aro Collega, Ti scrivo per condividere con Te un iniziativa unica, nella storia del Nostro Ordine professionale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "aro Collega, Ti scrivo per condividere con Te un iniziativa unica, nella storia del Nostro Ordine professionale."

Transcript

1

2

3 di Luigi Pepe C aro Collega, Ti scrivo per condividere con Te un iniziativa unica, nella storia del Nostro Ordine professionale. Vorremmo realizzare una pubblicazione, un libro, sui più illustri medici della Storia della Provincia di Lecce. I personaggi che si sono distinti per il loro impegno professionale e umano e che hanno lasciato una traccia indelebile nel ricordo delle comunità di appartenenza, vuoi per le loro conquiste scientifiche e professionali vuoi per l abnegazione con cui hanno prestato la loro professione. Personalità di chiara fama e di indubbio valore, le cui storie e le cui vite vorremmo racchiudere in un libro, per rendere loro omaggio. Per non dimenticare nessuno che meriti di essere valorizzato per le qualità professionali o umane che Ti ho illustrato, chiedo la Tua partecipazione perché ci vengano segnalati colleghi, vissuti anche molti secoli fa, di cui Tu hai notizia, oltre che, ovviamente, colleghi vicini alla Tua comunità o alla Tua famiglia. In attesa di un tuo cortese contributo Ti saluto cordialmente Dott. Luigi Pepe Presidente ps: Per comunicazioni e segnalazioni sull argomento chiama a: segreteria dell Ordine: dott. Maurizio Muratore: dott. Gino Peccarisi:

4 Maurizio Muratore La pillola per dimenticare il dolore B asta brutti ricordi: una semplice pillola associata a terapia psicanalitica è in grado di cancellare dal cervello di una persona, affievolendoli e rendendoli meno nitidi, i ricordi che hanno generato traumi non risolti, recenti o remoti. Il farmaco di cui i media hanno parlato come della pillola per dimenticare è il propanololo, già in produzione e commercio da diverse decine d anni ed impiegato come beta-bloccante (un antagonista di recettori dell adrenalina) in alcuni casi di ipertensione, di emicrania e di angina pectoris. Durante l uso si era notato un effetto collaterale, che ora si vorrebbe sfruttare in senso terapeutico, e cioè che i soggetti che lo assumevano avevano spesso dei disturbi della memoria. Si tratta più in particolare di interferenze non tanto con il ricordo di un episodio in sé, quanto con la memoria della sofferenza che si associa a tale episodio, e che evoca comportamenti di contrattacco nella speranza di diminuire l angoscia determinata dall esperienza negativa. Tale effetto è mediato da alcune strutture particolari dell encefalo, quali l amigdala (sede principale della paura e delle azioni aggressive) e porzioni del lobo frontale dove viene integrata l esperienza emotiva con le facoltà cognitive e dove avviene la programmazione psicomotoria delle azioni. In sostanza quello del propanololo è un effetto che riduce (non elimina) la risonanza emotiva di un avvenimento, e presuppone che il ricordo di cui si tratta sia abbastanza recente da essere conservato in questi circuiti neuronali, poiché i ricordi più antichi vengono poi depositati attraverso meccanismi che coinvolgono l acido ribonucleico (RNA) all interno di taluni neuroni e quindi sono meno sensibili a questo meccanismo. L equipe ha svolto la sperimentazione, della durata di 10 giorni, su 19 pazienti volontari che avevano subito forti traumi in seguito a incidenti, tentativi di rapina o violenza sessuale, avvenuti almeno dieci anni prima. Dopo una settimana di somministrazione e cure i ricercatori hanno notato chiari segni di minore stress in chi era stato iniettato il «propanololo», rispetto ai pazienti sottoposti ad altre terapie. 4

5 Ai volontari è stato chiesto di ricordare l episodio di cui erano stati vittime, e il gruppo trattato con il farmaco sperimentale ha mostrato uno stato emotivo decisamene migliore e minori irregolarità dal punto di vista fisico, per esempio assenza di accelerazioni cardiache generalmente registrate in casi di questo genere, anche a distanza di tempo. I ricercatori hanno spiegato come funzionerebbe il farmaco: innanzitutto, i ricordi nel nostro cervello vengono inizialmente immagazzinati in uno stato fluido, molto malleabile, per cristallizzarsi poi nel corso del tempo e solidificarsi all interno della memoria. Il «propanololo» ha pertanto la capacità di agire sui ricordi che sono immagazzinati nel cervello da tempo, e quindi già calcificati e solidi, rendendoli nuovamente fluidi e malleabili e dando loro la possibilità di non risolidificarsi. Le situazioni in cui verrebbe proposto il ricorso al propanololo sarebbero quelle di recenti eventi traumatici, quali catastrofi, incidenti, stupri e simili, che possono andare a costituire quella sequela di sintomi che classifichiamo sotto il nome di disturbo post-traumatico da stress. Naturalmente, come per tutti gli altri farmaci, potrebbero esservi anche altri e meno nobili impieghi, per esempio per ridurre il senso di sofferenza e di colpa di killers o mercenari e renderli più capaci di compiere misfatti, o eccessi nel senso di voler eliminare anche la minima fonte di dispiacere. Non tutti sono comunque entusiasti della scoperta e c è chi solleva dubbi etici sul farmaco che minaccia l identità dell essere umano. Un farmaco del genere, inoltre, potrebbe impedire a chi deciderà di servirsene, di imparare dai propri errori. I ricercatori sostengono che questo tipo di trattamento potrebbe essere applicato per la rimozione di eventi fortemente traumatici quali violenze, stupri, guerre o, quanto meno, per rendere più efficace la terapia psicologica di sostegno volta al superamento di questi traumi. La costruzione del carattere e della psiche di un individuo è il prodotto di molteplici esperienze, alcune positive, altre ancora entusiasmanti, ma anche negative o traumatiche, però tutte complessivamente contribuiscono a formare l individuo. In altri termini, cosa sarebbe la vita senza il dolore, senza la paura, senza l ansia? Si finirebbe con il non apprezzare nemmeno la felicità, quella autentica, quella che non si può sintetizzare in laboratorio o produrre artificialmente. Credo si debba fare anche una riflessione più generale sul significato dell emozione, che rappresenta un patrimonio dell essere umano, anche se a volte viene esasperata dalle circostanze fino a limiti di inaccettabile sofferenza. Si tratta di una funzione umana, anche utile come il dolore fisico, che ci avverte di qualche problema nel corpo, o del dolore morale, che ci indica qualche conflittualità non risolta dentro di noi. Costituisce un aspetto inalienabile della nostra storia, delle nostre esperienze che fanno crescere anche quando sgradevoli, soprattutto della nostra identità, che quando messa in crisi può portare fino all alienazione psichica. Il fatto di eliminarla solo perché sgradita porta ad un essere artificiale, estraneo a se stesso, che non sa più porsi il senso della propria continuità e del proprio significato esistenziale: credo si finirebbe per incrementare una situazione di vuoto che oggi è già fin troppo presente e alla fine, ci fa ritrovare in altra forma e in altre proporzioni proprio l angoscia da cui cercavamo di fuggire. Un esperienza dolorosa, anche quella traumatica, solitamente viene superata non per espulsione, ma per integrazione nel sé della persona, e questo richiede un lungo travaglio interno, un richiamare più volte alla memoria l episodio per riuscire a padroneggiarlo e a significarlo, come testimoniano i caratteristici e ripetuti incubi notturni nella fase di uscita psicologica da un trauma violento. Per dirla freudianamente ricordare, ripetere, rielaborare. 5

6

7

8

9

10 di Gino Peccarisi Se anche la sanità cede ai coupon UNO SCHERMO ED IL WEB PRENDONO IL POSTO DEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE. CHE OGGI, PIÙ CHE PARLARE COL PROFESSIONISTA, FA I CONTI DEL COSTO DELLE PRESTAZIONI I n Italia la crisi ha fatto esplodere un disagio sociale ai limiti della tolleranza. Per troppo tempo il malcontento è stato attenuato e mascherato dall ottimismo di politici miopi che hanno ritardato la risoluzione dei problemi. In tale situazione la riduzione dei consumi in tutti i settori ha fatto nascere outlet e discount che in parte hanno calmierato i prezzi. La corsa al ribasso, in molti casi a scapito della qualità, ha coinvolto anche la sanità. Da più parti è possibile trovare sul mercato pacchetti di prestazioni con sconti pubblicizzati fino all 80%. Accanto all abbigliamento, ai generi alimentari, all elettronica è possibile ora trovare occasioni per sostenere esami di laboratorio, strumentali e visite mediche a prezzi concorrenziali. Fino a poco tempo fa non era prevedibile che anche la salute potesse essere fatta oggetto di mercimonio, possibile per il coinvolgimento dei professionisti compiacenti. Bisogna schierarsi per non creare false illusioni e aspettative impossibili da realizzare. Il fenomeno di un dissennato cambiamento nel campo sanitario si è imposto anche nel nostro abituale rapporto con la malattia e il malato. Prima ancora di recarsi negli ambulatori, i nostri pazienti hanno già consultato il web e acquisito informazioni utili a prospettare una terapia e una possibile diagnosi. Si sta perdendo quel contatto che umanizzava un rap- 10

11 porto basato sul contatto fisico e sull ascolto a scapito di una distaccata e impersonale ricerca su un monitor che sembra trovare risposte immediate a ogni tua esigenza. Ed anche quando non sei direttamente impegnato nella ricerca, ti compare, come d incanto, sul computer o nella tua posta mail, un suggerimento per curarti, anche se non ne hai bisogno, con lo sconto accattivante dell 80%. Capita ora l offerta di una visita dermatologica con mappatura nei, rilascio del referto, come se questo per un medico fosse un optional, a soli 19 euro; un cheek up ecografico con ben sette ecografie mirate su fegato, aorta, reni, pancreas, milza, prostata e testicoli o utero e mammelle a soli 29 euro. Con l inclusione di tiroide, linfonodi del collo e ghiandole salivari il costo viene maggiorato di 10 euro. Nelle offerte non mancano analisi emato-chimiche di routine con marcatori tumorali a scelta a 18 euro. Alcuni anni fa eravamo assoggettati a tariffe minime a garanzia del rispetto degli standard qualitativi e della dignità professionale e per impedire la concorrenza sleale. La professione rischia di snaturarsi, maltrattata da colleghi che associandosi al social shopping sul web offrono le loro prestazioni a prezzi risibili, in concorrenza con gli stessi ticket previsti dal SSN. Ad attirare maggiormente le attenzioni sono i pacchetti di screening a prezzi veramente convenienti che non possono essere veritieri. Le prestazioni sono difficili da garantire perché i compensi devono essere ulteriormente decurtati delle tasse e della percentuale da riconoscere agli organizzatori di questo libero mercato via etere. La Federazione nazionale e gli Ordini dei medici territoriali dovrebbero vigilare per garantire che le prestazioni vengano effettivamente garantite a quanto propagandato e non siano solo un espediente per attirare clienti solo una volta, nella speranza che, nei consulti successivi, potrà essere proposta la tariffa intera. Aumenta la sfiducia nella classe medica già vessata dalle campagne mediatiche sulla cosiddetta malasanità e si crea la sensazione che gli onorari nella categoria siano sproporzionati e ingiustificati in ogni caso. In campo odontoiatrico il fenomeno è ancora più marcato. Una visita con orto panoramica e detartrasi, offerta a soli 10 euro, campeggia con grande evidenza sulla cartellonistica delle stazioni di servizio in autostrada. È evidente che è impossibile garantire standard di qualità in tali condizioni per cui non è raro trovare assistenti e collaboratori di studio cimentarsi in pratiche 11

12 mediche senza averne le competenze, delegati da medici coinvolti in scelte indotte da mera e meschina motivazione economica. Quando i professionisti che decidono di proporsi per questo tipo d iniziative low cost si renderanno conto che i clienti, attirati dal risparmio non saranno disponibili a rimanere legati al medico quando decidesse di proporre il giusto onorario professionale, ritorneranno a un atteggiamento deontologicamente più corretto. E, intanto, la sfiducia e il divario fra il medico e il suo paziente aumentano e il rapporto s incrina. Sulla possibilità che un professionista si avvalga dei metodi proposti dai social shopping per acquisire clienti non si può dare un giudizio, perché ognuno imposta la propria attività nel modo come ritiene più giusto. Tuttavia è opportuno che gli organi preposti al controllo vigilino sulla correttezza delle prestazioni offerte all utenza nella consapevolezza che i compensi al netto delle spese e delle detrazioni fiscali sono prossimi allo zero. Se la crisi che da qualche tempo ci attanaglia ha spinto i più a modificare il proprio tenore di vita e ad adattarsi alla recessione in corso ricercando il risparmio e la convenienza in tutti i settori, la Sanità dovrebbe essere tenuta fuori da tali trasformazioni. Il momento di crisi che attanaglia anche il nostro Paese potrebbe spingere a un patto di solidarietà fra professionisti per modulare le tariffe, ma non può essere svenduta una prestazione frutto di studio e costante aggiornamento. Occorre infine ricordare che le denunce contro i medici sono in aumento e che pubblicità presenti anche sui canali nazionali ricordano all utenza che si hanno anche dieci anni di tempo per denunciare un medico per presunta malasanità. E in gioco la salute dei cittadini che si giovano di un SSN efficiente che attende una razionalizzazione per eliminare gli sprechi e ridistribuire le risorse. Bisogna infine ricordare che le prestazioni dei medici non sono tutte uguali e bisogna pretendere, indipendentemente dai costi, l esatta diagnosi e l adeguato trattamento per tutelare la nostra integrità fisica. Gli Ordini professionali dovrebbero svolgere con attenzione e perseveranza un attento controllo sugli iscritti per garantire il cittadino ed assicurare che l operato sia confacente alla deontologia professionale alla quale tutti siamo assoggettati. 12

13 Il telefonino, la tua croce RIPENSARE AL RUOLO DELLA TECNOLOGIA E DELL ECONOMIA NELLO SVILUPPO UMANO PER CRESCERE MEGLIO E IN UN MONDO PIÙ PULITO di Mariano Dimonte* N el maggio 2011 l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza (> 300 MHz) come agenti potenzialmente cancerogeni (classe 2b) (1). Pertanto oggi, ufficialmente, il telefono cellulare, forte emettitore di radiofrequenze, va considerato non più come un innocuo giocattolo, ma come un oggetto in grado di favorire lo sviluppo di tumori, in particolare di gliomi cerebrali. Visto che questo rischio riguarda svariati miliardi di persone nel mondo, e si prevede una pandemia di tumori cerebrali nei prossimi anni (2), l applicazione effettiva e tempestiva del principio di precauzione in questo settore è completamente giustificata. Vietare l uso del cellulare ai bambini e ragazzi, i più esposti al rischio biologico e di contrarre dipendenze mediali, utilizzare il cellulare il meno possibile e per comunicare cose importanti, contrastare l espansione indiscriminata dei mezzi di comunicazione e intrattenimento senza filo (wireless) a favore di alternative tecniche non radiogene, l offerta crescente di sempre nuovi prodotti e applicazioni che rinforzano o inducono abuso e dipendenza nei confronti del telefonino, riportare la socialità sul terreno dell interazione diretta, faccia-a-faccia, sarebbero significativi interventi di prevenzione. 13

14 Ma questa prevenzione non è affatto facile da attuarsi, avendo la telefonia mobile, in soli trent anni dalla sua introduzione, rivoluzionato la vita umana ed essendosi ormai radicata profondamente nei costumi sociali, in ogni luogo e cultura, anzi accingendosi presto a raggiungere ogni abitante della terra per la sua facile accessibilità. Realisticamente quindi, escludendo che si possa immaginare una vita senza più telefonini, e che si riesca a limitare il commercio di un prodotto trainante per l economia mondiale, la prevenzione significa cercare di convincere le persone a ridurre il più possibile l uso del telefonino in modo da proteggere il cervello da una irradiazione eccessiva, e allo stesso tempo, contenendo le necessità di potenziamento sul territorio delle reti wireless, diminuire il contributo dell elettrosmog alla cancerogenesi da inquinamento ambientale (3). Ancora più impegnativo è l obiettivo di contrastare i fenomeni patologici di massa dell abuso, inteso come uso incontrollato, sfrenato del telefonino, e della telefonino-dipendenza: sintomi d astinenza, disturbi fisici, psichici e comportamentali legati alla mancanza del telefonino, occupazione di gran parte del tempo al telefono o a messaggiare, interferenza con le altre attività quotidiane, il lavoro, ecc. (4). Rispetto poi ad altre dipendenze mediali, come quella da videogiochi (playstation, slot machine, ecc.) e internet (navigazione, social networks, ecc.), il fenomeno della telefonino-dipendenza sembra ancora più complesso, in rapporto alla natura multimediale (meccanismi di rinforzo da parte di una molteplicità di stimoli e situazioni gratificanti), alla pervasività, al tipo di comunicazione realizzabile con questo mezzo: ubiquitaria, in movimento, istantanea, permanente (5). La problematica legata alla prevenzione nei confronti degli effetti negativi del fenomeno sociale della telefonia mobile appare dunque estremamente complessa. Non si tratta infatti soltanto di prevedere e prevenire i seri danni alla salute dei cittadini legati ad una massiccia esposizione elettromagnetica (a parte i tumori cerebrali e altri tipi di neoplasie, l uso del telefonino può causare disturbi cardiovascolari, neurologici, riproduttivi, articolari, del sonno, ecc.) e di impedire gli infortuni (stradali, sul lavoro, domestici, ecc.) dovuti alla distrazione determinata da telefonate e messaggini, ma anche di esplorare e riflettere sui risvolti sociologici e antropologici di una pratica che condiziona così pesantemente la vita umana. Per esempio l apporto del telefonino rende gli effetti cognitivi della comunicazione mediata (vedi la dispercezione della realtà dovuta alla con-fusione tra realtà e virtualità e al superamento delle tradizionali categorie concettuali e fisiche di spazio e tempo) ancora più rilevanti (6). L impossibilità a staccarsi dal telefonino, tanto da poterlo ormai accettare come una protesi elettronica 14

15 fissata saldamente al corpo, ci deve far riflettere seriamente anche sulle possibili conseguenze intellettive ed evolutive del processo in atto di ibridizzazione biotecnologica dell essere umano, così come l uso prevalente del pollice nella digitazione della tastiera prevedibilmente muterà la forma e la funzione della mano nelle prossime generazioni. Per non parlare di come la cultura giovanile si vada prevalentemente formando in un mondo di schermi e display, e della diffusione di nuovi linguaggi scritti e parlati che riproducono fedelmente la velocità, la superficialità e la frammentarietà della comunicazione mediata tecnologicamente. A fronte di questa complessità possiamo però pensare che un intervento di prevenzione in uno qualsiasi di questi ambiti trascinerebbe risultati importanti negli altri. Come a dire che se, da medici, puntassimo a ridurre l incidenza delle patologie legate all elettrosmog convincendo la popolazione ad un uso più sobrio e attento del telefonino, probabilmente contribuiremmo a determinare ricadute positive anche in termini ecologici (meno telefonino meno elettrosmog, immondizia elettronica, metalli pesanti dispersi nell ambiente, consumo di risorse non rinnovabili), di miglioramento dell intelligenza collettiva (meno danni cerebrali da elettrosmog, attività di pensiero più libera, autonoma, critica), di legami sociali più significativi (ritorno ad una comunicazione interpersonale vera, solida, ricca di senso e contenuti), culturali (rivalorizzazione dell esperienza pratica e dei mezzi tradizionali di apprendimento e trasmissione del sapere, ecc.). Bisogna allora rendere finalmente effettivo il principio di precauzione in questo settore, come prevedrebbe la classificazione OMS, con l obiettivo di frenare l uso sfrenato e incontrollato del telefonino, e più in generale l espansione delle nuove tecnologie della comunicazione e dell intrattenimento wireless (W-LAN, Wi-Fi, ecc.). In generale il momento informativo, ovvero la divulgazione della nocività del telefonino, è sicuramente importante nell ambito della prevenzione, ma non bastano certo spot, pagine di giornali, manifesti, etichette, leggi e divieti per dissuadere da comportamenti a rischio e liberare dalle dipendenze, specie se si tratta di fenomeni di massa (7). Se si vuole puntare ad un drastico ridimensionamento collettivo dell uso del cellulare, in modo da contribuire a ridurre l incidenza di tumori e altre malattie radioindotte (4), bisogna quindi utilizzare tutti quegli interventi di tipo pedagogico e culturale a disposizione per innescare un cambiamento dei comportamenti e degli atteggiamenti individuali e dei gruppi. 15

16 Inoltre, poiché allarmi e proibizioni possono alimentare trasgressioni e impulsi autolesionistici, cioè essere controproducenti, l intervento preventivo non può dunque essere soltanto di tipo medicalizzante ( non usare il cellulare perché fa male alla salute ), ma si deve inserire nello specifico contesto in cui la cultura dell abuso telefonico si è radicata. Per modificare le idee, le visioni del mondo, i comportamenti e gli atteggiamenti agganciati all uso del cellulare bisogna cioè aprire confronti e discussioni che aiutano a maturare le motivazioni al cambiamento, non trascurando la consapevolezza delle dinamiche con cui il business riesce a indurre nella società sempre nuovi bisogni e rinforzare le dipendenze, da sostanze, oggetti e pratiche, come lo shopping e la cura del look. Ma si tratta anche di esplorare i meccanismi con cui il telefonino condiziona la nostra personale esistenza, rendendoci la vita sempre più comoda, facile e veloce, e chiedersi se questi vantaggi significano effettivamente un netto guadagno in qualità della vita; di riconoscere come e perché il telefonino, protesizzando il corpo umano, riesce a riempire il vuoto esistenziale e rappresentare per molti il senso stesso della vita; di contrastare il marketing che intercetta abilmente i bisogni della società liquida e permette al business di consolidare la natura egoistica, materialistica e consumistica della società globalizzata, grazie anche all abuso dei nuovi media; di chiedersi perché, assurdamente, nell era delle tecnologie della informazione e della comunicazione, la solitudine, la depressione, l incomunicabilità, l aridità dei rapporti personali, l omofobia, il razzismo, stanno raggiungendo livelli insostenibili. Insomma parlare di prevenzione nei confronti dei possibili danni derivanti dall abuso della telefonia mobile significa agire a multipli livelli per favorire la nascita e la diffusione di una contro-cultura che ridimensioni, in ultima analisi, il ruolo dell economia e della tecnologia nella vita umana, che guardi alla sviluppo umano e sociale in termini di ben-essere (spirituale, integrazione sociale, salvaguardia ambientale, qualità della vita) piuttosto che ben-avere (ricchezza monetaria, accumulo di cose, dipendenza dagli oggetti). L educazione al pensiero autonomo e al consumo critico, responsabile ed ecosostenibile potrebbe disintossicarci da computer, cellulari e dallo smog cancerogeno emesso da antenne e circuiti elettronici. Considerando che proprio i bambini e i ragazzi sono i più accaniti maneggiatori di tecnologie e consumatori di novità, oltre che il target privilegiato della pubblicità e del marketing ed essere molto più vulnerabili degli adulti agli agenti tossici, allora sia la scuola, luogo non deputato solo alla trasmissione di nozionismo 16

17 ma in cui si può attuare un confronto e discussione sulle tematiche qui accennate per una più completa formazione umana e culturale dei ragazzi, sia i medici, in particolare i medici di famiglia e i pediatri, sempre più spesso consultati per fatti di natura prettamente esistenziale o sociopatica, sono tenuti a intervenire per dare il loro prezioso contributo alla prevenzione. Riferimenti bibliografici 1. International Agency for Research on Cancer/World Health Organization. IARC classifies radiofrequency electromagnetic fields as possibly carcinogenic to humas. Press release n.208; 31 may Levis AG, Minicucci N, Ricci P, Gennaro V, Garbisa S. Mobile phone and head tumours: it is time to read and highlight data in a proper way. Epidemiol Prev 2011, 35: Dimonte M. Elettrosmog, progresso, salute. Levante Ed, Sansone RA, Sansone LA. Cell phone: the psychosocial risks. Innov Clin Neurosci 2013; 10: Dimonte M, Ricchiuto G. Mobile phone and young people. A survey pilot study to explore the controversial aspect of a new socialphenomenon. Minerva Pediatrica 2006, 58: Ruiz-Olivarez R, Lucena V, Jose Pino M, Herruzo J. Analysis of behavior related to use of the internet, mobile telephones, compulsive shopping and among university students. Addiciones 2010; 22: Pedrero Perez EJ, Rodriguez Monje MT, Ruiz Sanchez de Leon JM. Mobile phone abuse or addiction. Review of the literature. Addiciones 2102, 24: *Radiologo, medico nucleare, sociologo International Society Doctors for Environments (ISDE)-Italia 17

18 Donare il sangue del cordone. Una scelta di vita LO STATO DELL ARTE DELL ASL DI LECCE E LE DONAZIONI DAL 2009 AL 2012 di Maurizio Petracca *, Veronica Pascali **, Ferdinando Valentino *** Che cos è la donazione del sangue cordonale La donazione del sangue cordonale consiste nella donazione di cellule staminali contenute nel cordone ombelicale del neonato. La scoperta della loro presenza al suo interno risale al Da allora fino ad oggi numerose sono state le scoperte e le applicazioni in campo medico. A rendere tanto speciali e preziose queste particolari cellule staminali è la loro natura simil-embrionale e la peculiarità di possedere un immaturità immunologica che consente loro di superare le barriere di compatibilità permettendo di effettuare un trapianto che avrà come risultato un miglior attecchimento ed un minor rischio di rigetto. Chi può fare la donazione del cordone Tutti i futuri genitori possono esprimere il desiderio di donare questa preziosa fonte di cellule staminali, ma la reale possibilità di farlo verrà decretata al termine di specifici esami. Innanzitutto devono sottoporsi ad un colloquio informativo durante il quale verrà loro spiegato tutto l iter procedurale, entrambi i genitori dovranno poi compilare un questionario individuale ed anonimo che riguarda la loro storia clinica e familiare per escludere l eventuale presenza di malattie infettive (HIV, HBV, HCV ecc ) e/o malattie genetiche ereditarie, le quali potrebbero essere trasmesse attraverso sangue cordonale. Una volta risultati idonei i genitori potranno firmare il consenso informato che permetterà di portare a buon fine l atto della donazione stessa. Al momento della donazione, inoltre, dovranno valutarsi anche altri requisiti sia materno-fetali che ostetrici: 18

19 requisiti materni. Possono donare tutte le future mamme che non abbiano avuto una gravidanza a rischio, che abbiano concluso la 37esima settimana e il cui bambino non presenti malformazioni congenite; requisiti ostetrici. I principali requisiti che rendono l unità cordonale non idonea sono: gestazione inferiore a 37 settimane, liquido amniotico fortemente tinto e profilassi anti Rh post amniocentesi. I requisiti che rendono, invece, l unità cordonale idonea sono: peso del neonato maggiore di g e peso della placenta maggiore di 700 g; parametri di qualità, la cui presenza è fondamentale: TNC (Totale Cellule Nucleate). In caso di trapianto i valori di TNC devono essere 3,5 x 107/kg di peso corporeo del paziente ricevente; CD34+, l antigene espresso nelle cellule emopoietiche più indifferenziate; CFU-GM (Numero Unità Formanti Colonie), cellule pluripotenti precursori nel lignaggio del sangue che formano le cellule che possono differenziarsi in granulociti e macrofagi. Come si effettua la donazione del sangue cordonale Il cordone ombelicale deve presentarsi integro, deve avere i vasi sanguigni congesti, e deve avere una lunghezza di circa cm. Anche la placenta deve essere integra. La donazione può essere espletata sia in sala parto subito dopo l espulsione del feto, sia dopo il secondamento. In entrambi i casi bisogna incanulare la vena ombelicale (figura 1); far defluire il sangue per caduta nella sacca (figura 2); aprire il sacchetto di anticoagulante per lavare bene i tubi e impedire la formazione di coaguli; chiudere l ago con il dispositivo di sicurezza e saldare il tutto con apposita saldatrice; verificare le condizioni di idoneità del cordone e della placenta. Ed infine controllare che la sacca sia integra (figura 3), conservarla a 4 C nella frigoemoteca in dotazione e inviarla alla Banca di appartenenza entro 30 h. Segnalare, se necessario, qualsiasi deviazione della procedura di raccolta, annotando il problema riscontrato sull etichetta note, apposta sulla sacca. Banca pubblica o banca privata? In Italia le Banche di raccolta del sangue cordonale sono strutture sanitarie pubbliche che, per conto del Servizio Sanitario Nazionale, coordinano sul territorio tutte le attività riguardanti la donazione volontaria, la raccolta, la conservazione (attività di banking) e la distribuzione nel caso di un eventuale trapianto. Inoltre, sono riunite, secondo il Decreto Ministeriale del 18/11/2009 in una Rete Nazionale che ne collega le 19

20 20 attività. Le Banche svolgono le loro attività secondo standard definiti da linee guida nazionali e internazionali (FACT-NETCORD) di comprovata qualità ed efficacia. Il FACT è l accreditamento internazionale. Il NETCORD è l organizzazione internazionale che riunisce le banche cordonali presenti nei diversi Paesi del mondo. Per quanto riguarda la conservazione del sangue cordonale per uso autologo è necessario sottolineare che al momento non esistono evidenze scientifiche consolidate a sostegno della reale utilità di tale pratica. In Italia è comunque approvata la raccolta, per tale fine, in strutture pubbliche, ma non ne è consentito il relativo bancaggio. Per questo motivo i genitori che intendono conservare il sangue cordonale per uso autologo devono esportare la propria unità cordonale in banche private estere. Ma perché è inutile ricorrere alle Banche Private? Un bambino affetto da patologia che si gioverebbe della terapia con cellule staminali, non può utilizzare le proprie perché potrebbero trasmettere la stessa malattia che si intende curare. Inoltre la probabilità che un bambino si ammali nei primi 15 anni di vita è talmente bassa che l utilizzo di SCO (Sangue Cordone Ombelicale) autologo è dello 0,0010%. A tal proposito è bene sapere che le cellule staminali cordonali mantengono la loro vitalità per un massimo di anni, dopodichè risultano inutilizzabili. Nelle Banche Pubbliche, per di più, le unità prelevate

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli