DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE"

Transcript

1 DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE La Tassa di Concessione Governativa (TCG) è un tributo, valido per l intera durata contrattuale, legato all esistenza di un utenza telefonica mobile con contratto di abbonamento post-pagato che, nei sistemi informatici di Wind Telecomunicazioni S.p.A., risulti nello stato di Attiva, Sospesa o In Modifica ; non si applica alle utenze di telefonia mobile pre-pagate e di sola trasmissione dati (comprese le SIM adibite ai servizi M2M). Wind Telecomunicazioni S.p.A. ha soltanto l onere di riscuotere l importo della TCG dal Cliente e di versare il tributo all Erario: alla Regione Sicilia se relativa a contratti stipulati in Sicilia indipendentemente dalla residenza del Cliente; alla Tesoreria provinciale dello Stato, Sezione di Torino per i contratti di abbonamento stipulati nel restante territorio d Italia. I Clienti con sede nella Repubblica di San Marino sono formalmente Clienti Esteri pertanto non è possibile applicare l esenzione della TCG. Il Cliente è obbligato a comunicare a Wind Telecomunicazioni S.p.A. la tassa da addebitargli in fattura; nello specifico, in presenza di un Cliente dotato di Partita IVA, la tipologia di utenza da indicare è quella ad uso Affari. Il Ministero ha chiarito definitivamente (R.M. 109/E del 2004) che le persone giuridiche e gli altri soggetti diversi dalle persone fisiche rientrano sempre nelle utenze affari", poiché è del tutto irrilevante che la loro attività abbia o meno natura commerciale o imprenditoriale". Per quanto sopra, non è possibile applicare la TCG uso residenziale ai Clienti diversi dalle persone fisiche, pertanto, alla clientela Corporate deve essere sempre applicata TCG prevista per le utenze Affari. Sono Esenti dal Tributo: 1. Invalidi 2. Non vedenti 3. ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale) In caso di ONLUS, il Cliente deve essere informato sul fatto che è possibile scaricare il form della Dichiarazione Sostitutiva direttamente dal Sito Istituzionale di Wind Telecomunicazioni S.p.A. (www.wind.it) nell Area riservata alle Aziende, nella sezione Modulistica selezionando Telefonia In allegato al contratto di abbonamento, è necessaria la dichiarazione sostitutiva e, a seconda dell ONLUS, la documentazione come da prospetto Riepilogo documentazione per esenzione TCG, disponibile nei link utili. 4. Le Società/Associazioni Sportive Dilettantistiche in questo caso, è necessaria la certificazione che attesti il rispetto dei requisiti previsti all art.90, comma 17 e 18 legge n.289/ Stato, Organi dello Stato e Pubbliche Amministrazioni In questo caso, non è necessaria l invio della documentazione per l applicazione dell esenzione La Tassa Concessione Governativa viene riscossa con la fattura, quindi, l omesso o tardivo pagamento da parte della clientela, comporta l omesso o tardivo pagamento del Tributo e, di conseguenza, l applicazione delle sanzioni previste per le violazioni tributarie. L addebito della Tassa di Concessione Governativa, avviene in via anticipata limitando l anticipo ad un unico bimestre; nella prima fatturazione utile/disponibile, successiva all attivazione dell utenza mobile, si registra l imputazione del Tributo sia per il periodo di attività trascorso (TCG posticipata), sia per i due mesi successivi al periodo di competenza (TCG anticipata).

2 L eventuale Tassa pagata in anticipo, nel caso di disdetta, sarà restituita direttamente da sistema. Nel caso di disdetta con decorrenza a metà del mese di competenza della Tassa di Concessione Governativa, non vengono accreditati i ratei della stessa in quanto, come già indicato, non è frazionabile. Wind Telecomunicazioni S.p.A., a sua volta, versa periodicamente all Erario il Tributo riscosso dal Cliente con la fatturazione emessa. Note specifiche per invalidi/non udenti L invalidità e la cecità devono essere attestate dall Azienda Sanitaria Locale e la relativa certificazione deve essere unita al contratto di abbonamento. Si intende che l esenzione è riconosciuta solo per le sim utilizzate da tali soggetti e non anche da questi acquistate per consentirne l utilizzo ad altri soggetti. Ai clienti invalidi/ciechi l esenzione da TCG spetta limitatamente ad un solo contratto. La richiesta di esenzione sul secondo abbonamento può essere accolta solo se il cliente dichiara per iscritto a Wind (tramite dichiarazione sostitutiva di atto notorio) che il medesimo abbonamento, dato in uso all accompagnatore, è indispensabile per lo svolgimento della vita di relazione. La consegna a Wind del documento attestante l invalidità ad entrambi gli arti inferiori o la cecità è condizione necessaria e sufficiente per il riconoscimento dell esenzione da TCG; ciò a prescindere dal fatto che l invalidità accertata sia inferiore al 100% o che la cecità non sia assoluta ma permanga un residuo visivo. L invalidità e la cecità devono essere attestate dall Azienda Sanitaria Locale e la relativa certificazione deve essere unita al contratto di abbonamento. Si intende che l esenzione è riconosciuta solo per le sim utilizzate da tali soggetti e non anche da questi acquistate per consentirne l utilizzo ad altri soggetti.

3 Stato, Organi dello stato e Pubbliche Amministrazioni Lo Stato, gli Organi dello Stato e le Amministrazioni Pubbliche Statali sono esclusi dal pagamento della Tassa di concessione Governativa. Diversamente, l Agenzia delle Entrate ritiene che la Tassa di Concessione Governativa, invece, sia dovuta dall Amministrazione Pubblica non Statale. Se il Cliente è riconosciuto come Stato, Organo dello Stato e Amministrazioni Pubblica Statale non necessita invio documentazione per l applicazione dell esenzione. Di seguito descritti i soggetti ancora esenti e quelli a cui, invece, viene imposto il pagamento della TCG. NB: Per i soggetti non inclusi nella lista richiedere tutta la documentazione necessaria.

4 (l elenco dei codici clienti corrispondenti alla totalità dei soggetti non esenti descritti in questa tabella è consultabile tra gli argomenti correlati a questa sezione). Punti di ATTENZIONE: Sebbene la finanziaria consenta alle Università, quale l Università degli studi del Molise, di ricevere, per la ricerca scientifica, il 5/1000 dell imposta sul reddito, queste hanno piena autonomia dal punto di vista didattico, scientifico, organizzativo, finanziario e contabile (art.2 dello Statuto): non sono pertanto equiparabili allo Stato ai fini fiscali e devono regolarmente pagare la TCG. I Consorzi ASI (Consorzio Area Sviluppo Industriale) sono espressione delle Regioni di appartenenza e da esse alimentati da un contributo finanziario, pertanto come tali non hanno diritto all esenzione TCG. Le Regioni non sono esenti dal pagamento della TCG, indipendentemente dallo Statuto: non c è alcuna differenza tra le Regioni a Statuto Ordinario e quelle a Statuto Speciale. Per le richieste di storno TCG inoltrate dai clienti "CONSIP"/Pubblica Amministrazione aventi diritto all'esenzione (vedi Tabella 1), è previsto che il cliente produca, direttamente a WIND, una richiesta scritta attraverso un modulo standard appositamente predisposto e recuperabile attraverso il seguente link:

5 SIM Onlus o Organi dello Stato attive con Dual Billing L'addebito della Tassa di Concessione Governativa deve avvenire con riferimento al contratto principale, in quanto la licenza viene assegnata a tale soggetto. Ne consegue che se a tale soggetto spetta l'esenzione dalla Tassa di Concessione Governativa, ad esempio Onlus o Organo dello Stato, Wind non può addebitare il tributo se viene richiesto il servizio di Dual Billing. Il Dual Billing è, infatti, un servizio offerto al mondo aziendale composto da due contratti: un contratto principale, sottoscritto tra Wind e l'azienda (oppure Ente) alla quale viene assegnata la linea telefonica - che disciplina il servizio telefonico offerto da Wind un contratto secondario sottoscritto tra Wind ed il dipendente dell'azienda (oppure Ente) - che disciplina il pagamento di determinati costi del servizio. Note specifiche riguardo soggetti Onlus In base alle disposizioni contenute nel Decreto Legislativo n.460 del 1997, i seguenti soggetti: - gli organismi di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991 n.266 iscritti nei registri istituiti dalle regioni e provincie autonome di Trento e Bolzano; - le organizzazioni non governative riconosciute idonee ai sensi della legge 26 febbraio 1987 n.49; - le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991 n.381; sono in ogni caso considerati ONLUS. Al riguardo, la Circolare Ministeriale n.22 del 22 gennaio 1999 ha chiarito che tali soggetti non sono tenuti ad adeguare i propri statuti né ad effettuare la comunicazione alla Direzione Regionale delle Entrate del Ministero delle Finanze. Ne consegue che con esclusivo riferimento a questi soggetti Wind può evitare di richiedere la copia della comunicazione alla Direzione Regionale delle

6 Entrate competente. La dichiarazione sostitutiva di atto notorio dovrà essere di contenuto identico a quella prevista per le ONLUS nella tabella di testo (il cliente deve attestare lo svolgimento dell attività in uno o più settori indicati nell art.10 del D.Lgs. n.460/97, specificando chiaramente il settore di attività nel quale si opera; di non essere ente pubblico, società commerciale diversa da quelle cooperative, ente conferente di cui alla legge n. 218, partito e/o movimento politico, organizzazione sindacale, associazione di datori di lavoro, associazione di categoria; di osservare la disciplina fiscale prevista per le Onlus dal D. Lgs n. 460 del 4/12/97; non è, invece, richiesto di specificare l'utilizzo dell'acronimo "Onlus nella denominazione). Il decreto n.460 del 1997 prevede, inoltre, che i seguenti soggetti: - enti ecclesiastici delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese; - associazioni di promozione sociale ricomprese tra gli enti di cui all art.3, comma 6, lettera e) della Legge 25 agosto 1991 n.287 le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell Interno; sono ONLUS limitatamente a determinate attività. Per queste due categorie di soggetti, il cliente deve produrre a Wind una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante che l ente ecclesiastico/associazione di promozione sociale: - svolge una delle attività previste dall art.10 del D.Lgs. n.460/97, specificando il tipo di attività; - non è ente pubblico, società commerciale diversa da quelle cooperative, ente conferente di cui alla Legge n.218, partito e/o movimento politico, organizzazione sindacale, associazione di datori di lavoro, associazione di categoria; - tiene separate scritture contabili; - è in possesso dei requisiti indicati nell art.10, comma 9, del decreto legislativo n.460 del 1997 e nella Circolare Ministeriale n.22 del 22 gennaio 1999.

7 Compatibilità con servizio dual billing Il Dual Billing è un servizio offerto al mondo aziendale composto da due contratti: un contratto principale, sottoscritto tra Wind e l'azienda (oppure Ente) alla quale viene assegnata la linea telefonica - che disciplina il servizio telefonico offerto da Wind un contratto secondario sottoscritto tra Wind ed il dipendente dell'azienda (oppure Ente) - che disciplina il pagamento di determinati costi del servizio. L'addebito della TCG deve avvenire con riferimento al contratto principale, in quanto la licenza viene assegnata a tale soggetto. Ne consegue che se a tale soggetto spetta l'esenzione dalla Tassa di Concessione Governativa, ad esempio Onlus o Organo dello Stato, Wind non può addebitare il tributo se viene richiesto il servizio di Dual Billing. Questa disposizione è in vigore dal 01/03/06 e non è da considerarsi retroattiva, pertanto, il Tributo fatturato fino a questa data è da ritenersi dovuto.

Variazioni e richiesta Servizi opzionali ed inclusi

Variazioni e richiesta Servizi opzionali ed inclusi Barrare se Carta Wind Ricaricabile Esenzione IVA * Agevolazione Editoria Da compilare se desidera ricevere il Conto Telefonico o ad un indirizzo diverso da quello di residenza o della Sede Legale. Servizio

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni

Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Legge 80/2005: Guida alla nuova normativa sulle donazioni Via Napoleone I, 8-37138 Verona Tel. 045 8102419 - Fax 045 8195686 info@csv.verona.it www.csv.verona.it A. Chi può donare Soggetti all Imposta

Dettagli

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Il quesito riguarda la corretta applicazione della imposta di bollo sui conti correnti bancari, che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Legislativo

Dettagli

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE Anno 2014 N.RF091 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE RIFERIMENTI CIRCOLARE AG. ENTRATE N. 7 DEL

Dettagli

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI Aggiornata Aprile 2013 Presso la Camera di Commercio di Grosseto vengono vidimati i libri ed i registri di imprese o soggetti (professionisti,

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di ammissione agli elenchi degli enti beneficiari della destinazione 5x1000

OGGETTO: Richiesta di ammissione agli elenchi degli enti beneficiari della destinazione 5x1000 Informativa per la clientela di studio N. 67 del 13.04.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Richiesta di ammissione agli elenchi degli enti beneficiari della destinazione 5x1000 Gentile Cliente,

Dettagli

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53

Le Onlus. Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51. Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Le Onlus Le ONLUS: Organizzazioni non lucrative di utilità sociale...51 Anagrafe delle ONLUS e procedura di iscrizione...53 Obblighi formali e contabili delle ONLUS...54 Le principali agevolazioni fiscali

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI

5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI 5 X 1000 ANNO 2008 VADEMECUM PER LE OPERE DI ENTI Requisiti per essere beneficiari del 5 x 1000 I soggetti che hanno diritto ad essere destinatari del 5 x mille sono i seguenti: le ONLUS (Organizzazioni

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2009

5 per mille al volontariato Edizione 2009 COORDINAMENTO NAZIONALE DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO 5 per mille al volontariato Edizione 2009 Indice Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI GUIDA ALLA BOLLATURA DEI REGISTRI E LIBRI SOCIALI REGISTRI E LIBRI DA BOLLARE PRESSO IL REGISTRO IMPRESE Il Codice Civile e il DPR 581/1995 prevedono che la bollatura dei libri contabili venga effettuata

Dettagli

5 per mille al volontariato 2007

5 per mille al volontariato 2007 Indice COORDINAMENTO REGIONALE DEI CENTRI DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA LOMBARDIA 5 per mille al volontariato 2007 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N.

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Amministrativo Frau Andreina NUMERAZIONE GENERALE N. 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 in data 07/05/2014 OGGETTO: Avvio del procedimento per la formazione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. L.R. 1/2007, art. 8, cc. 55 e 56 B.U.R. 13/2/2008, n. 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 gennaio 2008, n. 026/Pres. Regolamento recante le indicazioni per l articolazione del bilancio consuntivo

Dettagli

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013

Circolare n. 6/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma, 21 marzo 2013 Circolare n. 6/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 21 marzo 2013 OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2013 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI PER GLI ENTI DEL VOLONTARIATO

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI 1. REGISTRI E LIBRI DA BOLLARE PRESSO IL REGISTRO IMPRESE Il Codice Civile e il DPR 581/1995 prevedono che la bollatura dei libri contabili venga effettuata o presso

Dettagli

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 ELENCO DEGLI ENTI DEL VOLONTARIATO [ART. 1, COMMA1, LETTERA A)] ED ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE [ART. 1, COMMA 1, LETTERA

Dettagli

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012)

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) . rl Roma, 25 marzo 2013 Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) La proroga disposta dall art.23,

Dettagli

VADEMECUM PER L ISCRIZIONE ALL ANAGRAFE UNICA DELLE ONLUS

VADEMECUM PER L ISCRIZIONE ALL ANAGRAFE UNICA DELLE ONLUS VADEMECUM PER L ISCRIZIONE ALL ANAGRAFE UNICA DELLE ONLUS L iscrizione all anagrafe unica delle ONLUS, effettuata ai sensi dell'articolo 11 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, costituisce

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE. Compilazione e presentazione del modello di comunicazione

ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE. Compilazione e presentazione del modello di comunicazione ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE ( O.N.L.U.S. ) INDICE Tipologie di Onlus Requisiti Onlus Compilazione e presentazione del modello di comunicazione Controlli e sanzioni Riepilogo per il

Dettagli

Articolo 1. (Definizioni) 1. Ai fini del presente provvedimento si intende per:

Articolo 1. (Definizioni) 1. Ai fini del presente provvedimento si intende per: ALLEGATO A alla delibera 514/07/CONS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI ECONOMICHE AGEVOLATE, RISERVATE A PARTICOLARI CATEGORIE DI CLIENTELA, PER I SERVIZI TELEFONICI ACCESSIBILI AL PUBBLICO Articolo

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze Decreto del 19/01/1998 Titolo del provvedimento: Approvazione del modello di comunicazione delle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale ai sensi dell'art. 11 del decreto

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Visto l articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd

OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd Informativa per la clientela di studio del 08.04.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo

Dettagli

CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013

CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013 CIRC.AG.ENTRATE 6/E/2013 Cinque per mille per l'esercizio finanziario 2013 INDICE 1 Adempimenti per gli enti del volontariato e per le associazioni sportive dilettantistiche 2 Regolarizzazione della domanda

Dettagli

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276)

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276) CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO DI LAVORATORI DISABILI DEBOLI tra la Provincia di Savona e le Associazioni Datoriali, Sindacali e Cooperative della provincia di Savona (sperimentazione dell art. 14

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007

Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007 Gazzetta Ufficiale N. 178 del 2 Agosto 2007 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DECRETO 21 Maggio 2007 Definizione dei criteri e parametri per l'assegnazione dei contributi alle scuole paritarie per l'anno

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 19/01/2015 Circolare n. 02/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione

UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione UN MODELLO DI SVILUPPO NO PROFIT PER LA LIGURIA. FISCALITÀ DELLE ONLUS:DIRITTI E DOVERI Direzione Regionale della Liguria Ufficio Accertamento e Riscossione Genova, 28 maggio 2013 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

Destinazione del cinque per mille dell IRPEF Proroga per il 2012 Presentazione delle domande 1 PREMESSA...3 2 SOGGETTI DESTINATARI...

Destinazione del cinque per mille dell IRPEF Proroga per il 2012 Presentazione delle domande 1 PREMESSA...3 2 SOGGETTI DESTINATARI... Associazione professionale Commercialisti e Revisori contabili Dott. Ottavio Scorza Azzarà Rag. Cetti Strazzeri Dott. Carlo Schiaffino Dott. Cosimo Bannino Dott. Cristiano Curto 20121 Milano www.studioschiaffino.com

Dettagli

VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE ANNUALI E BOLLI

VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE ANNUALI E BOLLI STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it VIDIMAZIONE E BOLLATURA LIBRI SOCIALI - TASSE

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015

Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015 Legnano, 06 Marzo 2015 Alle imprese assistite Oggetto: Il versamento della tassa libri sociali 2015 Entro il 16.3.2015 le società di capitali (spa, srl e sapa) devono provvedere al versamento della tassa

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2014

NOTA OPERATIVA N. 11/2014 NOTA OPERATIVA N. 11/2014 OGGETTO: compensazione di crediti tributari. - Introduzione Mediante il meccanismo della compensazione, i contribuenti hanno la possibilità di pagare le imposte e i contributi

Dettagli

5 per mille per enti del volontariato e Asd

5 per mille per enti del volontariato e Asd Periodico informativo n. 56/2015 5 per mille per enti del volontariato e Asd Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che l articolo 1, comma 154, della legge 23 dicembre

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA 730/2015

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA 730/2015 Pagina 1 di 5 Circolare n 5/2015 DATI ANAGRAFICI DOCUMENTAZIONE RICHIESTA 730/2015 Documento di identità personale (carta di identità o patente); nel caso in cui la residenza sia variata indicare la data

Dettagli

LEGGE 29 MARZO 1985, N 113

LEGGE 29 MARZO 1985, N 113 LEGGE 29 MARZO 1985, N 113 Aggiornamento della disciplina del collocamento al lavoro e del rapporto al lavoro dei centralinisti non vedenti, (GAZZETTA UFFICIALE N 82 DEL 5 APRILE 1985) Art. 1 (Albo professionale)

Dettagli

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere;

CONSIDERATO che il richiamato Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 regola ie attività formative realizzate all estero e quelle transfrontaliere; LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione nazionale

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2013

5 per mille al volontariato Edizione 2013 Indice 5 per mille al volontariato Edizione 2013 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad elenco: modalità 2. Controllo dei dati 3. Seconda dichiarazione 4.

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2013

5 per mille al volontariato Edizione 2013 Indice 5 per mille al volontariato Edizione 2013 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad elenco: modalità 2. Controllo dei dati 3. Seconda dichiarazione 4.

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTO ISTITUTIVO Art. 1 lstituzione del Sistema di qualificazione dei Cataloghi formativi 1.1 Il presente Regolamento disciplina il procedimento di qualificazione e di aggiornamento dei Cataloghi

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

ONLUS: PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI REQUISITI (art. 10 del D.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460)

ONLUS: PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI REQUISITI (art. 10 del D.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460) Allegato n. 1 ONLUS: PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI REQUISITI (art. 10 del D.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460) Ai sensi dell'art. 10 del D.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460, le ONLUS sono obbligate ad inserire nei

Dettagli

Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E

Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E Circolare 22 gennaio 1999 n. 22/E DECRETO LEGISLATIVO 4 DICEMBRE 1997 N. 460, CONCERNENTE IL RIORDINO DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DELLE ONLUS. Con la presente circolare si

Dettagli

5 per mille al volontariato Edizione 2010

5 per mille al volontariato Edizione 2010 Indice 5 per mille al volontariato Edizione 2010 Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le OdV possono accedere 1. Iscrizione ad elenco: modalità 2. Controllo dei dati 3. Seconda dichiarazione 4.

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2013-2014, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere esercitata

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE RELATIVE AL POSSESSO DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE RELATIVE AL POSSESSO DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE RELATIVE AL POSSESSO DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE La dichiarazione sostitutiva di cui al presente modello viene resa ai sensi e con le

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circolare n. 25 Prot. AOODPIT/Reg.Uff./509 Roma, 2 marzo 2009 Al Direttore Generale per il personale della scuola SEDE Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e, p.c. Al Gabinetto

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

MODULO CONSUNTIVO 2011

MODULO CONSUNTIVO 2011 Spedire a mezzo RACCOMAN A/R (fa fede il timbro postale) entro il 14/09/2012 Alla Regione Piemonte Direzione Cultura Turismo e Sport Settore Sport Via Avogadro, 30 10121 Torino CODICE CUP: J68J11000360009

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA. Determinazione. n. 340 del 10/08/2015

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA. Determinazione. n. 340 del 10/08/2015 COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA Determinazione ORIGINALE n. 340 del 10/08/2015 Unità organizzativa: Comune di Castellina in Chianti\\Ufficio Ragioneria N.ro di settore: 62 del 10/08/2015

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto 1. Premessa 2. Scheda generale 3. Modalità di iscrizione 4. Segreteria dell Albo 5. Inserimento e cancellazione nell Albo 6. Struttura 1. PREMESSA

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

CIRCOLARE N. 38 2013/2014 DEL 4 APRILE 2014

CIRCOLARE N. 38 2013/2014 DEL 4 APRILE 2014 CIRCOLARE N. 38 2013/2014 DEL 4 APRILE 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare C.O.N.I. del 2 aprile

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2378 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CICOLANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 LUGLIO 2003 Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato

Dettagli

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014

DETERMINAZIONE. Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014 Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 4/2014 DEFC.2014.4 Tit. 2013.1.10.21.692 del 5/09/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X E FASTWEB X LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 35 del 9-2-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 35 del 9-2-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 35 del 9-2-2015 O G G E T T O Assegnazione all Associazione Brain Onlus di alcuni locali di proprietà ULSS siti in

Dettagli

Domanda di contributo per lo svolgimento di... Anno. Il sottoscritto nato a il residente a in via n. C.A.P. tel./cell. nella sua qualità di, del

Domanda di contributo per lo svolgimento di... Anno. Il sottoscritto nato a il residente a in via n. C.A.P. tel./cell. nella sua qualità di, del MARCA DA BOLLO 16,00 ovvero esente da bollo ai sensi: (barrare con una x. Riferimenti normativi nella nota a piè di pagina 1 ) art. 8 L. 11.08.1991 n. 266 e art. 27/bis D.P.R. 26.10.1972 n. 642 Spett.le

Dettagli

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta.

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. Il sottoscritto nato a il 19, residente a Codice fiscale Premesso che presso la Cassa di

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

5 per mille al volontariato

5 per mille al volontariato 5 per mille al volontariato Edizione 2014 Infocontinua Terzo Settore Edizione: 20 Marzo 2014 Indice A cura di Infocontinua Inquadramento Come funziona Beneficiari Come le Organizzazioni possono accedere

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

Loro sedi. Ritenendo di fare cosa gradita nell allegato prospetto si riepilogano i principali oneri detraibili e deducibili.

Loro sedi. Ritenendo di fare cosa gradita nell allegato prospetto si riepilogano i principali oneri detraibili e deducibili. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI

GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI GUIDA ALLA BOLLATURA DI REGISTRI E LIBRI SOCIALI Aggiornamento marzo 2015 La legge 383/01 ha introdotto, con decorrenza 25 ottobre 2001, alcuni importanti novità in materia di bollatura di scritture e

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER LA PROMOZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA La Provincia di Lecco riconosce i valori dello sport con particolare riferimento alla sua funzione educativa e

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga

1. Iter procedurale per la concessione della CIG in deroga ALLEGATO 1 - MODALITÀ APPLICATIVE DELL ACCORDO QUADRO SUGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA IN LOMBARDIA 2011 del 25 FEBBRAIO 2011 (di seguito accordo quadro 2011 ) 1. Iter procedurale per la concessione della

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale

Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Alleanza Assicurazioni S.p.A. appartenente al Gruppo Generali Contratto di capitalizzazione a premio unico con rivalutazione annua del capitale Condizioni Contrattuali Regolamento Gestione interna separata

Dettagli

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base NEWSLETTER 41 - N. 1 ANNO 2012 incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base sospensioni lavoro aziende non iscritte eber e sgravio contrib. retribuzioni

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI

Dettagli

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all.

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all. ACCORDO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI NORMATIVI ED ECONOMICI PER LA REDAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI RESE A FAVORE DEGLI INFORTUNATI SUL LAVORO E TECNOPATIOCI PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE. Premesso

Dettagli