Per te una guida che ti accompagna nella gravidanza e nei primi mesi di vita del tuo bambino!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per te una guida che ti accompagna nella gravidanza e nei primi mesi di vita del tuo bambino!"

Transcript

1 Mamma che emozione! Per te una guida che ti accompagna nella gravidanza e nei primi mesi di vita del tuo bambino! FARMACIA LA TUA NUOVA FARMACIA COMUNALE

2 INDICE P.4 - Agenda della gravidanza: le visite e i controlli P.5 - Prevenzione listeriosi, salmonellosi, toxoplasmosi P.7 - Igiene personale P.8 - Viaggiare in gravidanza Mantenersi attivi P.9 - I piccoli disturbi in gravidanza P.14 - Alimentazione P.17 - In preparazione al parto P.18 - Il cordone ombelicale P.20 - Depressione post partum* P.24 - Allattamento al seno P.26 - Allattamento artificiale P.28 - Lo svezzamento P E la nanna? P.31 - I primi denti P I miei appunti *Ringraziamo per la collaborazione le psicologhe dello studio Santarelli De Carolis di Milano.

3 Aspetti un bambino? Scoprire di aspettare un bambino è un momento speciale ed emozionante, che può però portare, soprattutto nel caso del primogenito anche a dubbi, perplessità e preoccupazioni. Lo scopo di questa guida è quello di fornire un supporto e dare risposte alle domande che ogni neo mamma si pone in questi momenti speciali. Chi può darmi consigli per gestire la stanchezza in gravidanza? Cosa non devo dimenticare per il parto? Di cosa ha bisogno una neo mamma? Come gestire i piccoli problemi pre e post parto? Scopri nelle prossime pagine di questa guida i consigli utili per vivere al meglio questi momenti

4 Agenda della gravidanza AGENDA DELLA GRAVIDANZA: LE VISITE E I CONTROLLI Il primo trimestre (entro la 12 a settimana) La prima visita dovrebbe avvenire idealmente entro la 10 a settimana. La necessità di un incontro precoce in gravidanza è motivata dal fatto che nel corso della prima visita la donna può chiedere, e in ogni caso le devono essere offerte, numerose informazioni. Per poter esercitare una scelta informata, può essere necessario del tempo per riflettere, poter maturare nuove domande e presentarsi a un successivo appuntamento con il professionista che l assiste. Obiettivi della prima visita in gravidanza sono: offrire informazioni sui servizi disponibili per l assistenza e il sostegno alla futura mamma, compresi i corsi di accompagnamento alla nascita; sui benefici di legge a tutela di maternità e paternità; sugli stili di vita e la gestione dei sintomi; sui test di screening fondamentali per identificare le donne che potrebbero avere bisogno di un assistenza intensiva e pianificare il loro percorso. Il secondo trimestre (dalla 13 a settimana alla 27 a settimana) Le visite in questo periodo hanno lo scopo di esaminare e discutere con la donna gli esiti dei test di screening, registrandone i risultati nella cartella che porta con sé. Il terzo trimestre (dalla 28 a settimana al termine) Le visite in questo periodo hanno l obiettivo di esaminare e discutere con la donna i risultati degli esami eseguiti, registrandone gli esiti nella cartella che porta con sé e di offrire informazioni e opportunità di discussione degli argomenti giudicati rilevanti dalla donna. Queste informazioni devono essere supportate da materiale cartaceo o altro materiale. La donna deve essere informata dell offerta di corsi di accompagnamento alla nascita presenti sul territorio. LAVORO IN GRAVIDANZA La tutela della gravidanza rappresenta un diritto della donna lavoratrice e un obbligo del datore di lavoro. La donna in gravidanza che lavora ha quindi diritto a essere correttamente e adeguatamente informata rispetto alle tutele normative previste. Le varie disposizioni legislative specifiche in materia sono state organizzate nel D.Lgs. 151/2001 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità a norma dell art. 15 della legge 8/3/2000, n. 53. Altre informazioni riguardo la tutela della salute sul lavoro della donna in gravidanza possono essere reperite nel documento Quando arriva un bambino (terza edizione) disponibile nel sito dell Istituto nazionale assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) all indirizzo: HYPERLINK 4

5 PREVENZIONE LISTERIOSI, SALMONELLOSI, TOXOPLASMOSI Listeriosi La listeriosi, causata dal batterio Listeria monocytogenes, può dare luogo a una forma invasiva sistemica con sintomatologia lieve simil-infuenzale o acuta con sepsi, encefaliti e meningiti. È anche causa di una forma diarroica tipica delle tossinfezioni alimentari. È associata ad aborto spontaneo, morte prenatale e gravi patologie del neonato. Per ridurre il rischio di listeriosi si consiglia di: Bere solo latte pastorizzato o UHT. Evitare di mangiare carni o altri prodotti elaborati da gastronomia senza che questi vengano nuovamente scaldati ad alte temperature. Evitare di contaminare i cibi in preparazione con cibi crudi e/o provenienti dai banconi di supermercati, gastronomie e rosticceria. non mangiare formaggi molli se non si ha la certezza che siano prodotti con latte pastorizzato. Non mangiare pâté di carne freschi e non inscatolati. Non mangiare pesce affumicato. Salmonellosi La salmonellosi è una tossinfezione a trasmissione oro-fecale causata dalle cosiddette Salmonelle minori (come S. typhimurium e S. enteritidis). È veicolata da alimenti, acqua e piccoli animali domestici contaminati. Per diminuire il rischio di salmonellosi si consiglia di: Lavare frutta e verdura prima della manipolazione e del consumo. Lavare le mani prima, durante e dopo la preparazione degli alimenti. Refrigerare gli alimenti preparati in piccoli contenitori, per garantire un rapido abbattimento della temperatura. Cuocere tutti gli alimenti derivati da animali, soprattutto pollame, maiale e uova Evitare (o perlomeno ridurre) il consumo di uova crude o poco cotte (per esempio, all occhio di bue), di gelati e zabaioni fatti in casa, o altri alimenti preparati con uova sporche o rotte. Consumare solo latte pastorizzato o UHT. Proteggere i cibi preparati dalla contaminazione di insetti e roditori. Evitare le contaminazioni tra cibi, avendo cura di tenere separati i prodotti crudi da quelli cotti. 5

6 Toxoplasmosi prevenzione prevenzione La toxoplasmosi è una zoonosi causata dal protozoo intracellulare obbligato Toxoplasma gondii. I gatti e altri felini sono ospiti definitivi del protozoo; e in questi vengono prodotte le oocisti infette. L uomo e altri animali a sangue caldo, quali ospiti intermedi, si possono infettare attraverso le oocisti escrete con le feci dei gatti e disseminate nell ambiente (acqua, terreno, vegetali) o attraverso le cisti presenti nei tessuti di animali infetti (per esempio ingerendo carne cruda e poco cotta, salame, prosciutto e carne essiccata con presenza di cisti). Per diminuire il rischio di toxoplasmosi si consiglia di: Lavare frutta e verdura (incluse le insalate già preparate) prima della manipolazione e del consumo. Lavare le mani prima, durante e dopo la preparazione degli alimenti. Cuocere bene la carne e anche le pietanze surgelate già pronte. Evitare le carni crude conservate, come prosciutto e insaccati. Evitare il contatto con le mucose dopo aver manipolato carne cruda. Evitare il contatto con terriccio potenzialmente contaminato da feci di gatto (eventualmente indossare i guanti e successivamente lavare bene le mani). Evitare il contatto con le feci dei gatti (eventualmente indossare i guanti nel cambiare la lettiera e successivamente lavare bene le mani). 6

7 IGIENE PERSONALE Bagni e docce - si possono fare tranquillamente: è consigliabile utilizzare acqua non eccessivamente calda. Capelli - non vi sono controindicazioni per i lavaggi, anche frequenti. Si consiglia di evitare, soprattutto nei primi mesi di gravidanza, permanenti e tinture le cui sostanze possono penetrare, seppure in minima quantità, nel circolo sanguigno. Denti - in gravidanza è molto importante un accurata igiene orale: è bene curare eventuali carie e pulire con molta attenzione i denti in modo da evitare gengiviti, facili a svilupparsi nel corso della gravidanza. Se è necessaria l anestesia locale non comporta alcun rischio né per la madre né per il figlio. Depilazione - sono da preferirsi i rasoi a creme e cerette: queste ultime sono da evitare nel modo più assoluto in presenza di varici. Creme antismagliature - sono utili per mantenere l elasticità della pelle e limitare l insorgenza delle smagliature. Zona genitale - durante la gravidanza si verifica un aumento delle secrezioni vaginali. Il fenomeno si manifesta sin dai primi mesi e tende ad aumentare successivamente; di norma non è accompagnato da altre complicazioni e richiede soltanto frequenti lavaggi con detergenti specifici, meglio se con PH acido. Evitare l uso di salvaslip che facilitano l insorgenza di infezioni e usare biancheria di cotone per favorire la traspirazione. Se si è fuori casa portare sempre con sé delle salviettine detergenti specifiche per l igiene intima. Qualora le secrezioni fossero accompagnate da altri sintomi (bruciori, prurito, ecc.) è opportuno rivolgersi al ginecologo. Esposizione al sole - in linea generale non fa male. È bene tuttavia non esporsi troppo a lungo, soprattutto nell ultimo periodo di gravidanza e per chi soffre di varici. Attività sessuale - in linea generale in gravidanza si può condurre una normale vita sessuale. Occorre però rispettare timori e perplessità senza forzature, tenendo conto degli eventuali malesseri e paure. Se la donna avverte contrazioni dell utero è opportuno sospendere l attività sessuale. 7

8 Viaggiare in gravidanzaviaggiare IN GRAVIDANZA In una gravidanza normale i viaggi si possono fare tranquillamente, purché non siano scomodi, faticosi, debilitanti. In gravidanza l uso della cintura di sicurezza non presenta dei rischi e risulta efficace nel ridurre le conseguenze di un incidente. Per lunghi viaggi sono da preferirsi il treno e l aereo: una trombosi delle vene profonde può svilupparsi in qualunque individuo che stia in posizione seduta per lungo tempo, particolarmente nelle donne in gravidanza. Si raccomanda quindi di eseguire frequenti passeggiate all interno della cabina ed esercizi isometrici, mentre si è seduti. MANTENERSI ATTIVI L attività fisica aiuta il mantenimento del tono muscolare, importante per aiutarti durante il parto; contribuisce al controllo del peso durante la gravidanza e mantiene attiva la motilità intestinale. Le attività consigliate, da confermare con il medico, sono: il nuoto, che è uno sport molto adatto alle gestanti e può essere praticato fino alla fine della gravidanza; corsi di ginnastica in piscina (acquagym), perché l acqua riduce la forza di gravità e consente di eseguire esercizi che a terra risulterebbero faticosi; la ginnastica dolce specifica, che comprende esercizi per la colonna vertebrale, muscoli addominali ed esercizi di rilassamento; una semplice passeggiata all aria aperta e lontano dal traffico. Sono da evitare in gravidanza: attività sportive che prevedano impatto fisico e possano comportare il rischio di cadute e traumi addominali e notevole sforzo fisico. le immersioni subacquee in gravidanza perchè possono determinare difetti congeniti e malattia fetale da decompressione. 8

9 I PICCOLI DISTURBI IN GRAVIDANZA Informazioni utili, prevenzione e cura La gravidanza, pur essendo un evento fisiologico, può essere complicata da una serie di piccoli disturbi che possono mettere a disagio la donna, interferendo con la sua vita di relazione. I più comuni e frequenti sono: la nausea talvolta accompagnata da vomito mattutino, il bruciore di stomaco, la necessità di urinare spesso, il gonfiore alle caviglie, il mal di schiena, i crampi, le varici, ecc...che senza preoccupazioni eccessive vanno segnalati al ginecologo. Elenchiamo qui di seguito tali disturbi, fornendo informazioni utili per prevenirli e trattarli. Bruciori di stomaco (pirosi gastrica) I bruciori di stomaco, chiamati scientificamente pirosi, sono tipici della gravidanza. Il bruciore parte direttamente dallo stomaco per poi risalire all esofago a causa del reflusso del contenuto gastrico. Le cause sono la diminuita mobilità gastrica su base ormonale e l alterazione dei movimenti peristaltici gastrici. Si accentuano nel terzo trimestre, quando l utero ingrossandosi preme sullo stomaco, aumentando così il reflusso. Alcuni consigli: Evitate cibi che, fermentando, producano gas e che dilatino lo stomaco, come farinacei, latticini e zuccheri. Diminuite il consumo di carne rossa. Frazionate i pasti durante la giornata, evitando di sdraiarsi subito dopo aver mangiato. Incrementare la vitamine B1 e B2 che sono contenute nel lievito di birra, nelle uova, nell ananas fresco, nelle nocciole e nel grano saraceno. Diminuite i cibi ad alto contenuto di grassi ed evitate cibi pesanti, eliminare il caffè e le sigarette. Provate a bere dei piccoli sorsi d acqua naturale o gasata. Provate a bere tisane di: menta-finocchio-malva-anice-camomilla. Nei casi ostinati può essere utile assumere farmaci antiacidi. 9

10 piccoli disturbi piccoli Nausea e vomito (iperemesi gravidica) La nausea ed il vomito sono disturbi tipici nei primi tre mesi della gravidanza e colpiscono il 60% delle donne con diversa intensità. A questo si aggiunge una alterazione del senso del gusto, avversione per la carne, una preferenza per il gelato e dolci. Possono essere disturbi fastidiosi ma non incidono di solito sullo stato di salute generale se i sintomi sono lievi. Alcuni consigli: Se il disturbo è lieve valgono alcuni consigli: fare lunghe passeggiate all aria aperta, suddividere i pasti in tanti piccoli spuntini ricchi di cibi salati e secchi, evitare gli odori fastidiosi quali fumo e aria viziata degli ambienti chiusi. Limitare l assunzione d alimenti che possono aumentare l acidità come le spremute d agrumi e il caffé. Chiedi al tuo farmacista per altri consigli o prodotti che possano essere utili. Se i sintomi incidono sull alimentazione e idratazione possano portare di conseguenza malnutrizione e disidratazione e per questo è consigliabile consultare subito il medico. Stitichezza La stitichezza è molto comune per il fisiologico rallentamento della peristalsi intestinale che favorisce un maggior assorbimento di sostante nutritive e di vitamine, utilissime allo sviluppo del bambino. Alcuni consigli: Mantenere una buona attività fisica Praticare una dieta ricca di fibre, quindi assumere verdure, cibi integrali, germe di grano e crusca, frutta ad alto contenuto di fibre come ananas, albicocca, prugne. Bere molta acqua lontano dai pasti e masticare molto bene il cibo 10

11 Varici ed emorroidi La gravidanza favorisce la comparsa di vene varicose agli arti inferiori ed accentua il volume di quelle presenti. Anche le vene del plesso emorroidario si congestionano e danno frequentemente origine a ectasie varicose (dilatazione patologica di un organo cavo o di un vaso sanguigno), spesso dolenti e sanguinanti che possono causare emorroidi. Alcuni consigli: Evitare di stare a lungo fermi in piedi o di stare troppo seduti; camminare due o tre ore al giorno; usare scarpe comode con mezzo tacco. Riposare a lungo con gli arti inferiori rialzati, (con un cuscino sotto i piedi; gambe sulla scrivania) usare calze elastiche contenitive. Per prevenire il formarsi dell insufficienza venosa e comunque per evitare spiacevoli complicanze da essa provocata, chiedere consiglio al proprio medico per evenutali integratori. Per le emorroidi preferire un trattamento locale con pomate e impacchi con decotti di piante. Gonfiore alle caviglie Un modesto gonfiore alle caviglie (dovuto a problemi di circolazione venosa) sono normali negli ultimi mesi di gravidanza, normalmente il gonfiore compare alla sera e dopo una notte di riposo scompare. Alcuni consigli: Massaggiare i piedi, anche con un guanto durante la doccia, qualche minuto di ginnastica dolce e riposo durante il giorno, possibilmente con le gambe sollevate, possono migliorare i sintomi riducendo il gonfiore. Sono consigliati collant a compressione graduata per aiutare la circolazione e contenere il gonfiore. Se tale gonfiore dovesse perdurare tutta la giornata, o se esso si manifesta anche sulle altre parti del corpo, è necessario consultare il medico. Stanchezza - sonnolenza Già dai primi mesi di gravidanza può capitare di sentirsi più stanchi e affaticati del solito: questo disturbo è del tutto normale. Non bisogna quindi preoccuparsi se non si fa con la stessa disinvoltura quello che si faceva prima. Anche la sonnolenza durante il giorno può essere un evento frequente. La chiave del benessere sta nel saper equilibrare correttamente la fase dell impegno con quella del riposo. Riposare non significa necessariamente dormire ma anche poter dedicare dei momenti a se stessi e al nascituro. Alcuni consigli: Svolgere una vita tranquilla e regolare, riposare due ore nel pomeriggio. piccoli disturbi piccoli 11

12 piccoli disturbi piccoli Dolori alla schiena Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori lungo tutta la colonna vertebrale o in qualche punto particolare. Durante gli ultimi mesi, poi, la crescita della pancia, lo spostamento del busto all indietro e il bacino in avanti, ne aumentano i sintomi. L aumento di peso e di volume dell utero, provoca una serie di modificazioni nella distribuzione del peso e dell equilibrio. Si è così costretti ad assumere un particolare atteggiamento posturale inducendo ad arcuare la parte inferiore della schiena. Di conseguenza si possono avvertire dolori soprattutto in zona lombare e sacrale (lombo sciatalgia). Queste posizioni provocano dolore e possono limitare le attività quotidiane. Alcuni consigli: Evitare di stare a lungo in piedi, riposare in posizione sdraiata possibilmente su un fianco e con una tavola sotto il materasso. Durante la postura da seduti, mantenere la schiena eretta, dare preferenza a schienali rigidi ed utilizzare un cuscino dietro i lombi per un ulteriore sollievo. Utilizzare pancere specifiche. È consigliabile frequentare un corso di ginnastica in preparazione al parto. Se i dolori sono molto forti consultare il medico. 12

13 DISTURBI IN GRAVIDANZA DA NON SOTTOVALUTARE Si deve prestare attenzione in particolare all insorgere di inconvenienti più gravi dei disturbi su accennati, che possono compromettere la gravidanza stessa, in presenza dei quali si rende necessario un tempestivo controllo del medico e soprattutto in caso di: elevato e improvviso aumento della pressione presenza massiccia di albumina nelle urine comparsa di edemi importanti agli arti inferiori eccessivo aumento di peso Questi sintomi accentuati possono segnalare la presenza di una gestosi, la cui insorgenza va individuata il più rapidamente possibile. Inoltre: Se nel corso dell ultimo trimestre non si avvertono i movimenti del feto per più di 24 ore, la gestante dovrà sottoporsi ad un controllo. In questo periodo, di norma, i movimenti vengono percepiti almeno 8-10 volte nell arco della giornata. La comparsa di contrazioni uterine durature e frequenti, per un periodo di 2-3 ore, può significare minaccia di parto prematuro e quindi occorre consultare subito il proprio ginecologo. La rottura prematura delle membrane con conseguente fuoriuscita di liquido amniotico oppure perdite ematiche. I FARMACI IN GRAVIDANZA Il ricorso ai farmaci in gravidanza, compresi quelli da banco e quelli non convenzionali, deve avvenire in caso di effettiva necessità, poiché solo di un numero esiguo di essi è stata provata la sicurezza in gravidanza. La scelta di un farmaco per il trattamento di una patologia acuta o cronica della donna in gravidanza può essere supportata consultando lo specialista di riferimento. 13

14 alimentazione alimentazione ALIMENTAZIONE Per migliorare lo stato di salute in gravidanza è fondamentale che sia raggiunto uno stato nutrizionale ottimale durante e dopo il periodo di gestazione. Mangiare sano durante la gravidanza aiuta il bambino a svilupparsi e crescere, e contribuirà a tenervi in forma. Non c è bisogno di applicare una dieta speciale e non è vero che bisogna mangiare per due, ma è sufficiente impostare una dieta semplice, varia, equilibrata, con pochi grassi. Gli alimenti da includere sono: abbondanti quantità di frutta e verdura farinacei come pane, pasta, riso, patate proteine derivate da pesce, carne, legumi abbondanza di fibre derivate da pane integrale, frutta e verdura prodotti caseari come latte, formaggi, yoghurt. Alcuni tipi di alimenti possono rappresentare un rischio per madre e feto: Formaggi a pasta molle derivati da latte crudo e muffe, come Camembert, Brie e formaggi con venature blu. Patè, inclusi quelli di verdure. Fegato e prodotti derivati. Cibi pronti crudi o semicrudi. Carne cruda o conservata, come prosciutto e salame, frutti di mare crudi, come cozze e ostriche. Pesce che può contenere un alta concentrazione di metil-mercurio, come tonno (il consumo deve essere limitato a non più di due scatolette di media grandezza o una bistecca di tonno a settimana), pesce spada, squalo, Latte crudo non pastorizzato. In gravidanza il consumo di caffeina (presente nel caffé, nel tè, nella cola e nel cioccolato) dovrebbe essere limitato a non più di 300 mg/die. Espresso Caffé americano mg per tazzina mg per tazza mg per tazza mg per lattina mg Ulteriori informazioni sulla dieta corretta in gravidanza sono disponibili nel documento Linee guida per una sana alimentazione dell Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti, all indirizzo: È opportuno evitare cene troppo abbondanti, cibi troppo elaborati, fritti e grassi. Una dieta troppo ricca di carboidrati (zuccheri, pane, pasta, ecc.) può favorire, in soggetti già predisposti, l insorgenza del diabete. Tè Bevande tipo cola Bibite energetiche con caffeina o guaranà 14

15 Uno dei parametri più indicativi dello stato nutrizionale di un soggetto è il peso corporeo (Body Mass Index BMI calcolato dividendo il peso in chilogrammi per il quadrato dell altezza espressa in metri). L incremento di peso ideale durante la gravidanza varia a seconda dello stato nutrizionale della madre prima della gestazione. Nella tabella sono riportati il BMI prima della gravidanza e l aumento di peso auspicabile durante: CONFRONTA IL TUO PESO PRIMA E DOPO LA GRAVIDANZA BMI prima della gravidanza < di 18,5 (sottopeso) 12,5-18 Da 18,5 a 24,9 (normopeso) 11,5-16 Da 25 a 29,9 (sovrappeso) 7-11,5 Più di 30 (obesità) Meno di 7 Aumento di peso ideale (Kg) Fonte: WHO, World Health Organization 2008 L eccessivo aumento di peso, o durante il secondo o terzo trimestre di gravidanza, comporta un affaticamento per la madre, e può predisporre complicazioni come: diabete gestazionale (rischio per la madre di sviluppare il diabete di tipo 2 anche a distanza di anni dal parto); gestosi, condizione tossica nella quale compaiono una serie di alterazioni quali l aumento della pressione arteriosa, comparsa di proteine nelle urine con conseguente comparsa di edemi; aumento del rischio di altri condizioni spiacevoli, come smagliature cutanee e varici alle gambe. Il controllo del peso durante la gravidanza ha lo scopo di promuovere una nutrizione ottimale per madre e figlio. Alcuni consigli : Alimentarsi con pasti piccoli ma frequenti. Consumare latte pastorizzato anche aggiunto ad altri alimenti per il suo prezioso contenuto di proteine ad elevato valore biologico e soprattutto di calcio, fosforo, magnesio, vitamine A e D. Consumare quotidianamente alimenti con proteine ad elevato valore biologico, quali carne bianca, pesce, uova e formaggi. Mangiare una porzione di pesce (2-3 volte alla settimana); per il suo contenuto in acidi grassi polinsaturi, fosforo, iodio e per la maggiore digeribilità. Consumare giornalmente ortaggi e frutta fresca per l apporto di vitamine, minerali e fibra alimentare. Preferire cibi integrali in modo da combattere la stipsi (stitichezza) che si manifesta frequentemente in questo periodo. Evitare cibi che possono provocare gonfiore addominale e meteorismo. Ridurre al minimo o eliminare il consumo di vino e birra. Non eccedere nel consumo di alimenti dolci. Preferire cibi facilmente digeribili e limitare il consumo di cibi fritti e alimenti molto salati. L uso del sale dovrebbe essere ridotto per non accentuare la ritenzione idrica e per un miglior controllo della pressione arteriosa. 15

16 alimentazione alimentazione 16 SUPPLEMENTAZIONE DI ACIDO FOLICO Il valore protettivo dell acido folico rispetto al rischio di difetti congeniti, in particolare quelli a carico del tubo neurale come spina bifida, anencefalia e encefalocele (difetti del tubo neurale, DTN) è ampiamente documentato. L acido folico (o folato) è una vitamina contenuta nella frutta e verdure e il nostro organismo non è in grado di immagazzinare grandi riserve. Le donne che programmano una gravidanza, o che non ne escludono attivamente la possibilità, dovrebbero assumere regolarmente almeno 0,4 mg al giorno di acido folico per ridurre il rischio di difetti congeniti. Per essere efficace l assunzione di acido folico deve iniziare almeno un mese prima del concepimento e continuare per tutto il primo trimestre di gravidanza. SUPPLEMENTAZIONE DI FERRO L assunzione quotidiana in gravidanza di ferro è raccomandata solo in alcuni casi e valutata dal medico. SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINA A La supplementazione con vitamina A (assunzioni maggiori di 700 microgrammi al giorno) deve essere evitata perché potenzialmente teratogena. In gravidanza è opportuno evitare il consumo di fegato e derivati, in quanto contengono elevati livelli di vitamina A. L uso di integratori alimentari deve essere fatto con cautela e stabilito con il proprio medico. FUMO E ALCOL Durante la gravidanza tutto ciò che si mangia, beve o si fuma può avere conseguenze per se stessi ed il bambino. Fumare in gravidanza espone il bambino a sostanze chimiche dannose come i prodotti della combustione, la nicotina e il monossido di carbonio. Per esempio il monossido di carbonio, fissandosi all emoglobina, fa diminuire la quantità di ossigeno ricevuta dal feto; mentre la nicotina provoca il restringimento dei vasi sanguigni, quindi il feto riceve una quantità minore di ossigeno e sostanze nutritive: Alcuni consigli : Smettere di fumare durante tutta la gravidanza. Abbandonando la cattiva abitudine durante la gravidanza, probabilmente non la si riprenderà più e la salute dell intera famiglia ne trarrà beneficio. Se fumate e avete provato a smettere senza alcun successo, provate a farvi aiutare dal vostro medico o farmacista. Un uso moderato di bevande alcoliche (un bicchiere di vino durante il pasto) non è generalmente controindicato, anche se eliminare alcol durante la gravidanza sarebbe una pratica corretta.

17 IN PREPARAZIONE AL PARTO Check list per ospedale Spray rinfrescante per il viso Latte detergente e tonico per il viso Crema viso idratante Crema corpo idratante Crema labbra Sapone neutro Crema per le mani Dentifricio e spazzolino Pettine Fazzoletti o salviette umidificate Olio per massaggio capezzoli Gel antibatterico mani Coppette assorbilatte Reggiseni per l allattamento Medicinali ed integratori in uso Abbigliamento necessario mamma (camicia da notte aperta davanti, vestaglia, mutande, calzettoni bianchi, pantofole) Abbigliamento necessario bambino (tutine, ghettine, coprifasce, bavaglini, copertina) Check list ritorno a casa dopo il parto spontaneo o cesareo PER LA MAMMA Assorbenti per flussi abbondanti Lavande esterne a PH acido Soluzione disinfettante per la ferita DOPO IL PARTO CESAREO Cerotti lunghi circa 10 cm Garze sterili Guanti sterili da usare durante la medicazione PER IL BIMBO Olio corpo bambino Shampoo Salviette detergenti Pannolini Crema protettiva Talco Sapone liquido delicato Spugnetta Vaschetta per il bagnetto MEDICAZIONE CORDONE OMBELICALE Soluzione fisiologica sterile Retina elastica tubolare Alcol 70 Acqua ossigenata Pomata cicatrizzante con antibiotico 17

18 IL CORDONE OMBELICALE il cordone ombelicale Il feto nell utero materno si nutre, si ossigena ed elimina i suoi cataboliti, attraverso il cordone ombelicale, che lo collega alla placenta, costituito da una sostanza gelatinosa, al cui interno passano tre grandi vasi sanguigni, uno venoso e due arteriosi. Al momento della nascita l ostetrica recide il cordone ombelicale a pochi centimetri dall addome del bimbo, in genere non piu di 5 cm, e lo pinza. A distanza di 7/10 giorni dal parto il moncone, se medicato correttamente, cade spontaneamente. L obiettivo della medicazione è quello di favorire la disidratazione e di conseguenza la mummificazione (cioè il processo di essiccamento) del cordone per accelerarne la caduta. Come si medica: Medicazione prima della caduta Materiale occorrente: guanti, garza sterile, soluzione fisiologica sterile, alcool 70 e rete elastica, fondamentale perchè il moncone si secchi e cada spontaneamente entro i limiti di tempo normali è stare attenti a lasciare la base del moncone e il moncone stesso ben asciutti. - Lavarsi e asciugarsi accuratamente le mani. - Infilare i guanti. - Pulire accuratamente il moncone e la zona circostante con una soluzione fisiologica sterile. - Detergere l attaccatura del cordone con una garza imbevuta di alcool. - Asciugare perfettamente il segmento con una garzetta sterile. - Prendere con delicatezza l estremità libera del moncone aiutandosi con una garza sterile asciutta e, dopo aver tamponato l inserzione del funicolo, avvolgere il moncone, dalla base fino all ultimo pezzetto verso l alto e fuori dal pannolino, in una garza sterile imbevuta di alcool a 70, facendo diversi giri. Non abbiate paura di causare bruciori al bebè poiché il moncone non è innervato e di conseguenza è privo di sensibilità. Può capitare che il neonato pianga durante la medicazione non per effetto del disinfettante o del dolore, ma solo perché infastidito dal contatto con l alcool, che è freddo. 18

19 - Fissare la fasciatura con una retina elastica tubolare, che si infila con facilità dalle gambe attorno all addome del piccolo. - Non usare cerotti che possono irritare la pelle delicata del neonato. - Ripetere la medicazione ogni qualvolta si cambia il pannolino. Medicazione dopo il distacco del moncone: Materiale occorrente: garza sterile, rete elastica, acqua ossigenata, polvere cicatrizzante contenente antibiotico. Una volta caduto (solitamente dopo una - due settimane dal parto) il moncone (che al momento della separazione è costituito da un moncherino nero, di consistenza duro-lignea), occorre continuare le medicazioni ancora per alcuni giorni applicando una garza sterile imbevuta di acqua ossigenata sull ombelico, fissandola successivamente con una garza elastica. Non è infrequente osservare sulla ferita ombelicale la presenza di scarse tracce siero-ematiche o di crosticine che vanno allontanate con l impiego di un disinfettante locale. Il pediatra potrebbe ritenere opportuno fare la medicazione con mercuriocromo al 2%, comunque se il sanguinamento non è eccessivo non è il caso di preoccuparsi Una volta che l ombelico si è ben chiuso e cicatrizzato, la crosta si stacca spontaneamente: è possibile allora sospendere le medicazioni, ma è meglio aspettare ancora 2-3 giorni prima di fare il primo bagnetto. Quando preoccuparsi: se il moncone tarda parecchio a cadere, ovvero supera i 15 giorni dal parto, se la base all addome appare arrossata, o sanguina eccessivamente o ci sono fuoriuscite di pus o cattivo odore, in questi casi è opportuno parlarne al pediatra perchè potrebbe esserci un infezione o infiammazione in atto. 19

20 depressione post partum DEPRESSIONE POST PARTUM Mettere al mondo un bambino è forse l esperienza più bella e profonda che l essere umano è in grado di vivere. E un evento dirompente e coinvolgente che cambia radicalmente abitudini, modi di fare e di essere. Non a caso, subito dopo il parto, la donna si ritrova a vivere una serie di profonde sensazioni contrastanti che si alternano a momenti di grande gioia ad attimi in cui la stanchezza, la paura, i dubbi e la tristezza prendono il sopravvento e rendono faticoso il normale e quotidiano accudimento del bambino. Che cos è: Prima di parlare di depressione post partum è importante fare una distinzione tra Baby blues e Depressione post partum vera e propria. BABY BLUES Nei giorni che seguono il parto, la donna può avvertire un senso di ansia, tristezza e di irritabilità, aver spesso voglia di piangere e sentirsi inadeguata a crescere il proprio figlio. Questi lievi stati depressivi che si verificano nell 80% delle partorienti, prendono il nome di baby blues e durano da poche ore a qualche giorno. Si manifestano generalmente qualche giorno dopo il parto per un massimo di 10 giorni e scompaiono da soli; quindi non c è motivo di preoccuparsene perché di solito non hanno conseguenze. Solitamente possono essere associati allo stress e alla stanchezza che deriva dalla nuova condizione di madre. Cambiamenti psicologici ed emotivi legati alla maternità e soprattutto dalla riduzione dei livelli ormonali e dall espulsione della placenta. DEPRESSIONE POST PARTUM Ben più seria è la depressione post-partum, che colpisce circa il 10% delle donne che hanno avuto da poco un bambino, i cui sintomi possono perdurare anche per un anno. La donna che soffre di depressione post partum sperimenta una costante sensazione di inadeguatezza nei confronti del nuovo ruolo, può sentirsi delusa perché la maternità si è rivelata un esperienza molto diversa da quella che si aspettava e può sperimentare del risentimento nei confronti del neonato perché questi le assorbe tutte le energie. Queste sensazioni la fanno sentire in colpa, pensare di essere una cattiva madre e di aver fatto un terribile errore nel mettere al mondo un figlio. Questi sentimenti possono essere più o meno consapevoli e possono esprimersi in una sensazione di costante ed eccessiva preoccupazione verso il neonato (in assenza di problemi oggettivi) oppure in un completo disinteresse nei suoi confronti. Altri sintomi della depressione post partum sono: tristezza, depressione e voglia di piangere irritabilità con il bimbo e con il partner, perdita di interesse o piacere in ciò che si fa, mancanza di energie mal di testa, dolori addominali, tachicardia, difficoltà a respirare insonnia, difficoltà di concentrazione e di memoria, difficoltà nel prendere le decisioni inappetenza e perdita di peso o tendenza a mangiare in maniera eccessiva sentimenti di colpa e di disistima timore di fare del male al bambino o a se stessa. 20

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Manuale d istruzioni per future mamme. (è tutto molto più semplice di quello che credi)

Manuale d istruzioni per future mamme. (è tutto molto più semplice di quello che credi) Manuale d istruzioni per future mamme (è tutto molto più semplice di quello che credi) Una raccomandazione Non tutto quello che trovi in internet è scentificamente affidabile, per quanto riguarda la gravidanza

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO INTRODUZIONE

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della 1. ACQUA E PESO CORPOREO 36 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO

LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO LA PREPARAZIONE ATLETICA PER IL MOTOCICLISMO AGONISTICO indicazioni alimentari esercizi di stretching esercizi per potenziamento muscolare esercizi per resistenza all affaticamento preparazione invernale

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana Guida interattiva all educazione orale nella prima infanzia A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana DALLA MAMMA AL BAMBINO Come mantenere sana la bocca dei nostri figli Educare i bambini

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

L alimentazione dell infante

L alimentazione dell infante L alimentazione dell infante allattamento svezzamento IL LATTE MATERNO L alimento principe dei primi sei mesi Colostro: il primo latte Molto ricco di proteine Contiene molti fattori ad azione immunologica

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione L istruzione è una bellissima cosa, ma è bene ricordarsi, di tanto in tanto, che nulla di ciò che importa sapere può essere insegnato

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli