E caratterizzata da 2 processi fondamentali:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E caratterizzata da 2 processi fondamentali:"

Transcript

1 LA QUARTA SETTIMANA

2 EVENTI IV a SETTIMANA E caratterizzata da 2 processi fondamentali: 1) la crescita e l organizzazione dei derivati dei tre foglietti embrionali, che portano alla formazione degli abbozzi di quasi tutti gli organi; 2) la delimitazione e la definizione della forma del corpo dell embrione, dovuta ai ripiegamenti dell embrione stesso, che acquisisce la forma di un cilindro ripiegato cranialmente e caudalmente. Gli eventi morfogenetici (acquisizione della forma) e organogenetici (formazione degli organi) sono eventi tra loro strettamente coordinati e avvengono in modo sincrono

3 EVENTI IV a SETTIMANA

4 C) Il foglietto delle creste neurali: interposto tra i due. VILUPPO DELL ECTODERMA Inizio della 4 a settimana: L ECTODERMA è diviso in tre regioni: A) Ectoderma di rivestimento o epiectoderma: da origine all epidermide (e i suoi annessi) e ai placodi; B) Neuroectoderma (abbozzo dell SNC);

5 VILUPPO DELL ECTODERMA

6 VILUPPO DELL ECTODERMA Durante 4 a settimana ll tubo neurale, chiudendosi, sprofonda al di sotto dell epiectoderma che quindi si estende a rivestire con l epidermide la superficie esterna dell embrione. Quando l embrione diventa cilindrico l epiectoderma lo avvolge totalmente fondendosi ventralmente. Nella regione craniale l ectoderma forma una piccola invaginazione detta stomodeo (futura cavità orale) mentre in quella caudale un analoga fossetta forma il proctodeo (futura cavità anale). Nella regione della testa compaiono 4 ispessimenti epiectodermici pari: - i placodi ottici: da cui origineranno gli occhi; - i placodi otici: da cui origineranno le orecchie.

7 VILUPPO DELL ECTODERMA

8 VILUPPO DELL ECTODERMA

9 VILUPPO DELL MESODERMA Inizio della 4 a settimana: Il MESODERMA è diviso in 4 regioni principali: 1) mesoderma cordale: notocorda; 2) mesoderma parassiale: 2 cordoni di cellule ai lati del tubo neurale e che si organizzano in somitomeri e somiti ; 3) mesoderma intermedio; 4) mesoderma laterale: che ha iniziato a delaminarsi in: - Splancnopleura intraembrionale; - Somatopleura intraembrionale.

10 VILUPPO DELL MESODERMA Mesoderma parassiale: i somiti Come già detto il mesoderma parassiale dà origine prima ai somitomeri e poi ai somiti. Questi ultimi daranno origine a vertebre, coste con i muscoli annessi, derma della cute del dorso e muscoli della parete corporea e degli arti.

11 egmentazione del mesoderma parassiale ll mesoderma parassiale comincia a suddividersi in aggregati: SOMITOMERI. Durante la 3 a settimana La formazione dei somitomeri avviene un senso craniocaudale (originando circa 50 somitomeri per ognuno dei due cordoni di mesoderma parassiale).

12 egmentazione del mesoderma parassiale I somitomeri, ad eccezione dei primi 7 cefalici, iniziano a frammentarsi in blocchi di cellule chiamati SOMITI. Inizialmente i somiti sono dei blocchi solidi ma ben presto, sulla loro superficie, le cellule si organizzano in un monostrato epiteliale mentre all interno ogni somite forma una cavità: IL SOMITOCELE. Nell uomo il primo paio di somiti si forma intorno al 20 giorno e poi si formano circa 3 paia di somiti al giorno quindi alla fine della 5 a settimana: paia di somiti; Inizio 4 a settimana Di essi però ne restano 37-38: - 4 occipitali (di cui il primo scompare), - 7 cervicali; - 12 toracici; - 5 lombari; coccigei, di cui gli ultimi 5-7 scompaiono.

13 Maturazione dei Somiti Ogni somite formerà 3 gruppi distinti di cellule: 1) lo sclerotomo: da cui origineranno vertebre e coste; 2) il miotomo: da cui origineranno i muscoli dello scheletro assiale, della parete del corpo e degli arti; 3) il dermatomo: da cui originerà il derma della cute del dorso. Per formare lo sclerotomo le cellule della porzione ventro-mediale del somite insieme a quelle del somitocele, migrano per circondare la notocorda e il tubo neurale: formeranno vertebre della colonna vertebrale e le coste.

14 Maturazione dei Somiti La porzione dorsale del somite rimane invece epiteliale e forma il dermamiotomo. Dall estremità dorso-mediale (dermamiotomo epiassiale) e ventro-laterale (dermamiotomo ipoassiale) del dermamiotomo migrano cellule che si posizionano più in basso formando il miotomo, uno strato che si interpone fra dermamiotomo e sclerotomo. Le cellule che migrano dalla porzione dorso-mediale del dermomiotomo daranno origine ai muscoli epiassiali (muscoli della colonna),mentre quelle che migrano dalla porzione ventro-laterale origineranno i muscoli ipoassiali (parete del corpo e muscoli degli arti).

15 Maturazione dei Somiti Le cellule del miotomo non proliferano attivamente, ma lo strato si accresce per continuo richiamo di nuove cellule dal dermamiotomo. Quando tutte le cellule del miotomo sono migrate, le cellule rimanenti diventano dermatomo. La maturazione dei somiti procede in direzione cranio-caudale.

16 VILUPPO DELL MESODERMA Mesoderma intermedio Durante la 4 a settimana, mentre si sviluppano i somiti, l embrione acquista una forma cilindrica a causa del ripiegamento sul piano laterale. Pertanto i somiti si staccano definitivamente dal mesoderma intermedio. Successivamente verso la fine della 4 a settimana, il mesoderma intermedio si separa anche da quello laterale e forma due cordoni pari di cellule da cui origineranno quasi tutti gli organi dell apparato uro-genitale.

17 VILUPPO DELL MESODERMA Mesoderma laterale e celoma embrionale Fine della 3 a settimana/inizio 4 a settimana In tale periodo il mesoderma laterale è costituito da formato da 2 lamine: A) una dorsale: il mesoderma somatico o somatopleura (in continuità con la somatopleura extra-embrionale che riveste l amnios) B) una ventrale: il mesoderma splancnico o splancnopleura, (in continuità con la splancnopleura extra-embrionale che riveste del sacco vitellino) Inizialmente le due lamine delimitano la cavità del celoma embrionale (forma ad U) che comunica con quella del celoma extra-embrionale.

18 VILUPPO DELL MESODERMA

19 RIPIEGAMENTI EMBRIONE Durante la 4 a settimana avvengono i ripiegamenti dell embrione che lo porteranno ad acquisire una forma cilindrica e ad essere rivestito completamente dall amnios. Tali avvolgimenti iniziano a posizionare gli abbozzi degli organi nelle loro sedi appropriate ed incastrano gli spazi con i tessuti per il successivo sviluppo delle cavità interne. Tale processo inserisce parte del sacco vitellino nell apparato digerente e porta alla formazione delle pareti del corpo e delle sue cavità interne. Alla fine tali ripiegamenti danno all embrione la forma di un cilindro e lo delimitano rispetto agli annessi mentre, fino alla gastrulazione, l embrione era un disco in continuità con gli annessi per tutto il suo contorno.

20 RIPIEGAMENTI EMBRIONE Praticamente tale delimitazione rispetto agli annessi consiste in un fenomeno avvolgimento che trasforma l embrione in un tubo e lo isola dai suoi annessi ai quali resta infine connesso solo mediante un sottile peduncolo: il funicolo o cordone ombelicale.

21 RIPIEGAMENTI EMBRIONE Tali ripiegamenti dell embrione avvengono su 2 piani: - il piano longitudinale; - il piano trasversale.

22 RIPIEGAMENTO LONGITUDINALE Il ripiegamento longitudinale (responsabile della elimitazione del corpo in lunghezza e dell allineamento degli bbozzi degli organi lungo l asse cefalo-caudale) é il risultato di ipiegamenti in lunghezza che si verificano a livello delle regioni ella testa (ripiegamento craniale) e della coda (ripiegamento audale ). Le cause di tale ripiegamento sono 2: Rapida crescita ectodermica per lo sviluppo del cervello e el midollo spinale; Accrescimento della cavità amniotica in direzione longitudinale.

23 RIPIEGAMENTO LONGITUDINALE

24 RIPIEGAMENTO TRASVERSALE Il ripiegamento trasversale (responsabile della delimitazione delle pareti laterali e ventrali del corpo) si verifica per il ripiegamento della somatopleura verso il piano mediano dell embrione in direzione ventrale: formandosi così un embrione cilindrico. Ciò è dovuto sia all accrescimento del mesoderma parassiale e alla formazione dei somiti, ma principalmente all espansione contemporanea della cavità amniotica in direzione trasversale.

25 RIPIEGAMENTO TRASVERSALE La membrana amniotica si avvolge completamente intorno all embrione formando le pareti laterali e ventrale; Nella regione ombelicale la chiusura ventrale resta incompleta perché le pareti laterali incontrano centralmente il sacco vitellino e, pur comprimendolo, da tutti i lati, non lo staccano dall embrione, ma si arrestano delimitando a ridosso dell embrione un anello ombelicale Fino alla nascita questa rimane la zona di passaggio dei costituenti del funicolo o cordone ombelicale.

26 RIPIEGAMENTO TRASVERSALE Il ripiegamento trasversale porta all incorporazione di parte el sacco vitellino all interno del corpo dell embrione, e alla ormazione di un tubo (inizialmente ampiamente comunicante on il sottostante sacco vitellino), l intestino primitivo.

27 EFFETTO DEI RIPIEGAMENTI La combinazione dei ripiegamenti longitudinali e trasversali divide il sacco vitellino in tre parti: 1) una parte viene incorporata all interno dell embrione nell intestino primitivo; 2) una parte viene compressa in un canale molto stretto: il dotto vitellino ; 3) la terza parte viene incorporata nel funicolo ombelicale formando il sacco vitellino residuo.

28 ANNESSI EMBRIONALI ALLA 4 a SETTIMANA Durante questa settimana, l amnios si sviluppa notevolmente ricoprendo tutto l embrione fino all anello ombelicale, da cui emergono il sacco vitellino e il peduncolo di connessione; L embrione rivestito dall amnios è contenuto in un ampia cavità corionica. Tra la 4 a e l 8 a settimana, l aumento di produzione di liquido amniotico provoca un aumento considerevole del volume della cavità amniotica, che alla fine occuperà tutta la cavità corionica, di cui resteranno solo poche vescicole residue.

29 ANNESSI EMBRIONALI ALLA 4 a SETTIMANA

30 SVILUPPO DELL ENDODERMA I ripiegamenti dell embrione fanno sì che il foglietto endodermico che rivestiva il tetto del sacco vitellino, si richiude su se stesso formando un tubo: l intestino primitivo che racchiude parte del sacco vitellino. L intestino primitivo decorre quindi lungo l asse cefalo-caudale, dalla membrana buccofaringea a quella cloacale

31 SVILUPPO DELL ENDODERMA

32 SVILUPPO DELL ENDODERMA I ripiegamenti dividono poi l intestino rimitivo in tre regioni distinte: ) Intestino medio: la parte dove sbocca il dotto itellino; ) lntestino anteriore: va dall intestino medio lla membrana buccofaringea; la sua parte nteriore costituisce l intestino faringeo; ) Intestino posteriore: va dall intestino medio lla membrana cloacale costituisce; la sua egione terminale: la cloaca.

33 SVILUPPO DELL ENDODERMA

34 SVILUPPO DELL ENDODERMA Poco dopo sua formazione l intestino va incontro ad ttivi processi organogenetici, che portano alla ormazione, già alla fine della 4 settimana, ell abbozzo delle vie respiratorie e di numerosi organi ntestinali, in particolare del fegato e del pancreas.

35 DERIVATI DELL ENDODERMA

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

Nella definizione dell asse dorso-ventrale intervengono fattori dorsalizzanti e ventralizzanti

Nella definizione dell asse dorso-ventrale intervengono fattori dorsalizzanti e ventralizzanti GENI TERZA SETTIMANA: 1) Geni coinvolti nell induzione neurale Noggin, Chordin (la cui espressione è regolata da Goosecoid) e Follistatin inibiscono l attività delle BMPs che sono anti-neuralizzanti e

Dettagli

LA TERZA SETTIMANA. La gastrulazione (si formano i 3 foglietti embrionali)

LA TERZA SETTIMANA. La gastrulazione (si formano i 3 foglietti embrionali) LA TERZA SETTIMANA La gastrulazione (si formano i 3 foglietti embrionali) Amnios ANT La comparsa della linea primitiva al 15 giorno indica l inizio della gastrulazione ipoblasto POST epiblasto Entoderma

Dettagli

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma non troppo distanti tra loro? LA PLACENTA E formata dalla

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ La biologia dello sviluppo La maggior parte della Biologia studia la struttura e il funzionamento dell organismo adulto. La Biologia dello sviluppo studia gli stadi transitori che conducono all organismo

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO Scuola di specializzazione in Fisiopatologia della riproduzione degli animali domestici (Direttore: Prof. Giovanni M Lacalandra) Disciplina: Morfologia ed anatomia topografia

Dettagli

Controllo ormonale FECONDAZIONE

Controllo ormonale FECONDAZIONE Controllo ormonale - Gonadrotopine stimolano corpo luteo e follicolo alla produzione di progesterone ed estrogeno - il progesterone ha un controllo feedback negativo sulle gonadotropine - l estrogeno a

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra.

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. Se l organismo per qualche causa non può più riprodursi o diminuisce la messa al mondo di nuovi esseri

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

LA COLONNA VERTEBRALE IN MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

LA COLONNA VERTEBRALE IN MEDICINA TRADIZIONALE CINESE TESI DI SPECIALIZZAZIONE IN AGOPUNTURA E MEDICINA TRADIZIONALE CINESE LA COLONNA VERTEBRALE IN MEDICINA TRADIZIONALE CINESE F. Perotti L. Paoluzzi INDICE 1 EMBRIOLOGIA pag. 1.1. Embriologia generale pag.

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

Indice. Parte I I CONCETTI DELL EMBRIOLOGIA. Introduzione

Indice. Parte I I CONCETTI DELL EMBRIOLOGIA. Introduzione Indice Introduzione XIII Parte I I CONCETTI DELL EMBRIOLOGIA Capitolo 1 Generazione e sviluppo 2 1.1 La cellula e il microscopio 2 1.2 Le due versioni della teoria cellulare 3 1.3 Il problema della generazione

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI

PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione PLACENTA E ANNESSI EMBRIONALI Prof. Nicola Colacurci LA PLACENTA Annesso embrionale insieme con: Liquido amniotico Funicolo i l ombelicale

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

L APPARATO URINARIO APPARATO URINARIO

L APPARATO URINARIO APPARATO URINARIO L E formato da reni, vie urinarie alte (tubuli collettori, calici e ureteri), vie urinarie basse (vescica e uretra ). Funzione: filtrazione del sangue, produzione di urina. APPARATO URINARIO L Derivazioni

Dettagli

unità C11. La riproduzione

unità C11. La riproduzione Gli animali a fecondazione interna si suddividono in base al tipo di sviluppo dell embrione ovipari ovovivipari vivipari lo sviluppo avviene all esterno del corpo della madre lo sviluppo avviene all interno

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI Testi di riferimento: Alberts B. et al. Biologia molecolare della cellula - Ed. Zanichelli Gilbert S.F. Biologia dello sviluppo - Ed. Zanichelli COS E UNA CELLULA

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Malformazioni fetali

Malformazioni fetali Malformazioni fetali Indagine morfologica precoce Via transaddominale Sonde a elevata risoluzione Via transvaginale Epoca gestazionale 11-14 settimane Translucenza nucale Indagine morfologica precoce Strutture

Dettagli

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina.

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina. LO SVILUPPO FETALE DI SETTIMANA IN SETTIMANA Testo del dr. Massimiliano Monti (La Spezia) www.ginecolink.net Lo sviluppo fetale è un meraviglioso processo che, con tappe precise e finemente regolate, porta

Dettagli

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: cavità blastocelica ICM 2 cellule: ZIGOTE 8 16 cellule: MORULA: inizia la sintesi attiva di RNA e proteine trofectoderma BLASTOCISTI 32 64 cellule: BLASTOCISTI:

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

2 Parte: Identità e Statuto dell embrione Umano - A.Giuli - Seminario Russia - 10/2014 2 PARTE: IDENTITÀ E STATUTO DELL EMBRIONE UMANO

2 Parte: Identità e Statuto dell embrione Umano - A.Giuli - Seminario Russia - 10/2014 2 PARTE: IDENTITÀ E STATUTO DELL EMBRIONE UMANO 2 PARTE: IDENTITÀ E STATUTO DELL EMBRIONE UMANO L inizio della vita umana individuale: i dati biologici (II parte) Lo sviluppo dell embrione umano prima dell impianto nell utero materno A partire dalla

Dettagli

CHIRURGIA NEONATALE DELLE MALFORMAZIONI DELL INTESTINO PRIMITIVO DI MAGGIORE INCIDENZA

CHIRURGIA NEONATALE DELLE MALFORMAZIONI DELL INTESTINO PRIMITIVO DI MAGGIORE INCIDENZA CHIRURGIA NEONATALE DELLE MALFORMAZIONI DELL INTESTINO PRIMITIVO DI MAGGIORE INCIDENZA Dello stesso Editore BAILEY - Semeiotica chirurgica. I segni fisici nella clinica chirurgica BASMAJIAN - Riabilitazione

Dettagli

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!!

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! Tutte le vene sistemiche (ad eccezione delle VENE CARDIACHE che drenano il loro sangue nel SENO CORONARIO)

Dettagli

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati

Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati Ordinanza del DFE sulla pesatura degli animali macellati (OPeA) 1 817.190.4 del 3 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2011) Il Dipartimento federale dell economia (DFE) 2, visto l articolo 43 dell ordinanza del

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Manuela Gentilini Gianpaolo Karis Claudio Simonetti

Manuela Gentilini Gianpaolo Karis Claudio Simonetti Manuela Gentilini Gianpaolo Karis Claudio Simonetti CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 Cenni storici, perché cefalea a grappolo 1 Segni e sintomi 2 Teoria dell infiammazione del seno cavernoso carotide 5 Teoria

Dettagli

RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE

RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE Il ponte di collegamento tra i genitori ed i figli, loro diretti discendenti, è molto stretto e consiste in una cellula uovo fecondata (lo zigote) che porta i materiali

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate

Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate Infiltrazioni Epidurali (o peridurali) Selettive RX Guidate Le infiltrazioni epidurali (o peridurali) di cortisone sono una terapia utilizzata per molti tipi lombalgia e per il dolore alle gambe causato

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti La cellula La cellula è l unità strutturale e funzionale più piccola degli esseri viventi capace di esistenza indipendente. La cellula in genere interagisce

Dettagli

L a G a t s ros o c s h c i h si D tt t. t ssa a A. De D e La L zzari

L a G a t s ros o c s h c i h si D tt t. t ssa a A. De D e La L zzari Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli La Gastroschisi

Dettagli

SVILUPPO DEI TUNICATI

SVILUPPO DEI TUNICATI SVILUPPO DEI TUNICATI PERCHE I TUNICATI? Laurent Chabry (1886) introdusse le ascidie (classe del subphylum degli urocordati o tunicati) come modello di sviluppo, per le loro caratteristiche: Sviluppo rapido

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte I: Mitosi 1 La divisione cellulare Permette agli organismi di accrescersi e sostituire le cellule morte ed è alla base della riproduzione.

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli

Cellule Staminali embrionali e adulte

Cellule Staminali embrionali e adulte Cellule Staminali embrionali e adulte Dr. Luciano Conti Università degli Studi di Milano UNISTEM - Centro di ricerca sulle cellule staminali 1 Introduzione Le cellule staminali esistono e funzionano fisiologicamente

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale federazione italiana onlus per il superamento dell'handicap PROGETTO SULLA PREVENZIONE DEI TRAUMI AL MIDOLLO SPINALE Su iniziativa dell Associazione Libera

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Riproduzione umana femminile

Riproduzione umana femminile Riproduzione umana femminile Strutture anatomiche Funzioni fisiologiche Che sono coinvolte nella produzione di ovociti maturi che possono essere fertilizzati 1 Riproduzione umana femminile Il sistema riproduttivo

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI APPARATO LOCOMOTORE COLONNA VERTEBRALE Vertebre cervicali 7 VII a vertebra cervicale Atlante Vertebre toraciche 12 Epistrofeo Vertebre lombari

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale

Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale Carlo Capelli Fisiologia Facoltà di Scienze Motorie-Università di Verona Obiettivi Compiti ed organizzazione generale

Dettagli

home Diagnosi precoce della gravidanza multipla e ruolo dell'ecografia Premesse di embriologia

home Diagnosi precoce della gravidanza multipla e ruolo dell'ecografia Premesse di embriologia home Wolfgang Moroder et al. Diagnosi precoce della gravidanza multipla e ruolo dell'ecografia in La gravidanza gemellare, a cura di Tiziana Frusca et al., Brescia, Grafo, 2003. ISBN 88 7385 588 1 Premesse

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO V.d.S. I.P. Franco Onere ANATOMIA E FISIOLOGIA Il sistema nervoso si distingue

Dettagli

EMBRIOLOGIA. 1.SPERMATOGENESI E OVOGENESI.

EMBRIOLOGIA. 1.SPERMATOGENESI E OVOGENESI. EMBRIOLOGIA. Embriologia Generale Si ferma a un certo punto dello sviluppo prenatale, cioè al punto in cui si hanno gli abbozzi dei tessuti, degli organi e degli apparati. 1 Embriologia Speciale Studia

Dettagli

Indice. Parte prima PRINCIPI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO. Prefazione alla settima edizione americana

Indice. Parte prima PRINCIPI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO. Prefazione alla settima edizione americana Indice XI Prefazione alla settima edizione americana I diblastici, 42 Protostomi e deuterostomi, 42 PRINCIPI DELLO SVILUPPO: CICLI VITALI E MODELLI DI SVILUPPO, 45 Parte prima PRINCIPI DI BIOLOGIA DELLO

Dettagli

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI SCIENZE 1 IL CORPO UMANO A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni - Milano pag. 1 Il corpo

Dettagli

I FENOMENI DEL PARTO

I FENOMENI DEL PARTO GINECOLOGIA 7/11/07 Prof. Messalli I FENOMENI DEL PARTO INTRODUZIONE...2 FENOMENI DINAMICI....2 1. DELIMITAZIONE ED ESPANSIONE DEL SEGMENTO INFERIORE....3 2. RACCORCIAMENTO E SCOMPARSA DEL COLLO DELL UTERO...4

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

Le cellule staminali: spunti per un azione didattica

Le cellule staminali: spunti per un azione didattica Istituto Superiore di Sanità Dispense per la scuola Dispense per la scuola Istituto Superiore di Sanità Presidente: Enrico Garaci Viale Regina Elena, 299-00161 Roma Tel. +39-0649901 Fax +39-0649387118

Dettagli

Difetti genetici(14) Sebbene l agenesia sacrale è sporadica e comunemente correlata al diabete materno, in letteratura, è stata riportata anche una

Difetti genetici(14) Sebbene l agenesia sacrale è sporadica e comunemente correlata al diabete materno, in letteratura, è stata riportata anche una Agenesia del sacro Dr.ssa Roberta Granese Dipartimento di Scienze Ginecologiche,Ostetriche e Medicina della Riproduzione,Policlinico Universitario "G. Martino", Messina, Italia. Introduzione: Nel 1852,

Dettagli

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015 ANATOMIA scheda aggiornata al 11,11,2015 MEDICO ORARIO AMBULATORIO Consulenza cito/istologica 220,00 Diagnosi anatomopatologica estemporanea (ogni campione) 165,00 Esame citologico cerv.vaginale (PAP test)

Dettagli

Tesi di Laurea: Il paziente mieloleso: la competenza infermieristica nella specificità del caso.

Tesi di Laurea: Il paziente mieloleso: la competenza infermieristica nella specificità del caso. Università Cattolica del Sacro Cuore A. Gemelli Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 Corso Parallelo Corso di Laurea Triennale in Infermieristica Sede Suore della Misericordia R O M A Tesi di Laurea: Il paziente

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

associazione culturale in flow centro studi somatici

associazione culturale in flow centro studi somatici associazione culturale in flow centro studi somatici FORMAZIONE IN CRANIOSACRALE BIODINAMICA 2015-2018 FORLI e ARCO DI TRENTO Lo sapevi che nel corpo umano ci sono ritmi sottili che si comportano come

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

L ecografia nel primo trimestre di gravidanza

L ecografia nel primo trimestre di gravidanza L ecografia nel primo trimestre di gravidanza Introduzione L esame ecografico nella gravidanza iniziale ha come ruolo precipuo la dimostrazione dell impianto fisiologico e l individuazione dello sviluppo

Dettagli

Citoscheletro Microtubuli

Citoscheletro Microtubuli PROPRIETA DEI MICROTUBULI, FILAMENTI INTERMEDI E FILAMENTI DI ACTINA Citoscheletro Microtubuli Biotec _ 2011 Da G. Karp, BIOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE, 3a ed, CORRETTA Microtubuli Microfilamenti Filamenti

Dettagli

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE ALLEGATO 2C CODICE NOMENCLATORE NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE DESCRIZIONE VOCI CATALOGO 91.39.4 ES. CITOLOGICO URINE PER RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE Citologico brushing vie urinarie Citologico urinario

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA Ecografia ECO(COLOR)DOPPLER FEGATO E V.B 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER PANCREAS 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER RENI E SURR. 34,09 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER DELLA MILZA

Dettagli

TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA

TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA TECNICHE DI SUTURA LAPAROSCOPICA MODENA 20 maggio 2009 CORSO RESIDENZIALE DI FORMAZIONE ED ACCREDITAMENTO IN LAPAROSCOPIA GINECOLOGICA DI I LIVELLO ANDREI B, LODDO A AGHI Degli aghi bisogna considerare

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTORE. realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Invito alla Biologia" ed. Zanichelli

SISTEMA RIPRODUTTORE. realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di Invito alla Biologia ed. Zanichelli SISTEMA RIPRODUTTORE UMANO realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Invito alla Biologia" ed. Zanichelli 1 GAMETOGENESI 2 Vaso deferente SPERMATOGENESI A partire dall adolescenza, e fino alla

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG LE CELLULE ips Sottoprogetto 3: Medicina Rigenerativa Questo sottoprogetto si propone di sviluppare approcci innovativi che, partendo da cellule dell organismo adulto, consentano

Dettagli

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7 06.01 ASPIRAZIONE NELLA REGIONE TIROIDEA L. 95.200 49,17 70,00 40.19.1 AGOBIOPSIA LINFONODALE ECO-GUIDATA L. 91.840 47,43 70,00 40.19.2 AGOBIOPSIA LINFONODALE TC-GUIDATA L. 162.000 83,67 90,00 BIOPSIA

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME OSTEOPATIA IV Osteopatia strutturale: l arto inferiore Piede: Test di mobilità e tecniche di riduzione di: o Astragalo o Calcagno o Scafoide

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni)

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni) Sistema Riproduttore Femminile (struttura e fisiologia) Il s.r.f. si compone di strutture atti alla produzione di gameti, le ovaie, e di una serie di organi che ne completano la funzionalità. L ovaio è

Dettagli

Dott. Antonio Farina MD, PhD Ricercatore Universitario e Dirigente Medico Divisione di Medicina Prenatale Ospedale Sant Orsola

Dott. Antonio Farina MD, PhD Ricercatore Universitario e Dirigente Medico Divisione di Medicina Prenatale Ospedale Sant Orsola Convegno UniSalute Venerdì 30 Settembre 2011 P.za della Costituzione, 2 - Bologna Dott. Antonio Farina MD, PhD Ricercatore Universitario e Dirigente Medico Divisione di Medicina Prenatale Ospedale Sant

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Lo scheletro dei Vertebrati lo si può suddividere in:

Lo scheletro dei Vertebrati lo si può suddividere in: Lo scheletro dei Vertebrati lo si può suddividere in: Scheletro assile che comprende: Cranio Notocorda e colonna vertebrale Coste e sterno Scheletro appendicolare che comprende: Scheletro zonale o dei

Dettagli