CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA"

Transcript

1 CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) consiste in un insieme di specifiche promosse e curate da OMG (Object Management Group). L OMG è un consorzio internazionale no-profit di industrie nel campo dell'information Technology interamente dedicato alla produzione di specifiche e di standard. L attività di OMG cominciò nel 1989 con soli 8 membri tra cui Sun Microsystems, Philips, Hewlett-Packard e 3Com. Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA il consorzio ha definito un framework: Object Management Architecture (OMA)

2 OMA E il centro di tutte le attività del consorzio, al suo interno convivono tutte le tecnologie OMG. Si limita alla definizione dettagliata delle interfacce di tutti i componenti individuati. I componenti OMA sono: Object Request Broker (ORB) Object Services (OS) Common Facilities (CF) Application Objects (AO) L Object Model (OM)

3 L ARCHITETTURA CORBA ORB (Object Request Broker) : Canale di comunicazione. ORB Interface : Interfaccia standard per tutte le implementazioni di ORB. OA (Object Adapter) : Componente per la gestione degli oggetti remoti. DII (Dinamic Invocation Interface) : Interfaccia standard per invocazioni dinamiche lato client. DSI (Dinamic Skeleton Interface) : Interfaccia standard per invocazioni dinamiche lato server. SII (Static Invocation Interface) : Interfaccia standard per invocazioni statiche lato client. SSI (Static Skeleton Interface) : Interfaccia standard per invocazioni statiche lato server. Interface Repository : Contenitore per le interfaccie IDL degli oggetti noti a tempo di esecuzione. Implementation Repository : Contenitore per le interfaccie IDL degli oggetti noti a tempo di esecuzione e loro effettiva implementazione.

4 L ORB Rappresenta l infrastruttura di comunicazione degli oggetti rendendo trasparente la distribuzione nella comunicazione e garantendo l'interoperabilità e la portabilità delle applicazioni in un ambiente distribuito eterogeneo. L Objects Request Broker (ORB) è una specie di bus software (Open Software Bus) La comunicazione tra ORB nella rete avviene tramite i protocolli GIOP e IIOP che implementano il marshalling, unmarshalling e la rappresentazione esterna dei dati. Supporta la Trasparenza di Locazione così da nascondere al client tutti i dettagli sulla localizzazione degli oggetti sulla rete e sul loro linguaggio di implementazione. La trasparenza di Comunicazione così da mascherare le chiamate remote come semplici invocazioni locali.

5 GIOP E un protocollo astratto che specifica un insieme di tipi di messaggi utilizzabili tra un client e un server una sintassi standard nel trasferimento dati delle interfacce IDL un formato standard per ogni messaggio utilizzabile. In GIOP sono definiti otto tipi di messaggi (Request, CancelRequest, LocateRequest, Reply, LocateReply, CloseConnection, MessageError, Fragment). Header contiene l indicatore del tipo del messaggio e la sua dimensione Body contiene il messaggio vero e proprio l interazione client/server è di tipo senza connessione GIOP richiede un sistema di trasporto con connessione (es: TCP/IP) IIOP E il mapping specifico di GIOP sul protocollo TCP/IP I messaggi IIOP contengono inoltre informazioni di servizio (alcuni aspetti del Security Service: codifica)

6 Interface Definition Language (IDL) OMG ha definito il mapping dell'idl su diversi linguaggi di programmazione, quali C, C++, java, Smalltalk, ADA, Cobol, Objective-C Tramite un compilatore IDL si ottengono: file contenenti del codice di supporto per l aggancio all ORB lo stub (per il client) lo skeleton (per il server) Stub e skeleton realizzano le funzionalità di marshalling e unmarshalling. Typedef (tipi definiti dall utente) Struct (record) Enum (tipi enumerati) Array (tabelle) Sequences (liste) Any (tipo universale) Ereditarietà Upcasting (automatico) Downcasting (esplicitato) No polimorfismo e overloading Eccezioni (raises) COMPLETED_YES, COMPLETED_NO, COMPLETED_MAYBE

7 Interfacce statiche Static Invocation Interface (SII) Interfaccia per inviare una request ad un oggetto remoto conoscendone la definizione dell interfaccia IDL descritta nello stub. Deve linkare lo stub. Gli stub sono gestiti dall ORB Funzionamento: Il client fa una richiesta (Object Reference). L ORB la intercetta, crea proxy object locale sul client. SII è basato sui pattern: Active Object pattern Proxy pattern Adapter pattern

8 Static Skeleton Interface (SSI) Controparte lato server di SII Funzionamento: L ORB trasporta la richiesta verso un oggetto server Lo skeleton la intercettata e la consegna all oggetto richiesto. Si occupa di tradurre la sintassi usata nel linguaggio in cui è implementato l oggetto remoto. Pro e Contro Il metodo di invocazione statico (SII e SSI) ha dei vantaggi: Facilità di programmazione. Controllo di tipo più robusto (stub e skeleton sono specifici). Ottime prestazioni (non si richiede l uso dell Interface Repository). ha anche dei vantaggi: Sono meno flessibili (ricompilazione del client in caso di modifiche) Permettono unicamente il metodo di invocazione sincrono.

9 Interfacce dinamiche Dynamic Invocation Interface (DII) Funzionamento: Ottenere un riferimento all oggetto Ottenere l interfaccia Creare la lista di parametri Creare la Request Invocare il metodo o Invoke(). Invocazione sincrona. Il client rimane bloccato fino all arrivo della risposta. o Send_oneway(). Invocazione asincrona senza risposta (AMI Asynchronous Method Invocation). Il client prosegue l elaborazione dopo aver invocato la richiesta, senza recuperare la risposta che per questo non viene neanche inviata dal server. o Send_deferred(). Invocazione sincrona differita. Il client non si blocca dopo l invocazione ma può reperire successivamente la risposta

10 Dynamic Skeleton Interface (DSI) E la controparte lato server della DII. Permette di creare oggetti server non legati ad un particolare skeleton. Gli oggetti costruiti attraverso la DSI possono ricevere richieste da qualsiasi stub. Pro e Contro Il metodo di invocazione dinamico (DII e DSI) ha dei vantaggi: Si possono invocare servizi e dati non noti al tempo della compilazione. Offre alta flessibilità al client. Facilità di aggiornamento del sistema. ha anche dei vantaggi: Ci vuole molto lavoro per la ricerca dell interfaccia necessaria, la costruzione della richiesta, l invocazione della stessa.

11 Object Adapter (OA) L OA è il meccanismo con cui gli oggetti interagiscono con l ORB. La sua principale attività è quella di attivare gli oggetti. Possiamo riconoscere cinque fasi: 1. Il client attraverso lo stub invoca il metodo all ORB. 2. L ORB notifica l invocazione all OA che attiva l oggetto. 3. L oggetto si registra e si dichiara pronto. 4. L OA passa l invocazione allo skeleton che spacchetta i parametri e li fornisce all oggetto. 5. L implementazione esegue il metodo e restituisce i risultati o le eccezioni al client.

12 Metodi di attivazione

13 Portable Object Adapter (POA) Ha sostituito a partire dalla versione 2.2 della specifica, il Basic Object Adapter (BOA). BOA è risultato lacunoso sotto gli aspetti di portabilità e di flessibilità. POA corregge questo problema. Tutti i server hanno almeno un POA, chiamato RootPOA, al quale possono esserne aggiunti altri, secondo una struttura ad albero, il tutto gestito dal POAManager. Relazione tra RootPOA, POA figli, e POAManager Relazione tra ORB, POAManager, POA e Servant

14 Interface Repository E un servizio che rende disponibili a tempo di esecuzione, alle applicazioni client, le definizioni IDL degli oggetti. E possibile utilizzare oggetti la cui interfaccia non sia nota a tempo di compilazione. Con il metodo get_interface_def, è possibile ottenere un oggetto di tipo InterfaceDef che fornisce tutte le informazioni sulla struttura di una interfaccia registrata nell IR. Implementation Repository Contiene informazioni che permettono all ORB di localizzare e attivare le implementazioni degli oggetti. Se non si conosce lo stato di attivazione del server che implementa l oggetto usando l Implementation Repository, si è in grado di attivare l oggetto per far sì che riceva la richiesta.

15 OBJECT SERVICES o Naming Service o Event Service o LifeCycle Service o Persistence Service o Externalization Service o Concurrency Control Service o Transaction Service o Relationship Service o Property Service o Query Service o Licensing Service o Time Service o Security Service o Trader Service o Object Collection Service

CORBA. CORBA facilita lo sviluppo di sistemi distribuiti fornendo

CORBA. CORBA facilita lo sviluppo di sistemi distribuiti fornendo CORBA CORBA facilita lo sviluppo di sistemi distribuiti fornendo Una infrastruttura per far comunicare oggetti in un sistema distribuito Un set di servizi utili Un supporto che permette ad applicazioni

Dettagli

CORBA & DCOM. Gianpaolo Cugola cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola. La Object Management Architecture

CORBA & DCOM. Gianpaolo Cugola cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola. La Object Management Architecture CORBA & DCOM Gianpaolo Cugola cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Sommario La Object Management Architecture CORBA La programmazione di applicazioni CORBA in Java CORBA vs. RMI DCOM

Dettagli

Distributed Object Computing

Distributed Object Computing Evoluzione Architetturale Distributed omputing entralizzata Monolitica anni 60-70 Reti locali di P anni 80 Reti lient Server anni 80-90 Internet The network is the computer Paolo Falcarin Sistemi Informativi

Dettagli

Programmazione CORBA in Java

Programmazione CORBA in Java Programmazione CORBA in Java Trasparenze dalle lezioni del corso di Reti di Calcolatori A.A. 2002/2003 Prof. Roberto Baldoni - Ing. Antonino Virgillito CORBA Specifica standard di middleware RPC ad oggetti

Dettagli

Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI.

Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA TESI DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI. Relatore:

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori LS

Corso di Reti di Calcolatori LS Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori LS CORBA - Implementazione Naming Service e Interface Repository Luca Foschini Anno accademico 2008/2009 Agenda CORBA

Dettagli

Internet, Security & Information Technologies

Internet, Security & Information Technologies Internet, Security & Information Technologies I sistemi distribuiti: lo standard CORBA Sommario Il Middleware Introduzione ai sistemi distribuiti e al concetto di middleware CORBA: concetti generali Introduzione

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

Java Remote Method Invocation

Java Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation Programmazione in Rete e Laboratorio Comunicazione distribuita Port1 Java VM1 Java VM2 Port 2 Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino

Dettagli

Architetture a oggetti distribuiti

Architetture a oggetti distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture a oggetti distribuiti Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

Organizzazione del testo

Organizzazione del testo Questo testo è un introduzione allo standard CORBA (Common Object Request Broker Architecture) e all architettura di riferimento OMA (Object Management Architecture), per lo sviluppo di sistemi software

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

MIDDLEWARE e CORBA. Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Antonio Corradi & Paolo Bellavista MIDDLEWARE

MIDDLEWARE e CORBA. Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Antonio Corradi & Paolo Bellavista MIDDLEWARE Università degli Studi di Bologna MASTER integratori di Sistema MIDDLEWARE e CORBA Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete Antonio Corradi & Paolo Bellavista Middleware e CORBA 1 MIDDLEWARE

Dettagli

Santoro Umberto Roberto. Corba e Java

Santoro Umberto Roberto. Corba e Java Santoro Umberto Roberto Corba e Java Sommario Nell era di Internet e delle grandi Intranet aziendali, il modello computazionale dominante è chiaramente quello distribuito. Un tipico ambiente distribuito

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESI DI LAUREA INTEGRAZIONE DI MECCANISMI ADATTATIVI IN UN ORB CORBA UTILIZZANDO LA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.6 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.7 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Outline CORBA. CORBA Object Management Group (OMG). CORBA. CORBA L'Architettura OMA: Object Management Architecture. CORBA

Outline CORBA. CORBA Object Management Group (OMG). CORBA. CORBA L'Architettura OMA: Object Management Architecture. CORBA Programming Outline Programming Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano 1 Modello e Architettura di. 2 3 Programming Walter Cazzola Slide 1 of 76 Walter

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli 1 Il modello ad oggetti 2 Distributed Objects 2-16 Common organization of a remote object with client-side proxy. 3 Caratteristiche Oggetti

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni

Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Luca Cabibbo Architetture Software Messaging (stile architetturale) e integrazione di applicazioni Dispensa ASW 430 ottobre 2014 Una specifica d interfaccia di buona qualità deve essere semplice, non ambigua,

Dettagli

Connettività e Comunicazione

Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Connettività di Sistemi Ubiqui Protocolli Wireless WAP/WML i-mode Infrarossi Bluetooth

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Interprocess Communication Processi (e thread) cooperanti Il paradigma produttore-consumatore Shared Memory e Inter Process Communication (IPC) facility Proprietà caratteristiche della comunicazione

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket È possibile trattare la comunicazione di rete allo stesso modo con cui è possibile trattare la lettura da file. La classe Socket rappresenta la

Dettagli

3. Standard per l analisi Object Oriented

3. Standard per l analisi Object Oriented 1 3. Standard per l analisi Object Oriented Standards Object Management Group (OMG) Unified Modeling Language (UML) Ing. Alessandro Musumeci 3.-2 OMG Object Management Group: i fondatori Object Design

Dettagli

"Porting in ambiente OSSIE di un'implementazione SCA-compliant della waveform FM3TR per Software-Defined Radio

Porting in ambiente OSSIE di un'implementazione SCA-compliant della waveform FM3TR per Software-Defined Radio Esame di Laurea 26 Settembre 2011 "Porting in ambiente OSSIE di un'implementazione SCA-compliant della waveform FM3TR per Software-Defined Radio Relatori Prof. Ing. Marco LUISE Prof. Ing. Filippo GIANNETTI

Dettagli

Connettività e Comunicazione

Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Connettività e Comunicazione Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Connettività di Sistemi Ubiqui Protocolli Wireless WAP/WML i-mode Infrarossi Bluetooth

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Tecnologie di implementazione. Corso di ingegneria del software

Tecnologie di implementazione. Corso di ingegneria del software Tecnologie di implementazione Corso di ingegneria del software Sommario Principali architetture dei sistemi distribuiti Component based software engineering Componenti Comunicazione nei processi distribuiti

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA Corso di Programmazione Java Standard Edition ( MODULO A) OBIETTIVI ll corso ha come obiettivo quello di introdurre la programmazione a oggetti (OOP) e di fornire solide basi

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori LS

Corso di Reti di Calcolatori LS Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori LS MIDDLEWARE VARI Antonio Corradi Anno accademico 2004/2005 Middleware 1 MIDDLEWARE Definizione di MIDDLEWARE Insieme

Dettagli

Ingegneria del Software. Presentazione del pattern Proxy

Ingegneria del Software. Presentazione del pattern Proxy Ingegneria del Software Presentazione del pattern Proxy 1 Il pattern Proxy (1/6) Nome Proxy Synopsis Pattern molto generale che occorre in molti altri pattern, ma raramente nella sua forma pura. Il pattern

Dettagli

PARTE 11. Web Services

PARTE 11. Web Services PARTE 11 Web Services Parte 11 Modulo 1: Motivazioni Il miraggio dell informatica moderna Integrazione delle applicazioni Interoperabilità In pratica, ogni meccanismo che consenta a diversi sistemi software

Dettagli

Programmazione CORBA in Java

Programmazione CORBA in Java Programmazione CORBA in Java Ing. Andrea Santoro http://www.dis.uniroma1.it/~santoroa santoro@dis.uniroma1.it (codice preparato dall ing. Alessandro Termini) Overview Naming Service Motivazioni Name Service

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Capri Feb. 2004 Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER EAI Architetture, Tecnologie e Best Practices ROMA 26-28 MARZO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Programmazione distribuita

Programmazione distribuita Programmazione distribuita 1 Architettura client-server È il modo classico di progettare applicazioni distribuite su rete Server offre un servizio "centralizzato" attende che altri (client) lo contattino

Dettagli

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna

Web Service: Introduzione. Algoritmi e sistemi di elaborazione - Vittorio Maniezzo - Università di Bologna Web Service: Introduzione 1 Contenuti Background.NET Framework ASP.NET Web Service Concetti e architetture Progettazione e sviluppo di Web Service Utilizzo di Web Service 2 Sezione 1: Introduzione Inquadramento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework

HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework Maria Carmela Groccia, de-health Lab, DIMEG Rosita Guido, Domenico Conforti Università della Calabria Maurizio Rizzo, Giampaolo Sammarco AlmavivA

Dettagli

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente:

Il.NET Framework. By Dario Maggiari. L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il.NET Framework By Dario Maggiari L architettura del.net Framework è riassunta, nel complesso, nella figura seguente: Il cuore del.net Framework è costituito dal CLR (Common Language Runtime) che, secondo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA TESI DI LAUREA PROPOSTA DI UN MODELLO ARCHITETTURALE WEB-BASED PER AMBIENTI PERVASIVI RELATORI CANDIDATO

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI)

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) SAPIENZA Università di Roma Corso di Architetture Software Orientate ai Servizi E risuona il mio barbarico yawp sopra i tetti del mondo ( I sound my barbaric

Dettagli

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Java Tematiche Trattate Modulo Uno

Dettagli

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Anno Accademico 2007-08 Marco Comerio comerio@disco.unimib.it Richiami Teorici Oggetti distribuiti 2-16 Usuale organizzazione di un oggetto remoto con un

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Remote Method Invocation (RMI)

Remote Method Invocation (RMI) (RMI) Remote Method Invocation (RMI) in Java. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@disi disi.unige.it Walter Cazzola Java: Remote

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli

UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli 1 IL problema della persistenza APPLICAZIONE (programmi) (oggetti) DATI PERSISTENTI (file, record) (basi

Dettagli

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma Corso analista programmatore Java Programma 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche per svolgere la professione di Programmatore

Dettagli

Progettazione e prototipazione di una infrastruttura Jini-enabled per lo streaming multimediale

Progettazione e prototipazione di una infrastruttura Jini-enabled per lo streaming multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA TESI DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE Progettazione e prototipazione di una infrastruttura Jini-enabled per lo streaming multimediale Relatore: Prof. Giancarlo

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso

Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Altri testi di consultazione Sistemi Distribuiti Introduzione al corso Testo di riferimento G.Coulouris, J.Dollimore and T.Kindberg Distributed Systems: Concepts and Design IV Ed., Addison-Wesley 2005

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 20010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos è un Web Service?

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Relazione di fine anno

Relazione di fine anno UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Dottorato di ricerca in Telematica e Società dell Informazione - XX Ciclo - Relazione di fine anno

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

RPC Birrel e Nelson (1984) partendo da quanto usato in Xerox, Spice, Sun, HP, etc.

RPC Birrel e Nelson (1984) partendo da quanto usato in Xerox, Spice, Sun, HP, etc. REMOTE PROCEDURE CALL (RPC) estensione del normale meccanismo di chiamata a procedura, adatta per il modello cliente servitore nel distribuito approccio di alto livello APPROCCIO di livello applicativo

Dettagli

Architetture dei sistemi distribuiti

Architetture dei sistemi distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture dei sistemi distribuiti Dispensa ASW 410 ottobre 2014 Un sistema distribuito è un sistema in cui il fallimento di un computer di cui nemmeno conosci l esistenza

Dettagli

Analisi e valutazione delle prestazioni di un sistema per l Air Traffic Control

Analisi e valutazione delle prestazioni di un sistema per l Air Traffic Control Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea specialistica Analisi e valutazione delle prestazioni Anno Accademico 2008/2009 Relatore Ch.mo Prof. Domenico Cotroneo Correlatori

Dettagli

Architetture Distribuite, Middleware, Distributed Object Computing e Legacy System. Giuseppe Santucci &... santucci@dis.uniroma1.

Architetture Distribuite, Middleware, Distributed Object Computing e Legacy System. Giuseppe Santucci &... santucci@dis.uniroma1. Architetture Distribuite, Middleware, Distributed Object Computing e Legacy System Giuseppe Santucci &... santucci@dis.uniroma1.it Argomenti Concetti di base Applicazioni Client/Server Middleware tradizionale

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE

PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE PRACTICAL DEVELOPMENT OF A WEB SERVICE 1 JAX-WS 2.0 Java API for XML Web Services Specifica basata su annotazioni Applicata su classi ed interfacce in modo da definire e gestire automaticamente il protocollo

Dettagli

Bonobo: l interfaccia Corba di Gnome

Bonobo: l interfaccia Corba di Gnome Tesina di Architettura dei sistemi distribuiti Docente: Antonio Lioy Bonobo: l interfaccia Corba di Gnome Bovero Matteo Onofrio Matricola: 93152 Typeset by L A TEX Copyright c 2002 Bovero Matteo Onofrio

Dettagli

Perché OPC? Display Application. Trend Application. Report Application. Software Driver. Software Driver. Software Driver.

Perché OPC? Display Application. Trend Application. Report Application. Software Driver. Software Driver. Software Driver. Lo Standard OPC Dove si usa OPC? Perché OPC? Display Application Trend Application Report Application Software Driver Software Driver Software Driver Software Driver Perché OPC? Indipendenza dei programmi

Dettagli

Programmazione AA 2012 2013

Programmazione AA 2012 2013 Programmazione ad Oggetti AA 2012 2013 Contenuti del corso Modulo A Tecniche di programmazione Docente: Prof. Michele Bugliesi Modulo B Tecniche di progetto Docente: Prof. Alessandro Roncato Contenuti

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli

simplesoad SERVICE ENGINEER

simplesoad SERVICE ENGINEER SIMPLE ENGINEERING simplesoad SERVICE ENGINEER TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SE_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

-$9$ 6HUYOHW. Andrea BEI (andrea.bei@libero.it)

-$9$ 6HUYOHW. Andrea BEI (andrea.bei@libero.it) -$9$ 6HUYOHW Andrea BEI (andrea.bei@libero.it) Servlet: definizione 8Q6HUYOHWqXQPRGXORVFULWWRLQ-$9$FKHHVWHQGHOH IXQ]LRQDOLWjGLXQVHUYHUUHTXHVWUHVSRQVHRULHQWHG:(% VHUYHU es: servlet per l inserimento in

Dettagli

SOFTWARE DEVELOPMENT JUNIOR SPECIALIST

SOFTWARE DEVELOPMENT JUNIOR SPECIALIST SKILL4YOU ACADEMY MICROSOFT SOFTWARE DEVELOPMENT JUNIOR SPECIALIST PERCORSO ACADEMY MICROSOFT SOFTWARE DEVELOPMENT JUNIOR SPECIALIST A CHI E RIVOLTO IL CORSO ACADEMY MICROSOFT SOFTWARE DEVELOPMENT JUNIOR

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni Uso dei data bases con PHP Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni MDAC MDAC è l acronimo di Microsoft Data Access Component e fa parte della tecnologia Microsoft denominata Universal

Dettagli