Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro:"

Transcript

1 Appendice 157 Appendice 2 La situazione argomentativa: un esempio di analisi L applicazione delle categorie presentate in questa seconda Parte all analisi concreta di un testo ci permetterà facilmente di capire come una lettura approfondita possa arricchire la comprensione anche di un argomentazione semplice come quella espressa in un articolo di giornale, evidenziando in molti casi, al di là dei significati superficiali (quelli richiamati da sottotitoli e occhielli, tanto per intenderci), la reale portata delle affermazioni, la visione del mondo del testo e le eventuali incrinature nella sua coerenza complessiva. Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro: a. Individuare le caratteristiche della situazione comunicativa in cui il testo si inserisce; b. Individuare la tesi e motivarne l individuazione; c. Identificare l uditorio studiando in particolare il funzionamento della selezione argomentativa come strumento per la creazione di una comunità argomentativa; d. Caratterizzare la visione del mondo dell oratore. Ed ecco il testo dell articolo: La rimozione del passato. Alle origini della generazione inesistente La nota che qualche settimana fa dedicai ai giovani mi ha procurato molte lettere di ventenni (niente affatto d accordo con me) e una risposta di Ilvo Diamanti sul «Sole-24 Ore» del 17 settembre. Diamanti, studioso del quale ho grande stima, è l autore dell inchiesta da cui ha preso le mosse il dibattito. Egli ritiene che, soprattutto per colpa degli adulti, i giovani d oggi siano incompresi e trascurati, a differenza di generazioni precedenti che fecero lungamente e diffusamente parlare di sé. Questa noncuranza degli adulti ha indotto Diamanti a definire i nati anni fa come la generazione invisibile: invisibile perché non vista da chi invece dovrebbe esaminarne con la massima attenzione il disagio, la vocazioni, le potenzialità. La definizione di Diamanti non mi ha persuaso, e ne ho proposto una diversa: generazione inesistente. Mi sembrava, al di là di effimere e parziali manifestazioni di presenza, che quei giovani non fossero visti perché in realtà non esistevano in quanto generazione. Le lettere che ho ricevuto sono tutte di protesta; i mittenti sono convinti non solo di esistere, ma di essere portatori di bisogni, diritti, speranze e, quindi, valori. «Invisibili?», scrive lo studente di Catania Umberto Fracalà. «Forse perché vi fa comodo non vederci. Inesistenti? Io esisto in carne e ossa, e così i miei coetanei. Vi possiamo piacere o fare schifo, dipende dai vostri gusti. Ma inesistenti è un gratuito insulto alla realtà». Forse c è qualche equivoco da chiarire. Adriano Sofri ha scritto su «Repubblica» un bellissimo articolo sul tema delle generazioni. Prima una generazione durava convenzionalmente trent anni; poi si è deciso, sempre convenzionalmente, che ne durasse 25; allo stato dei fatti 15 anni sono già molti. Perché la durata si è andata accorciando? Sofri risponde: perché vengono sempre più a mancare i luoghi dove i giovani socializzano attorno a occasioni importanti che avranno un peso nella loro vita futura. Per esempio la leva militare un tempo aveva un peso, determinava segnali di riconoscimento; così i diplomi della scuola

2 158 Appendice superiore, l apprendistato, il passaggio a qualifiche operaie e artigiane. Tutti questi appuntamenti sono diventati evanescenti. Senza negar valore alle cause indicate da Sofri, io ne vedo un altra secondo me capitale: la rimozione della storia, il rifiuto della trasmissione del passato e dei suoi valori. Questo rifiuto fu teorizzato e praticato dalla generazione che aveva vent anni nel Sessantotto, quella di Sofri più o meno. I sessantottini rimossero il passato per meglio materializzare la profondità e globalità della loro contestazione rispetto alle generazioni precedenti. Il rifiuto equivalse al taglio del cordone ombelicale, fu una sorta di iniziazione all autonomia. Attenzione: tutte le generazioni avevano in qualche modo contestato i padri e i loro valori, ma non avevano mai impedito la loro trasmissione. I valori venivano trasmessi, e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti. Il Sessantotto invece rese impossibile la trasmissione. I padri subirono, la scuola era da tempo decrepita e impotente, la società corrotta nelle midolla. Sicché il taglio del cordone ombelicale avvenne in modo tale che i nati dopo ne erano già privi al momento stesso in cui uscivano dal grembo materno. Fu dunque una vera e propria mutazione genetica, e non avvenne soltanto in Italia. Qui da noi, anzi, è stata più tardiva, e tuttora incompleta. Non so se per fortuna o per disgrazia. Avete fatto caso che i ventenni di oggi, spesso studiosi, laboriosi, coscienziosi, non sanno nulla di storia? Nelle scuole, magari male, magari malissimo, la storia si insegna, ed è materia d esame. Ci sono molti film storici, molte trasmissioni televisive dedicate a fatti storici, passati, recenti, recentissimi. Giornali e riviste ne sono pieni. Ebbene, i giovani imparano lingue straniere, imparano a manovrare il computer, imparano com è fatto il motore dell automobile, e ancora la matematica, le scienze, il modo di trattare la produzione chimica, quella meccanica, il calcolo delle costruzioni; imparano tante cose, anche a suonare la chitarra, a cantare, a fare all amore; ma la storia no, non la imparano. Studiano la successione dei fatti, vedono film storici, ma non trattengono nulla. Interrogati appena pochi mesi dopo, non ricordano. Chi era Hitler? Silenzio. Chi era Stalin? Silenzio. Chi era Churchill? Silenzio. Ma anche chi era Kennedy e papa Giovanni, lo sterminio degli ebrei e la guerra del Vietnam. Nulla, assolutamente nulla, la loro mente non trattiene il passato. Non per ignoranza o infingardaggine, poiché in altri settori sono più colti di noi, ma per un insufficienza psicologica trasformatasi ormai in una sorta di desuetudine cerebrale. Le conseguenze? Abolito il passato, la vita si svolge nel presente e in un futuro a corto raggio. Ma soddisfare i bisogni del presente è ripetitivo, non consente differenziazioni generazionali. Oggi e questo è un fenomeno che siamo tutti in grado di verificare i ragazzi di 16 anni hanno modalità diverse rispetto a quelli di 20, e quelli di 12 rispetto a quelli di 16. La durata d una generazione non va oltre i quattro o cinque anni. E che cosa li rende diversi? Soltanto il mutamento della tecnologia, soltanto l innovazione tecnologica. La rimozione del passato e l accorciamento del futuro li ha appiattiti. Per questa ragione, della quale i giovani non hanno alcuna colpa, dico che si tratta di generazioni inesistenti. E così sarà per loro, per i loro figli e i loro nipoti, fino a quando non recupereranno il passato e la lunga prospettiva d un progetto per il futuro. [Eugenio SCALFARI, La rimozione del passato. Alle origini della generazione inesistente, «L Espresso», 8 ottobre 1998, p. 242]

3 Appendice 159 a. La situazione comunicativa Cominciamo da una descrizione della situazione comunicativa in cui si inserisce il testo da analizzare. Anche se la cosa può non risultare evidente a una prima lettura, esso non è autonomo, ma si presenta come una fase avanzata di uno scambio già in corso. Dalle indicazioni presenti nel primo capoverso del testo si capisce che la successione delle fasi è la seguente: 1. Ilvo Diamanti, sociologo, pubblica un inchiesta in cui propone per le persone nate anni prima del 1998 (data dell inchiesta) la definizione di «generazione invisibile»; 2. L autore dell articolo, Eugenio Scalfari, scrive, presumibilmente sempre su «L Espresso», una «nota» «qualche settimana» prima dell 8 ottobre 1998 (data dell articolo che stiamo leggendo) anzi, più precisamente, prima del 17 settembre 1998 (come si evince più oltre dallo stesso capoverso) proponendo invece la definizione di «generazione inesistente»; 3. Questo provoca il dissenso di numerosi ventenni («molte lettere di ventenni [niente affatto d accordo con me]»; tra queste lettere il testo che abbiamo di fronte cita in parte quella dello studente catanese Umberto Fracalà) e una risposta dello stesso Ilvo Diamanti sul «Sole-24 Ore», datata 17 settembre. 4. L articolo che stiamo leggendo, pubblicato l 8 ottobre, rappresenta quindi solo il quarto anello di una catena cominciata diverso tempo prima, e si presenta, almeno dichiaratamente, come ispirato dal desiderio di chiarire gli equivoci suscitati dall articolo precedente («forse c è qualche equivoco da chiarire»). Il motivo per cui è importante soffermarci su questo aspetto è che la maggior parte dei testi che ci troviamo a leggere (e a scrivere!) non nascono dal nulla, ma si inseriscono a vario titolo in una discussione già in corso: essere in grado di ricostruire, anche per sommi capi, questo contesto è essenziale non solo per poter valutare correttamente la situazione argomentativa ma anche per non fraintendere il contenuto del discorso; ad esempio, per identificare la tesi. La ricostruzione in quattro fasi dello scambio comunicativo di cui fa parte l articolo di Scalfari ci permette infatti di determinare subito che un affermazione che nel testo sembra avere un ruolo piuttosto importante, «i giovani d oggi sono una generazione inesistente», non è la tesi di questo articolo (fase 4), ma di quello scritto da Scalfari prima del 17 settembre 1998 (fase 2); quest interpretazione è confermata dall osservazione che il tema delle generazioni ha una notevole rilevanza nei capoversi iniziali ma scompare nel corpo dell articolo per riemergere solo nel capoverso conclusivo. La tesi del testo che abbiamo di fronte andrà dunque cercata altrove. Sembra che nello scrivere questo articolo Scalfari sia mosso dal desiderio di precisare il senso della definizione da lui precedentemente proposta («Forse c è qualche equivoco da chiarire»). In che senso vada intesa la parola «inesistenti», ad esempio, è chiarito alla fine del 1: «Mi sembrava [ ] che quei giovani non fossero visti perché in realtà non esistevano in quanto generazione» (corsivo nostro). La precisazione «in quanto generazione» è in effetti un buon modo di chiarire l equivoco: non si tratta di negare l esistenza di persone concrete, ma di una categoria astratta come la «generazione». Tuttavia nel resto dell argomentazione questa precisazione terminologica viene persa di vista, e il discorso prosegue sul tema di ciò che i giovani in genere fanno o sanno (o non fanno e non sanno), in particolare sulla loro ignoranza della storia. Il «riassunto delle puntate precedenti» che abbiamo presentato ci permette di riconoscere nei 1-2, anche nelle parti in cui è più evidente un contenuto argomentativo (come la critica della definizione di Diamanti e la proposta della definizione «generazione inesistente»), l esposizione di alcune premesse, la cui funzione è essenzialmente informativa (premesse appartenenti quindi, come

4 160 Appendice ogni riassunto espositivo, all ordine dei dati di fatto). Il 3 introduce una nuova premessa, che si identifica con la riflessione di Adriano Sofri sulla contrazione delle consuete distanze generazionali: il contenuto della premessa è quindi la tesi esposta altrove da Sofri, e rispetto alla quale quella del nostro testo si pone come una precisazione. b. La tesi L esposizione della tesi del brano di Scalfari è infatti direttamente legata all enunciazione della premessa precedente: «Senza negar valore alle cause indicate da Sofri, io ne vedo un altra secondo me capitale: la rimozione della storia, il rifiuto della trasmissione del passato e dei suoi valori. Questo rifiuto fu teorizzato e praticato dalla generazione che aveva vent anni nel Sessantotto, quella di Sofri più o meno» ( 4). Che questa sia la tesi dell articolo che abbiamo davanti risulta evidente dal fatto che è proprio in questo punto che viene maggiormente messo in evidenza il contributo personale e specifico dell autore («io ne vedo un altra secondo me capitale»). È chiaro che la tesi «ciò che fa dei giovani una generazione inesistente è la rimozione della storia» riguarda solo l argomentazione esposta in questo breve articolo; se si considerano anche le «puntate precedenti» una tesi più generale sarebbe: «La qualifica più appropriata per i venti-venticinquenni di oggi è generazione inesistente, a causa della rimozione della storia in atto nella cultura contemporanea dopo il Sessantotto». c. L identificazione dell uditorio In apparenza Scalfari afferma di star rispondendo all ondata di lettere ricevute dopo il suo precedente articolo, della quale la protesta dello studente catanese è solo un esempio. Ma a ben vedere il suo uditorio non è Umberto Fracalà, e nemmeno gli altri ventenni che gli hanno manifestato il proprio dissenso. Possiamo cercare conferme di questa ipotesi di lettura in primo luogo nell evidenza linguistica del testo, e poi nei contenuti che esso esprime. Per quanto riguarda l evidenza linguistica, possiamo osservare che il 6 inizia con un apostrofe alla seconda persona plurale («Avete fatto caso che i ventenni di oggi») che non può verosimilmente essere rivolta proprio a quelli che sono di fatto gli oggetti dell osservazione; sembrerebbe anzi che l autore si stia rivolgendo a tutti tranne che ai ventenni, e anche gli insistenti riferimenti alla categoria dei «giovani» lasciano intendere chiaramente che l uditorio che ha in mente Scalfari è composto da persone che giovani non sono più. Anche ragioni di contenuto ci portano a escludere l idea che Scalfari stia scrivendo realmente per «chiarire» un equivoco insorto fra lui e i giovani. Possiamo considerare ad esempio il parametro della selezione per vedere in che modo i dati così ritagliati definiscono una fisionomia di uditorio. Un esempio interessante è dato dai fatti e personaggi che Scalfari giudica sufficienti a epitomare i grandi eventi della storia mondiale: «Hitler» «Stalin», «Churchill», «Kennedy», «Papa Giovanni», «lo sterminio degli ebrei», «la guerra in Vietnam»: si nota in modo piuttosto evidente che si tratta solo di fatti della storia recente, in particolare di quella dei trent anni (dagli anni Trenta alla fine degli anni Sessanta) della formazione e della giovinezza dello stesso autore. La storia cui Scalfari si riferisce, di fatto, non è quella dei manuali di scuola (dove Papa Giovanni è entrato in anni molto recenti) ma quella che lui e i suoi coetanei hanno potuto leggere per anni sotto forma di cronaca sulle prime pagine dei giornali. Un altro caso significativo di selezione argomentativa si ha nello stesso modo di rappresentare i giovani: i giovani vengono identificati mediante il riferimento a una serie di competenze che secondo l autore essi acquisirebbero meglio della storia. Queste competenze sono divise in due

5 Appendice 161 gruppi: da un lato un insieme di materie e discipline tecniche e di servizio («lingue straniere», «manovrare i computer» si noti il particolare stilistico del verbo «manovrare» che riduce a operazione manuale e bruta un attività che si potrebbe ugualmente bene considerare di ordine intellettuale «imparano com è fatto il motore dell automobile» e via via fino al «calcolo delle costruzioni», che notoriamente si insegna solo negli istituti tecnici per geometri e nelle facoltà di ingegneria); dall altro un insieme di attività ricreative («suonare la chitarra, cantare, fare all amore») che sembrano rispecchiare, più che le caratteristiche reali degli attuali ventenni, un immagine vicina allo sterotipo dei giovani contestatori negli anni intorno al Sessantotto. d. La visione del mondo dell oratore Su questa base è abbastanza facile tracciare una mappa piuttosto precisa degli altri elementi che caratterizzano la visione del mondo dell oratore. Tanto per cominciare, ad onta dell imparzialità professata (sotto forma di elogi per l articolo di Sofri, ad esempio: «un bellissimo articolo sul tema delle generazioni», 3), è piuttosto evidente la sua contrapposizione in senso conservatore rispetto all esperienza della contestazione giovanile genericamente etichettata come «Sessantotto». La parzialità ideologica trapela ad esempio da fatti di stile, come nella frase: «I valori venivano trasmessi e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti». La separazione col punto fermo mette in maggiore evidenza l ultimo dei quattro elementi; il senso connotativo è che la «riscoperta» dei valori dei padri era, prima del Sessantotto, il normale e auspicato coronamento del moderato tentativo di aggiornarli da parte delle nuove generazioni. La parola più importante della tesi, «storia», viene definita come «la trasmissione del passato e dei suoi valori» ( 4). Questa definizione conferma piuttosto vistosamente che nella visione del mondo dell autore il passato ha per principio un valore superiore al presente, che ricava da esso la sua legittimazione. Questo valore traspare anche dal passo appena citato: «tutte le generazioni avevano in qualche modo contestato i padri e i loro valori, ma non avevano mai impedito la loro trasmissione. I valori venivano trasmessi e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti» ( 5). È evidente che nella dinamica descritta è adombrato quello che dovrebbe essere il comportamento ottimale di ogni nuova generazione: una iniziale contestazione dei valori dei padri seguita dalla loro riscoperta e dalla loro lineare prosecuzione. Il presupposto è tanto più evidente in quanto trascura numerosi e importanti dati di fatto che possono clamorosamente contraddire l affermazione «[ ] ma non avevano mai impedito la loro trasmissione»: il 68 non è stato certamente il solo momento storico che abbia creato una cesura forte con la cultura e i valori del passato; nel solo XX secolo si potrebbero citare la Rivoluzione russa o l avvento del nazismo in Germania, prima ancora la Rivoluzione francese e così via. Lo stesso orientamento assiologico è poi molto evidente nel capoverso conclusivo, dove il presente è giudicato un entità piatta e insignificante a meno di non essere sorretto da un «progetto per il futuro» che nasca però dal recupero dei valori del passato («fino a quando non recupereranno il passato e la lunga prospettiva d un progetto per il futuro», 9). Ma soprattutto, la realtà delle nuove generazioni viene descritta come una sorta di non vita, un limbo biochimico che si stenta a qualificare con i pieni attributi dell esistenza: la «desuetudine cerebrale» in cui i giovani sono caduti a causa della loro ignoranza della storia è connotata come una decadenza organica, e perciò ineluttabile (non a caso nel 5 si parla di «vera e propria mutazione genetica»). Il cambiamento è visto quindi non come naturale risultato dell evoluzione storica ma come patologia e, nella descrizione evidentemente demonizzata che ne dà, Scalfari non sembra voler lasciare spazio per alcun tentativo di comprensione. Ad esempio i mutamenti indotti dall «innovazione tecnologica» non hanno evidentemente alcuna dignità, non appartengono

6 162 Appendice anch essi alla storia, sono «non fatti», poiché chiunque scelga di evolversi secondo il loro ritmo non si vede riconoscere alcuna forma di spessore esistenziale (come se non avesse anche lui una propria storia), neppure nella forma minimale e tutt altro che lusinghiera della responsabilità per la propria rovinosa condizione: i giovani «non hanno alcuna colpa», non sono un possibile uditorio per Scalfari come oratore così come secondo lui non sono soggetti della propria vita. Esercizio 24* La situazione argomentativa: un esempio di analisi Prova a sottoporre un breve testo argomentativo a tua scelta allo stesso tipo di analisi che abbiamo esemplificato sull articolo di Scalfari. Si tratta, come abbiamo visto, di a. individuare le caratteristiche della situazione comunicativa in cui il testo si inserisce; b. individuare la tesi e motivarne l individuazione; c. identificare l uditorio studiando in particolare il funzionamento della selezione argomentativa come strumento per la creazione di una comunità argomentativa; d. caratterizzare la visione del mondo dell oratore.

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

Invalsi. Verso l invalsi. Doppio gioco. genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo

Invalsi. Verso l invalsi. Doppio gioco. genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo 1 DALLʼINVALSI ALLʼOCSE PISA Invalsi Verso l invalsi Doppio gioco G 5 10 15 20 25 30 35 genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo race e Trip sono una coppia in crisi. Andate a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI FRANCESE FINALITA L insegnamento della lingua straniera deve tendere, in armonia con le altre discipline, ad una formazione

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Gentili ospiti, prima di introdurre le riflessioni che hanno dato

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Victoria sesso: f Data di nascita 08/06/1974 Paese di provenienza

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: a comprendere testi orali sull istruzione a esprimere accordo e disaccordo parole relative alla scuola e all università a usare il passato prossimo

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1

ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 ilcorpodelledonne.net formazione: nuovi occhi per la tv i 14 mag 2009 Cattiva Maestra Televisione/1 Chi è in grado di criticare la televisione, non guarda più la televisione, o la guarda distrattamente.

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

La situazione argomentativa

La situazione argomentativa La situazione argomentativa II Le argomentazioni: che cosa sono e dove trovarle 5 1 Che cos è un argomentazione Tutti i testi che abbiamo letto e scritto nella Parte precedente, dall annuncio pubblicitario

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

Imparare e Usare il Metodo di Studio

Imparare e Usare il Metodo di Studio Imparare e Usare il Metodo di Studio Per gli studenti: con questa semplice guida puoi imparare a usare un buon metodo di studio. Per imparare, leggi e cerca di capire bene i passi seguenti e allenati ogni

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Metodologia della ricerca

Metodologia della ricerca Presupposti teorici lingue in contatto spazio linguistico, nel senso di repertorio condiviso nelle comunità, in conseguenza dell ingresso di immigrati in Italia percezione di una lingua percezione delle

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Relazione di sintesi finale del focus tenuto a Cesena il 13 marzo 2006

Relazione di sintesi finale del focus tenuto a Cesena il 13 marzo 2006 Emanuela Casali, Fabrizio Foschi, Lina Santopaolo Relazione di sintesi finale del focus tenuto a Cesena il 13 marzo 2006 PRIMA DOMANDA: di quali aspetti delle indicazioni nazionali relative alla storia

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 6 - A proposito di social network! Osserviamo due esempi di pagine Facebook." Cercate di pensare a qual è la differenza principale tra queste due pagine." Esempio

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est.

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est. OSSERVATORIO NORD EST La vecchiaia vista dal Nord Est. Il Gazzettino, 12.04.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA DECOLLO: Partire da una canzone che gli alunni conoscono (ascoltarla, farla canticchiare da loro, trovare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO INSEGNANTI SCUOLA PRIMARIA:TESORATI LUISA E CIARROCCHI ANNA MARIA INSEGNANTI SCUOLA DELL INFANZIA: ANNA MARIA ISOLINI, PASQUALINI MARGHERITA

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche

Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche Proposta per l abolizione della tesi di laurea triennale nelle facoltà umanistiche [2009] Gli studenti sono sempre più ignoranti. Avete notato come sono diventati ignoranti gli studenti? Sono proprio incredibilmente

Dettagli

Introduzione all analisi per flussi

Introduzione all analisi per flussi C 1 a p i t o l o Introduzione all analisi per flussi 1 I flussi finanziari L obiettivo di questo libro è illustrare una diversa visione d impresa: non più quella statica legata alla contabilità e all

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <<ANNA FRANK>> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO TITOLO: TELEGIORNALE 2@0 Competenze chiave: competenza digitale (utilizzo del mezzo

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o NEWSLETTER - I N V E N T A R E I L F U T U R O - Luglio 2007 I l g r u p p o I t a l i a n o Il gruppo italiano Inventare il futuro è iniziato lo scorso mese di maggio e si riunisce quasi ogni settimana

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

INTRODUZIONE PREFAZIONE

INTRODUZIONE PREFAZIONE PREFAZIONE Colloqui, incontri, riflessioni; questo il filo rosso che lega le pagine del Quaderno di Lavoro. Colloqui come dialogo con l altro, che in queste pagine veste i panni di un malato terminale

Dettagli

I n d i c e 105 151 165 181

I n d i c e 105 151 165 181 I n d i c e 9 Introduzione 13 UNITÀ 1 33 UNITÀ 2 Il nome 59 UNITÀ 3 L aggettivo 83 UNITÀ 4 Il pronome 105 UNITÀ 5 Il verbo 151 UNITÀ 6 La congiunzione 165 UNITÀ 7 La preposizione 181 UNITÀ 8 L avverbio

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI - 1 - INTRODUZIONE Il «Portfolio degli apprendimenti» è uno degli strumenti di valutazione che saranno adoperati durante la formazione CINCO. È stato ideato per essere sostanzialmente

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTI

QUESTIONARIO STUDENTI Ministero della Pubblica Istruzione CEDE Centro Europeo Dell Educazione Italia Italiano QUESTIONARIO STUDENTI Nome della scuola Codice studente Data di nascita / / 198 Mese Giorno Anno Consorzio internazionale

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli