Una scoperta di Prodeco Pharma. Natura & INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una scoperta di Prodeco Pharma. Natura & INNOVAZIONE"

Transcript

1 Una scoperta di Prodeco Pharma Natura & INNOVAZIONE Brevetto n PD2007A del 20/12/2007

2

3 Un fitocomposto costituito da 80% OCIMUM SANCTUM (Tulsi) estratto dalla foglie 20% SALVIA OFFICINALIS estratto dalle foglie 40% IN ACIDO ROSMARINICO BIOSTERINE è sia in estratto liquido glicerinato - glicerina naturale derivata dal cocco - sia in estratto secco. Entrambi al 40% in Acido rosmarinico.

4 STRAORDINARIO FUNZIONALE Una titolazione così elevata (40%) in Acido rosmarinico all interno di un fitocomposto è assolutamente unica nel suo genere. Le possibili applicazioni di BIOSTERINE sono pressochè infinite, poiché associano alle straordinarie proprietà dell Acido rosmarinico le virtù salutistiche dell Ocimum sanctum (Tulsi) e della Salvia officinalis. Ocimum sanctum (Tulsi) + estratto dalle foglie Salvia offi cinalis + estratto dalle foglie Acido rosmarinico (40%) = Antinfiammatorio Antipiretico Antiallergico Antiasmatico Antiossidante Antibatterico Antivirale Antimicotico Antiparassitario Insettorepellente Immunomodulante Ipocolesterolemizzante Ipoglicemizzante Antistress Adattogeno Antipertensivo Antidepressivo Neuroprotettivo Epatodepurativo Epatoprotettivo Protettivo gastrico Fotoprotettivo 04

5 UN PROCESSO DI ESTRAZIONE, TUTTO NATURALE, BREVETTATO DA PRODECO PHARMA Procedure di realizzazione nelle fasi salienti Estratto fluido 1. L erba fresca viene sminuzzata con tagli netti utilizzando solo le parti superiori delle piante (foglie) 2. Viene messa a macerare in fermentatori sterili in rapporto 1:1 con glicerina naturale per 48h a 25 C 3. La sospensione, in vasche da 0,25 metri cubi, viene trattata con ultrasuoni per 2h 4. Processo di filtrazione grossolana per spremitura a freddo 5. Processo di filtrazione ultrafine ad ultrapressione Estratto secco 1. L erba fresca viene sminuzzata con tagli netti utilizzando solo le parti superiori delle piante (foglie) 2. Viene messa a macerare in fermentatori sterili in rapporto 1:1 con alcool per 48h a 10 C 3. La sospensione, in vasche da 0,25 metri cubi, viene trattata con ultrasuoni per 2h 4. Processo di filtrazione grossolana per spremitura a freddo 5. Fissaggio su maltodestrine con tecnica di SPRAY-DRYING a temperatura di 22 C a pressione negativa INNOCUITÀ BIOSTERINE, in estratto fluido e secco, NON CONTIENE solventi, eccipienti, sostanze ausiliarie, metalli pesanti, conservanti, muffe, pesticidi ed OGM. Entrambi gli estratti, fluido e secco, NON SONO STATI SOTTOPOSTI a trattamento mediante raggi gamma o ossido di etilene. NON CONTENGONO nessuno degli ingredienti riportati nell allegato IIIbis della Direttiva 2003/89/CE. BIOSTERINE è registrato come GRAS (Generally Recognized As Safe) presso l FDA (Food and Drug Administration) 21 CFR e come tale può essere utilizzato in tutte le applicazioni alimentari a qualsiasi concentrazione. Classificato come arma naturale (EC 88/388). BIOSTERINE è garantito da Prodeco Pharma Brevetto n PD2007A del 20/12/2007 Marchio depositato n PD2007C del 12/12/

6 APPROFONDIMENTI Ocimum Sanctum (Tulsi) Ocimum Sanctum (Tulsi) TULSI, UN ERBA SANTA Il Tulsi, basilico santo (Ocimum sanctum), è una delle piante più sacre degli indiani moderni, così come lo fu per gli Ariani, abitanti dell India antica. Rinomato per le sue proprietà salutari e preventive, il Tulsi ha sedotto l immaginazione dell uomo fin dai tempi precedenti al Rigveda (libro della conoscenza eterna) scritto nel 5000 a.c. La ricerca moderna, combinata con secoli di intima devozione e studio del Tulsi, in condizioni di salute o malattia, chiede il riconoscimento di questo componente, una delle migliori erbe offerteci dalla Natura, affinché si diffonda globalmente a beneficio dell umanità. Lungo il percorso della storia dell uomo, si sono sviluppati diversi approcci mirati al raggiungimento ed al mantenimento della salute e del benessere ottimale. Culture di lunga tradizione in tutto il mondo sono state tese a promuovere concetti olistici quali l equilibrio, il bilanciamento e l armonia con se stessi, la natura e il regno spirituale. In contrasto, la moderna medicina occidentale si è evoluta dalle sue antiche radici greche per evidenziare il relativo isolamento e l analisi decontestualizzata di componenti e disordini fisici separati del corpo, ponendo principalmente l accento sul trattamento degli aspetti specifici del disturbo. La moderna medicina occidentale ha sviluppato metodi efficaci per l emergenza nelle fasi acute della malattia, prevenendo molte condizioni infettive e curando un ampia gamma di malattie contagiose; tuttavia, non è stata in grado di gestire la crescente gamma di disturbi fisici e mentali degenerativi cronici legati all ambiente, allo stile di vita e allo stress che affliggono la società moderna. Queste ultime condizioni rappresentano i fattori principali di malattia e morte prematura in Occidente e sono causa di grave sovraccarico ed aggravio economico per i sistemi di assistenza sanitaria pubblica in tutte le nazioni industrializzate del mondo. Oltre al ruolo di alimentazione scorretta, scarso esercizio fisico e di altri fattori legati allo stile di vita, gli stress mentali e biologici determinati da ambienti fisici e sociali esigenti e in rapida modificazione hanno introdotto un malessere non specifico di proporzioni epidemiche che il tradizionale approccio frammentato della moderna medicina occidentale è impreparato a gestire. Questi sono alcuni degli argomenti centrali che pongono una forte riflessione circa un ruolo essenziale della prospettiva olistica e del Tulsi in particolare, nella prevenzione e nel trattamento di tali malattie moderne. L Occidente è chiaramente al centro di un grande spostamento paradigmatico che lo porta ad allontanarsi dal suo sistema terapeutico e preventivo precedente, quasi esclusivamente reattivo ed orientato alla malattia, verso un approccio più proattivo e multidisciplinare di promozione della salute pubblica. Accanto a una crescente fiducia verso i terapeuti alternativi o complementari, è evidentemente in atto una significativa rivoluzione della cura della salute, nella quale gli individui si stanno sempre più assumendo la responsabilità del proprio benessere. Questa evoluzione positiva delle moderne prospettive in fatto di salute comprende la tendenza crescente ad esaminare e verificare scientificamente molti trattamenti tradizionali e sistemi olistici un tempo inesplorati o prematuramente rifiutati, che mirano all ottenimento e al mantenimento della salute ideale. Lo studio delle proprietà benefiche per la salute del Tulsi è una delle aree in rapida espansione che sicuramente raccoglierà frutti significativi. Attualmente poco conosciuto in Occidente, il Tulsi emergerà certamente nel prossimo futuro quale maggiore attore in un campo in espansione come quello degli integratori e dei rimedi salutistici a base d erbe. 06

7 Donna che offre acqua al Tulsi TULSI, STORIA E MITOLOGIA Il Tulsi, comunemente denominato basilico santo o sacro, è una delle erbe principali usate in Ayurveda, l antico sistema tradizionale olistico indiano. Il Tulsi è noto come l Incomparabile, la Medicina Madre della Natura e la Regina delle Erbe. In scritture quali la Vagbhata, la Nighantu Adarsha, l Agnipurana, la Vishnupurana, la Padmapurana, la Garudapurana, la Tulsi Kavacham, scritte tra il 500 e il 1200 d.c., la pianta del Tulsi viene continuamente citata come una delle colonne portanti della medicina erboristica. La mitologia pauranica chiama il Tulsi Vishnu Priya, l Amata del dio Vishnu. Nella Bhagavata e nella Mahabharata (antiche scritture e testi epici sacri), si descrive come Tulsi, dea devota del Signore Vishnu, si reincarnò per l ultima volta nella pianta Tulsi. Si dice che, per esprimere la sua devozione al suo amato Signore, essa assunse questa forma di pianta che sarebbe poi stata a lui offerta in devozione e servizio. Gli antichi rishi (saggi e guaritori) assicuravano l integrazione di Tulsi nella vita quotidiana, incorporandola nei rituali religiosi. In questo modo, le persone ad ogni livello sociale consumavano regolarmente del Tulsi, a beneficio della salute, nel corso dei riti devozionali presso templi e abitazioni. Sia come pianta sacra che come dea, Tulsi è adorata e venerata quotidianamente dagli Indù tradizionalisti ed è parte, tutt oggi, della vita di ogni famiglia indiana. Gli antichi testi della medicina Ayurvedica descrivono i numerosi usi del Tulsi in molti casi di disturbi della salute umana, così come chiaramente riportato, dal sanscrito, nelle seguenti citazioni: Il Tulsi è stato descritto da Carak come utile per il singhiozzo, la tosse, l avvelenamento, i problemi respiratori, il mal di schiena e l artite (Carak Sutra 27/164). Susrut ha descritto l utilità del Tulsi per il trattamento dell impotenza, di casi di avvelenamento, dispnea, tosse e alitosi. Il mal di schiena viene trattato con le fresche e succulente foglie di Tulsi (Susrut Sutra 46/234). Dhavantari Nighantu descrive il Tulsi come portatore d energia e non untuoso, antiparassitario, sostenitore della digestione e curativo della tosse. Bhavprakash descrive il Tulsi come caldo, amaro e utile al bruciore di stomaco. É digestivo e utile per combattere le infezioni del tratto urinario che causano bruciore, per il mal di schiena, la tosse e l artrite. CARATTERISTICHE BOTANICHE E CHIMICHE I botanici hanno dato al Tulsi (basilico santo), il nome latino di Ocimum sanctum. Ocimum significa labiato fragrante ; sanctum, santo. Più recentemente, l Ocimum sanctum si è anche chiamato Ocimum tenuifl orum, che significa basilico dai piccoli fiori. L Ocimum appartiene alla famiglia della menta Labiatae/Lamiaceae. La cespugliosa pianta del Tulsi può crescere ad un altezza pari ad oltre un metro e le sue foglie possono odorare di menta piperita, chiodi di garofano, liquirizia o limone, oltre ad avere un distinto aroma proprio. Il Tulsi è comunemente coltivato nelle pianure indiane, così pure nelle case e nei giardini privati di tutta l India e, per la crescita ideale, richiede una particolare attenzione e calore. Il Tulsi varia per misura e robustezza secondo il clima, le condizioni di nutrimento e il terreno. In termini di costituenti chimici, il Tulsi contiene alcaloidi, grassi, carboidrati, proteine, glicosidi, fenoli, saponine, tannini e terpeni. I principi funzionali del Tulsi sono per lo più terpeni e fenoli volatili: l eugenolo (il componente farmacologico principale), il metileugenolo, il metiletere, il cariofilene, il terpinene-4-olo, il decilaldeide, il salinene, l alfa-pinene, il beta-pinene, il canfene, il carvacrolo, l acido rosmarinico, l acido terpen-ursolico, l acido ursolico, il giuvocimene I e II, il timolo, il rimolo, la canfora, lo xantomicrolo, il caffeato, il mircenolo e il nerolo. Sebbene molti trovino il Tulsi rinforzante ed energizzante, esso non contiene caffeina od altri Classe Sottoclasse stimolanti. Il Tulsi possiede un elevato valore quale integratore nutrizionale, in quanto fornisce vitamina A (carotene 2,5 mg/100g di foglie fresche), vitamina C (acido ascorbico, 85 mg/100 g) e minerali (ad esempio: calcio da 0,5 a 3,5 mg/100 g) in forma organica e di facile assimilazione. L assunzione quotidiana di un grammo di foglie essiccate di Tulsi fornisce circa 8,5 mg di vitamina C naturale. Questa è maggiormente attiva rispetto alla vitamina C sintetica, in quanto il suo assorbimento è estremamente più elevato; la biodisponibilità della vitamina C naturale è molto più elevata rispetto a quella della vitamina sintetica. CLASSIFICAZIONE Ordine Famiglia Genere Specie Magnoliopsida Gamopetale Lamiales Labiatae/Lamiaceae Ocimum O. Sanctum DESCRIZIONE BOTANICA Habitus Erba o cespuglio Altezza pianta 85 cm media Radice Fittone ramato Stelo Erbaceo, aereo, eretto, quadrangolare, ramato, solido, dal verde al rossastro Misura foglie Lunghezza 4,3 cm media Larghezza 2,3 cm media Foglia Di ramo, caulinare, decussata opposta, stipulata, semplice, peduncolata, ovata, dentellata, acuta, pubescente, aromatica, profumo presente, unicostata, reticolata Fiore Bratteato, pedicellato, completo, zigomorfo, ermafrodite, pentamero, ipogino e ciclico Frutto Carcerulo 07

8 APPROFONDIMENTI IL NOSTRO TULSI, EFFICACIA E SICUREZZA Metodi ottimali di coltivazione, raccolto, conservazione e confezionamento servono a portare al massimo il valore medicinale delle piante. L efficacia e il potere delle erbe dipende dal terreno, dal clima e dalla stagione di raccolta, in quanto le quantità di componenti biologicamente attivi ed altri costituenti chimici variano secondo questi fattori. Oggi, tuttavia, è richiesta una grande quantità di erbe medicinali per ampie popolazioni e si è reso necessario coltivare queste erbe in diverse località. Coltivazione, essiccazione e conservazione Il nostro Tulsi viene coltivato in fattorie che si sviluppano in aree rurali prive di inquinamento ambientale e impiegano metodi di coltivazione biologica che escludono l uso di erbicidi o pesticidi artificiali e di fertilizzanti chimici di sintesi. e batteri e perdono il loro potere medicinale e nutrizionale, rischiando di diventare perfino dannose. Per la conservazione ed il confezionamento ottimale del nostro Tulsi, il luogo soddisfa i requisiti: è pulito, asciutto, a temperatura moderata, ben ventilato e al riparo dalla luce solare diretta. Margine di sicurezza Il margine di sicurezza di una droga o di un erba medicinale è una misura della differenza tra la quantità d erba necessaria a produrre l effetto desiderato e la dose che è probabile risulti in effetti collaterali pericolosi: maggiore è la differenza, più sicura è l erba. In farmacologia sperimentale, viene spesso impiegato un processo denominato standardizzazione biologica, che prevede l uso di soggetti animali. Questo richiede la determinazione della Dose Effettiva 50 (ED50), ossia della dose che induce una risposta pari al 50% dell effetto desiderato, nonché della Dose Letale 50 (LD50), ossia della dose che risulta letale per il 50% degli animali analizzati. Il margine di sicurezza è espresso in quanto rapporto tra LD50 ed ED50: più ampio è il rapporto, più sicuro è il rimedio. Abbiamo condotto questi test sul nostro Tulsi riscontrando un amplissimo margine di sicurezza che non si trova in alcuna droga sintetica: per il Tulsi il margine di sicurezza è pari a 306. Il Tulsi contiene molte sostanze bioattive, vitamine e minerali, che normalizzano le funzioni del corpo, armonizzando i vari squilibri (formazione/conservazione d energia e respirazione dei tessuti, sistema neurologico e neuro-ormoni, sistema idro/elettrolitico). Tulsi è anche usato quale veicolo per migliorare l efficacia di molte preparazioni erboristiche. Le tecniche impiegate per l essiccazione delle erbe sono anch esse molto importanti: una luce solare o calore eccessivi portano alla perdita di olii essenziali ed altre importanti sostanze di valore medicinale. Il nostro Tulsi viene preservato e conservato con grande attenzione allo scopo di mantenerne intatte le virtù salutistiche. Le piante immagazzinate in luoghi umidi e polverosi si infettano con funghi 08

9 EFFETTI BENEFICI DEL TULSI Resistenza allo stress & effetto defatigante Sono stati condotti una serie di studi sperimentali e prove cliniche su soggetti animali e umani allo scopo di dimostrare le proprietà antistress/adattogene e coadiuvanti della resistenza mediante le tecniche scientifiche moderne in uso. Negli animali, il Tulsi migliora la performance e la resistenza fisica in condizioni di stress fisico quale il nuoto forzato. Questo è ciò che viene chiamato effetto rinvigorente. Il Tulsi riduce le tipiche modificazioni, indotte da stress, della funzionalità delle ghiandole surrenali. Le ghiandole surrenali sono simili a batterie nel corpo e vengono spesso esaurite da periodi di stress prolungato e strenua attività. Il Tulsi protegge e tonifica le ghiandole surrenali. Oltre alla sua azione su queste ghiandole, il Tulsi ha anche un altro effetto benefico, mediante il quale esso agisce attraverso la SDH (succinato deidrogenasi) ed altri neurotrasmettitori. Questo è stato dimostrato dall effetto antistress e dall aumentata performance natatoria perfino in animali a cui sono state asportate le ghiandole surrenali. É stato comparato il Tulsi a droghe sintetiche quali i corticosteroidi, gli stimolanti, i tranquillanti e i sedativi. I tranquillanti e i sedativi hanno un effetto antiansia nell uomo, ma non migliorano la performance fisica e spesso la riducono. Gli stimolanti e i corticosteroidi sostengono direttamente la performance fisica a breve termine, ma non possono essere usati per migliorare la resistenza nel lungo periodo, dati i gravi effetti collaterali, tra cui la necrosi muscolare. Diversamente, il Tulsi aumenta significativamente la resistenza e la performance fisica nonché l abilità di far fronte allo stress, senza alcun effetto collaterale. Studi clinici sull uomo hanno provato che il Tulsi riduce il senso di stanchezza. Questa capacità del Tulsi, lo rende il trattamento ideale per la sindrome da stanchezza cronica e per i pazienti anziani che spesso lamentano un particolare senso di spossatezza. L enzima succinato deidrogenasi (SDH) sostiene la formazione e la conservazione di sistemi formanti energia nelle cellule del corpo. Il Tulsi ha dimostrato di aiutare la formazione di questo enzima nel cervello del ratto. La ricerca suggerisce che il Tulsi sia anche in grado di favorire la formazione di SDH nel cervello umano. Questo potrebbe essere uno dei principali meccanismi responsabili delle attività antistress e rinvigorenti del Tulsi. Inoltre, la sua capacità di diminuire il neurotrasmettitore 5- idrossitriptamina (5-HT o serotonina) nel cervello in condizioni di forte stress prolungato è anch essa probabilmente di grande importanza. Nei casi di schizofrenia, il 5-HT può rivestire un ruolo importante nella genesi di questa malattia; Il Tulsi può risultare utile nel trattamento della malattia stessa. Studi a questo proposito - L effetto rinvigorente del Tulsi osservato sui topi ha portato allo studio degli effetti antistanchezza sugli umani. Si è somministrata una capsula di 300 mg al dì di foglie essiccate di Tulsi a 56 pazienti in fase di invecchiamento per un periodo da tre mesi a un anno. Nel giro di una settimana, il 90% dei pazienti ha riferito una riduzione del senso di stanchezza ed, entro un mese, tutti i pazienti hanno percepito un sollievo dai sintomi di affaticamento. Dopo la sospensione dell assunzione di Tulsi, l effetto è perdurato per oltre un mese. In uno studio di follow-up con controllo placebo, sono stati somministrati 500 mg di foglie essiccate di Tulsi due volte al dì, per tre mesi, a 27 giovani uomini indiani affetti da sindrome da stanchezza cronica. Si è osservata una signifi cativa riduzione del senso di stanchezza nei pazienti trattati con Tulsi rispetto a quelli trattati con placebo (Singh e Abbas, 1995b). Effetti sul sistema nervoso centrale Il Tulsi dimostra un moderato effetto tranquillante, riduce il comportamento aggressivo in condizioni di stress e aumenta la tolleranza al rumore nei ratti. Il Tulsi previene l aumento del livello plasmatico di corticosterone indotto da crisi audiogenica (stress da rumore) e dimostra inoltre un attività antidepressiva negli animali. Il Tulsi può essere utile nell aiutare le persone che abitano in rumorosi contesti cittadini, così come ha un effetto calmante e antidepressivo sulla psiche. Studi a questo proposito - Un estratto da foglie di Tulsi è stato analizzato per osservarne gli effetti sul sistema nervoso centrale. Il Tulsi ha prolungato il tempo di perdita di rifl essi nei topi dovuto a pento-barbital, diminuito il tempo di recupero e la gravità dell elettroshock e delle convulsioni indotte da pentilentetrazolo. Seguendo un modello di disperazione comportamentale che implica il nuoto forzato di ratti e topi, l immobilità è risultata ridotta dall estratto in maniera comparabile all imipramina. Questa azione è stata bloccata da aloperidolo e sulpiri- 09

10 APPROFONDIMENTI de, indicando una possibile azione coinvolgente i neuroni dopaminergici. In studi analoghi, si è osservata un azione sinergica combinando l estratto con bromocriptina, potente agonista del recettore D2 (Sakina et al., 1990). - L estratto di Tulsi è stato in grado di prevenire l aumento del livello di corticosterone plasmatico nei ratti dovuto a crisi da stress audiogenico da rumore (Sembulingam et al., 1997). - Il Tulsi ha un effetto moderatamente tranquillante sui topi, senza cambiamenti signifi cativi nella temperatura corporea e nel comportamento (Krishnamurty, 1959; Singh et al., 1970). Azione antiossidante L esposizione a tossine chimiche o d origine industriale, all inquinamento dell aria, al tabacco, al fumo, all alcool, alle radiazioni ultraviolette, ai raggi X, alla TV, ai computer, lo stress mentale, il calore eccessivo, ustioni od altri fattori analoghi, mettono in pericolo l essere umano a causa della formazione degli indesiderabili radicali liberi. Studi in vivo hanno dimostrato che il Tulsi ha un effetto protettivo rispetto al danno da radicali liberi (perossidazione lipidica) verso le cellule normali e le relative membrane. Presumiamo che questa proprietà possa estendersi agli umani. Generalmente, gli antiossidanti che risultano efficaci sugli animali sono efficaci anche sull uomo ad esempio, le proprietà antiossidanti della vitamina E sono state ampiamente dimostrate in molte specie. La capacità antiossidante del Tulsi di espellere i radicali liberi è in grado di proteggere strutture sensibili quali le membrane cellulari, le lipoproteine, il DNA, le pareti dei vasi arteriosi e gli enzimi dal fenomeno di ossidazione. Il Tulsi può giocare un ruolo chiave nella prevenzione delle malattie cardiache e di altre malattie indotte dal danno da radicali liberi quali il cancro o l invecchiamento prematuro alcuni tra i maggiori motivi di preoccupazione della civiltà moderna. Il Tulsi è ricco in carotene, vitamina C (acido ascorbico), selenio ed oli essenziali, ben noti per la loro attività antiossidante. Il fenomeno dell invecchiamento è estremamente complesso e, negli ultimi decenni, sono state condotte molte ricerche in merito con l obbiettivo di comprenderne e rallentarne il processo, specialmente nel caso l invecchiamento sia precoce. L invecchiamento si manifesta con la diminuzione della capacità adattativa. É possibile sostenere il funzionamento ottimale dei processi cellulari autoregolatori e adattatori per rallentare così l avanzare dell invecchiamento (Petkov, 1975). Sappiamo con certezza che lo stress, i radicali liberi e una ridotta difesa immunitaria rivestono un ruolo predominante nel processo d invecchiamento e che il Tulsi è efficace nella riduzione dell impatto negativo di questi fattori. Si è dimostrato che il danno da radicali liberi e, in particolar modo, la perossidazione lipidica della membrana cellulare aumentano con l età. Tra i vari effetti negativi, i radicali liberi inducono un graduale declino delle ghiandole endocrine e dei relativi ormoni, nonché la resistenza delle cellule all effetto di questi ormoni. Il Tulsi normalizza la funzionalità e il livello ormonale delle surrenali, aumenta la sensibilità del sistema nervoso e rallenta il processo d invecchiamento. I linfociti T sono i globuli bianchi responsabili della difesa immunitaria del corpo. Il Tulsi ha la capacità di ridurre l impatto negativo dell invecchiamento aumentando il numero dei linfociti T e migliorando, di conseguenza, l immunità. Studi a questo proposito - Si è riscontrato che il Tulsi protegge dal danno causato dai radicali liberi nel fegato animale e umano. Ciò è il risultato delle sue proprietà antiossidanti (Singh e Singh, 1978; Bhargava e Singh, 1981; Bhargava e Singh, 1984; Singh, 1986; Singh e Misra, 1993; Misra et al., 1998). - Il danno causato dai radicali liberi si è prodotto in questo esperimento mediante trattamento con tetracloruro di carbonio chimico epatotossico (CCI4). Poichè il CCI4 viene metabolizzato dall enzima del reticolo endoplasmatico liscio, vengono rilasciati i radicali liberi CCI3 e CI-. Il CCI3 è altamente tossico per il cervello (Robbins et al., 1982). La perossidazione lipidica tossica della membrana cellulare è conseguenza del danno dei radicali liberi e si verifica nei tessuti sani così pure in un gran numero di stati patologici. Il Tulsi contiene significative quantità di ben noti antiossidanti, vitamina A, C e selenio, oltre ad altre sostanze che provocano l espulsione dei radicali liberi, tra cui flavonoidi ed oli essenziali. - Il Tulsi presenta un significativo effetto anti-radiazioni. I ratti trattati con Tulsi e quindi esposti a radiazioni sperimentali hanno provato un inferiore tasso di mortalità rispetto al gruppo di controllo. La riduzione della mortalità si è aggirata tra il 30 e il 70 percento dopo sette giorni di trattamento con 25mg/kg di estratto acquoso di foglie di Tulsi, somministrato per via orale. Questa protezione è probabilmente dovuta, almeno in parte, ai potenti effetti antiossidanti del Tulsi (Jogetia et al.; 1986). - É stato inoltre riscontrato che l acido ursolico ricavato dall Ocimum sanctum ha offerto il 60% della protezione dal danno indotto dai radicali liberi in microsomi epatici di ratto. Il Tulsi non ha indotto perossidazione lipidica, il che sostiene ulteriormente la sua applicazione terapeutica nell umano. I ricercatori hanno inoltre studiato il potenziale antagonismo rispetto ai radicali liberi dell acido ursolico nella perossidazione della membrana lipidica cardiaca, riscontrando la protezione dei microsomi cardiaci ed epatici (Balanehru e Nagarajan, 1992). 10

11 - Panda e Kar (1998) hanno studiato l attività antiossidante dell estratto di Tulsi (0,5 mg/kg) in un periodo di 15 giorni, riscontrando una diminuzione di T4, perossidazione lipidica epatica (LPO) e glucosio-6-fosfatasi (G-6-P). Le attività dell enzima antiossidante endogeno superossido dismutasi (SOD) e catalase (CAT) sono risultate aumentate dall estratto. Attività antimicrobica verso batteri, virus e funghi L estratto dalle foglie di Tulsi possiede un attività antibatterica contro numerosi batteri, nonché attività antivirale ed antimicotica. Il Tulsi è usato tradizionalmente come trattamento contro l alitosi e per rinforzare denti e gengive. Si riferisce che esso curi le ulcere buccali e le infezioni da piorrea/gengivite ed è considerato efficacissimo nel mal di denti. L estratto di foglie fresche di Tulsi possiede proprietà preventive e terapeutiche delle colture della placca e delle infezioni orali. É, inoltre, conosciuto da migliaia di anni come trattamento dell epatite virale; la scienza moderna ha confermato questi benefìci. Il Tulsi è efficace contro l encefalite virale di tipo B. I pazienti trattati con Tulsi hanno fatto osservare un più elevato tasso di sopravvivenza rispetto ai pazienti trattati con la terapia standard a base di steroidi, indicando una bassissima incidenza di problemi neurologici dopo la guarigione dall encefalite. L encefalite virale generalmente causa danni significativi al sistema nervoso. Studi a questo proposito - Gli olii essenziali di Ocimum sanctum possiedono in vivo e in vitro un attività antibatterica rispetto agli stafi lococchi ed altri batteri (Bhat e Broker, 1955; Khurana e Vagikar, 1959; Narasimha Rao e Nigam, 1970; Grover e Rao, 1977; Sawhney et al., 1977; Suri e Thind, 1978; Mehta et al., ; Lahariya e Rao, 1979; Singh e Pathak, 1979; Patel e Bhatt, 1988). - Un estratto in etanolo dalle foglie di Tulsi ha inibito in vitro la crescita dello Staphylococcus aureus, dello Staphylococcus citreus, del Mycobacterium tuberculosis, del Trichophyton mentagrophytes, dell Aspergillus niger e dell Aspergillus fumigatus (Gupta e Viswanathan, 1955; Phadke e Kulkarni, 1989; Reddi et al., 1986; Rai, 1988). - L estratto fogliare di Tulsi ha dimostrato di proteggere l uomo dalle colture della placca e dei batteri orali gram-negativi e di avere un azione correttiva in gravi casi di infezione (Bhanari, 1970a, 1970b; Patel e Bhatt, 1988). - Il Tulsi è utile nel trattamento di ascessi ed altre infezioni. Il Tulsi presenta un attività antitubercolare (Gupta e Vishwanathan, 1955; Ramaswami e Sirsi, 1967). - Il Tefroli, una preparazione ayurvedica contenente Tulsi, si è dimostrata effi cace contro l epatite virale. Il Tulsi è impiegato come rimedio effi - cace contro l epatite virale (Sankaran, 1980). - Gli estratti fogliari di Ocimum sanctum hanno dimostrato una signifi cativa clearance clinica e biochimica nell epatite virale (Rajalakshmi et al., 1988; Rastogi e Mehrotra, 1995a). - Un effetto antivirale della polvere di foglie essiccate di Tulsi è stata dimostrata in polli infettati dal virus IBD (Kolte et al., 1999). - L attività antivirale del succo di foglie di Tulsi è stata anche ampiamente documentata per il virus responsabile della necrosi della cima della pianta di pisello (Roy et al., 1979) ed altri virus vegetali (Singh, 1972; Tripathi, 1982). - Le sostanze polari idrosolubili derivate dal Tulsi hanno dimostrato una potente azione anti-hiv- 1; quest attività ha indotto citopatogenicità nelle cellule MT-4. Oltre a ciò, questi estratti acquosi hanno inibito la formazioni di cellule giganti in colture di cellule MOLT-4 con e senza infezione da HIV-1, dimostrando un attività inibitoria rispetto alla trascrizione inversa dell HIV-1 (Yamasaki et al., 1998). - È stato condotto uno studio nel corso di un epidemia di encefalite virale di tipo B nell Uttar Pradesh Orientale, in India, nei mesi da settembre a novembre 1978 (Das et al., 1983). 16 pazienti sono stati ammessi presso i King George s Medical College Associated Hospitals di Lucknow. Erano state diagnosticate encefaliti virali acute sulla base di studi clinici e virologici. Ad un gruppo di sei pazienti sono stati somministrati 2,5 mg di foglie fresche di Tulsi per quattro volte al dì: cinque sono stati valutati, mentre l altro gruppo di 10 pazienti è stato tenuto in trattamento con steroidi; di questi, ne sono stati valutati otto. Per ragioni etiche, non è stato considerato un gruppo di controllo placebo (ossia privo di somministrazione di alcuno dei due trattamenti). Il livello di sopravvivenza dei pazienti trattati con il Tulsi si è dimostrato signifi cativamente più elevato di quello del gruppo trattato con steroidi. Inoltre, si è osservata una contenuta incidenza di defi cit virale neurologico nei pazienti trattati con il Tulsi. Il 60% dei pazienti si è completamente ristabilito con il Tulsi, mentre ciò è accaduto per lo 0% dei pazienti trattati con steroidi. In generale, l encefalite virale presenta un elevatissima incidenza di danno neurologico. Nel gruppo trattato con Tulsi, l aumentato tasso di sopravvivenza e la marcata riduzione del defi cit neurologico nei sopravvissuti sono probabilmente dovuti agli effetti antivirali e, in generale, antistress/adattogeni. I risultati di questo studio, insieme al fatto 11

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli