I Derivati. Perché si Usano i Derivati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Derivati. Perché si Usano i Derivati"

Transcript

1 I Derivati I derivati sono strumenti il cui «valore» dipende dai «valori» di altre più fondamentali variabili sottostanti Esempi di derivati Contratti Forward (o Forwards) Contratti Futures (o Futures) (swaps) Coperti in un successivo corso Opzioni 1 Perché si Usano i Derivati Per proteggersi dai rischi Per «concretizzare un opinione» circa la futura evoluzione del «mercato» Per «bloccare» un profitto di arbitraggio Per «cambiare la natura» di una «passività» Es. da tasso fisso a variabile Per «cambiare la natura» di un «investimento» senza incorrere nei costi connessi con la vendita di un portafoglio e l acquisto di un altro 2

2 Contratti Forward I contratti forward sono «accordi» per acquistare o vendere un «attività» ad una «certa data futura», ad un «certo prezzo» «diversi» dai contratti spot nei quali ci si accorda per acquistare o vendere un attività «immediatamente» (o entro un breve periodo di tempo) 3 Esempi di Contratti Forward Accordi per «comprare» once d oro a $400 per oncia tra 1 anno «vendere» a $1,5 per sterlina tra 6 mesi «ottenere» un tasso d interesse del 4% su un deposito in dollari per un periodo di 3 mesi che inizia tra 6 mesi «vendere» di barili di petrolio a $20 per barile tra 9 mesi 4

3 Come Funziona un Contratto Forward Il «contratto forward» è un accordo tra 2 società sul mercato over the counter (OTC) Di solito il prezzo del contratto è scelto in modo che il «valore iniziale di mercato» del contratto sia nullo Pertanto, non c è alcuno scambio di denaro nel momento in cui il contratto viene stipulato Il contratto viene «liquidato a scadenza» 5 Prezzi e posizioni Il prezzo forward di un contratto è il prezzo di consegna che si applica ad un contratto concluso «adesso» può essere «diverso» per contratti con «diverse» scadenze La parte che ha deciso di comprare ha una posizione lunga La parte che ha deciso di vendere ha una posizione corta 6

4 Esempio 8 maggio 2000: una società entra in un contratto forward lungo per acquistare tra 90 giorni a K=$1,6056 per sterlina 8 agosto 2000: il «tasso di cambio spot» della sterlina è pari a ST = $1,6500 In base alle «condizioni» contrattuali, la società paga $ e riceve Il «profitto» della società è pari a $44.400, dato che le sterline possono essere immediatamente rivendute a $ tempo 8 maggio agosto Posizione Lunga su un Forward Profitto E l esempio del lucido precedente 0 1,55 1,65 K= 1,6056 Posizione lunga (a) S T Nota: figura 1.1 p. 3 8

5 Posizione Corta su un Forward Profitto 0 K S T Posizione corta Nota: figura 1.1 p. 3 9 Operatori Hedgers: coprono una posizione Es. imprese industriali, a fronte di acquisti/vendite future Speculatori: creano una posizione I derivati riducono l impiego di capitale necessario Arbitraggisti: incrociano due posizioni sfruttando momentanee incoerenze nei prezzi Es. la stessa azione quota $1,6 a NY e 1 a Londra Il cambio $/ è 1,5 Acquisto a Londra e vendo a NY 10

6 Esempio di arbitraggio Si supponga che: il prezzo spot dell oro sia di $390 il prezzo forward a 1 anno dell oro sia di $425 il «tasso d interesse» a 1 anno in dollari sia del 5% annuo C è un opportunità di arbitraggio? 11 Esempio di arbitraggio Se il prezzo spot dell oro è S e il prezzo forward è F, allora, per un contratto con consegna dopo T anni, vale la relazione F = S(1 + r) T dove r è il tasso d interesse privo di rischio Nel nostro esempio T = 1 e quindi F = $390(1 + 0,05)=$409,5 E dunque possibile una strategia di cash and carry 12

7 Conseguenze dell arbitraggio Se vi sono possibilità di arbitraggio è possibile fare profitti illimitati senza rischio (free lunch) I prezzi si aggiusteranno in modo da chiudere le possibilità di arbitraggio: Es. la forte domanda di azioni a Londra farà salire i prezzi, la forte offerta a NY li farà scendere Es. la forte offerta di contratti forward sull oro farà scendere il prezzo da $425 a $409.5 Il prezzo di equilibrio su un contratto è il prezzo di non arbitraggio Con ragionamenti di non arbitraggio è quindi possibile ricavare i prezzi equi dei contratti derivati 13 Contratti Futures Simili ai forwards: i futures sono «accordi» per acquistare o vendere un «attività» ad una «certa data futura», ad un «certo prezzo» (il prezzo futures) Diversi dai forwards: i futures sono trattati in «borsa» Ogni operatore ha come controparte una cassa di compensazione e garanzia Vengono richiesto il deposito di un margine cauzionale a fronte di possibili perdite future 14

8 Esercizi consigliati a pagina 13 del libro di Hull (seconda edizione italiana) 15 Pricing di forward e futures Iniziamo dal pricing dei forward Non c è effetto finanziario del margine E facile stabilire relazioni di non arbitraggio Dimostreremo che il prezzo di un future è vicino a quello del corrispondente contratto forward Passeremo ad occuparci dei contratti futures ma per prima cosa facciamo un ripasso sui regimi di capitalizzazione 16

9 Capitalizzazione composta e continua Se investo S al tasso R composto per n anni ottengo n S(1 + R) Rm S 1 + m mn (capitalizzazione composta annua) (composta m volte all anno) Se investo S al tasso RC continuo ottengo Se R c n 17 Ovvio, se uso lo stesso tasso ottengo montanti diversi Se investo 100 al tasso 12% composto per 2 anni ottengo 100(1 + 0,12) 0, , ,25 (capitalizzazione composta annua) (composta m volte all anno) Mentre al tasso continuo ottengo: 100, 24 e 0 = 127,12 18

10 19 Se voglio ottenere uguali montanti devo calcolare tassi equivalenti Equivalenza tra composto e continuo: ( ) = = + = = log 1 m R m R m m C n R mn m C C C e m e m R m R m R Se m R S 20 Se voglio ottenere uguali montanti devo calcolare tassi equivalenti/2 Equivalenza tra composti con diversa periodicità: + = + = m m m m n m m m n m m R m R m R S m R S

11 Capitalizzazione composta e continua E dunque sempre possibile passare dal tasso composto al continuo preservando il montante finale Noi utilizzeremo il tasso continuo, ampiamente usato e utile quando si considerano variazioni del montante in unità di tempo molto piccole: dm ( t) dt M ( t) rt Se r = rt Se = r Nota: ho sostituito Rc con r, n con t, adottando la simbologia standard che ci seguirà d ora in poi. 21 Pricing di forward e futures: le ipotesi di lavoro Non esistono costi di transazione Tutti sono soggetti alla stessa aliquota fiscale Tassi attivi e passivi privi di rischio sono uguali tra loro, e uguali per tutti i soggetti sul mercato Tasso r sulle operazioni pronti contro termine, detto anche repo rate Le opportunità di arbitraggio vengono colte appena si presentano Sono ammesse vendite allo scoperto E sufficiente che queste ipotesi valgano per un sottoinsieme di grandi operatori che fanno i prezzi guidando il mercato 22

12 Tasso di Riporto Il tasso di riporto (repo rate) è il tasso d interesse rilevante per molti arbitraggisti I contratti di riporto (repos o repurchase agreements) sono accordi con i quali un istituzione finanziaria vende titoli spot ad un altra istituzione finanziaria e li riacquista a termine ad un prezzo che in genere è lievemente più alto La «differenza» tra il prezzo di riacquisto a termine e il prezzo di vendita spot è l «interesse» percepito dalla controparte Si tratta di contratti a basso rischio (i titoli fanno da garanzia) 23 Vendita allo Scoperto La vendita allo scoperto consiste nel vendere titoli che non si posseggono I titoli vengono «presi in prestito» attraverso un broker e vengono venduti nel modo consueto Chi vende allo scoperto dovrà prima o poi ricomprare i titoli per «restituirli» al broker da cui li ha presi in prestito deve pagare i «dividendi» e gli altri eventuali proventi al legittimo proprietario dei titoli durante la vita del contratto 24

13 Pricing dei forward: terminologia t T Tempo in anni Prezzo del sottostante: S -> ST Prezzo forward: F -> ST Valore di un contratto forward: f 25 Terminologia/2 Prezzo forward: F -> ST Prezzo di consegna: K t Nasce un contratto K=F f=0 Stesso contratto F K f 0 Uguale al prezzo forward solo quando il contratto nasce (così ha valore nullo) T 26

14 Un forward su un titolo che non offre redditi Se r è il tasso a (T t) anni composto continuamente e S il prezzo spot del titolo, la relazione F = Ser(T t) rappresenta il prezzo forward di equilibrio Se F > Se r(t t) andrei lungo sul sottostante e corto sul forward Se F < Se r(t t) andrei corto sul sottostante (dopo essermi assicurato al possibilità di ricomprarlo a F, stando lungo sul future) e investirei il ricavato ottenendo a scadenza Ser(T t) 27 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Un unità di sottostante S ST Devono valere uguale anche ora 28

15 Più formalmente: confronto tra due portafogli S=f + Ke-r(T t) f = S - Ke-r(T t) Se voglio f=0: S = Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno K = Ser(T t) 29 Esercizio 1 Viene concluso un contratto forward a 3 mesi su una merce che non comporta utili, né costi di stoccaggio. Il prezzo della merce oggi è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Qual è il prezzo di consegna equo? K = F = Se r( T t) = 10e 0,04 0,25 = 10,101 f Se già posseggo un forward lungo con prezzo di consegna $ 11, quanto vale il contratto? = S Ke r( T t) = 10 11e 0,04 0,25 = 0,

16 Un forward su un titolo che offre redditi noti (es. cedola) Vale la relazione F =(S I)er(T t) dove I è il valore attuale dei redditi distribuiti Se fosse F >(S I)e r(t t) comprerei il sottostante indebitandomi per S-I (con I rimborso in parte il prestito); a scadenza pago rimborso ma incasso F Se fosse F <(S I)e r(t t) venderei allo scoperto il sottostante versando I al proprietario dei titoli ed investendo la differenza; a scadenza ricaverò (S I)e r(t t) e pagherò F per comprare i titoli che devo restituire. 31 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Un unità di sottostante e un debito di I S-I ST Devono valere uguale anche ora 32

17 Più formalmente: confronto tra due portafogli S-I=f + Ke-r(T t) f = S-I - Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno Se voglio f=0: S-I = Ke-r(T t) K(=F)= (S-I)er(T t) 33 Esercizio 2 Viene concluso un contratto forward a 6 mesi su un titolo Il valore del titolo, oggi, è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Tra tre mesi, il possessore del titolo incasserà una cedola pari a 1 Qual è il prezzo di consegna equo? I = 1e K = ( S I ) e 0.99 r( T t) 9.01e 0,04 0,5 9,192 34

18 Un forward su un titolo che offre un «Dividend Yield Noto» Si assume che l attività sottostante offra un reddito pari a qs t nel periodo t Si assume che l erogazione di questo dividend yield q avvenga nel continuo (come nella capitalizzazione continua ). Ipotesi realistica per divise e indici di borsa. Se Q è il prezzo di carico dell azione, il valore dell investimento aumenta, perché ogni istante vengono pagati dividendi pari a qqdt Di conseguenza (dq/q)/dt=q, dunque Q(T)= Q(t) e q(t-t) Vale la relazione F = Se (r q)(t t) 35 Più formalmente: confronto tra due portafogli Un forward lungo e un deposito f + Ke-r(T t) e -q(t t) unità di sottostante, con dividendi reinvestiti: [e -q(t t) ]S ST ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo Devono valere uguale anche ora 36

19 Più formalmente: confronto tra due portafogli e -q(t t) S=f + Ke-r(T t) f = e -q(t t) S - Ke-r(T t) Prezzo di consegna dei nuovi contratti future, dunque prezzo future giorno dopo giorno Se voglio f=0: e -q(t t) S = Ke-r(T t) K(=F)= Se (r-q)(t t) 37 Esercizio 3 Viene concluso un contratto forward a 4 mesi su un titolo Il valore del titolo, oggi, è S=$10 Il tasso di interesse composto continuamente è il 4% Il titolo paga un dividend yield continuo del 3% annuo Qual è il prezzo di consegna equo? 4 (0,04 0,03) ( r q)( T t) 12 K = Se 10e 10,03 38

20 Valore di un forward successivamente all emissione Ho in tasca un forward con prezzo di consegna K Oggi il prezzo forward equo è F, diverso da K Quanto vale il mio forward? f = ( F K) e r( T t) Valore del forward Prezzo di oggi (rende f=0) Beneficio futuro Prezzo a cui ho diritto io scontato ad oggi 39 Torniamo all esercizio 1 Prezzo di consegna equo, cioè prezzo forward corrente: F = Se r( T t) = 10e 0,04 0,25 = 10,101 Se il prezzo di consegna è K=$ 11, il contratto vale: f = S Ke r( T t) = 10 11e 0,04 0,25 = 0,8905 Infatti, con la formula appena derivata: f = ( F = 0,899e K) e 0,01 r( T t) = (10,101 11) e = 0,8905 0,04 0,25 = 40

21 Contratti Futures Disponibili per un ampia gamma di sottostanti Merci, valute, indici di borsa, titoli di stato, depositi Trattati in borsa Specificazione del contratto: «cosa» si può consegnare Dimensione del contratto, tipo di merce o di titoli «dove» si può consegnare Molto importante per le merci «quando» si può consegnare In genere in un arco di tempo (es. mese) a scelta del venditore. Il compratore è tenuto ad accettare 41 Margini di garanzia: un esempio Il 3 giugno 1996 viene assunta una posizione lunga su 2 contratti futures sull oro con scadenza a dicembre La dimensione del contratto è di 100 once Il prezzo futures a cui si entra nel contratto è di $400/oncia I contratti comportano un esborso finale di $ Il deposito di garanzia è di soli $2.000 per contratto ($4.000 in totale) perché inizialmente il contratto vale zero Ma se il valore del contratto si fa significativamente negativo e scende sotto il margine di mantenimento (es. $1.500 per contratto, $3.000 in totale) scatta la margin call, la controparte è chiamata a ricostituire il deposito 42

22 Tutto il contratto minuto per minuto Cfr. anche tavola 2.1 p. 22 (questa è una versione semplificata) Profitto Profitto Saldo Prezzo (Perdita) (Perdita) Deposito Margin Data Futures Giorn. Cumul. Garanzia Call 400, giu ,00 (600) (600) giu ,00 (800) (1.400) = giu ,00 (1.200) (2.600) = giu , (1.600) Facoltà di prelevare dal deposito 43 Altri punti fondamentali I soci delle stanze di compensazione hanno margini di mantenimento pari all ammontare del deposito iniziale I futures vengono liquidati giornalmente Il rischio di credito è prossimo a zero La «chiusura» di una posizione su un contratto futures comporta la stipula di un contratto di segno opposto La maggior parte dei contratti futures viene chiusa «prima» della scadenza 44

23 Terminologia Open interest: numero complessivo dei contratti in essere è uguale al numero dei contratti lunghi o al numero dei contratti corti Prezzo di liquidazione: il prezzo rilevato immediatamente prima del segnale che determina la fine delle contrattazioni è usato per la procedura di marking to market Volume degli scambi: il numero dei contratti stipulati in un giorno 45 Domande Quando si stipula un «nuovo contratto» quali sono i possibili «effetti» sull open interest? Tizio e Caio aprono una nuova posizione: +1 Tizio aveva una posizione con* Caio, la chiude facendo un contratto di segno opposto con* Sempronio: 0 Tizio e Caio fanno un contratto, ognuno per chiudere una posizione: -1 Il volume degli scambi effettuati in una giornata può essere «maggiore» dell open interest a fine giornata? Sì, se ci sono molti contratti giornalieri (day trades) * In realtà ognuno dei due opera con la stanza di compensazione 46

24 Futures e Forwards Forwards Futures Contratti «privati» «Trattati in borsa» tra due controparti Contratti «non standardizzati» Contratti «standardizzati» In genere viene specificata Scelta tra «diverse» «una sola» data di consegna date di consegna Regolati alla «fine» del contratto Regolati «ogni giorno» In genere si verifica la «consegna» In genere vengono chiusi o il regolamento di un saldo finale prima della scadenza 47 Convergenza del prezzo futures verso il prezzo spot Prezzo futures Prezzo spot Periodi di consegna Prezzo spot Tempo Prezzo futures sopra al prezzo spot Diversamente comprerei la merce e consegnerei il future Prezzo futures Tempo Prezzo futures sotto al prezzo spot (b) Diversamente comprerei il future e consegnerei la merce 48

25 Coperture Lunghe e Corte Una copertura «lunga» mediante futures è appropriata quando si sa di dover acquistare un attività in futuro e si vuole «bloccare» il prezzo di acquisto Se l attività rincara, aumenta il valore del future che ho in tasca e il saldo tra i due effetti è (circa) nullo Una copertura «corta» mediante futures è appropriata quando si sa di dover vendere un attività in futuro e si vuole «bloccare» il prezzo di vendita Se l attività si svaluta, aumenta il valore del future che ho in tasca e il saldo tra i due effetti è circa nullo In entrambi i casi evito perdite e rinuncio a profitti 49 Rischio base La base è la differenza tra il prezzo «spot» e il prezzo «futures»: B t =S t -F t Quando l operazione di copertura verrà chiusa, la base potrebbe non essere nulla (rischio base) Il future può non essere ancora giunto a scadenza (dunque il prezzo non coincide con quello del sottostante) Soprattutto per le merci non conviene usare la scadenza esatta L hedger può non conoscere l esatta data di chiusura Il sottostante può non essere esattamente lo stesso Es. future sul petrolio per coprire combustibile 50

26 Rischio base: esempi Ciccio deve vendere petrolio e vuole bloccare il prezzo future attuale F1. Vende future il petrolio. Tra due mesi: Vende petrolio e incassa S2 Sul future può guadagnare F1-F2 Es. se il prezzo è sceso, lui l ha bloccato più alto. Il suo payoff totale è: S2+F1-F2=F1+b2=F1+base 51 Rischio base: esempi Nonna Papera deve acquistare carburante per il trattore tra due mesi, e vuole bloccare il prezzo future attuale, F1. Compra un future sul petrolio. Tra due mesi Acquista carburante e paga S2 Sul future, può perdere F1-F2 Es. se il prezzo è sceso, lei l ha bloccato più alto! Il suo payoff totale è: S2+F1-F2=F1+b2=F1+base Più precisamente, considerato che il carburante (prezzo S) non costa come il petrolio (prezzo S*), il payoff è: F1+b2=F1+(S2-F2)=F1+(S*2-F2)+(S2-S*2) Effetto scadenza Effetto del sottostante 52

27 Rapporto di Copertura E la quota di esposizione coperta con contratti futures Non necessariamente è pari a 100% Consideriamo la variazione di valore della posizione di un hedger lungo sul sottostante e corto sul future ( Ciccio ): W = S - h F Calcoliamone la varianza: Var( W) = Var( S) + h 2 Var( F) - 2hCov( S, F)) = σ S2 + h 2 σ F2-2h ρσ S σ F L atteggiamento naturale per un hedger è minimizzare questa varianza 53 Rapporto di Copertura a varianza minima Var( W) = h 2 σ F2-2h ρσ S σ F + σ S 2 È una parabola convessa, nel semipiano positivo Esiste un valore di h che la rende minima Lo si ottiene annullando la derivata prima: 2h σ 2 F -2 ρσ S σ F =0 h =ρ σ σ F Per una copertura lunga W è l opposto, ma la formula della varianza rimane la stessa S Varianza h 54

28 Esempio Tra un mese Tizio dovrà comprare un kg d oro, e decide di coprirsi (copertura lunga) con un future Le variazioni mensili dei prezzo spot dell oro hanno varianza Var( S)=0,12, le variazioni mensili del prezzo future hanno varianza Var( F)=0,16, la correlazione tra le variazioni mensili è del 90% Il rapporto di copertura ottimale è: σ S h = ρ σ F 0,12 3 = 0,9 = 0,9 = 0,779 0,16 2 Tizio compra un future su (circa) 779 grammi d oro 55 Riaprire un operazione di copertura Spesso viene scelto un future con scadenza superiore al periodo di copertura, per evitare la consegna fisica Spesso viene scelto un future con scadenza più breve, perché è più liquido, o più conveniente Se il periodo di copertura eccede la scadenza del future prescelto è necessario concatenare diversi futures Ogni volta che passiamo da un contratto futures ad un altro siamo soggetti al rischio base Possiamo ridurre questo rischio scegliendo noi quando chiudere e riaprire la copertura 56

29 Riaprire un operazione di copertura: esempio Il 1/1/2000 la Canistracci s.r.l. vuole una copertura lunga sul rame, in vista di un acquisto il 31/10/2000 Decide di usare un future semestrale, ad esempio perché l annuale non esiste, o non è abbastanza liquido Quindi la Canistracci s.r.l. 1. Compra future con scadenza giugno Nel giugno 2000 chiude la posizione e compra un future (sempre semestrale) con scadenza novembre Il 31/10/2000 chiude il secondo future. Non solo sub 3, ma anche sub 2 ha un rischio di base. 57 Riaprire un operazione di copertura: esempio Future 11/00 Future 6/00 Prezzo spot 1/1 12/6 31/10 F1(6/00)=-120 F2(6/00)=+130 F1(11/00)=-140 F2(11/00)=142 S2=-135 Payoff finale totale: F1+prima base+seconda base ( ) + ( ) =

30 Riaprire un operazione di copertura: altro modo Future 11/00 Future 6/00 Prezzo spot 1/1 12/6 31/10 F1(6/00)=-120 F2(6/00)=+130 F1(11/00)=-140 F2(11/00)=142 S2=-135 Payoff finale totale: S2+primo future+secondo future ( ) + ( ) = Esercizi consigliati Regimi di interesse composto e continuo: 3.1, 3.8, 3.9, 3.10 Coperture con futures 2.7, 2.9, 2.15, 2.20, 2.21, 2.22, 2.24, 2.25 Costituzione e mantenimento dei margini 2.10, 2.12, 2.13,

31 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende [1] Dalla natura del sottostante: Se è correlato con il mercato (beta positivo) tenerlo in portafoglio aumenta i rischi (per scambiarlo con il future pago volentieri un premio) Se contribuisce fortemente a diversificare i rischi (beta negativo) tenerlo in portafoglio riduce i rischi (per scambiarlo con il future voglio un premio) Formalmente, il tasso richiesto per investire in un sottostante è k = r + β ( rm r) (quindi è < o > di r a seconda del segno del suo beta) 61 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende Ora consideriamo un signore che: Investe al tasso r un importo Fe -r(t-t) Compra un future su S (alla scadenza avrà esattamente il capitale F necessario per onorare il contratto) Il valore attuale del suo investimento è: Fe r( T t) + E( S) e k ( T t) dove per S abbiamo usato il tasso k appropriato Assumiamo che tutti i progetti di investimento su un mercato perfetto abbiano valore attuale nullo: Fe r( T t) = E( S) e k ( T t) 62

32 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende Da cui: F = E( S) e ( r k )( T t) Il secondo fattore è: >1 se k<r, quindi beta<0 e il sottostante è uno scudo contro il rischio per cederlo contro un prezzo fisso voglio un premio F > E(S) <1 se k>r, quindi beta>0 e il sottostante accresce il rischio non diversificabile (me ne libero volentieri ) F < E(S) 63 Il prezzo future prevede quello spot? Dipende [2] Dall attitudine psicologica dei partecipanti al mercato. Secondo Keynes e Hicks: F < E(S T ) (deporto, o normal backwardation) se chi vende future è un hedger (e chi compra uno speculatore), quindi si accontenta di un guadagno minore, purché certo F > E(S T ) (riporto o contango) se chi vende future è uno speculatore e vuole un premio per partecipare all affare (premio che gli hedgers sono disposti a pagare) 64

33 Prezzi forward e prezzi futures In teoria, il prezzo futures dovrebbe essere quasi «uguale» al prezzo forward di un contratto che ha la «stessa» scadenza ed è scritto sulla «stessa» attività La principale differenza è dovuta al costo finanziario del margine immobilizzato presso la stanza di compensazione Tuttavia, il margine può essere versato in titoli fruttiferi, e ciò riduce lo scostamento tra i prezzi teorici dei due contratti Il prezzo teorico è il medesimo se: Il tasso d interesse è costante per tutte le scadenze Il tasso d interesse è una funzione nota del tempo In ogni caso è comodo pensare che i prezzi siano equivalenti (in questo corso lo faremo) 65 Prezzi forward e prezzi futures Il prezzo teorico NON è il medesimo se: Il tasso d interesse è variabile e varia insieme al sottostante Infatti, chi ha una posizione lunga sul future: Quando S aumenta, realizza un guadagno e riceve parte del deposito di garanzia, che può investire a tassi più alti Quando S diminuisce, realizza una perdita e deve ricostituire il margine indebitandosi, ma a tassi più bassi In pratica, ha un beneficio finanziario che il possessore di un contratto forward non ha, e che fa salire il valore del future Se la correlazione fosse negativa, il valore del future sarebbe più basso di quello del corrispondente forward Sono stati svolti numerosi confronti empirici tra prezzi forward e futures, ed in diversi casi non si sono trovate differenze statisticamente significative 66

34 Pricing dei futures Applicheremo le regole già derivate per i forward, e in particolare: F = Se (r q)(t t) Studieremo il prezzo dei futures su Indici di borsa Valute Merci (commodities) 67 Indici azionari Sono panieri di titoli azionari, scelti in base ad un criterio di rappresentatività, ad esempio Appartenenza ad un mercato o ad un settore Liquidità o capitalizzazione Il peso dei singoli titoli è di norma fisso nel breve termine Gli indici azionari di solito non considerano il reinvestimento dei dividendi sui singoli titoli che quindi Sono pagati in modo abbastanza graduale nel tempo Vengono persi per strada e assegnati ai risparmiatori possono quindi essere considerati alla stregua di titoli che offrono un dividend yield continuo 68

35 Indici azionari Se gli indici azionari offrono un dividend yield continuo, allora la relazione tra prezzo futures e prezzo spot è F = Se (r q)(t t) dove q è il dividend yield del paniere che è alla base dell indice Esempio: l indice S&P500 (500 titoli del NYSE) vale S=$300 ed i titoli dell indice pagano un dividend yield del 2% annuo composto continuamente. Se r=5%, quanto vale un future a 4 mesi? F = 300e (5% 2%). 4/12 = 303,02 69 Arbitraggi su Indici Se F > Se (r q)(t t) l arbitraggio comporta: l acquisto delle azioni sottostanti l indice la vendita del futures Se F < Se (r q)(t t) l arbitraggio comporta: la vendita delle azioni sottostanti l indice l acquisto del futures 70

36 Arbitraggi su indici/2 Affinché la formula sia valida è «importante» che l indice rappresenti un bene d investimento In altri termini, le variazioni dell indice devono corrispondere alle variazioni del «valore di un portafoglio negoziabile» Gli arbitraggi su indici comportano negoziazioni «simultanee» su futures e su diverse azioni Molto spesso è il computer che suggerisce le operazioni da effettuare, da cui il termine computer trading L indice Nikkei ( ) visto come un attività in dollari ($) non rappresenta un bene d investimento 71 Futures su indici con scadenze diverse Dalla formula per il pricing dei futures su indici F = Se (r q)(t t) Segue che, per due futures con scadenze diverse (diciamo: T e T+ t) prezzati entrambi oggi il prezzo è F(T) = Se (r q)(t t) F(T+ t) = Se (r q)(t+ t t) =Se (r q)(t t)+(r - q) t F(T+ t) = F(T) e (r q) t Cioè il prezzo, passando da una scadenza all altra, varia in ragione di (r-q) 72

37 Futures su indici con scadenze diverse Prezzi del future su S&P500 (esempio, tav. 3.2 p. 58) Giugno Settembre = x = x e 0.25x3.20% Dicembre = x = x e 0.25x3.08% Marzo = x = x e 0.25x3.20% r - q 3,1 3,2% 73 Evoluzione nel tempo del prezzo di un dato future Dalla formula per il pricing dei futures su indici F = Se (r q)(t t) Segue che, in un istante τ tale che t<τ<t il prezzo diventa F τ = S τ e (r q)(t τ) Se (r+x) è il rendimento del paniere di azioni nell indice (comprensivo dei guadagni in conto capitale e dei dividendi che vengono staccati dall indice) allora S τ = Se (r + x q)(τ t) e sostituendo, con un po di pazienza, si ottiene F τ = Fe x (τ t) 74

38 Evoluzione nel tempo del prezzo di un dato future La formula ora trovata (F τ = Fe x (τ t) ) dice che il prezzo di un future cresce in ragione x, cioè pari all extrarendimento dell indice rispetto al tasso risk-free r In pratica, per periodi di tempo brevi: F F F x t x t F Questa x è una grandezza molto simile a quella presente nell equazione fondamentale del CAPM: l extrarendimento di un portafoglio dipende dal suo beta e dall extra rendimento di mercato r Π r = β ( r m F r) β x β F 75 Utilizzo di questa relazione per finalità di copertura 1. Riordino la relazione precedente 2. Moltiplico per il valore del portafoglio r r Π Π F β r F βπ Π F F rπ Guadagno da una posizione lunga sul portafoglio Guadagno da una posizione corta su un certo numero di futures sull indice Guadagno al tasso risk-free (immunizzato) 76

39 Copertura mediante futures su indici La relazione precedente mi suggerisce quindi di andare corto su un numero di contratti futures pari a βπ F volte l indice. Ai fini pratici, possono servire βπ mf contratti, se ogni contratto riguarda m volte l indice (nota: Π è il valore del portafoglio, F è il valore del futures) 77 Copertura mediante futures su indici: esempio La Sarchiaponi Ltd. possiede titoli per un valore di un milione di dollari, con un beta, riferito al NYSE, di 0,9 Desidera coprirsi con un future sullo S&P, contratto che riguarda 500 volte l indice. Il prezzo future dell indice è, oggi, $280 Per proteggersi, deve vendere un numero di contratti future pari a: βπ mf 0, = = 6,43 cioè sei contratti, arrotondando all intero più vicino. 78

40 Utilizzo della relazione per cambiare beta al portafoglio 1. Riordino la relazione precedente 2. Aggiungo al portafoglio uno certo n. di futures r Π + Π r Π = Π rπ + βπ F F * * ( β β ) Π β Π F = rπ + F F F Portafoglio di partenza più posizione future (lunga se β*>β, corta se viceversa) Guadagno simile a quello di un portafoglio con beta pari a β* 79 Futures su valute estere Una valuta estera, in fondo, è un titolo che offre un dividend yield continuo. E infatti possibile depositarla in banca, ottenendo un tasso di interesse r f che, in generale, è diverso da r Allora la relazione tra prezzo (cambio) futures e prezzo (cambio) spot è F = Se (r r f)(t t) 80

41 Futures su valute estere: esempio La relazione tra prezzo (cambio) futures e prezzo (cambio) spot è F = Se (r r f)(t t) Esempio: una sterlina vale 1,25 dollari, ed i tassi risk-free (composti continui) sono del 4% sul dollaro e del 3% sulla sterlina. Quanto vale un future a 2 mesi? F = 1,25e (4% 3%). 2/12 = Più formalmente: confronto tra due portafogli Un future lungo e un deposito f + Ke-r(T t) ST Il valore dei due portafogli sarà, certamente il medesimo e -r f (T t) unità di valuta estera: e -r f (T t) S ST Devono valere uguale anche ora 82

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

001-818- 728-0421. (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944

001-818- 728-0421. (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944 Perfavore inviare al numero di fax: 001-818- 728-0421 Per ulteriori domande la prego di contattarci al numero: (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944 Nome del titolare del conto Nome del broker Apertura del

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli