COGEMAT S.p.A Bilancio Consolidato Gruppo Cogemat 31 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COGEMAT S.p.A. 2014. Bilancio Consolidato Gruppo Cogemat 31 dicembre 2014"

Transcript

1 COGEMAT S.p.A Bilancio Consolidato Gruppo Cogemat 31 dicembre 2014 COGEMAT S.p.A. Codice fiscale Partita IVA Piazza Repubblica, 32 Milano (MI) Registro Imprese di Milano n Capitale Sociale i.v. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 1

2 Lettera agli Azionisti Signori Azionisti, il bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2014 che sottoponiamo alla Vostra approvazione comprende le risultanze contabili della controllante Cogemat S.p.A. e delle controllate Cogetech S.p.A., Cogetech Gaming S.r.l. e Azzurro S.p.A. ed evidenzia un utile consolidato di gruppo pari ad Euro migliaia e un patrimonio netto di gruppo pari ad Euro migliaia. L esercizio 2014 si conclude per il nostro Gruppo con il ritorno all utile netto, a chiusura della fase di profondi cambiamenti cominciata nella seconda metà del 2013, prima attraverso l adesione alla c.d. definizione agevolata per la maxi-penale della Corte dei Conti, e poi con la ristrutturazione del debito finanziario di Gruppo attraverso l emissione nel mese di febbraio 2014 (da parte della controllante Cogemat SpA) di un bond da 50 milioni di Euro, quotato al segmento Extramot della Borsa Italiana. A conclusione di questa importante fase di transizione societaria, il management ha potuto rifocalizzare la propria azione sulla gestione corrente, con l obiettivo di riportare la Società lungo il percorso di crescita e di generazione di valore che ha sempre contraddistinto i nostri bilanci. Nel corso dell anno appena concluso, infatti, Cogetech è cresciuta in termini significativi a livello di raccolta nel segmento delle Gaming Machines, raggiungendo la soglia dei 4,2 miliardi di euro (+3,2% rispetto al 2013), in controtendenza rispetto al mercato di riferimento risultato in flessione dell 1,6%. Particolarmente significativa è risultata la performance in ambito VLT, dove la raccolta ha evidenziato una crescita dell 11,1% a fronte di un calo generale del settore del 3,1%. Grazie a questi risultati, il Gruppo si posiziona a fine 2014 fra i primi quattro player italiani in termini di raccolta e al terzo posto per numero di macchine gestite (5.266 diritti VLT e apparecchi AWP). Relativamente alle attività retail, a fine 2014 risultano attivi 186 punti di vendita (negozi e corner), di cui 5 negozi a conduzione diretta, il cui passaggio a gestione indiretta è previsto nei primi mesi del Da rimarcare in ambito Betting, l ottimo risultato ottenuto nel primo anno di lancio delle Scommesse su Eventi Virtuali (Virtual Races), che hanno raggiunto l importante valore di giocate pari a Euro 42,8 mln. Complessivamente, il valore della produzione registrato nel corso dell esercizio è risultato pari ad Euro migliaia, con ricavi al netto delle filiere AWP/VLT, delle vincite e delle imposte per le scommesse e i giochi online, pari a Euro migliaia e con un margine operativo lordo positivo per Euro migliaia. Il margine operativo al netto delle componenti di reddito non ricorrenti è pari ad Euro migliaia, in crescita di Euro (+7%) rispetto all esercizio precedente. A livello organizzativo, il Gruppo, che consta al 31 dicembre 2014 su di una forza lavoro di 290 dipendenti, ha completato il percorso di rafforzamento della propria struttura manageriale, per la quale sono previsti annualmente piani di formazione che vedono coinvolti non solo la prima linea ma anche i responsabili delle varie aree operative. Ulteriore creazione di valore attraverso la crescita selettiva, costante miglioramento dell efficienza aziendale e ottimizzazione della gestione finanziaria, sono i driver principali sui quali svilupperemo i progetti della Società già dal corrente esercizio. Giovanni Quaglia Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 2

3 Indice CARICHE SOCIALI 4 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il profilo della Società e del Gruppo Cogemat 5 Il mercato di riferimento 7 Fatti rilevanti dell esercizio 9 Andamento economico, patrimoniale e finanziario del Gruppo 9 Compliance normativa 18 Risorse umane 19 Rapporti con Parti correlate 21 Rapporti con Istituti di credito 21 Rapporti con l Ente concedente 22 Principali rischi e incertezze cui la Società è esposta 24 Principali procedimenti giudiziari ed arbitrali 25 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 28 Evoluzione prevedibile della gestione 29 PROPOSTA PER L ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 31 BILANCIO DI ESERCIZIO Stato patrimoniale 32 Conto economico 35 Nota integrativa Criteri di redazione e valutazione del bilancio 37 Contenuto e variazioni dello Stato Patrimoniale 46 Contenuto e variazioni del Conto Economico 58 Rendiconto finanziario 64 Altre informazioni 66 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 3

4 Cariche sociali Consiglio di Amministrazione Giovanni Quaglia Andrea Nappa Fabio Schiavolin Andrea Rescigno Cristiano Cerchiai Enrico Ceccato Paolo Frigati Paolo Scarlatti Gilles Albert Quey Presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale Angelo Miglietta Mara Vanzetta Gennaro Fusco Claudio Sala Clara Alberta Tenconi Presidente Sindaco effettivo Sindaco effettivo Sindaco supplente Sindaco supplente Società di Revisione Reconta Ernst & Young S.p.A. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 4

5 Relazione sulla gestione Il profilo della Società e del Gruppo Cogemat Il Gruppo Cogemat ( il Gruppo ), nato nel 2004, è uno dei leader nel mercato italiano del gioco. Attraverso la controllata Cogetech S.p.A., è un fornitore di tecnologia e servizi che opera attraverso concessioni rilasciate dall ADM: l attività principale è la conduzione e la gestione della rete telematica per apparecchi da intrattenimento che erogano premi in denaro. Oggi, Cogetech S.p.A. gestisce una rete di circa new slot (AWP) installate e collegate in oltre punti vendita ed è titolare di diritti per le Videolotterie (VLT). Il Gruppo ha inoltre una presenza consolidata nel settore betting retail: raccoglie scommesse attraverso una rete di circa 190 punti vendita in Italia sotto il marchio iziplay e fornisce servizi di providing ad una rete di oltre 110 negozi di scommesse indipendenti. L offerta del Gruppo si estende anche ai giochi online: iziplay è la piattaforma di gioco web che offre scommesse, giochi da casinò, poker cash e a torneo, giochi di abilità e bingo online. Il Gruppo, infine, offre altri numerosi servizi ai suoi esercenti e giocatori con il suo prodotto Paymat Servizi nata per gestire in modo semplice compravendita di beni e servizi: ricariche telefoniche per cellulari e carte servizi, ricariche per conti gioco scommesse iziplay, Gift Card, ricariche di carte di credito prepagate Paymat e il servizio di pagamento di bollettini postali Online, nonché la possibilità di ricaricare le carte prepagate Postepay emesse da Poste Italiane. Cogemat S.p.A, ( la Capogruppo ) una holding italiana partecipata al 72% da OI Games II SA (costituita pariteticamente dai fondi Orlando Italia e Investindustrial), al 3% da OI Games SA e al 25% dai soci fondatori. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 5

6 Aree di business, concessioni e distribuzione geografica Le società del Gruppo operano in virtù di concessioni rilasciate dall ADM, di seguito descritte. Prodotto Società scadenza concessione AWP Cogetech S.p.A ( apparecchi gestiti) VLT Cogetech S.p.A (5.226 diritti) Scommesse Cogetech Gaming s.r.l negozi, 50 corner Scommesse Cogetech S.p.A negozi, 44 corner Giochi a distanza Cogetech S.p.A (per tutti i giochi online) AWPs Network 41% AWPs gestite % 13% Numero pdv Numero Gestori 593 Al 31 dicembre 2014 Cogetech S.p.A. gestisce AWPs, installate in oltre esercizi distribuiti su tutto il territorio nazionale. 29% Market share 9,1% VLTs Network 35% VLTs installate % 28% 22% VLTs per piattaforma 56% Novomatic 25% Spielo 19% ACE-Aristocrat Numero pdv 526 Market share 9% A fine 2014 il numero di terminali VLTs installati è pari a 4.958, distribuiti in 526 sale e collegati a tre diverse piattaforme di gioco. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 6

7 Betting Network 34% 13% 22% Pdv operativi 186 di cui 115 negozi di cui 71 corner Numero Partner 155 A fine 2014 i punti scommesse operativi sono 186, di cui 141 riconducibili a Cogetech Gaming s.r.l. e 45 a Cogetech S.p.A., distribuiti su tutto il territorio nazionale. 31% Market share 3% Il mercato di riferimento Il settore dei giochi in Italia è regolamentato dallo Stato, pertanto l istituzione e la gestione di nuovi giochi, l individuazione e il numero dei concessionari, il compenso ad essi spettante, il meccanismo di accumulo dei premi e le modalità di vincita, sono determinati da provvedimenti legislativi e/o amministrativi. L ente pubblico in cui sono concentrate le funzioni regolatrici, erariali, di supervisione e di controllo era l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, che dal 2002 è divenuto il gestore unico dei giochi pubblici e che dal 1 dicembre 2012 in applicazione del Decreto legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito con Legge n. 135 del 7 Agosto 2012, è stata incorporata dall'agenzia delle Dogane, la quale ha assunto la nuova denominazione di Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM). A partire dagli anni 90, il mercato del gioco in Italia ha subito una profonda trasformazione dovuta alla volontà del legislatore di incrementare il gettito erariale e di contrastare il gioco illecito. Ciò ha portato all istituzione ed alla regolamentazione di nuovi giochi (Superenalotto, Scommesse Sportive, Bingo, New Slot, Giochi di Abilità a distanza e VLT) ed a un ampliamento dei canali di distribuzione degli stessi. In tale regime, i soggetti attivi nel mercato dei giochi possono operare soltanto attraverso concessioni e autorizzazioni rilasciate dall ADM. Quest ultime possono essere di diversa durata ed in esclusiva (Lotto, Superenalotto) oppure in multiproviding (New Slot, VLT, Scommesse, etc.). Si evidenzia che la quasi totalità dei bandi di gara per l assegnazione di nuove concessioni è stato rappresentato da procedure di selezione aperte a più concessionari (cd. sistema in multiproviding ) e questo è ritenuto essere il trend di ADM. In tale contesto è anche possibile presupporre che le concessioni attualmente in esclusiva vengano trasformate, alla loro scadenza, in multiproviding con una conseguente rilevante opportunità per gli operatori del settore. Andamento del mercato nell esercizio 2014 Nel corso del 2014, in assenza della pubblicazione dei dati ufficiali da parte di ADM e stando quindi ai dati ufficiosi disponibili tra gli operatori del settore, il mercato dei giochi pubblici ha registrato una leggera flessione in termini di raccolta complessiva chiudendo l anno a Euro 84,5 miliardi. Anche i dati relativi alle entrate erariali e all effettiva spesa dei giocatori hanno registrato una flessione rispetto all esercizio precedente: tale flessione è da imputare, oltre che alla difficile congiuntura economica, alla migrazione delle preferenze dei giocatori verso prodotti con una percentuale di vincita più elevata. Il comparto trainante del settore dei giochi pubblici è rappresentato dagli apparecchi da intrattenimento: la raccolta combinata di AWP e VLT, pari a circa 47 miliardi di Euro, rappresenta infatti il 55% di quella complessiva. A tal proposito, si deve però sottolineare come ad una sostanziale stabilità della raccolta AWP, pari a Euro 25,4 miliardi circa nel 2014, si contrapponga una leggera flessione del mercato VLT la cui raccolta si attesta a Euro 21,4 miliardi, in calo del 3% rispetto al Le scommesse sportive nel corso del 2014, grazie all opportunità rappresentata dai Mondiali di calcio, hanno Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 7

8 registrato una raccolta complessiva di circa 4,2 miliardi di Euro, di cui oltre 1,5 miliardi di Euro attraverso il canale telematico, registrando un incremento dell 11,5% rispetto al Di converso, a conferma dello stato di crisi strutturale del comparto, non presentano invece segnali di ripresa le scommesse ippiche, che chiudono il 2014 con una raccolta di Euro 0,7 miliardi, in calo del 16% circa rispetto al Il 2014 è stato caratterizzato dall ottima performance delle Virtual Races: il primo anno completo di raccolta delle scommesse su eventi virtuali, lanciate nel dicembre 2013, si è chiuso con incassi che hanno superato Euro 1,1 miliardi. Relativamente alla raccolta dei giochi di abilità a distanza, si segnala una crescita significativa dei Casinò Games grazie soprattutto alle slot online, mentre si registra una netta contrazione per il Poker a torneo e per il Poker in modalità cash. Per quanto riguarda gli altri giochi, nel 2014 si registra una contrazione rilevante del Superenalotto e degli altri giochi numerici al totalizzatore (- 13,7% circa rispetto al 2013), mentre risulta più contenuta (circa 2%) la flessione delle lotterie e del bingo; in controtendenza per il secondo anno consecutivo il gioco del lotto che registra una crescita di circa il 5% rispetto al ( miliardi) Raccolta Giochi Pubblici delta % AWP 25,4 25,4-0,2% VLT 21,4 22,1-3,2% Scommesse sportive 4,2 3,8 11,5% Scommesse ippiche 0,7 0,8-16,1% Scommesse virtuali 1,1 0,0 > 100% Giochi a distanza (online) 12,3 13,3-7,3% Lotterie 9,4 9,6-1,8% Lotto 6,6 6,3 4,7% Giochi numerici a tot. (superenalotto, winforlife) 1,2 1,4-13,7% Bingo 1,6 1,7-2,4% Altri (betting exchange, app. C7, ) 0,5 0,4 34,8% Totale 84,5 84,7-0,3% Fonte: rielaborazione dati ADM Evoluzione del mercato di riferimento Il mercato del gioco nel corso del 2015 sarà verosimilmente caratterizzato, sul fronte delle Gaming Machines, da una fase di razionalizzazione del numero di apparecchi installati, probabilmente a fronte di una leggera crescita del coin-in e del bet medio per apparecchio. Complessivamente è prevista una sostanziale tenuta della raccolta su entrambi i segmenti AWP e VLT. Il mercato delle scommesse sportive potrà trarre ulteriore beneficio dal pieno sfruttamento delle potenzialità delle scommesse su eventi virtuali e dall ampiamento dei palinsesti, mentre andrà verificato sul mercato l effetto prodotto dalla regolarizzazione dei cosiddetti CTD (Centri Trasmissione Dati), che hanno approfittato a inizio 2015 della sanatoria offerta dalla Legge di Stabilità. Oggi il sistema italiano del gioco presenta aspetti di dinamicità, di competitività e di competenze che lo rendono un modello di riferimento unico nel panorama Europeo e lasciano intravedere nuove ed ulteriori opportunità di crescita. Non mancano però le incognite legate, in particolare, alla crisi economica in cui versa il paese, ai rapporti tra l Ente Concedente e le società concessionarie e alla tenuta della raccolta di alcuni giochi nel nuovo scenario competitivo. Da non dimenticare, infine, la necessità di proseguire sul percorso intrapreso negli ultimi anni volto alla collaborazione tra le istituzioni, l ADM e gli operatori del settore nelle attività di armonizzazione e razionalizzazione dell offerta, di prevenzione e contrasto al gioco illegale e di impegno sociale nella prevenzione e gestione di eventuali fenomeni di abuso o di gioco eccessivo e l impatto sul territorio e sulle comunità del variegato portafoglio prodotti di Gioco Legale. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 8

9 Fatti rilevanti dell esercizio Relativamente alla condanna di primo grado per i presunti inadempimenti nell attivazione della rete telematica, con l udienza del 31 gennaio 2014 la Corte dei Conti, a seguito dell adesione alla definizione agevolata, ha dichiarato l estinzione di tutti i giudizi di responsabilità amministrativa nei confronti di Cogetech S.p.A. Sempre in relazione ai contenziosi amministrativi con l Amministrazione, nel mese di luglio 2014 la Corte dei Conti ha condannato Cogetech al pagamento di Euro 4 migliaia per il ritardo nella presentazione della resa del conto (a fronte di Euro 183,6 mln richiesti dalla Procura) e il TAR Lazio ha annullato tutte le richieste di pagamento dei minimi garantiti ippici anni 2006/2011. In data 14 febbraio 2014, la Capogruppo Cogemat S.p.A. ha collocato sul mercato ExtraMOT PRO, sistema multilaterale di negoziazione organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., il prestito obbligazionario denominato 50,000,000 Secured Floating Rate Notes due 2019 ( Mini-bond ). I proventi dell operazione sono stati utilizzati per rimborsare parte dell indebitamento corrente delle società del gruppo ai fini di una ristrutturazione del debito ed, in generale, per supportare le attività aziendali. Nella stessa data la Capogruppo, a seguito dell emissione del Mini-bond, ha concesso alla Società un finanziamento di Euro migliaia che ha consentito di rimborsare interamente il finanziamento di originari Euro 25 milioni erogato da BNP-Paribas e il residuo di Euro 4,8 milioni del finanziamento erogato MPS Capital Services. Nel mese di febbraio 2014, Cogetech S.p.A. ha sottoscritto un accordo con Inspired Gaming per la fornitura della quarta piattaforma di gioco per le VLT; l avvio della certificazione del sistema è iniziato nel terzo trimestre del 2014, con l obiettivo di poter così ampliare l offerta di Cogetech S.p.A. nei primi mesi del Nel mese di aprile 2014, si è perfezionato l aumento di capitale di euro 15 milioni deliberato a Dicembre In data 1 luglio 2014, nel rispetto degli accordi con Casinò Austria, si è proceduto al pagamento di Euro 5,4 milioni per l acquisto di Azzurro Gaming S.p.A.. L ultima rata prevista, pari a Euro 4,3 milioni, verrà liquidata in data 1 Luglio A fine ottobre 2014 è stata saldata l ultima rata del piano di rateizzazione del debito PREU relativo agli anni 2005 e Tale debito, al 31 dicembre 2014, risulta quindi definitivamente estinto. A seguito della conclusione a fine 2013 del processo autorizzatorio previsto per l avviamento dell offerta di gioco su scommesse su eventi simulati, Cogetech Gaming S.r.l.ha potuto avviare a inizio 2014 il roll-out della nuova offerta sulla totalità dei propri punti vendita raggiungendo sull intero anno un valore di giocate prossimo a Euro 43 milioni, oltre ad Euro 20 milioni di raccolta nel canale provider. Parallelamente allo sviluppo sul fronte delle Virtual Race, è continuato l arricchimento dell offerta di scommesse a quota fissa grazie all ampliamento del numero di eventi live proposti e, a partire dal mese di novembre 2014, all introduzione delle scommesse sul c.d. palinsesto complementare. Il progressivo passaggio al modello di gestione indiretta dei punti di vendita ha comportato nel corso dell anno la riduzione dei negozi diretti da 11 a 5 unità. La società prevede di poter passare, entro la prima metà del 2015, ad una gestione indiretta anche gli ultimi punti diretti rimasti a fine Lo switch verso il modello di gestione indiretta è stato realizzato privilegiando accordi con partner di comprovata professionalità che, attraverso cessioni di ramo d azienda con assunzione del personale dipendente e subentro nei contratti in essere, hanno rilevato l avviamento in continuità e senza dover interrompere l attività di raccolta gioco in corso di passaggio. Nel corso dell esercizio 2014, è inoltre stata implementata una campagna di comunicazione e informazione sul gioco responsabile e sui rischi del gioco patologico ed è stato organizzato un work-shop sugli aspetti normativi e fiscali del gioco. Relativamente alla comunicazione sul gioco responsabile, agli EGR Italy Awards 2014 Cogetech S.p.A. ha ricevuto il primo premio come miglior 'Operatore di gioco responsabile'. A fine dicembre 2014, è stata approvata la Legge di Stabilità 2015 che prevede, inter-alia, una sanatoria a favore dei cosiddetti CTD (Centri Trasmissione Dati) e una misura di riduzione annua di 500 milioni di euro dei compensi della filiera delle Gaming Machines e calcolata in base ai terminali attivi alla data del 31 dicembre 2014 per ciascun concessionario. Cogetech, per la parte di sua competenza, ha provveduto entro la fine dell anno a comunicare all intera base clienti le rispettive porzioni di riduzione dei compensi indispensabili per la rendicontazione, già del mese di gennaio, in ottemperanza a quanto previsto dalla sopracitata Legge di Stabilità. Andamento economico, patrimoniale e finanziario del Gruppo Analisi dei principali dati economici dell esercizio Per una più completa e chiara rappresentazione economica dei risultati gestionali, si illustra di seguito il Conto Economico riclassificato della Società per l esercizio appena chiuso, che include il confronto con gli stessi dati dell esercizio precedente. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 9

10 Si segnala che i dati di bilancio dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 includono i risultati di Azzurro Gaming S.p.A. per tutti i dodici mesi dell anno, mentre nel bilancio 2013 erano riflessi solamente i sei mesi successivi all acquisizione avvenuta in data 1 luglio. (Euro/000) CONTO ECONOMICO ESERCIZIO 2014 ESERCIZIO 2013 Var Var % Ricavi % Altri proventi (1.814) -46% Totale Valore della Produzione % Costi per materie prime, di consumo e merci (273) (231) (42) 18% Costi per servizi ( ) ( ) (48.869) 12% Costi per godimento beni di terzi (3.909) (4.642) % Costo del lavoro (16.130) (19.049) % Altri oneri di gestione (14.857) (91.938) % Totale Costi ( ) ( ) % MARGINE OPERATIVO LORDO (43.605) >100% Ammortamenti e svalutazioni Immobilizzazioni (20.203) (23.617) % Accantonamenti e svalutazioni (4.219) (4.812) % RISULTATO OPERATIVO (72.033) >100% Proventi (Oneri) Straordinari 416 (743) >100% Proventi (Oneri) Finanziari (10.261) (5.623) (4.638) 82% RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (78.399) >100% Imposte sui redditi dell'esercizio (1.712) (22.512) <100% UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO (57.600) >100% Il confronto tra i dati economici è di seguito effettuato sulla base dei ricavi al netto della filiera, in quanto i dati esposti nel conto economico redatto secondo lo schema previsto dall art.2425 del c.c. è significativamente condizionato da: - I compensi corrisposti alle filiere AWP e VLT che differiscono tra loro per il diverso peso percentuale rispetto al margine di competenza del concessionario - I premi e le imposte relativi alle scommesse a quota fissa e ai giochi online Per una migliore comprensione della redditività aziendale, di seguito si riporta un prospetto del conto economico nel quale i ricavi New Slot e VLT sono rappresentati al netto dei compensi corrisposti alla filiera e i ricavi Betting e Online al netto di vincenti e imposte ed evidenziando le componenti di reddito non ricorrenti. (Euro/000) CONTO ECONOMICO - ricavi netti 2014 di cui ricorrenti di cui non ricorrenti 2013 di cui ricorrenti di cui non ricorrenti Var di cui ricorrenti di cui non ricorrenti Ricavi netti Altri proventi (1.814) (1.980) 166 Totale Valore della Produzione netto Costi per materie prime, di consumo e merci (273) (273) - (231) (231) - (42) (42) - Costi per servizi (33.703) (33.343) (360) (36.635) (29.920) (6.715) (3.176) Costi per godimento beni di terzi (3.909) (3.909) - (4.642) (4.642) Costo del lavoro (16.130) (16.130) - (19.049) (19.049) Altri oneri di gestione (14.857) (14.169) (688) (91.938) (14.418) (77.520) Totale Costi netti (68.872) (67.825) (1.048) ( ) (68.260) (84.235) Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 10

11 MARGINE OPERATIVO LORDO (46) (43.605) (83.399) Ammortamenti e svalutazioni immobilizzazioni (20.203) (20.203) - (23.617) (23.617) Accantonamenti e altre svalutazioni (4.219) (4.219) - (4.812) (4.812) RISULTATO OPERATIVO (46) (72.034) (83.399) Proventi (Oneri) Straordinari (743) (743) Proventi (Oneri) Finanziari (10.261) (10.261) - (5.623) (5.623) - (4.638) (4.638) - RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (46) (78.400) (83.399) Imposte sui redditi dell'esercizio (1.712) (1.712) (551) (22.512) (1.161) (21.351) UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO (46) (57.600) (62.048) I proventi non ricorrenti, pari ad Euro migliaia nell esercizio 2014, sono relativi ad una plusvalenza sulla cessione di 250 terminali VLT e alla rivalsa di spese amministrative sostenute in esercizi precedenti; i costi non ricorrenti, pari ad Euro migliaia nell esercizio 2014, sono principalmente relativi a costi di consulenza straordinaria, a commissioni bancarie one-off e agli oneri sostenuti per il passaggio alla gestione indiretta dei punti vendita. I costi non ricorrenti dell esercizio 2013, pari ad Euro migliaia, includono gli oneri sostenuti per aderire alla definizione agevolata della condanna di primo grado per i presunti inadempimenti nell attivazione della rete telematica (Euro migliaia), oltre ai costi per consulenze sostenuti per l attività di ristrutturazione del debito intrapresa nel corso del secondo semestre dell anno ed alle relative commissioni bancarie. Il margine operativo lordo (MOL) per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, al netto delle componenti non ricorrenti, si attesta ad Euro migliaia in crescita del 7% rispetto all esercizio precedente. I motivi di tale diminuzione sono da individuare nella contrazione dei ricavi e dei margini del business AWP, solo parzialmente compensati dalla crescita organica del business VLT e dai buoni risultati delle scommesse su eventi virtuali. Analisi dei ricavi per società del Gruppo (Euro/000) Totale ricavi e proventi Esercizio 2014 % Ricavi Esercizio 2013 % Ricavi Cogemat S.p.A. 0 0% 0 0% Cogetech S.p.A % % Cogetech Gaming S.r.l % % Azzurro S.p.A % % Elisioni IC (5.832) -1% (4.473) -1% Totale Ricavi ,0% ,0% Compenso filiera AWP e VLT ( ) -61% ( ) -65% Costi per vincenti/rimborsati/imposta unica (98.883) -18% (60.214) -13% Totale Ricavi al netto della filiera % % Analisi dei ricavi per linea di business L analisi dell andamento economico evidenzia come i ricavi aziendali siano trainati principalmente dall attività di concessionario VLT e AWP i cui profitti rappresentano rispettivamente il 43,9% e il 25,3 % dei ricavi netti dell esercizio I ricavi derivanti dalle scommesse (offline e online) rappresentano il 19,1 % dei ricavi netti totali, mentre quelli derivanti dai servizi commerciali e dai giochi online contribuiscono rispettivamente per il 2% e per l 1,2%. Rispetto all esercizio 2013 il valore dei ricavi netti registra una crescita di Euro migliaia (+2,3%). In ambito gaming machines si rileva una flessione strutturale dei ricavi AWP, controbilanciata dalla crescita organica del business VLT che riporta una crescita del 4,5% relativamente all attività concessoria e del 59,4% per quella di terzo incaricato (esercente e mandatario). I ricavi derivanti dalle scommesse e dai servizi di betting providing evidenziano una crescita rilevante, rispettivamente del 29,6% e del 56,7%, per lo più riconducibile all introduzione delle scommesse su eventi virtuali. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 11

12 (Euro/000) Totale ricavi e proventi % Ricavi % Ricavi Netti Netti delta Totale Ricavi New Slot di cui compenso filiera Totale Ricavi Netti New Slot ,3% ,7% -9,9% Totale Ricavi VLT di cui compenso filiera Totale Ricavi Netti VLT ,9% ,9% 4,5% Ricavi Betting (Retail & Web) di cui costi per vincenti/rimborsati/imposta unica Totale Ricavi Netti Betting (Retail & Web) ,1% ,0% 29,6% Ricavi Online Games di cui costi per vincenti/rimborsati/imposta unica Totale Ricavi Netti Online Games ,2% ,2% -44,3% Ricavi Service Providing ,9% ,2% 56,7% Ricavi Servizi a valore aggiunto ,0% ,1% -0,9% Ricavi Mandatario/Esercente VLT ,4% ,2% 59,4% Ricavi Gestore/Esercente New Slot ,1% ,4% -8,5% Altri Ricavi 593 0,5% 995 0,9% -40,4% Totale Altri Proventi ,9% ,6% -45,7% Elisioni IC (5.832) (4.473) Totale Ricavi Elisioni IC (ricavi netti) (1.476) -1,3% (1.395) -1,3% Totale Ricavi Netti % % 2,3% Gli altri proventi, complessivamente pari ad Euro migliaia al 31 dicembre 2014, sono principalmente riferiti a: - Plusvalenze da alienazione cespiti (Euro 742 migliaia); - Rivalsa spese (Euro 492 migliaia); - Sopravvenienze attive ordinarie (Euro 352 migliaia); - Altri ricavi per prestazioni e servizi diversi (Euro 566 migliaia). Di seguito vengono rappresentati i ricavi derivanti dall attività di Concessionario per gestione della rete telematica degli apparecchi da intrattenimento. (Euro/000) Ricavi New Slot Esercizio 2014 Esercizio 2013 Raccolta New Slot Quota Totale Concessionario New Slot Canone di Concessione AAMS New Slot Altri ricavi delle vendite e delle prestazioni Corrispettivo Concessionario New Slot Totale Ricavi di competenza Compenso Terzi Incaricati alla Raccolta ( ) ( ) Aggio Gestione Diretta New Slot (1.806) (1.890) Totale Ricavi Netti L ammontare totale dei ricavi per l attività di concessionario per la gestione delle rete telematica delle AWP è, come già anticipato, pari alla raccolta complessiva al netto del PREU e delle vincite. Tale importo è comprensivo quindi del compenso dei terzi incaricati alla raccolta (Gestori ed Esercenti) che viene, ad eccezione dell aggio maturato per l attività di gestione diretta delle AWP, contestualmente registrato tra i costi d esercizio. I ricavi caratteristici netti, oltre ad eventuali proventi diversi non riconducibili alla raccolta degli apparecchi, sono quindi rappresentati dal Canone AAMS e dalla Quota richiesta dal Concessionario per il servizio di collegamento alla rete e di gestione della stessa. La flessione dei ricavi New Slot è dovuta, oltre che ad una contenuta contrazione della raccolta, alla diminuzione della quota concessionario. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 12

13 (Euro/000) Ricavi Concessionario VLT Esercizio 2014 Esercizio 2013 Raccolta VLT Quota Totale Concessionario VLT Canone di Concessione AAMS VLT Corrispettivo Concessionario VLT Totale Ricavi di competenza Compenso Terzi Incaricati alla Raccolta (69.446) (56.866) Totale Ricavi Netti In linea con il criterio seguito per la registrazione dei ricavi delle AWP, anche i ricavi delle VLT vengono rappresentati al netto del PREU e delle vincite (incluse le quote destinate al jackpot di rete e di sala) e includono quindi il compenso riconosciuto alla filiera per l attività di raccolta, comprese le spettanze corrisposte ai fornitori dei sistemi di gioco se regolate da un contratto di tipo TIR (terzo incaricato alla raccolta). I ricavi netti VLT nel 2014 sono pari ad Euro e registrano una crescita del 4,5% rispetto all esercizio Al fine di offrire una rappresentazione del margine netto relativo alle scommesse sportive a quota fissa (sia offline sia online), alle scommesse ippiche ed alle scommesse su eventi virtuali, nelle tabelle di seguito riportate si rappresenta l aggio al netto delle vincite e delle imposte. Si segnala che, a differenza dei ricavi derivanti dalle scommesse sportive a quota fissa, dalle scommesse su eventi virtuali e dalle scommesse ippiche a riferimento (che vengono registrati al lordo di vincite e imposte), per l ippica nazionale ed a totalizzatore viene contabilizzato solo il netto spettante al concessionario. (Euro/000) Ricavi Scommesse Sportive QF Esercizio 2014 Esercizio 2013 Ricavi Scommesse Sportive QF Vincite e Rimborsi Scommesse Sportive QF (54.493) (54.648) Imposta Unica Scommesse Sportive QF (2.949) (2.936) Netto Scommesse Sportive QF Si evidenzia che l incidenza delle vincite sportive sul totale ricavi passa dal 77,6% del 2013 al 76,3% dell esercizio Grazie all effetto positivo del miglior payout e ad una lieve crescita della raccolta e dei ricavi, l aggio netto cresce di Euro migliaia (+9,5%). (Euro/000) Ricavi Scommesse Ippiche Esercizio 2014 Esercizio 2013 Ricavi Scommesse Ippiche di cui Ippica Totalizzatore di cui Ippica Riferimento di cui Ippica Nazionale Vincite e Rimborsi Scommesse Ippiche (1.925) (1.686) Imposta Unica/Unire Scommesse Ippiche (102) (92) Netto Scommesse Ippiche (Euro/000) Ricavi Virtual Race Esercizio 2014 Esercizio 2013 Ricavi Virtual Race Vincite e Rimborsi Virtual Race (38.042) (186) Imposta Unica Virtual Race (986) (7) Netto Virtual Race Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 13

14 Costi operativi Come avvenuto per i ricavi, si propone una suddivisione dei costi caratteristici per singola entità, dalla quale si rileva come i costi di Cogetech S.p.A., in virtù dell iscrizione tra i costi per servizi dei compensi riconosciuti ai terzi incaricati della raccolta, rappresentino l 80,3% dei costi complessivi del Gruppo. (Euro/000) Costi Operativi Esercizio 2014 % Cogemat S.p.A ,2% Cogetech S.p.A ,3% Cogetech Gaming S.r.l ,4% Azzurro S.p.A ,2% Elisioni IC (5.832) -1,2% Totale Costi Operativi % Nella tabella di seguito riportata viene rappresentata la suddivisone per natura dei costi sostenuti nel corso dell esercizio chiuso al 31 dicembre (Euro/000) Costi Operativi Esercizio 2014 % Esercizio 2013 % delta Costi per materie prime, di consumo e merci 273 0,1% 231 0,0% 18,3% Costi per Servizi ,9% ,9% 11,9% di cui compensi terzi incaricati AWP e VLT Costi per godimento beni di terzi ,8% ,9% -15,8% Costo del lavoro ,3% ,6% -15,3% Altri Oneri di Gestione ,0% ,5% -83,8% di cui penale Corte dei Conti di cui Canone concessione AAMS AWP e VLT Totale Costi Operativi % % -6,1% I Costi per servizi rappresentano il 92,9% dei costi totali e circa il 72% di tale categoria di oneri sia da individuare nei compensi riconosciuti da Cogetech S.p.A. in qualità di concessionario per gli apparecchi da intrattenimento ai terzi incaricati della raccolta. Si rimanda alla Nota Integrativa per un più puntuale dettaglio delle voci componenti tale categoria di costi. Si segnala infine che tra i Costi per servizi sono incluse, sia nell esercizio 2014 sia nell esercizio 2013, componenti di costo di natura non ricorrente, principalmente rappresentate da commissioni bancarie e spese per consulenze. I Costi per godimento beni di terzi, pari ad Euro migliaia, sono relativi ai canoni di locazione degli uffici e delle agenzie scommesse a gestione diretta, ai canoni di leasing e a contratti diversi per l utilizzo di beni mobili, tra i quali quelli per le autovetture aziendali. I Costi del lavoro, come quelli per i canoni di locazione, registrano una rilevante contrazione rispetto all esercizio 2013 grazie alla progressiva riduzione del perimetro delle agenzie in gestione diretta e relativo affidamento della gestione a terzi. Nella voce Altri Oneri di gestione, il cui ammontare nel precedente esercizio era influenzato dalla sanzione di Euro migliaia versata per la definizione agevolata del contenzioso con la Corte dei Conti, la posta più rilevante è rappresentata dal Canone di Concessione AAMS, iscritto a bilancio per un importo pari a Euro migliaia per le AWP ed Euro migliaia per le VLT. Il Canone AAMS è il canone della concessione per la conduzione e la gestione delle rete telematica degli apparecchi da intrattenimento, pari allo 0,8% delle somme raccolte. Nell esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, alla stregua di quanto previsto dalla Legge Finanziaria 2006 e confermato dalla Finanziaria per il 2008 che hanno introdotto la possibilità per il Concessionario di percepire una maggiore remunerazione grazie all elargizione da parte di ADM di una quota massima dello 0,5% delle somme giocate, tale voce di costo è stata registrata per un importo nettato del credito verso ADM (deposito cauzionale) pari allo 0,4966% della raccolta 2014 (come da comunicazione di ADM del 3 Marzo 2015). Ammortamenti e svalutazioni immobilizzazioni Del totale ammortamenti e svalutazioni, pari complessivamente ad Euro migliaia, Euro migliaia sono relativi ai beni materiali, inclusi i beni gratuitamente devolvibili al termine della concessione, ed Euro migliaia si Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 14

15 riferiscono alle immobilizzazioni immateriali. Sull ammontare complessivo degli ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali pesa significativamente il piano di ammortamento dei diritti VLT, pari ad Euro migliaia nell esercizio. Svalutazioni e accantonamenti Gli accantonamenti e le svalutazioni, complessivamente pari ad Euro migliaia, sono così suddivisi: Euro migliaia sono relativi al rischio su crediti verso clienti; dall analisi effettuata sulla solvibilità dei clienti, si è ritenuto che tale importo, sommato al valore del fondo svalutazione crediti al 31 dicembre 2013, sia adeguato a coprire il rischio di inesigibilità dei crediti verso clienti; Euro 390 migliaia sono stati accantonati, come previsto dalla Concessione, al Fondo per investimenti in adeguamenti tecnologici; Euro 338 migliaia per un importo pari ad Euro 10 per ogni apparecchio AWP con nulla osta valido al 31 dicembre 2014, Euro 52 migliaia per un importo pari ad Euro 10 per ogni diritto VLT di cui è titolare Cogetech S.p.A; Euro 378 migliaia a copertura dei rischi connessi ai contenziosi amministrativi in essere alla data di chiusura dell esercizio; Euro 62 migliaia a copertura dei rischi connessi ai contenziosi diversi. Componenti straordinarie di reddito Le componenti straordinarie di reddito presentano, al 31 dicembre 2014, un saldo positivo di Euro 416 migliaia, alla luce di proventi di natura straordinaria per Euro migliaia, parzialmente controbilanciati da oneri straordinari pari ad Euro migliaia. Per un maggior dettaglio si rimanda a quanto esposto in Nota Integrativa. Proventi e Oneri finanziari Il risultato della gestione finanziaria presenta un saldo negativo pari ad Euro migliaia, conseguenza di proventi finanziari per Euro 208 migliaia e di oneri finanziari pari a Euro migliaia. Per un maggior dettaglio si rimanda a quanto esposto in Nota Integrativa. Imposte d esercizio Le imposte dell esercizio includono Euro migliaia per imposte correnti ed Euro 252 migliaia per imposte anticipate. Per ulteriori dettagli si rimanda all apposito paragrafo della nota integrativa. Analisi dei principali dati patrimoniali e finanziari dell esercizio Per una più completa e chiara rappresentazione economica dei risultati gestionali, si illustra una situazione sintetica delle partite patrimoniali della Società al 31 dicembre 2014 e allo stesso periodo dell esercizio precedente. (Euro/000) STATO PATRIMONIALE 31 dicembre dicembre 2013 ATTIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B) Immobilizzazioni C) Attivo circolante D) Ratei e risconti TOTALE ATTIVO PASSIVO A) Patrimonio Netto B) Fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti E) Ratei e risconti TOTALE PASSIVO Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 15

16 Si riporta di seguito il prospetto di Stato Patrimoniale Riclassificato secondo il metodo finanziario, con separata indicazione del capitale d esercizio e del capitale investito netto. (Euro/000) STATO PATRIMONIALE 31 dicembre dicembre 2013 Immobilizzazioni immateriali nette Immobilizzazioni materiali nette Immobilizzazioni finanziarie nette Totale immobilizzazioni nette (A) Magazzino Crediti commerciali Altri crediti Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Disponibilità Liquide Ratei e risconti attivi Totale attivo circolante (B) Totale attivo (A+B) Debiti finanziari e breve termine Altri debiti di natura finanziaria Debiti commerciali Altri debiti Ratei e risconti passivi Passività a breve termine (C) Debiti finanziari a medio - lungo termine Altri debiti di natura finanziaria Debiti commerciali 0 0 Altri debiti Fondo TFR Altri fondi Passività a medio - lungo termine (D) Capitale sociale Riserve Reddito netto contabile (57.600) Patrimonio netto di terzi 0 0 Patrimonio netto (E) Totale passivo e patrimonio netto (C+D+E) Posizione Finanziaria Netta La contrazione delle immobilizzazioni immateriali nette, il cui ammontare riflette l investimento nei diritti VLT sostenuto nei precedenti esercizi, è dovuta al maggior peso degli ammortamenti dell esercizio (sui cui grava il piano di ammortamento dei diritti VLT) rispetto agli investimenti sostenuti nell esercizio. Il decremento delle immobilizzazioni materiali nette, oltre ad essere, così come per quelle immateriali, direttamente riconducibile ad un valore degli investimenti inferiore a quello di svalutazioni e ammortamenti, è riconducibile alla cessione di apparecchi VLT e di attrezzature facenti parte dei rami d azienda ceduti nel processo di esternalizzazione della gestione delle agenzie. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 16

17 L andamento del capitale circolante è fortemente caratterizzato dall attività di raccolta e versamento del PREU: la Società infatti, occupandosi in collaborazione con i gestori della raccolta del PREU per gli apparecchi da intrattenimento (AWP e VLT), risulta creditore nei confronti dei gestori e debitore nei confronti dell Erario per il PREU maturato. Le voci di Credito e Debito iscritte a bilancio sono fortemente influenzate dall andamento delle posizioni creditorie nei confronti dei gestori per la richiesta del Prelievo Unico Erariale e la conseguente voce debitoria nei confronti dello Stato per il versamento del suddetto tributo. In particolare, nella voce Altri Debiti è incluso l importo del debito PREU pari ad Euro migliaia, di cui Euro migliaia relativi alle AWP ed Euro migliaia relativi alle VLT. Il totale dei crediti vantati verso i clienti, tra i quali sono inclusi i crediti verso i gestori per PREU, è pari ad Euro migliaia al netto della svalutazione e registra un decremento di Euro migliaia rispetto al dato del precedente esercizio. L ammontare dei crediti scaduti è pari ad Euro , di cui Euro migliaia da oltre centottanta giorni a fronte di un fondo svalutazione pari ad Euro migliaia. La contrazione dei debiti commerciali è riconducibile al progressivo e definitivo saldo dei debiti nei confronti di ACE - Aristocrat per la fornitura dei terminali VLT, oltre che al pagamento delle fatture dei consulenti per le attività straordinarie svolte nel secondo semestre Tra le altre poste significative della voce Altri crediti, si evidenzia il credito verso l ADM (deposito cauzionale) per il riconoscimento del compenso aggiuntivo, che presenta un saldo al 31 Dicembre 2014 di Euro migliaia per le AWP e di Euro migliaia per le VLT. Nella voce Altri Debiti, pari a complessivi Euro migliaia, le poste economicamente più rilevanti sono rappresentate dai Debiti per PREU (Euro migliaia), dai depositi cauzionali VLT ricevuti dall operatore IGM (Euro migliaia) e dal debito verso ADM per il canone di concessione AWP e VLT (Euro migliaia). Gli altri debiti di natura finanziaria, complessivamente pari ad Euro migliaia, sono rappresentati dal finanziamento erogato da Casinò Austria Suisse (CAS) ad Azzurro Gaming che verrà chiuso, come previsto dal contratto che Cogetech S.p.A. ha sottoscritto per l acquisto da Casinos Austria Suisse (CAS) dell intero pacchetto di maggioranza della società Azzurro Gaming S.p.A, il 1 luglio Investimenti Nel corso dell esercizio chiuso il 31 dicembre 2014, il flusso di cassa netto delle attività di investimento ha assorbito liquidità per Euro migliaia. (Euro/000) ATTIVITA' DI INVESTIMENTO (DISINVESTIMENTO) Esercizio 2014 Immobilizzazioni Materiali 212 Investimenti Disinvestimenti (1.074) Immobilizzazioni Immateriali Investimenti Disinvestimenti (212) Immobilizzazioni Finanziarie - Investimenti - Disinvestimenti - Totale Investimenti Netti Il valore netto delle attività di investimento in immobilizzazioni materiali presenta un saldo di Euro 212 migliaia, riconducibile all aggiornamento dei PDA per il collegamento delle AWP, dall acquisto e sostituzione degli apparecchi comma 6 di proprietà della Cogeetch S.p.A., dalla fornitura delle attrezzature per le virtual race. I disinvestimenti sono principalmente relativi alla cessione di 371 terminali ACE, alle attrezzature delle agenzie cedute ed all alienazione di attrezzature obsolete. Gli investimenti in immobilizzazioni immateriali, per un ammontare complessivo pari ad Euro migliaia, sono costituiti principalmente dalle commissioni di organizzazione, dai costi per consulenza sostenuti per il collocamento del minibond da parte della capogruppo Cogemat S.p.A., dai Euro 100 versati per il rilascio dei nulla osta AWP di cui la controllata Cogetech S.p.A. si è fatta carico nel corso dell esercizio e da nuove implementazioni software, sia per il consolidamento della gestione corrente sia per lo sviluppo di nuovi business. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 17

18 Posizione finanziaria A dicembre 2014 la posizione finanziaria netta, calcolata come differenza tra i debiti finanziari e le disponibilità liquide, è pari ad Euro migliaia, in diminuzione di Euro migliaia rispetto a dicembre Descrizione 31 dicembre dicembre 2013 Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni - (4.282) Disponibilità Liquide (39.274) (16.598) Totale attività finanziarie (39.274) (20.880) Debiti finanziari Altri debiti di natura finanziaria Totale debiti finanziari a breve termine Debiti finanziari a m/l Altri debiti di natura finanziaria a m/l Totale debiti finanziari a lungo termine Posizione Finanziaria Netta Il saldo del debito verso banche al 31 dicembre 2014, pari ad Euro migliaia, di cui Euro migliaia esigibili oltre i dodici mesi, esprime l'effettivo debito per capitale, interessi ed oneri accessori maturati. Di seguito si riporta un dettaglio del debito residuo, al netto degli interessi maturati, dei finanziamenti in essere al 31 dicembre 2014: finanziamento POOL SENIOR LOAN Euro migliaia prestito obbligazionario (Mini-bond) Euro migliaia. Si precisa che tra le disponibilità liquide sono inclusi conti correnti vincolati per un ammontare totale di Euro migliaia, costituiti in pegno a garanzia delle fidejussioni rilasciate dagli istituti di credito per conto della Società e dei finanziamenti concessi dagli stessi. Si rimanda al successivo paragrafo Rapporti con Istituti di credito per ulteriori informazioni a riguardo. Compliance Normativa Cogemat, in qualità di concessionario, è da sempre impegnata nell assicurare una corretta e trasparente gestione delle proprie attività anche attraverso l adozione del Codice Etico e nel pieno rispetto della qualità. Con l'adozione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, di un Codice Etico e la nomina di un Organismo di Vigilanza, il Gruppo si è adeguata alla DLgs 231/2001 e persegue il suo obiettivo primario di operare sempre in conformità con la legge. Il codice etico è la carta dei diritti, dei doveri e delle responsabilità interne ed esterne di tutte le persone e degli Organi che operano in azienda, con per affermare i valori e i comportamenti riconosciuti e condivisi, anche ai fini della prevenzione e del contrasto di possibili illeciti ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n Sistema dei controlli interni Il Gruppo Cogemat ha sviluppato una serie di presidi, consistenti in un insieme di regole, procedure e strutture organizzative che mirano ad assicurare la conformità alla normativa di riferimento, il rispetto delle strategie aziendali ed il raggiungimento degli obiettivi fissati dal management. In particolare i controlli di primo livello, o controlli di linea, previsti dalle procedure organizzative e diretti ad assicurare il corretto svolgimento delle operazioni, sono svolti dalle strutture operative e amministrative. I controlli di secondo livello, o controlli sulla gestione dei rischi, sono affidati a unità organizzative distinte dalle precedenti e perseguono l obiettivo di contribuire alla definizione delle metodologie di misurazione dei rischi, di verificare il rispetto dei limiti assegnati alle funzioni operative, di controllare la coerenza dell operatività e dei risultati delle aree produttive con gli obiettivi di rischio e rendimento assegnati e di presidiare la conformità delle attività e della regolamentazione aziendale alla normativa applicabile. Infine, i controlli di terzo livello sono attuati dall Internal Audit, funzione permanente, autonoma e indipendente ed introdotta nel corso dell anno Essi sono finalizzati a verificare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni, la regolarità dell operatività e dei processi di Cogemat S.p.A. e delle società del Gruppo, con l obiettivo di prevenire o individuare anomalie e rischi. Nello specifico, l Internal Audit valuta l idoneità del complessivo sistema dei Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 18

19 controlli interni a garantire l efficacia e l efficienza dei processi aziendali, la salvaguardia del patrimonio dell Azienda, l affidabilità e l integrità delle informazioni contabili e gestionali, la conformità alle normative interne ed esterne e alle indicazioni del management. Annualmente l Internal Audit predispone e presenta al Consiglio di amministrazione un Piano di Audit, in cui sono rappresentati gli interventi di audit programmati rispetto all analisi dei rischi effettuata sulla base della rilevanza di ciascun processo nel quadro complessivo delle attività coinvolte nel raggiungimento degli obiettivi aziendali. Gli esiti delle attività svolte sono portati all attenzione del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale, con periodicità semestrale, e gli elementi di criticità rilevati in sede di verifica sono, invece, tempestivamente segnalati alle strutture aziendali di competenza per l attuazione di azioni di miglioramento. L Internal Audit effettua inoltre attività di controllo su alcune delle società sottoposte a direzione e coordinamento in forza di appositi accordi di servizio per l espletamento delle attività di revisione interna sottoscritti con la Capogruppo e presta consulenza alle strutture di Cogetech per migliorare l efficacia delle attività di controllo interno e assiste nelle attività di verifica l Organismo di Vigilanza previsto dal D.Lgs. 231/01. Modello Organizzativo ai sensi DLgs 231/2001 Al fine di adempiere alle disposizioni del DLgs 231/2001, le società Cogetech S.p.A., Cogetech Gaming S.r.l. e Cogemat S.p.A. hanno predisposto il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo il quale si fonda sull implementazione di un sistema di procedure organizzative, operative e attività di controllo volte a prevenire i possibili rischi connessi all attività aziendale, con particolare riguardo all eliminazione di eventuali condotte improprie. Gli Organismi di Vigilanza di Cogetech S.p.A., Cogetech Gaming S.r.l. e Cogemat S.p.A. sono composti da tre membri, un esperto in materie giuridiche, un esperto in materie economiche e il Responsabile dell Internal Auditing. I rispettivi Modelli sono oggetto di continuo monitoraggio da parte dell Organismo di Vigilanza per verificarne la validità nel tempo, promuovendo tutte le azioni necessarie al fine di assicurarne l efficacia. Nel corso del 2014 si è proceduto a: - organizzare e tenere corsi di formazione alle figure apicali, ai membri del Consiglio di Amministrazione e a tutti i dipendenti; - rivedere il sistema di deleghe e procure; - rivedere ed adeguare, a seguito anche delle intervenute modifiche normative, le procedure aziendali al fine di essere conformi ai protocolli di controllo contenuti nel Modello. All Organismo di Vigilanza di ciascuna società è affidato il compito di vigilare sul funzionamento e sull osservanza del Modello, di aggiornarne il contenuto e di coadiuvare gli Organi societari competenti nella sua corretta ed efficace attuazione. Codice Etico Le società Cogetech S.p.A., Cogetech Gaming S.r.l., Cogemat S.p.A. e, dal 2014, Azzurro Gaming S.p.A. hanno adottato il Codice Etico di Gruppo che definisce l'insieme dei valori che vengono riconosciuti, accettati e condivisi, a tutti i livelli della struttura organizzativa, nello svolgimento dell'attività d'impresa. l principi e le disposizioni contenuti nel Codice rappresentano la base fondamentale di tutte le attività che caratterizzano la mission aziendale e, pertanto, i comportamenti nelle relazioni interne e nei rapporti con l'esterno dovranno essere improntati ai principi di onestà, integrità morale, trasparenza, affidabilità e senso di responsabilità. La diffusione dei principi e delle disposizioni del Codice è garantita principalmente attraverso la pubblicazione sulla rete intranet aziendale e la consegna dello stesso ai neoassunti; i contratti individuali contengono, altresì, apposita clausola per cui l'osservanza delle relative prescrizioni costituisce parte essenziale a tutti gli effetti delle obbligazioni contrattuali e viene regolata anche dalla presenza di un codice disciplinare. Nello specifico, nel corso del 2014 non sono state registrate violazioni di norme del Codice Etico da parte dei dipendenti e dei collaboratori delle summenzionate società. Principali certificazioni Conformità D. Lgs n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali Ai sensi dell allegato B, punto 26, del D. Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali, gli Amministratori danno atto che le società del Gruppo mantengono la conformità legislativa in riferimento alle disposizioni introdotte dal D. Lgs. n. 196/2003 secondo i termini e le modalità ivi indicate. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 19

20 In particolare, si segnala che il Documento Programmatico sulla Sicurezza, depositato presso la sede sociale e liberamente consultabile, è stato riemesso in data 30 Giugno 2013 (versione 5) a fronte delle modifiche organizzative intervenute. L audit interno periodico ha confermato la congruità del sistema stesso ai dispositivi di legge e l efficacia nella sua applicazione operativa.. Conformità D. Lgs n.81/08 e successive modifiche Le società Cogetech S.p.A. e Cogetech Gaming s.r.l nel corso dell esercizio hanno rielaborato ed aggiornato tutta la documentazione relativa al Sistema di Gestione della Sicurezza. In particolare, per ogni Sede Operativa è stato rielaborato il Documento di Valutazione dei Rischi. Sono state svolte inoltre tutte le attività informative e formative richieste dal nuovo decreto. Sono stati erogati i corsi per Dirigenti e Preposti per la Sicurezza e di conseguenza date le nomine e pubblicato l organigramma aziendale. E stato confermato il mandato a COGENIA per la presa in carico del ruolo del R.S.P.P.. Certificazione ISO A Novembre 2014 le società Cogetech S.p.A. e Cogetech Gaming s.r.l. sono state oggetto di controllo da parte dell Organismo di Sorveglianza che ha rinnovato la conformità dei sistemi Qualità relativamente all Attivazione, conduzione operativa ed assistenza della rete atta alla gestione telematica del gioco lecito mediante apparecchi da intrattenimento e all Erogazione del servizio di pagamento della scommessa e relativi cicli amministrativi presso le sedi e i punti gioco diretti. Risorse umane Il numero complessivo dei dipendenti a fine esercizio è pari a 290, in diminuzione di 76 unità rispetto al 31 dicembre 2013 principalmente in seguito alla cessione delle agenzie dirette da parte della controllata Cogetech Gaming. La composizione dell organico in essere al 31 dicembre 2014 è riportato nelle tabelle di seguito esposte. Il contratto collettivo nazionale del lavoro applicato è quello del Terziario. Relativamente alle 290 unità in forza al 31 dicembre 2014, si segnala: la rilevante presenza di donne, pari al 35% un età media di 38 anni una percentuale dei laureati superiore al 30% Personale per categoria contrattuale Descrizione 31 dicembre dicembre 2013 Variazioni Dirigenti Quadri Impiegati (75) Operai 0 1 (1) Altri Totale (76) Personale per società del Gruppo Descrizione 31 dicembre dicembre 2013 Variazioni Cogetech S.p.A (9) Cogetech Gaming S.r.l (67) Azzurro Gaming S.p.A Totale (76) Il costo totale del personale risulta pari ad Euro migliaia, di cui Euro migliaia relativi a Cogetech S.p.A., Euro migliaia a Cogetech Gaming S.r.l. ed Euro 538 migliaia ad Azzurro Gaming S.p.A.. (Euro/000) COSTI PER IL PERSONALE Esercizio 2014 Esercizio 2013 Var. Var. % Retribuzioni (2.262) -16% Bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Pagina 20

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Mille Uno Bingo S.p.A.

Mille Uno Bingo S.p.A. Mille Uno Bingo S.p.A. Capitale Sociale: 2.000.000 euro Sede Legale Via Galileo Galilei 20-31057 Silea (TV) Partita I.V.A. n 01431110939 Codice Fiscale n 01431110939 Iscrizione nel Registro delle Imprese

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli