Indice come fare Campione 2 Bordi 6 Dietro 8 Davanti 13 Collo 19 Manica 22 Reglan 16 Kimono 18 Le Trecce 26 Regole 27

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice come fare Campione 2 Bordi 6 Dietro 8 Davanti 13 Collo 19 Manica 22 Reglan 16 Kimono 18 Le Trecce 26 Regole 27"

Transcript

1 Indice come fare Campione 2 Bordi 6 Dietro 8 Davanti 13 Collo 19 Manica 22 Reglan 16 Kimono 18 Le Trecce 26 Regole 27 maglia a mano maglia a macchina ottimizzato 1024x768 - firefox, internet explorer 7 o sup - font: Arial - French Script MT - Copyright. Tutti i diritti riservati. dal

2 Campione diciamo di lavorare per una famiglia: mamma Silvia, papà Fabio, bimba Miriam e bimbo Andrea... nomi immaginari, ma non troppo! qui inizio la spiegazione, poi metterò in condivisione le mie regole, i miei consigli e un'infinità di altre " pazzie "... non saprei come chiamarle! spiegazioni per confezionare un capo di maglia lavorando a mano o a macchina Io mi comporto nello stesso modo, a parte le diversità delle marche delle macchine da maglieria e la diversità tra le macchine famigliari con le quali si lavora da sedute e le macchine industriali dove si lavora in piedi, il metodo che uso per i conti necessari per confezionare un capo è uguale e così pure la confezione, cucire a mano a punto maglia, a punto indietro o con l'uncinetto che simula il lavoro acquistato. a mano a macchina * FARE IL CAMPIONE possibilmente di 10 centimetri al minimo coi ferri che siano giusti per rendere il campione di aghi e di almeno 40 o 50 passate e anche qui non aver morbido e soffice il lavoro... se il campione non soddisfa bisogna timore a disfare e rifare... finchè non sei soddisfatta e scrivi quello che hai ricominciare! ferri più piccoli o più grandi e deve diventare un quadrato, lana impostato sulla macchina, io mi dimentico sempre la tensione usata...!!!! sprecata? no, verrà usata per cucire e non basterà! fidati. Se fai il campione in casa, bene! ma se fai il campione nel negozio dove ricordati che ogni macchina lavora in modo diverso dall'altra, anche se hai compri la lana perchè così ti fanno i conti per il dietro, ricordati che quel due macchine uguali, stessa marca, stesso tipo. Sono state montate a mano campione andrà bene coi i ferri che hai usato nel negozio..., se a casa mano e perciò non possono essere identiche, la diversità è minima per un userai dei ferri diversi, il tuo dietro non corrisponderà ai conti che ti hanno capo di piccola taglia, ma per uno scialle, cappotto... la diversità sarà più fatto. I ferri (ad esempio il n 4) non sono tutti uguali, ogni marca usa un evidente. Stessa cosa per il filato usato; il bagno nel colore o lo secca o lo proprio calibro... poi ci sono i ferri ricoperti... per fare una prova fai così: gonfia... perciò fai sempre il campione, usa i pesetti, non i pesi. Anche i prendi un foglietto abbastanza spesso e fai un foro col ferro e poi in quel pesi influenzano la lunghezza del capo, dovresti scriverti quando cambi i pesi, foro metti un altro ago, stesso numero ma marca diversa... passa più pesi, per fare lo stesso cambio sul secondo pezzo. facilmente? raschia di più? ecco uno è leggermente più sottile, l'altro più grande... Hai fatto il campione, lo lasci riposare, consiglio sempre una notte, vaporizzare senza schiacciare ed eventualmente lavare, dico lavare e non bagnare perchè molto spesso l'acqua scivola sul campione e non lo bagna, invece, lasciandolo in ammollo per un po' di tempo si inzuppa. non usare detersivo, il filato cambierebbe colore!!!! attenta! quando asciutto rivaporizzi e misuri col metro 10 cm di ferri e 10 cm di punti mettere gli spilli e conti e scrivi quanti punti ci sono in 10 cm e quanti ferri in 10 cm. si avrà per esempio con il Beby Sesia 29punti x 35ferri ( a mano col 3,5 e a macchina con una 5 la tensione 7) * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 2

3 QUANTI PUNTI MI SERVONO PER FARE IL DIETRO? occorrono le misure! prendi Miriam o Andrea a 3/6 mesi * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 3

4 COME TRASFORMARE I CM IN PUNTI E FERRI? cosa diceva il campione? ah sì! ferri 3,5 o tensione 7 con 29p x35f in 10 cm bisogna moltiplicare i cm per i punti e dividere per i cm del campione - ecco perchè faccio un campione di 10 cm, ma il conto è automatico con qualunque misura di campione a mano a macchina * per la larghezza fondo: 33 cm x29punti :10 cm = 48aghi+48aghi divisi sulle due fronture per fare le coste 1/1 di 3 cm e poi 95 punti, meglio 96p riportati tutti sulla frontura anteriore per la maglia rasata. spalle 27 cm x29p :10 cm = 78p 39aghi+39aghi per la lunghezza 20cm ( 20 cm x 35f : 10cm =70f )+ 12cm (12x35:10=42) si avrà 70f + 42f quanti punti calare per le ascelle? in questo caso essedo un pul per neonato è molto semplice 33 cm del fondo meno 27 cm delle spalle = 6cm diviso due e si hanno 3 cm x 29p : 10cm = 9 punti da calare per ascella e in quanti ferri si calano questi 9 p? in 3 cm, gli stessi 3 cm della differenza fondo/spalle! 3 cm x 35f = 10f a mano a macchina * quindi : avviare il lavoro, fare il tubolare, iniziare la maglia rasata e arrivare al quindi : avviare il lavoro, fare il tubolare, passare i punti sulla frontura ant, 70 f e chiudere i 4 punti iniziali elavorare tutti gli altri punti che sono sul lav a rasato per 70 ferri e chiudere 4 punti, una passata e chiudere gli altri 4 ferro e voltato il lavoro, al 71 chiudere i 4 punti iniziali e finire il ferro calare punti dell'altra ascella e calare 1 punto per passata ( il primo e l'ultimo ago 1 punto iniziale per ferro ai ferri N e chiudere tutti i vanno sovrapposti all'ago che segue o precede ) al giro N punti morbidamente, non devono tirare, anzi dovrebbero leggermente e lavorare 6 passate con filo di colore diverso, tagliare il filo(quello slabbrare. della maglia abbastanza lungo da poterlo usare per chiudere i punti, quello Nel lavoro a mano si controllano facilmente le misure: mentre si sale verso le diverso tagliato invece molto corto - non per risparmiare filo, ma perchè si le ascelle il lavoro si stringe! io lascio riposare una notte il lavoro quando desferà meno facilmente) e togliere il lavoro dalla macchina. giungo alle ascelle, e quando rimisuro il mio pezzo, dopo averlo Qui iniziano i primi problemi: hai tolto il lavoro dalla macchina e ti accorgi che vaporizzato, scopro che si è accorciato e ristretto! prendi nota delle reali il dietro appena finito e le misure da cui sei partita sono due cose misure dei punti e ferri nei 10 cm e rifai i conti perchè le maniche hanno completamente diverse... bisogna avere pazienza! sbattere all'aria bisogno di precisione! se il dietro è corto, poco male, si aggiungono ferri tenendolo per il bordo, tirarlo leggermente in larghezza e lasciarlo riposare prima di calare le ascelle, se è stretto, si possono aggiungere i punti piegato o aruffato per qualche ora o meglio una notte... ecco, il tempo è mancanti ai punti giusti del davanti... ma... ma se è veramente troppo passato e dai una leggera vaporizzata senza toccare il lavoro e misura: va stretto: bisogna disfare! e ricominciare, forse si salva il bordo, ma bisogna bene? sei fortunata!, altrimenti leggere a lato e comportati allo stesso modo. rassegarsi e ricominciare! senza piangere e disperarti. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 4

5 lo dico sempre : il miglior campione è un dietro! Dietro per questo è importante usare sempre lo stesso tipo di lana, o cotone perchè da un colore all'altro non cambia molto, anche se dita sensibili si accorgono della differenza, però il danno è minore e quando i bimbi crescono si avranno tanti colori a disposizione per confezionare i nuovi maglioncini, con gli stessi ferri, con la stessa tensione! Nel peggiore dei casi in cui dobbiamo disfare e ricominciare sorge un problema, la lana è stata stirata ed è tutta arricciata! che fare? occorre un ferro a vapore che eroghi vapore umido (un ferro che abbia l'acqua al suo interno e non in una caldaia separata) si disfa il pezzo che serve (e si mettono su di un ferro i punti che possono restare) facendo un bel gomitolo che si mette in una scatola/sacchetto e si fa passare il filo in un percorso obbligato fino sotto a un cucchiaino capovolto sul quale è stato posto il ferro acceso che sbuffa vapore sul filo che noi facciamo scorrere sotto il ponticello fatto dal cucchiaino... il gomitolo è da una parte e tu tiri il filo dall'altra parte e lo lasci cadere su se stesso dritto e rinsecchito(non troppo rinsecchito, perchè il ferro non lo schiaccia) a formare una collinetta, ogni tanto prendi il ferro e dai una bella vaporizzata al filo che ha formato la collinetta... visto? si gonfia e si accorcia! bene, continua così fino alla fine del gomitolo. Ora hai il filo vaporizzato adagiato su se stesso... se sei stata regolare non ci saranno problemi: prendi il capo del gomitolo appena finito e fai un gomitolo morbido morbido, se vuoi puoi ancora vaporizzare, e con attenzione raggiungi i punti messi su di un ferro o l'inizio del gomitolo, se hai disfatto anche il bordo(la nonna mi diceva sempre: -chi ha pazienza col filo, ha pazienza col marito...-). a macchina * Per facilitare questo lavoro ho messo un gancio in alto. per il lavoro a macchina bisogna riparaffinare e perciò o si rompe il filo o si fa e rifà il gomitolo paraffinandolo. se hai spazio o la necessità si possono mettere dei fogli di giornale e su questi fare la collinetta, quando finita si copre con altri fogli e allora con cautela si può capovolgere e fare il gomitolo dall'inizio invece che dalla fine, oppure semplicemente spostare questo insieme delicatissimo per poi continuare dopo mangiato! Molto spesso guardando il rasato rovescio troviamo il lavoro diviso da una riga più alta... e anche il dritto lavoro non è omogeneo... che fare? La maglia rasata per essere omogenea deve avere un rovescio lavorato più stretto del diritto. Questo per una mano regolare. Io per esempio ho un rovescio larghissimo e e un diritto stretto... perciò uso per fare la maglia rasata a rovescio lavoro un ferro inferiore di mezzo numero rispetto al ferro che uso per il dritto... mia madre invece era l'opposto! aveva il diritto troppo largo e il rovescio stretto... perciò il ferro più sottile lei lo usava per il diritto. E non è detto che mezzo numero basti, a volte la stanchezza fa lavorare più morbido e allora si rifanno le righe e allora dobbiamo ridurre ancora il ferro, o con un diametro inferiore(cambiando la marca e cercando quella più sottile) o con ancora mezzo numero in meno. mi sembra di averti detto tutto ciò che riguarda il campione, ora si passa ai bordi, al dietro, al davanti, alle maniche, al collo. *se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 5

6 regole - chicche non aver paura di disfare il lavoro. se abbiamo un dubbio, meglio fermarsi subito e controllare. i ferri non sono tutti uguali, ogni marca usa un calibro diverso anche due macchine uguali lavorano in modo diverso anche i gomitoli di lana o cotone della stessa marca e tipo, ma di colore diverso non sono sempre uguali. Bordi e Paramanture a mano a macchina * Le coste, i bordi, la parte iniziale della maglia sono una parte importante, a volte bisognerebbe farli per ultimi per dare più enfasi al capo... lavorati a coste, a legaccio, a maglia rasata doppiata, a treccine, traforati,a uncinetto... la fantasia non ha limiti! TUBOLARE Non è detto che bisogna iniziare sempre col tubolare... e poi: quale tubolare Macchina familiare usare? Ho avuto una SeiKo, una Toyota e ho una Brother e con queste tre non posso spiegare qui a fare il tubolare, posso dare solo consigli su come macchine mi comporto così: farlo meglio... e poi è una questione di gusti. Se la maglia viene lavorata fino alla tensione 7: avvio a niente. cioè con la il tubolare perchè sia bello non deve tirare! ruota selettore tensione torno indietro oltre lo 0 e le tacche, a inizio corsa. E quello che si inizia con metà punti a maglia rasata(5 o 6 ferri) va lavorato coi faccio la prima passata. Con tensioni più grandi arrivo alla tacca. ma mai allo ferri della maglia e solo quando si unisce raddoppiando i punti si usano i zero. rimarrebbe troppo molle. ferri delle coste. Poi lavoro i 3 ferri del tubolare e le coste in modo differente a seconda della Quello che si lavora con tutti i punti intrecciando in modo particolare il filo di tensione avvio che poi si toglie solo snodandolo(il più veloce, di solito usato nei negozi), si inizia con gli stessi aghi delle coste (per 5 ferri). Guardare bene il tubolare: ha un dritto lavoro (più ciccioso) e un rovescio nel selettore i numeri sono separati da 2 puntini che indicano le due tensioni lavoro (più piatto). Sarebbe bene che tutti i fondi fossero uguali! intermedie. Io conto il numero e i due pintini: sono tre stop. e ricordarsi che se il dietro deve essere di tot cm il tubolare deve cedere fino a quel tot cm!!!! a mano a macchina * coste 1/1 Ferri: un numero intero in meno della maglia rasata meno 16 stop della maglia rasata ( giuste) meno 13 stop della maglia rasata ( morbide) coste 2/2 un numero intero meno della maglia rasata meno 14 stop della maglia rasata per il bordo mezzo numero in meno della maglia rasata se si lavora la maglia a coste 2/2. meno 7 stop per lavorare a coste 2/2 la maglia *se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 6

7 coste 2/1 come le coste 1/1 meno 10 stop della maglia rasata costa inglese come le coste 2/2 meno 9 stop della maglia rasata costa unita per paramantura meno 9 stop della maglia rasata costa unita per polo e punto tessuto meno 10 stop della maglia rasata coste finte lavorate a rasato un ago sì, un ago no : per 12 ferri: morbide e basse= meno 12 stop per 16 ferri: 3 cm = meno 14 stop per 32 ferri: 6 cm polso= meno 16 stop orlo tubolare a mano a macchina * a mano l'orlo tubolare si lavora a maglia rasata coi ferri delle coste e poi si per fondo meno 9 stop - per manica meno 11 stop doppia lavorando i punti dell'avvio (tolto il filo di scarto con cui si sono per fondo meno 11 stop avviati i punti) con quelli dell'altezza raggiunta, uno su uno. per manica meno 13 stop ho sempre visto lavorare metà ferri e fare un ferro rovescio sul dritto del non uso più l'orlo tubolare per i fianchi perchè comunque si allarga. lavoro per segnare appunto la metà e poi continuare con l'orlo e infine unire mentre uso il rasato da doppiare e lo cucio durante il montaggio inizio con fine... ma molto spesso, quando si tolgono i fili d'avvio, e sempre per la macchina industriale che comunque troviamo nelle nostre case i al termine del pezzo lavorato... ci si accorge che l'orlo da una parte tira e selettori della tensione separa i numeri con 3 tacche. Bene, io mi comporto che dall'altra è abbondante... e perciò bisogna rifarlo. in ugual modo, ho visto che meno 16 stop vanno bene per le coste 1/1 mentre per l'avvio io guardo qual'è la tensione minima in cui lavora la E si disfa con molta pazienza e si lavora un ferro in più o si deve disfare macchina e la supero di due stop e non scendo mai al di sotto. sulla fino alla metà per aggiungere o toglirte il ferro in più... tensione delle coste scendo di 4 stop. insomma tanto vale cucirlo dopo senza fare ferri diversi! quando terminata la maglia si stira in lunghezza l'orlo e poi si cuce, punto su punto con filo di spagnoletto o lo stesso della maglia e solo dopo aver cucito tutti i punti cucito tutti i punti si toglie il filo di scarto con cui si sono lavorati i ferri d'avvio paramanture spalla aperta per bimba/bimbo: spiegato nel Dietro spalla aperta * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 7

8 per due adulti: Silvia e Fabio e due bimbi: Miriam e Andrea Dietro a mano a macchina * abbiamo visto come fare il dietro per un coprifasce; per una maglia per la mamma o per il papà il procedimento è lo stesso, cambiano solo le misure, mentre la cura l'attenzione e la precisione rimangono invariate. ecco iniziamo con qualche quesito: la maglia che devo fare deve cadere dritta? allora un bordo basso rasato per donna, ma per uomo occorrono le coste; e a mano è facile, ma a macchina bisogna fare prima l'orlo, toglierlo dalla allora? si aggiungono un terzo di punti in più che poi saranno calati nel primo macchina e rimetterlo sovrapponendo i punti in eccesso - ben distanziati. ferro di rasato (rovescio a rovescio lavoro) ben distanziati. oppure aggiungere un capo, usare la tensione adeguata al nuovo spessore, tutti i punti e ricordarsi di togliere il capo aggiunto!!! piacciono i bordi alti? per fare un bluson? bisogna mettere un settimo di punti in meno e poi alla fine nel primo ferro di bisogna fare i bordi separatamente e poi rimetterli sulla machina o rimagliare rasato (rovescio a rovescio lavoro) aumentare i punti ben distanziati. al termine. oppure usare il filato più sottile e fareil bordo alto doppio con tutti i punti e al termine cucire. fianchi per una donna abbondante: solitamente si ha una maglia lunga, molto ampia sui fianchi e stretta alle spalle... tutti quei punti in più dove si calano? ecco: io salgo fino alla vita con tutti i punti e poi inizio a calare regolare fino allo scalfo ascelle e poi seguo le calature delle ascelle fino a meno 15 cm dalle spalle. veste bene. un altro metodo per una persona abbondante e con tanto seno è fare il dietro dritto partendo dai fianchi con la larghezza del petto e poi fare il davanti a trapezio in due teli (con tutti i cm che servono) calando poco sui fianchi e molto in centro. molto bello come vestito in 4 o 6 teli (dietro e davanti uguali). quando è indossato la punta centrale del davanti sparisce e il petto non fa difetto. si parte dalla misura dei fianchi e si segnano le calature verso il petto e con lo stesso metodo si aggiungono i punti per il fondo. tenendo almeno 15 cm senza calature. In questo caso le calature devono essere uguali (lo stesso numero di punti calati dal fondo alle ascelle) in centro e sui fianchi (solo così la punta sarà meno evidente) * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 8

9 calature ascelle - uomo - bimbi a mano a macchina * come abbiamo visto per il coprifasce: fianchi meno spalle diviso due dà la misura delle ascelle. tanti cm di punti e lo stesso cm di ferri. quindi i punti in più si chiudono subito e poi uno per volta (ogni dritto lav, o passate pari sulla macchina) per tot volte. è un triangolo rettangolo e si cala nell'ipotenusa. non superare i 7 cm per i cateti. questa calatura si esegue uguale sia nelle maniche che nel davanti. calature ascelle - donna per maglie sportive dove le spalle non sono importanti comportarsi in egual modo, invece in maglie eleganti finire di calare le ascelle a meno 15 cm dalle spalle. Dato che le spalle sono giuste in cm (a seconda della taglia ), ci saranno più punti da calare calature inizio ferro: all'interno di 3 punti: un accavallato (semplice o doppio) fine ferro: all'interno di 3 punti: 2 punti assieme o 3 punti assieme oppure un accavallato doppio e 3 punti assieme,ogni 4 ferri (un dritto lavoro si cala, nel seguente dritto lavoro non si cala) il risultato non cambia, bello da vedere a maglia nuova,misero e trasparente a maglia usata... hai notato? per questo motivo consiglio di calare sul bordo: il primo e secondo punto lavorati assieme e gli ultimi due punti del ferro lavorati in un solo punto. Quando si devono calare i 3 punti assieme o l'accavallato doppio: calare 1 punto sul dritto del lavoro e il 2 sul rovescio del lavoro con questo metodo le calature tirano di meno, non tanto a macchina quanto a mano. e la maglia è più resistente all'usura. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 9

10 a mano a macchina * spalle per donna una spalla è di 10 cm per una taglia media, per uomo 11 o 12. va detto che il bordo del collo, la paramantura, copre una parte di spalla, occorre tenerlo presente e togliere i punti in eccesso. Mentre in una polo no, perciò i punti della spalla devono coprire tutti i cm della spalla. le spalle del dietro si misurano leggermente abbondanti sia per uomo che donna. questi punti verranno "nascosti" nel collo. mentre per una maglia con le maniche scese, come ho detto prima, la differenza tra il petto e le spalle non deve superare i 7 cm per parte. spalla all'inglese per queste calature invece uso calare all'interno di 3 punti. questo perchè deve essere coreografico, farsi notare! e dato che la spalla sarà poi stirata in diagonale, i punti cederanno molto, perciò ricordarsi di togliere almeno due cm alla larghezza della spalla: 8 cm per donna, 10 cm per uomo. ricordarsi che il bordo del collo influisce sulla larghezza della spalla, perciò non bisogna esagerare con le larghezze. quindi ecco tanti punti = tanti ferri e si calano due punti per volta ogni dritto o un punto ogni ferro, all'interno di 3 punti e fare un lavoro molto ordinato!!!! spalla all'inglese per necessità sì perchè non siamo tutti uguali, alcune persone hanno un gibbo, una gobba, e allora se facciamo il dietro dritto si solleverebbe al fondo scoprendo il sedere... perciò noi arriviamo col dietro agli stessi ferri del davanti e calando all'inizio ferro ( una volta sul dritto, una volta sul rovescio - lavorando i punti come si trovano e morbidamente) noi aggiungiamo i cm in ferri di cui abbiamo bisogno. crederemi, non si nota, mentre la persona che riceverà questo capo sarà felice! e si può fare anche da una sola parte... pensateci un po' come fare!! questo procedimento anche a macchina, molto semplice da realizzare con le familiari, vedere la spiegazione per le pences del libretto di istruzione. estrarre gli aghi mettendoli fuori lavoro e far passare il filo attorno all'ultimo ago per non far fori ecc...due ferri finali con tutti i punti in lavorazione. ogni macchina ha le proprie leve o tasti da spostare o impostare. per le macchine "industriali" possiamo solo calare all'inizio ferro o fare un pezzo in più e poi tagliare, come fossimo sarte. ricordati che maglierista e sarta non possono usare lo stesso metodo per vestire una persona!!!!! specialmente durante la confezione o cucitura. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 10

11 a mano a macchina * schiena aperta per neonato a mano o a macchina. arrivo a meno 4 cm dalle spalle e divido il lavoro a metà con due gomitoli lavorare le due parti separate aumentando 1 punto ogni 4 ferri. poi lavorare la rifinitura come spiegato per la macchina. fare un'asoletta a catenella ( per femminuccia o per maschietto) e sovrapporre abbottonando. un lavoro del genere anche per noi, con un'apertura di 4 o 6 cm. tolgo una metà dei punti dagli aghi mttendoli su di un ferro sottilissimo e lavoro gli altri punti aumentando ogni 4 ferri un punto all'interno di 3 punti. rimetto gli altri punti sulla macchina e faccio lo stesso a specchio. quando finito rifinisco riprendendo tutti i punti di questa apertura(un ferro sì, un ferro no) e lavoro a legaccio coi ferri 2 e mezzo, chiudendoli nel secondo ferro. spalla aperta per bimba - bimbo per un buon risultato dobbiamo fare prima il dietro e rifinire con le coste una spalla (dritto lavoro: destra per femminuccia e sinistra per maschietto)mi raccomando: solo i punti di una spalla, è importante!!! ora dobbiamo sovrapporre questo bordo di coste sulla maglia rasata e contare quanti ferri vengono coperti dalle coste. 6? 8ferri? a mano ci fermiamo a meno 6 o 8 ferri dalla spalla, però a mano guardiamo il lavoro dal dritto del lavoro, perciò avremo la spalla destra per femminuccia lavoriamo il davanti e ci fermiamo a meno 6 o 8 ferri dalle spalle. togliamo la sinistra per maschietto e finiamo l'altra spalla raggiungendo il totale dei dagli aghi i punti della spalla ( così come vediamo la maglia a rovescio ferri. lavoro) la spalla sinistra per femminuccia e la destra per maschietto e lavoriamo l'altra parte del davanti seguendo il numero dei ferri. di solito, o molto spesso, per neonato o bimbo io rifinisco a mano (perchè rimane più morbido) anche il lavoro a macchina, questo è un caso particolare per la complessità dei conti da fare per mettere i punti giusti. perciò preferisco spiegarlo per l'esecuzione a mano. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 11

12 a mano a macchina * prendiamo il dietro e cuciamo la spalla che va cucita al davanti e la cuciamo (dritto lavoro:destra per femminuccia, sinistra per maschietto). l'altra spalla è già rifinita col suo bordo fatto per primo dove si attaccheranno i bottoni. ora dobbiamo riprendere i punti per rifinire il girocollo che comprendono i ferri di questo bordo per i bottoni - in blu- (è importante riprendere i punti su questi ferri). fare il bordo girocollo - in rosa-; ora possiamo riprendere i punti della parte del davanti più corta comprendendo anche i ferri di questo ultimo bordo girocollo - in arancio-. ricordarsi di fare le asole in questo piccolo bordo sulla spalla del davanti. Rovescio lavoro: come lo vedi quando lo indossi. Parte blu: si riprendono i punti sulla spalla e si lavora un bordo a coste. si cuciranno i bottoni Parte rosa: si riprendono i punti partendo dai ferri del bordo sulla spalla appena terminato, si riprendono i punri del dietro, dei ferri della scollatura del davanti, i punti lasciati in sospeso del davanti e i ferri della scollatura del davanti. Si lavora uguale al primo bordo spalla fatto Parte arancio: si riprendono i punti della spalla del davanti e i ferri del giro collo appena terminato Qui devi fare le asole!!! Questo per la femminuccia, per il maschietto, si apre l'altra spalla, ma il meccanismo è uguale. nei negozi si trova tutto- aperto o chiuso- per maschietto per i bebè poi le aperture vengono differenziate * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 12

13 Davanti a mano a macchina * Davanti bimbo Hai fatto il campione, fatto i conti per il dietro che hai scelto e ora ti preparia per i conti del davanti: cardigan o maglione? a V o girocollo? queste le domande più importanti a cui rispondere per un neonato il capo più utile è un coprifasce. io non faccio "mai" quelli incrociati, perchè sono sempre troppo abbondanti e i bottoni fissi sono quasi sempre inutili. Meglio fare dei nastri con la stessa lana, lavotati a catenella e fermati in fondo con un nodo a formare un fiocchetto. perciò farai un piccolo cardigan a girocollo. Occorre mettere la metà dei punti del dietro e lavorare perfettamente uguale al dietro sino a meno 4 cm dalle spalle per fare il collo che è di appena 6 cm di larghezza. 3cm in punti messi su di un filo e 3 cm di punti calati ogni dritto, all'interno di 3 punti, uno per volta. (segue : paramanture) per un incrociato: il dietro è di 33cm e il davanti di 27cm di larghezza. i punti vanno calati ordinatamente e in modo regolare all'interno di 3 punti, così si avrà un ottimo bordino su cui riprendere i punti per la paramantura o per rifinire a uncinetto. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 13

14 davanti uomo - donna per il papà: Fabio per uomo il meccanismo e la forma della maglia è uguale a quella di un bimbo, e come ho già detto in questo caso i punti e i ferri che occorrono per le ascelle non devono superare i 7 cm. mentre per maglie fini o eleganti fare le spalle all'inglese. ci sono uomini a cui piacciono dei girocolli molto stretti, che salgono sul colletto della camicia: occorre fare una scollatura a meno 4 o 5 cm dalle spalle. e un collo del dietro di 15 o 13 cm di larghezza (vedi collo - girocollo a macchina) altri desiderano una V molto altra, altri ancora la prediligono leggermente a cuore, per mostrare di più la cravatta e la camicia (vedi collo - V a macchina). per la mamma: Silvia il davanti è uguale al dietro fino alle ascelle, e qui se hai tanto seno (una 5 per es.) dobbiamo aggiungere almeno 4 cm. questi ferri in più verranno nascosti nella cucitura dei fianchi "mangiando" i ferri del davant in modo regolare, per evitare "borse". e altri 4 cm verranno aggiunti come sbiecatura spalla (per una 4 si aggiungono 3cm... ecc) e se hai seno e gibbo: il dav e dietro sono uguali e le spalle sbiecate di 4cm, o 3cm... * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 14

15 e ascelle vanno calate sul bordo esterno come le maniche. per la donna bisogna finire le calature entro i meno 15 cm dalle spalle e le spalle devono essere di 3cm più strette delle spalle del dietro. solo per noi donne o per uomini particolarmente curvi. a volte anche noi uniamo l'essere curve alla nostra normale configurazione perciò il nostro davanti alle spalle è molto più stretto del dietro. A volte confeziono dietro con 38cm di spalle e davanti con 33cm di spalle! a capo ultimato, cade perfettamente e non si nota nulla.) Come si prendono le misure delle spalle del davanti? mettiti davanti allo specchio a braccia lungo i fianchi e guarda la tua immagine riflessa: la vedi la fessura che il braccio forma col petto alle ascelle? se sali con gli occhi verso le spalle... Riesci i a vedere dove finisce il davanti e inizia la manica? ecco quella è la misura delle tue spalle! Cardigan: vestono molto bene se confezionati con il dietro largo ai fianchi quanto alle ascelle e i davanti più ampi fino a raggiungere la circonferenza che serve. tasche a macchina: arrivare al ferro dove si dovrà cucire il bordo rifinitura e lavorare i punti della tasca con un filo diverso: una passata ago per ago e poi continuare il lavoro. questo metodo dà modo di stirare il davanti molto bene e poi di riprendere i punti e lavorare il pannello interno e di riprendere ancora i punti per fare il bordo rasato o di cucire il l bordo a coste, di stirare il tutto senza rovinare la simmetria del davanti e infine ogliere il filo diverso per fermare le parti. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 15

16 Reglan: ho deciso di metterlo nel davanti perchè spesso i due pezzi sono Reglan identici. Io di solito seguo questo disegno: il dietro dritto e il davanti con le ascelle molto evidenti. Va bene sia per uomo che donna e la manica ha modo di allargarsi in tutta la sua ampiezza perchè il reglan deve essere alle ascelle per darci la libertà nei movimenti. Per un davanti di 52 cm ascelle collo 23cm + 4cm (mezzo colmo manica) = 27cm. a mano: prediligo la costa inglese lavorata con la gettata. La trovo più veloce da eseguire meccanicamente; rimane anche più omogenea come effetto. a costa inglese, un classico! Per le macchine familiari: lavorare la costa inglese come a costa unita, cioè per confezionare un qualsiasi reglan, accollato invernale o estivo, cioè mettendo tutti gli aghi in lavorazione e il filato più sottile, anche 2 capi di scollatissimo bisogna fare i conti per le calature come fosse sempre accollato. Poi si usano i conti fino ai ferri che servono. Solitamente Solitamenteil davanti è scollatissimo, il dietro è meno scollato sarà bellissimo! occorre calare all'interno di 3 aghi e calare i punti sia nella frontura anteriore che in quella posteriore. In pratica si calano 2 punti (il 4 punto sul 5 e mentre le maniche arrivano alle spalle, infatti sono loro che tengono appeso il quart'ultimo sul quont'ultimo) per volta oppure 4 punti per volta il 4 e 5 il capo sul nostro corpo. Oppure si confeziona un capo accollato sul 6 e 7 punto a inizio e fine ferro) per frontura. e poi si taglia. Questo quando si è lavorato a macchina, ma a volte è un vero spreco! attenzione ai conti per le calature! Le passate in questo caso sono giri. Si rischia di avere una maglia corta o di calare troppo velocemente. Utile per fare una bella scollatura girocollo e allora il colmo manica è di soli 4cm, i due bordi calature. Spesso calo solo le maniche in questo modo, mentre il davanti e il dietro calo sul bordo. Il bordo che si forma, piccolo perchè è fatto solo dalle calature del dietro non stona, anzi la cucitura è migliore! * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 16

17 Ricordarsi di continuare a calare il davanti per lo stesso numero di ferri delle maniche perciò il collo sarà di pochi punti. Mentre il dietro deve risultare di 15cm di punti, ma quando si è raggiunto lo stesso numero di ferri delle maniche (perciò nel dietro bisogna calare dall'inizio in modo diverso dal davanti). Quando si taglierà il girocollo, a maglia cucita (mai i fianchi e i sottomanica), il girocollo raggiungerà l'ampiezza che ho disegnato, ma sarà più arrotondato! molto più bello. E avremo un dietro alto e un davanti scollato, come i maglioni dei negozi. Disegnare uno scollo su carta piegare la maglia con manica aperta su manica aperta e metà davanti sull'altra metà davanti e metà dietro sulla sua metà dietro (per questo i fianchi e sottomanica non vanno cuciti), posizionare la forma di carta ottenuta e fare una filza con il classico filo da imbastire per disegnare lo scollo(devi cucire i due pezzi uno sull'altro per fermarli), poi con una filza leggera(non devi prendere la parte sottostante) devi ridisegnare la forma del collo sulle due metà piegate e infine togliere la prima filza fatta per poter riaprire la maglia piegando il davanti sul dietro. Ora puoi iniziare a cucire sul rovescio del lavoro il bordo a coste (alto quanto basta per essere doppiato sul davanti). Un lavoro ordinato! solo se sei soddisfatta puoi proseguire, non ci devono essere parti che "tirano storto" o cuciture un po' su, un po' giù... bene! si va! un paio di forbici che taglino bene e si taglia la parte interna del collo, attenta a non tagliare il bordo, attenta a non tagliare troppo vicino al bordo, i punti si sfilerebbero! E subito fermare sul diritto lavoro il bordo a punti aperti a maglia indietro... una faticaccia, ma che soddisfazione quando ti dicono << Ma l'hai fatto tu?????!!!!!! >> continuare con manica vedi dietro fianchi spalla aperta * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 17

18 se lavori dalla vita alle spalle leggi come fare manica: Kimono Kimono se lavori dal polso al collo fai così:(leggi comunque la parte dedicata alla manica alcune regole le devi mettere in pratica anche qui) per poi scendere all'altro polso...fai così: inizi dal centro dietro (filo di scarto) e arrivi fino alla fine del collo del davanti e lasci in sospeso il lavoro. Inizi il davanti dal centro del collo e fai gli aumentoi ai lati della scollatura per raggiungere i punti del dietro e unisci i due lavori e continui verso il polso con le calature. in questo modo puoi controllare più facilmente le lunghezze e larghezze e cosa moooooolto importante le due parti sono uguali, non da una parte calature e dall'altra aumenti! terminato col polso chiudi il tubolare e riprendi i punti del dietro e lavori fino a raggiungere la larghezza collo del davanti, lasci in sospeso e lavori a specchio il davanti, unisci al dietro e rifai a apecchio le stesse calature che hai lavorato nella prima parte del lavoro e raggiungi il secondo polso, chiudi il tubolare del polso, riprendi i punti del fondo e lavori i bordi del davanti e dietro e infine cuci i sottomanica. sembra una spiegazione breve per un lavoro complesso... * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 18

19 Collo a mano a macchina * ci sono uomini a cui piacciono dei girocolli molto stretti, che salgono sul colletto della camicia: occorre fare una scollatura a meno 4 o 5 cm dalle spalle. e un collo del dietro di 15 o 13 cm di larghezza. ma per la maggioranza dei casi una scollatura a meno 7 cm dalle spalle va bene. mentre per donna meno 8 cm oppure meno 10cm per mostrare una collana. altri uomini desiderano una V molto altra (meno 22cm quando è rifinita con le coste sarà di meno18cm o meno16cm), altri ancora la prediligono leggermente a cuore, per mostrare di più la cravatta e la camicia. per noi femminucce che seguiamo la moda...va bene qualsiasi cosa: quindi V normale o a cuore o asimmetrica / per noi è lo stesso se lo dice la moda... importante calare all'interno di 3 punti, regolare e ordinato, bisogna riprendere i punti per rifinire il collo e un lavoro che nasce ordinato... sarà più bello da vedere e da indossare. e poi se non piace a te, non piacerà nemmeno agli altri!!!! e un marito, figlio/a, fidanzato, costretto/a a portare una cosa, come definirla? bruttina? che figura fai? perciò se non viene bene, bisogna disfare!!!! girocollo per lo scollo una piccola precauzione: se si lavora con la macchina familiare e si estraggono gli aghi dal lavoro: prima si chiudono con filo diverso i punti dello scollo, con un filo di scarto (cotone, che non stinga, che non lasci pelo). Poi con altro filo di scarto fare manualmente una passata sugli aghi che andranno tolti dal lavoro e allungare il più possibile il punto, ago per ago, mettere un pesetto ed estrarre gli aghi togliendoli dal lavoro (senza pesetto c'è il pericolo che cadano i punti) e ora lavorare i punti dlla parte del collo da lavorare. in questo modo il filo, lana o cotone, non si rovina alzando il pelo,causato dall'attrito delle passate necessarie per raggiungere la spalla. adesso con precauzione disfare i punti con il filo di scarto e lavorare la seconda parte del collo. (Quando uso questo metodo faccio un cappio e metto questo cappio nel primo ago. così non rischio che si sfili il filo dagli aghi quando disfo) scollatura a V utile per gli scolli a giro, ma per un maglione a V è meglio togliere i punti dagli aghi mettendoli su di un ago da calza a 2 punte molto fine(usare come prima il filo di scarto, quando si riprende il lavoro non ci sarà differenza tra la parte lavorata e quella rimessa in lavoro), lavorare la prima parte di V e poi rimettere i punti sugli aghi e lavorare la seconda parte di V. le calature interne di 3 punti saranno migliori e le due parti uguali. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 19

20 come detto prima, vedi il collo a V calato regolarmente, quello leggermente a cuore per uomo e quelli a cuore per donna. 2 la spalla è il segmento FD. solitamente questa scollatura è molto profonda e molto ampia. Spesso con un grosso seno nel punto BE si mette una fetuccia con bottone automatico per legare la scollatura alle spalline del reggiseno. Mentre per un seno piccolo e una scollatura molto profonda, si mette la fettuccia nel vertice A per legarlo al balconcino(unica precauzione: si indossa la maglia con quel particolare reggiseno e si è fatta la scollatura in funzione di quel particolare reggiseno!) In questo modo sarai sempre vestita e quando ti chini per raccogliere la merce dal carrello e posarla sulla cassa...o sul banco per scrivere l'ordine da consegnare alla cassa... non mostrerai nulla di più del voluto! e anzi, avrai un seno bellissimo perchè fermo nella corazza di un reggiseno imbottito! colli a scialle a mano a macchina * a mano si riprendono i punti se è un cardigan e si lavora a coste in ferri di andata e ritorno fino a raggiungere l'altezza desiderata... sì, ma qual'è questa altezza (circa 14 cm) e come si fa? in un unico pezzo o in 3 pezzi lavorati separatamente? meglio in 3 pezzi! volta il lavoro e così in questo lato sono già 2 ferri lavorati, arriva ai punti del collo e qui devi fare degli aumenti: 1 gettata ogni 3 punti lavorati (ricordati che stai lavorando a coste, attenta all'alternanza) praticamente devi aumentare il 4 invece di lavorarlo. Ariva fino alla fine e lavora 3 punti che hai raccolto prima sui ferri della V e gira il lavoro. Lavora le gettate ritorte e arriva a lavorare i primi 3 punti raccoti sui ferri della V dell'altro dav. ora devi fare un po' di conti: i ferri che hai fatto per le paramanture asole/bottoni quanti erano? e quanti cm sono in altezza? e perciò in 12/14 cm quanti ferri devi lavorare? Quanti punti hai nelle V? Quanti punti devi riprendere per volta per arrivare ad avere i cm che ti servono nella metà del lavoro(12/14) e i ferri uguali alle paramanture ai due lati(tenendo conto che da un lato ne hai già lavorato 2 e dall'altro 1)?e che devi fare ancora il tubolare? pensaci e risolvi il problema... in questo ti posso aiutare solo se mi scrivi e mi dai tutti i dati che mi servono per farti i conti, sono qui apposta! a macchina si inizia sempre dal tubolare e devi scegliere se fare la paramantura del cardigan in 2 o 3 pezzi. di solito sono 3: dal fondo all'inizio della V per le parti asole/bottoni e la parte centrale che comprende la scollatura a V dei davanti e i punti del collo del dietro. fatte le paramanture asole/bottoni, puoi cucirle o no ai rispettivi davanti, ma devi cucire i davanti al dietro e contare i punti che ti sono rimastri tra le spalle. Questi punti vanno aumentati per dare l'ampiezza al collo quando si volterà una volta indossato, devi aumentare 1 punto ogni 3 punti. contare quanti ferri ci sono per la scollatura a V. scritto? sì! questi sono i punti che devi mettere sulla macchina e ora devi calcolare quanti ferri devi avere per ottenere un'altezza al centro di 12/14 cm e ai lati gli stessi ferri delle paramanture. e quanti punti devi chiudere "m o r b i d o" dopo che hai raggiunto i ferri delle paramanture e lavorare di conseguenza. se trovi difficoltà puoi scrivermi per aver i conti fatti, o per vedere se i tuoi sono giusti... vedi tu, io sono qui apposta. a lavoro finito cucire rimagliando il meglio possibile il collo alla scollatura del cardigan e alle paramanture. partendo da dove iniziano le calature della V da ambo i davanti e salire rimagliando verso il collo del dietro. Per un maglione con lo scollo a scialle ci si comporta allo stesso modo. a mano e a macchina bisogna iniziare dal tubolare e lavorare il collo staccato e seguire i consigli per il metodo a macchina. In questo caso non ci sono le paramanture, ma ci sono i punti lasciati in sospeso al centro del davanti. Per sapere quanti ferri occorrono per coprire i punti seguire la regola descritta qui come fare: Regole ferri e punti). * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 20

21 Colletto per polo a mano a macchina * confezionare un collettino per un pul polo, per un cardigan di lana o di cotone. 7 cm di altezza minimo, per adulti. due metodi: 1 ) conti la metà dei punti della paramantura, i punti dello scollo del primo dav, poi i ferri dello scollo dello stesso davanti, i punti del collo del dietro, i ferri, i punti dello scollo e la metà dei ferri della paramantura del secondo davanti. il numero ottenuto sono i punti da lavorare. 2 ) calcoli in centimetri il girocollo e fai il conto usando i punti del campione della maglia rasata... spesso il risultato coincide. un metodo strano, ma semplice, per ottenere un collettino armonioso, non stretto, non troppo ricco è questo: fatto il conto dei punti come ho spiegato al punto 1 si divide x3 e il risultato si mpltiplica per 4. questo permette di avere un bel collo e di poterlo finire con un cm di tubolare che poi cucirai a maglia indietro sia sul dritto che sul rovescio del lavoro. oppure dovrai calare i punti in eccesso per potrlo rimagliare sulla scollatura, punto su punto e punto su ferro. fatta la calatura lavori ancora un ferro e poi chiudi i punti con un filo contrastante. coi ferri di solito riprendi i punti vedi metodo1. e nel secondo ferro esegui gli aumenti neccessari se neccessari! l colletto normalmente è alto 7 cm di coste più 1cm di fascetta tubolare per cucire. questo spiegato sopra lo devi lavorare a costa unita. iniziato col tubolare per le coste e finito col tubolare lavorato con la stessa tensione usata per la maglia rasata per un cm di tubolare (parte che cucirai sullo scollo). prima di togliere il lavoro dalla macchina lavori un cm di tubolare con filo di scarto e mezzo cm di coste per tenere unito il tubolare. tolto dalla macchina, stiri il collettino, disfi le coste (solo le coste, non il tubolare) lavorate col filo di scarto e chiudi i punti della parte tubolare del colletto con filo contrastante. adesso puoi disfare la parte tubolare lavorata col filo di scarto. se hai un filo grosso, o un cotone molto duro non puoi usare la costa unita, ma la costa 1/1 e allora quando avrai terminato i 7 cm di coste per il colletto, devi mettere in lavoro gli altri aghi per la fascetta tubolare e lavorare come spiegato prima. si formeranno i buchini. per cucire inizi e finisci nel mezzo della paramantura, fermi con uno spillo il centro del dietro e il centro del colletto e poi armonizzi con altri spilli il colletto allo scollo. stai attenta di prendere solo la parte sul dritto del lavoro per prima. inizi a cucire a maglia indietro e poi disfi la chiusura dei punti che hai fatto prima con il filo contrastante... bello? poi prendi i punti del rovescio del lavoro e cerchi di coprire la cucitura che hai fatto fermando i punti sul dritto del lavoro. questo è un po' complicato perchè devi riuscire a nascondere e non far... pasticci!!!!!!! un piccolo segreto: prima di cucire la parte interna, sempre coi punti ancora chiusi dal filo di scarto, lavori con una parte del filo della maglia (un capo, due capi, oppure refe dello stesso colore) a maglia indietro in modo da fermare i punti e poi disfi la chiusura contrastante e infine fermi la parte interna sui fili della cucitura fatta quando hai fermato il colletto sul dritto del lavoro. lungo a spiegare, lungo da fare, ma il risultato è molto bello! * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 21

22 Manica a mano a macchina * La manica di Miriam / Andrea Il polso di una manica per neonato deve fare in modo che la mano della mamma e del papà possa entrarvi! per questo il minimo sono 18 cm. poi cosa molto importante: quanti punti alle ascelle (prima delle calature)? la manica deve essere giusta, non avere strani sbuffi occorre misurare il dietro dalle ascelle alle spalle = 12 cm presto fatto dirai: 24 cm! NO, in questo modo la manica risulterà abbondante! bisogna togliere 0.5cm ai 12cm = 23 cm La manica di Fabio per uomo di solito si confezionano maglie fatte come nel disegno posto sopra. queso piccolo scalfo di 3cm x 3cm, per uomo diventa di al massimo di 7cm, poi si avrà la spalla scesa. e per far sì che la manica cada bene bisogna che sia più stretta dello spazio che andrà a occupare. utile la regola: Ho i ferri ma quanti punti mi servono? visto che le ascelle del dietro, del davanti e delle maniche (in questo tipo di maglia) sono uguali sia nei punti che nei ferri, si contano i ferri dopo l'ultimo punto calato delle ascelle fino alle spalle e questo numero si divide per 4 e il risultato si moltiplica per 3 e si ottiene il numero dei punti che dobbiamo avere alla fine della manica (nel disegno sopra i 17cm = 23cm meno 3cm e meno 3cm delle ascelle), punti da chiudere morbidi, molto morbidi! Ovviamente a questi punti si devono aggiungere i punti delle acelle per avere l'ampiezza necessaria (nel disegno sopra 23cm). dico la stessa cosa in modo diverso: quanti ferri ho dalle ascelle alle spalle? ecco questo numero va diviso per 4 e il risultato va moltiplicato per tre e questo risultato sono i punti che dobbiamo avere alle ascelle delle maniche. * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 22

23 Ecco le regole per gli scalfi manica 23

24 Aumenti: hai la lunghezza della manica dal polso all'ascella; dividila a metà. prima metà: polso gomito. seconda metà: gomito ascella. per Fabio gli aumenti nella prima metà manica sono vicini e più radi nella seconda metà. per Silvia gli aumenti nella prima metà manica sono radi e molto vicini nella seconda metà Hai i ferri dal polso(dopo il bordo)all'ascella.. Come aumentare? Ogni quanti ferri? Devi dividere i ferri per i punti e avrai un numero indicativo: se è pari va già bene, se è dispari devi usare il numero pari inferiore. E provare ogni 4 ferri e poi ogni 6 e poi ogni 8... (per donna) è un esemio. io scrivo i numeri dei ferri a penna e poi a matita faccio la conta... lungo ma soddisfacente Questo per quanto riguarda quanto aumentare e dove. Mentre per come aumentare va a gusti e al modo usato per confezionare la manica. a macchina * A mano: all'interno di 3 punti perchè di solito si cuce la manica a punto maglia ( avere un bel bordo su cui cucire agevola il lavoro). Per punti operati: sarebbe bene aumentare in esterno e cucire a punto catenella passate alterne. Nelle industriali solo in esterno. o a maglia indietro. Nei punti traforati: basterebbe non fare una calatura, la prima o l'ultima più vicina al bordo. Però è meglio aumentare in esterno ferro (ovviamente quando occorre). A macchina: nelle familiari si può aumentare all'interno di 3 punti, con un poco di attenzione, ma molto spesso si aumenta mettendo un ago esterno in lavoro a Punti a coste: sempre in esterno, ma quando si lavora coste 1/1(costa semplice, unita, perlata, inglese) aumentare la coppia di punti avviando i 2 punti ogni inizio Ecco come: Estrarre un ago esterno per frontura e fare la passata mettere il feretto per fermare la lana, estrarre un ago per frontura e fare la seconda pasata e mettere l'altro ferretto per fermare la lana del secondo aumento. mi sono fatta dei ganci da inserire tra le fronture, per non far cadere i punti. alcune macchine forniscono questi strani ferri (Toyota), altre no. e praticamente sono da spostare ad ogni gruppo di aumenti. Mi sono costruita anche dei pesetti a grammature diverse con i bulloni per questi ferretti, perchè spesso i pesi forniti con la macchina (anche quelli piccoli) sono troppo pesanti per questo uso, o troppo leggeri (quelli forniti per il Robot della Brother). le calarure del colmo manica Hai i punti alle ascelle e hai i punti del colmo. hai seguito lo schema e perciò hai anche i ferri che ti servono per le calature. ora faccio un esempio: ascelle 38+38punti(24cm), colmo di 9+9punti(6cm) e 30 ferri dalle ascelle al colmo (7 cm). Devi calare 29 punti per parte di cui 3 punti subito. ora per farti vedere il metodo io segno i punti calati partendo dal 4 e arrivo al 29 punto, con un meccanismo particolare, da usare sempre nelle calature delle maniche a giro e semi giro(come questa). i ferri sono in rosso(segno solo il dritto lavoro, e per comodità, ho deciso che siano numeri pari dal 2 al 30) e i punti in nero e verde. (maglioncinio per bimba di 4 anni lavorato con la 7-3 capi merinos - 32 punti per 43 ferri in 10 cm. Dal polso (dopo le coste di 2 cm) alle ascelle 120 ferri (28 cm). perciò chiudere 3 punti subito al dr lav, 3 punti subito al rov lavoro per le ascelle e 2 punti per parte per 3 volte, 1 punto per parte per 4 volte e 2 punti per parte per 8 volte. Restano da chiudere morbidi al 31 ferro18 punti. il meccanismo che voglio che tu capisca e che adotti nei tuoi lavori è la sequenza di numeri in verde. aggiungi 2 punti al colmo, uno alle ascelle (i punti 19 e 20 al colmo e il punto 21 alle ascelle). In questo modo la manica è molto simile a quella tagliata dalla sarta e con un poco di attenzione in più si potrebbe calare la parte della manica che andrà cucita al dietro in mdo regolare e la parte che sarà cucita al davanti calata in questo modo...è una follia! però per un bel cappotto foderato... * se non ci sono distinzioni tra le colonne: a mano e a macchina, si lavora in ugual modo. 24

COMPLETO ROSA. Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi

COMPLETO ROSA. Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi COMPLETO ROSA Un completino comodo ed avvolgente per primi mesi Taglia 1 e (4-6 mesi) nel caso di un'unica indicazione questa si riferisce ad entrambe le misure OCCORRENTE: circa 250 gr. Di filato lana

Dettagli

Autunno Inverno 2013/2014 Rivista n. 25-2013

Autunno Inverno 2013/2014 Rivista n. 25-2013 Autunno Inverno 2013/2014 Rivista n. 25-2013 ABC della Maglia : è indispensabile per la buona riuscita del lavoro. Se non diversamente indicato nella spiegazione, avviare una decina di maglie corrispondente

Dettagli

Custodia per cellulare

Custodia per cellulare Istruzioni Necessario: Macchina da cucire 2 pezzi di stoffa (4,5" x 13") (11,4 cm x 33 cm) 1 pezzo di imbottitura adesiva 2,5" (6,4 cm) di elastico sottile 1 bottone colorato Forbici Spilli Modelli forniti

Dettagli

Autunno Inverno 2014/2015 Rivista n. 28-2014 L ABC DEL LAVORO A MAGLIA

Autunno Inverno 2014/2015 Rivista n. 28-2014 L ABC DEL LAVORO A MAGLIA Autunno Inverno 2014/2015 Rivista n. 28-2014 L ABC DEL LAVORO A MAGLIA TERMINI UTILIZZATI Accavallata (acc.): Passare 1 m. sul ferro destro senza lavorarla, prendendola a dir. e tenendo il filo dietro

Dettagli

Skadi By Erika Neitzke Traduzione di B.Ajroldi per www.tricotting.com

Skadi By Erika Neitzke Traduzione di B.Ajroldi per www.tricotting.com Occorrente: 2 [2, 3, 3] matasse di filato cascade Yarn venezia (200m x 100 gr) colore grigio 1 matassa di filato color lavanda In totale da 601 801 m di filato Ferri circolari 4mm con cavo da 60 cm Gioco

Dettagli

ORGANIZZATORE PER BORSA GRANDE

ORGANIZZATORE PER BORSA GRANDE ORGANIZZATORE PER BORSA GRANDE Lavorando a circa cinquanta chilometri da dove vivo, la borsa risulta per me è essere uno strumento di sopravvivenza! Dentro di essa deve trovare spazio tutto ciò che ipoteticamente

Dettagli

COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI

COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI Le misure fornite sono per una copertina da culla, le cui dimensioni sono 60 x 74 cm. Materiali: - un pezzo di stoffa azzurra di circa 50 x 60 cm (base del pannello centrale)

Dettagli

IL MODELLO INDUSTRIALE

IL MODELLO INDUSTRIALE IL MODELLO INDUSTRIALE Per poter effettuare un piazzamento e un taglio di tipo industriale abbiamo la necessità di possedere un modello, o tracciato, industrializzato. Un modello si può definire industrializzato

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version 1 Per costruire questo modello, è necessario stampare su cartoncino formato A4 bianco, il relativo file, che avete scaricato assieme a queste istruzioni dal sito http://raggiogamma.altervista.org Tagliate

Dettagli

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO

ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO ACCESSORI D UFFICIO REALIZZATI CON MATERIALI A BASSO COSTO E MATERIALI DI RECUPERO INDICE CAP.1 1.1 Il porta pc - Descrizione dell oggetto 1.2 Caratteristiche dimensionali, geometriche, formali e dei materiali

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano.

Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano. Per una sposa "eco" di Simona Girelli Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano. MATERIALI E ATTREZZATURA 8 rotoli (50 m cad.) di pellicola trasparente

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Corso di cucito e sartoria

Corso di cucito e sartoria 1 Per scoprire il mondo della moda. E il punto di arrivo per chi vuole imparare per uso proprio e il punto di partenza per chi ne vuole fare la sua professione. Nella prima fase del il corso di cucito,

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

Culla a doppia croce con la tasca dentro

Culla a doppia croce con la tasca dentro Culla a doppia croce con la tasca dentro 1. 2. Troviamo la metà della fascia (di solito segnata). Prendiamo una banda della fascia nella mano destra e la portiamo dietro sulla schiena e dalla schiena,

Dettagli

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino Claudia Porta Come realizzare una Bambola Waldorf Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino 1 2 3 Le bambole Waldorf sono bambole di stoffa morbide e semplici, realizzate a mano

Dettagli

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T

Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T Borsa Italia, seconda metà del secolo XVI altezza cm 19, diametro 20 ca. Proprietà: Palazzo Madama - Museo Civico d'arte Antica, 1272/T La borsa è in velluto di seta tagliato unito di colore cremisi, ricamata

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

BIANCO E BLU. L autunno e l inverno sono alle porte e per chi di noi ama i lavori creativi, i nuovi progetti rendono più gradevoli le ore senza sole.

BIANCO E BLU. L autunno e l inverno sono alle porte e per chi di noi ama i lavori creativi, i nuovi progetti rendono più gradevoli le ore senza sole. SOMMRIO PREFZIONE INCO E LU ngelo con i pattini Patchwork grazioso Palle patchwork con pentagoni Tovaglietta con esagoni Federa patchwork Quilt patchwork increspato Pattini decorativi DOLCE NTLE Orsi polari

Dettagli

1) il menu: qui trovi tutte le funzioni di comando del sito. 2) i dati sulla campagna corrente: qui puoi cambiare il nome e la descrizione e puoi

1) il menu: qui trovi tutte le funzioni di comando del sito. 2) i dati sulla campagna corrente: qui puoi cambiare il nome e la descrizione e puoi Come si fa? Struttura del messaggio Cominciamo con l illustrare la struttura dello spazio in cui costruire il messaggio. Come vedi in figura la pubblicità è composta da 6 elementi: 1 5 PERSONALE (ES. LOGO)

Dettagli

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc.

Indicazioni: Questa è la mia cartella. Ho tantissime cose nella mia cartella: ci sono delle matite, dei pennarelli, una gomma, la colla, ecc. Unità II La scuola Contenuti - Oggetti scolastici - Utilizzo degli oggetti scolastici - Classe - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto va a scuola L Orsoroberto ha sei anni e va a scuola.

Dettagli

Metti in scena la tua Carmen

Metti in scena la tua Carmen Metti in scena la tua Carmen Se vuoi, puoi divertirti a mettere in scena una tua rappresentazione di Carmen creando un allestimento scenico con l aiuto della fantasia e... delle tue mani. Per ricostruire

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

SECCHIELLO-LONG BAG. cm. 20. cm. 35

SECCHIELLO-LONG BAG. cm. 20. cm. 35 SECCHIELLO-LONG BAG cm. 20 cm. 35 Per realizzare il secchiello occorrono 2 rettangoli di tessuto per l esterno (cm. 20x35) e 2 rettangoli di tessuto per l interno (cm. 20x35 dello stesso tessuto dell esterno

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard?

SMARTBOARD. Cosa si può fare con una smartboard? SMARTBOARD Cosa si può fare con una smartboard? si può scrivere come si farebbe su una lavagna, con il vantaggio di poter poi salvare quanto scritto; si può andare ad interagire con una presentazione PowerPoint

Dettagli

Regolamento Ravennate 200/400

Regolamento Ravennate 200/400 Regolamento Ravennate 200/400 L INIZIO Il tavolo è composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. Controllare la propria posta in fiches,, deve risultare un totale di 2000 punti. ( 1 da 1.000,

Dettagli

Il mio regalo per il WWF

Il mio regalo per il WWF WWF Svizzera Concorso lavoro a maglia Casella Postale 8010 Zurigo Il mio regalo per il WWF Numero federe per borsa dell acqua calda: N. socio: Signora Signor Cognome: Nome: Via/N.: NPA/Località: Tel.:

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com In rete ci sono alcuni tutorial su come preparare le punte, ma niente di davvero specifico. Ho deciso di creare questo tutorial

Dettagli

VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE

VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE In Harley-Davidson non crediamo che sia tu a doverti adattare alla moto, o a dover trovare la moto adatta a te, perché siamo certi di poter modificare

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di

i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma di J.AThePowerOfSponsorship'' Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org i 5 Passi per Dupplicare il tuo metodo di fare Network Marketing ---> 4 Lezione: Come Guadagnare col Programma

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Sistema di Confezione in Linea

Sistema di Confezione in Linea Cap. VI REPARTO CONFEZIONE L assemblaggio dei vari pezzi di modello è l operazione che porta alla realizzazione del capo e che è argomento di riflessione per la scelta del tipo di organizzazione del lavoro

Dettagli

Il grande lavoro a. maglia. www.dasgrossestricken.ch

Il grande lavoro a. maglia. www.dasgrossestricken.ch Il grande lavoro a maglia www.dasgrossestricken.ch Salve. A scrivere siamo noi di innocent, l azienda che produce i deliziosi smoothie e succhi venduti nei banchi frigo. Oggi voremmo racontarvi qualcosa

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco Scopa Il Torneo Il toreo di scopa viene solitamente organizzato in incontri ad eliminazione diretta due contro due (va quindi utilizzato il tabellone ad eliminazione diretta). Non è consentito parlare

Dettagli

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina [Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina Creare cartelle per salvare il lavoro] Per iniziare dobbiamo imparare a gestire quello spazio bianco che diverrà la

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

Realizzare un film con Windows Movie Maker

Realizzare un film con Windows Movie Maker Realizzare un film con Windows Movie Maker La Teca Didattica Movie Maker è un applicazione di Windows poco sfruttata a scuola, ma molto carina e facile da usare per realizzare piccoli film con i compagni

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo).

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo). ALLUNGAMENTO DEL PENE Nota importante: non sono un medico nè un esperto di queste problematiche pertanto non ponetemi domande scientifiche, sono solo un uomo che, avendo il problema (o è solo un complesso?...mah..)

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

PAROLA ALL HAIR STYLIST Intervista allo specchio

PAROLA ALL HAIR STYLIST Intervista allo specchio Beauty / Moda PAROLA ALL HAIR STYLIST Intervista allo specchio di Elena il 16 giu, 2012 3:00 pm Nessun commento Oggi voglio cambiare qualcosa, il web solletica la mia fantasia, una testa nuova è quello

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

CONOSCERE GLI ALIMENTI

CONOSCERE GLI ALIMENTI SCHEDA DIDATTICA 2 CONOSCERE GLI ALIMENTI Entrare dal pescivendolo e chiedere: Mi dà per cortesia due etti di proteine e 5 grammi di omega 3? Oppure rivolgersi al panettiere chiedendo: 70 grammi di carboidrati

Dettagli

CUCITURA A PUNTI ZIGZAG

CUCITURA A PUNTI ZIGZAG CUCITURA A PUNTI ZIGZAG Portare la rotella di selezione del punto su B. Funzione della rotella larghezza punto La larghezza massima del punto zigzag per la cucitura a punti zigzag è 5, tuttavia, è possibile

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI MATEMATICA. Scuola Primaria. Classe Quinta. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe

Dettagli

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING!

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING! I PRIMI PASSI NEL NETWORK MARKETING Ciao mi chiamo Fabio Marchione abito in brianza e sono un normale padre di famiglia, vengo dal mondo della ristorazione nel quale ho lavorato per parecchi anni. Nel

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Ecco qui un piccolo documento per descrivervi come, con il prezioso aiuto di mio papà, mi sono fatto le tasche per l Iby!!!

Ecco qui un piccolo documento per descrivervi come, con il prezioso aiuto di mio papà, mi sono fatto le tasche per l Iby!!! Ecco qui un piccolo documento per descrivervi come, con il prezioso aiuto di mio papà, mi sono fatto le tasche per l Iby!!! Prima di tutto ho smontato le cartelle ovviamente e lì abbiamo studiato un po

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

CREIAMO LE BAMBOLE ISTRUZIONI PER LA BAMBOLA

CREIAMO LE BAMBOLE ISTRUZIONI PER LA BAMBOLA CREIAMO LE BAMBOLE ISTRUZIONI PER LA BAMBOLA GIRELLINA Le istruzioni per la GIRELLINA come quella in figura che ha la testina di lana e stoffa ti vengono inviate, sempre gratuitamente, se sei già iscritta/o

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso.

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. REGOLAMENTO FAENTINO LE PEDINE Sono 144 così divise: Fiori x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Stagioni x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Dall 1 al 9 x 4 Scritti (detti anche caratteri) Dall 1 al 9 x 4 Canne (detti

Dettagli

Creare tabelle con Word

Creare tabelle con Word Creare tabelle con Word Premessa In questa breve guida userò spesso il termine "selezionare". "Selezionare", riferito ad un documento informatico, vuol dire evidenziare con il mouse, o con altre combinazioni

Dettagli

TRUCCHI PER GIMP - Elemento a colori in foto bianco e nero

TRUCCHI PER GIMP - Elemento a colori in foto bianco e nero TRUCCHI PER GIMP - Elemento a colori in foto bianco e nero Salve Prof. Cantaro come promesso le mando un altro articolo da poter inserire nelle sue guide. Questa volta però a differenza dell'ultima,ho

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Costruisci il tuo mood grafico

Costruisci il tuo mood grafico Costruisci il tuo mood grafico Ciao! Magari hai un hobby creativo, oppure ti sei lanciata da poco in una nuova attività o semplicemente ti piace usare i social e vuoi crearti una tua immagine personale.

Dettagli

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa.

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. I canarini Luca, che è un appassionato allevatore di canarini, compra, alla fiera di Borgopennuto, 4 canarini gialli.

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici Andrea Milanese I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE Laboratori

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Livello intermedio Il futuro Il futuro semplice

www.iluss.it - Italiano online Livello intermedio Il futuro Il futuro semplice semplice semplice indica che l azione espressa dal verbo si svolge in un momento successivo al presente. Domani Giorgio darà l'esame. Fra un anno finirò l'università e comincerò a lavorare. essere sarò

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli