MUCORMICOSI ORBITO-RINO-CEREBRALE: CASE REPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MUCORMICOSI ORBITO-RINO-CEREBRALE: CASE REPORT"

Transcript

1 MUCORMICOSI ORBITO-RINO-CEREBRALE: RHINO-ORBITAL-CEREBRAL MUCORMYCOSIS: A Dr. Andrea Marabotti Marabotti A 1,2, Puccioni M 3, Boni L 1, Bedei A 2, Romani A 1 1 U.O. di Oculistica, Ospedale Civile di Arezzo 2 U.O. di Oculistica, Casa di cura M.D. Barbantini, Lucca 3 Clinica Oculistica 1, Università degli studi di Firenze RIASSUNTO Caso clinico di un uomo di 41 anni già sottoposto, a causa di una mucormicosi orbitorinocerebrale (ROC), ad intervento demolitivo del volto eseguito in due tempi (sfenoidectomia, maxillectomia mediale sinistra, svuotamento endoscopico della fossa pterigo-masticatoria, completato da exenteratio orbitae e rinotomia laterale sinistra) e giunto alla nostra attenzione per valutare le possibilità di un intervento plastico ricostruttivo. In questo lavoro è sottolineata l importanza di una diagnosi tempestiva, resa talora problematica dalla rarità di questa insolita patologia fungina potenzialmente letale. Seguono alcune considerazioni sugli interrogativi e sulle problematiche organizzative che inevitabilmente un caso complesso come questo può porre. PAROLE CHIAVE: mucormicosi, mucormicosi orbito-rino-cerebrale, exenteratio orbitae 22 SUMMARY A case report of rhino-orbital-cerebral mucormycosis (ROC) is herein reported. The Authors had to evaluate the possibility of plastic surgery on a man, aged 41, with hystopathological diagnosis of ROC, undergone facial demolition surgery (sphenoidectomy, left medial maxillectomy, endoscopic emptying of pterygo-palatine fossa, left rhinotomy and exenteratio orbitae). This study focused on the importance of rapid diagnosis and prompt surgical treatment, that are essential for patient survival. The Authors also underline that ROC is difficult to manage not only for the pathology itself (rare and aggressive) but also because a physicians coordinated work is necessarily required. KEYWORDS: mucormycosis, rhino-orbital-cerebral mucormycosis, orbital exenteration INTRODUZIONE Nell aprile 2003 si è presentato alla nostra attenzione un paziente con esiti di chirurgia demolitiva dell emifaccia sinistra, per valutare le possibilità di una ricostruzione plastica (Fig.1). L intervento chirurgico era stato eseguito d urgenza circa un anno prima. Figura 1: esiti di mucormicosi orbito-rino-cerebrale STORIA CLINICA Uomo di 41 anni, di razza bianca, senza evidenti patologie all anamnesi personale, con familiarità per diabete mellito di tipo II. Nel dicembre 2001 si presenta all attenzione del medico del Pronto Soccorso Generale a causa di un forte dolore che riferisce essere simile ad un mal di denti. Unico segno evidente: gonfiore della guancia sinistra. Non ha febbre, non accusa alcun malessere generale. Viene dimesso subito e gli viene prescritta una terapia medica di tipo antibiotico e antiinfiammatorio non steroideo.

2 Dopo alcuni giorni, poiché la sintomatologia non recede, per un sospetto ascesso dentale dell emiarcata superiore sinistra, viene sottoposto ad estrazione dentaria: l intervento rivela un letto operatorio insolitamente poco emorragico. Gli esami ematici, eseguiti in quella circostanza, evidenziano un diabete mellito scompensato. Da quel momento si verifica un progressivo e rapido peggioramento dello stato generale del paziente, con estensione del dolore a tutto l emivolto sinistro e comparsa di diplopia: viene fatta diagnosi di cellulite orbito-mascellare in paziente con chetoacidosi diabetica. A distanza di 30 giorni dalla sintomatologia iniziale, dopo esame TC e RMN è fatta diagnosi di mucormicosi orbito-rino-cerebrale, patologia fungina di estrema gravità. Il paziente viene trattato con Anfotericina B liposomale e quindi sottoposto ad intervento chirurgico d urgenza di sfenoidectomia, maxillectomia mediale sinistra, svuotamento endoscopico della fossa pterigo-masticatoria, completato da exenteratio orbitae e rinotomia laterale sinistra. Un esame TC di controllo segnala la presenza di un focolaio cerebritico (9) a livello del lobo frontale sinistro ed il paziente viene trasferito nella Unità di terapia intensiva della clinica neurologica dove viene gestito con terapia medica. A distanza di 15 mesi dal riferito evento patologico il paziente si presenta infine alla nostra attenzione in vista di un intervento di chirurgia ricostruttiva del volto. LA MUCORMICOSI ORBITO-RINO-CEREBRALE È una patologia invasiva, rapidamente progressiva e potenzialmente letale, sostenuta da un fungo della categoria dei Phycomycetes (i generi più comunemente responsabili sono mucor e rhizopus). Le spore sono ubiquitarie e penetrano nel corpo umano attraverso la bocca ed il naso. Nell ospite immunocompetente le spore vengono fagocitate e di solito (3,13) - non si sviluppa la malattia. La mucormicosi è descritta pertanto quasi esclusivamente in pazienti con sistema immunitario compromesso oppure che presentano anomalie metaboliche tipo diabete mellito scompensato (11) (la chetoacidosi favorisce la progressione dell infezione sino ad un coinvolgimento encefalico). Un approccio terapeutico tardivo può comportare conseguenze letali. Fisiopatologia: le spore del Phycomicete si attaccano a livello della mucosa nasale da dove il fungo invade direttamente i vasi sanguigni e tramite essi si diffonde alla cavità nasale, ai seni mascellare ed etmoidale con estensione spesso all orbita; la diffusione intracraniale ed encefalica (9) può avvenire tramite l arteria oftalmica e la lamina cribrosa. La lesione istopatologica principale è la necrosi ischemica dei tessuti molli e delle ossa, che è una conseguenza dell invasione fungina della tonaca vascolare con successivo restringimento vasale e trombosi. 23 Sintomi iniziali: Senso di ostruzione nasale. Dolore facciale ed orbitale (tipo emicrania o tipo mal di denti). Diplopia. Segni iniziali: Febbre. Ipertrofia dei turbinati con rapida evoluzione verso la necrosi; il tessuto necrotico può estendersi al setto, al palato ed ha l aspetto di un escara nera (reperto rinoscopico incostante). Epistassi e secrezione nasale purulenta. Edema periorbitale con estensione all emifaccia e segni di cellulite orbitaria. (12) Mortalità e morbilità: Malgrado i progressi nella diagnosi e nel trattamento esiste ancora, per questa patologia, una mortalità elevata. Fino agli anni 50 la malattia era quasi sempre mortale (>75%) o determinava conseguenze permanenti (cecità, difetti dei nervi cranici (4), esiti di chirurgia demolitiva); attualmente il tasso di mortalità riportato in letteratura va dal 15 al 20% a seconda delle statistiche; in letteratura viene sottolineato che il tasso di sopravvivenza declina quando l intervallo dalla diagnosi al trattamento è più lungo di 6 giorni. Maggiormente a rischio (6) sono i pazienti defedati ed immunocompromessi (16) (pazienti con malnutrizione, pazienti con acidosi metabolica, pazienti sottoposti a terapia prolungata con steroidi antibiotici e farmaci citotossici, epatopatici, nefropatici, leucemici, ecc.) (5,7) Procedure diagnostiche Valutare la VES e la formula leucocitaria. Effettuare esame TC per valutare il limite di tessuto coinvolto, l ispessimento mucoso, l erosione ossea, il grado di coinvolgimento sinusale ed intracraniale.

3 Effettaure RMN per valutare i vasi, il grasso ed il grado di compromissione encefalica. Procedere ad una biopsia urgente del tessuto necrotico (14) (esame con ematossilina eosina (8), coltura in Sabouraud non proteinato). Se il sospetto clinico è elevato ma il referto iniziale è negativo, ripetere la biopsia avendo cura di includere le arterie (la diffusione avviene anche attraverso i piccoli vasi). Terapia Medica Completare il trattamento della malattia medica di base: correggere l'ipossia, l'acidosi, l iperglicemia e le anomalie dell'elettrolito. Tutti i farmaci antimetaboliti, o immunosoppressori steroidi che il paziente usa dovrebbero essere interrotti se possibile. L'uso di Anfotericina B liposomale è meno tossico permettendo anche dosaggi elevati. Il rifornimento vascolare difficile può impedire una completa efficacia della terapia sistemica; l'irrigazione locale del tessuto infettato con Anfotericina B è stata segnalata come aggiunta importante al trattamento e può persino evitare che la chirurgia sia estremamente demolitiva. L'ossigeno iperbarico è stato suggerito come un trattamento potenziale, ma è ancora in fase di studio. Terapia Chirurgica Il trattamento chirurgico deve essere rapido, con asportazione di tutto il tessuto necrotico: a volte possono essere necessari interventi multipli (Fig.2). (1, 2) A causa dell'effetto vaso-occlusivo della mucormicosi, il tessuto implicato sanguina raramente, pertanto l asportazione fino al tessuto normale, ben perfuso, è segnalata dall incontro con aree emorragiche. L intervento ricostruttivo, da considerarsi solo dopo una completa risoluzione dell infezione, può essere problematico con necessità potenziale di più atti chirurgici, e spesso non garantisce una sufficiente soddisfazione estetica. Più verosimile l applicazione di epitesi facciali. 24 Figura 2: esiti di chirurgia demolitivi (ricostruzione 3D di scansioni TC) DISCUSSIONE Ci è piaciuto definire con il termine "Oculistica di Confine" l'area medica che coinvolge solo perifericamente e occasionalmente l'oftalmologia classica, per motivi essenzialmente - ma non solo - di geografia anatomica: in questa dimensione si intrecciano talvolta patologie insolite e curiosità spesso lasciate affrontare ai colleghi specialisti nella disciplina, per così dire, adiacente. Ancora oggi la collaborazione tra singoli medici, occasionale o organizzata che sia, risulta spesso poco efficace nel risolvere gravi problematiche, per incapacità o addirittura impossibilità di abbattere i lenti ostacoli burocratici (quando, per esempio, il paziente deve essere gestito contemporaneamente in reparti differenti vedi tabella 1), o di ottenere in tempi utili un'indispensabile uniformità di vedute e strategie, fermo restando le capacità, l'impegno e l'onestà dei singoli. La necessità di una sempre più efficace collaborazione interspecialistica si rende bene evidente nell esaminare questo caso clinico di indubbia severità. La patologia che abbiamo descritto rappresenta una di quelle sindromi di interesse anatomico multiregionale capaci di coinvolgere contemporaneamente organi diversi (10) come naso, arcata dentale, orbita, base cranica e encefalo. La sintomatologia soggettiva di un pro-

4 cesso infettivo-infiammatorio, partente da una regione così complessa, è talora fuorviante e causa spesso un approccio diagnostico incompleto e di conseguenza più lento, quando come purtroppo in questo caso esiste una estrema fretta di iniziare una adeguata terapia. Questi casi sono testimonianze dell utilità di centri poli-specialistici concretamente attrezzati e preparati per affrontare con sicurezza le problematiche inerenti le patologie dell intero distretto cranio-facciale: è quindi, a nostro parere, meno accettabile il concetto di patologia inconsueta e rara, esibito spesso come alibi di fronte alle lacune conoscitive che ciascuno di noi inevitabilmente possiede. La Mucormicosi è una di quelle patologie sì rare, ma che non possiamo permetterci di non conoscere. Tabella 1 DISCIPLINE SPECIALISTICHE INTERVENUTE ODONTOIATRIA OTORINOLARINGOIATRIA OCULISTICA e OFTALMOPLASTICA NEUROCHIRURGIA MALATTIE INFETTIVE MEDICINA INTERNA e ENDOCRINOLOGIA FARMACOLOGIA BIBLIOGRAFIA 1. Bartley GB, Garrity JA, Waller RR, Henderson JW, Ilstrup DM Orbital exenteration at the Mayo Clinic Ophthalmol 1989 Apr;96(4): O'Keefe M, Haining WM, Young JD, Guthrie W. Orbital mucormycosis with survival Br J Ophthalmol 1986 Aug;70(8): Fairley C, Sullivan TJ, Alloworth T, Lewandowski R. Survival after rhino-orbital-cerebral mucormycosis in an immunocompetent patient. Ophthalmol 2000 Mar;107(3): Hanse MC, Nijssen PC. Unilateral palsy of all cranial nerves (Garcin syndrome) in a patient with rhinocerebral mucormycosis. J Neurol 2003 Apr;250(4): Pandit SR, Raheem MA. Mucormycosis in acute myeloid leukaemia. Br J Haematol 2003 May;121(3): Kumar A, Khilnani GC, Aggarwal S, Kumar S, Banerjee U, Xess I. Primary cutaneous mucormycosis in an immunocompetent host: report of a case. Surg Today 2003;33(4): Jain A, Butani L. Severe hyperphosphatemia resulting from high-dose liposomal amphotericin in a child with leukemia. J Pediatr Hematol Oncol 2003 Apr;25(4): Lenane P, Keane CO, Loughlin SO Mucor mycosis infection presenting as a non-healing ulcer in an immunocompromised patient. Clin Exp Dermatol 2003 Mar;28(2): Hamilton JF, Bartkowski HB, Rock JP. Management of CNS mucormycosis in the pediatric patient Pediatr Neurosurg 2003 Apr;38(4): Onyango JF, Kayima JK, Owen WO. Rhinocerebral mucormycosis: case report. East Afr Med J 2002 Jul;79(7): Moye J, Rosenbloom AL, Silverstein J. Clinical predictors of mucormycosis in children with type 1 diabetes mellitus. J Pediatr Endocrinol Metab 2002 Jul-Aug;15(7): Dokmetas HS, Canbay E, Yilmaz S, Elaldi N, Topalkara A, Oztoprak L, Yildiz E. Diabetic ketoacidosis and rhino-orbital mucormycosis Diabetes Res Clin Pract 2002 Aug;57(2): Tyson JC, Gittelman PD, Jacobs JB, Holliday R, Press R. Recurrent mucormycosis of the paranasal sinuses in an immunologically competent host. Otolaryngol Head Neck Surg 1992 Jul;107(1): Ladurner R, Brandacher G, Steurer W, Schneeberger S, Bosmuller C, Freund MC, Kreczy A, Konigsrainer A, Margreiter R. Lessons to be learned from a complicated case of rhino-cerebral mucormycosis in a renal allograft recipient. Transpl Int 2003 Dec;16(12): Epub 2003 Aug Kofteridis DP, Karabekios S, Panagiotides JG, Bizakis J, Kyrmizakis D, Saridaki Z, Gikas A. Successful treatment of rhinocerebral mucormycosis with liposomal amphotericin B and surgery in two diabetic patients with renal dysfunction. J Chemother 2003 Jun;15(3): Clark FL, Batra RS, Gladstone HB Mohs micrographic surgery as an alternative treatment method for cutaneous mucormycosis. Dermatol Surg 2003 Aug;29(8): Autore di riferimento: Dr. Andrea Marabotti Via Fossone Alto, 7/d Carrara (MS)

5 Commento dell OPINION LEADER Prof. Giulio Bonavolontà (con la collaborazione della Dr.ssa Paola Bonavolontà) La Mucormicosi orbitaria può essere una patologia altamente invalidante, come dimostrato dal caso illustrato da Marabotti, Puccioni e coll.; come si evince dalle fotografie gli esiti di "exenteratio allargata" possono essere da un punto di vista estetico drammatici. Purtroppo nei casi di mancata risposta alla terapia medica e di coinvolgimento massivo dei tessuti orbitari, "l'exenteratio orbitae" è l'unica terapia efficace. In queste condizioni cliniche accade di frequente che l'ingente processo infiammatorio che ha coinvolto l'orbita determini dei fenomeni di fibrosi con conseguente severa contrazione della cavità orbitaria. Il grading della contrazione di una cavità orbitaria può essere valutato utilizzando la classificazione da noi proposta in 5 categorie: 1) cavità contratte superficialmente di grado lieve; 2) cavità contratte superficialmente di grado severo; 3) cavità contratte profondamente di grado lieve; 4) cavità contratte profondamente di grado severo; 5) cavità totalmente contratte. Nei casi di contrazione profonda della cavità (grado 3 e 4) o quando è totalmente contratta (grado 5) la ricostruzione può essere particolarmente difficile in quanto è necessario aver disponibile un tessuto che ricopra il "minus" profondo della cavità e che attecchisca ai tessuti circostanti e non vada incontro ad atrofia vanificando l'intervento. Da circa vent'anni abbiamo sviluppato una tecnica ("trasposizione del muscolo temporale") per supplire al deficit di tessuto creatosi in seguito agli interventi di exenteratio orbitae. Riteniamo interessante riportare una breve descrizione della tecnica chirurgica: L'intervento si svolge in anestesia generale. Il trattamento prevede due fasi: - Prima fase: l orbita è esposta attraverso un'incisione coronale. Il contenuto intraorbitario è totalmente liberato, a 360, dall'asse orbitario sovrapposto (Fig. 1). 26 Fig. 1 - Esposizione dell'orbita con flap bicoronale Il terzo anteriore del muscolo temporale è tagliato con un'incisione verticale dalla sua inserzione dall'osso temporale, e dalla sua inserzione profonda dietro l'arco zigomatico, tenendo cura di preservare la vascolarizzazione che è garantita dalla branca anteriore dell'arteria temporale profonda (Fig. 2). Un'ampia osteotomia è eseguita a livello della parete laterale ed estesa fino ad includere il terzo laterale del pavimento orbitario fino alla fessura infraorbitaria (Fig. 3). Fig. 2 - Incisione verticale del muscolo temporale, che separa il terzo anteriore dai due terzi posteriori Fig. 3 - Osteotomia della parete laterale e della porzione laterale del pavimento dell'orbita

6 Il pacchetto orbitario è sezionato in un piano parallelo alla rima orbitaria lasciando la parete posteriore del pacchetto attaccata all'apice orbitario, mentre la sua parte anteriore rimane adesa al sottocute, lasciando così uno spazio morto nel quale poter alloggiare il muscolo temporale (Fig. 4). Il lembo anteriore del muscolo temporale è trasferito nella cavità orbitaria attraverso l'ostio creato nella parete laterale, avendo cura di mantenere la porzione muscolare ricoperta dalla fascia del temporale rivolta verso la parte anteriore dell'orbita (Fig. 5). Fig. 4 - Il contenuto orbitario, precedentemente dissecato dalla periorbita, viene sezionato. La porzione anteriore è lasciata aderente al "flap" bicoronale, mentre la porzione posteriore rimane attaccata all'apice orbitario. Fig. 5 - Il "flap" di muscolo temporale viene trasposto nell'orbita attraverso l'osteotomia laterale. La fascia temporale è suturata alla porzione anteriore del periostio orbitario. Al fine di mantenere il muscolo temporale nella giusta posizione tra i due monconi di tessuto orbitario, è necessario suturare la fascia muscolare ai residui della fascia periorbitaria situata nel moncone anteriore. I due terzi del muscolo temporale che erano originariamente situati nella loro posizione anatomica vengono fatti scivolare in avanti a colmare la fossa temporale al fine di ridurre un'accentuata depressione della regione temporale nel post-operatorio. I piani sottocutanei e cutanei sono chiusi con suture Vicryl 4.0 e Polene 3.0 (Fig. 6). Alla fine dell'intervento il muscolo temporale si dovrà quindi trovare al didietro delle due palpebre ridonando un aspetto di "pienezza" alla cavità orbitaria (Fig. 7). 27 Fig. 6 - I due terzi posteriori del muscolo temporale sono spostati anteriormente per ridurre la depressione post-operatoria della fossa temporale. Fig. 7 - L'orbita viene riempita con il muscolo temporale e la fascia. - Seconda fase: una volta che il restringimento fisiologico del lembo muscolare è completo, la qualcosa è la più importante causa di insuccesso della prima fase della tecnica tradizionale, la ricostruzione della cavità anteriore può essere programmata. Le palpebre sono accuratamente aperte attraverso il margine palpebrale (Fig. 8). Fig. 8 - Il secondo stadio della ricostruzione prevede un'apertura delicata delle palpebre. Fig. 9 - Le palpebre sono liberate dalla superficie anteriore del "flap" del muscolo temporale.

7 La dissezione è portata all'esterno, si ricerca l'esposizione della fascia temporale profonda (Fig. 9). Quando la fascia temporale è bene esposta, rappresenterà la parte posteriore della nuova cavità (Fig. 10). Il fornice e la lamella palpebrale posteriore saranno ripristinate con la pelle libera o con innesti di membrane mucose, usando un conformatore allo scopo di mantenere l'innesto in buona posizione (Fig. 11). Fig La parte profonda della fascia del muscolo temporale forma la parte posteriore della nuova orbita. Fig Un conformatore mantiene la forma dei fornici e tiene il "graft" di cute o di mucosa nella giusta posizione al didietro della superficie posteriore delle palpebre. 28 Una tarsorrafia temporanea è necessaria per almeno trenta giorni. Un foro laterale permetterà il lavaggio all'esterno della cavità. Una volta che la tarsorrafia è stata aperta il conformatore, può essere sostituito da una protesi permanente. La chirurgia delle cavità severamente contratte è difficile poiché ne è imprevedibile l'andamento post-chirurgico. Spesso infatti il processo di fibrosi continua annullando gli effetti dell'intervento. E' quindi molto importante comprendere bene l'anatomia chirurgica della cavità che si intende operare e diagnosticare in maniera corretta i processi infiammatori o fibrotici ancora in atto. Con la nostra tecnica le contrazioni delle cavità anteriore e posteriore sono trattate con due approcci chirurgici separati. Usando lembo muscolare riusciamo ad ottenere un "letto" ben vascolarizzato che consentirà una buona ricostruzione della porzione anteriore dell'orbita. I risultati ottenuti in circa vent'anni di esperienza sono stati quasi sempre soddisfacenti e hanno incoraggiato sempre di più questa tecnica (Fig ). Fig Paziente con grave contrazione della cavità orbitaria. Le palpebre sono attaccate alle ossa orbitarie ed i fornici sono assenti. Fig Lo stesso paziente dopo un anno dalla ricostruzione descritta. CORSO DI AGGIORNAMENTO (Oftalmoplastica) Venerdì 7 maggio 2004, presso la Casa di Cura Maria Domenica Barbantini a Lucca, nel pomeriggio (h.15 19), il Prof. Giulio Bonavolontà e il Dr. Marco Puccioni, rispettivamente Presidente e Segretario della SICOP (Società Italiana di Chirurgia Oftalmoplastica), terranno una lezione magistrale sul tema: TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI TUMORI PALPEBRALI durante la quale verrà fatto il punto sulle tecniche di ricostruzione palpebrale dopo chirurgia demolitiva, conseguente a patologie prevalentemente neoplastiche. Il corso, gratuito e regolarmente accreditato ECM, sarà riservato a soli 40 partecipanti. È prevista la partecipazione in sala di molti dei maggiori oculisti esperti nel settore, ed di alcuni dei più noti specialisti toscani in discipline affini come la chirurgia plastica, maxillo-faciale, dermatologia, otorinolaringoiatria. Il seminario è il quarto evento in un programma di 7 Lezioni Magistrali che la U.O. di Oculistica della Casa di Cura Barbantini di Lucca ha organizzato per l anno 2004, e che vedranno come esperti protagonisti Professori Illustri, del calibro di: Vito De Molfetta 27 marzo: chirurgia vitreo-retinica Aldo Caporossi 24 aprile: chirurgia della cataratta Umberto Merlin 30 aprile: chirurgia del trapianto corneale Alfonso Giovannini 5 giugno: retina medica Francesco Carones 25 giugno: chirurgia refrattiva Francesco Bandello 9 luglio: up to date sulla retinopatia diabetica Per informazioni ed eventuale iscrizione ai seminari: Segreteria Scientifica: U.O. di Oculistica Casa di Cura M. D. Barbantini Via del Calcio, Lucca - Tel Segreteria Organizzativa: Pegaso srl Advertising - Web - Marketing Congress - Meetings - Events - Professional training Sponsoring Via S. Paolino, Lucca - Tel (3 linee r. a) Fax

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO

CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO CELLULITI ORBITARIE E ALTRE MALATTIE ORL DI INTERESSE OCULISTICO MDA NEUROSCENZE UNITA OPERATIVA COMPLESSA ORL B. TRENTO Primario dott. F. Barbieri Nazarena Mesiano CELLULITI CELLULITI ORBITARIE ORBITARIE

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano Occhi e Urgenze Copyright 2010 I.N.C. Innovation-News-Communication s.r.l. ISBN... Editore I.N.C. Innovation-News-Communication

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli