Institute of Neurobiology and Molecular Medicine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Institute of Neurobiology and Molecular Medicine"

Transcript

1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare Institute of Neurobiology and Molecular Medicine Via del Fosso del Cavaliere Roma, Italy E mail: Fax: Tel: Ricerca: B1 45/DIPIA/04 Analisi delle modificazioni pr odotte a seguito di esposizioni pr olungate e contr ollate a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di sviluppo di popolazioni biologiche RELAZIONE Per lo studio e l analisi delle modificazioni prodotte a seguito di esposizioni prolungate e controllate a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di sviluppo di popolazioni biologiche abbiamo utilizzato differenti popolazioni di cellule staminali. 1 Che cosa sono le cellule staminali? Sono definite cellule staminali quelle cellule che presentano un basso o quasi assente livello di maturazione e di specializzazione ma che mantengono la potenzialità di differenziare e dare origine a diversi tipi di tessuto. In base a questa proprietà, le cellule staminali si distinguono in diverse coorti: cellule staminali totipotenti, identiche e non specializzate, da esse si può ottenere qualsiasi tipo di tessuto; cellule staminali pluripotenti, sono in grado di dare origine solo ad alcuni tipi di cellule o tessuti; cellule staminali unipotenti, possono dare origine ad un solo tipo cellulare; Queste cellule sono oggi considerate fondamentali per la ricerca biomedica, in quanto si ritiene che possano essere usate per la cura di diversi stati patologici.

2 A seconda della fonte di origine esistono diversi tipi di cellule staminali: cellule staminali embrionali eterologhe sono cellule staminali totipotenti che vengono isolate dall embrione nelle primissime fasi dello sviluppo. Ad oggi i metodi di coltivazione messi a punto permettono di trasformarle in diversi tipi di cellule nervose e in cellule progenitrici del sangue; cellule staminali autologhe sono isolate a seguito del trasferimento del nucleo di una cellula somatica adulta in una cellula uovo privata del suo nucleo. In tal modo si ottengono cellule dotate dello stesso patrimonio genetico del donatore e possono essere trapiantate senza pericolo di rigetto; cellule staminali fetali sono cellule staminali pluripotenti derivate da aborti, ma gli studi ad oggi disponibili non permettono di trarre conclusioni definitive sulla loro capacità di originare tessuti; cellule staminali da cordone ombelicale sono cellule staminali provenienti dal sangue del cordone ombelicale, che si sono dimostrate in grado di dare origine a cellule del sangue per la cura di problemi quali la leucemia e alcuni disturbi genetici ed immunitari. Si ritiene che le staminali da cordone ombelicale potranno essere usate anche per la cura di lesioni vascolari o cerebrali, diabete, morbo di Parkinson, distrofia muscolare; cellule staminali da adulto derivano dal midollo osseo dell individuo adulto, vengono impiegate per l autotrapianto delle cellule emopoietiche (per riparare danni provocati da chemioterapia e radioterapia), per la cura di varie forme di tumori e leucemie. Inoltre alcuni ricercatori statunitensi avrebbero di recente identificato nel tessuto adiposo dell adulto un altra fonte di cellule staminali. 2 Campi d applicazione delle cellule staminali. Pur essendo ad oggi l impiego delle cellule staminali embrionali molto più facile e di maggior successo, i problemi etici derivanti dalla fonte d origine di queste cellule (l embrione) spinge il mondo scientifico all uso di cellule staminali provenienti da

3 cordone ombelicale e da adulto. Lo sviluppo di tecniche di prelievo e di coltivazione standardizzate di staminali non embrionali, oltre a mettere fine alle polemiche di tipo etico, permetterebbe infatti di ottenere risultati ottimali nella cura e nella terapia di patologie gravi quali: leucemie, malattie genetiche (talassemia), lesioni estese della cute o della mucosa a seguito di ustioni, lesioni diabetiche, neoplasie cutanee, lesioni del midollo spinale, malattie neurodegenerative (morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer, slerosi laterale amiotrofica, malattie da danno ischemico), malattie muscolo scheletriche (displasia ossea, malattie progressive delle giunzioni ossee, osteogenesi imperfetta, miopatie primitive), malattie degenerative della retina, della cornea e dell apparato uditivo, tessuto cardiaco danneggiato da infarto acuto del miocardio, vasi sanguigni danneggiati da processi patologici progressivi come l arteriosclerosi e l ipertensione, terapia cellulare sostitutiva contro malattie metaboliche tipo lisosomali. Le cellule staminali sembrano inoltre essere le cellule ideali da utilizzare per la terapia genica, in quanto sono in grado di accettare e tollerare, molto meglio di cellule mature, geni introdotti con tecniche di ingegneria genetica, per la correzione dell effetto patologico di geni difettosi o mutati.

4 Sistema espositivo: Il sistema espositivo utilizzato in questa ricerca è stato progettato e realizzato come di seguito descritto. Cellule staminali mesenchimali e cardiache e sono state collocate all interno di un incubatore per cellule (vedi specifiche più avanti) e cronicamente esposte fino a 5 giorni a due differenti tipi di campo magnetico. Le cellule mesenchimali sono state esposte ad un campo elettromagnetico ELF di 50Hz, 1mT, mentre le cardiache sono state simultaneamente esposte ad un campo magnetico statico ed uno alternato alla frequenza di risonanza di ciclotrone dello ione Ca 2+ (VLF). Tutta la strumentazione per generare i suddetti campi magnetici, da noi realizzata, è stata installata in una camera amagnetica. L attrezzatura comprende anche un incubatore cellulare costruito in materiale amagnetico dove, la temperatura (37± 0.1 C), la CO2 (5% ) e l umidità erano continuamente controllate e registrate attraverso uno specifico software. Il campo magnetico statico e alternato venivano costantemente monitorati con sonda MAG 03 MC70 ed elaborati con un software appositamente compilato. Ulteriori dettagli sono stati descritti nel brevetto a copertura mondiale ISPESL CNR N MI2005A Il corpo centrale dello strumento è costituito da solenoide formato da un cilindro in PVC spesso 5mm, di 33cm di diametro e lungo 3m, ed assemblato da spire di rame di 1mm di diametro. Il solenoide è alimentato da 3 amplificatori e un generatore di segnale che produce corrente statica ed alternata per la produzione dei campi magnetici sopra citati. Questo strumento e in grado di produrre frequenze nel range comprese tra 0.01Hz 1KHz e campi magnetici tra 10nT 1mT. Ulteriori dettagli sono stati descritti nel brevetto a copertura mondiale ISPESL CNR N MI2005A

5 Razionale della ricerca: Il primo modello sperimentale da noi utilizzato per lo studio e l analisi delle modificazioni e/o danni prodotti a seguito di esposizioni prolungate e controllate a campi elettrici e magnetici in vitro è rappresentato da una popolazione di cellule mensenchimali derivanti da espianti di midollo osseo umano. Come noto i progenitori degli osteoblasti sono cellule mesenchimali indifferenziate con sede nel compartimento stromale del midollo osseo (BMSC, bone marrow stromal cells). Le BMSC sono capaci di differenziare in diverse linee cellulari: osteoblasti, condrociti, adipociti, miociti. Se impiantate in vivo, queste cellule sono capaci di ricostituire tessuto osseo ed in alcune condizioni cartilagine. Dal punto di vista istologico il tessuto osseo é costituito da tessuto connettivo, la cui componente cellulare é immersa nella sostanza fondamentale, rappresentata da fibre di collagene (soprattutto fibre di tipo I) e sostanza amorfa. Le cellule del tessuto osseo sono gli osteoclasti, gli osteoblasti e gli osteociti. La componente amorfa è costituita da un gruppo di molecole proprie della matrice e da molecole provenienti dal plasma circolante. Il reclutamento di osteoblasti da precursori mesenchimali è un altro step fondamentale nei processi di formazione, rimodellamento e riparazione del tessuto osseo ed è a tale livello che il controllo di fattori quali glucocorticoidi, prostaglandine, citochine e BMP (Bone morphogenetic protein), svolge un ruolo determinante. L'osso è continuamente sottoposto a cicli di "remodeling", che implicano il riassorbimento del tessuto vecchio da parte degli osteoclasti e la successiva formazione di nuovo tessuto da parte degli osteoblasti. Le cellule osteoblastiche, pertanto, sono presenti come un insieme di numerosi stadi di differenziamento funzionale (cellule mesenchimali staminali, preosteoblasti, osteoblasti, osteociti), a ciascuno dei quali corrisponde un diverso fenotipo (morfologico, biochimico ecc). Specifici fattori (sistemici e locali) di crescita e di differenziamento sembrano svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'osso. Tra essi un ruolo particolarmente importante sembra essere quello svolto dai membri della famiglia

6 TGF beta che hanno importanti effetti su crescita e differenziamento cellulare sia agendo direttamente (bloccando la transizione G1 >S) che indirettamente "perturbando" l'espressione di fattori di crescita autocrini. Gli Indici di formazione ossea che vengono più spesso utilizzati come marcatori sono rappresentati o da enzimi di cellule coinvolte nel processo di rimodellamento o da componenti della matrice ossea neoformati e/o riassorbiti. A tale scopo è possibile valutare sia le attività enzimatiche degli osteoclasti (fosfatasi acida tartrato resistente) e degli osteoblasti (fosfatasi alcalina), che le componenti della matrice ossea prodotte dagli osteoblasti (peptide C terminale del procollageno I, osteocalcina), oltre ai frammenti della degradazione operata dagli osteoclasti (idrossiprolina, piridinolina, galattosil idrossilisina). Il secondo modello sperimentale da noi utilizzato è rappresentato da cellule staminali cardiache. Queste cellule sono state prelevate e messe in coltura secondo lo schema e il protocollo seguente: 1) Biopsia 2) Piastramento 3) Formazione 4) Cardiosfere cardiosfere 5) Cellule derivate dalle cardiosfere 6) Esposizione 1. Campioni di biopsie umane, ottenuti da pazienti sottoposti a biopsia endomiocardiale percutanea effettuata a scopo terapeutico sono stati processati. In breve, i campioni sono stati ridotti in frammenti, lavati, sottoposti a parziale digestione enzimatica e le cellule singole sono state eliminate.

7 2. I frammenti di tessuto così ottenuti sono stati messi in coltura su piastre. Dopo giorni dalla biopsia, le cellule derivanti dal tessuto stesso hanno proliferato formando un monostrato sul fondo della piastra. 3. Le cellule formatesi attorno all espianto sono state isolate, inizialmente dopo 5 7 giorni ed in seguito ogni 4 5 giorni, per un totale di 4 prelievi. 4. Le cellule cresciute in sospensione hanno formato Cardiosfere. 5. Nei giorni successivi, alcune cellule sono rimaste adese alla superficie della piastra rivestita di poly D lisina mentre altre si sono staccate dal monostrato (Cardiosfere); quest ultime, una volta piastrate in fiasche rivestite di Fibronectina, si sono espanse a formare un monostrato aderente (cellule derivate dai cardiomiociti, CDCs). Lo scopo della ricerca e' stato il seguente: 1) messa a punto di condizioni di coltura che permettano l'isolamento e l'espansione delle cellule provenienti da espianti di tessuto e midollo osseo umano; 2) caratterizzazione cellulare e molecolare delle modificazioni e/o danni prodotti da una esposizione prolungata e controllata a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di proliferazione e/o differenziamento delle BMSC e delle cardiosfere. Su tali modelli sperimentali sono stati condotti studi volti ad analizzare le modificazioni prodotte dall esposizione durante il differenziamento e la proliferazione dei precursori degli osteoblasti e dei cardiomiociti analizzando le varie fasi che costituiscono il delicato e complicato processo di differenziamento. Sulla base di tali presupposti il nostro studio è stato eseguito secondo lo schema sotto riportato: 1) analizzare l'effetto dell'esposizione prolungata a campi magnetici (ELF, VLF) durante:

8 a) proliferazione degli osteoblasti e dei precursori delle cellule cardiache b) differenziamento delle cellule cardioprogenitrici >cardiomiociti c) differenziamento osteoblasti > osteociti; 2) valutare l'effetto sinergico di varie molecole come, TGF b, BMP, vit.d3, acido retinoico, estrogeni e dexametasone durante l esposizione degli osteoblasti; 3) rilevare e dosare indici di formazione ossea quali Fosfatasi Alcalina e marker precoci di differenziamento osteocitico quali Osteocalcina durante l esposizione. 4) rilevare e dosare marker precoci e tardivi del differenziamento cardiaco quali, la Troponina I (TnI), il Dominio Chinasico del Recettore (KDR) e l nkx 2,5.

9 Risultati Il primo scopo del nostro studio è stato quello di mettere a punto un protocollo sperimentale che permetta l isolamento e l espansione delle due popolazioni cellulari. L ottenimento di questo risultato ci ha permesso di continuare la nostra ricerca ed è stato possibile condurre su queste cellule studi morfologici, biochimici e molecolari durante l esposizione prolungata a campi magnetici. Effetto dei campi ELF sulla crescita cellulare In figura 1 è possibile vedere la curva di crescita relativa alle cellule mesenchimali in presenza dei vari trattamenti. E interessante notare che nelle cellule cronicamente esposte (Exp) si ha una diminuzione della crescita rispetto alle cellule di controllo (CTR). In particolare questo fenomeno diventerebbe più evidente quando le cellule sono esposte in simultanea al trattamento con il dexametasone (E+D). Effetto dei campi ELF sulla polimerizzazione dell actina Nella Fig. 2 è riportata l organizzazione del citoscheletro di cellule staminali osteoprogenitrici vista con il microscopio confocale dopo 5 giorni di esposizione cronica a campi magnetici. La polimerizzazione dell actina nelle cellule esposte (EXP) risulta alterata rispetto alle cellule di controllo (Control). Mentre in quest ultime infatti, l actina è principalmente addensata a livello delle membrana citoplasmatica nelle cellule esposte è sia distribuita uniformemente su tutto il perimetro cellulare sia organizzata in grossi fasci. Come controllo positivo dell avvenuto differenziamento abbiamo usato il Dexametasone (Dexa). Si vede chiaramente in Fig. 2 come l effetto del differenziante chimico è simile a quello della prolungata esposizione ai campi magnetici ELF. E interessante notare infine, e questo confermerebbe quanto visto in figura 1, che anche in questo esperimento i campi sembrerebbero avere un effetto sinergizzante con il desamentasone (EXP+DX).

10 Effetto dei campi ELF sulla morfologia cellulare Una esposizione prolungata fino a 5 giorni induce inoltre nelle queste cellule staminali anche un cambiamento conformazionale ben visibile in Fig. 3. Al microscopio elettronico a trasmissione è possibile vedere che le cellule esposte (EXP) assumono una forma poligonale rispetto alle cellule di controllo che hanno invece una forma più allungata (CTR). Anche in questo esperimento l uso sinergico del differenziante chimico potenzia l effetto del campo magnetico (Exp+Dexa). Fig. 1

11 Fig. 2

12 Fig. 3 Effetto dei campi ELF sull espressione di marker proteici di differenziamento

13 Al fine di studiare eventuali variazione biochimiche correlate a variazioni conformazionali e di citoscheletro messe in evidenza durante i primi esperimenti siamo andati a saggiare nelle cellule staminali osteoprogenitrici l espressione di marcatori specifici legati al differenziamento. In particolare tramite Innunofluorescenza indiretta (Fig. 4) abbiamo registrato l aumento della sintesi di una proteina, l osteopontina, nelle cellule staminali cronicamente esposte ( Exp) rispetto ai controlli (CRT). Come si può vedere, la sintesi di osteopontina risulta aumenta nella zona perinucleare delle cellule trattate contemporaneamente con il dexametasone ed il campo magnetico( Exp+DX).

14 Fig.4

15 Effetto dei campi ELF sull espressione genica Mediante Reverse Transcription Polymerase Chain Reaction (RT PCR) abbiamo infine studiato l espressione dei marcatori del differenziamento osteocitico come indici di formazione ossea. Come si vede dalla figura sottostante le cellule esposte mostrano una precoce espressione dei marcatori del differenziamento osteocitico rispetto alle cellule di controllo. In particolare dopo 11 giorni di esposizione al campo si ha un aumento nella sintesi di RNA messaggero (mrna) per i geni della fosfatasi alcalina (AP), dell osteocalcina (OCL) e dell osteopontina (OPN).

16 Fig. 5

17 Da un punto di vista sperimentale si è visto che campi VLF anche di debole intensità possono su alcuni modelli sperimentali agire sull omeostasi del calcio. Nel 1985 Liboff e Blackman elaborarono la teoria fisicamente accettata per cui un campo statico in combinazione con un campo dinamico anche se di debole intensità (alla risonanza di ciclotrone di ioni o molecole di interesse biologico) avrebbero fornito al sistema biologico energia sufficiente a modificarne alcuni parametri biologici. Successivamente Zhadin dimostrò come tale effetto può essere verificato in pratica su ioni in soluzione. In base a questa teoria abbiamo esposto cellule staminali cardiache a campi VLF alla frequenza di risonanza degli ioni calcio. Effetto dei campi VLF sulla crescita cellulare In fig. 6 è riportata la curva di crescita delle cellule staminali cardiache. L esposizione ai campi VLF induce nelle cardiosfere un aumento dell attività proliferativa rispetto alle stesse di controllo. Le cellule esposte infatti, curva rossa, cresciute sia in fibronectina che in polylisina presentano una maggiore crescita cellulare per tutti i giorni dell esperimento.

18 Fig. 6 Esposto Fibronectina WST 8 Controllo Poly D Lisina Giorni Giorni Effetto dei campi VLF sulla modulazione dell espressione di marker di differenziamento cardiaco L esposizione delle cardiosfere a campo magnetico VLF modula il differenziamento cardiaco. Il saggio di immunoistochimica in Fig. 7 mette in evidenza una sovraespressione del marcatore cardiaco Troponina I (TnI) dopo 5 giorni di esposizione; per contro il Dominio Chinasico del Recettore (KDR), marcatore angiogenico, risulta essere sottoespresso.

19 Fig. 7 c T n I Esposti Contr olli Unexpo sed K D R Effetto dei campi VLF sull espressione genica Mediante tecniche di Real Time PCR abbiamo messo in evidenza nelle cardiosfere esposte a campi VLF un aumento degli RNA messaggeri della troponina e l nkx 2,5. Questo effetto come si può vedere in Fig. 8 è presente su cellule cresciute sia in fibronectina che in polylisina. L incremento in mrna, dimostrato dalla RT PCR, è stato poi confermato da un incremento nell espressione delle proteine. Le Cardiosfere differenziano spontaneamente nel fenotipo cardiogenico. Il differenziamento è accelerato in seguito all esposizione ai campi magnetici VLF.

20 Fig. 8 Polylisina 5 Giorni Incremento dell'mrna 2 1,8 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 troponina nkx2,5 vegf ctr exp Fibronectina 5 Giorni 3 Incremento dell'mrna 2,5 2 1,5 1 0,5 ctr exp 0 troponina nkx2,5 vegf

21 In conclusione questa ricerca, grazie alla messa a punto di protocolli sperimentali che permettono l'isolamento e l'espansione delle cellule provenienti da espianti di tessuto umano evidenzia la possibilità di utilizzare campi controllati alle basse frequenze ELF e VLF come protocolli terapeutici per il differenziamento di cellule staminali. Il responsabile scientifico Dr.ssa Antonella Lisi

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Terapie con cellule staminali nella SM. Quali cellule staminali per quale tipologia di SM? 9

Terapie con cellule staminali nella SM. Quali cellule staminali per quale tipologia di SM? 9 Indice Introduzione 3 Cos è la SM? 4 Cosa sono le cellule staminali? 5 Cos è una terapia con cellule staminali? 7 Quali possibili utilizzi delle cellule staminali nella SM? 7 Quali cellule staminali per

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli