RESPONSABILITÀ E SANZIONI NELLA GESTIONE DELL IMPRESA PROFILI ASSICURATIVI, CIVILISTICI E FISCALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONSABILITÀ E SANZIONI NELLA GESTIONE DELL IMPRESA PROFILI ASSICURATIVI, CIVILISTICI E FISCALI"

Transcript

1 RESPONSABILITÀ E SANZIONI NELLA GESTIONE DELL IMPRESA PROFILI ASSICURATIVI, CIVILISTICI E FISCALI SOLUZIONI ASSICURATIVE IN TEMA DI RESPONSABILITÀ: D&O - DIRECTOR & OFFICER LIABILITY Milano - Giugno

2 Roberto Losa SOPABROKER SPA 3 Carlo Faina R.I.B. - Reinsurance International Brokers SpA 3 I PUNTI FORTI DELLA NOSTRA COPERTURA 4 Aggravamento di rischio 5 Obblighi in caso di sinistro 5 Inizio e termine della garanzia 6 Assicurazioni 6 Decisioni discrezionali 6 Assicurati 6 Le cariche interessate alla copertura 6 Le modalità di applicazione della copertura 6 La copertura delle persone / La sezione di copertura delle società 7 Le cariche in società partecipate 7 D&O vs D&O 7 La Polizza Italiana (Testo Guida) 8 Definizione 8 Norme che regolano l assicurazione in generale 8 1. Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio 8 2. Altre assicurazioni 8 3. Pagamento del premio 8 4. Modifiche dell assicurazione 9 5. Aggravamento del rischio 9 6. Diminuzione del rischio 9 7. Obblighi in caso di sinistro 9 8. Disdetta in caso di sinistro 9 9. Durata dell assicurazione Oneri fiscali Foro competente Rinvio alle norme di legge 9 Norme che regolano l assicurazione 9 1. Oggetto dell assicurazione 9 2. Inizio e termine della garanzia Limiti di indennizzo Delimitazione territoriale Persone non considerate terzi Rischi esclusi dall assicurazione Clausola di esclusione Anno Regolazione del premio Variazione degli Assicurati Gestione delle vertenze di danno - Spese legali 11 2

3 Roberto Losa SOPABROKER SPA Buongiorno, sono Roberto Losa, consulente di SOPABROKER, mi occupo dello studio dei prodotti Financial & Industrial Line della Società. Vi ringrazio per la numerosa partecipazione e mi auguro che questo workshop possa portare un piccolo contributo alla materia che, oggi, è ampiamente dibattuta in tutte le sedi consiliari ed assembleari, per i seguiti patrimoniali che investono gli Amministratori delle società. SOPABROKER, fin dalla sua costituzione avvenuta nel 1992, si è dedicata allo studio di prodotti assicurativi in grado di rispondere alle molteplici esigenze della clientela. Società giovane ma dinamica, le sue strategie attraversano tutti gli ambiti assicurativi, in termini di qualità e d affidabilità. Ha sviluppato la sua attività in tutti i rami con azioni su misura: Personalizzazione dei prodotti; Unità organizzative e della gestione con professionalità dedicate; Efficienza del servizio sinistri. SOPABROKER, è in grado di trovare qualsiasi programma assicurativo sia sul mercato nazionale, sia internazionale, utilizzando quando necessarie, importanti sinergie riassicurative che le consentono di piazzare rischi di considerevoli dimensioni e con ampi massimali di Responsabilità Civile. È in tal senso che s inquadra il rapporto con la R.I.B., rappresentata in questa sede dall Amministratore delegato Carlo Faina. Carlo Faina R.I.B. - Reinsurance International Brokers SpA Buona giornata a tutti Voi, generalmente, quando ad un convegno di varie persone di spicco riunite per trattare un argomento di attualità interviene un assicuratore, significa che c è, c è stato o si teme che ci sarà qualche problema. Dato, che nel nostro caso, i potenziali problemi hanno un riflesso di carattere personale, è bene identificare con chiarezza le persone che ne trattano: permettetemi quindi questa pur brevissima presentazione della mia azienda, il gruppo R.I.B., che da alcuni anni si sta interessando allo sviluppo di nuovi prodotti nel settore delle coperture dei rischi di R.C. degli Amministratori. R.I.B. è ad oggi il primo intermediario professionale di riassicurazione in Italia per fatturato. Al 30 Giugno 1999 i premi intermediati dal gruppo ammonteranno ad oltre Lit. 200 Miliardi; la struttura del gruppo, nazionale ed internazionale, prevede ad oggi uffici specializzati a Genova e Roma, ed uffici all estero a New York e Maputo. Perché un broker di riassicurazione: la risposta a questo iniziale quesito si trova proprio esaminando da vicino quali sono i ruoli del consulente o del broker, ruoli che coprono principalmente due aree: Lo studio e l analisi dei rischi e delle esposizioni, quindi la proposta delle condizioni contrattuali e normative; L individuazione delle migliori condizioni economiche disponibili sul mercato per la copertura dei rischi, quindi la collocazione dei rischi sul mercato nazionale ed internazionale. Entrambe le aree formano il patrimonio culturale e specialistico del broker di assicurazione, tuttavia la seconda coinvolge un lavoro di mercato che, per la struttura stessa dell assicurazione, travalica i confini nazionali e porta ad un confronto più ampio. È proprio in questa fascia di intervento che, ritengo, un broker di riassicurazione può apportare la propria forte connotazione internazionale ed offrire un valido supporto tecnico ed economico nella collocazione dei rischi. Dopo questa breve introduzione lascerei la parola a Roberto Losa, che, dal punto di vista operativo, interviene senz altro prima di me nella definizione del prodotto assicurativo del quale stiamo parlando. 3

4 L evoluzione delle PMI che si è resa concreta anche attraverso l allargamento della compagine sociale al di fuori del nucleo familiare, le nuove prospettive europee, il sempre maggior ricorso alla e della Magistratura per le Azioni di Responsabilità, impongono di prendere in considerazione, come nel resto del mondo, la copertura assicurativa della Responsabilità Civile in capo al Consiglio d Amministrazione, al Direttore Generale ed al Collegio Sindacale. Tale assicurazione trova il suo fondamento negli articoli 2392, 2393, 2394, 2395, 2396 e 2407 del Codice Civile. La polizza, di cui stiamo trattando, garantisce gli Amministratori, i Direttori Generali ed i Sindaci delle Società. Le Compagnie italiane hanno recepito solo negli ultimi anni le richieste del mercato, grazie alla sollecitazione delle imprese e soprattutto allo stimolo dei Brokers d assicurazione. In quest ambito gli Assicuratori hanno fatto i primi passi seguendo le linee guida dell ANIA (Associazione Nazionale Imprese d Assicurazione) a nostro avviso prestando, sovente, le garanzie con massimali inadeguati ed insufficienti. Allegato agli atti del convegno, troverete il succitato normativo che dovrà essere letto esclusivamente in chiave di guida ché, certamente, non esaustivo di tutte le necessità degli assicurati. La cautela degli Assicuratori italiani ha spinto molte aziende a rivolgersi a mercati alternativi (Lloyd s di Londra). Oggi, molte compagnie straniere - con sede in Italia - prestano la copertura assicurativa con capitolati simili a quelli in vigore negli altri stati con le dovute modifiche che la nostra legislazione impone. I PUNTI FORTI DELLA NOSTRA COPERTURA Per assicurati gli Amministratori, i Sindaci ed i Dirigenti presenti, passati e futuri; Estensione territoriale mondo intero; Estensione nel tempo secondo il regime claims made ; Sono coperti i fatti commessi in qualunque tempo, senza alcun limite retroattivo, ed anche se riferibili a precedenti gestioni, purché la richiesta di risarcimento pervenga durante il periodo di validità della polizza o l eventuale termine d estensione della garanzia (c.d. periodo d osservazione discovery period); Massimali elevati; Valutazione del premio della polizza sulla base della situazione finanziaria dell azienda indipendentemente dal numero degli assicurati. È chiaro che l opera d affinamento di termini e condizioni volta a soddisfare, in tutto e per tutto, determinate esigenze specifiche che, di volta in volta, i diversi clienti possono presentare, quindi, di fatto, la confezione di un prodotto assicurativo su misura avrà una forte incidenza sull escursione dei prezzi. Ecco perché sarà particolarmente importante - nell interesse del cliente - effettuare un monitoraggio attento e professionale delle condizioni economiche ottenibili sul mercato. Una domanda a Carlo Faina: cosa c è dietro alla determinazione del livello di prezzo, su un determinato mercato, per un prodotto così raffinato come la D&O? Quando si giunge all aspetto delle condizioni economiche ed al non sempre semplice compito di trovare una collocazione per i rischi che stiamo esaminando oggi, ci si trova innanzitutto di fronte al ruolo importantissimo della Compagnia di assicurazione; all assicuratore spetta infatti il compito istituzionale di impiegare il proprio valido sapere specialistico e locale nella materia quale controparte nella redazione di un contratto appropriato, ed inoltre spetta il compito delicatissimo di affiancare il cliente sostituendosi addirittura a lui ove necessario, nella difesa da eventuali reclami che dovessero successivamente pervenire. Infine spetta il compito non trascurabile di offrire un adeguata security finanziaria al contratto assicurativo stipulato. Così com è naturale per il Cliente avvalersi di esperti che lo assistano nelle varie fasi, anche la Compagnia può avvalersi di mercati specialistici, che le offrano il vantaggio di espandere la base di esperienza specifica su cui 4

5 fondare i propri giudizi e la capacità finanziaria su cui distribuire le proprie sottoscrizioni. Nel settore delle R.C. degli Amministratori i mercati specialistici più avanzati sono soprattutto quello statunitense, poi a seguire tutti quei mercati che per diverse ragioni hanno maturato un esperienza diretta nella copertura di rischi D&O con esposizioni negli Stati Uniti, quindi il mercato londinese, francese e svizzero, seguiti dal mercato australiano e da quello delle Bermuda, dipendenza quest ultima del mercato statunitense. Questi mercati concorrono con i propri mezzi e bilanci a fornire una capacità finanziaria globale, la cosiddetta capacità di sottoscrizione, che nel ramo D&O può, combinando le capacità del mercato riassicurativo tradizionale e quelle di operatori che prestano capacità di tipo più prettamente finanziario e comunque non convenzionale, raggiungere anche i 500 milioni di Dollari. Si tratta di importi ancora molto elevati, che nelle attuali situazioni di mercato - caratterizzate da un certo numero di anni di eccesso di capacità finanziaria e quindi forte competitività dei termini economici - non si può prevedere durino a lungo. Infatti è prevedibile che, così come in altri settori del mercato assicurativo, la concomitanza di prezzi estremamente competitivi e sinistri dello scenario mondiale in crescita esponenziale porti nel giro di qualche tempo ad una forte contrazione della capacità del mercato specialistico, con gli effetti che possiamo ben immaginare sulla disponibilità delle coperture e sulla entità dei premi richiesti. Basti pensare che, nel corso degli ultimi 5 anni, le enormi capacità disponibili a livello mondiale hanno di fatto guidato una discesa dei prezzi quantificabile in un 25% circa all anno, quindi più o meno una riduzione ad un quarto dei volumi di premio ricevuti dal mercato in 5 anni. Al tempo stesso la sensibilità cresciuta ed ancora crescente verso il problema ha portato la litigiosità in materia di D&O a crescere e talvolta letteralmente ad esplodere pure in Paesi dove finora era pressoché sconosciuta, tra i quali figura l Italia. Si può immaginare quali possano essere le conseguenze a livello di mondo societario statunitense, in un contesto di continua e costante globalizzazione che si realizza tramite operazioni quasi quotidiane di fusione ed acquisizione, tra società per lo più quotate, e molto spesso quotate negli Stati Uniti. Come si può comprendere, tutte queste variabili e caratteristiche del mercato assicurativo e riassicurativo estero, mutuate da sensibilità ed esperienze diverse e da molto diversi casi pratici, concorrono a formare una predisposizione del mercato riassicurativo e specialistico che influenza, in modo sostanziale, la sottoscrizione anche dei rischi europei e, nel nostro particolare, italiani. Vediamo allora innanzitutto il mercato assicurativo di casa nostra, che lascio alla presentazione di Roberto Losa. Il tempo a mia disposizione in questo consesso non mi consente di analizzare puntualmente il normativo della polizza italiana. Mi limiterò, pertanto, ad invitarvi a riflettere su alcune lacune rilevate nel corso di questi anni; sono consapevole del fatto che trasferirvi improvvisamente da una visione di tipo strategico, quale può essere la descrizione del panorama internazionale, ad una disamina delle caratteristiche contrattuali delle varie polizze può sembrare tedioso, ma la natura tecnica di quest incontro credo imponga di scendere in specifiche considerazioni normative. Mi accingo, quindi, a citarvi qualche articolo che abbiamo ritenuto particolarmente indicativo: Aggravamento di rischio Il Contraente e/o l Assicurato deve dare comunicazione scritta all Assicuratore d ogni aggravamento di rischio. (art C.C.) Quali sono le fattispecie concrete che devono essere comunicate all Assicuratore senza temere che la mancata comunicazione renda inefficace la copertura? Obblighi in caso di sinistro I termini per la denuncia sono previsti in tre giorni. L esperienza insegna che per la delicatezza della denuncia stessa tali termini sono troppo limitativi e del tutto insufficienti. 5

6 Inizio e termine della garanzia L assicurazione vale per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta agli Assicurati nel corso del periodo d assicurazione, a condizione che i comportamenti colposi siano stati posti in essere da non oltre due anni. Tale clausola, non è un vero e proprio claims made ; la retroattività di due anni è palesemente insufficiente a garantire i danni preesistenti non conosciuti e non tutela gli Amministratori (e gli altri Assicurati) la cui nomina sia precedente al biennio. La clausola deve inoltre essere letta alla luce della norma che regola la variazione degli Assicurati che prevede sia comunicata ogni sostituzione degli Assicurati. La norma non precisa se l Assicurato decaduto o dimissionario - nei due anni precedenti - è assicurato oppure no. Assicurazioni Non sono coperte le perdite patrimoniali conseguenti alla mancata od insufficiente stipulazione d assicurazioni obbligatorie o facoltative. È palese la limitazione d efficacia della polizza che esclude i danni riconducibili a tale fattispecie Decisioni discrezionali Non sono coperte le perdite patrimoniali conseguenti a scelte o decisioni di natura discrezionale. È palese la limitazione d efficacia della polizza che esclude i danni riconducibili a tale fattispecie. Quali sono le attività del Consiglio non discrezionali? Assicurati Sono assicurati gli Amministratori, i Sindaci ed i Direttori Generali nominati sulla polizza. Il prevedere nominativamente gli Assicurati fa venire meno anche la retroattività della garanzia per coloro che hanno lasciato l incarico. Dal nostro canto, abbiamo raggiunto una notevole specializzazione in questo settore analizzando tutte le coperture presenti sul mercato. Ciò ci ha consentito, sulla base delle effettive esigenze del cliente, di studiare, modificare ed intermediare capitolati di polizza sempre su misura utilizzando, tramite R.I.B., il know-how internazionale maturato con l esperienza operativa nei diversi mercati. Per quanto riguarda le principali caratteristiche del mercato internazionale, che chiaramente, ove necessario, possiamo riflettere mediante appositi accordi anche per le coperture contratte in Italia, dato che i tempi a disposizione ci obbligano ad una esposizione piuttosto stringata, identificherei cinque principali aree caratteristiche: Le cariche interessate alla copertura Mentre l ordinamento italiano prevede la possibilità di agire solamente nei confronti di Amministratori, Sindaci e Direttori Generali, i prodotti dei mercati anglosassoni prevedono la copertura di tutti gli Amministratori, nonché di tutti i Direttori e Dirigenti aventi responsabilità manageriali. Questo più ampio ventaglio di possibilità comporta una maggiore necessità di flessibilità del prodotto assicurativo, come vedremo in seguito. Le modalità di applicazione della copertura La copertura è operativa a beneficio di tutte le persone che durante l anno e comunque al momento del danno rivestissero le cariche previste dalla polizza assicurativa: questo significa che può non esistere nemmeno una lista delle persone assicurate, dato che in particolari situazioni risulterebbe troppo oneroso 6

7 tenerla costantemente aggiornata per evitare scoperture. In ogni caso il parametro di valutazione del livello di premio a fronte della copertura è indipendente dal numero delle persone assicurate - non esiste un concetto di premio per persona, bensì il premio viene parametrato al rischio rappresentato dall azienda contraente, a seconda dei mezzi propri ed altri analoghi indicatori di bilancio (indebitamento, ecc.). La copertura delle persone / La sezione di copertura delle società È prevista la possibilità di dare sia una copertura personale a chi riveste determinate cariche sociali, che una copertura all azienda a fronte dei danni che questa debba sostenere quale indennizzo in sostituzione dei propri Amministratori o Dirigenti oppure in rimborso agli stessi, quando Amministratori o Dirigenti risultassero manlevati da determinate responsabilità connesse allo svolgimento delle loro funzioni. La polizza può quindi essere suddivisa in due sezioni, delle quali la seconda, la cosiddetta Company Reimbursement, prevede che l azienda rivesta il ruolo di beneficiario. Le cariche in società partecipate Oltre alle cariche ricoperte all interno dell azienda principale o gruppo, o delle proprie società controllate, possono essere ricomprese in garanzia anche le cariche ricoperte in società partecipate o collegate, laddove le persone assicurate siano nominate per disposizione o richiesta dell azienda principale; in questi casi di norma la copertura viene limitata alle richieste di risarcimento o azioni rivolte direttamente alle persone assicurate, quindi non alle somme che le stesse siano tenute a pagare quali responsabili in solido con altri componenti del Consiglio della società partecipata o collegata. D&O vs D&O Cioè le c.d. azioni incrociate : si tratta dell estensione nota come Directors & Officers versus Directors & Officers, che può essere pattuita di volta in volta con l Assicuratore, e comporta di fatto l estensione della copertura a coprire eventuali azioni pronunciate da parte di un amministratore o dirigente contro un altro amministratore o dirigente, ovvero verso l intero consiglio di cui egli stesso fa parte. Infine ritengo importante, anche per ricondurmi ad uno dei temi di questo convegno, citare un aspetto assicurativo di natura prettamente italiana, con il quale il mercato assicurativo internazionale si è recentemente trovato a dover fare i conti; ed è questo un ulteriore caso dimostrativo di come il mutuare esperienze tipiche dell ambiente societario o giurisprudenziale locale contribuisca alla formazione di knowhow specialistici al servizio dei vari mercati. Sicuramente il capitolo relativo alle sanzioni di natura fiscale merita un cenno a parte. Si tratta di un argomento che certamente verrà approfondito, negli aspetti di dettaglio, nel corso degl interventi che seguiranno. Chiaramente, vista la portata economica ed individuale delle sanzioni, le conseguenze del D. Lgs. 472/97 hanno costituito di recente materia di una domanda continua ed insistente di copertura da parte delle imprese. Per evidenti motivi di tempo preferiamo non addentrarci, in questo momento, negli aspetti assicurativi e delle relative soluzioni a questa problematica. Si tratta, comunque, di una materia che è stata oggetto di uno studio approfondito da parte nostra in supporto alle imprese d assicurazione e congiuntamente con i principali mercati riassicurativi internazionali. Quindi, qualora ci fossero delle specifiche richieste sull argomento Roberto Losa potrà senz altro fornirvi i chiarimenti necessari nella fase di dibattito. 7

8 La Polizza Italiana (Testo Guida) Definizione Nel testo che segue, si intendono: per Contraente : la Società che stipula l assicurazione per conto degli Assicurati; per Assicurazione : il contratto di assicurazione; per Polizza : il documento che prova l assicurazione, unitamente a tutti gli allegati e questionari nello stesso richiamati; per Consociata : l Impresa che risulti controllata o collegata dal Contraente secondo il disposto dell art C.C., ovvero che sia espressamente dichiarata tale dal Contraente per gli effetti della presente assicurazione; per Assicurato : l Amministratore unico, ogni membro del Consiglio di Amministrazione o del Collegio Sindacale, il Direttore Generale nominato a sensi dell art C.C. del Contraente o di una Consociata. In ogni caso l assunzione della posizione di Assicurato deve espressamente risultare dalla sottoscrizione per accettazione da parte dello stesso delle condizioni tutte di polizza; per Società : l Impresa assicuratrice; per Premio : la somma dovuta dalla Contraente alla Società; per Sinistro : la richiesta di risarcimento di perdite patrimoniali per le quali è prestata l assicurazione; per Perdite Patrimoniali : il pregiudizio economico che non sia conseguenza di lesioni personali o morte o danneggiamenti a cose; per Indennizzo : per Cose : la somma dovuta dalla Società in caso di sinistro; sia gli oggetti materiali sia gli animali. Norme che regolano l assicurazione in generale 1. Dichiarazioni relative alle circostanze del rischio Le dichiarazioni inesatte o le reticenze della Contraente e dell Assicurato relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all indennizzo, nonché la stessa cessazione dell assicurazione (art. 1892, 1893 e 1894 C.C.). 2. Altre assicurazioni La Contraente o l Assicurato deve comunicare per iscritto alla Società l esistenza e la successiva stipulazione di altre assicurazioni per lo stesso rischio; in caso di sinistro, la Contraente o l Assicurato deve darne avviso a tutti gli assicuratori, indicando a ciascuno il nome degli altri (art C.C.). 3. Pagamento del premio L assicurazione ha effetto dalle ore 24 del giorno indicato in polizza se il premio o la rata di premio sono stati pagati; altrimenti ha effetto dalle ore 24 del giorno del pagamento. Se la Contraente non paga i premi o le rate di premio successivi, l assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del 15 giorno dopo quello della scadenza e riprende vigore dalle ore 24 del giorno del pagamento, ferme le successive scadenze (art C.C.). I premi devono essere pagati all Agenzia od al Broker al quale è assegnata la polizza, oppure alla Società. 8

9 4. Modifiche dell assicurazione Le eventuali modificazioni dell assicurazione devono essere provate per iscritto. 5. Aggravamento del rischio La Contraente o l Assicurato deve dare comunicazione scritta alla Società di ogni aggravamento del rischio. Gli aggravamenti di rischio non noti o non accettati dalla Società possono comportare la perdita totale o parziale del diritto all indennizzo, nonché la stessa cessazione dell assicurazione (art C.C.): 6. Diminuzione del rischio Nel caso di diminuzione del rischio, la Società è tenuta a ridurre il premio o le rate di premio successivi alla comunicazione della Contraente o dell Assicurato (art C.C.) e rinuncia l relativo diritto di recesso. 7. Obblighi in caso di sinistro In caso di sinistro, la Contraente o l Assicurato deve darne avviso scritto all agenzia alla quale è assegnata la polizza oppure alla Società, entro nove giorni da quando ne ha avuto conoscenza (art C.C.). Il Contraente e l Assicurato devono fare quanto è loro possibile per evitare o diminuire il danno (art C.C.). 8. Disdetta in caso di sinistro Dopo ogni sinistro e fino al 60 giorno dal pagamento o rifiuto dell indennizzo, la Società può recedere dall assicurazione con preavviso di 60 giorni. In tale caso essa, entro 15 giorni dalla data di efficacia del recesso, rimborsa la parte di premio, al netto dell imposta, relativa al periodo di rischio non corso. 9. Durata dell assicurazione La presente assicurazione cessa alla sua naturale scadenza senza obbligo di disdetta. 10. Oneri fiscali Gli oneri fiscali relativi all assicurazione sono a carico della Contraente. 11. Foro competente Foro competente, a scelta della parte attrice, è esclusivamente quello del luogo di residenza o sede del convenuto, ovvero quello del luogo ove ha sede l Agenzia od il Broker cui è assegnata la polizza. 12. Rinvio alle norme di legge Per tutto quanto non è qui diversamente regolato, valgono le norme di legge. Norme che regolano l assicurazione 1. Oggetto dell assicurazione La Società si obbliga a tenere indenne l Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile a sensi di legge, per perdite pecuniarie involontariamente cagionate a terzi, compresi i Soci ed i creditori sociali del Contraente nonché i Soci delle Imprese consociate diversi dal Contraente o dalle altre Consociate, in conseguenza di violazione colposa di obblighi derivanti dalla legge, dalle legittime delibere di nomina, dall Atto Costitutivo, dallo Statuto Sociale, dalle deliberazioni assembleari, vale a dire degli obblighi comportanti il diligente svolgimento delle mansioni di Amministratore, Sindaco o Direttore Generale del Contraente o di una Consociata. L assicurazione è prestata in base alle dichiarazioni rese dalla Contraente nella proposta - questionario, che forma parte integrante della presente assicurazione. La Società in caso di responsabilità solidale di più soggetti giuridici, risponderà soltanto per le quote di pertinenza degli Assicurati, escluse quelle quote che gravano sui soggetti non Assicurati con il presente contratto e ritenuti parimenti responsabili. 9

10 La garanzia comprende le perdite patrimoniali derivanti dalla responsabilità civile personale dei Dirigenti in relazione allo svolgimento delle loro mansioni che dovranno essere precisate nell allegato contenente i nominativi per i quali deve valere la presente estensione di garanzia. 2. Inizio e termine della garanzia L assicurazione vale per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta agli Assicurati nel corso del periodo di assicurazione, a condizione che tali richieste siano conseguenti a comportamenti colposi posti in essere non oltre due anni prima della data di effetto dell assicurazione. Si considerano altresì presentate nel periodo di assicurazione le richieste di risarcimento presentate agli Assicurati nell anno successivo alla scadenza della polizza sempreché conseguenti a comportamenti colposi posti in essere durante il periodo di assicurazione. 3. Limiti di indennizzo Il massimale indicato in polizza rappresenta il massimo esborso della Società per ogni richiesta di risarcimento; in nessun caso la Società risponderà per somme superiori al detto massimale: a) per più richieste di risarcimento, anche se presentate in tempi diversi, che traggano origine da uno stesso comportamento colposo; b) per più richieste di risarcimento, comunque originate, presentate in uno stesso periodo annuo di assicurazione o - per polizze di durata inferiore all anno - nell intero periodo di assicurazione. In caso di più richieste di risarcimento originate da uno stesso comportamento colposo, la data della prima richiesta sarà considerata come data di tette le richieste, anche se presentate successivamente alla cessazione dell assicurazione. A tal fine, più richieste di risarcimento originate da uni stesso comportamento colposo sono considerate unico sinistro. Il massimale convenuto in polizza per sinistro resta ad ogni effetto unico anche nel caso di corresponsabilità di più assicurati. 4. Delimitazione territoriale L assicurazione vale per le richieste di risarcimento originate da comportamenti colposi posti in essere in Italia, nella Repubblica di San Marino e nello Stato Città del Vaticano. 5. Persone non considerate terzi Non sono considerati terzi: - tutti coloro la cui responsabilità è coperta dalla presente assicurazione; - il coniuge, i genitori, i figlio degli Assicurati, nonché qualsiasi altro parente od affine con essi conviventi. 6. Rischi esclusi dall assicurazione L assicurazione non vale per: a) i danni a persone (morte e lesioni personali) e per i danneggiamenti a cose; b) le perdite patrimoniali conseguenti all inquinamento dell aria, dell acqua, o del suolo e comunque al danno ambientale; c) le perdite patrimoniali conseguenti a smarrimento, distruzione o deterioramento di denaro, di preziosi o di titoli al portatore, nonché quelle derivanti da furto, rapina o incendio; d) le perdite patrimoniali derivanti da fatti dolosi o dall intenzionale violazione di obblighi derivanti dalla legge, dalle legittime delibere di nomina, dall Atto Costitutivo, dallo Statuto Sociale e dalle delibere assembleari; e) le perdite patrimoniali conseguenti ad attività di consulenza e comunque al mancato raggiungimento del fine o all insuccesso di iniziative a qualunque titolo o scopo intraprese; f) le perdite patrimoniali conseguenti ad atti compiuti dall Assicurato successivamente alla promozione dell azione di responsabilità da parte del Contraente o dei Soci o dei creditori sociali, ovvero 10

11 successivamente alla denuncia al Tribunale del sospetto di irregolarità nell adempimento dei doveri degli Amministratori (art C.C.), ovvero successivamente allo scioglimento della Società (art C.C.) od alla richiesta di fallimento, di concordato preventivo, di amministrazione controllata, di liquidazione coatta amministrativa o di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi; g) le perdite patrimoniali derivanti da responsabilità volontariamente assunte dagli Assicurati e non direttamente loro derivanti dalla legge, ivi incluse, ma senza limitazione, le attività dirette alla corruzione - tentata o meno - di Pubblici Ufficiali o di Pubbliche Autorità in genere; h) le perdite patrimoniali derivanti da omesso o errato versamento di imposte, tasse, contributi di ogni tipo compresi quelli previdenziali, multe e penalità in genere. i) le perdite patrimoniali od i danni che abbiano determinato un indebito arricchimento dell Assicurato. 7. Clausola di esclusione Anno 2000 A completamento di quanto previsto dalle Condizioni Generali e Particolari di Assicurazione si precisa che sono esclusi dalla presente assicurazione i danni di qualsiasi natura derivanti da mancato, errato, inadeguato funzionamento del sistema informatico e/o di qualsiasi impianto, apparecchiatura, componente elettronico, firmware, software, hardware in ordine alla gestione delle date (c.d. Rischio Anno 2000). 8. Regolazione del premio Premesso che il premio è convenuto in base ad elementi di rischio variabili, esso viene anticipato in via provvisoria nell importo risultante dal conteggio esposto in polizza ed è regolato alla fine del periodo assicurativo annuo o della minor durata del contratto, secondo le variazioni intervenute durante lo stesso periodo negli elementi presi come base per il conteggio del premio, fermo il premio minimo stabilito in polizza. A tale scopo, entro 60 giorni dalla fine del periodo annuo di assicurazione o della minor durata del contratto, la Contraente deve fornire per iscritto alla Società i dati, relativi allo stesso periodo, necessari per la regolazione del premio. Le differenze, attive e passive, risultanti dalla regolazione devono essere pagate nei 15 giorni dalla relativa comunicazione da parte della Società. Se la Contraente non effettua nei termini prescritti la comunicazione dei dati anzidetti o il pagamento della differenza attiva dovuta, la Società può fissargli un ulteriore termine non inferiore a 15 giorni, trascorso il quale la Società, fermo il suo diritto di agire giudizialmente, non è obbligata per i sinistri accaduti nel periodo al quale si riferisce la mancata regolazione. La Società ha il diritto di effettuare verifiche e controlli per i quali la Contraente è tenuta a fornire i chiarimenti e le documentazioni necessarie. 9. Variazione degli Assicurati La Contraente dovrà comunicare alla Società ogni variazione intervenuta nella composizione del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale o relativa all Amministratore Unico ed ai Direttori Generali, tanto del Contraente che delle Consociate, entro 60 giorni dalla stessa, fornendo, per i nuovi componenti, tutte le informazioni previste dalla proposta - questionario presentata alla Società per la stipulazione della polizza. In tal caso la Società ha facoltà di recedere dal contratto entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione con restituzione della parte di premio non goduto. 10. Gestione delle vertenze di danno - Spese legali La Società assume fino a quando ne ha interesse la gestione delle vertenze tanto in sede stragiudiziale che giudiziale, sia civile che penale, a nome dell Assicurato, designando, ove occorra, legali o tecnici ed avvalendosi di tutti i diritti ed azioni spettanti all Assicurato stesso. Sono a carico della Società le spese sostenute per resistere all azione promossa contro l Assicurato, entro il limite di un importo pari al quarto del massimale stabilito in polizza. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto massimale, le spese vengono ripartite fra Società e Assicurato in proporzione del rispettivo interesse. La Società non riconosce spese incontrate dall Assicurato per i legali o tecnici che non siano da essa designati e non risponde di multe o ammende inflitte all Assicurato, né delle spese di giustizia penale. 11

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

GENERALI SEI IN AUTO

GENERALI SEI IN AUTO GENERALI SEI IN AUTO AUTOVETTURE Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa, comprensiva del Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Condizioni per l utilizzo dei contenuti

Condizioni per l utilizzo dei contenuti Condizioni per l utilizzo dei contenuti Condizioni generali Le presenti disposizioni regolano l uso del servizio del sito web di Internet (di seguito, la "Pagina Web" o il Sito Web ) che CIGNA Life Insurance

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano DEFINIZIONI Nel testo che segue, si intendono : - per Assicurato si intende il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione (a titolo esemplificativo: il Professionista, lo Studio Associato,

Dettagli

Assicurazione responsabilità civile organi direttivi

Assicurazione responsabilità civile organi direttivi Assicurazione responsabilità civile organi direttivi Informazioni per la clientela ai sensi della LCA e Condizioni generali di assicurazione (CGA) Indice del contenuto Art. Pagina Art. Pagina Art. Pagina

Dettagli

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE a) Nota Informativa comprensiva

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale Il Consiglio Nazionale ha stipulato a seguito di bando di gara con l 'ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa una convenzione

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi 1 LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi S OMMARIO DEFINIZIONI pag. 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Oggetto dell assicurazione R.C.T. pag. 3 Oggetto

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE Indice Nobis Compagnia di Assicurazioni I. NOTA NOBISTRUCK INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO Pagina della Nota informativa A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE... 1.... 2. DI RESPONSABILITÀ... CIVILE PER

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli