REGOLAMENTO INTERNO. dello YACHT CLUB ADRIACO Associazione Sportiva Dilettantistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERNO. dello YACHT CLUB ADRIACO Associazione Sportiva Dilettantistica"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERNO dello YACHT CLUB ADRIACO Associazione Sportiva Dilettantistica in vigore dal 1 gennaio 2012

2 Il presente Regolamento ha lo scopo di integrare con norme di applicazione quanto prevede lo Statuto Sociale. LA DIREZIONE Articolo 1 Come stabilito dall articolo. 13 dello Statuto e con le modalità elettorali previste nell allegato 3, il Consiglio Direttivo prevede la nomina delle seguenti cariche specifiche : Presidente, due Vice Presidenti, Segretario, Direttore Sportivo, Economo Mare, Economo Terra, Direttore Amministrativo. Oltre a quanto previsto dallo Statuto, sono singolarmente attribuiti al Presidente, ai Vice Presidenti ed al Segretario, i poteri del Consiglio Direttivo per tutte le questioni che rivestono carattere di urgenza. Tali decisioni saranno poi sottoposte al Consiglio Direttivo per la ratifica. Articolo 2 Il Segretario provvede a quanto non rientra nelle mansioni specifiche degli altri membri del Consiglio Direttivo. In particolare cura la corrispondenza del Club, dirige il servizio di segreteria, raccoglie le richieste dei Soci. Redige i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo, nelle quali funge da relatore. E responsabile del Registro dei Soci. Cura in via normale le pubbliche relazioni. Articolo 3 Il Direttore Sportivo dirige tutta l organizzazione sportiva del Club e ne redige il programma annuale che farà approvare dal Consiglio Direttivo. Dispone per la manutenzione e l uso dei natanti destinati ai servizi nelle regate nonché delle imbarcazioni destinate alla Scuola di Vela. Segue a coordina l attività degli atleti. E sua cura organizzare e dirigere la Scuola di Vela. Può avvalersi dell ausilio di una Commissione Sportiva composta da Soci ed approvata dal Consiglio Direttivo Tiene aggiornato l inventario del materiale sociale a disposizione per l attività sportiva e la Scuola di Vela. Articolo 4 L Economo Mare coordina e controlla l impiego dei marinai. Pianifica l alaggio e la messa a mare delle imbarcazioni nonché l uso dei mezzi di sollevamento. Cura la sistemazione dei moli, delle opere a mare e dell albero in torretta. Dispone per un ordinato utilizzo dei magazzini mare. Richiama gli utenti al rispetto delle norme da osservare sui moli, sui pontili e nei magazzini. Mantiene aggiornato l inventario dei materiali relativi al suo settore. Articolo 5 L Economo Terra sovrintende la manutenzione dell edificio sociale, di tutti i suoi impianti e del suo arredamento, dei cancelli e della recinzione. Cura e controlla l esercizio del ristorante e del bar, vigila sull ordine interno e sulla pulizia di tutti i locali. Tiene aggiornato l inventario dei materiali in dotazione al Club. Sovrintende all attività sociale di Sede. Articolo 6 Al Direttore Amministrativo è affidata la contabilità generale. Compila i bilanci preventivi e consuntivi. Assicura il regolare svolgimento delle attività amministrativa, finanziaria, tributaria, fiscale ed assicurativa, con i relativi adempimento di legge. Dispone i pagamenti dopo aver accertato la validità delle spese, in accordo con i singoli economati competenti. Vigila sull andamento dell esazione dei canoni; nel caso in cui un Socio si renda moroso ai sensi dell art. 8 dello Statuto Sociale, il Direttore Amministrativo è tenuto ad informare i relativi Soci presentatori, dell insolvenza. Articolo 7 Il Consiglio Direttivo si riunisce, di massima, una volta alla settimana, salvo impedimenti della maggioranza dei suoi componenti. Le deliberazioni prese verranno messe a verbale dal Segretario; tale verbale sarà siglato nella seduta successiva da almeno due membri del Consiglio Direttivo. I verbali non sono a disposizione dei Soci. Un estratto dei verbali contenenti deliberazioni che interessano i Soci, potrà venire esposto all Albo per almeno sette giorni. 2

3 Articolo 8 L articolo. 5 dello Statuto regola l ammissione di nuovi Soci. I membri del Consiglio Direttivo non possono proporre nuovi Soci. Di norma le domande vengono vagliate due volte all'anno, entro il 1 maggio ed entro il 1 novembre. LA SEDE SOCIALE - IL SETTORE TERRA Articolo 9 La Sede è riservata ai Soci dello Yacht Club Adriaco. L uso della sala principale della Sede sociale e della sala al 2 piano può essere concesso ai Soci che ne faranno richiesta in occasione di ricorrenze famigliari (matrimoni, compleanni, battesimi,etc.) purché tale concessione non ostacoli l attività del Circolo. In casi particolari il Consiglio Direttivo può concedere l uso della sala principale o della sala al 2 piano per manifestazioni di particolare importanza e prestigio comunque legate alle finalità del Circolo. Il Socio, al quale viene concesso l'uso del salone o della sala al 2 piano, dovrà riconoscere al Club un contributo per spese straordinarie nella misura stabilita dal Consiglio Direttivo. Articolo 10 Il decoro e la conservazione del Club sono affidati alla buona educazione ed al corretto comportamento di tutti quanti frequentano la Sede. Tutti devono osservare reciproco amichevole rispetto nei confronti degli altri Soci. Chiunque arrechi danni alle proprietà del Club è tenuto alla rifusione del danno nei tempi e nei modi stabiliti dal Consiglio Direttivo. Articolo 11 E preciso dovere dei Soci di attenersi alle disposizioni interne prese dal Consiglio Direttivo e portate a conoscenza con l esposizione all Albo Sociale. Articolo 12 Ai Coniugi dei Soci è sempre consentita la libera e completa frequentazione della Sede sociale ed è pure consentita la partecipazione alle manifestazioni sociali, escluse le Assemblee (come convenuto nell Assemblea Straordinaria dei Soci del 26 giugno 1998). Articolo 13 I Soci possono invitare in Sede loro ospiti, ma senza peraltro limitare l uso della sede agli altri Soci. Senza espressa autorizzazione del Consiglio Direttivo, la stessa persona non potrà frequentare il Club più di tre volte in un anno. Tali Ospiti dovranno essere iscritti nell apposito Registro a cura del Socio ospitante e, possibilmente, essere presentati ad un membro della Direzione. E facoltà del Consiglio Direttivo di concedere la frequentazione della Sede sociale a personalità ed atleti di affermata fama nel mondo della vela, a persone che ricoprono importanti cariche pubbliche, per l effettiva durata delle stesse. La validità è annuale, rinnovabile. Non possono essere ammesse nella Sede sociale persone che siano state espulse, cancellate dal Club o dai Clubs con cui lo Yacht Club Adriaco ha rapporti di reciprocità. Non possono essere invitati quali Ospiti coloro che sono stati presentati in precedenza come candidati a Socio e respinti. E comunque facoltà del Consiglio Direttivo di rifiutare come Ospiti quelle persone che, a suo insindacabile giudizio, ritiene non gradite nel Club. Articolo 14 Gli Allievi non possono portare Ospiti in Sede. In caso di cattivo comportamento o di non osservanza delle disposizioni del Consiglio Direttivo, gli Allievi potranno essere allontanati dal Club, per il periodo stabilito dal Consiglio Direttivo tenuto conto della gravità della mancanza. Articolo 15 Non è consentito attraversare in costume da bagno la sala, il vestibolo ed il bar. Per raggiungere gli spogliatoi i Soci in abbigliamento poco consono al decoro del Club, devono fare uso della scala di servizio. Articolo 16 I libri, le riviste, le pubblicazioni di cui è fornita la sala di lettura non devono venire portati in altri locali e tanto meno fuori Sede. Qualora un Socio desideri prelevare una pubblicazione, o altro materiale da consultare, dovrà farne preventiva richiesta in segreteria. 3

4 Potranno essere dati in prestito solo periodici di data precedente al mese in corso. Il Socio è tenuto alla loro restituzione entro quindici giorni. Trascorso tale termine verrà addebitato al Socio il costo della pubblicazione. Articolo 17 Gli armadietti degli spogliatoi sono a disposizione dei Soci. L assegnazione degli armadietti è competenza dei relativi Economati. Articolo 18 Negli armadietti non devono venire custoditi prodotti pericolosi, infiammabili, ne materiali deperibili e maleodoranti. Il Consiglio Direttivo potrà chiedere di vuotare e lasciare aperti armadietti per procedere a disinfestazioni o lavori. Se il Socio non vi provvederà nel termine richiesto, il Consiglio Direttivo disporrà comunque per la loro apertura. Il ripristino dei danni arrecati agli armadietti per forzatura di serrature, lucchetti od altro, verrà addebitato al Socio. Qualora gli armadietti risultassero occupati arbitrariamente, il Consiglio Direttivo procederà alla loro apertura e, dopo averne custodito il contenuto per quindici giorni, non sarà più responsabile per gli eventuali ammanchi. Articolo 19 Nello spogliatoio è vietato depositare abbandonare vestiario, attrezzi o qualsiasi altro materiale. IL SETTORE MARE Articolo 20 Il magazzino mare serve esclusivamente per custodire materiali ed attrezzi delle imbarcazioni sociali. E consentita la custodia temporanea di materiali delle imbarcazioni dei Soci purché in buone condizioni e di dimensioni tali da non ostacolare il normale uso del magazzino stesso. La proprietà di tali materiali dovrà essere chiaramente attribuibile. Per ragioni di sicurezza è assolutamente vietato depositarvi carburanti e materiali infiammabili o pericolosi. E vietato inoltre depositare sul molo scali, attrezzi e materiali, oltre il tempo strettamente necessario. Articolo 21 Lavori di sabbiatura, di levigatura a disco, lavori di smontaggio e di rimontaggio di motori, ed altri lavori che provochino ingombri, residui oleosi o sporco in genere, non possono essere effettuati nello spazio sociale e nei magazzini. Articolo 22 Il Club e il suo Consiglio Direttivo non possono essere ritenuti responsabili per la mancanza o lo scambio di effetti personali od oggetti da qualsiasi locale della Sede, magazzini compresi. Articolo 23 Il parcheggio delle automobili nel recinto sociale è autorizzato solo per l uso temporaneo di carico e scarico. Il Consiglio Direttivo potrà derogare, in casi particolari, su specifica richiesta del Socio. Articolo 24 E vietato introdurre animali nello spazio sociale. Articolo 25 L ormeggio nello specchio acqueo sociale è riservato alle imbarcazioni dei Soci. L ammissione a Socio dello Yacht Club Adriaco di persona proprietaria di imbarcazione non dà alcun diritto ad ottenere l assegnazione di un posto di ormeggio nello specchio acqueo sociale. Il Socio che acquista da altro Socio una imbarcazione ormeggiata nello spazio acqueo sociale non acquisisce alcun diritto al mantenimento del posto d ormeggio di tale imbarcazione. Articolo 26 L assegnazione del posto di ormeggio ed i cambi di ormeggio vengono stabiliti dal Consiglio Direttivo in base alla graduatoria e alle dimensioni dell imbarcazione, seguendo le norme di cui all Appendice 1 Norme per l assegnazione e il cambio dei posti d ormeggio. Il posto di ormeggio viene assegnato al Socio e per una determinata imbarcazione : non potrà essere utilizzato per una diversa imbarcazione senza l autorizzazione della Direzione. 4

5 L occupare o l aver occupato un determinato posto di ormeggio in via temporanea non dà in nessun caso diritto di preferenza nell assegnazione dello stesso. Articolo 27 Nessuna imbarcazione potrà entrare e permanere nello specchio acqueo dello Yacht Club Adriaco senza il consenso del Consiglio Direttivo. Articolo 28 L entrata e l uscita dallo specchio acqueo o dal recinto sociale delle imbarcazioni dei Soci, per disarmo, manutenzione o vendita deve essere comunicato contestualmente, per iscritto, al Consiglio Direttivo. Articolo 29 I proprietari delle imbarcazioni devono provvedere agli ormeggi che dovranno mantenere nella migliore efficienza. Le barche devono essere munite di adeguati parabordi per evitare danni alle imbarcazioni sistemate a lato. Articolo 30 Dei danni derivanti dal cattivo tempo, anche di carattere eccezionale, e dal deficiente ormeggio, risponde il proprietario della imbarcazione che ha causato il danno. In nessun caso, e tanto meno per danni causati da forza maggiore, potrà essere ritenuto responsabile lo Yacht Club Adriaco. Articolo 31 L Economo Mare ha facoltà, in qualunque momento, per ragioni di riordino, migliore utilizzo delle banchine, sicurezza o necessità tecniche, di cambiare il posto di ormeggio di imbarcazioni. Tale manovra di spostamento dovrà essere fatta dal proprietario che sarà tenuto a stendere i nuovi ormeggi ed a salpare le vecchie catene. In casi urgenti potranno essere effettuati spostamenti di imbarcazioni dal personale del Club anche in assenza del proprietario. La responsabilità del Club cesserà in ogni caso cinque giorni dopo l avviso dell avvenuto spostamento. Inoltre, in occasione delle regate organizzate dal Club, il Consiglio Direttivo può disporre l'allontanamento temporaneo delle imbarcazioni ormeggiate negli spazi acquei sociali, ovvero il loro spostamento ad un altro ormeggio. Il Club si farà carico delle spese di ormeggio delle imbarcazioni allontanate dal Club, per tutto il periodo necessario. Articolo 32 Qualora l Economo Mare ritenga che il modo nel quale è ormeggiata una imbarcazione non sia a regola d arte, o le sue tenute siano deboli o logore, chiederà al proprietario di provvedere d urgenza a quanto necessario, anche per evitare possibili danni alle barche vicine od alle strutture sociali. Qualora l interessato non rispondesse sollecitamente all invito, fosse irreperibile o il rischio di danni perdurasse, l Economo Mare potrà, a suo insindacabile giudizio, procedere al ripristino o alla sostituzione delle parti usurate o non correttamente dimensionate (gambetti, catene, tessili, redance etc.) con personale e mezzi del Club, per quanto possibile, fatta salva la rifusione delle spese da parte del Socio. Articolo 33 Quelle imbarcazioni che per la loro trascurata manutenzione o per l attrezzatura, gli ormeggi, ecc. non conformi all arte marinara, fossero tali da non corrispondere al decoro del Club, potranno venire allontanate dallo specchio acqueo sociale, su proposta dell Economo Mare. Uguale provvedimento verrà preso nei confronti di quelle imbarcazioni che venissero usate dai loro proprietari a scopo di lucro. In tale caso il Consiglio Direttivo intimerà al proprietario di allontanare l imbarcazione, entro dieci giorni, dallo specchio acqueo sociale. In caso di inottemperanza a tale intimazione il Consiglio Direttivo si riserva di adottare i provvedimenti necessari al rispetto della stessa. Articolo 34 Il comando di una imbarcazione deve essere assunto dal proprietario o da altro Socio, preventivamente autorizzato. Potrà essere affidato ad altra persona non socia solo su richiesta scritta inoltrata al Consiglio Direttivo e da questo approvata. Articolo 35 I pontili del Club servono esclusivamente quale approdo per le imbarcazioni, per l imbarco dell equipaggio e dei materiali di bordo e non dovranno essere utilizzati quale deposito di materiali ed immondizie. 5

6 Articolo 36 E vietato salire sulle imbarcazioni altrui per raggiungere la propria o per trasbordare attrezzi od altro materiale. Articolo 37 L uso dei mezzi di sollevamento è riservato ai soli Soci dello Yacht Club Adriaco e dovrà essere manovrato esclusivamente dal personale del Club a ciò autorizzato. Articolo 38 Le richieste dei servizi vanno compilate sul modulo disponibile in segreteria, ed indirizzate all Economo Mare che provvederà ad esporre all Albo il turno di precedenza. Il turno potrà essere modificato a richiesta dei Soci o per decisione dell Economo. I contributi dovuti, calcolati secondo le regole contenute nell appendice 2, devono essere corrisposti anticipatamente all atto della consegna del modulo di richiesta. Le imbarcazioni di Soci non in regola con i canoni sociali non sono ammesse ai servizi. Articolo 39 La sosta a terra è prevista per 10 (dieci) giorni per le imbarcazioni in vetroresina e per 15 (quindici) giorni per quelle in legno. Per esigenze di lavori particolari può essere richiesto un prolungamento della sosta pagando i contributi di cui all appendice 2. Tale prolungamento potrà essere concesso qualora non causi disagi ad altri Soci. Una imbarcazione non pronta ad essere varata allo scadere della sosta e che, con la sua presenza, impedisce la messa in mare di altre imbarcazioni, paga anche i contributi di prolungamento di sosta di queste ed il corrispettivo di un alaggio nel caso dovesse essere spostata per lasciar libero il transito. La sosta sul molo delle imbarcazioni esclusivamente da regata che per loro natura non sono adatte a stare permanentemente in mare, è consentita, fatta salva la corresponsione del relativo canone d ormeggio. Articolo 40 Durante il periodo invernale possono essere ospitate sui piazzali del Club alcune imbarcazioni di Soci. I Soci Armatori interessati devono far pervenire le loro richieste, sull apposito modulo, in segreteria entro fine ottobre. Le priorità di alaggio sono definite per estrazione, compatibilmente agli spazi disponibili ed alle dimensioni delle imbarcazioni. Il contributo richiesto ad ogni Armatore per la sosta a terra corrisponde al 50% (cinquanta per cento) del contributo previsto dall appendice 2 e prevede una fruizione gratuita per i primi 10 giorni per le imbarcazioni in vetroresina e per i primi 15 giorni per quelle in legno. A partire dalla data stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo quale termine per la sosta invernale, ad ogni imbarcazione non ancora varata entro tale data, verrà addebitato un contributo pari a Euro 33,00 (trentatre) al giorno fino alla data effettiva del varo. L accettazione di detto contributo dovrà essere sottoscritta dall Armatore, al momento dell alaggio, nell apposito modulo. Tali condizioni sono valide per soste in piattaforma continuative fino alla data indicata al comma precedente, fatte salve alcune motivate eccezioni che dovranno essere preventivamente segnalate alla Direzione e accettate dalla stessa. Non sono concesse deroghe di permanenza in piattaforma per lavori di resine od altri materiali che prevedono applicazioni non compatibili con la stagione invernale. Le imbarcazioni in legno vengono alate per ultime onde poter essere rimesse in acqua non appena l Armatore lo riterrà più opportuno. Al loro posto sono alate, in base alle priorità estratte, alcune delle altre imbarcazioni che avranno richiesto tale servizio. Onde poter usufruire di detto servizio ogni Armatore deve essere in regola con il pagamento dei canoni sociali e di quelli della propria imbarcazione per l'anno in corso. Articolo 41 La manovra del cavaliere (travel lift) e del bigo, quando usato elettricamente, può essere fatta solo dal personale di banchina dello Yacht Club Adriaco. Il corretto posizionamento delle cinghie in relazione al centro di gravità dell imbarcazione, alla posizione dell elica e del suo asse e degli strumenti sporgenti dallo scafo, è di responsabilità dell Armatore che deve coordinare personalmente tale operazione o delegare espressamente persona idonea di sua fiducia indicata nel modulo di richiesta. Anche nel caso di delega la responsabilità rimane sempre dell Armatore. Lo stesso vale per la sistemazione dell imbarcazione sulla sella e per la sua sicurezza a terra (necessità di venti, tiranti, puntelli, ecc.). I venti devono essere evidenziati con nastri o altri segnali idonei. L Armatore può avvalersi all uopo dei consigli tecnici del personale marinaresco del Club, senza però che ciò coinvolga in alcun modo la responsabilità del personale stesso. 6

7 La manovra della gru durante l alzata e la ammainata, il tragitto della gru sulla piattaforma, la sicurezza durante la sospensione dell imbarcazione per il lavaggio della carena, rientrano nella responsabilità del personale del Club. Il gruista può, per legge, ricevere informazioni solo dall assistente. Ciononostante, chiunque, ed in particolare l Armatore od il suo delegato, possono all emergenza sospendere la manovra in corso, salvo poi dare le ulteriori informazioni tramite l assistente. Le operazioni di lavaggio meccanico della carena devono essere sospese e sostituite dal lavaggio a mano quando le condizioni del vento portino il pulviscolo acqueo su altre imbarcazioni o persone. Il lavaggio meccanico deve essere del pari interrotto all eventuale avvicinarsi di persone a meno di cinque metri dall operatore. L assistente gruista deve ispezionare l area di previsto transito della gru, per verificare che tutti i venti e le ritenute siano stati rimossi prima di autorizzate la manovra di alzata. La sicurezza di tutte le persone coinvolte nelle operazioni ricade, per legge, sotto la responsabilità del più anziano del personale addetto dell Adriaco (in genere il Nostromo) che assume pertanto la figura giuridica del capo squadra. Tutti gli altri interessati devono pertanto conformarsi, in fatto di sicurezza, alle sue prescrizioni. Articolo 42 L uso del paranco a mano del bigo, per disalberare o armare le imbarcazioni minori e per alzare pesi fino a 200 chili è gratuito e può essere fatto direttamente dai Soci, avvisando peraltro i marinai. Articolo 43 Le imbarcazioni di Soci in procinto di partecipare ad una regata hanno diritto ad un alaggio e varo gratuiti, senza sosta in piattaforma I canoni di ormeggio sono ridotti del 50% per le imbarcazioni che nella stagione sportiva precedente abbiano partecipato ad almeno cinque manifestazioni con i colori dell'adriaco (delibera assembleare del 14 marzo 1998); le manifestazioni sono ridotte a quattro per le imbarcazioni in legno (delibera assembleare del 31 marzo 2001). Il Consiglio Direttivo nella seduta del 10 novembre 2004 delibera all unanimità di individuale alcune regate obbligatorie nell ambito delle 5 minime richieste per le imbarcazioni in plastica e delle 4 minime richieste per le imbarcazioni in legno; per le imbarcazioni in plastica la Regata Sociale e la Settimana Velica (tutte le prove) più 3 a scelta del calendario; per le imbarcazioni in legno la Regata Sociale e il Raduno AIVE più 2 a scelta del calendario. La regola avrà effetto dal 2005 per la riduzione del canone d ormeggio del Articolo 44 Le imbarcazioni sociali servono per allenamenti, regate ed esercitazioni. Il loro uso è riservato ai Soci ed Allievi. Articolo 45 Il personale di servizio mare, oltre ad accudire a tutte le mansioni affidate dal Consiglio Direttivo, è tenuto ad esercitare attiva sorveglianza sulla Sede e sulle imbarcazioni ormeggiate nello specchio acqueo sociale. Articolo 46 Il personale di servizio mare non è tenuto ad armare, disarmare od ormeggiare le imbarcazioni dei Soci. Può farlo volontariamente se non è impegnato in lavori per il Club. Articolo 47 I Soci non possono affidare al personale di servizio lavori di riparazione o manutenzione delle loro imbarcazioni. Articolo 48 L eventuale personale estraneo non può usufruire della Sede e relativi ambienti ad eccezione del magazzino mare e dei servizi al pianterreno. I lavori per conto dei Soci devono essere eseguiti fra le ore e le Per i lavori fuori orario il Socio dovrà avvisare uno degli Economi. Il Socio datore di lavoro è responsabile del comportamento di queste persone. Egli dovrà inoltre richiedere alla Segreteria il rilascio di un tesserino che autorizza il personale in questione ad entrare nello spazio sociale per la durata dei lavori. il Consiglio Direttivo si riserva il diritto di allontanare le persone non gradite. Articolo 49 La conduttura idrica è a disposizione dei Soci. Per utilizzare le prese di corrente elettrica i Soci devono attenersi alle norme di sicurezza previste dalla legge ed utilizzare collegamenti di tipo approvato. In ogni caso l utilizzo di alimentazione da terra è consentito solo se l imbarcazione è presidiata. 7

8 APPENDICE 1 - NORME PER L ASSEGNAZIONE E IL CAMBIO DEI POSTI D ORMEGGIO 1.1 Graduatoria - 1 punto per ogni anno di anzianità dall ammissione a Socio Ordinario; - ½ punto per ogni anno di anzianità con contribuzione di canone ridotta (ex Associati Ordinari, Soci di età inferiore ai 31 anni, Soci Straordinari); -½ punto per ogni anno trascorso dalla presentazione della richiesta di assegnazione o spostamento di ormeggio. 1.2 Comproprietà (art. 22 dello Statuto Sociale) Il punteggio di cui sopra viene computato in proporzione alla caratura di ogni Socio richiedente. 1.3 Parità Prevale il punteggio relativo all anzianità di Socio. 1.4 Assegnazione Per le imbarcazioni immatricolate l assegnazione del posto d ormeggio è subordinata alla presentazione della Licenza di Navigazione Per i natanti e le imbarcazioni non immatricolate l assegnazione del posto d ormeggio è subordinata alla presentazione dell atto di compravendita o di una scrittura privata notarile o di una dichiarazione della Capitaneria di Porto tali da attestare, in armonia con l articolo 22 dello Statuto Sociale, che il natante sia di proprietà del Socio richiedente. Ogni modifica della proprietà dell imbarcazione dovrà essere tempestivamente comunicata al Consiglio Direttivo. 1.5 Variazioni Il Socio che non dovesse occupare il posto d ormeggio assegnato entro tre mesi, dovrà ripresentare la domanda di assegnazione. L Armatore che dovesse alienare la propria imbarcazione potrà chiedere di mantenere il posto d ormeggio per il periodo massimo di un anno, riservandolo per una sua nuova imbarcazione che abbia dimensioni compatibili. Durante questo periodo l Armatore dovrà corrispondere il canone imbarcazione. L Economo Mare avrà la facoltà di assegnare provvisoriamente detto ormeggio ad altri Soci. 1.6 Imbarcazioni da regata Le imbarcazioni che partecipano attivamente a regate di preminente importanza potranno essere sistemate, nei limiti delle possibilità, in ormeggi temporanei. I canoni per queste imbarcazioni saranno corrisposti a posteriori, a fine anno, in rapporto al periodo di temporanea concessione. 1.7 Revisione delle graduatorie La graduatoria per i posti d ormeggio viene revisionata ad ogni nuova assegnazione o nuova richiesta o variazione di caratura ed in ogni caso due volte all anno. APPENDICE 2 - CONTRIBUTI PER I SERVIZI MARE - Alaggio / varo imbarcazione Euro 1,20 per L x l (*) - Sosta a terra gratuita 10 giorni per le barche in vetroresina 15 giorni per le barche in legno - Imbarco e/o sbarco del motore Euro 1,04 per L x l - Imbarco e/o sbarco dell albero per imbarcazioni monoalbero Euro 1,04 per L x l - Imbarco e/o sbarco degli alberi per imbarcazioni a due alberi Euro 1,20 per L x l - Pulizia della carena con idropulitrice e mezzo personale del Club Euro 1,04 per L x l - Traino imbarcazioni con mezzi del Club Euro 21,00 per L x l - Pulizia della zona di lavaggio della carena e della zona di sosta sul piazzale (se non effettuata dal Socio) Euro 34,00 (*) L = lunghezza f/t in metri l = larghezza max. in metri 8

9 La sosta può essere prorogata, se autorizzata dall Economo Mare, con la corresponsione dei seguenti contributi giornalieri: - mesi di marzo, aprile, maggio e giugno Euro 0,57 per L x l - mesi di luglio, agosto, settembre e ottobre Euro 0,47 per L x l - mesi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio Euro 0,36 per L x l APPENDICE 3 - REGOLAMENTO ELETTORALE Approvato dall Assemblea del 26 Novembre 1960 Premesso che le liste sono puramente orientative e che il voto viene attribuito alle singole persone, qualora dei Soci desiderino proporre candidature per le elezioni alle varie cariche sociali, devono attenersi alle seguenti norme : 3.1 I vari elenchi di candidati alle cariche sociali devono essere depositati presso la segreteria almeno due giorni prima di quello fissato per lo svolgimento delle elezioni. 3.2 Tale elenchi devono essere firmati dai singoli candidati alle elezioni, i quali accetteranno in tal modo la candidatura, e devono essere presentati da almeno dieci Soci aventi diritto al voto, che dovranno a loro volta apporre la loro firma all elenco. 3.3 Gli elenchi pervenuti alla segreteria nei termini e con le modalità indicati verranno immediatamente affissi all Albo Sociale, affinché i Soci ne vengano a conoscenza. 3.4 E ammessa la propaganda elettorale, mediante la distribuzione ai Soci che intervengono all Assemblea di stampati contenenti i nomi dei candidati alle varie cariche sociali, purché su tali stampati siano indicati anche i nomi dei Soci proponenti e non vengano riprodotti gli emblemi del Club (guidone sociale, ecc.) 3.5 Non è consentita l affissione e la distribuzione di elenchi non notificati in precedenza in segreteria, oppure in qualsiasi modo contrastanti con le norme del presente regolamento elettorale. APPENDICE 4 - CONTEGGIO RIMBORSI ED ADDEBITI AI SOCI ARMATORI Norma transitoria valida fino al DICEMBRE Giusta decisione dell Assemblea Ordinaria del 2 marzo 1991, i Soci Armatori che hanno versato il loro contributo per la costruzione dei nuovi pontili hanno diritto ad un rimborso qualora lascino libero l ormeggio prima dello scadere dei dieci anni dalla ultimazione dei lavori (10 luglio 1990). Il rimborso è pari alla somma versata, diminuita di 1/20 per ogni sei mesi di occupazione (credito residuo). 4.2 Anche il Socio Armatore che nel corso dei dieci anni cambia l imbarcazione per una più piccola ha diritto ad un rimborso. L ammontare del rimborso è dato dalla differenza tra il vecchio credito residuo dell Armatore, relativo al conteggio perla vecchia barca ed il credito residuo che l Armatore stesso avrebbe se avesse corrisposto il contributo perla nuova barca (debito residuo). Esempio : Un contributo di 10 milioni per i nuovi pontili rappresenta dopo cinque anni, un credito residuo di 5 milioni. Se dopo cinque anno avviene il cambio con una imbarcazione per la quale l Armatore avrebbe versato un contributo di 8 milioni, il rimborso spettante all Armatore è di : - 5 milioni di credito residuo per la vecchia barca, meno - 4 milioni di debito residuo per la nuova barca = 1 milione di rimborso. 4.3 Parimenti, un Armatore che sostituisce la sua imbarcazione con una di maggiori dimensioni, deve corrispondere al Circolo la differenza tra il credito residuo per la vecchia barca ed il credito residuo per quella nuova. 4.4 I crediti ed i debiti residui vengono attribuiti ai singoli Armatori e non alle imbarcazioni od ai posti d ormeggio. Detti crediti e debiti non possono venie trasferiti. Pertanto, se una imbarcazione cambia proprietà, il Circolo rimborsa il credito residuo al vecchio Armatore ed apre un capitolo nuovo con il nuovo Armatore, nei modi sopraindicati. 9

10 APPENDICE 5 - GUIDONE SOCIALE ED INSEGNE SPECIALI art. 21 dello Statuto Sociale 10

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO

YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO YACHT CLUB LIVORNO Associazione Sportiva Dilettantistica REGOLAMENTO INTERNO Approvato nella seduta del 3 marzo 2010 del Consiglio Direttivo dello YACHT CLUB LIVORNO 1 TITOLO I DEI SOCI Art. 1.1 Procedura

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE (approvato con delibera Consiglio comunale n. 50 del 11.09.2014) ART. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE

COMUNE DI USMATE VELATE COMUNE DI USMATE VELATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI E STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione consiliare n 43 del 29.9.2005- abrogato) APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Responsabile di Armamento. Il R.A. è tenuto a segnalare tempestivamente alle

Responsabile di Armamento. Il R.A. è tenuto a segnalare tempestivamente alle S P E C I F I C A D I R I M E S S A G G I O D E L L O YACHT NOME immatricolazione CONTENUTO La presente specifica contiene l elenco dettagliato degli interventi di rimessaggio che il sig..., nella qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI Premessa Gli impianti sportivi come le altre strutture comunali hanno preciso intento di dare una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO CONSORZIO TRA I COMUNI DI CERNUSCO LOMBARDONE, LOMAGNA, OSNAGO E MONTEVECCHIA PER LA SCUOLA MEDIA STATALE G. VERGA DI CERNUSCO LOMBARDONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

STATUTO SOCIALE Associazione sportiva dilettantistica

STATUTO SOCIALE Associazione sportiva dilettantistica STATUTO SOCIALE Articolo 1) E costituita l Associazione Sportiva denominata GOLF CLUB TRIESTE Associazione sportiva dilettantistica avente la sede in Trieste, Padriciano n. 80 con personalità giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA.

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA. COMUNE DI VALMADRERA Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IN ORARIO EXTRA-SCOLASTICO DELLA PALESTRE ANNESSE AGLI EDIFICI SCOLASTICI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VALMADRERA. Approvato con DCC n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA

CITTA DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA CITTA DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE PALESTRE DI VIA MAZZINI E DI VIA CUSTOZA Approvato con deliberazione C.C. n 4 del 16/02/2010 NORME GENERALI ART.

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO ACCESSO E USO PALESTRE SCOLASTICHE REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione del C.C. n. 43 del 09.06.1992) Art. 1 Le palestre scolastiche sono patrimonio dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Articolo 1: Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280)

COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) COMUNE DI MOLTRASIO VIA BESANA 67 (Tel. 031/290402 N. FAX 031/290280) PROT.N. 1248/2012 li 22.03.2012 OGGETTO: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI D ORMEGGIO NEL PORTO COMUNALE E SULLA RIVA GRANDE SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Statuto del Forum dei Giovani Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 30/06/2011 Titolo Primo: Istituzione, durata, sede, principi programmatici

Dettagli

REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA

REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA La gestione in orario extrascolastico delle palestre è di competenza dell Amministrazione Comunale che la esplica tramite la stipula di Convenzioni con Società Sportive

Dettagli

STATUTO DEL TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE

STATUTO DEL TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE STATUTO DEL TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE Art. 1 DENOMINAZIONE SEDE NATURA GIURIDICA DURATA 1. Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, di seguito detto l Ente, è una Associazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO.

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. ARTICOLO 1 (OGGETTO E FINALITA ) Il presente disciplinare

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali

Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali Regolamento per la concessione in uso temporaneo di spazi e locali INDICE pg Art. 1 - Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 - Spazi disponibili 2 Art. 3 - Orari d uso 2 Art. 4 - Modalità di concessione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

Art.1 E costituita con atto pubblico una associazione scientifica denominata Associazione Medica Italiana per lo Studio della Ipnosi (A.M.I.S.I.

Art.1 E costituita con atto pubblico una associazione scientifica denominata Associazione Medica Italiana per lo Studio della Ipnosi (A.M.I.S.I. Art.1 E costituita con atto pubblico una associazione scientifica denominata Associazione Medica Italiana per lo Studio della Ipnosi (A.M.I.S.I.) Art.2 L Associazione si intende duratura dalla data della

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE Edizione anno 2011 Norme generali Art. 1 1. La stesura del presente

Dettagli

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso Regolamento per utilizzo palestre scolastiche comunali in orario extrascolastico approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 30/04/2015 REGOLAMENTO

Dettagli

2) Tutti i volontari della Associazione devono essere soci e iscritti al Registro Volontari..

2) Tutti i volontari della Associazione devono essere soci e iscritti al Registro Volontari.. Regolamento Gruppo Volontari della Pubblica Assistenza Siena 1) E Volontario/a colui/colei che si impegna a svolgere qualunque attività all interno dell Associazione spontaneamente e gratuitamente, senza

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO. 1. Definizioni

TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO. 1. Definizioni TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO 1. Definizioni a) Nei presenti Termini e Condizioni di Abbonamento, nel Modulo di Iscrizione, nei Regolamenti e in qualsiasi altro documento emanando ai sensi del Contratto,

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Via San Michele, 81 25074 Idro - tel. 036583136 fax. 0365823035 e-mail segreteria@comune.idro.bs.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata Ai sensi e per gli effetti dell art. 18 della Costituzione italiana e degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile è costituita

Dettagli

Diporto Velico Veneziano

Diporto Velico Veneziano Diporto Velico Veneziano STATUTO CAPO I COSTITUZIONE SCOPO SEDE GUIDONE SOCIALE RESPONSABILITA DEL D.V.V. Art. 1 Il Diporto Velico Veneziano, associazione sportiva dilettantistica fondata a Venezia nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI COMUNALI PER LO SVOLGIMENTO E L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE, RICREATIVE E CULTURALI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL CAMPO DA CALCIO DI VIA DE GASPERI E DEL CAMPO DA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL CAMPO DA CALCIO DI VIA DE GASPERI E DEL CAMPO DA REP. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DEL CAMPO DA CALCIO DI VIA DE GASPERI E DEL CAMPO DA CALCIO DI LEVADA E NEGRISIA Visto l art. 19 del Regolamento per la gestione e l uso degli impianti sportivi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha come oggetto l affidamento in gestione del palazzetto dello sport

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI

REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI REGOLAMENTO ATTIVITA EQUESTRI ASS. SP. SCUDERIA LA VENTURINA CASCINA VENTURINA 20085 LOCATE TRIULZI (MI) TEL/FAX: 02/90731131 1 1.QUALIFICA DI SOCIO Per frequentare l Associazione è necessario essere in

Dettagli

REGOLAMENTO Articolo 1 Finalità del sodalizio Articolo 2 Ammissione dei Soci Articolo 3 - Domande di associazione

REGOLAMENTO Articolo 1 Finalità del sodalizio Articolo 2 Ammissione dei Soci Articolo 3 - Domande di associazione REGOLAMENTO Articolo 1 Finalità del sodalizio Nell ambito degli scopi fissati dall art. 2 dello Statuto e secondo lo spirito del medesimo viene predisposta la normativa di cui al presente regolamento dello

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Art. 1 Finalità Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Scopo del presente regolamento è quello di regolare l'attività

Dettagli

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 COMUNI DI: BOSARO, CANARO, CRESPINO, FRASSINELLE POLESINE, GAVELLO, GUARDA VENETA, PAPOZZE, POLESELLA, PONTECCHIO

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA

COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo Regolamento comunale per l utilizzo delle palestre comunali e degli spazi pubblici adibiti all attività sportiva (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P.

REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P. REGOLAMENTO DELLE SEDI REGIONALI S.I.C.P. ART.1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, redatto, ai sensi e per gli effetti dell articolo 1 dello statuto sociale della SICP, disciplina le modalità

Dettagli

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI, MOBILI E ATTREZZATURE COMUNALI Approvato con Delibera del C.C. n. del INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Impianti sportivi

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 in data 30 settembre 2004 INDICE ART. 1 Oggetto ART. 2 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare Pag. 1 Art. 2 Criterio disciplinare Pag. 1 Art. 3 Tipi di concessione Pag.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE MOBILITÀ E TRASPORTI UFFICIO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Civitas Interamna INDICE Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Requisiti

Dettagli

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART 1: Costituzione E costituita l Organizzazione di

Dettagli

Regolamento per il funzionamento. e l utilizzo del Parco delle Terme, degli edifici e del bunker di Kesselring

Regolamento per il funzionamento. e l utilizzo del Parco delle Terme, degli edifici e del bunker di Kesselring Regolamento per il funzionamento e l utilizzo del Parco delle Terme, degli edifici e del bunker di Kesselring 1 Art.1 PREMESSA STORICO ARTISTICA Il complesso termale di Recoaro, situato all intero di un

Dettagli

R E GO L A M E N T O

R E GO L A M E N T O R E GO L A M E N T O Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Articolo 8. Articolo 9. Articolo 10. Articolo 11. Il Circolo Ippico del Mugnano ASD ( di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Forme di gestione Art. 3

Dettagli

Trofeo Challenger Regate dell Amicizia

Trofeo Challenger Regate dell Amicizia Trofeo Challenger Regate dell Amicizia Edizione 2011 04 Giugno 09 Luglio 16 Ottobre Gaeta Civitavecchia Fiumicino in collaborazione con capitaneria di Porto guardia Costiera Bambino Gesù OSPEDALE PEDIATRICO

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

associazione e scuola di vela e di marineria

associazione e scuola di vela e di marineria ALLEGATO A) STATUTO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA associazione e scuola di vela e di marineria STATUTO DI STRETTI AL VENTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Articolo 1 TITOLO I Denominazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale

Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA. Concessione Cantonale Patriziato di Magadino REGOLAMENTO PORTO PATRIZIALE DI MAGADINO PREMESSA Concessione Cantonale Il Patriziato di Magadino ha posato, sulla base dell autorizzazione n. 3.139.0377 del 18.12.2000, che sostituisce

Dettagli

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Preone Provincia di Udine REGOLAMENTO Per la costituzione ed il funzionamento del Gruppo Comunale dei Volontari di Protezione Civile del Comune di PREONE

Dettagli

Regolamento d uso degli impianti sportivi comunali

Regolamento d uso degli impianti sportivi comunali ; COMUNE DI MODENA Servizio Sport Regolamento d uso degli impianti sportivi comunali CAPO I NORME GENERALI Art. 1) - Disciplina d uso Il presente regolamento disciplina l uso degli impianti sportivi di

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA

COMUNE DI MASSA DI SOMMA COMUNE DI MASSA DI SOMMA PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio nello spirito della più ampia collaborazione e cooperazione

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Le veleggiate,escluso il percorso della Coppa di Nestore, si svolgeranno negli specchi d acqua antistanti l Isola di Ischia.

Le veleggiate,escluso il percorso della Coppa di Nestore, si svolgeranno negli specchi d acqua antistanti l Isola di Ischia. Trofeo Città di Casamicciola Terme Coppa di Nestore diciassettesima Edizione Avviso di Veleggiata MANIFESTAZIONE VELICA DEL DIPORTO Attività Promozionale FIV LOCALITA DELLE VELEGGIATE Le veleggiate,escluso

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il presente regolamento disciplina il funzionamento del senato accademico dell Università degli studi di Genova in conformità a quanto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 ART. 1 - COSTITUZIONE E costituita una Associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 o più semplicemente ASSO 4000. ART.

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO

PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PORTO ROMANO REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA La Società Yacht Club Tevere srl con sede legale in Fiumicino (RM) Via Costalunga n. 21-31 titolare dell atto di concessione per la costruzione e gestione del

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA G.S.O. SAN CARLO 25/11/2013 STATUTO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA G.S.O. SAN CARLO 25/11/2013 STATUTO STATUTO Art. 1 Denominazione e Sede È costituita l Associazione dilettantistica denominata Associazione sportiva dilettantistica G.S.O. San Carlo (d ora in poi: Associazione ). L Associazione ha sede in

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO. È costituita l Associazione di promozione sociale denominata ASSOCIAZIONE

STATUTO. È costituita l Associazione di promozione sociale denominata ASSOCIAZIONE STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO ART. 1 È costituita l Associazione di promozione sociale denominata ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLA AMICA. L Associazione non ha fini di lucro, è apolitica, apartitica

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA U. POZZOLI E DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO Art. 1 Finalità Il Comune di Lecco favorisce la crescita culturale, civile e sociale dei cittadini, tutela e valorizza

Dettagli

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A.

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Approvato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti nella seduta del: 29/01/2015 Emessa da: Funzione Segreteria Societaria in data: 16/01/2015 Validità dal:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Parte I: Disposizioni generali 1. Finalità L Amministrazione Comunale intende, con il presente regolamento, valorizzare l utilizzo delle sale comunali

Dettagli

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi -Via Napoli C.A.P. 72020 Regolamento per uso e gestione impianti sportivi Approvato con delibera di C.C. n. 45 del 29/09/2003 e modificato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI SOLAROLO MONS. GIUSEPPE BABINI

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI SOLAROLO MONS. GIUSEPPE BABINI STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI SOLAROLO MONS. GIUSEPPE BABINI ART. 1 - COSTITUZIONE È costituita con sede a Solarolo in via Montale n. 1/b l associazione di volontariato denominata Associazione Volontari

Dettagli

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 26 luglio 1999 ARTICOLO 1 E costituito il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

STATUTO ASSISTENZA PUBBLICA - PARMA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 DENOMINAZIONE - FORMA GIURIDICA - SEDE

STATUTO ASSISTENZA PUBBLICA - PARMA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 DENOMINAZIONE - FORMA GIURIDICA - SEDE STATUTO ASSISTENZA PUBBLICA - PARMA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 DENOMINAZIONE - FORMA GIURIDICA - SEDE 1) E costituita in Parma una associazione riconosciuta, senza scopo di lucro, in possesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO . COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n

Dettagli

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE

Il sottoscritto residente in via tel. e-mail in qualità di dell Ente/Associazione/Organismo con sede in via partita IVA n. CHIEDE Alla Camera di Commercio I.A.A. Ufficio Segreteria, Affari generali e Relazioni con il Pubblico Via Avogadro, 4 28100 NOVARA Oggetto: Richiesta uso temporaneo sale camerali. Il sottoscritto residente in

Dettagli

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà:

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà: STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.PA.V. SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata A.PA.V. - Associazione Parole che Volano ART. 2) 1. L Associazione ha sede

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

STATUTO FONDO DI SOLIDARIETÀ CIRCUMVESUVIANA CRAL

STATUTO FONDO DI SOLIDARIETÀ CIRCUMVESUVIANA CRAL STATUTO FONDO DI SOLIDARIETÀ CIRCUMVESUVIANA CRAL ART. 1 E costituita un associazione assistenziale a favore degli associati ordinari del Cral Circumvesuviana, (Art. 7 Statuto Cral Circumvesuviana) denominata

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VOLONTARI

REGOLAMENTO PER I VOLONTARI CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA REGOLAMENTO PER I VOLONTARI (a norma dell art. 7 dello Statuto) INDICE 1. Il Volontario 2. Il Servizio 3. Commissione Servizi e Controlli

Dettagli