RIFLESSIONI SULLA CRISI. a cura di Giuseppe Garofalo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIFLESSIONI SULLA CRISI. a cura di Giuseppe Garofalo"

Transcript

1 RIFLESSIONI SULLA CRISI a cura di Giuseppe Garofalo

2 L effetto domino!!?? Il mostro che risorge continuamente

3 Un atteggiamento ambivalente Una fiducia cieca nel mercato La domanda della Regina Perché la maggioranza degli economisti non ha previsto la crisi finanziaria E TU NON CI PUOI FAR NIENTE, NIENTE!

4 Caccia al colpevole Gli economisti?» I MERCATI? La dimensione della politica? Non Non due due termini termini contrapposti perché contrapposti non c è soluzione se si sacrificano gli uni o gli altri nelle rispettive funzioni» Gli STATI? Produrre e distribuire reddito Far fronte ai fallimenti degli Stati Redistribuire reddito Far fronte ai fallimenti del mercato

5 Un osservatorio privilegiato Università di Chicago: la culla del liberismo (Friedman, Lucas, Fama, ) Il revisionismo al suo interno Traduzione sul versante politico: thatcherismo, reaganismo [anni 80] 2009

6 C è [C era, nel 1993] capitalismo e capitalismo Capitalismo renano Con la vittoria del thatcherismoreaganismo sembra prevalere il modello anglosassone Un tipo di organizzazione economica ed istituzionale, nata in Germania e successivamente diffusasi in Giappone. Nel modello in esame la proprietà della grande impresa è condivisa da azionisti formati da: grandi banche; società di assicurazione; fondazioni legate alle imprese; fondi collegati ai dipendenti o ai sindacati. Gli azionisti partecipano attivamente alla gestione quotidiana dell'impresa affiancandosi ai managers e ai rappresentanti dei dipendenti dell'azienda. Esiste, inoltre, un rapporto costante fra l'impresa e le istituzioni pubbliche, il che contribuisce a rendere stabile il complesso equilibrio fra le diverse forze che fanno capo all'impresa. Il fitto intreccio di rapporti, fra i diversi attori sociali, afferma l'idea che l'impresa non è un bene qualunque e non può essere, quindi, acquistata o venduta come un qualsiasi altro bene. Ciò esclude a priori la possibilità di take over ostili, i quali sono invece fortemente osteggiati. Capitalismo anglosassone Negli Stati Uniti e nei paesi anglosassoni in genere l'assetto delle imprese è caratterizzato dalla netta divisione fra proprietari (azionisti privati, fondi di investimento, fondi pensione, imprese di assicurazione) e managers. Il ruolo degli azionisti nella gestione dell'impresa è sostanzialmente anonimo e marginale, poiché essi sono interessati solo al flusso di profitti che l'impresa è in grado di produrre. Al contrario, ai managers è affidata l'effettiva gestione delle imprese; i loro obiettivi, però, possono essere profondamente diversi (a volte, addirittura in contrasto) da quelli dei proprietari: massimizzazione dei propri stipendi, semplice sopravvivenza dell'impresa ecc. I conflitti fra azionisti e managers sorgono, vista la divisione dei compiti e i diversi obiettivi, nel momento in cui i primi vedono minacciati i loro diritti di proprietari. Da qui nasce la paura di acquisizione ostili, l'ossessione del breve periodo che conducono a stretegie aziendali spesso distruttive. L'esistenza, poi, di un mercato finanziario molto dinamico e soprattutto molto informato sugli andamenti delle imprese, spinge i proprietari a pretendere delle strategie aziendali capaci di contenere eventuali take over ostili.

7 Sistemi di Welfare

8

9

10

11 La distribuzione del reddito

12

13 10 PAESI OCSE CON LA PEGGIORE DISEGUAGLIANZA DI REDDITO Coeff. di Gini e, in parentesi, il tasso medio annuo di variazione tra la metà degli anni 80 e la fine degli anni 00 Cile 0,5[-0,47] Messico 0,48 [0,21] Turchia 0,41 [-0,26] USA 0,38 [0,48] Israele 0,37 [0,57] Portogallo 0,36 [-0,17] Regno Unito 0,34 [0,77] Italia 0,34 [0,36] Australia 0,34 [0,64] Nuova Zelanda 0,33 [0,86]

14 A volte ritorna Crisi del Dalla fine del 2006: crisi dei mutui sub-prime e. quel che ne è seguito

15 Una stima solo iniziale degli effetti Nell'aprile 2009, il Fondo Monetario Internazionale ha stimato in miliardi di $ il totale delle perdite delle banche ed altre istituzioni finanziarie a livello mondiale. La cifra corrisponde ad un reddito annuo di $ per 200 milioni di lavoratori.

16 Il meccanismo della crisi secondo Minsky In periodi di espansione, quando il flusso di cassa delle imprese supera la quota necessaria per pagare i debiti, si sviluppa un'euforia speculativa. All'origine delle crisi vi è uno "spostamento", un evento, esterno rispetto al sistema macroeconomico, che spinge i soggetti a credere che vi saranno forti rialzi nel valore delle attività (siano queste reali o finanziarie). Ne consegue un'espansione creditizia, che alimenta ulteriormente l'euforia. Nel momento in cui ci si rende conto che l'espansione dei prezzi è terminata, inizia la corsa alla vendita, che può portare al panico sui mercati, e ad effetti negativi anche sull'economia reale.

17 La crisi nasce dall eccesso di indebitamento delle imprese dello Stato Talora (v. USA): delle famiglie del Paese vs l Estero

18 Una formalizzazione Risparmio = Investimento + Deficit pubblico + Surplus commerciale Nazionale o Estero Avere un surplus commerciale equivale ad una contrazione dei consumi interni (v. Cina e Giappone)* *Avere un deficit commerciale vuol dire vivere al di sopra delle proprie possibilità grazie al risparmio dell Estero (v. USA)

19 Non si capisce la crisi... se non si tiene presente la fase precedente di euforia ir razionale

20 Per contrastare la crisi. occorre l intervento pubblico attraverso: - il prestatore di ultima istanza (Banca centrale) - il contrasto alla speculazione (Vigilanza, regolazione micro/macro prudenziale, mezzi adeguati per contrastare masse di denaro alla ricerca degli anelli deboli ) - il sostegno della domanda aggregata da parte del governo (in un quadro di espansione della domanda mondiale tale da spingere le esportazioni)

21 Le difficoltà di attuare le misure di contrasto nella situazione attuale Gli eccessi della finanziarizzazione L ortodossia monetarista della BCE Il forte indebitamento accumulato dal settore pubblico che inibisce le politiche espansionistiche La fragilità dell equilibrio finanziario internazionale Lo scarso coordinamento internazionale

22 L espansione della finanza Il Pil mondiale, ovvero il valore di tutti i beni e servizi prodotti in tutti gli stati del globo, era pari, nel 2010, a 63 mila miliardi di dollari [erano 37 mila miliardi nel 2003]. Le transazioni annuali in attività finanziarie (titoli) erano pari, nel 2010, a 851 mila miliardi di dollari [erano 321 mila miliardi nel 2003] Dunque, per ogni dollaro di prodotto reale ce ne sono 14 di finanza [nel 2003 il rapporto era 1 a 9] Degli 851 mila miliardi di dollari: - solo 250 mila sono in attività finanziarie tradizionali (azioni, obbligazioni, e, soprattutto, cambi): dunque, 4 dollari per ognuno di prodotto mila sono in derivati (futures, swaps) sono titoli creati a fronte di titoli sottostanti; sono utilizzati per copertura dal rischio o a fini speculativi; sono scambiati su mercati poco regolamentati).

23 Finanza e attività di controllo

24 In sostanza, la finanza [i mercati finanziari]. esercita, tra le altre cose, una valutazione sempre aggiornata sulla credibilità/non credibilità delle azioni: - delle imprese [mercato azionario ed obbligazionario], - ma anche degli Stati [mercato dei titoli pubblici], - e, più in generale, dei paesi [mercato valutario], nonché sulla sostenibilità nel lungo periodo delle strategie intraprese dai vari soggetti [mercati a termine, Credit default swap, spread, ]

25 Speculatori : vil razza dannata Sui mercati finanziari si agisce in base ad aspettative sul futuro e questo è quanto fanno gli speculatori (rialzisti / ribassisti) I rischi sorgono quando: - il mercato è a senso unico (euforia / panico) perché in quel caso le aspettative si autorealizzano, - si allontana di molto dalla concorrenza perfetta (vi sono pochi operatori dominanti con forti conflitti di interesse) - manca una regolamentazione che, nelle condizioni attuali, deve essere su scala sovranazionale Financial Stability Board [l organismo, sorto nel 1999 e con sede a Basilea, vede rappresentati tutti i paesi del G20 (governi e banche centrali), nonché la Commissione Europea]: ma ha prodotto poco, ad es. riguardo alle vendite allo scoperto o alle operazioni sui derivati, che amplificano di molto gli andamenti dei mercati all insù o all ingiù data la possibilità di sfruttare l effetto leva!! Da ripensare è, forse, anche il modello di banca globale, o universale, ritornando alla separazione tra attività creditizie di base svolte da banche commerciali e quelle, molto più remunerative ma ad alto rischio, di investment [casinò] banking [si vedano le raccomandazioni dell estate 2011 dell inglese Independent Commission on Banking coordinata da J.Vickers] Cfr. con Usa: 1933 Glass-Steagall Act: adozione del principio di separazione 1999 Gramm-Leach-Bliley Act: abolizione principio di separazione

26 Una nuova Bretton Woods? Tra il 1 e il 22 luglio 1944 si tenne una conferenza internazionale per definire l assetto economico mondiale e, in particolare, il sistema di gestione degli scambi monetari dopo la II guerra mondiale. Vennero creati il FMI e la Banca mondiale, mentre il dollaro divenne la valuta di riferimento per gli scambi internazionali. Alla conferenza partecipò anche Keynes (per conto del governo inglese) con un piano favorevole ad una maggiore cooperazione internazionale rispetto al piano concorrente dell americano White, uscito vincitore. Nel 1971 il sistema entrò in crisi con il passaggio dal dollaro convertibile (in oro negli scambi tra banche centrali) al dollaro non convertibile, e da un regime di cambi fissi ad uno a cambi flessibili. Dal 2008, soprattutto da parte della Francia, vi è la richiesta di ridefinire l assetto del sistema finanziario e monetario mondiale A livello teorico l utilità di un approccio cooperativo ai problemi dell economia globale era stata sottolineata ben prima: da ultimo, a partire dal 2003, con riferimento al fenomeno delle global imbalances (v. slide 31)

27 Il coordinamento internazionale delle politiche economiche: i vantaggi delle soluzioni cooperative ed i limiti di attuazione Con applicazioni di teoria dei giochi (Hamada 1985) si può dimostrare che: il coordinamento sarebbe vantaggioso per tutti gli agenti/giocatori (paesi o aree geo-economiche): soluzione Pareto-ottimale la mancanza di fiducia e il vantaggio a comportarsi da free rider inducono ciascun giocatore a deviare dall accordo l esito finale è sub-ottimale: equilibrio di Nash Ciascun giocatore fa ciò che è meglio per sé, cioè mira a massimizzare il proprio guadagno, a prescindere dalle scelte degli avversari, sotto la congettura che il comportamento dei rivali non varierà a motivo della sua scelta. La situazione è tipica del dilemma del prigioniero : potrebbe aumentare il guadagno di tutti qualora i giocatori deviassero congiuntamente dalla soluzione definita (equilibrio di Nash), cercando di ottenere il miglior risultato per il gruppo. Nei casi in cui la razionalità collettiva contrasta con quella individuale, è necessario un accordo vincolante tra i giocatori (e una istituzione che vigili su tale accordo) nonché sanzioni credibili nei confronti di chi non lo rispetta.

28 Intrecci (azionari) pericolosi tra Banche d affari, Società di gestione fondi e Agenzie di rating

29

30

31 Listini dominati da fondi che gestiscono 50mila miliardi di dollari e da banche più grandi degli Stati di Morya Longo (Il Sole 24 ore, ) BlackRock a giugno considerava l'italia il quinto paese più rischioso al mondo, su una lista di 44 Stati. E lo scriveva nero su bianco. A dicembre, dopo il cambio di Governo, ha però cambiato idea: oggi addirittura sovrappesa, dunque acquista oltre le proporzioni normali, i titoli di Stato italiani. La notizia non sarebbe di grande rilievo, se BlackRock non fosse la società di fondi d'investimento più grande al mondo: ha in gestione miliardi di dollari. Insomma: maneggia somme una volta e mezza più grandi del Pil italiano. Le sue scelte sono dunque in grado di mobilitare una quantità enorme di denari sui mercati finanziari. Tanto da far sorgere una domanda: BlackRock è in grado, solo per la stazza immensa, di influenzare i mercati stessi? Le sue decisioni potrebbero avere influito nella crisi prima, e nella salvezza poi, dell'italia? La stessa domanda potrebbe essere rivolta a molti altri giganti della finanza. I fondi pensione secondo le stime di qualche anno fa di McKinsey hanno in gestione nel mondo qualcosa come 25mila miliardi di dollari. I fondi comuni 18mila miliardi. Le assicurazioni 16mila miliardi. I fondi sovrani 5mila miliardi. Denari non equamente distribuiti, ma concentrati in pochi giganti che ne controllano la quota maggiore. Ci sono poi le grandi banche, che fanno girare direttamente o indirettamente la fetta maggiore dei mercati finanziari: i primi 5 istituti americani detengono per esempio 310mila miliardi di dollari di derivati. Chiamateli «burattinai». Oppure «padroni dell'universo». O anche «elefanti nella cristalleria»: sta di fatto che, comunque si muovano, potrebbero influire sulla crisi o sulla salvezza di interi Stati, aziende o banche. Too big to fail I primi «padroni dell'universo» sono proprio le grandi banche. Non solo hanno attivi totali giganteschi: Barclays arriva a miliardi di dollari (pari al Pil della sua patria, cioè la Gran Bretagna), Hsbc a miliardi, Bank of America miliardi. Ma il vero problema è che svolgono attività intrecciate, facendo girare somme enormi di denari. Le grandi banche, per esempio, hanno in casa i maggiori fondi comuni: i fondi di Barclays e JP Morgan sono catalogati da McKinsey tra i primi dieci più grandi investitori del mondo. Contemporaneamente le stesse banche gestiscono i soldi propri, investendoli sul mercato. Ma svolgono anche il servizio di broker, intermediando per conto di clienti le compravendite di azioni, bond o derivati. Questo non permette loro di determinare i prezzi in senso stretto, ma di influire sul cosiddetto spread tra denaro (prezzi in acquisto) e lettera (in vendita): in questo modo possono, nei momenti di crisi, rendere illiquidi (cioè invendibili) determinati titoli. Le grandi banche poi svolgono attività di prestito titoli: «Con il tasso d'interesse a cui prestano i titoli osserva un addetto ai lavori possono facilitare o meno le vendite allo scoperto. Dunque possono, indirettamente, influenzare le scelte degli hedge fund». Ebbene: con tutte queste attività intrecciate, può una banca determinare gli eventi finanziari? Sul mercato in tanti credono di sì. Tanti credono invece che la concorrenza annulli il potere di ogni singolo soggetto. Sta di fatto che, complice la mancanza di trasparenza sui mercati, il dubbio c'è. Il rischio anche.

32 I grandi fondi E c'è anche per i grandi fondi. BlackRock è il maggiore. Oltre ad avere in gestione miliardi di dollari (di cui però la metà in forma passiva legata ad Etf), il colosso vende a 200 investitori di tutto il mondo (che hanno miliardi di attivi) il suo software di gestione dei rischi. Questo software è totalmente asettico: non dice assicurano da BlackRock come o dove investire, ma scompone semplicemente i rischi di ogni portafoglio. Eppure, indirettamente, potrebbe influenzare le scelte di allocazione di miliardi di dollari: a seconda di come sono scelti i parametri pur asettici i 200 investitori potrebbero infatti comportarsi in maniera simile. Potrebbe questo, in certi momenti, determinare movimenti in massa? Da BlackRock lo negano. Ma, in fondo, non è possibile escluderlo. Anche Pimco, il più grande fondo obbligazionario con miliardi di dollari in gestione, nega di avere alcun potere di muovere i mercati. «La controprova osserva Alessandro Gandolfi, country head in Italia sta nel fatto che nel 2011 abbiamo puntato contro i T-Bond Usa, ma il mercato si è mosso nella direzione opposta rispetto alla nostra scommessa». Vero. Vero anche, però, che su mercati più piccoli l'impatto di una scelta di Pimco potrebbe essere maggiore. Vero inoltre che di esempi opposti (cioè di scommesse azzeccate da parte dei grandi fondi) ce ne sono a iosa. L'effetto «pecoroni» Il potere di questi giganti deriva anche da un altro aspetto: hanno una capacità di trascinamento, dato che quotidianamente pubblicano studi e opinioni. Ogni giorno ci sono azioni che salgono o scendono perché qualche banca d'affari ha raccomandato un «buy» (comprare) o un «sell» (vendere). Le stesse banche, o i grandi fondi, pubblicano anche studi sugli Stati. Report che se prodotti da piccoli istituti non vengono neppure letti, ma quando sono realizzati dai big della finanza producono effetti tangibili. Per un motivo banale: tutti sanno soprattutto sui mercati azionari che quei report influenzano le scelte di tanti soggetti. Così in tanti si adeguando. Questo pone anche un altro interrogativo: i report sono sempre frutto dell'indipendente analisi di esperti, oppure servono per giustificare o rafforzare politiche delle banche? «Mi è capitato confessa sotto tutela di anonimato al Sole 24 Ore un economista uscito da un istituto italiano di non poter esprimere in pieno le mie opinioni, perché contrastavano con la politica della banca». «I report sono creati ad uso e consumo degli interessi della banca», osserva un altro addetto ai lavori. Queste sono solo testimonianze, e ovviamente se ne possono raccogliere altre di segno opposto. Ma lasciano comunque un sospetto: che i big della finanza possano muovere masse ingenti di soldi, "pilotando" poi le scelte degli altri a proprio vantaggio attraverso i report. I signori delle pagelle Veniamo così ai più famosi valutatori del mondo: le agenzie di rating. Loro non investono, non muovono denari. Eppure, con i loro giudizi, influenzano le decisioni di milioni di investitori. Motivo: tanti fondi sono vincolati, nei loro investimenti, dai rating. «Molti fondi hanno nei documenti costitutivi l'imperativo di tenere titoli valutati Tripla A racconta Annachiara Marcandalli, managing director di Cambridge Associates. Quando Standard & Poor's ha declassato gli Stati Uniti, tanti hanno dovuto adeguare gli statuti per non essere costretti a vendere T-Bond». Il giorno che cambiare gli statuti non sarà più possibile, sui T-Bond partiranno vendite forzate. Stesso discorso per i BTp italiani: se venissero ulteriormente declassati, dall'attuale "BBB+", molti fondi sarebbero costretti a scaricarli. Tutto questo mette nelle mani delle agenzie di rating un enorme potere: ammesso (e non concesso) che i loro giudizi siano tutti impeccabili, il rischio è che in ogni caso le loro parole diventino profezie auto-avveranti. Sommando il loro potere a quello delle grandi banche e dei grandi fondi, tutto questo pone rischi potenziali di stabilità. Anche perché tutti questi soggetti, come si vede nella grafica, sono in gran parte intrecciati da legami azionari l'uno all'altro. Come in una grande ragnatela. In mezzo, però, c'è il mondo reale: cioè tutti noi.

33 Debito/Pil Italia

34 Il circolo virtuoso (nel breve periodo) ma vizioso (nel lungo periodo) della crescita del debito pubblico Il debito pubblico sostiene la domanda aggregata, anche grazie agli effetti ricchezza ; garantisce il consenso e la pace sociale Il debito pubblico innesca la spirale deficit-debito [riferimento alla crisi italiana del 1992]; si scarica sulle generazioni successive l onere degli interessi sui titoli pubblici e della restituzione del debito

35

36 Il cambio euro-dollaro

37 Il contagio finanziario CRISI EUROPA

38 Debiti pubblici mondiali: 52 mila miliardi di $ Debito/Pil Interessi/Entrate statali Tassi sui decennali USA Italia Grecia Japan

39 Legenda I debiti pubblici mondiali ammontano a 52mila miliardi di $, il 50% in più rispetto al 2007 (i dati sono dell'agenzia di rating Moody's). L'84% del totale si trova nei Paesi industrializzati: Stati Uniti, Europa e Giappone. In questi Paesi, il debito è mediamente superiore al 100% del Pil, mentre nei Paesi in via di sviluppo dall'asia all'africa il dato è sensibilmente inferiore: appena il 38% del Pil. Tutto è andato bene finché il debito è stato rifinanziato senza problemi. Ma da quando la crescita economica è rallentata, e con essa la capacità di rimborsare il debito dei singoli Paesi, è venuta meno la fiducia degli investitori. Che chiedono rendimenti sempre più elevati per sottoscrivere i titoli di Stato dei vari Paesi. Il balzo dei tassi d'interesse è un problema anche per le banche europee che pagano uno spread consistente sul tasso swap a 5 anni. E nel 2012, Stati e banche d'europa dovranno rifinanziare miliardi di.

40 Italia: un passato glorioso

41 Ma una crisi profonda con l inizio del 3 Millennio Le cause sono strutturali e culturali e hanno le loro radici nei decenni precedenti (dagli anni 60) Bassa crescita del Pil e delle svariate forme di produttività Incapacità di cogliere la sfida della globalizzazione Incapacità della classe dirigente di cogliere le novità della rivoluzione nella tecnologia dell informazione e della comunicazione Scarsa valorizzazione del capitale umano Scarsità degli investimenti, in primis in R&S Strategie difensive basate sulla minor resistenza

42 Europa: un ancora che è rischioso abbandonare In Italia abbiamo delegato all Europa il compito di obbligarci a comportamenti virtuosi: - risanare i conti pubblici - fare le riforme - - produrre cambi di quadro politico Siamo in grado di agire senza lo stimolo esterno?

43 Recuperato un minimo di credibilità, l Italia può/deve, però, assumere un ruolo più attivo nei confronti degli altri paesi dell UE, favorendo il varo di iniziative comuni di: - contrasto della recessione, che, tra l altro, blocca il risanamento della finanza pubblica - passaggio ad una vera politica economica europea (non solo monetaria e agricola!)

44 Le linee d indirizzo della politica economica Risanamento dei conti pubblici Crescita del Pil [da qualificare, date le riserve sulla grandezza come indicatore di benessere] in una prospettiva che non può essere più limitata ai confini nazionali Equità Ha varie dimensioni: tra le quali quella intergenerazionale dare voce a chi ancora non ce l ha!

45 Alcune suggestioni : a seconda dei casi ingenue, scarsamente praticabili, utopistiche [in senso positivo] Indignati Noi la crisi non la paghiamo Più credito e meno debito Serge Latouche e la Decrescita Ok limiti allo sviluppo, ma non in una visione statica Come comportarsi di fronte alla recessione? Subirla passivamente? Loretta Napoleoni Ritorno alle monete nazionali ed alle svalutazioni competitive? No, grazie: abbiamo già dato Caritas in veritate (in re sociali) di papa Ratzinger [Stefano Zamagni ne è autore per la parte economica] Un sistema tripolare: mercato, Stato, società civile Rilevanza degli aspetti distributivi e del no-profit Governo dell economia globale Importanza dei beni relazionali (non possono essere né prodotti né consumati da un solo individuo, perché presuppongono l interazione con altri e possono essere goduti solo se condivisi reciprocamente). Tobin tax L applicazione deve essere su scala globale per non creare vantaggi fiscali per i paesi che non la applicano

46 MA COS'È QUESTA CRISI? [Rodolfo De Angelis, 1933] Si lamenta l impresario che il teatro più non va ma non sa rendere vario lo spettacolo che dà "ah, la crisi!" Ma cos'è questa crisi? Paraparapapapà... Ma cos'è questa crisi? Metta in scena un buon autore faccia agire un grande attore e vedrà... Paraparapapapà... che la crisi passerà! Parapà parapà, parapà parapà... Un riccone avaro e vecchio dice: ahimé così non và vedo nero nello specchio chissà come finirà "ah, la crisi... mmh" Ma cos'è questa crisi? Paraparapapapà... Ma cos'è questa crisi? Cavi fuori il portafogli metta in giro i grossi fogli e vedrà... Paraparaparapà... che la crisi finirà! Parapà parapà, parapà parapà... Si lamenta Nicodemo della crisi lui che và nel casino di Sanremo a giocare al Baccarat: "ah, la crisi sa... capirà la crisi oh..." Ma cos'è questa crisi? Ma cos'è questa crisi? Lasci stare il gavazzare cerchi un po' di lavorare e vedrà... Paraparaparapà... che la crisi passerà! Parapà parapà, parapà parapà... Tutte quante le nazioni si lamentano così conferenze, riunioni, ma si resta sempre lì "ah la crisi... eh... Ma cos'è questa crisi? Paraparapapapà... Ma cos'è questa crisi? Rinunziate all opinione della parte del leone e chissà... che la crisi finirà! Parapà parapà, parapà parapà... L esercente poveretto non sa più che cosa far e contempla quel cassetto che riempiva di danar "ah, la crisi Signur!" Ma cos'è questa crisi? Paraparapapapà... Ma cos'è questa crisi? Si contenti guadagnare quel che è giusto e non grattare e vedrà... Paraparaparaparaparapà... che la crisi passerà! Parapà parapà, parapà parapà... E perfin la donna bella alla crisi s intonò e per far la linea snella digiunando sospirò: "ah, la crisi... oh signora la crisi" Ma cos'è questa crisi? Paraparapapapà... Ma cos'è questa crisi? Mangi un sacco di patate non mi sprechi le nottate e vedrà... Paraparaparapà... che la curva tornerà! Parapà parapà, parapà parapà... Ma cos'è questa crisi? Ma cos'è questa crisi? Chi ce l'ha li metta fuori circolare miei signori e chissà... che la crisi finirà! Parapà parapà pà pà!

47 I tecnici al capezzale del malato

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA?

L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? L'EFFETTO DOMINO DELLA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE: DAGLI USA ALL'EUROPA, DALLE BANCHE AGLI STATI, DAL DEBITO ALL'EURO. DOVE SI FERMERA? 13 Gennaio 2011 Spazio Civico Associazione Civica 19 Premessa:

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI 54 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI Editoriale de Il Giornale, 16 aprile 2012 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Ora è ufficiale.

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Corso di Economia Finanziaria. Il Chicago Plan. Dott.ssa Moschetti Arianna A.A. 2012-13

Corso di Economia Finanziaria. Il Chicago Plan. Dott.ssa Moschetti Arianna A.A. 2012-13 Corso di Economia Finanziaria Il Chicago Plan Dott.ssa Moschetti Arianna A.A. 2012-13 La crisi finanziaria scoppiata nel 2007-08 e i recenti scandali che hanno coinvolto alcune grandi banche internazionali

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

Prima di tutto vediamo il contesto Ciclico: S&P500. eugenio sartorelli - www.investimentivincenti.it 1. Ciclo Trimestrale 51,0.

Prima di tutto vediamo il contesto Ciclico: S&P500. eugenio sartorelli - www.investimentivincenti.it 1. Ciclo Trimestrale 51,0. In questa occasione farò un aggiornamento con il quadro generale su tutti i mercati che seguo. In un altro articolo (nella Sezione Opzioni) darò invece le indicazioni Operative di massima che intendo seguire.

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Relazioni industriali

Relazioni industriali Relazioni industriali Relazioni industriali Il sistema di relazioni industriali è l insieme di relazioni che regolano i rapporti fra imprese e loro organizzazioni da un lato e lavoratori e sindacati dall

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Crisi finanziaria dalla A alla Z

Crisi finanziaria dalla A alla Z Crisi finanziaria dalla A alla Z Focus La crisi economica scoppiata nel 2008 in seguito alla caduta di Lehman Brothers, una banca di investimenti americana, ha contagiato tutto il pianeta, risultando nel

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO

SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO AD USO ESCLUSIVO INTERMEDIARI AUTORIZZATI E INVESTITORI QUALIFICATI SPINGERSI OLTRE LE OBBLIGAZIONI ALLA RICERCA DI REDDITO BGF GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND È il momento di spingersi oltre le obbligazioni

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute L investitore privato italiano che, deluso dalla politica e in cerca di sicurezza, decidesse in un impeto rivoluzionario

Dettagli

Le origini della crisi. Paolo Leon

Le origini della crisi. Paolo Leon Le origini della crisi Paolo Leon 1.Esiste ormai una biblioteca di scritti sulla crisi, ed estrarne le diverse impostazioni è come rivelare l ideologia degli autori. Ha scavato in profondo, la crisi iniziata

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani in Europa

La crisi dei debiti sovrani in Europa La crisi dei debiti sovrani in Europa Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Una crisi che viene da lontano La crisi attuale è la conseguenza diretta dei provvedimenti di politica economica presi

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte

Globalizzazione economica. Docente: Antonio Forte Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 1 Introduzione al corso Nozioni di base Struttura del corso Lezioni frontali: 36 ore Lavoro di gruppo: 4 ore Strumenti Testi: G. Ferri, V. D Apice,

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo

3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it 3 buone ragioni perchè il mercato americano sia ancora in rialzo Il nostro One Million Dollar Portfolio da inizio anno sta realizzando il 58.13% Il nostro

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia.

L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia. Università degli Studi di Milano-Bicocca Corso di Politica Economica (Macro) Prof. Luca Stanca L effetto del debito privato e della ricchezza privata nell economia. Tesina di: Sala Marco Pirovano Samuele

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi Le parole difficili Le parole difficili Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi a cura di Vincenzo Comito Le sigle, i termini specialistici, le

Dettagli

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal

Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Il capitale delle banche, la regolamentazione ed il New Normal Francesco Confuorti 1. La disponibilità di capital, il funding e la regolamentazione saranno allo stesso tempo i drivers ed i vincoli alla

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli