derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011"

Transcript

1 Rischio di longevià e longeviy derivaives Prof. Massimiliano Menziei Universià della Calabria Universià Caolica - Milano, 12 maggio 2011

2 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 2

3 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 3

4 Il longeviy risk Il longeviy risk è un rischio caraerisico di eni (compagnie di assicurazione / eni di previdenza) che erogano presazioni in caso di via (ed in paricolare rendie) ad un soggeo assicurao / iscrio Può essere definio a livello individuale o aggregao (cf. Sallard 2006). In paricolare a livello aggregao esso si sosanzia nel rischio che l insieme dei perceori di rendia vivano in media di più di quano assuno nelle basi ecniche Si manifesa laddove la moralià osservaa è sisemaicamene inferiore a quella osservaa E la conseguenza dell incerezza insia nel fenomeno della moralià e della sua rappresenazione ramie un modello di proiezione 4

5 Il longeviy risk Non pooling risk (non diversificabile) opera nella sessa direzione per ui gli assicurai E un rischio sisemaico, non-hedgeable 5

6 I rend demografici e il longeviy risk Trend demografici Cambiameno nella sruura per eà della popolazione Via più lunga Bassa ferilià Invecchiameno della popolazione Incremeno del peso percenuale degli anziani Invecchia -meno Longeviy risk Incremeno progressivo nell aspeaiva di via e quindi poenziale incremeno del longeviy risk Incerezza Crescene longeviy risk Incremeno nel numero degli esposi al rischio di sopravvivenza 6

7 I rend demografici e il longeviy risk 7

8 L impao del longeviy risk Le principali conseguenze per i fondi pensione e gli erogaori di rendie sono: Esensione del periodo di pagameno della rendia e quindi del valore auale della sessa Elaborazione dell auore su dai ISTAT 8

9 L impao del longeviy risk Le principali conseguenze per i fondi pensione e gli erogaori di rendie sono: Incremeno della passivià auariali Elaborazione dell auore su dai ISTAT 9

10 Il processo di risk managemen Idenificazione Individuazione e classificazione del rischio Valuazione Misurazione ramie modelli deerminisici o socasici Gesione Individuazione delle sraegie di gesione del rischio: o ramie ecniche di conrollo delle perdie o ramie ecniche di finanziameno delle sesse. Si può operare a livello di disegno del prodoo o con sraegie di proezione del porafoglio 10

11 Il managemen del longeviy risk Un managemen responsabile del longeviy risk implica che le compagnie di assicurazione e gli eni previdenziali devono misuralo e gesirlo Per modellizzare e misurare il longeviy risk è necessario sviluppare un modello socasico di proiezione della moralià In effei i rend decresceni della moralià impongono l adozione di avole proieae di moralià per calcolare i valori auariali delle rendie Qualsiasi modello di proiezione sia sao adoao, il rend fuuro della moralià rend è random possono verificarsi deviazioni sisemaiche della moralià Si richiedono proiezioni socasiche per quanificare espliciamene l incerezza della moralià proieaa 11

12 I modelli di proiezione della moralià Fone: Olivieri - Piacco Life annuiies and longeviy dynamics WP n. 36, CERAP 2006 Meodi esrapolaivi Inerpolazione dei rend di moralià osservai in passao Ipoesi: I rend osservai si ripeeranno in fuuro esrapolazione dei rend La naura socasica della moralià non viene consideraa Modelli socasici I assi di moralià osservai sono esrazioni di variabili casuali che rappresenano la moralià passaa I assi di moralià proieai sono sime di variabili casuali che rappresenano la moralià fuura Si definiscono un insieme di ipoesi circa la moralià e un legame ra osservazioni e proiezioni 12

13 I modelli socasici di proiezione della moralià In un modello socasico i risulai delle proiezioni forniscono sia sime punuali che inervalli di confidenza dei fuuri assi di moralià Source: Olivieri - Piacco Life annuiies and longeviy dynamics WP n. 36, CERAP 2006 Le principali caraerisiche di uno scenario di moralià possono essere ben rappresenae Esempi di leggi di moralià: Gomperz, Makeham, Weibull, Heligman-Pollard Modelli basai su leggi di moralià Modello Lee-Carer e sue esensioni E un esempio significaivo di approccio socasico nella proiezione della moralià Il asso cenrale di moralià è modellizzao come un processo socasico Modelli disribuion-free 13

14 Il modello Lee-Carer (log bilineare) I assi cenrali di moralià sono rappresenai da: con errori ln ( m ( ) ) = α + β k + ε, ε iid con disribuzione N ( ), 0,σ ε k processo socasico proieao con un modello ARIMA(0,1,0) k = k 1 + µ + σ e k k con errori e iid con disribuzione N ( 0,1) 14

15 Il modello Poisson log bilineare Proposo da Brouhns e al. nel 2002 I assi cenrali di moralià sono modellizzai ramie il modello Lee-Carer ln I decessi sono disribuii come una Poisson D Impiegao boosrap non paramerico ( m ( ) ) = α + β k ( ) ~ Poisson ( N ( ) m ( ) ) Applicao ai dai ialiani (Levanesi, Menziei, Torri, 2010a) mosra un buon adaameno e consene di rappresenare differeni foni di incerezza: La variabilià poissoniana dei decessi La variabilià dei parameri del modello LC e del modello ARIMA L incerezza nella proiezione del faore emporale k 15

16 Una panoramica sui modelli di proiezione della moralià I principali modelli proposi in leeraura sono di seguio rappresenai ( ) m logi (, ) ( ) q, con γ faore di coore, ( ), ( ) q, = log q p,, 1 e 16

17 I crieri di scela del modello Cairns e al. (2008) suggeriscono dei crieri per scegliere ra i vari modelli di proiezione della moralià: I assi di moralià devono essere posiivi. Il modello deve essere coerene con i dai sorici. Le dinamiche a lungo ermine fuure del modello devono essere biologicamene ragionevoli. Le sime dei parameri devono essere robuse rispeo al periodo di dai e inervalli di eà impiegai. Le previsioni del modello devono essere robuse rispeo al periodo di dai e classi di eà impiegai I livelli di previsione dell incerezza e le raieorie cenrali dovrebbero essere plausibili e coereni con le endenze soriche e la variabilià dei dai di moralià. Il modello dovrebbe essere semplice da auare mediane meodi analiici o veloci algorimi numerici. Il modello dovrebbe essere relaivamene parsimonioso. Dovrebbe essere possibile uilizzare il modello per generare percorsi campione e calcolare inervalli di previsione. La sruura del modello dovrebbe consenire di inegrare l'incerezza del paramero nelle simulazioni. Almeno per alcuni Paesi, il modello dovrebbe incorporare un effeo socasico di coore. Il modello dovrebbe essere abbasanza compleo per affronare in modo appropriao il pricing correne, la valuazione o un problema di coperura. Dovrebbe essere possibile valuare i più comuni derivai moraliy-linked uilizzando meodi analiici o veloci meodi numerici. 17

18 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 18

19 La gesione del longeviy risk Il longeviy risk può essere gesio da una compagnia di assicurazione o da un ene di previdenza raenendolo o rasferendolo ad alre conropari 19

20 Uso e limii del mercao delle longeviy-linked securiies Blake e Burrows (2001) sono sai i primi a sosenere l'uso di moraliy /(longeviy)- linked securiies per il rasferimeno del rischio di longevià al mercao dei capiali Difficolà di affermazione del nuovo mercao: squilibrio di scala ra le esposizioni esiseni e la volonà dei forniori di coperura moraliy-linked securiies devono soddisfare le diverse esigenze degli hedgers e degli invesiori (difficili da conciliare - i primi richiedono l efficacia della coperura, menre gli ulimi domandano liquidià) assenza di un prezzo di mercao per il rischio di longevià 20

21 La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Loeys e al. (2007) spiegano che per isiuire un nuovo mercao del capiale di successo, esso deve: fornire un'esposizione o coperura efficace (minore il numero di conrai scambiai, maggiore la liquidià in ogni conrao, ma più bassa l efficacia della coperura, indici nazionali e rischio base) ad un rischio del mondo che è economicamene imporane (buon equilibrio ra domanda e offera di longevià: queso influenzerà la dimensione complessiva del mercao, nonché il prezzo del rischio di longevià - Il coinvolgimeno dei mercai del capiale ridurrà i cosi di gesione del rischio di longevià: aumeno di capacià, insieme a una maggiore rasparenza dei prezzi (arbiraggisi) e maggiore liquidià (speculaori)) che non può essere copero araverso gli srumeni del mercao esisene e deve uilizzare un conrao omogeneo e rasparene per consenire gli scambi ra gli ageni 21

22 Le soluzioni di prima generazione del mercao dei capiali : prodoi Bond-based Moraliy bonds Breve scadenza, rappresenano ioli negoziabili a livello di mercao i cui pagameni sono legai a un indice di moralià. Sono simili ai caasrophe bond. Es. Swiss Re moraliy bond Longeviy bonds (o survivor bonds) Principal-a-risk longeviy bonds o coupon based longeviy bonds Scadenza fissa o scadenza socasica Es EIB BNP Paribas 2004 (se la moralià fosse saa inferiore a quano previso, le cedole previse sul bond sarebbero diminuie e viceversa). Carenze di progeazione (Il rischio di base roppo grande). Premio per il rischio di longevià. Carenze isiuzionali (dimensione dell'emissione roppo piccola per creare un mercao liquido) (favore per la coperura della longevià, sfavore per la coperura legaa al bond). Lezioni: necessià di una buona serie di indici di moralià (LifeMerics) oggeivamene calcolai, raspareni e rilevani; modelli di previsione socasici della moralià più raspareni. 22

23 Esempio di longeviy bond Obblighi dell erogaore della rendia: Rendia immediaa ad una coore di perceori di rendia di eà al empo 0 R è l imporo annuo della rendia individuale l 0 in he l erogaore della rendia pagherà l ammonare aleaorio Rl 0 + esposizione al rischio di deviazioni sisemaiche ra e ˆ Sraigh coupon bond: Flusso di cassa aggregao RC ad ogni scadenza Rimborso pari a RF alla scadenza finale T Lin and Co (2005) ipoizzano cedole cosani di imporo RC 0 l + l

24 Esempio di longeviy bond Esempio di un coupon-based longeviy bond con coupons a rischio e principal garanio 24

25 Esempio di longeviy bond Tramie la SPC il flusso di cedole C è ripario ra erogaore della rendia e invesiori Flussi ricevui dall erogaore della rendia < > = + + ˆ 0 ˆ ˆ 0 0 C l l l l C l l C B ( ) B D R C R + = B C D = 25 Flussi ricevui dagli invesiori < = ˆ 0 ˆ 0 ˆ l l C l l l l B ( ) < > = ˆ ˆ 0 ˆ ˆ l l C C l l l l C C l l D

26 Il pricing del longeviy bond Prezzo valore aeso sconao dei payoff fuuri soo una misura di probabilià aggiusaa per il rischio (Hp: rischio demografico e finanziario sono indipendeni) W : Bond Price pagao dalla SPC per acquisare lo bond ( 0, T ) + RC d ( 0, ) W = RFd, P : Premium pagao dall erogaore della rendia per gesire il suo LR T ~ P = R E B d 0, V: Price pagao dagli invesiori per acquisare il LB T ~ W = RFd 0, T + R E D d 0, d(0,) : faore di scono risk-free = 1 T = 1 [ ] ( ) ( ) [ ] ( ) = 1 26

27 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based I longeviy derivaives sono srumeni del mercao dei capiali che hanno payoffs legai al livello di un indice di moralià I soggei ineressai alla creazione di un mercao per i longeviy derivaives sono hedgers, invesiori isiuzionali, speculaori, arbiraggisi, Governo, regolaori q-forwards E il più semplice longeviy derivaive. Un q-forward è un accordo ra due pari per lo scambio a una daa fuura di un imporo proporzionale al asso di moralià realizzao di una deerminaa popolazione conro un imporo proporzionale a un asso di moralià fisso reciprocamene concordao all inizio. E un zero-coupon swap che scambia moralià fissa e moralià realizzaa alla scadenza. Coperura value hedge vs cash flow hedge. Survivor swaps 27

28 I survivor swaps Survivor swap (basic): accordo ra due conropari per scambiare in fuuro un flusso di cassa fisso in cambio di un singolo flusso di cassa casuale dipendene dalla moralià (Dowd e al. 2006) I cash-flows sono collegai al numero di sopravviveni di una daa coore Confronao con alre moraliy-linked securiies p.e. longeviy bonds i survivor swaps : o Comporano cosi di ransazione più bassi o Sono più flessibili e agliai su misura per venire inconro alle varie esigenze o Non richiedono l esisenza di un mercao liquido Vanilla survivor swaps (insieme di basic survivor swaps): le conropari si accordano per scambiarsi una serie di pagameni periodici (per ogni = 1, 2,..., S ) fino alla scadenza dello swap S Fied leg dipende dai sopravviveni aesi di una daa coore Floaing leg dipende dai sopravviveni effeivi alle scadenze fuure 28

29 I survivor swaps emessi ra il Dae Hedger Term (years) Inermediary Jan-08 Lucida 10 JPMorgan Jul-08 Canada Life 40 JPMorgan Feb-09 Abbey Life Run-off Deusche Bank Mar-09 Aviva 10 RBS Jun-09 Babcock 50 Credi Suisse Jul-09 Royal & Sun Alliance Run-off Goldman Sachs Source: Biffis & Blake (2009), Moraliy-Linked Securiies and Derivaives 29

30 La sruura di un vanilla survivor swap L erogaore di rendia deve pagare rendie immediae ad una coore di di eà al empo zero Rendia fissa di imporo1 ˆ : numero aeso di sopravviveni all eà + al empo l + l + : numero effeivo di sopravviveni all eà + al empo Esposizione al rischio sisemaico di deviazioni ra e l l+ + ˆ : perdie subie dall erogaore della rendia ad ogni scadenza l perceori π ( π < 0 ) : aliquoa di premio fisso dello swap fissa in modo che il valore dello swap in sia zero all emissione valore di mercao del fied leg = valore di mercao del floaing leg ( 1 + π ) l ˆ + Flussi di cassa del survivor swap l + l + ˆ l + 30

31 Il pricing del vanilla survivor swap Il valore del vanilla survivor swap al empo zero per il fied-rae payer è: valore dello swap [ ] l [ l ] V ( 1 π ) = ˆ V Prezzo di mercao del floaing leg in =0 Prezzo di mercao del fied leg in =0 Ipoizzando l indipendenza ra assi d ineresse e moralià: V d ( 0, ) T [( 1 + π ) lˆ + ] = ( 1 + π ) V = 1 lˆ + [ l ] E ( l ) + = T = 1 : faore di scono risk-free + d (0, ) d (0, ) Premio del vanilla survivor Swap Valore auale aeso del fied leg soo la misura di probabilià del mondo reale Valore auale aeso del floaing leg soo la misura di probabilià risk-adjused π = T E ( l+ ) d (0, ) = 1 T = 1 lˆ + d (0, ) 1 31

32 Rappresenazione del flusso di pagameni di un vanilla survivor swap 32

33 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based Longeviy opions. Ad oggi non ci sono mercai di opzioni su srumeni longeviylinked. Le longeviy opions producono dei payoff che non sono funzioni lineari di variabili soosani. Nel caso di longeviy (o survivor) caps e floors, il soosane è un indice di sopravvivenza S(,). Sia s c () un cap rae per la daa d esercizio e s f () il corrispondene floor rae. Un caple pagherà ma{s(,) - s c (), 0} al empo menre un floorle pagherà ma{s f () - S(,), 0}. I survivor caples e floorles possono essere inglobai in longeviy caps e floors. 33

34 Survivor caps and floors Survivor caps e floor = serie di survivor caples and floorles Payoff di un survivor caple : c c { l k ;0} c c = ma con cap rae per la scadenza : + k = ( 1+ π ) lˆ + Payoff del Survivor floorle: f f f = ma{ k l ;0} con floor rae per la scadenza : k = ( 1+ π ) lˆ + f + Ipoizzando l indipendenza ra assi d ineresse e moralià : Prezzo del survivor cap P c T = T = 1 E * [ c ] d(0, ) Prezzo del survivor floor P f T = T = 1 E * [ f ] d(0, ) d ( 0, ) : faore di scono risk-free Valore auale aeso dei payoff dei caples/floorles payoff soo la misura di rischio risk-adjused 34

35 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based Longeviy fuures. Ad oggi non ci sono mercai di fuures su srumeni longeviy-linked. Faori chiave per il successo di conrai fuures sono : Esisenza di un mercao spo del soosane grande, liquido e aivo, con una buona rasparenza dei prezzi. i prezzi spo devono essere sufficienemene volaili per rendere araeni sia le aivià di coperura che la speculazione. il soosane deve essere omogeneo. il mercao del soosane e dei conrai fuures non deve essere foremene concenrao né sul lao dell acquiso né su quello della vendia, per non incorrere nella manipolazione dei prezzi. deve esserci aiva parecipazione di hedgers e speculaori. In Blake e al. (2006) si suggerisce l uso dei prezzi dei longeviy bonds, o di indici di sopravvivenza come soosane. 35

36 Coperure Sandardizzae vs Personalizzae 36

37 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 37

38 Il pricing delle longeviy-linked securiies Esisono principalmene re approcci di pricing Trasformaa di Wang (Wang (2002)) o Le probabilià risk adjused sono oenue ramie un operaore di disorsione Approccio risk-neural o Si applicano alle longeviy-linked securiies gli sessi principi di pricing usai per il pricing dei derivai finanziari, Sharpe raio o Si ipoizza che gli invesiori chiedano per assumere il rischio di longevià un premio per il rischio (Sharpe raio) pari a quello richieso per il rischio non diversificabile di alri srumeni finanziari 38

39 La rasformaa di Wang Wang definisce il seguene operaore di disorsione g λ ( u) = Φ[ Φ ( ) λ] 1 u dove 0<u<1 e λ è un paramero che riflee il rischio insio nei daa (il prezzo di mercao del rischio) La disribuzione di probabilià del mondo reale è disora per produrre valori aesi risk-adjused che possono essere sconai con faori di scono risk-free. Approccio usao da: Lin and Co (2005), Co-Lin-Wang (2006), Denui-Devolder-Goderniau (2007) Su dai ialiani applicao da Levanesi-Menziei-Torri (2010a, 2010c) 39

40 Il prezzo di mercao del rischio Possiamo usare il prezzo di mercao delle rendie per simare λ: Mancanza di un mercao secondario delle rendie in Ialia HP: il valore di mercao delle rendie supposo uguale al valore di mercao calcolao impiegando le basi ecniche di maggiore diffusione (IPS55) 40

41 L approccio risk neural Scarsià di longeviy-linked securiies raae sul mercao Impossibilià di simare un unica misura di probabilià risk adjused. Se il mercao globale è arbirage-free, esise almeno una misura di ipo neurale verso il rischio Q uilizzabile per calcolare il prezzo equo 41

42 L approccio risk neural Incompleezza del mercao delle longeviy-linked securiies i pagameni connessi con la moralià non possono essere replicai Scarsià di longeviy-linked securiies raae sul mercao Problemi ad impiegare meodi arbirage-free Impossibilià di simare un unica misura di probabilià risk adjused. Se il mercao globale è arbirage-free, esise almeno una misura di ipo neurale verso il rischio Q uilizzabile per calcolare il prezzo equo 42

43 L approccio risk neural: il modello CBD Hp su le probabilià di decesso: Con random walk bivariaa con drif 43

44 L approccio risk neural: il modello CBD Se specifichiamo le dinamiche della moralià soo una misura Q di probabilià risk-adjused equivalene, alla misura fisica P dove, è una variabile aleaoria normale sandard bivariaa soo Q rappresena il prezzo di mercao del longeviy risk associao rispeivamene ai processi Z A queso puno il valore di una LLS con singola scadenza all emissione (in zero) in ipoesi di indipendenza ra rischio finanziario e rischio demografico è dao da: V [ ] ( ) P( 0, T ) E ( ) S[ T ] 0 F λ = Q λ 0 44

45 Alcuni approfondimeni LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010a). Longeviy Bond Pricing Models: an Applicaion o he Ialian Annuiy Marke and Pension Schemes. XVIII Inernaional AFIR Colloquium. Rome, Sepember 30 h - Ocober 3 rd p In sampa sul Giornale dell Isiuo Ialiano degli Auari vol. 72 n. 1 (2009); p ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010b). The securiizaion of longeviy risk in pension schemes: he case of Ialy. In: GREGORIOU G. e al. Pension Fund Risk Managemen: Financial and Acuarial Modeling. P Chapman & Hall, CRC Finance Series, New York. ISBN/ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010c). On longeviy risk securiizaion and solvency requiremens in life annuiies. Inernaional Conference MAF 2010, Ravello (SA), April

46 Conai Massimiliano Menziei Diparimeno di Scienze aziendali, Universià della Calabria Diparimeno di Saisica, Sapienza - Universià di Roma Cell.: Seminario IIA Milano 12 maggio 2011

LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA SOLVIBILITÀ ROMA, 4 MAGGIO 2015

LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA SOLVIBILITÀ ROMA, 4 MAGGIO 2015 LONGEVITY RISK: GESTIONE E REQUISITI DI SOLVIBILITÀ MASSIMILIANO MENZIETTI UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA ROMA, 4 MAGGIO 215 INDICE Le gesione del longeviy risk Tariffazione e disegno del prodoo Naural hedging

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

Il trasferimento del rischio di longevità ai mercati finanziari (Seminario tenuto presso Istituto Italiano degli Attuari il 20 maggio 2010)

Il trasferimento del rischio di longevità ai mercati finanziari (Seminario tenuto presso Istituto Italiano degli Attuari il 20 maggio 2010) Il rasferimeno del rischio di longevià ai mercai finanziari (Seminario enuo presso Isiuo Ialiano degli Auari il 20 maggio 2010) Paolo De Angelis Universià Sapienza, Roma paolo.deangelis@uniroma1.i Andrea

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA Valeria D Amao Doorao in Maemaica per l Analisi economica e la Finanza XX Ciclo Coordinaore: Prof. Emilia Di Lorenzo Tuor: Prof. Emilia

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE Prof. PAOLO DE ANGELIS Auario - Sudio ACRA Do. STEFANO VISINTIN Auario - Sudio Auariale Visinin & Associai Roma 19 giugno 2012 ASPETTI

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi Appuni di Maemaica e ecnica finanziaria Eore Cuni, Luca Ghezzi Universià Carlo Caaneo LIUC Casellanza 2010 Universià Carlo Caaneo LIUC C.so Maeoi, 22-21053 Casellanza (VA) Tel. +39-0331-572.1 www.liuc.i

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap 165. Considerazioni sulla valuazione di un ineres rae swap Gabriella D Agosino, Anonio Guglielmi gabriella.dagosino@unisaleno.i; anonio.guglielmi@isruzione.i Absrac The aim of his paper is o pren an inroducory

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

Il Project Financing - Aspet t i finanziari

Il Project Financing - Aspet t i finanziari Parenariao Pubblico Privao Le modalià di coinvolgimeno dei capiali privai nel seore pubblico e gli srumeni finanziari di invesimeno Il Projec Financing - Aspe i finanziari Roma, 21 Febbraio 2006 Gabriele

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati L FIME a.a. 8-9 9 eoria elle opzioni e Prooi sruurai Giorgio onsigli giorgio.consigli@unibg.i Uff 58 ricevimeno merc:.-3. Programma. Mercao elle opzioni e conrai erivai. eoria elle opzioni 3. ecniche i

Dettagli

I modelli di proiezione della mortalità

I modelli di proiezione della mortalità Giornata degli attuari delle pensioni Gruppo di lavoro dei percettori pensioni/rendite I modelli di proiezione della mortalità Susanna Levantesi Sapienza Università di Roma susanna.levantesi@uniroma1.it

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

Previsione della domanda e ottimizzazione delle scorte di magazzino della CAME s.p.a.

Previsione della domanda e ottimizzazione delle scorte di magazzino della CAME s.p.a. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE RELAZIONE FINALE Previsione della domanda e oimizzazione delle score di magazzino

Dettagli

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE I EDIMETI LE SEIE STOICHE FIAZIAIE Aivià finanziarie Azioni es. Capialia, Mediase,... Tioli di sao BOT, BT, Tassi di cambio Euro/Dollaro, Euro/Serlina, Indici di Borsa S&/MIB, CAC4, ETF Tassi di ineresse

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

Scuola dottorale di Economia e metodi quantitativi. Dottorato in Metodi statistici per l economia e l impresa TESI DI DOTTORATO DI RICERCA

Scuola dottorale di Economia e metodi quantitativi. Dottorato in Metodi statistici per l economia e l impresa TESI DI DOTTORATO DI RICERCA Scuola doorale di Economia e meodi quaniaivi Doorao in Meodi saisici per l economia e l impresa ESI DI DOORAO DI RICERCA Meodi numerici e calcolo socasico per la valuazione di conrai derivai: un modello

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

quaderni europei sul nuovo welfare

quaderni europei sul nuovo welfare quaderni europei sul nuovo welfare svecchiameno e socieà allegai N. 10, Maggio 2008 la conferenza di orino sul nuovo welfare Pubblicao da l isiuo del rischio Triese - MILANo - Ginevra Macros Research MILANo

Dettagli

Teoria delle leggi finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08

Teoria delle leggi finanziarie. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 Teoria delle leggi finanziarie Inensià di ineresse L inensià di ineresse relaiva al periodo da x ad y è definia come adimensionale I( xy, ) 1 ixy (, ) γ ( xy, ) = = C y x ( dimensione di empo -1 ) L inensià

Dettagli

Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi temporale 1

Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi temporale 1 Parick McGuire +41 61 28 8921 parick.mcguire@bis.org Eli Remolona +852 2878 715 eli.remolona@bis.org Kosas Tsasaronis +41 61 28 882 ksasaronis@bis.org Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi

Dettagli

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward

Strumenti derivati: aspetti introduttivi. Outline. Il contratto forward. Generalità sugli strumenti derivati. Payoff del contratto forward Srumeni derivai: aspei inroduivi Ouline Conrai forward, fuures e opzioni: descrizione degli srumeni ed esempi di sraegie operaive Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.i Universià di Milano Bicocca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valuazione e Analisi di Obbligazioni (31 puni) Lei lavora per il diparimeno Invesimeni Obbligazionari di una compagnia di assicurazioni sulla via e ha preparao la Tabella 1 dei rendimeni obbligazionari

Dettagli

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELATORE: CH.MO PROF. LISI FRANCESCO LAUREANDO: CANELLA FRANCESCO MATRICOLA: 45835 ANNO ACCADEMICO: 003-004 4 Alla mia famiglia

Dettagli

Analisi econometrica del Prezzo di borsa dell Energia Elettrica

Analisi econometrica del Prezzo di borsa dell Energia Elettrica Analisi economerica del Prezzo di borsa dell Energia Elerica A cura di: Caleno Ria, Cenurelli Raffaella, Tomasi Marco 1. La Borsa Elerica Ialiana...3 1.1 La nascia della Borsa elerica ialiana: Moivazioni

Dettagli

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì hp://www.affiasi-dolomii.i/ MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affia?sì Comunià Monana del FRIULI OCCIDENTALE 1 hp://www.affiasi-dolomii.i/ o «Affi a?sì! ENTI FINANZIATORI Regione Friuli

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Ialia Relaore Ch. Prof. Domenico Sarore Laureanda Francesca

Dettagli

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI TESI DI LAUREA STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE DISTRIBUZIONI

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara Analisi delle serie soriche: modelli ARCH e GARCH Prof. M. Ferrara 1 Scele di porafoglio Markowiz ci insegna che i parameri decisionali fondamenali per operare scele di porafoglio sono: Media Varianza

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli