*************************************************** NORME DI CARATTERE GENERALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "*************************************************** NORME DI CARATTERE GENERALE"

Transcript

1 RIASSUNTO SISTEMATICO DELLE VARIE FASI DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE (AFFIDAMENTO DIRETTO-ACQUISIZIONE IN ECONOMIA ACQUISIZIONE IN ECONOMIA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO) ELABORAZIONE DEL PROSPETTO A CURA DI ARMANDO CAMPRIA *************************************************** NORME DI CARATTERE GENERALE L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA RAPPRESENTA UN SISTEMA ALTERNATIVO ALLE NORMALI PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI PUBBLICI CHE PUO ESSERE UTILIZZATO ESCLUSIVAMENTE IN PRESENZA DI DETERMINATE SITUAZIONI. IL CCP HA COMUNQUE STABILITO CHE I LAVORI IN ECNOMIA SONO AMMESSI SOLO PER IMPORTI NON SUPERIORI A ,00 EURO LE ACQUISIZIONI DI LAVORI, BENI E SERVIZI POSSONO ESSERE GESTITI IN ECONOMIA PERO SOLO IN PRESENZA DI UN ATTO DELLA COMPETENTE AMMINISTRAZIONE NEL QUALE SIANO INDIVIDUATE E REGOLAMENTATE LE TIPOLOGIE PER LE QUALI PUO ESSERE ADOTTATO IL SISTEMA IN ECONOMIA TUTTI I CONTRATTI DELLA P.A., ANCHE SE AL DI SOTTO DELLA SOGLIA COMUNITARIA, DEVONO ESSERE PRECEDUTI DA PROCEDURE CONCORSUALI (VEDI LEGGE DI CONTABILITA DELLO STATO E RELATIVO REGOLAMENTO) LE SPESE IN ECONOMIA ED IL COTTIMO SONO GIUSTIFICATE NEL NOSTRO ORDIAMENTO SULLE ATTIVITA NEGOZIALI ESCLUSIVAMENTE SE SI RIFERISCONO A IPOTESI NEGOZIALI DI BASSO VALORE CHE POSSANO FAR SACRIFICARE IL PRINCIPIO DELLA LIBERA CONCORRENZA COSI COME PREVISTO DALLE NORME COMUNITARIE CORRE L OBBLIGO DI PRECISARE CHE IL PRINCIPIO DELLA LIBERA CONCORRENZA GARANTISCE A CIASCUN POTENZIALE CONCORRENTE LE STESSE POSSIBILITA DI PARTECIPAZIONE ALLE PROCEDURE DI GARA E L IMPARZIALITA DELL AZIONE AMMINISTRATIVA L AMBITO DI APPLICAZIONE DI PROCEDURE ECONOMALI POTREBBE OGGI ESSERE LIMITATO, NELL AMBITO DELLE FORNITURE, ATTRAVERSO IL RIFERIMENTO AI PREZZI INDICATI NELLE CONVENZIONI CONSIP O CON LA IMPLEMENTAZIONE DEI MERCATI ELETTRONICI IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI PREVEDE PER LE PROCEDURE ECONOMALI RELATIVE ALL ACQUISIZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AFFIDAMENTI CARATTERIZZATI DA TRASPARENZA, ROTAZIONE, PARITA DI TRATTAMENTO PRINCIPI CHE SI RITENGONO SODDISFATTI CON LA CONSULTAZIONE DI UN NUMERO MINIMO DI OPERATORI ECONOMICI APPARE UTILE RICHIAMARE AL RIGUARDO L ORDINANZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE CHE TESTUALMENTE RECITA: sebbene le direttive comunitarie che coordinano le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici si applichino soltanto ai contratti il cui valore supera un determinato limite previsto espressamente in ciascuna delle predette direttive, il solo fatto che il legislatore comunitario abbia considerato che le procedure particolari e rigorose previste in tali direttive non sono adeguate allorché si tratta di appalti pubblici di scarso valore, non significa che questi ultimi siano esclusi dall ambito di applicazione del diritto comunitario IL C.C.P., ART.125, ED IL REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE ED ESECUZIONE DEL C.C.P., ART. 173/174/330, DELINEANO IL QUADRO NORMATIVO DELLE SPESE IN ECONOMIA 1

2 LE TRE TIPOLOGIE DELLE SPESE IN ECONOMIA SONO: - AMMINISTRAZIONE DIRETTA - INDIVIDUAZIONE DIRETTA DEL FORNITORE - COTTIMO FIDUCIARIO NEL CASO IN CUI L ISTITUZIONE SCOLASTICA DEBBA COMPARARE LE OFFERTE DI PIU DITTE, CHE CONSENTANO UNA SIGNIFICATIVA COMPARAZIONE, SPETTA AL DIRIGENTE SCOLASTICO L INDIVIDUAZIONE DELLE DITTE STESSE E L INDICAZIONE DEI PRODOTTI/SERVIZI E DELLA MODALITA DI FORNITURA DA INDICARE NEL PREVENTIVO ATTRAVERSO RICERCHE DI MERCATO-TENUTA DI PREZZARI-TENUTA DI ALBI E TENUTA DI ELENCHI DI FORNITORI, MA E IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI (ATTIVITA ISTRUTTORIA), CHE FA UNA INDAGINE DI MERCATO, CHE FORMALIZZA LA RICHIESTA ALLE DITTE, RICEVE DA QUESTE LE OFFERTE E REDIGE UN PROSPETTO COMPARATIVO SULLA BASE DI QUANTO INDICATO PRECEDENTEMENTE DAL DIRIGENTE SCOLASTICO, TRASMETTENDO IL TUTTO (OFFERTE, PROSPETTO COMPARATIVO ED EVENTUALE PARERE DELLA COMMISSIONE TECNICA) ALLO STESSO DIRIGENTE PER LA SCELTA DEL FORNITORE NELLA INDIVIDUAZIONE DELLA MIGLIORE DITTA OFFERENTE SI DEVE TENER CONTO NON SOLO DI CRITERI DI SCELTA PURAMENTE ECONOMICI, MA ANCHE DELLA QUALITA DEL MATERIALE OFFERTO, DELLE CONDIZIONI COMPLESSIVE ALLE QUALI IL MATERIALE STESSO E PROPOSTO E DELL AFFIDABILITA DELLA DITTA PROPONENTE SI RICORDA CHE L ART.23 DELLA LEGGE 62/2005 HA SOPPRESSO LA FACOLTA DELLE PP.AA. DI PROCEDERE AL RINNOVO TACITO DEI CONTRATTI PREVEDENDO SOLTANTO LA POSSIBILITA DI UNA PROROGA TEMPORANEA PER IL PERIODO NECESSARIO ALLA STIPULKA DEI NUOVI CONTRATTI A SEGUITO DI ESPLETAMENTO DI GARE AD EVIDENZA PUBBLICA E COMUNQUE FINO AD UN MASSIMO DI SEI MESI I CONTRATTI STIPULATI E LE CONVENZIONI CONCLUSE SONO MESSE A DISPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CIRCOLO O DI ISTITUTO CORREDATE DA UNA RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO IN MERITO ALL ATTIVITA NEGOZIALE SVOLTA E CHE MOTIVI ACCURATAMENTE LA SCELTA, GLI STESSI CONTRATTI E COVENZIONI DEBBONO ESSERE AFFISSE ALL ALBO DELLA SCUOLA ( ART.35-COMMA 3 E 4 ) DEVE ANCHE ESSERE ASSICURATA AI MEMBRI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ED AI CONCORRENTI ALLE GARE IL DIRITTO DI ACCESSO ALLA DOCUMENTAZIONE INERENTE L ATTIVITA CONTRATTUALE SVOLTA O PROGRAMMATA, DOCUMENTAZIONE CHE VIENE TENUTA DAL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI (ART.35- COMMA 3 E 4) TUTTI I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE CHE SUPERANO IL LIMITE DI SPESA DI 2.000,00 EURO O QUELLO PREFISSATO DAL CONSIGLIO DI CIRCOLO O DI ISTITUTO SONO SOGGETTI AD ATTIVITA DI COLLAUDO AD OPERA DI PERSONALE DELLA SCUOLA IN POSSESSO DELLE OPPORTUNE COMPETENZE TECNICHE, CHE REDIGE AL TERMINE UN APPOSITO VRBALE (ART.36 COMMA 1) NEL CASO IN CUI IL LIMITE DI SPESA NON SIA RAGGIUNTO IL COLLAUDO PUO ESSERE SOSTITUITO DA UN CERTIFICATO DI REGOLARITA DELLA FORNITURA RILASCIATO DAL DIRIGENTE SCOLASTICO O, SU SUA DELEGA, DAL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI O DA UN VERIFICATORE APPOSITAMENTE NOMINATO (ART. 36 COMMA 2 ) E NECESSARIO SEGNALARE CHE LA QUASI TOTALITA DELL ATTIVITA NEGOZIALE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E ESCLUSA DALL OBBLIGO DELLA CERTIFICAZIONE ANTIMAFIA, INFATTI LA NORMATIVA ANTIMAFIA E OGGI REGOLAMENTATA DAL T.U. DI CUI AL D.lgs , n.159, MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.lgs ,n. 218, CHE HA STABILITO CHE PER LA STIPULA DI CONTRATTI RELATIVI A LAVORI E FORNITURE DI VALORE COMPLESSIVO INFERIORE A ,07 EURO NON E RICHIESTA ALCUNA CERTIFICAZIONE. 2

3 AI SENSI DELLA LEGGE 136/2010 E SUCCESSIVE MODIFICHE NEI CONTRATTI TRA STAZIONE APPALTANTE ED APPALTATORE DEVE ESSERE INSERITA UNA NUOVA CLAUSOLA SUGLI OBBLIGHI DELL APPALTATORE RELATIVI ALLA TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI LA CIRCOLARE MIUR DEL , PROT , HA SOTTOLINEATO L OBBLIGATORIETA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLE COMUNICAZIONI PER ACQUISTI PRESSO FORNITORI RESIDENTI IN PAESI NON UE DI CUI AL DECRETO DEL MEF DEL AMMINISTRAZIONE DIRETTA LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LE ACQUISIZIONI SONO EFFETTUATE DALLE STAZIONI APPALTANTI, TRAMITE IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO O CON MATERIALI, MEZZI E PERSONALE DI PROPRIA PERTINENZA O PROVVEDENDO DIRETTAMENTE AD ESEGUIRE LAVORI, PRODURRE BENI O GESTIRE I SERVIZI OCCORRENTI. SI TRATTA DI UN SISTEMA MISTO: BUROCRATICO PER QUANTO RIGUARDA LA REALIZZAZIONE DEGLI OBIETTIVI E CONTRATTUALE PER L ACQUISIZIONE DEI BENI DA UTILIZZARE. I LAVORI ASSUNTI IN AMMINISTRAZIONE DIRETTA NON POSSONO COMPORTARE UNA SPESA COMPLESSIVA SUPERIORE A ,00 EURO. INDIVIDUAZIONE DIRETTA DEL FORNITORE SE IL LIMITE DI SPESA NON SUPERA I 2.000,00 EURO,O ALTRA SOMMA STABILITA DAL CONSIGLIO DI CIRCOLO O DI ISTITUTO, O QUALORA NON SIA POSSIBILE ACQUISIRE IL MEDESIMO BENE DA ALTRI OPERATORI PRESENTI SUL MERCATO DI RIFERIMENTO DELL ISTITUTO CIOE L AREA GEOGRAFICA IN CUI L ISTITUTO E SITUATO, IL DIRIGENTE SCOLASTICO PUO INDIVIDUARE DIRETTAMENTE IL FORNITORE NORMATIVA DI RIFERIMENTO: art. 34 Reg. Cont. Ist. Scol. MODALITA DI RICHIESTA DELLA FORNITURA E PUBBLICITA : -Lettera di invito -Per la massima trasparenza inserire nel sito web della scuola il provvedimento di affidamento diretto dei lavori, servizi o forniture ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI O FORNITURE TUTTE LE PROCEDURE IN ECONOMIA RISPONDONO ALLA FINALITA DI PRIVILEGIARE LE ESIGENZE DI SPEDITEZZA E SEMPLIFICAZIONE PER QUEGLI APPROVVIGIONAMENTI CHE PER LE CARATTERISTICHE QUALITATIVE O QUANTITATIVE RENDONO POSSIBILE IL RICORSO AD UNA REGOLAMENTAZIONE SEMPLIFICATA RISPETTO A QUELLA DISCIPLINATA DALLE PROCEDURE AD EVIDENZA PUBBLICA PRESUPPOSTI QUANTITATIVI: da 2.000,00 (o altra somma stabilita dal Consiglio di Circolo o di Istituto) e fino ad ,00 3

4 PRESUPPOSTI QUALITATIVI: per i lavori si fa riferimento all art.125, 6 comma, del Codice dei Contratti il quale stabilisce che gli stessi devono rientrare nell ambito delle categorie individuate in detto articolo e siano riconducibili ad ipotesi legate all urgenza, all imprevedibilità ed al modesto valore della manutenzione o della riparazione di opere o impianti. Quali: *Manutenzione di opere o di impianti quando ricorre un evento imprevedibile e non sia possibile realizzarle con gli ordinari sistemi di affidamento *Manutenzione di opere o di impianti di importo non superiore a ,00 euro *Interventi non programmabili in materia di sicurezza *Lavori che non possono essere differiti, dopo l infruttuoso esperimento delle procedure di gara *Lavori necessari per la compilazione di progetti *Completamenti di opere o di impianti a seguito della risoluzione del contratto in danno dell appaltatore inadempiente, quando vi è necessità ed urgenza di completare i lavori per i servizi e forniture l acquisizione in economia è ammessa in relazione all oggetto ed ai limiti di importo delle singole voci di spesa, preventivamente, nel rispetto degli atti di programmazione, previsti con regolamento o atto amministrativo generale di attuazione avuto riguardo alla specifiche esigenze della scuola, e nelle ipotesi previste dalla normativa di riferimento, e cioè: *Risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente, per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto *Necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l esecuzione nell ambito del contratto medesimo *Prestazioni periodiche di servizi e forniture, a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente, nella misura strettamente necessaria *Urgenza, nell ipotesi di eventi oggettivamente imprevedibili, per ovviare a situazioni di pericolo per persone, animali o cose, ovvero per l igiene e la salute pubblica, ovvero per il patrimonio storico, artistico, culturale (Ai fini dell assolvimento dell onere di preventiva definizione delle tipologie di beni e servizi acquisibili in economia nell ambito di un regolamento o atto amministrativo generale di attuazione le Istituzioni scolastiche devono provvedere all adozione di un apposito atto regolamentare ad opera del Dirigente scolastico) NORMATIVA DI RIFERIMENTO : ART.34 del Reg.Cont.Ist.Scol.-art.11,5 comma, CCPartt.125,10 comma, e 330 Reg. Att. CCP- art.271 del DPR 207/2013 PROVVEDIMENTO AUTORIZZATIVO: Il D.S. autorizza la procedura comparativa con un provvedimento che deve contenere i seguenti elementi: a) oggetto del lavoro, servizio o fornitura b) importo posto a base d asta della gara c) responsabile del procedimento (RUP) 4

5 MODALITA PROCEDURA DI GARA : Procedura comparativa ex art.34 del Reg. Cont. Ist. Scol.: gli operatori economici devono essere individuati avvalendosi, nella fase istruttoria, dell opera del DSGA tramite indagini di mercato o elenco, giuridicamente valido, di operatori economici predisposto dalla scuola o dall Ente locale o con ricorso al mercato elettronico tramite piattaforma CONSIP. Nella fase di individuazione dell offerta migliore la scuola deve osservare la massima trasparenza attraverso la tutela dei principi di trasparenza, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori, inserendo nel sito web della scuola la determina di indizione della gara per l affidamento in economia e la lettera di invito PROCEDIMENTO DI SCELTA DEL CONTRAENTE PER L AGGIUDICAZIONE DEL CONTRATTO E RELATIVE COMUNICAZIONI Affidamento diretto per lavori, servizi e forniture di importo inferiore a ,00 euro (cd. Cottimo fiduciario puro) in tale ipotesi il responsabile del procedimento in economia può affidare l incarico ad una impresa di propria fiducia. Acquisizione di tre preventivi e valutazioni delle offerte da parte di una Commissione nominata dal D.S., se la selezione avviene con la scelta dell offerta economicamente più vantaggiosa, o dal RUP, se la selezione avviene secondo il prezzo più basso. In questo caso, le sedute devono essere tutte pubbliche e con la presenza del DSGA. Ambedue le comparazioni devono avvenire con la redazione di un prospetto comparativo delle offerte. Il D.S. sulla base delle risultanze del verbale di gara e del predetto prospetto Comparativo, nel caso del criterio di aggiudicazione secondo l offerta economicamente più vantaggiosa, o del solo prospetto comparativo nel caso di aggiudicazione secondo il criterio del prezzo più basso comunica l aggiudicazione alla prima e seconda classificata in graduatoria, disponendo per entrambe la presentazione della documentazione indicata nella domanda per dimostrare il possesso dei requisiti di partecipazione alla procedura comparativa, entro 10 giorni dalla ricezione della richiesta Si ricorda che la lettera d invito deve contenere a) l indicazione del CIG (Codice Identificativo di Gara) ed il CUP (Codice Unico di Progetto ) acquisito per conto del beneficiario da parte dell Autorità di Gestione dei PON istruzione b) l oggetto della prestazione, caratteristiche tecniche importo massimo previsto (IVA esclusa) c) le garanzie richieste all affidatario del contratto d) il termine di presentazione delle offerte e) i periodi, in giorni, di validità delle offerte stesse f) l indicazione del termine per l esecuzione della prestazione g) Il criterio di aggiudicazione prescelto h) gli elementi di valutazione, nel caso si utilizzi il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa i) l eventuale clausola che preveda di non procedere all aggiudicazione nel caso di presentazione di un unica offerta valida 5

6 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE 6 j) la misura delle penali k) l obbligo per l offerente di dichiarare nell offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di assicurare il rispetto di tutte le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità l) l indicazione dei termini di pagamento m) i requisiti soggettivi richiesti all operatore economico, e la richiesta allo stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti 10 giorni ( art. 70, lett.d, CCP) dalla ricezione della lettera di invito REDAZIONE DEL CONTRATTO: L art.334 del Regolamento di attuazione del codice stabilisce che il contratto di cottimo fiduciario (puro) è stipulato attraverso scrittura privata, che può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone l ordinazione dei beni e dei servizi, che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito. Il DSGA in sede di redazione della scrittura privata e prima della firma verifica il possesso in capo all aggiudicatario dei requisiti di affidabilità, di idoneità morale, di idoneità professionale e capacità tecnico-professionale ed economico-finaziaria prescritti CONTENUTO DEL CONTRATTO: La scrittura privata deve contenere i medesimi elementi della lettera di invito. TERMINE PER LA STIPULA: Per la stipula è previsto un periodo di attesa di 35 giorni dalla aggiudicazione definitiva, in applicazione dell art.11, comma 10, del CCP, esistono delle deroghe, infatti nelle procedure che non prevedono un bando di gara o nei casi in cui la mancata esecuzione immediata della prestazione dedotta nella gara determinerebbe un grave danno all interesse pubblico che è destinato a soddisfare, compresa la perdita di finanziamenti comunitari, il termine dilatorio non si applica, altresì, nei casi previsti dall art.11, comma 10/ter del CCP PUBBLICITA : Dopo la stipula del contratto o della scrittura privata, tra D.S., rappresentante legale dell Istituzione scolastico, il DSGA, nella funzione di ufficiale rogante, ed operatore economico aggiudicatario, vi è l obbligo dell avviso post-informativo previsto dall art.173 del Reg. att. CCP che prevede la pubblicazione sul sito informatico della scuola di una scheda sintetica riferita alla procedura concorsuale contenente le seguenti notizie: a) amministrazione aggiudicatrice b) procedura di aggiudicazione c) data del verbale di aggiudicazione

7 d) oggetto dell appalto e) criteri di aggiudicazione f) numero di operatori economici invitati g) numero di offerte presentate h) offerta economica aggiudicata i) importo a base d asta j) importo contrattuale ACQUISIZIONE CON PROCEDURA IN ECONOMIA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO (Procedura negoziata in cui le acquisizioni avvengono mediante affidamento a terzi) PRESUPPOSTI QUANTITATIVI: per i LAVORI da ,00 ad ,00 per SERVIZI E FORNITURE da ,00 ad ,00 PRESUPPOSTI QUALITATIVI: Strumento di semplificazione per la gestione delle attività contrattuali di modesto valore economico finalizzate all acquisizione di lavori, servizi e forniture funzionali agli interventi finanziati NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Art.125, 5 e 9 comma, del CCP PROVVEDIMENTO AUTORIZZATIVO: Il D.S. con uno specifico provvedimento autorizza la procedura di affidamento in economia mediante cottimo fiduciario, l art.174 del Reg. Att. CCP prevede che tale autorizzazione possa essere resa dal RUP Contenuto del provvedimento autorizzativo è il seguente: a) oggetto del lavoro, servizio e/o fornitura per il quale è indetta la procedura b) l importo posto a base d asta della gara c) responsabile del procedimento (DS) MODALITA PROCEDURA DI GARA: Procedura comparativa ex art.34 del Reg. Cont. Ist. Scol.,gli operatori economici devono essere individuati avvalendosi nella fase istruttoria dell opera del DSGA tramite indagini di mercato o elenco, giuridicamente valido, di operatori economici predisposto dalla scuola o dall Ente locale o con ricorso al mercato elettronico tramite piattaforma CONSIP. Nella fase di individuazione dell offerta migliore la scuola deve osservare la massima trasparenza attraverso la tutela dei principi di trasparenza, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori.per la massima trasparenza si devono inserire nel sito web della scuola il contenuto della determina di indizione della gara per l affidamento in economia mediante cottimo fiduciario ed il contenuto della lettera di invito 7

8 MODALITA DELLA PROCEDURA DI GARA: Invito di cinque operatori economici individuati dal D.S., avvalendosi nella fase istruttoria della collaborazione del DSGA tramite indagine di mercato o elenco di operatori predisposto dalla scuola o dall Ente locale TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTTE 10 giorni (art.70, lett.d, CCP) dalla data di ricezione della lettera di invito PROCEDIMENTO DI SCELTA DEL CONTRAENTE PER L AGGIUDICAZIONE DEL CONTRATTO E RELATIVE COMUNICAZIONI Acquisizione di cinque preventivi e valutazioni delle offerte da parte di una Commissione nominata dal D.S., se la selezione avviene con la scelta dell offerta economicamente più vantaggiosa o dal RUP, se la selezione avviene secondo il prezzo più basso, in questo caso le sedute devono essere tutte pubbliche e con la presenza del DSGA. Ambedue le comparazioni devono avvenire con la redazione di un prospetto comparativo delle offerte. Il D.S. sulla base delle risultanze del verbale di gara e del predetto prospetto Comparativo, nel caso del criterio di aggiudicazione secondo l offerta economicamente più vantaggiosa, o del solo prospetto comparativo nel caso di aggiudicazione secondo il criterio del prezzo più basso comunica l aggiudicazione alla prima e seconda classificata in graduatoria, disponendo per entrambe la presentazione, per dimostrare il possesso dei requisiti di partecipazione alla procedura comparativa, della documentazione indicata nella domanda di partecipazione entro 10 giorni dalla ricezione della richiesta Si ricorda che la lettera d invito deve contenere: a) l indicazione del CIG (Codice Identificativo di Gara) ed il CUP (Codice Unico di Progetto ) acquisito per conto del beneficiario da parte dell Autorità di Gestione dei PON istruzione b) oggetto della prestazione, caratteristiche tecniche importo massimo previsto (IVA esclusa) c) garanzie richieste all affidatario del contratto d) termine di presentazione delle offerte e) periodi in giorni di validità delle offerte stesse f) indicazione del termine per l esecuzione della prestazione g) criterio di aggiudicazione prescelto h) elementi di valutazione, nel caso si utilizzi il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa i) eventuale clausola che preveda di non procedere all aggiudicazione nel caso di presentazione di un unica offerta valida j) misura delle penali k) obbligo per l offerente di dichiarare nell offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di assicurare il rispetto di tutte le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di 8

9 retribuzione dei dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità l) indicazione dei termini di pagamento m) requisiti soggettivi richiesti all operatore economico, e la richiesta allo stesso di rendere apposita dichiarazione in merito al possesso dei requisiti soggettivi richiesti REDAZIONE DEL CONTRATTO: Il DSGA in sede di redazione del contratto e prima della stipula dell0 stesso verifica il possesso in capo all aggiudicatari dei requisiti di affidabilità, di idoneità morale, idoneità professionale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziari prescritti CONTENUTO DEL CONTRATTO: Il contratto deve contenere i seguenti elementi: a) elenco dei lavori e delle somministrazioni b) prezzi unitari per i lavori e le somministrazioni a misura e l importo di quelle a corpo c) le condizioni di esecuzione d) il termine di ultimazione dei lavori e) le modalità di pagamento f) le penalità in caso di ritardo ed il diritto della stazione appaltante di risolvere in danno il contratto, mediante semplice denuncia per inadempimento g) le garanzie a carico dell esecutore TERMINE PER LA STIPULA: Dall aggiudicazione definitiva è previsto un periodo di attesa di 35 giorni prima della stipula del contratto, tranne l applicazione delle deroghe previste dal CCP e tenendo presente anche l art.11, comma 10 ter, che indica i casi in cui non si applica tale deroga PUBBLICITA : A seguito dell aggiudicazione sorge l obbligo di un avviso post- Informazione mediante pubblicazione nel sito informatico della scuola. Per la massima trasparenza deve essere pubblicata anche la determina di indizione della gara per l affidamento in economia mediante Cottimo fiduciario e la lettera d invito. Dopo la stipula del contratto tra D.S., rappresentante legale dell Istituzione scolastica. Il DSGA, nella funzione di ufficiale rogante, ed operatore economico aggiudicatario, vi è l obbligo dell avviso post-informativo previsto dall art.173 del Reg. att. CCP che prevede la pubblicazione sul sito informatico della scuola di una scheda sintetica riferita alla procedura concorsuale contenente le seguenti notizie: a) amministrazione aggiudicatrice b) procedura di aggiudicazione 9

10 c) data del verbale di aggiudicazione d) oggetto dell appalto e) criteri di aggiudicazione f) numero di operatori economici invitati g) numero di offerte presentate h) offerta economica aggiudicata i) importo a base d asta j) importo contrattuale ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI INGEGNERIA ED ARCHITETTURA MEDIANTE AFFIDAMENTO DIRETTO O CON COTTIMO FIDUCIARIO PRESUPPOSTI QUANTITATIVI Per le prestazioni di servizi tecnici di importo inferiore a ,00 le Istituzioni scolastiche possono procedere alla scelta del tecnico mediante procedure in economia PRESUPPOSTI QUALITATIVI Individuazione dei servizi tecnici nel Programma annuale dell Esercizio finanziario di riferimento in relazione alle specifiche esigenze connesse alla realizzazione degli interventi finanziati NORME DI RIFERIMENTO Art.267, comma 10, del Reg. di Attuaz. Del CCP Art.125, comma 11, del CCP TIPOLOGIE DI ACQUISIZIONE INDIVIDUAZIONE DIRETTA E possibile per gli incarichi di valore inferiore ad 2.000,00 (o altro limite preventivamente fissato dal Consiglio di Istituto) COTTIMO FIDUCIARIO CON ACQUISIZIONE DI TRE PREVENTIVI E possibile per gli incarichi di valore inferiore ad ,00 e pari o superiori ad 2.000,00 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE 10 giorni (art.70, lett. d, CCP) dalla data di ricezione della lettera di invito AI SENSI DEL COMBINATO DISPOSTO DELL ART.40 DEL D.I. 44/2001 E DELL ART. 7 DEL D.L.gs 165/2001 NON RIENTRANO NELL AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA DISCIPLINA IN ECONOMIA I CONTRATTI DI LAVORO O LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI RESE DALLE PERSONE FISICHE 10

11 ACQUISTI IN RETE Per razionalizzare la spesa per l acquisto di beni e servizi da parte della P.A., migliorando la qualità degli acquisti e rendere più rapide e trasparenti le procedure di approvvigionamento pubblico con riduzione dei tempi di accesso, in quanto sono state espletate a monte tutte le procedure prodromiche alle acquisizioni, e con significativi risparmi economici sui costi della macchina burocratica le istituzioni scolastiche possono ricorrere agli strumenti del Programma di Razionalizzazione degli acquisti della P.A., programma che si basa sull utilizzo delle tecnologie ICT e che viene gestito dalla CONSIP. Gli acquisti in rete con la CONSIP operano attraverso una Convenzione ex art. 26 della legge 488/99 che rappresenta un Contratto quadro. La scelta dell utilizzo della Convenzione in parola è a discrezione delle istituzioni scolastiche. TENERE IN EVIDENZA: SI RICORDA CHE IL MIUR-DIP.PROGR.GEST.RISORSE UMANE, FINANZIARIE E STRUMENTALI-DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI-UFFICIO IV- PROGRAMMAZIOINE E GESTIONE DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI E NAZIONALI PER LO SVILUPPO E LA COESIONE SOCIALE CON CIRCOLARE DEL 3 LUGLIO 2012 HA RICORDATO CHE LE ISTITUTZIONI SCOLASTICHE NELLA REALIZZAZIONE DI AFFIDAMENTI IN UNO DEI SETTORI MERCEOLOGICI DI CUI AI DECRETI DEL MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DEL 12 OTTOBRE 2009, DEL 22 FEBBRAIO 2011, DEL 25 LUGLIIO 2011 E DEL 7 MARZO (CARTA, AMMENDAMENTI, ARREDI, PRODOTTI TESSILI, PC PORTATILI, PC DA TAVOLO, STAMPANTI, APPARECCHIATURE MULTIFUNZIONE, FOTOCOPIATRICI, ILLUMINAZIONE PUBBLICA, SERRAMENTI, FORNITURE DI DERRATE ALIMENTARI, SERVIZI DI RISTORAZIONE, SERVIZI DI ILLUMINAZIONE E RISCALDAMENTO) DEVONO UTILIZZARE QUALI CRITERI PREMIANTI QUELLI CONTENUTI NEI MEDESIMI DECRETI, FORNENDONE NOTIZIA ALL AVCP, NELL AMBITO DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT ************************ TUTTE LE ISTITUZIOINI SCOLASTICHE CHE OPERANO NELL AMBITO DI AFFIDAMENTI IN ECONOMIA POTRANNO UTILIZZARE, ADATTANDOLI AL CASO CONCRETO I SEGUENTI FORMAT ALLEGATI ALLA C.M. DEL 4 LUGLIO 2012 N.10565: All.1 Regolamento; All.2 Decreto del dirigente scolastico per l indizione della procedura; All.3 Lettera di invito; All.4 Nomina Commissione di gara; All.5 a) Prospetto comparativo-criterio di aggiudicazione prezzo più basso; All.5 b) Prospetto comparativo-criterio di aggiudicazione offerta economicamente più vantaggiosa; All.6 Verbale di aggiudicazione; All.7 Comunicazione al 1 e 2 classificato; All.8 Comunicazione dell aggiudicazione; All.9 Contratto; All.10 Comunicazione per l adempimento degli obblighi post-informativi. 11

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Prot N. 0007364/A32 del 02 ottobre 13 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE CONSIDERATO che le Istituzioni Scolastiche, per l affidamento di lavori, servizi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I Regione Siciliana Ministero dell Istruzione Unione Europea Assessorato Regionale P. I. dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I LICEO CLASSICO STATALE "UMBERTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA Viale Gramsci, 40-76123 ANDRIA (BT) - Tel. 0883/599941 - Fax 0883/594578

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Delibera N. 202 del 29/09/2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEVEROLA VIA CAMPANELLO SNC - 81030 TEVEROLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 e-mail:rgee011005@istruzione.it Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1. Oggetto

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1. Oggetto DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE ACQUISTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA. Art 1 Oggetto Il presente disciplinare regolamenta le modalità di funzionamento della Centrale Acquisti

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE STRUTTURA FINANZE, RAGIONERIA E BILANCIO O R I G I N A L E SERVIZIO STRUTTURA FINANZE, RAGIONERIA E BILANCIO MATERIA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo AREA AFFARI GENERALI COPIA DETERMINAZIONE N.6/ 2 DEL 09/01/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - NR. 5 CASELLE PEC PER

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 16/5/2011; successivamente modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 COMUNE DI USSANA Area Giuridica DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 OGGETTO: Acquisizione di servizi mediante ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione. Acquisizione espansione

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO PAIC81500G C.F. 97030190827 091/8573400 paic81500g@pec.istruzione.it

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 03/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 03/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Affari Generali - Personale Licheri Sandra DETERMINAZIONE N. in data 1940 03/10/2013 OGGETTO: Indizione di richiesta di offerta tramite procedura di acquisto in

Dettagli

Settore Amministrativo e Servizi alla persona

Settore Amministrativo e Servizi alla persona COMUNE DI GIARDINELLO (Provincia Regionale di Palermo) Settore Amministrativo e Servizi alla persona REPERTORIO GENERALE N. 1225 DEL 31.12.2012 DETERMINAZIONE N. 669 DEL 31.12.2012 Oggetto: Determinazione

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

CIG: 5830269A2C. All Albo della Scuola Al Sito web www.liceopalmeri.it Area News ed area PON MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

CIG: 5830269A2C. All Albo della Scuola Al Sito web www.liceopalmeri.it Area News ed area PON MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE NICOLO PALMERI Distretto 8/46- Piazza Giovanni Sansone, 12-90018 Termini Imerese (PA) Tel. 091/8144145 -Fax 091/8114178 - C.F. 87000710829 - Cod. Mecc. PAIS019003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Articolo 1 - Ambito di applicazione e fonti Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISTI

REGOLAMENTO ACQUISTI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Luigi Einaudi BASSANO DEL GRAPPA M.I.U.R. REGOLAMENTO ACQUISTI ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del D.I. n.44/2001

Dettagli

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena)

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Determinazione nr. 301 Del 05/05/2015 Lavori Pubblici e Patrimonio OGGETTO: COTTIMO FIDUCIARIO PER L'AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA DI IMPIANTO

Dettagli

"#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE !!"#$!% &!"#$! ''' ##&"!!%( )* +, "#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche

Dettagli

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO ORIGINALE SETTORE IV - URBANISTICA - INFRASTRUTTURE E SERVIZI ALLE IMPRESE SUAP N. Generale : 344 del 14/10/2014 DETERMINAZIONE N. 116 DEL 14 ottobre

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE NR. 48 DEL 28.3.2013 OGGETTO: Appalto servizio pulizie Sedi Comunali 2013/2014. Determinazione a contrarre ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Originale. Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE. Oggetto:

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Originale. Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE. Oggetto: COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Originale Determinazione del responsabile del SETTORE POLIZIA LOCALE Num. determina: 46 Proposta n. 1235 del 16/10/2015 Determina generale num. 1162 del 16/10/2015

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O

I S T I T U T O C O M P R E NS I V O Prot. n. 827/C6f Castelletto, 16 marzo 2016 Agli Atti dell Istituto Al Sito Internet Istituzionale Riferimento: Progetto: Oggetto: Fondi Strutturali Europei - Programma Operativo Nazionale Per la scuola,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

COMUNE DI TUSCANIA. Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE AREA TECNICO MANUTENTIVA

COMUNE DI TUSCANIA. Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE AREA TECNICO MANUTENTIVA COMUNE DI TUSCANIA Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE COPIA N. 365 DATA 09/04/2013 Oggetto : NOLEGGIO APPARECCHIATURE DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESSO PUNTO DI RACCONTA PROVVISORIO RIFIUTI IN LOC. OLIVO -

Dettagli

CIG: 5797186539 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

CIG: 5797186539 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE NICOLO PALMERI Distretto 8/46- Piazza Giovanni Sansone, 12-90018 Termini Imerese (PA) Tel. 091/8144145 -Fax 091/8114178 - C.F. 87000710829 - Cod. Mecc. PAIS019003

Dettagli

Prot./AOODGAI/10565 Roma, 4 luglio 2012

Prot./AOODGAI/10565 Roma, 4 luglio 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n.84 del 14 luglio 2015 Oggetto:

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI C O M U N E D I SABBIO CHIESE P R O V I N C I A D I B R E S C I A via Caduti 1, 25070 SABBIO CHIESE (BS) AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI File firmato digitalmente da Andrea Cadenelli N. 8

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 182 Data: 20-03-2015

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 182 Data: 20-03-2015 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 182-2015 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 182 Data: 20-03-2015 SETTORE : LAVORI PUBBLICI SERVIZIO

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro

Con l Europa investiamo nel vostro futuro Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N. 3409 del 14/11/2014 Determina a contrare per l affidamento dei lavori in economia nell ambito del Progetto di Riqualificazione Spazi

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI ALL. TO 3 REGOLAMENTO ALBO FORNITORI 1 Art. 1 ISCRIZIONE. L iscrizione: a) è riservata alle imprese individuali o collettive legalmente costituite; b) viene effettuata per categorie merceologiche o per

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO. IV SETTORE POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO CIMITERO Corso Garibaldi 80033 Cicciano http://www.comune.cicciano.na.

COMUNE DI CICCIANO. IV SETTORE POLIZIA MUNICIPALE COMMERCIO CIMITERO Corso Garibaldi 80033 Cicciano http://www.comune.cicciano.na. Registro Generale n 272 del 28/04/2014 Determinazione Settoriale n 40 del 23/04/2014 Oggetto: determinazione a contrarre - indizione gara mediante procedura aperta ai sensi dell articolo 55 del Codice

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MIGNANO MARZANO Corso Umberto 1, 208 81049 MIGNANO MONTELUNGO (CE) Tel. e Fax: 0823/904424 C.F.: 95005860614 e-mail: ceic8ax00c@istruzione.it PEC: ceic8ax00c@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

DETERMINAZIONE N.115/2013

DETERMINAZIONE N.115/2013 COMUNE DI PAVIA DI UDINE P r o v i n c i a d i U d i n e w w w. c o m u n e. p a v i a d i u d i n e. u d. i t AREA TECNICA E GESTIONE DEL TERRITORIO Piazza Julia, 1-33050 Lauzacco C. F. e P. I. V. A.

Dettagli

LICEO STATALE G. MOSCATI

LICEO STATALE G. MOSCATI C.M. TAPS070008 C.F. 8001720732 Via Ennio, 181-7023 GROTTAGLIE (TA) Centralino 099.563 900 Programma Operativo Nazionale: Ambienti per l Apprendimento finanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

FARMACIA CONCORDIA SRL

FARMACIA CONCORDIA SRL FARMACIA CONCORDIA SRL REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DA PARTE DELLA SOCIETA FARMACIA CONCORDIA SRL AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 (Approvato dal

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 117 del 09 dicembre 2014 Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Ettore Majorana Con associati Liceo Linguistico, e Liceo delle Scienze Umane

LICEO SCIENTIFICO STATALE Ettore Majorana Con associati Liceo Linguistico, e Liceo delle Scienze Umane Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana LICEO SCIENTIFICO STATALE Ettore Majorana Con associati Liceo Linguistico, e Liceo delle Scienze Umane S

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 147 del 11/03/2013 N. registro di area 17 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 11/03/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore ECONOMICO

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE G2 - COMUNICAZIONE --- COMUNICAZIONE Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 71 del 20/02/2015 Registro del Settore N. 3 del 16/02/2015 Oggetto: Servizio di fornitura di prodotti a stampa

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE Prot. 1550/VI/9 del 29/04/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI,SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 140 DEL 8/8/2013 OGGETTO: Affidamento servizi postali del Comune di Bari Sardo. Proroga convenzione mesi 1 convenzione

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 055 del 06 maggio 2015 Oggetto:

Dettagli

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it sito:

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 108 DEL 13.04.2015 OGGETTO: Affidamento diretto tramite cottimo fiduciario nel Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione M.E.P.A. per l acquisizione del servizio di telefonia

Dettagli

C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE. N. del

C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE. N. del + C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari SETTORE 2 n. 190 Ufficio gare e appalti data 16.06.2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE N. del Oggetto: fornitura di materiale di cancelleria

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI Il seguente documento ha la finalità di riassumere gli adempimenti e le scadenze che il

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI DETERMINAZIONE N. 14 DEL 04.04.2013 DEL RESPONSABILE AREA TECNICA Ufficio Tecnico Comunale N. 33 del Reg. Gen. Data 04.04.2013 OGGETTO: Realizzazione campo da bocce.

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 074 del 16 giugno 2015 Oggetto:

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

ALL ALBO E SITO WEB DELLA SCUOLA

ALL ALBO E SITO WEB DELLA SCUOLA PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Ambienti per l apprendimento FESR 2007-2013-2007 IT 16 1PO 004 Asse I Società dell informazione Obiettivo Operativo E Potenziare

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 71 DEL 24.03.2014 OGGETTO: Indizione di RDO nel mercato elettronico per il servizio di derattizzazione presso le residenze di Piazzale Scuro 12, Vicolo Campofiore 2/b e Via S.

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Area Tecnica. DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013

COMUNE DI USSANA. Area Tecnica. DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013 COMUNE DI USSANA Area Tecnica DETERMINAZIONE N. 306 in data 20/11/2013 OGGETTO: Affidamento in economia mediante procedura di cottimo fiduciario interventi di manutenzione straordinaria e messa a punto

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 72 del 11 giugno 2015 Oggetto:

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 58 del 06 maggio 2015 Oggetto:

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 95 DEL 15.04.2014 OGGETTO: RDO nel mercato elettronico per la manutenzione degli impianti antincendio degli edifici dell ESU di Verona. CIG n Z150E7494E. IL DIRETTORE RICHIAMATO

Dettagli