Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni"

Transcript

1 Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è analista del dipartimento di investimenti obbligazionari di una compagnia di assicurazioni con sede nella nazione Z, e sta preparando delle analisi di mercato da sottoporre al comitato di investimento. a) Un lungo periodo di disinflazione dell'economia della nazione Z sta volgendo al termine e gli economisti anticipano un aumento dei tassi guida a corto termine entro il prossimo anno. Lei desidera sapere quanto i partecipanti al mercato hanno già scontato di un aumento dei tassi d'interesse e perciò studia il prezzo dei futures su tasso d'interesse a 3 mesi [3-month interest rate futures] per diverse scadenze, trattati sul mercato dei futures (Tabella 1). Al momento attuale (Marzo 2007) il tasso d'interesse a 3 mesi è al 2.00%. Tabella 1: prezzo dei futures su tasso d'interesse a 3 mesi Scadenza Giugno 2007 Settembre 2007 Dicembre 2007 Marzo 2008 Prezzo del Futures Basandosi sui dati della Tabella 1 e sulla 'pure expectations hypothesis', discuta brevemente e quantifichi quanto il mercato dei futures su tasso d'interesse a 3 mesi ha già scontato di un rialzo dei tassi d'interesse, tra 6 mesi e 1 anno rispetto ad oggi. Come cambia la sua risposta se assume l'esistenza di un premio al rischio positivo? b) Lei ha creato una curva dei rendimenti di mercato delle obbligazioni governative (Tabella 2). Completi il 'par yield', il rendimento delle obbligazioni zero-coupon, il prezzo dell' obbligazione zero-coupon, il tasso forward a 1-anno e la duration modificata mancanti nella tabella. Mostri i suoi calcoli (i tassi d'interesse vanno arrotondati alla terza cifra decimale; il prezzo dell' obbligazione alla quarta cifra decimale; la duration modificata alla terza cifra decimale.) Tabella 2: Curva dei rendimenti di mercato delle obbligazioni governative Scadenza 1 anno 2 anni 3 anni 4 anni 5 anni 6 anni 7 anni Par yield 2.500% 3.110% (A) 4.003% 4.239% 4.380% 4.432% Rendimento delle obbligazioni zero-coupon Prezzo dell' obbligazione zero-coupon 2.500% 3.120% 3.620% 4.050% (B) 4.450% 4.500% (C) Tasso forward a 1-anno 2.500% 3.744% 4.627% 5.351% 5.306% 5.203% (D) Duration modificata (E) Note: Il 'par yield' [rendimento alla pari] è il rendimento alla scadenza di un'obbligazione con prezzo alla pari che paga cedola annualmente. Il tasso forward a 1 anno è il tasso d'interesse a 1 anno per un contratto forward che parte 1 anno prima della scadenza corrispondente. La duration modificata è per obbligazioni alla pari. (15 punti) Pagina 1 / 9

2 c) Usando le informazioni contenute nella Tabella 2, trovi la scadenza dell'obbligazione zero-coupon che fornisce il rendimento massimo sul periodo di detenzione (holding period return) di 1 anno in ognuno dei seguenti casi: 1) quando la curva dei rendimenti tra 1 anno è assolutamente immutata rispetto a quella attuale. 2) quando la curva dei rendimenti tra 1 anno è uguale a quella sottintesa [prevista; engl. 'implied'] oggi dai tassi d'interesse forward. Motivi le sue risposte. (12 punti) d) Lei deve analizzare due portafogli con la stessa duration modificata: 1) un portafoglio 'bullet' costituito dall'obbligazione alla pari a 5 anni. 2) un portafoglio 'barbell' che combina l'obbligazione alla pari a 3 anni e l'obbligazione alla pari a 7 anni. Assumendo che il valore di mercato del portafoglio sia 100, calcoli i valori di mercato del l'obbligazione a 3 anni e dell'obbligazione a 7 anni del portafoglio 'barbell' (arrotondi alla seconda cifra decimale). e) Quale tra i due portafogli descritti al punto d) otterrebbe la performance più alta in ognuno dei seguenti casi: 1) se adesso la curva dei rendimenti subisse un importante spostamento parallelo verso l'alto. 2) se adesso il tasso d'interesse a 5 anni rimanesse immutato e la curva dei rendimenti si appiattisse completamente e divenisse orizzontale? Motivi la sua risposta in ciascun caso. Per il caso 2), utilizzi calcoli basati sulla duration per spiegare la sua risposta. (7 punti) f) La compagnia di assicurazione detiene un portafoglio di mortgage backed securities che ha una duration effettiva di 5 anni e i cui attivi sottostanti consistono in prestiti ipotecari [home loans] per cui i debitori hanno opzioni di rimborso anticipato. Lei prevede un aumento della volatilità sul mercato dei tassi d'interesse. Discuta l'effetto sul prezzo di mercato del portafoglio di mortgage backed securities nel caso le sue attese si materializzano. Descriva come la compagnia potrebbe coprirsi [hedge] contro l'impatto sul portafoglio di un aumento della volatilità dei tassi d'interesse. Motivi la sua risposta. Pagina 2 / 9

3 Domanda 2: Gestione di Portafoglio (36 punti) Il Sig. Miyamoto è il direttore del fondo pensione dell'azienda ABC, e dispone delle informazioni che seguono. La Tabella 1 riporta i risultati ottenuti durante gli ultimi 7 anni (per semplicità, gli attivi nei quali investe sono limitati alle obbligazioni e alle azioni ). La Tabella 2 mostra il modello di attribuzione della performance applicato per analizzare la performance del fondo pensione. La Figura 1 rappresenta la relazione tra rendimenti del benchmark e i rendimenti del portafoglio, e perciò fornisce la sensitività del portafoglio azionario al benchmark azionario domestico. Per le obbligazioni, il Sig. Miyamoto calcola le duration delle obbligazioni A e B come mostrato nella Tabella 3 e poi stima l'impatto del rialzo dei tassi d'interesse attesi per il futuro. Tabella 1: Performance del fondo pensione dell'azienda ABC (tutte le cifre in %) Anno fiscale Asset Mix strategico Peso effettivo Rendimento del Benchmark Rendimento effettivo obbligazioni azioni obbligazioni azioni obbligazioni azioni obbligazioni azioni Nota: Sia il rendimento del benchmark che quello effettivo sono rendimenti in eccesso al tasso d'interesse privo di rischio. Tabella 2: Illustrazione del modello di attribuzione della performance di Brinson et al. Pesi Attivi Asset [w P,j ] Allocation Pesi Passivi [w I,j ] Rendimenti Attivi [R P,j ] IV=Σ w P,j R P,j Pesi effettivi, Rendimenti effettivi III=Σ w I,j R P,j Pesi passivi, Rendimenti effettivi Selezione dei titoli Rendimenti Passivi [R I,j ] II=Σ w P,j R I,j Pesi effettivi, Rendimenti passivi I=Σ w I,j R I,j Pesi passivi, Rendimenti passivi Pagina 3 / 9

4 Figura 1: Analisi del Portafoglio Azionario Portfolio return(%) y = x R 2 = Benchmark return(%) Tabella 3: Proprietà delle obbligazioni detenute Tipo Obbligazione A Obbligazione 'Corporate' Obbligazione B Obbligazione Governativa Cedola 1.8% 2.5% Peso 20% 80% Duration Nota: Il benchmark obbligazionario ha una duration di 5 anni. a) I pesi effettivi del fondo differiscono da quelli dell'asset mix strategico. I rendimenti effettivi sono anche diversi dai rendimenti del benchmark. Utilizzando la Tabella 2, spieghi cosa sono l'effetto di asset allocation e l'effetto di selezione del titolo" ['security selection effect'], e in che modo possono venire misurati. (8 punti) b) Completi l'analisi di attribuzione della performance mostrata sotto per l'anno 2005 e commenti la performance del fondo pensione dell'azienda ABC. (11 punti) Anno fiscale effetto di 'Security selection' effetto di 'Asset allocation' effetto 'Cross' Effetto attivo Totale Nota: tutte le cifre in %. Pagina 4 / 9

5 c) Utilizzando la Figura 1, commenti le caratteristiche del portafoglio azionario domestico. In particolare determini il beta del portafoglio, l'alpha e il coefficiente di determinazione. d) Il portafoglio obbligazionario è costituito dall'obbligazione A e dall'obbligazione B, come mostrato nella Tabella 3. Discuta le proprietà e caratteristiche importanti di questo portafoglio obbligazionario (focalizzi il suo commento sui rischi legati alla detenzione di queste obbligazioni). e) Il Sig. Miyamoto sta considerando delle modifiche all'asset allocation e al portafoglio obbligazionario per evitare l'impatto di tassi d'interesse in crescita sul portafoglio. Le viene chiesto di fornirgli consulenza a tal proposito. Pagina 5 / 9

6 Domanda 3: Gestione di Portafoglio (21 punti) Il Sig. K è un medico di 49 anni con un reddito relativamente alto. Ha attivi finanziari per un controvalore attuale di USD 400,000, perloppiù investiti in depositi bancari. Dal momento che il livello dei tassi di interesse è così basso, desidera iniziare a investire in azioni e obbligazioni. Senza considerare contributi aggiuntivi, desidera che i suoi attivi finanziari attuali crescano a USD 1 milione al momento del suo pensionamento che avverrà a 65 anni, fra 16 anni. Il Sig. K ha un reddito fisso del suo lavoro fino al pensionamento, per cui non dovrà intaccare i suoi attivi finanziari prima del pensionamento. Pianifica di finanziare la sua vita dopo il pensionamento consumando gli attivi finanziari fin lì accumulati. Il Sig. K, con poca esperienza nell'ambito degli investimenti, mostra di avere alcune preoccupazioni a proposito delle possibili perdite e di una cattiva performance durante i prossimi 16 anni, dal momento che sa che i mercati azionari sono piuttosto volatili. Lei è il suo consulente agli investimenti. Prima di fargli qualsiasi raccomandazione, gli ponete alcune domande a proposito della sua situazione personale, e gli spiegate l'importanza dell'asset allocation strategica per gli investimenti a lungo termine. Infine gli preparate sei portafogli modello quali possibili suggerimenti. Portafogli modello suggeriti Numero del portafoglio Azioni (in %) Obbligazioni (in %) Rend.atteso (in %) Std. Dev. (in %) Nota: I rendimenti attesi (a capitalizzazione continua) e le standard deviations sono espresse in termini percentuali e annualizzate. I rendimenti sono indipendenti e identicamente distribuiti (i.i.d.). a) Elenchi cinque fattori che dovrebbero essere presi in considerazione per poter raccomandare una politica d'investimento per un investitore individuale [individual investors] e li discuta applicandoli al caso del Dr. K. b) Qual'è il rendimento annualizzato necessario per raggiungere il valore target posto dal Dr. K? c) È risaputo che la standard deviation del rendimento medio su molti anni è probabilmente inferiore alla volatilità su un anno. Il Dr. K vorrebbe che il valore dei suoi attivi fosse almeno USD 800,000, anche se il rendimento effettivo sui prossimi 16 anni fosse 1 standard deviation sotto il rendimento atteso del portafoglio che seleziona. Indichi, motivando, che portafoglio gli consiglierebbe. (7 punti) d) Oltre al rischio di volatilità, qual'è un fattore di rischio primario da prendere in considerazione per poter far sì che la sua vita da pensionato si possa svolgere come sperato? Spieghi. (4 punti) Pagina 6 / 9

7 Domanda 4: Strumenti Derivati e Gestione di Portafoglio (73 punti) Siamo a marzo 2007 e il suo cliente, una piccola azienda statunitense, deve pagare 10 milioni di EUR tra tre mesi e desidera coprire la sua esposizione al rischio di cambio utilizzando strumenti derivati. Lei ha raccolto i dati seguenti sulle opzioni a 3 mesi sull'eur dal Philadelphia Stock Exchange (PHLX), dove sono trattate opzioni sulle divise: PHLX: Opzioni sull' EUR Strike (in USD per 1 EUR) Prezzo dell'opzione (in centesimi di USD per 1 EUR ) Delta Volatilità implicita in % Call Jun Call Jun Call Jun Put Jun Put Jun Put Jun Tutte le opzioni sono di tipo europeo, e scadono esattamente tra 3 mesi. La taglia del contratto è di EUR 62,500. Il corso spot attuale è EUR/USD Il tasso d'interesse semplice privo di rischio a tre mesi è 4.8% per il USD, rispettivamente 2.7% per l'eur (per semplicità, assuma che questi tassi valgano sia per depositi che per prestiti). Allo stesso tempo il contratto futures sul corso di cambio dell'euro a tre mesi trattato al Chicago Mercantile Exchange (CME) tratta a EUR/USD La taglia del contratto per questo contratto futures è di EUR 125,000; l'ultimo giorno di contrattazione è esattamente tra 3 mesi. La convenzione di calcolo dei giorni è 30/360. a) Il modo più semplice di eliminare il rischio di cambio è prendere in prestito USD, convertirli immediatamente in EUR al corso spot, e investire questo ammontare per tre mesi. Qual'è l'ammontare totale pagato dall'azienda per saldare i 10 milioni di Euro in termini di USD [' in USD term'] utilizzando questa prima strategia? b) Utilizzando invece opzioni call e put con strike 1.20, quante opzioni dovete acquistare o vendere per fissare oggi il corso di cambio tra tre mesi? Qual'è l'ammontare totale pagato dall'azienda per saldare i 10 milioni di Euro in termini di USD [' in USD term'] in questo caso? c) Quale terza possibilità prendete in considerazione di utilizzare il contratto futures sul corso di cambio dell'euro del CME. Quanti contratti acquistate o vendete? Quanto paga (in USD) l'azienda per far fronte al suo obbligo concernente i 10 milioni di EUR? Questo hedge è più a buon mercato rispetto all' hedge utilizzando le opzioni? Ci sono svantaggi rispetto alla strategia con le opzioni? (7 punti) Pagina 7 / 9

8 d) Lei osserva che le opzioni con strike 1.15 trattano con una volatilità implicita più alta rispetto alle altre. Perciò considera un'altra strategia: vendere put con strike 1.15 e acquistare call con strike 1.25 per coprire l'esposizione di 10 milioni di EUR sul periodo di tre mesi. Calcoli l'ammontare totale pagato dall'azienda nel caso di due esiti differenti: per un tasso spot di EUR/USD 1.30, rispettivamente di 1.10 al termine del periodo di tre mesi. Completi il grafico seguente tracciando la linea che rappresenta l'ammontare totale ottenuto da questa strategia alla scadenza dei contratti d'opzione. Ammontare totale pagato [Mio USD] unhedged Corso spot EUR/USD (16 punti) e) Data una posizione di 60 contratti short put con strike 1.15 e di 60 contratti long calls con strike 1.25, è possible replicare dinamicamente il payoff di questa strategia di opzioni utilizzando i contratti futures sul corso di cambio dell'euro trattati sul CME? Con quanti futures (long o short) dovete iniziare? (8 punti) f) Quali sono i problemi principali nel replicare dinamicamente una strategia di opzioni tramite futures? g) Scriva la formula put-call parity che si applica in questa situazione, indicando chiaramente il valore di ogni parametro da utilizzare nella formula. (Noti che il sottostante paga un 'dividendo'!) Suggerimento: la formula generale è C P S e y t t Ke r E E + = 0, dove t tempo fino alla scadenza delle opzioni K strike o prezzo d'esercizio delle opzioni (strike price) r tasso d'interesse privo di rischio a capitalizzazione continua y dividend yield [rendimento da dividendi] a capitalizzazione continua S prezzo spot del sottostante C E valore di un opzione call europea P valore di un opzione put europea E Pagina 8 / 9

9 Se utilizzate tassi d'interesse semplici per y e r, la formula diviene S K C E PE + = 0 1+ y t 1+ r t h) h1) Osservando la volatilità, scegliete il prezzo strike dove esiste opportunità d'arbitraggio e fornite ragioni (non sono richiesti calcoli). (4 punti) h2) Utilizzando la parità put-call per gli strike 1.15 e 1.25, controllate se per i dati di prezzo forniti sopra vi è opportunità di arbitraggio che può essere sfruttata. In caso affermativo, descrivete l' arbitraggio e calcolate l'utile che ne deriva. Spiegate inoltre perchè questo è privo di rischio. (15 punti) Pagina 9 / 9

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei lavora nel dipartimento di tesoreria di una banca internazionale. La banca è molto conosciuta e può emettere, se necessario, obbligazioni

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei ha assunto una nuova carica quale risk manager di un fondo pensione. Il fondo ha finora investito solo in titoli a reddito fisso con attivi

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei è il responsabile del dipartimento emissioni obbligazionarie di una banca europea. Questa 10 anni fa ha emesso un obbligazione perpetua subordinata

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è un gestore di portafoglio di una banca internazionale. Un cliente le mostra i suoi investimenti attuali, riassunti nella tabella seguente:

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (31 punti) La Investment Advisory Service X finora non ha incluso obbligazioni governative legate all Indice dei Prezzi al Consumo [CPI - Consumer Price

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei lavora quale consulente di un fondo pensione. Alla luce delle recenti turbolenze sui mercati finanziari il consiglio di amministrazione di

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE Nota: questo file raccoglie alcuni esempi di prove scritte assegnate negli ultimi anni per gli esami di Matematica Finanziaria IIB e. I testi vanno presi come indicativi,

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Comparto. Non si tratta di un documento

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Comparto. Non si tratta di un documento

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Programma Diploma European Financial Services - DEFS Applicazione dagli esami del 2014

Programma Diploma European Financial Services - DEFS Applicazione dagli esami del 2014 Programma Diploma European Financial Services - DEFS dagli esami del 2014 Modulo Tema Pesi % Numero di giorni equivalenti Mod. Investimento e rischio di investimento 33,3% 4 Mod. Fondi 16,7% 2 Mod. Gestione

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Comunicazione per l investitore

Comunicazione per l investitore JPMORGAN FUNDS 16 SETTEMBRE 2015 Comunicazione per l investitore Gentile Investitore, con la presente desideriamo informarla in merito ad alcune modifiche sostanziali apportate a JPMorgan Funds - Global

Dettagli

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12.

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12. LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli Sistema Finanziario Take Home Exam Data di consegna 20.12.2007 1 Individuare, all interno dell appendice

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

THREADNEEDLE (LUX) MULTI ASSET TARGET ALPHA (il "COMPARTO")

THREADNEEDLE (LUX) MULTI ASSET TARGET ALPHA (il COMPARTO) Threadneedle (Lux) Società di Investimento a Capitale Variabile Sede legale: 31, Z.A. Bourmicht, L-8070 Bertrange Granducato di Lussemburgo R.C.S. Lussemburgo B 50 216 (la "SICAV") AVVISO AGLI AZIONISTI

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA ISTRUZIONE

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Supplemento. Goldman Sachs Funds II SICAV

Supplemento. Goldman Sachs Funds II SICAV 0714 Supplemento Lo scopo del presente Supplemento è fornire una descrizione più dettagliata dei Comparti Obbligazionari del Fondo che risultano gestiti dalla Società di Gestione, dal Consulente dell Investimento

Dettagli

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo Rispondere ai seguenti quesiti. Livello Knowledge 1 2 3 4 Nelle forme pensionistiche individuali, attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita, l ammontare dei premi: 1 è sempre definito in misura

Dettagli

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe Strategie di hedging con i Certificati Massimiliano Volpe 2 Con il termine di hedging si fa riferimento ad una strategia d'investimento disegnata per ridurre il profilo di rischio di un investimento mediante

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 1) Quale dei seguenti non è definito nel Decreto Legislativo n.58/1998 "servizio accessorio"? A. La locazione di cassette di sicurezza; La consulenza

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria

Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria Esercizi Svolti di Matematica Finanziaria Esercizio. Nel mercato obbligazionario italiano del 0 Novembre 009 si osservano i seguenti prezzi: - prezzo 96, per un titolo il cui valore a scadenza in T è 0,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

può essere detratto fiscalmente nella misura del 19% sino a un massimo di 1.291,14 euro

può essere detratto fiscalmente nella misura del 19% sino a un massimo di 1.291,14 euro pag. 1 1 I compensi per fideiussioni o per altre garanzie prestate sono: esenti da tassazione redditi diversi redditi di capitale esclusi dai redditi di natura finanziaria Risposta corretta: redditi di

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008

Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio. Milano, 12 aprile 2008 Jacopo Ceccatelli Partner JC Associati L uso dei derivati nella gestione del Portafoglio Milano, 12 aprile 2008 Operare con strumenti derivati per la copertura dei rischi di portafoglio Gli strumenti derivati

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo R e l a t o r e : N i c o l a F r a n c i a Obbligazioni Plain Vanilla Le obbligazioni

Dettagli

Gli Etp hanno. Primopiano dicembre 2013

Gli Etp hanno. Primopiano dicembre 2013 4 Rilevante l uso di Etp nei portafogli dei consulenti finanziari indipendenti Dalla prima indagine realizzata da MondoETF emerge che l'allocazione in Etp ha per lo più finalità di medio/lungo periodo;

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

Opzioni. Futures, forwards e opzioni

Opzioni. Futures, forwards e opzioni Opzioni Le calls sono opzioni Le puts sono opzioni per acquistare per vendere una certa attività a* una certa attività a* (o entro**) una certa data (o entro**) una certa data ad un certo prezzo ad un

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993)

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993) Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (di cui al D.Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993) Comunicazione redatta ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di trasparenza

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007 Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli Aldo Nassigh 16 Ottobre 2007 INDICE 1. La misurazione del rischio di mercato attraverso il 1.a Nozioni basilari 1.b I metodi parametrici

Dettagli

Q&A: Raiffeisen Fund Conservative

Q&A: Raiffeisen Fund Conservative La soluzione obbligazionaria flessibile di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 5 Nel presente documento potrà trovare le risposte alle sue domande relative al nostro fondo obbligazionario flessibile

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali. Manuale La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Manuale Versione 1.2 del 4 giugno 2015 1.0 Executive summary... 1 2.0 Calcolo dei Margini per il comparto azionario e derivati azionari... 1 2.1. Tipologie

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE D NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE

II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE EFA02 II sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE C NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

A ciascuno il suo certificato

A ciascuno il suo certificato A ciascuno il suo certificato Giovanna Zanotti ( Segretario Generale ACEPI) Pierpaolo Scandurra ( Certificati e Derivati) Trading Online Expo 2015 Milano - Palazzo Mezzanotte - 22 ottobre 2015 A ciascuno

Dettagli

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla

PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla PRIMA PARTE: Domande a Scelta Multipla (56 punti) Di seguito troverete 14 domande a scelta multipla. Segnate con una crocetta la risposta che ritenete corretta tra le risposte possibili. Una sola risposta

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Panoramica Il nostro Risk Navigator è stato potenziato, accessibile all'interno di Trader Workstation, offre ora le metriche ponderate per il beta.

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando:

Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando: pag. 1 1 Un benchmark è rappresentativo di un portafoglio efficiente quando: il suo rendimento può essere riprodotto minimizzando il tracking error minimizza i costi di transazione la sua performance è

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l

Numeri verdi. Te l : 800 920 960. F a x : 800 784 377. I n t e r n e t. w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t. E - m a i l Numeri verdi Te l : 8 92 96 F a x : 8 784 377 I n t e r n e t w w w. a b n a m r o m a r k e t s. i t E - m a i l i n f o @ a b n a m r o m a r k e t s. i t Televideo RAI Pagina 343 R e u t e r s A A H

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità

Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità PER CONSULENTI E INVESTITORI QUALIFICATI Schroders Obbligazioni convertibili: ecco le opportunità Dopo la bufera che ha sconvolto il mercato dei mutui sub-prime e la stretta creditizia che ne è derivata,

Dettagli

Avviso importante per l'investitore

Avviso importante per l'investitore JPMORGAN INVESTMENT FUNDS 13 MARZO 2015 Avviso importante per l'investitore Gentile Investitore, con la presente desidero informarla che un comparto di cui detiene azioni sarà incorporato in un comparto

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS)

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) Valutazione delle opzioni Esercizio 1 2 ESERCIZIO 1 Il portafoglio di un investitore è composto di 520 azioni della società

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI EFPA Italia Meeting 2014, 5/6 Giugno Lecce Siamo stati

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE

LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE MODULO 1 LA VALUTAZIONE DEI PRODOTTI DI INVESTIMENTO : RENDIMENTO E RISCHIO DI PORTAFOGLI OBBLIGAZIONARI E AZIONARI ED ELEMENTI DI ANALISI FONDAMENTALE Durata : 1 gg Le nozioni di base per la valutazione

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

JPMorgan Private Bank Funds I Société d'investissement à Capital Variable (la "Società") Registered Office:

JPMorgan Private Bank Funds I Société d'investissement à Capital Variable (la Società) Registered Office: JPMorgan Private Bank Funds I Société d'investissement à Capital Variable (la "Società") Registered Office: 6 route de Trèves, L-2633 Senningerberg, Grand Duchy of Luxembourg R.C.S. Luxembourg B 114 378

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli