derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "derivatives Prof. Massimiliano Menzietti Università della Calabria Università Cattolica - Milano, 12 maggio 2011"

Transcript

1 Rischio di longevià e longeviy derivaives Prof. Massimiliano Menziei Universià della Calabria Universià Caolica - Milano, 12 maggio 2011

2 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 2

3 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 3

4 Il longeviy risk Il longeviy risk è un rischio caraerisico di eni (compagnie di assicurazione / eni di previdenza) che erogano presazioni in caso di via (ed in paricolare rendie) ad un soggeo assicurao / iscrio Può essere definio a livello individuale o aggregao (cf. Sallard 2006). In paricolare a livello aggregao esso si sosanzia nel rischio che l insieme dei perceori di rendia vivano in media di più di quano assuno nelle basi ecniche Si manifesa laddove la moralià osservaa è sisemaicamene inferiore a quella osservaa E la conseguenza dell incerezza insia nel fenomeno della moralià e della sua rappresenazione ramie un modello di proiezione 4

5 Il longeviy risk Non pooling risk (non diversificabile) opera nella sessa direzione per ui gli assicurai E un rischio sisemaico, non-hedgeable 5

6 I rend demografici e il longeviy risk Trend demografici Cambiameno nella sruura per eà della popolazione Via più lunga Bassa ferilià Invecchiameno della popolazione Incremeno del peso percenuale degli anziani Invecchia -meno Longeviy risk Incremeno progressivo nell aspeaiva di via e quindi poenziale incremeno del longeviy risk Incerezza Crescene longeviy risk Incremeno nel numero degli esposi al rischio di sopravvivenza 6

7 I rend demografici e il longeviy risk 7

8 L impao del longeviy risk Le principali conseguenze per i fondi pensione e gli erogaori di rendie sono: Esensione del periodo di pagameno della rendia e quindi del valore auale della sessa Elaborazione dell auore su dai ISTAT 8

9 L impao del longeviy risk Le principali conseguenze per i fondi pensione e gli erogaori di rendie sono: Incremeno della passivià auariali Elaborazione dell auore su dai ISTAT 9

10 Il processo di risk managemen Idenificazione Individuazione e classificazione del rischio Valuazione Misurazione ramie modelli deerminisici o socasici Gesione Individuazione delle sraegie di gesione del rischio: o ramie ecniche di conrollo delle perdie o ramie ecniche di finanziameno delle sesse. Si può operare a livello di disegno del prodoo o con sraegie di proezione del porafoglio 10

11 Il managemen del longeviy risk Un managemen responsabile del longeviy risk implica che le compagnie di assicurazione e gli eni previdenziali devono misuralo e gesirlo Per modellizzare e misurare il longeviy risk è necessario sviluppare un modello socasico di proiezione della moralià In effei i rend decresceni della moralià impongono l adozione di avole proieae di moralià per calcolare i valori auariali delle rendie Qualsiasi modello di proiezione sia sao adoao, il rend fuuro della moralià rend è random possono verificarsi deviazioni sisemaiche della moralià Si richiedono proiezioni socasiche per quanificare espliciamene l incerezza della moralià proieaa 11

12 I modelli di proiezione della moralià Fone: Olivieri - Piacco Life annuiies and longeviy dynamics WP n. 36, CERAP 2006 Meodi esrapolaivi Inerpolazione dei rend di moralià osservai in passao Ipoesi: I rend osservai si ripeeranno in fuuro esrapolazione dei rend La naura socasica della moralià non viene consideraa Modelli socasici I assi di moralià osservai sono esrazioni di variabili casuali che rappresenano la moralià passaa I assi di moralià proieai sono sime di variabili casuali che rappresenano la moralià fuura Si definiscono un insieme di ipoesi circa la moralià e un legame ra osservazioni e proiezioni 12

13 I modelli socasici di proiezione della moralià In un modello socasico i risulai delle proiezioni forniscono sia sime punuali che inervalli di confidenza dei fuuri assi di moralià Source: Olivieri - Piacco Life annuiies and longeviy dynamics WP n. 36, CERAP 2006 Le principali caraerisiche di uno scenario di moralià possono essere ben rappresenae Esempi di leggi di moralià: Gomperz, Makeham, Weibull, Heligman-Pollard Modelli basai su leggi di moralià Modello Lee-Carer e sue esensioni E un esempio significaivo di approccio socasico nella proiezione della moralià Il asso cenrale di moralià è modellizzao come un processo socasico Modelli disribuion-free 13

14 Il modello Lee-Carer (log bilineare) I assi cenrali di moralià sono rappresenai da: con errori ln ( m ( ) ) = α + β k + ε, ε iid con disribuzione N ( ), 0,σ ε k processo socasico proieao con un modello ARIMA(0,1,0) k = k 1 + µ + σ e k k con errori e iid con disribuzione N ( 0,1) 14

15 Il modello Poisson log bilineare Proposo da Brouhns e al. nel 2002 I assi cenrali di moralià sono modellizzai ramie il modello Lee-Carer ln I decessi sono disribuii come una Poisson D Impiegao boosrap non paramerico ( m ( ) ) = α + β k ( ) ~ Poisson ( N ( ) m ( ) ) Applicao ai dai ialiani (Levanesi, Menziei, Torri, 2010a) mosra un buon adaameno e consene di rappresenare differeni foni di incerezza: La variabilià poissoniana dei decessi La variabilià dei parameri del modello LC e del modello ARIMA L incerezza nella proiezione del faore emporale k 15

16 Una panoramica sui modelli di proiezione della moralià I principali modelli proposi in leeraura sono di seguio rappresenai ( ) m logi (, ) ( ) q, con γ faore di coore, ( ), ( ) q, = log q p,, 1 e 16

17 I crieri di scela del modello Cairns e al. (2008) suggeriscono dei crieri per scegliere ra i vari modelli di proiezione della moralià: I assi di moralià devono essere posiivi. Il modello deve essere coerene con i dai sorici. Le dinamiche a lungo ermine fuure del modello devono essere biologicamene ragionevoli. Le sime dei parameri devono essere robuse rispeo al periodo di dai e inervalli di eà impiegai. Le previsioni del modello devono essere robuse rispeo al periodo di dai e classi di eà impiegai I livelli di previsione dell incerezza e le raieorie cenrali dovrebbero essere plausibili e coereni con le endenze soriche e la variabilià dei dai di moralià. Il modello dovrebbe essere semplice da auare mediane meodi analiici o veloci algorimi numerici. Il modello dovrebbe essere relaivamene parsimonioso. Dovrebbe essere possibile uilizzare il modello per generare percorsi campione e calcolare inervalli di previsione. La sruura del modello dovrebbe consenire di inegrare l'incerezza del paramero nelle simulazioni. Almeno per alcuni Paesi, il modello dovrebbe incorporare un effeo socasico di coore. Il modello dovrebbe essere abbasanza compleo per affronare in modo appropriao il pricing correne, la valuazione o un problema di coperura. Dovrebbe essere possibile valuare i più comuni derivai moraliy-linked uilizzando meodi analiici o veloci meodi numerici. 17

18 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 18

19 La gesione del longeviy risk Il longeviy risk può essere gesio da una compagnia di assicurazione o da un ene di previdenza raenendolo o rasferendolo ad alre conropari 19

20 Uso e limii del mercao delle longeviy-linked securiies Blake e Burrows (2001) sono sai i primi a sosenere l'uso di moraliy /(longeviy)- linked securiies per il rasferimeno del rischio di longevià al mercao dei capiali Difficolà di affermazione del nuovo mercao: squilibrio di scala ra le esposizioni esiseni e la volonà dei forniori di coperura moraliy-linked securiies devono soddisfare le diverse esigenze degli hedgers e degli invesiori (difficili da conciliare - i primi richiedono l efficacia della coperura, menre gli ulimi domandano liquidià) assenza di un prezzo di mercao per il rischio di longevià 20

21 La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Loeys e al. (2007) spiegano che per isiuire un nuovo mercao del capiale di successo, esso deve: fornire un'esposizione o coperura efficace (minore il numero di conrai scambiai, maggiore la liquidià in ogni conrao, ma più bassa l efficacia della coperura, indici nazionali e rischio base) ad un rischio del mondo che è economicamene imporane (buon equilibrio ra domanda e offera di longevià: queso influenzerà la dimensione complessiva del mercao, nonché il prezzo del rischio di longevià - Il coinvolgimeno dei mercai del capiale ridurrà i cosi di gesione del rischio di longevià: aumeno di capacià, insieme a una maggiore rasparenza dei prezzi (arbiraggisi) e maggiore liquidià (speculaori)) che non può essere copero araverso gli srumeni del mercao esisene e deve uilizzare un conrao omogeneo e rasparene per consenire gli scambi ra gli ageni 21

22 Le soluzioni di prima generazione del mercao dei capiali : prodoi Bond-based Moraliy bonds Breve scadenza, rappresenano ioli negoziabili a livello di mercao i cui pagameni sono legai a un indice di moralià. Sono simili ai caasrophe bond. Es. Swiss Re moraliy bond Longeviy bonds (o survivor bonds) Principal-a-risk longeviy bonds o coupon based longeviy bonds Scadenza fissa o scadenza socasica Es EIB BNP Paribas 2004 (se la moralià fosse saa inferiore a quano previso, le cedole previse sul bond sarebbero diminuie e viceversa). Carenze di progeazione (Il rischio di base roppo grande). Premio per il rischio di longevià. Carenze isiuzionali (dimensione dell'emissione roppo piccola per creare un mercao liquido) (favore per la coperura della longevià, sfavore per la coperura legaa al bond). Lezioni: necessià di una buona serie di indici di moralià (LifeMerics) oggeivamene calcolai, raspareni e rilevani; modelli di previsione socasici della moralià più raspareni. 22

23 Esempio di longeviy bond Obblighi dell erogaore della rendia: Rendia immediaa ad una coore di perceori di rendia di eà al empo 0 R è l imporo annuo della rendia individuale l 0 in he l erogaore della rendia pagherà l ammonare aleaorio Rl 0 + esposizione al rischio di deviazioni sisemaiche ra e ˆ Sraigh coupon bond: Flusso di cassa aggregao RC ad ogni scadenza Rimborso pari a RF alla scadenza finale T Lin and Co (2005) ipoizzano cedole cosani di imporo RC 0 l + l

24 Esempio di longeviy bond Esempio di un coupon-based longeviy bond con coupons a rischio e principal garanio 24

25 Esempio di longeviy bond Tramie la SPC il flusso di cedole C è ripario ra erogaore della rendia e invesiori Flussi ricevui dall erogaore della rendia < > = + + ˆ 0 ˆ ˆ 0 0 C l l l l C l l C B ( ) B D R C R + = B C D = 25 Flussi ricevui dagli invesiori < = ˆ 0 ˆ 0 ˆ l l C l l l l B ( ) < > = ˆ ˆ 0 ˆ ˆ l l C C l l l l C C l l D

26 Il pricing del longeviy bond Prezzo valore aeso sconao dei payoff fuuri soo una misura di probabilià aggiusaa per il rischio (Hp: rischio demografico e finanziario sono indipendeni) W : Bond Price pagao dalla SPC per acquisare lo bond ( 0, T ) + RC d ( 0, ) W = RFd, P : Premium pagao dall erogaore della rendia per gesire il suo LR T ~ P = R E B d 0, V: Price pagao dagli invesiori per acquisare il LB T ~ W = RFd 0, T + R E D d 0, d(0,) : faore di scono risk-free = 1 T = 1 [ ] ( ) ( ) [ ] ( ) = 1 26

27 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based I longeviy derivaives sono srumeni del mercao dei capiali che hanno payoffs legai al livello di un indice di moralià I soggei ineressai alla creazione di un mercao per i longeviy derivaives sono hedgers, invesiori isiuzionali, speculaori, arbiraggisi, Governo, regolaori q-forwards E il più semplice longeviy derivaive. Un q-forward è un accordo ra due pari per lo scambio a una daa fuura di un imporo proporzionale al asso di moralià realizzao di una deerminaa popolazione conro un imporo proporzionale a un asso di moralià fisso reciprocamene concordao all inizio. E un zero-coupon swap che scambia moralià fissa e moralià realizzaa alla scadenza. Coperura value hedge vs cash flow hedge. Survivor swaps 27

28 I survivor swaps Survivor swap (basic): accordo ra due conropari per scambiare in fuuro un flusso di cassa fisso in cambio di un singolo flusso di cassa casuale dipendene dalla moralià (Dowd e al. 2006) I cash-flows sono collegai al numero di sopravviveni di una daa coore Confronao con alre moraliy-linked securiies p.e. longeviy bonds i survivor swaps : o Comporano cosi di ransazione più bassi o Sono più flessibili e agliai su misura per venire inconro alle varie esigenze o Non richiedono l esisenza di un mercao liquido Vanilla survivor swaps (insieme di basic survivor swaps): le conropari si accordano per scambiarsi una serie di pagameni periodici (per ogni = 1, 2,..., S ) fino alla scadenza dello swap S Fied leg dipende dai sopravviveni aesi di una daa coore Floaing leg dipende dai sopravviveni effeivi alle scadenze fuure 28

29 I survivor swaps emessi ra il Dae Hedger Term (years) Inermediary Jan-08 Lucida 10 JPMorgan Jul-08 Canada Life 40 JPMorgan Feb-09 Abbey Life Run-off Deusche Bank Mar-09 Aviva 10 RBS Jun-09 Babcock 50 Credi Suisse Jul-09 Royal & Sun Alliance Run-off Goldman Sachs Source: Biffis & Blake (2009), Moraliy-Linked Securiies and Derivaives 29

30 La sruura di un vanilla survivor swap L erogaore di rendia deve pagare rendie immediae ad una coore di di eà al empo zero Rendia fissa di imporo1 ˆ : numero aeso di sopravviveni all eà + al empo l + l + : numero effeivo di sopravviveni all eà + al empo Esposizione al rischio sisemaico di deviazioni ra e l l+ + ˆ : perdie subie dall erogaore della rendia ad ogni scadenza l perceori π ( π < 0 ) : aliquoa di premio fisso dello swap fissa in modo che il valore dello swap in sia zero all emissione valore di mercao del fied leg = valore di mercao del floaing leg ( 1 + π ) l ˆ + Flussi di cassa del survivor swap l + l + ˆ l + 30

31 Il pricing del vanilla survivor swap Il valore del vanilla survivor swap al empo zero per il fied-rae payer è: valore dello swap [ ] l [ l ] V ( 1 π ) = ˆ V Prezzo di mercao del floaing leg in =0 Prezzo di mercao del fied leg in =0 Ipoizzando l indipendenza ra assi d ineresse e moralià: V d ( 0, ) T [( 1 + π ) lˆ + ] = ( 1 + π ) V = 1 lˆ + [ l ] E ( l ) + = T = 1 : faore di scono risk-free + d (0, ) d (0, ) Premio del vanilla survivor Swap Valore auale aeso del fied leg soo la misura di probabilià del mondo reale Valore auale aeso del floaing leg soo la misura di probabilià risk-adjused π = T E ( l+ ) d (0, ) = 1 T = 1 lˆ + d (0, ) 1 31

32 Rappresenazione del flusso di pagameni di un vanilla survivor swap 32

33 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based Longeviy opions. Ad oggi non ci sono mercai di opzioni su srumeni longeviylinked. Le longeviy opions producono dei payoff che non sono funzioni lineari di variabili soosani. Nel caso di longeviy (o survivor) caps e floors, il soosane è un indice di sopravvivenza S(,). Sia s c () un cap rae per la daa d esercizio e s f () il corrispondene floor rae. Un caple pagherà ma{s(,) - s c (), 0} al empo menre un floorle pagherà ma{s f () - S(,), 0}. I survivor caples e floorles possono essere inglobai in longeviy caps e floors. 33

34 Survivor caps and floors Survivor caps e floor = serie di survivor caples and floorles Payoff di un survivor caple : c c { l k ;0} c c = ma con cap rae per la scadenza : + k = ( 1+ π ) lˆ + Payoff del Survivor floorle: f f f = ma{ k l ;0} con floor rae per la scadenza : k = ( 1+ π ) lˆ + f + Ipoizzando l indipendenza ra assi d ineresse e moralià : Prezzo del survivor cap P c T = T = 1 E * [ c ] d(0, ) Prezzo del survivor floor P f T = T = 1 E * [ f ] d(0, ) d ( 0, ) : faore di scono risk-free Valore auale aeso dei payoff dei caples/floorles payoff soo la misura di rischio risk-adjused 34

35 Le soluzioni di seconda generazione del mercao dei capiali: prodoi derivaives-based Longeviy fuures. Ad oggi non ci sono mercai di fuures su srumeni longeviy-linked. Faori chiave per il successo di conrai fuures sono : Esisenza di un mercao spo del soosane grande, liquido e aivo, con una buona rasparenza dei prezzi. i prezzi spo devono essere sufficienemene volaili per rendere araeni sia le aivià di coperura che la speculazione. il soosane deve essere omogeneo. il mercao del soosane e dei conrai fuures non deve essere foremene concenrao né sul lao dell acquiso né su quello della vendia, per non incorrere nella manipolazione dei prezzi. deve esserci aiva parecipazione di hedgers e speculaori. In Blake e al. (2006) si suggerisce l uso dei prezzi dei longeviy bonds, o di indici di sopravvivenza come soosane. 35

36 Coperure Sandardizzae vs Personalizzae 36

37 Agenda Il longeviy risk Definizione e caraerisiche I rend demografici e il rischio di longevià I modelli per rappresenarlo La gesione del longeviy risk ramie i longeviy derivaives: Gli srumeni di gesione del longeviy risk La nascia del mercao delle longeviy-linked securiies Il panorama dei prodoi derivai sulla longevià Un focus sui survivor swap I modelli di pricing: La rasformaa di Wang L approccio risk-neural 37

38 Il pricing delle longeviy-linked securiies Esisono principalmene re approcci di pricing Trasformaa di Wang (Wang (2002)) o Le probabilià risk adjused sono oenue ramie un operaore di disorsione Approccio risk-neural o Si applicano alle longeviy-linked securiies gli sessi principi di pricing usai per il pricing dei derivai finanziari, Sharpe raio o Si ipoizza che gli invesiori chiedano per assumere il rischio di longevià un premio per il rischio (Sharpe raio) pari a quello richieso per il rischio non diversificabile di alri srumeni finanziari 38

39 La rasformaa di Wang Wang definisce il seguene operaore di disorsione g λ ( u) = Φ[ Φ ( ) λ] 1 u dove 0<u<1 e λ è un paramero che riflee il rischio insio nei daa (il prezzo di mercao del rischio) La disribuzione di probabilià del mondo reale è disora per produrre valori aesi risk-adjused che possono essere sconai con faori di scono risk-free. Approccio usao da: Lin and Co (2005), Co-Lin-Wang (2006), Denui-Devolder-Goderniau (2007) Su dai ialiani applicao da Levanesi-Menziei-Torri (2010a, 2010c) 39

40 Il prezzo di mercao del rischio Possiamo usare il prezzo di mercao delle rendie per simare λ: Mancanza di un mercao secondario delle rendie in Ialia HP: il valore di mercao delle rendie supposo uguale al valore di mercao calcolao impiegando le basi ecniche di maggiore diffusione (IPS55) 40

41 L approccio risk neural Scarsià di longeviy-linked securiies raae sul mercao Impossibilià di simare un unica misura di probabilià risk adjused. Se il mercao globale è arbirage-free, esise almeno una misura di ipo neurale verso il rischio Q uilizzabile per calcolare il prezzo equo 41

42 L approccio risk neural Incompleezza del mercao delle longeviy-linked securiies i pagameni connessi con la moralià non possono essere replicai Scarsià di longeviy-linked securiies raae sul mercao Problemi ad impiegare meodi arbirage-free Impossibilià di simare un unica misura di probabilià risk adjused. Se il mercao globale è arbirage-free, esise almeno una misura di ipo neurale verso il rischio Q uilizzabile per calcolare il prezzo equo 42

43 L approccio risk neural: il modello CBD Hp su le probabilià di decesso: Con random walk bivariaa con drif 43

44 L approccio risk neural: il modello CBD Se specifichiamo le dinamiche della moralià soo una misura Q di probabilià risk-adjused equivalene, alla misura fisica P dove, è una variabile aleaoria normale sandard bivariaa soo Q rappresena il prezzo di mercao del longeviy risk associao rispeivamene ai processi Z A queso puno il valore di una LLS con singola scadenza all emissione (in zero) in ipoesi di indipendenza ra rischio finanziario e rischio demografico è dao da: V [ ] ( ) P( 0, T ) E ( ) S[ T ] 0 F λ = Q λ 0 44

45 Alcuni approfondimeni LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010a). Longeviy Bond Pricing Models: an Applicaion o he Ialian Annuiy Marke and Pension Schemes. XVIII Inernaional AFIR Colloquium. Rome, Sepember 30 h - Ocober 3 rd p In sampa sul Giornale dell Isiuo Ialiano degli Auari vol. 72 n. 1 (2009); p ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010b). The securiizaion of longeviy risk in pension schemes: he case of Ialy. In: GREGORIOU G. e al. Pension Fund Risk Managemen: Financial and Acuarial Modeling. P Chapman & Hall, CRC Finance Series, New York. ISBN/ISSN: LEVANTESI S., MENZIETTI M., TORRI T. (2010c). On longeviy risk securiizaion and solvency requiremens in life annuiies. Inernaional Conference MAF 2010, Ravello (SA), April

46 Conai Massimiliano Menziei Diparimeno di Scienze aziendali, Universià della Calabria Diparimeno di Saisica, Sapienza - Universià di Roma Cell.: Seminario IIA Milano 12 maggio 2011

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA

L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA La vigilanza e le garanzie finanziarie QUADERNI 12 L ASSET LIABILITY MANAGEMENT NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE SULLA VITA PARTE PRIMA INDICE L Asset-Liability Management nelle imprese di assicurazione

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011

Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 Investire nelle Insurance Linked Securities: UNA NUOVA ASSET CLASS Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Novembre 2011 1 INDICE 1 CONOSCERE LASSETL CLASS E IL MERCATO 2 I VANTAGGI AD INVESTIRE

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE.

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. Whitehall Reply ha supportato INPS nell arricchimento dell offerta online di servizi al cittadino rendendo

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli