LE SFIDE DEL MERCATO PER GLI OPERATORI TURISTICI della provincia di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE SFIDE DEL MERCATO PER GLI OPERATORI TURISTICI della provincia di Ferrara"

Transcript

1 1/76 LE SFIDE DEL MERCATO PER GLI OPERATORI TURISTICI della provincia di Ferrara novembre 2007 A cura della società TEAMWORK Rimini Committente: Camera di Commercio di Ferrara

2 2/76 Un approccio di marketing territoriale Bene il clima di collaborazione riscontrato tra attori pubblici e privati, è bene muoversi assieme e in modo condiviso, ma prima di tutto bisogna sapere dove andare. Finora abbiamo ascoltato analisi, adesso serve capire su quale specializzazione ed eccellenza investire per il riposizionamento di mercato della destinazione. Camera di Commercio Definisce le proprie politiche di valorizzazione e promozione turistica del territorio e del suo patrimonio nell ambito delle funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese

3 3/76 Mission di Teamwork 1. Creare motivi e occasioni di matching tra operatori privati. 2. Facilitare il lavoro comune tra pubblico e privato. Strumenti realizzati da Teamwork: 1. Un check up qualitativo delle tendenze. 2. Un contributo di consulenza strategica e operativa.

4 4/76 Il report Contiene un quadro di analisi e valutazione del turismo a livello generale e locale. Individua una serie di punti e di progetti di lavoro suddivisi in 2 distinte categorie. 1. I primi riguardano la riorganizzazione dell impresa e del sistema di offerta turistica. 2. I secondi esprimono progetti di promozione che fanno perno sui prodotti turistici più rappresentativi per l economia del territorio, progetti mirati in direzione di precisi segmenti di domanda.

5 5/76 10 PROGETTI 4 PROGETTI DI SISTEMA (Azioni e strumenti di riorganizzazione dell offerta a favore degli operatori turistici delle rispettive località e categorie) 6 PROGETTI DI MERCATO (Campagne di promozione su segmenti o nicchie di prodotto/mercato per fidelizzare/attirare nuova clientela)

6 6/76 4 PROGETTI DI SISTEMA (interventi sull offerta turistica) FERRARA E I COMUNI VICINI 1. Progetto Media relation 2. Progetto Incoming LIDI FERRARESI - COMACCHIO E DELTA 3. Progetto Marketing Team tra operatori turistici per formazione e marketing 4. Progetto Design appartamenti e waterfront

7 7/76 6 PROGETTI DI MERCATO (i prodotti turistici da promuovere) FERRARA E I COMUNI VICINI 1. Turismo culturale 2. Turismo incentive e meeting 3. Turismo degli eventi (festival - festività - enogastronomia) LIDI FERRARESI - COMACCHIO E DELTA 4. Turismo benessere (mercato interno) 5. Turismo low cost - all inclusive (mercato estero) 6. Turismo ambientale (cicloturismo, navigazione fluviale, en plain air)

8 PROGETTI Turismo benessere Low cost - All inclusive Turismo ambientale SOGGETTI MAGGIORMENTE INTERESSATI Turismo incentive e meeting Turismo degli eventi Consorzi alberghieri, Camera di Commercio, Provincia, Comuni Camera di Commercio, Provincia e associazioni di categoria Camera di Commercio, Provincia e operatori turistici dei Lidi Camera di Commercio, Provincia - operatori turistici dei Lidi - società di gestione aeroportuali compagnie aeree Provincia - Comuni - Consorzi TIMING Marketing Team operatori turistici Camera di Commercio e operatori turistici dei Lidi Studi di fattibilità appartamenti e design waterfront Provincia di Ferrara, Comune di Comacchio, Facoltà di Architettura Ferrara, operatori turistici dei Lidi, costruttori 2008 Turismo culturale Fondazioni bancarie, Regione, Provincia, Comuni PRIORITÀ PROGETTI di SISTEMA Media relation e relazioni esterne Soggetto commerciale incoming Camera di Commercio e Provincia di Ferrara Camera di Commercio, Provincia di Ferrara e operatori turistici PROGETTI di MERCATO 8/76

9 9/76 Ripartizione territoriale dei progetti FERRARA E COMUNI VICINI LIDI FERRARESI COMACCHIO E DELTA Ufficio stampa e pi-erre P S S Società di incoming P S S Appartam. vacanza e design waterfront - P - Marketing Team - P P Turismo culturale P - S Incentive e meeting P - - Eventi e festival / enogastronomia P S S Turismo del benessere - P - Low cost e pacchetti all inclusive S P S Turismo ambientale e sportivo S S P Legenda: bacino di impatto primario = P bacino di impatto secondario = S

10 FERRARA 10/76

11 11/76 Ciclo di vita del turismo a Ferrara (capoluogo) Il turismo congressuale è in fase di ingresso sul mercato Il turismo culturale è nella sua fase di sviluppo Il turismo d affari è nella sua fase di maturità

12 12/76 Le potenzialità commerciali di Ferrara sui vari target di mercato TARGET DI MERCATO Turismo culturale Grand Tour organizzati Eventi dello spettacolo e manifestazioni Meeting / incentive / congressi Turismo sportivo Turismo enogastronomico Turismo business Turismo leisure individuale ATTUALE POTENZIALE (se verranno attuate le azioni di supporto) Legenda: = media = medio-alta = alta

13 13/76 Il core business Il core business di Ferrara e dei comuni dell Alto ferrarese (come nella media dei capoluoghi di provincia italiani) è il turismo d affari (75% di share). Questo segmento di domanda è poco elastica. C è stabilità/rigidità dei flussi e dei consumi relativi al turismo business. Share di mercato

14 14/76 I punti di forza e di debolezza di Ferrara PUNTI DI FORZA Appeal considerevole Eccellente concentrazione del prodotto turismo culturale nel centro storico Qualità ambientale e urbanistica Elevato numero di risorse artistiche e monumentali di forte richiamo Prescelta per essere sede della sezione italiana del Museo Ermitage di San Pietroburgo Città a misura d uomo lontana da fenomeni di congestionamento Potenziamento del vicino aeroporto di Bologna per turismo business PUNTI DI DEBOLEZZA Posizione geografica un po defilata rispetto ai grandi assi di comunicazione Promozione generica della destinazione (senza focus sul prodotto vincente, la cultura) Eccetto in occasione di eventi, scarsa comunicazione sui mass media Azioni commerciali gestite in modo individuale Mancanza di un forte soggetto commerciale dedicato allo sviluppo leisure (arte-cultura) e MICE (meeting-incentive-golf) Assenza di un centro booking cittadino, con funzioni di vendita Mancanza di un manuale di vendita delle strutture congressuali

15 15/76 Opportunità e minacce di Ferrara OPPORTUNITA Il miglioramento della brand awareness della città può generare un indotto positivo di consumi turistici su tutti i segmenti di offerta La nascita di un forte soggetto commerciale cittadino può far raddoppiare i volumi di clientela leisure La commercializzazione dell offerta alberghiera cittadina può essere sostenuta dal supporto logistico-finanziario della Camera di Commercio e altri enti pubblici MINACCE Posizione geografica un po defilata rispetto ai grandi assi di comunicazione La predisposizione con scarso anticipo di tempo di cartelloni di attività culturali impedisce una corretta programmazione delle vendite di pacchetti turistici L assenza di un interlocutore unitario sul piano congressuale fa perdere congressi mediograndi Senza una struttura consortile non si riesce a creare valore per il cliente e un'offerta globale di ospitalità La promozione di tipo solamente pubblicitario non permette di comunicare correttamente gli elementi del prodotto turistico culturale

16 I progetti per Ferrara e territorio 16/76 provinciale 2 PROGETTI DI SISTEMA (interventi sull offerta turistica): 1. Progetto Media relation 2. Progetto Incoming 3 PROGETTI DI MERCATO (prodotti turistici da promuovere): 1. Turismo culturale 2. Turismo incentive e meeting 3. Turismo degli eventi (festival - festività - enogastronomia)

17 17/76 Progetto Media relation e Relazioni esterne SOGGETTO PROMOTORE I soggetti che promuovono l iniziativa di costituire un ufficio Media relation sono la Camera di Commercio e Provincia. Il tavolo di elaborazione del progetto è aperto agli enti locali e alle associazioni di categoria degli operato turistici. La task force di giornalisti potrà operare come unità interna di Camera di Commercio o Provincia di Ferrara. PRODOTTI TURISTICI Il progetto Media Relation si rivolge al territorio della città di Ferrara, alla cintura di comuni minori dell inte provincia, ai Lidi, a Comacchio e Delta. A seguito delle diversità in termini di caratteristiche del territorio e di offerta di prodotti turistici, per og distretto occorrerà pensare ad una adeguata attività di comunicazione con chiara priorità per gli aspetti eccellenza del territorio. AREE INTERESSATE L intero territorio comunale e provinciale.

18 18/76 Progetto Media relation e Relazioni esterne OBIETTIVI Avere sempre il polso della situazione sul fenomeno turistico locale e su quello nazionale in genere. Curare il monitoraggio dei fatti più rilevanti della vita cittadina che possano avere una ricaduta sul tema del turismo e organizzare la comunicazione verso i mass media (Marketing factory) Dare al territorio una visibilità mediatica che oggi è intermittente e motivi di riconoscibilità in termini di immaginario collettivo. Sostenere sul versante della comunicazione i passi di miglioramento della qualità del prodotto turistico locale. Trasmettere per tutto l arco dell anno agli organi di stampa informazioni riguardanti il territorio. Incrementare la notorietà della destinazione su segmenti mirati di domanda. Sviluppare l affermazione di un prodotto di marca, di un brand e favorire, ove possibile, l integrazione dei prodotti turistici dell area provinciale proponendo una comunicazione a 360 gradi su tutto il prodotto. MERCATI Inizialmente questo intervento può concentrarsi sul mercato nazionale. In una successiva fase si potrebbe intervenire anche su quello straniero, Germania, Benelux, Francia, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti, Svizzera. TARGET Lettori di riviste di viaggi e cultura (Italia, Svizzera), Lettori di riviste di viaggi e ristorazione gourmet (Germania, Benelux, Francia, Spagna, Stati Uniti, Regno Unito).

19 19/76 Progetto Media relation e Relazioni esterne AZIONI Creazione di un ufficio specializzato nel rapporto con giornalisti e media, del settore turistico e non. Monitoraggio delle notizie che i mass media trasmettono con riferimento al territorio e al turismo locale. Creazione e aggiornamento di news per sostenere la presenza continua del prodotto turistico locale sui media. I rapporti con i giornalisti andranno mantenuti anche attraverso le seguenti azioni: offerta di ospitalità ad influenti, educational tour per operatori e stampa specializzata, coinvolgimento di un personaggio famoso come testimonial della destinazione, etc. STRUMENTI Archivio multimediale di fotografie, video, documentazione bibliografica e schede di prodotto per i giornalisti. Call center di supporto al potenziale incremento di notorietà e di richiesta informazioni da parte delle redazioni giornalistiche. Organizzazione puntuale di incontri, piccoli eventi, briefing di lavoro con i colleghi dei giornali e della televisione, oltre ai già citati eductour.

20 20/76 Progetto Media relation e Relazioni esterne MEDIA Televisione, magazine di attualità, periodici, settimanali femminili, riviste sportive, Internet, blog, newsletter elettroniche TIMING Questo genere di attività viene svolta con continuità lungo tutto l arco dell anno, con particolare rafforzamento nei periodi che precedono eventi e manifestazioni a carattere culturale. REDEMPTION Rassegna stampa ottenuta a seguito dell azione di Media Relation. Aumento del numero di richieste di informazioni negli uffici IAT e strutture turistiche ricettive. Aumento di arrivi e presenze nei vari periodi della stagione e di particolari eventi. PUNTI CRITICI Vi deve essere continuità di azione per 365 giorni all anno e non interventi episodici della durata di un solo evento o manifestazione.

21 21/76 Progetto Incoming OGGETTO PROMOTORE I soggetti che promuovono l iniziativa di costituire una società di incoming sono la Camera Commercio e la Provincia. Il tavolo di elaborazione del progetto è aperto agli enti locali e alle associazioni di categoria deg operatori turistici di tutto il territorio provinciale con l obiettivo di acquisire la più larga partecipazione relativo impegno economico dei sottoscrittori. I costi di start up (legali, amministrativi, logistica e gestionali per il primo biennio-triennio) sono sostenu da un finanziamento pubblico, mentre quelli gestionali sono a bilancio della nascente società. RODOTTI TURISTICI I prodotti turistici da commercializzare nell ambito del progetto Incoming sono fondamentalmen soggiorni alberghieri ed extralberghieri. L impatto esercitato dalla vendita di soggiorni si trasferisce ovviamente sul tutto il sistema di servi complementari all offerta ricettiva, quindi rete commerciale, ma anche servizi di assistenz accoglienza, visita, interpretariato, logistica e trasporti.

22 Progetto Incoming EE INTERESSATE Il progetto Incoming si rivolge al territorio della città di Ferrara, alla cintura di comuni minori dell intera provincia, ai Lid Comacchio e al Delta. A seguito delle diversità in termini di caratteristiche del territorio e di offerta di prodotti turistici, per ogni distre occorrerà pensare un corretto intervento promo-commerciale definendo criteri di soglia minima di requisit standard di prodotto. IETTIVI Dar vita ad un soggetto deputato alla commercializzazione turistica locale, portare il brand di Ferrara e della s provincia sui mercati della domanda nazionale e internazionale, elaborare e svolgere strategie di marketing, creare condizioni logistiche e operative per la commercializzazione del prodotto ricettivo locale effettuata dagli operatori priva Sul piano del marketing e della commercializzazione il beneficio che un soggetto incoming può assicurare è quello garantire continuità dell azione promo-commerciale, maggiore visibilità della offerta turistica locale e più forza penetrazione del prodotto. Il Consorzio non si confonde e non si sovrappone con le attività di promozione dell immagine e del prodotto turist della Provincia di Ferrara e del Comune di Ferrara. RCATI Con priorità assoluta l Italia, per ragioni di ampiezza del mercato domestico. Altri bacini di domanda cui guardare sono la Svizzera, la Germania, l Austria, il Benelux, la Francia, il Regno Unito Paesi scandinavi, i Paesi dell Est. 22/76

23 23/76 Progetto Incoming ARGET Per quanto riguarda Ferrara e comuni limitrofi il progetto individua come target in primo luogo il turis culturale e tutto il mercato dei meeting e degli incentive in genere. Per Lidi Ferraresi e Comacchio- Delta il progetto investe la fascia di mercato riferita a famiglie co bambini, nuclei familiari allargati, teenager e giovani, nidi vuoti, per la fidelizzazione dei clienti abituali la conquista di nuove quote di mercato. ZIONI Le azioni previste sono in primo luogo la creazione di una società di gestione delle attività commercia un Consorzio turistico locale. Successivamente si devono prevedere: adozione di un brand, allineamento dei progetti con quelli d leader di mercato, creazione di un offerta commerciale con più soluzioni ricettive, partnership co grandi tour operator, convenzioni con attrattori turistici presenti sul territorio.

24 24/76 Progetto Incoming TRUMENTI Gli strumenti in opera saranno quelli classici e più consolidati rappresentati da catalogo cartaceo e brochure commerciale per la presentazione dell offerta territoriale, avranno criteri più innovativi allineati con le tendenze del mercato: creazione di un portale internet del consorzio (per attività di we marketing), attivazione di un call center per booking turistico con apertura annuale, estesa anche giorni festivi, in grado di fornire informazioni su tutto il territorio in merito a eventi in svolgimento e eventi futuri, giorni e orari di apertura dei musei, riferimenti telefonici, disponibilità ricettiva. Inoltre partecipazione a fiere e workshop, educational per il trade, interventi di marketing dirett inserzionistica pubblicitaria. EDEMPTION Aumentare sensibilmente le presenze alberghiere ed extra-alberghiere. UNTI CRITICI Il nodo di maggiore criticità nello sviluppo del progetto è dato dalla difficoltà di mettere assieme g attori dell operazione e dalla possibile sovrapposizione di ruoli istituzionali operati dai vari soggetti pe dar vita a un meccanismo leggero sul piano istituzionale e specularmente forte sul pian commerciale/imprenditoriale.

25 25/76 Progetto Incoming uesto genere di consorzi hanno solitamente una base societaria mista pubblico-privato, ma vediamo alcun eclinazioni possibili del progetto. Ci possono essere 3 modelli di riferimento:. L impresa privata l Consiglio di Amministrazione agisce in modo indipendente rendendo conto dell operato ai soli soci (imprese, albergh ocietà di servizi, etc.), che ne finanziano naturalmente gli investimenti. Tutte le risorse economiche debbono arriva irettamente dal mercato, come quote sociali e come commissione sulle vendite.. Il dipartimento interno alla P.A. ono Consorzi gestiti dalle pubbliche amministrazioni come dipartimenti interni agli Uffici del Turismo. Questi organism anno piena copertura economica per il loro operato, possono subire facilmente rallentamenti nel loro operato per ifficoltà di far interagire le pubbliche amministrazioni coinvolte, possono comportare un impegno di fondi più p assaggi burocratici che di promozione turistica.. I Consorzi di tipo pubblico- privato onsorzi di tipo pubblico-privato rappresentano una terza formula, la più bilanciata tra tutte, e possono essere costitu on quote diverse di partecipazione. La gestione è affidata tecnicamente a esperti/manager del settore e su ques sercita una funzione di controllo e di approvvigionamento economico il potere pubblico. uesta modalità organizzativa presenta i maggiori vantaggi ed è la più praticata. Nel Consorzio pubblico-privato son appresentate e bilanciate le diverse componenti imprenditoriali dando così rappresentanza all intera compagin ociale.

26 26/76 Progetto Turismo culturale RODOTTI TURISTICI I prodotti in vendita sono soggiorni alberghieri, in strutture di medio-alta classificazione, pacchetti p soggiorni a tema, in abbinamento a manifestazioni ed eventi come mostre culturali e visite al sistem museale cittadino e al patrimonio storico-artistico, ingressi in sistema museale, ville, giardini, consumi nel rete commerciale e dei pubblici esercizi REE INTERESSATE Il capoluogo di provincia Ferrara e tutti i comuni con patrimonio monumentale e artistico. BIETTIVI Agganciare l onda lunga del turismo culturale, da almeno un decennio in pieno sviluppo, valorizzando Ferra e simboli culturali di eccellenza del territorio. Favorire la diversificazione di prodotto/mercato negli alberghi attuali. Posizionarsi su target di fascia economica medio-alta e sviluppare presenze alberghiere nel weekend. Stimolare con queste presenze più dinamicità nei pubblici esercizi e rete commerciale. ERCATI In primo luogo italiano. Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Paesi di lingua Tedesca.

27 27/76 Progetto Turismo culturale ARGET Clientela individuale, Adulti, senior over 55, Turisti acculturati e affluenti, Appassionati di arte. Cliente organizzata guidata dall associazionismo culturale. Turismo scolastico. Addetti ai lavori, professionisti d settore e di tutto il sistema produttivo collegato a queste manifestazioni. ZIONI Nel complesso si tratta di rivolgersi al mondo accademico degli esperti, alle associazioni culturali, ai criti d'arte, ai frequentatori dei musei, agli istituti culturali, alle fondazioni, alle università, agli uomini di cultura agli appassionati in genere con proposte adeguate in termini culturali oltre che economici. I soggetti Media Relation e Incoming in precedenza descritti dovranno dar luogo alle iniziative di prom commercializzazione previste sul tema culturale: campagne pubblicitarie su riviste specializzate in camp culturale, divulgazione di redazionali alla stampa, creazione e vendita di offerte di soggiorno creative, bookin turistico, eductour per stampa e trade. TRUMENTI Realizzazione della classica Card dell ospite (Visit Ferrara). Fornitura di strumenti di informazione (kit co piantina per visita alla località e info su mezzi di trasporto, orari, e altro). Inserzionistica su riviste di settore e giornali di attualità, Conferenze stampa, Campagna stampa co redazionali e interviste.

28 28/76 Progetto Turismo culturale EDIA uotidiani e periodici, Giornali di viaggi, Televisione IMING Attività di comunicazione da avviare con anticipo trimestrale/ semestrale rispetto all appuntamento EDEMPTION Incremento di turismo individuale anche formato da piccoli gruppi sia in occasione degli eventi che con nuo arrivi collegati al passaparola generato dai primi visitatori. Aumento del numero di ingressi alle sedi culturali. Rassegna stampa dedicata al calendario di appuntamenti UNTI CRITICI Gli uffici informazione provinciali IAT e il call center dell ufficio Media relation dovranno essere ben prepara per fornire con competenza le informazioni richieste. Si dovrà pianificare uno stile nella comunicazione univoco e condiviso da tutto il personale addetto. Occorre saper dare risposta alla crescita di domanda di forme di viaggio più raffinato, colto e originale p rimanendo nel tradizionale tema artistico e della cultura: musei, monumenti storici, edifici religios manifestazioni ed eventi, Festival tematici, mostre d arte, di pittura, di fotografia, etc.

29 29/76 Progetto Turismo culturale riteri di riferimento per un iniziativa in tal senso: costanza nel dare continuità anno dopo anno alle manifestazioni di varia natura e ch possano prevedere una programmazione mensile, coinvolgimento dei massimi esperti nel campo dell arte, durata prolungata dell evento (generalmente 3-6 mesi), ampia informazione giornalistica e televisiva, coinvolgimento dei massimi esperti nel campo dell arte, convergenza di brand prestigiosi come qualificati sostenitori e sponsor della manifestazione Alpitour ha promosso e gestito pacchetti ad hoc per visitare Mantova, Padova e Verona ch hanno ospitato la mostra su Andrea Mantegna (di cui il tour operator è sponsor ufficiale L'offerta, che fa parte del catalogo NonSoloWeekend Italia, comprende pacchetti specia individuali e per gruppi per partecipareall'appuntamento culturale. Ferrara è già in grado intraprendere un analogo percorso.

30 30/76 Progetto Incentive e meeting OBIETTIVI Consolidare i flussi di clientela attualmente presenti, acquisire nuova domanda, incrementare i rapporti con i merca esteri e intercettare flussi altrimenti diretti fuori zona. Sostenere il livello di occupazione degli alberghi nel momento di un aumento di capacità ricettiva, valorizzare i pun di forza della location estense: buona accessibilità, immagine di prestigio, location non congestionata. Incrementare le dotazioni infrastrutturali. La progettazione degli spazi congressuali non dovrà essere di tip tradizionale (sala congressi con poltroncine fisse), ma sul genere Studios, spazi attrezzati, aperti, polifunziona flessibili, per allestimenti personalizzati in base all evento in programma. PRODOTTI TURISTICI I prodotti turistici da sostenere sono soggiorni alberghieri e servizi congressuali correlati, come accoglienz interpretariato, press-office, allestimenti, trasporti-navetta, ristorazione, animazione, intrattenimento Privilegiare gli incentive e/o i piccoli meeting aziendali ovvero quei raduni aziendali che prevedono non so momenti congressuali, ma anche una precisa programmazione di attività esterne, team building, intratteniment attività sportiva, e spesso con la presenza di accompagnatori AREE INTERESSATE Prioritariamente il capoluogo Ferrara e tutti i comuni che abbiano un offerta già presente o in via di realizzazione MERCATI Con priorità: Italia. Altri mercati: Germania, Svizzera, Francia, Spagna, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Regno Unit Paesi scandinavi, Stati Uniti

31 31/76 Progetto Incentive e meeting ARGET Mondo medico-scientifico. Università. Pubblica amministrazione. Associazioni professionali di categoria, aziend private che sono alla ricerca di nuovi strumenti di comunicazione. Federazioni sportive. ZIONI Le azioni promo-commerciali sono condotte dal soggetto incoming. I prodotti possono essere presentati e valorizza sul mercato anche attraverso l impiego di una rete di promoter. Altre azioni: campagna pubblicitaria, educational per trade, coinvolgimento di responsabili di Aziende e pubbliche amministrazioni, intermediari come PCO, nuovi sogge dell intermediazione che sono le agenzie di comunicazione, pubblicità, pubbliche relazioni, partecipazione a fiere p avviare contatti diretti con potenziali buyer, un mailing (anche elettronico). TRUMENTI I due strumenti che si ritiene più urgente realizzare sono un manuale di vendita e un video commerciale. Ques strumenti possono essere distribuiti on demand e utilizzati nell ambito delle manifestazioni fieristiche dove è previs la partecipazione del soggetto incoming che si sta progettando. Il manuale di vendita rappresenta uno strumento essenziale di commercializzazione dell offerta in quanto contien l illustrazione di tutto il sistema di ospitalità congressuale della destinazione: mappe con indicazioni delle vie accesso e schede di presentazione delle località, nomi delle sedi congressuali pubbliche e private, ubicazion capacità di posti, disponibilità di attrezzature, servizi, parcheggi, modulistica e coupon per la richiesta di informazion Il video, mirando a sostenere l offerta congressuale, mostrerà l accessibilità dell area, la dotazione di strutture accoglienza e di servizio per tale segmento di domanda, le strutture alberghiere e per il tempo libero. Destinato finalità strettamente commerciali, conterrà alcune sequenze simili a spot pubblicitari e avrà una durata breve.

32 32/76 Progetto Incentive e meeting DIA Riviste specializzate di settore, inserzionistica pubblicitaria MING Tutto l anno DEMPTION Forte incremento di presenze incentive e congressuali negli alberghi della città di Ferrara. Stimolo al competizione su programmi di qualità. Possibilità di fare decollare anche soggiorni che abbinan incentive e golf. NTI CRITICI La ritardata attivazione o, peggio, la mancanza di un ufficio commerciale specializzato (il sogget incoming) potrebbe far perdere di vista le opportunità collegate a questo segmento di mercato. Scarseggia purtroppo l offerta specializzata nel settore congressuale: mancano alberghi dotati di am contenitori o altre strutture nel centro cittadino. Per queste ragioni la nicchia interna al segmento MIC che più facilmente avvicinabile non è quella delle grandi convention (appannaggio di località megl attrezzate), ma quella degli incentive.

33 Progetto Incentive e meeting Secondo un indagine del Ministero delle Attività Produttive, che conferma i risultati di indagini analoghe condot dall Università Bocconi, gli aspetti che guidano la scelta di una destinazione congressuale sono: l ubicazione geografica rispetto alla provenienza dei congressisti, il prestigio della destinazione, la varietà e qualità di soluzioni ricettivo-congressuali presenti nell area, la professionalità degli interlocutori, l esistenza di un interfaccia certa per l organizzzazione dell evento, la convenienza delle soluzioni proposte, la riconosciuta esperienza nell offerta congressuale. I criteri di scelta degli organizzatori congressuali Rank Criteri Share 1 Accessibilità 40 % 2 Ricettività della struttura e della località 20 % 3 Accordi aziendali 11 % 4 Facilità di organizzazione 8 % 5 Precedente esperienza favorevole 6 % 6 Altro 15 % Fonte: CERMES 33/76

34 34/76 Progetto Turismo degli eventi (festival - festività - enogastronomia) PRODOTTI TURISTICI I prodotti turistici in vendita sono soggiorni in strutture alberghiere ed extralberghiere. I pacchetti per soggiorni a tema vengono abbinati al calendario e ai temi delle manifestazioni enogastronomiche. Prodotti turistici sono i consumi nei ristoranti e pubblici esercizi così come nella rete commerciale con la vendita dei prodotti dell agroalimentare ferrarese. AREE INTERESSATE Il capoluogo di provincia Ferrara e tutti i comuni del territorio circostante che programmano appuntamenti di richiamo e intrattenimento. OBIETTIVI Dare copertura mensile al calendario dell anno sociale, nel senso di garantire lungo tutto il corso dei 12 mesi una serie di appuntamenti più o meno impegnativi, dalla Notte Bianca o dai 2-3 giorni di vacanza durante le festività del Capodanno fino ai 10 giorni del Baloons Festival del dopo estate. Sostenere lo svolgimento degli attuali appuntamenti, per quanto non espressamente turistici, che però hanno rappresentato segnali di iniziativa e di richiamo di pubblico. Trasformare i viaggi pendolari dei visitatori in occasioni di soggiorno, in particolare nel fine settimana. Valorizzare la qualità della ristorazione locale. Accrescere la notorietà e il prestigio dei locali di qualità. Favorire la crescita del numero di clienti nei ristoranti e pubblici esercizi.

35 35/76 Progetto Turismo degli eventi (festival - festività - enogastronomia) MERCATI Pubblico italiano innanzitutto, cercando di ampliare la sfera di influenza dal bacino dei pendolari a quello delle medie distanze per stimolare permanenze più lunghe e soggiorni con pernottamento. Riguardo all estero: Paesi di lingua tedesca, Francia, Spagna. TARGET Clientela individuale. Adulti, giovani, famiglie con bambini, coppie adulte nidi vuoti, gruppi informali di amici e conoscenti, clienti senior over 60. Queste diverse tipologie di utenti possono variare o,meglio, alternarsi, di volta in volta in base alla specificità dell evento in calendario. AZIONI Vanno mantenuti gli attuali interventi di comunicazione nell advertising classico, con campagne pubblicitarie sulla carta stampata, oltre naturalmente a comunicazione attraverso depliant distribuiti nella città (e provincia) e intervento da parte del soggetto Incoming per vendita di soggiorni a tema. STRUMENTI Inserzionistica su riviste di viaggi e tempo libero. Depliant e folder per la diffusione negli IAT della provincia di Ferrara, MEDIA Preferibilmente carta stampata, in ragione del limitato budget a disposizione per questi eventi.

36 36/76 Progetto Turismo degli eventi (festival - festività - enogastronomia) TIMING Attività di comunicazione da avviare con anticipo di 2-3 mesi in base all evento in calendario. REDEMPTION Il risultato atteso è ovviamente quello di maggiori arrivi turistici, ma non solo di escursionismo o di pendolarismo. Ciò che ci si attende da una programmazione annuale di vecchi e nuovi eventi dello spettacolo è l acquisizione di nuova clientela che sceglie di pernottare nelle strutture ricettive del capoluogo e della provincia. Per misurare la redemption delle iniziative è utile controllare la rassegna stampa dedicata al calendario degli appuntamenti che verranno organizzati. PUNTI CRITICI Gli uffici informazione provinciali IAT e il call center dell ufficio Media relation dovranno essere ben preparati per fornire con competenza le informazioni richieste Rischio di fare programmi tipo pro-loco, cioè festeggiamenti solo per i ferraresi o per alcuni vicini pendolari senza acquisizione di turisti che pernottano.

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino La pianificazione turistica territoriale rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino 1 L approccio per distretti e prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI Le strategie di valorizzazione turistica Dott. Sebastiano MANGIAGLI IL FENOMENO TURISTICO 2 IL FENOMENO TURISTICO Tipologie di viaggiatori VIAGGIATORI Visitatori, che attivano la domanda turistica (per

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Genova, 23 novembre 2011 A Analisi B Diagnosi C Possibili evoluzioni

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

STRATEGIE PER UNA GOVERNANCE COMPETITIVA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

STRATEGIE PER UNA GOVERNANCE COMPETITIVA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA STRATEGIE PER UNA GOVERNANCE COMPETITIVA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 5 aprile 2008 COMPETITIVITA DI UNA DESTINAZIONE MODELLI DI SVILUPPO ALL ITALIANA FRAMMENTAZIONE DELL OFFERTA TERRITORIALE STRATEGIA

Dettagli

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand

Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand Quale opportunità e vantaggi offre l affiliazione ad un Brand MAURO SANTINATO Presidente Teamwork Sviluppo del prodotto hotel Analisi di mercato Studi di fattibilità Studio dei trends Ricerche sul territorio

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

VisitItaly Il Workshop dedicato all intera offerta turistica italiana. Lugano,

VisitItaly Il Workshop dedicato all intera offerta turistica italiana. Lugano, VisitItaly Il Workshop dedicato all intera offerta turistica italiana. Lugano, 1 novembre 2013 [pag. 2] Perché partecipare ai Workshop Meeting Italy [pag. 3] I buyer che partecipano ai Workshop Meeting

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO Cagliari Oristano Olbia agosto 2014 BUONGIORNO Mi presento Consulenza turistiche Formazione Ricerca Progetti Studi di mercato www.teamwork-rimini.com

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano,

MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano, MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano, 1 novembre 2013 [pag. 2] Perché partecipare ai Workshop Meeting Italy [pag. 3] I buyer che partecipano ai Workshop Meeting Italy [pag.

Dettagli

PROGRAMMA 2013 PREMESSA

PROGRAMMA 2013 PREMESSA PROGRAMMA 2013 PREMESSA Il Piano di Marketing del territorio allargato nasce dalla volontà delle due Camere di Commercio di Forlì- Cesena e Ravenna di realizzare un progetto comune di sviluppo delle eccellenze

Dettagli

Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale

Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale Bruno Francesconi BancoPosta, Pm del progetto Poste Italiane (francesconb@posteitaliane.it) 27

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Turismo congressuale e Meeting Industry*

Turismo congressuale e Meeting Industry* Turismo congressuale e Meeting Industry* Fonti: Marketing degli Eventi, Promoveneto Giancarlo Leporatti, consulente congressuale Osservatorio Congressuale Italiano Stefan Marchioro Economia applicata al

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Promozione e commercializzazione

Promozione e commercializzazione Relazione per il Gruppo di lavoro: Promozione e commercializzazione Brand, strumenti, compiti del pubblico e del privato Redatto da: Elisa Capozzi 1 anni 80: Disney cerca un luogo per un parco tematico

Dettagli

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09 Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo Executive Summary 12/02/09 Piano di Progetto Analisi dei dati di mercato Analisi dei dati

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale

La pianificazione turistica territoriale La pianificazione turistica territoriale Università di Urbino, 24 novembre 2004 LORENZA ROSSINI 1 L approccio per distretti E prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015

Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015 Piano Commerciale e di Comunicazione Marzo 2015 a cura dell Ufficio Commerciale --A.M.F.M. Emaia-- Analisi dello scenario L Azienda Municipalizzata, rappresenta una scelta identitaria, capace di raccontare

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

il contesto turistico maltese

il contesto turistico maltese 29 31 2. Il contesto turistico maltese 2.1 I trend della domanda Dopo aver attraversato un ciclo economico quarantennale, tra periodi di forte crescita e periodi di crisi, il settore turistico è divenuto

Dettagli

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 PREMESSA IL QUADRO DI RIFERIMENTO La recessione mondiale che ha colpito l economia a partire dal 2008 non ha risparmiato il settore congressuale. Sebbene negli

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

PIANO DI PROMOZIONE TURISTICA

PIANO DI PROMOZIONE TURISTICA PIANO DI PROMOZIONE TURISTICA 2013 Italia - Mercati Esteri Iniziative integrate di promozione e com merci a l izzazione turistiche per il lago di Garda, T el. 045 n55279 Fax 045 6270631 www.lagodigarda

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

PROGETTO TUSCIA WELCOME

PROGETTO TUSCIA WELCOME PROGETTO TUSCIA WELCOME Valorizzazione e promozione del turismo integrato e sostenibile nella Tuscia Viterbese (Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 96 del 24/03/2014) Art. 1 Progetto

Dettagli

PORTALE WEB DEL TURISMO

PORTALE WEB DEL TURISMO PORTALE WEB DEL TURISMO 1 Novembre 2006 OBIETTIVI L Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia sta realizzando il portale web di promozione turistica. Il portale è uno strumento

Dettagli

CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALBERGHIERE A TORINO. ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO

CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALBERGHIERE A TORINO. ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO Sezione AICA Grandi Catene Alberghiere CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE ALBERGHIERE A TORINO. UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO TORINO, LUGLIO 2004 Le imprese

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013

Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013 Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013 La manifestazione TranspotecLogitec, la manifestazione fieristica dedicata ad autotrasporto e logistica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA

PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA PROGETTO BIKE TOURIST IN CIOCIARIA Premessa Il progetto Bike Tourism nasce dalla consapevolezza di ricercare nel territorionuove forme di turismo sostenibile, nell'ottica di una diversificazione delle

Dettagli

L ascolto del turista

L ascolto del turista IL TURISMO NELLA PROVINCIA DI LECCE Indagine conoscitiva sulle motivazioni della domanda turistica nella Provincia di Lecce 1 Estate 2005 L ascolto del turista La Provincia di Lecce, su proposta dell Assessorato

Dettagli

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini:

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: INDAGINI Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: L indagine, promossa nell ambito del Tavolo termale del Progetto turismo della Provincia di Padova, ha avuto l obiettivo di integrare

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Agriturismo biologico

Agriturismo biologico E Turismo sostenibile Secondo una indagine di Coldiretti-SWG, nel 2011, l 8% degli italiani ha scelto una vacanza improntata al relax nella natura, a stretto contatto con aziende agricole che producono

Dettagli

Cultura & Turismo Una strategia di sistema per l'italia

Cultura & Turismo Una strategia di sistema per l'italia Cultura & Turismo Una strategia di sistema per l'italia Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale Bruno Francesconi BancoPosta, PM del progetto

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti L agriturismo italiano si presenta al mondo L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti Punti di forza dell agriturismo italiano La nostra identità - Una storia di circa mezzo secolo con una crescita

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Premessa Camper Magazine, il primo e più importante programma televisivo italiano dedicato al turismo in movimento, si presenta quest anno ai propri

Premessa Camper Magazine, il primo e più importante programma televisivo italiano dedicato al turismo in movimento, si presenta quest anno ai propri SERVICES Premessa Camper Magazine, il primo e più importante programma televisivo italiano dedicato al turismo in movimento, si presenta quest anno ai propri utenti rinnovato e potenziato sotto molti aspetti.

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti DENOMINAZIONE DELL INIZIATIVA Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti SOGGETTO PROPONENTE CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di Bergamo La Camera di Bergamo si propone come

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE Una grande occasione per promuovere l azienda attraverso i valori del Giro d Italia. EMOZIONE, IMPEGNO, ENTUSIASMO, PASSIONE E GIOCO DI SQUADRA. Queste sono le principali caratteristiche

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

HOTEL INTERNATIONAL MARKETING

HOTEL INTERNATIONAL MARKETING HOTEL INTERNATIONAL MARKETING Marketing non è solo pubblicità. Marketing è un processo finalizzato a creare, distribuire, prezzare e promuovere con strategia il proprio prodotto. Scegliere Hotel International

Dettagli

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO ATTIVITÀ DI SUPPORTO AL PERCORSO PER L ADOZIONE DEL PIANO STRATEGICO E DEL PROGRAMMA TRIENNALE CONFRONTO CON LE PARTI SOCIALI OTTOBRE, 2014 COSA E SENSI CONTEMPORANEI? FRONTE

Dettagli

IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI

IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI RIFLESSIONE MARIA ELENA ROSSI SVILUPPO PIEMONTE TURISMO S.R.L. Contesto turistico internazionale Fonte UNWTO, ENIT, Ban nca d Itlia, Il Sole 24 Ore I fatti del 2014

Dettagli

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 DI COSA PARLEREMO Il STL Sulcis Iglesiente nel 2009: l affermazione di un percorso triennale La metodologia

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Circuito di tornei FIT di tennis limitato alla 3^ Categoria 3 Gruppo. Gare di singolare maschile / femminile doppio maschile

Circuito di tornei FIT di tennis limitato alla 3^ Categoria 3 Gruppo. Gare di singolare maschile / femminile doppio maschile Presentazione 1^ Edizione MILANO TENNIS TOUR Gennaio Ottobre 2017 Opportunità di Sponsorizzazione Strumenti promozionali Visibilità dello sponsor Livelli di sponsorizzazione Circuito di tornei FIT di tennis

Dettagli

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica)

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) (novembre 2007) (codice prodotto OSPN04-R02-D02) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via

Dettagli

Progetto Turismo di Prossimità per i Comuni d Italia

Progetto Turismo di Prossimità per i Comuni d Italia Informazioni e comunicazione promozionale di strada attraverso la formula dell interscambio utilizzando vele pubblicitarie (roll-up) nei centri città e comuni a intenso traffico pedonale. Un particolare

Dettagli

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Potenzialità dei viaggi in bicicletta nell esperienza del tour operator vicentino leader del settore in Italia. Relatore: Antonio Fasolato Zeppelin.it, viaggiare

Dettagli

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre Amministrazione Provinciale di Firenze Dipartimento Sviluppo Economico e Turismo INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi

Dettagli

Patrimonio culturale, storico, artistico, architettonico ed ambientale oggetto della promozione:

Patrimonio culturale, storico, artistico, architettonico ed ambientale oggetto della promozione: SCHEDA B Format per la presentazione della manifestazione di interesse per la realizzazione di interventi nel quadro dell attività IV.I.2 Azioni di promozione integrata del patrimonio ambientale e culturale

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

IL FENOMENO TURISTICO IN EMILIA ROMAGNA

IL FENOMENO TURISTICO IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE a cura di Trademark Italia IL FENOMENO TURISTICO IN EMILIA ROMAGNA Schede, dati e informazioni sulla Destinazione di Vacanza Numero Uno - EDIZIONE 2012 - L Emilia Romagna

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GERMANIA CATALOGO SERVIZI

CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GERMANIA CATALOGO SERVIZI CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA PER LA GERMANIA CATALOGO SERVIZI INDICE 1 Promozione dell Export 1.1 Analisi di mercato 3 1.2 Ricerca di partner commerciali 3 1.3 Ricerca agenti 3 1.4 Sostegno operativo per

Dettagli