Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro:"

Transcript

1 Appendice 157 Appendice 2 La situazione argomentativa: un esempio di analisi L applicazione delle categorie presentate in questa seconda Parte all analisi concreta di un testo ci permetterà facilmente di capire come una lettura approfondita possa arricchire la comprensione anche di un argomentazione semplice come quella espressa in un articolo di giornale, evidenziando in molti casi, al di là dei significati superficiali (quelli richiamati da sottotitoli e occhielli, tanto per intenderci), la reale portata delle affermazioni, la visione del mondo del testo e le eventuali incrinature nella sua coerenza complessiva. Ecco in breve gli obiettivi principali del nostro lavoro: a. Individuare le caratteristiche della situazione comunicativa in cui il testo si inserisce; b. Individuare la tesi e motivarne l individuazione; c. Identificare l uditorio studiando in particolare il funzionamento della selezione argomentativa come strumento per la creazione di una comunità argomentativa; d. Caratterizzare la visione del mondo dell oratore. Ed ecco il testo dell articolo: La rimozione del passato. Alle origini della generazione inesistente La nota che qualche settimana fa dedicai ai giovani mi ha procurato molte lettere di ventenni (niente affatto d accordo con me) e una risposta di Ilvo Diamanti sul «Sole-24 Ore» del 17 settembre. Diamanti, studioso del quale ho grande stima, è l autore dell inchiesta da cui ha preso le mosse il dibattito. Egli ritiene che, soprattutto per colpa degli adulti, i giovani d oggi siano incompresi e trascurati, a differenza di generazioni precedenti che fecero lungamente e diffusamente parlare di sé. Questa noncuranza degli adulti ha indotto Diamanti a definire i nati anni fa come la generazione invisibile: invisibile perché non vista da chi invece dovrebbe esaminarne con la massima attenzione il disagio, la vocazioni, le potenzialità. La definizione di Diamanti non mi ha persuaso, e ne ho proposto una diversa: generazione inesistente. Mi sembrava, al di là di effimere e parziali manifestazioni di presenza, che quei giovani non fossero visti perché in realtà non esistevano in quanto generazione. Le lettere che ho ricevuto sono tutte di protesta; i mittenti sono convinti non solo di esistere, ma di essere portatori di bisogni, diritti, speranze e, quindi, valori. «Invisibili?», scrive lo studente di Catania Umberto Fracalà. «Forse perché vi fa comodo non vederci. Inesistenti? Io esisto in carne e ossa, e così i miei coetanei. Vi possiamo piacere o fare schifo, dipende dai vostri gusti. Ma inesistenti è un gratuito insulto alla realtà». Forse c è qualche equivoco da chiarire. Adriano Sofri ha scritto su «Repubblica» un bellissimo articolo sul tema delle generazioni. Prima una generazione durava convenzionalmente trent anni; poi si è deciso, sempre convenzionalmente, che ne durasse 25; allo stato dei fatti 15 anni sono già molti. Perché la durata si è andata accorciando? Sofri risponde: perché vengono sempre più a mancare i luoghi dove i giovani socializzano attorno a occasioni importanti che avranno un peso nella loro vita futura. Per esempio la leva militare un tempo aveva un peso, determinava segnali di riconoscimento; così i diplomi della scuola

2 158 Appendice superiore, l apprendistato, il passaggio a qualifiche operaie e artigiane. Tutti questi appuntamenti sono diventati evanescenti. Senza negar valore alle cause indicate da Sofri, io ne vedo un altra secondo me capitale: la rimozione della storia, il rifiuto della trasmissione del passato e dei suoi valori. Questo rifiuto fu teorizzato e praticato dalla generazione che aveva vent anni nel Sessantotto, quella di Sofri più o meno. I sessantottini rimossero il passato per meglio materializzare la profondità e globalità della loro contestazione rispetto alle generazioni precedenti. Il rifiuto equivalse al taglio del cordone ombelicale, fu una sorta di iniziazione all autonomia. Attenzione: tutte le generazioni avevano in qualche modo contestato i padri e i loro valori, ma non avevano mai impedito la loro trasmissione. I valori venivano trasmessi, e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti. Il Sessantotto invece rese impossibile la trasmissione. I padri subirono, la scuola era da tempo decrepita e impotente, la società corrotta nelle midolla. Sicché il taglio del cordone ombelicale avvenne in modo tale che i nati dopo ne erano già privi al momento stesso in cui uscivano dal grembo materno. Fu dunque una vera e propria mutazione genetica, e non avvenne soltanto in Italia. Qui da noi, anzi, è stata più tardiva, e tuttora incompleta. Non so se per fortuna o per disgrazia. Avete fatto caso che i ventenni di oggi, spesso studiosi, laboriosi, coscienziosi, non sanno nulla di storia? Nelle scuole, magari male, magari malissimo, la storia si insegna, ed è materia d esame. Ci sono molti film storici, molte trasmissioni televisive dedicate a fatti storici, passati, recenti, recentissimi. Giornali e riviste ne sono pieni. Ebbene, i giovani imparano lingue straniere, imparano a manovrare il computer, imparano com è fatto il motore dell automobile, e ancora la matematica, le scienze, il modo di trattare la produzione chimica, quella meccanica, il calcolo delle costruzioni; imparano tante cose, anche a suonare la chitarra, a cantare, a fare all amore; ma la storia no, non la imparano. Studiano la successione dei fatti, vedono film storici, ma non trattengono nulla. Interrogati appena pochi mesi dopo, non ricordano. Chi era Hitler? Silenzio. Chi era Stalin? Silenzio. Chi era Churchill? Silenzio. Ma anche chi era Kennedy e papa Giovanni, lo sterminio degli ebrei e la guerra del Vietnam. Nulla, assolutamente nulla, la loro mente non trattiene il passato. Non per ignoranza o infingardaggine, poiché in altri settori sono più colti di noi, ma per un insufficienza psicologica trasformatasi ormai in una sorta di desuetudine cerebrale. Le conseguenze? Abolito il passato, la vita si svolge nel presente e in un futuro a corto raggio. Ma soddisfare i bisogni del presente è ripetitivo, non consente differenziazioni generazionali. Oggi e questo è un fenomeno che siamo tutti in grado di verificare i ragazzi di 16 anni hanno modalità diverse rispetto a quelli di 20, e quelli di 12 rispetto a quelli di 16. La durata d una generazione non va oltre i quattro o cinque anni. E che cosa li rende diversi? Soltanto il mutamento della tecnologia, soltanto l innovazione tecnologica. La rimozione del passato e l accorciamento del futuro li ha appiattiti. Per questa ragione, della quale i giovani non hanno alcuna colpa, dico che si tratta di generazioni inesistenti. E così sarà per loro, per i loro figli e i loro nipoti, fino a quando non recupereranno il passato e la lunga prospettiva d un progetto per il futuro. [Eugenio SCALFARI, La rimozione del passato. Alle origini della generazione inesistente, «L Espresso», 8 ottobre 1998, p. 242]

3 Appendice 159 a. La situazione comunicativa Cominciamo da una descrizione della situazione comunicativa in cui si inserisce il testo da analizzare. Anche se la cosa può non risultare evidente a una prima lettura, esso non è autonomo, ma si presenta come una fase avanzata di uno scambio già in corso. Dalle indicazioni presenti nel primo capoverso del testo si capisce che la successione delle fasi è la seguente: 1. Ilvo Diamanti, sociologo, pubblica un inchiesta in cui propone per le persone nate anni prima del 1998 (data dell inchiesta) la definizione di «generazione invisibile»; 2. L autore dell articolo, Eugenio Scalfari, scrive, presumibilmente sempre su «L Espresso», una «nota» «qualche settimana» prima dell 8 ottobre 1998 (data dell articolo che stiamo leggendo) anzi, più precisamente, prima del 17 settembre 1998 (come si evince più oltre dallo stesso capoverso) proponendo invece la definizione di «generazione inesistente»; 3. Questo provoca il dissenso di numerosi ventenni («molte lettere di ventenni [niente affatto d accordo con me]»; tra queste lettere il testo che abbiamo di fronte cita in parte quella dello studente catanese Umberto Fracalà) e una risposta dello stesso Ilvo Diamanti sul «Sole-24 Ore», datata 17 settembre. 4. L articolo che stiamo leggendo, pubblicato l 8 ottobre, rappresenta quindi solo il quarto anello di una catena cominciata diverso tempo prima, e si presenta, almeno dichiaratamente, come ispirato dal desiderio di chiarire gli equivoci suscitati dall articolo precedente («forse c è qualche equivoco da chiarire»). Il motivo per cui è importante soffermarci su questo aspetto è che la maggior parte dei testi che ci troviamo a leggere (e a scrivere!) non nascono dal nulla, ma si inseriscono a vario titolo in una discussione già in corso: essere in grado di ricostruire, anche per sommi capi, questo contesto è essenziale non solo per poter valutare correttamente la situazione argomentativa ma anche per non fraintendere il contenuto del discorso; ad esempio, per identificare la tesi. La ricostruzione in quattro fasi dello scambio comunicativo di cui fa parte l articolo di Scalfari ci permette infatti di determinare subito che un affermazione che nel testo sembra avere un ruolo piuttosto importante, «i giovani d oggi sono una generazione inesistente», non è la tesi di questo articolo (fase 4), ma di quello scritto da Scalfari prima del 17 settembre 1998 (fase 2); quest interpretazione è confermata dall osservazione che il tema delle generazioni ha una notevole rilevanza nei capoversi iniziali ma scompare nel corpo dell articolo per riemergere solo nel capoverso conclusivo. La tesi del testo che abbiamo di fronte andrà dunque cercata altrove. Sembra che nello scrivere questo articolo Scalfari sia mosso dal desiderio di precisare il senso della definizione da lui precedentemente proposta («Forse c è qualche equivoco da chiarire»). In che senso vada intesa la parola «inesistenti», ad esempio, è chiarito alla fine del 1: «Mi sembrava [ ] che quei giovani non fossero visti perché in realtà non esistevano in quanto generazione» (corsivo nostro). La precisazione «in quanto generazione» è in effetti un buon modo di chiarire l equivoco: non si tratta di negare l esistenza di persone concrete, ma di una categoria astratta come la «generazione». Tuttavia nel resto dell argomentazione questa precisazione terminologica viene persa di vista, e il discorso prosegue sul tema di ciò che i giovani in genere fanno o sanno (o non fanno e non sanno), in particolare sulla loro ignoranza della storia. Il «riassunto delle puntate precedenti» che abbiamo presentato ci permette di riconoscere nei 1-2, anche nelle parti in cui è più evidente un contenuto argomentativo (come la critica della definizione di Diamanti e la proposta della definizione «generazione inesistente»), l esposizione di alcune premesse, la cui funzione è essenzialmente informativa (premesse appartenenti quindi, come

4 160 Appendice ogni riassunto espositivo, all ordine dei dati di fatto). Il 3 introduce una nuova premessa, che si identifica con la riflessione di Adriano Sofri sulla contrazione delle consuete distanze generazionali: il contenuto della premessa è quindi la tesi esposta altrove da Sofri, e rispetto alla quale quella del nostro testo si pone come una precisazione. b. La tesi L esposizione della tesi del brano di Scalfari è infatti direttamente legata all enunciazione della premessa precedente: «Senza negar valore alle cause indicate da Sofri, io ne vedo un altra secondo me capitale: la rimozione della storia, il rifiuto della trasmissione del passato e dei suoi valori. Questo rifiuto fu teorizzato e praticato dalla generazione che aveva vent anni nel Sessantotto, quella di Sofri più o meno» ( 4). Che questa sia la tesi dell articolo che abbiamo davanti risulta evidente dal fatto che è proprio in questo punto che viene maggiormente messo in evidenza il contributo personale e specifico dell autore («io ne vedo un altra secondo me capitale»). È chiaro che la tesi «ciò che fa dei giovani una generazione inesistente è la rimozione della storia» riguarda solo l argomentazione esposta in questo breve articolo; se si considerano anche le «puntate precedenti» una tesi più generale sarebbe: «La qualifica più appropriata per i venti-venticinquenni di oggi è generazione inesistente, a causa della rimozione della storia in atto nella cultura contemporanea dopo il Sessantotto». c. L identificazione dell uditorio In apparenza Scalfari afferma di star rispondendo all ondata di lettere ricevute dopo il suo precedente articolo, della quale la protesta dello studente catanese è solo un esempio. Ma a ben vedere il suo uditorio non è Umberto Fracalà, e nemmeno gli altri ventenni che gli hanno manifestato il proprio dissenso. Possiamo cercare conferme di questa ipotesi di lettura in primo luogo nell evidenza linguistica del testo, e poi nei contenuti che esso esprime. Per quanto riguarda l evidenza linguistica, possiamo osservare che il 6 inizia con un apostrofe alla seconda persona plurale («Avete fatto caso che i ventenni di oggi») che non può verosimilmente essere rivolta proprio a quelli che sono di fatto gli oggetti dell osservazione; sembrerebbe anzi che l autore si stia rivolgendo a tutti tranne che ai ventenni, e anche gli insistenti riferimenti alla categoria dei «giovani» lasciano intendere chiaramente che l uditorio che ha in mente Scalfari è composto da persone che giovani non sono più. Anche ragioni di contenuto ci portano a escludere l idea che Scalfari stia scrivendo realmente per «chiarire» un equivoco insorto fra lui e i giovani. Possiamo considerare ad esempio il parametro della selezione per vedere in che modo i dati così ritagliati definiscono una fisionomia di uditorio. Un esempio interessante è dato dai fatti e personaggi che Scalfari giudica sufficienti a epitomare i grandi eventi della storia mondiale: «Hitler» «Stalin», «Churchill», «Kennedy», «Papa Giovanni», «lo sterminio degli ebrei», «la guerra in Vietnam»: si nota in modo piuttosto evidente che si tratta solo di fatti della storia recente, in particolare di quella dei trent anni (dagli anni Trenta alla fine degli anni Sessanta) della formazione e della giovinezza dello stesso autore. La storia cui Scalfari si riferisce, di fatto, non è quella dei manuali di scuola (dove Papa Giovanni è entrato in anni molto recenti) ma quella che lui e i suoi coetanei hanno potuto leggere per anni sotto forma di cronaca sulle prime pagine dei giornali. Un altro caso significativo di selezione argomentativa si ha nello stesso modo di rappresentare i giovani: i giovani vengono identificati mediante il riferimento a una serie di competenze che secondo l autore essi acquisirebbero meglio della storia. Queste competenze sono divise in due

5 Appendice 161 gruppi: da un lato un insieme di materie e discipline tecniche e di servizio («lingue straniere», «manovrare i computer» si noti il particolare stilistico del verbo «manovrare» che riduce a operazione manuale e bruta un attività che si potrebbe ugualmente bene considerare di ordine intellettuale «imparano com è fatto il motore dell automobile» e via via fino al «calcolo delle costruzioni», che notoriamente si insegna solo negli istituti tecnici per geometri e nelle facoltà di ingegneria); dall altro un insieme di attività ricreative («suonare la chitarra, cantare, fare all amore») che sembrano rispecchiare, più che le caratteristiche reali degli attuali ventenni, un immagine vicina allo sterotipo dei giovani contestatori negli anni intorno al Sessantotto. d. La visione del mondo dell oratore Su questa base è abbastanza facile tracciare una mappa piuttosto precisa degli altri elementi che caratterizzano la visione del mondo dell oratore. Tanto per cominciare, ad onta dell imparzialità professata (sotto forma di elogi per l articolo di Sofri, ad esempio: «un bellissimo articolo sul tema delle generazioni», 3), è piuttosto evidente la sua contrapposizione in senso conservatore rispetto all esperienza della contestazione giovanile genericamente etichettata come «Sessantotto». La parzialità ideologica trapela ad esempio da fatti di stile, come nella frase: «I valori venivano trasmessi e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti». La separazione col punto fermo mette in maggiore evidenza l ultimo dei quattro elementi; il senso connotativo è che la «riscoperta» dei valori dei padri era, prima del Sessantotto, il normale e auspicato coronamento del moderato tentativo di aggiornarli da parte delle nuove generazioni. La parola più importante della tesi, «storia», viene definita come «la trasmissione del passato e dei suoi valori» ( 4). Questa definizione conferma piuttosto vistosamente che nella visione del mondo dell autore il passato ha per principio un valore superiore al presente, che ricava da esso la sua legittimazione. Questo valore traspare anche dal passo appena citato: «tutte le generazioni avevano in qualche modo contestato i padri e i loro valori, ma non avevano mai impedito la loro trasmissione. I valori venivano trasmessi e poi contestati, superati, innovati. O magari riscoperti» ( 5). È evidente che nella dinamica descritta è adombrato quello che dovrebbe essere il comportamento ottimale di ogni nuova generazione: una iniziale contestazione dei valori dei padri seguita dalla loro riscoperta e dalla loro lineare prosecuzione. Il presupposto è tanto più evidente in quanto trascura numerosi e importanti dati di fatto che possono clamorosamente contraddire l affermazione «[ ] ma non avevano mai impedito la loro trasmissione»: il 68 non è stato certamente il solo momento storico che abbia creato una cesura forte con la cultura e i valori del passato; nel solo XX secolo si potrebbero citare la Rivoluzione russa o l avvento del nazismo in Germania, prima ancora la Rivoluzione francese e così via. Lo stesso orientamento assiologico è poi molto evidente nel capoverso conclusivo, dove il presente è giudicato un entità piatta e insignificante a meno di non essere sorretto da un «progetto per il futuro» che nasca però dal recupero dei valori del passato («fino a quando non recupereranno il passato e la lunga prospettiva d un progetto per il futuro», 9). Ma soprattutto, la realtà delle nuove generazioni viene descritta come una sorta di non vita, un limbo biochimico che si stenta a qualificare con i pieni attributi dell esistenza: la «desuetudine cerebrale» in cui i giovani sono caduti a causa della loro ignoranza della storia è connotata come una decadenza organica, e perciò ineluttabile (non a caso nel 5 si parla di «vera e propria mutazione genetica»). Il cambiamento è visto quindi non come naturale risultato dell evoluzione storica ma come patologia e, nella descrizione evidentemente demonizzata che ne dà, Scalfari non sembra voler lasciare spazio per alcun tentativo di comprensione. Ad esempio i mutamenti indotti dall «innovazione tecnologica» non hanno evidentemente alcuna dignità, non appartengono

6 162 Appendice anch essi alla storia, sono «non fatti», poiché chiunque scelga di evolversi secondo il loro ritmo non si vede riconoscere alcuna forma di spessore esistenziale (come se non avesse anche lui una propria storia), neppure nella forma minimale e tutt altro che lusinghiera della responsabilità per la propria rovinosa condizione: i giovani «non hanno alcuna colpa», non sono un possibile uditorio per Scalfari come oratore così come secondo lui non sono soggetti della propria vita. Esercizio 24* La situazione argomentativa: un esempio di analisi Prova a sottoporre un breve testo argomentativo a tua scelta allo stesso tipo di analisi che abbiamo esemplificato sull articolo di Scalfari. Si tratta, come abbiamo visto, di a. individuare le caratteristiche della situazione comunicativa in cui il testo si inserisce; b. individuare la tesi e motivarne l individuazione; c. identificare l uditorio studiando in particolare il funzionamento della selezione argomentativa come strumento per la creazione di una comunità argomentativa; d. caratterizzare la visione del mondo dell oratore.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE

OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE 1 Mimmo Arezzo OGNI SPAZIO VETTORIALE HA BASE CONVERSAZIONE CON ALCUNI STUDENTI DI FISICA 19 DICEMBRE 2006 2 1 Preliminari Definizione 1.0.1 Un ordinamento parziale (o una relazione d ordine parziale)

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli