I Buoni Locali di Solidarietà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Buoni Locali di Solidarietà"

Transcript

1 LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in Scienze Politiche Sociali ed Internazionali I Buoni Locali di Solidarietà Progetto Arcipelago SCEC Solidarietà ChE Cammina Relatore Prof. Chapman Sheila Laureando Danilo Jesus Giglio ~ 1 ~

2 INDICE pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Capitolo I La Povertà in Italia 1.1 Premessa pag La povertà in Italia dal 2000 al 2009 pag Il mercato del lavoro pag Tabelle pag 13 Capitolo II Il progetto Arcipelago SCEC 2.1 L Associazione Arcipelago pag. 16 Capitolo III L Emporio 3.1 Introduzione pag Il settore agro-alimentare pag Il Progetto pilota in Calabria pag L Emporio Territoriale pag. 27 Capitolo IV I Buoni SCEC 4.1 Cosa sono? pag Veste grafica pag Il ContoSCEC pag I PuntiSCEC pag Calcolo percentuale SCEC pag. 35 ~ 2 ~

3 Capitolo V Il Piano dei Costi 5.1 Il Piano dei Costi pag. 36 Appendice pag. 40 Statuto pag. 40 Regolamento pag. 51 Sitografia pag. 56 ~ 3 ~

4 INTRODUZIONE La lotta alla povertà e all esclusione sociale, tema scelto dall Unione Europea per il 2010, si rivela quanto mai opportuno in un tempo di crisi, non solo economica, ma anche sociale. Da una lettura quantitativa e qualitativa della povertà emerge che le povertà sono evolutive, ovvero generano nuove povertà mantenendo però anche quelle vecchie. La povertà è un fenomeno complesso e multidimensionale che le statistiche registrano solo in parte; infatti la povertà non è riconducibile alla sola disponibilità di reddito, ma comprende anche lo status della precarietà che colpisce quei soggetti che in passato erano più protetti, come i ceti medi e i lavoratori a reddito fisso; disagio economico che colpisce quelli con reddito insufficiente. La povertà è cumulativa: parte cioè da una causa scatenante ma coinvolge progressivamente tutti gli aspetti della vita personale e sociale, generando senso di vulnerabilità e sfiducia, e determinando talvolta fragilità relazionale e familiare, allentamento dei legami sociali, incertezza sulle garanzie sociali ed economiche acquisite, difficoltà crescenti a fronteggiare spese inattese. La gestione della quotidianità di molte persone e famiglie mostra che il welfare attuale non è attrezzato per sopportare i nuovi profili di rischio. Si tratta di lavoratori ancora giovani, espulsi dai processi produttivi, che affrontano una povertà inattesa, dovuta per esempio al mancato rinnovo dei contratti a temine e di lavoro interinale, oppure in cerca della prima occupazione. Il precariato colpisce coloro che sono già marginali nel mondo del lavoro, come i giovani e le donne, coinvolge famiglie con figli piccoli da crescere e con genitori anziani da accudire, donne sole con figli a carico, anziani non del tutto autosufficienti e famiglie ~ 4 ~

5 numerose 1. Tutto questo è aggravato dalla crisi economica, dalla crisi del welfare tradizionale dinanzi a nuove forme di povertà e dall alto tasso di invecchiamento. Per cercare di arginare le incertezze sul futuro emergono anche delle risposte spontanee dalla società civile. Queste vanno dal volontariato, alla cooperazione, allo sviluppo del Terzo Settore, all aumento di imprese sociali, passando per una maggiore attenzione alle politiche ambientali. Accanto alla creazione di modelli di sviluppo sostenibile, come la green economy, prendono forma anche differenti stili di vita e socializzazione. Tra queste realtà si colloca il progetto di Arcipelago SCEC, che nasce per rivitalizzare il settore agro-alimentare attraverso la creazione di un mercato per la produzione locale. L accorciamento delle filiere e la razionalizzazione della logistica, supportata da un processo di trasformazione del prodotto a costi più economici, potrebbe portare il prodotto locale di qualità ad essere accessibile a tutte le famiglie e al contempo sostenere i piccoli produttori locali, mantenendo in vita un tessuto produttivo che altrimenti rischierebbe di essere schiacciato dalle grandi imprese industriali, spesso straniere. 1 ACLI, Conferenza Organizzativa e Programmatica 2010 La visione e le proposte delle ACLI nell anno europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale - Milano, 8/9 Aprile ~ 5 ~

6 CAPITOLO I LA POVERTA IN ITALIA Premessa Nell analisi che segue, si prenderà come fattore di valutazione il reddito familiare 2. L unità economica di aggregazione è rappresentata dalla famiglia: si suppone pertanto che all interno della famiglia vi sia piena condivisione delle risorse ed un equa distribuzione dei redditi tra tutti i componenti. Il reddito familiare è dato dal reddito monetario netto ricevuto dalla famiglia e da tutti i suoi membri nell anno precedente l indagine. Per fonte prevalente di reddito si intende quella fonte che assicura la maggior parte del reddito percepito dalla famiglia. La fonte di reddito si articola in: 1) Salari e stipendi: include i redditi da lavoro dipendente o percepiti nell ambito di un contratto di apprendistato, compresi gli straordinari, mance, tredicesime, quattordicesime, gratifiche, premi, eccetera; 2) Redditi da lavoro autonomo: include i profitti derivanti dallo svolgimento in proprio di attività industriali, commerciali, artigianali o agricole, dall esercizio della libera professione o dallo svolgimento di attività di collaborazione professionale; 3) Pensioni: include le pensioni (del regime base, complementare e integrativo) di vecchiaia, anzianità, di reversibilità e le pensioni/assegni sociali; 4) Altra fonte: include redditi da proprietà, cioè derivanti da affitto di terreni o immobili di proprietà, redditi da investimenti di capitale, cioè interessi o dividendi, redditi da trasferimenti da parte di soggetti privati non conviventi, trasferimenti sociali quali sussidi di disoccupazione, assegni familiari, pensioni di invalidità, borse di studio, sussidi sociali da parte di istituzioni, contributi per 2 ISTAT, Famiglia e Società, Reddito consumi e povertà. ~ 6 ~

7 l abitazione da parte di Enti e altri benefici di tipo assistenziale. Non vengono inclusi invece i trasferimenti sociali indiretti, quali ad esempio i rimborsi per le spese mediche, e i fitti imputati per l abitazione di proprietà 3. La povertà viene calcolata sulla base di due distinte soglie convenzionali: una soglia relativa, che è pari alla spesa media procapite nel paese per una famiglia di due componenti ed è determinata annualmente; una soglia assoluta, che è rappresenta dalla spesa minima necessaria per acquisire i beni e servizi inseriti nel paniere di povertà assoluta. La soglia di povertà assoluta varia, per costruzione, in base alla dimensione della famiglia, alla sua composizione per età, alla ripartizione geografica e alla dimensione del comune di residenza e viene aggiornata ogni anno tenendo conto della variazione dei prezzi al consumo. Nel 2009 la soglia per la povertà relativa è risultata pari a 983,01 euro mensili. Le ripartizioni geografiche sono così suddivise: il Nord: comprende: Piemonte, Valle d Aosta, Lombardia, Liguria, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna; il Centro: comprende: Toscana, Umbria, Marche e Lazio; il Sud: comprende: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Le famiglie di due persone che sostengono una spesa media mensile pari o inferiore a tali soglie sono classificate come povere; per famiglie di diversa ampiezza il valore della linea di povertà si ottiene applicando un opportuna scala di equivalenza 4 che tiene conto delle economie di scala realizzabili all aumentare del numero di componenti. La soglia 3 Panel europeo sulle famiglie (ECHP) La situazione finanziaria delle famiglie e degli individui in Italia e in Europa, Anni pag Scala di equivalenza: insieme dei coefficienti di correzione utilizzati per determinare la soglia di povertà quando le famiglie hanno un numero di componenti diverso da due. Ad esempio, la soglia di povertà per una famiglia di quattro persone è pari a 1,63 volte quella per due componenti (1.417,29 euro), la soglia per una famiglia di sei persone è di 2,16 volte (1.878,12 euro). Fonte: ISTAT. ~ 7 ~

8 di povertà relativa è calcolata sulla base della spesa familiare rilevata tramite l indagine annuale sui consumi, per cui la soglia di povertà relativa sarà diversa in relazione agli anni di riferimento. La povertà in Italia dal 2000 al 2009 Il numero di individui che vive in famiglie a basso reddito 5, nel 2000 risulta pari al 13,3% del totale delle famiglie italiane, quota inferiore a quella riscontrata nel 1998 (14,2%). L analisi per tipologia familiare mostra che le condizioni economiche più sfavorevoli caratterizzano le famiglie numerose, quelle con un solo genitore con figli e gli anziani soli. Redditi inferiori a euro si trovano più frequentemente nelle famiglie con un solo componente (7,1%) e con capofamiglia senza titolo di studio (9,1%), in condizione non professionale (5,9%), di sesso femminile (5,6%) e di età inferiore ai 30 anni (4,1%). Per converso, redditi superiori a euro sono più frequenti tra le famiglie residenti nelle città con oltre abitanti (17,4%), con capofamiglia laureato (47,8%), imprenditore o libero professionista (41,3%) e dirigente (46,6%) 6. Nel 2003 la stima della povertà relativa è di 2 milioni 360 mila, pari al 10,6% delle famiglie residenti, per un totale di 6 milioni 786 mila individui. La soglia della povertà relativa è di 869,50 euro. I dati mostrano che dal 2000 al 2003, le famiglie in condizioni di povertà sono diminuite. La povertà riguarda soprattutto il Mezzogiorno, le famiglie numerose, gli anziani e le famiglie monoparentali 7. Nel 2005 c è una ripresa della povertà relativa e salgono a 2 milioni 585 mila, pari 5 Per reddito basso in un dato anno si intende un reddito personale disponibile uguale o inferiore alla soglia di povertà relativa di quell anno. 6 Pubblicazione Banca d Italia, I bilanci delle famiglie italiane nell anno 2000, Anno XII Numero 6-18 Gennaio 2002 pagg Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 13 Ottobre ~ 8 ~

9 all 11,1% delle famiglie residenti in Italia (cfr. Figura1). La linea di riferimento è di 936,58 euro (7,2% in più rispetto al 2003). La povertà continua a colpire sempre gli stessi soggetti e senza variazioni statisticamente significative 8. Nel 2007 si trovano in condizioni di povertà relativa 2 milioni 653 mila famiglie e rappresentano l 11,1% delle totale; nel complesso sono 7 milioni 542 mila gli individui poveri, il 12,8% dell intera popolazione. La soglia della povertà relativa risulta pari a 986,35 euro (+5,3% rispetto alla linea del 2005) 9. Nel 2009 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono salite ancora fino a raggiungere, 2 milioni 657 mila e la linea di povertà relativa è pari a 983,01 euro. Il motivo per il quale la povertà si è mantenuta costante in un anno di crisi economica va ricercato nella lettura fornita dall ISTAT nel Rapporto annuale sul mercato del lavoro e la deprivazione nel 2009; in tale periodo, infatti, l 80% del calo dell occupazione ha colpito i giovani, in particolare quelli che vivono nella famiglia di origine. Sono due, fondamentalmente, gli ammortizzatori sociali che hanno mitigato gli effetti della crisi: la famiglia, che ha protetto i giovani che avevano perso l occupazione e la Cassa Integrazione Guadagni (CIG), che ha protetto i genitori dalla perdita del lavoro. Un altra spiegazione è rappresentata dalla linea di povertà relativa che è diminuita di 16 euro rispetto al Nel 2009 in Italia sono1.162 mila famiglie che risultano in condizione di povertà assoluta (il 4,7% delle famiglie residenti) per un totale di 3 milioni e 74 mila individui (il 5,2% dell intera popolazione) 10. Nonostante gli ammortizzatori sociali il reddito disponibile per le famiglie scende del 2,5% nel Sia i consumi che i risparmi cadono, con gravi ripercussioni per le condizioni di vita delle famiglie. I tre indicatori di povertà, cioè la povertà 8 Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 11 Ottobre Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 4 Novembre Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà in Italia nel 2009 del 15 Luglio ~ 9 ~

10 relativa, la povertà assoluta e la deprivazione materiale 11, mostrano come la condizione delle famiglie sia peggiorata. I dati confermano le dimensioni patologiche del modello italiano di povertà. Sono soprattutto famiglie concentrate al Sud (24,3%) e famiglie numerose 12 Un altro dato allarmante è l incidenza della povertà minorile e le particolari difficoltà delle famiglie con figli a carico. I tassi di povertà sono alti per i lavoratori dipendenti, in particolare per gli operai. In misura notevole è aumentata anche l incidenza della povertà per le famiglie senza occupati né ritirati dal lavoro. Ciò che più di ogni altro dato descrive la situazione delle famiglie italiane è la persistenza 13. Risulta, infatti, che le famiglie, che non riescono ad uscire dalla condizione di povertà oscillano tra il 7% e 14%. Nel 2009 la deprivazione materiale in Italia coinvolge il 15,3% delle famiglie italiane. Anche con questo nuovo indicatore il Sud presenta i livelli massimi di disagio economico (25,3%), insieme alle famiglie numerose (35,5%) e le famiglie che vivono in affitto (31,4%). Secondo il CIES 14, il numero delle famiglie che percepisce la propria condizione come peggiore rispetto all anno precedente, passa dal 41% nel 2007 al 54,5% nel Continua a crescere anche il numero delle famiglie che si sentono indifese nel far fronte a spese impreviste, con tassi che passano da un 32% nel 2008 al 33,4% nel La deprivazione materiale comporta la mancanza di beni, servizi risorse, comodità normalmente godute o almeno largamente accettate come beni primari. Si entra a far parte di questo indicatore nel caso si presentino tre forme di deprivazione su nove forme previste: 1)non riuscire a sostenere spese non previste pari a 750 euro in un anno; 2)non avere denaro a sufficienza per l abbigliamento;3)avere contratto debiti diversi dal mutuo;4)avere avuto difficoltà a pagare l affitto;5)arrivare a fine mese con difficoltà;6)intaccare il patrimonio per far fronte a spese ordinarie;7)non riuscire a fare un pasto adeguato almeno ogni due giorni;8)non potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa in un anno;9)essere in arretrato per il pagamento di bollette. 12 ISTAT. Si considerano famiglie numerose:le famiglie i cui componenti sono come minimo cinque. 13 Durata del tempo della povertà relativa (definizione ISTAT). 14 Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo. ~ 10 ~

11 In alcuni casi i dati sembrerebbero indicare situazioni diverse. Un esempio è rappresentato dalla riduzione delle famiglie povere con attività in proprio. Questo dato infatti non è frutto di un miglioramento delle condizioni economiche delle imprese, ma il risultato dell esclusione di molte realtà imprenditoriali, soprattutto al Sud, dovute al fallimento. Un altro esempio può essere rappresentato dalla diminuzione dell incidenza della povertà delle famiglie con persone di riferimento in cerca di occupazione. Molti giovani in realtà sono semplicemente tornati nelle proprie famiglie di origine. La classificazione delle famiglie in povere e non povere, definita attraverso la soglia convenzionale, può essere articolata utilizzando due soglie aggiuntive, corrispondenti all 80% e al 120% della soglia standard. Queste soglie consentono di individuare quattro gruppi di famiglie: oltre a quelle sicuramente non povere, con redditi più elevati (superiori al 120% della soglia), si distinguono quelle a rischio di povertà, il cui reddito medio si colloca tra la linea standard e una linea fissata al 120% rispetto alla soglia standard, quelle appena povere, con redditi inferiori alla linea di non oltre il 20% e quelle sicuramente povere, con redditi inferiori all 80% della linea di povertà standard. I dati, riportati nelle Figure 2, 3, 4 e 5, mostrano che salgono le famiglie appena povere, mentre scendono le non povere. Il Mercato del lavoro e analisi delle forze lavoro Il Rapporto sulle politiche contro la povertà e l esclusione sociale del CIES (Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale) mostra che la crisi, esplosa nel , è contraddistinta dal suo carattere selettivo. È una crisi che non ha colpito tutti i cittadini in modo omogeneo, ma è come se avesse scelto le sue ~ 11 ~

12 vittime, centrando determinate attività produttive, tipologie di famiglie, regioni e soggetti, che erano già in difficoltà. La povertà, infatti, non si è estesa, ma è diventata più profonda; è aumentata di intensità. Si trovano in una situazione di disagio le famiglie ampie, le famiglie la cui figura principale ha bassi livelli di istruzione, famiglie che vivono del Mezzogiorno e famiglie con basse figure professionali (working poor). Uno dei fenomeni più allarmanti è il tasso di crescita di giovani cosiddetti NETT (Not in Education, Employment or Training). Per il momento l impatto della crisi sul mercato del lavoro italiano è stato moderato rispetto a quello di molti altri paesi OCSE. Infatti l uso della Cassa Integrazione Guadagni (CIG), che ha raggiunto nel 2009 il 12% delle ore lavorate, più alto di oltre il doppio di quelle registrate durante la recessione del 1992, ha frenato la disoccupazione di quasi 4 punti percentuali. ~ 12 ~

13 Tabelle Figura Grafico1. Povertà relativa per riaprtizione ripartizione geografica. Anni (valori percentuali) (valori percentuali) 23,9 24,3 21, ,5 22,7 11, ,6 11,1 11,1 10,8 8,8 8,4 5,7 6 6,4 5, ,3 4,5 5,5 4,9 SUD ITALIA CENTRO NORD Fonte. Elaborazione su dati ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia dal 1999 al Figura 2. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2003 (composizione percentuale) NON POVERE (89,4 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,5 %) POVERE (10,6 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (5,7 %) SICURAMENTE POVERE (4,9 %) Linea al 120 % di quella standard Linea standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 13 ~

14 Figura 3. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2005 (composizione percentuale) NON POVERE (88,9 %) POVERE (11,1 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,0 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (6,0 %) SICURAMENTE POVERE (5,1 %) Linea al 120 % di quella standard Linea standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel Figura 4. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2007 (composizione percentuale) NON POVERE (88,9 %) POVERE (11,1 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,0 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (6,2 %) 4,2 3,7 2,7 3,5 SICURAMENTE POVERE (4,9 %) Linea al 120 % di quella standard Linea al 110 % di quella standard Linea standard Linea al 90 % di quella standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 14 ~

15 Figura 5. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2009 (composizione percentuale) NON POVERE (88,2 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,7 %) QUASI POVERE (7,5 %) 3,8 3,7 Linea al 120 % di quella standard Linea al 110 % di quella standard Linea standard POVERE (10,8 %) APPENA POVERE (6,1 %) 3,3 2,8 SICURAMENTE POVERE (4,7 %) Linea al 90 % di quella standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 15 ~

16 CAPITOLO II - L ASSOCIAZIONE ARCIPELAGO SCEC L Associazione Arcipelago Il 5 Aprile 2008 nasce l'associazione ArcipelagoSCEC.Il nome SCEC è acronimo di Solidarietà ChE Cammina. Si tratta di un nome foneticamente simile ad una battuta di Totò nel film Miseria e Nobiltà, in cui l attore si finge di avere molti soldi e annuncia: noi adoperiamo gli scéc!. L Associazione riunisce sotto un'unica organizzazione diversi esperimenti di Buoni Locali presenti in Italia: Ecoroma (Lazio), Scec (Campania), Kro (Calabria), Thyrus (Umbria) e Tau (Toscana). I Buoni Locali sono buoni per ottenere una riduzione di prezzo su prodotti e servizi. La sede dell Associazione è a Roma. Il Presidente Nazionale è un analista finanziario. Attualmente sono in corso iniziative per estendere questo progetto, in particolare sono coinvolte le Associazioni presenti nelle regioni di Campania (che coordina anche le regioni di Molise, Basilicata e Puglia); Toscana (che è da supporto per la Liguria); Lazio ( che è punto di riferimento per Abruzzo e Sardegna); Sicilia; Calabria; Veneto; Friuli Venezia - Giulia; Lombardia (che coordina anche le regioni Piemonte e Valle d Aosta) ed infine l Emilia Romagna (che segue le esperienze di Marche e Trentino Alto - Adige). L Associazione è presente in diverse città italiane, ripartite su tutto il territorio. Dal 2010 sono attive le cosiddette Isole. L Isola è una realtà territoriale (di norma un Associazione) che avvia un proprio circuito di economia locale e solidale al quale possono, su base volontaria e/o fiduciaria, partecipare tutti i cittadini residenti nella zona di servizio. Le realtà attive sono: l Associazione Masaniello per la Campania, l Associazione Codice Aureo per il Lazio, l Associazione Sicilia Stupor Mundi in Sicilia e l Associazione Naturalmente Verona in Veneto. Le altre Isole coincidono con i coordinamenti regionali dell ArcipelagoSCEC. A Napoli, luogo in cui è nata ~ 16 ~

17 l idea di creare dei Buoni Locali di Solidarietà, nel 2007 erano 508 gli iscritti al circuito, di cui 120 privati che occasionalmente offrivano servizi e 95 esercizi commerciali, per un totale di BuoniSCEC in circolazione, il corrispettivo di oltre 30 mila euro 15. Ad oggi gli iscritti nel circuito nazionale sono di cui imprese, e gli SCEC nel circuito italiano sono un milione. Il Coordinamento Nazionale di ArcipelagoSCEC è costituito da quanti hanno dato vita, sul territorio nazionale, ad associazioni locali di Arcipelago (le Isole). Il progetto ArcipelagoSCEC prevede che ogni Isola possa scambiare con le altre Isole le proprie merci, attraverso una rete interregionale A partire dal 2008 sono nati dei Tavoli di Lavoro Interterritoriali, che si occupano delle diverse tematiche che ArcipelagoSCEC sta affrontando, come i piani di sviluppo delle economie territoriali e piani di sviluppo di aziende, con particolare attenzione al settore agro-alimentare e all'artigianato. Questo lavoro sta portando alla realizzazione dei progetti degli Empori Territoriali e delle Botteghe Locali. La prima fase del progetto prevede di mettere in rete diversi produttori ed imprese; successivamente è prevista la possibilità di creare un prototipo di impresa che si basi sulla fiducia e solidarietà. A tale riguardo è significativa l esperienza della Provincia di Crotone dove è in atto la realizzazione di un progetto che prevede la gestione di due Poli scientifici (per i Beni Culturali, le Energie Rinnovabili ed il Risparmio Energetico) con la collaborazione di tre Istituti Tecnici Superiori provinciali (Agrario - Ambientale a Cutro, Alberghiero a Le Castella e una Scuola del Legno e dell'arredamento a Petilia Policastro) coinvolgendo anche gli Enti Locali e le associazioni delle imprese. Tale iniziativa ha dato vita ad un partenariato interistituzionale "Scuola Impresa - Lavoro", per dare impulso, in modo stabile e , La STAMPA, pag.3. ~ 17 ~

18 organico alla diffusione della cultura scientifica e tecnica e alle misure per lo sviluppo economico e produttivo sul territorio al fine di favorire la creazione di imprese. Il progetto prevede anche percorsi universitari per i settori dell Agroalimentare, del Turistico e del Agro-Forestale. Per la nascita degli Istituti Tecnici Superiori ( ITS) si utilizzeranno le risorse previste dal fondo della legge n 296/06, del MIUR 16 e della Regione Calabria, oltre a contributi di soggetti pubblici e privati. Gli ITS avranno il compito di lavorare ad un modello di sviluppo rurale integrato con la Provincia di Crotone che si fonderà sull attuazione di interventi finalizzati a favorire il potenziamento, la diffusione e la diversificazione delle attività economiche presenti sul territorio al fine di favorire il mantenimento in loco della forza lavoro nonché la costituzione di nuove imprese. L attività di ricerca e di innovazione riguarderà prioritariamente il miglioramento delle tecniche colturali, forestali e di allevamento, la gestione del territorio per la realizzazione di produzioni di qualità, la caratterizzazione e la valorizzazione delle produzioni tipiche, l ottimizzazione dei processi di lavorazione e trasformazioni industriali e lo sviluppo turistico 17. In Appendice è riportato lo Statuto dell Associazione ed il suo Regolamento. 16 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. 17 ~ 18 ~

19 CAPITOLO III L EMPORIO TERRITORIALE E LE BOTTEGHE LOCALI Introduzione Il processo economico si basa essenzialmente su tre attività : produzione, commercio e consumo. A queste attività va aggiunta l azione dei grandi mercati finanziari, che fissano quote e prezzi di materie prime e prodotti. Il CME Group è una società nata nel 2007 dalla fusione di Chicago Mercantile Exchange (CME) e Chicago Board of Trade (CBOT). Nel 2006 CME e CBOT insieme hanno gestito oltre 2,2 miliardi di contratti per un valore complessivo pari a trilioni di dollari 18. Il CME Group rappresenta la più grande e diversificata Borsa finanziaria e il maggior mercato di contratti futures (a termine) e di opzione del mondo 19. In una borsa azionaria, le azioni acquistate e vendute rappresentano una quota di proprietà della società che ha emesso l azione in origine. In una borsa di futures, i contratti acquistati e venduti sono prodotti per la gestione del rischio e non rappresentano quote di proprietà di una società. I contratti sono accordi standardizzati che rappresentano l intento di acquistare o fornire una quantità di una materia prima (per esempio, cereali, bestiame, semi per oli, prodotti caseari, legnami e altri prodotti.) o di completare una liquidazione in denaro a una data futura. A sua volta la Grande Distribuzione Organizzata (GDO) esercita la gestione di attività commerciali sotto forma di vendita al dettaglio di prodotti I contratti futures sono accordi standardizzati e legalmente vincolanti per l acquisto o la vendita di uno specifico prodotto o strumento finanziario in futuro. L acquirente e il venditore di un contratto futures concordano un prezzo oggi per un prodotto da consegnare o liquidare in denaro in una data futura. Ogni contratto specifica la quantità e la qualità, nonché il tempo e il luogo della consegna e del pagamento. L acquirente dell opzione paga un prezzo per il diritto - ma non l obbligo - di acquistare o vendere un contratto futures entro un periodo di tempo determinato ad un prezzo prestabilito. ~ 19 ~

20 agro-alimentari e di prodotti non alimentari di largo consumo, in punti vendita a libero servizio. Caratteristica tipica di questa forma di attività è l utilizzo di grandi superfici, con una soglia dimensionale minima generalmente individuata in 200mq per i prodotti alimentari e in 400 mq. per le categorie non alimentari. La fase di approvvigionamento della GDO moderna è data dalle Centrali d Acquisto 20, che definiscono i contratti quadro con i cosiddetti Grandi Fornitori. Sono quindi esclusi dalle negoziazioni gli acquisti relativi ai prodotti a marchio privato commerciale ( private label ), alla gran parte dei prodotti freschi e ai prodotti locali 21. La crescita della GDO sta mettendo in pericolo la sopravvivenza dei piccoli produttori, i quali o vengono acquistati dalle grandi multinazionali o entrano a far parte di enti cooperativi. Dal punto di vista del consumo, l agroalimentare in Italia ha registrato un continuo aumento. Le famiglie italiane spendono per questo settore quasi il 20% delle loro risorse. Secondo uno studio ISMEA 22, circa un terzo dei costi della produzione agro-alimentare in Italia è imputabile ai servizi di trasporto e logistica; un altro terzo fa riferimento invece ai costi di magazzinaggio, condizionamento, confezionamento e picking (preparazione dell'ordine). Questi servizi rivestono un ruolo chiave nella valorizzazione qualitativa e commerciale dei prodotti. La dotazione informatica delle imprese del settore agro-alimentare, non appare inoltre soddisfacente ed è ancora troppo scarsa la presenza di società di servizi integrati per la logistica. La scarsa capacità delle Piccole Medie Imprese (PMI) e della Grande Distribuzione Alimentare (GDA) a gestire in modo efficiente i prodotti aumenta ulteriormente il 20 Le centrali d'acquisto sono organizzazioni che hanno come obiettivo la gestione del contratto fornitore (condizioni di acquisto in fattura e prestazioni fuori fattura) Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare. ~ 20 ~

21 prezzo della merce. Il costo della filiera 23 quindi incide pesantemente sul prezzo finale dei prodotti agro-alimentari. Da un analisi effettuata dalla Federdistribuzione 24 sulle filiere agro-alimentari in Italia nel 2008, risulta infatti, che per contenere i prezzi finali il vero problema da affrontare è di un generale percorso di ammodernamento che introduca maggiore efficienza e aumenti le dimensioni dell impresa. È strategica anche la creazione di una rete di imprese, che possa collaborare evitando la dispersione delle risorse. Una riforma strutturale è essenziale per arrivare ad avere una produzione che sia di quantità e qualità adeguate alla domanda interna e a prezzi competitivi con quelli degli altri Paesi, che stanno sviluppando sistemi più all avanguardia. L organizzazione dell ArcipelagoSCEC crea un interazione con la piccola distribuzione che permette ai produttori locali di ottenere visibilità e mercato. La creazione di supermercati locali, dove i produttori possono far confluire i loro prodotti e dove i prodotti agro-alimentari possono essere venduti direttamente, concorrerà a migliorare la qualità dell offerta, dal momento che la vendita dei prodotti avviene nel territorio e quindi le aziende possono essere visitate dai consumatori. Le imprese possono beneficiare di una piattaforma on-line per i contatti diretti, la formazione di gruppi di acquisto sia per settore che per singoli prodotti e per la gestione professionale di ogni singolo aspetto. Questo circuito virtuoso, 23 Con filiera (agro-alimentare) si intende, in senso lato, l'insieme articolato (anche detto 'rete' o 'sistema') che comprende le principali attività (e i loro principali flussi materiali e informativi), le tecnologie, le risorse e le organizzazioni che concorrono alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto agro-alimentare; in senso più stretto, si intende l'insieme delle aziende che concorrono alla catena di fornitura (cf. food supply chain) di un dato prodotto agro-alimentare. 24 Federdistribuzione è l organismo di coordinamento e di rappresentanza della distribuzione commerciale moderna. Aderisce a Confcommercio e si compone di otto associazioni nazionali che rappresentano numerose imprese. Le aziende aderenti alle otto Associazioni di Federdistribuzione hanno realizzato nel 2008 un giro d'affari di 87,4 miliardi di euro, con una quota pari al 73,2% del totale fatturato della Distribuzione Moderna Organizzata; hanno una rete distributiva di punti vendita (diretti e in franchising) e danno occupazione a circa addetti. Rappresentano, infine, il 39,6% del valore dei consumi commercializzabili. ~ 21 ~

promossa da Arcipelago SCEC, permetterà, infine, ai vari Empori di scambiarsi

promossa da Arcipelago SCEC, permetterà, infine, ai vari Empori di scambiarsi Il progetto pilota di Emporio Territoriale a Crotone L Emporio Territoriale di Crotone nasce dalla volontà di portare il prodotto locale di qualità al consumatore finale a prezzi vantaggiosi, in modo tale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia Il consumo dei prodotti biologici in Italia [ ] IL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA C I P Negli ultimi anni in Italia è stato registrato un incremento del consumo di prodotti da agricoltura biologica.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

I prodotti biologici e la filiera corta

I prodotti biologici e la filiera corta Regione Siciliana Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l agricoltura Istituto Nazionale di Economia Agraria I prodotti

Dettagli

Indice di Green Economy 2013

Indice di Green Economy 2013 Indice di Green Economy 2013 CHI SALE E CHI SCENDE NELLA CLASSIFICA REGIONALE DELLA GREEN ECONOMY info@fondazioneimpresa.it - www.fondazioneimpresa.it 4 edizione Allo scopo di comprendere lo stato della

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Presentazione La filiera corta

Presentazione La filiera corta Presentazione La filiera corta Un progetto di marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli a cura di: Riccardo Piras, Giulia Santi, Luca Mosciatti Facoltà di Economia, Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio.

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio. COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani prosegue il suo percorso: sono 179.439 i giovani che si sono registrati, 41.989 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

COOPERFIDI ITALIA. Strumento di facilitazione nell accesso al credito. c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO

COOPERFIDI ITALIA. Strumento di facilitazione nell accesso al credito. c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO COOPERFIDI ITALIA Strumento di facilitazione nell accesso al credito giovedì 2 ottobre 2014 c/o AUDITORIMU BCC AGROBRESCIANO A cura di Francesco Maccione Resp. Area Mercato Cooperfidi Italia Profilo Aziendale

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE 12 novembre 2013 Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI: UN ANALISI TERRITORIALE Nel 2011 la spesa per prestazioni pensionistiche è stata di 265.976 milioni di euro. A livello regionale l incidenza

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 16 dicembre 2013 Anno 2012 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2012, il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

SPACCIO LOCALE PER LA VENDITA DIRETTA DEI PRODOTTI DELLA MONTAGNA FIORENTINA

SPACCIO LOCALE PER LA VENDITA DIRETTA DEI PRODOTTI DELLA MONTAGNA FIORENTINA SPACCIO LOCALE PER LA VENDITA DIRETTA DEI PRODOTTI DELLA MONTAGNA FIORENTINA DISCIPLINARE DI PARTECIPAZIONE Il presente protocollo definisce le modalità di partecipazione al progetto Spaccio locale per

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati

MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MANUALE di MoCAM-Calculator per abbonati MoCAM-Calculator consente al professionista di calcolare l assegno di mantenimento dei figli e, se del caso, il contributo per il coniuge, ottenendo il risultato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli