LE MARTINGALE: ASPETTI TEORICI ED APPLICATIVI [The martingales: theoretical and empirical characteristics]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE MARTINGALE: ASPETTI TEORICI ED APPLICATIVI [The martingales: theoretical and empirical characteristics]"

Transcript

1 LE MARTINGALE: ASPETTI TEORICI ED APPLICATIVI [The maringales: heoreical and empirical characerisics] Fabrizio Erbea (Ceris-Cnr) e Luca Agnello Seembre 200 Absrac This paper offers an overview on he characerisics of maringales. These laer are markovian processes wihou underlying rend, in which he sochasic variable depends on is ulimae realisaion. Some applicaion fields are in sudies relaive o financial markes, and especially he derivaive securiies. Drawing from he heoreical and empirical lieraure, he main mahemaical characerisics are presened. In order o ransform processes wih increasing or decreasing rends ino maringales, he Doob-Meyer decomposiion and he change of probabiliy measure approaches can be adoped. Finally, four applicaions are considered wih regard o he pricing of fuures, call opions and socks. Keywords: Maringales, sochasic processes, calculus of probabiliy Jel Classificaion: G2, G3, D8 Desidero ringraziare Silvana Zelli e Maria Ziino per la loro cosane e preziosa collaborazione ecnica nella predisposizione di queso paper.

2 WORKING PAPER CERIS-CNR Anno 3, N Auorizzazione del ribunale di Torino N. 268 del 28 marzo 977 Direore Responsabile Secondo Rolfo Direzione e Redazione Ceris-Cnr Via Avogadro, 8 02 Torino, Ialy Tel Fax Segreeria di redazione Maria Ziino Disribuzione Spedizione grauia Foocomposizione e impaginazione In proprio Sampa In proprio Finio di sampare nel mese di oobre 200 Copyrigh 200 by Ceris-Cnr All righs reserved. Pars of his paper may be reproduced wih he permission of he auhor(s) and quoing he source. Privae ediion

3 INDICE. Inroduzione Concei fondamenali nella eoria delle maringale Definizione di misura di probabilià e valore aeso condizionale Le maringale Trasformazione di submaringale in maringale Applicazioni della eoria delle maringale in Finanza Applicazione : fuures pricing Applicazione 2: Approccio socasico per la valuazione di una azione: quali condizioni per la definizione di un processo maringala? Applicazione 3: scomposizione di Dobb-Meyer applicaa alla valuazione di una call opion Applicazione 4: uilizzo delle misure equivaleni di probabilià nella valuazione delle aivià finanziarie Conclusioni...28 Appendice A: Dimosrazione del eorema di Doob-Meyer...29 Bibliografia...3

4 . Inroduzione Il presene lavoro si compone di due pari. La prima cosiuisce una rassegna a caraere eorico, vola ad illusrare i concei fondamenali della eoria delle maringale e di fornire una adeguaa conoscenza di ui gli srumeni e di ue le proprieà che orneranno uili, nel proseguo del lavoro, ai fini di una più facile comprensione delle modalià araverso le quali sono raggiuni deerminai risulai. La seconda pare, come verrà uleriormene chiario in seguio, mira a porre in risalo la vasa applicabilià della eoria delle maringale per la rappresenazione delle problemaiche di ordine finanziario. A queso scopo verranno presenae alcune applicazioni relaive al pricing di alcuni srumeni derivai (fuures e call opions) e dei ioli soosani. Nel complesso si cercherà di verificare fino a che puno l uso delle maringale sia compaibile, in ermini di congruenza, con le logiche soosani il funzionameno dei mercai finanziari ed inolre si illusreranno le ecniche, uilizzae dalle moderne meodiche in maeria di asse pricing, di rasformazione dei processi socasici in maringale laddove ale rasformazione permee agli analisi finanziari una più facile raazione delle problemaiche finanziarie. 2. Concei fondamenali nella eoria delle maringale 2.. Definizione di misura di probabilià e valore aeso condizionale Prima di procedere alla descrizione eorica di una maringala occorre inrodurre brevemene alcuni imporani concei preliminari. La sruura dell analisi probabilisica procede araverso la definizione di paricolari funzioni che associano a eveni semplici, denominai w, con w Î W (deo spazio degli eveni, il quale comprende ui i possibili esii relaivi ad un esperimeno o prova), valori P w, che rappresenano delle misure di probabilià (Billingsley, 979; Lindley, 965). Su ali eveni è possibile definire operazioni logiche come inersezione, unione negazione e complemeno, ali da generare eveni più complessi soggei a misurazione probabilisica. Sulla base di quesa imposazione discende la definizione di s-algebra (Galeoi, 984; Dall Aglio, 987). 7

5 Definizione 2.. Una classe Á di sooinsiemi definia su uno spazio W è dea s-algebra se, daa una successione infinia di eveni {A i } con A i Î Á e i=, 2,, si ha che: i. dai due insiemi A k e A j enrambi appareneni ad Á, con k¹j allora A k È A j Î Á; ii. dao A j Î Á, anche A j Î Á iii. U i = A i Î Á Una s-algebra olre a godere della addiivià infinia (o s-addiivià) è anche finiamene addiiva, ovvero, chiusa rispeo ad un insieme infinio di eveni. Sugli spazi di eveni così definii, vengono assegnae delle misure di probabilià che rappresenano la verosimiglianza del loro verificarsi. Inolre il loro ordinameno emporale viene modellizzao secondo la logica della filrazione. Le segueni definizioni di misura di probabilià e di filrazione emporale sono conenue in Billingsley (979), De Finei (970), Breiman (992), Loève(978). Definizione 2..2 Sia W lo spazio dei risulai possibili e Á una s-algebra di sooinsiemi di W, allora si dice misura di probabilià una qualsiasi funzione P definia su Á, ale che: i. se A Î Á Þ P(A) ³ 0; ii. P(W) =, con W Î Á; P i i å = i= iii. se A, A 2,, A n, Î Á con A i Ç A j = Æ per ogni i¹j, Þ ( A ) = P( A ) La ripla {W, Á, P} è dea spazio misurabile o spazio di probabilià. U i Definizione 2..3 Una filrazione dello spazio di probabilià {W, Á, P} è una famiglia di s-algebre {Á }, con 0 T, ale che: iv. dao 0 s T si ha che Á s Ì Á, per ogni s, ; v. dao 0 T si ha che Á = Ç u³ Á u., per ogni u,. Una filrazione può essere inerpreaa come una successione crescene di informazioni a disposizione del decision-maker nei vari isani, con Î [0,T]. Una Se A k Î F e A j Î F con k ¹ j allora (A k Ç A j ) Î F infai per la formula di De Morgan si ha che: Ak A ) A A. È = Ç ( j k j 8

6 variabile aleaoria si dice Á - misurabile se è compleamene definia e quindi noa, dao il se informaivo al empo, Á. Come noo, la probabilià condizionale di un eveno A rispeo un alro eveno B è definia come: P( A B) = Ç P( A B) P( B) [] Analogamene si definisce il valore aeso condizionale della variabile aleaoria rispeo alla s-algebra Á, E( Á). Il valore aeso condizionale gode di alcune imporani proprieà: a) E[E( Á)] = E[], la quale riflee la ben noa legge saisica secondo la quale la media campionaria è uno simaore non disoro del valore medio della popolazione; b) se è Á-misurabile allora E[ Á] = x, dove rappresena la variabile aleaoria menre x rappresena la realizzazione osservaa sulla base delle informazioni conenue nella s-algebra Á c) E[(a a 2 2) Á] = a E[ Á] a 2 E[ 2 Á], proprieà di linearià; d) se ³0 allora E[ Á]³0, proprieà di posiivià; e) se F: R R è una funzione convessa e se E[F()]<, allora: E[F() Á] ³ FE[ Á], la quale rappresena la disuguaglianza di Jensen applicaa alla proprieà condizionale; f) se  è una s-algebra conenua in Á allora E[E( Á) Â] = E[ Â], Quesa proprieà è dea ower propery e cosiuisce una condizione di sufficienza assai uilizzaa nella eoria delle decisioni. Infai essa consene di sfruare s- algebre con meno informazioni per oenere simaori, comunque, non disori. g) se Z è Á- misurabile allora E[Z Á] = ZE( Á), infai Z è noo sulla base delle informazioni conenue in Á Le maringale I dai di naura finanziaria sono ipicamene sruurai come serie soriche. Tali serie saisiche possono essere inese come una successione di osservazioni che si sviluppano logicamene secondo una dimensione emporale. La principale difficolà 9

7 connessa con la gesione di queso ipo di dai consise nella correlazione ra le osservazioni rilevae in diversi srai di empo. In un oica probabilisica, una serie sorica deve essere inerpreaa come una paricolare realizzazione (o raieoria) di un processo socasico, idealizzabile come una sequenza di variabili aleaorie S i, con i Î [0, T], la cui disribuzione risula generalmene ignoa (Piccolo e Viale, 984; Parzen, 962). Una maringala rappresena un paricolare processo socasico frequenemene uilizzao nella modellizzazione delle dinamiche finanziarie (Musiela e Rukowski, 997). Definizione 2.2. Sia {S } una sequenza di variabili casuali su uno spazio di probabilià {W, Á, P}, e {Á } una sequenza di s-algebre. La sequenza {(S,Á ): =,2,.} è una maringala rispeo a {Á } se valgono le segueni condizioni: i. Á Ì Á ; ii. S è Á -misurabile; iii. E[ S ]< ; iv. E[S Á ] = S, quasi ceramene, con S noo. La legge di dipendenza ra le variabili aleaorie che definiscono queso processo è caraerizzaa dal fao che il valore aeso di S, dae le realizzazioni delle variabili aleaorie nei empi precedeni, dipende solo dal valore assuno dalla variabile consideraa nel periodo immediaamene precedene. La condizione (i) è dea proprieà di monoonicià. Essa afferma che {Á } è una sequenza crescene di s-algebre. Inuiivamene, ale fao implica che l ammonare di informazioni conenue nelle s-algebre cresce al crescere di. La condizione (ii) è dea proprieà di misurabilià. Essa afferma che, per ogni n, S è conosciua dae le informazioni conenue in Á. La condizione (iii) è dea proprieà di inegrabilià. Essa afferma che il valore aeso del modulo di S, per ogni, esise finio. La condizione (iv) è dea proprieà di maringala. Essa afferma che la miglior previsione relaiva ad un valore fuuro non ancora osservao è daa esaamene dall ulima osservazione realizzaa. Le maringale possono dunque essere inerpreai come processi markoviani. Analogamene alle maringale vengono definie le sub-maringale e le supermaringale. 0

8 Definizione Siano {S } una sequenza di variabili casuali su uno spazio di probabilià {W, Á, P}, e {Á } una sequenza di s-algebre. La sequenza {(S,Á ):=,2,.} è una submaringala rispeo a {Á } se valgono le segueni condizioni: i. Á Ì Á ; ii. S è Á -misurabile; iii. E[ S ]< ; iv. E[S Á ] ³ S, quasi ceramene, con S noo. Definizione Siano {S } una sequenza di variabili casuali su uno spazio di probabilià {W, Á, P}, e {Á } una sequenza di s-algebre. La sequenza {(S, Á ):=,2,.} è una supermaringala rispeo a {Á } se valgono le segueni condizioni: i. Á Ì Á ; ii. S è Á -misurabile; iii. E[ S ]< ; iv. E[S Á ] S, quasi ceramene con S noo. Sulla base di quese definizioni si deduce che un processo socasico si compora come una maringala se la sua raieoria non mosra uno specifico rend soosane, ovvero se le direzioni assune dai movimeni fuuri sono, in media, uguali ai valori osservai all isane auale (Nefci, 996; Williams, 99; Resnick, 999). Qualora le raieorie di un processo individuino rend di lungo periodo, allora il processo non si porebbe configurare come una maringala. Supponendo che {S } sia una maringala e considerando la previsione, faa al empo, relaiva ad una variazione del processo su un inervallo di empo di lunghezza D, con D >0, si ha che: E[ S S Á ] = E[ S Á ] - E[ S Á ] D - D [2] da cui segue che: E[ S - S Á ] = 0 D [3] ovvero l incremeno della variabile aleaoria è, in media, nulla. Queso induce a rienere che la maringala è un processo sazionario. Diversamene, un processo in media crescene si definisce submaringala, menre un processo in media decresce è chiamao supermaringala, fae salve le resani condizioni.

9 2.3. Trasformazione di submaringale in maringale Spesso i processi che si definiscono nella realà non sono maringale, nel senso che i movimeni fuuri non sono compleamene imprevedibili, ovvero le variazioni medie non sono pari a zero, dae le informazioni correni. I prezzi delle aivià finanziarie si comporano, infai, come delle supermaringale, o ancora più frequenemene come delle submaringale. Esise, uavia, una connessione ra le maringale e le submaringale, araverso la quale è possibile converire le seconde nelle prime. Un primo meodo di rasformazione è quello che sfrua la cosiddea scomposizione di Doob-Meyer. Un secondo meodo prevede, invece, l uilizzo delle misure equivaleni di probabilià. In queso coneso assume rilevanza il cosiddeo eorema di Girsanov (Nefci, 996; Hull, 989; Kingman e Taylor, 966). Nel seguio verranno raai enrambi gli srumeni meodologici. Approccio direo: eorema di Doob-Meyer Prima di presenare il eorema della scomposizione di submaringale, è opporuno definire cosa si inende per processo prevedibile e processo crescene. Definizione 2.3.: dao un processo {A } ed una successione {Á }di s-algebre, con ³0, si dice che {A } è prevedibile se A 0 Î Á 0, e, per ogni ³ 0, si ha che A Î Á. Un processo {A }, con ³ 0, è deo crescene se {A } è prevedibile e quasi ceramene vale che 0=A 0 A A 2.. A.. Teorema 2.3. (di scomposizione di Doob-Meyer): qualsiasi submaringala {(, Á )}, ³0, può essere scria, in un unico modo, come la somma di una maringala {(S, Á )}, ³ 0, e di un processo crescene {A, ³ 0}, ovvero si ha che: = S A, ³ 0. Le dimosrazioni dell esisenza ed unicià della scomposizione sono conenue nell appendice A (Nefci, 996). Con il eorema di Doob-Meyer è possibile scomporre, in maniera univoca, una submaringala in una maringala più un elemeno residuo che è rappresenao da un processo crescene. In sinesi, ale eorema afferma che soraendo da una submaringala in media crescene { } un processo a raieoria crescene {A }, le deviazioni rispeo al rend assumono un comporameno assoluamene irregolare. Queso processo 2

10 rasformao {S } è proprio una maringala. Con la ecnica di scomposizione di Doob- Meyer si evidenzia, dunque, come sia possibile rasformare direamene una submaringala in modo da oenere una maringala. Trasformazione della misura di probabilià e eorema di Girsanov Un alro meodo di conversione di submaringale in maringale si fonda sulla rasformazione della disribuzione di probabilià che governa un processo a raieorie cresceni. In praica, dao un processo {e -rd S D}, con D>0, definio come valore auale in del prezzo di un iolo azionario al empo D, ad un asso di aualizzazione riskfree, e secondo un regime di capializzazione composa, si ha che: P -rd E [ e SD ] > S [4] ovvero, sulla base della effeiva disribuzione di probabilià P, il processo {e -rd S D} è una submaringala 2. In queso caso, è possibile cercare una nuova disribuzione di probabilià P ~ soosane il processo, ale per cui valga la relazione di uguaglianza: P r E ~ ' - D [e S D ] = S [5] ovvero {e -rd S D} diveni una maringala, manenendo il asso risk-free come asso di aualizzazione. Le disribuzioni di probabilià araverso le quali è possibile rasformare processi che non sono maringale in maringale vengono dee misure equivaleni di probabilià 3 (Nefci, 996). Le condizioni generali che permeono la rasformazione delle misure probabilisiche sono definie nel eorema di Girsanov. Prima di passare alla presenazione formale del eorema è, però, opporuno inrodurre brevemene la problemaica della rasformazione di misura di probabilià araverso il caso di una variabile aleaoria disribuia normalmene ed in seguio definendo il conceo di derivaa di Radon-Nikodym. come derivaa di una misura di probabilià rispeo un alra (Nefci, 996; Ellio, 982; Karazas e Shreve, 988). 2 3 Tale comporameno discende dal fao che il asso risk-free non scona il premio al rischio che grava sui ioli azionari. Per avere una eguaglianza occorrerebbe sosiuire il asso r con un asso specifico relaivo ad ogni signola impresa, opporunamene correo con l elemeno rischio (Hull, 989). Le probabilià così rasformae sono dee equivaleni perché assegnano probabilià posiive agli sessi domini. Sebbene le misure di probabilià siano differeni, è sempre possibile, ramie appropriae rasformazioni converire una nell alra (Nefci, 996). 3

11 Fissao un empo, si consideri una variabile aleaoria Z disribuia secondo una normale sandard Z ~ N(0, ). La misura di probabilià implicia assegnaa ad una possibile realizzazione z è indicaa come differenziale della funzione P, inesa come cumulaa, ovvero: dp( z ) = 2 p Si definisca, quindi, la funzione e -/ 2( z 2 ) dz [6] z m = x( z ) e -/2 2 m [7] Moliplicando la funzione x(z ) per la misura di probabilià definia da dp(z ), si oiene una nuova misura di probabilià indicaa dalla seguene espressione: [ dp(z )][ (z )] e / / 2-2(z ) mz - 2m x = dz. 2p [8] Indicando con [dp(z )]*[x(z )] la nuova misura di probabilià dp ~ ( z ), si ha che: d P ~ ( z ) = 2 p e 2 - / 2 ( z - m ) dz [9] Si può osservare come P ~ ( z ) rappreseni ora una nuova misura implicia di probabilià esraa da una disribuzione normale con media m e varianza uniaria. Pur rimanendo invariaa la dispersione della variabile aleaoria inorno alla media, le due misure di probabilià sono diverse, dal momeno che le medie su cui sono cenrae non coincidono ed inolre esse assegnano valori di probabilià differeni agli sessi inervalli sull asse z. Occorre, inolre, osservare che la rasformazione di misura che coinvolge P(z ) è reversibile, infai si ha che: dp ~ - x( z ) (z ) dp(z ) = [0] Qualora ci si riferisca al caso di una sola variabile aleaoria disribuia normalmene con media m e varianza s 2, si può espliciare la forma assuna dalla funzione x(z ), nel modo seguene: x 2 z m m s 2s ( z ) = e [] 4

12 Il medesimo procedimeno può essere applicao se, anziché una unica variabile aleaoria, si ha un veore di variabili casuali disribuie normalmene. In queso caso occorre, nauralmene, fare riferimeno all espressione della normale mulivariaa. Una vola definia la marice di varianza e covarianza è possibile oenere una funzione x(z,z 2,, z n ) ale da permeere la rasformazione di misura: dp ~ ( z,...zn ) = x( z,...,z n )dp( z,...,z n ) [2] Una vola definie dp(z ) e dp ~ ( z ) come due misure equivaleni da assegnare agli elemeni di una s-algebra Á, è possibile inrodurre il eorema di Radon-Nikodym. Teorema (di Radon-Nikodym): Dae due misure v e m, se v è assoluamene coninua 4 rispeo a m, allora esise una funzione non negaiva ed Á-misurabile ale che, per ogni AÎÁ, si ha: ossia =dv/dm. v( A) =ò A dm Nell ambio della problemaica delle misure equivaleni, la derivaa di Radom- Nikodym è proprio la funzione x(z ), infai essa può essere visa come rapporo ra due misure: dp ~ ( z ) / dp(z ) = x( z ). [3] Affinché la funzione x(z ) esisa è necessario che il denominaore del rapporo sia diverso da zero. La rasformazione inversa implica, inolre, che anche il numeraore sia diverso da zero. Sia il numeraore che il denominaore sono misure probabilisiche assegnae ad inervalli infiniesimali dz. Si ha quindi la seguene proposizione. Proposizione 2.3.: Condizione necessaria e sufficiene affinché la derivaa di Radon- Nikodym esisa è che, quando P ~ assegna una probabilià non nulla a dz, anche la funzione P deve assegnare allo sesso inervallo una misura probabilisica diversa da zero: P ~ (z) > 0 ÛP(z )>0 4 Dae due misure v e m su Á, v si dice assoluamene coninua rispeo a m quando, per ogni AÎÁ, se m(a) = 0 allora v(a)=0. 5

13 Quando quesa condizione risula soddisfaa allora la funzione x(z ) esise e può essere uilizzaa per passare da d P ~ a dp e viceversa. In queso caso le due misure sono dee misure equivaleni di probabilià. A queso proposio, il eorema di Girsanov fornisce le condizioni di esisenza della derivaa di Radon-Nikodym nel caso di processi socasici coninui. Per inrodurre il eorema nella sua forma più generale, occorre preliminarmene definire alcuni elemeni (Nefci, 996; Karazas e Shreve, 988). Sia daa una famiglia di s-algebre {Á } con Î [0,T] e T finio. Su ale inervallo sia definio un processo {x }, espresso nella forma seguene: x = e æ ç è 0 ò u dw u - / 2 0 ò 2 u du ö ø [4] dove { } è un processo che assume valori noi quano ci si rova in, ovvero è Á - misurabile, menre {W } è un processo di Wiener 5 con disribuzione di probabilià P Valga, inolre, la seguene condizione ecnica di limiaezza, o condizione di Novikov: é ò 0 Eêe ë 2 u du ù ú < û [5] Essa implica che non deve crescere o decrescere roppo velocemene nel empo. Teorema (di Girsanov): Se il processo {x } è una maringala rispeo a {Á }, allora esise un processo definio come: ~ W = W - ò 0 u du il quale gode delle proprieà del processo di Wiener e che ha misura di probabilià daa da: ~ P ( A) = E P [ A x T ] 5 Un processo di Wiener, o moo browniano, è un processo socasico { }, ³ 0, che gode delle segueni proprieà: 0 =0; { }, ³ 0, ha incremeni sazionari ed indipendeni; per ogni > 0, è disribuio secondo una normale di media 0 e varianza s 2. Quando s =, si ha un moo browniano sandard. Dal momeno che la media di un processo di Wiener è nulla, esso si presena come un processo a raieorie irregolari. 6

14 in cui A è un eveno apparenene a {Á } e A è una funzione indicarice dell eveno A (Kopp, 984). Queso complesso eorema implica che moliplicando la misura di probabilià P che governa il processo {W } per la funzione x, ramie l operazione di valore aeso, si oiene una nuova disribuzione di probabilià P ~, soosane il processo { W ~ }. La relazione ra i due processi è definia nel eorema. In ermini differenziali si ha che : ~ dw = dw - d [6] In quesa espressione il passaggio da un processo all alro è oenuo soraendo da W un rend variabile nel empo. La rasformazione della misura di probabilià ale da modificare la media, lasciando inaleraa la varianza e i valori assuni dalla variabile aleaoria è quindi un processo dipendene dal empo che si svolge isane per isane. In ogni isane varia l elemeno endenziale da considerare per effeuare ale rasformazione. La funzione indicarice A assume valore uniario se si verifica l eveno A, assume il valore zero alrimeni. Il valore aeso può essere riscrio soo forma di inegrale dal momeno che si opera in un coneso coninuo: ò P~ ( A ) = x dp A [7] e differenziando si ha: dp ~ = x dp [8] da cui si può verificare come il eorema di Girsanov sia consisene con la descrizione della funzione x come rapporo di due misure di probabilià equivaleni. 3. Applicazioni della eoria delle maringale in Finanza In quesa pare del lavoro verranno presenai alcuni casi esemplificaivi dai quali emerge la grande adaabilià dei concei legai alla eoria delle maringale alle problemaiche di ordine finanziario. Si soffermerà l aenzione soprauo sull opporunià di ricorrere all uso delle maringale per rappresenare i processi di formazione dei prezzi sia degli srumeni derivai che dei ioli soosani con 7

15 l obbieivo di verificare fino a che puno ale modellisica si manenga coerene col funzionameno dei mercai finanziari e con la sruura dei comporameni degli ageni economici (Lamberon e Lapeyre, 996). 3.. Applicazione : fuures pricing Nell applicazione di seguio riporaa si cerca di dimosrare come soo cere condizioni i prezzi dei fuures cosiuiscano una maringala (Duffie, 989; Samuelson, 965). Sia,,, una sequenza emporale di prezzi (spo prices) di un qualche bene rispeo al quale si può pensare di sruurare un conrao fuure. rappresena il prezzo correne menre denoa il prezzo che prevarrà dopo unià di empo da oggi. Si assuma che gli ageni economici conoscano ano il prezzo auale quano quelli passai (cioè le diverse realizzazioni del processo). In ermini probabilisici si raa di rienere che gli ageni economici abbiano a disposizione ue le possibili informazioni generae dal processo. Richiamare la definizione di maringala, ed in paricolare la proprieà di monoonicià, significa concreamene supporre che l informazione disponibile si accresce nel empo secondo un processo noo come di learning wihou forgeing (Samuelson, 965). Se si indica con Á la s-algebra che coniene ue le informazioni circa l andameno dei prezzi fino al empo, per quano deo, si avrà che: Á -k Ì Ì Á - Ì Á [9] Paricolarmene ineressane appare definire, olre che il suo conenuo probabilisico, il significao economico di Á (Vaciago e Verga, 994; Fama, 970). A al proposio pare opporuno ricordare la classificazione, effeuaa da Fama (970), circa i diversi livelli di efficienza informaiva dei mercai finanziari. In generale si parla di efficienza informaiva quando in ogni momeno i prezzi dei ioli rifleono pienamene ed in modo correo ue le informazioni disponibili. In paricolare Fama disingue ra: - efficienza debole, se i prezzi rifleono solo le informazioni che si possono esrarre dall andameno passao dei prezzi, - efficienza semi-fore, se i prezzi rifleono anche le informazioni disponibili a ui; - efficienza fore, se i prezzi incorporano pure le informazioni disponibili a pochi (insiders); 8

16 Il modello in quesione, coerenemene con i risulai delle verifiche empiriche vole a consaare i livelli di efficienza dei mercai finanziari, assume che {Á } conenga informazioni in forma debole che garaniscano la misurabilià di { } (Fama, 970). Il prezzo di un fuures è deerminao dalle leggi della domanda e dell offera come ogni alro prezzo. Si indichi con Y(, ) la quoazione del fuures al empo specificando con l insieme delle unià di empo che inercorrono ra il momeno dell acquiso del fuures e la daa di consegna. Col rascorrere del empo si avrà una successione di prezzi fuures: Y(, ), Y(-, ) Y(-n, n).y(, -) [20] Se si assume (Samuelson, 965; Muh, 96) che il prezzo fuures si muoverà verso l alo o verso il basso solo se muano le aspeaive del mercao sul fuuro prezzo spo del bene soosane, allora è ragionevole pensare che il prezzo del fuures sia uguale al valore aeso del fuuro prezzo spo: Y(, )=E[ Á ] [2] Si raa adesso di dimosrare che la successione dei prezzi fuures è una maringala. Per far ciò baserà verificare il rispeo delle proprieà fondamenali enunciae all inerno della definizione di maringala. Occorre, innanziuo, noare che la inegrabilià e la misurabilià di {Y(,)} seguono dall espressione (2): è infai inegrabile poiché, come è ragionevole supporre, i prezzi dei beni assumono valori finii, ed inolre E[ Á ] risula essere Á misurabile. La proprieà di monoonicià è anch essa verificaa dao che le s-algebre associae alla successione dei prezzi fuures cosiuiscono esse sesse una sequenza monoona crescene: Á Ì Á Ì Ì Á n Ì Ì Á T- [22] A queso puno rimane da dimosrare la proprieà in base alla quale: E[Y(-, ) Á ]=Y(, ) [23] Dalla (2) si deduce che: Y(-, )=E[ Á ] [24] e sosiuendo ale espressione nella pare sinisra della (23) si ha che: E[E[ Á ] Á ]=E[ Á ] [25] Sulla base dalla (2), la (23) risula verificaa, e quindi la successione dei prezzi fuures può considerarsi, enuo cono delle ipoesi soosani al modello, un processo socasico maringala (Samuelson, 965). 9

17 L applicazione appena illusraa può essere inerpreaa sulla base dell andameno, empiricamene osservabile, dei prezzi fuures all approssimarsi della daa di consegna. Prima di queso momeno il prezzo fuures può risulare minore o maggiore del prezzo spo dell aivià soosane. All avvicinarsi della scadenza del conrao il prezzo fuures convergerà verso il prezzo spo, delineando delle raieorie irregolari (Hull, 989). Una quesione ineressane è se il prezzo fuures si collochi sopra o soo l aspeaiva del fuuro prezzo spo. La siuazione in cui il prezzo fuures è inferiore al valore aeso del fuuro prezzo spo è noa come deporo o normal backwardaion (Hull, 989). In queso caso si dovrebbe dimosrare che la sequenza {Y(,)} sia una submaringala. Per far ciò occorre sfruare un assunzione (Samuelson, 965) in base alla quale, in luogo della (2), si ipoizza che il prezzo fuures si oenga, sconando ad un opporuno asso r il valore del prezzo spo aeso dopo -unià di empo dalla daa correne: Y(, )=a E[ Á ] [26] essendo a =(r) - il faore di aualizzazione. Per dimosrare che la successione{y(,)} è una submaringala, dalla (26) si ha che: E[Y(-, ) Á ]=E[a - E[ Á ] Á ]= =a - E[E[ Á ] Á ]= a - E[ Á ]= =a - a - Y(,)= a - Y(,)= =(r)y(,)³ Y(,) [27] il che dimosra che solo le paricolari assunzioni fae, la sequenza di prezzi fuures si modellizza come un processo a raieorie cresceni Applicazione 2: Approccio socasico per la valuazione di una azione: quali condizioni per la definizione di un processo maringala? In quesa applicazione si vuol dimosrare come, soo cere condizioni, se il valore di un azione viene deerminao sulla base del valore auale del flusso dei dividendi fuuri aesi (Samuelson, 965), la successione nel empo dei valori così oenui cosiuisce una maringala. Si vedrà, inolre, come il ruolo delle aspeaive individuali risuli fondamenale ai fini della caraerizzazione del processo socasico. 20

18 Sia { }, ³ 0 la successione dei dividendi di una daa azione, pagai rispeivamene al empo. Si supponga che il asso al quale vengono sconai ali dividendi sia cosane e pari a r. Se le variabili { }, ³ 0, fossero deerminisiche, si porebbe affermare che il valore dell azione al empo è oenibile sommando i valori auali dei dividendi fuuri, cioè: V = [28] å = ( r) Analogamene si può oenere il valore dell azione per il periodo successivo: = = 2 V = å = å [29] - ( r) ( r) Dalla (28) e dalla (29) segue che: V V - r = r, [30] ovvero V =(r)v - [3] Quesa equazione esprime il valore dell azione per il periodo successivo come funzione del valore correne, del asso di scono supposo fisso e del dividendo oenibile alla fine del prossimo periodo. Considerando i dividendi come una successione di variabili aleaorie rispeo alle quali è possibile definire una disribuzione di probabilià, nonché il loro valore aeso condizionale, allora anche la sequenza {V } figurerebbe come processo socasico. L obieivo è quello di verificare soo quali condizioni ale processo è una maringala. Ipoizzando che gli invesiori conoscano la successione dei dividendi percepii fino al empo correne, è possibile generalizzare la (28) scrivendo: é æ ö ù é ù å åç v º E[ V Á ] = Eê Á ú = ê Á E ú [32] ë = ( r) û = è ë( r) ûø ed analogamene a quano fao sopra, nel caso deerminisico, si calcola il valore aeso del prezzo equo dell azione al empo, v : é ù º Á = êå v E[ V ] E Á - ú [33] ë = 2 ( r) û 2

19 22 Dalla (32) e (33) deriva che: = ú û ù ê ë é Á ú û ù ê ë é Á = Á å = - r E E v E 2 ) ( ] [. ) r ( E ) r ( E 2 ú û ù ê ë é Á - = ú û ù ê ë é Á = å å = - = - [34] da cui si ricava, ricordando la definizione di v : [ ] E ) r ( )E r ( ] [ v E Á - ú û ù ê ë é Á = Á = å [ ]. ) ( E v r Á - = [35] La (35) rappresena la generalizzazione socasica della (3) e può essere uilizzaa per capire in quali casi la sequenza v v è una maringala, ovvero si verifica che: v v E = Á ] [ [36] La precedene condizione si realizza quando [ ] E rv Á = [37] da cui: [ ] v E r Á = [38] Nei casi in cui l uguaglianza non venga rispeaa si porebbe pensare a {v } come ad un processo crescene o decrescene. In paricolare se: [ ] v E r Á [39] allora si configurerebbe una submaringala, infai si ha che: v v v E r v v E ³ ø ö ç ç è æ Á - = Á [ ] [ [40] Per concludere, si fa osservare che l ipoesi di considerare un valore aeso condizionale oggeivo mal si presa a rappresenare il funzionameno dei mercai finanziari per quano concerne in modo paricolare la loro efficienza valuaiva. Si vuole

20 cioè affermare che il valore aeso condizionale avrebbe un origine più complessa rispeo a quella che gli è saa aribuia: dovrebbe sineizzare le aspeaive razionali soggeive poiché da esse dipendono le imprevedibili dinamiche di mercao. Quese, spesso, possono assumere andameni ali da meere in serio dubbio l efficienza valuaiva dei mercai sessi (Vaciago e Verga, 994). A queso puno si può dire che l effeo congiuno delle aspeaive individuali e soprauo i conesi in cui si formano (bad or beauy conex) caraerizzerebbero la naura del processo socasico soosane la dinamica di formazione dei valori finanziari Applicazione 3: scomposizione di Dobb-Meyer applicaa alla valuazione di una call opion Un opzione call conferisce al possessore il dirio di acquisare il iolo soosane ad un prezzo d esercizio presabilio o srike price. Il prezzo pagao dal compraore al vendiore di un opzione, per acquisirne il dirio relaivo, si chiama premio. Indicando con K il prezzo d esercizio dell opzione call e con S T il prezzo effeivo a scadenza del iolo soosane, è evidene che in T si avranno due possibili siuazioni: ) S T K: in queso caso non è conveniene eserciare l opzione. Essa viene abbandonaa ed il profio alla scadenza è pari a zero. 2) S T ³ K: in queso caso è conveniene eserciare l opzione, conseguendo un profio pari a S T -K. In sinesi il pay-off a scadenza dell opzione call indicao con C T sarà: C T =max[s T -K, 0]; [4] Dal momeno che il prezzo S T non è noo in, occorre considerare il valore aeso: E P [C T F ]=E P [max[s T -K, 0] Á ] [42] essendo P la disribuzione di probabilià che governa il movimeno dei prezzi. Daa ale previsione ci si porebbe chiedere se il più equo valore della call al empo possa considerarsi uguale al valore sconao di E P [max[s T -K, 0] Á ]. Fissao il asso di aualizzazione r si raa di verificare che: C =e -r( T- ) E P [max[s T -K, 0] Á ] [43] 23

WORKING PAPER SERIES (1996-1993) 1996 1/96 Aspetti e misure della produttività. Un'analisi statistica su tre aziende elettriche europee, by Donatella Cangialosi, February 2/96 L'analisi e la valutazione

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MASTER IN STATISTICA APPLICATA L approccio ime series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda Relaore: Prof. Paolo Maana

Dettagli

x ( x, x,..., x ) (8.5, 10.3, 9.6, 8.7, 11.2, 9.9, 7.9, 10, 9, 11.1)

x ( x, x,..., x ) (8.5, 10.3, 9.6, 8.7, 11.2, 9.9, 7.9, 10, 9, 11.1) Serie Sorice e Processi Socasici Federico Andreis Inroduzione Desiderando inrodurre inuiivamene il conceo di serie sorica basa fare riferimeno a qualsiasi fenomeno misurabile ce varia nel empo e la cui

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

BOLLETTINO UNIONE MATEMATICA ITALIANA

BOLLETTINO UNIONE MATEMATICA ITALIANA BOLLETTINO UNIONE MATEMATICA ITALIANA Sezione A La Maemaica nella Socieà e nella Culura Sabrina Mulinacci Valuazione del prezzo delle opzioni Americane: meodi probabilisici Bolleino dell Unione Maemaica

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara Analisi delle serie soriche: modelli ARCH e GARCH Prof. M. Ferrara 1 Scele di porafoglio Markowiz ci insegna che i parameri decisionali fondamenali per operare scele di porafoglio sono: Media Varianza

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE Prof. PAOLO DE ANGELIS Auario - Sudio ACRA Do. STEFANO VISINTIN Auario - Sudio Auariale Visinin & Associai Roma 19 giugno 2012 ASPETTI

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI TESI DI LAUREA STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE DISTRIBUZIONI

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI CAPITOLO FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI Sono le funzioni aveni come dominio e codominio dei sooinsiemi dei numeri reali; esse sono alla base dei modelli maemaici preseni in ogni campo

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33

Processi stocastici. Corso Segnale e Rumore Giorgio Brida Giugno/luglio 2007 Pagina 1 di 33 Processi socasici Inroduzione isemi lineari e sazionari; luuazioni casuali, derive e disurbi; processi socasici sazionari in senso lao, unzione di auocorrelazione e spero di poenza; risposa di un sisema

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

Trasformazioni di Galileo

Trasformazioni di Galileo Principio di Relaivià Risrea (peciale) e si sceglie un dr rispeo al uale le leggi della fisica sono scrie nella forma più semplice (dr ineriale) allora le sesse leggi valgono in ualunue alro dr in moo

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward Srumeni derivai: aspei inroduivi Ouline Conrai forward, fuures e opzioni: descrizione degli srumeni ed esempi di sraegie operaive Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.i Universià di Milano Bicocca

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

Appunti delle lezioni di istituzioni di matematica attuariale per le assicurazioni sulla vita

Appunti delle lezioni di istituzioni di matematica attuariale per le assicurazioni sulla vita Appuni delle lezioni di isiuzioni di maemaica auariale per le assicurazioni sulla via Claudio Pacai anno accademico 2005 06 Indice 1 Le operazioni di assicurazione e la eoria dell uilià 1 1.1 L operazione

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011

derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011 Rischio di longevià e longeviy derivaives Prof. Massimiliano Menziei Universià della Calabria Universià Caolica - Milano, 12 maggio 2011 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Luiss Libera Universià Inernazionale degli Sudi Sociali Guido Carli CeMASM Cenro Mario Arcelli di Sudi Moneari Quaderno di Ricerca n. 1/2005 Iseresi, domanda aggregaa, rend socasici comuni in un modello

Dettagli

PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI

PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI CAPITOLO 4 PROPRIETÀ ENERGETICHE DEI BIPOLI 4.1 Poenza elerica. Conservazione delle poenze eleriche. Si consideri un circuio N con b bipoli e siano i 1 i 2 i b le correni e v 1 v 2 v b le ensioni; per

Dettagli