I Derivati. Perché si Usano i Derivati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Derivati. Perché si Usano i Derivati"

Transcript

1 I Derivati I derivati sono strumenti il cui «valore» dipende dai «valori» di altre più fondamentali variabili sottostanti Esempi di derivati Contratti Forward (o Forwards) Contratti Futures (o Futures) (swaps) Coperti in un successivo corso Opzioni 1 Perché si Usano i Derivati Per proteggersi dai rischi Per «concretizzare un opinione» circa la futura evoluzione del «mercato» Per «bloccare» un profitto di arbitraggio Per «cambiare la natura» di una «passività» Es. da tasso fisso a variabile Per «cambiare la natura» di un «investimento» senza incorrere nei costi connessi con la vendita di un portafoglio e l acquisto di un altro 2

2 Contratti Forward I contratti forward sono «accordi» per acquistare o vendere un «attività» ad una «certa data futura», ad un «certo prezzo» «diversi» dai contratti spot nei quali ci si accorda per acquistare o vendere un attività «immediatamente» (o entro un breve periodo di tempo) 3 Esempi di Contratti Forward Accordi per «comprare» once d oro a $400 per oncia tra 1 anno «vendere» a $1,5 per sterlina tra 6 mesi «ottenere» un tasso d interesse del 4% su un deposito in dollari per un periodo di 3 mesi che inizia tra 6 mesi «vendere» di barili di petrolio a $20 per barile tra 9 mesi 4

3 Come Funziona un Contratto Forward Il «contratto forward» è un accordo tra 2 società sul mercato over the counter (OTC) Di solito il prezzo del contratto è scelto in modo che il «valore iniziale di mercato» del contratto sia nullo Pertanto, non c è alcuno scambio di denaro nel momento in cui il contratto viene stipulato Il contratto viene «liquidato a scadenza» 5 Prezzi e posizioni Il prezzo forward di un contratto è il prezzo di consegna che si applica ad un contratto concluso «adesso» può essere «diverso» per contratti con «diverse» scadenze La parte che ha deciso di comprare ha una posizione lunga La parte che ha deciso di vendere ha una posizione corta 6

4 Esempio 8 maggio 2000: una società entra in un contratto forward lungo per acquistare tra 90 giorni a K=$1,6056 per sterlina 8 agosto 2000: il «tasso di cambio spot» della sterlina è pari a ST = $1,6500 In base alle «condizioni» contrattuali, la società paga $ e riceve Il «profitto» della società è pari a $44.400, dato che le sterline possono essere immediatamente rivendute a $ tempo 8 maggio agosto Posizione Lunga su un Forward Profitto E l esempio del lucido precedente 0 1,55 1,65 K= 1,6056 Posizione lunga (a) S T Nota: figura 1.1 p. 3 8

5 Posizione Corta su un Forward Profitto 0 K S T Posizione corta Nota: figura 1.1 p. 3 9 Operatori Hedgers: coprono una posizione Es. imprese industriali, a fronte di acquisti/vendite future Speculatori: creano una posizione I derivati riducono l impiego di capitale necessario Arbitraggisti: incrociano due posizioni sfruttando momentanee incoerenze nei prezzi Es. la stessa azione quota $1,6 a NY e 1 a Londra Il cambio $/ è 1,5 Acquisto a Londra e vendo a NY 10

6 Esempio di arbitraggio Si supponga che: il prezzo spot dell oro sia di $390 il prezzo forward a 1 anno dell oro sia di $425 il «tasso d interesse» a 1 anno in dollari sia del 5% annuo C è un opportunità di arbitraggio? 11 Esempio di arbitraggio Se il prezzo spot dell oro è S e il prezzo forward è F, allora, per un contratto con consegna dopo T anni, vale la relazione F = S(1 + r) T dove r è il tasso d interesse privo di rischio Nel nostro esempio T = 1 e quindi F = $390(1 + 0,05)=$409,5 E dunque possibile una strategia di cash and carry 12

7 Conseguenze dell arbitraggio Se vi sono possibilità di arbitraggio è possibile fare profitti illimitati senza rischio (free lunch) I prezzi si aggiusteranno in modo da chiudere le possibilità di arbitraggio: Es. la forte domanda di azioni a Londra farà salire i prezzi, la forte offerta a NY li farà scendere Es. la forte offerta di contratti forward sull oro farà scendere il prezzo da $425 a $409.5 Il prezzo di equilibrio su un contratto è il prezzo di non arbitraggio Con ragionamenti di non arbitraggio è quindi possibile ricavare i prezzi equi dei contratti derivati 13 Contratti Futures Simili ai forwards: i futures sono «accordi» per acquistare o vendere un «attività» ad una «certa data futura», ad un «certo prezzo» (il prezzo futures) Diversi dai forwards: i futures sono trattati in «borsa» Ogni operatore ha come controparte una cassa di compensazione e garanzia Vengono richiesto il deposito di un margine cauzionale a fronte di possibili perdite future 14

8 Esercizi consigliati a pagina 13 del libro di Hull (seconda edizione italiana) 15 Pricing di forward e futures Iniziamo dal pricing dei forward Non c è effetto finanziario del margine E facile stabilire relazioni di non arbitraggio Dimostreremo che il prezzo di un future è vicino a quello del corrispondente contratto forward Passeremo ad occuparci dei contratti futures ma per prima cosa facciamo un ripasso sui regimi di capitalizzazione 16

9 Capitalizzazione composta e continua Se investo S al tasso R composto per n anni ottengo n S(1 + R) Rm S 1 + m mn (capitalizzazione composta annua) (composta m volte all anno) Se investo S al tasso RC continuo ottengo Se R c n 17 Ovvio, se uso lo stesso tasso ottengo montanti diversi Se investo 100 al tasso 12% composto per 2 anni ottengo 100(1 + 0,12) 0, , ,25 (capitalizzazione composta annua) (composta m volte all anno) Mentre al tasso continuo ottengo: 100, 24 e 0 = 127,12 18

10 19 Se voglio ottenere uguali montanti devo calcolare tassi equivalenti Equivalenza tra composto e continuo: ( ) = = + = = log 1 m R m R m m C n R mn m C C C e m e m R m R m R Se m R S 20 Se voglio ottenere uguali montanti devo calcolare tassi equivalenti/2 Equivalenza tra composti con diversa periodicità: + = + = m m m m n m m m n m m R m R m R S m R S

11 Capitalizzazione composta e continua E dunque sempre possibile passare dal tasso composto al continuo preservando il montante finale Noi utilizzeremo il tasso continuo, ampiamente usato e utile quando si considerano variazioni del montante in unità di tempo molto piccole: dm ( t) dt M ( t) rt Se r = rt Se = r Nota: ho sostituito Rc con r, n con t, adottando la simbologia standard che ci seguirà d ora in poi. 21 Pricing di forward e futures: le ipotesi di lavoro Non esistono costi di transazione Tutti sono soggetti alla stessa aliquota fiscale Tassi attivi e passivi privi di rischio sono uguali tra loro, e uguali per tutti i soggetti sul mercato Tasso r sulle operazioni pronti contro termine, detto anche repo rate Le opportunità di arbitraggio vengono colte appena si presentano Sono ammesse vendite allo scoperto E sufficiente che queste ipotesi valgano per un sottoinsieme di grandi operatori che fanno i prezzi guidando il mercato 22

12 Tasso di Riporto Il tasso di riporto (repo rate) è il tasso d interesse rilevante per molti arbitraggisti I contratti di riporto (repos o repurchase agreements) sono accordi con i quali un istituzione finanziaria vende titoli spot ad un altra istituzione finanziaria e li riacquista a termine ad un prezzo che in genere è lievemente più alto La «differenza» tra il prezzo di riacquisto a termine e il prezzo di vendita spot è l «interesse» percepito dalla controparte Si tratta di contratti a basso rischio (i titoli fanno da garanzia) 23 Vendita allo Scoperto La vendita allo scoperto consiste nel vendere titoli che non si posseggono I titoli vengono «presi in prestito» attraverso un broker e vengono venduti nel modo consueto Chi vende allo scoperto dovrà prima o poi ricomprare i titoli per «restituirli» al broker da cui li ha presi in prestito deve pagare i «dividendi» e gli altri eventuali proventi al legittimo proprietario dei titoli durante la vita del contratto 24

13 Pricing dei forward: terminologia t T Tempo in anni Prezzo del sottostante: S -> ST Prezzo forward: F -> ST Valore di un contratto forward: f 25 Terminologia/2 Prezzo forward: F -> ST Prezzo di consegna: K t Nasce un contratto K=F f=0 Stesso contratto F K f 0 Uguale al prezzo forward solo quando il contratto nasce (così ha valore nullo) T 26

14 Un forward su un titolo che non offre redditi Se r è il tasso a (T t) anni composto continuamente e S il prezzo spot del titolo, la relazione F = Ser(T t) rappresenta il prezzo forward di equilibrio Se F > Se r(t t) andrei lungo sul sottostante e corto sul forward Se F < Se r(t t) andrei corto sul sottostante (dopo essermi assicurato al possibilità di ricomprarlo a F, stando lungo sul future) e investirei il ricavato ottenendo a scadenza Ser(T t) 27 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Un unità di sottostante S ST Devono valere uguale anche ora 28

15 Più formalmente: confronto tra due portafogli S=f + Ke-r(T t) f = S - Ke-r(T t) Se voglio f=0: S = Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno K = Ser(T t) 29 Esercizio 1 Viene concluso un contratto forward a 3 mesi su una merce che non comporta utili, né costi di stoccaggio. Il prezzo della merce oggi è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Qual è il prezzo di consegna equo? K = F = Se r( T t) = 10e 0,04 0,25 = 10,101 f Se già posseggo un forward lungo con prezzo di consegna $ 11, quanto vale il contratto? = S Ke r( T t) = 10 11e 0,04 0,25 = 0,

16 Un forward su un titolo che offre redditi noti (es. cedola) Vale la relazione F =(S I)er(T t) dove I è il valore attuale dei redditi distribuiti Se fosse F >(S I)e r(t t) comprerei il sottostante indebitandomi per S-I (con I rimborso in parte il prestito); a scadenza pago rimborso ma incasso F Se fosse F <(S I)e r(t t) venderei allo scoperto il sottostante versando I al proprietario dei titoli ed investendo la differenza; a scadenza ricaverò (S I)e r(t t) e pagherò F per comprare i titoli che devo restituire. 31 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Un unità di sottostante e un debito di I S-I ST Devono valere uguale anche ora 32

17 Più formalmente: confronto tra due portafogli S-I=f + Ke-r(T t) f = S-I - Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno Se voglio f=0: S-I = Ke-r(T t) K(=F)= (S-I)er(T t) 33 Esercizio 2 Viene concluso un contratto forward a 6 mesi su un titolo Il valore del titolo, oggi, è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Tra tre mesi, il possessore del titolo incasserà una cedola pari a 1 Qual è il prezzo di consegna equo? I = 1e K = ( S I ) e 0.99 r( T t) 9.01e 0,04 0,5 9,192 34

18 Un forward su un titolo che offre un «Dividend Yield Noto» Si assume che l attività sottostante offra un reddito pari a qs t nel periodo t Si assume che l erogazione di questo dividend yield q avvenga nel continuo (come nella capitalizzazione continua ). Ipotesi realistica per divise e indici di borsa. Se Q è il prezzo di carico dell azione, il valore dell investimento aumenta, perché ogni istante vengono pagati dividendi pari a qqdt Di conseguenza (dq/q)/dt=q, dunque Q(T)= Q(t) e q(t-t) Vale la relazione F = Se (r q)(t t) 35 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) e -q(t t) unità di sottostante, con dividendi reinvestiti: [e -q(t t) ]S ST ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Devono valere uguale anche ora 36

19 Più formalmente: confronto tra due portafogli e -q(t t) S=f + Ke-r(T t) f = e -q(t t) S - Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno Se voglio f=0: e -q(t t) S = Ke-r(T t) K(=F)= Se (r-q)(t t) 37 Esercizio 3 Viene concluso un contratto forward a 4 mesi su un titolo Il valore del titolo, oggi, è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Il titolo paga un dividend yield continuo del 3% annuo Qual è il prezzo di consegna equo? 4 (0,04 0,03) ( r q)( T t) 12 K = Se 10e 10,03 38

20 Valore di un forward successivamente all emissione Ho in tasca un forward con prezzo di consegna K Oggi il prezzo forward equo è F, diverso da K Quanto vale il mio forward? f = ( F K) e r( T t) Valore del forward Prezzo di oggi (rende f=0) Beneficio futuro Prezzo a cui ho diritto io scontato ad oggi 39 Torniamo all esercizio 1 Prezzo di consegna equo, cioè prezzo forward corrente: F = Se r( T t) = 10e 0,04 0,25 = 10,101 Se il prezzo di consegna è K=$ 11, il contratto vale: f = S Ke r( T t) = 10 11e 0,04 0,25 = 0,8905 Infatti, con la formula appena derivata: f = ( F = 0,899e K) e 0,01 r( T t) = (10,101 11) e = 0,8905 0,04 0,25 = 40

21 Contratti Futures Disponibili per un ampia gamma di sottostanti Merci, valute, indici di borsa, titoli di stato, depositi Trattati in borsa Specificazione del contratto: «cosa» si può consegnare Dimensione del contratto, tipo di merce o di titoli «dove» si può consegnare Molto importante per le merci «quando» si può consegnare In genere in un arco di tempo (es. mese) a scelta del venditore. Il compratore è tenuto ad accettare 41 Margini di garanzia: un esempio Il 3 giugno 1996 viene assunta una posizione lunga su 2 contratti futures sull oro con scadenza a dicembre La dimensione del contratto è di 100 once Il prezzo futures a cui si entra nel contratto è di $400/oncia I contratti comportano un esborso finale di $ Il deposito di garanzia è di soli $2.000 per contratto ($4.000 in totale) perché inizialmente il contratto vale zero Ma se il valore del contratto si fa significativamente negativo e scende sotto il margine di mantenimento (es. $1.500 per contratto, $3.000 in totale) scatta la margin call, la controparte è chiamata a ricostituire il deposito 42

22 Tutto il contratto minuto per minuto Cfr. anche tavola 2.1 p. 22 (questa è una versione semplificata) Profitto Profitto Saldo Prezzo (Perdita) (Perdita) Deposito Margin Data Futures Giorn. Cumul. Garanzia Call 400, giu ,00 (600) (600) giu ,00 (800) (1.400) = giu ,00 (1.200) (2.600) = giu , (1.600) Facoltà di prelevare dal deposito 43 Altri punti fondamentali I soci delle stanze di compensazione hanno margini di mantenimento pari all ammontare del deposito iniziale I futures vengono liquidati giornalmente Il rischio di credito è prossimo a zero La «chiusura» di una posizione su un contratto futures comporta la stipula di un contratto di segno opposto La maggior parte dei contratti futures viene chiusa «prima» della scadenza 44

23 Terminologia Open interest: numero complessivo dei contratti in essere è uguale al numero dei contratti lunghi o al numero dei contratti corti Prezzo di liquidazione: il prezzo rilevato immediatamente prima del segnale che determina la fine delle contrattazioni è usato per la procedura di marking to market Volume degli scambi: il numero dei contratti stipulati in un giorno 45 Domande Quando si stipula un «nuovo contratto» quali sono i possibili «effetti» sull open interest? Tizio e Caio aprono una nuova posizione: +1 Tizio aveva una posizione con* Caio, la chiude facendo un contratto di segno opposto con* Sempronio: 0 Tizio e Caio fanno un contratto, ognuno per chiudere una posizione: -1 Il volume degli scambi effettuati in una giornata può essere «maggiore» dell open interest a fine giornata? Sì, se ci sono molti contratti giornalieri (day trades) * In realtà ognuno dei due opera con la stanza di compensazione 46

24 Futures e Forwards Forwards Futures Contratti «privati» «Trattati in borsa» tra due controparti Contratti «non standardizzati» Contratti «standardizzati» In genere viene specificata Scelta tra «diverse» «una sola» data di consegna date di consegna Regolati alla «fine» del contratto Regolati «ogni giorno» In genere si verifica la «consegna» In genere vengono chiusi o il regolamento di un saldo finale prima della scadenza 47 Convergenza del prezzo futures verso il prezzo spot Prezzo futures Prezzo spot Periodi di consegna Prezzo spot Tempo Prezzo futures sopra al prezzo spot Diversamente comprerei la merce e consegnerei il future Prezzo futures Tempo Prezzo futures sotto al prezzo spot (b) Diversamente comprerei il future e consegnerei la merce 48

25 Coperture Lunghe e Corte Una copertura «lunga» mediante futures è appropriata quando si sa di dover acquistare un attività in futuro e si vuole «bloccare» il prezzo di acquisto Se l attività rincara, aumenta il valore del future che ho in tasca e il saldo tra i due effetti è (circa) nullo Una copertura «corta» mediante futures è appropriata quando si sa di dover vendere un attività in futuro e si vuole «bloccare» il prezzo di vendita Se l attività si svaluta, aumenta il valore del future che ho in tasca e il saldo tra i due effetti è circa nullo In entrambi i casi evito perdite e rinuncio a profitti 49 Rischio base La base è la differenza tra il prezzo «spot» e il prezzo «futures»: B t =S t -F t Quando l operazione di copertura verrà chiusa, la base potrebbe non essere nulla (rischio base) Il future può non essere ancora giunto a scadenza (dunque il prezzo non coincide con quello del sottostante) Soprattutto per le merci non conviene usare la scadenza esatta L hedger può non conoscere l esatta data di chiusura Il sottostante può non essere esattamente lo stesso Es. future sul petrolio per coprire combustibile 50

26 Rischio base: esempi Ciccio deve vendere petrolio e vuole bloccare il prezzo future attuale F1. Vende future il petrolio. Tra due mesi: Vende petrolio e incassa S2 Sul future può guadagnare F1-F2 Es. se il prezzo è sceso, lui l ha bloccato più alto. Il suo payoff totale è: S2+F1-F2=F1+b2=F1+base 51 Rischio base: esempi Nonna Papera deve acquistare carburante per il trattore tra due mesi, e vuole bloccare il prezzo future attuale, F1. Compra un future sul petrolio. Tra due mesi Acquista carburante e paga S2 Sul future, può perdere F1-F2 Es. se il prezzo è sceso, lei l ha bloccato più alto! Il suo payoff totale è: S2+F1-F2=F1+b2=F1+base Più precisamente, considerato che il carburante (prezzo S) non costa come il petrolio (prezzo S*), il payoff è: F1+b2=F1+(S2-F2)=F1+(S*2-F2)+(S2-S*2) Effetto scadenza Effetto del sottostante 52

27 Rapporto di Copertura E la quota di esposizione coperta con contratti futures Non necessariamente è pari a 100% Consideriamo la variazione di valore della posizione di un hedger lungo sul sottostante e corto sul future ( Ciccio ): W = S - h F Calcoliamone la varianza: Var( W) = Var( S) + h 2 Var( F) - 2hCov( S, F)) = σ S2 + h 2 σ F2-2h ρσ S σ F L atteggiamento naturale per un hedger è minimizzare questa varianza 53 Rapporto di Copertura a varianza minima Var( W) = h 2 σ F2-2h ρσ S σ F + σ S 2 È una parabola convessa, nel semipiano positivo Esiste un valore di h che la rende minima Lo si ottiene annullando la derivata prima: 2h σ 2 F -2 ρσ S σ F =0 h =ρ σ σ F Per una copertura lunga W è l opposto, ma la formula della varianza rimane la stessa S Varianza h 54

28 Esempio Tra un mese Tizio dovrà comprare un kg d oro, e decide di coprirsi (copertura lunga) con un future Le variazioni mensili dei prezzo spot dell oro hanno varianza Var( S)=0,12, le variazioni mensili del prezzo future hanno varianza Var( F)=0,16, la correlazione tra le variazioni mensili è del 90% Il rapporto di copertura ottimale è: σ S h = ρ σ F 0,12 3 = 0,9 = 0,9 = 0,779 0,16 2 Tizio compra un future su (circa) 779 grammi d oro 55 Riaprire un operazione di copertura Spesso viene scelto un future con scadenza superiore al periodo di copertura, per evitare la consegna fisica Spesso viene scelto un future con scadenza più breve, perché è più liquido, o più conveniente Se il periodo di copertura eccede la scadenza del future prescelto è necessario concatenare diversi futures Ogni volta che passiamo da un contratto futures ad un altro siamo soggetti al rischio base Possiamo ridurre questo rischio scegliendo noi quando chiudere e riaprire la copertura 56

29 Riaprire un operazione di copertura: esempio Il 1/1/2000 la Canistracci s.r.l. vuole una copertura lunga sul rame, in vista di un acquisto il 31/10/2000 Decide di usare un future semestrale, ad esempio perché l annuale non esiste, o non è abbastanza liquido Quindi la Canistracci s.r.l. 1. Compra future con scadenza giugno Nel giugno 2000 chiude la posizione e compra un future (sempre semestrale) con scadenza novembre Il 31/10/2000 chiude il secondo future. Non solo sub 3, ma anche sub 2 ha un rischio di base. 57 Riaprire un operazione di copertura: esempio Future 11/00 Future 6/00 Prezzo spot 1/1 12/6 31/10 F1(6/00)=-120 F2(6/00)=+130 F1(11/00)=-140 F2(11/00)=142 S2=-135 Payoff finale totale: F1+prima base+seconda base ( ) + ( ) =

30 Riaprire un operazione di copertura: altro modo Future 11/00 Future 6/00 Prezzo spot 1/1 12/6 31/10 F1(6/00)=-120 F2(6/00)=+130 F1(11/00)=-140 F2(11/00)=142 S2=-135 Payoff finale totale: S2+primo future+secondo future ( ) + ( ) = Esercizi consigliati Regimi di interesse composto e continuo: 3.1, 3.8, 3.9, 3.10 Coperture con futures 2.7, 2.9, 2.15, 2.20, 2.21, 2.22, 2.24, 2.25 Costituzione e mantenimento dei margini 2.10, 2.12, 2.13,

31 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende [1] Dalla natura del sottostante: Se è correlato con il mercato (beta positivo) tenerlo in portafoglio aumenta i rischi (per scambiarlo con il future pago volentieri un premio) Se contribuisce fortemente a diversificare i rischi (beta negativo) tenerlo in portafoglio riduce i rischi (per scambiarlo con il future voglio un premio) Formalmente, il tasso richiesto per investire in un sottostante è k = r + β ( rm r) (quindi è < o > di r a seconda del segno del suo beta) 61 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende Ora consideriamo un signore che: Investe al tasso r un importo Fe -r(t-t) Compra un future su S (alla scadenza avrà esattamente il capitale F necessario per onorare il contratto) Il valore attuale del suo investimento è: Fe r( T t) + E( S) e k ( T t) dove per S abbiamo usato il tasso k appropriato Assumiamo che tutti i progetti di investimento su un mercato perfetto abbiano valore attuale nullo: Fe r( T t) = E( S) e k ( T t) 62

32 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende Da cui: F = E( S) e ( r k )( T t) Il secondo fattore è: >1 se k<r, quindi beta<0 e il sottostante è uno scudo contro il rischio per cederlo contro un prezzo fisso voglio un premio F > E(S) <1 se k>r, quindi beta>0 e il sottostante accresce il rischio non diversificabile (me ne libero volentieri ) F < E(S) 63 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende [2] Dall attitudine psicologica dei partecipanti al mercato. Secondo Keynes e Hicks: F < E(S T ) (deporto, o normal backwardation) se chi vende future è un hedger (e chi compra uno speculatore), quindi si accontenta di un guadagno minore, purché certo F > E(S T ) (riporto o contango) se chi vende future è uno speculatore e vuole un premio per partecipare all affare (premio che gli hedgers sono disposti a pagare) 64

33 Prezzi forward e prezzi futures In teoria, il prezzo futures dovrebbe essere quasi «uguale» al prezzo forward di un contratto che ha la «stessa» scadenza ed è scritto sulla «stessa» attività La principale differenza è dovuta al costo finanziario del margine immobilizzato presso la stanza di compensazione Tuttavia, il margine può essere versato in titoli fruttiferi, e ciò riduce lo scostamento tra i prezzi teorici dei due contratti Il prezzo teorico è il medesimo se: Il tasso d interesse è costante per tutte le scadenze Il tasso d interesse è una funzione nota del tempo In ogni caso è comodo pensare che i prezzi siano equivalenti (in questo corso lo faremo) 65 Prezzi forward e prezzi futures Il prezzo teorico NON è il medesimo se: Il tasso d interesse è variabile e varia insieme al sottostante Infatti, chi ha una posizione lunga sul future: Quando S aumenta, realizza un guadagno e riceve parte del deposito di garanzia, che può investire a tassi più alti Quando S diminuisce, realizza una perdita e deve ricostituire il margine indebitandosi, ma a tassi più bassi In pratica, ha un beneficio finanziario che il possessore di un contratto forward non ha, e che fa salire il valore del future Se la correlazione fosse negativa, il valore del future sarebbe più basso di quello del corrispondente forward Sono stati svolti numerosi confronti empirici tra prezzi forward e futures, ed in diversi casi non si sono trovate differenze statisticamente significative 66

34 Pricing dei futures Applicheremo le regole già derivate per i forward, e in particolare: F = Se (r q)(t t) Studieremo il prezzo dei futures su Indici di borsa Valute Merci (commodities) 67 Indici azionari Sono panieri di titoli azionari, scelti in base ad un criterio di rappresentatività, ad esempio Appartenenza ad un mercato o ad un settore Liquidità o capitalizzazione Il peso dei singoli titoli è di norma fisso nel breve termine Gli indici azionari di solito non considerano il reinvestimento dei dividendi sui singoli titoli che quindi Sono pagati in modo abbastanza graduale nel tempo Vengono persi per strada e assegnati ai risparmiatori possono quindi essere considerati alla stregua di titoli che offrono un dividend yield continuo 68

35 Indici azionari Se gli indici azionari offrono un dividend yield continuo, allora la relazione tra prezzo futures e prezzo spot è F = Se (r q)(t t) dove q è il dividend yield del paniere che è alla base dell indice Esempio: l indice S&P500 (500 titoli del NYSE) vale S=$300 ed i titoli dell indice pagano un dividend yield del 2% annuo composto continuamente. Se r=5%, quanto vale un future a 4 mesi? F = 300e (5% 2%). 4/12 = 303,02 69 Arbitraggi su Indici Se F > Se (r q)(t t) l arbitraggio comporta: l acquisto delle azioni sottostanti l indice la vendita del futures Se F < Se (r q)(t t) l arbitraggio comporta: la vendita delle azioni sottostanti l indice l acquisto del futures 70

36 Arbitraggi su indici/2 Affinché la formula sia valida è «importante» che l indice rappresenti un bene d investimento In altri termini, le variazioni dell indice devono corrispondere alle variazioni del «valore di un portafoglio negoziabile» Gli arbitraggi su indici comportano negoziazioni «simultanee» su futures e su diverse azioni Molto spesso è il computer che suggerisce le operazioni da effettuare, da cui il termine computer trading L indice Nikkei ( ) visto come un attività in dollari ($) non rappresenta un bene d investimento 71 Futures su indici con scadenze diverse Dalla formula per il pricing dei futures su indici F = Se (r q)(t t) Segue che, per due futures con scadenze diverse (diciamo: T e T+ t) prezzati entrambi oggi il prezzo è F(T) = Se (r q)(t t) F(T+ t) = Se (r q)(t+ t t) =Se (r q)(t t)+(r - q) t F(T+ t) = F(T) e (r q) t Cioè il prezzo, passando da una scadenza all altra, varia in ragione di (r-q) 72

37 Futures su indici con scadenze diverse Prezzi del future su S&P500 (esempio, tav. 3.2 p. 58) Giugno Settembre = x = x e 0.25x3.20% Dicembre = x = x e 0.25x3.08% Marzo = x = x e 0.25x3.20% r - q 3,1 3,2% 73 Evoluzione nel tempo del prezzo di un dato future Dalla formula per il pricing dei futures su indici F = Se (r q)(t t) Segue che, in un istante τ tale che t<τ<t il prezzo diventa F τ = S τ e (r q)(t τ) Se (r+x) è il rendimento del paniere di azioni nell indice (comprensivo dei guadagni in conto capitale e dei dividendi che vengono staccati dall indice) allora S τ = Se (r + x q)(τ t) e sostituendo, con un po di pazienza, si ottiene F τ = Fe x (τ t) 74

38 Evoluzione nel tempo del prezzo di un dato future La formula ora trovata (F τ = Fe x (τ t) ) dice che il prezzo di un future cresce in ragione x, cioè pari all extrarendimento dell indice rispetto al tasso risk-free r In pratica, per periodi di tempo brevi: F F F x t x t F Questa x è una grandezza molto simile a quella presente nell equazione fondamentale del CAPM: l extrarendimento di un portafoglio dipende dal suo beta e dall extra rendimento di mercato r Π r = β ( r m F r) β x β F 75 Utilizzo di questa relazione per finalità di copertura 1. Riordino la relazione precedente 2. Moltiplico per il valore del portafoglio r r Π Π F β r F βπ Π F F rπ Guadagno da una posizione lunga sul portafoglio Guadagno da una posizione corta su un certo numero di futures sull indice Guadagno al tasso risk-free (immunizzato) 76

39 Copertura mediante futures su indici La relazione precedente mi suggerisce quindi di andare corto su un numero di contratti futures pari a βπ F volte l indice. Ai fini pratici, possono servire βπ mf contratti, se ogni contratto riguarda m volte l indice (nota: Π è il valore del portafoglio, F è il valore del futures) 77 Copertura mediante futures su indici: esempio La Sarchiaponi Ltd. possiede titoli per un valore di un milione di dollari, con un beta, riferito al NYSE, di 0,9 Desidera coprirsi con un future sullo S&P, contratto che riguarda 500 volte l indice. Il prezzo future dell indice è, oggi, $280 Per proteggersi, deve vendere un numero di contratti future pari a: βπ mf 0, = = 6,43 cioè sei contratti, arrotondando all intero più vicino. 78

40 Utilizzo della relazione per cambiare beta al portafoglio 1. Riordino la relazione precedente 2. Aggiungo al portafoglio uno certo n. di futures r Π + Π r Π = Π rπ + βπ F F * * ( β β ) Π β Π F = rπ + F F F Portafoglio di partenza più posizione future (lunga se β*>β, corta se viceversa) Guadagno simile a quello di un portafoglio con beta pari a β* 79 Futures su valute estere Una valuta estera, in fondo, è un titolo che offre un dividend yield continuo. E infatti possibile depositarla in banca, ottenendo un tasso di interesse r f che, in generale, è diverso da r Allora la relazione tra prezzo (cambio) futures e prezzo (cambio) spot è F = Se (r r f)(t t) 80

41 Futures su valute estere: esempio La relazione tra prezzo (cambio) futures e prezzo (cambio) spot è F = Se (r r f)(t t) Esempio: una sterlina vale 1,25 dollari, ed i tassi risk-free (composti continui) sono del 4% sul dollaro e del 3% sulla sterlina. Quanto vale un future a 2 mesi? F = 1,25e (4% 3%). 2/12 = Più formalmente: confronto tra due portafogli Un future lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo e -r f (T t) unità di valuta estera: e -r f (T t) S ST Devono valere uguale anche ora 82

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Lezione 6 5.1 Beni d Investimento e Beni di Consumo I beni d investimento (ad es., oro, argento) sono beni che vengono posseduti solo per fini d investimento

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Strategie di Copertura mediante Futures

Strategie di Copertura mediante Futures Strategie di Copertura mediante Futures Lezione 6 3.1 Coperture Lunghe e Corte Una copertura lunga mediante futures è appropriata quando si sa di dover acquistare un attività in futuro e si vuole bloccare

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Modelli a tempo discreto per la copertura tramite futures. Tommaso Ercole

Modelli a tempo discreto per la copertura tramite futures. Tommaso Ercole Modelli a tempo discreto per la copertura tramite futures Tommaso Ercole anno accademico 2006/2007 1 Indice 1 Introduzione 3 2 Ipotesi e conoscenze preliminari 5 3 Valutazione dei flussi di cassa 8 4 Prezzo

Dettagli

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI

CAPITOLO 27. Gestione dei rischi PROBLEMI CAPITOLO 27 Gestione dei rischi Semplici PROBLEMI 1. a. Vero; b. falso (pagate alla consegna); c. vero; d. vero. 2. a. Prezzo pagato per consegna immediata. b. I contratti a termine sono contratti per

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE Nota: questo file raccoglie alcuni esempi di prove scritte assegnate negli ultimi anni per gli esami di Matematica Finanziaria IIB e. I testi vanno presi come indicativi,

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

Concetti base della matematica finanziaria

Concetti base della matematica finanziaria Capitolo 1 Concetti base della matematica finanziaria In questo capitolo presenteremo alcune nozioni elementari della matematica finanziaria. Introdurremo in particolare la composizione periodale e continua

Dettagli

Prodotti Finanziari Derivati

Prodotti Finanziari Derivati 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Prodotti Finanziari Derivati ISBN 978-88-97362-03-6 Copyright 2011 - Edizioni R.E.I. www.edizionirei.com Stampa: Greco & Greco - Milano Le informazioni sui prodotti

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures. Daniele Fiorotto

Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures. Daniele Fiorotto Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures Daniele Fiorotto anno accademico 2006/2007 1 Indice 1 Introduzione 3 2 Ipotesi e conoscenze preliminari 5 3 Valutazione dei flussi di cassa 8 4 Prezzo

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

STRATEGIE DI HEDGING PER IL SETTORE DEI METALLI. Dott. Gianclaudio Torlizzi partner T-Commodity

STRATEGIE DI HEDGING PER IL SETTORE DEI METALLI. Dott. Gianclaudio Torlizzi partner T-Commodity STRATEGIE DI HEDGING PER IL SETTORE DEI METALLI Dott. Gianclaudio Torlizzi partner T-Commodity Che cos è il commodity hedging? I prezzi dei metalli rispondono oggi a logiche prettamente finanziarie di

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

Speculazione e copertura

Speculazione e copertura Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Speculazione e copertura Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Riferimento

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Opzioni. Futures, forwards e opzioni

Opzioni. Futures, forwards e opzioni Opzioni Le calls sono opzioni Le puts sono opzioni per acquistare per vendere una certa attività a* una certa attività a* (o entro**) una certa data (o entro**) una certa data ad un certo prezzo ad un

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA Introduzione Definizione. La matematica finanziaria studia le operazioni finanziarie. Definizione. Una operazione finanziaria è un contratto che prevede scambi di danaro (tra i contraenti)

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 02 / 2005 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei è il responsabile del dipartimento emissioni obbligazionarie di una banca europea. Questa 10 anni fa ha emesso un obbligazione perpetua subordinata

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale RISCHIO DI TASSO: DALLA DEFINIZIONE AGLI STRUMENTI DI COPERTURA di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale PREMESSA Si definisce il tasso d interesse come il costo del credito, quindi

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Champion 2-212 Capitale raccomandato da 193. a 21.79 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 15 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti 1. Un capitale d ammontare 100 viene investito, in regime di interesse semplice, al tasso annuo

Dettagli

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Francesco Menoncin Le zi one 24 /04/2006 Sommario Si presentano le principali problematiche di gestione dei fondi pensione nei due sistemi Pay-As-You-Go e

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

I CONTRATTI FUTURES:

I CONTRATTI FUTURES: I CONTRATTI FUTURES: ASPETTI TEORICI E CARATTERISTICHE OPERATIVE DEL MERCATO ITALIANO REGOLAMENTATO DEI DERIVATI DISPENSE DIDATTICHE DELL INSEGNAMENTO di ECONOMIA DEI MERCATI MONETARI E FINANZIARI FACOLTA

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Winner 2-212 Capitale raccomandato da 94.4 a 15.425 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 6 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Winner 1-212 Capitale raccomandato da 64.6 a 84.5 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 5 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Champion 1-212 Capitale raccomandato da 116.4 a 125.911 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 8 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di (48 punti) Il Sig. Smith è responsabile per gli investimenti obbligazionari presso una società di consulenza finanziaria, e ha analizzato la curva di rendimento delle

Dettagli