SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI"

Transcript

1 IL CASO: La Polizia Locale rinviene su di un area privata in stato di degrado, che risulta parzialmente delimitata, rifiuti di vario genere (pezzi di auto, pneumatici, elettrodomestici e rifiuti urbani vari). COSA SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI In tema di abbandono di rifiuti, la giurisprudenza amministrativa, già con riferimento alla misura reintegratoria prevista e disciplinata dall'art. 14 del D.lgs. n. 22/1997 (c.d. "Decreto Ronchi"), statuì che il proprietario dell'area fosse tenuto a provvedere allo smaltimento solo a condizione che ne fosse dimostrata almeno la corresponsabilità con gli autori dell'illecito abbandono di rifiuti, per aver posto in essere un comportamento, omissivo o commissivo, a titolo doloso o colposo (v., tra le molte, Cons. St., sez. V, , n. 136), escludendo conseguentemente che la norma configurasse un'ipotesi legale di responsabilità oggettiva (vieppiù, per fatto altrui); La giurisprudenza amministrativa e penale, in diverse occasioni, aveva precisato che l'ordinanza sindacale poteva essere legittimamente emessa nei confronti del proprietario dell'area o al titolare di diritto reale o personale di godimento, solo nel caso in cui fosse al medesimo imputabile, a titolo di dolo o colpa, una corresponsabilità, anche omissiva, con l'autore dell'illecito abbandono dei rifiuti. L'articolo 192, comma 3, del Dlgs n. 152/2006 nel ribadito quanto già sancito dall'art. 14, comma 3, del Dlgs 22/1997, ha altresì stabilito che l'imputabilità dell'abbandono a titolo di dolo o colpa del proprietario dell'area deve risultare in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo. Pertanto, qualora non risulti identificato il responsabile dell'abbandono dei rifiuti e non sia configurabile una responsabilità omissiva colposa in capo al proprietario o al detentore dell'area, spetta al Comune provvedere, d'ufficio, al ripristino dello stato originario dei luoghi, sopportandone le relative spese. LE NORME Dlgs n. 152/2006, Articolo 192 (Divieto di abbandono) 1. L'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati. 2. È altresì vietata l'immissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. 3. Fatta salva l'applicazione delle sanzioni di cui agli articoli 255 e 256, chiunque viola i divieti di cui ai commi 1 e 2 è tenuto a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull'area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo. Il Sindaco dispone con ordinanza le operazioni a tal fine necessarie ed il termine entro cui provvedere, decorso il quale procede all'esecuzione in danno dei soggetti obbligati ed al recupero delle somme anticipate. 4. Qualora la responsabilità del fatto illecito sia imputabile ad amministratori o rappresentanti di persona giuridica ai sensi e per gli effetti del comma 3, sono tenuti in solido la persona giuridica ed i soggetti che siano subentrati nei diritti della persona stessa, secondo le previsioni del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 in materia di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni.

2 Dlgs n. 152/2006, Articolo 255 (Abbandono di rifiuti) 1. Fatto salvo quanto disposto dall'articolo 256, comma 2, chiunque, in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 192, commi 1 e 2, 226, comma 2, e 231, commi 1 e 2, abbandona o deposita rifiuti ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da centocinque euro a seicentoventi euro. Se l'abbandono di rifiuti sul suolo riguarda rifiuti non pericolosi e non ingombranti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da venticinque euro a centocinquantacinque euro. 2. Il titolare del centro di raccolta, il concessionario o il titolare della succursale della casa costruttrice che viola le disposizioni di cui all'articolo 231, comma 5, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro duecentosessanta a euro millecinquecentocinquanta. 3. Chiunque non ottempera all'ordinanza del Sindaco, di cui all'articolo 192, comma 3, o non adempie all'obbligo di cui all'articolo 187, comma 3, è punito con la pena dell'arresto fino ad un anno. Nella sentenza di condanna o nella sentenza emessa ai sensi dell'articolo 444 del Codice di procedura penale, il beneficio della sospensione condizionale della pena può essere subordinato alla esecuzione di quanto disposto nella ordinanza di cui all'articolo 192, comma 3, ovvero all'adempimento dell'obbligo di cui all'articolo 187, comma 3. COSA FARE Nell individuazione dei soggetti a cui è ascrivibile la violazione dell abbandono, se, infatti, risulta agevole verificare la responsabilità di colui il quale procede materialmente all abbandono, non altrettanto agevole è accertare la posizione del proprietario o possessore, a qualunque titolo, dell area (salvo, ovviamente, l ipotesi di flagranza o di concorso nella violazione, l autore materiale). La norma, in sostanza, pone esclusivamente a carico dei soggetti preposti al controllo l onere della prova ed il contraddittorio con i soggetti interessati. In altri termini, la posizione del proprietario o possessore dell area va esaminata caso per caso ed in modo approfondito, cercando, quindi, di accertare se lo stesso ha, in qualche modo, volontariamente autorizzato l abbandono di tali rifiuti, oppure possa riscontrarsi a suo carico qualche forma di imprudenza, imperizia o negligenza, ricordando, però, che non è obbligatorio recintare il proprio terreno. In tal senso, l organo di polizia locale procedente, può assumere sommarie informazioni ex art. 13 L. 689/81 sia dal proprietario/possessore dell area in modo da verificare, puntualmente, se ha denunciato i fatti alla pubblica autorità; ovvero ha tollerato, in modo inerte, che terzi abbandonassero rifiuti sul proprio terreno; assumere sommarie informazioni da persone che abitano nella zona, acquisire documenti, mappe, fotografie, in guisa tale da potere dimostrare la responsabilità almeno a titolo di colpa, a carico del soggetto proprietario/possessore. LA GIURISPRUDENZA Consiglio Stato, sez. V, 04 marzo 2008, n. 807 L'art. 192 del d.lg. n. 152 del 2006, in caso di abbandono e deposito di rifiuti, attribuisce l'obbligo del recupero smaltimento e ripristino dello stato dei luoghi all'autore dell'abuso, in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento dell'area ai quali tale violazione sia imputabile al titolo di dolo o di colpa. Va riconosciuto il dolo o la colpa del responsabile dell'abuso, elemento che non può rinvenirsi nella mera conoscenza di un fatto in cui altri siano i responsabili (nella specie, la norma non permette, quindi, l'interpretazione estensiva proposta dal comune secondo cui tali obblighi sarebbero addebitabili al vecchio proprietario dell'area non autore dell'abuso). T.A.R. CAMPANIA - Napoli, Sezione 5, 6 aprile 2009, n L'art. 192 d.lgs. n. 152/06, (attualmente vigente e che ha riprodotto le disposizioni previste nell'art. 14 d.lgs. n. 22/97) dispone che chiunque viola il divieto di abbandono e deposito incontrollato "è

3 tenuto a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento sull'area, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, dai soggetti preposti al controllo". In particolare dalla norma in esame risulta che la responsabilità del proprietario o del titolare di diritti reali o personali di godimento presuppone l'addebitabilità ad essi, a titolo di dolo o colpa, della violazione posta in essere dal responsabile. Nel provvedimento impugnato non sono nemmeno dedotti, in concreto, profili di responsabilità a titolo di dolo o colpa, in capo al ricorrente, necessari per l'imposizione dell'obbligo di rimozione dei rifiuti fermo restando che, a tal fine, non è sufficiente una generica "culpa in vigilando" (C.d.S. Sezione V, 8 marzo 2005, n. 935). T.A.R. Emilia Romagna Bologna, sez. II, 22 gennaio 2008, n. 78 Come già l'art. 9 d.p.r. 10 settembre 1982 n. 915, e l'art. 14 d.lg. 5 febbraio 1997 n. 22, pure l'art. 192 d.lg. 3 aprile 2006 n. 152, dispone che l'obbligo di procedere alla rimozione dei rifiuti può gravare, in solido con il responsabile, anche a carico del proprietario o titolare di diritti reali o personali di godimento solo se tale violazione sia anche al medesimo imputabile a titolo di dolo o colpa, in base agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, da coloro che risultino preposti al controllo, mentre di regola ogni provvedimento sanzionatorio, anche in materia di rifiuti, va risolto nei confronti del diretto responsabile dell'abbandono degli stessi, richiedendosi un coinvolgimento doloso o colposo del proprietario per poter configurare una sua responsabilità solidale con quella di chi abbia effettivamente abbandonato i rifiuti, esulando dalla possibilità giuridica o di fatto del proprietario ogni controllo sull'operato del conduttore (con il quale, nella specie, lo stesso era in lite per il rilascio dell'immobile): donde l'impossibilità, da parte sua, di prevenire l'abbandono dei rifiuti in parola. LA SENTENZA Consiglio Stato, sez. V, 04 marzo 2008, n. 807 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ha pronunciato la seguente DECISIONE Sul ricorso in appello n. 4787/2007 del 07/06/2007, proposto dalle sig.re R. V. E R. M. rappresentate e difese dagli avv.ti FRANCESCO LONGO e FRANCO GAETANO SCOCA con domicilio eletto in Roma, VIA G. PAISIELLO, 55 presso l'avv. FRANCO GAETANO SCOCA contro il COMUNE DI PORCIA rappresentato e difeso dall'avv. FRANCO GIAMPIETRO con domicilio eletto in Roma, VIA FRANCO SACCHETTI, 114 presso l'avv. FRANCO GIAMPIETRO i sigg.ri C. F. E T. R. non costituitisi; per la riforma della sentenza del TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - TRIESTE n. 261/2007, resa tra le parti, concernente ORDINE DI RIMOZIONE E AVVIO DEL RECUPERO O SMALTIMENTO RIFIUTI ABBANDONATI; Visto l'atto di appello con i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del COMUNE DI PORCIA; Viste le memorie difensive; Visti gli atti tutti della causa; Alla pubblica udienza del 26 Ottobre 2007, relatore il Consigliere Adolfo Metro;

4 Udito, altresì, l'avvocato Longo, come da verbale d'udienza; Ritenuto in fatto e in diritto quanto segue: Il comune di Porcia riceveva, da parte dei proprietari di alcuni terreni, una segnalazione sul rinvenimento, nel sottosuolo, di rifiuti per circa 80 mc. A seguito di accertamenti risultava che del loro abbandono doveva ritenersi responsabile, in un periodo risalente agli anni '60/'70, il sig. R. Bruno, deceduto, i cui diretti aventi causa, R. M. e V., qui appellanti, avevano ceduto, nel 2005, i terreni agli attuali proprietari. Con provvedimento n. 3/06 il comune, poiché le ricorrenti si erano dichiarate a conoscenza, sin da bambine, di tali fatti, ha ritenuto l'art. 192 del D.Lgs. n. 152/06 applicabile in via estensiva anche nei confronti di coloro che con comportamento omissivo, di controllo o di denuncia all'autorità, avessero concorso al permanere della presenza di rifiuti ed ha ingiunto loro la rimozione, il recupero e lo smaltimento degli stessi. Il Tar ha respinto il ricorso proposto avverso tale provvedimento avendo ritenuto che, le ricorrenti, avendo omesso di effettuare i dovuti controlli e non avendo comunicato all'autorità la situazione di danno ambientale di cui erano a conoscenza, si sarebbero rese responsabili a titolo si colpa. Con l'appello in esame si sostiene il vizio di travisamento dei fatti in quanto non sarebbe ravvisabile, nel caso di specie, la presenza dell'elemento soggettivo del dolo o della colpa, mancando il nesso di causalità tra la condotta delle appellanti e l'evento dannoso, dato che tale nesso eziologico non potrebbe collegarsi alla mera conoscenza di una situazione di fatto. Il comune, costituitosi in giudizio, ha sostenuto l'infondatezza dei motivi di appello. L'appello deve ritenersi fondato. L'art. 192 del D.L.gs. n. 152/06, in caso di abbandono e deposito di rifiuti, attribuisce l'obbligo del recupero smaltimento e ripristino dello stato dei luoghi all'autore dell'abuso, in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali di godimento dell'area ai quali tale violazione sia imputabile al titolo di dolo o di colpa. La norma risulta quindi puntuale nel prescrivere il dolo o la colpa del responsabile dell'abuso, elemento che non può rinvenirsi nella mera conoscenza di un fatto in cui altri siano i responsabili. La norma non permette, quindi, l'interpretazione estensiva proposta dal comune secondo cui tali obblighi sarebbero addebitabili al vecchio proprietario dell'area non autore dell'abuso. La stessa determinazione, successivamente emanata dalla Provincia in data 2/7/07, individua il soggetto responsabile dell'inquinamento ai sensi dell'art. 244 e segg. del D.L.gs. n. 152/06. Del resto, nessun nesso eziologico, e quindi di responsabilità a titolo di dolo di colpa può porsi a carico delle appellanti ai fini di cui all'articolo 192 cit., non potendo tale collegamento farsi coincidere con il fatto che le appellanti abbiano conosciuto e passivamente tollerato, nel tempo, il protrarsi della situazione lamentata, potendo tale fatto, semmai, costituire il presupposto per il risarcimento dei danni in altra sede. In relazione a quanto esposto, l'appello va accolto. Le spese di giudizio seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, sezione quinta, definitivamente pronunciando sull'appello n. 4787/07, meglio specificato in epigrafe, lo accoglie e, per l'effetto, annulla la sentenza di primo grado e gli atti ivi impugnati; pone le spese del giudizio, per complessivi 3.000,00 (tremila/00), a carico della controparte costituita. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'autorità amministrativa. Così deciso, in Roma, nella Camera di consiglio del 26 ottobre 2007, alla presenza nei seguenti magistrati: Pres. Sergio Santoro Cons. Chiarenza Millemaggi Cogliani Cons. Claudio Marchitiello Cons. Adolfo Metro Est.

5 Cons. Giancarlo Giambartolomei DEPOSITATA IN SEGRETERIA IL 04 MAR

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA Pagina 1 di 9 N. 03256/2012REG.PROV.COLL. N. 02212/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

Nota a Consiglio di Stato Sez V. 25 agosto 2008, n. 4061

Nota a Consiglio di Stato Sez V. 25 agosto 2008, n. 4061 Le ordinanze di rimozione dei rifiuti abbandonati e ripristino dello stato dei luoghi emesse ai sensi dell art. 192 D. Lgs. n. 152/2006: a chi compete la firma dell ordinanza? Nota a Consiglio di Stato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna T.A.R. Emilia Romagna, Parma, sez. I, 08.01.08, n. 1 Pres. Papiano, Est. Giovannini - Buscarini (Avv.ti Franchi, Manfredi e Monegatti Ziliotti) c. Comune di Gossolengo (Avv. Ferrari) Rifiuti Altre sentenze

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

TAR di Lecce: duplice accertamento della titolarità dell area e dell imputabilità della violazione per dolo o colpa al proprietario

TAR di Lecce: duplice accertamento della titolarità dell area e dell imputabilità della violazione per dolo o colpa al proprietario TAR di Lecce: duplice accertamento della titolarità dell area e dell imputabilità della violazione per dolo o colpa al proprietario L art. 192, comma 3, del d.lgs. n. 152/2006 stabilisce che fatta salva

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014 C I T T A D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Ordinanza n. 08 /2014 Oggetto. Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e rifiuti urbani in modo incontrollato-

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE REPUBBLICA ITALIANA N.2737 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 24 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul

Dettagli

D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative

D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative D.Lgs. 152/2006 Sanzioni amministrative Condotta sanzionata Art. 255, comma 1 Abbandono di rifiuti Riguarda l'abbandono, il deposito di rifiuti o l'immissione in acque superficiali e sotterranee in violazione

Dettagli

ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI

ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI Inquadramento Le norme Fondamentali in materia di abbandono di rifiuti sono l'art. 192 che configura la fattispecie in esame (divieto di abbandono e deposito incontrollato

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02195/2015REG.PROV.COLL. N. 05534/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999

REPUBBLICA ITALIANA ANNO 1999 REPUBBLICA ITALIANA N. 2545 REG. RIC. ANNO 1999 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 255 REG. SENT.. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ANNO 2008 Sezione Seconda composto dai Signori: Giuseppe

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29 L'attività che il Sindaco pretende di regolare è del tutto sottratta ai suoi poteri e ai suoi controlli, trattandosi di attività commerciale non assoggettata ad alcun regime autorizzatorio, nemmeno di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. Reg.Dec. N. 2172 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso in

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.294/2008 Reg. Dec. N. 6113 Reg. Ric. Anno 2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1619 del 2012, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1619 del 2012, proposto da: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE QUINTA ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 1619 del 2012, proposto

Dettagli

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Professionali a proporre autonoma impugnazione del parere con cui si

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 4541/07 REG.DEC.

REPUBBLICA ITALIANA N. 4541/07 REG.DEC. REPUBBLICA ITALIANA N. 4541/07 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10238 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale Quinta Sezione ANNO 2002 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 10 maggio 2013, n. 1221 Edilizia e urbanistica - Distanze legali - Costruzione distanza legale e principio di prevenzione ex artt. 873 e 875 c.c. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 25/01/2012 13.16 N. 00095/2012REG.PROV.COLL. N. 01694/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima) ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul ricorso numero di registro generale 44 del 2004,

Dettagli

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00047/2014 REG.PROV.COLL. N. 01496/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Nuovo revirement dei Giudici amministrativi sulla vexata quaestio del voto numerico in sede di esame d avvocato» (Tar Campania, sez. VIII, 07 gennaio 2015, n. 43) esame avvocato voto numerico riforma

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) N. 00007/2015 REG.PROV.COLL. N. 01072/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

Dettagli

T.A.R. LOMBARDIA, Brescia, Sez. II - 15/05/2009, n. 1038 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

T.A.R. LOMBARDIA, Brescia, Sez. II - 15/05/2009, n. 1038 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO T.A.R. LOMBARDIA, Brescia, Sez. II - 15/05/2009, n. 1038 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01038/2009 REG.SEN. N. 01251/1994 REG.RIC. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA N. 06333/2011REG.PROV.COLL. N. 10522/1999 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 1997

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 1997 Equo indennizzo e pensione privilegiata: confermato il divieto di cumulo (Consiglio di Stato, Sentenza 24.8.2007 n. 4487) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 4487/07 REG.DEC. N. 6706 REG.RIC.

Dettagli

Pannelli fotovoltaici su pergolato, quale titolo edilizio occorre?

Pannelli fotovoltaici su pergolato, quale titolo edilizio occorre? Pannelli fotovoltaici su pergolato, quale titolo edilizio occorre? Pannelli fotovoltaici sul pergolato, secondo Consiglio di Stato non serve il permesso di costruire Tweet L installazione di pannelli fotovoltaici

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 9 N. 05471/2014REG.PROV.COLL. N. 02900/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 05088/2013 REG.PROV.COLL. N. 00983/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana in

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA N. 05497/2011REG.PROV.COLL. N. 10256/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01346/2013 REG.PROV.COLL. N. 01128/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 00044/2013REG.PROV.COLL. N. 01094/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA sul

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma N. 02228/2015REG.PROV.COLL. N. 01754/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1998.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1998. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 6289/04REG.DEC. N. 9672 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione ANNO 1998 ha pronunciato la seguente decisione sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5091/06 Reg.Dec. N. 7869 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Consiglio di stato, sezione sesta, sentenza n. 1550 del 15 marzo 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di stato, sezione sesta, sentenza n. 1550 del 15 marzo 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato Consiglio di stato, sezione sesta, sentenza n. 1550 del 15 marzo 2013 Competenza professionale di architetti e ingegneri Interpretazione estensiva di opera di edilizia civile Ammesse le realizzazioni tecniche

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 8 N. 01631/2013REG.PROV.COLL. N. 06791/2002 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 10 N. 01085/2013 REG.PROV.COLL. N. 00131/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda)

Dettagli

N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania N. 02054/2013 REG.PROV.COLL. N. 00614/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da: N. 01486/2015 REG.PROV.CAU. N. 01686/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO

COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO COMUNE DI BUSSERO COMBUSTIONI ALL APERTO La materia della combustione all aperto è disciplinata a livello nazionale da d.lgs. 152/06 (TU Ambientale), sotto il profilo della gestione rifiuti. Lo smaltimento,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio N. 00194/2014 REG.PROV.COLL. N. 00241/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo

Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo Urbanistica.Definizione di ristrutturazione edilizia TAR Piemonte Torino, Sez. I n. 1319 del 11 dicembre 2012 commento e testo Lex ambiente.it La ristrutturazione edilizia, per essere tale e per non coincidere

Dettagli

TAR di Firenze, n. 6722/10: obbligo di rimozione amianto

TAR di Firenze, n. 6722/10: obbligo di rimozione amianto TAR di Firenze, n. 6722/10: obbligo di rimozione amianto La legge 27 marzo 1992, n. 257, che disciplina la realizzazione di misure di decontaminazione e di bonifica delle aree interessate dall'inquinamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE N.2184/2006 Reg.Dec. N. 111 Reg.Ric. ANNO 2001 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Ambiente. Sostanze pericolose: amianto ed obbligo di rimozione.

Ambiente. Sostanze pericolose: amianto ed obbligo di rimozione. Ambiente. Sostanze pericolose: amianto ed obbligo di rimozione. TAR Toscana Sez. II, sentenza n. 6722 del 11 dicembre 2010. Dalla lettura della legge 27 marzo 1992, n. 257 non pare potersi evincere un

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 01105/2015REG.PROV.COLL. N. 02829/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

della determinazione del Comune di Verona 8.3.2011 n. 900 di presa d'atto del certificato di collaudo definitivo e svincolo parziale delle garanzie;

della determinazione del Comune di Verona 8.3.2011 n. 900 di presa d'atto del certificato di collaudo definitivo e svincolo parziale delle garanzie; N. 00485/2012 REG.PROV.COLL. N. 00996/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

A cura di Sonia Lazzini

A cura di Sonia Lazzini In un appalto di servizi, qualora la cauzione provvisoria non venga accompagnata dall impegno del fideiussiore, in caso di aggiudicazione, ad emettere la successiva cauzione definitiva, come richiesto

Dettagli

TAR di Milano, n. 1408/11: rimozione dei rifiuti e responsabilità del proprietario

TAR di Milano, n. 1408/11: rimozione dei rifiuti e responsabilità del proprietario TAR di Milano, n. 1408/11: rimozione dei rifiuti e responsabilità del proprietario L ordine di smaltimento presuppone l accertamento di una responsabilità a titolo quantomeno di colpa in capo all autore

Dettagli

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Domanda: Sono un agente di polizia giudiziaria, ho un po di difficoltà nel capire l articolo concernente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3484 del 08/07/2014

Consiglio di Stato n. 3484 del 08/07/2014 MASSIMA 1. Nelle gare pubbliche, la scelta del criterio più idoneo per l'aggiudicazione di un appalto (tra quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa e quello del prezzo più basso) costituisce

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 00013/2015 REG.PROV.COLL. N. 01863/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Terza ha pronunciato

Dettagli

ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili

ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili Provincia di Torino Area Sviluppo Sostenibile Ufficio Contenzioso ABBANDONI OCCASIONALI DI RIFIUTI. La difficile perseguibilità dei responsabili Gli abbandoni occasionali di rifiuti: qualche numero dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE Appalti- Appalti pubblici- offerta condizionata Cons. St., sez. VI, 25.01.10 n. 248 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254

T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254 stemma.jpg Un documento estratto da LexEureka - http://www.ricerca-amministrativa.it T.A.R. Abruzzo Pescara, Sez. 1, 03 giugno 2014, n. 00254 N. 00254/2014 REG.SEN. N. 00266/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE DI RIVIGNANO TEOR

COMUNE DI RIVIGNANO TEOR COMUNE DI RIVIGNANO TEOR Provincia di Udine AREA TECNICA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE PATRIMONIO ORDINANZA n. 04 Rivignano Teor li 16/03/2015 Prot. 2916 Oggetto: Ordinanza per la rimozione e

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02724/2013REG.PROV.COLL. N. 03709/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00073/2013 REG.PROV.COLL. N. 00399/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE N. 187/07 Reg. Dec. Fonte: www.giustizia-amministrativa.it N. 5230 Reg. Ric. Anno: 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha

Dettagli

N. 98/2011 Reg. Prov. Coll. N. 198 Reg. Ric. ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 98/2011 Reg. Prov. Coll. N. 198 Reg. Ric. ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 98/2011 Reg. Prov. Coll. N. 198 Reg. Ric. ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma (Sezione Prima)

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente N. 07519/2015 REG.PROV.COLL. N. 10759/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02156/2015REG.PROV.COLL. N. 10320/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 7

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 7 Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte Speciale 7 Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 01922/2014REG.PROV.COLL. N. 02907/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00245/2014 REG.PROV.COLL. N. 00054/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima) ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 02746/2015REG.PROV.COLL. N. 04849/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA N. 05040/2013REG.PROV.COLL. N. 06705/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. N. 00866/2014REG.PROV.COLL. N. 09003/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00638/2011 REG.PROV.COLL. N. 01077/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1184 del 09/03/2015

Consiglio di Stato n. 1184 del 09/03/2015 MASSIMA Obbligo del concorrente di dichiarare l intervenuta risoluzione ex art. 38 co. 1 lett. f) del Codice Appalti e libera valutazione relativa all intervenuto errore professionale da parte della S.A.

Dettagli

TAR di Perugia, realizzazione di un manufatto abusivo. Sospensione dei lavori

TAR di Perugia, realizzazione di un manufatto abusivo. Sospensione dei lavori TAR di Perugia, realizzazione di un manufatto abusivo. Sospensione dei lavori L infruttuoso decorso del termine di quarantacinque giorni dall adozione della sospensione dei lavori, previsto per l adozione

Dettagli

Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311

Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311 Corte dei Conti, Sez. Giurisdizionale Appello, Sentenza 21 settembre 2004 n. 311 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE SECONDA GIURISDIZIONALE CENTRALE DI APPELLO composta

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA. domiciliato in ROMA, VIALE MAZZINI 11 PAL H-3, presso -6901/2015 1 ORIGINALE i REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE Oggetto Danno anibientale - Prescrizione R.G.N. 18598/2011 Composta dagli Ill.mi

Dettagli

Cons. St, sez. V, 30 agosto 2006, n. 5061 - d.i.a.

Cons. St, sez. V, 30 agosto 2006, n. 5061 - d.i.a. Cons. St, sez. V, 30 agosto 2006, n. 5061 - d.i.a. Sul ricorso n. 2719 del 2002, proposto dal sig. Severino Rubiolo, rappresentato e difeso dagli avv.ti Raffaele Izzo e Luciano Nizzola, elettivamente domiciliato

Dettagli

Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK

Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK SITI INQUINATI: AMIANTO. OBBLIGHI DELLA POLIZIA LOCALE IN MERITO ALLA ESATTA INDIVIDUAZIONE DEL MATERIALE, PER POI PROCEDERE A SEQUESTRO DELL

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01421/2012 REG.PROV.COLL. N. 01859/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Seconda ha pronunciato

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori:

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori: Sentenza n. 2045/05 del TAR Campania in tema di equipollenza dei titoli di studio (nella specie: laurea in Economia del commercio e dei mercati valutari rispetto a Economia e commercio). Registro sentenze:

Dettagli

COMUNE DI NOLA. (Provincia di Napoli) SETTORE TUTELA AMBIENTE

COMUNE DI NOLA. (Provincia di Napoli) SETTORE TUTELA AMBIENTE COMUNE DI NOLA (Provincia di Napoli) SETTORE TUTELA AMBIENTE COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli Prot. 2014 0020487 Uscita Ore: 13. 10 del 06/08/20 14 Tei. 081 8226204 Ordinanza n. 26 Settore T. A. del

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00376/2014 REG.PROV.COLL. N. 00440/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1515/2007 Reg.Dec. N. 376 Reg.Ric. ANNO 2001 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00715/2015REG.PROV.COLL. N. 06666/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale

Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale Ordine di demolizione di opere abusive del giudice penale CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI sentenza 24 novembre 2015 n. 5324 (sull insussistenza dell obbligo per il Comune di eseguire in via amministrativa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N.1909/2007 Reg.Dec. N. 4884 Reg.Ric. ANNO 2002 DECISIONE sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento N. 00720/2014 REG.PROV.COLL. N. 00202/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli