Riabilitazione inamovibile su denti naturali e impianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riabilitazione inamovibile su denti naturali e impianti"

Transcript

1 Riabilitazione inamovibile su denti naturali e impianti Edentulia parziale superiore e inferiore precedentemente riabilitata con protesi parziale rimovibile Autore_A. Salierno, A. Pepe, C. Vitiello, S. Grulliero, Italia _22 Crediti ECM Questo articolo fa parte del Corso FAD Acquistalo subito su oppure _Introduzione La perdita di uno o più elementi dentari porta a una modifica dell armonia morfofunzionale dell apparato stomatognatico generando problematiche di natura funzionale, estetica e talvolta psicologica. L edentulia deve essere quindi affrontata con un adeguata riabilitazione protesica che, oltre a ripristinare la funzione dell apparato stomatognatico, risponda anche alle aspettative del paziente. Per molti anni i metodi di scelta per la riabilitazione di soggetti edentuli sono consistiti in: protesi inamovibili convenzionali, protesi parziali rimovibili, protesi totali rimovibili e, in alcuni casi, trattamenti ortodontici che mirano ad annullare o ridurre lo spazio edentulo mediante lo spostamento degli elementi dentari contigui. Questi metodi, però, erano e sono ancora oggi associati a svantaggi come il coinvolgimento di elementi dentari sani e vitali, la comparsa di danni a carico dei tessuti dentari e parodontali, la perdita di ritenzione e stabilità della protesi. L evoluzione scientifica dell implantologia ha fatto in modo che nelle riabilitazioni moderne i restauri implanto-supportati sono divenuti la prima alternativa terapeutica sia per le edentulie parziali che totali. L impiego di impianti dentali per la riabilitazione estetico-funzionale di arcate parzialmente o completamente edentule è una metodica sicura, predicibile e ben documentata a lungo termine. In letteratura, studi con follow-up da 1 a 8 anni hanno dimostrato come la riabilitazione di monoedentulie con impianti a sostegno di corone singole rappresenta oggi una tecnica predicibile e di sicura efficacia clinica. Il criterio base per il successo implanto-protesico a lungo termine è stato e rimane il posizionamento protesicamente guidato degli impianti, che garantisca un estetica e una biomeccanica ideale. È tuttavia auspicabile l estensione di tale metodica riabilitativa, che prevede un approccio multidisciplinare, a un ampia categoria di pazienti, che includa anche soggetti con disfunzione dell ATM e perdita dei normali rapporti occlusali e soggetti con osso di scarsa qualità e/o quantità. Per il successo delle riabilitazioni implanto-protesiche è fondamentale lo studio del caso attraverso l analisi dei modelli, della morfologia facciale e del sorriso del paziente, nonché l attenta valutazione dei volumi ossei e dei tessuti molli. Poter prevedere e programmare il risultato che si vuole ottenere attraverso una ceratura diagnostica va considerato un passaggio irrinunciabile, in particolar modo nei casi di edentulismo multiplo, per scegliere il numero e il posizionamento accurato degli impianti. Lo scopo di questo lavoro è la presentazione di un caso clinico di riabilitazione inamovibile su denti naturali e su impianti in un caso clinico di edentulia parziale superiore e inferiore, precedentemente riabilitato con protesi parziale rimovibile, dove l esecuzione del piano di trattamento è avvenuta nel rispetto dei principi di base dell implantologia protesicamente guidata. _Caso clinico Paziente di sesso femminile, anni 72, giunge alla nostra osservazione lamentando dolenzia all ATM e disagi legati alle diverse riabilitazioni protesiche eseguite negli ultimi 20 anni e in particolare il disconfort legato alle attuali protesi parziali rimovibili presenti all arcata superiore e inferiore. L esame anamnestico rivela: buone 06

2 condizioni di salute generale, assenza di malattie sistemiche, abitudine al fumo (>10 sigarette/ die), assunzione di ansiolitici da circa tre anni per un elevata sofferenza psico-fisica, derivante dai pregressi trattamenti odontoiatrici. Dall OPT esibita (Fig. 1), dalla sistematica radiografica endorale e dall esame obiettivo (Figg. 2-8) si rilevano: discrete condizioni di igiene orale, biotipo parodontale spesso, malocclusione dentaria di II classe con accentuata perdita della dimensione verticale, edentulie multiple in sede All arcata superiore vi è la presenza di ponte protesico in resina acrilica di cinque elementi esteso da elementi pilastro trattati endodonticamente elementi di ponte a 2.7 pilastro protesico non sottoposto a trattamento endodontico, in sede 1.3 presenza di corona metallo ceramica su elemento non trattato endodonticamente e presenza di protesi parziale in resina acrilica di due elementi con ganci metallici per riabilitare le edentulie della sede All arcata inferiore presenza di ponte protesico in resina acrilica di 10 elementi da 4.5 a 3.5 dove gli elementi risultano trattati endodonticamente, mentre gli elementi non sono stati sottoposti a trattamento endodontico, inoltre abbiamo la presenza di una protesi parziale rimovibile in resina acrilica di due elementi con ganci metallici per riabilitare le edentulie in sede In base agli esami clinico-radiografici, si evince nell arcata superiore riassorbimento osseo con evidente pneumatizzazione dei seni mascellari e nell ar- Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 Fig. 7 Fig. 8 Fig. 1_OPT iniziale. Figg. 2-8_Status fotografico iniziale. 07

3 cata inferiore riassorbimento di tipo orizzontale soprattutto a livello degli elementi monconi protesici che presentano mobilità di III grado. _Piano di trattamento iniziale Il piano di trattamento iniziale ha previsto l effettuazione di una terapia eziologica strumentale (motivazione all igiene orale, detartrasi, sondaggio parodontale, levigatura radicolare e avulsione degli elementi non più recuperabili in sede ). Alla rivalutazione, ottenuto il risanamento dei tessuti parodontali (Figg. 9, 10), con riduzione dei sondaggi parodontali, si è proceduto alla definizione del piano di trattamento che prevedeva come obiettivo principale, la ristabilizzazione dei corretti rapporti occlusali inter-arcata ed intraarcata con ripristino della dimensione verticale e risoluzione delle edentulie presenti, mediante programma riabilitativo implanto-protesico. Una metodica molto utile e largamente utilizzata per la pianificazione riabilitativa implanto-protesica è quella che prevede l utilizzo dei modelli studio montati in articolatore, attraverso la cui analisi è possibile affrontare con accuratezza lo studio degli spazi edentuli oltre che dei rapporti intermascellari. Per procedere in tal senso, sono sufficienti delle impronte rilevate con cucchiai standard del commercio per la realizzazione di modelli di studio in gesso. La contemporanea registrazione dei rapporti intermascellari mediante l uso di valli in cera e/o cere occlusali e della posizione spaziale del mascellare, mediante arco facciale, offre gli elementi utili per il corretto riposizionamento dei modelli in articolatore (Figg ). Per una corretta pianificazione dell intervento chirurgico e della riabilitazione protesica assume un ruolo propedeutico centrale la realizzazione di una ceratura diagnostica (Figg ). Attraverso la ceratura diagnostica è possibile ottenere infatti una simulazione realistica su articolatore del risultato protesico finale secondo criteri corretti di occlusione ed estetica. Per ogni elemento protesico è possibile stabilire morfologia, dimensioni e orientamento nello spazio, rispetto ai denti contigui e antagonisti, e, soprattutto, pianificare la corretta posizione degli impianti, seguendo i protocolli dell implantologia protesicamente guidata. Infatti, una volta definite le caratteristiche della protesi finale, attraverso la ceratura diagnostica, si procede alla Fig. 9 Fig. 10 Fig. 11 Fig. 12 Figg. 9, 10_Foto Rivalutazione. Figg _Registrazione arco facciale e modelli montati in articolatore. Fig. 13 Fig

4 realizzazione di mascherine diagnostiche e chirurgiche in resina acrilica, che riproducono fedelmente la posizione dei denti così come è stata programmata. Per il caso specifico, attraverso l analisi dei modelli e la ceratura diagnostica, il piano di trattamento definitivo prevedeva per l arcata superiore: una corona protesica in sede 1.3, moncone non trattato endodonticamente; inserimento di due impianti endossei in sede a sostegno di un ponte di tre elementi per la riabilitazione della sede edentula ; due corone protesiche in sede , monconi già trattati endodonticamente e l inserimento di due impianti endossei in sede a sostegno di un ponte di tre elementi per la riabilitazione della sede edentula e una corona protesica in sede 2.7 moncone non trattato endodonticamente. Il piano di trattamento definitivo prevedeva, invece, per l arcata inferiore: l inserimento di due impianti endossei in sede a sostegno di un ponte di quattro elementi per la riabilitazione della sede edentula , un ponte di tre elementi in sede , l inserimento di un impianto in sede 3.6 a sostegno di una corona protesica, un ponte di tre elementi in sede , l inserimento di un impianto in sede 4.6 a sostegno di una corona protesica. Al fine di verificare l esistenza delle condizioni locali propedeutiche alla realizzazione di tale piano di trattamento, sono stati richiesti esami radiografici aggiuntivi (tomografia computerizzata delle arcate superiore e inferiore) così da valutare quantitativamente e qualitativamente le sedi ossee da scegliere per il posizionamento implantare. L effettuazione dell esame TC dental scan viene eseguita dalla paziente indossando la dima radiologica realizzata sulla base della ceratura diagnostica definitiva. Reperi radiopachi sono stati posizionati in corrispondenza dei siti: (Fig. 18). L analisi della TC dental scan evidenzia, all arcata superiore sul piano orizzontale, una pneumatizzazione dei seni mascellari maggiore a livello del seno mascellare superore sinistro e, in corrispondenza delle proiezioni trasversali, a livello dei reperi radiopachi, una morfologia ossea caratterizzata da un adeguato spessore vestibo- Fig. 15 Fig. 16 Fig. 17 Fig. 18 Fig. 19 Fig. 20 Figg _Ceratura Diagnostica superiore e inferiore. Fig. 18_Dima radiologica. Figg. 19, 20_TC Arcata Mascellare. 09

5 Fig. 21_TC arcata mandibolare Classe IV di Lekholm e Zarb. Fig. 22_Dima chirurgica superiore. Fig. 23_Dima chirurgica inferiore. lo palatale con deficit di tipo verticali (Figg. 19, 20). Classificazione Tipo A Iperpneumatizzazione seno e normale distanza intrarcata. All arcata mandibolare si evidenzia, invece, una valida condizione ossea in corrispondenza sia dei reperi radiopachi sia a livello delle sedi apicali agli elementi (Fig. 21). Sulla base di queste informazioni, è stato programmato per l arcata superiore l inserimento di due impianti di 4 mm di diametro e 11 mm di altezza (Astra Tech Osseo Speed) in sede e di due impianti di 4 mm di diametro e 9 mm di altezza (Astra Tech Osseo Speed) in sede , associata a un contestuale intervento di mini rialzo crestale dei seni mascellari destro e sinistro, allo scopo di aumentare l altezza ossea verticale. Invece, per l arcata inferiore è stato programmato l inserimento di due impianti di 3.5 mm di diametro e 11 mm di altezza (Astra Tech Osseo Speed) in sede e di due impianti di Fig. 21 Fig. 22 Fig mm di diametro e 11 mm di altezza (Astra Tech Osseo Speed) in sede senza necessità di incremento osseo. Sulla base della ceratura diagnostica e delle mascherine radiologiche sono state ottenute le dime chirurgiche superiore e inferiore, che riproducono le pareti vestibolari dei denti da sostituire e vengono tenute in posizione mediante ritenzioni realizzate a carico della dentatura residua (Figg. 22, 23). Prima seduta chirurgica: inserimento impianti arcata superiore destra e sinistra. La preparazione del paziente comincia già qualche giorno prima dell intervento con un accurata preparazione iniziale: ablazione tartaro e lucidatura di tutti gli elementi dentari, sciacqui con clorexidina 0,2% per 1 min. ogni 12 ore; copertura antibiotica per via orale a partire dalla sera prima fino a sette giorni dopo l intervento. Immediatamente prima dell intervento il paziente effettua uno sciacquo con clorexidina 0,2% per 1 min. e viene effettuata la disinfezione dei tessuti periorali con clorexidina 0,2%. La tecnica di anestesia plessica garantisce un valido blocco anestetico sia a livello del mascellare che della mandibola. In questo caso specifico, per l arcata superiore si è optato per un anestesia plessica bilaterale, mentre all arcata inferiore per una tronculare bilaterale del nervo mentoniero associata a una anestesia plessica della mucosa linguale e buccale, estesa dall elemento 36 al 46. La formulazione di anestetico utilizzata (articaina con adrenalina 1/ ) consente una valida penetrazione ossea, un rapido on-set e un incremento significativo della durata d azione. L elevazione dei lembi muco-periostei, con scollamento dei tessuti a tutto spessore, è stata realizzata mediante semplici lembi a busta, effettuando una delle incisioni in cresta a livello della sede edentula, estesa a livello del solco gengivale di due elementi adiacenti, così da minimizzare il trauma tissutale. La creazione del letto implantare avviene grazie all ausilio della dima chirurgicha che, precedentemente disinfettata in una soluzione di clorexidina 0,2% per 15 minuti, viene posizionata in bocca e fissata sui denti contigui alla sella edentula. In questo specifico caso, la preparazione dei letti implantari per l arcata superiore ha previsto l utilizzo di una tecnica mista in parte con strumenti rotanti frese per impianti osseo speed Astra Tech (Figg. 26, 27) e con osteotomi Astra Tech specificatamente disegnati per la linea OsseoSpeed, che hanno consentito di ottenere l elevazione del pavimento del seno mascellare (Fig. 28), strumenti dritti con punta tonda per compattazione ossea ed espansione di cresta del sito implantare e a 10

6 Figg. 24, 25_Allestimento del lembo. Figg. 26, 27_Prima fase di preparazione con strumenti rotanti. Fig. 24 Fig. 25 Fig. 26 Fig. 27 baionetta con punta concava per rialzo del pavimento del seno mascellare. Questa procedura è usualmente attuata in tessuto osseo midollare e il suo scopo principale è di mantenere tutto l osso proveniente dalle pareti del sito osteotomico e, quindi, spingerlo apicalmente al fine di innalzare il pavimento del seno mascellare. L utilizzo alternato degli osteotomi a punta concava e a punta convessa permette di compattare meglio l osso raccolto sia in senso verticale che laterale. Terminata la preparazione del letto implantare, gli impianti prescelti rispettivamente: due impianti da 4*11 mm (Astra Tech Osseo Speed) per i siti e due impianti da 4*9 mm (Astra Tech Osseo Speed) per i siti sono stati inseriti nei siti chirurgici a bassissima velocità, monitorando il torque di inserzione mediante manipolo collegato al motore chirurgico, e completando, infine, manualmente l avvitamento. La buona stabilità primaria ottenuta viene confermata anche dall assenza di rotazione implantare (spinning test negativo) al momento dell avvitamento manuale delle viti tappo (Cover screw, Astra Tech) (Figg. 29, 30). Fig. 28_Seconda fase di preparazione con osteotomi Astra Tech. Figg. 29, 30_Impianti inseriti. Fig. 28 Fig. 29 Fig

7 Terminato l intervento sono state eseguite le radiografie di controllo ed è stata effettuata la chiusura dei lembi con punti staccati in seta Eticon 3-0 che sono stati rimossi a distanza di una settimana (Figg. 31, 32). Seconda seduta chirurgica per l inserimento degli impianti all arcata inferiore: per l arcata inferiore la creazione del letto implantare è avvenuta previa elevazione dei lembi muco-periostei, semplici lembi a busta, effettuando l incisione in cresta a livello delle sedi edentule (Fig. 34), avvalendosi della dima chirurgica che viene posizionata in bocca e fissata sui denti contigui alla sedi edentule (Fig. 35) e il fresaggio è avvenuto con l utilizzo di strumenti rotanti frese per impianti osseo speed Astra Tech Terminata la preparazione del letto implantare, gli impianti prescelti sono stati rispettivamente: due impianti da 3.5*11 mm (Astra Tech Osseo Speed) per i siti e due impianti da 4*11 mm (Astra Tech Osseo Speed) per i siti Sono stati inseriti nei siti chirurgici a bassissima velocità, monitorando il torque di inserzione mediante manipolo collegato al motore chirurgico, e completando, infine, manualmente l avvitamento. La buona stabilità primaria ottenuta viene confermata anche dall assenza di rotazione implantare (spinning test negativo) al momento dell avvitamento manuale delle viti tappo (Cover screw, Astra Tech) in sede completamente sommerse (Figg ) e degli healing abutment Astra Tech in sede lasciati strans-mucosi. Terminato l intervento sono stati eseguiti i controlli radiografici e la chiusura dei lembi con l effettuazione di punti staccati in seta Eticon 4-0 (Figg ). A distanza di una settimana la paziente viene controllata e si esegue la rimozione dei punti di sutura. A distanza di tre mesi, dopo aver eseguito i controlli clinici e radiografici è stata eseguita l esposizione degli impianti con l effettuazione di un lembo minimamente esteso all arcata superiore e due tagli a T all arcata inferiore, in corrispondenza del , che hanno consentito la rimozione delle cover screw e la loro sostituzione con viti di guarigione (healing abutment, Astra Tech) (Figg. 47, 48). A distanza di una settimana, date le valide condizioni dei tessuti perimplantari, si è potuto già procedere al rilievo della prima impronta per il confezionamento delle protesi provvisorie su impianti. Rimosse le viti di guarigione è possibile apprezzare il buon stato di salute del tragitto mucoso perimplantare (Figg ). Una volta avvitati i transfer da impronta (Fig. 53) si prova il porta impronte individuale e si rileva l impronta in poliestere (Impregum, 3M ESPE). Una volta indurito il materiale, prima di eseguire la rimozione del portaimpronta, i transfer vengono splintati al portaimpronta, attraverso l utilizzo di resina acrilica autoindurente (Duralay) per aumentare la precisione di registrazione della posizione implantare, evitando la dislocazione dei transfer durante la fase di rimozione (Fig. 54). Fig. 31 Fig. 32 Figg. 31, 32_RX di controllo alla base line. Fig. 33_Sutura dei lembi. Fig. 34_Allestimento dei lembi arcata inferiore. Fig. 33 Fig

8 Fig. 35_Dima chirurgica inferiore. Figg _Impianti inseriti in sede con controllo radiografico alla base line. Figg _Impianti inseriti in sede con controllo radiografico alla base line. Fig. 35 Fig. 36 Fig. 37 Fig. 38 Fig. 39 Fig. 40 Fig. 41 Ottenute le impronte, i modelli sono stati sviluppati con tecnica che prevede la riproduzione dei tessuti perimplantari in silicone rosa, che consente di poter meglio valutare lo stato e la dimensione dei tessuti perimplantari, dato molto utile per la scelta e la personalizzazione degli abutment. Per la realizzazione degli abutment sono stati utilizzati abutment calcinabili della sistematica Astra Tech CastDesign (Fig. 55), componente in due pezzi, un cilindro in plastica pre-lavorata e lega aurea non ossilizzata, adatti per ricostruzioni in ceramica e metallo. Questi rappresentano la soluzione ideale per i casi complessi che richiedono correzioni di angolazione fino a 30. Eseguiti gli abutment definitivi, il tecnico ha provveduto al confezionamento della dima di serraggio, delle strutture definitive in lega aurea e degli elementi provvisori in resina acrilica (Fig. 56). Il tutto, sopraggiunto in studio, ha consentito la collocazione di ponti in resina cementati provvisoriamente sugli abutment definitivi, posizionati con dima in resina acrilica e serrati a 20 N, fornendo così la possibilità di condizionare adeguatamente i tessuti molli a livello del collare mucoso perimplantare e a livello degli elementi intermedi di ponte sia all arcata superiore sia all arcata inferiore e, soprattutto, hanno assunto una funzione terapeutica in quanto, realizzati sulla base della ceratura diagnostica, hanno consentito di ripristinare i corretti rapporti interar- 13

9 Figg _Controlli radiografici a tre mesi. Fig. 42 Fig. 43 Fig. 44 Fig. 45 Fig. 46 Figg. 47, 48_Esposizione impianti. Figg _Stato dei tragitti transmucosi perimplantari. Fig. 47 Fig. 48 Fig. 49 Fig. 50 Fig. 51 cata Dimensione Verticale (Fig. 57). A circa otto mesi di distanza, dopo aver apportato varie modifiche agli elementi provvisori, una volta stabilizzate le condizioni dei tessuti molli, ottenuta l ottimizzazione del condizionamento gengivale e la risoluzione dei problemi articolari (Fig. 57), si è passati alla prova della struttura protesica in oro con controllo radiografico del fit, al rilievo dell impronta di posizione e alla registrazione del colore. Il tutto inviato in laboratorio è stato sottoposto alle fasi di ceramizzazione per ottenere il 14

10 Fig. 53 Figg. 52, 53_Transfer inseriti. Fig. 54_Impronta appena rimossa dalla cavità orale. Fig. 55_Abutment Astra Tech CastDesign eseguti per il caso specifico. Fig. 56_Abutment definitivi, dima di serraggio, provvisori in resina acrilica e strutture auree. Fig. 57_Elementi provvisori superiori e inferiori appena inseriti. Fig. 52 Fig. 55 Fig. 54 Fig. 57 Fig. 56 Fig. 58 Fig. 59 Fig. 60 Fig. 61 Fig. 62 Figg _Stato dei tessuti molli dopo condizionamento con elementi provvisori. 15

11 Figg _Prova biscotto e verifiche occlusali. Figg _Confronto dei modelli pre e post terapia montati in articolatore. Fig. 69_Teleradiografia e tracciato cefalo metrico. Fig. 70_Manufatti protesici caratterizzati e glasati. Fig. 63 Fig. 64 Fig. 65 Fig. 66 Fig. 67 Fig. 68 Fig. 69 Fig. 70 manufatto in prova biscotto. Successivamente alla ceramizzazione, è stata effettuata la prova biscotto con verifica delle superfici di contatto interdentali, soprattutto, tra i quattro segmenti protesici inferiori e verifica dei contatti occlusali in centrica, in lateralità destra e sinistra e in protrusione (Figg ). In questa fase, per poter meglio verificare le registrazioni occlusali eseguite direttamente in cavità orale, sono state rilevate due impronte delle arcate montate in prova biscotto e, ottenuti i modelli, sono stati montati in articolatore. Questa fase ha consentito sia di effettuare ulteriori verifiche dei ritocchi eseguiti in cavità orale, sia di mettere a confronto i modelli pre e post terapia montati in articolatore, che evidenziano l avvenuto ripristino del piano occlusale e della dimensione verticale. Inoltre, la paziente con le arcate montate in prova biscotto ha eseguito una teleradiografia dalla quale è stato ottenuto un tracciato cefalometrico i cui valori si sovrappongono a quelli di una condizione fisiologica. Infatti si evince che l altezza facciale inferiore è direttamente proporzionale al valore di riferimento che è del 55% complessivo. La conclusione diagnostica dell ortodontista è stata di tutto armonico e funzionale e ha consentito la caratterizzazione personalizzata e la glasatura (Fig. 70). Quindi, i manufatti sono stati inviati in studio, dove è stata ese- 16

12 Fig _Manufatto definitivo e controllo radiografico a sei mesi. Fig. 71 Fig. 73 Fig. 72 Fig. 74 Fig. 75 Fig. 76 Fig. 77 Fig. 78 Fig. 79 Fig. 80 Fig

13 Fig. 82 Fig. 83 Figg. 82, 83_Aspetto extraorale pre e post terapia. guita la consegna con cementazione definitiva (Figg ). _Discussione e conclusione La corretta gestione del paziente con problematiche articolari, che necessiti di riabilitazione implanto-protesica, non può prescindere da un approccio globale e multidisciplinare; così come rappresenta un presupposto irrinunciabile per ogni terapia riabilitativa la formulazione del piano di trattamento, il risanamento delle condizioni di salute parodontale e l eliminazione dei focolai attivi. Il rispetto delle comuni conoscenze nel campo dell implanto-protesi, in associazione ad alcuni particolari accorgimenti specifici come il rialzo trans-crestale dei seni mascellari, l utilizzo di materiali implantari e protesici di ultima generazione, permettono oggi al clinico di ottenere risultati di buon livello. È fondamentale comprendere l importanza di un approccio multidisciplinare alla riabilitazione dei pazienti disfunzionali. Lo studio del caso, attraverso l analisi dei modelli, della morfologia facciale e del sorriso del paziente, nonché l attenta valutazione dei volumi ossei e dei tessuti molli rappresentano senza dubbio un primo passo di importanza elevata. Poter prevedere e programmare il risultato che si vuole ottenere, attraverso una ceratura diagnostica, va considerato un passaggio irrinunciabile, in particolar modo, nei casi di edentulismo multiplo per scegliere il numero e il posizionamento accurato degli impianti. In questa fase, si individuano tutte le informazioni inerenti il posizionamento ottimale della fixture nelle tre dimensioni dello spazio, tenendo conto, non solo della disponibilità ossea, ma anche di altri fattori quali il biotipo parodontale del paziente e il tipo di restauro protesico definitivo che verrà realizzato. Per ottenere una adeguata morfologia dei tessuti perimplantari, va ricordata l importanza di un corretto utilizzo delle viti di guarigione e in particolar modo, delle potenzialità di condizionamento offerte dalla restaurazione provvisoria. Concludendo, nonostante sia spesso possibile ottenere pregevoli risultati attraverso l utilizzo di metodiche protesiche tradizionali, l avvento dell implantologia ha fornito al clinico uno strumento estremamente valido, tuttavia senza esimerlo da un attenta progettazione e finalizzazione di tutto il piano di trattamento implantoprotesico. Il caso clinico presentato ha evidenziato la possibilità di ottenere un miglioramento delle deficitarie condizioni e funzioni dell apparato stomatognatico con la possibilità di risolvere problematiche disfunzionali dell ATM. La mancanza degli elementi dentari nei quadranti posteriori e la presenza di protesi rimovibili incongrue, rendeva molto difficile il rispetto dei principi funzionali dell apparato stomatognatico, generando nella paziente anche risvolti psichici che richiedevano l assunzione di psicofarmaci. Si ritiene che il rispetto e l applicazione delle comuni conoscenze nel campo dell implantoprotesi, in questo caso, abbia fornito, accanto al già citato risultato funzionale, l auspicabile risoluzione di problematiche psico-fisiche che hanno condizionato per circa vent anni la quotidianità della paziente. Anche il decorso clinico postoperatorio è stato caratterizzato dalla completa assenza di complicanze sistemiche e/o locali. Nonostante i risultati estremamente incoraggianti ottenuti con questi sistemi, tuttavia rimane l obbligo di un attenta valutazione delle indicazioni in considerazione del relativo recente utilizzo di tali rivoluzionari presidi. 18

14 _bibliografia 1. OHRNELL L.O., HIRTSH J.M., ERICSSON I., BRANE- MARK P.I. Single-tooth, rehabilitation using osseointegration. A modified surgical and Prosthodontic approach. Quintessence Internationale. (1988). Vol. 19, n HONGANO C., DONZELLER R., BUCCI SABATTINI V. Implatoprotesi: aspetti clinici. Dental Cadmos. (1992). 2: ALBREKTSSON T., SENNERBY L. State of the art in oral implants. J Clinical Periodontal. (1991). 18: CORSO M., SIROTA C., FIORELLINI J. et al.. Clinical and radiographic evaluation of early loaded freestanding dental implants with various coatings in beagle dogs. J Prosthet Dental. (1999). 5. BECKER W., BECKER B.E., POLIZZI G: Autogenous bone grafting of bo ne defects adjacent to implants placed into immediate extrac tion sockets in patients: A prospective study. Int J Oral Maxillo fac Implants 1994; 9(4): BECKER W., CLOKIE C., SENNERBY L., ET AL.: Histologic findings alter implantation and evaluation of different grafting materials and titanium micro screws into extraction sockets: Case reports. J Pe riodontol 1998; 69(4): BERGLUNDH T. E LINDHE J.: Healing around implants placed in bone defects treated with Bio- Oss. An experimental study in the dog. Clinical Oral Implants Research 1997; 8: BRUNEL G. ET AL.: Bioadsorbable materials for guided bone regeneration prior to implant placement and 7 year follow-up. Report of 14 cases. J Periodontol, vol.72 n.2: ; BUNYARATAVEJ P., WANG H. L.: Collagen membranes: a review. J. Periodontol., vol.72: ; BUSER D., BRASSER U., LANG N.P., NYMAN S.: Regeneration and anlayment of jaw bone using guided tissue regeneration. Clin. Oral Implants. Res. 1: BUSER D., DULA K., LANG N.P. ET AL.: Long-term stability of osseointegrated implants in bone regenerated with the membrane technique. 5-year results of a prospective study with 12 implants. Clinical Oral Implants Research 1996; 7: CARRANZA F.A. Jr., KENNEY E.B., LECOVIK V., TALAMON TE E., ALENCIA J., DIMTIRIJTE VIC B.: Histologic study of leding of human periodontal defect placement of porous hidroxylaparite implants. J. Periodontol. 58: 682, CHIAPASCO M., ROMEO E., CASENTINI P., RIMON- DINI L., NARDELLA S.: Correzione dei difetti ossei vertcali mediante rigenerazione ossea guidata o distrazione osteogenica: studio prospettico a tre anni. Dentista Moderno 2004; 1: CORTELLLINI P., DE SANCTIS M., PINI PRATO G.P.: Guided tissue regeneration procedure using a fi brin-fibronectin system in surgically induced recessions in dogs. Int. J. Pe riodont. Rest. Dent. 11: DAHLIN C., LINDHE J., GOT TLOW J., NYMAN S.: Healing of bone defects by guided tissue rege neration. Plast. Recountr. Surg. 81: 672, DAHLIN C., SENNERBY L., LEKHOLM M.: Generation of new bone around titanium implant using a membrane technique. An experi mental study in rabbits. Int. J. Oral Maxillo fac. Implants 4: 19, DAHLIN C., GOTTLOW J., LINDHE J.: Heding of maxillary and mandibular bone defects using a Membrane technique. An experimental study in monkeys. Scand. J. Plast. Recontr. Surg. Hand. Surg. 24: 13, FAVERO G.A.: Osseointegrazio ne clinica: i principi di Branemark Masson, Milano, GARG A.K.: Grafting materials in repair and restoration. In: Lynch S, Genco R, Marx R (eds). Tissue engineering, applications in ma xillofacial surgery and periodontics. Chica go: Quintessence Publ Co Inc, JOVANOVIC S.A., NEVINS M.: Bone formation utilizing titanium-rein forced barrier membranes. Int J Periodont Rest Dent 1995; 15(1): LORENZONI M., PERTI C., POIANSKY R.A.: Guided bone regeneration with bar rier membranes - a clinicai and radiographic follow-up study after 24 months. Clinical Oral ImpIants Research 1999; 10: MARTIGNONI M., ROCCI A.: Aumento di vo lume osseo nelle atrofie crestali. In: Progressi in Odontoiatria.Vol.3. Torino: UTET, 2002: Mericske-Stern R. Prosthetic Considerations. Aust Dent J.,2008 Jun;53 Suppl 1:S Miyazaki T, Hotta Y, Kunii J, Kuriyama S, Tamaki Y. A Review of Dental CAD/CAM: current status and future prospectives from 20 years experience. Dent Mater J Jan;28(1): NEVINS M., MELLONIG J.T., ET AL.: ImpIants in regenerated bone: long-term survival. Intemational Journal of Periodontics and Restorative Dentistry 1998; 18: NYMAN S., GOTTLOW J., KAR RING T., LINDHE J.: The rege nerative potential of the periodontal ligament. A study in the monkey. J. Clin. Periodontol. 9: , G. SANTARELLI ET AL.: Neoformazione verticale di osso intorno a impianti mediante GBR. Studio pilota sul cane. Implantologia Orale, n.4: 33-41; SIMION M., BALDONI M., ZAF FE D.: Rigenerazione guidata dei tes suti in osteointegrazione. Il: siti post-estrattivi. Rivista Italiana di Osteoin tegrazione 1: 40-54, SIMION M, TRISI P, PIATTELLI A: GBR with an e- PTFE membrane associat ed with DFOBA: histologic and histochemical analysis in a human implant retrieved after 4 years of Ioading. Intemational Journal of Periodontics and Restorative Dentistry 1996; 16: SIMION M, JOVANOVIC SA, TINTI C, ET AL: Longterm evaluation of osseointegrated implants inserted at the time or after vertical rid ge augmentation. Clin Oral Impl Res 2001; 12: TINTI C., VINCENZI G.: Il trat tamento delle recessioni gengivali con la tecnica di rigenerazione guidata dei tessuti mediante membrane Go re-tex. Variante clinica. Quintessen ce Int. 6: 465, Van Steenberghe D., Naert I., Andersson M., Brajnovic I., Van Cleynenbreugel J.,Suetens P. A Custom Template and Definitive Prosthesis Allowing Immediate Implant Loading in the Maxilla: A Clinical Report. J. Oral Maxillofac Implants 2002;17: WILLIAMS R.C., COCHRAN D.L., GIANNOBILE W.V., LINCH S.E.: Tissue engineering: what does it mean? Why it is important? Compend Contin. Educ. Dent. 2005; 26: Widmann G., Bale R.J. Accuracy in Computer-Aided Implant Surgery- A Review. Int J. Oral Maxillofac Implants 2006;21: Adell R., Eriksson B., Lekholm U., Branemark P.I. & Jemt T.A. A long-term follow-up study of osseointegrated implants in the treatment of the totally edentulous jaw. Int. J. Oral Maxillofac. Implants 1990; 5: Aimetti M., Romagnoli R., Ricci G. & Massei G. Maxillary sinus elevation: The effect of macrolacerations and microlacerations of the sinus membrane as determined by endoscopy. Int. J. Periodontics Restorative Dent. 2001; 21: Artzi Z., Parson A. & Nemcovsky C.E. Wide-diameter implant placement and internal sinus elevation in the immediate postextraction phase: clinical and radiographic observations in 12 consecutive molar sites. Int. J. Oral Maxillofac. Implants 2003; 18: Bahat O. Treatment planning and placement of implants in the posterior maxilla. Report of 732 consecutive Nobelpharma implants. Int. J. Oral Maxillofac. Implants 1993; 8: Baumann A & Ewers R. Minimalinvasiver sinuslift. Grenzen und Moglickeiten im atrophen Oberkiefer. Mund Kiefer Gesichtschir. 1999; 3: S70-S Berengo M., Sivolella S., Majzoub Z. & Cordioli G.P. Endoscopic evaluation of the bone-added osteotome sinus floor elevation procedure. Int. Oral and Maxillofac. Surg., Accepted for Pubblication Block M.S. & Kent J.N. Sinus augmentation for dental implants. The use of autogenous bone. Journal of Oral and Maxillofacial Surgery. 1997: 55: Block M.S. & Kent J.N., Kallukaran F.U. Thunthi K. & Weinberg R. Bone maintenance 5 to 10 years after sinus grafting. J. Oral Maxillofac. Surg. 1998; 56: Bruski G.B. Scipioni A., Calesini G. & Bruscki E. Localized management of sinus floor with simultaneous implant placement: A. clinical report. Int. Oral Maxillofac. Implants. 1998; 13: Buser D. Mericke-Stern R., Bernard JP, Behneke A, Behneke N, Hirt HP, Belser Uc, & Lang NP. Longterm evaluation of non-submerged ITI implants. Part 1:8-year life table analysis of the prospective multi-center study with 2359 implants. Clin.Oral Implants Res 1997; 8: Cavicchia F., Bravi F. & Petrelli G. Localized augmentation of the maxillary sinus floor through a coral approach for the placement of implants. Int. J. Periodontics Restorative Dent. 2001; 21: Coatoam G.W. Indirect sinus augmentation procedures using one-stage anatomically shaped rootform implants. j.oral Implant. 1997; 23: Coatoam G.W. Krieger J.T. A four-year study examing the results of indirect sinus augmentation procedures. J. Oral Implant. 1997; 23: Cosci F. & Luccioli M. A new sinus lift technique in conjunction with placement of 265 implants: a 6 year retrospective study. Impl. Dent. 2000; 9;

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

IMPLANTOLOGIA 3/10. La rivista per il clinico ANNO 8 SETTEMBRE 2010 ORGANO UFFICIALE DELLA SIO SOCIETÀ ITALIANA DI IMPLANTOLOGIA OSTEOINTEGRATA

IMPLANTOLOGIA 3/10. La rivista per il clinico ANNO 8 SETTEMBRE 2010 ORGANO UFFICIALE DELLA SIO SOCIETÀ ITALIANA DI IMPLANTOLOGIA OSTEOINTEGRATA QUINTESSENZA EDIZIONI S.r.l. - Via Ciro Menotti 65-20017 Rho (Mi) - Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1 comma 1, DCB - Milano IMPLANTOLOGIA La rivista per il clinico ORGANO

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Evoluzioni tecniche del linguaggio nel ripristino protesico del cavo orale Autori_R. Pascetta* & R. Scaringi**, Italia *Odontotecnico in Chieti;

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Progettati per l efficienza Alveoli estrattivi grandi, accessibilità limitata, difficoltà di rimozione del cemento in eccesso ed

Dettagli

Maggiore libertà, maggior controllo

Maggiore libertà, maggior controllo Maggiore libertà, maggior controllo Semplicità in implantologia con stabilità, resistenza e velocità Il nostro desiderio in Neoss è sempre stato di offrire ai professionisti del settore dentale una soluzione

Dettagli

Carico immediato di 105 Impianti BTLock.

Carico immediato di 105 Impianti BTLock. Dr. Ivan Tresnak esercita in uno studio a Sand in Taufers (Italia) ed è consulente scientifico delle società Biomed Prag e di Lasak Italia. Autore di numerose pubblicazioni, si occupa di Implantologia

Dettagli

Fig 8 Uso dello spazzolino interprossimale intorno Fig 9 Uso del filo spugnoso intorno ad Un impianto

Fig 8 Uso dello spazzolino interprossimale intorno Fig 9 Uso del filo spugnoso intorno ad Un impianto FASE TERAPEUTICA MOTIVAZIONE DEL PAZIENTE La collaborazione ed il grado di igiene orale diventano sempre meno efficaci con il passare del tempo ed è proprio per questo motivo che il rinforzo delle istruzioni

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD)

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Autore_Valerio Bini, Italia Fig. 1_Smile designer e face aesthetic medical team. _Introduzione È oggi possibile stare al passo

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE ProTaper Universal è la nuova versione di strumenti endodontici NiTi più famosi nel mondo + Più facile una sola sequenza operativa per ogni tipo di canale

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

Chirurgia sinusale. Universal Implant Expander dritti 24 Universal Implant Expander angolati 25 Splitter set 26 Martelletti chirurgici 27

Chirurgia sinusale. Universal Implant Expander dritti 24 Universal Implant Expander angolati 25 Splitter set 26 Martelletti chirurgici 27 Osteosintesi Micropins per fissaggio membrane 6 Strumentario Micropins 7 Griglie e membrane in titanio 8 Sistemi di fissaggio 9 Microviti in titanio 10 Microplacche da osteosintesi Ø 1,5 11 Pinze per lavorazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

VITA ENAMIC. Corone su impianti Istruzioni di impiego. VITA shade, VITA made. VITA Farbkommunikation. VITA Farbkommunikation. VITA Presa del colore

VITA ENAMIC. Corone su impianti Istruzioni di impiego. VITA shade, VITA made. VITA Farbkommunikation. VITA Farbkommunikation. VITA Presa del colore VITA ENAMIC Corone su impianti Istruzioni di impiego VITA Farbkommunikation VITA Farbkommunikation VITA Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Prevenzione e Ricerca sull'osteonecrosi dei Mascellari da Bisfosfonati

Prevenzione e Ricerca sull'osteonecrosi dei Mascellari da Bisfosfonati Prevenzione e Ricerca sull'osteonecrosi dei Mascellari da Bisfosfonati Documento informativo ad ampia divulgazione per l approfondimento dell osteonecrosi dei mascellari determinata dall utilizzo di bisfosfonati

Dettagli

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 8 n 4, 2005 La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento STEVEN J. COHEN, DDS GARY D. GLASSMANN, DDS RICHARD E.

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Istruzioni di impiego

Istruzioni di impiego VITA CAD-Temp Istruzioni di impiego Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore VITA Data 05.10 Blocchetti in composito a base di polimero acrilico

Dettagli

Oral Surgery Instruments: High-style and very high performance, complete professional product range. Oral surgery Catalogue

Oral Surgery Instruments: High-style and very high performance, complete professional product range. Oral surgery Catalogue Oral Surgery Instruments: High-style and very high performance, complete professional product range. Oral surgery Catalogue Maxil, Oral Surgery Instruments Maxil is the line of high-quality surgical instruments

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan;

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan; L effetto dell uso della diga di gomma sul tasso di sopravvivenza dei denti che ricevono il primo trattamento canalare: studio basato sull intera popolazione nazionale Po-Yen Lin, DDS, MS, MPH,* Yang Chi,

Dettagli

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity

Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity clinical research papers Effetti del trattamento ortodontico sull attività dei muscoli masticatori Effects of orthodontic therapy on masticatory muscles activity Elena Di Palma, Michele Leopardi, Vincenzo

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano Color Coding System * Tip TipBook Book Italiano 2 acteongroup.com Introduzione Satelec produce generatori di ultrasuoni da più di 40 anni ed ha sviluppato il primo generatore piezoelettrico per il mercato

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O.

ANALISI CEFALOMETRICA SAGITTALE: QUAL È IL PARAMETRO PIÙ AFFIDABILE? S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti. V.J.O. Articolo originale Pubblicato il 2-7-26 S. Proietti Orzella G. Denotti U. Giganti Autori associati a: Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia.

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli