Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007"

Transcript

1 Lancenigo di Villorba TREVISO CORSO SERALE AREA DI PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Allievo: NASATO GIANNI Tutor: prof. ITALO ZANIOL, MARCO FALAVIGNA MACCHINA A CONTROLLO NUMERICO GESTITA DA MICROCONTROLLORE 1

2 INDICE INTRODUZIONE pag. 3 SCHEMA A BLOCCHI DEL SISTEMA pag. 4 ANALISI DELLO SCHEMA A BLOCCHI E DEI PRINCIPALI COMPONENTI pag. 4/9 SCHEMA ELETTRICO DEL CIRCUITO DI CONTROLLO pag. 10/11 PIC 16F877 della Microchip SOFTWARE PER LA SIMULAZIONE DELLA SCHEDA DI CONTROLLO pag. 11/12 ( Proteus ver.9.4) SOFTWARE PER IL CONTROLLO NUMERICO ( KellyCam versione free) pag. 13/14 SOFTWARE PER DISEGNO CAD 2D 3D ( AlphaCam ) pag. 15/16 SOFTWARE UTILIZZATO PER LA PROGETTAZIONE HARDWARE pag. 16/17 (Eagle 2D/3D) Vista della scheda di controllo in 3D realizzata con Eagle SOFTWARE PROGETTATO IN LIGUAGGIO ASSEMBLY pag. 17/26 (spiegazione delle principali routine) DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA E VIDEO pag. 26/29 CONSIDERAZIONI FINALI (ed esempi di lavorazioni) pag. 29/30 PRINCIPALI ISTRUZIONI E METODOLOGIE PER ESEGUIRE LA FORATURA DI CIRCUITI STAMPATI pag. 31/34 2

3 Introduzione A conclusione del corso di studi presso l ITIS M. PLANCK di Lancenigo (TV), ho pensato di realizzare un progetto che consentisse di unire le conoscenze acquisite sui microprocessori al controllo delle macchine utensili utilizzate per la lavorazione di diversi materiali ( materiali teneri e in particolare legno ) e la realizzazione di circuiti stampati ( asportazione rame mediante fresa e foratura ). Utilizzando il microcontrollore PIC16F877A, opportunamente interfacciato con tre motori e altre periferiche di controllo e comando, ho progettato una macchina (pantografo) a livello hobbistico che, mediante il controllo di tre assi X-Y-Z, realizza un sistema di controllo ampiamente utilizzato in campo industriale e che è comunemente chiamato CNC. CNC è l abbreviazione di Computer Numeric Control, ossia una macchina per lavorazioni meccaniche, vedi tornio, fresa ecc., che viene comandata da un computer per eseguire delle lavorazioni ad un pezzo. Con un programma CAD (vedi Autocad), viene disegnato il particolare da realizzare, poi con un programma CAM (vedi KCAM) viene generato il programma usato dal controllo CNC. Una macchina a CNC di tipo hobbistico, come questa realizzata, è generalmente costituita dalle seguenti parti: Computer programmi CAD, CAM ed interpreti vari. Programma di controllo CNC file in formato Gcode del pezzo o lavorazione da eseguire controllo elettronico del CNC (Stepper drivers) gruppo alimentazione del controllo elettronico. motori passo passo (step motor) fresa che esegue le lavorazioni Meccanica della macchina a controllo numerico 3

4 Schema a blocchi del sistema e sua descrizione Lo schema a blocchi del sistema è quello rappresentato in figura. Il computer può essere un qualsiasi Personal Computer con sistema operativo DOS Windows LINUX MAC su cui possa girare del software capace di gestire la macchina a CNC in tempo reale fornendo opportuni segnali di controllo utilizzando per questa applicazione la porta parallela. La comunicazione potrebbe avvenire anche tramite porta seriale RS232 oppure USB. Nel computer deve essere installato: un pacchetto applicativo CAD 3D che consente di disegnare il pezzo da ottenere a lavorazione finita. Un pacchetto applicativo CAM che traduce il file di disegno CAD in un programma di lavorazione per la macchina a CNC. Il microcontrollore ha il compito di gestire gli attuatori che controllano il movimento di tre assi ( potrebbero essere anche di più per lavorazioni complesse ). Il movimento dei tre assi controlla la posizione di un utensile portato in rotazione da un motore ( ad esempio un motore in corrente continua ). Le informazioni vengono fornite al microcontrollore dal PC tramite la porta parallela suddetta; a sua volta il microcontrollore potrebbe inviare al PC, sempre attraverso la parallela, segnali riguardanti lo stato di alcune periferiche ( fine corsa, tastatori, pulsanti di emergenza ecc. ). Riassumendo le periferiche interfacciate al microcontrollore sono: La porta parallela per ricevere segnali di controllo dal PC Una tastiera per posizionare manualmente l utensile tre driver per il pilotaggio dei motori un driver per pilotare il motore che porta in rotazione l utensile dei led di segnalazione un pulsante di emergenza (reset) Nella scheda è presente anche uno strip per la programmazione in circuit del microcontrollore. 4

5 Analisi delle periferiche La porta parallela Questa interfaccia verso il PC, anche se oramai in disuso, ben si presta alla mia applicazione. Questa porta, infatti, dispone di un numero di I/O adeguati ed inoltre la velocità di trasmissione delle informazioni soddisfa l esigenza di una applicazione real time. In figura 1 è mostrata la piedinatura della porta (connettore femmina ): le linee in giallo sono uscite, quelle in celeste ingressi e quelle verdi la massa. In figura 2 sono indicati i nomi delle varie linee che sono derivati dalla iniziale applicazione di questa porta per il controllo di stampanti. Fig. 1 fig. 2 In tabella è riportato l indirizzo di ciascun bit con il relativo indirizzo di porta. I nomi indicati in grassetto sono segnali in logica negata. 5

6 Tramite i segnali di uscita della porta parallela, il PC invia al processore i comandi per i motori che controllano i movimenti dei tre assi. Per ogni asse vengono utilizzati due segnali: uno controlla la direzione dello spostamento ( direction ), mentre l altro (clock) lo spostamento di un passo. Un ulteriore segnale serve a controllare il motore che aziona l utensile. In definitiva il microcontrollore dovrà interpretare questi segnali e comandare fisicamente le interfacce dei motori. La tastiera Tenuto conto che il tastierino è costituito da una matrice di righe e colonne sui cui incroci si trova un pulsante che mette in collegamento una riga con una colonna, la lettura di tale periferica può essere fatta portando a livello basso una colonna ( o una riga ) e fare la scansione ( lettura ) delle righe ( colonne ). Quando un tasto, che si trova sulla colonna suddetta, viene azionato, la riga corrispondente a questo tasto si trova a livello basso e come tale può essere letta. Configurando le colonne come ingressi e le righe come uscite, con opportuna scansione, si può stabilire il tasto azionato. In fase di lettura della tastiera è anche opportuno utilizzare del software che consente di eliminare i rimbalzi dei contatti. La logica da seguire è la seguente: a) quando viene riconosciuto un livello basso su uno degli ingressi, si chiama una routine di ritardo di 20ms che consente di ignorare lo stato della periferica finché vengono eliminati i rimbalzi. 6

7 b) Trascorso tale tempo, si attende che il tasto venga rilasciato ( si testa se l ingresso viene portato a livello alto ). c) Riconosciuto questo evento si richiama la routine di ritardo e si prosegue con le successive istruzioni del programma. I motori passo-passo Per l azionamento dei tre assi sono stati utilizzati dei motori passo-passo. Essi presentano vantaggi e svantaggi rispetto ad altri tipi di attuatori. Vantaggi: Non richiedono un sistema di retroazione che controlli la posizione dell asse La logica di comando è puramente digitale e in genere mediante microprocessore La posizione è facilmente deducibile dal software di controllo A motore fermo il rotore può essere bloccato Svantaggi: La coppia disponibile è limitata a valori bassi Qualora la coppia frenante sia maggiore di quella motrice viene persa la posizione dell asse All aumentare della velocità la coppia motrice diminuisce Principio di funzionamento di un motore passo-passo Si prende in considerazione un motore passopasso bipolare costituito da quattro avvolgimenti Ph1, Ph2, Ph3, Ph4 disposti sullo statore a 90 l uno dall altro avvolti su quattro espansioni polari. Sul rotore è presente un magnete permanente. Per comprendere il principio di funzionamento è possibile ricondursi alla seguente schematizzazione costituita dal magnete e dalle 4 bobine. Iniziamo ad alimentare le due bobine in verticale. Il solenoide in alto affaccia il polo S alla calamita mentre il solenoide in basso mostra il proprio polo N. Poli opposti si attraggono, perciò il magnete si porterà con il polo N in alto ed il S in basso. Successivamente alimentiamo le due bobine poste in orizzontale. Anche questi solenoidi sono collegati in serie. Il magnete "vedrà" il polo S a destra ed il N a sinistra, e si 7

8 porterà in questa posizione compiendo un quarto di giro in senso orario. Proviamo ora ad alimentare le due bobine verticali ma invertendo la polarità della batteria rispetto al primo caso: la corrente circola in senso inverso, il polo S è ora in basso e quello N in alto. Il magnete ruota di un altro quarto di giro in senso orario, attirata dai poli opposti. La situazione è simmetrica rispetto al primo passo. Infine alimentiamo ancora le due bobine orizzontali, con polarità rovesciata rispetto al secondo caso. Il magnete ruota di un ulteriore quarto di giro, per avvicinare il proprio polo N al polo S che ora si trova a sinistra, ed il proprio polo S al polo N che ora è a destra. La sequenza prosegue ricominciando dal passo 1: così facendo il rotore tornerà alla posizione iniziale e avrà compiuto un giro intero. Questo è uno dei tanti modi di alimentazione degli avvolgimenti che comunque aiutano a comprendere come funziona un motore passo-passo. Driver per motori passo-passo Da quanto visto sul funzionamento dei motori passo-passo, il modo più semplice per pilotarli è quello di utilizzare quattro amplificatori binari che controllano la conduzione delle fasi. Tali amplificatori si realizzano con BJT oppure mosfet. Poiché i motori assorbono correnti piuttosto elevate ( in genere maggiori di 500mA ) è opportuno, se si utilizzano dei BJT, far riferimento a dei transistori Darlington caratterizzati da un guadagno statico di corrente piuttosto elevato che limita la corrente di pilotaggio a pochi ma. Nel progetto sono stati utilizzati dei transistori BDX53. 8

9 Transistor BDX53C Categoria transistor bipolari hfe 750 min Lc max (A) 8,0 Modello NPN Darlington Pd max. 60,00W Vceo max. 100,0 V TRANSISTOR BJT (bipolar junction transistor) E idealmente costituito due giunzioni PN realizzate su un wafer di silicio. E un dispositivo tripolare cioè a tre terminali. C: Collettore B: Base E: Emettitore EQUAZIONI IN REGIONE ATTIVA : I E = I C + I B I C = h FE I B I E = I B h FE + I B = I B (h FE + 1) I E I C POLARIZZAZIONE DEL BJT Per far funzionare il transistore come interruttore, è necessario che, con segnale di ingresso basso, esso si trovi in interdizione mentre, con livello alto, in saturazione. Se Vi è minore della tensione di soglia ( circa 1V per un darlington ) il BJT è interdetto in quanto I B =0. Con livello alto, si dimensiona R B in modo che 9

10 I B sia maggiore di I C /h FE di un 20 30%. Nel nostro caso i motori assorbono circa 1 ampere, per cui risulta R B = 470 ohm. Lo svantaggio maggiore di pilotare le fasi con questa tecnica, consiste nel fatto che la corrente di eccitazione di fase non sale istantaneamente al valore massimo quando il transistore si porta in conduzione, ma bensì con legge esponenziale che dipende dalla costante di tempo del circuito di eccitazione. Per questo motivo la velocità di rotazione deve essere limitata in quanto la coppia motrice cala all aumentare della velocità. Ci sono varie tecniche che consentono di fronteggiare questo problema. La più vantaggiosa consiste nell alimentare le fasi con una tensione maggiore di quella nominale in modo da ridurre il tempo in cui la corrente arriva a regime. Una volta raggiunto tale valore, si diseccita la bobina; la corrente continua a circolare nella fase grazie ai diodi di ricircolo in parallelo alla bobina. Quando la corrente scende al di sotto di un certo valore, si torna ad eccitare la bobina. Tale tecnica, denominata PWM, consente di raggiungere ottimi risultati con costi, però, sicuramente maggiori. Esistono svariati circuiti integrati che consentono il controllo del motore nel modo indicato: i più famosi sono la coppia LM Tuttavia la soluzione adottata consente un risparmio economico di circa venticinque euro anche se le prestazioni sono inferiori. Schema elettrico scheda di controllo basata su PIC 16F877A 10

11 disposizione dei componenti M o r s e t t i e r e c o l l e g a m e n t o Collegamento utensile m o t o r i Alimentazione Il pic 16F877 Pin collegamento tastierino Connettore 25 poli LPT Pin collegamento programmatore on board. Il PIC = Peripheral Interface Controller (Controllore di periferiche programmabile) è, in ultima analisi, un microcomputer. Dispone di: 8k di flash memory (area memoria programma) 368 byte di ram 256 byte di memoria non volatile Tutte le istruzioni, ad eccezione di quelle di salto, utilizzano 1 ciclo macchina che corrisponde a 4 periodi di clock può lavorare con un clock fino 20 Mhz ha fino a 14 sorgenti di interrupt (da periferiche interne e/o esterne) è possibile annidare fino ad 8 chiamate a subroutine in quanto lo Stack ha una profondità pari a 8 Ha un architettura RISC che significa : Reduced Instruction Set Computing, cioè può essere programmato con un numero limitato di istruzioni ( 35 ) Supporta la ICSP : In Serial Circuit Programming cioè la possibilità di programmarlo senza togliere il chip dalla scheda Le periferiche interne sono: 3 Timer (Timer0 8 bit, Timer1 16 bit e Timer2 8 bit) 2 moduli CCP capture, compare e pwm 11

12 8 ingressi analogici con conversione a 10 bit porta seriale sincrona/asincrona porta I 2 c porta di comunicazione parallela (PSP) diversi pin di i/o distribuiti su 5 porte (Porta, Portb, Portc, Portd, Porte) Ambiente di sviluppo del Software per simulazione e programmazione del microcontrollore (Proteus ver.9.4) Per la progettazione del software è stato utilizzato il programma MPLAB IDE v7.50. Per quanto concerne la simulazione, ho utilizzato il programma PROTEUS VER9.4 che risulta ottimale in quanto consente di analizzare adeguatamente il funzionamento del software che gira nel PIC e di metterlo a punto in tempi brevi. Questo programma mi ha dato sicuramente grandi soddisfazioni e risultati. Il modo di utilizzo è stato da parte mia istintivo e autodidatta; la simulazione si basa sui seguenti punti: si costruisce lo schema elettrico utilizzando i componenti in libreria. Nel mio caso ho utilizzato il PIC16F877, un ingresso gestito da parallela,un tastierino, una serie di diodi led, dodici transistor NPN Darlington BDX53C e componenti di supporto. Si crea il software in linguaggio Assembler, per il controllo degli ingressi e delle uscite del microcontrollore. Si genera il file eseguibile o codice oggetto con estensione HEX ( quello che dovrebbe essere caricato nel PIC ) Si carica il file HEX sul PIC virtuale di Proteus. Negli ingressi della porta parallela cioè il PORTA, ho simulato un segnale di clock con frequenza 20 Hz Si procede con la simulazione Di seguito, in fig.4, è riportato lo schema elettrico realizzato e il listato dei componenti (fig.5) generato da PROTEUS. 12

13 Fig. 5 13

14 Software CAM per la gestione, via porta parallela, dei file GC,DXF,LPT (Kellyware KCam v4.0.22) View CNC control Questa funzione apre la finestra di controllo CNC. La finestra del controllo CNC, permette il controllo dei movimenti manuali e automatici degli assi. Insieme alle informazioni specifiche sulle caratteristiche dei movimenti. Keyboard Jog Controls Quando questa finestra è aperta, la pressione dei tasti freccia sul tastierino numerico del PC ( scroll lock attivo ) movimenterà gli assi; questi si sposteranno solo quando i tasti saranno abbassati; non appena verranno rilasciati il movimento verrà arrestato. 14

15 View Parallel port I/O display Questa funzione apre la finestra di visualizzazione della porta di I/O, dove è rappresentato lo stato corrente della logica sui PIN della porta parallela. Questa schermata può essere utile per diagnosticare problemi di comunicazione I/O. Table setup Parameters. Si apre con questa la tabella di impostazione. Da qui è possibile settare la redazione dei parametri di tabella CNC. Es. - Unità di misura (millimetri o pollici) -Numero di passi per unità di misura richiesti per azionare un asse. -Lunghezza massima di un asse. -Profondità dell asse Z in modo spostamento o in modo lavorazione. -Inversione del sistema di coordinate dei motori. -Posizione di origine. PIN setup Port Maschera per il settaggio dei pin della porta parallela. Deve esserci una corrispondenza logica con l hardware ed il software progettato per la scheda di controllo dei motori e del mandrino. 15

16 Software per disegno 2D-3D ALPHACAM Questo software, in pratica, è un CAD 3D con particolarità CAM. Si può disegnare qualsiasi oggetto comprese scritte 2D-3D. Rispetto ad altri CAD è necessario specificare le sezioni del pezzo da lavorare (specifica dimensioni materiale), decidere le varie caratteristiche di taglio, cioè, utensile usato, direzione da prendere (interna o esterna alla linea), profondità di lavorazione, faccia o volume di taglio. Grazie, poi, ad un post processor generico, il disegno, completo delle sue lavorazioni, viene salvato come file GC ( gcode) con tutte le coordinate negli assi cartesiani X Y Z. Simulazione 3D lavorazione pezzo. Schermata iniziale di AVANZATO 3D 3 ASSI Pantografo: 16

17 L immagine successiva rappresenta il disegno iniziale della struttura della macchina ( pantografo ), appunto progettata con questo CAD; successivamente i profili sono stati convertiti come taglio utensile nel formato GC (g code) Software utilizzato per realizzare schema elettrico e sbrogliato ( Eagle 4.11 ) Con il pacchetto applicativo Eagle V è stata progettata la parte hardware della scheda di controllo vale a dire schema elettrico e master per la realizzazione degli stampati. Questi passaggi sono stati eseguiti in laboratorio di TDP durante l anno scolastico. Schermata principale: 17

18 Board. Schematic: Il software in linguaggio Assembler progettato con MPLAB V Assegnazione di variabili e localizzazioni memorie: ;***************** PANTOGRAFO ************************* list p=pic16f877 config ( _CP_OFF & _DEBUG_OFF & _WDT_OFF & _XT_OSC & _CPD_OFF & _BODEN_OFF & _WRT_ENABLE_OFF & _LVP_OFF ) #include <p16f877.inc> #define XPORT PORTD #define YPORT PORTC #define ZPORT PORTC 18

19 #define RELE PORTD,0 #define INPUTPORT PORTA #define RELEPORT PORTE,0 #define XF1 4 #define XF2 5 #define XF3 6 #define XF4 7 #define YF1 7 ;ASSEGNAZIONE DI UN NOME #define YF2 4 ;SIMBOLICO ALLE FASI DEI MOTORI #define YF3 5 ; #define YF4 6 ;QUESTA TECNICA PERMETTE DI ;SPECIFICARE QUALE FASE ECCITARE #define ZF1 2 ;SENZA DOVER OGNI VOLTA #define ZF2 3 ;RICORDARE L USCITA (PORTx,x) #define ZF3 0 #define ZF4 1 #define XBIT 0 #define YBIT 1 #define ZBIT 2 #define XDIR 3 #define YDIR 4 #define ZDIR 5 #define STEPMASK 0X03 cblock 0X20 ; dall indirizzo 0X20 si definiscono le varie label. MS SAVE_W SAVE_S CONTX CONTY CONTZ CONTX1 CONTY1 CONTZ1 PORTAI CONT COUNTER1 COUNTER2 NEWSAMPLE OLDSAMPLE XSTEPCOUNTER YSTEPCOUNTER ZSTEPCOUNTER DUMMYPORT endc 19

20 Configurazione dei registri speciali del PIC MOVLW B' ' ;PRESCALE PER QUARZO 4 Mhz MOVWF OPTION_REG ;ASSEGNA PRESCALE A TMR0 - CONFIGURA ; PRESCALER MOVLW B' ' ;CONFIGURA PORTB PER TASTIERINO MOVWF TRISB CLRF TRISE CLRF TRISC ;PORTC OUT CLRF TRISD ;PORTD OUT MOVLW B' ' ;CONFIGURA ADCON1 PER INGRESSI DIGITALI MOVWF ADCON1 ;DEL PORTA CLRF TRISA MOVLW 0XFF ;CONFIGURA PORTA COME INGRESSI DIGIT. MOVWF TRISA MOVLW B' ' ;PORTE,0 e 1 COME INGRESSI MOVWF TRISE BCF STATUS,5 ;BANCO 0 ;******************* CLRF NEWSAMPLE ;INIZIALIZZAZIONE DELLE VARIABILI CLRF OLDSAMPLE CLRF XSTEPCOUNTER CLRF YSTEPCOUNTER CLRF ZSTEPCOUNTER ;******************* CLRF PORTB CLRF PORTC ;MOTORI X, Y OFF CLRF PORTD ;RELE' OFF MOTORE Z OFF DIODI ON CLRF CONTX CLRF CONTY CLRF CONTZ CLRF CONTX1 ;AZZERA CONTATORI PASSI CLRF CONTY1 CLRF CONTZ1 CLRF CONT MOVLW B' ' ;ABILITA INTERRUPT MOVWF INTCON 20 Routine di Test: in questa parte di programma si rimane in attesa della pressione di un pulsante del tastierino per poter passare alla

21 modalità manuale, cioè il movimento degli assi tramite tastiera, oppure alla modalità automatica, assegnando Il controllo alla porta parallela: La scansione del tastierino collegato al PORTB, viene eseguita in maniera semplice. Il sistema di test pone inizialmente sempre a zero il bit meno significativo che controlla l uscita di un diodo led (PORTB,0), mentre i bit rimanenti controllano la tastiera. Poniamo a valore alto tutti i bit tranne quello corrispondente alla colonna da testare. Successivamente si esegue un test per controllare se una riga viene portata bassa.in questo caso viene chiamata la routine POSIZIONA1. Si continua finché non viene premuto uno dei due tasti scelti per il passaggio alla lavorazione automatica. ;******************************* TESTA BCF PORTD,1 BCF PORTD,2 BCF PORTD,3 ;ACCENDE DIODI E SPEGNE RELE BCF PORTB,0 BCF PORTE,2 PORTB,5 PORTB,0 DIODO LED TESTA1 MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 3 (PORTB,5) MOVWF PORTB BTFSS PORTB,6 ;PREMUTO #? CALL POSIZIONA1 ;POSIZIONAMENTO MANUALE ASSI MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 1 (PORTB,1) MOVWF PORTB BTFSS PORTB,6 ;PREMUTO *? CALL scanningloop;lavorazione AUTOMATICA GOTO TESTA1 :RITORNA A FARE IL TEST SENZA VARIARE ;LA CONFIGURAZIONE DIODI E RELE Routine posiziona: con la pressione di un tasto si chiamano le routine per l eccitazione delle fasi dei motori. Questa parte di programma non si differenzia da quella spigata in precedenza; il test viene eseguito incrociando il controllo tra colonne e righe del tastierino. 21

22 ;********************ROUTINE POSIZIONA******************** POSIZIONA1 BSF PORTE,2 ;attiva segnalatore POSIZIONA BTFSC PORTE,1 GOTO VAI XYZ BTFSS PORTE,1 GOTO XYZ BTFSC PORTE,2 GOTO ON ;SERIE DI TEST PER ATTIVAZIONE GOTO OFF ;RELE,IN D0,CON PULSANTE IN E1 E ON BCF PORTE,2 ;RISPETTIVA ACCENSIONE LED IN E2 BCF PORTD,0 GOTO VAI OFF BSF PORTE,2 BSF PORTD,0 VAI CALL MS20 BSF PORTD,1 ;SPEGNE DIODI BSF PORTD,2 BSF PORTD,3 MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 2 MOVWF PORTB BTFSS PORTB,3 ;PREMUTO 5? CALL SX_Z ;CHIAMATA MOVIMENTO IN Z BTFSS PORTB,6 ;PREMUTO 0? CALL DX_Z ;CHIAMATA MOVIMENTO IN Z BTFSS PORTB,2 ;PREMUTO 2? CALL DX_Y ;CHIAMATA MOVIMENTO IN Y BTFSS PORTB,4 ;PREMUTO 8? CALL SX_Y ;CHIAMATA MOVIMENTO IN Y MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 3 MOVWF PORTB ; BTFSS PORTB,2 ;PREMUTO 3? CALL XY ; CHIAMATA MOVIMENTO IN X-Y BTFSS PORTB,3 ;PREMUTO 6? CALL DX_X ;CHIAMATA MOVIMENTO IN X BTFSS PORTB,4 ;PREMUTO 9? CALL YX1 ; CHIAMATA MOVIMENTO IN X-Y MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 1 MOVWF PORTB ; BTFSS PORTB,2 ;PREMUTO 1? 22

23 CALL YX ; CHIAMATA MOVIMENTO IN X-Y BTFSS PORTB,3 ;PREMUTO 4? CALL SX_X ; CHIAMATA MOVIMENTO IN Y BTFSS PORTB,4 ;PREMUTO 7? CALL XY1 ; MOVLW B' ' ;SCANSIONE COLONNA 1 MOVWF PORTB ; BTFSC PORTB,6 GOTO POSIZIONA RETURN Routine eccitazione fasi motore Come spiegato, il controllo del motore avviene eccitando le fasi secondo una certa sequenza. Si eccitano a rotazione le fasi in modo tale che il magnete interno compia uno spostamento di un passo (1,8 ) nella direzione desiderata. Nel mio caso le fasi sono state eccitate a due per volta in modo da aumentare la coppia motrice, cosa particolarmente gradita per l azionamento degli assi X, Y. Una tipologia particolare di motore passo-passo utilizzabile sia in configurazione unipolare che bipolare, e quella a 6 fili. Nella figura questo tipo di motore è stato schematizzato con le quattro fasi racchiuse nel rettangolo tratteggiato. Passo Ph1 Ph3 Ph2 Ph4 1 I I I I I I 4 I 0 0 I La coppia disponibile, con eccitazione a due fasi per volta, è circa 1,4 volte maggiore di quella ottenuta con una sola fase attiva alla volta: infatti sul rotore agiscono due forze tra loro perpendicolari che producono una risultante con modulo 1.4 volte maggiore rispetto alle componenti assiali. Il consumo di potenza e quindi anche il riscaldamento del motore raddoppiano. Questo fatto potrebbe creare problemi in alcuni motori non adatti a questo tipo di pilotaggio. 23

24 Di seguito è mostrata la routine spostamento: L eccitazione dei motori è a due fasi per volta. ;********** ROUTINE SPOSTA ASSE Z VERSO ALTO *************** SX_Z BCF PORTD,1 ;ACCENDI DIODO INCF CONTZ MOVLW 4 ;CONTROLLA POSIZIONE SUBWF CONTZ,0 ; MOTORE BTFSS STATUS,2 GOTO SZ1 CLRF CONTZ BCF PORTC,2 ;UN PASSO BSF PORTC,0 BSF PORTC,1 ;LE DUE FASI ECCITATE RETURN SZ1 MOVLW 1 SUBWF CONTZ,0 BTFSS STATUS,2 GOTO SZ2 BCF PORTC,1 ;UN PASSO BSF PORTC,0 BSF PORTC,3 RETURN SZ2 MOVLW 2 SUBWF CONTZ,0 BTFSS STATUS,2 GOTO SZ3 BCF PORTC,0 ;UN PASSO BSF PORTC,2 BSF PORTC,3 RETURN SZ3 BCF PORTC,3 ;UN PASSO BSF PORTC,1 BSF PORTC,2 RETURN Sicuramente la parte di programma più importante riguarda la lettura e l elaborazione dei segnali provenienti dalla porta parallela. Come detto in precedenza il controllo di ogni asse utilizza 2 linee: Direzione asse Clock ovvero il segnale che controlla l avanzamento di un passo dei motori. L hardware prevede che i segnali provenienti dalla parallela siano leggibili sul porto A del PIC ad eccezione del segnale che controlla lo stato del motore porta utensile posto nel porto E. 24

25 Di seguito è analizzata una parte della routine che interpreta tali segnali e controlla la posizione dei tre motori e del relè che aziona il motore porta utensile. ;********** ROUTINE LAVORAZIONE PEZZO ******************* scanningloop BTFSC RELEPORT ;CONTROLLA SE ATTIVARE RELE BCF RELE BTFSS RELEPORT BSF RELE BTFSC RELEPORT BCF PORTE,2 BTFSS RELEPORT BSF PORTE,2 ;ATTIVA DISATTIVA SEGNALATORE Questo blocco di istruzioni è sufficientemente semplice; viene testato lo stato dell ingresso RELEPORT così dichiarato: #define RELEPORT PORTE,0 Lo stato del bit zero del porto E, viene praticamente copiato nel bit zero del porto D che controlla lo stato dell utensile. La variabile relè è stata così dichiarata: #define RELE PORTD,0 Il seguente blocco di istruzioni controlla se deve essere aggiornata la posizione dell asse X secondo la seguente logica: 1. viene letto il porto A e salvato nella variabile NEWSAMPLE 2. viene testato il bit che fornisce il segnale di clock relativo allo stato passato dell asse X ( precedente ciclo di lettura ) memorizzato in OLDSAMPLE. a. Se questo bit è a 1 lo stato dell asse non deve essere modificato in quanto se il nuovo stato è 1 significa che è in corso la temporizzazione relativa all esecuzione di un passo se il nuovo stato è zero lo stato dell asse non deve cambiare b. Se è 0 bisogna controllare lo stato presente. Se lo stato presente è 0 non è richiesto il cambiamento di stato dell asse, se 1 si deve aggiornare la posizione chiamando in causa la routine UPDATEX. movf PORTA,W ;MEMORIZZA STATO PRESENTE MOTORI movwf NEWSAMPLE btfsc OLDSAMPLE,XBIT ;CONTROLLA STATO PASSATO DEL MOTORE X; SE OFF ;CONTROLLA NUOVO STATO goto nostepx ;SE ON NON INTERVENIRE LASCIA FASI ECCITATE BTFSC NEWSAMPLE,XBIT ;CONTROLLA NUOVO STATO MOTORE ASSE X CALL UPDATEX ;SE A 1 CHIAMA ROUTINE CHE CONTROLLA DIREZIONE E MUOVE ;DI UN PASSO nostepx btfsc OLDSAMPLE,YBIT ;IDEM ASSEY GOTO nostepy BTFSC NEWSAMPLE,YBIT CALL UPDATEY nostepy Al termine di questa routine viene aggiornato lo stato passato degli assi trasferendo in OLDSAMPLE il contenuto di NEWSAMPLE. 25

26 MOVF NEWSAMPLE,W MOVWF OLDSAMPLE GOTO scanningloop ;AGGIORNA STATO DEI MOTORI ;LO STATO PRESENTE DIVENTA STATO PASSATO PER NUOVA ;SCANSIONE La routine UPDATEX movimenta il motore relativo all asse X secondo questa logica: 1. viene controllata la direzione testando il bit 3 del porto A: a seconda dello stato di tale bit viene aggiornato lo stato del puntatore ( incrementato o decrementato di 1 ) che consente di recuperare dalla tabella XSTEPTASBLE i livelli logici con cui pilotare le fasi del motore X. Poiché i puntatori potrebbero assumere dei valori negativi ( ad esempio se inizialmente il valore del puntatore fosse 0 ed esso fosse decrementato per puntare al dato in posizione 3 della tabella, assumendo invece il valore 0xFF ) bisogna correggere tale situazione azzerando tutti i bit non significativi che potrebbero portarci fuori tabella. La variabile STEPMASK, inizializzata col valore 0x03, è una maschera che, tramite una istruzione di AND logico, consente di azzerare tutti i bit del puntatore ad esclusione dei due meno significativi che servono ad accedere ai dati di tabella. 2. letto da tabella lo stato dei transistori che pilotano le fasi del motore, si presenta il problema di modificare solo lo stato delle uscite che controllano il motore dell asse X lasciando inalterate le altre. Il motore y, ad esempio, viene comandato dalle uscite 4,5,6,7 del porto C mentre le altre quattro comandano le fasi del motore Z. Dunque, se si vuole aggiornare, ad esempio, lo stato delle fasi del motore Y, si devono lasciare inalterate le uscite che controllano le fasi del motore Z e agire solo sulle uscite che controllano il motore Y. Ciò è possibile utilizzando opportune istruzioni logiche che, tramite delle maschere, agiscono selettivamente su uno o più bit di una parola. Nella fattispecie, il valore recuperato da tabella viene: a. salvato in una locazione di supporto ( DUMMYPORT ) b. viene caricata in accumulatore una maschera che contiene degli 0 nei bit corrispondenti alle uscite che controllano il motore. Utilizzando tale maschera si esegue un AND con i contenuti del porto che controlla il motore ( il risultato è salvato in accumulatore ). Resta così memorizzato lo stato dei bit che non devono essere modificati. c. Viene fatto l OR tra DUMMYPORT ( nuovo stato delle fasi del motore ) con i risultati della precedente elaborazione ( bit che non devono essere modificati ). Il valore ottenuto può essere trasferito nel porto desiderato. Le considerazioni sviluppate per il controllo dell asse X valgono anche per il controllo degli altri assi. UPDATEX ;MOVIMENTAZIONE MOTORE X BTFSS OLDSAMPLE,XDIR ;CONTROLLA DIREZIONE ASSE X INCF XSTEPCOUNTER,F ;SE 0 INCREMENTA PUNTATORE TABELLA 26

27 BTFSC OLDSAMPLE,XDIR DECF XSTEPCOUNTER,F ;SE 1 DECREMENTA PUNTATORE MOVF XSTEPCOUNTER,W ;MASCHERA RISULTATO PER I SOLI 2 BIT MENO ;SIGNIFICATIVI ANDLW STEPMASK ;SE AD ESEMPIO XSTEPCOUNTER ERA 0 PRIMA DEL DECREMENTO ;ESSO DIVENTA 0XFF DOPO DECREMENTO E SI ANDREBBE FUORI ;TABELLA CALL XSTEPTABLE ;RECUPERA NUOVO STATO FASI MOTORE X OUTTOXSTEPPORT MOVWF DUMMYPORT ;SALVALO MOVLW~( 1<<XF1 1<<XF2 1<<XF3 1<<XF4 );INVIA SUL PORTO CHE CONTROLLA ;MOTORE ANDWF XPORT,W ;LASCIANDO INALTERATI I BIT NON INTERESSATI IORWF DUMMYPORT,W ;CIOE & PORTD = 0000XXXX MOVWF XPORT ;OOOOXXXX XF4XF3XF2XF1OOOO = XF4XF3XF2XF1XXXX RETURN Alcune foto della meccanica La parte meccanica è stata realizzata in legno multistrato da 22mm, verniciato color grigio. Le guide sono in acciaio con cuscinetti a ricircolo di sfere. Il movimento degli assi avviene con vite senza fine. Particolare taglio dei pezzi di costruzione ( legno multistrato) 27

28 Struttura in legno multistrato da 22 mm Utensile Guide acciaio da 16/22 Angolo per posizionamento fisso punto 0 (90 ) 28

29 Dettaglio scheda e comandi manuali Interruttore manuale utensile Alimentatore 13.8 V, 8 A picco-picco Regolatore giri utensile Presa unica per collegamento motori Hardware principale di controllo Tastierino per movimenti in manuale Connettore porta PARALLELA Pulsante per pilotare relè (utensile) in modalità manuale Particolare angolo posizionamento punto o, e sistema di fissaggio pezzo 29

30 Conclusioni Per concludere posso dire che questo progetto sviluppato nel corso dell'ultimo anno scolastico, mi ha dato grandi soddisfazioni in quanto sono riuscito, con la collaborazione degli insegnanti di TDP (Zaniol Italo) e sistemi (Falavigna Marco), a realizzare una macchina che riesce ad unire varie discipline tecniche cioè elettronica, informatica, meccanica nonché tecnologiche ( conoscenza dei materiali ). Sottolineo che le scienze meccaniche ed elettroniche viaggiano oramai insieme; avere una meccanica professionale, con spostamenti precisi al centesimo di mm, non sarebbe possibile senza un controllo elettronico realizzato con sistemi basati su microprocessore. La macchina a controllo numerico realizzata, consente di ottenere ottimi risultati per la realizzazione di basso rilievi in legno o plastica e risulta soprattutto ideale per l'incisione e foratura di schede in vetronite ( circuiti stampati). Una lavorazione 3D implica un tempo di esecuzione molto lungo. Per eseguire, ad esempio, la figura in rilievo qui evidenziata, servono dalle cinque alle sette ore a seconda dell utensile usato( da 2-3 mm). Lavorazione su legno Immagine in scala di grigi L incisione ITIS MAXPLANCK impegna la macchina per circa 35 minuti 30

31 Per la foratura di un circuito stampato si ha una lavorazione veloce e precisa Di seguito vengono spiegati i passi principali per l esecuzione della foratura di un circuito stampato. FORATURA BASETTA SU SBROGLIATO ESEGUITO DA EAGLE: Nella schermata board, selezionare VIAS, Drills e Holes, 31 e rendere visibili solo PAD,

32 Drills Holes Dal menù file selezionare RUN e alla schermata successiva aprire il file dxf.ulp e scegliere dove salvare il file generato. C:\documenti\... Conversione del file dxf in formato G CODE per la lavorazione con software KCAM In ALPHACAM menù file input CAD, caricare il file salvato prima con EAGLE 32

33 Input CAD Per la configurazione usata su Kcam si è costretti ad impostare un livello di scala = 0.1 vedi figura Selezionare SCALA, TUTTO, fattore di scala 0.1 Selezionare ora l utensile oppure modificarne uno a seconda delle proprie esigenze ( es.:diametro Cm) 33

34 Passo successivo, foratura Di quanto si deve alzare Z per gli spostamenti (es. 0.2 Cm) Profondità del foro (es.:- 0.3 Cm) Menù file Scelta Post Post..Proces.. GENERICO 8600 mc - sycam.arp Ok Menù file Output NC salvare con nome, il file verrà salvato con l estensione ANC,questo perché non c è un post proccessor adatto (es.: fori.anc), bisognerà rinominare il file in un secondo momento con estensione *.GC 34

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

CORSO SERALE (Classe V/STE)

CORSO SERALE (Classe V/STE) CORSO SERALE (Classe V/STE) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Lazzari Matteo Tutor: Prof. Zaniol Italo Termostato controllato tramite modulo GSM IL PROGETTO REALIZZATO 1 Indice Introduzione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Alimentazione Switching con due schede ATX.

Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentazione Switching con due schede ATX. Alimentatore Switching finito 1 Introduzione...2 2 Realizzazione supporto...2 3 Realizzazione Elettrica...5 4 Realizzazione meccanica...7 5 Montaggio finale...9

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli