Ministero della salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della salute"

Transcript

1 Ministero della salute Direzione Generale della Sanità animale e dei Farmaci Veterinari Lupi e cani nel territorio rurale: prospettive e strategie per una gestione efficace del randagismo e del fenomeno dell ibridazione Le azioni di contrasto del randagismo canino: l U.O. tutela animale del Ministero della salute Dott. Giandomenico Di Vito Ufficio VI Benessere Animale U.O. Tutela Animale 1

2 Introduzione Difesa patrimonio genetico» conservazione di una determinata specie = particolare significato biologico. Tuttavia, nelle prospettare le azioni da attuare: a)rispetto delle regole; b)rispetto delle esigenze della società; c) necessità etica 2

3 Evoluzione normativa internazionale Dichiarazione Universale Diritti Animali (UNESCO 1978 Parigi) primo provvedimento internazionale educa al rispetto di ogni forma di vita proclama principi fondamentali: (tutti gli animali sono uguali davanti alla vita e hanno gli stessi diritti all esistenza) diritto alla vita, al rispetto, alla protezione da parte dell uomo, a non essere maltrattato art. 6, diritto ad una durata della vita conforme alla naturale longevità e l abbandono è un atto crudele e degradante. In pratica una sorta di impegno di responsabilità 3

4 Convenzione Europea per la protezione degli animali da Compagnia (Strasburgo, 13-XI-1987) Ratificata con Legge 4 novembre 2010 n educa al rapporto uomo-animale e individua le responsabilità per chi se ne occupa; - sancisce principi fondamentali per il benessere animale; - affronta il problema del randagismo: identificazione abbinato alla registrazione controllo delle nascite» sterilizzazione (art. 12 misure complementari riduzione numero randagi) 4

5 Trattato di Lisbona (13 dicembre 2007) (art. 13 animali esseri senzienti) l'unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale. Impegna gli Stati Membri a garantire maggiore protezione e rispetto del benessere degli animali in quanto esseri senzienti. dimensione morale 5

6 Obiettivi U.O. tutela del benessere, contrasto al randagismo e al maltrattamento animale Normativa di riferimento: Legge quadro 281/91 Leggi regionali di recepimento Circolare n.5/2001 Legge 189/2004 (Titolo IX bis-dei delitti contro il sentimento per gli animali) Accordo 6 febbraio 2003 Ordinanza 6 agosto 2008 Accordo 24 gennaio

7 Problematiche Tardivo e disomogeneo recepimento Mancata applicazione delle misure previste Mancata informazione e formazione (per un corretto sviluppo del rapporto uomo-cane e quindi di un possesso consapevole e responsabile)» mancata sensibilizzazione e > abbandoni Sovrapopolazione canina di proprietà Commercio incontrollato (traffico da Paesi dell Est) 7

8 Conseguenze > notevole randagismo e canili sovraffollati Problema sociale costi notevoli per la pubblica amministrazione; Pericolo per l incolumità pubblica; (aggressioni/incidenti) Rischio sanitario; (serbatoio e veicolo di malattie infettive ed infestive) Degrado e inquinamento ambientale (infestazione di pest, sinantropi ed insetti) 8

9 AZIONI: Adozione di misure fondamentali Identificazione dei cani con microchip e registrazione in anagrafe nazionale; Sterilizzazione chirurgica dei cani rinvenuti vaganti e catturati sul territorio; Promuovere la sterilizzazione cani di proprietà Informazione e educazione dei proprietari» effetto indotto alla prevenzione degli abbandoni; 9

10 AZIONI efficiente sistema di controllo sul territorio; Potenziamento del sistema anagrafe per consentire l interoperabilità delle banche dati; Prevedere in ambito UE l istituzione di anagrafi nazionali e la creazione di una banca dati centrale europea che consenta una rapida e sicura rintracciabilità dell identificativo cercato. 10

11 Conclusione Randagismo: conseguenza della interazione di più cause, tra cui le principali sono: - Mancata applicazione delle norme; - Mancato o insufficiente controllo; - Mancata educazione proprietari/detentori; - Mancata identificazione e registrazione; - Sistema anagrafico insufficiente. 11

12 Agire Educare (prevenire gli abbandoni, promuovere la sterilizzazione) Applicare le misure previste Rafforzare il controllo sul territorio (attraverso la collaborazione delle Istituzioni locali competenti) Potenziare il sistema di anagrafe a livello nazionale ed europeo 12

13 Grazie per l attenzione 13

Randagismo: un problema regionale

Randagismo: un problema regionale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO ALLA SANITÁ Dipartimento Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico Randagismo: un problema regionale Agrigento, 9 marzo 2012 SERVIZIO 9 SANITÁ

Dettagli

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager

Task Force. Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Task Force Tutela degli animali d affezione, lotta al randagismo e ai canili lager Convivenza con gli animali Cambiamento della società: approccio più etico nella relazione con gli animali d affezione

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità La tutela

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI sulla tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Competenze e responsabilità NORME NAZIONALI

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL

1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL 1. LE COMPETENZE IN MATERIA DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DELLE AZIENDE USL L elevata presenza sul territorio nazionale di animali da compagnia (secondo l'istat

Dettagli

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO

PREMESSA IL PRESENTE OPUSCOLO NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO COMPETENZE E RESPONSABILITÀ NORME NAZIONALI SULLA TUTELA DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E LOTTA AL RANDAGISMO PREMESSA IL PRESENTE

Dettagli

Comune di Giano dell Umbria

Comune di Giano dell Umbria Comune di Giano dell Umbria Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI (Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 15.03.2011) (Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010

CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010 ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E SANITA COMITATO DI TUTELA DEGLI ANIMALI D AFFEZIONE CORSO PER OPERATORI DEI CANILI E DEI GATTILI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNI 2009/2010 1 Premessa La L. R. 27/2000 prevede

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che il Comune di Bentivoglio, nell ambito dei principi giuridici e indirizzi fissati dalle Leggi, dai Regolamenti e dal proprio Statuto promuove il diritto alla presenza,

Dettagli

L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203.

L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203. L. 14-8-1991 n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 30 agosto 1991, n. 203. Epigrafe 1. Princìpi generali. 2. Trattamento dei cani

Dettagli

C O M U N E D I I T R I

C O M U N E D I I T R I C O M U N E D I I T R I Provincia di Latina Deliberazione Copia della Giunta Comunale N. 104 del 24.09.2013 OGGETTO: ADOTTA UN CANE -APPROVAZIONE LINEE GUIDA L'anno duemilatredici il giorno ventiquattro

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo

Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Regione Siciliana AssessorAto regionale della sanità dipartimento Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico Tutela degli animali d affezione e lotta al randagismo Negli ultimi decenni, gli animali

Dettagli

Procedure operative animali d affezione

Procedure operative animali d affezione Procedure operative animali d affezione Marta Anello CELVA Convenzione relativa alle modalità di controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione Durata: periodo compreso tra il 1 ottobre

Dettagli

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005

Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Regione Molise Legge regionale n. 7 del 4-03-2005 Nuove norme per la protezione dei cani e per l istituzione dell anagrafe canina (B.U.R. Molise n. 6 del 16 marzo 2005) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito

Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito Comune di Bagnolo San Vito Via Roma, 29 46031 Bagnolo San Vito REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI CATTURATI SUL TERRITORIO COMUNALE DI BAGNOLO SAN VITO Art. 1 La

Dettagli

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo

LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 agosto 1991 1. Princìpi generali 1. Lo Stato

Dettagli

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA

Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Città di Manfredonia Deliberazione di G.C. n. 415 del 03/10/2008 DIRIGENTE DEL 4 SETTORE POLIZIA LOCALE E AMMINISTRATIVA Il Dirigente sottoscritto, in qualità di Dirigente del 4 Settore Polizia Locale

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA

BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA BREVE CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE DACCI UNA ZAMPA INFORMAZIONI SOCIETARIE Denominazione Dacci una Zampa Onlus Forma giuridica - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Presidente Candida Naccarato

Dettagli

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia

Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia Legge Regionale 33/2009: lotta al randagismo e tutela degli animali d affezione in Lombardia 25/11/2010 Dott.ssa Daniela Zucca Per contrastare il fenomeno del randagismo e promuovere il rispetto degli

Dettagli

CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI

CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI CORSO PER ISTRUTTORI CINOFILI con il patrocinio della Facoltà di Medicina Veterinaria- Federico II e del Master in Zooantropologia Esperienzialebinomio uomo-animale per il lavoro di attività assistite

Dettagli

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N. 10 NORME IN MATERIA DI ANIMALI DA AFFEZIONE E PREVENZIONE DEL RANDAGISMO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 14 APRILE 2015, N. 193 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 GENNAIO 1997, N.

Dettagli

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani

Le strutture per il controllo e la tutela dei cani Le strutture per il controllo e la tutela dei cani piacenza, 25 gennaio 2012 1988 CATTURA ABBATTIME NTO dopo 3 gg L.R. nr. 5 del 25 febbraio 1988 CATTUR A RICOVE RO IN CANILE LEGGE 14 agosto 1991, nr.

Dettagli

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI

COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE ORISTANO COMUNI DE ARISTANIS DISCIPLINARE PER L ADOZIONE DEI CANI Approvato con Deliberazione G.C. n. 34 del 25.03.2015 INDICE - PREMESSA ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - MODALITA DI ADESIONE ART. 3 -

Dettagli

PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU?

PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU? PERCHE I CANI ENTRANO IN CANILE? PERCHE ALCUNI NON ESCONO PIU? Dr.ssa Raffaella Tamagnone Medico Albo AL 550 Cell. 335 6136722 raffaellatamagnone@gmail.com Sportello Regionale per gli Animali d'affezione-

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 34 del 2015 sullo stato di attuazione delle norme relative alla tutela degli animali d affezione e prevenzione del randagismo (TU

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DEI CANI (Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 12.11.2013) Art. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CORTIS CARLA Indirizzo 5 VIA PITAGORA 09012 CAPOTERRA Telefono 070/6092722-3204325565 Fax 070/6092739 E-mail

Dettagli

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008

la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 la tutela del benessere degli animali da compagnia: dalla legge n. 281/91 ad oggi Cremona 09 aprile 2008 dott.ssa rosalba matassa ministero della salute direzione generale della sanità animale e del farmaco

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export 1 di 5 28/07/2015 12:14 LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Vigente al: 28-7-2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4357 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori IULIANO e BESSO CORDERO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 NOVEMBRE 1999

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DI STUDIO E CONSULTAZIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE AMBIENTE SICUREZZA MOBILITÀ URBANA POLITICHE AGRICOLE POLITICHE ENERGETICHE

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 103 Del 06-11-2013 Oggetto: Iscrizione all'anagrafe canina - Provvedimenti L'anno duemilatredici il giorno sei

Dettagli

Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Unità Operativa per la tutela degli animali

Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Unità Operativa per la tutela degli animali Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Unità Operativa per la tutela degli animali Relazione dell attività svolta negli anni 2012 e 2013 L Unità operativa è stata istituita nel

Dettagli

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento

COMUNE DI APICE Provincia di Benevento COMUNE DI APICE Provincia di Benevento Piazza della Ricostruzione,1 82021 Apice (BN) Tel.: 0824 92 17 11 Fax: 0824 92 17 42 Sito web: www.comune.apice.bn.it E-mail: info@comune.apice.bn.it originale DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

ASSOCIAZIONE D. N.A ( DIRITTI NATURA ANIMALI )

ASSOCIAZIONE D. N.A ( DIRITTI NATURA ANIMALI ) ASSOCIAZIONE D. N.A ( DIRITTI NATURA ANIMALI ) PROPOSTA DI PROTOCOLLO D INTESA FRA COMUNE DI POTENZA, ASL2 DI POTENZA, COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE E ASSOCIAZIONE DNA. L Associazione DNA( Diritti-Natura-Animali

Dettagli

LEGGE REGIONALE TOSCANA N.

LEGGE REGIONALE TOSCANA N. LEGGE REGIONALE TOSCANA N. 43 dell 8 aprile 1995 Norme per la gestione dell' anagrafe del cane, la tutela degli animali d' affezione e la prevenzione del randagismo Modificata ed integrata da LEGGE REGIONALE

Dettagli

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

AVVISA. - il Comune di Bitritto ha approvato il Progetto SterilizziAMOli e che tale progetto si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: COMUNE DI BITRITTO (Provincia di Bari) Assessorato alla Polizia Municipale e alle Politiche per l Ambiente Servizio Polizia Municipale - Settore Randagismo AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere:

PROPOSTA DI LEGGE. di iniziativa del Consigliere: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE STEFANO QUAINI di iniziativa del Consigliere: Avente a oggetto: MODIFICAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 22 MARZO 2000, N. 23 (TUTELA

Dettagli

22 MAR. 2016. Consiglio Regionale della Campania. Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via 5.

22 MAR. 2016. Consiglio Regionale della Campania. Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via 5. ::ofln UIfitIO CIasSifita ionale della apaflc Data: 21,0312016 14:11 Segreteria Generale 11 li CGllSSI0NE PERMANENTE 22 MAR. 2016 PaoT... Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO INTERREGIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO ABRUZZO E MOLISE GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. REGIONE MOLISE LEGGE REGIONALE 4 marzo 2005, n.7 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI CANI E PER L'ISTITUZIONE DELL'ANAGRAFE CANINA. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta

La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali La relazione n. 22 sugli interventi attuati per la lotta al randagismo e la tutela degli animali d affezione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.-

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 15742 DEL 29.12.2008 Identificativo Atto n. 1345 Oggetto: ANAGRAFE CANINA REGIONALE: MODALITA' D'ACCESSO E AGGIORNAMENTO.- IL DIRIGENTE UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009

RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009 RAPPORTO ANNUALE SPORTELLO ANIMALI D AFFEZIONE ATTIVITA ANNO 2009 PREMESSA Con l obiettivo di riorganizzare l'attività di prevenzione e controllo Veterinario nel settore degli animali d'affezione e di

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI.

DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. DISCIPLINARE PER LA CORRESPONSIONE DI INCENTIVI AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO I CANI RANDAGI. Approvato con Delibera di G.C. n. 148 del 7 agosto 2014 INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Domanda per l affidamento

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. copia n 213 del 05.06.2015 CANILE : ATTO DI INDIRIZZO.

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. copia n 213 del 05.06.2015 CANILE : ATTO DI INDIRIZZO. CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 213 del 05.06.2015 OGGETTO : CANILE : ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquindici il giorno CINQUE del mese di GIUGNO

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1627 del 09 settembre 2014 pag. 1/7 LINEE GUIDA PER L IDENTIFICAZIONE MEDIANTE MICROCHIP DEI CANI E DEGLI ALTRI ANIMALI D AFFEZIONE 1) Premesse Il

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO

C O M U N E D I S A L T A R A REGOLAMENTO C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI Approvato con delibera C.C. n. 9/2010 INDICE Art. 1 - Finalità

Dettagli

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MOGORO PROVINCIA DI ORISTANO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO REGALA UNA CASA A UN AMICO A 4 ZAMPE Approvato con deliberazione della G.C. n. 32 del 05.04.2016 1/5 Art.1 - Finalità La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI Allegato alla deliberazione della C.S. n. 74 del 21/06/2011 COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI PROGETTO ADOTTA UN AMICO Progetto adotta un amico 1 Indice Articolo 1 Oggetto...

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Lavori Pubblici Mobilità Urbana e Ambiente DIRETTORE PAGLIARINI ing. MARCO Numero di registro Data dell'atto 1579 21/10/2015 Oggetto : Approvazione per l'anno

Dettagli

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani

Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Linee guida regionali per l organizzazione dei percorsi formativi per i proprietari dei cani Con la Delibera Regionale 647/2007 la Regione Emilia-Romagna ha approvato i criteri per la classificazione del

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008 Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili Ozzano, 19 giugno 2008 Controllo dello stato di salute degli animali ospitati tutela e benessere degli animali ospitati Tutela della salute

Dettagli

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1

PROVINCIA DI FERMO. Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 13.03.2013 1 CITTÀ DI SANT ELPIDIO A MARE PROVINCIA DI FERMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO- ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE

Dettagli

ARTICOLO 1 1. La LR 25 febbraio 1988, n. 5 è modificata ed integrata ai sensi dei seguenti articoli.

ARTICOLO 1 1. La LR 25 febbraio 1988, n. 5 è modificata ed integrata ai sensi dei seguenti articoli. REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 7-10-1994 Definizione di nuove norme per la tutela ed il controllo della popolazione canina e felina. Modifiche ed integrazioni alla LR 25 febbraio 1988,

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. PREMESSA Il randagismo rappresenta una fonte di rischio per la popolazione umana ed animale. La diffusione di malattie infettive,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI BARADILI ART. 1 Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ

CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SANITÀ 14 MAGGIO 2001, N. 5 (Attuazione della legge 14 agosto 1991, n. 281 - legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo) (Gazzetta ufficiale

Dettagli

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale

ProvinciaRegionalediPalermo. VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COMUNEDICACCAMO ProvinciaRegionalediPalermo VerbalediDeliberazionedelConsiglioComunale COPIA N.95 del 25-09-2013 OGGETTO: Regolamento"Afidocanirandagi".RINVIO. L'anno duemilatredici,ilgiorno venticinquedelmesedisetembrealeore20:30eseguenti,incaccamo

Dettagli

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL

REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 6 DEL 25-01-1993 Norme sulla prevenzione e sul controllo del randagismo.istituzione anagrafica canina e protezione degli animali di affezione BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA.

REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLA STRUTTURA CONVENZIONATA CON IL COMUNE DI ISCHIA. ART. 1 - Finalità La finalità del presente regolamento è l incentivazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI E DELL AMBIENTE SEZIONE DI GROTTAGLIE

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI E DELL AMBIENTE SEZIONE DI GROTTAGLIE A.N.P.A. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI E DELL AMBIENTE SEZIONE DI GROTTAGLIE 09 09 (A.N.P.A. AGENZIA Art. 7 LEGGE REGIONE PUGLIA - APRILE 95 n. 12 Cane collettivo (o di quartiere) è quel cane

Dettagli

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni

Art.1 - Finalità. Art.2 - Adozioni Regolamento Comunale per l adozione ed il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Piaggine Adottato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Città di Troia Provincia di Foggia

Città di Troia Provincia di Foggia Città di Troia Provincia di Foggia REGOLAMENTO PER L'ADOZIONE DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE ART. 1 (OGGETTO E FINALITÀ) Il presente regolamento disciplina l'adozione da parte di privati

Dettagli

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi Progetto integrato di formazione dei Dipartimenti di Sanità Pubblica Area Vasta Romagna - Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Una panoramica sui principali infestanti urbani di interesse sanitario

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI Tel. 0873.913121-913106 Fax 0873.913175 P.I. 00243570694 Piazza Donato Iezzi, 15 66020 Torino di Sangro PEC protocollo@comunetorinodisangro.legalmail.it www.comune.torinodisangro.ch.it

Dettagli

L attività del Canile Comunale Muratella di Roma al 30 settembre 2006

L attività del Canile Comunale Muratella di Roma al 30 settembre 2006 L attività del Canile Comunale Muratella di Roma al 30 settembre 2006 Cristina Bedini XI U.O. Ufficio Diritti Animali Area tecnica Cani Dipartimento X - Comune di Roma Dati di Interesse Canile Comunale

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 235 del 30/12/2014 OGGETTO: LINEE GUIDA PER INCENTIVARE L ADOZIONE DI CANI RANDAGI. L anno duemilaquattordici, il giorno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SBROLLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5106 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SBROLLINI Istituzione del Servizio sanitario veterinario convenzionato e norme per favorire

Dettagli

CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO)

CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO) CO.SE.A. Consorzio Servizi Ambientali Via Berzantina 30/10 40030 Castel di Casio (BO) Regolamento per la disciplina dell attività di volontariato nel Canile intercomunale di Castiglione dei Pepoli (approvato

Dettagli

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni

Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. 6 febbraio 2003. Articolo 1) Finalità e definizioni Accordo Stato-Regioni sul benessere degli animali da compagnia e pet-therapy 6 febbraio 2003 Articolo 1) Finalità e definizioni 1. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno

Dettagli

PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA

PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA PIANO STRATEGICO PROVINCIALE PER LA RIDUZIONE DEL RANDAGISMO CANINO http://www.ibriwolf.it/ PIANO STRATEGICO PROVINCIALE per la RIDUZIONE del RANDAGISMO CANINO documento di pianificazione di carattere

Dettagli

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione.

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione. REGIONE PIEMONTE BU17S1 24/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 aprile 2014, n. 32-7387 Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DI CANI RANDAGI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE E PER L ISTITUZIONE DEL CANE DI QUARTIERE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.04.2016

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 7 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Approvazione della convenzione per il servizio di custodia e mantenimento dei cani

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N.

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LUGLIO 2004, N. 18. Direzione Sanità Pubblica Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL BENESSERE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 28 marzo 2012 Modificato con deliberazione del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. "Riconoscimento degli animali nella Costituzione"

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. Riconoscimento degli animali nella Costituzione DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS "Riconoscimento degli animali nella Costituzione" Onorevoli Senatori. - Perché gli animali in Costituzione? Stiamo assistendo ad un

Dettagli

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale

COMUNE DI GALATONE. Provincia di Lecce Comando Polizia Municipale REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ADOZIONE ED IL SOSTEGNO-ADOZIONE A DISTANZA DI CANI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE RICOVERATI NELLE STRUTTURE CONVENZIONATE CON IL COMUNE DI GALATONE Articolo 1 Finalità e

Dettagli

Servizi Veterinari di Sanità Pubblica: competenze ed attività di Igiene urbana veterinaria. Enrico Loretti

Servizi Veterinari di Sanità Pubblica: competenze ed attività di Igiene urbana veterinaria. Enrico Loretti Servizi Veterinari di Sanità Pubblica: competenze ed attività di Igiene urbana veterinaria Enrico Loretti Radici UFMA Igiene Urbana Veterinaria Il mandato: (DPCM LEA 2008) 3 Allegato 1 DPCM 4 Le attività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA. Istituzione del Garante dei diritti degli animali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA. Istituzione del Garante dei diritti degli animali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1237 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PAOLO NICOLÒ ROMANO, BECHIS, BRESCIA Istituzione del Garante dei diritti degli animali Presentata

Dettagli

4 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 27 maggio 2015

4 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 27 maggio 2015 4 Bollettino Ufficiale D.g.r. 21 maggio 2015 - n. X/3611 Approvazione del «Piano regionale triennale degli interventi in materia di educazione sanitaria e zoofila, di controllo demografico della popolazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 209 del 27/06/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 209 del 27/06/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 209 del 27/06/2014 Dipartimento 52 - Salute e Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Tutela Salute e Coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CANILE INTERCOMUNALE RIFUGIO DEL CANE DELLA BASSA TREVIGIANA Comuni di: Roncade, Breda di Piave, Carbonera, Casale Sul Sile, Casier, Maserada sul Piave, Mogliano Veneto, Ponte di Piave, Preganziol, San Biagio di Callalta,

Dettagli

"DOCUMENTO DI SINTESI DELIBERA LAZIO FONDI RANDAGISMO

DOCUMENTO DI SINTESI DELIBERA LAZIO FONDI RANDAGISMO "DOCUMENTO DI SINTESI DELIBERA LAZIO FONDI RANDAGISMO INFORMAZIONI generali: Il bando prevede 2 tipi di progetti finanziabili: 1) Sterilizzazioni; 2) Adeguamento e/o costruzione canili pubblici; In questo

Dettagli