagli

Stazione di Santa Maria Novella

Stazione di Santa Maria Novella CONCORSO CONOSCERE LA PROPRIA CULTURA ITINERARIO NELLA FIRENZE DELLA GUERRA Stazione di Santa Maria Novella Il progetto per il potenziamento della stazione di Santa Maria Novella ricevette l approvazione

Dettagli

Veneranda Biblioteca Ambrosiana annuncia che la Casa

Veneranda Biblioteca Ambrosiana annuncia che la Casa Comunicato stampa del 28 aprile 2014 Riapre la Casa Museo Pogliaghi al Sacro Monte di Varese Veneranda Biblioteca Ambrosiana, grazie anche a Regione Lombardia, restituisce al pubblico la villa-atelier

Dettagli

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a

G i o v a n Pi e t r o M o r e t t i n i L a t t i v i t à n e l F o r t e d i G a v i L a P o l v e r i e r a d e l l a M e z z a l u n a Giovan Pietro Morettini Pietro Morettini, figlio di Filippo, maestro muratore, e di Filippina Casserini, nacque nel 1660 a Camanoglio, frazione di Cerentino, località della Val Maggia nel Canton Ticino.

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

178 guida all archivio storico del senato

178 guida all archivio storico del senato 177 Real Casa «Gli atti, coi quali si accertano legalmente le nascite, i matrimonii e le morti dei membri della Famiglia reale, sono presentati al Senato, che ne ordina il deposito nei suoi archivii» (art.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704. Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze. d iniziativa del senatore AMATO

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704. Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze. d iniziativa del senatore AMATO Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore AMATO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 MAGGIO 2008 Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze TIPOGRAFIA

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI

GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI LORENZO ALDINI GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI Mi è sembrato doveroso ricordare la figura di Tobia Aldini, mio padre, nell anno della sua scomparsa, attraverso il profilo bibliografico da cui si legge il percorso

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE Lunedì, 23 Marzo 2015, noi alunni delle classi 5B e 5C della Scuola Primaria G. Cozzoli, accompagnati dalle maestre Cetta e Annamaria e da un gruppo di genitori,

Dettagli

LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO. A cura della Fondazione Napoli Novantanove

LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO. A cura della Fondazione Napoli Novantanove LA SCUOLA ADOTTA UN MONUMENTO A cura della Fondazione Napoli Novantanove 3 Maggio Ore 8/13 Casa Professa dei Gesuiti e Biblioteca del 1700 con gli affreschi dell epoca appena restaurati anche in francese,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento didattico disciplina il di laurea, la programmazione, gestione e valutazione

Dettagli

Iniziative Culturali. Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno

Iniziative Culturali. Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno Ciclo Milano Futura Il nuovo Palazzo della Regione, le torri Unicredit e la stecca residenziale delle Varesine Milano sta modificando il

Dettagli

Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo

Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo Abbiamo ricordato alcuni fenomeni che caratterizzano la cultura architettonica del XVIII secolo: Le scoperte archeologiche (Pompei, Ercolano, Ostia

Dettagli