Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali"

Transcript

1 Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in data 26 gennaio 1979 e 2 agosto 1983 istitutivi del Centro Operativo Aeromobili del Corpo forestale dello Stato; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 18 novembre 1988, n. 566; VISTO il decreto legislativo 03 aprile 2001, n. 155, relativo al riordino delle carriere del personale direttivo e dirigente del Corpo Forestale dello Stato, così come integrato e modificato dal decreto legislativo 28 dicembre 2001, n. 472; VISTO l articolo 23 quinques, comma primo, della legge 30 marzo 1998, n. 61, che prevede il potenziamento della flotta aerea del Corpo forestale dello Stato; CONSIDERATO che si pone la necessità di avviare personale del Corpo forestale dello Stato a corsi di specializzazioni aeronautiche ; ATTESO che l articolo 23, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1995, n. 395, stabilisce che, con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali, vengono fissate le norme relative alla partecipazione ai corsi di specializzazione, con particolare riferimento alle modalità ed ai periodi di addestramento ed all impiego del personale che ha conseguito la specializzazione medesima; VISTO il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e segnatamente l articolo 107, primo comma; SENTITE le Organizzazioni sindacali; D E C R E T A Articolo 1 (specializzazione) 1. Le specializzazioni aeronautiche del Corpo forestale dello Stato si articolano nelle seguenti categorie: a) pilota di elicottero; b) pilota di aereo; c) specialista di elicottero; d) specialista di aereo. 2. La specializzazione, categoria pilota, si consegue dopo aver acquisito la licenza di pilota privato o commerciale al termine dei corsi effettuati presso le Scuole volo del Ministero della Difesa o presso similari strutture civili ufficialmente riconosciute. 3. La specializzazione, categoria specialista, si consegue dopo aver acquisito il relativo brevetto di specialista al termine dei corsi effettuati presso le Scuole del Ministero della Difesa o presso similari strutture civili ufficialmente riconosciute.

2 4. Il personale specialista di aereo e/o di elicottero fa parte dell equipaggio fisso di volo. Articolo 2 (Ammissione ai corsi) 1. L ammissione ai corsi per il conseguimento delle specializzazioni avviene mediante selezione per titoli e per specifica idoneità psico fisica. 2. Il bando della predetta selezione può essere unico nazionale o per le singole sedi staccate del Centro Operativo Aeromobili. 3. Il personale appartenente al ruolo dei commissari forestali ed ai ruoli di Ispettore, sovrintendente, assistente e agente forestali è ammesso a partecipare alla selezione per il conseguimento delle specializzazioni per le categorie previste dal punto 1 del precedente articolo 1. Articolo 3 (Requisiti minimi) 1. Alle selezioni, indette con apposito bando di concorso, può partecipare il personale appartenente ai ruoli di cui al punto 2 dell articolo 2, in possesso dei seguenti requisiti minimi: a) età non superiore ad anni 35; b) diploma di scuola media superiore. 2. I candidati devono essere in possesso dei requisiti di cui alle lettere a) e b) del precedente punto 1. alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di ammissione ai corsi. 3. In prima applicazione, limitatamente alla specializzazione di pilota e specialista di aereo di cui alle lettere b) e d) dell articolo 1 del presente decreto, si prescinde dal limite di età, di cui alla lettera a) del ripetuto punto 1., con la previsione di: una riserva di posti per il personale in forza al Centro Operativo Aeromobili, già in possesso di licenza di pilota o di specialista d aereo; un attribuzione di un punteggio aggiuntivo (3 punti) per il personale in possesso dell ATPL (licenza di pilota di linea di aereo); un attribuzione di un punteggio aggiuntivo (3 punti) per il personale in possesso del titolo di certyfing staff su aereo e/o elicottero bimotore. 4. Non possono, comunque, partecipare ai corsi di cui all articolo 1, punto 1, i candidati che: a) nell ultimo biennio, precedente la data di pubblicazione del bando di selezione, abbiano riportato un giudizio complessivo inferiore a 98 per il personale del ruolo commissari e inferiore a buono per il personale dei ruoli Ispettore, sovrintendente, assistente e agente; b) siano stati dimessi da precedenti corsi di specializzazione per elicotterista per inidoneità; c) siano frequentatori, o abbiano frequentato nei sette anni precedenti alla data di pubblicazione del bando di selezione, corsi di specializzazione di cui al precedente articolo 1, comma 1; c) a seguito di precedenti specifici accertamenti psico fisici presso uno degli Istituti Medico Legali dell Aeronautica Militare siano risultati non idonei ai servizi di navigazione aerea. 2

3 Articolo 4 (Valutazione dei titoli e dei requisiti psico - fisici) 1. Le categorie di titoli da ammettere a valutazione ed il punteggio massimo attribuito a ciascuna di esse sono stabiliti come segue: Titoli di studio: a) laurea in ingegneria aeronautica... punti 3.00; b) lauree tecnico scientifiche, diploma di perito aeronautico... punti 2.00; c) altre lauree... punti 1.50; d) diploma nel settore tecnico scientifico... punti Licenze e attestati aeronautici: specializzazione di Pilota di elicottero a) licenza di pilota militare o commerciale di elicottero... punti 4.00; b) licenza di pilota privato di elicottero... punti 3.00; c) licenza di pilota militare o commerciale di aereo... punti 2.00; d) altre licenze di pilota... punti 1.00; e) altre licenze e/o attestati aeronautici... punti specializzazione di Pilota di aereo: a) licenza di pilota militare o commerciale di aereo... punti 4.00; b) licenza di pilota privato di aereo punti 3.00; c) licenza di pilota militare o commerciale di elicottero punti 2.00; d) altre licenze di pilota... punti 1.00; e) altre licenze e/o attestati aeronautici.... punti specializzazione di Specialista di elicottero: a) specialista di elicottero... punti 4.00; b) specialista di aereo punti 3.00; c) licenza di pilota militare o commerciale di elicottero... punti 2.00; d) licenza di pilota militare o commerciale di aereo..... punti 2.00; e) licenza di pilota privato di elicottero o aereo.... punti 2.00; f) altre licenze di pilota..... punti 1.00; g) altre licenze e/o attestati aeronautici..... punti specializzazione di Specialista di aereo: a) specialista di aereo... punti 4.00; b) specialista di elicottero punti 3.00; c) licenza di pilota militare o commerciale di elicottero.... punti 2.00; d) licenza di pilota militare o commerciale di aereo..... punti 2.00; e) licenza di pilota privato di elicottero o aereo.... punti 2.00; f) altre licenze di pilota..... punti 1.00; g) altre licenze e/o attestati aeronautici.... punti Con decreto del Capo del Corpo forestale dello Stato è nominata la Commissione costituita da un Dirigente forestale che la presiede, da due Vice Questori Aggiunti forestali in qualità di membri e da un ispettore forestale con funzioni di segretario. 3. La Commissione predetta è incaricata di valutare i titoli, in funzione della specializzazione da conseguire, e di redigere la graduatoria degli aspiranti ai corsi di pilota e di specialista. Ai fini della compilazione della graduatoria, a parità di punteggio, la precedenza spetta al candidato più giovane di età. 3

4 4. L accertamento dell idoneità psico fisica del personale è demandato. a specifica visita medica, da effettuarsi presso l Istituto Medico Legale dell Aeronautica Militare. Articolo 5 (pubblicazione della graduatoria) 1. Il decreto di approvazione della graduatoria o delle graduatorie del concorso e dei vincitori è pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Corpo forestale dello Stato. Articolo 6 (Comunicazione di ammissione ai corsi) 1. Ai candidati prescelti sulla base della graduatoria verrà data comunicazione di ammissione al corso, fatto salvo quanto previsto al punto 4 del precedente articolo 4, con apposito provvedimento. 2. Dell ammissione al corso dei candidati selezionati è data altresì comunicazione ai singoli uffici d appartenenza, alle competenti Divisioni del personale nonché al COA. 3. Durante tutto il periodo del corso, i frequentatori sono assistiti da funzionari del Centro Operativo Aeromobili di Roma coadiuvati, presso la Scuola ove frequentano il corso, da funzionari dei Comandi provinciali del C.F.S. interessati, all uopo designati. Articolo 7 (Presentazione, rinuncia, frequenza) 1. Gli aspiranti ammessi al Corso dovranno presentarsi nel luogo, giorno ed ora che saranno indicati nella comunicazione rispettando le direttive in essa indicate. 2. La mancata presentazione del personale convocato dovrà essere tempestivamente comunicata, anche a mezzo fax, alle competenti Divisioni del Personale e al COA al fine di provvedere alle eventuali sostituzioni con altro personale utilmente collocato in graduatoria. 3. I frequentatori del corso sono tenuti alla completa accettazione ed osservanza delle norme disciplinari vigenti presso la Scuola dell Aeronautica Militare, o presso similari strutture civili ufficialmente riconosciute. 4. Nel caso di rinuncia al proseguimento del corso, per giustificato motivo, il frequentatore può lasciare la Scuola e rientrare nella sede di servizio di provenienza esclusivamente dopo aver ricevuto il provvedimento autorizzativo da parte dell Ispettorato Generale. 5. Eventuali esclusioni dal corso per motivi imputabili al comportamento dei partecipanti, o d abbandono dello stesso senza autorizzazione, fermo restando l avvio del procedimento disciplinare, le spese sostenute dall Amministrazione per la frequenza del corso, salvo maggiori danni saranno addebitate all interessato, ed avviata la conseguente azione di recupero delle stesse. Articolo 8 (Programmi dei corsi) 1. I programmi dei corsi per pilota e per specialista verranno di volta in volta stabiliti sulla base di un apposito accordo tecnico tra il Ministero della Difesa Stato Maggiore dell Aeronautica e/o tra similari strutture civili ufficialmente riconosciute e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Corpo forestale dello Stato -. Articolo 9 (Esami finali) 1. Al termine dei corsi di formazione gli allievi devono sostenere una prova teorica e/o pratica finalizzata alla valutazione delle loro capacità tecnico professionali e all 4

5 accertamento dell idoneità ad assolvere le mansioni specifiche inerenti a ciascuno delle licenze in via di conseguimento. Articolo 10 (Trasferimenti) 1. Durante la frequenza del corso il personale ammesso rimane assegnato alla originaria sede di servizio ed usufruisce del regime convittuale nonché del relativo trattamento di missione secondo quanto previsto dalla normativa vigente. 2. Il Centro Operativo Aeromobili provvede a tutti gli adempimenti necessari per garantire il regime convittuale ed alla liquidazione del trattamento di missione. 3. Al termine del corso i frequentatori rientreranno nelle sedi di servizio di provenienza ove permarranno fino alla notifica del loro trasferimento presso una delle sedi del Centro Operativo Aeromobili. 4. Il Centro Operativo Aeromobili comunicherà alle competenti Divisioni del personale l elenco del personale che ha conseguito la licenza con l indicazione della sede operativa di assegnazione per l emanazione dei provvedimenti di trasferimento. Articolo 11 (Riconoscimento della specializzazione) 1. Con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali, al personale vincitore della selezione, che consegue la licenza di pilota privato o commerciale ed i brevetti di specialista e/o certificati equipollenti, assegnato al Centro Operativo Aeromobili, viene attribuita la relativa specializzazione che consente l esercizio dell attività di volo e di manutenzione, e quelle ad esse connesse, con gli aeromobili del Corpo forestale dello Stato. Articolo 12 (Mantenimento dei requisiti psico fisici) 1. Le visite mediche periodiche presso un istituto Medico Legale dell Aeronautica Militare, intese ad accertare la persistenza dell idoneità psico fisica, devono essere effettuate con l osservanza dei periodi sotto indicati: a) Il personale pilota con licenza privato ogni ventiquattro mesi, ridotti a dodici mesi quando il titolare della licenza ha maturato il quarantesimo anno di età; b) Il personale pilota con licenza commerciale ogni dodici mesi, ridotti a sei mesi quando il titolare della licenza ha maturato il quarantesimo anno di età. 2. Il personale specialista viene sottoposto a visita ordinaria di controllo presso un istituto Medico Legale dell Aeronautica Militare ogni due anni e, annualmente, dopo la maturazione del quarantesimo anno di età. 3. Eventuali casi di visita straordinaria sono trattati con gli stessi criteri di valutazione previsti per il personale militare destinati ai servizi di navigazione aerea, ivi compresi i casi di recupero o d esonero del personale di volo che presenti sopravvenute carenze attitudinali, motivazionali e/o tecnico professionali. 4. L inidoneità psico fisica permanente ai servizi di navigazione aerea, eventualmente sopravvenuta e riscontrata in sede di visita ordinaria o straordinaria, viene comunque dichiarata in base all esito degli accertamenti compiuti presso uno degli Istituti Medico Legali dell Aeronautica militare o al successivo livello di giudizio espresso dalla Commissione Sanitaria di Appello della stessa Forza armata. Articolo 13 (Sospensione della specializzazione) 1. I titoli per l esercizio dell attività di volo e di manutenzione sono sospesi nei casi previsti dall articolo 80 del decreto del Presidente della Repubblica 18 novembre 1988, n. 566, e nei casi di sospensione dal servizio previsti dalla vigente normativa. 5

6 2. I predetti titoli sono, altresì, sospesi per accertata violazione dei criteri essenziali di sicurezza volo che attengono, in particolare, alle norme di circolazione aerea, d impiego degli aeromobili, nonché di gestione e/o manutenzione degli stessi. In tali casi la specializzazione può essere sospesa da uno a sei mesi secondo le modalità previste dal successivo articolo Il personale oggetto della proposta di sospensione della specializzazione, nelle more della definizione del procedimento, è esonerato dall esercizio dell attività di volo e di quelle ad essa connesse a decorrere dalla data della proposta di sospensione. Articolo 14 (Revoca della specializzazione) 1. I titoli per l esercizio dell attività di volo e di manutenzione sono revocati, di diritto, nei casi previsti dall articolo 81 del decreto del Presidente della Repubblica 18 novembre 1988, n. 566 e nel caso in cui l interessato incorra nella destituzione dal servizio ai sensi delle vigenti norme. 2. La revoca è, altresì, disposta: a) allorquando, a seguito di accertamento ordinario o straordinario volto a verificare il mantenimento dei requisiti psico - fisici, l Istituto Medico Legale dell Aeronautica Militare dichiari l interessato inidoneo in modo permanente ai servizi di navigazione aerea. Per il personale specialista la revoca è limitata al provvedimento d assegnazione agli equipaggi fissi di volo; b) in caso di particolare e/o reiterata inosservanza delle direttive generali di sicurezza volo, anche se non sanzionata con specifico provvedimento di sospensione del titolo di cui al precedente articolo 12; c) nei casi di comprovato insufficiente rendimento professionale. 3. La revoca è disposta secondo le modalità stabilite dal successivo articolo Il personale per il quale è proposta la revoca dei titoli di specializzazione nella ipotesi prevista dal punto 2, lettera c, del presente articolo, è esonerato, nelle more della definizione del procedimento, dall esercizio dell attività di volo e di quelle ad essa connesse, a decorrere dalla data della proposta di revoca. Articolo 15 (Commissione di valutazione) 1. Il personale pilota e/o specialista che non abbia espresso un sufficiente rendimento professionale e nei casi previsti dall articolo 12 e dall articolo 13, punto 2, lettera c, del presente decreto, è sottoposto a verifica straordinaria, da parte di una apposita Commissione costituita con decreto del Capo del Corpo forestale dello Stato e composta: da un 1 Dirigente che ne assume la presidenza; dal Direttore operativo del COA (membro); dal Direttore tecnico per gli specialisti (membro); dal Responsabile per la Sicurezza volo (membro); Le funzioni di segretario sono svolte da un appartenente al ruolo degli Ispettori del Corpo forestale dello Stato. 2. La proposta di sospensione e/o di revoca è formulata per iscritto dal Capo del Centro Operativo Aeromobili e trasmessa al responsabile del Servizio del personale e, per conoscenza, all interessato. 3. Il Capo del Servizio del personale, entro trenta giorni, sottopone la proposta di sospensione all esame dell apposita Commissione di cui al punto 1 del presente articolo 6

7 che, entro quindici giorni, esprime il proprio motivato parere, dopo aver sentito il diretto interessato il quale può far pervenire alla commissione stessa eventuali memorie difensive ed essere assistito da propri consulenti legali e/o da un rappresentante sindacale. 4. Il Capo del Corpo forestale dello Stato, sulla base del parere espresso dalla suddetta Commissione, con proprio motivato decreto, provvede alla sospensione dei titoli di specializzazione. 5. La revoca della specializzazione, viceversa, è disposta con decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali sulla base del motivato parere espresso dalla Commissione di cui al punto Il personale per il qual è stata operata la revoca della specializzazione viene assegnato ai servizi normali d istituto del Corpo forestale dello Stato. Articolo 16 (Rinnovo dei titoli) 1. Le specializzazioni del personale di volo del Corpo forestale dello Stato sono tacitamente ed a tutti gli effetti rinnovati, di anno in anno, a condizione che il titolare superi con esito positivo la visita medica periodica di controllo ed effettui l attività minima di volo prescritta dalla normativa vigente. Articolo 17 (Impiego del personale) 1. Il personale della categoria pilota di elicottero e pilota di aereo svolge l esercizio delle attività di aeronavigazione, e di quelle ad esse connesse, sugli elicotteri e sugli aerei del Corpo forestale dello Stato. 2. Il personale della categoria specialista d elicottero e specialista di aereo è impiegato nell esercizio delle attività di volo e manutenzione, e di quelle ad esse connesse, sugli aeromobili del Corpo forestale dello Stato. Articolo 18 (Disposizioni finali) 1. Con decreto del Capo del Corpo forestale dello Stato verranno approvati i relativi manuali, volti alla definizione dell attività operativa, manutentiva ed addestrativa del personale nonché l iter per conseguire le abilitazioni e le qualificazioni professionali successive alla specializzazione. 2. Il presente annulla e sostituisce il decreto ministeriale in data 2 ottobre 1998 ed ogni altra relativa disposizione. Roma, 16/02/05 IL MINISTRO F.to GDS/ 7

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95598 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Procedura selettiva, ai sensi degli artt. 9 e 11 della Legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

SI RENDE NOTO. L assunzione è subordinata al rispetto dei vincoli finanziari di cui all art. 1, comma 198, della legge 266/2005.

SI RENDE NOTO. L assunzione è subordinata al rispetto dei vincoli finanziari di cui all art. 1, comma 198, della legge 266/2005. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale num. 40 del 26-Maggio-2006 Scadenza 26-Giugno-2006 SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI IDONEI IN FIGURA PROFESSIONALE DI COORDINATORE

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dell interno

Schema di decreto del Ministro dell interno Schema di decreto del Ministro dell interno Regolamento recante modalità di svolgimento del concorso pubblico, di cui all articolo 126 del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, per l accesso alla

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSUNZIONE CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI UN LAVORATORE DISABILE AI SENSI DELLA LEGGE 68/99 ARTICOLO 1 Requisiti per l ammissione alla selezione E indetta una selezione,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Avviso pubblico finalizzato alla stabilizzazione di n. 39 posizioni relative a rapporti a tempo determinato, Area professionale A, posizione economica A2, ( 38 posti per profilo tecnico

Dettagli

i o n MAH?nnc CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE Ufficio Relazioni Sindacali Al S.A.P.A.F. Via A.Valenziani, 5 00187 ROMA

i o n MAH?nnc CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE Ufficio Relazioni Sindacali Al S.A.P.A.F. Via A.Valenziani, 5 00187 ROMA CORPO FORESTALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE Ufficio Relazioni Sindacali Roma, i o n MAH?nnc i 3 1 1A/V i'juu Al S.A.P.A.F. Via A.Valenziani, 5 00187 ROMA Alla Federazione Nazionale U.G.L./CF.S. SEDE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli

CITTA di GINOSA Provincia di Taranto

CITTA di GINOSA Provincia di Taranto CITTA di GINOSA Provincia di Taranto Ufficio Personale P.zza Marconi - C.A.P. 74013 Tel. 099.8290233-Fax.099.8244826 Cod. Fisc.: 80007530738 - P.I 00852030733 AVVISO DI MOBILITÀ ESTERNA VOLONTARIA PER

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dell Interno

Schema di decreto del Ministro dell Interno Schema di decreto del Ministro dell Interno Regolamento recante modalità di svolgimento del corso di formazione iniziale per l'immissione nel ruolo dei direttivi, ai sensi dell'articolo 42 del decreto

Dettagli

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI PERSONALE DIPENDENTE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO E A TEMPO PARZIALE La S.T.S. Società Tuscolana

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale.

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale. COMUNE DI PISTOIA Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Identificativo Documento: 834176 NUMERO D ORDINE Registro Generale 298 del 16/02/2011 OGGETTO: ASSUNZIONE

Dettagli

Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE

Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE Prot.4601/ACGT IL DIRETTORE Visto il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia doganale approvato con D.P.R. 23 gennaio 1973, n.43, e, in particolare gli articoli 50, 51 e 52 che dettano norme

Dettagli

Corpo forestale dello Stato

Corpo forestale dello Stato Corpo forestale dello Stato Supplemento al..._ JRollettinQ ufficiale D.C.C. 1 luglio 2008 di approvazione della graduatoria finale del concorso per la nomina di 5 allievi agenti del Corpo forestale dello

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DECRETO MINISTERIALE N. 91 Requisiti dei componenti delle commissioni giudicatrici dei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto, requisiti e finalità) 1) Il

Dettagli

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti Delibera 25 novembre 2014, n. 1410 Disposizioni concernenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonchè per consulenti Allegato Disposizioni

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ARTICOLO 1 Requisiti per l ammissione alla selezione E indetta una selezione

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Decreto del Ministro dell interno

Decreto del Ministro dell interno Decreto del Ministro dell interno Regolamento recante Modalità di svolgimento del concorso interno per la promozione alla qualifica di funzionario amministrativo-contabile direttore vicedirigente del Corpo

Dettagli

N. 333-B/12 E.7.14/15808 Roma, 22/12/2014

N. 333-B/12 E.7.14/15808 Roma, 22/12/2014 DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12 E.7.14/15808 Roma, 22/12/2014 OGGETTO: Concorso pubblico, per titoli ed esame, per il reclutamento di n. 650 allievi agenti

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI 1/8 Sommario Art.1 Principi generali 2 Art.2 Il Piano delle assunzioni e delle collaborazioni 3 Art.3 Reclutamento e

Dettagli

Prot. 266 C/14 CATANZARO, 19/01/2016

Prot. 266 C/14 CATANZARO, 19/01/2016 Istituto Comprensivo Pascoli-Aldisio Codice fiscale 97061380792 codice meccanografico CZIC85300E tel. Fax 0961/722323 Via Mario Greco,31 www.icpascolialdisio.gov.it e mail czic85300e@istruzione.it 88100

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

Buras n. 2. Parte prima

Buras n. 2. Parte prima Buras n. 2 Data di pubblicazione: 08 gennaio 2015 Il seguente documento è una copia dell'atto. La validità legale è riferita esclusivamente al fascicolo in formato PDF firmato digitalmente. Decreti Consiglio

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE del SETTORE 02 RISORSE E INNOVAZIONE RENDE NOTO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA PER LA COPERTURA DI POSTI DI ESECUTORE SCOLASTICO SPECIALIZZATO CON FUNZIONI DI CUOCO - CATEGORIA B1 A PART-TIME E A TEMPO INDETERMINATO AI SENSI DELL ART. 30 DEL

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

Art.1 Generalità e fonti normative 1. ( 2. 3. Art. 2 Requisiti per l abilitazione di insegnante di teoria e di istruttore di guida 1. 2.

Art.1 Generalità e fonti normative 1.  ( 2. 3. Art. 2 Requisiti per l abilitazione di insegnante di teoria e di istruttore di guida 1. 2. Art.1 Generalità e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di svolgimento degli esami per l abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola in attuazione dell art. 105,

Dettagli

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco

Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco Comune di Bosisio Parini Provincia di Lecco 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (ottobre 2011 febbraio 2012) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE

Dettagli

Direzione Generale Ufficio IV. DDG 16 marzo 2007 Graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo. FAQ

Direzione Generale Ufficio IV. DDG 16 marzo 2007 Graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo. FAQ Direzione Generale Ufficio IV DDG 16 marzo 2007 Graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo. FAQ 1) D. L abilitazione SSIS ottenuta con l ammissione al secondo anno (in quanto l aspirante

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA DI COMPARTO

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA DI COMPARTO Direzione Risorse Umane e Strumentali Servizio Gestione delle Risorse Umane: Selezione, Formazione, Valutazione Ufficio Sviluppo Organizzativo e Mobilità AVVISO DI MOBILITA ESTERNA DI COMPARTO per la copertura

Dettagli

Museo Storico della Fisica e Centro di Studi e Ricerche Enrico Fermi

Museo Storico della Fisica e Centro di Studi e Ricerche Enrico Fermi Museo Storico della Fisica e Centro di Studi e Ricerche Enrico Fermi REGOLAMENTO CONCERNENTE IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE TECNICA E DI RICERCA E PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO H) BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 530 giovani, da avviare al servizio civile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018. Art.

Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018. Art. All. 1 determinazione n. 712 del 09.07.2015 Avviso pubblico per l ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2015/2018 Art. 1 Contingente 1. E indetto avviso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA 1 Art. 1 - Generalità TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Il

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI

ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI Via Collegio Gallarini, 1 28100 NOVARA (tel. 0321-31252 / 392629) Fax 0321 640556 E-Mail: segreteriaamministrativa@conservatorionovara.it

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

LEGGE 29 MARZO 1985, N 113

LEGGE 29 MARZO 1985, N 113 LEGGE 29 MARZO 1985, N 113 Aggiornamento della disciplina del collocamento al lavoro e del rapporto al lavoro dei centralinisti non vedenti, (GAZZETTA UFFICIALE N 82 DEL 5 APRILE 1985) Art. 1 (Albo professionale)

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI

AREA AFFARI GENERALI AREA AFFARI GENERALI BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA EX ART. 30 D.LGS 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI UN POSTO DI ISTRUTTORE CONTABILE CAT. C SETTORE FINANZIARIO. IL SEGRETARIO

Dettagli

CITTÀ DI CASTELLANZA CAP. 21053 PROVINCIA DI VARESE 0331-526.111

CITTÀ DI CASTELLANZA CAP. 21053 PROVINCIA DI VARESE 0331-526.111 CITTÀ DI CASTELLANZA CAP. 21053 PROVINCIA DI VARESE 0331-526.111 C.F. 00252280128 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA TRA ENTI SOGGETTI AI VINCOLI ASSUNZIONALI PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE -

Dettagli

SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE

SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE REGOLAMENTO PER SELEZIONE DEL PERSONALE Ai sensi della Legge 133 del 6 agosto 2008 art. 18 di conversione del DL 112 del 25 giugno 2008 OGGETTO: con il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI MERLARA PROVINCIA DI PADOVA CODICE FISCALE - 82005590284 PARTITA IVA 00672710282

COMUNE DI MERLARA PROVINCIA DI PADOVA CODICE FISCALE - 82005590284 PARTITA IVA 00672710282 COMUNE DI MERLARA PROVINCIA DI PADOVA CODICE FISCALE - 82005590284 PARTITA IVA 00672710282 PIAZZA MARTIRI DELLA LIBERTA N. 9 35040 MERLARA PD TEL.: 0429-85015 FAX: 0429-844279 Prot. li, BANDO DI CONCORSO

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI FORMAZIONE DI BASE approvato dal Consiglio Accademico con Delibere n. 2/10 e successive modifiche ed integrazioni INTRODUZIONE GENERALE L articolazione della Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

Data di emissione del bando

Data di emissione del bando ESEMPIO DI BANDO DI CONCORSO COMUNE DI X Divisione Personale Comune di X Figura 14 febbraio 2003 n. prot. 35.284 cat.10 n. pratica 1.184/03 classe 4 professionale Data di emissione del bando Livello di

Dettagli

STP - SOCIETA TRASPORTI PUBBLICI di TERRA d OTRANTO S.p.A.

STP - SOCIETA TRASPORTI PUBBLICI di TERRA d OTRANTO S.p.A. STP - SOCIETA TRASPORTI PUBBLICI di TERRA d OTRANTO S.p.A. Selezione per la formazione di graduatoria per l assunzione a tempo indeterminato part-time di personale con qualifica di collaboratore di esercizio

Dettagli

Legge Provinciale Bolzano 19/1/1976 n.6. B.U.R. 10/2/1976 n.6 ORDINAMENTO DELL' ISTITUTO PROVINCIALE ASSISTENZA ALL' INFANZIA

Legge Provinciale Bolzano 19/1/1976 n.6. B.U.R. 10/2/1976 n.6 ORDINAMENTO DELL' ISTITUTO PROVINCIALE ASSISTENZA ALL' INFANZIA Legge Provinciale Bolzano 19/1/1976 n.6 B.U.R. 10/2/1976 n.6 ORDINAMENTO DELL' ISTITUTO PROVINCIALE ASSISTENZA ALL' INFANZIA Articolo 1 Finalità [1] 1. L' istituto provinciale di assistenza all' infanzia

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA. Art. 1 (Oggetto della procedura di mobilità)

AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA. Art. 1 (Oggetto della procedura di mobilità) AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA Art. 1 (Oggetto della procedura di mobilità) E' indetta, ai sensi dell'articolo 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., una procedura di mobilità

Dettagli

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento del 15 maggio 2003 (Stato 3 giugno 2003) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e

Dettagli

DISCIPLINARE AL BANDO DI CONCORSO Soggiorni di Studio per la mobilità internazionale Italia - Paesi Extraeuropei (Università di lingua inglese)

DISCIPLINARE AL BANDO DI CONCORSO Soggiorni di Studio per la mobilità internazionale Italia - Paesi Extraeuropei (Università di lingua inglese) DISCIPLINARE AL BANDO DI CONCORSO Soggiorni di Studio per la mobilità internazionale Italia - Paesi Extraeuropei (Università di lingua inglese) Mobilità a.a. 2015/2016 (scadenza bando: 8 gennaio 2015)

Dettagli

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 126 C/13 Melfi, 9 gennaio 2015 BANDO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN ESPERTO ESTRANEO ALL AMMINISTRAZIONE DESTINATARIO DI INCARICO PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI FINALIZZATE ALL INTEGRAZIONE

Dettagli

A) Titoli di accesso alla graduatoria

A) Titoli di accesso alla graduatoria Allegato 2 (Articolo 1, comma 1, decreto legge.) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER LA RIDETERMINAZIONE DELL ULTIMO SCAGLIONE DELLE GRADUATORIE PERMANENTI DI CUI ALL ARTICOLO 401 DEL TESTO UNICO DELLE

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

Verbale d intesa in materia di selezioni interne per i passaggi economici all interno delle aree

Verbale d intesa in materia di selezioni interne per i passaggi economici all interno delle aree Verbale d intesa in materia di selezioni interne per i passaggi economici all interno delle aree sottoscritto il a Roma Le parti riunitesi il giorno 2015 sottoscrivono il seguente Verbale d intesa in materia

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE BENI CULTURALI INFORMAZIONE SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO BENI CULTURALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE BENI CULTURALI INFORMAZIONE SPETTACOLO E SPORT SERVIZIO BENI CULTURALI AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO DI 8 LAUREATI CON PERCORSO FORMATIVO POST LAUREA IN MANAGEMENT DEI BENI CULTURALI, IN ECONOMIA DEI BENI CULTURALI, IN ECONOMIA DELLA CULTURA, IN

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA PER FORMAZIONE GRADUATORA CANDIDATI IDONEI A RICOPRIRE N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO, CATEGORIA C, TEMPO PIENO ED INDETERMINATO. RISERVATO AGLI APPARTENENTI ALLE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSUNZIONI

REGOLAMENTO ASSUNZIONI REGOLAMENTO ASSUNZIONI CRITERI E MODALITÀ DI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE UNIACQUE S.P.A. Sede Legale: via E. Novelli 11, 24122 Bergamo Sede Amministrativa: via Malpaga 22, 24050 Ghisalba (BG) tel. +39 0363

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI N.1 AGENTE DI POLIZIA LOCALE CATEGORIA C POSIZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29 maggio 2014 INDICE Premessa Disposizioni Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma --- Servizio 9 Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma --- Servizio 9 Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma --- Servizio 9 Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane Selezione Pubblica per assunzioni di disabili per la copertura a tempo indeterminato di n. 6 posti

Dettagli

presso il Comune di LASTRA A SIGNA IL DIRETTORE GENERALE Dirigente del Settore Risorse e Innovazione

presso il Comune di LASTRA A SIGNA IL DIRETTORE GENERALE Dirigente del Settore Risorse e Innovazione AVVISO PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO TEMPO PIENO N. 1 ESECUTORE AI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI (Cat. B Pos. Ec. B1 - CCNL Regioni Autonomie Locali) presso il Comune di LASTRA A SIGNA IL DIRETTORE

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU43 24/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 30 settembre 2013, n. 21-6423 Applicazione D.P.R. 16.4.2013 n. 68 concernente "Regolamento recante modifiche all'art. 330 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO TITOLO I Ambito di applicazione e definizioni INDICE Articolo 1 TITOLO

Dettagli

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3 INDICE DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITÀ ESTERNA ED INTERNA DEL PERSONALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n.16 del 3.7.2012 ART.1 CRITERI GENERALI E AMBITO

Dettagli

Prot. n. 10914/A19 Udine, 23/12/2015

Prot. n. 10914/A19 Udine, 23/12/2015 Prot. n. 10914/A19 Udine, 23/12/2015 Sul Sito web del Conservatorio www.conservatorio.udine.it Albo pretorio: Bandi di selezione pubblici, Bandi per altre attività. Oggetto: Pubblicazione Decreto Direttoriale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Decreto n. 58 IL DIRETTORE GENERALE VISTA VISTA VISTA La Legge 19

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

CONCORSO PER 8 LAUREATI CON FORMAZIONE GIURIDICA DA ASSUMERE CON CONTRATTO A TERMINE. Articolo 1 (Posti a concorso)

CONCORSO PER 8 LAUREATI CON FORMAZIONE GIURIDICA DA ASSUMERE CON CONTRATTO A TERMINE. Articolo 1 (Posti a concorso) CONCORSO PER 8 LAUREATI CON FORMAZIONE GIURIDICA DA ASSUMERE CON CONTRATTO A TERMINE. Articolo 1 (Posti a concorso) 1. L IVASS indice un concorso pubblico per esami per la selezione di 8 laureati con formazione

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA CITTA DI POGGIARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 276 del 30.12.2013 ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO GIACOMO CHILESOTTI Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO GIACOMO CHILESOTTI Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica Prot. N 2370 D1.4 Thiene, 4/08/2015 All ALBO ITT Chilesotti - THIENE UST VICENZA USR VENETO Oggetto: Bando Individuazione personale docente su cl. Concorso A014. IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico MOBILITA PROFESSIONALE PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO (A.T.A.) procedure selettive per i passaggi del personale amministrativo tecnico ed ausiliario (a.t.a.) dall area contrattuale inferiore

Dettagli

IL CAPO DIPARTIMENTO

IL CAPO DIPARTIMENTO D.M. n.614 IL CAPO DIPARTIMENTO VISTO il decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217 recante Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco a norma dell articolo 2 della legge 30 settembre

Dettagli

Art. 1. b) ai fini indicati nell'articolo 4, mediante apposita sessione d'esame indetta annualmente dall'assessore regionale alla pubblica istruzione.

Art. 1. b) ai fini indicati nell'articolo 4, mediante apposita sessione d'esame indetta annualmente dall'assessore regionale alla pubblica istruzione. L.R. 8 marzo 1993, n. 12 ( 1 ) Accertamento della piena conoscenza della lingua francese per il personale ispettivo, direttivo, docente ed educativo delle istituzioni scolastiche dipendenti dalla Regione.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO INTERNO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTO INTERNO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/6/2012 verb. N. 211 nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e pubblicità, Albatros

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli