Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative"

Transcript

1 U-Series Srl Via Ferrarese, Bologna Tel Fax Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative Relazione dell Ing. Massimo Esposito Esperto Qualificato ex D. Lgs. 230/95 POVO (Trento), 23 marzo

2 INTRODUZIONE: Si definisce radioattività la proprietà che hanno gli atomi di alcuni elementi di emettere spontaneamente radiazioni che possono essere di natura corpuscolare (particelle alfa, particelle beta) o elettromagnetica (raggi gamma, raggi X) e ionizzanti, cioè dotate di energia tale da poter ionizzare gli atomi con i quali vengono a contatto. NATURALE: Alcuni atomi, per le loro grandi dimensioni, sono intrinsecamente instabili e, a un certo punto della loro vita, si rompono spontaneamente emettendo una radiazione. Anche il prodotto del decadimento può essere a sua volta instabile e decadere, e così via, creando delle famiglie radioattive. Es. gas RADON fa parte della famiglia radioattiva dell'uranio 238. ARTIFICIALE: Provocata per mezzo di qualche reazione nucleare. Es. sorgenti uso medico, macchine radiogene. U-238 Prodotti di decadimento Ra-226 Rn-222 Prodotti di decadimento Questo effetto diretto sulla materia si traduce in un rischio sanitario correlato all'intensità delle radiazioni stesse. In particolare, in caso di danneggiamento del DNA possono essere indotti processi di cancerogenesi (es. radon: tumore a livello polmonare). 2 Pb-206

3 INTRODUZIONE Unità di misura La concentrazione di radon in aria si misura Bq/mc, dove Bq è il simbolo dell unità di misura Becquerel che rappresenta una disintegrazione radioattiva al secondo; Bq/mc indica quindi il numero di trasformazioni al secondo che avvengono in un metro cubo d aria. Le prescrizioni di legge che indicano i valori del livello d azione usano questa unità. Come indice del potenziale danno biologico dovuto all'esposizione alle radiazioni, la grandezza che viene utilizzata prende il nome di dose efficace e la sua unità di misura è il millisievert (msv). 3

4 INTRODUZIONE Principali livelli di riferimento 20 msv/anno Limite esposizione LAVORATORI ESPOSTI (CAT. A) 6 msv/anno Valore limite per LAVORATORI ESPOSTI di CAT. B 3 msv/anno Livello di azione LAVORATORI (RADON) 1 msv/anno Livello di azione LAVORATORI (NORM, attività estrattive e stabilimenti termali) Limite dose GESTANTI (D. Lgs. 151/2001) 0,3 msv/anno Livello di azione POPOLAZIONE (NORM e attività estrattive) 4

5 Norme e guide di riferimento (I PARTE) A livello italiano: - D. Lgs. 230/1995 e smi, in particolare D. Lgs. 241/ Protezione del nascituro: D. Lgs. 151/ Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria nei luoghi di lavoro sotterranei, a cura delle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano A livello Europeo: Direttiva 29/1996 A livello mondiale: di Radioprotezione), su 3 principi: giustificazione della pratica; ottimizzazione della protezione; ICRP (Commissione Internazionale limitazione delle dosi individuali; 5

6 Principio di giustificazione Nuovi tipi o nuove categorie di pratiche che comportano un'esposizione alle Radiazioni ionizzanti debbono essere giustificati, anteriormente alla loro prima adozione o approvazione, dai loro vantaggi economici, sociali o di altro tipo rispetto al detrimento sanitario che ne può derivare. Principio di ottimizzazione Qualsiasi pratica deve essere svolta in modo da mantenere l esposizione al livello più basso ragionevolmente ottenibile, tenuto conto dei fattori economici e sociali. Principio di limitazione delle dosi La somma delle dosi derivanti da tutte le pratiche non deve superare i limiti di dose stabiliti per i lavoratori esposti, gli apprendisti, gli studenti e gli individui della popolazione. 6

7 D. Lgs. 230/95 e s.m.i. Campo di applicazione SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI (NORM e RADON) Sorgenti di radiazioni ionizzanti naturali in quantità ritenute non trascurabili SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI ARTIFICIALI Macchine radiogene - Sorgenti radioattive 7

8 SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI ARTIFICIALI Pratiche radiologiche con MACCHINE RADIOGENE e SORGENTI RADIOATTIVE ATTIVITA' SANITARIE ATTIVITA' INDUSTRIALI Protezione dei pazienti D. Lgs. 187/00 8

9 ATTIVITA' INDUSTRIALI Esempi di pratiche soggette al decreto : - Macchine a raggi X utilizzate nel settore della sicurezza; - Apparecchiature radiogene per applicazioni radioscopiche CONTROLLI NON DISTRUTTIVI (controlli fusioni e saldature, componenti elettrici e circuiti stampati, ispezione di prodotti alimentari,...); - Diffrattometri con tubo radiogeno; - Detector per gascromatografia ECD; - Rivelatori di fumo a camere di ionizzazione; - Acceleratori, etc. 9

10 Obblighi dell esercente Prima inizio pratica radiologica : - Esperto Qualificato - Relazione preventiva - Benestare preventivo - Comunic. PREVENTIVA pratica radiologica a Organi Vigilanti o avvio istanza PREVENTIVA Nulla Osta Ad inizio Pratica Radiologica: - Prima verifica di radioprotezione - Altri adempimenti associati alla classificazione radioprotezionistica delle aree e dei lavoratori (Capo VIII e Capo IX) 10

11 Commenti su aspetti operativi Sorgenti mobili di radiazioni ionizzanti Soggette a Nulla Osta quando impiegate in più luoghi non determinabili a priori, se impiegate a scopo industriale o ricerca scientifica Sorgenti mobili utilizzate in unica sede : comunic. scritta del divieto dell uso fuori dalla sede comunicata (Art. 80 e Norme Interne) 11

12 SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI NORM (Naturally Occurring Radioactive Materiales ) e RADON 12

13 D. Lgs. 241/00: Art. 10 bis Campo di applicazione ATTIVITA PRODUTTIVE/SERVIZI - NORM Lavorazione/stoccaggio di materiali contenenti radioisotopi naturali in quantità non trascurabili: - Industrie/depositi fertilizzanti con minerali fosfatici; - Lavorazione minerali nell estrazione di stagno, ferro-niobio da pirocloro e alluminio da bauxite; - Lavorazione sabbie zirconifere e produzione materiali refrattari; - Lavorazione terre rare; - Lavorazione ed impiego composti del torio (saldatura, vetri etc); - Produzione pigmenti biossido di titanio; - Fanghi ed incrostazioni da estrazioni petrolifere; Stabilimenti termali Attività estrattive V Attività lavorative su aerei (personale navigante) Allegato I - bis 13

14 INTRODUZIONE Principali livelli di riferimento 20 msv/anno Limite esposizione LAVORATORI ESPOSTI (CAT. A) Ulteriori obblighi previsti: Ripetizione TRIENNALE 6 msv/anno Limite esposizione LAVORATORI ESPOSTI (CAT. B) 3 msv/anno Livello di azione LAVORATORI (RADON) 1 msv/anno Livello di azione LAVORATORI (NORM, attività estrattive e stabilimenti termali) Limite dose GESTANTI (D. Lgs. 151/2001) 0,3 msv/anno Livello di azione POPOLAZIONE (NORM e attività estrattive) 14

15 D. Lgs. 241/00: Art. 10 bis Campo di applicazione RADON Attività lavorative in particolari luoghi di lavoro quali tunnel, sottovie, catacombe, grotte e, comunque, in TUTTI I LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI Attività lavorative in luoghi diversi da quelli sopra riportati in zone ad elevata probabilità di alte concentrazioni di radon 15

16 Linee guida della Conferenza Stato - Regioni : Ambienti in cui condurre le misure: Par. 1.2: definizione luogo di lavoro D.Lgs. 626/1994 Par. 1.3: ambienti in cui il personale trascorra una frazione di tempo significativa, indicativamente fissata in 10 ore/mese. Approccio che appare non cautelativo, ad es. ambiente con concentrazione 5000 Bq/mc esporrebbe una donna gestante che vi trascorra 10 ore/mese ad una dose pari a 1,05 msv. Numero di punti di misura in ogni ambiente: misure condotte in ogni locale fisicamente separato oppure, per locali di grandi dimensioni, una misura ogni 50 mq. Metodologie e tecniche di misura: metodi di misura delle concentrazioni di radon e requisiti minimi degli organismi che effettuano le misure. 16

17 Linee guida della Conferenza Stato - Regioni REQUISITI DELL'ORGANISMO DI MISURA: Responsabile tecnico con formazione professionale adeguata ed esperienza documentata in materia; Individuazione delle persone abilitate ad eseguire le misure e ad attestarne la validità; Utilizzo di una tecnica di misura idonea; Periodica taratura della tecnica di misura e controllo del funzionamento delle apparecchiature prima di ogni serie di misure; Periodico controllo di qualità dei dati; Utilizzo di procedure e istruzioni scritte per le misure, comprese le tarature e il controllo di qualità; Rilascio del resoconto delle misure firmato dal responsabile tecnico, che garantisce l'affidabilità del dato al committente. Sicuramente garantita se direzione laboratorio e gestione documenti da parte Esperto Qualificato di grado almeno secondo Partecipazione continuativa interconfronti internazionali 17

18 Concentrazione di attività media annuale: Radon < 400 Bq/mc: nessun ulteriore obbligo La normativa di riferimento fissa il livello d azione per la concentrazione di radon in termini di concentrazione media annua. se non la ripetizione delle misurazioni in caso di variazioni significative delle condizioni in cui si svolge l attività lavorativa (art. 10 quinquies, comma 8) Radon compreso fra 400 e 500 Bq/mc: ripetizione delle misure l anno successivo (art. 10-quinquies, comma 2) 18

19 Concentrazione di attività media annuale: Radon > 500 Bq/mc (LIVELLO DI AZIONE Allegato I bis): - Comunicazione agli organi competenti (ASL, ARPA, Dir. Prov. Lavoro), indicando il tipo di attività lavorativa ed i risultati delle misurazioni (art. 10- quater, comma 1). - Valutazione, avvalendosi di un ESPERTO QUALIFICATO, della dose ai lavoratori (Art. 10-quinquies, comma 5) e, solo nel caso di superamento di 3 msv/anno, azioni di rimedio, tenendo conto del principio di ottimizzazione (Art. 10-quinquies, comma 3). - Ove, nonostante l adozione di azioni di rimedio, risulti ancora superato il livello di 3 msv/anno, adozione (Art. 10-quinquies, comma 3) dei provvedimenti prescritti dalla normativa, fra cui l eventuale sorveglianza fisica, fintanto che ulteriori azioni di rimedio non riducano la dose al di sotto dei 3 msv/anno, tenendo conto del principio di ottimizzazione. 19

20 Concentrazione di attività media annuale: Radon > 500 Bq/mC: Al fine di tutelare compiutamente i lavoratori e salvaguardare il Datore di Lavoro si ritiene necessario mettere in atto alcune azioni: Estendere le misurazioni al PIANO TERRA al fine di dare piena attuazione a quanto a quanto disposto dall'art. 10-bis, comma 1, lettera b) del D. Lgs. 241/2000 (misurazioni di radon ai piani di superficie in zone a rischio); Se in corso azioni di rimedio che per la loro natura, richiedono tempi di realizzazione piuttosto lunghi, effettuare a cura dell'esperto qualificato una valutazione preliminare di dose, secondo il principio di ottimizzazione (Art. 2, comma 3 del D. Lgs. 241/2000); Specifiche disposizioni interne per attuare quanto evidenziato dall'esperto qualificato appositamente nominato; Formare ed informare i lavoratori; Aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi DVR e partecipazione riunione Art. 35 D.Lgs. 81/08. 20

21 Concentrazione di attività media annuale: Radon > 500 Bq/mc (livello d azione): Il Datore di Lavoro ha l'obbligo di informare le imprese i cui lavoratori (guardie, pulizie, altri servizi) possano accedere agli ambienti sotterranei o, se esistenti, agli ambienti a piano terra con elevate concentrazioni di radon. Una volta a conoscenza della presenza di radon le imprese esterne sono tenute a nominare un esperto qualificato di propria fiducia, il quale provvederà agli adempimenti di legge relativamente alla tutela della salute dei lavoratori. 21

22 La normativa italiana relativa alle gestanti Il D.Lgs 151/2001 pone particolare attenzione alla salvaguardia della maternità e della salute del nascituro limitando le attività lavorative della donna in gravidanza che potrebbero esporre il nascituro ad una dose che ecceda 1 msv durante il periodo della gravidanza (Art. 8, comma 1). Vengono altresì regolamentati i lavori che comportano esposizione a radiazioni ionizzanti per 7 mesi dopo il parto (Allegato A, lettera D). 22

23 DISPOSIZIONI ORGANI DI VIGILANZA ASL Varese: in seguito al superamento del livello d'azione, ha richiesto la valutazione della dose al feto e i contenuti e le modalità di svolgimento, in termini di ore e frequenza, della opportuna formazione ai lavoratori. ASL Varese e Direzione Provinciale del Lavoro di Roma: nel caso di superamento del livello d'azione, integrazione del Documento di Valutazione dei Rischi con i dati dell'indagine radon condotta nella sede in oggetto. ASL Napoli: chiarimenti riguardo i requisiti degli organismi che sottoscrivono il resoconto delle misure di radon. 23

24 DISPOSIZIONI ORGANI DI VIGILANZA Nota redatta dal Dott. M. Franciosi della Direzione Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Le misurazioni debbono essere effettuate sia in caso di attività lavorative svolte in modo saltuario che continuativo, in quanto si tratta di misurazioni ambientali e che, quindi, prescindono dall'effettiva presenza dei lavoratori per l'intero orario di lavoro. Le misurazioni devono essere effettuate indipendentemente dall'emanazione delle linee guida della cosiddetta Commissione radon. Nel caso sia necessario procedere ad azioni di rimedio, è stata specificata la necessità di rivolgersi all'esperto qualificato. 24

25 Evoluzione della normativa Sulla base delle recenti raccomandazioni, anche la Direttiva futura (che ha avviato il percorso di approvazione ed è al momento scaricabile dal sito nuclear/radiation_protection/article_31_en.htm) introduce la normativa sul radon nelle abitazioni e NEI LUOGHI PUBBLICI (distinti questi ultimi dai luoghi di lavoro); la direttiva prevede un livello di riferimento diverso per abitazioni e edifici pubblici esistenti (300 Bq/m 3 ) e futuri (200 Bq/m 3 ), nell'ottica di ridurre in generale anche con le nuove costruzioni e ristrutturazioni l'esposizione al radon. 25

26 Norme di riferimento (II PARTE) D. Lgs. 230/95 e smi all art. 157 introduce l obbligo della sorveglianza radiometrica sui rottami metallici D. Lgs. 23/09 al comma 7 dell art. 1 introduce l obbligo di sorveglianza radiometrica anche ai semilavorati metallici, estendendo l obbligo agli importatori D. Lgs. 100/11 disposizioni integrative e correttive del D. Lgs. 23/09 relativo alla sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati metallici. D. Lgs. 52/07 all art. 14 disciplina il ritrovamento di sorgenti orfane ed i relativi interventi predisposti dal Prefetto 26

27 D.Lgs. n. 100/11 L art. 157 del D. L. 230/95 è sostituito dal seguente: Art. 157 (sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati metallici) I soggetti che a scopo industriale o commerciale esercitano attività di importazione, raccolta, deposito o che esercitano operazioni di fusione di rottami o altri materiali metallici di risulta nonché i soggetti che a scopo industriale o commerciale esercitano attività di importazione di prodotti semilavorati metallici hanno l'obbligo di effettuare la sorveglianza radiometrica La disposizione non si applica ai soggetti che svolgono attività che comportano esclusivamente il trasporto e non effettuano operazioni doganali. 27

28 D.Lgs. n. 100/11 2. L'attestazione dell'avvenuta sorveglianza radiometrica è rilasciata da esperti qualificati di secondo o terzo grado, compresi negli elenchi istituiti ai sensi dell'articolo 78, i quali nell'attestazione riportano anche l'ultima verifica di buon funzionamento dello strumento utilizzato Sono stabilite le modalità di applicazione, nonché i contenuti delle attestazioni della sorveglianza radiometrica ed elencati i prodotti semilavorati metallici oggetto della sorveglianza. 28

29 D.Lgs. n. 52 del (in vigore dal ) (Dir. Euratom 2003/122) Campo di Applicazione - Sorgenti SIGILLATE ALTA ATTIVITA Sorgente sigillata con ATTIVITA SUPERIORE alle soglie All. I, al momento della fabbricazione/immissione sul mercato - Sorgenti ORFANE Sorgente NON sottoposta a controlli organi vigilanti, con attività al momento della sua scoperta sul mercato superiore alle soglie di cui All. VII D.Lgs. 230/95 (soglie esenzione art.22 ) 29

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena Normativa di riferimento Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena 1 Comma 3 Art. 180 D.Lgs. 81/08 La Protezione dei lavoratori dalle radiazioni Ionizzanti è disciplinata

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. Radon e valutazione della qualità ambientale. Decreti, Direttive e il futuro in Italia. Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in edilizia L esposizione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI IN AMBIENTI LAVORATIVI

PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI IN AMBIENTI LAVORATIVI BANCASICURA 2011 Milano, 19 e 20 ottobre 2011 PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI IN AMBIENTI LAVORATIVI MASSIMO ESPOSITO Esperto Qualificato di 3 grado - U-Series S.r.l. ILARIA GANDOLFI RSPP

Dettagli

Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione e informazione

Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione e informazione U-Series Srl Via Ferrarese, 131 40128 Bologna Tel. 051 0875113/4 - Fax. 051 4158173 info@u-series.com Misurazioni di radon nei luoghi di lavoro ai sensi dell Art. 10-bis del D. Lgs. 241/2000 Corso di formazione

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica Paola Angelini Servizio Sanità pubblica Modena, 1 aprile 2011 D.Lgs. 230/95 e s.m.i. detenzione = impiego comunicazione preventiva nulla osta all'impiego Categoria B Categoria A LIMITI LIMITI INFERIORI

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 7 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Documento unico formato da 7 pagine INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina

Dettagli

Sorveglianza fisica della radioprotezione in UNIUD

Sorveglianza fisica della radioprotezione in UNIUD Laurea Magistrale in Scienze Agrarie e Ambientali Corso di Metodologie di analisi chimico agrarie e sicurezza nei laboratori Modulo «Sicurezza in laboratorio» Gestione della radioprotezione in Ateneo Massimo

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA PER LA TUTELA SANITARIA DELLA POPOLAZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI L Organismo Tecnico istituito ai

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00)

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Lavoratori non esposti ( All. III par 1.2 D. Lgs 241/00) Soggetti che per la loro attività, in un anno solare, non sono suscettibili di ricevere una esposizione

Dettagli

CIRCOLARE N: 5/2001 Roma 8/1/01

CIRCOLARE N: 5/2001 Roma 8/1/01 CIRCOLARE N: 5/2001 Roma 8/1/01 Alle DIREZIONI REGIONALI DEL LAVORO -LORO SEDI Direzione Generale dei Rapporti di Lavoro Divisione III Prot. n. 51/RI del 8/01/00 Alle DIREZIONI PROVINCIALI DEL LAVORO-

Dettagli

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione V Convegno Nazionale NAD 10 Anni di impegno guardando al futuro DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione Fabio Chiaravalli - SOGIN Direttore Ambiente,

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ A SCOPO MEDICO

MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ A SCOPO MEDICO M I N I S T E R O D E L L A S A L U T E ISPESL Associazione Italiana di Radioprotezione affiliata alla International Radiation Protection Association (IRPA) MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA COMPLESSIVA STRUTTURE UNIVERSITARIE IL RETTORE Fabio Rugge IL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Corso di formazione obbligatoria sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro La sicurezza ed il lavoro con le Radiazioni Ionizzanti (Art. 22, D.Lgs.

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

MASTER di PRIMO LIVELLO

MASTER di PRIMO LIVELLO MASTER di PRIMO LIVELLO VERIFICHE DI QUALITA IN RADIODIAGNOSTICA, MEDICINA NUCLEARE E RADIOTERAPIA CONTROLLI delle PRESTAZIONI delle APPARECCHIATURE RADIOLOGICHE e RADIOPROTEZIONE del PAZIENTE Parte I

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

Raccomandazione 90/143/Euratom

Raccomandazione 90/143/Euratom Raccomandazione 90/143/Euratom TITOLO: Raccomandazione della Commissione sulla tutela della popolazione contro l esposizione al radon in ambienti chiusi DATA: 21 febbraio 1990 LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ

Dettagli

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. I materiali in edilizia e i controlli dal punto di vista radioattivo. Direttiva 2013/59 e il futuro in Italia. Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in

Dettagli

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali International Panel sullo Sviluppo della Cultura e della Legislazione a livello Internazionale, dell Unione Europea e in Italia in ambito OS,H & E Roma, 31 ottobre 2014 Parlamento italiano Palazzo Marini,

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Riferimenti normativi sul radon

Riferimenti normativi sul radon Riferimenti normativi sul radon Normative europee, svizzere ed italiane Fabrizio Colombo Sommario Normative europee Raccomandazione della Commissione europea sulla tutela della popolazione contro l esposizione

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO.

1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO. Compiti e Rapporti tra R.S.P.P. ed Esperto Qualificato in radioprotezione di Dario Russignaga (Coordinatore Gruppo Tecnico Enti finanziari ed assicurazioni dell AIAS). 1. PREMESSA E OGGETTO DELL INTERVENTO.

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI

RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI Come previsto dal capo III bis del D.Lgs. 230/95 (modificato dal D.Lgs. 241/00) e dal D.Lgs. 626/94,

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA)

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) 1.1 Descrizione della fonte di rischio Le radiazioni ROA sono radiazioni elettromagnetiche che hanno la caratteristica di avere una lunghezza

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Relazione tecnica di Radioprotezione

Relazione tecnica di Radioprotezione Azienda Ospedaliera della Valtellina e della Valchiavenna Sede Legale: via Stelvio 25 23100 SONDRIO C.F. e partita IVA: 00202030144 Relazione tecnica di Radioprotezione Valutazioni e comunicazioni ai sensi

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEL SETTORE EDILE

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEL SETTORE EDILE LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEL SETTORE EDILE Articolo 37, D. Lgs. 81/08 del 9 aprile 2008 e s.m.i. > comma 1 Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11 M.C. Romano, M. Ranieri Le giornate di Corvara 18 Convegno di Igiene Industriale Corvara (Bz)) 28-30 marzo 2012

Dettagli

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Programma Obblighi del Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti Attribuzioni dell Esperto Qualificato Classificazione dei Lavoratori Classificazione delle Zone Obblighi dei Lavoratori Calcolo della Dose

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

ALLEGATO 1 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 1 Guardia di Finanza REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO PUGLIA - Ufficio Logistico Sezione Telematica - Via G. Murat nr. 59, 70123 Bari Tel: 080526202 fax: 0805262019 E-mail: BA0520000P@PEC.GDF.IT

Dettagli

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale L'obbligo di valutazione dei rischi secondo il d.lgs. n.81/2008 Ing. Davide Casaro Area Ambiente e

Dettagli

La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto

La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto La radioprotezione del paziente: il punto di vista del Responsabile dell Impianto Dott. Alessandro Falzone Direttore U.O.C. Radiologia P.O. S. Elia ASP 2 Caltanissetta D.Lgs. 187/00 Protezione nelle esposizioni

Dettagli

La Sorveglianza sanitaria

La Sorveglianza sanitaria La Sorveglianza sanitaria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Dr. Francesco Di Rosa Dirigente Fisico UOC Radioterapia Esperto Qualificato

Dettagli

Rischio per la salute da RADON

Rischio per la salute da RADON 1/10 Bergamo 27 ottobre 2015 Rischio per la salute da RADON Pietro Imbrogno Area Salute e Ambiente 2/10 Percorso logico Il Radon come fattore di rischio: Radiotossicologia Effetti Sanitari ed evidenze

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO. Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO. Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 31-03-2005 REGIONE LAZIO Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 10 del 9 aprile 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

La valutazione del rischio chimico

La valutazione del rischio chimico La valutazione del rischio chimico Introduzione Per sua stessa definizione, l agente chimico è una sostanza o un preparato di natura chimica. L agente chimico può presentarsi sotto forma di gas, vapore,

Dettagli

Contributi delle sorgenti di radioattività naturale alla dose efficace media mondiale (msv) (UNSCEAR2000)

Contributi delle sorgenti di radioattività naturale alla dose efficace media mondiale (msv) (UNSCEAR2000) Contributi delle sorgenti di radioattività naturale alla dose efficace media mondiale (msv) (UNSCER2000) ingestione; 0,30; 12% raggi cosmici; 0,40; 17% inalazione (i.e. Radon); 1,20; 50% raggi gamma terrestri;

Dettagli

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE richiedente: COMUNE DI RODENGO SAIANO -- DICEMBRE 2014-- PREMESSA Il Radon 222 ( 222 Rn) è un

Dettagli

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO Gli argomenti specifici all esame di abilitazione di I grado sono qui di séguito riportati

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

Studio associato ECORAD

Studio associato ECORAD CORSO DI FORMAZIONE ASL AL 2010 Studio associato ECORAD ECOLOGIA, RADIOPROTEZIONE, PROGETTAZIONE INDUSTRIALE, SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE AMBIENTALE Dott. Carlo Bergamaschi RADIOPROTEZIONE D.Lgs. 230/1995

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra;

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Sostanze radioattive naturali presenti nell aria, nell acqua e nel cibo; Sostanze

Dettagli

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Convenzione n. 1 del 19/10/2005 PROGETTO A.G.I.R.E. POR Gemellaggio tra: Offerenti: ARPA Emilia Romagna ed ARPA Piemonte Beneficiaria: ARPA

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea per l Ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2014-321 del 29/04/2014 Oggetto Sezione provinciale di Forlì-Cesena.

Dettagli

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) MISURE DI RADON INDOOR REDATTA DA Sig. Olivari Francesco VERIFICATA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi APPROVATA DA Emissione del 18 Settembre 2008 File: V0888A08

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Salute ed esposizione al radon

Salute ed esposizione al radon Il Ccm per la prevenzione - Ambiente e salute 23 giugno 2008 Salute ed esposizione al radon Stato dell'arte del progetto CCM Avvio del Piano Nazionale Radon per la riduzione del rischio di tumore polmonare

Dettagli

Linee guida condivise per la valutazione del Rischio Chimico. Giovanni Reggio Coordinatore GdL Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Linee guida condivise per la valutazione del Rischio Chimico. Giovanni Reggio Coordinatore GdL Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Linee guida condivise per la valutazione del Rischio Chimico Giovanni Reggio Coordinatore GdL Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 9 marzo 2009 D.Lgs. 81/2008 Protezione da agenti chimici L art. 224,

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri TEST VERIFICA INTERMEDIO 1. Il Datore di Lavoro è: a. La persona che in azienda paga gli stipendi b. La persona che dispone di pieni poteri decisionali e di spesa c. Il capoufficio, il capofficinao colui

Dettagli

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 Articolo 180 - Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

COMUNE DI GORLA MINORE

COMUNE DI GORLA MINORE COMUNE DI GORLA MINORE PROVINCIA DI VARESE DETERMINAZIONE Area Lavori Pubblici e Manutenzione C O P I A DETERMINAZIONE NR. 277 DEL 19/06/2014 AREA: Lavori Pubblici e Manutenzione SERVIZIO: Opere Pubbliche

Dettagli

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino Dalla tabella si può vedere come la catena dell uranio è divisa in due dal Rn-222 e come nella parte che lo precede la radioattività

Dettagli

PROCEDURA. Gestione del processo di radioprotezione per personale esterno all AOU Careggi esposto a radiazioni ionizzanti SOMMARIO 1. SCOPO...

PROCEDURA. Gestione del processo di radioprotezione per personale esterno all AOU Careggi esposto a radiazioni ionizzanti SOMMARIO 1. SCOPO... SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4. DEFINIZIONI ED ABBREVIAZIONI... 3 5. RESPONSABILITÀ... 3 6. MODALITÀ OPERATIVE... 4 6.1. VALUTAZIONE DELLA RICHIESTA... 4 6.2.

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli