Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese"

Transcript

1 Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito POLITECNICO DI MILANO Comunedi Varese ProtocolloGenerale n dei20/0b/2009 Classificazione:10/10105 COMUNE DI VARESE, 6 MAG IIIIIIiII~IIII!lllmlll * 1 O 9 O * GESTIONEDELTERRITORIOJ Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese Certificato di collaudo n. 1 La presente relazione di collaudo ha per oggetto il collaudo dell'aggiornamento del DB topografico del Comune di Varese. Per i controlli in oggetto sono state prese in considerazione le "Specifiche tecniche aerofotogrammetriche per la creazione dei DB topografici alle scale 1:1000 e 1:2000" e le "Specifiche tecniche aerofotogrammetriche per la creazione dei DB topografici alle scale 1:5000 e 1:10000". 1 - Collaudo del volo fotogrammetrico Il volo eseguito su Varese è composto da 8 strisciate parallele (dalla numero 1 alla numero 8), pressoché in direzione est ovest, e da due strisciate trasversali (strisciata 9 e lo) correttamente impostate in modo da irrigidire l'intero blocco, come visibile nella figura 1. Per coprire anche il territorio di Buguggiate, si è realizzata una piccola strisciata, la numero Il, parallela alla 8 con adeguato ricoprimento trasversale. Il territorio di Buguggiate è quindi ricoperto da parte della strisciata 8 e dalla strisciata Il. Il dettaglio del volo è il seguente: strisciata 1, foto da 1 a 9 (9 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 2080 m; variazione parametri angolari contenute. La scala del fotogramma supera i valori)imite. Ad esempio sul fotogramma 5 la quota terreno vale 600 m (ed anche meno) con una altezza relativa di volo pari a 1480 m, scala del fotogramma e pixel pari a 14.8 cm, strisciata 2, foto da 12 a 25 (14 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 2080 m; variazione parametri angolari contenute. Sul fotogramma 19, ad esempio, la quota terren9 vale anche 580 m, con altezza relativa pari a 1490 m, scala 1:12450 e pixel pari a Prof. Franco Guzzetti Politecnico di Milano Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito - BEST Gruppo SITE Surveying Information Technologies for Enviromental Heritage Piazza leonardo da Vinci Milano Tel Fax Partita Iva: Codice fiscale: ~.~,c

2 Figura 1 - Lo schema di bloccofotogrammetrico strisciata 3, foto da 28 a 47 (20 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 2090 m; variazione parametri angolari contenute. Per una piccola parte del territorio da restituire sul fotogramma 03_0028 la quota ~relativadi volo è pari a 1790 con scala del fotogramma 1:14970 e pixel al suolo pari a 18,0 cm. E' la zona peggiore, ma anche la parte centrale della strisciata, ad esempio il fotogramma 03_0039, ha quota relativa pari a 1700 m con scala 1:14215 e pixel pari a 17.1 cm. Si tratta di pochi fotogrammi, circa una decina, completamente fuori scala, che però non possono essere sostituiti con quelli di nessuna altra strisciata. Questo dato è stato verificato dopo un contatto con l'impresa che ha realizzato il volo: il fotogramma 03_0039 ha quota di volo pari a 2191 m e punti a terra (di legame) a quota 538, con una H rei di 1650 m, quindi fuori scala (16 cm di pixel) strisciata 4, foto da 49 a 71 (23 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1755 m; variazione parametri angolari contenute. Sul fotogramma 69, ad esempio, la quota terreno vale 320 m in alcune parti, con altezza relativa pari a 1435 m, scala 1:12000 e pixel pari a 14.4 cm. strisciata 5, foto da 74 a 97 (24 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1685 m; variazione parametri angolari contenute. La parte di territorio più bassa è a quota 310, con altezza relativa 1375, scala 1:11500 e pixel pari a 13.8 cm. Collaudo DBTtopografico di Varese - Relazione 1 Pago 2.-:.~ "

3 strisciata 6, foto da 98 a 122 (25 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1635 m; variazione parametri angolari contenute. La parte di territorio più bassa è a quota 315, con altezza relativa 1320, scala 1:11050e pixel pari a 13.2 cm. strisciata 7, foto da 125 a 151 (27 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1620 m; variazione parametri angolari contenute. La parte di territorio più bassa è a quota 240, con altezza relativa 1375, scala l :11500 e pixel pari a 13.8 cm. strisciata 8, foto da 154 a 181 (28 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1620 m; variazione parametri angolari contenute. La parte di territorio più bassa è a quota 320, con altezza relativa 1300, scala 1:10870 e pixel pari a 13.0 cm. strisciata 9, foto da 266 a 299 (34 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 2180 m; variazione parametri angolari contenute. E' più alta delle altre ma serve come strisciata di legame quindi non è da utilizzare in restituzione. strisciata lo, foto da 212 a 254 (43 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 2090 m; variazione parametri angolari contenute. E' più alta delle altre ma serve come strisciata di legame quindi non è da utilizzare in restituzione. strisciata Il, foto da 193 a 197 (5 fotogrammi); quota ortometrica assoluta di volo pari a 1620 m; variazione parametri angolari contenute. La parte di territorio più bassa è a quota 320, con altezza relativa 1300, scala 1:10870 e pixel pari a 13.0 cm. Riassumendo, la scala dei fotogrammi è corretta per tutta la strisciata solo per le strisciate dalla 5 in poi. Per le strisciate 1, 2 e 4 ci sono alcun piccole parti di territorio a scala del fotogramma leggermente inferiore al previsto. La strisciata 3 è da considerarsi a scala non corretta, ma i fotogrammi da restituire fuori scala sono solo una decina. L'errore può quindi essere tollerato. Il volo è eseguito in assenza di nuvole, il giorno 8 novembre E' stata utilizzata una camera digitale DMC con focale pari a mm. Tutte le immagini sono ben leggibili e di ottima qualità, ad eccezione della foto 157 della strisciata 8 che risulta mossa. La parte di territorio coperto da questo fotogramma è quasi interamente coperta anche da altre coppie stereoscopiche. Si può quindi sorvolare sulla qualità di questa immagine per la realizzazione della fase di aggiornamento mentre bisognerà non utilizzarla per la produzione di ortofoto. Il volo è stato eseguito con strumentazione Applanix; sono quinçli noti e ben determinati tutti i centri di presa ed i valori angolari di ciascun fotogramma, da introdurre come input in triangolazione aerea. Sulla base delle verifiche eseguite, nonostante le incongruenze segnalate rispetto alle specifiche regionali, si esprime giudizio di collaudo positivo a proposito della ripresa aerea. 2 - Determinazione dei punti d'appoggio Geosigma ha messo a disposizione il materiale relativo alla determinazione dei punti d'appoggio. Si tratta dell'insieme di più operazioni di rilievo. Sono stati impiegati 42 punti rilevati per l'appoggio della vecchia produzione cartografica; di essi 8 punti sono stati rilevati per controllo da Geosigma con esito positivo. A tali punti sono stati aggiunti:. 17 nuovi punti d'appoggio rilevati in modalità statica, derivanti da un lavoro eseguito da Geosigma nel territorio di Varese;.-:.~ Collaudo DST topografico di Va rese - Relazione 1 Pago 3

4 . 17 nuovi punti d'appoggio rilevati in modalità RTK nell'ambito del già citato lavoro eseguito da Geosigma;. ulteriori 17 punti rilevati in modalità RTK come integrazione per il lavoro di aggiornamento. Sono quindi in totale 93 i punti d'appoggio disponibili. Sono inviati a collaudo i dati GPS di rilievo e gli schemi delle reti GPS realizzate. Nei report di calcolo si evidenziano sqm dell' ordine medio dei 5 mm in planimetria e di 14 mm in quota. I valori massimi in quota superano appena i 30 mm. La seconda elaborazione definisce un risultato leggermente meno preciso ma comune determina punti con accuratezza assolutamente accettabili per le finalità del lavoro. Le coordinate dei nuovi vertici sono state trasformate in UTM-WGS84 mediante il software Verto, contestualmente alla determinazione delle quote ortometriche, utilizzando il grigliato di geoide. E' presentata anche una tabella di confronto fra le coordinate di tali vertici e le analoghe coordinate utilizzate a suo tempo da Rati. Le differenze sono accettabili per le finalità del lavoro. I nuovi punti d'appoggio sono rilevati poi in modalità RTK, sempre con accuratezze accettabili. Anche tali coordinate sono trasformate con Verto al sistema UTM-WGS84 e quota ortometrica. Interessante il risultato del confronto fra punti d'appoggio nuovamente rilevati e le vecchie rilevazioni di Rati: le differenze medie sono pressoché nulle in planimetria mentre sono pari a 9 cm in quota (c'è quindi un piccolo ma trascurabile sistematismo); i valori delle differenze sono però in valore assoluto più grandi in planmimetria sino a 25 cm circa per un paio di punti. Sono differenze significative, anche se non eccessive. A seguito delle verifiche eseguite è possibile esprimere giudizio di collaudo positivo a proposito della determinazione dei punti d'appoggio. 3 - Triangolazione aerea automatica La triangolazione aerea automatica dell'intero blocco e calcolata,con il programma GDS della GeoSoft. Sono state eseguite più verifiche di collaudo a seguito di ciascuna delle quali Geosigma ha apportato le modifiche richieste. Prima verifica di collaudo Alla prima verifica la deviazione standard delle collimazioni manuali è risultata pari a 12 micron, quello delle collimazioni automatiche pari a 2 micron per quelle di tipo 6 e pari a 4 micron per quelle di tipo 7. Si rispetta quindi la tolleranza che prevede un limite globale a 7 micron. L'RMS delle coordinate terreno è pari a lo cm sia in planimetria che in quota. Un po' scarsa è la precisione di determinazione in quota dei centri di presa, pari a 1 m circa. Buona quella relativa alla posizione planimetrica dei punti di presa ed ai parametri angolari, anche se normalmente i valori ottenuti sono maggiori. L'elenco delle collimazioni peggiori segnalava in particolare il punto L09009 che è riportato in giallo nella figura che segue, che mette in evidenza i collegamenti che si realizzano con i singoli punti di legame. Si è richiesto di migliorare la collimazione,.,c Collaudo DBTtopografico di Varese - Relazione 1 Pag.4

5 eventualmente eliminandola, visto che corrisponde con una boa nel lago e quindi genera un legame in una zona dove non si dovrà andare a restituire. In quella parte di territorio, anche se gli orientamenti non dovessero essere ottimali, di fatto non li si dovrà utilizzare. Si è ritenuto importante nella stessa zona aumentare il legame fra le strisciate, con punti di legame manuale, scegliendo dei punti proprio a fianco del lago, in modo da irrigidire l'orientamento nelle zone dove si dovranno utilizzare i fotogrammi. Sempre alla prima verifica si è proposto di considerare comunque accettabili gli scarti residui se non superano i 30 micron e se non si riferiscono due volte allo stesso punto. Ovviamente la cosa migliore è sempre controllare la collimazione di tutti i punti che evidenziano scarti residui alti. E' scarso il legame fra la strisciata Il e la 8, come si vede nella figura che segue. Anche in questo caso si è richiesto di irrigidire con dei punti di legame manuali, in modo che in ogni fotogrammi ci fossero almeno i 2 punti di legame trasversale classici, che in modo automatico non sono nati..-~.~,c Collaudo DBTtopografico di Varese - Relazione 1 Pago 5

6 Il sistema risolvente è realizzato con equazioni in 7686 incognite; su 252 fotogrammi sono misurati 2595 punti in totale. Si è segnalto che è più corretto calcolare tutta la TAA in quote ellissoidiche e poi trasformare in ortometriche il risultato; ovviamente bisogna trasformare in ellissoidiche i valori di quota dei punti d'appoggio. Su nessun punto d'appoggio si supera la tolleranza prevista in capitolato. Sono invece numerosi i punti di legame dove il valore di sqm supera i 15 cm nelle tre coordinate. Si è richiesto fosse eliminato il già citato punto L09009 che ha sqm in quota pari a 2 m e che quindi sporca tutti i parametri dei fotogrammi ad esso vicini. Si è richiesto di verificare anche la stima del punto L09064, evidenziato in giallo in figura. Anche in questo caso ho richiesto di integrare la TAA con dei punti di legame manuale per aumentare il collegamento sui fotogrammi finali della strisciata 8. Altri punti di legame critici, a livello di sqm, sono R20124, R81563, R81580, , R30360, R406030, R6l097, R8l6l8, R927230, R9298l8, tutti con sqm in quota superiore addirittura a 50 cm. Scorrendo l'elenco dei punti di legame nella tabella che mostra i loro rms, si notano le zone di TAA che sono stimate con inferiore precisione, dove quindi si è richiesto di lavorare per migliorare il risultato Analizzando infine le collimazioni dei singoli fotogrammi si nota che in molti casi i punti di legame sono pochissimi, una decina. Non è un numero sufficiente ad ottenere una buona triangolazione aerea perché manca il forte legame fra fotogrammi tipico dei calcoli in automatico. E' normale ottenere una media attorno ai 100 punti collimati per fotogramma e soprattutto si creano legami multipli fra fotogrammi molto numerosi. Nella figura che segue si può notare ad esempio come la strisciata 1 sia poco legata alle due trasversali (la 9 e la 10). Solo al terzo fotogramma della strisciata nasce un legame con la strisciata 2 adiacente e tale legame è scarso (1-2 puntiper fotogramma). Anche i primi fotogrammi della strisciata 2 hanno solo una quindicina di punti di legame, per la maggioranza collimati da soli due fotogrammi.,:,.!, Collaudo DBT topografico di Varese - Relazione 1 Pago 6

7 POLITECNICO DI MilANO Prof. Franco Guzzetti La figura che segue dimostra il non ottimale collegamento fra fotogrammi. Nella zone vuote di legame devono essere inseriti punti manuali, oppure si debbono modificare i parametri di lavoro del programma perché siano maggiori i punti di legame. Il fotogramma 56 della strisciata 4, centralissimo al blocco, ha solo 16 punti di legame. Seconda verifica di collaudo A seguito delle segnalazioni eseguite Geosigma ha integrato la misura ed il calcolo della triangolazione aerea automatica. Collaudo DBTtopografico di Varese - Relazione 1 Pago 7.!,

8 I legami sono nettamente aumentati e migliorati come si nota dalle seguenti immagini. Nettamente migliorato il legame con la strisciata Il, ora accettabile. Il numero di punti di legame è aumentato notevolmente. Gli scarti residui sui punti d'appoggio sono sempre inferiori ai 25 cm in planimetria e 20 in quota, come previsto in capitolato. Sono invece numerosi gli rms sui punti di legame superiore ai previsti 15 cm in ciascuna delle tre coordinate. Ci sono 7 punti su 5111 con sqm superiore a 15 cm in X, 17 in Y e 478 in Z. La situazione è quindi normalissima per quanto riguarda la planimetria, un po' meno per l'altimetria. Che esistano punti con sqm superiore ai limiti di tolleranza in TAA dove esistono sovrapposizioni fra strisciate è abbastanza normale, proprio perché possono capitare collimazioni poco convergenti. Il numero di casi è sembrato un po' elevato, anche se c'è da ricordare che il vero risultato sono i parametri di orientamento e non le coordinate.-:.~,c Collaudo DBTtopografico di Varese -Relazione 1 Pago 8

9 POLITECNICO DI MilANO Prof. Franco Guzzetti dei punti di legame, come nelle TA tradizionali; si è comunque richiesto una ulteriore operazione di miglioramento della TAA. Sono state segnalate le seguenti anomalie riguardanti gli scarti residui sui fotogrammi (espressi in micron):. punto C20l -2 in x e -22 in y sulla foto 07_ in x e -23 in y sulla foto 07_ in x e -11 in y sulla foto in x e -2 in y sulla foto 09_ in x e 16 in y sulla foto 09_ in x e 22 in y sullafoto probabilmente ci sono delle imprecisioni nella collimazione sui differenti fotogrammi.. punto L09075 sul fotogramma 07_0126 con scarto di 32 micron da scartare. punto VRC19-30 in x e -9 in y sulla foto 05_ in x e -15 in y sulla foto 05_ in x e -12 in y sulla foto 05_ in x e -6 in y sulla foto 06_ in x e in y sulla foto 06_ in x e -4 in y sulla foto 06_ in x e in y sulla foto 1 _ 236 in x e -4 in y sulla foto 1 _ in x e -4 in y sulla foto 1 _ in x e -4 in y sulla foto 1 _ 239 è certa una diversa ed errata individuazione del punto d'appoggio in X sulle strisciate 5 e 6 rispetto a quelle della strisciata 1.. il punto L09009 ha scarti sempre alti nei 4 fotogrammi. E' la famosa boa. Ad un controllo sembra sia collimabile anche dalla strisciata 7 foto 150 e 151, dalla 8 foto 154 e 155; si è richiesto fosse collimato anche su tali fotogrammi se Geosigma considera il punto importante per la convergenza del sistema. Si sono proposto verifiche equivalenti per tutti i punti che nella tabella riportata nel report hanno scarti superiori a 30 micron, anche se ottenuti con autocorrelazione. La deviazione standard delle collimazioni manuali è risultato pari,a Il micron, quello delle collimazioni automatiche pari a 2 micron per quelle di tipo 6 e pari a 5 micron per quelle di tipo 7. Si rispetta quindi la tolleranza che prevede un limite a 7 micron. L'RMS delle coordinate terreno è pari a lo cm circa sia in planimetria che in quota. Al minimo vi sono 13 punti di legame su di un fotogramma (156 della strisciata 8). La ridondanza del sistema è nettamente più alta ed il risultato già nettamente migliorato; si è comunque richiesta una ultima revisione migliorativa. Terza verifica di collaudo Gli scarti residui sui punti d'appoggio sono sempre inferiori ai 25 cm in planimetria e 20 in quota, come previsto in capitolato. Gli rms finali sono di ottima qualità: 1 micron per le collimazioni manuali, 2 micron per quelle automatiche tipo 6 e 5 micron per quelle automatiche tipo 7. Sono pari a 9.9 cm gli RMS delle coordinate terreno in planimetria e 9.2 cm in quota. Il programma mette in evidenzia come errori significativi quelli con scarti sulle osservazioni maggiore di 3 volte la deviazione standard. Di tali valori sono da considerarsi Collaudo DBT topografico di Varese - Relazione 1 Pag.9 ;:.!,

10 importanti e detenninanti solo quelli superiori ai 30 micron; avendo eliminato il punto L09009 non ci sono casi di questo tipo. A questo punto il risultato è da considerarsi definitivo A seguito delle verifiche fatte e dei progressivi miglioramenti è possibile esprimere giudizio di collaudo positivo a proposito della triangolazione aerea automatica. ~Milano, 06/05/09 ~Ci Collaudo DBT topografico di Varese -Relazione 1 Pago 10.-:.~,c

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it L'impiego dei droni per lo svolgimento delle attività professionali. Qualità e affidabilità delle

Dettagli

Come si orienta un blocco fotogrammetrico

Come si orienta un blocco fotogrammetrico Come si orienta un blocco fotogrammetrico Marica Franzini DICAR Università degli Studi di Pavia Marica Franzini DRONITALY 25-26 settembre 2015 Milano - Pag. 1 a 45 La misura fotogrammetrica La misura fotogrammetrica

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Versione 3.0 Dicembre 2007 1 ASPETTI GENERALI 1.1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche

Dettagli

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 DISCIPLINARE TECNICO ORTOFOTO E MODELLI DEL TERRENO Art 1.Oggetto della fornitura

Dettagli

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D M. Lo Brutto, A. Garraffa Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM) Università di Palermo

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI CAPITOLATO D'ONERI 1 DISPOSIZIONI GENERALI...4 1.1 DEFINIZIONI

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 Dicembre 2007 1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche hanno lo scopo di

Dettagli

Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS

Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS Ludovico Biagi, Fernando Sansò Politecnico di Milano, DIIAR c/o Polo Regionale di Como ludovico.biagi@polimi.it fernando.sanso@polimi.it Perugia, 13 Dicembre

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Topografia e cartografia digitale

Topografia e cartografia digitale Prof. Fausto Sacerdote Topografia e cartografia digitale Capitolo 1 Fotogrammetria dispense del corso Modulo Professionalizzante Corso per Tecnico in Cartografia Tematica per i Sistemi Informativi Territoriali

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS

Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS Monitoraggio a scala regionale: l impiego dei GIS e dei DGPS Augusto Screpanti ACS - ENEA augusto.screpanti@enea.it Rilevare e Rappresentare Rilevare il territorio attività di campagna come Rilievi geologici

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale L immagine fotografica è una proiezione centrale La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale Nei casi in cui l'oggetto del rilievo si possa considerare definito

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme Regione Calabria APPALTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEI SERVIZI GEOMATICI E TELEMATICI DEL CENTRO CARTOGRAFICO REGIONALE DI LAMEZIA TERME 1. Rete di raffittimento geodetico regionale

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine

Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine Correzione di immagini da camera Vexcel UltraCam utilizzando Geomatica OrthoEngine di Philip Cheng Per molti anni la camera a pellicola aerotrasportata è stata la miglior scelta per l acquisizione di foto

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

Costruzioni e Territorio

Costruzioni e Territorio UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Costruzioni e Territorio C.L.: Tecnologie agrarie A.A. 2014-2015 Prof. Lorenzo Boccia lorenzo.boccia@unina.it AGR10 = Costruzioni Rurali

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Nella verifica delle ipotesi è necessario fissare alcune fasi prima di iniziare ad analizzare i dati. a) Si deve stabilire quale deve essere l'ipotesi nulla (H0) e quale l'ipotesi

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, CHIMICA, AMBIENTALE E DEI MATERIALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

RELAZIONE TOPOGRAFICA

RELAZIONE TOPOGRAFICA RELAZIONE TOPOGRAFICA La presente relazione riguarda il rilievo topografico eseguito con tecnica laser scanner della zona di Cava Rave della Foce situata nel Comune di Frontone (PU) svoltosi nei mesi di

Dettagli

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività L esame delle attività registrate nel mese di settembre scorso mette in evidenza l utilizzo del Geoportale mediamente da parte di circa

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

Integrazione tra Database Topografico e Mappa Catastale. Progetto sperimentale in provincia di Brescia

Integrazione tra Database Topografico e Mappa Catastale. Progetto sperimentale in provincia di Brescia Integrazione tra Database Topografico e Mappa Catastale. Progetto sperimentale in provincia di Brescia Franco Guzzetti (*), Davide Capelli (**), Antonio Trebeschi (**) (*) Politecnico di Milano, DIIAR

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Immagini satellitari ad alta risoluzione per l aggiornamento cartografico e per il controllo della linea di costa. Applicazione alla costa del Molise e della Puglia Eleonora Bertacchini, Alessandro Capra

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Database topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000. Specifiche tecniche

Database topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000. Specifiche tecniche Autonome Provinz Bozen-üdtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Amt für überörtliche Raumordnung Abteilung 27 Ripartizione 27 Raumordnung Urbanistica Ufficio coordinamento territoriale Database

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA COSTRUZIONE DI UN DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EFFICACE VICENZA, 18 NOVEMBRE 2014

MODALITA OPERATIVE PER LA COSTRUZIONE DI UN DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EFFICACE VICENZA, 18 NOVEMBRE 2014 MODALITA OPERATIVE PER LA COSTRUZIONE DI UN DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EFFICACE VICENZA, 18 NOVEMBRE 2014 La valutazione dei rischi Modalità di costruzione del DVR Indice della presentazione 1.

Dettagli

Adozione del sistema di riferimento geodetico nazionale. Renzo Maseroli, IGM - Servizio Geodetico Roma, 28 giugno 2012 1

Adozione del sistema di riferimento geodetico nazionale. Renzo Maseroli, IGM - Servizio Geodetico Roma, 28 giugno 2012 1 IL DM 10 NOVEMBRE 2011 Adozione del sistema di riferimento geodetico nazionale Renzo Maseroli, IGM - Servizio Geodetico Roma, 28 giugno 2012 1 Fra i 4 decreti, tutti importanti per l organizzazione delle

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

Allegato 3 al Capitolato Tecnico

Allegato 3 al Capitolato Tecnico Allegato 3 al Capitolato Tecnico Specifica tecnica per la produzione di ortofoto in scala 1:5000, mediante riprese aerofotogrammetriche a colori e NIR con risoluzione pixel 20 cm e loro orientamento Bozza

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO

ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO Mus. civ. Rovereto Atti del Workshop in geofisica 5 dicembre 2008 157-161 2009 GIORGIO VIAZZO (*) & ARNALDO TONELLI (**) ANALISI DELLA FRATTURAZIONE DI UNA PARETE ROCCIOSA CON TECNICHE DI TELERILEVAMENTO

Dettagli

Rilevazione tramite Photoscan! Esempio applicativo

Rilevazione tramite Photoscan! Esempio applicativo Rilevazione tramite Photoscan Esempio applicativo Considerazioni generali Un quadro completo dell'elemento da rilevare con eventuali salti di quota, pendenze, punti di inaccessibilità, vegetazione ecc.

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica,

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica, Il rilievo topografico e geodetico in generale Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: applicazioni di cartografia a piccola scala; applicazioni di cartografia a grande scala;

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide

Desktop & Application Sharing Quick Start Guide Desktop & Application Sharing Quick Start Guide 1 Introduzione La funzionalità Application sharing integrata nella piattaforma di videoconferenza skymeeting TM consente al conduttore di condividere il

Dettagli

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS.

2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. 2 - Stesura della Proposta di Aggiornamento partendo da un rilievo misto GPS. In questo esempio vengono illustrati tutti i passaggi per importare un rilievo misto tacheometrico e GPS in PFCAD CATASTO e

Dettagli

APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK

APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK PRIN 2004: I Servizi di posizionamento satellitare per l e-government APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK Ludovico Biagi (1), Mattia Crespi (2), Stefano Gandolfi

Dettagli

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Nozioni fondamentali sulla verifica della leggibilità dei codici a barre per una maggiore affidabilità

Dettagli

Utilizzo delle formule in Excel

Utilizzo delle formule in Excel Utilizzo delle formule in Excel Excel è dotato di un potente motore di calcolo che può essere utilizzato per elaborare i dati immessi dagli utenti. I calcoli sono definiti mediante formule. Ogni formula

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Mappe catastali originali di Impianto Raster Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Hotel Express by HOLIDAY INN Via Savigliano, 116 - Località Casello di Marene Cherasco, 09/06/2010 Geom.

Dettagli

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Primo Corso Regionale in Lombardia su Servizi GPS di Posizionamento per il Territorio e il Catasto Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Giovedì 16 Febbraio 2006 prof.. Giorgio Vassena Schema

Dettagli

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi)

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Manuale per i Fornitori INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DEFINIZIONI... 3 2 ACCESSO

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Metodi di Posizionamento

Metodi di Posizionamento Metodi di Posizionamento Modi di posizionamento Determinazione di una posizione mediante GPS dipende: Accuratezza del dato ricercato Tipo di ricettore GPS Modi: Posizionamento assoluto Posizionamento relativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEO-CARTOGRAFICHE, ESTIMATIVE ED EDILIZIE TECNICHE DI MODELLAZIONE 3D A PARTIRE DA DATI RILEVATI

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La topografia è una materia di primaria importanza per noi geometri e troppo spesso è sottovalutata e poco approfindita da tutti noi che preferiamo dedicarci ad altri ambiti professionali, convinti che

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA Dati utili Corso di Laurea in Ingegneria Civile, dell Ambiente e del Territorio Facoltà di Ingegneria Corso di TOPOGRAFIA Docente: E-mail: Andrea PIEMONTE andrea.piemonte @ dic.unipi.it Sito WEB: http:

Dettagli

SPC e distribuzione normale con Access

SPC e distribuzione normale con Access SPC e distribuzione normale con Access In questo articolo esamineremo una applicazione Access per il calcolo e la rappresentazione grafica della distribuzione normale, collegata con tabelle di Clienti,

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA Scan&Go è una nuova metodologia per il rilievo topografico del territorio che utilizza strumentazione laser scanner abbinata a ricevitori GPS. Il sistema, installato

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE FotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca 3.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Manuale tecnico. Lybro FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA. Dalla versione. Moletta Morena morena.moletta@lybro.

Manuale tecnico. Lybro FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA. Dalla versione. Moletta Morena morena.moletta@lybro. Oggetto FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 Software LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA Dalla versione Redatto da Moletta Morena morena.moletta@lybro.it Data Redazione 07/11/2014 Approvato da Data Approvazione

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

MCTCNet2 FULLMCTCNet2

MCTCNet2 FULLMCTCNet2 cosa sono MCTCNet2 FULLMCTCNet2 novità già in atto tempi di attuazione come avverrà la migrazione dal vecchio al nuovo protocollo cosa cambierà Cosa sono MCTCNet2 e FULLMCTCNet MCTC-Net2 è un nuovo protocollo

Dettagli

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE Del geolab Laboratorio di Geomatica del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Forestali dell Università degli Studi

Dettagli

c.a. Responsabile Ufficio Ragioneria PROCEDURA CONTABILITA FINANZIARIA (vers. 10.27.00 o superiore) Istruzioni per l apertura del nuovo anno

c.a. Responsabile Ufficio Ragioneria PROCEDURA CONTABILITA FINANZIARIA (vers. 10.27.00 o superiore) Istruzioni per l apertura del nuovo anno c.a. Responsabile Ufficio Ragioneria OGGETTO: PROCEDURA CONTABILITA FINANZIARIA (vers. 10.27.00 o superiore) Istruzioni per l apertura del nuovo anno ATTENZIONE!!!!! Per procedere con la creazione degli

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli