che riescono a fare il trapianto in remissione hanno una buona probabilità di sopravvivenza libera da eventi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "che riescono a fare il trapianto in remissione hanno una buona probabilità di sopravvivenza libera da eventi."

Transcript

1 1. Il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (CSE) rappresenta la migliore opzione terapeutica per pazienti con leucemie acute ad alto rischio che, dopo aver raggiunto una remissione completa con chemioterapia standard, tendono purtroppo a recidivare entro pochi mesi o qualche anno. 2. Un caso tipico è quello di un giovane con leucemia acuta mieloide in prima remissione ma con indicatore biologico sfavorevole (delezione del cromosoma 7). In queste condizioni, il trapianto allogenico è considerato al momento attuale l unica terapia post-remissionale in grado di ridurre il rischio di recidiva. 3. Le attuali conoscenze biologiche e la dimostrata correlazione tra fattori genetici e sopravvivenza consentono di definire con sufficiente accuratezza il livello di rischio di recidiva per una leucemia acuta all esordio o al termine della chemioterapia di induzione. Pazienti che alla diagnosi hanno fattori di rischio sfavorevoli o coloro che non ottengono la remissione al primo ciclo di induzione o coloro che ricadono precocemente, devono essere considerati per un allotrapianto poiché qualsiasi altro approccio terapeutico non è in grado di garantire sopravvivenze libere da malattia superiori al 10%. Per questi pazienti, non c è indicazione all utilizzo del trapianto autologo che, invece, può essere vantaggiosamente impiegato in forme di leucemia a rischio basso o in pazienti con malattie linfoproliferative croniche quali linfomi e mielomi. 4. I pazienti che devono essere inclusi in un programma di allotrapianto subito dopo aver raggiunto la prima remissione ematologica con la chemioterapia standard sono quelli che presentano alla diagnosi indicatori genetici sfavorevoli raggruppati nel gruppo a rischio intermedio o alto. Quelli con indicatori biologici favorevoli non dovrebbero essere avviati all allotrapianto in prima remissione ma solo in caso di una seconda remissione ottenuta dopo una prima recidiva. 5. Il vantaggio dell allotrapianto rispetto alle altre terapie post-remissionali per i gruppi di rischio intermedio e alto è stato dimostrato in studi di metanalisi pubblicati negli ultimi anni. In questa riportata nella diapositiva, si conferma che solo i pazienti con fattori di rischio favorevoli hanno un vantaggio di sopravvivenza anche senza il trapianto allogenico; per tutti gli altri il trapianto offre un chiaro vantaggio in termini di guarigione. 6. In questo studio tedesco viene confermato il vantaggio dell allotrapianto rispetto alla migliore chemioterapia di mantenimento, compreso l autotrapianto, per pazienti con leucemia acuta mieloide che ricevono il trapianto allogenico in prima remissione. Per coloro che non hanno a disposizione il donatore compatibile la sopravvivenza è decisamente inferiore per l aumentato rischio di recidiva leucemica. 7. Il ruolo fondamentale dell allotrapianto nella cura della leucemia si evince da questa analisi di probabilità di recidiva in funzione del tipo di trapianto: da gemello omozigote (trapianto singenico o da identical twin) o da fratello identico (identical sibling). Quando il donatore è un gemello, l effetto curativo è praticamente affidato alla sola chemioterapia di

2 preparazione al trapianto, mentre nel trapianto da fratello c è un addizionale effetto biologico del sistema immunitario nei confronti della malattia leucemica (effetto graftversus-leukemia). Nel trapianto singenico questo meccanismo invece non piò realizzarsi a motivo della perfetta identità genetica tra donatore e ricevente (in pratica il singenico somiglia ad un trapianto autologo senza contaminazione neoplastica midollare). 8. In effetti, il trapianto allogenico è in grado di curare una malattia tumorale attraverso la combinazione di due meccanismi: a. Azione antineoplastica del regime di preparazione al trapianto (chemio +/- radioterapia aplastizzante o mieloablativa) b. Riconoscimento e uccisione delle cellule leucemiche da parte del sistema immunitario (T linfociti) del donatore (effetto graft-versus-leukemia-gvl) 9. L effetto del regime di condizionamento e quello immune del donatore sono maggiormente efficaci in condizioni di malattia minima residua al momento del trapianto. Infatti, le curve di sopravvivenza dopo trapianto per leucemie ad alto rischio dimostrano ottimi risultati nelle fasi precoci (CR1 e CR2) di malattia a conferma che il trapianto allogenico è una terapia elettiva e non la terapia delle condizioni disperate. Attendere troppo nell esecuzione del trapianto (per esempio, per cercare il donatore compatibile) espone il paziente il rischio di recidiva e di tapianto in fase avanzata. 10. Lo schema illustra le forze immunologiche che regolano le reazioni del ricevente (rischio di rigetto) e quelle del donatore (Graft versus Host Reaction e Graft versus leukemia effect). Entrambi questi fenomeni dipendono essenzialmente dai linfocit T, quelli residui nel ricevente e quelli del donatore presenti nel trapianto. Al termine del regime di condizionamento, il paziente ha ancora una quota minima residua di cellule staminali normali, di linfociti e di cellule leucemiche che spiegano la possibilità di recupero dell emopoiesi autologa, del rigetto e della recidiva, rispettivamente. Nella maggior parte dei casi, tutti questi elementi cellulari vengono sopraffatti dal trapianto che è molto ricco in cellule staminali e in linfociti che facilitano l attecchimento contrastando la reazione di rigetto e distruggono le cellule leucemiche residue (effetto GvL). 11. Purtroppo i linfocit T non sono in grado di riconoscere in maniera selettiva le cellule leucemiche ma riconoscono come estranei anche i tessuti normali del ricevente, in particolare cute, fegato e intestino. Il quadro clinico che deriva da questa aggressione cellulare è noto come Graft-versusHost Disease (GvHD). Questa si può manifestare in forma acuta nei primi 2-3 mesi dal trapianto, ha diversi gradi di severità (dal grado I al IV) e può essere mortale nelle forme di grado III-IV. La variante cronica, insorge più tardivamente, somiglia ad una malattia dis-immune e può colpire qualsiasi organo con quadri di sclerodermia, sindrome sicca, bronchiolite obliterante, epatite cronica, etc. 12. La GvHD si verifica in circa il 30% dei pazienti che ricevono un trapianto standard da famigliare genotipicamente identico. L incidenza e la gravità della GvHD aumentano con il grado di disparità antigenica tra donatore e ricevente. In caso di differenza maggiore (un

3 intero aplotipo incompatibile, quale si ha tra genitori e figli o altri collaterali che condividono solo uno dei due aplotipi che formano il genotipo umano), la GvHD si manifesta in quasi tutti i casi, è in genere severa e si rende responsabile di elevata probabilità di morte (>70-80%). 13. Queste regole di compatibilità sono dettate da geni presenti sul cromosoma 6, vengono identificati come loci di Classe I (A,B,C) o di Classe II (DP,DQ,DR) e vengono ereditati secondo leggi Mendeliane. Ne deriva che la probabilità che due figli di stessi genitori siano perfettamente identici è del 25%. Questo dato, unitamente alla numerosità sempre più ridotta delle famiglie, spiega perché solo un 20-30% dei pazienti candidabili al trapianto trovano il donatore tra i collaterali famigliari. 14. Per superare il limite della compatibilità famigliare, sono state sviluppate nel corso degli anni nuove procedure trapiantologiche che si basano sulla ricerca di un donatore compatibile non famigliare nei registri di donatori volontari o di una sacca di cordone ombelicale congelato in una delle tante banche mondiali. In assenza di potenziali donatori, l unica opzione per un paziente che deve fare il trapianto a causa della sua malattia è quella di utilizzare un famigliare qualsiasi con il quale condivide uno dei due aplotipi (detto aploidentico per questo motivo) ma differisce per l altro aplotipo (detto aplo-incompatibile o mismatched). 15. Nonostante le dimensioni dei registri di donatori volontari e delle banche di sangue cordonali, solo una minoranza dei pazienti in ricerca riesce a trovare un donatore ottimale per grado di compatibilità o per numero di cellule nel caso del cordone. Purtroppo, un altro limite all esecuzione del trapianto da volontario è rappresentato dal tempo necessario per identificare il donatore e arrivare al prelievo delle cellule staminali. Per pazienti con leucemia ad alto rischio di recidiva, il tempo ideale per il trapianto è circa 2-3 mesi dalla fine della chemioterapia di induzione e del consolidamento. Purtroppo, in questo breve tempo pochi pazienti in lista riescono di fatto a fare il trapianto. 16. Questo grafico illustra il tempo medio e quello mediano per arrivare all identificazione e al prelievo di cellule staminali da donatore non famigliare. E intuibile che solo pazienti in attesa di trapianto per malattie ad andamento cronico hanno una buona probabilità di trovare il donatore, quelli con malattie acute per i quali il trapianto spesso si impone in 1-2 mesi non hanno la stessa probabilità. 17. Queste difficoltà spiegano perché nonostante le dimensioni dei registri di donatori volonatari e delle banche di cordoni le percentuali di utilizzo sono ancora scarse. 18. Attendere troppo (>3 mesi) nella speranza di reperire il donatore più compatibile nel registro dei donatori volontari ha un impatto negativo sulla sopravvivenza in quanto, nell attesa del trapianto, la malattia può progredire e il paziente arriva al trapianto in fase più avanzata. Le curve riportate in questo studio, confermano che i pazienti che trovano un donatore non famigliare con perfetta compatibilità (tipo 8 antigeni su 8 del sistema HLA) e

4 che riescono a fare il trapianto in remissione hanno una buona probabilità di sopravvivenza libera da eventi. 19. Questa esperienza del registro americano conferma che quando il donatore volontario è perfettamente compatibile la probabilità di successo è sovrapponibile a quella osservata dopo trapianto da famigliare identico. Una maggiore mortalità è riportata per coloro che vengono trapiantati da un non famigliare non perfettamente compatibile. 20. Nel caso del trapianto di cordone ombelicale si deve tener conto non solo del grado di compatibilità ma anche della dose di cellule staminali disponibili nell unità cordonale congelata. Infatti, quando si infondono cordoni con scarso numero di cellule staminali CD34 + aumenta il rischio di rigetto o si verifica una lenta ripresa ematologica dopo l attecchimento con il rischio di elevata mortalità per infezioni. 21. Non vi è dubbio che l unica possibilità per offrire a tutti i pazienti privi di un famigliare identico l opportunità del trapianto in tempo immediato è quella di impiegare uno dei famigliari incompatibili (o solo parzialmente compatibili per uno aplotipo). 22. I vantaggi di poter utilizzare simili donatori sono molteplici: a) la tempistica del trapianto che si può effettuare quando serve al paziente e non solo quando si trova il donatore; b) l ampia scelta tra vari collaterali (talora utile ove si consideri che il donatore deve essere in condizioni ottimali di salute per la donazione); c) il ricorso ad un altro donatore in caso di rigetto o di scarsa raccolta di cellule staminali (cattivo mobilizzatore); d) la possibilità di eseguire la cosiddetta DLI (donor lymphocyte infusion) che consiste nel prelevare linfociti a distanza dal trapianto per poi infonderli nel paziente in caso di necessità per il controllo di infezioni virali o fungine o per trattare la recidiva di malattia. 23. Purtroppo, in un sistema di incompatibilità, le reazioni immunitarie del trapianto (rigetto e GvHD) sono più esasperate e hanno rappresentato per anni il limite maggiore ad un più vasto impiego dei donatori incompatibili. 24. Usando cellule midollari non manipolate e la migliore profilassi della GvHD con ciclosporina e methotrexate, l esperienza del trapianto incompatibile è stata ampiamente deludente negli anni per l elevata incidenza di GvHD acuta severa, quasi sempre fatale. 25. Per contro, il ricorso alla T deplezione per ridurre il rischio della GvHD ha fatto riemergere il problema del rigetto. In quegli anni si era giunti ad una condizione di stallo per la diffcioltà di districarsi tra questi due maggiori problemi clinici: rigetto dopo T deplezione e GvHD nel trapianto non manipolato. 26. Di fondamentale importanza nel superamento della barriera dell isto-compatibilità sono stati gli studi nel modello murino che hanno dimostrato che l infusione di una megadose (10 volte superiore al convenzionale) di cellule staminali T-depletate consentiva

5 l attecchimento con ricostituzione ematopoietica full-donor nella quasi totalità degli animali trattati. 27. I modelli sperimentali hanno dimostrato che il vantaggio di infondere una megadose di cellule staminali non è legata al numero di per se ma al fatto che nel contesto di questa popolazione cellulare esiste una quota di cellule che sono in grado di inibire in modo specifico il tentativo di rigetto messo in atto dal sistema immune residue del paziente. Una volta attivate contro le cellule del donatore, i linfociti del paziente vanno incontro a morte programmata (apoptosi). Il fenomeno, noto come effetto «veto», è specifico e in effetti il sistema immune del paziente tollera le cellule staminali del donatore ma non quelle di una terza parte (che viene regolarmente rigettata). 28. Sulla base di queste acquisizioni biologiche, è stato possibile comprendere il meccanismo d azione delle cellule CD34 + e della loro progenie mieloide CD33 +. Secondo questo modello, l attecchimento viene garantito dall iniziale effetto citoriduttivo del regime di condizionamento e dall effetto «veto» esercitato dalle popolazioni CD34 + e CD33 + sulla quota di cellule immuni del paziente sfuggite all azione del condizionamento e potenzialmente responsabili del rigetto. 29. La disponibilità dei fattori di crescita emopoietici e l esperienza acquisita nel trapianto autologo con l impiego delle cellule staminali del sangue periferico mobilizzate dopo chemioterapia ad alte dosi seguita dalla stimolazione con G-CSF hanno reso possibile, anche nell uomo, l infusione di «megadosi» di cellule emopoietiche ai livelli che avevano consentito, nell animale, il superamento della barriera dell istocompatibilità. Per la prevenzione della GvHD era necessaria una deplezione ex vivo dei T linfociti del donatore con la finalità di infondere una quota di linfociti T CD3+ 1 x 10 4 /kg. Questo livello di linfociti T era in grado di prevenire la GvHD nel trapianto aploidentico in bambini con immunodeficienza congenita dove il rischio di rigetto è minimo mentre quello della GvHD è elevato. 30. Inizialmente la T deplezione è stata affidata a tecniche di selezione negativa delle CD34 + mediante manipolazioni laboriose basate sull agglutinazione dei T linfociti con la lectina soybean agglutinin (SBA) e successiva E-rosettazione con globuli rossi di montone. A partire dal 1995, si è progressivamente passati dalla selezione negativa a quella positiva delle cellule CD34 + usando inizialmente il separatore CellPro e poi, a partire dal 1999, quello più efficace della Milteny. La selezione positiva delle CD34 + ha consentito di infondere mediamente una megadose di CD34* (oltre 10 x 10 6 /kg) e di rimuovere oltre 4 log di T linfociti (con infusioni mediamente di circa 2x10 4 /kg CD3 + ). 31. Usando questo tipo di inoculo e un condizionamento mieloablativo, i due principali problemi del trapianto aploidentico T depletato sono stati superati. In effetti, in circa 200 pazienti trattati, l attecchimento si è raggiunto nel 98% dei casi e la GvHD acuta e cronica è

6 stata quasi del tutto eliminata, senza dover aggiungere alcuna terapia immunosoppressiva dopo il trapianto. 32. I risultati clinici, sia dell esperienza monocentrica di Perugia che di quella multicentrica Europea, sono sovrapponibili in termini di sopravvivenza libera da malattia a quelli riportati dopo trapianto da donatore non famigliare compatibile per simili categorie di malattia. 33. Ma il trapianto aploidentico T depletato, proprio per la mancanza della GvHD e della immunosoppressione post-trapianto con steroidi e ciclosporina, è stato ed è ancora un modello di ricerca traslazionale. Per esempio, la constatazione clinica della bassa incidenza di recidiva leucemica dopo un trapianto eseguito in pazienti con malattia ad alto rischio di recidiva e che non hanno beneficiato dell effetto GvL connesso con la GvHD ha indotto i ricercatori a trovare spiegazioni biologiche a questo fenomeno. 34. Una risposta convincente è stata fornita dallo studio della ricostituzione delle singole popolazioni linfocitarie post-trapianto che ha dimostrato il rapido incremento, nelle prime settimane dal trapianto, di cellule natural killer (NK). 35. Le cellule NK sono fisiologicamente equipaggiate per essere costantemente bloccate dal lisare o «uccidere» altre cellule attraverso il riconoscimento di antigeni self della classe I del sistema HLA. Il fenomeno non è quindi osservabile nel trapianto tra soggetti compatibili. Invece, nel trapianto aploidentico, in cui le cellule NK del donatore non riconoscono come "self" gli antigeni del ricevente, il repertorio delle cellule NK emergenti dalle cellule staminali trapiantate è caratterizzato dalla presenza di un numero significativo di cloni NK che hanno un effetto alloreattivo verso il sistema emopoietico del ricevente. Poiché il loro target è rappresentato dalle cellule del sistema emopoietico e non da quelle dei tessuti, l alloreattività NK si traduce in un effetto antileucemico in assenza di GvHD. 36. L'impatto clinico di questo fenomeno é bene evidente in pazienti con leucemia mieloide acuta in remissione al momento del trapianto. La probabilità di recidiva è infatti significativamente più bassa (3% vs 47%) dopo trapianto da donatore NK alloreattivo e questo si traduce in un significativo vantaggio anche in termini di probabilità di sopravvivenza (67% a oltre 10 anni dal trapianto). 37. Infine, come emerso da una recente analisi retrospettiva comprensiva di pazienti pediatrici ed adulti, usare la madre, NK alloreattiva, come donatore offre la migliore probabilità di sopravvivenza. Questi dati indicano come la scelta del donatore nell'ambito dei vari familiari aploidentici disponibili debba tenere conto di questo vantaggio biologico e di conseguenza di privilegiare il soggetto NK alloreattivo, identificabile sulla base della tipizzazione HLA. 38. Questi risultati si possono interpretare alla luce delia pregressa esposizione del sistema immune della madre agli antigeni fetali durante la gravidanza che genera cellule linfocitarie T memoria nei riguardi dell aplotipo paterno del feto (chimerismo materno-fetale).

7 39. In conclusione, il trapianto da donatore aploidentico familiare è divenuto nel corso di questi ultimi anni una realtà clinica e deve essere prospettato a pazienti con emopatie maligne ad alto rischio privi di un donatore identico nell'ambito della famiglia o dei registri internazionali di donatori volontari. Anche se il cordone può offrire gli stessi vantaggi in termini di tempi per il reperimento del donatore, il trapianto da famigliare aploidentico si deve preferire soprattutto nel paziente adulto e laddove è presente un donatore (madre quando possibile) NK alloreattivo.

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE)

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Dr. Attilio Rovelli responsabile del Centro Trapianti dell' Ospedale San Gerardo di Monza Il trapianto di midollo osseo per una

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica.

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica. La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica Valter Tassi La cellula staminale La cellula staminale è una cellula IMMATURA

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI TERAPIA ANTILEUCEMICA DOCENTE: Prof. Luigi Quasso TERAPIA ANTILEUCEMICA

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti

IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE. Guida informativa per i pazienti IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO O DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE PERIFERICHE Guida informativa per i pazienti Unità Operativa e Centro Trapianti di Midollo Osseo Wilma Deplano. Ospedale Oncologico Armando

Dettagli

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara !

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara ! TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO Paolo Di Bartolomeo Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie Ospedale Civile, Pescara 1 In tutte le malattie del midollo osseo (emopatie), siano esse

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Secondo i criteri del Registro Nazionale italiano Donatori Midollo Osseo Le cellule staminali emopoietiche Le cellule del sangue, prodotte nel midollo osseo

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Nicoletta Sacchi Italian Bone Marrow Donor Registry E.O. Ospedali

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE

LA GESTIONE DEL DONATORE DONAZIONE Evento formativo residenziale LE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE, QUALI POSSIBILITA : PRESENTE E FUTURO LA GESTIONE DEL DONATORE DALL ISCRIZIONE ALLA DONAZIONE Patrizia Rosetta 1 Molte malattie ematologiche,

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica Prof. M.Seri: U.O. Genetica Clin ica Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambin o e dell Adolescente Geni e malattie

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Presidente del CdL: Prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Presidente del CdL: Prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Presidente del CdL: Prof. Antonio Azara IL DONATORE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE: RUOLO EDUCATIVO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 24 luglio 2013. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. 24 luglio 2013. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA 24 luglio 2013 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 5 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore Prime Pagine 10 Rassegna associativa FIDAS

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Alessandro M. Vannucchi Laboratorio Congiunto MMPC Università degli Studi e Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze In una goccia di sangue..

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO PELLACHIN SABRINA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN NURSING ONCOLOGICO 1 ANNO A.A. 2003-2004 RELAZIONE DI TIROCINIO presso il servizio TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Prof. GALLO AZIENDA OSPEDALIERA S. GIOVANNI

Dettagli

Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future. Prof. Franco Aversa

Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future. Prof. Franco Aversa Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future Prof. Franco Aversa CD34 + Separatore cellulare Prelievo Midollo osseo PRELIEVO CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DAL DONATORE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

trapianto di midollo osseo

trapianto di midollo osseo trapianto di midollo osseo Le immagini di copertina sono state gentilmente concesse dalla rivista Le Scienze : nov. 1995, n. 327, pag. 83; nov. 1993, n. 303, pag. 52; ott. 1999, n. 374, pag. 28; nov. 1993,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura Disposizioni sanzionatorie per la violazione della disciplina in materia di prelievo, conservazione e utilizzazione del sangue del cordone ombelicale

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

COM. Università e Com uniti Una strategia vincente. oncologico. Terapie cellulari e chemioterapia. Cellule staminali e cancro. Il Preside Torelli

COM. Università e Com uniti Una strategia vincente. oncologico. Terapie cellulari e chemioterapia. Cellule staminali e cancro. Il Preside Torelli COM centro oncologico modenese Poste Italiane spa Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, DCB - Brescia ANNO 2, N. 3 GIUGNO 2004 PAGINA 3 IL PUNTO SU Il trapianto

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM)

PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM) Dipartimento oncoematologico e malattie infettive EMATOLOGIA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE RICOVERATO IN EMATOLOGIA A BASSA CARICA MICROBICA (BCM) Reggio Emilia, 17 novembre 2007 a cura di MARIA STELLA

Dettagli

TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore. Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott.

TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore. Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott. TRAPIANTO di CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Concetti generali Indicazioni Gestione del donatore Prof.ssa Marcellina Mangoni Dott.ssa Lucia Prezioso Tipi di trapianto AUTOLOGO Donatore e Ricevente sono

Dettagli

Periodico d informazione dell Associazione Donatori Midollo Osseo 21. ADMO e i giovani

Periodico d informazione dell Associazione Donatori Midollo Osseo 21. ADMO e i giovani Periodico d informazione dell Associazione Donatori Midollo Osseo 21 ADMO e i giovani Notizie Roberto Congedi Presidente ADMO Federazione Italiana Inotevoli ed entusiasmanti risultati ottenuti dalla comunità

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale staminali da sangue 2/2008 RIASSUNTO L articolo propone una considerazione dello stato attuale del trapianto di cellule, una nuova risorsa in grado di curare con successo determinate patologie. Vengono

Dettagli

Sinossi dell studio GIMEMA AML 1310

Sinossi dell studio GIMEMA AML 1310 Terapia adattata al rischio genetico/citogenetico e basata sulla determinazione della malattia minima residua per pazienti giovani ( 60 anni) affetti da leucemia acuta mieloide di nuova diagnosi EudraCT

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO. Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze

WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO. Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze Mielofibrosi: Storia naturale Decorso da indolente ad aggressivo MF primitiva 1 per 100.000 secondarie 0.1 per 100.000 Il quadro

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

U.O. di EMATOLOGIA CENTRO TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Direttore: Prof. Attilio OLIVIERI

U.O. di EMATOLOGIA CENTRO TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Direttore: Prof. Attilio OLIVIERI Dott.sa IMMA ATTOLICO Dott.sa IMMA ATTOLICO U.O. di EMATOLOGIA CENTRO TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Direttore: Prof. Attilio OLIVIERI LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE Tessuto fluido contenuto nei vasi sanguigni

Dettagli

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale

La donazione solidale di. sangue di cordone ombelicale Servizio Trasfusionale La donazione solidale di sangue di cordone ombelicale Informazioni utili Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del: - Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale

Dettagli

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto.

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Vincenzo Saturni Ascoli Piceno, 29 settembre 2012 Cellule staminali Cellule non specializzate,

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 267 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice VALPIANA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 2006 Istituzione delle banche per la conservazione del sangue

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU24S1 12/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 12 maggio 2014, n. 31-7591 L. 91/99 "Disposizioni in materia di trapianti di organi e tessuti". Sostegno alle attivita' del Centro

Dettagli

Direttore Dott. Germano Genitti

Direttore Dott. Germano Genitti Direttore Dott. Germano Genitti Certificazione ISO 9001:2008 VI Corso Genova, 21 Aprile 2012 CORNEE TIPIZZATE: UN PROGETTO PER IL FUTURO Germano Genitti, M.T. Vicentini, M. Baccante Franco Papola (Direttore

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia).

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia). MIELODISPLASIE Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un gruppo eterogeneo di malattie, prevalenti nell adulto-anziano, caratterizzate da una difettosa produzione, da parte del midollo osseo, di globuli

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova PP. Pagliaro, C. Glingani, S. Saia, B. Presciuttini

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali

DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE. Lotta alle leucemie ed altre malattie ematologiche. Istituzione di una banca per la conservazione di cordoni ombelicali GRUPPO CONSILIARE PROVINCIALE Via Crispi 6 39100 BOLZANO Tel. 0471 946257 Consigliere Mauro Minniti www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it Presentato dal Consigliere provinciale del Popolo della Libertà

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Gli aspetti medici e psicologici

Gli aspetti medici e psicologici LE PATOLOGIE GRAVI, I MEZZI DIAGNOSTICI E GLI STRUMENTI TERAPEUTICI IN RAPPORTO ALLE MODIFICATE CAPACITA SCOLASTICHE E RELAZIONALI DELL ALUNNO MALATO Dott.ssa Fiorina Giona Ematologia-Dipartimento di Biotecnologie

Dettagli

I trapianti di organi: l ultima speranza se fallisce la prevenzione. Sarina Pignato professore ordinario di Igiene Università di Catania

I trapianti di organi: l ultima speranza se fallisce la prevenzione. Sarina Pignato professore ordinario di Igiene Università di Catania I trapianti di organi: l ultima speranza se fallisce la prevenzione Sarina Pignato professore ordinario di Igiene Università di Catania LA STORIA DEI TRAPIANTI Fin dall antichità la fantasia popolare ha

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE

Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE Ciclo XX Settore scientifico disciplinare di afferenza: MED/15 MALATTIE DEL SANGUE IL TRAPIANTO DI MIDOLLO

Dettagli

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Regione Emilia Romagna Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Resoconto 29 I risultati preliminari delle rivascolarizzazioni di salvataggio d arto in arteria omologa crioconservata,

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

-Sinossi del Protocollo-

-Sinossi del Protocollo- -Sinossi del Protocollo- CHEMIO-IMMUNOTERAPIA INTENSIVA PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON LINFOMA NON HODGKIN A CELLULE T PERIFERICHE (PTCL) Studio Clinico A Tipo di studio Scopo

Dettagli

Allegato A (V8 1/7 mag. 2014)

Allegato A (V8 1/7 mag. 2014) Allegato A (V8 1/7 mag. 2014) LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE Le cellule staminali emopoietiche Le cellule del sangue, prodotte nel midollo osseo ed immesse in circolo, originano da cellule

Dettagli

Il Trapianto di Rene

Il Trapianto di Rene Il Trapianto di Rene il Trapianto Sostituire un organo malato con uno sano proveniente da donatore vivente cadavere a cuore battente il cadavere a cuore battente pz. in coma depassè (morte cerebrale =

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

Trapianto di cellule staminali emopoietiche T-depletato da donatore familiare aploidentico nelle emopatie maligne dell infanzia

Trapianto di cellule staminali emopoietiche T-depletato da donatore familiare aploidentico nelle emopatie maligne dell infanzia Bollettino della Società Medico Chirurgica di Pavia 123(3):599-611 Comunicazione all adunanza del 24 settembre 2010 Trapianto di cellule staminali emopoietiche T-depletato da donatore familiare aploidentico

Dettagli

18 aprile 2015 Convegno scientifico - Evento formativo ECM La donazione e il trapianto di cellule staminali emopoietiche. Presente e futuro RESOCONTO

18 aprile 2015 Convegno scientifico - Evento formativo ECM La donazione e il trapianto di cellule staminali emopoietiche. Presente e futuro RESOCONTO 18 aprile 2015 Convegno scientifico - Evento formativo ECM La donazione e il trapianto di cellule staminali emopoietiche. Presente e futuro RESOCONTO La donazione e il trapianto di cellule staminali emopoietiche.

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010

Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010 Ricerca & Innovazione nel Servizio Sanitario dell Emilia-Romagna 2010 Progetti di Ricerca Biomedica Innovativa Trapianti Bologna, 18-19, 19, Gennaio 2010 Firma bio-molecolare nei pazienti con HCC in lista

Dettagli

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY REGISTRO ITALIANO DONATORI MIDOLLO OSSEO fondato nel 1989 PRESSO Ospedali Galliera di Genova 1 FINALITA procurare ai pazienti ematologici in attesa di trapianto,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1274 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARRA, ARLOTTI, BINI, BRAGA, CARELLA, FON- TANELLI, LATTUCA, MALPEZZI, MANFREDI, MANZI, MONGIELLO,

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli