ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!"

Transcript

1

2 ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle.

3 IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO! Non fumare e non tenere il bambino in ambienti dove si fuma Non copritelo troppo e non tenetelo vicino a fonti di calore

4 Metrasso su misura, pulito rigido SENZA CUSCINO Evitare piumini e paracolpi, peluche e cuscini I piedi del bambino devono toccare il piè di culla

5 PREVENIRE LA PLAGIOCEFALIA POSTURALE Far trascorrere meno tempo in posizione supina durante la veglia riducendo l uso di infant-seat, seggiolini passeggini Marsupio valida alternativa al passeggino Stimolare il bambini ai movimenti della testa Ruotare il lettino periodicamente

6 MEDICAZIONE DEL CORDONE OMBELICALE Cade naturalmente tra il 7 ed il 14 giorno Pulirlo ad ogni cambio e tenerlo asciutto fino alla sua naturale caduta Utilizzare garze sterili monouso ed una retina contenitiva Non stringere la chiusura del pannolino sopra la medicazione Non usare in nessun caso cotone idrofilo per la medicazione, può lasciare residui che procurano infezioni Se compare arrossamento (irritazione), secrezione gialla (infezione), un rigonfiamento che si accentua quando il bambino piange (ernia ombelicale), o se oltre le 4 settimane di vita il moncone non si è ancora staccato da solo è bene che vi rivolgiate al pediatra per chiedere ulteriori consigli.

7 ITTERO L ittero nel neonato è una condizione molto comune Per ittero si intende una colorazione gialla della cute e delle mucose del neonato, particolarmente visibile a livello del palato e della parte bianca dell'occhio, determinata dall'accumulo di una sostanza: la bilirubina. La fototerapia il piccolo viene sottoposto ad una luce ad alta densità dello spettro visibile in grado di scomporre la sostanza

8 PULIZIA DELLE CAVITA NASALI NO! all uso degli aspiratori nasali

9 STERILIZZAZIONE. DI POPPATOI E TETTARELLE : COME E FINO A QUANDO È UTILE.

10 PIANGE COS HA? Il pianto è il modo in cui il bambino cerca di comunicare con l ambiente. E importante che i bambini piangano perché devono imparare a comunicare con i genitori e soprattutto a ottenere risposte. È sbagliato anche prevenire le richieste del bambino per evitare che pianga Il bambino di meno di un anno usa il pianto come linguaggio, perciò usa il pianto come fossero parole e lo fa senza soffrire. È l unico sistema che ha per comunicare con l ambiente

11 PRIMA RICHIESTA DEL NEONATO ALLATTAMENTO QUANDO, QUANTO E COME Materno Importante Attaccarlo correttamente Artificiale Importante la fuoriuscita corretta dalla tettarella goccia dopo goccia, NON a getto o troppo piano

12 COME COSTITUIRE IL LATTE ARTIFICIALE lavare accuratamente le mani i biberon e le tettarelle devono essere sterilizzati utilizzare acqua oligominerale naturale tiepida aggiungere la quantità prescritta di polvere (misurini pieni ma rasi, non compressi) solitamente 1 misurino ogni 30 ml di acqua tappare il biberon ed agitarlo fino a quando la polvere si è completamente sciolta e non ci sono grumi scaldare il biberon a bagnomaria o nello scalda biberon, o nel forno a microonde; controllare la temperatura lasciando cadere alcune gocce sul dorso della mano controllare che il latte fuoriesca dalla tettarella goccia dopo goccia, se esce a getto significa che il foro della tettarella è troppo grosso ed il bambino potrà ingozzarsi; se invece esce troppo piano significa che il foro è ostruito o troppo piccolo ed il bambino farà fatica a succhiare.

13 COLICHE GASSOSE Quando un neonato che gode buona salute ed è ben nutrito piange per più di 3 ore al giorno per oltre 3 giorni a settimana. In genere il pianto da colica: - si accentua intorno alla sesta-ottava settimana di vita del bambino; - peggiora la sera; - migliora dopo il terzo-quarto mese; - migliora con l emissione di aria e di feci. Quando il bambino ha la colica è agitato, ha il viso arrossato, si muove senza trovare la posizione: tira su le gambe, inarca la schiena e stringe i pugni. Il dolore da colica è provocato dalla rapida distensione della parete intestinale determinata dal passaggio di bolle d aria.

14 RIGURGITO O REFLUSSO? È necessario sottolineare come il comune "reflusso gastroesofageo" e quindi il passaggio dallo stomaco all'esofago di materiale in parte acido (i succhi gastrici sono, infatti, acidi) è un evento molto comune nel neonato in quanto il cardias è di norma poco continente. Il segno che va osservato con maggiore attenzione è l'eventuale presenza di vomito o rigurgiti anche detti "a getto" frequenti che possono far pensare ad una stenosi pilorica, come detto, evento ben più grave.

15 CONGIUNTIVITI, DERMATITI ATOPICHE MUGHETTO E DERMATITE DA PANNOLINO

16 LA FEBBRE La febbre è un meccanismo di difesa dell organismo perché riduce la moltiplicazione di virus e batteri Si parla di febbre se la temperatura corporea esterna, è superiore a 38 La febbre va trattata con farmaci solo quando da fastidio al bambino

17 QUANDO CHIAMARE IL PEDIATRA E QUANDO DARE FARMACI Prima dei 6 mesi il farmaco va dato solo su indicazione del pediatra, quindi consulta subito il pediatra se il bambino ha meno di 6 mesi

18 LE VACCINAZIONI. Vaccinazioni obbligatorie Antipolio, Antidifterica, Antitetanica Antiepatite B. Vaccinazioni facoltative LA VACCINAZIONE PROTEGGE TUO FIGLIO Antimorbillo, Antirosolia, Antiparotite, Antipertosse, Anti Haemophilus influenzae, Antimeningococcica, Antipneumococcica, Antivaricella..

19

20 ATTENZIONE A televisori e ferri da stiro scale, balconi, seggiole e seggioloni NO! al GIRELLO

21

22 Le manovre di disostruzione pediatriche permettono la liberazione delle vie aeree di un bambino dal corpo estraneo, quando il cibo, o un oggetto, è entrato nella trachea anziché procedere normalmente per l esofago. I più grandi

23 Dott. Francesco Bedendo specialista in pediatria preventiva e puericultura

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO INTRODUZIONE

Dettagli

Vestiario e abitudini giornaliere

Vestiario e abitudini giornaliere Vestiario e abitudini giornaliere Il vestiario Conviene sempre mettere a contatto con la pelle del neonato un body di cotone, sostiene Elena Calcinai, pediatra presso l Ospedale Macedonio Melloni di Milano.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

Consigli pratici. alla dimissione del vostro bambino

Consigli pratici. alla dimissione del vostro bambino Consigli pratici alla dimissione del vostro bambino Consigli pratici alla dimissione del vostro bambino Allattamento......al seno Il latte materno è l alimento migliore per i primi 6 mesi di vita: contiene

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Esaminare il seno ed i capezzoli di una madre Identificare i capezzoli rientranti

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

PUERICULTURA = sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del

PUERICULTURA = sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del PUERICULTURA = Scienza che PUERICULTURA studia la crescita e lo sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del Oggetto: studio delle condizioni che favoriscono la migliore realizzazione

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

QUANDO A CASA ARRIVA UN BAMBINO: INFORMAZIONI UTILI PER I GENITORI

QUANDO A CASA ARRIVA UN BAMBINO: INFORMAZIONI UTILI PER I GENITORI QUANDO A CASA ARRIVA UN BAMBINO: INFORMAZIONI UTILI PER I GENITORI Progetto OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO (piccola (piccola guida guida rivolta rivolta ai genitori, ai genitori, per agevolare per agevolare degenza la degenza al Nido al Nido e e per orientare per orientare

Dettagli

Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9

Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9 Indice Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9 I UN BEBÈ IN ARRIVO 12 Un tempo privilegiato 12 Vestirsi in gravidanza 13 Biancheria intima 13 Gaine e pancere 14 La cura del corpo in gravidanza 15 Prepararsi

Dettagli

Modalità volumetrica. Volume corrente. costante stabilito dall operatore a prescindere dalle Pressioni erogate. Barotrauma Minore tolleranza

Modalità volumetrica. Volume corrente. costante stabilito dall operatore a prescindere dalle Pressioni erogate. Barotrauma Minore tolleranza Gestione infermieristica dei pazienti con presidi ventilatori non invasivi Patrizia Zumbo Infermiera UTIC AOU Maggiore della Carità Novara -14/01/2011 STRATEGIE VENTILATORIE NON Pressione positiva INVASIVE

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/port3788/ Tags: download, download

Dettagli

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty. IL PARTO Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della lezione Conoscere i meccanismi

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

Malattie infettive dell infanzia

Malattie infettive dell infanzia Malattie infettive dell infanzia (Varicella, Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia) Queste malattie sono causate da virus eccetto la scarlattina che è causata

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo. Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo. Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici Il tuo bambino è nato: impara a proteggerlo Piano Regionale della Prevenzione degli incidenti stradali e domestici SCOPO DELL OPUSCOLO Questo opuscolo vuol essere una breve guida per conoscere i pericoli

Dettagli

Consigli per la cura del neonato

Consigli per la cura del neonato Consigli per la cura del neonato Bagnetto o lavaggio In caso di necessità Possibilmente senza bagnoschiuma; in caso di pelle secca è possibile utilizzare un olio da bagno (ad esempio olio di mandorla,

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

raffreddore TOSSE e CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI

raffreddore TOSSE e CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI INTERNO-tosse.qxd 3-06-2004 12:23 Pagina 1 TOSSE e raffreddore CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile impresa della crescita dei figli è accompagnarvi

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale g u i d a p r a t i c a a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale A cura di: Dott.ssa Laura EBBLI Dietista Dott. Giancarlo GOBBI Medico Dott.ssa Gianna NEGRO Farmacista Dott.ssa Valentina SGUERSO

Dettagli

LIBRETTO DEL NEONATO

LIBRETTO DEL NEONATO LIBRETTO DEL NEONATO . PRESIDIO ALESSANDRO MANZONI - LECCO PRESIDIO SAN LEOPOLDO MANDIC - MERATE DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE Direttore: Dott. Rinaldo Zanini S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale

Dettagli

L efficacia degli interventi nelle coliche del lattante

L efficacia degli interventi nelle coliche del lattante Traduzione a cura di: CPSE Cristiana Forni Unità di Ricerca Servizio Assistenza Istituto Ortopedico Rizzoli Collaboratrice Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera

Dettagli

BAMBINEeBAMBINI delmondo

BAMBINEeBAMBINI delmondo BAMBINEeBAMBINI delmondo ITALIANO GUIDA PER LE FAMIGLIE A Jociara Per il suo modo solare di lottare Perché questa guida è anche sua Nata in Brasile, ha vissuto buona parte della sua vita in Italia dove

Dettagli

Per questo sono qui a proporvi oggi alcuni spunti su cui riflettere e magari approfondire nel tempo.

Per questo sono qui a proporvi oggi alcuni spunti su cui riflettere e magari approfondire nel tempo. Martedì, 26 novembre 2013. LA PERCEZIONE DEL RISCHIO Sono una pensionata e casalinga, oggi a tempo pieno e mi occupo anche dei genitori anziani nella loro abitazione. Conosco le difficoltà del lavoro in

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI

ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI ROMA CAPITALE MUNICIPIO 13 IL NIDO SERVIZIO EDUCATIVO PER BAMBINI FINO A TRE ANNI INDICE FINALITA pag. 1 COME FUNZIONA IL NIDO pag. 2 L ORGANIZZAZIONE DEL NIDO pag.3 LA GIORNATA AL NIDO pag. 4 L ALIMENTAZIONE

Dettagli

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme!

LE SCHEDE SANITARIE. Dottore mio figlio non dorme! Dottore mio figlio non dorme! Quali sono i disturbi del sonno nel bambino? I disturbi del sonno si presentano in maniera diversa nelle differenti età. Nei primi 3 anni di vita prevale l insonnia mentre

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile L allattamento al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile impresa della crescita dei figli è accompagnarvi passo passo lungo le tappe della loro

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/port3356/

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

ASP Catanzaro Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme U.O. Neonatologia e TIN Direttore: dott. S. A. Canepa Relatore: Filomena Cuda Catanzaro, 07/06/2008 Bambino nelle prime quattro settimane di vita extra-uterina.

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Il progetto 6 + 1 (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Ministero della Sanità: Programma speciale ex art. 12, comma 2,

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI:

CIBI ACQUA NORME IGIENICHE E GENERALI: NORME IGIENICHE E GENERALI: CIBI Non mangiare verdura, frutta, legumi crudi o che non possano essere sbucciati o cotti. Evitare uova crude o poco cotte, pesce crudo o allevato in zone paludose o in prossimità

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

Come proteggere il tuo bambino in inverno

Come proteggere il tuo bambino in inverno Come proteggere il tuo bambino in inverno GUIDA PRATICA N.2 Parlane con il tuo pediatra Da oltre 145 anni per aiutarti a crescerlo nel tuo abbraccio di mamma La cameretta In pieno inverno, come proteggere

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Mamma che latte! www.salute.gov.it

Mamma che latte! www.salute.gov.it Consigli alle mamme sull'allattamento al seno Mamma che latte! Mamma che latte! 3 INDICE Allattare al seno il tuo bimbo con amore e facilità pag 4 Allattamento al seno unico e speciale pag 6 Vicino al

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

ACARI DELLA POLVERE DOMESTICA E DELLE DERRATE

ACARI DELLA POLVERE DOMESTICA E DELLE DERRATE ACARI DELLA POLVERE DOMESTICA E DELLE DERRATE Informazioni e consigli per i pazienti allergici Your Partner in Anaphylaxis + Immunotherapy Cara paziente allergica, Caro paziente allergico, Gli acari della

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

La crescita e la cura dei bambini nel primo anno di vita

La crescita e la cura dei bambini nel primo anno di vita La crescita e la cura dei bambini nel primo anno di vita Guida per la mamma ed il papà Questa pubblicazione è dedicata ai neogenitori. Offre prime informazioni sulla cura dei bambini dalla nascita al primo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PROMOZIONE INTERVENTI MIRATI AD INCIDERE SUI RISCHI INFORTUNISTICI TRA GLI ANZIANI E BAMBINI DI 0-40

PROMOZIONE INTERVENTI MIRATI AD INCIDERE SUI RISCHI INFORTUNISTICI TRA GLI ANZIANI E BAMBINI DI 0-40 PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE PROMOZIONE INTERVENTI MIRATI AD INCIDERE SUI RISCHI INFORTUNISTICI TRA GLI ANZIANI E BAMBINI DI 0-40 4 ANNI Referente aziendale di progetto dr.ssa M. Coia Bacino d utenza

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/monc/

Dettagli

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale INTRODUZIONE La nutrizione enterale domiciliare (NED) è una tecnica nutrizionale praticata e consolidata da diversi anni in medicina. Questo tipo di nutrizione è iniziata negli ospedali italiani dalla

Dettagli

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Marta Lazzeri Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda DEFINIZIONE PROCEDURA ATTUATA ALLO SCOPO DI RIMUOVERE SECREZIONI

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Come proteggere il tuo bambino in casa. Parlane con il tuo pediatra

Come proteggere il tuo bambino in casa. Parlane con il tuo pediatra Come proteggere il tuo bambino in casa Parlane con il tuo pediatra Un mondo alla sua altezza Giorno dopo giorno, il tuo piccolo si sveglia e scopre l ambiente che lo circonda. Per te questo è una grande

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Carta dei Servizi La presente Carta dei Servizi è stata stipulata in data 04/08/2014 Valido per l'anno scolastico 2014/2015. FINALITÀ DEL NIDO FAMIGLIA Il Nido Famiglia è un servizio sociale ed educativo

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE La vita del neonato dalla nascita al primo mese, rassicurazioni e consigli dalla SIN Società Italiana di Neonatologia L arrivo di un bebè è un momento lieto, ma

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

ospedaleniguarda.it BENVENUTI AL NIDO

ospedaleniguarda.it BENVENUTI AL NIDO BENVENUTI AL NIDO Cara mamma e caro papà, l arrivo del vostro bambino è un evento meraviglioso che vi porterà tanta gioia e felicità, ma anche alcuni dubbi e domande. Con questa piccola guida vogliamo

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli