Economia dei Sistemi Finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia dei Sistemi Finanziari"

Transcript

1 Economia dei Sistemi Finanziari Materiali per il Corso I 1 Rischi finanziari e assetti istituzionali 2 Evoluzione dei sistemi finanziari 3 Crisi finanziarie idiosincratiche e sistemiche 4 Crisi finanziarie idiosincratiche: analisi di alcuni casi Università di Siena Facoltà di Economia R.M. Goodwin A.A

2 I.1 Rischi finanziari e assetti istituzionali Dato che i contratti finanziari estendono i loro effetti nel futuro, un problema fondamentale della finanza è costituito dal permettere agli operatori di prendere decisioni informate circa il futuro Comune è affermare che il futuro è incerto, ossia che le informazioni sono incomplete. Per un singolo operatore ciò può significare che egli non ha accesso a informazioni che comunque esistono nel sistema. Si parla in questo caso di asimmetrie informative o di incertezza idiosincratica. Ma può anche significare che alcune informazioni circa il futuro non esistono; in questo caso si parla di incertezza sistemica. La precedente distinzione è importante perché nel primo caso si possono sviluppare istituzioni e contratti tesi a limitare le asimmetrie informative, o comunque i loro effetti negativi. Nel secondo caso si possono affinare tecniche di previsione basate sull esperienza passata; dato però che per sua natura il sistema economico produce continui cambiamenti, che, come quelli causati dal progresso tecnologico, sono sovente strutturali, il futuro è largamente non prevedibile. Qualsiasi contratto finanziario implica quindi l assunzione di rischi, ossia la possibilità che le decisioni correnti possano non essere convalidate dai risultati futuri. Incertezza sistemica e idiosincratica concorrono congiuntamente, seppur in misura diversa, a determinare e caratterizzare i rischi finanziari. La presenza di incertezza sistemica pone seri limiti ai metodi di misura dei rischi basati sull estrapolazione dei dati presi dal passato. Vediamo sinteticamente le principali tipologie di rischio. Rischio di credito Il rischio di credito si riferisce ad una potenziale perdita di valore di un attivo causato dall incapacità della controparte di onorare pienamente un contratto. Il caso classico è quello della possibilità che un debitore non assolva in parte o totalmente gli obblighi previsti dal contratto di debito (prestito), ossia il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale. Il rischio di credito è però presente in molte altre tipologie di contratti. I Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 2

3 titoli obbligazionari comportano un rischio di credito in relazione a cambiamenti del merito di credito (probabilità di servire il debito) dell emittente. Il rischio di credito è presente quando si offrano garanzie, quindi anche in contratti derivati come i Credit Default Swaps. Sul rischio di credito influiscono fattori sia di natura sistemica (ad esempio la crescita economica in quanto si rifletta sul merito di credito dello specifico debitore), sia di natura idiosincratica (ad esempio relativi alla qualità della gestione dell impresa debitrice). Il rischio di credito può essere scomposto in due fattori principali. La probabilità di default e la percentuale di non ripagamento in caso di default. Come gli studenti hanno visto in altri Corsi, la valutazione del rischio di credito è complessa. In questa sede ci limitiamo a ricordare, per questa come per le altre tipologie di rischio, la differenza esistente tra una piena misura teorica e misurazioni empiriche. Trattandosi di contratti i cui effetti si traslano nel futuro, essi sono soggetti all incertezza sistemica ed idiosincratica per cui non esiste quell insieme completo di informazioni che sarebbe necessario per il calcolo oggettivo dei fattori del rischio di credito. Informazioni più esaurienti sono invece disponibili per il passato. Da qui lo sviluppo di metodi statistici di stima di quei fattori. Al di là dei limiti intrinseci delle varie metodologie statistiche e dei dati quantitativi disponibili, si tratta di stime operate su un esperienza passata che può differire, anche sostanzialmente, dalla dinamica futura. Più il sistema produce cambiamenti, quantitativi e qualitativi, rispetto al passato, meno queste misure empiriche sono di guida sicura per il futuro. Ciò non elimina la necessità di ricorrere a quelle stime; occorre però che gli operatori siano consapevoli dei loro limiti. Rischio di controparte Tradizionalmente il rischio di controparte è riferito a operazioni di trading nella quali è caratteristico uno sfasamento temporale negli adempimenti delle due parti. Una delle due parti può risultare inadempiente al momento dell esecuzione del contratto. Riportiamo la definizione data dalla Banca d Italia, che tiene conto di esposizioni assunte mediante strumenti derivati. Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 3

4 Il rischio di controparte è il rischio che la controparte di una transazione avente a oggetto determinati strumenti finanziari risulti inadempiente prima del regolamento della transazione stessa. Il rischio di controparte grava su alcune tipologie di transazioni, specificamente individuate, le quali presentano le seguenti caratteristiche: 1) generano una esposizione pari al loro fair value positivo; 2) hanno un valore di mercato che evolve nel tempo in funzione delle variabili di mercato sottostanti; 3) generano uno scambio di pagamenti oppure lo scambio di strumenti finanziari o merci contro pagamenti. Si tratta di una particolare fattispecie del rischio di credito, che genera una perdita se le transazioni poste in essere con una determinata controparte hanno un valore positivo al momento dell insolvenza. A differenza del rischio di credito generato da un finanziamento, dove la probabilità di perdita è unilaterale, in quanto essa è in capo alla sola banca erogante, il rischio di controparte crea, di regola, un rischio di perdita di tipo bilaterale. Infatti, il valore di mercato della transazione può essere positivo o negativo per entrambe le controparti. Per i contraenti il rischio di controparte può venire ridotto in presenza di una organizzazione (in genere un mercato o una clearing house) con buon merito di credito che agisca come intermediario e che a fronte di un limitato compenso assuma in proprio quel rischio. Ovviamente nell aggregato il rischio non scompare, viene solo traslato ad un diverso soggetto. Rischio operativo È un rischio presente in qualsiasi impresa, legato alla variabilità dei suoi risultati. In campo finanziario (intendendo con ciò anche la gestione finanziaria di imprese non finanziarie) esso assume però caratteri specifici. In primo luogo, come meglio vedremo parlando delle crisi finanziarie, la volatilità dei mercati finanziari può divenire estrema in alcuni periodi, sottoponendo ad enormi stress i conti di molti intermediari. In secondo luogo, a differenza dell operatività tipica dell attività di produzione, quella finanziaria può velocemente spostare ingenti capitali tra usi diversi perché non soggetta a elevati costi di uscita (sunk costs), ovvero perché gode di costi di transazione assai limitati. Se ciò permette pronti e poco costosi aggiustamenti di portafoglio, permette anche cambiamenti repentini del profilo di rischio non sempre ben valutati o in alcuni casi non voluti. Una fattispecie di questi ultimi è il rischio di frode (vedi il recente caso del trader di UBS). Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 4

5 Rischio di mercato Il rischio di mercato deriva dal detenere attivi il cui prezzo è determinato nei mercati nei quali sono scambiati. A seconda del tipo di attivo, si parla di: rischio d interesse, per titoli obbligazionari il cui valore è inversamente relazionato ai tassi d interesse di mercato; rischio azionario, per le azioni il cui valore fluttua in relazione a fattori macro e microeconomici; rischio di cambio, quando si ha una posizione (attiva e/o debitoria) in valuta estera. Rischio di liquidità La liquidità assume connotazioni complesse, derivanti dalle specifiche caratteristiche degli strumenti finanziari, da quelle dei mercati nei quali sono scambiati e da come le diverse attività e passività finanziarie strutturano l operatività degli intermediari. Sgombriamo il campo da possibili fraintendimenti. L abbandono di un attivo liquido per eccellenza, la moneta legale, a favore di una qualsiasi attività finanziaria è ovviamente fonte di tutti i rischi finanziari. Per rischio di liquidità non si intende il complesso di rischi derivanti dall abbandono della liquidità. Si intende, più limitatamente, il rischio derivante da assumere una posizione più o meno liquida, come definita di seguito, indipendentemente dagli altri tipi di rischio che possono essere associati. Iniziamo con una definizione riferita ad uno strumento: il grado di liquidità di un attivo finanziario equivale alla probabilità di convertirlo in un certo ammontare di valore (contante) entro un determinato periodo di tempo. Le dimensioni della liquidità sono quindi: valore, tempo e probabilità. Confrontiamo ad esempio un deposito bancario a vista con un titolo obbligazionario scambiato in un mercato secondario, non considerando gli altri tipi di rischio che possono essere associati ai due strumenti. Il deposito bancario è prontamente liquidabile o trasferibile a valore certo, cioè al suo valore nominale; con costi di transazione trascurabili, il valore netto di realizzo equivale sostanzialmente al valore nominale. Da qui la denominazione dei depositi bancari come quasi moneta. Un titolo Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 5

6 non è utilizzabile negli scambi al dettaglio, è liquidabile nel mercato secondario con costi di transazione significativi e ad un valore di realizzo incerto. Come vedremo tra breve, i prezzi nei mercati secondari possono muoversi indipendentemente dal variare degli altri tipi di rischio. La dimensione temporale è ora importante: data la variabilità del prezzo nel mercato secondario, la probabilità di ottenere il valore massimo, o quello desiderato, aumenta col tempo disponibile per la sua liquidazione. Mentre il deposito bancario è quasi perfettamente liquido, il grado di liquidità del titolo è inferiore e dipende dai costi di transazione e dalla variabilità del suo prezzo nel mercato secondario. Altro esempio: i prestiti bancari non hanno mercati secondari (non consideriamo qui i processi di cartolarizzazione), per cui il grado di liquidità di un prestito si relaziona alla sua durata. Quindi il grado di liquidità dipende da un lato dalle caratteristiche specifiche degli strumenti finanziari e dall altro lato dall esistenza e dalle caratteristiche di mercati secondari. L esistenza di mercati secondari organizzati permette di ridurre i costi di transazione, i tempi di liquidazione e di rendere meno casuale la fissazione del prezzo. Non sempre esistono mercati secondari organizzati e non tutti permettono scambi fluidi. Se consideriamo un immobile, sappiamo che il suo costo di transazione, specie la provvigione per l agenzia immobiliare, incide significativamente sul valore netto e che il prezzo dipende fortemente dal tempo di attesa, che può raggiungere molti mesi. Il mercato immobiliare è quindi scarsamente liquido, in gran parte a causa dell eterogeneità dei beni scambiati. La standardizzazione di attivi reali e finanziari è, infatti, un requisito indispensabile per l esistenza di mercati secondari liquidi. Strumenti finanziari non standardizzati sono i cosiddetti strumenti over the counter (OTC); essi hanno il vantaggio di poter essere configurati con le caratteristiche specifiche richieste dalla controparte, ma proprio per questo non hanno mercati secondari e sono sostanzialmente illiquidi. Veniamo quindi alle caratteristiche specifiche che conferiscono liquidità ai mercati. Questa è definita come la possibilità di operare transazioni rapidamente, con bassi costi e con impatto nullo sul prezzo. Quindi un importante connotato della certezza del valore nei mercati secondari è che l operazione di acquisto o di vendita non deve influenzare il prezzo dell attività. La liquidità dei mercati ha quattro dimensioni. Il grado Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 6

7 di tensione (tightness), misurato dalla differenza tra prezzo di acquisto e di vendita (bid-ask spread); minore è lo spread, maggiore è la liquidità. Lo spessore (depth), ovvero l ammontare delle transazioni che possono essere assorbite senza influenzare il prezzo. L immediatezza (immediacy), ovvero la velocità di esecuzione degli ordini. La resilienza (resiliency), ovvero quanto prontamente i prezzi tornano al livello antecedente al verificarsi di uno squilibrio negli ordini. Ovviamente, l andamento e la volatilità dei prezzi nei mercati secondari dipendono non solo dalle caratteristiche appena viste, ma anche dal flusso di informazioni capaci di indurre la maggior parte degli operatori a rivedere la valutazione attuale dei titoli. Si può trattare di informazioni specifiche sulla qualità dell emittente e/o di informazioni su andamenti macroeconomici capaci di influenzarne redditività e solvibilità. Questo flusso complesso di informazioni può quindi influenzare sia il prezzo di un attivo rispetto agli altri, sia il livello generale di una o più tipologie di strumenti. Il flusso di informazioni capaci di mutare prontamente aspettative e valutazioni è ormai ingente e continuo, e la sensibilità dei prezzi si è accentuata per l accresciuta gestione attiva dei patrimoni. Da qui la distinzione tra il rischio di mercato (market risk) che, come si è visto, è relativo ai rischi d interesse, azionario e di cambio; il rischio di credito, che varia al variare del merito di credito dell emittente; e il rischio di liquidità del mercato (market liquidity risk) relativo alle caratteristiche di liquidità dello strumento e del suo mercato secondario. Una tipologia specifica di rischio di liquidità si ha includendo strumenti e mercati nelle problematiche di gestione di operatori e intermediari finanziari. Ma non di tutti. Chi acquisisce strumenti di mercato per mezzo di capitale, proprio o altrui, assoggetta quel capitale al rischio di mercato e di credito. È questo, ad esempio, il caso di un fondo comune d investimento, il valore delle cui quote è proporzionale al valore dell attivo; in caso di liquidazione di una quota essa è soggetta al complesso dei rischi prima esaminati. Diverso è il caso per chi acquisisce attivi ricorrendo anche all indebitamento; costoro sono soggetti ad un ulteriore rischio di liquidità, il rischio di liquidità sull indebitamento (funding liquidity risk), derivante dalla possibilità che il creditore non rinnovi il finanziamento alla scadenza, o non alle condizioni precedenti o comunque Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 7

8 non a quelle previste dal debitore. Un maggior costo di rifinanziamento può incidere fortemente sull equilibrio finanziario dell intermediario; l impossibilità di rifinanziare il debito in scadenza lo rende insolvente. Questo rischio è particolarmente severo quando il passivo è di breve termine, in quanto necessita frequenti rinnovi, a fronte di attivi con scadenza di medio-lungo termine. È questo il caso tipico in cui si trova una banca dato il suo passivo a vista e a breve termine a fronte di un attivo formato da titoli, ma ancor più da prestiti privi di mercato secondario e con scadenza più prolungata (trasformazione delle scadenze). Anche operatori non bancari, come gli hedge fund con leva, sono soggetti a questi rischi, specie quando la loro strategia d investimento è di lungo termine. Funding liquidity risk e market risk possono interagire, dando luogo a processi cumulativi che possono condurre a situazioni di insolvenza e di crisi generalizzate. Ad esempio, se una banca fa fronte ad un eventuale ritiro dei depositi liquidando parte dell attivo detenuto in strumenti di mercato, il valore di realizzo di quegli attivi può comportare perdite significative, tanto più se il mercato non è liquido e la vendita incide negativamente sui prezzi. La realizzazione di perdite può indurre un ulteriore ritiro dei depositi, e così via. In quest ottica il grado di capitalizzazione di una banca, quindi il suo leverage, e il grado di liquidità dell attivo e del passivo sono indicatori della forza con la quale essa può affrontare una illiquidità di tipo funding. Minore è la leva, minore in termini relativi l effetto sull attivo e minore l effetto sul conto economico di un eventuale aumento del costo di rifinanziamento. Maggiore è il grado di liquidità dell attivo, minori saranno le perdite derivanti dalla liquidazione. Minore il grado di liquidità del passivo, più diluito nel tempo, e quindi più facilmente gestibile, il suo rifinanziamento. Lo shock iniziale può partire dall attivo bancario, nella forma di una caduta del valore dei titoli o di un aumento dei crediti inesigibili. In quanto ciò peggiori il merito di credito della banca, un aumento del costo di rifinanziamento o, al limite, l impossibilità di rifinanziare il debito in scadenza, danno luogo al processo cumulativo dianzi descritto. Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 8

9 Attivi liquidi e capitalizzazione costituiscono di fatto ammortizzatori rispetto all operatività centrale di una banca, che dovrebbe essere quella tradizionale di erogare prestiti all economia. Se problemi di funding sono risolti con la liquidazione di parte degli attivi liquidi ed eventuali perdite sono assorbite dal capitale, la banca può non trasmettere lo shock del passivo all attività di finanziamento dell economia. In altri termini, la banca starebbe operando con una leva variabile, almeno nel breve-medio periodo. Più in generale, l interazione tra funding liquidity risk e market risk è più rilevante quando la leva è sostanzialmente fissa. Vediamo due esempi relativi all attività di trading. Il primo esempio è relativo a uno speculatore in titoli (trader) che opera sul mercato tramite un broker. Lo speculatore deposita presso il broker una somma (margine) il cui ammontare è legato non al valore dell investimento, ma alla variabilità del mercato in cui opera. In altri termini, il broker si cautela da eventuali perdite del cliente obbligandolo a depositare un margine commisurato alle perdite potenziali. Nella tavola 1 la situazione iniziale vede un margine percentuale del 10% che permette allo speculatore di acquisire un attivo pari a 100 versando un margine di 10, quindi con un moltiplicatore pari a 10. Siamo in presenza di un diverso tipo di leva rispetto a quella finanziaria; essendo relativa al tipo di operatività dello strumento è denominata instrument leverage. Se si verifica una perdita di valore dell attivo pari al 5% essa intacca il capitale versato, cioè il margine, che costituisce ora solo il 5,3% del nuovo valore dell attivo, con un moltiplicatore pari a 19. A questo punto il broker effettua un margin call, ossia chiede al cliente di ricostituire il margine o di liquidare parte dell attivo per tornare alla percentuale iniziale. La tavola 1 mostra il caso di un cliente che sceglie di liquidare parte dell attivo, per cui con un margine di 5 dovrà liquidare attività per 45 unità. La tavola 2 mostra invece il caso in cui lo speculatore vuole mantenere la posizione al nuovo valore di 95, per cui dovrà versare 4,5 di nuovo capitale sul suo conto presso il broker per riportare il margine al 10%. Se il broker interpreta la perdita da cui siamo partiti come un aumento della volatilità del mercato, chiederà una più elevata Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 9

10 percentuale del margine, poniamo del 20%. Nel caso della tavola 1 ciò significa liquidare ulteriore attivo per un ammontare pari a 25, portando così a 70 la smobilizzazione dell attivo che si è resa necessaria a seguito di una iniziale perdita di 5. Nel caso della tavola 2 ciò significa una nuova iniezione di capitale, portando a 14 quanto è necessario reintegrare a fronte di una perdita iniziale di 5. Tavola 1 Margine e smobilizzazione (unwinding) dell attivo Margine iniziale Perdita di valore Nuovo margine 10% 5% 20% Valore dell attivo (1) Margine (2) Margine % (3) Instrument leverage (4 = 1/2) Inizio 100,0 10,0 10,0 10,0 Dopo la perdita di valore 95,0 5,0 5,3 19,0 Dopo il margin call 50,0 5,0 10,0 10,0 Dopo l aumento del margine 25,0 (-70) 5,0 20,0 5,0 Tabella 2 - Ricostituzione del margine Margine iniziale Perdita di valore Nuovo margine 10% 5% 20% Valore dell attivo (1) Margine (2) Margine % (3) Instrument leverage (4 = 1/2) Inizio 100,0 10,0 10,0 10,0 Dopo la perdita di valore 95,0 5,0 5,3 19,0 Dopo il margin call 95,0 9,5 10,0 10,0 Dopo l aumento del margine 95,0 19,0 (+14) 20,0 5,0 In entrambi i casi la variazione iniziale del prezzo di mercato induce variazioni amplificate a causa del moltiplicatore con il quale opera lo speculatore. Il primo caso (quello della tavola 1) può condurre all interazione tra market e funding liquidity risk, quando l impossibilità di rifinanziare il margine o un costo eccessivo di quel rifinanziamento conducano a smobilizzare una quota consistente dell attivo. Quando ciò interessa molti, o pochi ma grandi, operatori si produce un ulteriore riduzione del prezzo di realizzo (si riduce la liquidità dei mercati), comportando così nuove perdite, e così via. Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 10

11 Il secondo esempio è relativo a un intermediario che acquisisce titoli usando la leva finanziaria e dando i titoli stessi in garanzia del prestito. La tavola 3 mostra il caso di una posizione iniziale costituita acquisendo 100 unità di un titolo dal valore unitario di 10. I titoli dati in garanzia hanno permesso una leva pari a 10 in quanto il finanziatore ha applicato un haircut del 10% sul loro valore di mercato per cautelarsi da eventuali perdite nella copertura del prestito. Come è per il margine nell esempio precedente, l haircut è commisurato alla stima della volatilità dei titoli in questione. Come è noto, la logica di operare con leva finanziaria è quella di massimizzare la redditività del capitale quando ci si attende che il rendimento derivabile dall operatività supererà il tasso di interesse sui prestiti. Vediamo cosa avviene se il prezzo dei titoli aumenta del 5%. Il nuovo valore dell attivo (1050) riduce la leva finanziaria da 10 a 7 e comporta un 50% di aumento del valore del capitale. Dato che conviene mantenersi alla massima leva permessa, l intermediario chiede un supplemento di prestiti di 450 con i quali acquisire ulteriori 42,9 unità di titoli (per semplicità l esempio comprende una sola categoria di titoli) e riportare a 10 la leva. Poniamo ora che il prezzo di mercato dei titoli torni al valore iniziale di 10. Il nuovo valore dell attivo comporta una perdita di 71 (quasi dimezzando il capitale), una leva di 18 e un haircut ridotto al 5,5%. A questo punto i meccanismi di risposta sono analoghi a quelli dell esempio precedente. Si può adeguare l attivo al nuovo valore del capitale o ricapitalizzare la posizione per tornare al valore iniziale dell attivo. Eventuali adeguamenti della percentuale di haircut alla volatilità produrrebbero, come nel caso dei margini, ulteriori amplificazioni nell adeguamento dell attivo o nella ricapitalizzazione. Tavola 3 Intermediario con prestiti garantiti dall attivo Attivo Passivo Valore unitario Valore totale di mercato attivo Haircut Prestiti Capitale 10 10X100= % ,5 10,5X100= % ,5 10,5X142,9= % = X142,9=1429 5,5% Alternative Adeguamento dell attivo Leva finanziaria 10X79=790 10% = Ricapitalizzazione 10X100= % = Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 11

12 L esempio della tavola 3 mostra anche l asimmetria nei risultati quando la ricerca del miglior risultato conduce a tenere la leva al valore massimo permesso. Mantenendo la leva a 10 dopo l aumento di prezzo si produce una secca perdita di capitale quando il prezzo torna al valore iniziale. Entrambi gli esempi mostrano cosa succede quando si ha una proporzionalità rigida tra capitalizzazione e attivo valutato ai prezzi di mercato. Essa impone pronti aggiustamenti che si riflettono necessariamente in perdite, smobilizzazioni dell attivo e/o ricapitalizzazioni. Si può da questi esempi valutare quanto sia cruciale anche la dimensione temporale. Una maggiore flessibilità negli aggiustamenti significa poter guadagnare tempo sia nella ricerca di nuovi fondi, sia nell attesa che i prezzi possano tornare su livelli più favorevoli. Rischio di cambio Al di là della residenza della controparte, posizioni caratterizzate da attivi e passivi denominati in valute diverse implicano l assunzione di un rischio di cambio. Vediamo alcuni esempi. Parte del debito di uno Stato è denominato in valuta estera, mentre le sue entrate (imposte) sono in valuta nazionale. Le entrate necessarie per servire la parte del debito denominata in valuta estera dipendono quindi anche dal tasso di cambio. Se la valuta nazionale si apprezza rispetto a quella in cui è denominato il debito, diminuisce l ammontare di valuta nazionale necessario per servire il debito estero; e viceversa. Si noti che il debito nazionale denominato in valuta estera può essere detenuto da residenti, che quindi assumono un rischio speculare a quello dello Stato. Se una famiglia accende un mutuo denominato in valuta estera il ragionamento è analogo al precedente. Se una famiglia acquista titoli pubblici denominati in valuta estera il rischio di cambio ricade sulla famiglia e non sullo Stato emittente. Una banca finanzia parte del suo attivo denominato in valuta locale acquisendo depositi in valuta estera. Si ha una posizione non bilanciata in valuta, per cui se la Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 12

13 valuta nazionale si deprezza si ha un aumento in valuta nazionale sia del debito, sia del costo del passivo. Una banca bilancia passivo e attivo in valuta estera prestando in questa valuta a residenti. Il rischio di cambio ricade sui debitori se questi hanno posizioni non coperte in valuta (ad esempio perché hanno redditi in valuta nazionale). Trasferendo il rischio di cambio ai debitori la banca aumenta però il suo rischio di credito nei loro confronti. Nel decidere se investire in titoli denominati in valuta estera occorre considerare due grandezze: la differenza di rendimento di titoli di pari rischiosità in due diverse valute e l andamento del tasso di cambio tra le stesse. Se ci si attende che il tasso di cambio resterà immutato fino alla scadenza del contratto, in mercati valutari perfetti i tassi d interesse nazionale ed estero a parità di rischiosità devono essere uguali. Se ci si attende che la valuta nazionale si apprezzerà, il rendimento in valuta estera deve superare quello in valuta nazionale di un ammontare tale da azzerare la perdita dovuta al nuovo tasso di cambio. E viceversa. Si parla quindi di parità coperta dei tassi d interesse quando: F (1) ( 1 ii ) (1 ie ) S dove i I è il tasso d interesse nella valuta nazionale, i E è il tasso d interesse in valuta estera, F è il tasso di cambio nel mercato forward e S il tasso di cambio a pronti (dove il tasso di cambio è qui definito come la quantità di valuta nazionale necessaria per acquisire una unità di valuta estera). Si parla di parità coperta in quanto in quelle condizioni è indifferente la valuta in cui investire in quanto il rischio di cambio è azzerato da un contratto di cambio forward. Se i valori effettivi dei tassi d interesse e dei cambi a pronti e a termine non conducono a quella uguaglianza c è spazio per operazioni di arbitraggio a rischio nullo. Se, ad esempio, il segno della precedente equazione fosse di maggiore, si avrebbe un profitto certo indebitandosi in valuta estera al tasso i E, cambiarla in valuta nazionale al tasso S, Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 13

14 investirla in titoli nazionali al tasso i I, entrando nel contempo in un contratto di cambio forward al tasso F. Se non si entra in un contratto di cambio forward, il rischio di cambio non è coperto e si assume una posizione speculativa. Un esempio di operazioni di questo tipo è il carry trade. Si tratta di un arbitraggio basato sul prendere a prestito in aree caratterizzate da bassi tassi d interesse e impiegare quei fondi in aree con rendimenti più elevati. Classico è stato il carry trade tra i bassi tassi d interesse del Giappone e i più elevati rendimenti ottenibili in altre aree (anche restando su titoli sicuri come i Treasury Bonds USA). La scommessa insita in queste operazioni riguarda l andamento dei tassi di cambio; il differenziale nominale di rendimento (es. 4% derivante da 1% in Giappone e 5% in USA, non considerando i costi di transazione) deve coprire eventuali variazioni del tasso di cambio a favore dello yen durante il periodo di investimento. Questo tipo di arbitraggio non conduce in genere ad eliminare il vantaggio comparato di investire in valuta estera in quanto il flusso di capitali in uscita tende ad indebolire il cambio della valuta nazionale. Ad esempio, se la vendita di yen per operazioni di carry trade compensa il forte avanzo in dollari delle partite correnti della BdP giapponese, lo Yen non si rivaluta e l arbitraggio, finché perdura questa condizione, risulta vincente. Come mostra l esempio riportato di seguito, eventi che incidano sul tasso di cambio in direzione sfavorevole portano a smontare le operazioni di carry trade e a produrre perdite per le posizioni esistenti. Da: IMF, International Capital Markets Report, 1998, p. 44 Box 2.9. The Asian Carry Trade International commercial and investment banks were heavily involved in dollar and yen carry trades in Asia. Dollar carry trades became popular beginning in 1992 and yen trades following the yen s peak against the dollar in Apri One technique was to borrow on the interbank market in dollars and yen, to convert the proceeds into local currency, and to on-lend on the local currency short-term interbank market. At the end of the loan period, principal and interest were converted back into dollars or yen. An alternative was for banks and other institutional investors to borrow in the dollar or yen short-term debt market (through, for example, a treasury term repo agreement), to convert the proceeds into local currency, and to hold a time deposit. A final technique was to utilize the money markets. International investors issued money market Materiale per il corso di Economia dei sistemi finanziari Parte I 14

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

Finanza. F. SERGIANI Aprile 2014. domenica 30 marzo 14

Finanza. F. SERGIANI Aprile 2014. domenica 30 marzo 14 Finanza F. SERGIANI Aprile 2014 COSA E LA FINANZA? FINANZA: definizione e la sua geografia Il sistema finanziario è l insieme di organismi, strumenti e tecniche che favoriscono il trasferimento di risorse

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014

Regolamento dei fondi interni Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 Data ultimo aggiornamento 06/11/2014 REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI 1 - Istituzione e denominazione del fondo La Società ha istituito e gestisce, secondo le modalità previste dal presente Regolamento, i

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 01/02/2010-01/02/2013 TF

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Iscritta

Dettagli

Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura.

Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura. Il mercato dei cambi: tassi di cambio, rischi di cambio e strumenti di copertura. Riassunto Oggi viviamo in un contesto economico e sociale caratterizzato da una totale globalizzazione dei mercati. Lo

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 20/09/2010 20/03/2013 TF

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli