La Direttiva emissions trading: nuovo strumento impositivo di tutela dell ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Direttiva emissions trading: nuovo strumento impositivo di tutela dell ambiente"

Transcript

1 Olimpia Esposito De Falco La Direttiva emissions trading: nuovo strumento impositivo di tutela dell ambiente ARACNE

2 Copyright MMV ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: giugno 2005

3 INDICE PREFAZIONE INTRODUZIONE pag. 3 pag. 5 PARTE PRIMA: REGOLAMENTAZIONE CAPITOLO 1 ORIGINE ED EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA E.T. NELL ANALISI DELLE SUE FONTI PRIMARIE E SECONDARIE IN RELAZIONE AL CONTESTO INTERNAZIONALE E COMUNITARIO LA LEGISLAZIONE ITALIANA 1.1 Trattati Internazionali: la Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici, il Protocollo di Kyoto. pag La normativa comunitaria: l Emissions Trading e la Direttiva 2003/87/CE. pag La legislazione italiana attuativa dei principali strumenti giuridici internazionali in materia ambientale... pag Le correlazioni accomunanti la normativa E.T. e le altre normative europee e nazionali in campo ambientale pag. 40 Bibliografia capitolo 1... pag.44 CAPITOLO 2 I PRINCIPI CARDINE DEI PIANI NAZIONALI DI ALLOCAZIONE DELLE QUOTE DI EMISSIONE 2.1 Tutela dei principi di trasparenza e libera concorrenza nella fase iniziale di allocazione delle quote... pag Effetti della violazione della trasparenza e libera concorrenza.. pag Effetti speculativi legati alla commercializzazione pag Contestazione al provvedimento di assegnazione delle quote di emissione. pag.65

4 Bibliografia capitolo 2 pag. 67 PARTE SECONDA: PROBLEMATICHE CAPITOLO 3 PROBLEMATICHE GIURIDICHE, CONTABILI E FISCALI IN RELAZIONE ALLA NATURA DELLE QUOTE DI EMISSIONE 3.1 La legislazione comunitaria e i diritti individuali... pag Aspetti giuridici dei diritti di emissione. pag Aspetti contabili e fiscali delle quote di emissione pag Conseguenze fiscali del commercio delle quote di emissione... pag Trattamento fiscale delle sanzioni.. pag Principali modalità di allocazione dei permessi di emissione pag.85 Bibliografia capitolo 3... pag.89 CAPITOLO 4 INTERPRETAZIONE GIURIDICA DI PROBLEMI CONNESSI AL MERCATO DELLE QUOTE DI EMISSIONE 4.1 Il funzionamento del mercato delle quote di emissione. pag Concorrenza ed E.T., il problema dei nuovi entranti pag Kyoto ed E.T. : l attuale situazione internazionale pag La situazione italiana: uno sguardo di sintesi tra realtà e previsione. pag.107 Bibliografia capitolo 4... pag.110 Bibliografia Generale... pag.112 2

5 PREFAZIONE La problematica dell Emissions Trading è attualmente oggetto di vivaci dibattiti sia a livello nazionale che sovranazionale. Si tratta, infatti, di una tematica di particolare attualità, tenuto conto che il cambiamento climatico è diventato, nel corso dell ultimo decennio una preoccupante emergenza ambientale su scala globale. L uso incontrollato delle fonti tradizionali di energia ha determinato un surriscaldamento del pianeta con effetti ambientali devastanti, quali lo scioglimento dei ghiacciai, l innalzamento del livello del mare, la scomparsa di vasti territori adibiti a foresta, ecc, deteriorando il contesto biologico globale. Da più parti sono state analizzati e valutati, sia a livello scientifico che economico gli effetti e i prevedibili danni derivanti dal cambiamento del clima. Secondo il gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPPC) che riunisce i maggiori esperti mondiali in questo campo tra il 1990 e il 2100 la temperatura media mondiale alla superficie aumenterà tra 1,4 e 5,8 C, se la situazione rimane invariata. Il livello del mare, sempre nel periodo considerato, dovrebbe innalzarsi tra 9 e 88 cm. Inoltre, le modifiche dei regimi pluviometrici determineranno una riduzione delle risorse idriche in molte regioni. Si sono, altresì, moltiplicati gli sforzi a livello internazionale tesi a realizzare accordi per il contenimento delle emissioni inquinanti, segnatamente l anidride carbonica. La domanda globale di energia è destinata ad aumentare sensibilmente nei prossimi anni per la marcata crescita di economie emergenti, quale Cina, India, Russia e in genere i paesi dell Asia. Per fronteggiare adeguatamente il previsto aumento del consumo mondiale di fonti energetiche e, anzi, per ridurre le emissioni nell atmosfera di gas ad effetto serra. un ruolo determinante è rappresentato dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutosi in Giappone nel 1997 e del relativo protocollo di Kyoto entrato in vigore nel febbraio In particolare, alla luce degli obblighi assunti con l entrata in vigore del Protocollo in parola, l Emissions Trading, rappresenta uno dei tre meccanismi flessibili - insieme, all Attuazione Congiunta (Joint Implementation) e al Meccanismo per lo Sviluppo Pulito (Clean Development Mechanism) - per attuare, a livello mondiale, una graduale riduzione delle emissioni inquinanti. 3

6 La recente direttiva 2003/87/CE, che ha istituito un sistema per lo scambio di quote di emissione dei gas a effetto serra nella Comunità, è stata oggetto di un crescente interesse, considerato che vengono individuati nuovi strumenti impositivi di politica ambientale che, sicuramente avranno un impatto rilevante per il sistema produttivo dei paesi membri dell UE: per la prima volta viene attribuito un costo all utilizzo di una risorsa naturale, l aria. Va evidenziato che l entrata in vigore di un mercato unico per l emissioni a livello comunitario secondo le disposizioni attuative della direttiva - dovrebbe impedire distorsioni della concorrenza, derivanti da regimi nazionali diversi di Emissions Trading. Inoltre, i costi da sostenere per la tutela dell ambiente-specie nell attuale delicata fase congiunturale dovranno risultare contenuti segnatamente, per l Italia e la Germania, al fine di non comprometterne ulteriormente la già precaria competitività. 4

7 INTRODUZIONE Il presente lavoro nasce dalla constatazione che il cambiamento climatico a livello globale è considerato una delle più urgenti e pressanti questioni ambientali che la Comunità internazionale ed i singoli Stati sono tenuti a fronteggiare. Pertanto, la tematica oggetto di analisi è quella della tutela dell ambiente a livello comunitario, secondo una nuova metodologia imposta dalla recente direttiva 2003/87/CE. In particolare, questo contributo, quale parte integrante di una ricerca condotta dal Consorzio Universitario CUEIM e finanziata dal MIUR D.M. 1105/02, nasce dal desiderio di compiere una rilettura di problematiche già affrontate negli studi e filoni dottrinali del diritto tributario, attraverso il regime dell imposizione ambientale, al fine di chiarire e approfondire taluni aspetti. Si tratta, infatti, di passare dalla cultura dell autorizzazione e del controllo, a quella che considera prioritario l obiettivo di protezione dell ambiente in termini di volumi di emissioni e, che all interno di questo obiettivo cerca di utilizzare le strade più economiche per raggiungerne il risultato. Il proposito, dunque, è quello di analizzare in maniera critica la legislazione vigente a livello nazionale e soprattutto di Unione Europea al fine di verificare la fattibilità delle possibili ipotesi di allocazione e riallocazione di diritti di emissione alla luce di nuovi strumenti impositivi di tutela ambientale. Il presente lavoro si articola in due parti; nella prima vengono svolte in via preliminare alcune considerazioni sulle origini e sull evoluzione della normativa Emissions Trading, analizzando le fonti primarie e secondarie secondo un triplice livello - internazionale, comunitario e nazionale. Successivamente, sono stati analizzati i nodi principali della direttiva 2003/87/CE, sottolineando il contenuto e gli obblighi da essa derivanti, nonché la legislazione italiana attuativa dei principali strumenti giuridici internazionali in materia ambientale e le correlazioni tra la normativa ET e le altre europee e nazionali in campo ambientale (par. 1.3, 1.4 a cura di Gennaro e Giuseppe Gargiulo). Nell analizzare gli aspetti giuridici del problema dell allocazione delle quote di emissione di CO2, si sono presi in considerazione i principi cardine dei Piani nazionali di allocazione, quali anzitutto la tutela della trasparenza e, 5

8 la libera concorrenza nel mercato comunitario. Viene esaminata la normativa comunitaria in materia di aiuti di Stato, gli effetti della violazione e soprattutto gli eventuali effetti speculativi legati alla commercializzazione delle quote di emissione, nonché le contestazioni al provvedimento di assegnazione delle quote in un mercato di libera concorrenza. Nella seconda parte del lavoro vengono affrontate le problematiche riguardanti sia la natura giuridica delle quote di emissione e la loro possibile configurazione in diritti di inquinamento trasferibile, sia gli aspetti contabili, oltre che le conseguenze fiscali del loro commercio ed il trattamento fiscale delle sanzioni (par. 3.3, 3.3.1, 3.3.2, 3.4 a cura di Gennaro e Giuseppe Gargiulo). Nelle considerazioni conclusive si offre una sintesi dell attuale situazione internazionale ed, una valutazione delle realtà e delle previsioni italiane (Cap 4 a cura di Gennaro e Giuseppe Gargiulo). Per la realizzazione di tale lavoro desidero, con profonda gratitudine ringraziare il CUEIM ed il suo Presidente prof. Gaetano Golinelli, per l opportunità offertami di svolgere un attività di studio e ricerca, nell ambito del progetto Elaborazione per l ottimizzazione del sistema di allocazione dei permessi di emissione di CO2 e per la valutazione economica degli scenari evolutivi connessi al regime di scambio (Emissions Trading) approvato dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR). Desidero, altresì, ringraziare il prof Raffaele Perrone Capano e il prof. Andrea Amatucci per la generosa ed assidua attenzione mostrata nelle fasi di impostazione dello studio e che rappresentano un punto di riferimento scientifico ed umano prezioso quanto insostituibile. Un vivo ringraziamento ai prof della Seconda Università degli Studi di Napoli. Al prof. Gaetano Liccardo, cui sono affettivamente legata da sempre, al prof. Fabrizio Amatucci che mi ha stimolato e guidato nello studio del diritto tributario. Infine, ringrazio i collaboratori del Dipartimento di diritto finanziario della facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Napoli, Federico II, segnatamente, i ricercatori Eugenio Romanelli Grimaldi e Roberta Alfano per le informazioni e i suggerimenti preziosi che mi forniscono continuamente. 6

9 Desidero, infine, ringraziare i colleghi che mi hanno affiancato durante le attività di ricerca del CUEIM Gennaro e Giuseppe Gargiulo, per la redazione di alcuni paragrafi del lavoro. 7

10 CAPITOLO 1 ORIGINE ED EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA E.T. NELL ANALISI DELLE SUE FONTI PRIMARIE E SECONDARIE IN RELAZIONE AL CONTESTO INTERNAZIONALE E COMUNITARIO - LA LEGISLAZIONE ITALIANA. 1.1 I Trattati Internazionali: la Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici, il Protocollo di Kyoto. Tutelare l ambiente sta a significare, anzitutto, proteggere le risorse (dall aria all acqua, dal suolo alla flora) evitando che siano oggetto di inquinamento. Le problematiche relative all utilizzazione, gestione e conservazione delle risorse ambientali hanno, per loro natura, una connotazione sopranazionale, in quanto non sono affrontabili in maniera esaustiva se non in una prospettiva di coordinamento internazionale. Ad ogni modo, si è assistito, ad una proliferazione di norme ambientali ad un triplice livello: internazionale, comunitario e nazionale. I) Le regole di diritto internazionale tese alla protezione dell ambiente possono essere raggruppate in due categorie, in base al differente grado di incidenza sull attuazione da parte dei singoli Stati. La prima categoria riguarda le fonti primarie, cioè norme, a carattere generale, che fissano obblighi, positivi o negativi, imposti a tutti gli Stati. Risale alla decisione dell 11 marzo del 1941, nella controversia tra Canada e Stati Uniti, la regola di carattere generale per cui nessuno Stato deve porre in essere o tollerare che il proprio territorio sia utilizzato in maniera tale da produrre danni ambientali sensibili nel territorio di uno o più Stati. 1 Tale concetto è stato ribadito anche dalla Corte internazionale di giustizia nel caso del Canale di Corfù. Il fondamento teorico della norma primaria in parola poggia sui principi dell abuso di diritto, degli obblighi di vicinato o, del più diffuso dovere di ogni Stato di impedire turbative all esercizio della sovranità degli altri Stati. Va evidenziato che questa regola viene applicata segnatamente nell ipotesi di inquinamento transfrontaliero e, sulla sua base, sono state individuate altre norme 1 C.C.G.D CAPONERA <<Ambiente>>, Enc Giuridica Treccani, III. 8

11 primarie di carattere procedurale, concernenti: doveri di informazione, consultazione o negoziazione nell ipotesi di danni ambientali. Nei tempi più recenti 2 si è venuta sviluppando la tendenza da parte della generalità degli Stati di attuare la normativa in materia ambientale e la disciplina dei settori inquinanti secondo regole imposte dalla Comunità internazionale. Ciò in base al progressivo affermarsi di norme primarie idonee ad imporre agli Stati obblighi erga omnes, cioè nei confronti dell intera collettività internazionale. E da ritenere che nel settore della tutela ambientale una norma di questo tipo copra attualmente le ipotesi di inquinamento aventi particolare gravità. La moderna prospettiva è anche presente nell articolo 30 della risoluzione dei principi adottata dall Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1974, meglio nota come Carta dei diritti e doveri economici degli Stati 3. La seconda categoria riguarda le fonti secondarie ossia la pluralità degli accordi multilaterali e bilaterali che costituiscono la vera e propria disciplina dell ambiente e che saranno oggetto di studio nel corso del lavoro. II) Nell ordinamento nazionale la difesa dell ambiente viene affrontata solo di recente 4. La costruzione di un corpo normativo sistematico volto alla 2 P. PICONE - G SACERDOTI, <<Diritto internazionale dell economia e costituzione economica dell ordinamento internazionale>>, Diritto internazionale dell economia, , Il disposto che è collocato nel capo III relativo alle comuni responsabilità nei confronti della Comunità internazionale, sancisce: La protezione, la conservazione e la valorizzazione dell ambiente per le attuali e le future generazioni è responsabilità di tutti gli Stati. Tutti gli Stati faranno in modo di formulare le loro politiche ambientali e di sviluppo in conformità a tali responsabilità. La politica ambientale di tutti gli Stati dovrebbe promuovere e non compromettere le possibilità di sviluppo attuali e future dei paesi in via di sviluppo. Tutti gli Stati hanno la responsabilità di garantire che le attività rientranti nella loro giurisdizione e sotto il loro controllo non provochino danni alle condizioni ambientali degli altri Stati, o di zone fuori dai confini della giurisdizione nazionale. Tutti gli Stati dovrebbero cooperare all elaborazione di norme e regolamentazioni internazionali relative all ambiente. Vedi A WARD, <<Saggio sull articolo 30>>, A A. VV Giustizia economica internazionale, 234, 1977; A. O. ADEDE. <<United Nations Execerpts Toward the Development of an Environment Code of Conduct for States concerning Harmonious Utilization of Shared Natural Resources>> Albany Law Review, 488, Il primo intervento organico in materia ambientale si è avuto solo nel 1976 con la Legge 10 maggio n. 319, <<Norme per la tutela delle acque dall inquinamento>>, nota come Legge Merli (G.U. n. 141 del 29 maggio 1976) integrata e modificata dalla Legge 24 dicembre 1979 n. 650 (G.U. n. 352 del 29 dicembre 1979). Essa, pur con le sue carenze e gli inevitabili ritardi in sede di applicazione pratica, ha disciplinato in modo organico e uniforme su tutto il territorio nazionale gli scarichi idrici di qualsiasi tipo. In particolare ha regolamentato gli scarichi sia pubblici che privati, 9

12 protezione dell ambiente è stata, ed è tutt ora frammentaria e contraddittoria 5, mancando qualsiasi definizione di ambiente nella Costituzione italiana 6. Le fonti primarie sono le leggi ed atti aventi forza di legge. In proposito, però, va evidenziato che, in materia ambientale più che in altri settori del diritto, si assiste al fenomeno della provvedimentalizzazione, ovvero della amministrativizzazione della legge 7. In tal senso, si avverte la tendenza della legge a perdere i caratteri della generalità ed astrattezza, in quanto le prescrizioni normative assumono contenuti sempre più dettagliati e puntuali. Ad ogni modo, a livello di produzione normativa primaria sul finire degli anni 80 è stato sempre più frequente l utilizzo dei decreti legge ex art. 77. Infatti, la disciplina di significativi settori quali, la tutela delle acque, la gestione dei rifiuti, l inquinamento atmosferico sono stati sottoposti a continui e reiterati interventi del governo attraverso decreti legge, con conseguenze dirompenti sul piano della certezza del diritto e della tutela di diretti ed indiretti, in tutte le acque superficiali e sotterranee, interne e marine, nonché in fognature sul suolo o nel sottosuolo. 5 P D AMELIO <<Ambiente>> Enc. Giur. Treccani, I. 6 La Corte Costituzionale ha colmato questa lacuna (con la sentenza 30 dicembre 1987 n. 614) affermando che <<nel nostro ordinamento giuridico la protezione dell ambiente è imposta da precetti costituzionali (art 9 e 32) ed assurge a valore primario ed assoluto>>. Anche la Corte di Cassazione si è impegnata nella ricerca di quella definizione di ambiente che manca nella Costituzione italiana, giungendo ad affermare che per << ambiente >> deve intendersi il contesto delle risorse naturali e delle stesse opere più significative dell uomo protette dall ordinamento perché la loro conservazione è ritenuta fondamentale per il pieno sviluppo della persona. L ambiente è una nozione, oltrechè unitaria, anche generale, comprensiva delle risorse naturali e culturali, veicolata nell ordinamento italiano dal diritto comunitario (Cass. Pen. sez. III, 28 ottobre 1993, n. 9727, Benericetti, nello stesso senso Cass. Pen. sez. III, 20 gennaio 1983, n. 421, Mazzola). La mancanza del fondamento giuridico per la difesa dell ambiente, nella Costituzione, ha dato anche vita ad una vasta dottrina tesa a dimostrare, utilizzando - in maniera indiretta o in via di interpretazione analogica e/o estensiva - disposizioni dettate per fini diversi. Sul punto Vedi M.S. GIANNINI, << Ambiente: saggio sui diversi suoi aspetti giuridici>> Riv. trim. dir. Pubb., 15, 1973; A PREDIERI,<<Paesaggio>> Enc.giuridica Treccani, XXXI, 1981; A CORASANITI <<La tutela degli interessi diffusi davanti al giudice ordinario>>, Riv. Dir. Civ., 180, 1978; S. Patti <<Ambiente>> Diz.dir. pri., 31, 1980; V. CAIANIELLO. P. D AMELIO <<Bilancio d impatto ambientale: aspetti istituzionali>>, Quaderno ISGEA, n 17, 1981; L. ZANUTTIGH <<Diritto dell ambiente e tutela giurisdizionale>> Riv. dir. proc., 720, 1979; G., TORREGROSSA <<Profili della tutela dell ambiente>> Studi per il centocinquantenario del Consiglio di Stato, II, Attualmente vi è un riferimento alla tutela dell ambiente a seguito della legge costituzionale n. 3/2001 che ha riformulato il titolo V, parte II della Costituzione, introducendo, in tema di normativa ambientale significative novità non solo sul piano generale, ma anche nei rapporti tra Stato e Regioni. 7 B.CARAVITA Diritto dell ambiente, Bologna,

13 situazioni giuridiche soggettive. A questa situazione la Corte Costituzionale ha posto un limite generale con la sentenza n. 360 del Successivamente aggirato con il ricorso alle leggi di sanatoria, emanate sulla base del III comma dell art 77 Cost. Ciò, da un lato, ha consentito di aggirare le conseguenze preclusive della sentenza, dall altro, ha offerto un ulteriore strumento normativo. Per quanto riguarda, invece, le fonti secondarie, esse sono contraddistinte dal principio della libertà delle forme, fermo restando il rispetto del principio di legalità. In particolare, la produzione secondaria del diritto ambientale appare caratterizzata dalla tecnicità delle decisioni e dalla programmaticità degli interventi normativi di ampio respiro, sulla scorta cioè di leggi a carattere generale. Rilevanti settori del diritto ambientale vengono disciplinati da regolamenti. In particolare, le direttive comunitarie in materia ambientale trovano applicazione nel nostro ordinamento anche attraverso regolamenti 9 nel pieno rispetto degli obblighi internazionali. III) La tutela dell ambiente assume rilievo soprattutto a livello comunitario. Agli inizi degli anni 70 la Comunità ha tentato di fornire un suo contributo senza però che alcuna disposizione del Trattato di Roma potesse essere posta a fondamento di tale politica, se non attraverso un laborioso lavoro interpretativo Viene stabilito che la reiterazione è contraria ai principi costituzionali quali la provvisorietà, la straordinarietà e la perdita di efficacia retroattiva. Ne consegue che un decreto legge decaduto può essere reiterato solo nell ipotesi in cui sussistono gli stessi presupposti giustificativi del pregresso intervento, ovvero il contenuto normativo si presenta sostanzialmente differente da quello precedente. Vedi F. SORRENTINO, <<La reiterazione dei decreti legge di fronte alla Corte costituzionale>>, Giur. Cost, 3157, 1996; S.M. CICCONETTI, <<La sent. N. 360 del 1996 della Corte costituzionale e la fine della reiterazione dei decreti legge: tanto tuonò che piovve>> Giur. Cost, 3162, Le direttive comunitarie vengono applicate attraverso la Legge comunitaria. Quest ultima determina i tipi di provvedimenti, regolamenti e decreti legislativi o ministeriali, per l attuazione di ogni direttiva. La legge Comunitaria è stata introdotta nel nostro ordinamento con la Legge 9 marzo 1989, n. 86, secondo cui la Comunitaria regola le modalità e i tempi per la trasposizione delle direttive e determina il tipo di provvedimento con cui questa deve essere attuata, al di fuori delle ipotesi di recepimento diretto. 10 La Corte di Giustizia sebbene non investita direttamente del problema, con due sentenze contro l Italia, entrambe del 18 marzo 1980, precisò che pur non essendovi un chiaro riferimento all ambiente nei principi cardine, tale tutela poteva aversi attraverso l applicazione indiretta di altri principi, quale ad esempio l art. 100 in merito al ravvicinamento delle disposizioni legislative 11

14 E stato solo con l emanazione dell Atto Unico Europeo nel 1986, che l ambiente ha trovato il suo fondamento giuridico nell ambito della Comunità con l art. 130, prevedendosi per la prima volta in campo comunitario l applicazione del principio di sussidiarietà ex art. 130 R 11. Si è realizzato il pieno riconoscimento della politica ambientale con il Trattato di Maastricht nel 1992 che all art 2 pone tra gli obiettivi fondamentali quello dello sviluppo sostenibile, ovvero uno sviluppo armonioso ed equilibrato delle attività economiche nell ambito delle politiche dell Unione. Attualmente la Costituzione europea con l art. 3 ha fatto proprio tale principio, prevedendo uno sviluppo sostenibile basato su una crescita economica ed equilibrata ed un livello di tutela e di miglioramento della qualità dell ambiente. Le norme primarie del sistema giuridico comunitario sono le norme convenzionali, contenute nei Trattati istitutivi delle tre Comunità europee e in quegli accordi che successivamente sono stati stipulati per modificare ed integrare i primi. L insieme di atti che viene definito comunemente diritto comunitario derivato, rappresenta una fonte di secondo grado. Si tratta di atti giuridici adottati dalle Istituzioni comunitarie: regolamenti, decisioni e direttive (atti vincolanti), nonché raccomandazioni e pareri (atti non vincolanti) 12. Sono posti in essere attraverso procedimenti deliberativi che, come si avrà modo di ribadire, si svolgono e si esauriscono in modo del tutto indipendente da quelli nazionali. Sono atti, però destinati ad incidere in modo rilevante sugli ordinamenti giuridici interni e sulle posizioni giuridiche dei singoli, talvolta senza un intervento formale del legislatore, altre volte imponendo un attività normativa, allo scopo di riversare sui singoli gli impegni sottoscritti a livello comunitario o vincolando gli Stati membri nazionali. Vedi A. MAZZETTI <<Politiche comunitarie a tutela dell ambiente>> Riv. Giur. Amb., Secondo il Principio di sussidiarietà, nei settori di competenza esclusiva, l Unione può agire solo se gli obiettivi dell azione non possono essere raggiunti dagli Stati membri. 12 Con l approvazione della Costituzione Europea, il cui trattato è stato firmato a Roma il 29 ottobre 2004, sono stati ridotti gli strumenti di cui l Unione può avvalersi nella legislazione degli Stati. In particolare si tratta di atti distinti secondo la loro natura e cioè: legislativa -leggi e leggi quadro-, non legislativa -regolamenti e decisioni- e consultiva -raccomandazione e pareri-. Quindi le direttive che finora hanno costituto, assieme ai regolamenti, i principali strumenti di intervento dell Unione, cederanno il passo a nuove tipologie di atti. Vd CERISANO F., La direttiva europea va in soffitta. Leggi e regolamenti per uniformare il diritto dei paesi membri Italiaoggi 07/04/05. 12

15 per il raggiungimento di un risultato e lasciando alla loro discrezionalità il modo e gli strumenti per raggiungerlo 13. Come si è avuto modo di osservare, le politiche di tassazione ambientale hanno, per loro natura, una connotazione sopranazionale, in quanto talune problematiche ambientali (effetto serra, inquinamento delle falde acquifere, ecc.) non sono affrontabili in maniera esaustiva se non in una prospettiva di coordinamento internazionale. 14 Il primo strumento legale internazionale vincolante, attraverso il quale un ordinamento sopranazionale ha legiferato su tale materia è stato la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici 15, adottata il 9 maggio 1992 e sottoscritta da 165 paesi, oltre la Comunità europea. Tale Convenzione, è stata approvata nella Conferenza Mondiale su Ambiente e Sviluppo tenutasi a Rio de Janeiro e rappresenta la conclusione dei lavori della Meteorological Organization e dell intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC). In particolare, a Rio è stato affrontato il problema della necessità di cambiare il modello di sviluppo preesistente, al fine di avviare un piano globale di sviluppo sostenibile 16. Sono stati programmati una serie di documenti 17, tra cui assume particolare rilievo la cd. Agenda 21, un vasto programma di azioni future, pienamente inglobata nelle politiche della Comunità 18. Obiettivo preminente della Convenzione sui cambiamenti climatici - entrata in vigore il 21 marzo 1994, e ratificata dall Italia con la legge 15 gennaio 1994, n. 13 G. TESAURO Diritto comunitario, Cedam Padova, In teoria una direttiva dovrebbe limitarsi ad enunciare principi e criteri generali, ma spesso assume caratteri dettagliati che limitano fortemente la discrezionalità dello Stato alla sola scelta della forma giuridica dell atto di recepimento. È questo uno dei motivi più frequenti per cui il legislatore nazionale (non solo quello italiano) non adegua l ordinamento alle direttive comunitarie e la Corte di Giustizia ha stabilito di conseguenza la responsabilità dello Stato per il mancato recepimento della direttiva con l obbligo di risarcimento del danno. 14 O. ESPOSITO DE FALCO, <<L armonizzazione fiscale e le tasse ecologiche>> Riv Giur. Amb., n.5, Detta comunemente FCCC: Frame Work Convention on Climate Change. 16 Sono gli anni in cui si afferma il concetto di sviluppo sostenibile, che secondo il noto Rapporto Brundtland è inteso come uno sviluppo che risponda alle necessità del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie esigenze D. FERNANDEZ DE GATTA SANCHEZ <<La politica ambientale comunitaria>> Tratado de la Uniòn Europea. 17 Si tratta sia di convenzioni legalmente vincolanti che di atti di diritto internazionale, nonché di dichiarazioni di principio che hanno aperta la strada a nuovi processi negoziali. 18 P. SOAVE <<Lo sviluppo sostenibile nella prospettiva dell agenda 21-il programma d azione lanciato alla Conferenza di Rio de Janeiro>> Riv.Giur. Amb.,

16 è la <<stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra nell atmosfera ad un livello tale da prevenire pericolose interferenze delle attività umane con il sistema climatico>>. I principi primari della Convenzione, includono i seguenti punti: equità intergenerazionale e responsabilità comune ma differenziata tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo, con speciale attenzione ai paesi particolarmente vulnerabili rispetto agli effetti avversi del cambiamento climatico e a quelli che dovrebbero sopportare un costo sproporzionato o abnorme entro il regime fissato dalla Convenzione; il principio di precauzione, secondo il quale in caso di incertezza scientifica devono essere intraprese azioni per adottare misure e politiche efficienti per "anticipare, prevenire o minimizzare le cause del cambiamento climatico". Queste misure devono essere "di vasta portata, coprire tutte le fonti, i sink e i serbatoi di gas serra", nonché "economicamente efficienti, così da assicurare benefici globali al costo più basso possibile"; "le Parti hanno il diritto e il dovere di promuovere lo sviluppo sostenibile poiché lo sviluppo economico è essenziale per adottare le misure utili a far fronte al cambiamento climatico"; "un sistema economico internazionale aperto e capace di fornire supporto alla crescita e allo sviluppo economico sostenibile di tutte le Parti, in particolare dei paesi in via di sviluppo e le misure intraprese per combattere il cambiamento climatico non dovrebbero costituire un mezzo di discriminazione arbitraria e ingiusta o una restrizione camuffata del commercio internazionale. Pertanto, sono stati predisposti una serie di impegni, da rivedere periodicamente a seguito di nuove scoperte scientifiche e sulla base dell efficacia dei programmi climatici nazionali. In particolare, al fine di promuovere e controllare l applicazione della Convenzione, sono state previste conferenze delle parti (COP) Legge 15 gennaio 1994, n. 65: <<Ratifica ed esecuzione della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, con allegati, fatta a New York il 9 maggio 1992>>, in G.U. n. 23 del 29 gennaio L art. 7 della Convenzione disciplina le Conferenze delle parti, stabilendo : 1. È istituita una conferenza delle parti. 2. La conferenza delle parti, in quanto organo supremo della presente convenzione, esamina regolarmente l'attuazione della convenzione e di qualsiasi relativo strumento giuridico che la 14

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 NORME IN MATERIA AMBIENTALE LO STATO DI ATTUAZIONE DEL TESTO UNICO Antonio Faggioli INTRODUZIONE L ambiente, uno dei fattori determinanti

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari A12 Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Energie rinnovabili: un problema di «governance»

Energie rinnovabili: un problema di «governance» Conclusioni Energie rinnovabili: un problema di «governance» di Giulio Napolitano L analisi dei diversi aspetti che caratterizzano la disciplina delle energie rinnovabili rivela la mancanza di un chiaro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO 1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO Il primo Programma Triennale dei Servizi della Regione Abruzzo vede la luce nell ambito della redazione del PRIT ed in un momento di generale incertezza a livello nazionale

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero del lavoro e delle politiche sociali Titolo: recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali Prof.ssa Lucia Serena Rossi PROGETTO DI RICERCA Elisa Ambrosini

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Regime Iva dell emission trading 1

Regime Iva dell emission trading 1 Regime Iva dell emission trading 1 Al fine di esaminarne il regime fiscale, è opportuno richiamare brevemente le origini e le finalità dell emission trading 2, il quale può essere definito come il commercio

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL INTERNO (ALFANO)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL INTERNO (ALFANO) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2087 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI (BONINO) DI CONCERTO

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Cendon / Book DIRITTO DEL LAVORO PROFESSIONAL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AGGIORNATO AL JOBS ACT Manuela Rinaldi Edizione DICEMBRE 2014 Copyright MMXIV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI (FR) P.I./C.F.

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 95 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore SUSTA) approvata nella seduta del 2 luglio 2015 SULLA PROPOSTA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA

DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA DELIBERA N. 147/11/CIR REVISIONE DELLE NORME RIGUARDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO L AUTORITA NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 30

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE

IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Cendon / Book DIRITTO INTERNAZIONALE PROFESSIONAL IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI AGENZIA COMMERCIALE Diego Comba Monica Rosano Edizione MAGGIO 2015 Copyright MMXV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA Parte I. Aspetti tecnico-normativi di diritto interno 1) Obiettivi e necessità dell intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. Il presente Accordo costituisce

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli