UNIVERSITA DI PISA TRIGGER POINT DIGITOPRESSIONE E TRATTAMENTO MIOFASCIALE DOTT.SSA SIMONA BRASCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DI PISA TRIGGER POINT DIGITOPRESSIONE E TRATTAMENTO MIOFASCIALE DOTT.SSA SIMONA BRASCHI"

Transcript

1 UNIVERSITA DI PISA TRIGGER POINT DIGITOPRESSIONE E TRATTAMENTO MIOFASCIALE DOTT.SSA SIMONA BRASCHI

2 Le dimensioni di un nodulo di trigger point variano in rapporto con le dimensioni, la forma e il tipo di muscolo in cui si è sviluppato Simeon Niel-Asher,Trigger point guida pratica, Edi Ermes, Milano, novembre 2007

3 Un trigger point miofasciale è la zona (nodulo palpabile)in qualunque banda dove la dolorabilità locale raggiunge il suo massimo. La zona è: dolorosa alla compressione evoca un caratteristico dolore proiettato (target area) limitazione funzionale debolezza muscolare segni cutanei (panniculosi e dermografismo) fenomeni riferibili al sistema nervoso autonomo (eccessiva lacrimazione,aumentata secrezione nasale, pelle d oca, alterazioni della sudorazione,visione offuscata, congiuntivite e ptosi(caduta palpebre) Il dolore da Trigger Points è un dolore continuo e profondo che crea molta sofferenza Simeon Niel-Asher,Trigger point guida pratica, Edi Ermes, Milano, novembre 2007

4 TRIGGER POINTS MIOFASCIALI ATTIVI Proiettano il dolore a riposo e/o durante il movimento, con una distribuzione topografica specifica per quel muscolo, non seguendo nessuna mappa metamerica(aree di dolore comuni ma non immutabili) sempre dolenti alla palpazione impediscono il completo allungamento del muscolo provocano un risposta contrattile localizzata (RCL) danno il segno del salto quando adeguatamente stimolati (il paziente sobbalza) Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007.

5 TRIGGER POINTS MIOFASCIALI LATENTI (INATTIVI) Non provocano dolore a riposo sono dolorabili alla palpazione. Possono avere tutte le altre caratteristiche cliniche dei trigger points attivi. Possono essere attivati da:sovraccarico acuto, cronico, raffreddamento,accorciamentoprolungato del muscolo,patologia virale. Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

6 TRIGGER POINTS MIOFASCIALI PRIMARI (CENTRALI) La loro presenza non dipende dall attività di altri Trigger Points. Si sviluppano principalmente al centro del ventre muscolare(placca motrice) SATELLITI (SECONDARI) Si trovano nella zona di proiezione di altri Trigger Points(linee di stress fasciali). (Il trigger point primario è la chiave dell intervento terapeutico). TRIGGER POINT NEI PUNTI DI ATTACCO Si sviluppano lungo l area in cui il tendine si inserisce sull osso(area tendineo-ossea) Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

7 SVILUPPO DEI TRIGGER POINTS I TP miofasciali si sviluppano nei sarcomeri caratterizzati da eccesso di attività (sovraccarico acuto o cronico) Il mantenimento della contrazione del sarcomero porta ad una mancata ricaptazione degli ioni calcio all interno del reticolo sarcoplasmatico con aumento del normale rifornimento di ATP. -vasocostrizione locale con ischemia locale -aumento del rilascio di acetilcolina da parte della terminazione nervosa -accorciamento e contrattura permanente del sarcomero L Ischemia locale muscolare stimola il rilascio di mediatori algogeni (prostaglandine, istamina, chinine) che sensibilizzano le fibre nervose afferenti al muscolo. Queste fibre sensibilizzate spiegano la dolorabilità locale dei TP. I mediatori algogeni stimolano il sistema nervoso autonomo a secernere più acetilcolina. Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

8 OBIETTIVITA CLINICA: RICERCA DEI TRIGGER POINTS MIOFASCIALI ANAMNESI GENERALE E LOCALE (parlare con il paziente) esame obiettivo generale e neurologico valutazione muscoloscheletrica: postura, funzione e biomeccanica articolare, forza muscolare e squilibri muscolari PALPAZIONE MUSCOLARE Palpazione a pinza Palpazione a piatto Travell JG & Simons DG: Dolore muscolare diagnosi&terapia, punti trigger. Ghedini editore.milano. 1986

9 RICERCA DEI TRIGGER POINTS MIOFASCIALI PALPAZIONE PALPAZIONE A PIATTO (Flat palpation) Eseguita con la falange distale(polpastrello Pollice-indice)con movimento trasversale, perpendicolare rispetto alla lunghezza e al decorso delle fibre del muscolo. PALPAZIONE A PINZA (Pincer palpation) Il ventre del muscolo viene schiacciato tra le dita con movimenti di rotolamento avanti e in dietro. Travell JG & Simons DG: Dolore muscolare diagnosi&terapia, punti trigger. Ghedini editore.milano. 1986

10 RICERCA DEI TRIGGER POINTS MIOFASCIALI Posizionare il paziente in una posizione confortevole che permetta al muscolo interessato di essere rilassato. Se la zona lo consente mettere in tensione il segmento interessato a circa 2/3 della normale distensibilità di un muscolo. Si palpa lungo la bandeletta contratta per localizzare la zona di massima dolorabilità che si percepisce come un nodulo o banda tesa di consistenza e dimensione variabile. Con la pressione si dovrebbero riprodurre i sintomi riferiti dal paziente. Si mantiene fermamente la pressione su tale zona per evidenziare la distribuzione topografica del dolore, il segno del salto e la RCL (risposta contrattile localizzata) di breve durata in quel segmento esplorato. Generalmente si usa la palpazione a piatto ed il polpastrello del pollice in quanto si può esercitare una maggiore forza. Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

11 TECNICHE DI DISATTIVAZIONE DEI TRIGGER POINTS TECNICA DI STRETCH AND SPRAY TP cronici. Spray refrigerante di etile cloridrato+ allungamento passivo del muscolo. 2 o 3 spruzzi di spray sull intero muscolo ad una distanza di cm dalla cute con bomboletta inclinata di 30 ed allungamento passivo del muscolo. TECNICA DI INFILTRAZIONE E STIRAMENTO Infiltrazione dei TP con soluzione di procaina cloridrato all 1% in soluzione,lidocaina cloridrato(0,5%),anestetici locali a lunga durata d azione,corticosteroidi, tossina botulinica A, soluzione fisiologica isotonica, adrenalina + stiramento passivo del muscolo TECNICA DI PUNTURA A SECCO Localizzare il trigger point e inserire l ago, lasciare l ago fino a 2 minuti, ruotandolo leggermente se necessario. Si possono usare aghi per agopuntura(8-15 cm). Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

12 TECNICHE DI DISATTIVAZIONE DEI TRIGGER POINTS TECNICHE DI RELEASE E STIRAMENTO Far contrarre attivamente il muscolo ospitante il trigger point e successivamente rilassarlo mentre si comprime il trigger point. TECNICA DI RILASSAMENTO POST ISOMETRICO Far allungare al massimo il muscolo colpito senza evocare il dolore.far contrarre il muscolo contro resistenza per 3-10 secondi. Far rilassare il muscolo. Allungare il muscolo. Ripetere per tre volte integrando con i movimenti respiratori. TECNICA D INIBIZIONE RECIPROCA Di completamento ad altre tecniche. Rilassare il muscolo colpito.contrazione contro resistenza isometrica del muscolo antagonista del 35-45% Simeon Niel Asher,Trigger point, guida pratica,edi Ermes, Milano, novembre 2007

13 TECNICHE DI DISATTIVAZIONE DEI TRIGGER POINTS APPLICAZIONE DI CALORE Impacchi caldo-umidi con azione miorilassante ULTRASUONI Intensità che oscilla da 0 5 watt/cm2-1,5watt/cm2. Riduce l irritabilità dei TP TENS (STIMOLAZIONE ELETTRICA TRANSCUTANEA NERVOSA) Elettroterapia antalgica da utilizzare come terapia aggiuntiva ad altri trattamenti attivi. BIOFEEDBACK Insegna a riconoscere e controllare la tensione muscolare eccessiva AGOPUNTURA Applicata sui trigger points ha maggiori effetti antidolorifici MASSAGGIO TRADIZIONALE Non sembra costituire una terapia efficace Travell JG & Simons DG: Dolore muscolare diagnosi&terapia, punti trigger. Ghedini editore.milano.1986

14 TENS La stimolazione elettrica transcutanea nervosa è una tecnica elettroterapica con finalità antalgiche usata nella nella terapia del dolore. Si applicano sulla cute per mezzo di placche elettroconduttive di gomma dei particolari impulsi elettrici che eccitano solo le fibre della sensibilità tattile situate proprio sotto la pelle. Gli impulsi nervosi così prodotti attraverso i nervi sensoriali, risalgono verso il midollo spinale bloccando a questo livello la porta d ingresso al dolore secondo la teoria del Gate control o chiusura del cancello d entrata agli impulsi nocicettivi. Inoltre gli impulsi TENS comandano al mesencefalo di produrre betaendorfine completando così l azione analgesica. Gli elettrodi NEGATIVI vengono applicati direttamente sui trigger points. Gli elettrodi POSITIVI vengono applicati in corrispondenza delle aree bersaglio o target area. Gli impulsi difasici erogati sono di tipo RETTANGOLARE della durata di microsecondi, con FREQUENZA compresa tra 2 e 140 Hz e INTENSITA da 1 a 50 ma. DOLORE ACUTO: si usano frequenze più alte da 80 a 140Hz per circa 10 minuti. L effetto analgesico si esaurisce dopo circa 2-3 ore. DOLORE SALTUARIO: si usano frequenze medie da 40Hz a 60Hz per minuti. L effetto analgesico si protrae per molte ore. DOLORE CRONICO: si usano frequenze più basse da 2Hz a 20 Hz per min. L effetto analgesico è ancora più duraturo per la liberazione di endorfine. L INTENSITA della corrente deve essere tale da provocare COSTANTEMENTE al paziente una piacevole sensazione di formicolio. CONTRO: Portatori di Stimolatori cardiaci, donne in stato di gravidanza o allattamento, soggetti con turbe del ritmo cardiaco, ferite, piaghe, zone con alterata sensibilità, zona anteriore del collo.

15 TECNICHE DI DISATTIVAZIONE DEI TRIGGER POINTS TECNICHE ALTERNATIVE DI MASSAGGIO TECNICA DI DIGITOPRESSIONE(COMPRESSIONE ISCHEMICA) Il pollice viene schiacciato sul TP con una pressione tollerabilmente dolorosa MASSAGGIO DI STROFINAMENTO (A STRIPPING ) Le dita eseguono ripetuti passaggi con forza crescente sui TP e sul muscolo libero prima e dopo di esso MASSAGGIO A FRIZIONE Effettuato con manovre di frizione che alleviano l indurimento sottocutaneo della panniculosi MASSAGGIO DI IMPASTAMENTO CICLICO Movimenti ciclici di impastamento sopra i TP TERAPIA PERIOSTALE Pressione a onde per 2-4 min della durata di 4-10 sec sulle prominenze ossee dolenti Travell JG & Simons DG: Dolore muscolare diagnosi&terapia, punti trigger. Ghedini editore.milano.1986

16 INTRODUZIONE ALLA TECNICA DI DIGITOPRESSIONE SUI TRIGGER POINTS: IL TRATTAMENTO MIOFASCIALE SFIORAMENTO SUPERFICIALE SFIORAMENTO PROFONDO PIALLAMENTO MESSA IN TENSIONE DEL SEGMENTO INTERESSATO TECNICA DEL MASSAGGIO A STRIPPING

17 SFIORAMENTO SUPERFICIALE Agisce sugli strati superficiali del tessuto, accelera la circolazione, elimina i detriti cutanei, esplica un azione sedativa diminuendo l eccitabilità delle terminazioni sensitive permettendo al paziente di sopportare manovre più energiche. TECNICA: Il palmo di entrambe le mani sfiora la superficie da trattare con una cadenza costante e lenta. Si torna al punto iniziale con una manovra a rastrello. SFIORAMENTO PROFONDO Ha lo scopo di spostare i liquidi. TECNICA: il palmo delle due mani aderisce alla superficie da trattare e con una cadenza costante e lenta si esercita una pressione maggiore rispetto allo sfioramento superficiale. PIALLAMENTO Ha lo scopo di spostare i liquidi e di allungare le fasce muscolari. TECNICA: viene praticato con le nocche e le falangi a pugno chiuso e con il polso in flessione o con gli avambracci.

18 MESSA IN TENSIONE SEGMENTO INTERESSATO Ha lo scopo di ottenere un rilasciamento muscolare. TECNICA: si mette in tensione il segmento interessato, lentamente, progressivamente, regolarmente, prendendo ciò che la fascia concede. Non si và al di là dell elasticità fisiologica. Si mantiene la tensione per circa 15 secondi e poi si rilascia sempre molto lentamente MASSAGGIO A STRIPPING (di strofinamento) Ha lo scopo di spostare i liquidi dai tessuti e permette di individuare i trigger points. TECNICA: il pollice o le dita di entrambe le mani scivolano per tutta la lunghezza del muscolo verso i trigger points.

19 TECNICA DI DIGITOPRESSIONE SUI TRIGGER POINTS (COMPRESSIONE ISCHEMICA) Basata sulla localizzazione del trigger point e sull applicazione di una pressione inibitoria diretta sul trigger point. Il paziente deve essere in una posizione confortevole affinchè il muscolo interessato sia rilassato. Identificare e localizzare il trigger point (palpazione a piatto con il polpastrello del pollice). Applicare in modo graduale, costante e lento una pressione sul trigger point finchè non si percepisce una prima barriera palpabile. Mantenere la pressione finchè non si avverte un ammorbidimento del trigger point. L attesa può essere di secondi o minuti. Ripetere la manovra, aumentando la pressione sul trigger point fino ad incontrare una barriera successiva e così via.

20 TECNICA DI DIGITOPRESSIONE SUI TRIGGER POINTS Se la dolorabilità del trigger point persiste, la tecnica può essere applicata preferibilmente dopo l applicazione di calore(caldo-umido) e una completa escursione attiva del movimento La pressione viene applicata con il pollice, le nocche o il gomito a seconda dello spessore o della profondità del muscolo compresso. La pressione deve essere tollerabilmente dolorosa e non deve provocare la contrazione del muscolo interessato. Lavorare LENTAMENTE E IN PROFONDITA : non eseguire la tecnica troppo rapidamente, perché ciò può irritare il trigger point e peggiorare i sintomi. Usare la propria SENSIBILITA senza schemi rigidi: l entità della forza da applicare varia in funzione della costituzione del paziente(tarchiato o magro), della tollerabilità del paziente e del tipo di muscolo. La tecnica deve essere sempre seguita ed alternata alle tecniche usate nel trattamento miofasciale per permettere al muscolo di rilassarsi e per aiutare a disperdere le tossine indotte dal dolore. La tecnica termina con lo sfioramento superficiale.

21 TRATTAMENTO MIOFASCIALE E TECNICA DI DIGITOPRESSIONE SUI TRIGGER POINTS SFIORAMENTO SUPERFICIALE SFIORAMENTO PROFONDO MESSA IN TENSIONE DEL SEGMENTO INTERESSATO PIALLAMENTO MASSAGGIO A STRIPPING TECNICA DI DIGITOPRESSIONE SUI TRIGGER POINTS SFIORAMENTO PROFONDO SFIORAMENTO SUPERFICIALE

22 DURATA DEL TRATTAMENTO TRATTAMENTO DISTRETTUALE : durata minima di 25 minuti, 15 minuti di trattamento miofasciale e 10 minuti di tecnica di digitopressione sui trigger points MOTIVI DI INSUCCESSO DELLA TECNICA DI DIGITOPRESSIONE Perché l operatore ha schiacciato all inizio con troppa forza e/o troppo velocemente, causando un dolore eccessivo e involontarie contrazioni da parte del paziente Perché l operatore ha rilasciato la pressione piuttosto che aumentarla gradualmente Perche il TP e troppo irritabile e richiede molte applicazioni di pressione Quando il paziente ha dei fattori di mantenimento che continuano a rendere iper irritabili i TP.

23 CERVICALI POSTERIORI Lunghissimo del capo,semispinale del collo, semispinale del capo, Multifido: (Dai processi trasversi delle vertebre cervicali e toraciche al processo mastoideo osso temporale, processi spinosi da C2-C5, osso occipitale) AZIONE Estendono e ruotano la testa Cefalea,rigidità e dolore al collo, ridotta flessione e rotazione del collo, dolore suboccipitale, sensazione di bruciore al cuoio capelluto. Aree diverse lungo le fibre, lungo la testa e il cranio e verso la regione frontale. Disfunzione meccanica cervicale, Discopatia, Artrite reumatoide, osteoartrosi, spondilite anchilosante. Muscolo trapezio,temporale, infraspinato, erettore della scapola, sternocleidomastoideo. TRAPEZIO :tensione cronica al collo, cefalea da stress, colpo di frusta FASCI SUPERIORI(Sollevano la scapola) linea nucale superiore, protusione occipitale esterna, legamento nucale al terzo laterale clavicola. Posteriormente e lateralmente alla parte superiore del collo,regione temporale e angolo della mandibola. FASCI INTERMEDI(Adducono la scapola) Dal processo spinoso della 7a vertebra cervicale al processo spinoso della 3a vertebra toracica al margine mediale acromion FASCI INFERIORI (Abbassano la scapola) Dal processo spinoso di T2-T3 al processo spinoso di T12 al margine laterale superiore della spina della scapola. trigger point,guida pratica,edi-ermes Milano,2007

24 STERNOCLEIDOMASTOIDEO (Flette il collo, inclina la testa omolateralmente,ruota la testa dal lato opposto) Cefalea da tensione, colpo di frusta, collo rigido, nevralgia facciale atipica, vertigini posturali, ptosi, ridotto orientamento spaziale. CAPO STERNALE: dal manubrio dello sterno processo mastoideo dell osso temporale Occipite e anteriormente al sopracciglio, guancia e gola. CAPO CLAVICOLARE: Dalla faccia superiore del terzo mediale clavicola al processo mastoideo. Cefalea frontale, mal d orecchie, dolore mastoideo(vertigini e orientamento spaziale) SPLENIO DELLA TESTA E DEL COLLO:(Dai processi spinosi di C7-T6 al processo mastoideo dell osso temporale e processi trasversi di C1-C3) AZIONI Estendono la testa e il collo, inclinano lateralmente il collo Cefalea, dolore al collo, agli occhi, visione offuscata, colpo di frusta, rigidità nel collo. SPLENIO DELLA TESTA Vertice del cranio SPLENIO DEL COLLO Regione occipitale, temporale e alla nuca. Altri tipi di cefalea, disturbi ottici, problemi neurologici.

25 MASSETERE ( Dall arco zigomatico al ramo e processo coronoideo mandibola) AZIONE: Serra mascella e mandibola, occlude i denti,movimenti di lateralità della mandibola. (Masticazione) Trisma(mascella e mandibola fortemente serrate), dolore all art. temporomandibolare, cefalea da stress, dolore all orecchio e ai denti. DOLORE IRRADIATO Superficiale: sopracciglio, mascella e mandibola(anteriormente), denti molari superiori e inferiori. Profondo:orecchio e articolazione temporomandibolare Dolore o sindrome articolazione temporomandibolare,trisma, muscolotemporale omolaterale, massetere controlaterale, sternocleidomastoideo. SCALENI flessione(laterale)del collo,rotazione del collo,sollevamento prima costa Dolore al dorso, spalla e braccio. Sindrome degli scaleni, Colpo di frusta, Collo senza riposo. SCALENO ANTERIORE(processi trasversi di C alla prima costa) Regione pettorale e capezzolo SCALENO MEDIO(processi trasversi di C alla prima costa) Faccia posteriore e anteriore del braccio fino al pollice e all indice SCALENO POSTERIORE(processi trasversi di C alla seconda costa) Margine mediale superiore della scapola Sindrome tunnel carpale,lesioni plesso brachiale, vasi succlavi, angina, dischi cervicali(c5,c6). Fasci superiori trapezio, sternocleiomastoideo, splenio della testa.

26 EPICRANICO(OCCIPITOFRONTALE) MUSCOLO OCCIPITALE (Linea nucale superiore osso occipitale, galea aponeurotica)azione: tira indietro il cuoio capelluto, corruga la fronte Posteriormente alla testa e alla cavità orbitaria e parte anteriore e laterale del cuoio capelluto. MUSCOLO FRONTALE (galea aponeurotica, cute e fascia sopra gli occhi e il naso).azione: tira in avanti il cuoio capelluto, solleva le sopracciglia e corruga la fronte. Sopra la fronte dallo stesso lato Cefalea, dolore alla testa posteriormente, dietro all occhio, sopracciglio, palpebra Intrappolamento del nervo grande occipitale,muscolisuboccipitali,sternocleid omastoideo, semispinale del capo TEMPORALE (Fossa temporale e fascia temporale al processo coronoideo mandibola) AZIONI Serra mascella e mandibola, occlude i denti, movimenti di lateralità della mandibola(masticazione). Cefalea, mal di denti, dolore al sopracciglio e all articolazione temporomandibolare. Denti incisivi superiori e margine sovraorbitario, dolore all articolazione temporomandibolare e nel mezzo della tempia. Tendinite del muscolo temporale, Polimialgia reumatica, arterite temporale, fasci sup. del trapezio, sternocleidomastoideo, massetere.

27 ORBICOLARE DELL OCCHIO (PARTE ORBITARIA, PARTE PALPEBRALE, PARTE LACRIMALE) AZIONI Chiude le palpebre, dilata il sacco lacrimale Cefalea, emicrania, Nevralgia del trigemino, affaticamento degli occhi, vista cadente,palpebra cadente DOLORE IRRADIATO Dolore urente sopra l occhio fino alla narice omolaterale, dolore nell occhio. Ptosi, muscolo temporale, trapezio,sternocleidomastoideo. TRAPEZIO :tensione cronica al collo, cefalea da stress, colpo di frusta FASCI SUPERIORI(Sollevano la scapola) linea nucale superiore, protusione occipitale esterna, legamento nucale al terzo laterale clavicola FASCI INTERMEDI(Adducono la scapola) Dal processo spinoso della 7a vertebra cervicale al processo spinoso della 3a vertebra toracica al margine mediale acromion. Medialmente alla colonna cervicale FASCI INFERIORI (Abbassano la scapola) Dal processo spinoso di T2-T3 al processo spinoso di T12 al margine laterale superiore della spina della scapola. : Sopra la spina della scapola, posteriormente alla colonna cervicale

28 ROMBOIDI(PICCOLO E GRANDE) (Dai processi spinosi di C7 e da T1 a T5 al margine mediale della scapola ) AZIONE Retrae e stabilizza la scapola Dolore cronico mediale o periscapolare. Alterato scivolamento o scricchiolio dell articolazione scapolotoracica. Margine mediale della scapola verso l acromion. Disfunzioni dell articolazione scapolotoracica. Muscolo elevatore della scapola, fasci intermedi del muscolo trapezio, infraspinato, scaleni, gran dorsale. ELEVATORE DELLA SCAPOLA (Dai processi trasversi di C1 a C4 al margine mediale della scapola tra l angolo superiore e la spina della scapola) AZIONE Solleva la scapola, Aiuta ainclinare il collo lateralmente e retrarre la scapola. Collo dolente e rigido con rotazione limitata della colonna cervicale Dall apice della scapola alla nuca Disfunzione dell articolazione. Muscolo trapezio, romboidi, splenio del collo, erettori della colonna vertebrale.

29 INFRASPINATO (Fossa infraspinata della scapola alla grande tuberosità dell omero) AZIONE Ruota esternamente l omero Tendinopatia della cuffia dei rotatori, capsulite adesiva, emiplegia Colonna cervicale media-superiore, margine mediale della scapola, regione del muscolo bicipite brachiale fino all avambraccio nell area di distribuzione del nervo mediano. Tendinite del muscolo bicipite, neuropatia C5,C6, disfunzione nervo sovrascapolare. Muscolo sottoscapolare, elevatore della scapola, grande e piccolo pettorale, deltoide,grande rotondo e gran dorsale. SOVRASPINATO (Fossa sovraspinata della scapola alla grande tuberosità dell omero) AZIONE Starter dell abduzione dell arto superiore Perdita della forza in abduzione. Dolore notturno. Borsite subacromiale, tendinopatia della cuffia dei rotatori. Dal muscolo deltoide fino alla zona laterale dell avambraccio. Radicolopatia C5,C6, borsite subacromiale, tendinite calcifica, tendinopatia della cuffia dei rotatori. Muscolo sottoscapolare,infraspinato, deltoide, trapezio, grandorsale.

30 . PICCOLO ROTONDO:(2/3 sup.margine laterale scapola alla grande tuberosità dell omero) AZIONE Ruota esternamente l omero Dolore alla spalla in sede posteriore,capsulite adesiva, borsite subacromiale, tendinite del bicipite Zona postero-laterale della spalla e braccio Radicolopatia C8,T1, tendinopatia della cuffia dei rotatori, borsite sub-acromiale/deltoidea, sindromi da conflitto della spalla. Muscolo infraspinato. GRANDE ROTONDO:1/3 inf. Margine laterale scapola al solco bicipitale dell omero. AZIONE Ruota medialmente l omero e lo adduce Capsulite adesiva,dolore quando si porta la mano sopra la testa, quando si guida,sindrome da conflitto Dolore all articolazione gleno-omerale con estensione nell area del muscolo deltoide, dolore diffuso posteriormente all avambraccio. Sindromi da conflitto, Tendinopatia della cuffia dei rotatori,quadri neurologici cervicali

31 ERETTORE DELLA COLONNA VERTEBRALE (SACROSPINALE) iliocostale dei lombi, del dorso, lunghissimo del dorso, spinale (Dal sacro,cresta iliaca, processi spinosi e trasversi vertebre, coste all occipite,coste e vertebre) AZIONE Estende e flette lateralmente la colonna vertebrale Lombalgia, ridotta mobilità della colonna M. ILIOCOSTALE DEI LOMBI e M LUNGHISSIMO DEL DORSO: regione lombare omolaterale e gluteo M. ILIOCOSTALE DEL DORSO: zona mediale e inferiore scapolare, lombare, zona pettorale e anteriormente verso l addome Angina, dolore viscerale, radicolopatia Muscolo piriforme,quadrato dei lombi GRAN DORSALE:(Processi trasversi da T7-S5,cresta iliaca, ultime 3 coste, margine inf. Scapola al solco bicipitale omero) AZIONE Estende le braccia flesse, adduce e ruota medialmente l omero Dolore toracico dorsale continuo non legato all attività TP ASCELLARE: angolo inferiore della scapola, medialmente all arto superiore fino al lato ulnare della scapola TP LATERO-INFERIORE: Parte postero laterale della cresta iliaca Neuropatia C7, neuropatia ulnare, malattie cardiopolmonari. Muscoli romboidi, trapezio,grande rotondo, scaleni, sottoscapolare, iliocostale, dentato anteriore.

32 QUADRATO DEI LOMBI (Dalla cresta iliaca e legamento iliolombare alla 12 costa e su L1-L4) AZIONE Flette lateralmente la colonna vertebrale Scoliosi, lombalgia che persiste a riposo, patologia renale, dolore alle natiche e all anca, dolore al grande trocantere del femore. Articolazione sacro-iliaca, parte inferiore delle natiche, parte superiore dell anca e grande trocantere. Sacroileite, borsite dell anca, radicolopatia, Alterazioni vertebrali. MULTIFIDO E ROTATORI (Processi articolari di tutte le vertebre) AZIONE Rotazione, estensione e flessione laterale colonna. Lombalgia profonda, Alterazioni di un segmento vertebrale. MULTIFIDO: localizzato e anteriormente verso l addome ROTATORI: localizzato e mediale Angina, dolore viscerale, radicolopatia, muscolo piriforme, quadrato dei lombi

33 GRANDE GLUTEO TP1: a circa metà parte mediale natica. TP2: parte inferomediale natica TP3: piega glutea, parte inferocentrale natica AZIONI:extraruota, estende anca. IRRADIAZIONE DOLORE Dolore profondo localizzato alle natiche MEDIO GLUTEO TP1: parte supero mediale TP2: parte supero centrale natica. AZIONE:abduce e intraruota anca IRRADIAZIONE DOLORE Dolore alla natica medialmente, al sacro all anca alla coscia PICCOLO GLUTEO TP1 TP2: parte supero laterale natica. ALTRI TP: diffusi nella parte supero laterale natica AZIONE: intraruota e abduce anca IRRADIAZIONE DOLORE Inferiormente alla natica, lateralmente all arto inferiore.

34 ISCHIOCRURALI SEMITENDINOSO,SEMIMEMBRANOS O,BICIPITE FEMORALE:(Tuberosità ischiatica, parte post. del femore alla sup.mediale diafisi tibia,condilo mediale tibia, faccia laterale testa perone) AZIONE Estendono l anca, flettono il ginocchio Dolore posteriore alla coscia e alla gamba. SEMITENDINOSO E SEMIMEMBRANOSO: dalla piega glutea su tutto l arto inferiore in sede posteromediale BICIPITE FEMORALE: zona posterolaterale della coscia fino a 10 cm sotto il ginocchio. Sciatica, radicolopatia, osteartrosi, disfunzione articolare ginocchio. PIRIFORME:(Dall osso sacro e legamento sacrotuberoso al grande trocantere del femore) AZIONE Intraruota l anca, abduce la coscia con l anca in flessione. Dolore profondo avvertito costantemente alla natica. Sciatica,dolore al retto. Lateralmente al coccige, zona posterolaterale natiche, sotto la coscia fino al ginocchio. Radicolopatia lombare, discopatia, osteoartrosi anca, Stenosi canale vertebrale. Muscoli glutei, quadrato dei lombi, ischiocrurali.

35 SOLEO:(Faccia posteriore della testa del perone alla sup. posteriore del calcagno) Dolore al polpaccio e al calcagno. TP1 sottola testa del perone: dolore lungo tutto il polpaccio TP2 terzo inferiore mediale polpaccio: dolore sul calcagno TP3 terzo inferiore laterale polpaccio: dolore sulla regione regione sacroiliaca Tendinite d achille, vasculopatia, cisti di Baker GASTROCNEMIO (Condilo mediale e laterale del femore alla superficie posteriore del calcagno) Rigidità e dolore al polpaccio, crampi CAPO MEDIALE:TP1 sul condilo mediale femore, TP2 sul condilo mediale tibia. Dolore sulla superficie posteromediale gamba, cavo popliteo e pianta del piede(tp2 più basso) CAPO LATERALE: TP1 e TP2 sotto e sul condilo laterale tibia. Dolore sulla superficie posterolaterale gamba e cavo popliteo. Tromboflebite, trombosi venosa profonda, Cisti di Baker,tendinite d Achille.

36 TIBIALE POSTERIORE (Sup. posteriore tibia e fibula alla tuberosità scafoide,cuboide, II III VI osso metatarsale) AZIONE Inversione del piede, flex plantare caviglia. Tendinite d achille, dolore al polpaccio, dolore al calcagno, fascite plantare. TP circa 3 cm al di sotto cavo popliteo: dolore vago al polpaccio con intensità maggiore al tendine d achille fino al calcagno e alla pianta del piede. Sindrome del compartimento tibiale anteriore, posteriore, tendinite d achille. FLESSORE LUNGO DELLE DITA/ALLUCE. Dolore al piede sotto carico, dolore all alluce. FLESSORE LUNGO DELLE DITA TP subito al di sotto condilo mediale tibia: dolore vago sulla superficie laterale polpaccio, profondo lungo superficie plantare dal 2 al 5 dito. FLESSORE LUNGO DELL ALLUCE TP circa 3-4 cm sopra il tendine d achille verso la fibula: dolore profondo all alluce Osteoartrosi, metatarsalgia, neuroma di Morton, fratture da stress, fascite plantare.

37 QUADRICIPITE FEMORALE Dolore e debolezza alla coscia, instabilità del ginocchio, successivamente ad una frattura dell anca. Sindrome doloroso dell articolazione femoro-rotulea. Dolore alla coscia in sede mediale, laterale, anteriore. VASTO MEDIALE :TP1 subito sopra l inserzione in sede mediale, TP2 a metà del ventre muscolare.dolore sul ginocchio VASTO INTERMEDIO:TP1 a 1/3 superiore superficie laterale ventre muscolare.dolore parte anteriore coscia. RETTO DEL FEMORE:TP1 sulla spina iliaca antero inferiore. Dolore centrale alla coscia fino al ginocchio VASTO LATERALE :TP1 subito al di sotto acetabolo,tp2-3-4 a metà della coscia superficie laterale, TP5-6 subito sopra al ginocchio superficie laterale.dolore in sede laterale della coscia. TENSORE FASCIA LATA (Cresta iliaca e spina iliaca anterosuperiore, tratto iliotibiale) AZIONE Flette, abduce e intraruota l anca, tende la fascia lata. Dolore all anca e al ginocchio lateralmente, Riabilitazione dopo protesi all anca e dopo frattura collo del femore. TP situato subito al di sopra del grande trocantere e sotto la spina iliaca antero-superiore. Forte dolore dal grande trocantere fino alla fibula. Borsite trocanterica, osteoartrosi.

38 ADDUTTORI (Dal pube alla faccia mediale del femore) Dolore faccia mediale coscia, Rigidità anca e gamba in abduzione, riabilitazione dopo protesi d anca. Varie aree sulla coscia anca e ginocchio GRANDE ADDUTTORE:TP1-2-3 a metà della coscia zona centro mediale ADDUTTORI LUNGO E BREVE: TP4-5 a 1/3 superiore coscia zona centrale) GRACILE :TP6-7 a 1/3 superiore e a metà della coscia in sede mediale. Lussazione, disfunzione della sinfisi pubica, neuropatia, linfoadenopatia, ernia inguinale. SARTORIO:(Spina iliaca antero superiore alla zampa d oca) AZIONE Flette, extraruota, abduce l anca, flette il ginocchio Dolore all anca e ginocchio in sede mediale Sulla coscia medialmente fino al ginocchio. TP1 a 1/3 superiore della coscia in sede centrale TP2 a 1/3 medio della coscia in sede mediale TP3 a 1/3 inferiore coscia in sede mediale. Patologia articolare ginocchio, radicolopatia lombare, vasculopatia, ernia inguinale.

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy La tendinite agli arti superiori del pianista: prevenirla, riconoscerla, curarla. Lavoro di tesi di Kitty

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

COS E LA FIBROMIALGIA

COS E LA FIBROMIALGIA COS E LA FIBROMIALGIA A cura del Dr Giuseppe Paolazzi UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscoloscheletrico diffuso e di affaticamento (astenia)

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE La sindrome fibromialgica aspetti e informazioni per il paziente Dr. Piercarlo Sarzi Puttini Direttore U.O.C. di Reumatologia- A.O. Ospedale

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King Traduzione di Paola Dianetti La Tecnica Dynamind Forma base 1. Scegliete un problema fisico, emotivo o mentale su cui lavorare. 2. Avvicinate le mani unendo

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario

EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011. L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario EndoWorld VET 20-4-IT/07-2011 L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli nell ambulatorio veterinario L artroscopia nei cavalli, come nella medicina umana, ha rivoluzionato

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione

Catalogo 2014/2015. 1 a edizione Catalogo 2014/2015 1 a edizione Fondata nel 1980, RO+TEN è specializzata in ortesi e presidi ortopedici d avanguardia. Passione, ricerca scientifica, competenza tecnica, cura meticolosa dei dettagli, forza

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede.

Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Bullone per artrodesi del piede centrale da 6.5 mm. Fissazione endomidollare della colonna mediale del piede. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. Sommario

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte

spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte Unità Operativa Complessa di Reumatologia Ospedale S. Chiara, Trento Quaderni ATMAR 6 spondilite anchilosante, artrite psoriasica e altre spondiloartriti: domande e risposte In collaborazione con l Unità

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO

LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO II FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI 1 LIVELLO IN FISIOTERAPIA Presidente: Prof. Andrea Ferretti LA TECARTERAPIA NEL TRATTAMENTO SINTOMATICO DELLA LOMBALGIA Relatore Prof.ssa Maria Chiara

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli