La funzione dei denti e della bocca e le ripercussioni sul

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La funzione dei denti e della bocca e le ripercussioni sul"

Transcript

1 La funzione dei denti e della bocca e le ripercussioni sul sistema cranio-cervico-mandibolare con le relative conseguenze posturali oltre che organiche, in un contesto olistico-funzionale-dentosofico. L'obiettivo generale di un trattamento ortodontico deve essere quello di favorire il raggiungimento di un diverso e nuovo equilibrio dinamico di tutte le componenti del sistema stomatognatico nella forma e funzione, e nel rispetto più assoluto dello schema cranio-posturale per il recupero del benessere psico-fisico dell'individuo.

2 L'organizzazione posturale sotto la guida dell'informazione genetica origina dal sistema cranio-facciale sin dalle prime fasi dello sviluppo uterino. L'occlusione dentale e le funzioni della sfera oronasale - masticazione, deglutizione, fonazione, respirazione - rappresentano informazioni discendenti che orientano la corretta disposizione delle curve vertebrali e delle relazioni articolari dei segmenti scheletrici. L'apparato gnatologico - ATM e lingua inserito nel sistema biologico umano si relaziona con strutture recettoriali quali: il visivo, il vestibolare, il podalico, nonché organizzazioni neurali dei corpuscoli osteo-artro-muscolari e viscerali. Questi assurgono a flussi di informazioni in entrata ed in uscita dall'ambiente interno ed esterno, al sistema nervoso centrale dove vengono sottoposte a delicati ed inediti processi di interazione e di integrazione scaturendone risposte posturali caratteristiche di un'individualità. Da qui la necessità di intersecare il lavoro ortodontico con la postura e l'osteopatia ( orto-osteo-posturodonzia) in quanto le disfunzioni di un recettore si riflettono sugli altri con ripercussioni in tutto il corpo sia sull'apparato osteoartro-muscolare che su quello viscerale, metabolico e mentale, fino all'insorgenza di un corteo di sintomi che, se non adeguatamente inquadrati, conducono ad un frustrante quanto infruttuoso nomadismo medico alterando il benessere e la qualità di vita del soggetto. Monitorando l'equilibrio posturale ed agendo sulle disfunzioni e tensioni osteopatiche, il lavoro ortodontico potrà occuparsi del problema occlusale la cui risoluzione recherà il pregio di non lasciare reliquati.

3 La posizione della bocca e del capo e' una componente dell'assetto generale posturale. Ogni disallineamento del capo crea disarmonie e asimmetrie di tensione dei muscoli del collo, diverse in relazione al tipo di deviazione. Queste tensioni si collegano ad altre dei muscoli del tronco sottostanti e dei muscoli facciali e masticatori soprastanti. Esse agiscono deformando le strutture. L'attivatore A.M.C.O.P. (Armonizzatore Multifunzionale Cranio-Occluso-Posturale) è un apparecchio elastico per la mascella e la mandibola efficace nel conformare le arcate dentali e, in relazione alle sue caratteristiche elastiche ha il pregio di non determinare possibili traumi e danni ai denti e al parodonto, e quindi lo si può considerare non invasivo. L'attivatore è uno strumento di carattere funzionale e olistico, e attraverso il suo meccanismo di azione, permette di effettuare un vero allenamento di ginnastica muscolare, nel rispetto della funzione neuro-muscolare più idonea. L'azione miorilassante, conseguente l'eliminazione della tensione e della contrattura muscolare, permette di ottenere la riarmonizzazione delle arcate dentali, i denti ritrovano quindi il loro posto e il rapporto fra le ossa del cranio migliora.

4 L'attivatore è anche indicato nei pazienti che presentano disfunzione dell'atm (Articolazione-Temporo- Mandibolare), nelle disfunzioni extra-articolari, temporomeniscali ed occluso-dentali e, associato ad esercizi specifici è in grado di correggere la corretta postura linguale e la corretta deglutizione ( logopedia ),oltre che migliorare la respirazione nasale nei respiratori orali. È perciò possibile assistere ad un miglioramento delle diverse patologie oro-dentali, cranio mandibolari, neuro muscolari e posturali, e al ripristino delle funzioni neurovegetative della bocca ( deglutizione-respirazionemasticazione- fonazione ), oltre che a livello somatico. È adeguato anche nei casi di dislessia, incoordinazione e problemi di apprendimento, quando viene associato ad esercizi specifici. Con il miglioramento delle sopracitate funzioni è possibile assistere ad un miglioramento della sfera emozionale, psico-affettivo e psichico, ottenendo così uno stato di completo benessere fisico, biologico e mentale, in grado di procurare una profonda trasformazione del paziente. Gli attivatori A.M.C.O.P. sono stati realizzati anche in funzione del biotipo e dell'età del paziente, sia per ciò che riguarda la forma che per il grado di elasticità (durezza shore). L'attivatore viene anche utilizzato in dentosofia ( la saggezza dei denti ), intesa come terapia che si basa sul legame esistente fra l'equilibrio della bocca e l'equilibrio dell'essere umano che fa dell'attivatore il suo strumento cardine.

5 L'ATTIVATORE COSÌ COME TUTTE LE COSE BUONE È STATO SCOPERTO PER CASO

6 ORTODONZIA FUNZIONALE S.B. Soulet-Besombes Terapia ortopedica di intercezione (mastico-terapiariflessa) nella relazione cranio mandibolare R.N.O. Planas Riabilitazione Neuro Occlusale F.N.M. Jankelson Funzione Neuro Muscolare

7 S.B. - Soulet-Besombes Negli anni 50 i prof. Soulet e Besombes della scuola di ortopedia funzionalista francese realizzavano un nuovo dispositivo ortodontico, con caratteristiche elastiche con materiale di caucciù denominato S.B. Il dispositivo veniva chiamato attivatore ed utilizzato come vero dispositivo di carattere funzionale-ortopedico nella relazione craniomandibolare e come simulatore di crescita per una funzione masticatoria corretta. Il prof Besombes definiva questa loro terapia, ortopedia di intercezione (mastico-terapia-riflessa). L obiettivo era di interpretare il concetto di funzione mediante la posizione corretta della mandibola attraverso l azione sul mascellare superiore e che riflettendosi sulle tensioni delle suture e delle strutture craniche rinormalizza la posizione delle differenti ossa di tutto il sistema cranio-facciale, con il conseguente posizionamento dei denti, relativo a questo nuovo equilibrio osseo.

8 R.N.O. - Riab. Neuro Occlusale Nello stesso periodo (anni 50) il Prof. Pedro Planas che si è rivelato un odontologo e ortopedico di avanguardia, inizia il suo percorso di riabilitazione neuro-occlusale (R.N.O.). Planas oltre che dalla vocazione di curare le bocche dei pazienti, si interessava anche del perché lo stato di queste bocche declinava, prestando maggiore attenzione alle parodontosi, nel contesto del rispetto delle leggi terapeutiche, secondo le quali non bisogna mai lottare contro le forze fisiologiche (neuromuscolari), ma al contrario queste debbono essere usate per condurre la anormalità verso la normalità. Queste considerazioni lo hanno portato ad occuparsi di come evitare, intercettare, correggere sia i problemi derivati dalle deviazioni che insorgono durante lo sviluppo, sia quelli che possono essere presenti nella anatomia-fisiologica post-natale dell apparato stomatognatico, fondata sul principio che fisiologicamente e/o terapeuticamente, la velocità e la quantità di accrescimento possono essere modulati.

9 Ciò comporta che la correzione di una malocclusione secondo Planas, deve iniziare molto precocemente, considerato che il movimento dentale nei bambini piccoli è semplice perché le fibre del periodonto sono ancora immature, per cui si può ottenere un allungamento della mandibola in modo tale che non vengano effettuate estrazioni profilattiche, se non eccezionalmente. Anche a questo proposito, Planas dà una grande importanza anche all allattamento materno, riguardo l importanza che i movimenti masticatori fisiologici relativi alla suzione, hanno sin dalla nascita nella crescita mandibolare.

10 F.N.M. - Funzione Neuro Muscolare Anche lo sviluppo della filosofia dell occlusione neuromuscolare inizia nel Jankelson identifica nella deglutizione la funzione principale dell apparato stomatognatico, attraverso lo studio sulla misurazione dell attività della componente muscolare. In genere l apparato stomatognatico viene considerato costituito dai denti, dalle strutture ossee mandibolare e mascellare e dell articolazione temporo mandibolare e quindi come un complesso osseo-artro-dentale. Jankelson invece imposta il suo lavoro sulla fisiologia masticatoria, spostando l attenzione dall ATM al sistema e all azione muscolare, in relazione alla quale la ricerca della corretta posizione di chiusura deve avvenire in base a parametri muscolari e non articolare, considerando che la mandibola e l ATM senza l azione dei muscoli non avrebbero alcuna attività dinamica, e perciò come conseguenza l ATM, come tutte le altre articolazioni del corpo, avrebbe un movimento limitato. In definitiva per il prof. Jankelson è fondamentale il ripristino della dinamica mandibolare in funzione neuro-muscolare.

11 Sempre nello stesso periodo, esattamente nel 1952 il Prof. E. Muzj pubblicava: "Terapia ortopedica funzionale". L'ortopedia funzionale è una terapia di elezione, nella quale i processi sono ampi e destinati a diventare sempre più profondi. Appare come la terapia del futuro, se paragonata alla terapia meccanica locale (ortodonzia), che si limita ad alcune precise indicazioni. I problemi non verranno risolti finché non si guarderanno le dismorfosi con occhio geometrico e si continuerà a considerare l apparato buccofacciale come organo da misurare con il tradizionale sistema di piani e punti fissi. L apparato bucco-facciale va considerato nella realtà naturale, come parte dell organismo, dell intera testa. Si può parlare di terapia funzionale quando si tratta di una ginnastica che il paziente esegue tramite esercizi muscolari volontari. Non si può parlare di terapia funzionale se si tratta di un apparecchio destinato a spingere indietro o in avanti denti e mandibola.

12 L'attivatore e il sistema stomatognatico Il sistema stomatognatico comprende: - I denti ed il parodonte - I muscoli masticatori - Le ATM Guance, labbra, lingua - Le ossa mandibolare e mascellari Innervazione e vascolarizzazione È da considerare che dall inizio della vita, la bocca viene modellata fisicamente dalle funzioni vitali (funzioni neurovegetative oro-faringee) Respirazione Deglutizione - Suzione-Masticazione Fonazione I disturbi di queste funzioni vitali o una loro correzione si ripercuotono a tutti i livelli: - Fisico - Organico - Psichico - Emozionale - Comportamentale L'azione dell'attivatore AMCOP è indirizzata al recupero di tutte le funzioni del sistema stomatognatico, quando queste sono alterate.

13 Attivatore modificato AMCOP La funzione, l'olistica e la dentosofia L' attivatore AMCOP deriva dal dispositivo attivatore a doccia, così chiamato di Soulet-Besombes (S.B.). L attivatore è stato modificato e ancora più funzionalizzato attraverso l inserimento di dispositivi ausiliari con il fine di migliorare la sua efficacia riguardo intanto la postura linguale, ad ottenere cosi benefici per una deglutizione corretta e per dare più tono muscolare alle labbra, associato ad esercizi specifici, in modo tale da eliminare soprattutto le incompetenze labiali e a procurare cosi una estetica migliore. AMCOP è uno strumento eccezionale di straordinaria efficacia nel conformare le arcate dentarie attraverso il suo meccanismo di azione, che permette di effettuare un vero allenamento di ginnastica muscolare nel rispetto della funzione neuro-muscolare più idonea e si propongono di rieducare la muscolatura orofacciale e della lingua eliminando la pressione esercitata dai muscoli disfunzionali, al ripristino occlusivo-articolare e nella rieducazione di altri svariati scompensi di carattere funzionale. L'attivatore è indicato, sia per l'uso da parte di ortodontisti che praticano una ortodonzia di carattere funzionale, che da operatori che praticano l'arte della dentosofia.

14 Il lavoro e lo scopo dell'attivatore 1) Con l'elasticità e il mordicchiamento (ginnastica muscolare), si ottiene un movimento vibrazionale di stimolazione su tutte le strutture che lo circondano, a livello scheletrico (osseo), muscolare, innervazione, vascolarizzazione, oltre che determinante nello svolgere un'azione di carattere ortopedico, rimodellante e riabilitativo. 2) Permette la deglutizione corretta (adatto anche in logopedia), per le sue caratteristiche di arcata a doccia conformate ai denti superiore e inferiore, ma con il palato libero in modo da permettere alla lingua di stimolare intanto i recettori in esso presenti ed attraverso una rampa e un bottoncino nella zona dello spot di ottenerne il riposizionamento, con conseguente educazione della deglutizione 3) Corregge la respirazione, in quanto consente ai respiratori orali, con l'uso dell'attivatore in associazione ad esercizi specifici durante il giorno, di respirare con un ritmo nasale corretto, soprattutto durante le ore notturne.

15 L'effetto degli attivatori Legami inconfutabili tra l'equilibrio della bocca e l'equilibrio del corpo a livello neuro-muscolare Il lavoro con gli attivatori ricrea un'occlusione equilibrata ed attraverso la posizione della lingua che si trova appoggiata al palato, si crea un legame tra mascella e mandibola che permette una circolazione continua di energia. La lingua in questa posizione collega il meridiano anteriore a quello posteriore in un corpo in cui i piani fisico, psichico e emozionale sono riunificati; gli attivatori agiscono su diversi livelli, stimolando la rieducazione delle funzioni neuro vegetative.

16 L attivatore e i benefici dell effetto vibrazionale Il movimento vibrazionale ottenuto con il mordicchiamento dell'attivatore ha effetto positivo sulle strutture osseo-muscolari e articolari. L effetto benefico delle vibrazioni è da attribuirsi al rilascio naturale di neuro trasmettitori quali: serotonina, dopamina, e può intensificare la produzione di testosterone e dell ormone della crescita. Quando camminiamo nella fase di contatto con il suolo generiamo un asse vibrazionale che và dal tallone su per le gambe attraverso la colonna al cranio, con importanti affetti per l attività osteoblastica. La vibrazione ha effetti benefici sulla rigidità, migliora la flessibilità vertebrale e dei tendini e con l effetto vibrazionale e il movimento dei condili associato al movimento o alla mobilizzazione del tratto cervicale superiore e inferiore si può intervenire nel rilassamento generale del complesso craniomandibolocervicale, con effetto positivo nel serramento, sulla rigidità nucale, nel dolore, e con un interessamento generale di tutto l apparato muscolo scheletrico attraverso il collegamento delle catene muscolari.

17 Funzione dell'attivatore sul sistema neuro-muscolare Gli attivatori guidano e stimolano gli impulsi prodotti dal movimento muscolare provocandone l'eccitazione funzionale e fisiologica sviluppata. Sollecitano la formazione dei tessuti, il loro adattamento e la loro morfologia a seconda della direzione, dell'intensità e della frequenza di questi stimoli. L'attivatore sotto l'aspetto funzionale può stimolare la crescita della zona condilare, correggere la malocclusione e quindi ricaricare e di conseguenza rigenerare neurologicamente il sistema muscolare. L'uso corretto dell'attivatore con l'effetto vibrazionale, ottenuto mediante gli esercizi di mordicchiamento che rappresenta una vera ginnastica trasmessa su tutto l'apparato cranio-facciale è determinante a produrre un'azione miorilassante conseguente all'eliminazione della tensione e della contrattura muscolare. Inoltre produce un massaggio tissutale profondo che incrementa l'asportazione dei cataboliti del processo infiammatorio e ademoso e favorisce attraverso il ripristino della funzione, la normalizzazione del sistema neuro-muscolare.

18 L attivatore è indicato anche per quelle persone che manifestano delle incoordinazioni muscolari e neurologiche a livello dei muscoli oculomotori (Dislessie-Incoordinazioni-Problemi di apprendimento) Nel bambino dislessico è consigliato in associazione dell'attivatore, l'esercizio di CROSS-CRAWL. È una tecnica energetica che serve ad attivare contemporaneamente l'emisfero destro e quello sinistro e viene praticato da operatori che esercitano nell ambito della neuro-psicomotricità, e che utilizzano come principale strumento il gioco del movimento per accompagnare ed aiutare l evoluzione e lo sviluppo della personalità, intesa come unità di corpo, mente ed emozione nella fase di crescita della vita.

19 Malattia e guarigione nel concetto olistico La medicina convenzionale adopera sistematicamente il metodo della scienza, tralasciando l'aspetto funzionale e globale del corpo. Si ritiene, sia soltanto un punto di vista completamente materialistico e riduttivo in un campo così vasto e per molti versi ancora sconosciuti come il benessere. Il fine ultimo invece di un operatore di una qualsiasi professione di medico o guaritore esso sia è aiutare la persona a ritrovare il benessere e la gioia, componenti che sono alla base su cui costruire la vita e non invece offrire un optional. È perciò importante studiare e trattare l'aspetto funzionale dell'organismo cercandone la causa che determina lo scompenso per poter risolvere definitivamente il malessere, poichè il sintomo non è altro che un segnale di allarme che non deve essere soltanto mascherato dalle terapie sintomatiche. Stesso discorso vale per le terapie ortodontiche.

20 Allineare i denti con terapie fisse, per ottenere un risultato soltanto estetico è un grave errore in un contesto cranio-facciale asimmetrico dal punto di vista funzionale e posturale, poiché ciò rappresenta un insulto scientifico, sia biologico, sia clinico. In definitiva la terapia ortodontica non deve interferire con equilibri e compensivi individuali.in genere si tende a curare il sintomo, ma l uomo è prima di tutto un sistema dinamico adattativo complesso che trae origine da un processo filogenetico e ontogenetico, cioè di una evoluzione e di uno sviluppo corporeo e cerebrale, che richiede il trattamento disfunzionale del sistema stesso. Per fare ciò, prima di tutto per guarire bisogna saper vedere, sentire molto nel profondo. E' anche essenziale per il lavoro del terapeuta ad impostare il trattamento con il prevenire invece che del guarire, avvicinandosi il più possibile alla sua comprensione, per poter risolvere nella maniera più soddisfacente la malattia.

21 Il concetto olistico impone il trattamento del soggetto nel senso globale della sua unicità. In odontoiatria l occlusione deve essere considerata come la traduzione di un equilibrio intra-cranico del paziente, come rappresentazione della struttura corticale e della sua dinamica comportamentale, attraverso la componente energetica nel ruolo essenziale della relazione cranio mandibolare. Nel bambino questo tipo di terapia deve essere riservata all ortopedia dento-maxillo-facciale, attraverso lo sviluppo riguardo l oralità e la psicomotricità del piccolo paziente. Fra l altro questi concetti si basano sul trattamento preventivo e intercettivo soprattutto in età precoce e non aspettare la permuta di tutti i denti permanenti, altrimenti trattati con terapia estrattiva e/o trattamento ortodontico di carattere meccanico con dispositivo multi brackets, e con relative contenzioni a vita, per controllare le recidive. Il lavoro deve essere indirizzato alla corticalizzazione del sistema occlusale e posturale per mantenerlo stabile nel tempo.

22 L attivatore, l ortodonzia funzionale e l olistica La bocca è lo specchio del corpo, è il riflesso su tutte le componenti funzionali o disfunzionali. Il lavoro con l attivatore è un modo diverso di curare il paziente, in quanto attraverso l associazione di esercizi specifici è possibile risolvere diversi altri scompensi, sparsi nei vari distretti del corpo. Per comprendere tutto ciò bisogna saper valutare il meccanismo dell'uomo ed avere una visone diversa nel vedere le cose, ovvero bisogna avere una mente aperta in modo tale da poter meglio osservare, intuire, capire ed acquisire maggiore conoscenza per poter impostare il trattamento in una condizione di carattere funzionale e olistico mirato alla risoluzione degli scompensi. Filosofia olistica Olismo = Holos= Tutto, Intero, Completo Ogni problema deve essere valutato a 360, senza tralasciare nulla.

23 La dentosofia (che significa saggezza dei denti) è una terapia caratterizzata da un approccio umanistico all arte dentistica, che si basa su tecniche funzionali mettendo in evidenza il legame fra l equilibrio della bocca e l equilibrio dell essere umano, così come viene descritto nel libro del Dott. Michel Montaud dal titolo Denti e salute, con il significativo sottotitolo dalla salute della bocca alla salute del corpo, attraverso il legame tra denti, corpo e psiche. In dentosofia l'attivatore è utilizzato come PRINCIPALE STRUMENTO DI LAVORO

24 In definitiva il trattamento con gli attivatori è una terapia oro-dentale di carattere olistico che si basa su delle microstimolazioni delle cuspidi dentali del legamento parodontale della matrice ossea e in virtù di questa multi stimolazione ci si rivolge alla saggezza del corpo. Gli attivatori sono dei condizionatori spaziali che consentono un tipo di terapia qualitativa di tipo cosciente, perché con essi il paziente partecipa coscientemente attraverso appositi esercizi, al proprio progresso terapeutico. E bene dire che gli attivatori, rispetto ad altri tipi di trattamenti con attivatori rigidi, appar. fissi, è byte di qualsiasi tipo essi siano, sono in grado di attivare una comprensione corticale della propria immagine dentale, attraverso la rielaborazione cosciente dei propri conflitti emozionali. Gli atti automatici coinvolgono strutture nervose sottocorticali, mentre gli atti volontari coinvolgono la neocorteccia. Importante è che l'effetto terapeutico riconosciuto a livello corticale, non consentirà la recidiva. Questo metodo riabilitativo è integrato con degli appositi esercizi che impegnano i pazienti per pochi minuti al giorno e tenuto in maniera passiva di notte. L'attivatore è uno strumento eccezionale, ma è fondamentale l'esperienza dell'operatore al quale ci si rivolge e il modo consapevole di chi lo pilota.

25 L obiettivo è il ripristino delle funzioni neurovegetative della bocca, che rappresentano il cuore della dinamica dentale, in modo tale da ottenere la riorganizzazione spontanea della bocca del paziente, mirate al recupero della perfetta armonia della forma, funzione e bellezza già prevista dalla natura. Inoltre il lavoro del terapeuta deve anche essere indirizzato al risveglio delle forze naturali di autoguarigione, in modo tale che in associazione a un buon equilibrio occlusivo-dentale è possibile anche un miglioramento su diversi piani esistenziali. A livello fisico è possibile assistere ad un miglioramento delle diverse patologie orodentali, cranio mandibolare e posturale, oltre che a livello somatico. Mentre sul piano emozionale, psico affettivo e psichico è possibile ottenere un cambiamento nel modo di vivere la vita, in uno stato di completo benessere fisico, biologico, mentale e ambientale-sociale, postulato dall esistenza di un principio animatore immateriale, per cui l unità corpo mente energia diventa così oggetto di diagnosi e terapia.

26 L'Attivatore e la Dentosofia

27 Filosofia olistica L'olismo (dal greco όλος, cioè 'la totalità') è una posizione teoricometodologica basata sull'idea che le proprietà di un sistema non possano essere spiegate esclusivamente tramite le sue componenti Ogni problema deve essere valutato a 360, senza tralasciare nulla NATURISMO FISICA QUANTISTICA P.N.E.I. (PSICO-NEURO-ENDOCRINO-IMMUNOLOGIA)

28 Naturismo 'La natura non fà nulla d'inutile' (Aristotele) La Natura è Vita e la Vita è l essenza più profonda della Natura. Tutto è vivo nell'universo e l Universo è un fiume eterno di Vita. La Natura è armonia, in essa tutto è profondamente ordinato. L'uomo, per riuscire in qualsiasi impresa, deve essere in sintonia con la Natura, imitarla coscientemente.

29 Fisica quantistica 'Tutto è Energia' (Prof. Carlo Rubbia, premio Nobel) L uomo e un sistema energetico dinamico in cui complessi meccanismi biologici sono in relazione con una serie di interpenetranti campi energetici regolatori. (FORZA VITALE)

30 PNEI 'La psiche influenza la biochimica corporea' L uomo è un Sistema Complesso, in grado di attuare prevedibili meccanismi omeostatici ed imprevedibili processi evolutivi attorno ad un asse peculiare che la moderna neurofisiologia ha definito PNEI (Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia).

31 La Neurofisiologia moderna ha dimostrato che: ogni cellula possiede migliaia di recettori che reagiscono alle variazioni di umore ed emozioni con modificazioni a livello di biochimica cellulare; l espressione emotiva è un presupposto fondamentale perchè avvenga la circolazione di neuropeptidi, ormoni, linfociti. La PNEI ci dice che il primo stadio di qualsiasi malattia è la non accettazione di una situazione a livello psico-emozionale, cioè tutte le malattie nascono da pensieri e sentimenti negativi come problemi di relazione, di rapporti alterati, di cattiva omeostasi e che ogni organo è la rappresentazione dell'insieme poiché è collegato a tutti gli altri organi, che tramite la mediazione del Sistema Limbico (Cervello Emozionale) e dell ipotalamo, alterano il fisiologico funzionamento delle ghiandole endocrine, del sistema immunitario, del sistema neurovegetativo, del metabolismo, con somatizzazione periferica a livello di un organo che poi è funzionale alla comprensione della malattia stessa.

32 Neurofisiologia la neuroplasticità La teoria secondo cui tutto muore e niente si rigenera nel sistema nervoso ha tenuto gran parte degli scienziati e dei terapeuti lontano dallo studio e dall'utilizzo del recupero cefalico. Si sa oggi che a livello del sistema nervoso esiste più plasticità nell'adulto e nel bambino di quello che si pensava in precedenza.

33 Inter-relazione tra il sistema nervoso centrale e il sistema stomatognatico Qualsiasi sia la struttura sollecitata, l'atm, l'occlusione o i muscoli della mandibola, vi è un'azione sull'insieme. Esiste un'interdipendenza perferica e una relazione con il sistema nervoso centrale. Più forte è lo stimolo fisiologico a livello periferico, maggiori sono gli effetti sul sistema nervoso centrale.

34 Malattia e guarigione nel concetto olistico Ritmo e alternanza sono il segreto della salute come: Sonno - veglia, attività - riposo, Yin-Yang, Movimento (Asana) - Meditazione / Inspirazione - Espirazione Yoga Meditazione Il processo della comunicazione mente-corpo è la trasformazione dell'informazione. Questa azione porta da una qualità di energia a un'altra e che coinvolge il sistema psico-neuro-endocrino e l'espressione genica, partendo dal sistema limbico-ipotalamico, il quale trasforma nel cervello il messaggio neuronale in messaggio neuro-ormonale usando come mediatori i neuropeptidi che agiscono con meccanismo a feedback sul sistema neuroendocrino, immunitario e sulla modulazione dell'espressione genica. I geni a loro volta, regolano attraverso la sintesi proteica cellulare, il metabolismo, la crescita, la sessualità e le risposte immunitarie alle malattie.

35 Per quanto riguarda l'effetto a livello di mente e corpo, nel sistema immunitario e nel sistema neuroendocrino sono presenti gli stessi mediatori. I due sistemi si informano reciprocamente, il sistema immunitario è un'immagine a specchio del sistema nervoso in cui i linfociti possono essere considerati come un cervello mobile. Durante la fase di meditazione viene sollecitata l'attività dell'emisfero cerebrale destro, l'emisfero deputato al linguaggio analogico, alla creatività.

36 Bocca corpo e psiche Disteso(a) per terra, gambe sollevate, nuca dritta, appoggiata o no su di un cuscino, braccia aperte, più o meno tese, occhi chiusi, rilassati, lingua contro il palato e apparecchio posizionato in bocca. Inspirare ed espirare con calma; ogni inspirazione ed espirazione deve avere una durata di 5 secondi e mordicchiare l'attivatore.

37 La guarigione della mente è nel respiro Respirare bene è una terapia semplice e gratuita. Attraverso la respirazione è possibile riequilibrare il sistema nervoso autonomo, cioè quella parte del sistema nervoso che non è influenzabile dalla nostra volontà, regola gli organi interni e la muscolatura involontaria (cuore, intestino, ecc..) e costituisce il ponte tra emozioni, vita psichica e corpo.

38 L'ATTIVATORE A.M.C.O.P. E L'AZIONE ORTOPEDICA Le deviazioni delle strutture cranio-facciali-mandibolari sono delle vere scoliosi di questo sistema L'occlusione è un processo dinamico continuo. È la risultante di una biodinamica cerebrale craniale, luogo di scappatoia delle sollecitazioni craniche ma anche cranio-sacrale. L'occlusione quindi sarà influenzata da patologie dette 'ascendenti'. Secondo alcuni autori le ossa del cranio sono delle vertebre metamorfosate, e che esiste una continuità strutturale tra colonna vertebrale e cranio. La prima vertebra è rappresentata dal pre-sfenoide, la seconda dal post-sfenoide, la terza dall'occipite. L'atlante è, in effetti, la quarta vertebra che si comporta come un vero menisco adattativo tra colonna vertebrale e cranio. La malocclusione quindi si presenta come una vera scoliosi cranica

39 L attivatore A.M.C.O.P. quando viene utilizzato in modo corretto in associazione ad esercizi specifici, con la guida di un bravo operatore del settore è adatto a risolvere diverse asimmetrie del viso, come causa delle lesioni osteopatiche della SSB (Sincondrosi Sfeno Basilare), che a loro volta alterano e deformano l architettura delle strutture craniofacciali, con conseguenti malocclusioni. Lo scopo dell attivatore è indirizzato al riposizionamento del mascellare e della mandibola nella condizione migliore di verti-centrica, inserendo i denti nelle guide di sopra nell arcata superiore e di sotto nell arcata inferiore che rappresentano poi un binario circonferenziale ideale delle creste alveolari, nel rispetto di un corretto rapporto dente-alveolo, per cui i denti si orientano nella giusta posizione, eliminando nel contempo quelle forze caratterizzate dalla contrazione dei muscoli facciali, labiali e del mento.

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King Traduzione di Paola Dianetti La Tecnica Dynamind Forma base 1. Scegliete un problema fisico, emotivo o mentale su cui lavorare. 2. Avvicinate le mani unendo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Regalo n. 1. Keope MFV

Regalo n. 1. Keope MFV Regalo n. 1 Keope MFV Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva: La vibrazione è la forza vitale. Nell'universo tutto vibra. Attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo scarico funzionale,

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa

STEP. L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa STEP system STEP L ergonomia e la semplicità in ortodonzia fissa ami la velocità? Slide low friction system www.leone.it STEP system L ergonomia e la semplicità in ortodonzia Il sistema STEP è molto più

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli