&sommario musica210 - ottobre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "&sommario musica210 - ottobre 2009"

Transcript

1

2 &sommario musica210 - ottobre 2009 COMPOSITORI Il giovane Mendelssohn tra un ridente paesaggio e un luogo maledetto di Piero Rattalino 30 RUBRICHE 7 Editoriale 8 Indice delle recensioni 10 Negozi che fanno cultura 12 Recite, Recital, Concerti 14 Letture musicali FRANZ JOSEPH HAYDN Gli approdi discografici dell altra Armida di Marco Leo 37 VIOLONCELLISTI Intervista a Jan Vogler. Luoghi e tempi di un musicista contemporaneo di Luca Segalla Attualità 16 Intervista a Serafino Rossi 18 Intervista a Frank Feitler 20 Intervista a Alexandre Dratwicki 22 La polemica di Costantino Mastroprimiano 22 Ci hanno lasciato 24 Vetrina CD 28 I retroscena di Enrico Stinchelli 47 I dischi 5 stelle del mese 48 Le recensioni di MUSICA 85 Etichette e distribuzione 86 Dalla platea Le recensioni di concerti e spettacoli a Ascona, Bergamo, Helsinki, Jesi, Merano, Montecarotto, Pafos, Pesaro, Rimini, Salisburgo, Stresa, Trisobbio, Verbier, Vevey, Vienna 96 Abbonamenti Hanno collaborato a questo numero: Emanuele Amoroso, Michael Aspinall, Luisa Bassetto, Marco Bellano, Carlo Bellora, Giancarlo Bernacchi, Paolo Bertoli, Marco Bizzarini, Claudio Bolzan, Michele Bosio, Vera Brentegani, Roberto Brusotti, Alberto Cantù, Riccardo Cassani, Nicola Cattò, Benedetto Ciranna, Luciano Clemeno, Roberto Codazzi, Gianni Gori, Stephen Hastings, Marco Leo, Silvia Limongelli, Mario Marcarini, Gianluigi Mattietti, Alberto Mattioli, Antonello Mattone, Maurizio Modugno, Gregorio Nardi, Aldo Nicastro, Andrea Ottonello, Stefano Pagliantini, Giuseppe Pennisi, Marzio Pieri, Carlo Porro, Giorgio Rampone, Piero Rattalino, Riccardo Risaliti, Luca Rossetto Casel, Giuseppe Rossi, Luca Segalla, Franco Soda, Enrico Stinchelli Alessandro Taverna, Lorenzo Tozzi, Massimo Viazzo, Giovanni Vitali, Paolo Zecchini, Roberto Zecchini, Annely Zeni direzione, amministrazione, abbonamenti: MUSICA - Via Tonale, Varese Tel Fax pubblicità: Nicola Cattò Via Tonale, Varese Tel Fax distribuzione per l Italia: Messaggerie Periodici SpA - Aderente ADN Via G. Carcano Milano - Tel iscrizione al ROC n reg. trib. Varese n. 774 del 19 gennaio 2005 spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB (Varese) rivista associata all USPI Rivista di cultura musicale e discografica fondata nel 1977 da Umberto Masini direttore responsabile: Stephen Hastings segreteria e amministrazione: Sonia Severgnini redazione: MUSICA - Via Tonale, Varese Tel Fax sito web: editore: Zecchini Editore srl - Via Tonale, Varese Tel Fax Foto: Archivio rivista MUSICA (5a,18a, 30, 32, 34, 37, 48, 53, 60, 64, 76, 79), Berlin, Deutsches Historisches, Museum (copertina), A. Chemollo (20b), Michele Crosera (12), Decca / Uli Weber (38c), DG (38a, 38b), Discoland (10), Ghielmi / Pianca (67), Sasha Gusov (43-44b), Jan Gutzeit (5b, 46), Costantino Mastroprimiano (22a), Met (28a), Museo Nazionale Giuseppe Verdi (16a), Christophe Olinger (18b), Orchestra Haydn Orchester (20a), Phoenix / Matassa (70), Eric Richmond (72), Serafino Rossi (16b), Settimane Musicali di Stresa (94), Courtesy Stuart-Liff (28b),Tactus / Daniele Proni (58),Teatro Pergolesi di Jesi (90),Teatro Regio di Torino (22b), Teatro Sociale di Bergamo (88) prestampa: Datacompos srl - Via Tonale, Varese - Tel Fax stampa: Tipografia Galli e C. via Rosmini, Varese È riservata la proprietà letteraria di tutti gli scritti pubblicati. L editore è a disposizione degli aventi diritto. Le opinioni espresse negli articoli coinvolgono esclusivamente i loro autori. Fotografie e manoscritti inviati alla Redazione non si restituiscono, anche se non vengono pubblicati. È vietata la riproduzione, anche parziale dei testi e delle foto pubblicate senza l autorizzazione scritta dell Editore.

3 editoriale & e si leggono le missive che Mendelssohn scrisse a famigliari e amici durante il suo S soggiorno romano all inizio del 1831, l impressione che se ne ricava della vita musicale è desolante: nessun attività sinfonica; un teatro d opera dove i cantanti erano di second ordine e gli orchestrali incapaci di rispettare i requisiti minimi di intonazione e precisione ritmica; un pubblico che accoglieva con plauso le manifestazioni artistiche più mediocri. Se poi si ascolta la pagina orchestrale più rapinosa nel suo respiro sinfonico di qualunque ouverture di Donizetti o Bellini che apre l opera comica, Der Onkel aus Boston, che Mendelssohn aveva scritto quasi un decennio prima, all età di tredici anni, si coglie appieno il divario che esisteva allora fra la vita musicale di certe città tedesche e quella della futura capitale d Italia. Negli ultimi centottant anni quel divario è stato in parte colmato grazie alla visione, alla fantasia creativa e alla volontà professionale di musicisti e amministratori del bene pubblico nel nostro Paese. Ma certe differenze profonde rimangono. Non capita quasi mai, in Italia, che un festival musicale di primaria importanza venga affidato a un interprete cosmopolita dalla mentalità aperta, come è successo in Germania al grande violoncellista Jan Vogler: un berlinese che vive a New York e che gestisce ora con coraggioso entusiasmo quell imponente istituzione culturale che è il Dresdner Musikfestspiele. E non succede mai in Germania che un ministro in carica del governo federale inciti il suo uditorio all odio non nei confronti di mafiosi o truffatori, ma di coloro che si dedicano professionalmente all arte musicale nelle sue forme più evolute. Come ha fatto, in Italia, il Ministro Brunetta, suscitando sconcerto non tanto per le questioni sollevate perché sappiamo tutti che nella vita musicale come in molti altri ambiti della nostra società ci sono individui e gruppi di persone che abusano delle loro posizioni privilegiate ma per l assoluto disprezzo con cui liquidava intere categorie professionali. Un disprezzo che non comunica nessuna volontà riformatrice ma una smania distruttiva affine a quegli impulsi irresponsabili che fecero liquidare, negli anni novanta, tre orchestre della RAI e quel glorioso teatro di tradizione che fu il Comunale di Treviso e che ora stanno minando le potenzialità produttive di un altro ente musico-teatrale, il Luglio Trapanese. Meglio l odio che l indifferenza o l amore ipocrita, dirà forse qualcuno. Del resto le manifestazioni più estreme dell amore e dell odio sono spesso quasi indistinguibili e chiunque abbia vissuto una lunga convivenza sa quanto sia facile passare da un polo emotivo all altro. Simili estremismi hanno però poco a che fare con l amore più profondo e autentico, come dimostra la vicenda italianissima e sempre attuale di Armida e Rinaldo, messa in musica da Haydn a Esterháza nel La voglia di tenere incatenato a sé l oggetto amato o di cedere all effetto dopante di un infatuazione esclusiva sono all opposto del ruolo liberatore svolto da chi ama il prossimo senza vincoli e senza paure. E su questa verità deve riflettere anche chi come noi descrive e commenta la realtà musicale, spingendoci a mantenere quella costante, vigile attenzione che permette di distinguere tra chi fa musica amandola e chi la fa come semplice routine. Anche se il routiniero è circondato da una fama consolidata e l interprete ispirato è del tutto sconosciuto. A questo proposito va chiarito il nostro criterio nell attribuire le stelle alle incisioni discografiche. A volte ci viene detto e ci diciamo che siamo eccessivamente generosi; che scarseggiano troppo i voti minimi rispetto a quelli massimi. Si tratta in effetti di un rischio reale quando l entusiasmo per il qui e ora di un esecuzione musicale offusca i ricordi e i termini di paragone. Ci sono tuttavia pure dei motivi più razionali che spiegano l apparente disequilibrio. Il primo è che assegniamo le stelle anche a quelle registrazioni storiche diventate in alcuni casi di riferimento che in altre riviste europee tendono a essere trattate in rubriche a parte. Il secondo è che ci sembra francamente inutile infierire sulle produzioni meno riuscite delle etichette minori: in casi simili non recensiamo mai il disco a meno che il repertorio non sia di primario interesse. Mentre è assolutamente doveroso segnalare le imprese fallite di artisti blasonati e economicamente privilegiati, pur riconoscendo che chi critica pubblicamente debba accogliere a sua volta le riserve e le obiezioni di chi legge. Per questo motivo invito tutti coloro che hanno dimestichezza con internet a sfruttare quel luogo apertissimo di discussione che è il forum di MUSICA sul sito Stephen Hastings

4 &negozi che fanno cultura Un negozio fornitissimo in via Migliorati a Reggio Emilia, ma anche un canale di vendita per corrispondenza attraverso il sito internet Due sono i motivi per interrogare Paride Bonetta su una delle più importanti realtà commerciali italiane nell ambito del disco classico. Nove domande a... Paride Bonetta di Discoland Qual è la storia del Suo negozio? Discoland ha una storia molto lunga. È stato fondato dal Dott. Mamolinel1964edasubitohaavuto un immagine molto ben definita: prodotti di qualità, serietànel rapporto con il cliente, ricerca di etichette e «musiche» sempre nuove e stimolanti. In effetti, Discoland è sempre stato un negozio specializzato, anche quando si vendeva musica commerciale: avere un grande assortimento di classica, jazz e musica etnica in quegli anni era veramente atipico, soprattutto in una piccola città di provincia come era allora Reggio Emilia. Alla fine degli anni ottanta abbiamo definitivamente separato i settori «musica colta» e «musica commerciale» aprendo un secondo punto vendita. Dal 1995 si è deciso di concentrare tutto i nostri sforzi solo sulla musica «di qualità» anche perché proprio in quell anno è iniziata una nuova stimolante avventura, che ha rappresentato il nostro più significativo sforzo imprenditoriale: fondare una nuova azienda dedita alla vendita per corrispondenza. Discoland mail opera in modo sostanzialmente autonomo dal negozio e ha portato il nostro modo di proporre musica ben al di fuori dei confini cittadini. Quali generi di musica classica vendono meglio? Il barocco l ha fatta e la sta facendo da padrone anche per il numero veramente poderoso di CD dedicati a quel periodo musicale usciti negli ultimi anni, poi la musica dei primi decenni dell Ottocento e del Novecento anche perchè in quei decenni hanno operato dei veri colossi della storia della musica Quali sono i dieci CD/DVD di musica classica più venduti negli ultimi due mesi? I prodotti che hanno riscosso le migliori performance di vendita sono state le integrali di Brahms (DG), la Karajan Edition (DG), la Haydn Edition (Brilliant), il CD Decca di Alessandro Carbonare The Art of Clarinet che abbiamo venduto benissimo in tutto il mondo, il cofanetto di Sinopoli dedicato alla seconda Scuola di Vienna (Warner Classics), la viola celtica di Savall, i Concerti per pianoforte di Chopin incisi da Lang Lang. Tra i DVD sono state veramente incoraggianti le vendite dei Concerti Brandeburghesi dirette da Abbado e registrati nel bellissimo ed vivacissimo Teatro Valli di Reggio Emilia. Comunque mi rimane difficile stilare una vera e propria classifica in quanto, a parte casi eclatanti (le incisioni di Pollini, Abbado,Savall),ilmercatodella classica è fatta di tantissime piccole vendite. Le scelte dei clienti sono condizionate di più dagli interpreti o dal repertorio? Per quanto riguarda il repertorio consolidato, per intenderci i Beethoven-Brahms-Mozart... gli interpreti sono certamente la molla che fa scattare l intereresse dell appassionato. Per il barocco, la musica contemporanea ed antica, direi che il repertorio è stato il fattore determinante per la vendita. Gli appassionati dimenticano che negli anni ottanta, prima del CD, il repertorio inciso era enormemente e sottolineo enormemente più esiguo di adesso. Di moltissimi musicisti non vi era nulla di registrato, ma anche dei grandi non è che si trovasse tanto come ora. Vorrei segnalare che sul sito web abbiamo inserito, dal 95 ad oggi, oltre centottomila referenze e che il catalogo attivo di CD di musica classica è di oltre cinquantamila prodotti differenti. Solo da pochi anni gli appassionati puntano l occhio sugli interpreti anche per il repertorio barocco, forse perché, finalmente usciti dalla novità delle interpretazioni «musicalmente consapevoli», si comincia a distinguere tra chi ha una credibilità interpretativa da chi mette una nota dietro l altra giusto per arrivare alla fine del CD. Ilterzo fattore che quasi mai viene considerato è il fascino che esercitano alcune etichette sul cliente: per intenderci, i CD ECM hanno un pubblico che li acquista molto spesso a prescindere. Il repertorio barocco e antico eseguito su strumenti originali attira un diverso tipo di cliente? Negli anni 80 e 90 certamente si, ora non più. Finalmente è terminata la diatriba tra quelli che amavano le esecuzioni «tradizionali» e la prassi filologica. Dico finalmente perché non se ne poteva più di sentire acritiche e spesso immotivate difese di una prassi piuttosto che di un altra. L esecuzione deve avere una sua tensione, una sua credibilità interiore, se non ce l ha non è un problema di Furtwängler o Brüggen: non ce l ha e basta. L unica cosa che mi pare di poter dire è che la prassi filologica ha spazzato via molti di quei luoghi comuni che costituivano la retorica della musica classica, ha tolto quella patina di stantio, ha riaperto e dato aria ai cassetti. E a seguito di questo cambiamento è arrivato un nuovo cliente...fondamentalmente giovane. Tra i dischi venduti, che rapporto c è tra le ristampe e le novità assolute? La grande quantità di uscite degli ultimi anni hanno decisamente orientato il cliente verso un acquisto più legato alle nuove produzioni anche per i motivi che dicevo sopra : nuovi autori, etichette, interpreti. Le ristampe sono poi il rimanente 50% del mercato, soprattutto se proposte a un prezzo «corretto». Che peso ha il prezzo nella scelta degli acquisti? Non escludo che il prezzo possa inibire gli acquisti di CD a prezzo pieno, ma se il prodotto è valido e viene correttamente pubblicizzato, io credo non ci siano particolari problemi. Diverso è invece il far capire al cliente quanto lavoro c è dietro la produzione di un CD edi conseguenza il perché un disco esce a prezzo pieno. Se poi mi vuol chiedere se certi prezzi super budget corrispondono al vero prezzo del CD le rispondo di no. Un prezzo di vendita troppo ribassato favorisce, magari, un certo tipo di vendita, ma disorienta il cliente. Il prezzo di vendita deve essere il più vantaggioso possibile, ma nei limiti della ragionevolezza. Il mercato dei DVD è ancora in espansione? Direi che dopo una crescita prudente, ma inesorabile anno dopo anno, ora ci troviamo un una situazione di equilibrio, e comunque, soprattutto perlaliricail DVD è diventato il supporto più importante. Com è l andamento delle vendite via internet? La vendita per corrispondenza segue, con numeri ovviamente molto più alti, l andamento del mercato. La differenza tra il negozio e il mailing sta nel più ampio spettro di richieste che ci arrivano dai clienti che acquistano per corrispondenza. Nel mailing la specializzazione viene temperata da un altissimo numero di richieste di prodotti di etichette classiche più popolari e di brani più basic. E poi le copie vendute per singolo prodotto sono spesso molto differenti: ricordo sempre con piacere le 530 copie vendute dell integrale delle sonate di Beethoven eseguite da Backhaus, le quasi 300 copie delle Sinfonie di Beethoven dirette da Abbado, ma anche i 97mila CD Naxos venduti. Nicola Cattò 10 musica 210, ottobre 2009

5 &letture musicali Alberto Cantù, David Oistrakh. Lo splendore della coerenza, Zecchini Editore, Varese 2009, pp. 241, E 20,00. Comincia subito con un paradosso il terzo portrait di Alberto Cantù nella grande galleria del violino: che il virtuosismo non sia, in Oistrakh, condizione primaria, ma valga «come una riserva di energia, come una carica da utilizzare solo eccezionalmente o in modo funzionale ma di cui essere certi». Il Re David dal fisico massiccio e dalla beata paciosità sembra navigare con la forza del perfetto equilibrio al di sopra delle stesse risorse virtuosistiche. Di qui lo «splendore della coerenza» che nel ventennio e oltre dell ultimo dopoguerra ne fa il violinista principe per fortune non solo concertistiche, ma anche radiofoniche e discografiche: il Re David,chediventandoReMidatrasforma in capolavori di forma anche pagine come il Concerto di Khachaturian (uno dei miei primi gloriosi LP). La bellezza di queste monografie violinistiche affidate alle mani sapienti di Cantù non è solo nel ritratto di una personalità di interprete (ritratto che più plastico non si può) ma anche nella capacità di percorrere l arco della storia dell Unione Sovietica dal fosco scenario staliniano al disgelo; e ancora di seguire analiticamente la carriera del violinista attraverso il rapporto con gli altri grandi violinisti, da Heifetz al più giovane Leonid Kogan, le cui fortune, contrastate dall intolleranza antisemita, erano state incoraggiate da Oistrakh; infine la chiarezza narrativa e critica dell autore nell offrire al lettore, prima ancora della ricca appendice di documenti sonori a cura di Carlo Bellora, un continuo ordito di riferimenti discografici e di testimonianze d ultima generazione. g.g Piero Violante, I papillons di Brahms, Sellerio, Palermo 2009, pp. 247, E 18,00 C è un filo rosso a legare i venti saggi racchiusi in questo libro di Piero Violante (a partire dal primo che dà il titolo alla pubblicazione), e tal filo si rintraccia nella centralità che Vienna e la sua tradizione storica assumono nel corpus della moderna musica europea. Studioso emerito della Mitteleuropa, Violante fa luce sul percorso che dalla Wiener Klassik portò, attraverso tappe intermedie (vedi il saggio su Zemlinsky), alla problematica avventura dei lari novecenteschi e a ciò che ne è conseguito in termini di esperienza contemporanea. Ma è sorprendente come tale esperienza non vieti il riconoscimento di una sorta di liaison mai da alcuno pronunciata con la Parigi di Cocteau e dei Sei; e mi pare che ivi riposi il tratto di maggior originalità del lavoro dello scrittore. Si leggano in merito i saggi Tre passi nella modernità e Souvenir de Vienne, fra i più intelligenti di cui la letteratura musicale italiana oggi possa godere; ma non meno che delizioso è quello che ha a titolo Lady in the Dark, in cui Violante tenta con invidiabile coraggio la difesa d ufficio di un compositore che il severo oltranzismo di un Webern aveva con sprezzo escluso dal novero dei raccomandabili, ossia Kurt Weill. La prosa vi è intrigante almeno quanto le argomentazioni; e un piccolo estratto di p. 158 varrà a farne testo: «Se si ascoltano in sequenza My Shup da Lady in the Dark e Ein Schiff dalla Dreigroschenoper si sente quanto distante sialanaveamericanadallevelediseta dell antica nave berlinese con otto vele. Ma in questo passaggio [...] si consuma il destino di uno dei musicisti più geniali del ventesimo secolo». a.n. Massimo Mila, I Quartetti di Mozart, (Introduzione di Giovanni Morelli) Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 2009, pp. 90, E 15,00 Si tratta del primo corso di laurea tenuto da Mila all Università di Torino nel 1962, un lavoro ricco di informazioni presentate con uno stile rigoroso e sagacia, quasi una guida all ascolto da consultare all uso. Il volumetto è diviso in cinque sezioni precedute da un inquadramento introduttivo (sezione più corposa quella che analizza i quartetti dedicati ad Haydn). Non troviamo esempi musicali, ma l esposizione è infarcita di citazioni tratte dai classici commenti di De WyzéwaeDeSaint-Foix,Abert, Einstein (a volte confermati, a volte smentiti), seguendo una traiettoria evolutiva che porta l autore a rilevare, per esempio, la comparsa per la prima volta della forma sonata nell ultimo movimento di un quartetto (Quartetto K 160), oppure la freschezza quasi operistica dei lavori del periodo italiano o ancora il modo d usare la scrittura contrappuntistica «perfino nei Minuetti» nel primo periodo viennese. Ma Mila sa anche ridere sotto i baffi mettendo in guardia dai pericoli di un interpretazione troppo descrittiva, stigmatizzando come «incredibile interpretazione» ciò che scrive nel 1927 Thomas F. Dunhill a proposito del secondo tema del primo movimento del Quartetto K. «La bizzarra melodia sembra quasi essere suggerita dai suoni che emanano da un pollaio! Certamente questo è il chiocciolio di molte galline in differenti chiavi [...] la più bella musica da cortile che sia mai stata composta!». O come quando riporta la critica negativa di un recensore viennese: «I suoi nuovi quartetti dedicati ad Haydn sono di gran lunga troppo ricchi di spezie perché si possano gustare a lungo». m.v. Finzi, Collected Songs 44 Songs including 7 Cycles or Sets (high voice), Boosey & Hawkes, Londra 2008, pp. 170, $ 22,95 Come ho già lamentato in altre occasioni, le canzoni di Gerald Finzi sono poco conosciute al di fuori dei paesi anglofoni; quest ampia antologia, che comprende oltre la metà (frammenti esclusi) della produzione liederistica del compositore londinese, può essere un utile occasione di approfondimento, magari in combinazione con una delle (non molte) monografie discografiche disponibili sul mercato, come il sempre valido doppio album Hyperion di cui recensiremo la ristampa sul prossimo numero. Tra le raccolte di Finzi viene data qui preferenza a quelle postume, allestite dagli editori accorpando il vasto lascito di inediti trovato tra le carte del compositore alla sua morte prematura, il 27 settembre Si tratta di Till Earth outwears e IsaidtoLove,entrambesu poesie del prediletto Thomas Hardy, e delle miscellanee Oh fair to see e To a Poet. Esse sono affiancate dal primo vero successo di Finzi, il ciclo in due parti A Young Man s Exhortation (sempre da Hardy), e da due collezioni da Shakespeare, Let us Garlands bring e le canzoni da Love s Labour Lost. Piùdi metà dei Songs sono presentati nella tonalità originale; quelli scritti per un registro più grave sono stati trasposti in modo quasi sempre ragionevole (forse solo «At Middle-Field Gate in February» e un paio di canzoni shakespereane risultano un po troppo «schiarite»). La stampa è sempre molto leggibile, presentando in particolare con molta chiarezza le varianti previste da Finzi; A Young Man s Exhortation utilizza una soluzione tipografica un poco più «old fashioned», evidentemente risultando da una semplice ristampa. r.b. 14 musica 210, ottobre 2009

6 &attualità & Otto prime assolute per festeggiare l Orchestra Haydn La Stagione dell Orchestra Haydn di Bolzano e Trento la cinquantesima dalla sua fondazione si presenta ancora all insegna di Gustav Kuhn presenta la nuova stagione dell Orchestra Haydn Haydn, già ricordato nella precedente stagione con ben nove delle sue sinfonie, cui ora si aggiungono la n. 39, e le classiche «Londinesi» nn. 92, 100 e 103. A sottolineare la perdurante attualità di Haydn e il suo ruolo di padre fondatore della musica sinfonica sono stati commissionati otto nuovi lavori ad altrettanti compositori, tutti ispirati a Haydn. I nomi sono: Alberto Colla, Silvia Colasanti, Michele dall Ongaro, Matteo D Amico, Girolamo Deraco, Ivan Fedele, Roberto Molinelli e Giovanni Sollima. Dulcis in fundo, il concerto straordinario di Claudio Abbado a capo delle Orchestre Haydn e Mozart unite, che presenteranno a Bolzano, il 31 ottobre e a Bologna la Sinfonia n. 7 di Bruckner e il Concerto per violino di Alban Berg. & Bychkov e le sorelle Labèque inaugurano la stagione di Lingotto Musica Il prossimo 24 ottobre si terrà, nell Auditorium torinese, il primo degli otto concerti che costituiscono la stagione della prestigiosa associazione: l onore spetterà al direttore russo Semyon Bychkov e alle sorelle Labèque, Katia e Marielle, moglie di Bychkov. Sui leggii della WDR Sinfonieorchester Köln il Concerto per due pianoforti di Mendelssohn e la gigantesca Alpensinfonie di Richard Strauss. La stagione completa su & Il XV Festival Lodoviciano Come ogni anno torna l appuntamento con la rassegna, diretta da Giovanni Battista Columbro, dedicata a Lodovico da Viadana. L edizione 2009 avrà per titolo «Il Quinto Cielo di Marte» (Dante paragona i Un angolo di Francia a Venezia Una suggestiva immagine del Palazzetto Bru Zane a Venezia Il tre ottobre, con l apertura del Festival «Le origini del Romanticismo francese», inizia ufficialmente l attività di produzione concertistica del Palazzetto Bru Zane a Venezia, un centro di ricerca musicologica, dedicato all Ottocento francese, che promette di essere una delle iniziative culturali più importanti di questi anni. Ne parliamo con Alexandre Dratwicki, il direttore scientifico. Ci descriva l avventura del Palazzetto Bru Zane: qual è la sua storia, quali i suoi obiettivi? Quando nel 2005 Nicole Bru, tramite la Fondazione Bru, ha deciso di acquistare il Palazzetto Zane, l ha subito visto come un luogo ideale per la musica; si trattava, di fatto, di una sala da ballo. Ma Madame Bru non voleva semplicemente realizzare una sala da concerti, come tante altre, ma ha immaginato che le molte stanze che contornano la sala da ballo principale potessero adempire ad altri scopi e che, quindi, tutto il complesso potesse soddisfare delle esigenze complementari. Ecco quindi che le è stato proposto di creare un centro di ricerca musicale, che associasse la ricerca musicologica e la produzione di concerti; inoltre, poiché la sala non è così grande, si è subito avvertita la necessità di stringere delle collaborazioni perché le manifestazioni si svolgessero anche in altri luoghi, a Venezia e all estero. A pochi passi dal Palazzetto, d altronde, c è la Scuola Grande San Giovanni Evangelista, la cui sala è perfetta per accogliere grandi complessi cameristici o piccole orchestre. Quando poi è stato il momento di decidere a quale repertorio dedicarsi, si è creduto opportuno concentrarci sulla musica francese. La signora, del resto, ha goduto dei consigli del direttore Hervé Niquet, il quale ha fatto notare che sulla musica francese dell Ottocento ci sono ancora grandi lacune e creare un centro simile a Venezia sarebbe stata una bellissima idea, poiché il Romanticismo francese è completamente impregnato d Italia, attraverso il «Prix de Rome» e la presenza dei grandi operisti italiani a Parigi. Ecco quindi perché l Ottocento francese è l ambito di lavoro del Palazzetto Bru Zane. Come è organizzata la Fondazione? Come si dividono i ruoli? Occorre una premessa. Nel 2005 Madame Bru ha creato la Fondazione Bru, che sostiene progetti umanitari e culturali di ogni tipo; nel 2007 è stata derivata una Fondazione «figlia», di diritto italiano, che è, appunto, la Fondazione Palazzetto Bru Zane. I due ambiti di lavoro principali sono la ricerca e la programmazione, la seconda dipendente dalla prima, a sua volta motivata, talora, da festival o occasioni di esecuzione. Io sono il direttore scientifico responsabile delle pubblicazioni, delle registrazioni e della parte musicologica, mentre Olivier Lexa è il direttore generale, responsabile dell aspetto economico, della gestione delle partnership e della diffusione e programmazione dei concerti; in questo ultimo aspetto è coadiuvato da mio fratello, Benoît Dratwicki, che si occupa degli artisti, dei programmi e di tutti i dettagli. Lei ha dichiarato che «dopo la grande avventura della riscoperta del Barocco, adesso è il turno del repertorio romantico francese». Possiamo dire che si tratta di partiture poco o male conosciute? È importante precisare che la missione del Palazzetto non è un idea che sorge dal nulla: almeno da venti-trent anni anni musicologi e direttori d orchestra, in tutto il mondo, lavorano in tal senso, però sono azioni spesso con una connotazione molto locale, oppure limitate da problemi economici, e che difficilmente possono dare luogo a un affermazione di queste partiture nel repertorio corrente e nella coscienza generale. Noi vogliamo raggruppare e coordinare le energie di tutte le persone che hanno lavorato, e lavorano, su questi temi; bisogna tuttavia riconoscere che da qualche anno i teatri d opera in Francia stanno ricominciando a programmare opere come Gustave III di Auber, o Charles VI di Halévy, la Juive all Opéra di Parigi, l Africaine a Strasburgo e Marsiglia, gli Huguenots a Metz... Lo interpreto come un ritorno di interesse per l Ottocento, tanto più significativo se si nota come, ormai, il Barocco francese ha conquistato nei cartelloni una presenza costante: anche direttori e registi si dirigono sempre più verso il Romanticismo francese. Ci sono compositori oggi totalmente sconosciuti, che sopravvivono solo come nomi come Dubois di grande valore. Questo vale per l opera e la musica sinfonica... E quella da camera! Al Palazzetto la sala è adatta soprattutto per recital pianistici, trii e quartetti d archi, concerti di romances. Tornando alla musica poco nota, il genere del Concerto per pianoforte e orchestra si riassume, 20 musica 210, ottobre 2009

7 &i retroscena di enrico stinchelli Giuseppe di Stefano con Rudolf Bing Il 13 ottobre del 1952, Sir Rudolf Bing, general manager del Metropolitan di New York, scrive al tenore Giuseppe di Stefano che chiede di saltare le prime due settimane di prove di un nuovo allestimento di Bohème (che andrà in scena il 29 dicembre) per poter partecipare a alcune recite della stessa opera alla Scala: «Lei non ha ancora idea di cosa io intenda quando parlo di nuove edizioni e di modo nuovo di affrontare gli aspetti teatrali dell opera lirica [...]. Le avevo detto che la Bohème di quest anno sarà tutta nuova, e che per questo ho scritturato uno dei maggiori registi cinematografici dei nostri tempi [Joseph L. Mankiewicz, n.d.r.]. Il fatto che Lei abbia interpretato la Bohème tanto spesso peggiora notevolmente la situazione, perché se la nuova edizione deve essere buona, credo che niente di quanto Le è consueto nel recitare sarà utile [...]. Dovrete disimparare quello che sapete e imparare nuovi modi di muovervi e di gestire. Avevo sperato che queste possibilità Le interessassero, perché possono trasformarla da un ottimo cantante in un ottimo artista, invece, a quanto pare, Lei pensa soltanto di guadagnare qualche dollaro in più alla Scala e a risparmiarsi le prove». Caro tenore, ti scrivo... È un cambio di prospettive storico, quello proposto dalla dura lettera di Bing a uno dei più celebri cantanti dell epoca. Il regista, d ora in poi, influirà sempre di più rispetto ai divi del canto. E gradualmente si capovolgono anche i budget: la parte vocale, un tempo preponderante, passa a valere oggi tra il 13 e il 19% nell economia generale di un allestimento, mentre regìa scene e costumi arrivano a costituire la voce in capitolo più sostanziosa. Un opera lirica costa tantissimo. Nel 1991 il Teatro alla Scala investiva in media seicento milioni di lire per ogni spettacolo, cento milioni in più rispetto al Metropolitan di New York (che però allestiva il triplo di recite in un anno rispetto al tempio milanese). Oggi il costo medio è salito parecchio, sfiorando per l Italia qualcosa come cinquecentomila euro a spettacolo, di cui a volte solo il 5% viene coperto dagli incassi. Non a caso la maggioranza delle Fondazioni liriche in Italia versa in tragiche condizioni di passivo, rischiando seriamente la chiusura. E stiamo ancora parlando di medie, poiché vi sono spettacoli (certi, temibili, nuovi allestimenti) che possono arrivare a costare anche quattro o cinque milioni di euro, a fronte di cachet singoli per il regista-divo che raggiungono l esorbitante cifra di cinquecentomila euro ad allestimento. Il deficit, in tali casi, non è che un ovvia conseguenza. Per molti il tenore è il cantante più pagato per antonomasia, anche se è solo dagli anni ottanta del Settecento, quando Giacomo David riuscì a ottenere maggiori cachet dei castrati scritturati per le stesse opere, che i cantanti di questo registro possono rivaleggiare economicamente con i soprani. E ben pochi tenori sono riusciti a avvicinarsi ai guadagni dell irlandese John McCormack, dedito più all attività concertistica che a quella teatrale e nominato conte nel 1924 da Papa Pio XI. In una carriera più che trentennale ( ) arrivò a possedere dodici Rolls Royce, una scuderia di purosangue, due violini di valore inestimabile, proprietà in Irlanda, California, a Londra, New York e nella Nuova Inghilterra, e un conto in banca di molti milioni di dollari; Luciano Pavarotti, al confronto, fu San Francesco. Scorrendo infatti le «buste paga» dei cantanti precedenti l era moderna (i divi del periodo barocco e romantico), scopriamo che i tre tenori possono sicuramente considerarsi sottopagati rispetto ai castrati Farinelli e Senesino o a soprani come la Durastanti nel Settecento, quando l accento posto su un virtuosismo estremo aveva fatto lievitare i cachet rispetto al secolo precedente. Una tendenza che prosegue nel primo Ottocento, quando soprani e tenori come Giuditta Pasta e Giovan Battista Rubini riescono a guadagnare cifre iperboliche, non tanto in Italia quanto a Parigi, Londra, Madrid e San Pietroburgo. Certo, bisognava essere bravi; in questo, il sistema antico, ancora non regolato da sindacati di categoria e agenzie, basava tutto su una meritocrazia precisa e spietata: se canti meglio, guadagni di più. Inoltre, principi e mecenati erano soliti arrotondare i compensi con laute «mance», spesso tabacchiere ricolme di monete d oro, titoli nobiliari, terreni, palazzi, emolumenti vari. Nella seconda metà 28 musica 210, ottobre 2009

8 Gli approfondimenti di MUSICA 30 musica 210, ottobre 2009

9 COMPOSITORI Nel duecentesimo anniversario della nascita di Felix Mendelssohn-Bartholdy un cofanetto della Brilliant, pur trascurando l ambito teatrale, offre un occasione rara di esplorare la produzione giovanile del compositore, tra il sacro, il sinfonico e il cameristico. Il giovane Mendelssohn tra un ridente paesaggio e un luogo maledetto di Piero Rattalino La Brilliant raccoglie in quaranta dischi, in occasione del bicentenario della nascita, una parte molto cospicua della vastissima produzione musicale di Mendelssohn, offrendoci un «Mendelssohn Portrait», un Ritratto di Mendelssohn, che non può essere se non il benvenuto, anche se nel Ritratto, come vedremo poi, manca un qualcosa di non secondario. Il maggior pregio della pubblicazione consiste secondo me nel fatto di comprendere un ampia silloge di ciò che Mendelssohn creò fra il 1821 e il 1829, e cioè nel periodo formativo fra i dodici e i vent anni. Solo chi non possiede nulla di Mendelssohn può essere realmente interessato al Concerto per violino op. 64 eseguito da Siegfried Söckigt o alla Sinfonia «Italiana» diretta da Frans Brüggen. Questi sono artisti che sanno sì fare, e bene, il loro mestiere, ma che evidentemente non si collocano nell empireo degli Heifetz e dei Karajan e dei tanti altri mostri sacri che costellano la discografia mendelssohniana. L occasione di ascoltare il Te Deum del 1826 o l ottava delle sinfonie per archi anche nella versione con i fiati aggiunti è invece rara, ed è preziosa per chi vuole conoscere Mendelssohn un po più a fondo di quanto non capiti ordinariamente. Su questo primo periodo della creatività di Mendelssohn io mi soffermerò dunque a lungo, mentre sorvolerò sui periodi successivi. Eintritt Eintritt, Ingresso, come nelle Scene della foresta di Schumann. Partiamo dal frontespizio del box, in cui troviamo solo il cognome Mendelssohn, mentre nei label dei dischi troviamo il doppio cognome Mendelssohn-Bartholdy. E qui non sarà fuor di luogo una piccola spiegazione. Alcuni anni or sono il direttore di un conservatorio di provincia, noto più per le sue accorte frequentazioni politiche che per la sua attività di musicista, presentando in una conferenza-stampa il programma dei saggi annuali del suo istituto disse con orgoglio: «Eseguiremo anche una sinfonia di Mendelssohn nella trascrizione di Bartholdy». Come dire Bach-Busoni o Mussorgski-Ravel. Ma il signor Mendelssohn e il signor Bartholdy erano stati, in vita, una sola persona. Una persona che in realtà, a rigore, avrebbe dovuto chiamarsi con un terzo nome: Dessau. Qualcuno fra i miei lettori ricorderà forse un vecchio film neorealista ambientato in Emilia nel 1944, un film in cui un rigido soldato tedesco, controllando i documenti dei viaggiatori che salivano su un traghetto fluviale, diceva a una Carla Gravina diventata terrea in volto: «Il suo cognome è Modèna. Lei è ebrea?». Perché gli ebrei prendevano spesso il nome dalla città d origine. Nel 1729 Meldel Dessau, abitante a Dessau, aveva imposto il nome di Moses al suo primogenito. Moses Dessau, che divenne un grande filosofo illuminista, chiuse in cantina il Dessau e inventò il nome Mendels-Sohn, figlio di Mendel (Mendel invece di Meldel perché più facile da pronunciare). Il secondo figlio maschio di Moses Mendelssohn, Abraham, divenne banchiere, si sposò con Lea Salomon ed ebbe quattro figli: Felix, il secondogenito, nacque ad Amburgo il 3 febbraio Gli ebrei non potevano frequentare le scuole pubbliche, certe professioni erano loro precluse, ecc. ecc. Abraham Mendelssohn non ebbe problemi, nel mettere alle costole dei suoi figli una schiera di eccellentissimi privati istitutori. A Berlino, dove la famiglia si trasferì nel 1811, Felix studiò lingua e letteratura tedesca, latino e greco, francese e inglese, aritmetica e matematica, disegno, danza, ginnastica, nuoto, equitazione, e teoria musicale, composizione, pianoforte, canto, violino. Nessuna scuola pubblica avrebbe potuto fare di meglio, anzi... Tuttavia Abraham decise nel 1819 di far battezzare i figli, e nel 1822 fu battezzato anche lui, insieme alla sua sposa. In quell occasione aggiunse al Mendelssohn il Bartholdy, cognome adottato da un suo cognato Salomon che aveva dato il... buon esempio convertendosi per primo al protestantesimo. Nacque così il Mendelssohn-Bartholdy che il gioviale direttore di conservatorio interpretava alla stregua del Bach-Busoni. Abraham non era però ancora soddisfatto. Mendelssohn- Bartholdy era secondo lui troppo lungo («non è un nome di tutti i giorni», scrisse al figlio), e Mendelssohn era da scartare per più cogenti ragioni: «Se tu ti chiami Mendelssohn sei automaticamente ebreo, e questo non ti è di giovamento, tanto più che non è vero». Conclusione: «Devi chiamarti Felix Bartholdy». Abraham non faceva distinzioni fra religione e razza: se cambiava la prima cambiava automaticamente anche la seconda. L antisemitismo virulento della seconda metà del secolo l avrebbe pensata ben diversamente. E se pur avesse accettato il consiglio del padre, cosa che non fece, il nome Felix Bartholdy non avrebbe evitato che le musiche di Felix Mendels- musica 210, ottobre

10 BACH quarto classificato ex-aequo, András Schiff. Osservazione lungimirante: Gavrilov ebbe poi una carriera effimera, il secondo ex-aequo, Igolinski, rimase nell Unione Sovietica, Chung divenne direttore d orchestra, il terzo classificato, Egorov, morì giovane ancora, della quarta classificata ex-aequo, Eteri Andjaparidze, si persero subito le tracce, il solo Schiff è oggi uno dei leader dell interpretazione al pianoforte. La carriera di Schiff si basò sulla riproposta di Bach, che negli anni settanta veniva toccato dai pianisti con molta circospezione perché & András Schiff Le recensioni di MUSICA sembrava che il futuro avrebbe visto la Nemesi storica! il rovesciamento di quello che era avvenuto alla fine del Settecento: allora il pianoforte aveva mandato in soffitta il clavicembalo, alla fine del Novecento il clavicembalo nel repertorio bachiano e scarlattiano e, come dicono tanto volentieri i politici di oggi, e quant altro avrebbe mandato in soffita il pianoforte. Chi aveva puntato su questa tesi si ritrovò con un palmo di naso. Schiff, sposando la tesi opposta, prima si costruì una nicchia e poi la allargò a dismisura, tanto da diventare autorevole anche nei classici viennesi e in Schumann. Il suo Bach, iniziato nella tradizione di Bartók e di Fischer, si è evoluto lentamente, fino a raggiungere oggi la perfezione. Bandito l uso dei pedali, bel suono tondo e squillante, limitazione estrema del legato e uso sistematico del non-legato, tempi né troppo lenti né troppo mossi, dinamica «centrista» con smussatura degli estremi, ornamentazioni aggiunte molto discrete, espressione colloquiale e garbata, tono espositivo estatico. Questo Bach, dicevo, è perfetto e, se si consente con le scelte di fondo di Schiff, non c è null altro da dire che «godiamocelo». Io ho ascoltato diligentemente le sei Partite una in fila all altra durante un lungo viaggio in automobile, e alla fine mi sono trovato un po come quel dongiovanni che, quasi colto sul fatto in un letto sbagliato, fa appena in tempo a rifugiarsi nell armadio in cui la donna fraudolentemente amata conserva le boccette dei profumi. Quando finalmente il legittimo marito se ne va per i fatti suoi la fedifraga, sollevata di spirito, apre l armadio e abbraccia l uomo che ne esce. Il quale le sussurra, stremato: «Tutto quel profumo! Ti prego, cara, dammi un pezzo di m...». O Schiff, dicevo io, perché non estendi quel fortissimo che fai alla fine di tre gighe e che mi piace così tanto? Perché, invece di tanti mordenti e schleifer, non ti servi di altre aggiunte del tipo di quelle che fai nei minuetti della Partita n. 1? Perché non ti lasci contagiare solo un po, come con la vaccinazione antivaiolosa da quel Pollini che in Bach si fiacca la pianta del piede destro, da tanto che pigia il pedale di risonanza? Perché non ombreggi qualche volta il suono con il pedale «una corda»? Perché, soprattutto, sostituisci l eterno legato con l eterno non-legato? O Schiff, perché non mi dai un pezzettino di m...?. Vero è che il legato scritto è l eccezione, nella musica barocca. Vero è che il legato aggiunto dai vecchi revisori è apocrifo e antistorico. Ma Nikolaus Harnoncourt scrisse nel 1982: «Secondo i principi in uso oggi le note di uguale valore devono essere suonate o cantate con la maggior regolarità possibile, come perle: tutte rigorosamente uguali! [...] Per quanto riguarda l eloquenza, in ogni caso, questo modo di fare la musica non funziona. Esso ha in sé un che di meccanico, e siccome la nostra epoca si è votata alla & macchina non si è notato che è falso». Harnoncourt non è la Bibbia, no, ma io, che forse sono all antica, preferisco la sua filologia a quella di Schiff. E credo nella filologia di Badura-Skoda più che nella filologia di Schiff per quanto riguarda il Preludio della Partita n. 1 o la Toccata della Partita n. 6: Badura-Skoda sostiene che secondo la tradizione italo-tedesca il pralltriller non deve iniziare lì dalla nota ausiliaria. Il suo ragionamento è molto approfondito: perché non dargli credito? Schiff, in una breve nota pubblicata nel booklet, spiega di aver volutamente scelto, e non per comodità di collocazione in due dischi, un ordine diverso da quello di Bach: Partita n. 5 per iniziare, e poi n. 3, n. 1, n. 2, n. 4, n. 6, con la sequenza Sol maggiore, La minore, Si bemolle maggiore, Do minore, Re maggiore, Mi minore. Da Sol in scala fino a Mi, con perfetta alternanza di maggiore e minore. Questa è una bella idea e l ascolto del ciclo così «riformato» ci guadagna, anche se in concerto mi sembrerebbe preferibile, per ragioni di durata rispettiva, scambiare di posizione la n. 1 e la n. 4. Il panorama resta tuttavia, per il mio gusto, ugualmente monotono. Non vorrei parere irrispettoso. Schiff, come dicevo, è indubbiamente uno dei leader dell odierna interpretazione al pianoforte. Però, come afferma lui stesso, «la grande musica è più grande dei suoi esecutori». E le Partite di Bach possono sprigionare altri profumi ancora, oltre a quello della rosa. Piero Rattalino SACD BACH Cantate Vol. 44 Wir müssen durch viel Trübsal BWV 146; Siehe, ich will viel Fischer aussenden BWV 88; Gott fähret auf mit Jauchzen BWV 43 soprano Rachel Nicholls controtenore Robin Blaze tenore Gerd Türk basso Peter Kooij Bach Collegium Japan, direttore Masaaki Suzuki BIS SACD 1791 DDD 75: A HHHH Percorso davvero esaltante quello offerto da Suzuki in questo nuovo volume della sua integrale bachiana (dedicato a tre Cantate del 1726, tutte riccamente strumentate), un integrale che può essere considerata un punto di riferimento per l equilibrio globale, l aderenza stilistica, lo splendore timbrico: valori, questi, che si possono qui riscontrare, ad esempio, nella splendida Cantata BWV 43, con il suo esultante e trascinante coro iniziale accompagnato dai brillanti interventi delle trombe e con la notevole varietà espressiva delle arie (tutte piuttosto brevi e affidate a ognuno dei quattro solisti di canto), sempre abbinate a un breve recitativo. Altrettanto grandiosa (ma ancor più severa) la Cantata BWV 146, introdotta da un ampia sinfonia (rielaborazione di un Concerto violinistico andato perduto e successivamente trascritto per clavicembalo), da un coro, da due arie e da un duetto di vaste dimensioni, oltre ai consueti recitativi e al corale conclusivo. Non poco singolare poi la concezione prevalentemente solistica della Cantata BWV 88, divisa in due parti e articolata in tre recitativi, tre arie, un arioso e un duetto, siglati da un brevissimo corale. L esecuzione, come accennato, può essere considerata pienamente all altezza della situazione, soprattutto sul versante strumentale e corale: notevolissima la compattezza del coro (formato da dodici elementi, tra i quali gli stessi solisti) e la resa timbrica dell organico strumentale, ove si sono particolarmente distinti gli infaticabili e puntuali strumenti a fiato: dalle trombe per la BWV 43 (con l intervento di una tromba solista nell aria per basso), ai corni per la BWV 88, al flauto traverso e agli oboi (e oboi d amore) per la BWV 146. Per quanto riguarda i solisti di canto, il soprano Rachel Nicholls canta con la purezza cristallina e la semplicità di una voce bianca (senza i limiti, però, di quest ultima), anche se non avrebbe guastato una maggior partecipazione, ad esempio, nell aria «Ich säe meine Zähren» da BWV 146. Robin Blaze conferma le sue notevoli doti, già apprezzate nei precedenti volumi, pur evidenziando, anche in questo caso, un eccessivo ritegno espressivo (è il caso dell ampia aria «Ich 52 musica 211, novembre 2009

11 LEO CD KAGEL Kantrimiusik soprano Angela Tunstall contralto Susan Bickley tenore Alan Belk Nieuw Ensemble, direttore Ed Spanjaard WINTER & WINTER DDD 45: A HHHHH Coloro che sono stati alla Biennale di Venezia nel 2007 ricorderanno l esecuzione di Kantrimiusik di Kagel (diretta dallo stesso compositore con l ensemble musikfabrik) come uno dei momenti clou del festival. Ora questo lavoro, vitale e spassosissimo, lo si può ascoltare nella registrazione fatta nel 1997 dall olandese Nieuw Ensemble, formazione insuperabile in questo genere di cose, che richiedono oltre alla perizia tecnica anche una forte dose di humour. Kantrimusik, «pastorale» per voci e strumenti, eseguita la prima volta nel 1975, riassume perfettamente lo spirito ludico, la grande musicalità, lo stile irriverente e pieno di fantasia del compositore scomparso lo scorso anno. È un una sorta di ironico commentario sulla musica folk, sui suoi intrecci con la musica classica (musica di campagna e musica sulla campagna, come la sinfonia pastorale), sulle sbilenche esecuzioni degli ensemble amatoriali «da diporto (genere «folk», sottogenere «arrangiamento»)». C è un immagine che illumina l intera composizione: «Mi riferisco a quelle serate in cui gruppi di intere famiglie con bambini, vestiti alla moda locale, salgono sul palcoscenico. Atteggiandosi come i fedeli rappresentanti di un determinato paese, predicano solidarietà attraverso una musica falsificata. Quante volte, in certi momenti, non si rimpiange il destino del folclore di essere contemporaneamente portavoce e divertimento di una società?... Il pezzo non reclama di proposito alcuna autenticità delle fonti, ma elabora le solite musiche apocrife. Qualsiasi interpretazione dovrebbe chiarire quanta parodia e quanta caricatura o seriosità vi siano nel brano. Un brano che può essere rappresentato sia in forma semplicemente concertistica, sia in forma scenica; in questo caso il sottotitolo sarebbe «una parodia in scene» [...]». Così i suoni del banjo e della chitarra si mescolano con quelli di corno, clarinetto, violino e pianoforte, creando atmosfere di Ländler e film western. I suoni registrati evocano suoni di natura, cavalli al galoppo, cinguettii, ronzii di insetti, fotogrammi bucolici di bande sgangherate che suonano valzer sotto una pioggia battente, di campane di chiesa e di trattori, di corali e echi di Lieder romantici, di soffi di vento e grotteschi versi di animali. Una sintesi di naturalismo, impressionismo e verismo, dominata da un grande senso del teatro. Esilarante, assolutamente da ascoltare. Gianluigi Mattietti CD LEES Quartetto n. 1; Quartetto n. 5; Quartetto n. 6 Cypress String Quartet NAXOS DDD 62: B HHH Nella collana «American Classics» della Naxos è ora il turno dell opera cameristica di Benjamin Lees, compositore americano di origine russe nato in Manciuria nel 1924 e cresciuto in California. Accanto al giovanile Quartetto n.1, lavoro classicamente politonale (e, a mio parere, non personalissimo), suddiviso in tre movimenti ed eseguito nel 1954, in prima newyorchese, nientemeno che dal Quartetto di Budapest, troviamo i Quartetti n. 5 e n. 6, gli ultimi (per ora) della serie dedicati entrambi all ensemble responsabile di questa registrazione, e cioè il Cypress String Quartet. A dire il vero anche queste ultime opere non si impongono per originalità (sebbene il Quartetto n. 5 sia stato inserito nei «101 Great Ensemble Works» dalla Chamber Music America, come ricordano le particolareggiate note di copertina, qui solo in inglese), né sono in grado di solleticare le esigenze più profonde di chi cerca esperienze d ascolto in trasformazione e quindi non necessariamente solo originali e desuete. Tutto sembra già sentito, metabolizzato: Bartók, Shostakovich, Britten... ma all acqua di rose però! Concentratissime, peraltro, le esecuzioni del Cypress String Quartet, molto chiare e formalmente ben strutturate. Massimo Viazzo DVD Video LEO L Alidoro (commedia per musica in tre atti su libretto di G. Federico) M. G. Schiavo, M. Ercolano, V. Varriale, F. Russo Ermolli, G. De Vittorio, F. Morace, G. Ruggeri; Orchestra Barocca Cappella della Pietà de Turchini, direttore Antonio Florio regia Arturo Cirillo scene Massimo Bellando Randone DYNAMIC (2 DVD) 165: B HHHH L Alidoro registrato al Teatro Valli di Reggio Emilia in occasione della prima ripresa moderna dell opera, nel febbraio 2008 è uno di quei DVD che paiono non perdere nulla, da un punto di vista visivo, rispetto alla rappresentazione dal vivo. Il merito di ciò va ascritto all azzeccata regia di Arturo Cirillo, che, concentrando la propria attenzione sui gesti e sull espressione dei volti, e avvalendosi di splendidi costumi settecenteschi a fronte di scene pressoché vuote, si rende forse più godibile sul piccolo schermo che in teatro. L opera di Leo, datata 1740, è, come la più nota Amor vuol sofferenza, un esempio di «commedia per musica»: genere ibrido che accosta situazioni «serie» e scenette esilaranti, arie col da capo di tipo metastasiano e forme più libere ispirate alla musica popolare, lingua italiana e vernacolo napoletano. Proprio la scelta linguistica (ogni personaggio si esprime con la lingua propria del suo ceto sociale) rivela un attenzione al realismo che percorre la partitura e dà i suoi frutti migliori nella scena del gioco della morra: splendido bozzetto in cui l orchestra scandisce il ritmo serrato delle scommesse di Meo e Marcello, che gli interpreti realizzano in perfetta sintonia. I ruoli vocali maschili risulterebbero, da locandina, spettare a dei bassi, ma Giuseppe De Vittorio (Marcello) è un tenore che, pur penalizzato da un timbro non esaltante, sa fraseggiare molto bene ponendo in rilievo il passaggio dalle battute stizzite al simulato abbandono passionale. Del mugnaio Meo (Gianpiero Ruggeri) si ricorda soprattutto la spassosa imitazione onomatopeica del «chicchirichì» nell aria del secondo atto, mentre Filippo Morace (il vecchio Giangrazio) si distingue per il bel timbro basso-baritonale e l espressività della recitazione, frutto di molta familiarità con l opera napoletana. La scrittura per le voci maschili, in ogni caso, non è mai troppo impervia, conformemente al ruolo drammaturgico di personaggi buffi, popolani o parvenu, che parlano in dialetto o in un espressivo miscuglio di toscano e napoletano. La parte del leone tocca, ovviamente, alle donne, tre soprani e un contralto. Quest ultima, Elisa, nel DVD è in realtà interpretata da un mezzosoprano con registro particolarmente esteso nelle regioni acute, Maria Russo Ermolli, che esprime il carattere bisbetico del personaggio con le colorature dell aria «Risolviti ad amarmi», le cui riprese sono arricchite di variazioni ogni volta diverse. I tre soprani hanno, opportunamente, tratti vocali chiaramente differenziati: Valentina Varriale, che impersona l ostessa Zeza, unica donna di estrazione popolare e parlata dialettale, ha una voce calda e corposa, dal colore «mediterraneo», che favorisce, da un lato, la morbidezza dei passaggi verso l acuto e, dall altro, il realismo della travolgente loquacità napoletana che si esprime nell aria del primo atto (con un colpo di genio La città d elezione di Leonardo Leo La Cappella della Pietà de Turchini che ha riesumato L Alidoro di Leo (un napoletano d adozione) ha sede nella chiesa di Santa Caterina da Siena, nel cuore della città partenopea (www.turchini.it). Per chi volesse soggiornare negli stessi quartieri spagnoli, consigliamo l Hotel Il Convento, un tre stelle molto gradevole con camere doppie a partire da 80 Euro. Chi desidera invece riscoprire gli ambienti frequentati dai viaggiatori della Belle Epoque con un panorama indimenticabile del golfo può optare per il Grand Hotel Parker s. I prezzi ufficiali sono elevati (a partire da 200 euro), ma si trovano delle offerte molto convenienti su internet. Hotel Il Convento Via Speranzella 137a Napoli Tel.: Grand Hotel Parker s Corso Vittorio Emanuele Napoli - Tel.: F U O R I D A L L E N O T E il regista fa allontanare Meo, sommerso da quel fiume di parole, durante la ripresa). Il protagonista Luigi/Ascanio/Alidoro (il cui nome varia col procedere di travestimenti e agnizioni), unico ruolo en travesti, spetta a Maria Ercolano, dotata di grandi possibilità espressive che emergono fin dall aria «Luci belle», dove la malinconia della seconda strofa, che ha il suo culmine nel «penar» cantato a mezza voce prima della ripresa, si contrappone agli musica 211, novembre

12 Le recensioni dal vivo di MUSICA con costumi stilizzati (di Franca Squarciapino), giocata su movimenti un po stereotipati, a parte la bella scena della sfinge, creatura mostruosa avvolta in un grande drappo nero che si allargava in due immense ali. Bravissimo, nel ruolo eponimo, Stefan Ignat, baritono dal timbro eroico ma pieno di sfumature, capaci di rendere tutta la gamma delle inquietudini del suo personaggio. Di livello assai vario il resto del cast: tra i migliori Oana Andra (Giocasta), Horia Sandu (Tiresia), Ionuþ Pascu (Creonte), Valentin Racoveanu (il pastore). Tra le sette sezioni tematiche del festival spiccava quella dedicata ai «Compositori romeni del XX secolo» che metteva a confronto, sotto le splendide volte dell Ateneo Romeno, autori di generazioni e stili diversi: i lavori meno recenti apparivano accomunati da un certa impronta neoclassica e folklorica, ad esempio nei cicli liederistici di Pascal Bentoiu, Valentin Timaru, Mihail Jora, o nei quartetti per archi (affidati all ottimo Quartetto Florilegium) di Lucian Metianu, Maia Ciobanu, Fred Popovici. Altra aria si respirava nei concerti del Traiect Ensemble, votato alla sperimentazione elettronica; dell - Hyperion Ensemble, che ha eseguito pezzi di Costin Cazaban, Ana Maria Avram e Iancu Dimitrescu (storico esponente dell avanguardia rumena e fondatore dell ensemble) «per ensemble e suoni assistiti dal computer»; dell Esemble Pro Contemporania, che ha eseguito Marty and Gloria di Irinel Anghel performance dal gusto surrealista che metteva insieme una suonatrice di fisarmonica, chitarra e tastiera elettrica, dei bambini, un cerimoniere dall enorme cappello, una donna con ventaglio, un robot telecomandato e Il Gioco degli Innocenti di Mihaela Stanculescu-Vosganian, pezzo un po rocchettaro e pieno di interferenze stilistiche per due voci femminili, chitarra elettrica, violino e violoncello, violino. Di buon livello l Orchestra Filarmonica della Transilvania, diretta da Sascha Goetzel, che ha eseguito il Concerto per violino «Trinity» di Theodor Grigoriu, dominato da un morbido melos popolareggiante (solista Sherban Lupu); l elettrizzante Concerto n. 2 per orchestra d archi di Sigismund Todut ă (uno dei più grandi compositori romeni dopo Enescu, che ha anche studiato all Accademia Santa Cecilia di Roma sotto la guida di Casella e Pizzetti), e l applauditissimo Concerto per Sax e orchestra di Calin Ioachimescu, lavoro che richiedeva l esecuzione (anche simultanea) di diversi sassofoni, offrendo così al solista Daniel Kientzy l occasione per una grande performance. Da vera star. Gianluigi Mattietti Il Macbeth è l opera di Verdi che ha meno bisogno di fondali suggestivi e di elaborati cambi di scena: si può benissimo raccontare l intera vicenda con un accorto impiego delle luci e con qualche proiezione sul sipario di tulle per la scena di battaglia nel quarto atto e per quella specie di seduta spiritica che apre il terzo. L importante è che i volti e i gesti dei personaggi siano ben illuminati anche quando «la luce langue» e che la recitazione sia sempre credibile e motivata interiormente. Andrea Cigni un regista che ha saputo accortamente rinnovare uno spettacolo ideato in origine da Andrea De Rosa per il Circuito Lirico Lombardo mostra di avere le priorità giuste e in diverse momenti riesce a suscitare un effetto forte con mezzi minimi, soprattutto quando è in scena la grandissima Lady Macbeth di Paoletta Marrocu: il soprano che meglio di qualunque altro in questi ultimi decenni è riuscito a costruire il personaggio partendo dalle inflessioni minime del testo di Piave e Maffei, fraseggiando con l eloquenza di una grande attrice nel pieno rispetto del disegno musicale verdiano. In quest occasione la cantante sarda ha delineato una moglie e regina sensuale e dominatrice e ha mostrato VERDI Macbeth L. Grassi, P. Marrocu, E. Turco, P. Spissu, A. Liberatore, M. Voleri, P. Toscano, F. Desini; Corale Luigi Canepa, Orchestra dell Ente Concerti Marialisa De Carolis, direttore Balázs Kocsár regia Andrea Cigni scene e costumi Alessandro Ciammarughi Sassari, Teatro Verdi, 7 ottobre 2009 Luca Grassi e Paoletta Marrocu con la piena complicità dell ottimo concertatore ungherese Balázs Kocsár (anche lui un vero uomo di teatro) come gran parte del ruolo può essere risolta tra il pianissimo e il mezzoforte, spiegando la voce solo nei climax più accesi. E ha rivelato quanta verità umana può trapelare dagli sguardi di questa donna: taglienti, imperiosi, pieni di desiderio e talvolta impauriti. Anche il personaggio di Macbeth va costruito con la massima dedizione, soprattutto per rendere l estrema reattività di questo marito, re e assassino a tutto ciò che gli accade intorno. Per Luca Grassi debuttante nel ruolo il lavoro di costruzione è appena all inizio: la voce è ben educata e traccia con intelligenza il percorso emotivo di «Pietà, rispetto, amore» nell ultimo atto, ma la sua recitazione cattura la nostra attenzione solo a tratti e la figura che disegna trasmette le paure dell uomo privato ma non la volontà prepotente di chi sa uccidere. Shakespeare e Verdi mettono a nudo questo personaggio davanti ai nostri occhi, ma Grassi anche se a un certo punto si toglie la camicia rimane metaforicamente vestito dall inizio alla fine. Nel contesto di un approccio lirico e intimista al dramma (del tutto appropriato negli spazi raccolti del Teatro Verdi) il Banco di Enrico Turco ha funzionato molto bene, con grande umanità d accento, e si sono fatti valere sia il Malcolm di Marco Voleri sia il Macduff di Alessandro Liberatore, emotivamente centrato e accolto con un caldo applauso dopo l aria del quarto atto. L Orchestra dell Ente Concerti Marialisa De Carolis ha risposto con apprezzabile duttilità e concentrazione espressiva al gesto sempre sicuro di Kocsár e il coro è riuscito a dare il giusto afflato a «Patria oppressa», mentre nelle scene delle streghe le voci femminili da sole avevano faticato ad unire la giusta precisione sonora alla necessaria incisività verbale (meno male che c erano i sopratitoli!). Stephen Hastings ROSSINI Il viaggio a Reims R. Feola, D. Barcellona, E. Gorshunova, E. Dehn, S. Yijie, D. Kortchak, M. Palazzi, N. Ulivieri, P. Bordogna, B. Quiza, P. Quiralte Gomez, M. Karahan Orchestra e Coro dell Accademia Nazionale di S. Cecilia, direttore Kent Nagano Roma, Parco della Musica, Sala Santa Cecilia, 21 settembre 2009 Punto di forza del Belcanto Festival un po debole di quest anno, Il viaggio a Reims di Rossini proposto dall Accademia di S. Cecilia è stato un fragrante bouquet donato al settembre romano. E ha dimostrato, a fronte della Norma non eccelsa qui udita nel 2008, come oggi sia meno agevole metter su il capolavoro belliniano che il pur complesso «adieu» del pesarese all opera italiana. Kent Nagano per primo vi si è trovato a suo impeccabile agio. Diremmo anzi che questo ci è parso l approccio direttoriale alla Cantata scenica rossiniana più interessante dopo Abbado. Tanto costui poneva in luce le matrici d humour italiano e la «folie organisée», consuete entrambe all ambito buffo del Nostro, quanto l altro ha evidenziato gli orizzonti a venire, che è a dire un ironia già «à la française», certa leggerezza offenbachiana e, meglio ancora, quell ondivago, ma vigile spirito da Grand Hôtel des Bains internazionale: ove gli ultimi detentori del buon gusto si radunano per ragionare del proprio amore all eleganza, all antico, alla poesia, alla 88 musica 211, novembre 2009

13 siva ma di un ispirazione «europea» e impressionista: in particolare, raramente ho trovato il conclusivo e un po travagliato «Chôrinho» così ben saldato al resto della Suite. La serie dei Preludi ha confermato tutti i pregi di tale visione interpretativa, assecondando la maggiore caratura linguistica tramite un fraseggio ricco di rubati e di meditazione espressiva, appoggiato su un cantabile sempre nitido eppure liquido ed evocativo (in particolare nel terzo Preludio). La seconda parte del concerto si è aperta con il recentemente scoperto «Valse- Chôro», espunto dalla prima stesura della Suite, e proposto qui in dittico con il Chôros n. 1; una posizione in cui, a dire il vero, risalta ancor più l estraneità del brano alla vena più schiettamente folclorica, mentre il suo carattere malmostoso lo rende forse maggiormente affine ai Preludi. Infine, gli Studi: coraggiosamente affrontati in fondo al lungo programma, eppure il concertista non ha ceduto un passo in termini di freschezza digitale, di energia espressiva (vedi gli Studi nn. 4, 10, 11) e di acume interpretativo. Meritatissimi dunque i convinti applausi, che hanno indotto Dieci a concedere ancora due bis. Roberto Brusotti È davvero centrata la definizione di Aleko, prima delle tre opere compiute di Rachmaninov, che viene data nel programma di sala di questa serata conclusiva del 48º Stresa Festival: «una vera enciclopedia del teatro musicale russo». Palesi, difatti, in quello che è il saggio finale del diciannovenne musicista, le influenze dei maggiori operisti russi, dagli «antichi» Glinka e Borodin nei numeri di danze, cori festosi e racconti (l aria del vecchio zingaro) ai più vicini Mussorgski (il cui modello si sente palesemente nel coro finale) e per ogni dove l amatissimo Ciaikovski, la cui ombra si staglia felicemente dietro al numero più celebre dell intera opera, quella cavatina di Aleko che ha attratto i maggiori bassi di area slava, da Chaliapin in poi. Gianandrea Noseda che ad inizio serata ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Stresa si è buttato a capofitto nella partitura, sbalzata con passione e senso del teatro, seppure con tempi talvolta esageratamente convulsi, nella scansione quasi effettistica: il RACHMANINOV L isola dei morti; Aleko S. Vassilieva, S. Murzaev, G. Bezzubenkhov, E. Akimov, N. Vassilieva; Coro del Teatro Regio di Torino, BBC Philharmonic Orchestra, direttore Gianandrea Noseda Stresa, Palazzo dei Congressi, 5 settembre 2009 Gianandrea Noseda dirige Rachmaninov bellissimo preludio risultava poco nitido, così come la «canzone» di Zemfira creava qualche problema alla bravissima Vassilieva, tanto survoltati erano gli accenti. Non va dimenticato, però, un supporto al canto generalmente eccellente e un gusto per il preziosismo timbrico e orchestrale che rende piena giustizia a una partitura in tal senso scintillante; e il cast senza dimenticare il buon apporto di orchestra e coro era all altezza. Certo, la differenza fra i quattro solisti del Marinksy, pur bravi, e la splendida Svetla Vassilieva era notevole: la freschezza del suo fraseggio, l insinuante sensualità dell accento, la bellezza del canto disegnavano una Zemfira virtualmente perfetta e facevano avvertire il fossato che la divideva da uno stile più tradizionale e melodrammatico. Palese, in tal senso, l esempio del baritono Murzaev che, pur cantando complessivamente bene, ricorreva ai gigionismi di tradizione senza scavare davvero la psicologia di Aleko. La serata, che ha avuto un esito trionfale, si era aperta con una lettura de L isola dei morti sbalzata in un unico blocco tesissimo, davvero arroventato: se il rilevo dei dettagli andava fatalmente perduto, grande merito di Noseda è l essere riuscito a tendere un unico arco per gli oltre venti minuti del brano, dando il massimo rilievo ai ritorni tematici, senza nessuna concessione alle bellurie sonore e ai facili effettismi. Una grande, ed originale, interpretazione. Nicola Cattò A detta di Michel Dalberto, già vincitore nel 1975 del Concorso «Clara Haskil» e succeduto nel 1991 a Nikita Magaloff alla Presidenza della Giuria, questa XXXIII edizione del Premio ha cercato proprio un musicista «alla Haskil». Un impostazione ideologica che guarda non solo allo stile d esecuzione della grande pianista rumena naturalizzata svizzera, ma ma anche al repertorio che le diede gloria soprattutto nell ultimo decennio circa di vita, a partire dal dopoguerra fino alla morte, avvenuta nel Un repertorio in cui dominavano incontrastati i grandi classici, Haydn, Mozart, Beethoven e Schubert, ma che guardava intensamente anche ai romantici Chopin, Schumann, e Brahms, che sperimentava l originalità di Scarlatti come la timbrica di Debussy e Ravel. Niente di più lontano dalla tradizione del virtuosismo trascendentale tardottocentesco in cui la Haskil si era formata. Finale del Concorso Internazionale «Clara Haskil» (musiche di Beethoven e Mozart) pianoforte Nima Sarkechik, François Dumont, Adam Laloum Orchestre de Chambre de Lausanne, direttore Jesús López Cobos Vevey, Théâtre de Vevey, 3 settembre 2009 Perciò cercare un musicista nello stile della Haskil così come la ricordiamo nel dopoguerra, significa voler individuare un pianista che pur avendo al suo arco tutte le frecce del virtuosismo non voglia distinguersi in senso stretto come tale, e che sia raffinato, anche come camerista, e mai incline all esteriorità (la Haskil, si sa, collaborò con Grumiaux, con Casals, con Enescu). Da cui la scelta del Concorso di inserire, a partire da quest anno, una prova semifinale di musica da camera. Al suono dei Concerti op. 37 e op. 73 di Beethoven e del Concerto K 491 di Mozart, la finale del Concorso si è giocata di fioretto tra concorrenti giovanissimi di età compresa tra i ventidue e i ventisei anni, tutti di area francese (compreso il franco-iraniano Nima Sarkechik). Nonostante si vociferasse che la finale con orchestra fosse un po sottotono, vuoi per la tensione dei concorrenti, vuoi per problemi di acustica della sala, la vittoria, meritatissima, è andata al più giovane dei finalisti, il pianista Adam Laloum, interprete di squisita sottigliezza del Concerto in Do minore K 491 di Mozart. Fin dalla scarna entrata «a fantasia» del Concerto, la sua capacità di sentire la musica, in un suonare vivo e nervoso, nello stesso tempo intimo e delicato, lo hanno subito distinto dagli altri concorrenti. L intensità raccolta con cui intonava gli intervalli, incline al sussurro, come l espressività di ogni singola nota persino nelle scale ornamentali, denotava una capacità non comune di comunione con il suono. Pur non impeccabile, l esecuzione è stata in crescendo ed è culminata nel Finale, Allegretto in forma di tema con variazioni, particolarmente interessante negli episodi contrappuntistici e ritmicamente innervati, come nella trascinante coda. Successo già in parte conquistato da Laloum nelle precedenti prove, con notevoli interpretazioni di Kreisleriana op. 16 di Schumann e del Quintetto op. 34 di Brahms. Nulla, quindi hanno potuto l efficientismo del brillante François Dumont, interprete convinto del Quinto Concerto di Beethoven, come la capacità coloristica di Nima Sarkechik, che nel beethoveniano Concerto op. 37 ha accusato i segni tangibili della tensione connessa con la realtà di una finale di concorso. Silvia Limongelli 94 musica 210, ottobre 2009

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Storia dell'opera lirica in pillole

Storia dell'opera lirica in pillole Storia dell'opera lirica in pillole Le origini dell opera lirica: tutto ebbe inizio così... L opera lirica non esisteva nell antichità. Esisteva il teatro fin dai tempi dell antica Grecia e c era la musica

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni

Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Catalogo delle opere di Rosario Mirigliano Composizioni Silenzi (1972) per soprano, violino, contrabbasso, pianoforte, celesta e percussioni Quartetto (1973) per violino, viola, violoncello e clavicembalo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Io e gli altri T CD 1 1 Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Scrivi le risposte nell ordine giusto, dalla

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli