I Buoni Locali di Solidarietà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Buoni Locali di Solidarietà"

Transcript

1 LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in Scienze Politiche Sociali ed Internazionali I Buoni Locali di Solidarietà Progetto Arcipelago SCEC Solidarietà ChE Cammina Relatore Prof. Chapman Sheila Laureando Danilo Jesus Giglio ~ 1 ~

2 INDICE pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Capitolo I La Povertà in Italia 1.1 Premessa pag La povertà in Italia dal 2000 al 2009 pag Il mercato del lavoro pag Tabelle pag 13 Capitolo II Il progetto Arcipelago SCEC 2.1 L Associazione Arcipelago pag. 16 Capitolo III L Emporio 3.1 Introduzione pag Il settore agro-alimentare pag Il Progetto pilota in Calabria pag L Emporio Territoriale pag. 27 Capitolo IV I Buoni SCEC 4.1 Cosa sono? pag Veste grafica pag Il ContoSCEC pag I PuntiSCEC pag Calcolo percentuale SCEC pag. 35 ~ 2 ~

3 Capitolo V Il Piano dei Costi 5.1 Il Piano dei Costi pag. 36 Appendice pag. 40 Statuto pag. 40 Regolamento pag. 51 Sitografia pag. 56 ~ 3 ~

4 INTRODUZIONE La lotta alla povertà e all esclusione sociale, tema scelto dall Unione Europea per il 2010, si rivela quanto mai opportuno in un tempo di crisi, non solo economica, ma anche sociale. Da una lettura quantitativa e qualitativa della povertà emerge che le povertà sono evolutive, ovvero generano nuove povertà mantenendo però anche quelle vecchie. La povertà è un fenomeno complesso e multidimensionale che le statistiche registrano solo in parte; infatti la povertà non è riconducibile alla sola disponibilità di reddito, ma comprende anche lo status della precarietà che colpisce quei soggetti che in passato erano più protetti, come i ceti medi e i lavoratori a reddito fisso; disagio economico che colpisce quelli con reddito insufficiente. La povertà è cumulativa: parte cioè da una causa scatenante ma coinvolge progressivamente tutti gli aspetti della vita personale e sociale, generando senso di vulnerabilità e sfiducia, e determinando talvolta fragilità relazionale e familiare, allentamento dei legami sociali, incertezza sulle garanzie sociali ed economiche acquisite, difficoltà crescenti a fronteggiare spese inattese. La gestione della quotidianità di molte persone e famiglie mostra che il welfare attuale non è attrezzato per sopportare i nuovi profili di rischio. Si tratta di lavoratori ancora giovani, espulsi dai processi produttivi, che affrontano una povertà inattesa, dovuta per esempio al mancato rinnovo dei contratti a temine e di lavoro interinale, oppure in cerca della prima occupazione. Il precariato colpisce coloro che sono già marginali nel mondo del lavoro, come i giovani e le donne, coinvolge famiglie con figli piccoli da crescere e con genitori anziani da accudire, donne sole con figli a carico, anziani non del tutto autosufficienti e famiglie ~ 4 ~

5 numerose 1. Tutto questo è aggravato dalla crisi economica, dalla crisi del welfare tradizionale dinanzi a nuove forme di povertà e dall alto tasso di invecchiamento. Per cercare di arginare le incertezze sul futuro emergono anche delle risposte spontanee dalla società civile. Queste vanno dal volontariato, alla cooperazione, allo sviluppo del Terzo Settore, all aumento di imprese sociali, passando per una maggiore attenzione alle politiche ambientali. Accanto alla creazione di modelli di sviluppo sostenibile, come la green economy, prendono forma anche differenti stili di vita e socializzazione. Tra queste realtà si colloca il progetto di Arcipelago SCEC, che nasce per rivitalizzare il settore agro-alimentare attraverso la creazione di un mercato per la produzione locale. L accorciamento delle filiere e la razionalizzazione della logistica, supportata da un processo di trasformazione del prodotto a costi più economici, potrebbe portare il prodotto locale di qualità ad essere accessibile a tutte le famiglie e al contempo sostenere i piccoli produttori locali, mantenendo in vita un tessuto produttivo che altrimenti rischierebbe di essere schiacciato dalle grandi imprese industriali, spesso straniere. 1 ACLI, Conferenza Organizzativa e Programmatica 2010 La visione e le proposte delle ACLI nell anno europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale - Milano, 8/9 Aprile ~ 5 ~

6 CAPITOLO I LA POVERTA IN ITALIA Premessa Nell analisi che segue, si prenderà come fattore di valutazione il reddito familiare 2. L unità economica di aggregazione è rappresentata dalla famiglia: si suppone pertanto che all interno della famiglia vi sia piena condivisione delle risorse ed un equa distribuzione dei redditi tra tutti i componenti. Il reddito familiare è dato dal reddito monetario netto ricevuto dalla famiglia e da tutti i suoi membri nell anno precedente l indagine. Per fonte prevalente di reddito si intende quella fonte che assicura la maggior parte del reddito percepito dalla famiglia. La fonte di reddito si articola in: 1) Salari e stipendi: include i redditi da lavoro dipendente o percepiti nell ambito di un contratto di apprendistato, compresi gli straordinari, mance, tredicesime, quattordicesime, gratifiche, premi, eccetera; 2) Redditi da lavoro autonomo: include i profitti derivanti dallo svolgimento in proprio di attività industriali, commerciali, artigianali o agricole, dall esercizio della libera professione o dallo svolgimento di attività di collaborazione professionale; 3) Pensioni: include le pensioni (del regime base, complementare e integrativo) di vecchiaia, anzianità, di reversibilità e le pensioni/assegni sociali; 4) Altra fonte: include redditi da proprietà, cioè derivanti da affitto di terreni o immobili di proprietà, redditi da investimenti di capitale, cioè interessi o dividendi, redditi da trasferimenti da parte di soggetti privati non conviventi, trasferimenti sociali quali sussidi di disoccupazione, assegni familiari, pensioni di invalidità, borse di studio, sussidi sociali da parte di istituzioni, contributi per 2 ISTAT, Famiglia e Società, Reddito consumi e povertà. ~ 6 ~

7 l abitazione da parte di Enti e altri benefici di tipo assistenziale. Non vengono inclusi invece i trasferimenti sociali indiretti, quali ad esempio i rimborsi per le spese mediche, e i fitti imputati per l abitazione di proprietà 3. La povertà viene calcolata sulla base di due distinte soglie convenzionali: una soglia relativa, che è pari alla spesa media procapite nel paese per una famiglia di due componenti ed è determinata annualmente; una soglia assoluta, che è rappresenta dalla spesa minima necessaria per acquisire i beni e servizi inseriti nel paniere di povertà assoluta. La soglia di povertà assoluta varia, per costruzione, in base alla dimensione della famiglia, alla sua composizione per età, alla ripartizione geografica e alla dimensione del comune di residenza e viene aggiornata ogni anno tenendo conto della variazione dei prezzi al consumo. Nel 2009 la soglia per la povertà relativa è risultata pari a 983,01 euro mensili. Le ripartizioni geografiche sono così suddivise: il Nord: comprende: Piemonte, Valle d Aosta, Lombardia, Liguria, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna; il Centro: comprende: Toscana, Umbria, Marche e Lazio; il Sud: comprende: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Le famiglie di due persone che sostengono una spesa media mensile pari o inferiore a tali soglie sono classificate come povere; per famiglie di diversa ampiezza il valore della linea di povertà si ottiene applicando un opportuna scala di equivalenza 4 che tiene conto delle economie di scala realizzabili all aumentare del numero di componenti. La soglia 3 Panel europeo sulle famiglie (ECHP) La situazione finanziaria delle famiglie e degli individui in Italia e in Europa, Anni pag Scala di equivalenza: insieme dei coefficienti di correzione utilizzati per determinare la soglia di povertà quando le famiglie hanno un numero di componenti diverso da due. Ad esempio, la soglia di povertà per una famiglia di quattro persone è pari a 1,63 volte quella per due componenti (1.417,29 euro), la soglia per una famiglia di sei persone è di 2,16 volte (1.878,12 euro). Fonte: ISTAT. ~ 7 ~

8 di povertà relativa è calcolata sulla base della spesa familiare rilevata tramite l indagine annuale sui consumi, per cui la soglia di povertà relativa sarà diversa in relazione agli anni di riferimento. La povertà in Italia dal 2000 al 2009 Il numero di individui che vive in famiglie a basso reddito 5, nel 2000 risulta pari al 13,3% del totale delle famiglie italiane, quota inferiore a quella riscontrata nel 1998 (14,2%). L analisi per tipologia familiare mostra che le condizioni economiche più sfavorevoli caratterizzano le famiglie numerose, quelle con un solo genitore con figli e gli anziani soli. Redditi inferiori a euro si trovano più frequentemente nelle famiglie con un solo componente (7,1%) e con capofamiglia senza titolo di studio (9,1%), in condizione non professionale (5,9%), di sesso femminile (5,6%) e di età inferiore ai 30 anni (4,1%). Per converso, redditi superiori a euro sono più frequenti tra le famiglie residenti nelle città con oltre abitanti (17,4%), con capofamiglia laureato (47,8%), imprenditore o libero professionista (41,3%) e dirigente (46,6%) 6. Nel 2003 la stima della povertà relativa è di 2 milioni 360 mila, pari al 10,6% delle famiglie residenti, per un totale di 6 milioni 786 mila individui. La soglia della povertà relativa è di 869,50 euro. I dati mostrano che dal 2000 al 2003, le famiglie in condizioni di povertà sono diminuite. La povertà riguarda soprattutto il Mezzogiorno, le famiglie numerose, gli anziani e le famiglie monoparentali 7. Nel 2005 c è una ripresa della povertà relativa e salgono a 2 milioni 585 mila, pari 5 Per reddito basso in un dato anno si intende un reddito personale disponibile uguale o inferiore alla soglia di povertà relativa di quell anno. 6 Pubblicazione Banca d Italia, I bilanci delle famiglie italiane nell anno 2000, Anno XII Numero 6-18 Gennaio 2002 pagg Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 13 Ottobre ~ 8 ~

9 all 11,1% delle famiglie residenti in Italia (cfr. Figura1). La linea di riferimento è di 936,58 euro (7,2% in più rispetto al 2003). La povertà continua a colpire sempre gli stessi soggetti e senza variazioni statisticamente significative 8. Nel 2007 si trovano in condizioni di povertà relativa 2 milioni 653 mila famiglie e rappresentano l 11,1% delle totale; nel complesso sono 7 milioni 542 mila gli individui poveri, il 12,8% dell intera popolazione. La soglia della povertà relativa risulta pari a 986,35 euro (+5,3% rispetto alla linea del 2005) 9. Nel 2009 le famiglie in condizioni di povertà relativa sono salite ancora fino a raggiungere, 2 milioni 657 mila e la linea di povertà relativa è pari a 983,01 euro. Il motivo per il quale la povertà si è mantenuta costante in un anno di crisi economica va ricercato nella lettura fornita dall ISTAT nel Rapporto annuale sul mercato del lavoro e la deprivazione nel 2009; in tale periodo, infatti, l 80% del calo dell occupazione ha colpito i giovani, in particolare quelli che vivono nella famiglia di origine. Sono due, fondamentalmente, gli ammortizzatori sociali che hanno mitigato gli effetti della crisi: la famiglia, che ha protetto i giovani che avevano perso l occupazione e la Cassa Integrazione Guadagni (CIG), che ha protetto i genitori dalla perdita del lavoro. Un altra spiegazione è rappresentata dalla linea di povertà relativa che è diminuita di 16 euro rispetto al Nel 2009 in Italia sono1.162 mila famiglie che risultano in condizione di povertà assoluta (il 4,7% delle famiglie residenti) per un totale di 3 milioni e 74 mila individui (il 5,2% dell intera popolazione) 10. Nonostante gli ammortizzatori sociali il reddito disponibile per le famiglie scende del 2,5% nel Sia i consumi che i risparmi cadono, con gravi ripercussioni per le condizioni di vita delle famiglie. I tre indicatori di povertà, cioè la povertà 8 Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 11 Ottobre Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà relativa in Italia nel 2003 del 4 Novembre Dati ISTAT su Famiglia e Società, La povertà in Italia nel 2009 del 15 Luglio ~ 9 ~

10 relativa, la povertà assoluta e la deprivazione materiale 11, mostrano come la condizione delle famiglie sia peggiorata. I dati confermano le dimensioni patologiche del modello italiano di povertà. Sono soprattutto famiglie concentrate al Sud (24,3%) e famiglie numerose 12 Un altro dato allarmante è l incidenza della povertà minorile e le particolari difficoltà delle famiglie con figli a carico. I tassi di povertà sono alti per i lavoratori dipendenti, in particolare per gli operai. In misura notevole è aumentata anche l incidenza della povertà per le famiglie senza occupati né ritirati dal lavoro. Ciò che più di ogni altro dato descrive la situazione delle famiglie italiane è la persistenza 13. Risulta, infatti, che le famiglie, che non riescono ad uscire dalla condizione di povertà oscillano tra il 7% e 14%. Nel 2009 la deprivazione materiale in Italia coinvolge il 15,3% delle famiglie italiane. Anche con questo nuovo indicatore il Sud presenta i livelli massimi di disagio economico (25,3%), insieme alle famiglie numerose (35,5%) e le famiglie che vivono in affitto (31,4%). Secondo il CIES 14, il numero delle famiglie che percepisce la propria condizione come peggiore rispetto all anno precedente, passa dal 41% nel 2007 al 54,5% nel Continua a crescere anche il numero delle famiglie che si sentono indifese nel far fronte a spese impreviste, con tassi che passano da un 32% nel 2008 al 33,4% nel La deprivazione materiale comporta la mancanza di beni, servizi risorse, comodità normalmente godute o almeno largamente accettate come beni primari. Si entra a far parte di questo indicatore nel caso si presentino tre forme di deprivazione su nove forme previste: 1)non riuscire a sostenere spese non previste pari a 750 euro in un anno; 2)non avere denaro a sufficienza per l abbigliamento;3)avere contratto debiti diversi dal mutuo;4)avere avuto difficoltà a pagare l affitto;5)arrivare a fine mese con difficoltà;6)intaccare il patrimonio per far fronte a spese ordinarie;7)non riuscire a fare un pasto adeguato almeno ogni due giorni;8)non potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa in un anno;9)essere in arretrato per il pagamento di bollette. 12 ISTAT. Si considerano famiglie numerose:le famiglie i cui componenti sono come minimo cinque. 13 Durata del tempo della povertà relativa (definizione ISTAT). 14 Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo. ~ 10 ~

11 In alcuni casi i dati sembrerebbero indicare situazioni diverse. Un esempio è rappresentato dalla riduzione delle famiglie povere con attività in proprio. Questo dato infatti non è frutto di un miglioramento delle condizioni economiche delle imprese, ma il risultato dell esclusione di molte realtà imprenditoriali, soprattutto al Sud, dovute al fallimento. Un altro esempio può essere rappresentato dalla diminuzione dell incidenza della povertà delle famiglie con persone di riferimento in cerca di occupazione. Molti giovani in realtà sono semplicemente tornati nelle proprie famiglie di origine. La classificazione delle famiglie in povere e non povere, definita attraverso la soglia convenzionale, può essere articolata utilizzando due soglie aggiuntive, corrispondenti all 80% e al 120% della soglia standard. Queste soglie consentono di individuare quattro gruppi di famiglie: oltre a quelle sicuramente non povere, con redditi più elevati (superiori al 120% della soglia), si distinguono quelle a rischio di povertà, il cui reddito medio si colloca tra la linea standard e una linea fissata al 120% rispetto alla soglia standard, quelle appena povere, con redditi inferiori alla linea di non oltre il 20% e quelle sicuramente povere, con redditi inferiori all 80% della linea di povertà standard. I dati, riportati nelle Figure 2, 3, 4 e 5, mostrano che salgono le famiglie appena povere, mentre scendono le non povere. Il Mercato del lavoro e analisi delle forze lavoro Il Rapporto sulle politiche contro la povertà e l esclusione sociale del CIES (Commissione di Indagine sulla Esclusione Sociale) mostra che la crisi, esplosa nel , è contraddistinta dal suo carattere selettivo. È una crisi che non ha colpito tutti i cittadini in modo omogeneo, ma è come se avesse scelto le sue ~ 11 ~

12 vittime, centrando determinate attività produttive, tipologie di famiglie, regioni e soggetti, che erano già in difficoltà. La povertà, infatti, non si è estesa, ma è diventata più profonda; è aumentata di intensità. Si trovano in una situazione di disagio le famiglie ampie, le famiglie la cui figura principale ha bassi livelli di istruzione, famiglie che vivono del Mezzogiorno e famiglie con basse figure professionali (working poor). Uno dei fenomeni più allarmanti è il tasso di crescita di giovani cosiddetti NETT (Not in Education, Employment or Training). Per il momento l impatto della crisi sul mercato del lavoro italiano è stato moderato rispetto a quello di molti altri paesi OCSE. Infatti l uso della Cassa Integrazione Guadagni (CIG), che ha raggiunto nel 2009 il 12% delle ore lavorate, più alto di oltre il doppio di quelle registrate durante la recessione del 1992, ha frenato la disoccupazione di quasi 4 punti percentuali. ~ 12 ~

13 Tabelle Figura Grafico1. Povertà relativa per riaprtizione ripartizione geografica. Anni (valori percentuali) (valori percentuali) 23,9 24,3 21, ,5 22,7 11, ,6 11,1 11,1 10,8 8,8 8,4 5,7 6 6,4 5, ,3 4,5 5,5 4,9 SUD ITALIA CENTRO NORD Fonte. Elaborazione su dati ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia dal 1999 al Figura 2. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2003 (composizione percentuale) NON POVERE (89,4 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,5 %) POVERE (10,6 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (5,7 %) SICURAMENTE POVERE (4,9 %) Linea al 120 % di quella standard Linea standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 13 ~

14 Figura 3. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2005 (composizione percentuale) NON POVERE (88,9 %) POVERE (11,1 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,0 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (6,0 %) SICURAMENTE POVERE (5,1 %) Linea al 120 % di quella standard Linea standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel Figura 4. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2007 (composizione percentuale) NON POVERE (88,9 %) POVERE (11,1 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,0 %) QUASI POVERE (7,9 %) APPENA POVERE (6,2 %) 4,2 3,7 2,7 3,5 SICURAMENTE POVERE (4,9 %) Linea al 120 % di quella standard Linea al 110 % di quella standard Linea standard Linea al 90 % di quella standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 14 ~

15 Figura 5. Famiglie povere e non povere in base a diverse linee di povertà. Anno 2009 (composizione percentuale) NON POVERE (88,2 %) SICURAMENTE NON POVERE (81,7 %) QUASI POVERE (7,5 %) 3,8 3,7 Linea al 120 % di quella standard Linea al 110 % di quella standard Linea standard POVERE (10,8 %) APPENA POVERE (6,1 %) 3,3 2,8 SICURAMENTE POVERE (4,7 %) Linea al 90 % di quella standard Linea all 80 % di quella standard Fonte ISTAT, Famiglia e Società, La povertà in Italia nel ~ 15 ~

16 CAPITOLO II - L ASSOCIAZIONE ARCIPELAGO SCEC L Associazione Arcipelago Il 5 Aprile 2008 nasce l'associazione ArcipelagoSCEC.Il nome SCEC è acronimo di Solidarietà ChE Cammina. Si tratta di un nome foneticamente simile ad una battuta di Totò nel film Miseria e Nobiltà, in cui l attore si finge di avere molti soldi e annuncia: noi adoperiamo gli scéc!. L Associazione riunisce sotto un'unica organizzazione diversi esperimenti di Buoni Locali presenti in Italia: Ecoroma (Lazio), Scec (Campania), Kro (Calabria), Thyrus (Umbria) e Tau (Toscana). I Buoni Locali sono buoni per ottenere una riduzione di prezzo su prodotti e servizi. La sede dell Associazione è a Roma. Il Presidente Nazionale è un analista finanziario. Attualmente sono in corso iniziative per estendere questo progetto, in particolare sono coinvolte le Associazioni presenti nelle regioni di Campania (che coordina anche le regioni di Molise, Basilicata e Puglia); Toscana (che è da supporto per la Liguria); Lazio ( che è punto di riferimento per Abruzzo e Sardegna); Sicilia; Calabria; Veneto; Friuli Venezia - Giulia; Lombardia (che coordina anche le regioni Piemonte e Valle d Aosta) ed infine l Emilia Romagna (che segue le esperienze di Marche e Trentino Alto - Adige). L Associazione è presente in diverse città italiane, ripartite su tutto il territorio. Dal 2010 sono attive le cosiddette Isole. L Isola è una realtà territoriale (di norma un Associazione) che avvia un proprio circuito di economia locale e solidale al quale possono, su base volontaria e/o fiduciaria, partecipare tutti i cittadini residenti nella zona di servizio. Le realtà attive sono: l Associazione Masaniello per la Campania, l Associazione Codice Aureo per il Lazio, l Associazione Sicilia Stupor Mundi in Sicilia e l Associazione Naturalmente Verona in Veneto. Le altre Isole coincidono con i coordinamenti regionali dell ArcipelagoSCEC. A Napoli, luogo in cui è nata ~ 16 ~

17 l idea di creare dei Buoni Locali di Solidarietà, nel 2007 erano 508 gli iscritti al circuito, di cui 120 privati che occasionalmente offrivano servizi e 95 esercizi commerciali, per un totale di BuoniSCEC in circolazione, il corrispettivo di oltre 30 mila euro 15. Ad oggi gli iscritti nel circuito nazionale sono di cui imprese, e gli SCEC nel circuito italiano sono un milione. Il Coordinamento Nazionale di ArcipelagoSCEC è costituito da quanti hanno dato vita, sul territorio nazionale, ad associazioni locali di Arcipelago (le Isole). Il progetto ArcipelagoSCEC prevede che ogni Isola possa scambiare con le altre Isole le proprie merci, attraverso una rete interregionale A partire dal 2008 sono nati dei Tavoli di Lavoro Interterritoriali, che si occupano delle diverse tematiche che ArcipelagoSCEC sta affrontando, come i piani di sviluppo delle economie territoriali e piani di sviluppo di aziende, con particolare attenzione al settore agro-alimentare e all'artigianato. Questo lavoro sta portando alla realizzazione dei progetti degli Empori Territoriali e delle Botteghe Locali. La prima fase del progetto prevede di mettere in rete diversi produttori ed imprese; successivamente è prevista la possibilità di creare un prototipo di impresa che si basi sulla fiducia e solidarietà. A tale riguardo è significativa l esperienza della Provincia di Crotone dove è in atto la realizzazione di un progetto che prevede la gestione di due Poli scientifici (per i Beni Culturali, le Energie Rinnovabili ed il Risparmio Energetico) con la collaborazione di tre Istituti Tecnici Superiori provinciali (Agrario - Ambientale a Cutro, Alberghiero a Le Castella e una Scuola del Legno e dell'arredamento a Petilia Policastro) coinvolgendo anche gli Enti Locali e le associazioni delle imprese. Tale iniziativa ha dato vita ad un partenariato interistituzionale "Scuola Impresa - Lavoro", per dare impulso, in modo stabile e , La STAMPA, pag.3. ~ 17 ~

18 organico alla diffusione della cultura scientifica e tecnica e alle misure per lo sviluppo economico e produttivo sul territorio al fine di favorire la creazione di imprese. Il progetto prevede anche percorsi universitari per i settori dell Agroalimentare, del Turistico e del Agro-Forestale. Per la nascita degli Istituti Tecnici Superiori ( ITS) si utilizzeranno le risorse previste dal fondo della legge n 296/06, del MIUR 16 e della Regione Calabria, oltre a contributi di soggetti pubblici e privati. Gli ITS avranno il compito di lavorare ad un modello di sviluppo rurale integrato con la Provincia di Crotone che si fonderà sull attuazione di interventi finalizzati a favorire il potenziamento, la diffusione e la diversificazione delle attività economiche presenti sul territorio al fine di favorire il mantenimento in loco della forza lavoro nonché la costituzione di nuove imprese. L attività di ricerca e di innovazione riguarderà prioritariamente il miglioramento delle tecniche colturali, forestali e di allevamento, la gestione del territorio per la realizzazione di produzioni di qualità, la caratterizzazione e la valorizzazione delle produzioni tipiche, l ottimizzazione dei processi di lavorazione e trasformazioni industriali e lo sviluppo turistico 17. In Appendice è riportato lo Statuto dell Associazione ed il suo Regolamento. 16 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. 17 ~ 18 ~

19 CAPITOLO III L EMPORIO TERRITORIALE E LE BOTTEGHE LOCALI Introduzione Il processo economico si basa essenzialmente su tre attività : produzione, commercio e consumo. A queste attività va aggiunta l azione dei grandi mercati finanziari, che fissano quote e prezzi di materie prime e prodotti. Il CME Group è una società nata nel 2007 dalla fusione di Chicago Mercantile Exchange (CME) e Chicago Board of Trade (CBOT). Nel 2006 CME e CBOT insieme hanno gestito oltre 2,2 miliardi di contratti per un valore complessivo pari a trilioni di dollari 18. Il CME Group rappresenta la più grande e diversificata Borsa finanziaria e il maggior mercato di contratti futures (a termine) e di opzione del mondo 19. In una borsa azionaria, le azioni acquistate e vendute rappresentano una quota di proprietà della società che ha emesso l azione in origine. In una borsa di futures, i contratti acquistati e venduti sono prodotti per la gestione del rischio e non rappresentano quote di proprietà di una società. I contratti sono accordi standardizzati che rappresentano l intento di acquistare o fornire una quantità di una materia prima (per esempio, cereali, bestiame, semi per oli, prodotti caseari, legnami e altri prodotti.) o di completare una liquidazione in denaro a una data futura. A sua volta la Grande Distribuzione Organizzata (GDO) esercita la gestione di attività commerciali sotto forma di vendita al dettaglio di prodotti I contratti futures sono accordi standardizzati e legalmente vincolanti per l acquisto o la vendita di uno specifico prodotto o strumento finanziario in futuro. L acquirente e il venditore di un contratto futures concordano un prezzo oggi per un prodotto da consegnare o liquidare in denaro in una data futura. Ogni contratto specifica la quantità e la qualità, nonché il tempo e il luogo della consegna e del pagamento. L acquirente dell opzione paga un prezzo per il diritto - ma non l obbligo - di acquistare o vendere un contratto futures entro un periodo di tempo determinato ad un prezzo prestabilito. ~ 19 ~

20 agro-alimentari e di prodotti non alimentari di largo consumo, in punti vendita a libero servizio. Caratteristica tipica di questa forma di attività è l utilizzo di grandi superfici, con una soglia dimensionale minima generalmente individuata in 200mq per i prodotti alimentari e in 400 mq. per le categorie non alimentari. La fase di approvvigionamento della GDO moderna è data dalle Centrali d Acquisto 20, che definiscono i contratti quadro con i cosiddetti Grandi Fornitori. Sono quindi esclusi dalle negoziazioni gli acquisti relativi ai prodotti a marchio privato commerciale ( private label ), alla gran parte dei prodotti freschi e ai prodotti locali 21. La crescita della GDO sta mettendo in pericolo la sopravvivenza dei piccoli produttori, i quali o vengono acquistati dalle grandi multinazionali o entrano a far parte di enti cooperativi. Dal punto di vista del consumo, l agroalimentare in Italia ha registrato un continuo aumento. Le famiglie italiane spendono per questo settore quasi il 20% delle loro risorse. Secondo uno studio ISMEA 22, circa un terzo dei costi della produzione agro-alimentare in Italia è imputabile ai servizi di trasporto e logistica; un altro terzo fa riferimento invece ai costi di magazzinaggio, condizionamento, confezionamento e picking (preparazione dell'ordine). Questi servizi rivestono un ruolo chiave nella valorizzazione qualitativa e commerciale dei prodotti. La dotazione informatica delle imprese del settore agro-alimentare, non appare inoltre soddisfacente ed è ancora troppo scarsa la presenza di società di servizi integrati per la logistica. La scarsa capacità delle Piccole Medie Imprese (PMI) e della Grande Distribuzione Alimentare (GDA) a gestire in modo efficiente i prodotti aumenta ulteriormente il 20 Le centrali d'acquisto sono organizzazioni che hanno come obiettivo la gestione del contratto fornitore (condizioni di acquisto in fattura e prestazioni fuori fattura) Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare. ~ 20 ~

21 prezzo della merce. Il costo della filiera 23 quindi incide pesantemente sul prezzo finale dei prodotti agro-alimentari. Da un analisi effettuata dalla Federdistribuzione 24 sulle filiere agro-alimentari in Italia nel 2008, risulta infatti, che per contenere i prezzi finali il vero problema da affrontare è di un generale percorso di ammodernamento che introduca maggiore efficienza e aumenti le dimensioni dell impresa. È strategica anche la creazione di una rete di imprese, che possa collaborare evitando la dispersione delle risorse. Una riforma strutturale è essenziale per arrivare ad avere una produzione che sia di quantità e qualità adeguate alla domanda interna e a prezzi competitivi con quelli degli altri Paesi, che stanno sviluppando sistemi più all avanguardia. L organizzazione dell ArcipelagoSCEC crea un interazione con la piccola distribuzione che permette ai produttori locali di ottenere visibilità e mercato. La creazione di supermercati locali, dove i produttori possono far confluire i loro prodotti e dove i prodotti agro-alimentari possono essere venduti direttamente, concorrerà a migliorare la qualità dell offerta, dal momento che la vendita dei prodotti avviene nel territorio e quindi le aziende possono essere visitate dai consumatori. Le imprese possono beneficiare di una piattaforma on-line per i contatti diretti, la formazione di gruppi di acquisto sia per settore che per singoli prodotti e per la gestione professionale di ogni singolo aspetto. Questo circuito virtuoso, 23 Con filiera (agro-alimentare) si intende, in senso lato, l'insieme articolato (anche detto 'rete' o 'sistema') che comprende le principali attività (e i loro principali flussi materiali e informativi), le tecnologie, le risorse e le organizzazioni che concorrono alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto agro-alimentare; in senso più stretto, si intende l'insieme delle aziende che concorrono alla catena di fornitura (cf. food supply chain) di un dato prodotto agro-alimentare. 24 Federdistribuzione è l organismo di coordinamento e di rappresentanza della distribuzione commerciale moderna. Aderisce a Confcommercio e si compone di otto associazioni nazionali che rappresentano numerose imprese. Le aziende aderenti alle otto Associazioni di Federdistribuzione hanno realizzato nel 2008 un giro d'affari di 87,4 miliardi di euro, con una quota pari al 73,2% del totale fatturato della Distribuzione Moderna Organizzata; hanno una rete distributiva di punti vendita (diretti e in franchising) e danno occupazione a circa addetti. Rappresentano, infine, il 39,6% del valore dei consumi commercializzabili. ~ 21 ~

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli