Quarto seminario sulla conservazione dei reperti naturalistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quarto seminario sulla conservazione dei reperti naturalistici"

Transcript

1 Quarto seminario sulla conservazione dei reperti naturalistici Pavia, 26 novembre 2004 Riassunti dei contributi A.N.M.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI MU SEI SCIENTIFICI, ORTI BOTANICI, GIARDINI ZOOLOGICI ED ACQUARI MUSEO DI STORIA NATURALE DELL'UNIVERSITÀ DI FIRENZE SEZIONE ZOOLOGICA "LA SPECOLA- UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI SERVIZI

2 Pavia - 26 novembre 2004 (Palazzo Botta, Aula Spallanzani) PROGRAMMA Ore 10,00 Ore 10,30 Ore 10,45 Ore 11,15 Ore 11,45 Ore 12,15 Apertura dei lavori Saluto delle Autorità Introduzione del Presidente dell'anms Michele Lanzinger Lo 'stoccaggio' delle collezioni nei musei naturalistici: incompatibilà e possibili convivenze fra raccolte di varia natura Fausto Barbagli L'utilizzo di alcuni prodotti chimici nella raccolta e gestione delle collezioni biologiche Giovanni B. Delmastro Le collezioni xilologiche: raccolta, preparazione e conservazione Marni Azuma La collaborazione tra i restauratori d'arte e i curatori di collezioni naturalistiche Daniele Angellotio & Shirin Afra Ore 12,45 Pranzo a buffet Ore 14,30 Ore 14,45 La tassidermia ieri, oggi domani: evoluzione tecnica e di principio Maurizio Gattabria Un percorso tattile museale: esempi e scelte di materiali in Paleontologia Federico Confortini, Matteo Malzanni & Anna Paganoni Ore 15,00 II "cavity packing" nella conservazione dei reperti paleontologici Letizia Del Favero Ore 15,15 La conservazione degli exsiccata dell'erbario del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino Rosa Camoletto Pasin Ore 15,30 Ore 15,45 Ore 16,00 Ore 16,15 II recupero della collezione osteologica del Museo di Anatomia comparata dell'università di Torino Elena Gavetti & Stefano Bovero Le collezioni ornitologiche del Museo di Carmagnola: problematiche di preparazione e di conservazione Giovanni Boano II restauro delle collezioni entomologiche del Museo di Storia Naturale dell'università di Pavia Stefano Maretti Le collezioni ittiologiche in liquido di Giuseppe Mazzarelli e di Menico Torchio: considerazioni sul loro restauro Edoardo Razzetti Ore Dibattito Ore Chiusura dei lavori Enti organizzatori Centro Interdipartimentale di Servizi "Musei Universitari" dell'università di Pavia Museo di Storia Naturale dell'università di Firenze, Sezione Zoologica "La Specola" Associazione Nazionale dei Musei scientifici, Orti botanici, Giardini zoologici ed Acquari Comitato organizzatore Fausto Barbagli, Michele Lanzinger, Claudia Marcolini, Stefano Maretti, Giuseppe Muscio, Fabio Penati, Edoardo Razzetti, Clementina Rovati Coordinamento scientifico e organizzativo Fausto Barbagli Hanno contribuito Dipartimento di Biologia Animale dell'università di Pavia; Comune di Pavia; Azienda di Promozione Turistica del Pavese. Ringraziamenti Siamo grati a tutti coloro che in vario modo hanno contribuito alla preparazione del Seminario: Giancarlo Greco. Irene Barbetta, Giuseppe Sanguini.

3 Riassunti delle comunicazioni i

4 Lo 'stoccaggio' delle collezioni nei musei naturalistici: incompatibilità e possibili convivenze tra raccolte di varia natura FAUSTO BARBAGLI Museo di Storia Naturale dell'università di Firenze, Se ^ionezoo logica "LM Specola" I locali destinati al ricovero delle collezioni museali naturalistiche non esposte al pubblico risultano quasi sempre sottodimensionati rispetto alla quantità di materiale che dovrebbero accogliere. Per questo motivo, in molte realtà, più che di sistemazione si può parlare di 'stoccaggio' delle raccolte. Troppo spesso, infatti, nelle scelte di collocazione dei materiali, la necessità di ottimizzare lo spazio fa passare in secondo piano gli aspetti tecnici legati alla prevenzione degli attacchi da parte dei biodeteriogeni. E importante tenere presente il fatto che materiali di diversa natura non sempre possono coesistere senza inconvenienti. I reperti osteologia ed oologia, ad esempio, ospitano frequentemente fisiologiche infestazioni di coleotteri dermestidi che di per se non rappresentano un problema conservativo, ma possono diventarlo se tenute a contatto con collezioni più vulnerabili, quali le entomologiche o quelle di vertebrati in pelle. Anche all'interno di collezioni omogenee per natura dei campioni, problematiche diverse possono emergere in virtù delle diverse modalità con cui sono stati preparati i singoli reperti. La razionalizzazione dello spazio non deve essere ottenuta compattando la maggior quantità possibile di reperti nel minimo spazio e sacrificando le esigenze conservative dei reperti, bensì ricercando soluzioni nell'ambito della scelta degli arredi e dei contenitori che dovrebbero essere, possibilmente, modulari e sovrapponibili e permettere la facile ispezione del contenuto. Materiali e accorgimenti pratici possono essere a volte mutuati dal mondo degli imballaggi professionali. Da non sottovalutare è anche la necessità di tenere regolarmente puliti i depositi: talvolta, infatti, accumuli di residui organici apparentemente innocui e insignificanti (penne di piccione introdotte accidentalmente, mosche e altri insetti morti sul pavimento, ecc.) possono costituire veri e propri "cavalli di Troia" per infestazioni entomoparassitarie. E infine importante che conservatori, curatori e tutti coloro che operano nelle collezioni rispettino sempre, e senza eccezioni, quattro regole fondamentali: Collocare i reperti solo in condizioni idonee; Accertarsi che ogni esemplare che entra in collezione sia appropriatamente preparato; Ispezionare periodicamente, con regolarità, tutto il materiale; Provvedere, se necessario, a trattamenti conservativi ripetuti.

5 L'utilizzo di alcuni prodotti chimici nella raccolta e gestione delle collezioni biologiche in un museo naturalistico GIOVANNI B. DELMASTRO Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola L'attività di documentazione, ricerca e divulgazione che si svolge in un museo naturalistico è realizzata grazie alla presenza di raccolte di materiali debitamente conservati. Di conseguenza i conservatori o curatori dei musei hanno anche il fondamentale compito di fare in modo che questi campioni si mantengano inalterati nel tempo. Diverse tecniche e materiali sono in grado di assicurare una buona conservazione dei reperti biologici, che spesso risultano molto facilmente deteriorabili. In base all'esperienza maturata in oltre 30 anni di attività nel Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola, sono qui trattati alcuni tra i principali composti chimici di cui si è fatto più largo uso nel corso della raccolta e conservazione degli esemplari che costituiscono le attuali collezioni di questa istituzione. In questa sede si è ritenuto di considerare i seguenti: acetone, acqua, acqua ossigenata, alcol, alcol acetato, benzina rettificata, canfora, colla entomologica, creosoto di faggio, etile acetato, formalina, inchiostro di china, naftalina, paradiclorobenzolo; il loro uso è risultato indispensabile nella cartellinatura dei campioni, realizzazione delle collezioni in liquido di fauna vertebrata ed invertebrata, di collezioni entomologiche ed osteologiche, nella pulizia dei campioni, e per la lotta agli insetti dannosi e muffe. La tassidermia, che pure rappresentava una delle nostre attività museali più importanti, non viene qui considerata. Per ciascuna sostanza vengono fornite brevi notizie sul suo uso nei laboratori. Nella parte conclusiva dell'intervento si accenna ai rischi connessi all'uso di queste sostanze, che non raramente possono risultare variamente pericolose per coloro che le utilizzano direttamente, o che semplicemente frequentano i musei e soprattutto i loro laboratori; certi prodotti risultano infatti corrosivi, esplosivi, infiammabili e tossici in misura variabile e possono addirittura contribuire all'insorgenza del cancro. Viene ribadita la necessità di ridurre al minimo il rischio di tali eventi: in primo luogo è indispensabile essere a conoscenza delle principali caratteristiche chimiche di ciascun composto, quindi è per lo meno doveroso adottare, sempre e con regolarità, alcune misure molto semplici e poco dispendiose, ma efficaci, che possono dare una protezione adeguata (ventilazione dei locali ed uso di pinze, guanti, occhiali e mascherine).

6 Le collezioni xilologiche: raccolta, preparazione e conservazione MAMI AZUMA Museo Civico di Storia Naturale di Milano Le collezioni botaniche possono essere costituite da molteplici tipologie di campioni: piante vive (in orti botanici ed arboreti), piante intere o porzioni di piante essiccate (erbari), frutti (carpoteche), semi (spermoteche). Un esempio inconsueto, in un ambito strettamente botanico, ma frequente in campo forestale è rappresentato dai campioni di legno che costituiscono nel loro insieme le xiloteche (xylon legno e theke = raccolta). Molte sono le ricerche xilologiche condotte principalmente nei settori dell'anatomia per il riconoscimento delle specie legnose e della tecnologia del legno per l'individuazione delle caratteristiche meccaniche e fisiche utili per la corretta utilizzazione del legno come materiale, spaziando dalla falegnameria all'ebanisteria o dall'industria del mobile a quella della carta. La sezione di Botanica del Museo Civico di Storia Naturale di Milano annovera tra le collezioni botaniche una xiloteca costituita per la maggior parte da campioni di quella che negli anni '30 era stata la Civica Siloteca Cormio, una raccolta di oltre pezzi provenienti da tutto il mondo, che per pochi decenni è stato un vero e proprio istituto del legno. Recentemente la xiloteca è tornata ad essere una collezione aperta, purtroppo non al pubblico ma, per ora, solo all'acquisizione di nuovi campioni. La raccolta, la preparazione e la conservazione dei campioni legnosi risulta, nella maggioranza dei casi, piuttosto semplice nei modi e nei metodi, tuttavia, ampliando il concetto di collezione xilologica è opportuno ricordare che ci sono delle situazioni in cui è necessaria una maggiore attenzione. Questi casi riguardano, ad esempio, i reperti legnosi ritrovati in siti archeologici dove le particolari condizioni ambientali nelle quali sono rimasti per lungo tempo influiscono sulla scelta della tecnica, spesso sofisticata, per l'estrazione, la successiva conservazione e l'eventuale esposizione in un ambiente diverso da quello dove è stato rinvenuto il reperto. (Palafitte, barche od altri manufatti in legno nelle torbiere oppure frammenti di legno carbonizzato). Proteggendo con piccole accortezze le collezioni legnose dagli agenti abiotici (es. umidità) e biotici (es. insetti) è possibile conservare per secoli questi "pezzi di legno". /-^/ 4

7 La collaborazione tra restauratori d'opere d'arte e i curatori di musei naturalistici. DANIELE ANGELLOTTO & SHIRIN AFRA Experza S.r.l - Rignano sull'arno, Firenze Con il termine "curatori" indicheremo, indipendentemente dalle qualifiche professionali, tutti coloro che hanno in consegna collezioni naturalistiche al fine di garantirne la conservazione, la valorizzazione, la fruizione e lo studio. La figura del restauratore si sviluppa in maniera organica a Firenze dopo l'alluvione del '66, e 1' Opificio delle Pietre Dure di Firenze rappresenta la massima specializzazione possibile nell'ambito del restauro di materiali vari, nel nostro caso cera, vetro e altre stranezze. L'incontro tra curatore e restauratore avviene sempre quando ormai è troppo tardi per le opere, quindi di fronte a casi disperati. In quel caso si sviluppano sinergie che portano spesso a risultati felici. Passione e competenza fanno si che si arrivi a conoscere a fondo storia, usanze, pratiche antiche: una sorta di avvicinamento a ritroso nel tempo partendo da punti di vista diversi. I materiali che andremo ad utilizzare nei nostri interventi sono quelli che nel tempo hanno dato garanzie di durata e affidabilità; le metodologie adottate sono quelle correnti nell'ambito dell'opificio, spesso messe a punto per esigenze specifiche e problematiche nuove. La problematica dei supporti su cui ricollocare le opere è molto antica ed è cambiata moltissimo nel corso degli anni, fino all'avvento di materiali trasparenti che ci consentono di intervenire in maniera assolutamente non invasiva per l'opera. Nel nostro intervento mostreremo i restauri di oggetti in vetro, cera e la creazione di supporti di vario tipo per poterli ricollocare. Mostreremo pure cosa non deve essere assolutamente fatto per conservare al meglio gli oggetti di nostra competenza. Nel rispetto delle reciproche esperienze, la collaborazione tra curatori e restauratori è indispensabile e auspicabile nel tentativo di portare sempre più lontano la conoscenza del nostro passato culturale. /"V^ / N^ ' 5

8 La tassidermia ieri, oggi, domani: evoluzione tecnica e di principio MAURIZIO GATTABRIA Museo Civico di Zoologia, Roma Negli ultimi cento anni l'evoluzione tecnica nel campo della tassidermia è andata di pari passo con l'evoluzione nel modo di "naturalizzare" e nelle motivazioni del perché si conservano le spoglie di un animale. Una carrellata di immagini scattate nel Museo di zoologia di Roma ed in occasione della "6th European Taxidermy Competition 2004" tenuta lo scorso Gennaio a Dortmund, offre lo spunto per una analisi comparativa tecnica e per considerazioni sotto il profilo etico di un mestiere troppo spesso ed a torto definito in estinzione.

9 Quarto Seminano sulla conservazione dei reperti naturalistici Un percorso tattile museale: esempi e scelte di materiali in paleontologia FEDERICO CONFORTINI, MATTEO MALANNI & ANNA PAGANONI Museo Civico di Sciente Naturali "E. Caffi" di Bergamo - Segone di Geologia e Paleontologia Il problema dell'unicità e della fragilità dei fossili non permette un'esibizione museale di reperti direttamente al contatto col pubblico. Nell'allestimento del "percorso tattile" del Museo Civico di Scienze Naturali di Bergamo si sono utilizzate repliche il più possibile verosimili, realizzate con i suggerimenti della Sezione di Bergamo dell'unione Italiana Ciechi Viste le caratteristiche che si volevano ottenere nel "percorso tattile" e l'impossibilità di trovare in commercio modelli adatti allo scopo espositivo prefissato, per l'occasione si è provveduto a preparare nei nostri laboratori tutte le ricostruzioni e le riproduzioni da esporre. I prodotti per la realizzazione dei calchi sono stati scelti per l'effetto percettivo tattile e visivo che si voleva ottenere. I materiali impiegati dovevano infine soddisfare sia criteri di consistenza del pezzo imitato sia di resistenza all'usura della superficie. In base al grado di percezione che si voleva ottenere, nella fase di riproduzione si sono addirittura evidenziate o appiattite le strutture presenti sulla matrice rocciosa eliminando una possibile interferenza tattile con i reperti fossili. Il presente documento, per ogni tipo di materiale, considera alcuni esempi significativi scelti tra le riproduzioni esposte nel percorso museale. Materiale naturale originale: Il campione esposto, in questo caso una moria di Myophoria, è stato scelto in quanto: resistente, con un grado di rilievo apprezzabile, di ampia superficie e con un contenuto in reperti fossili omogeneo. Il reperto è simile nei componenti a quello rappresentato dalla cassettiera predisposta per raffigurare il "processo di fossilizzazione". La ricostruzione dei primi stadi del processo è avvenuta con sabbia vagliata, gusci di bivalvi (autentici) e sagome di pesciolini (calchi). Per non confondere la percezione tattile del visitatore, si è adottata una disposizione dei componenti per gruppi omogenei di elementi collocati in aree distinte e circoscritte. Nell'ultimo cassetto, la ricostruzione in gesso di una superficie con impronte di gusci fossili, permette diricollegarsicoerentemente alla lastra in roccia originale ricoperta di gusci di bivalvi posta intenzionalmente a fianco. Materiale naturale gesso: Il gesso alabastrino è stato scelto per ricostruire con particolare fedeltà ampie superna simili alla roccia, raggiungendo un compromesso tra robustezza e tattilità della riproduzione. L'usura del materiale impiegato è stata ridotta mediante l'impregnazione con resina acrilica e l'applicazione a spruzzo di vernice fissativa sulla superficie. Questi calchi di reperti fossili sono stati inseriti nel percorso tattile in quanto presentavano la particolare caratteristica di aver buona evidenza di rilievo rispetto alla matrice. Materiale sintetico - silicone: Gli elastomeri, utilizzati specificatamente per il confezionamento di matrici siliconiche morbide per modelli e calchi, sono stati impiegati anche per la realizzazione delle parti molli di alcuni reperti. Alla fedeltà di riproduzione, si contrappone però l'elasticità del silicone che può anche causarne la rottura quando è soggetto a stress ripetuto ed eccessivo. Materiale sintetico resina: Il materiale sintetico, tipo resina epossidica, è stato utilizzato per imitare reperti che non abbiano ancora subito completamente il processo di fossilizzazione (ossa, denti, gusci di molluschi) o per ricostruzioni ambientali come fondali rocciosi e superna d'acqua. L'inalterabilità e la durata nel tempo della resina, l'ottima copiatura del pezzo riprodotto con conseguente elevata percezione tattile e la colorazione con pitture ad olio fanno apparire la riproduzione molto simile all'oggetto originale. Per le parti in cui si deve imitare una superficie liscia e lucida con un effetto bagnato al tatto, si è ricorsi, dopo la colorazione definitiva del pezzo, ad un trattamento della superficie con la stesura di vernice acrilica trasparente. /"*»«/ r^/ 7

10 Il "cavity packing" nella conservazione dei reperti paleontologici LETIZIA DEL FA VERO Museo di Geologia e Paleontologia, Università degli Studi di Padova La conservazione di reperti fossili particolarmente fragili richiede l'utilizzo di supporti che garantiscano loro un adeguato contenimento e una buona protezione dagli urti. Una possibile soluzione consiste nel riporre il fossile in una sorta di "cuscino" su misura, realizzato utilizzando la tecnica del "cavity packin \ inizialmente introdotta per la creazione di involucri da usare nel trasporto dei reperti museali più fragili. I materiali più indicati per la realizzazione dei supporti con questa tecnica sono le schiume di polietilene, poiché possiedono ottime capacità di assorbimento degli urti, notevoli proprietà termoisolanti e sono inoltre inerti, atossiche e facili da lavorare. Generalmente si trovano in commercio sotto forma di fogli, disponibili in vari colori e misure, in un'ampia gamma di densità. Le peculiari caratteristiche di durevolezza rendono questi prodotti particolarmente adatti all'esecuzione di imballaggi per la conservazione a lungo termine dei reperti, mentre il loro utilizzo per il trasporto va valutato con più attenzione, dato che il costo è sensibilmente più elevato di quello di altri materiali comunemente usati, come la gommapiuma, il polistirolo e così via. II "cuscino" è costituito da più strati di schiuma polietilenica sovrapposti, nei quali viene realizzata una cavità che riproduce la forma del reperto. La procedura è piuttosto semplice e richiede l'uso di strumenti reperibili con facilità nelle cartolerie e nei negozi di "fai-da-te". /~»-/ r~*j 8

11 La conservazione degli exsiccata dell'erbario del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino ROSA CAMOLETTO PASIN Museo Regionale di Sdente Naturali, Torino L'erbario MRSN è stato avviato nel 1983, con l'attivazione della Sezione Botanica del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino. Poiché l'edificio che avrebbe dovuto ospitare il museo era in ristrutturazione, è stato necessario organizzare in altra sede le collezioni, utilizzando locali e sistemi modulari che, in origine, erano previsti come temporanei. Negli anni le collezioni sono state accresciute e differenziate, perciò è stato necessario trovare una diversa soluzione per organizzare le nuove acquisizioni, per proteggere gli esemplari da polvere, luce e insetti, per collocare nuovi reperti di diversa tipologia e per mantenere accessibili tutti i materiali anche dopo ripetuti traslochi. Per motivi logistici dal 1984 per gli erbari sono state utilizzate cassette di legno e vetro uguali a quelle adottate dal Museo per le collezioni entomologiche. In seguito sono state realizzate scatole di altezza maggiore, dai 9 ai 15 cm, per conservare anche le collezioni di muschi e licheni in busta, i legni della xiloteca, gli esemplari della spermatoteca. Le scatole modulari si sono rivelate valide anche per la conservazione di molti esemplari tridimensionali preparati per le esposizioni, come i rami spinosi e i licheni non pressati. Recentemente sono state preparate con la stessa modularità anche le scatole da esposizione, munite di vetro di sicurezza, chiusure e ganci per appendere. Poiché si prevedeva di dover conservare per un certo periodo di tempo l'erbario nei locali di studio, la disinfestazione degli esemplari è stata compiuta fin dall'inizio senza l'utilizzo di insetticidi. La sperimentazione ha dimostrato l'efficacia della sterilizzazione crioscopica preventiva, che consiste nel far sostare i pacchi di exsiccata in un congelatore per alcuni giorni. In più di vent'anni di sviluppo, di utilizzo e di spostamenti, l'adozione quasi obbligata delle scatole "entomologiche", effettuata per affrontare un breve periodo di transizione, si è confermata più che valida. Questi contenitori proteggono gli exsiccata dagli insetti e permettono di conservare in posizione orizzontale e senza cinghiatura i fogli d'erbario, mentre la modularità consente di impilare e spostare in sicurezza le cassette e di raggiungere e prelevare facilmente gli esemplari in esse conservati. r»«^ l^/ 9

12 Il recupero della collezione osteológica del Museo di Anatomia comparata dell'università di Torino ELENA GAVETTI & STEFANO BOVERO Museo Regionale di Sciente Naturali, Torino La collezione osteológica del Museo di Anatomia comparata dell'università di Torino, custodita presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, consta di circa 6000 esemplari risalenti per la maggior parte alla seconda metà dell'ottocento e ai primi decenni del Novecento, e vanta numerosi reperti di grande interesse sia scientifico che ostensivo. Nel 2000 la Regione Piemonte ha finanziato il progetto di recupero e di restauro di questa collezione anche attraverso rallestimento di un laboratorio tassidermico nei locali del Museo Regionale di Scienze Naturali. Le attività di recupero si sono svolte attraverso le preliminari fasi di riordino e di pulizia di tutti i preparati con rimozione della polvere e della sporcizia urbana accumulatasi negli anni. A queste operazioni si sono succedute le fasi di controllo delle informazioni riportate negli antichi cataloghi e/o trascritte sui campioni o sui cartellini ad essi allegati, di restauro conservativo dei reperti di particolare valore storico-scientifico, di catalogazione e informatizzazione dei dati. L'intervento di restauro ha seguito un criterio di ripristino conservativo delle caratteristiche originarie delle preparazioni evitando il più possibile rifacimenti e sostituzioni. Tuttora sono in corso ricerche archivistiche e bibliografiche, nonché attività di conservazione e studio sui singoli reperti. Le laboriose iniziative intraprese hanno consentito, nell'ambito della Settimana della cultura scientifica e tecnologica per l'anno 2000, l'apertura al pubblico, specie agli studenti universitari interessati ad orientare la loro preparazione verso la museologia, di un Atelier per il restauro conservativo dei primi campioni oggetto del recupero, ossia scheletri completi e parti scheletriche di perissodattili. Più recentemente la realizzazione della mostra Sebe le trin luce ha costituito l'occasione di presentare al grande pubblico una selezione dei materiali più interessanti e suggestivi dell'intera collezione osteológica. f ' /^^/ f < 10

13 Quarto Seminano sulla conservazione dei reperd naturalistici La collezione ornitologica del Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola: problematiche di preparazione e di conservazione. GIOVANNI BOANO Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola Nel 1976, anno di inaugurazione del Museo di Storia Naturale di Carmagnola, la collezione ornitologica contava 415 esemplari, per lo più montati, dovuti a donazione di privati e quasi tutti preparati posteriormente al Successivamente si è incrementata in media di circa 50 esemplari per anno, ma nel corso del tempo si è data sempre più la precedenza a forme di preparazione diversa rispetto alla classica naturalizzazione per l'esposizione la pubblico. Attualmente la collezione conta 2185 esemplari di 430 specie (non esclusivamente italiane). Se da una parte si sono effettuati preparati di uccelli montati appositamente per i diorami, dall'altra si è dapprima optato per un netto incremento dei preparati in pelle a scopo di studio, quindi a questi si sono aggiunti i preparati osteologici (preferibilmente scheletri completi smontati, ma anche parti dello scheletro) e quindi preparati di penne e ali distese. Da ultimo si è aggiunta la conservazione di campioni di tessuto muscolare in alcool per quasi tutti gli esemplari preparati. In un primo tempo le diverse collezioni (pelli, penne, osteológica e in liquido) erano trattate separatamente, ma recentemente si è provveduto ad unificarle in modo che ad ogni singolo esemplare sia attribuito un singolo numero di catalogo anche se dello stesso sono conservati reperti differenti. Resta trattata a parte la collezione di nidi e uova, di entità nettamente più modesta. L'acquisizione degli esemplari avviene soprattutto tramite collaborazione con i Centri di Recupero Fauna e con il contributo di numerosi membri del GPSO, che in genere segnalano o donano al Museo reperti trovati morti sulle strade, per urti contro vetrate o altre cause accidentali. Grazie al data base in Access è possibile conoscere immediatamente il numero di campioni conservati per specie e tipologia di conservazione, in modo da ottimizzare al meglio le nuove acquisizioni, anche se per le specie meno comuni ci si trova inevitabilmente a dover mediare fra contrastanti interessi (preparato osteológico o pelle?). Le tecniche di conservazione e i problemi incontrati saranno discussi nella presentazione. r»^/ r-»»/ r^j r*^j 11

14 Quarto Seminano sulla conservazione dei reperti naturalistici Il restauro delle collezioni entomologiche del Museo di Storia Naturale dell'università di Pavia STEFANO MARETTI Museo di Storia Naturale, Università degli Studi di Pavia Il presente contributo ha lo scopo di illustrare le tecniche di restauro conservativo adottate per il recupero di due raccolte entomologiche del Museo di Storia Naturale dell'università di Pavia: una collezione ditterologica di oltre esemplari, radunata da Emilio Corti, assistente dell'istituto di Zoologia dal 1893 al 1931, e la Collezione generale ottocentesca del Museo, comprendente materiali entomologici vari messi insieme da vari zoologi pavesi nel corso del XIX secolo, giunta a noi nell'assetto datogli da Pietro Pavesi. Nella Collezione "Emilio Corti" le scatole entomologiche originali in cartone, già di per sé inadeguate alla conservazione, si presentavano in cattivo stato e si è reso necessario sostituirle con cassette moderne, all'interno delle quali gli esemplari sono stati collocati rispettando la disposizione originale. Una diversa modalità di intervento è stata invece adottata per la Collezione generale, alloggiata in 130 cassette di legno di grande formato, ospitate in armadi ottocenteschi appositamente realizzati. In questo caso l'intervento si è accompagnato al restauro della cassetta stessa. Questo ha permesso di garantire le condizioni necessarie per una adeguata conservazione del materiale e allo stesso tempo di mantenere inalterato l'aspetto degli arredi e il valore storico-estetico della raccolta. < - ' 12

15 Le collezioni ittiologiche in liquido di Giuseppe Mazzarelli e di Menico Torchio: considerazioni sul loro restauro EDOARDO RAZZETTI Museo di Storia Naturale, Università degli Studi di Pavia Tra il 1909 e il 1912 Giuseppe Mazzarelli, Professore di Zoologia a Pavia, si fece inviare da Messina 40 vasi contenenti "pesci abissali", raccolti sulle spiagge dello Stretto "dall'intelligente giovanetto Giuseppe Arena", che utilizzò per alcuni articoli scientifici. Mezzo secolo dopo Menico Torchio conobbe e fece amicizia con lo stesso giovanetto, ormai divenuto un esperto pescatore messinese, a cui dedicò una nuova specie ittica trovata per la prima volta nello Stretto: Scorpaenodes arenai. Le collezioni ittiologiche di Torchio sono conservate principalmente nei Musei di Storia Naturale di Bergamo e Milano e presso la Stazione Idrobiologia di Milano; tuttavia anche a Pavia sono presenti numerosi reperti e in particolare 79 vasi (32 di grandi dimensioni) contenenti una ricca collezione principalmente ittiologica e teutologica raccolta tra il 1974 e il 1994, costituita prevalentemente di animali spiaggiati in provincia di Savona. Il restauro di queste due collezioni, molto diverse dal punto di vista dei recipienti utilizzati e dell'età, è lo spunto per poter effettuare alcune considerazioni riguardanti la scelta dei contenitori per le collezioni in liquido. La collezione Mazzarelli, conservata nei classici vasi di vetro con tappo smerigliato, è stata oggetto di un primo restauro nel 1985; il restauro attuale è consistito nella sostituzione del liquido di dimora (alcool 70 ), nel caso fosse evaporato buona parte del liquido, o nel semplice rabbocco con alcool 80 (per compensare la diversa volatilità di alcool e acqua) nel caso il livello si fosse abbassato solo leggermente. Contestualmente al restauro è stata effettuata la catalogazione scientifica del materiale. Dei 40 vasi presenti nel 1912 ne sono attualmente rimasti 38, sebbene otto di questi siano in cattivo stato di conservazione. La collezione Torchio, recentemente acquisita, è invece conservata in recipienti di tipo estremamente eterogeneo: principalmente vasi in vetro con chiusura metallica "twist-off, vasi con capsula a vite e sottotappo in polietilene flessibile, vasi con chiusura a tappo meccanico e guarnizioni in gomma sintetica, vasi con chiusura a pressione in polietilene flessibile, provette con tappo a pressione in sughero e bidoni in polietilene con sottotappo a pressione e chiusura a vite. Gli esemplari raccolti da Torchio erano conservati nel liquido di fissaggio (alcool 75 o formaldeide 5%) ed è stato perciò necessario trasferirli nel liquido di dimora (alcool 70 ) dopo un delicato lavaggio in acqua per eliminare la patina di fluidi corporei che li ricopriva. I più comuni vasi utilizzati da Torchio, quelli con tappo twist-off, malgrado siano economici e facilmente reperibili, sembrano essere inadatti a una corretta conservazione museale; dei 33 vasi raccolti tra il 1983 e il 1994 ben sette sono rimasti completamente a secco con conseguente perdita o danneggiamento dei preparati. L'applicazione di un foglio di polietilene sotto il tappo di alcuni vasi ha sicuramente permesso di migliorarne la tenuta, ma per una corretta gestione di questi contenitori si rende necessario comunque aprire i vasi periodicamente per verificarne le condizioni ed effettuare frequentemente la sostituzione del coperchio. Tutti gli altri recipienti (ad esclusione delle provette con tappo in sughero) sembrano aver resistito in maniera adeguata. Sulla base di questa esperienza e dei dati presenti in letteratura si è tentato di valutare vantaggi e svantaggi dei vari tipi di contenitori disponibili in commercio e di fornire alcuni suggerimenti pratici per una corretta preparazione e conservazione delle collezioni ittiologiche. /"»»/ <" ' /-s«/ /"V^ 13

16 Elenco Iscritti AFRA Shirin ANELLO Gabriella ANGELLOTTO Daniele AZUMA Marni BARBAGLI Fausto BARBETTA Irene BARUFFI Mauro BENOCCI Andrea BENOLDI Carla Esperia s.r.l. Loc. Yolognano -Terenzano 75, 50067, RIGNANO SULL'ARNO (FI) Museo di Stona Naturale e Archeologia Via Piave 41, 31044, MONTEBELLUNA Esperia s.r.l. Loc. Volognano -Terenzano 75, 50067, RIGNANO SULL'ARNO (FI) Museo Civico di Storia Naturale C.so Venezia 55, 20121, MILANO Museo di Storia Naturale dell'università, Sez. Zologica La Specola Via Romana 17, 50125, FIRENZE Centro Interdipartimentale di Servizi Musei Universitari Piazza Botta 10, 27100, PAVIA Studente presso l'università degli Studi di Pavia Accademia de' Fisiocritici Onlus Prato Sant'Agostino 5, , SIENA Studente presso l'università degli Studi di Pavia BEVILACQUA Fabio BOANO Giovanni BOX ARDI Anna BORGO Enrico Dipartimento di Fisica "A. Volta" - Univ. di Pavia Via Bassi 6, 27100, PAVIA Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola Via S Francesco di Sales 18, 10022, CARI\L\GNOLA (TO) Studente presso l'università degli Studi di Pavia Museo Civico di Storia Naturale "G. Doria" Via Brigata Liguria 9, 16121, GENOVA 14

17 BOYERO Stefano CAMOLETTO PASIN Rosa CAMPANINI Riccardo CANCELLI Fabrizio CHEMOLLO Marco CHRISTILLE Claretta CIANFANELLI Simone CONFORTINI Federico DAOLIO Manuela DEL FA VERO Letizia DELMASTRO Giovanni DORL\ Giuliano GATTABRIA Maurizio GAVETTI Elena Museo Regionale di Scienze Naturali Via Giolitti 36, 10123, TORINO Museo Regionale di Scienze Naturali Via Giolitti 36, 10123, TORINO Musei Civici Via Spallanzani 1, 42100, REGGIO EMILIA Accademia de' Fisiocritici Onlus Prato Sant'Agostino 5, , SIENA cancelli(fl),unis.it Studente presso l'università degli Studi di Pavia Studente presso l'università degli Studi di Pavia Museo di Storia Naturale dell'università, Sez. Zologica La Spec Via Romana 17, 50125, FIRENZE Museo civico di Scienze Naturali "E.Caffi" Sezione di Geologia e Paleontologia Piazza Cittadella 10, 24129, BERGAMO Studente presso l'università degli Studi di Milano Museo di Geologia e Paleontologia - Univ. Studi di Padova Via Giotto 1, 35137, PADOVA Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola Via S Francesco di Sales 18, 10022, CARMAGNOLA (TO) Museo Civico di Storia Naturale "G. Dona" Via Brigata Liguria 9, 16121, GENOVA Museo Civico di Zoologia Via Ulisse Aldrovandi 18, 00197, ROMA Museo Regionale di Scienze Naturali Via Giolitti 36, 10123, TORINO 15

18 GUASCHI Paolo GUGLIELMONE Laura LEPORI Emanuela LONGONI Violetta LORI Elisabetta MALZANNI Matteo MANSI Rita MA RETTI Stefano PAGANONI Anna PESSOLANO Roberto RAZZETH Edoardo RISERVATO Elisa ROSSI Roberta ROVATI Clementina Studente presso l'università degli Studi di Pavia Dipartimento Biologia Vegetale - Università di Torino Viale Mattioli 55,10125, TORINO Museo Civico di Storia Naturale Via Taverna 37, 29100, PIACENZA Dipartimento di Biologia Animale - Univ. di Pavia Piazza Botta 13, 27100, PAVIA Museo di Storia Naturale dell'università, Sez. Zologica La Specola Via Romana 17, 50125, FIRENZE Museo civico di Scienze Naturali "E.Caffi" Sezione di Geologia e Paleontologia Piazza Cittadella 10, 24129, BERGAMO Studente presso l'università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Servizi Musei Universitari Piazza Botta 11, 27100, PAVL\ Museo civico di Scienze Naturali "E.Caffi", sezione di Geologia e Paleontologia Piazza Cittadella 10, 24129, BERGAMO Museo del Fiume Viale Mazzini 1, 00060, NAZZANO (Roma) Centro Inter&partimentale di Servizi Musei Universitari Piazza Botta 12, 27100, PAVIA Studente presso l'università degli Studi di Pavia APAT - Collezioni paleontologiche Via Vitaliano Brancati 48, 00144, ROMA Centro Interdipartimentale di Servizi Musei Universitari Piazza Botta 13, 27100, PAVIA 16

19 SALMASO Roberta SPACCINO Leo TOMASIN Gianfranco VIOLANI Carlo VTVONA Laura ZILLI Alberto BRACCHI Giacomo Museo Civico di Storia Naturale Lungadige Porta vittoria 9, 37129, VERONA SAMBUCA DI SICILIA (AG) Museo Friulano di Storia Naturale Via Marangom nn. 39 e 41, 33100, UDINE Dipartimento di Biologia Animale - Univ. di Pavia Piazza Botta 13, 27100, PAVIA Dipartimento Biologia Vegetale - Univ. Studi di Firenze Via La Pira 4, 50121, FIRENZE Museo Civico di Zoologia Via Ulisse Aldrovandi 18, 00197, ROMA Museo Civico di Storia Naturale Cso Venezia 55, 20121, MILANO 17

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI ALLEGATO II 1 0 R A P P O R T O S U L L A F O R M A Z I O N E N E L L A P A : I L G R U P P O D I L A V O R O E G L I A U T O R I D E G L I A P P

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Rapporti e Proporzioni

Rapporti e Proporzioni Rapporti e Proporzioni (a cura Prof.ssa R. Limiroli) Rapporto tra numeri Il rapporto diretto tra due numeri a e b, il secondo dei quali diverso da zero, si indica con Ricorda a e b sono i termini del rapporto

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura IL VALORE DELLA FIDUCIA Arte e Cultura Sede Centrale Cortesi s.r.l. Via Generale Reverberi 14/16 25050 Passirano (BS) Tel. +39.030.2584111 Fax +39.030.2584116 info@cortesi.net cortesi.srl@pec.it www.cortesi.net

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli