II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea"

Transcript

1 II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea ANDAMENTO DELLE CATTURE DI MEDI E GRANDI PELAGICI E VARIABILITÀ DELLE TEMPERATURE SUPERFICIALI NEL TIRRENO MERIDIONALE DAL 1987 AL 2007 Romeo T., Perzia P., Vivona P., Falautano M., Battaglia P., Consoli P., Esposito V., Andaloro F. LINEA 4 DIVCOST ATTIVITA 4.2 RESPONSABILE SCIENTIFICO: F. ANDALORO

2 INDICE NAO H L L H H L L H EMT Dagli anni 80 il clima ha subito un cambiamento a livello globale, ma localmente tale cambiamento è modulato

3 Gasparini et al., 2005; Schroeder et al., 2006 Aumenti di salinità e calore nel bacino occidentale del Mediterraneo negli strati profondi e intermedi a seguito della propagazione del Transiente (EMT)

4 Scioglimento ghiacci Volume pelagico Produzione algale Qualità habitat Clima Temperatura + Stabilità colonna d acqua Disponibilità nutrienti Produzione di fitoplancton Produzione di zooplancton Abbondanza di specie alto livello trofico Precipitazioni Vento + Fuoriuscita Formazione di fronti Upwelling +

5 Area di studio Dati SST Satellite Boa Messina Boa Reggio Calabria

6 Sea Surface Temperature Area: Isole Eolie e coste tirreniche Sicilia e Calabria AVHRR Pathfinder SST v5 Source/sensor: NOAA Advanced Very-High-Resolution Radiometer (AVHRR) Area: Stretto di Messina e Calabria Ionica RETE MAREOGRAFICA NAZIONALE ISPRA Stazione mareografica di Messina LATITUDINE 38 11' 21' LONGITUDINE 15 33' 64' Stazione mareografica di Reggio Calabria LATITUDINE 38 07' 15' LONGITUDINE 15 38' 57''

7 Sea Surface Temperature Area: Isole Eolie e coste tirreniche Sicilia e Calabria AVHRR Pathfinder SST v5 Source/sensor: NOAA Advanced Very-High-Resolution Radiometer (AVHRR) Temperatura superficiale diurna satellitare: Risoluzione di 4 km Intervallo di misura 8 giorni OutPut: Mappe Latitudine-Longitudine Scaricati in formato GeoTiff per ArcGis Le mappe Lat-Long di SST, raccolte in un GeoDataBase, vengono importate in GIS. Si sovrappongono i tematismi puntuali georeferenziati di avvistamento/cattura dell esemplare e si procede alla registrazione della temperatura

8 Sea Surface Temperature Area: Stretto di Messina e Calabria Ionica RETE MAREOGRAFICA NAZIONALE ISPRA Stazione mareografica di Messina LATITUDINE 38 11' 21' LONGITUDINE 15 33' 64' Stazione mareografica di Reggio Calabria LATITUDINE 38 07' 15' LONGITUDINE 15 38' 57' Le rilevazioni satellitari di temperatura sono assenti nell area relativa allo Stretto di Messina. Si è scelto di utilizzare le temperature registrate dalla Rete Mareografica (misurazioni ogni 60 nelle 24h a partire dall agosto 1998). I dati di cattura/avvistamento vengono messi in relazione con quelli di temperatura superficiale registrati alle ore

9 Temperatura superficiale - Mareografo Messina ago-98 feb-99 ago-99 feb-00 ago-00 feb-01 ago-01 feb-02 ago-02 feb-03 ago-03 feb-04 ago-04 feb-05 ago-05 feb-06 ago-06 feb-07 ago-07 feb-08 ago Temperatura superficiale - Mareografo Reggio Calabria ago-98 feb-99 ago-99 feb-00 ago-00 feb-01 ago-01 feb-02 ago-02 feb-03 ago-03 feb-04 ago-04 feb-05 ago-05 feb-06 ago-06 feb-07 ago-07 feb-08 ago-08

10 APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO LAND NO DATA

11 Xiphias gladius Tetrapturus belone Thunnus thynnus CPUE (kg) Trend delle CPUE provenienti dalla pesca con l arpione nel Tirreno meridionale incluso lo Stretto di Messina Di Natale et al., 2005 (ICCAT)

12 N individui Attrezzo da pesca: Lenza Specie: Thunnus thynnus (Tonno rosso) Area: Stretto di Messina DECLINO DI TONNO ROSSO Thunnus thynnus (N = 15344)

13

14 Attrezzo da pesca: Arpione Specie: Thunnus thynnus (Tonno rosso) = divieto di pesca con le reti spadare Romeo et al., 2008 ICES Halifax

15 ANNO 1998 Clupeidae 11% Engraulidae 4% Carangidae 9% Specie termofile Sgomberoidae 1% Scombridae 1% Coryphaenidae 75% ANNO 2004 Scombridae Sgomberoidae 29 % 29% Carangidae 30% Composizione delle catture rilevate agli sbarchi (esclusi grandi pelagici) Engraulidae 17% Coryphaenidae 11% Clupeidae 13%

16 Trachinotus ovatus (famiglia: Carangidae) Auxis rochei (famiglia: Scombridae) 120 pesantonara Altre specie Trachurus mediterraneus Thunnus thynnus Sarda sarda pesantonara (anno 2008) Auxis rochei Trachinotus ovatus Altre specie Trachinotus ovatus 40 Auxis rochei CPUE (kg/500m rete) Anno 2008 Inverno Primavera Estate Autunno CPUE (kg/500m rete) Composizione delle catture rilevate agli sbarchi per l attrezzo pesantonara nella marineria di Portorosa (Tirreno meridionale)

17 Andamento CPUE Gill Net? Year Andamento CPUE palangaro CENTRAL TOTAL GILL SOUTHERN TOTAL GILL STRAIT TOTAL GILL TOTAL TYRRHENIAN TOTAL STRAIT YEAR Di Natale et al., 2008 ICCAT Olita et al., 2007 Ocean Sci 1985 CPUE (Kg/ami) CPUE (kg/km)

18 GLM ANALISI (modello lineare generale) Modello Binomiale catture Modello Gamma eventi positivi Modello Delta-Gamma combinazione dei due

19 GLM model Evidenza degli effetti climatici sulla distribuzione e sul comportamento di specie ittiche pelagiche Anno 2003 Anno 2002

20 Trend positivo Area T min T max P min P max R Spawning Referenze NE Atlantico 21 24,5 Mejuto et al., 2005 N Atlantico Carey & Robinson,198 Sedberry & Lofer, Atlantico 8, ,5 22,8 18, ; Boyce et al., E Pacifico Nakamura, 1985 NW Pacifico > 22 Bigelow et al., 1999 Pacifico 10,8 21, Carey & Robinson,198 Mediterraneo Centra 13, >24 Canese et al., 2007 Mediterraneo Orientale >26 22,5 Tserpes et al., 2008 Olita et al., 2007 Ocean Sci

21 occurence of fishes in sea surface (n) Females N of sample in surface GSI (mean ± SE) GSI 0 May June July August 0 Effetti sul comportamento riproduttivo May June July August Males Surface Deep χ *** *** *** *** Females Surface Deep χ n.s *** 82.81*** *** Romeo et al., 2008 JMBUK

22 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% altre Scombridae Carangidae 30% 20% 10% 0% Caranx crysos (adulti) 250 y = 26,229x - 12, R 2 = 0, Numero 200 Kg numero Lineare (Numero) kg

23 2001 Caranx crysos Naucrates ductor maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

24 2001 Coryphaena hippurus Seriola dumerili maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

25 EFFETTO SULLA DISPONIBILITA DELLE PREDE

26 Andaloro et al., 2008 Progetto Eolide (Ecosystem Approach)

27 Cambiamenti climatici o sforzo di pesca? Il clima e la pressione di pesca possono causare effetti sulle popolazioni ittiche Numerosi stock sono sottoposti ad eccessivo sforzo di pesca (soprattutto grandi pelagici) L aumento della biomassa di alcune specie è legato all aumento di favorevoli condizioni climatiche che regolano l attività di pesca Cambiamento delle rotte migratorie Anticipo e/o ritardo del periodo riproduttivo Sopravvivenza e distribuzione stadi larvali e giovanili Cambiamento della composizione specifica della catena trofica Adattamento delle attività di pesca alle modifiche dell ecosistema

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo)

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 02/02/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno)

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 4/05/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP del

Dettagli

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine

Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine Dr. Geol. Gaetano La Bella Applicazione di tecnologie innovative nella determinazione della temperatura superficiale delle acque marine MoGeIFaCo Elaborazione di un modello di gestione integrata della

Dettagli

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI Franco Giovanardi (ISPRA) Francesca Pedullà (ARPACAL) Sala Conferenze Arpa Sicilia, Reale Albergo delle Povere

Dettagli

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale

Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale Workshop finale VECTOR Sede centrale CNR, Roma, 18-19 ottobre 2010 Variabilità delle comunità autotrofe planctoniche nelle aree al largo dell Adriatico meridionale F. Cerino a,1, F. Bernardi-Aubry b, J.

Dettagli

studi & ricerche Satellite observation of the 2003 thermal anomaly

studi & ricerche Satellite observation of the 2003 thermal anomaly L anomalia termica del 2003 nel mar Mediterraneo osservata da satellite SALVATORE MARULLO MAURIZIO GUARRACINO ENEA Progetto Speciale Clima Globale La temperatura superficiale del mare è un ottimo indicatore

Dettagli

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR I cambiamenti climatici Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR Bilancio Radiativo Bilancio Radiativo su scala globale alla superficie e al top dell atmosfera della radiazione

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile)

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 30/03/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro

La scienza del clima e la previsione. del nostro futuro La scienza del clima e la previsione Ieri del nostro futuro Oggi Domani PM Ruti ENEA - Casaccia 0 min 30 min Abbiamo un problema! La concentrazione di anidride carbonica aumenta ad una velocità mai registrata

Dettagli

Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico

Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico Convegno Dal globale al Locale (Ferrara, 10-11 maggio 07) Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico Attilio Rinaldi Direttore Struttura Oceanografica Daphne ARPA Emilia-Romagna

Dettagli

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P.

Sfop PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA. Progetto POR Sicilia 2000/2006 misura 4.17 codice provvisorio 108 un atlante per il mare D.O.P. CostardellA AgugliA NasellO TonnO Trigli GamberO Pesce PilotA TombarellO Aguglia ImperialE TotanO LanzardO PolpO Pesce SpadA OcchiatA AcciugA TrigliA Atlante per il mare D.O.P. Guida al consumo sostenibile

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo:

DIETA. Tartarughe marine nel Mar Mediterraneo: Riduzione delle catture accidentali di tartarughe con il palangaro derivante: la situazione in Italia e all estero Linnaeus, 1758 Chelonia mydas Linnaeus, 1758 crostacei meduse Susanna Piovano Università

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937

Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Riduzione della mortalità della tartaruga marina nelle attività di pesca professionale LIFE12NAT/IT/000937 Azione C1 Riduzione delle catture accidentali di tartarughe marine nella pesca con i palangari:

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO www. arpa.veneto.it SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI OSSERVATORIO ALTO ADRIATICO POLO REGIONALE VENETO Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteomarini

Dettagli

Le migrazioni dei Pesci

Le migrazioni dei Pesci Le migrazioni dei Pesci Le migrazioni dei Salmoni Salmoni (generi Salmo e Onchorynchus) Specie anadrome: nascono nei fiumi e poi soggiornano per anni nel mare, dove si sviluppano. Poi migrano di nuovo

Dettagli

Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia.

Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia. Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia. Ricercatori dell Associazione Ketos (http://www.ketos.sicily.it/)

Dettagli

Sviluppo di modelli empirici per lo studio della dinamica di popolazione

Sviluppo di modelli empirici per lo studio della dinamica di popolazione Sviluppo di modelli empirici per lo studio della dinamica di popolazione R. Viterbi, S. Imperio, D. Alpe, R. Bionda, A.Provenzale Développement de modèles empiriques pour la prévision de la dynamique des

Dettagli

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo GLOBAL WARMING certezze, quasi certezze e dubbi Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo Non è tutto chiaro Le certezze Le quasi certezze I dubbi Il catastrofismo Il ruolo dell IPCC Le certezze Global Warming

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

I.F.W.P. (Ionian Fin Whale Project) Febbraio - Aprile 2014

I.F.W.P. (Ionian Fin Whale Project) Febbraio - Aprile 2014 Jonian Dolphin Conservation SEDE LEGALE: Via Digione 13 bis Torino - DIREZIONE: V.le Virgilio 102-74121 - Taranto EMAIL: areaprogetti@joniandolphin.it - WEB: www.joniandolphin.it I.F.W.P. (Ionian Fin Whale

Dettagli

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010)

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) GESTIONE INTEGRATA DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI AMALFI, 1 giugno 2012 Marine Strategy Framework Directive e Portualità Sostenibile Francesco Lalli 10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) Direttiva

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Decreto Legislativo 9 gennaio 2012, n. 4, recante misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura, a norma

Dettagli

CLIMI E ZONE CLIMATICHE

CLIMI E ZONE CLIMATICHE CLIMI E ZONE CLIMATICHE Tempo atmosferico e clima TEMPO ATMOSFERICO (O METEOROLOGICO) = Condizioni atmosferiche di breve durata, che esistono in un dato momento in una determinata area Il tempo atmosferico

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R 1 Schema della presentazione Un po di meteorologia sinottica Anomalie di temperatura

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi.

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Premessa L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Clima: condizioni atmosferiche che si ripetono; fattori essenziali del clima

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO

COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Università degli Studi di Napoli Parthenope COMUNE DI MOLFETTA NUOVO PORTO COMMERCIALE - MONITORAGGIO TRASPORTO SOLIDO CON IMPIEGO DI SONDA MULTIPARAMETRICA E CORRENTOMETRO Relazione Preliminare n.5/2014

Dettagli

Clima e parametri climatici 1

Clima e parametri climatici 1 Corso di Fisica Tecnica Ambientale Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Clima e parametri climatici 1 Università

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

Analisi del sistema olivo mosca delle olive nel Bacino del Mediterraneo

Analisi del sistema olivo mosca delle olive nel Bacino del Mediterraneo Analisi del sistema olivo mosca delle olive nel Bacino del Mediterraneo L.Ponti 1,2, A.P. Gutierrez 2,3, P.M. Ruti 1 1 ENEA, CR-Casaccia, Roma 2 CASAS Center for the Analysis of Sustainable Agricultural

Dettagli

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 TRIESTE 11 Ottobre 2007 TAVOLO TECNICO-SCIENTIFICO Osservatorio Alto Adriatico Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 Sintesi dei contributi di: Istituto CIM Rudjer Boškovi, Rovinj Croazia; Istituto

Dettagli

Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia

Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia Laghi della Bilancia I laghi lombardi e il cambiamento clima3co Como, 22 Marzo 2014 Sommario 1. 10 anni dalla acquisizione

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Milano, 28 ottobre 2015 Sala Meeting Padiglione Commissione Europea Giovanni Tumbiolo Mazara del Vallo - Italy Distretto Produttivo della Pesca -

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO

RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO RACCOMANDAZIONE DELL ICCAT CHE MIRA A DETERMINARE UN PROGRAMMA PLURIENNALE DI RICOSTRUZIONE PER IL TONNO ROSSO DELL EST ATLANTICO E DEL MEDITERRANEO Riconoscendo che il Comitato Permanente per la Ricerca

Dettagli

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni AUTUNNO 2011 La qualità delle acque di transizione del Veneto è controllata, per conto della Regione, dal Settore Acque di ARPAV. Nella mappa riportata in Figura 1 sono indicati i corpi idrici di transizione

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO PRODOTTI ITTICI DEL LAGO DI BOLSENA Ottobre 2014 Disposizioni generali Il presente disciplinare, ad integrazione del Regolamento per l'accesso

Dettagli

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data

The MArine Coastal Information SysTEm (MACISTE-ICE) a way to manage and make available the Italian data VulnErabilità delle Coste e degli ecosistemi marini italiani ai cambiamenti climatici e loro ruolo nei cicli del carbonio mediterraneo V.E.C.T.O.R. II workshop annuale VECTOR Roma, 25-26 febbraio 2009

Dettagli

CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL

CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL CALYPSO HF RADAR MONITORING SYSTEM AND RESPONSE AGAINST MARINE OIL SPILLS IN THE MALTA CHANNEL Preliminary analyses of current measurements in the Sicily Channel Risultati preliminari delle misure nel

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

A cura di: G. Sannino e V. Artale

A cura di: G. Sannino e V. Artale A cura di: G. Sannino e V. Artale INDICE 1. STATO E PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE 5 2. CONVERTITORI DI ENERGIA DALLE CORRENTI DI MAREA 6 3. CONVERTITORI DI ENERGIA DAL MOTO ONDOSO 7 3 1. STATO E PROSPETTIVE

Dettagli

Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana

Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana Specifiche e scopi delle reti di monitoraggio della radiazione UV solare: proposte per una rete italiana H. Diémoz 1, G. Agnesod 1, A. M. Siani 2, G. Casale 2 1 ARPA Valle d Aosta 2 La Sapienza, Università

Dettagli

Lineamenti Geografici

Lineamenti Geografici Peculiarità del continente Numerose peculiarità differenziano l'antartide dagli altri continenti della Terra. Innanzi tutto, si caratterizza per la presenza di una calotta glaciale che copre la quasi totalità

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier. 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN

Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier. 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN I campionamenti per il 2011 nella GSA 11 hanno coinvolto

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Andrea Pedroncini DHI Italia Origini e obiettivi della collaborazione

Dettagli

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo

Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Titolo: Il clima meteo-marino del bacino adriatico nel settore emiliano romagnolo Anno di pubblicazione 2011 Rivista/Archivio Relazione di attività SGSS Autori documento Marco Deserti, Luisa Perini, Samantha

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche

Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Impatti su ciclo idrologico e risorse idriche Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Università di Trento Alcune domande Che effetto avranno le variazioni climatiche sulla disponibilita futura

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo

GLOBAL WARMING. Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo GLOBAL WARMING misfatti veri o presunti? Mario Giuliacci - Centro Epson Meteo Periodi freddi e caldi nell ultimo milione di anni Cambiamenti climatici nell ultimo milione di anni Perché il clima è mutato

Dettagli

Verso il Coordinamento Agende 21 Locali Sicilia. Agenda 21 Locale e cambiamento culturale

Verso il Coordinamento Agende 21 Locali Sicilia. Agenda 21 Locale e cambiamento culturale Verso il Coordinamento Agende 21 Locali Sicilia Sala Gialla dell Assemblea Regionale Siciliana, martedì 16 ottobre 2007 Agenda 21 Locale e cambiamento culturale Francesco La Camera Direttore scientifico

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

RIASSUNTO METEOROLOGICO

RIASSUNTO METEOROLOGICO RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Agosto 2015 a cura di Luca Onorato Il mese in breve (a cura di: Luca Onorato) Sinottica Temperatura Precipitazione Indicatori climatici L immagine del mese Analisi sinottica

Dettagli

esto... Conoscere la Sicilia

esto... Conoscere la Sicilia esto... Conoscere la Sicilia Tutto quello che c è da sapere per una vacanza in Sicilia Foto grande, particolare di un pezzo di ceramica artistica di Caltagirone (CT). In alto, il Duomo di Cefalù (PA);

Dettagli

Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata Conferenza per la conservazione della biodiversità. Ricerca applicata, strumenti e metodi Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata FISH HERIES Source: The state of World Fisheries

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE RELAZIONE SINTETICA Nel 2007, la Commissione Europea ha adottato il Blue Book per una Integrated Maritime Policy (IMP) all interno dell Unione Europea, che mira a fornire un approccio più coerente alle

Dettagli

Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME

Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME Workshop I laghi di Capo Peloro: stato delle conoscenze ed ipotesi di sviluppo 19 Ottobre 2012, Monte di Pietà - Messina Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME

Dettagli

Environmental Damage on Ancient and Modern (hydraulic) Mortars

Environmental Damage on Ancient and Modern (hydraulic) Mortars Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sala Europa 27 Febbraio 2012 IMPATTO DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL PATRIMONIO CULTURALE Alessandra Bonazza Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

Antonio Celona, Giorgia Comparetto INDAGINE SULL ATTIVITÀ DI PESCA NELL ARCIPELAGO DELLE PELAGIE

Antonio Celona, Giorgia Comparetto INDAGINE SULL ATTIVITÀ DI PESCA NELL ARCIPELAGO DELLE PELAGIE Boll. Mus. civ. St. nat. Venezia, 60 (2009) 2009 113 Antonio Celona, Giorgia Comparetto INDAGINE SULL ATTIVITÀ DI PESCA NELL ARCIPELAGO DELLE PELAGIE Riassunto. Vengono analizzati i dati relativi alle

Dettagli

ALLE AZIENDE ASSOCIATE

ALLE AZIENDE ASSOCIATE Via Cornalia, 19 20124 Milano Telefono 02.67.154.1 Fax 02.67.15.42.53 e-mail: alsea@alsea.mi.it http://www.alsea.mi.it ALLE AZIENDE ASSOCIATE CIRCOLARE N. 192/2014 19 dicembre 2014 OGGETTO: AUTOTRASPORTO

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia

Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia Le conseguenze in area mediterranea ed in Italia Vincenzo Ferrara (Dirigente ENEA, Consigliere del Ministro dell Ambiente per i cambiamenti del clima) IN COLLABORAZIONE CON IL SISTEMA DELLE AGENZIE AMBIENTALI

Dettagli

RIASSUNTO METEOROLOGICO

RIASSUNTO METEOROLOGICO RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Ottobre 2015 a cura di Luca Onorato Il mese in breve (a cura di: Luca Onorato) Sinottica Temperatura Precipitazione Nuovo sistema di allertamento a colori L immagine

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA Studio del fenomeno dell isola di calore Area urbana di Bologna Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA Emilia Romagna IL

Dettagli

Variazione dell isola di calore sulla città di Bologna negli ultimi 30 anni

Variazione dell isola di calore sulla città di Bologna negli ultimi 30 anni Variazione dell isola di calore sulla città di Bologna negli ultimi 30 anni F. Ventura, N. Gaspari, S. Piana, P. Rossi Pisa Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università di Bologna Variazione

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Alla scoperta dei rischi naturali A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Vulcani, terremoti, frane e alluvioni fenomeni naturali

Dettagli

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch 30 giugno 2015 Roma, Italia Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch Sergio Bizzarri AGCI Agrital introduzione Nel Mediterraneo la sperimentazione degli ami circolari è iniziata nel 2005 nell ambito

Dettagli

Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali presso il laboratorio NOEL di Reggio Calabria

Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali presso il laboratorio NOEL di Reggio Calabria ENERGIA ACADEMIC YEAR DAL 2013/2014 MARE LE NUOVE TECNOLOGIE DEI MARI ITALIANI 1-2 luglio 2014 ENEA, Roma Dighe REWEC3 per la produzione di energia elettrica dalle onde di mare: nuove attività sperimentali

Dettagli

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014 Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 17 dicembre

Dettagli

Definizione onda di calore:

Definizione onda di calore: AGGIORNAMENTO DELLA TESI : ASPETTI CLIMATICI E METEOROLOGICI DELLE ONDATE DI CALORE IN VENETO NEL PERIODO 99-. Definizione onda di calore: T e 3 C per 3 giorni consecutivi ONDATE DI CALORE Nel il tempo

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli