ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI"

Transcript

1 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono, durante la rotazione, i denti della ruota condotta: quando la prima avanza di un dente anche la seconda avanza di un dente; è esclusa così ogni possibilità di slittamento. Il rapporto di trasmissione risulta rigorosamente costante e l'entità degli sforzi trasmessi è limitata solo in relazione alla resistenza meccanica dei denti. Vi sono ruote dentate cilindriche (per le trasmissioni fra assi paralleli o sghembi) e ruote dentate coniche (per la trasmissione fra assi concorrenti). Ruote dentate cilindriche a denti diritti Durante il movimento di due ruote dentate cilindriche ingranate si possono individuare due circonferenze tangenti fra loro, dette circonferenze primitive, corrispondenti ai contorni delle ruote di frizione con lo stesso rapporto di trasmissione. Le circonferenze primitive delle due ruote rotolano l'una sull'altra, ovviamente senza strisciare, con la stessa velocità periferica. I denti, intagliati sulla corona della ruota, si estendono fra due circonferenze concentriche al cerchio primitivo: la circonferenza esterna o di troncatura e la circonferenza interna o di fondo. La circonferenza di troncatura limita la sporgenza del dente; la circonferenza di fondo limita la rientranza del dente. E tratto del dente compreso fra la circonferenza primitiva e la circonferenza di troncatura è detto testa del dente; il tratto compreso fra la circonferenza primitiva e la circonferenza di fondo è detta piede del dente; le altezze dei due tratti sono dette rispettivamente addendum e dedendum. Il numero di denti non può che essere un numero intero; è anche opportuno che il diametro primitivo, dal quale dipende la distanza fra gli assi delle ruote dentate, sia un numero razionale. Per evitare di introdurre un numero irrazionale nei calcoli, il dimensionamento dei denti si effettua in funzione del modulo (m): m = d / z Nel sistema modulare metrico i moduli sono unificati: Moduli da preferire: 0,5 1-1,125-1, Moduli possibili: 0,75 1 1,25 1,375 1,75-2,25 2,75 3,5 4,5 5, Moduli da evitare: 3,25 3,75 6,5 ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI: d = diametro primitivo d e = diametro di troncatura d i = diametro di fondo h = altezza del dente a = addendum a = dedendum s = spessore del dente v = vano p = passo.

2 2 Fissato il modulo della dentatura, le dimensioni dei vari elementi costruttivi si determinano mediante le relazioni riportate nella tabella seguente: - diametro primitivo d = mz - passo p = πm - addendum a = m - dedendum a =(7/6)m - altezza del dente h = a + a = (13/6)m - spessore e vano del dente s = v = p/2 = πm/2 - lunghezza del dente b = λ m = 8 12 m - diametro di troncatura o di testa d e = d + 2a = m(z+2) - diametro interno o di base d i = d 2(7/6)m Rapporto di trasmissione Per rapporto di trasmissione ( τ ) di una coppia di ruote dentate si intende il rapporto fra la velocità angolare della ruota motrice e la velocità angolare della ruota condotta; essendo le velocità proporzionali ai rispettivi numeri di giri, si ha: τ = ω 1 / ω 2 = n 1 / n 2 = d 2 / d 1 = z 2 / z 1 dove : n = numero di giri; d = diametro primitivo delle ruote; z = numero di denti; = velocità angolare; 1 = indica i valori riferiti alla ruota conduttrice 2 = indica i valori riferiti alla ruota condotta. Quando il numero di giri della ruota condotta è maggiore del numero di giri della ruota motrice il rapporto di trasmissione è minore di 1 e l'ingranaggio è detto moltiplicatore; quando il numero di gire della ruota condotta è inferiore al numero di giri della ruota motrice il rapporto di trasmissione è maggiore di 1 e l'ingranaggio è detto riduttore. Costanza del rapporto di trasmissione Nelle ruote dentate il punto di contatto C 1 (Figura A) si sposta periodicamente, al passaggio del dente, sia dalla retta dei centri sia dalle circonferenze primitive, in relazione al profilo del dente. Per ottenere che il rapporto di trasmissione si mantenga rigorosamente costante, in modo da evitare il distacco e la compenetrazione dei denti, è necessario che, qualunque sia la posizione del punto di contatto, la linea d azione della spinta esercitata dai denti della ruota motrice sui denti della ruota condotta passi sempre per il punto di tangenza C delle due circonferenze primitive, a distanza dai centri delle ruote inversamente proporzionale ai corrispondenti numeri di giri. I profili che soddisfano questa condizione si dicono coniugati. Perché i due denti possano mantenersi costantemente a contatto, è necessario che il moto relativo sia uno strisciamento nella direzione della tangente t ai profili nel punto di contatto C 1 ; la perpendicolare a t passante per C 1 incontra la retta dei centri nel punto C e rappresenta la linea d'azione della forza trasmessa. Figura A COSTANZA DEL RAPPORTO DI TRASMISSIONE

3 3 In pratica, per motivi di uniformità e semplicità, si considerano solo due tipi di profili: il profilo cicloidale e il profilo evolvente. Questo ultimo, presenta notevoli vantaggi ed è oggi universalmente adottato. Profilo ad evolvente L evolvente è la curva ciclica descritta da un punto di una retta (epiciclo) che rotola senza strisciare su una circonferenza (deferente). Consideriamo la coppia di denti con profilo ad evolvente in Figura B. Essendo C 1, il punto di contatto, in base alle proprietà dell'evolvente la C 1 A e la C 1 B sono normali ai profili dei denti, tangenti alle circonferenze deferenti di centro 0 1 e 0 2 e trovano sulla medesima retta normale alle superfici di contatto nel punto C 1. Perché il rapporto di trasmissione risulti costante, la retta normale alle superfici di contatto deve passare per il punto C di tangenza delle due circonferenze primitive. Di fatto nelle ruote dentate con profilo ad evolvente i punti di contatto si spostano sulla tangente comune alle circonferenze deferenti delle due ruote, passante per il punto C. Il luogo geometrico dei punti di contatto successivi è detto linea d ingranamento o d imbocco. Figura B DENTI CON PROFILO AD EVOLVENTE La spinta dei denti è esercitata lungo la retta normale alle superfici di contatto, coincidente con la linea d ingranamento; ha quindi direzione costante. L angolo θ che la direzione costante della spinta forma con la perpendicolare (c) alla retta dei centri O 1 -O 2 è detto angolo di pressione. Minimo numero di denti Per ottenere ingranaggi riduttori con rapporti di trasmissione notevolmente alti ma non troppo ingombranti, la ruota dentata minore (rocchetto o pignone) deve avere il minimo numero di denti possibile tenendo conto che al di sotto di un certo limite si verifica il fenomeno dell interferenza. Per evitare l interferenza, indicando con: (z'): il numero di denti della ruota più piccola (rocchetto) e con (z"): il numero di denti della ruota maggiore, si dimostra che il numero di denti del rocchetto non deve in pratica essere inferiore a: z min = 2 /{ [(z " /z ' ) 2 + (1 + 2z " /z ' )sen 2 θ] (z " /z ' ) } le

4 4 Proporzionamento della dentatura (METODO REULEAUX) Per semplicità, si può considerare il dente come una mensola, incastrata ad un estremo e sollecitata all estremo libero da un carico concentrato F, di lunghezza uguale all altezza del dente. Nella maggior parte dei casi sono noti la potenza P da trasmettere e i numeri di giri al minuto primo (n) della ruota motrice e della ruota condotta. Con questi dati si può determinare il momento torcente. Indicando la potenza P in [kw], il momento torcente è dato dalle seguenti relazioni: M t = 955,4 P / n [dan m] M t = P / n [dan mm] La forza periferica F è data dal rapporto fra il momento torcente applicato e il raggio primitivo della ruota: F = M t / r Il massimo momento flettente nella sezione d'incastro vale: M f = F (13/6) m = (M t / r ) (13 / 6) m Il modulo di resistenza a flessione è quello di un rettangolo avente per base la larghezza del dente (b = λ m = 8 12 m): W f = (1/6) λ m (π m / 2) 2 L'equazione di stabilita a flessione assume quindi la forma: F ( 13/6) m = k (1/6) λ m (π m / 2) 2 da cui si ricava: m = ³ (10,5 / λ) ³ ( M t / K z) Il coefficiente di proporzionalità λ (λ = b / m) è normalmente 10 (può variare da 8 a 12 secondo la velocità periferica). Queste relazioni sono applicabili sia alla ruota conduttrice sia alla ruota condotta. Il modulo così calcolato, espresso in mm, non risulta in genere un numero intero; deve quindi essere arrotondato al valore immediatamente superiore nelle serie dei moduli unificati. Il coefficiente dinamico di sicurezza alla flessione K' varia con il variare della velocità periferica. Per il carico di sicurezza le ruote si distinguono in ruote di forza e ruote di lavoro. Sono dette ruote di forza quelle utilizzate per trasmettere forze periferiche notevoli con velocità periferiche molto basse (inferiori a 1 m/s). Sono dette invece ruote di lavoro quelle utilizzate per la trasmissione del moto a regimi di rotazione più elevati. Per le prime si assume K uguale al carico di sicurezza statico alla flessione; per le seconde si deve tener conto delle sollecitazioni dinamiche dovute alla velocità periferica e K si determina mediante formule empiriche; le più comuni sono le seguenti: - ingranaggi lenti e scarsamente precisi: K = K [3 / (3 + v)]; - ingranaggi veloci e precisi: K = K [6 / (6 + v)]; - ingranaggi molto veloci e molto precisi : K = K [5,6 / (5,6 + v)]; Per la velocità periferica si assume inizialmente un valore di tentativo; poi, calcolati i raggi primitivi r = m z / 2 si valuta se la velocità periferica assunta è effettivamente accettabile. Quando il valore calcolato della velocità periferica v = 2 π r n / 60 risulta uguale o minore del valore ipotizzato, il modulo definito si può ritenere giusto; se invece il valore calcolato della velocità periferica è superiore a quello ipotizzato, si deve ripetere il calcolo del modulo, considerando una velocità periferica più elevata.

5 5 Proporzionamento della dentatura (METODO LEWIS) I denti di un ingranaggio sono dimensionati correttamente quando presentano al piede una sufficiente resistenza alla flessione pulsante e contemporaneamente, sui fianchi, un valore della pressione specifica inferiore a quello massimo ammissibile. Il loro modulo deve essere pertanto definito in base ai calcoli sia di resistenza a flessione, sia di resistenza a pressione specifica. Il dente viene assimilato ad una mensola incastrata in corrispondenza della circonferenza di piede e caricata all'estremità libera da una forza (F) inclinata di un angolo (α) rispetto all'asse del dente. CALCOLO DEL MODULO CON IL METODO LEWIS Dalla figura si ricava che lo sforzo F si può considerare applicato nel punto in cui la sua retta d azione interseca l asse del dente e si può scomporre nelle due componenti F (normale all asse del dente) e F (in coincidenza con l asse del dente): F = F sen θ F = F cos θ Il momento flettente induce nelle fibre di una parte del dente anche una sollecitazione a trazione, ma le fibre maggiormente sollecitate sono quelle soggette a compressione; ai fini della resistenza, si considera solo la massima sollecitazione di compressione. In una generica sezione del dente si ha: σ = [(F cos θ) / (s b)] + [(6 x F sen θ) / (s 2 b)] Come si vede, il valore della sollecitazione varia da sezione a sezione in relazione al variare della distanza (x) e dello spessore (s). La sollecitazione massima può essere calcolata mediante le seguenti formule: σ = F / b m y = (2 M t ) / (λ m 3 z y) dove: F = forza periferica tangenziale; b = lunghezza del dente; m = modulo; M t = momento torcente; z = numero di denti; λ = rapporto b/m; y = coefficiente di Lewis che dipende da numero di denti e angolo di pressione (vedi tabella). Questo coefficiente è tanto più piccolo quanto minore è il numero di denti; il calcolo si deve quindi effettuare considerando la ruota della coppia con il minor numero di denti. Risolvendo rispetto al modulo (m) si ha: m = ³ [(2 M t ) / (λ σ max z y)] Per la progettazione, la sollecitazione massima si pone ovviamente uguale al carico di sicurezza K ; quindi : m = ³ [(2 M t ) / (λ K z y)] Per il calcolo di K si procede con gli stessi criteri già visti per il metodo di Rouleaux. Definito il modulo, per il calcolo delle dimensioni dei denti si applicano le formule note.

6 6 VALORE DEL COEFFICIENTE y DI LEWIS z Θ = 15 Θ = Verifica ad usura Nel caso degli ingranaggi veloci, con velocità periferiche superiori a [m/s], è opportuno procedere ad una verifica del proporzionamento della dentatura per stabilire se è assicurata una sufficiente durata di funzionamento, tenendo conto dell inevitabile usura dei denti. Dato che sull usura dei denti incide notevolmente la velocità periferica, la verifica si effettua sulla ruota di minore diametro, con la maggiore velocità angolare, indipendentemente dal fatto che sia condotta o conduttrice. Per la determinazione della pressione di contatto (p con ) [dan/mm 2 ], nel caso più comune della dentatura ad evolvente con l angolo di pressione di 20, si può applicare la formula seguente. p con = C [2 M t (1 + e) / b d 2 ] dove: C = coefficiente numerico che dipende dalla natura dei materiali; acciaio/acciaio C = 151 acciaio/ghisa C = 123 ghisa/ghisa C = 107 M t = momento torcente [danmm] b = larghezza del dente [ mm ] d = diametro primitivo della ruota minore [ mm ] e = rapporto fra il numero di denti della ruota minore e il numero di denti della ruota maggiore. La pressione massima ammissibile dipende dalla durezza superficiale dei denti, dalla frequenza di rotazione della ruota minore e dalla durata di funzionamento prevista. Si può determinare con la formula seguente: p max = 2,5 HB / 6 (n h) dove: HB = durezza Brinell del materiale; n = numero di giri al minuto della ruota minore; h = ore di funzionamento previste. La durata dell ingranaggio è definita in relazione al funzionamento; orientativamente si possono considerare le seguenti durate: ore per il funzionamento continuo; ore per il funzionamento discontinuo; ore per il funzionamento saltuario. La durezza Brinell può essere ricavata con sufficiente approssimazione dalla tabella: - acciai comuni HB ghisa grigia HB ghisa speciale HB Se non risulta soddisfatta la condizione p con p max si deve ridurre p con (aumentando la larghezza della ruota o il diametro primitivo) o aumentare p max (aumentando la durezza del materiale). Rendimento delle ruote dentate cilindriche a denti diritti

7 7 Nelle trasmissioni con ruote dentate, a causa dello strisciamento fra i denti, si genera una resistenza d attrito direttamente proporzionale alla forza trasmessa e al coefficiente d attrito radente tra i materiali a contatto. La potenza disponibile sull albero condotto è quindi senz altro inferiore a quella presente sull albero motore. La perdita di potenza è evidentemente tanto maggiore quanto minore è il rendimento della coppia cinematica. Indicando con (z 1 ) e (z 2 ) i numeri di denti delle due ruote e con (f) il coefficiente d attrito radente, si dimostra, (con una serie di passaggi alquanto laboriosi) che, per le ruote dentate cilindriche: η = 1 / {1 + f π [(1 / z 1 ) + (1 / z 2 )]} Il valore di (f) varia normalmente da 0,15 a 0,25. In genere il rendimento degli ingranaggi è elevato; può essere migliorato con un efficace lubrificazione fra i denti in presa.

8 With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union. This project has been funded with support from the European Commission. 8

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 Anno Scolastico 009/010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 TRASMISSIONE DEL MOTO CON - RUOTE DI FRIZIONE - RUOTE DENTATE - CINGHIE PIATTE E TRAPEZIOIDALI Prof. Matteo Intermite

Dettagli

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Proporzionamento della trasmissione a cinghie Noti la potenza nominale P n del motore, il tipo di motore e di

Dettagli

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale Scheda riassuntiva 3 capitoli 5-6-8 Ingranaggi Generalità L ingranaggio è un meccanismo composto da due ruote dentate, una delle quali trasmette il moto all altra attraverso la dentatura. Caratteristiche:

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate

Università degli Studi della Calabria. Ruote dentate Trasmissione di moto rotatorio mediante ruote di frizione (ad assi paralleli od anche sghembi) Accoppiamento ruota/dentiera Coppia di ruote dentate fra loro ingrananti: la distanza fra i denti lungo la

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Ruote Dentate. Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015. Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica

Ruote Dentate. Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015. Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Ruote Dentate Ing. Alessandro Carandina A.A. 2014/2015 Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Introduzione TRASMISSIONE DEL MOTO DA UN ASSE AD UN ALTRO 2 CINGHIA SINCRONA Assi paralleli Alberi

Dettagli

Progettazione funzionale di sistemi meccanici Ruote dentate

Progettazione funzionale di sistemi meccanici Ruote dentate Sommario Ruote dentate prof. Paolo Righettini paolo.righettini@unibg.it Università degli Studi di Bergamo Mechatronics And Mechanical Dynamics Labs January 10, 2012 Sommario Parte I Introduzione alle ruote

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Trasmissione del moto Prof. S. Pascuzzi 1 Trasmissione del moto ELEMENTO CONDUTTORE impartisce il moto mediante

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

VOLUME 2 - MODULO B UNITÀ DIDATTICA B2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA INIZIALE

VOLUME 2 - MODULO B UNITÀ DIDATTICA B2 SOLUZIONE DEL PROBLEMA INIZIALE VOL_B VOLUME - MODULO B UNITÀ DIDATTICA B SOLUZIONI DELLE VERIFICHE DEI PREREQUISITI 1. a) ω 314,16 rad/s; b) v 18,85 m/s. a) v 137,6 km/h; b) F 400 N 3. istantanea rotaione; pari a ero; istante dopo istante

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

Trasmissione del moto tra assi paralleli

Trasmissione del moto tra assi paralleli Ruote dentate Autori: Monica Malvezzi/Luca Pugi Aggiornata al 0 marzo 00 (Bozza si ringraziano tutti coloro che dovessero segnalare eventuali sviste, errori, etc) Trasmissione del moto tra assi paralleli

Dettagli

COPPIE CONICHE PER TRASMISSIONI TRA ASSI ORTOGONALI

COPPIE CONICHE PER TRASMISSIONI TRA ASSI ORTOGONALI DICHIARAZIONE DI INTENTI Il progetto modifica dell attuale assortimento di coppie coniche, sviluppato con l intento di unificare l esecuzione di questo prodotto e di ridurre il numero delle posizioni di

Dettagli

M296 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO

M296 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO M29 ESME DI STTO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRILE CORSO DI ORDINMENTO Indirizzo: MECCNIC Tema di: DISEGNO, PROGETTZIONE ED ORGNIZZZIONE INDUSTRILE Nel disegno allegato è rappresentato un albero che trasmette

Dettagli

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE Gli ingranaggi cilindrici e le cremagliere sono gli elementi classici per la trasmissione meccanica dei movimenti di rotazione e di traslazione tra

Dettagli

18. Ruote dentate. Figura 18.1: Forze scambiate tra due ruote dentate

18. Ruote dentate. Figura 18.1: Forze scambiate tra due ruote dentate 18. Ruote dentate 18.1 Generalità Per ovviare all inconveniente caratteristico delle ruote di frizione di non poter trasmettere grandi valori della forza periferica (e quindi grandi potenze), basta munire

Dettagli

Elementi di disegno di macchine

Elementi di disegno di macchine Elementi di disegno di macchine Elementi Collegamenti Filettati Alberi per trasmissione di potenza Collegamenti albero mozzo Trasmissione del moto rotatorio Cuscinetti e supporti Tenute e guarnizioni Collegamenti

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Meccanica e Macchine esame 006 MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Sessione ordinaria 006 Si debba trasmettere una potenza di 7,5 kw da un motore elettrico avente velocità angolare di 1450 giri/min

Dettagli

Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli

Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli Nella ruota dentata cilindrica a denti elicoidali le linee dei fianchi, essendo delle eliche, sono inclinate di un angolo β rispetto

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI Una trasissione eccanica è il coplesso degli organi che servono per trasettere potenza in un sistea eccanico. Alcuni di tali organi, coe alberi, giunti e innesti, trasettono

Dettagli

Strumenti di controllo degli organi meccanici

Strumenti di controllo degli organi meccanici Strumenti di controllo degli organi meccanici Il controllo dello spessore dei denti di un ingranaggio, può essere effettuato mediante il calibro a doppio nonio o mediante un micrometro a piattelli. Calibro

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE Prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (VO) Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Schede tecniche - Ingranaggi di precisione

Schede tecniche - Ingranaggi di precisione Schede tecniche Ingranaggi di precisione Ingranaggi a denti dritti ed elicoidali Formula Formula Descrizione Simbolo Unità Ingranaggi a denti diritti Ingranaggi elicoidali Modulo reale m n Modulo apparente

Dettagli

Si ipotizza che i coni della frizione siano in ghisa e che tra essi sia interposto del ferodo. (pag. I-79, I- 80)

Si ipotizza che i coni della frizione siano in ghisa e che tra essi sia interposto del ferodo. (pag. I-79, I- 80) Traccia Lo schema disegnato in figura rappresenta un innesto a frizione conico con il quale si deve trasmettere la potenza di 125 kw che ruotano a 2000 giri/minuto Fissato con motivato criterio ogni elemento

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

RUOTE DENTATE Perdite e rendimento

RUOTE DENTATE Perdite e rendimento Dipartimento di Ingegneria eccanica, Nucleare e della Produzione UOTE DENTATE Perdite e rendimento Prof. Ing. Enrico ANFEDI Integrazione degli argomenti trattati al Cap. 5 del testo di Juvinall e arshek:

Dettagli

TRASMISSIONI DI POTENZA. RUOTE DENTATE Prof. C.Brutti

TRASMISSIONI DI POTENZA. RUOTE DENTATE Prof. C.Brutti TRASMISSIONI DI POTENZA RUOTE DENTATE Prof. C.Brutti GENERALITA Le ruote dentate sono l elemento meccanico più diffuso per la trasmissione della potenza tra assi diversi, paralleli, incidenti o sghembi.

Dettagli

SISS VENETO IX CICLO

SISS VENETO IX CICLO SISS VENETO IX CICLO Anno Accademico 008-009 INDIRIZZO TECNOLOGICO CLASSE DI ABILITAZIONE A00 (Discipline meccaniche e tecnologia) TESI DI SPECIALIZZAZIONE UNITA DIDATTICA IL CALCOLO A RESISTENZA DELLE

Dettagli

10.1 Disegno, p. o. i. V

10.1 Disegno, p. o. i. V 0. tema proposto all'esame di Stato 20 DIMENSIONAMENTO DELL'ALBERO L'albero, che ha una lunghezza complessiva di 700 mm (0,70 m), è da considerarsi come una trave isostatica disposta su due cerniere ed

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI. Via Legione Gallieno, 52-36100 Vicenza-Tel. 0444/500566 fax 0444/501808 DISEGNO TECNICO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI. Via Legione Gallieno, 52-36100 Vicenza-Tel. 0444/500566 fax 0444/501808 DISEGNO TECNICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI Via Legione Gallieno, 52-36100 Vicenza-Tel. 0444/500566 fax 0444/501808 DISEGNO TECNICO RELAZIONE SUL DIMENSIONAMENTO DI UNA TRASMISSIONE A CINGHIA

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli

COPPIE CONICHE STANDARD

COPPIE CONICHE STANDARD COPPIE CONICHE ESECUZIONE STNDRD pag. 6 ESECUZIONE SPECILE CH pag. 10 ESECUZIONE DIN 3971 pag. 17 SPIROIDLI pag. 23 PRODUZIONI SPECILI RICHIEST pag. 26 INGRNGGI CONICI INGRNGGI CONICI COPPI CONIC DENTI

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

Costruzione di macchine. Le ruote dentate. Prof. Curti Graziano Corso di Ingegneria Meccanica

Costruzione di macchine. Le ruote dentate. Prof. Curti Graziano Corso di Ingegneria Meccanica Costruzione di macchine Le ruote dentate Prof. Curti Graziano Corso di Ingegneria Meccanica Sommario Le ruote dentate Sommario... Definizione delle caratteristiche geometriche notevoli... Profilo dei denti

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Cambio meccanico. 1. Scelta dei rapporti da utilizzare nel semplice cambio simulato.

Cambio meccanico. 1. Scelta dei rapporti da utilizzare nel semplice cambio simulato. Luca Landi Cambio meccanico Lo studio, condotto in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria industriale dell Università di Perugia e la Comev Spa di Montevarchi (AR), si prefigge l abbattimento

Dettagli

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.

I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova. PAG. 1/5 I.T.I.S. «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it ww.itismarconipadova.it DIPARTIMANTO DI MECCANICA E MACCHINE A FLUIDO Rev.

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

P: potenza in kw, n: numero di giri R: raggio puleggia in metri B = 1,1 b + 10 mm dove: B: larghezza corona l = B dove l : lunghezza mozzo puleggia

P: potenza in kw, n: numero di giri R: raggio puleggia in metri B = 1,1 b + 10 mm dove: B: larghezza corona l = B dove l : lunghezza mozzo puleggia ESERCIZIO Si deve provvedere all accoppiamento, con un riduttore a ruote dentate cilindriche a denti diritti, tra un motore asincrono trifase e un albero, rappresentato nello schema, che a sua volta trasmette

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

Oli Klübersynth GH 6 Oli sintetici per ingranaggi e per alte temperature

Oli Klübersynth GH 6 Oli sintetici per ingranaggi e per alte temperature Descrizione: Gli oli Klübersynth GH 6 sono oli per ingranaggi e per alte temperature a base di poliglicoli. Presentano una elevata resistenza al grippaggio e offrono buona protezione antiusura; nel test

Dettagli

Imetodi usati per la produzione

Imetodi usati per la produzione Un software per ottimizzare la rigidezza d ingranamento In questo articolo si presenta il calcolo delle geometria dei denti usando utensili diversi; sulla base di questa geometria, si calcolano la rigidezza

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

http://www.istitutomarzoli.it

http://www.istitutomarzoli.it CLASSE: 5 Dm MECCANICA DISCIPLINA: MECCANICA APPLICATA MACCHINE A FLUIDO DOCENTI: VALERIO MARINI SILVESTRO ILISCO LIBRI DI TESTO E SUSSIDI DIDATTICI: ANNO SCOLASTICO 2014 2015 P. MIRAGLINO, CORSO DI MECCANICA

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE 1 Alessandro Gasparetto MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Appunti delle lezioni www.mechatronics.it 2 Indice 1 Meccanica delle superfici 3 1.1 Richiami sulle caratteristiche dei solidi.....................

Dettagli

Corso di Meccanica Applicata alle Macchine 2 (SV) A.A. 2004/2005 - cap. 1 - pag. 1 1.1 - GENERALITÀ

Corso di Meccanica Applicata alle Macchine 2 (SV) A.A. 2004/2005 - cap. 1 - pag. 1 1.1 - GENERALITÀ Cap. 1 - MECCANISMI 1.1 Generalità 1.2 Ruote di frizione 1.3 Ruote dentate ed ingranaggi 1.4 Ruote e flessibili: cinghie, funi e catene 1.5 Variatori di velocità 1.6 Giunti 1.7 Innesti 1.8 Freni 1.9 Sistemi

Dettagli

ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE

ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio di disegno CAD ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore Disegno, Progettazione ed rganizzazione Industriale esame 03 DISEGN PRGETTZINE RGNIZZZINE INDUSTRILE Sessione ordinaria 03 L albero di trasmissione rappresentato in figura trasmette una potenza P = 5 kw

Dettagli

VIRTUTE DUCE, COMITE FORTUNA

VIRTUTE DUCE, COMITE FORTUNA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. NOBILI Via Makallè, 10 4100 REGGIO EMILIA C.F. 8001550358 tel. 05 91433 - FAX 05 51768 E-mail: info@itisnobili.org http://www.itisnobili.org anno scolastico 010-011

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi dei corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e Ingegneria Gestionale Testi delle esercitazioni

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5

TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 TORNI PARALLELI PESANTI mod. 1A670, 1A670-12,5 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate ad eseguire le operazioni di sgrossatura

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Saranno forniti i criteri per la scelta dei servomotori e dei principali componenti meccanici di un azionamento di avanzamento. dimensionamento stazionario

Dettagli

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE Gli ingranaggi cilindrici e le cremagliere sono gli elementi classici per la trasmissione meccanica dei movimenti di rotazione e di traslazione tra

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

Robot a tre gradi di libertà

Robot a tre gradi di libertà Area di progetto 4AM 2008/2009 Robot a tre gradi di libertà ROTAZIONE: coppia ruota vite senza fine TRASLAZIONE orizzontale: vite a ricircolo di sfere TRASLAZIONE verticale: cilindro pneumatico a doppio

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

FUNZIOAMENTO il principio di funzionamento dello spaccalegna a vite denota le seguenti forze:

FUNZIOAMENTO il principio di funzionamento dello spaccalegna a vite denota le seguenti forze: Studio ingegneristico per il funzionamento della vite spaccalegna si presenta uno studio dello spaccalegna a vite, considerando che questo materiale è puramente SPERIMENTALE e atto ad un attività di ricerca

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE MULTIRAPPORTO PER MOTORI DIESEL AERONAUTICI

SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE MULTIRAPPORTO PER MOTORI DIESEL AERONAUTICI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA Sede di Forlì ELABORATO FINALE DI LAUREA In DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni)

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Progettazione (Metodi, Strumenti, Applicazioni) PROGETTAZIONE AVANZATA DI INGRANAGGI Parte 2 Valutazione della capacità di carico Carlo GORLA CEDIMENTO PER FLESSIONE

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

ROTISMI EPICICLOIDALI

ROTISMI EPICICLOIDALI 1 ROTISMI EPICICLOIDALI Rotismi ordinari: Rotismi epicicloidali 1 : sono quei rotismi nei quali gli assi delle ruote impegnate nella catena cinematica sono fissi nello spazio. sono quei rotismi che comprendono

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE COSTRUZIONI GEOMETRICHE Anno Accademico 2014-2015 Le Costruzioni Geometriche Nello studio del disegno tecnico, inteso come linguaggio grafico comune fra i tecnici per la progettazione

Dettagli

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza

Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Leonardo Vita Leonardo.vita@ispesl.it Marco Pirozzi marco.pirozzi@ispesl.it L albero cardanico L albero cardanico é un organo meccanico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo

Fresatura. Moto di taglio utensile rotatorio. Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno. Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Fresatura Moto di taglio utensile rotatorio Moto di avanzamento pezzo lineare rettilineo o meno Moto di registrazione pezzo lineare discontinuo Moto di lavoro cicloidale Periferica asse fresa // superficie

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli