Institute of Neurobiology and Molecular Medicine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Institute of Neurobiology and Molecular Medicine"

Transcript

1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare Institute of Neurobiology and Molecular Medicine Via del Fosso del Cavaliere Roma, Italy E mail: Fax: Tel: Ricerca: B1 45/DIPIA/04 Analisi delle modificazioni pr odotte a seguito di esposizioni pr olungate e contr ollate a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di sviluppo di popolazioni biologiche RELAZIONE Per lo studio e l analisi delle modificazioni prodotte a seguito di esposizioni prolungate e controllate a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di sviluppo di popolazioni biologiche abbiamo utilizzato differenti popolazioni di cellule staminali. 1 Che cosa sono le cellule staminali? Sono definite cellule staminali quelle cellule che presentano un basso o quasi assente livello di maturazione e di specializzazione ma che mantengono la potenzialità di differenziare e dare origine a diversi tipi di tessuto. In base a questa proprietà, le cellule staminali si distinguono in diverse coorti: cellule staminali totipotenti, identiche e non specializzate, da esse si può ottenere qualsiasi tipo di tessuto; cellule staminali pluripotenti, sono in grado di dare origine solo ad alcuni tipi di cellule o tessuti; cellule staminali unipotenti, possono dare origine ad un solo tipo cellulare; Queste cellule sono oggi considerate fondamentali per la ricerca biomedica, in quanto si ritiene che possano essere usate per la cura di diversi stati patologici.

2 A seconda della fonte di origine esistono diversi tipi di cellule staminali: cellule staminali embrionali eterologhe sono cellule staminali totipotenti che vengono isolate dall embrione nelle primissime fasi dello sviluppo. Ad oggi i metodi di coltivazione messi a punto permettono di trasformarle in diversi tipi di cellule nervose e in cellule progenitrici del sangue; cellule staminali autologhe sono isolate a seguito del trasferimento del nucleo di una cellula somatica adulta in una cellula uovo privata del suo nucleo. In tal modo si ottengono cellule dotate dello stesso patrimonio genetico del donatore e possono essere trapiantate senza pericolo di rigetto; cellule staminali fetali sono cellule staminali pluripotenti derivate da aborti, ma gli studi ad oggi disponibili non permettono di trarre conclusioni definitive sulla loro capacità di originare tessuti; cellule staminali da cordone ombelicale sono cellule staminali provenienti dal sangue del cordone ombelicale, che si sono dimostrate in grado di dare origine a cellule del sangue per la cura di problemi quali la leucemia e alcuni disturbi genetici ed immunitari. Si ritiene che le staminali da cordone ombelicale potranno essere usate anche per la cura di lesioni vascolari o cerebrali, diabete, morbo di Parkinson, distrofia muscolare; cellule staminali da adulto derivano dal midollo osseo dell individuo adulto, vengono impiegate per l autotrapianto delle cellule emopoietiche (per riparare danni provocati da chemioterapia e radioterapia), per la cura di varie forme di tumori e leucemie. Inoltre alcuni ricercatori statunitensi avrebbero di recente identificato nel tessuto adiposo dell adulto un altra fonte di cellule staminali. 2 Campi d applicazione delle cellule staminali. Pur essendo ad oggi l impiego delle cellule staminali embrionali molto più facile e di maggior successo, i problemi etici derivanti dalla fonte d origine di queste cellule (l embrione) spinge il mondo scientifico all uso di cellule staminali provenienti da

3 cordone ombelicale e da adulto. Lo sviluppo di tecniche di prelievo e di coltivazione standardizzate di staminali non embrionali, oltre a mettere fine alle polemiche di tipo etico, permetterebbe infatti di ottenere risultati ottimali nella cura e nella terapia di patologie gravi quali: leucemie, malattie genetiche (talassemia), lesioni estese della cute o della mucosa a seguito di ustioni, lesioni diabetiche, neoplasie cutanee, lesioni del midollo spinale, malattie neurodegenerative (morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer, slerosi laterale amiotrofica, malattie da danno ischemico), malattie muscolo scheletriche (displasia ossea, malattie progressive delle giunzioni ossee, osteogenesi imperfetta, miopatie primitive), malattie degenerative della retina, della cornea e dell apparato uditivo, tessuto cardiaco danneggiato da infarto acuto del miocardio, vasi sanguigni danneggiati da processi patologici progressivi come l arteriosclerosi e l ipertensione, terapia cellulare sostitutiva contro malattie metaboliche tipo lisosomali. Le cellule staminali sembrano inoltre essere le cellule ideali da utilizzare per la terapia genica, in quanto sono in grado di accettare e tollerare, molto meglio di cellule mature, geni introdotti con tecniche di ingegneria genetica, per la correzione dell effetto patologico di geni difettosi o mutati.

4 Sistema espositivo: Il sistema espositivo utilizzato in questa ricerca è stato progettato e realizzato come di seguito descritto. Cellule staminali mesenchimali e cardiache e sono state collocate all interno di un incubatore per cellule (vedi specifiche più avanti) e cronicamente esposte fino a 5 giorni a due differenti tipi di campo magnetico. Le cellule mesenchimali sono state esposte ad un campo elettromagnetico ELF di 50Hz, 1mT, mentre le cardiache sono state simultaneamente esposte ad un campo magnetico statico ed uno alternato alla frequenza di risonanza di ciclotrone dello ione Ca 2+ (VLF). Tutta la strumentazione per generare i suddetti campi magnetici, da noi realizzata, è stata installata in una camera amagnetica. L attrezzatura comprende anche un incubatore cellulare costruito in materiale amagnetico dove, la temperatura (37± 0.1 C), la CO2 (5% ) e l umidità erano continuamente controllate e registrate attraverso uno specifico software. Il campo magnetico statico e alternato venivano costantemente monitorati con sonda MAG 03 MC70 ed elaborati con un software appositamente compilato. Ulteriori dettagli sono stati descritti nel brevetto a copertura mondiale ISPESL CNR N MI2005A Il corpo centrale dello strumento è costituito da solenoide formato da un cilindro in PVC spesso 5mm, di 33cm di diametro e lungo 3m, ed assemblato da spire di rame di 1mm di diametro. Il solenoide è alimentato da 3 amplificatori e un generatore di segnale che produce corrente statica ed alternata per la produzione dei campi magnetici sopra citati. Questo strumento e in grado di produrre frequenze nel range comprese tra 0.01Hz 1KHz e campi magnetici tra 10nT 1mT. Ulteriori dettagli sono stati descritti nel brevetto a copertura mondiale ISPESL CNR N MI2005A

5 Razionale della ricerca: Il primo modello sperimentale da noi utilizzato per lo studio e l analisi delle modificazioni e/o danni prodotti a seguito di esposizioni prolungate e controllate a campi elettrici e magnetici in vitro è rappresentato da una popolazione di cellule mensenchimali derivanti da espianti di midollo osseo umano. Come noto i progenitori degli osteoblasti sono cellule mesenchimali indifferenziate con sede nel compartimento stromale del midollo osseo (BMSC, bone marrow stromal cells). Le BMSC sono capaci di differenziare in diverse linee cellulari: osteoblasti, condrociti, adipociti, miociti. Se impiantate in vivo, queste cellule sono capaci di ricostituire tessuto osseo ed in alcune condizioni cartilagine. Dal punto di vista istologico il tessuto osseo é costituito da tessuto connettivo, la cui componente cellulare é immersa nella sostanza fondamentale, rappresentata da fibre di collagene (soprattutto fibre di tipo I) e sostanza amorfa. Le cellule del tessuto osseo sono gli osteoclasti, gli osteoblasti e gli osteociti. La componente amorfa è costituita da un gruppo di molecole proprie della matrice e da molecole provenienti dal plasma circolante. Il reclutamento di osteoblasti da precursori mesenchimali è un altro step fondamentale nei processi di formazione, rimodellamento e riparazione del tessuto osseo ed è a tale livello che il controllo di fattori quali glucocorticoidi, prostaglandine, citochine e BMP (Bone morphogenetic protein), svolge un ruolo determinante. L'osso è continuamente sottoposto a cicli di "remodeling", che implicano il riassorbimento del tessuto vecchio da parte degli osteoclasti e la successiva formazione di nuovo tessuto da parte degli osteoblasti. Le cellule osteoblastiche, pertanto, sono presenti come un insieme di numerosi stadi di differenziamento funzionale (cellule mesenchimali staminali, preosteoblasti, osteoblasti, osteociti), a ciascuno dei quali corrisponde un diverso fenotipo (morfologico, biochimico ecc). Specifici fattori (sistemici e locali) di crescita e di differenziamento sembrano svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo dell'osso. Tra essi un ruolo particolarmente importante sembra essere quello svolto dai membri della famiglia

6 TGF beta che hanno importanti effetti su crescita e differenziamento cellulare sia agendo direttamente (bloccando la transizione G1 >S) che indirettamente "perturbando" l'espressione di fattori di crescita autocrini. Gli Indici di formazione ossea che vengono più spesso utilizzati come marcatori sono rappresentati o da enzimi di cellule coinvolte nel processo di rimodellamento o da componenti della matrice ossea neoformati e/o riassorbiti. A tale scopo è possibile valutare sia le attività enzimatiche degli osteoclasti (fosfatasi acida tartrato resistente) e degli osteoblasti (fosfatasi alcalina), che le componenti della matrice ossea prodotte dagli osteoblasti (peptide C terminale del procollageno I, osteocalcina), oltre ai frammenti della degradazione operata dagli osteoclasti (idrossiprolina, piridinolina, galattosil idrossilisina). Il secondo modello sperimentale da noi utilizzato è rappresentato da cellule staminali cardiache. Queste cellule sono state prelevate e messe in coltura secondo lo schema e il protocollo seguente: 1) Biopsia 2) Piastramento 3) Formazione 4) Cardiosfere cardiosfere 5) Cellule derivate dalle cardiosfere 6) Esposizione 1. Campioni di biopsie umane, ottenuti da pazienti sottoposti a biopsia endomiocardiale percutanea effettuata a scopo terapeutico sono stati processati. In breve, i campioni sono stati ridotti in frammenti, lavati, sottoposti a parziale digestione enzimatica e le cellule singole sono state eliminate.

7 2. I frammenti di tessuto così ottenuti sono stati messi in coltura su piastre. Dopo giorni dalla biopsia, le cellule derivanti dal tessuto stesso hanno proliferato formando un monostrato sul fondo della piastra. 3. Le cellule formatesi attorno all espianto sono state isolate, inizialmente dopo 5 7 giorni ed in seguito ogni 4 5 giorni, per un totale di 4 prelievi. 4. Le cellule cresciute in sospensione hanno formato Cardiosfere. 5. Nei giorni successivi, alcune cellule sono rimaste adese alla superficie della piastra rivestita di poly D lisina mentre altre si sono staccate dal monostrato (Cardiosfere); quest ultime, una volta piastrate in fiasche rivestite di Fibronectina, si sono espanse a formare un monostrato aderente (cellule derivate dai cardiomiociti, CDCs). Lo scopo della ricerca e' stato il seguente: 1) messa a punto di condizioni di coltura che permettano l'isolamento e l'espansione delle cellule provenienti da espianti di tessuto e midollo osseo umano; 2) caratterizzazione cellulare e molecolare delle modificazioni e/o danni prodotti da una esposizione prolungata e controllata a campi elettrici e magnetici nelle bande ELF e VLF sul processo di proliferazione e/o differenziamento delle BMSC e delle cardiosfere. Su tali modelli sperimentali sono stati condotti studi volti ad analizzare le modificazioni prodotte dall esposizione durante il differenziamento e la proliferazione dei precursori degli osteoblasti e dei cardiomiociti analizzando le varie fasi che costituiscono il delicato e complicato processo di differenziamento. Sulla base di tali presupposti il nostro studio è stato eseguito secondo lo schema sotto riportato: 1) analizzare l'effetto dell'esposizione prolungata a campi magnetici (ELF, VLF) durante:

8 a) proliferazione degli osteoblasti e dei precursori delle cellule cardiache b) differenziamento delle cellule cardioprogenitrici >cardiomiociti c) differenziamento osteoblasti > osteociti; 2) valutare l'effetto sinergico di varie molecole come, TGF b, BMP, vit.d3, acido retinoico, estrogeni e dexametasone durante l esposizione degli osteoblasti; 3) rilevare e dosare indici di formazione ossea quali Fosfatasi Alcalina e marker precoci di differenziamento osteocitico quali Osteocalcina durante l esposizione. 4) rilevare e dosare marker precoci e tardivi del differenziamento cardiaco quali, la Troponina I (TnI), il Dominio Chinasico del Recettore (KDR) e l nkx 2,5.

9 Risultati Il primo scopo del nostro studio è stato quello di mettere a punto un protocollo sperimentale che permetta l isolamento e l espansione delle due popolazioni cellulari. L ottenimento di questo risultato ci ha permesso di continuare la nostra ricerca ed è stato possibile condurre su queste cellule studi morfologici, biochimici e molecolari durante l esposizione prolungata a campi magnetici. Effetto dei campi ELF sulla crescita cellulare In figura 1 è possibile vedere la curva di crescita relativa alle cellule mesenchimali in presenza dei vari trattamenti. E interessante notare che nelle cellule cronicamente esposte (Exp) si ha una diminuzione della crescita rispetto alle cellule di controllo (CTR). In particolare questo fenomeno diventerebbe più evidente quando le cellule sono esposte in simultanea al trattamento con il dexametasone (E+D). Effetto dei campi ELF sulla polimerizzazione dell actina Nella Fig. 2 è riportata l organizzazione del citoscheletro di cellule staminali osteoprogenitrici vista con il microscopio confocale dopo 5 giorni di esposizione cronica a campi magnetici. La polimerizzazione dell actina nelle cellule esposte (EXP) risulta alterata rispetto alle cellule di controllo (Control). Mentre in quest ultime infatti, l actina è principalmente addensata a livello delle membrana citoplasmatica nelle cellule esposte è sia distribuita uniformemente su tutto il perimetro cellulare sia organizzata in grossi fasci. Come controllo positivo dell avvenuto differenziamento abbiamo usato il Dexametasone (Dexa). Si vede chiaramente in Fig. 2 come l effetto del differenziante chimico è simile a quello della prolungata esposizione ai campi magnetici ELF. E interessante notare infine, e questo confermerebbe quanto visto in figura 1, che anche in questo esperimento i campi sembrerebbero avere un effetto sinergizzante con il desamentasone (EXP+DX).

10 Effetto dei campi ELF sulla morfologia cellulare Una esposizione prolungata fino a 5 giorni induce inoltre nelle queste cellule staminali anche un cambiamento conformazionale ben visibile in Fig. 3. Al microscopio elettronico a trasmissione è possibile vedere che le cellule esposte (EXP) assumono una forma poligonale rispetto alle cellule di controllo che hanno invece una forma più allungata (CTR). Anche in questo esperimento l uso sinergico del differenziante chimico potenzia l effetto del campo magnetico (Exp+Dexa). Fig. 1

11 Fig. 2

12 Fig. 3 Effetto dei campi ELF sull espressione di marker proteici di differenziamento

13 Al fine di studiare eventuali variazione biochimiche correlate a variazioni conformazionali e di citoscheletro messe in evidenza durante i primi esperimenti siamo andati a saggiare nelle cellule staminali osteoprogenitrici l espressione di marcatori specifici legati al differenziamento. In particolare tramite Innunofluorescenza indiretta (Fig. 4) abbiamo registrato l aumento della sintesi di una proteina, l osteopontina, nelle cellule staminali cronicamente esposte ( Exp) rispetto ai controlli (CRT). Come si può vedere, la sintesi di osteopontina risulta aumenta nella zona perinucleare delle cellule trattate contemporaneamente con il dexametasone ed il campo magnetico( Exp+DX).

14 Fig.4

15 Effetto dei campi ELF sull espressione genica Mediante Reverse Transcription Polymerase Chain Reaction (RT PCR) abbiamo infine studiato l espressione dei marcatori del differenziamento osteocitico come indici di formazione ossea. Come si vede dalla figura sottostante le cellule esposte mostrano una precoce espressione dei marcatori del differenziamento osteocitico rispetto alle cellule di controllo. In particolare dopo 11 giorni di esposizione al campo si ha un aumento nella sintesi di RNA messaggero (mrna) per i geni della fosfatasi alcalina (AP), dell osteocalcina (OCL) e dell osteopontina (OPN).

16 Fig. 5

17 Da un punto di vista sperimentale si è visto che campi VLF anche di debole intensità possono su alcuni modelli sperimentali agire sull omeostasi del calcio. Nel 1985 Liboff e Blackman elaborarono la teoria fisicamente accettata per cui un campo statico in combinazione con un campo dinamico anche se di debole intensità (alla risonanza di ciclotrone di ioni o molecole di interesse biologico) avrebbero fornito al sistema biologico energia sufficiente a modificarne alcuni parametri biologici. Successivamente Zhadin dimostrò come tale effetto può essere verificato in pratica su ioni in soluzione. In base a questa teoria abbiamo esposto cellule staminali cardiache a campi VLF alla frequenza di risonanza degli ioni calcio. Effetto dei campi VLF sulla crescita cellulare In fig. 6 è riportata la curva di crescita delle cellule staminali cardiache. L esposizione ai campi VLF induce nelle cardiosfere un aumento dell attività proliferativa rispetto alle stesse di controllo. Le cellule esposte infatti, curva rossa, cresciute sia in fibronectina che in polylisina presentano una maggiore crescita cellulare per tutti i giorni dell esperimento.

18 Fig. 6 Esposto Fibronectina WST 8 Controllo Poly D Lisina Giorni Giorni Effetto dei campi VLF sulla modulazione dell espressione di marker di differenziamento cardiaco L esposizione delle cardiosfere a campo magnetico VLF modula il differenziamento cardiaco. Il saggio di immunoistochimica in Fig. 7 mette in evidenza una sovraespressione del marcatore cardiaco Troponina I (TnI) dopo 5 giorni di esposizione; per contro il Dominio Chinasico del Recettore (KDR), marcatore angiogenico, risulta essere sottoespresso.

19 Fig. 7 c T n I Esposti Contr olli Unexpo sed K D R Effetto dei campi VLF sull espressione genica Mediante tecniche di Real Time PCR abbiamo messo in evidenza nelle cardiosfere esposte a campi VLF un aumento degli RNA messaggeri della troponina e l nkx 2,5. Questo effetto come si può vedere in Fig. 8 è presente su cellule cresciute sia in fibronectina che in polylisina. L incremento in mrna, dimostrato dalla RT PCR, è stato poi confermato da un incremento nell espressione delle proteine. Le Cardiosfere differenziano spontaneamente nel fenotipo cardiogenico. Il differenziamento è accelerato in seguito all esposizione ai campi magnetici VLF.

20 Fig. 8 Polylisina 5 Giorni Incremento dell'mrna 2 1,8 1,6 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 troponina nkx2,5 vegf ctr exp Fibronectina 5 Giorni 3 Incremento dell'mrna 2,5 2 1,5 1 0,5 ctr exp 0 troponina nkx2,5 vegf

21 In conclusione questa ricerca, grazie alla messa a punto di protocolli sperimentali che permettono l'isolamento e l'espansione delle cellule provenienti da espianti di tessuto umano evidenzia la possibilità di utilizzare campi controllati alle basse frequenze ELF e VLF come protocolli terapeutici per il differenziamento di cellule staminali. Il responsabile scientifico Dr.ssa Antonella Lisi

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO (Sintesi) Il Ministro della Sanità, professor Umberto Veronesi, il 7 settembre scorso, nominò la Commissione di studio sull utilizzo di cellule staminali per finalità

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti La cellula La cellula è l unità strutturale e funzionale più piccola degli esseri viventi capace di esistenza indipendente. La cellula in genere interagisce

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA AUDIZIONE del 26 aprile 2001 Carlos Alonso BEDATE Curriculum accademico Laurea in filosofia Università

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

solo per il tuo migliore amico

solo per il tuo migliore amico solo per il tuo migliore amico L Osteoartrite canina Cos è l Osteoartrite Canina? Come negli esseri umani, l'artrite nei cani è una malattia degenerativa che causa rigidità delle articolazioni e dei muscoli.

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo MEDICINA RIGENERATIVA

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione precoce

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Cosa sono Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi

Dettagli

Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature

Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature Effetti delle LDL ossidate sull uptake del glucosio in cellule adipocitarie mature Beatrice Scazzocchio Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Definizione e caratteristiche delle cellule staminali. A tutt oggi non esiste ancora una definizione

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

Stress Ossidativo e Rigenerazione Assonale

Stress Ossidativo e Rigenerazione Assonale Stress Ossidativo e Rigenerazione Assonale Beninati Simone Laboratorio di Citologia, istologia ed Oncologia Sperimentale Dipartimento di Biologia Università di Roma Tor Vergata I traumi al midollo spinale

Dettagli

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali Tecnologie per lo studio delle cellule staminali Dr.ssa Annalisa Buffo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Neuroscienze Introduzione: come smascherare le cellule staminali Le cellule staminali

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

Cellule staminali una nuova speranza per molte malattie

Cellule staminali una nuova speranza per molte malattie Cellule staminali una nuova speranza per molte malattie UTILIZZO DELLE POTENZIALITÀ DELLE CELLULE STAMINALI SOMATICHE COME NUOVO APPROCCIO TERAPEUTICO ALLE PATOLOGIE NEURODEGENERATIVE PROF. NEREO BRESOLIN

Dettagli

Medicina rigenerativa e Nanomateriali

Medicina rigenerativa e Nanomateriali Medicina rigenerativa e Nanomateriali Paolo Milani Dipartimento di Fisica dell'università di Milano Focus Medicina Rigenerativa e Nanomateriali Definizione di Medicina Rigenerativa La Medicina Rigenerativa

Dettagli

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 ISTITUZIONE DEL CENTRO DI MEDICINA RIGENERATIVA DELLA REGIONE PIEMONTE E DEL GRUPPO DI LAVORO REGIONALE DELLA MEDICINA RIGENERATIVA Con proprie deliberazioni n. 22-29192, n.

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche

www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche www.fisiokinesiterapia.biz I compartimenti staminali nei tessuti: sede, meccanismi, potenzialità terapeutiche Le cellule staminali dell epidermide Il follicolo pilifero contiene cellule staminali multipotenti

Dettagli

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG LE CELLULE ips Sottoprogetto 3: Medicina Rigenerativa Questo sottoprogetto si propone di sviluppare approcci innovativi che, partendo da cellule dell organismo adulto, consentano

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Stamina e Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Potenziale differenziativo delle cellule staminali Totipotenza: capacità di una cellula staminale embrionale di dare origine a tutti i tipi cellulari dell embrione

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO

VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO VALE ORO: TESSUTO ADIPOSO AGE CONTROL La nuova dimensione Salute Benessere Bellezza CELLULE STAMINALI DAL TESSUTO ADIPOSO - 2 - Salute, agilità fisica, fitness mentale e gioia di vivere CELLULE STAMINALI

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA globulo polare SETTIMANA A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. LA PRIMA SETTIMANA 24-30 ore

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: cavità blastocelica ICM 2 cellule: ZIGOTE 8 16 cellule: MORULA: inizia la sintesi attiva di RNA e proteine trofectoderma BLASTOCISTI 32 64 cellule: BLASTOCISTI:

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Linee guida sui Prodotti per Terapia Cellulare

Linee guida sui Prodotti per Terapia Cellulare Linee guida sui Prodotti per Terapia Cellulare 1 Introduzione Nel corso dell ultimo decennio si è assistito ad un incremento esponenziale della comprensione dei meccanismi cellulari e biochimici che controllano

Dettagli

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI BANDO DI CONCORSO CELESTINA LOSA per l assegnazione di 3 BORSE DI RICERCA sul tema: «Nuove opzioni terapeutiche per i pazienti con medulloblastoma: l immunoterapia adottiva diretta verso l antigene tumorale

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

Pamela Magini Journal Club, Scuola di Specializzazione in Genetica Medica 12 Febbraio 2013, Torino

Pamela Magini Journal Club, Scuola di Specializzazione in Genetica Medica 12 Febbraio 2013, Torino Pamela Magini Journal Club, Scuola di Specializzazione in Genetica Medica 12 Febbraio 2013, Torino Congenital erythropoietic porphyria (CEP) Patologia AR Mutazioni nel gene UROS (uroporfirinogeno III sintasi)

Dettagli

IL MUSCOLO SCHELETRICO

IL MUSCOLO SCHELETRICO IL MUSCOLO SCHELETRICO Il muscolo scheletrico è formato da tessuto muscolare striato sotto controllo volontario e svolge un ruolo chiave in numerose attività, come il mantenimento della postura, la locomozione,

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

Meccanobiologia in medicina rigenerativa

Meccanobiologia in medicina rigenerativa LABORATORY OF BIOLOGICAL STRUCTURE MECHANICS www.labsmech.polimi.it Meccanobiologia in medicina rigenerativa Manuela T. Raimondi Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta Politecnico

Dettagli

-malattie monogeniche o mendeliane:

-malattie monogeniche o mendeliane: Martedì 16 Febbraio è venuta nella nostra classe la dr.ssa Petrelli Maria a spiegarci le malattie sessualmente trasmissibili e ereditarie, sessualità e affettività. Ci ha spiegato la divisione delle cellule

Dettagli

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Indice Introduzione Conclusioni 2 Introduzione Intendiamo sfruttare il paradigma del corpo umano e delle

Dettagli

Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi

Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi Risposta cellulare a stress e stimoli dannosi CELLULA NORMALE (omeostasi) Stress, aumentata richiesta Stimolo dannoso ADATTAMENTO Incapacità di adattamento DANNO CELLULARE MORTE CELLULARE Adattamento cellulare

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

conservazione cellule staminali casa di cura san rossore

conservazione cellule staminali casa di cura san rossore conservazione cellule staminali casa di cura san rossore casa di cura san rossore conservazione delle cellule staminali La scoperta delle cellule staminali e la possibilità di utilizzarle per il trattamento

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI

EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI Asp 2- Caltanissetta- Dott.ssa G. Di Franco Dirigente medico U.O. Radioterapia San Cataldo RADIAZIONI IONIZZANTI Radiazioni capaci di causare direttamente o indirettamente

Dettagli

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13 PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS Fare clic Stresa 14-16 per modificare maggio 2009 lo stile del sottotitolo dello schema Self-renewal vs differentiation Controllo del self renewal

Dettagli

SPECIALE CELLULE STAMINALI

SPECIALE CELLULE STAMINALI DOSSIER SPECIALE CELLULE STAMINALI I CONTENUTI DEL DOSSIER 1. Cosa sono le cellule staminali Isolate per la prima volta dal dottor James Thomson in un laboratorio statunitense nel 1998, le cellule staminali

Dettagli

Nel febbraio 2010, in Francia, nel

Nel febbraio 2010, in Francia, nel tools di Paolo Fontana Biologo, docente di Bioetica presso il Seminario teologico del PIME (Pontificio istituto missioni estere) di Monza Nel febbraio 2010, in Francia, nel corso di una conferenza stampa

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz Il tessuto osseo Prof. Fulvio Vitiello malattie metaboliche dell'osso 1 Il tessuto osseo: tessuto connettivo specializzato Funzione meccanica supporto della struttura corporea

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali. Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ)

Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali. Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ) Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ) Le Cellule Staminali in generale Cosa significa staminale? Il termine staminale

Dettagli

CELLULE STAMINALI STROMALI SORGENTI e CRESCITA EX VIVOed IN VIVO

CELLULE STAMINALI STROMALI SORGENTI e CRESCITA EX VIVOed IN VIVO CELLULE STAMINALI STROMALI SORGENTI e CRESCITA EX VIVOed IN VIVO Prof. Luca Pierelli Dipartimento di Medicina Sperimentale Universita Sapienza, Roma AO San Camillo Forlanini, Roma GERARCHIA CELLULE STAMINALI

Dettagli