COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE"

Transcript

1 COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Iniziativa bilaterale a dono 1. AFRICA NON RIPARTIBILE AID "Capacity development in Sub-Saharan Africa in Natural resources Management for Tropical Rural Development" II Fase ,78 ****** Iniziativa bilaterale a dono 2. AFRICA ETIOPIA AID Sostegno alla trasformazione e alla crescita economica in Etiopia ,00 ****** Credito d aiuto 3. AFRICA ETIOPIA AID Iniziativa di Cooperazione "Supporto al settore Wash in aree urbane". Componente a dono: ,00 Parere n. 1. AID Iniziativa di Cooperazione "Supporto al settore Wash in aree urbane". Componente a credito d aiuto ,00 ******

2 Proposta di lunga missione 4. AFRICA ETIOPIA AID Contributo italiano al programma Generale Education Quality Improvement Project Fase II Lunga missione Giulia Giacomuzzi ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 5. AFRICA ETIOPIA AID Contributo italiano al programma di sostegno alla crescita del settore agricolo ,00 Rifinanziamento fondo in loco. ****** Iniziativa bilaterale a dono 6. AFRICA ETIOPIA AID Progetto di formazione e di ricerca operativa per il miglioramento della retention in care delle persone con infezione da HIV in Tigray, Etiopia ,22 ****** Contributo volontario 7. AFRICA GIBUTI AID Contributo Volontario a favore di UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees), per la realizzazione a Gibuti dell iniziativa Protezione e assistenza multisettoriale a rifugiati, richiedenti asilo e migranti ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 8. AFRICA MOZAMBICO AID "Supporto alla riforma dell'istruzione tecnico-professionale - PRETEP PLUS" ,00 Componente fondo in loco ******

3 Contributo finalizzato 9. AFRICA SUDAN AID Sostegno alla riabilitazione e costruzione di strutture sanitarie volte al rafforzamento della salute materno-infantile, in località identificate negli stati di Gedaref, Red Sea e Kassala. Contributo finalizzato ad UNOPS ,00. ****** Proposta di lunga missione 10. AFRICA SUDAN AID Sostegno allo Sviluppo dei Sistemi Sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala ed Integrazione al Programma di Cooperazione Delegata della UE SUDAN Lunga missione Valerio PASTORI Periodo della missione: 12 mesi Importo presunto ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 11. AFRICA SUDAN AID Sostegno allo Sviluppo dei Sistemi Sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala ed Integrazione al Programma di Cooperazione Delegata della UE SUDAN Finanziamento della II e III tranche della componente fondo in loco ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 12. AFRICA SUDAN AID "Poverty Alleviation Project per gli Stati di Kassala e Red Sea" Finanziamento della II e III tranche della componente fondo in loco ,00 BALCANI MEDITERRANEO E MEDIO ORIENTE Nota informativa con parere Parere n.2. BMVO ALBANIA

4 AID 8098 "Potenziamento del Centro Traumatologico Nazionale di Tirana". Proposta di emendamento dell'allegato 2 dell'accordo intergovernativo firmato a Tirana il 13 luglio ****** Nota informativa con parere Parere n.3. BMVO ALBANIA AID 7961 "Programma di sviluppo del settore privato mediante la costituzione di una Linea di Credito in favore delle PMI albanesi". Proposta di emendamenti agli artt. 1 e 7 dell'accordo intergovernativo firmato a Tirana il 25 giugno ****** Proposta di lunga missione 13. BMVO ALBANIA AID "Cooperazione Delegata in Albania: Progetto Pilota per il Sostegno alla gestione Centralizzata Indiretta di Fondi IPA". Proposta di lunga missione Dr.ssa Caterina CARUGATI ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 14. BMVO IRAQ AID Progetto pilota per lo sviluppo di un sistema di monitoraggio sanitario e sorveglianza epidemiologica Regione Autonoma Kurdistan ,00. ****** Iniziativa bilaterale a dono 15. BMVO IRAQ AID 9655 Coordinamento Paese ,00 ****** Contributo volontario 16. BMVO IRAQ AID Contributo Volontario a UNICEF in risposta allo "Strategic Response Plan for Iraq nell ambito del sostegno a:

5 a) Assistenza e Supporto alle ragazze e donne nella prevenzione delle Mutilazioni Genitali Femminili. b) Cash Assistance per sostenere le minoranze ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 17. BMVO LIBANO AID Donne nella governance dello sviluppo locale Fase II ,00 di cui: ex art 15; ,00 fondo in loco; ,00 fondo esperti. ****** Iniziativa bilaterale a dono 18. BMVO LIBANO AID Fondo di assistenza alla gestione tecnica e amministrativa del programma della Cooperazione Italiana in Libano Fondo in loco ,00. ****** Nota informativa con delibera 19. BMVO TUNISIA AID 9424 Programma di cooperazione italo-tunisino. Struttura di gestione del programma di cooperazione: proposta di variante non onerosa: da fondo esperti a fondo in loco ,00. ASIA E PACIFICO Iniziativa bilaterale a dono 20. ASIA AFGHANISTAN AID Rifinanziamento fondo gestione in loco Comunicazione per lo sviluppo in Afghanistan ,00 ******

6 Contributo volontario 21. ASIA AFGHANISTAN AID 8050 Contributo Volontario alla Banca Mondiale per l Afghanistan Reconstruction Trust Fund (ARTF) ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 22. ASIA AFGHANISTAN AID 9948 Sostegno all impiego femminile, attraverso la formazione professionale ed il rafforzamento del settore privato ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 23. ASIA AFGHANISTAN AID Contributo italiano al terzo National Solidarity Program (NSP III) nelle Province di Farah e Badghis. Rifinanziamento fondo di gestione in loco ,00 ****** Contributo volontario 24. ASIA AFGHANISTAN AID Contributo volontario al WHO per il Programma di attuazione del Protocollo di Trattamento GBV per il Settore Sanitario in Afghanistan ,00 ****** Contributo volontario 25. ASIA AFGHANISTAN AID Contributo volontario a UNDP Afghanistan Justice and Human Rights in Afghanistan (JHRA) Fase II ,00 ****** Contributo volontario 26. ASIA AFGHANISTAN

7 AID Contributo volontario a UNOPS per il sostegno al programma di accessibilità rurale (NRAP) in Afghanistan ,00 ****** Credito d aiuto 27. ASIA VIETNAM AID "Miglioramento del sistema di previsione ed allarme delle alluvioni in Vietnam II Fase" ( Improving the flood forecasting and warning system in Vietnam Second Phase") Componente a dono: ,00 Parere n. 4. AID "Miglioramento del sistema di previsione ed allarme delle alluvioni in Vietnam II Fase" ( Improving the flood forecasting and warning system in Vietnam Second Phase") Componente a credito d aiuto: ,00 AMERICA LATINA E CARAIBI Iniziativa bilaterale a dono 28. AMERICA LATINA BOLIVIA AID 9316 "Programma Amazzonia senza fuoco Fase II" ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 29. AMERICA LATINA E CARAIBICA CUBA AID Programma di sostegno alla valorizzazione del patrimonio culturale di El Cobre ,00 ****** Iniziativa bilaterale a dono 30. AMERICA LATINA E CARAIBICA EL SALVADOR

8 AID SaPeVo. El Salvador: Mitigar Peligros Volcanicos. Attività di formazione monitoraggio e studio per una valutazione preliminare della pericolosità di alcune aree vulcaniche in El Salvador ,00 NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE Contributo volontario 31. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 alla Banca Mondiale per il Fondo Globale per la Lotta all'aids, Tubercolosi e Malaria ,00 ****** Contributo volontario 32. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell Istituto Bioversity International (ex IPGRI) ,00 ****** Contributo volontario 33. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore del CICR ,00 ****** Contributo volontario 34. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore del CIHEAM-IAM di Bari ,00 ****** Contributo volontario 35. NON RIPARTIBILE

9 AID Contributo volontario 2015 a favore della FAO ,00 ****** Contributo volontario 36. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore del Global Education Fund presso la Banca Mondiale della Global Partnership for Education ,00 ****** Contributo volontario 37. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell IDLO (International Development Law Organization ,00 ****** Contributo volontario 38. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell IILA ,00 ****** Contributo volontario 39. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell OIL ,00 ****** Contributo volontario 40. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell OIM ,00 ****** Contributo volontario 41. NON RIPARTIBILE

10 AID Contributo volontario 2015 a favore del PAM ,00 ****** Contributo volontario 42. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore di UN WOMEN ,00 ****** Contributo volontario 43. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore di UNDESA ,00 ****** Contributo volontario 44. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNDP ,00 ****** Contributo volontario 45. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore all UNFPA per il programma congiunto UNFPA/UNICEF multi donatori Female Genital Mutilation/Cutting Accelerating Change ,00 ****** Contributo volontario 46. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNFPA ,00 ****** Contributo volontario 47. NON RIPARTIBILE

11 AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNHCR , 00 ****** Contributo volontario 48. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNICEF , 00 ****** Contributo volontario 49. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNICRI ,00 ****** Contributo volontario 50. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNIDO (ITPO) ,00 ****** Contributo volontario 51. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNRWA ,00 ****** Contributo volontario 52. NON RIPARTIBILE AID Contributo volontario 2015 a favore dell UNSSC (United Nations System Staff College) ,00

12 ****** Nota informativa con delibera 53. NON RIPARTIBILE Senza AID Nomina del Cons. Leg. Susanna Sylvia SCHLEIN quale membro della Segreteria del Comitato Direzionale. ****** Proposta di lunga missione 54. NON RIPARTIBILE Senza AID Proposta di Lunga Missione per gli incarichi di Direttore UTL in Etiopia, Myanmar e Coordinatore di Sezione Distaccata UTL a Ouagadougou. Direttore UTL Etiopia: Dott.ssa Ginevra LETIZIA ,00. Direttore UTL Myanmar: Ing. Maurizio Di CALISTO ,00. Coordinatore Sezione Distaccata UTL: Dott. Gennaro GENTILE ,00.

13 Delibera n. 1 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n.49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della Legge n.49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n.177; Vista la richiesta di contributo presentata in data 16 febbraio 2015 prot. n del MAECI DGCS dall Istituto Agronomico per l Oltremare per la realizzazione dell iniziativa di Cooperazione denominata Capacity development in Sub-Saharan Africa in Natural Resources Management for Tropical Rural Development 2 ciclo, destinata a 16 operatori e tecnici provenienti da Paesi dell Africa Sub-Sahariana; Considerato che l iniziativa si prefigge di contribuire a migliorare la produttività del settore agricolo attraverso la gestione sostenibile delle risorse naturali e di rafforzare l istruzione terziaria a beneficio di quadri istituzionali in una fase di domanda crescente sotto il profilo qualitativo e quantitativo; Considerato che il contributo richiesto alla DGCS è pari al 100% dell importo dell iniziativa e che risulta in linea con le finalità della Legge 49/87; Considerato che il programma contribuisce al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O7 - Assicurare la sostenibilità ambientale, T1 - Integrare i principi dello sviluppo sostenibile all interno delle politiche e dei programmi dei paesi e invertire la tendenza alla perdita di risorse ambientali. Tipo di aiuto: slegato; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera il finanziamento di ,78 a favore dell Istituto Agronomico per l Oltremare di Firenze, per la realizzazione dell'iniziativa di Cooperazione denominata Capacity development in Sub-Saharan Africa in Natural Resources Management for Tropical Rural Development 2 ciclo da imputare sul Capitolo di spesa 2184/0400 del C.d.R. Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, ripartito come segue: Anno ,28 Anno ,50 AID /02/4

14 Delibera n. 2 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della Legge n. 49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 70 dell 8 maggio 2013 con la quale è stata approvata l iniziativa di Cooperazione Sostegno alla trasformazione e alla crescita economica in Etiopia attraverso il miglioramento del clima degli investimenti ; Considerato che la delibera sopracitata prevede un finanziamento di Euro ,00 all International Finance Corporation (IFC); Considerato che nella stessa delibera è previsto il finanziamento della componente fondo esperti per Euro ; Considerato che con lettera del 5 dicembre 2014 IFC ha comunicato all UTL di Addis Abeba la continuazione delle attività fino al 30 giugno 2017; Considerato che la presenza in loco degli esperti é necessaria per il corretto svolgimento delle attività di assistenza tecnica dell iniziativa sopracitata ed collegamento del progetto con le altre iniziative del Programma Paese Italia-Etiopia concernenti lo sviluppo del settore privato; Considerato che l iniziativa persegue l Obiettivo di Sviluppo del Millennio O8 Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo T2 Sviluppare un sistema commerciale e finanziario più aperto, regolamentato, prevedibile, non discriminatorio ; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS e acquisita agli atti della presente Delibera e approvato il rifinanziamento di ,00 del fondo esperti dell iniziativa di Cooperazione in Etiopia denominata Sostegno alla trasformazione ed alla crescita economica in Etiopia attraverso il miglioramento del clima degli investimenti a valere sul Capitolo di spesa 2182/0400 del C.d.R della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Anno finanziario 2015 Finanziamento legato AID 01023/02/0

15 Delibera n. 3 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87 approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Vista la delibera n. 78 del Comitato Direzionale dell 8 maggio 2013 con la quale è stato approvato l Ethio-Italian Cooperation Framework successivamente firmato ad Addis Abeba il 30 maggio 2013; Considerato che il programma denominato Supporto al settore Wash in aree urbane rientra tra le iniziative che nell ambito del citato Ethio-Italian Cooperation Framework si è stabilito di finanziare a credito di aiuto e a dono; Considerato che l iniziativa sopracitata, in linea con le strategie di programmazione congiunta in ambito UE, sarà finanziata anche dalla Agenzia Francese per lo sviluppo (AFD) e dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI); Vista la lettera del 20 ottobre 2014 con la quale il Water Resources Development Fund, ente del Ministero delle Risorse Idriche Etiopico, ha richiesto il finanziamento italiano al suddetto programma; Considerato che per la realizzazione dell iniziativa è necessaria anche una componente di assistenza tecnica e monitoraggio da finanziarsi attraverso la costituzione di un fondo esperti e di un fondo in loco; Considerato che l iniziativa, per la componente a dono, verrà finanziata con le risorse del Fondo di Rotazione di cui alla Legge 16 aprile 1987 n.183 (c.d Legge La Pergola ), ai sensi dell art.1 comma 249 della Legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014), essendo stata rilevata la coerenza e complementarità della sopracitata iniziativa con la politica di cooperazione allo sviluppo dell Unione Europea; Considerato la complementarietà e coerenza della presente iniziativa con le politiche di Cooperazione allo Sviluppo dell Unione Europea in quanto interviene in uno dei settori prioritari individuati dal secondo pilastro dell Agenda for Change Inclusive and Sustainable Growth for Human Development- adottata nell Ottobre del 2011; Considerato che l iniziativa contribuisce al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio n. O7 (Assicurare la sostenibilità ambientale) -T3 (Dimezzare entro il 2015 la percentuale di persone che non ha accesso all acqua potabile e agli impianti igienici di base); Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente

16 Delibera è approvato il finanziamento dell iniziativa denominata Supporto al settore Wash in aree urbane in Etiopia, per un importo complessivo di ,00 a valere sul Capitolo di spesa 2182/0400 del C.d.R. Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - Anno Finanziario così suddiviso: Finanziamento al Governo della Repubblica Federale Democratica di Etiopia ex art.15 DPR 177/ ,00 (finanziamento slegato) AID: Fondo di gestione in loco ,00 (finanziamento slegato) AID: Fondo Esperti: ,00 (finanziamento legato) AID: AID

17 Parere n. 1 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87 approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 103 del 29 novembre 2006, relativa alle condizioni per l accesso ai crediti d aiuto e ai gradi di concessionalità; Viste le delibere del Comitato Direzionale n. 134 del 31 luglio 2001 e 257 del 9 dicembre 2008 e la delibera CIPE n. 93 del 6 novembre 2009, relative all adesione alle raccomandazioni OCSE in merito allo slegamento dei crediti d aiuto per i Paesi Meno Avanzati (PMA) e fortemente indebitati (HIPC - Heavily Indebted Poor Countries); Vista la delibera n. 78 del Comitato Direzionale dell 8 maggio 2013 con la quale è stato approvato l Ethio-Italian Cooperation Framework successivamente firmato ad Addis Abeba il 30 maggio 2013; Considerato che il programma denominato Supporto al settore Wash in aree urbane rientra tra le iniziative che nell ambito del citato Ethio-Italian Cooperation Framework si è stabilito di finanziare a credito di aiuto e a dono; Considerato che l iniziativa sopracitata, in linea con le strategie di programmazione congiunta in ambito UE, sarà finanziata anche dalla Agenzia Francese per lo sviluppo (AFD) e dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI); Vista la lettera del 20 ottobre 2014 con la quale il Water Resources Development Fund, ente del Ministero delle Risorse Idriche Etiopico, ha richiesto il finanziamento italiano al suddetto programma; Considerato che l iniziativa comprende anche una componente a dono che verrà finanziata con le risorse del Fondo di Rotazione di cui alla legge 16 aprile 1987 n.183 (c.d Legge La Pergola ), ai sensi dell art.1 comma 249 della legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014), essendo stata rilevata la coerenza e complementarità della sopracitata iniziativa con la politica di cooperazione allo sviluppo dell Unione Europea;

18 Considerato che l iniziativa contribuisce al raggiungimento dell obiettivo del millennio n. 07 (Assicurare la sostenibilità ambientale) -T3 (Dimezzare entro il 2015 la percentuale di persone che non ha accesso all acqua potabile e agli impianti igienici di base). Sulla base della documentazione predisposta dalla D.G.C.S. ed acquisita agli atti della presente Esprime parere favorevole al finanziamento dell iniziativa denominata Supporto al settore Wash in aree urbane in Etiopia, per un importo complessivo di ,00 a credito d aiuto con termini di concessionalità pari al 60% (40 anni di durata, di cui 27 di grazia e 0,00% tasso di interesse). AID /04/4

19 Delibera n. 4 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo ed in particolare gli artt. 9 comma 4 lettera e),17 e 19; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87, approvato con DPR 12 aprile 1988, n.177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 10 del 15 marzo 2010, che approva la nuova procedura per le lunghe missioni del personale esterno; Visto la delibera del Comitato Direzionale n. 69 del 26 giugno 2014 con la quale si approva il finanziamento dell iniziativa di cooperazione: Contributo Italiano al Programma General Education Improvement Project - GEQIP -FASE II (GEQIP II) ; Considerato che la sopracitata iniziativa prevede il finanziamento di una componente Fondo Esperti per euro ,00; Visti gli esiti della procedura di selezione 7/4/MEL/2014- che ha identificato quale vincitrice la candidata Giulia Giacomuzzi ; Considerato che l iniziativa in questione corrisponde al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O2 (Rendere universale l educazione primaria), T1(Assicurare che ovunque, entro il 2015, i bambini, sia maschi che femmine, possano portare a termine un ciclo di educazione primaria); tipo di aiuto legato; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera è approvata la lunga missione dell esperta in Etiopia di seguito indicata : Giulia Giacomuzzi Privato Contributo Italiano al Programma General Education Improvement Project - GEQIP- FASE II (GEQIP II) periodo della missione : 12 mesi.- importo presunto ,00 - Capitolo 2182/0400 del C.d.R. Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - anno finanziario AID 10240/03/1

20 Delibera n. 5 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della Legge n. 49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Visto l Ethio-Italian Cooperation Framework firmato ad Addis Abeba il 30 maggio 2013 e la relativa programmazione delle iniziative; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 98 del 27 giugno 2013 con la quale è stata approvato il finanziamento dell iniziativa di Cooperazione in Etiopia: Contributo Italiano al Programma di Sostegno alla Crescita del Settore Agricolo - Agricultural Growth Programme (AGP) ; Considerato che l iniziativa sopracitata comprende una componente Fondo di gestione in loco per la quale è stato approvato un contributo di Euro ,00, completamento erogato; Considerato che l iniziativa è in corso di esecuzione e che é necessario assicurare la presenza dell assistenza tecnica italiana fino alla conclusione prevista della attività; Considerato che l iniziativa corrisponde al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O1: Sradicare la povertà estrema e la fame - T1: Dimezzare, tra il 1990 e il 2015, la percentuale di persone il cui reddito è inferiore a 1$ al giorno ; tipo di aiuto slegato; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS e acquisita agli atti della presente Delibera è approvato il rifinanziamento del Fondo di gestione in loco per l iniziativa di Cooperazione in Etiopia denominata Contributo Italiano al Programma di Sostegno alla Crescita del Settore Agricolo Agricultural Growth Programme (AGP), per un importo complessivo di ,00 a valere sul Capitolo di spesa 2182/0400 del C.d.R della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Anno finanziario 2015 AID 10052/02/2

21 Delibera n. 6 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della Legge n. 49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Considerato che l Italia ha deciso di rafforzare significativamente il proprio impegno in Etiopia, scegliendo la salute come uno dei settori prioritari della propria azione; Considerato che in data 13 marzo 2014 la nostra Ambasciata in Addis Abeba ha trasmesso una lettera del Ministero della Salute etiopico con la quale si richiede il sostegno della Cooperazione italiana ad un iniziativa in via di realizzazione da parte dell Istituto Superiore di Sanità nel settore della formazione e del supporto tecnico alle strutture sanitarie pubbliche ed universitarie della regione del Tigray per l assistenza ai pazienti malati di HIV/AIDS e che lo stesso messaggio recava Nota di Valutazione Tecnica favorevole a firma del Direttore dell UTL; Vista la richiesta presentata dall Istituto Superiore di Sanità prot. del 12 febbraio per la realizzazione dell iniziativa Progetto di formazione e di ricerca operativa per il miglioramento della retention in care delle persone con infezione da HIV in Tigray,Etiopia ; Considerato che l iniziativa si propone di contribuire a fermare ed invertire la diffusione della principali malattie trasmissibili come l HIV/AIDS in Etiopia; Considerato che il contributo richiesto alla DGCS è pari al 46,7% dell importo complessivo dell iniziativa, che risulta in linea con le finalità della Legge 49/87; Visto l art.1, comma 249 della Legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di Stabilità 2014) che dispone l assegnazione di 60 milioni di Euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 a favore delle azioni di Cooperazione allo sviluppo realizzate dal Ministero degli Affari Esteri a valere sulle disponibilità del Fondo di Rotazione di cui alla Legge 16 aprile 1987, n.183 (c.d. Legge La Pergola); Considerato la complementarietà e coerenza della presente iniziativa con le politiche di Cooperazione allo Sviluppo dell Unione Europea in quanto interviene in uno dei settori prioritari individuati dal secondo pilastro dell Agenda for Change Inclusive and Sustainable Growth for Human Development- adottata nell Ottobre del 2011; Considerato che l iniziativa persegue l Obiettivo di Sviluppo del Millennio O6: Combattere la malaria, l AIDS e le altre malattie - T1 Arrestare entro il 2015, invertendo la tendenza, la diffusione dell HIV/AIDS ;

22 Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS e acquisita agli atti della presente Delibera è approvato il contributo di ,22 a favore dell Istituto Superiore di Sanità per la realizzazione dell iniziativa di Cooperazione in Etiopia denominata Progetto di formazione e di ricerca operativa per il miglioramento della retention in care delle persone con infezione da HIV in Tigray, Etiopia. L onere dell iniziativa graverà sul Capitolo di spesa 2182/0400 del CdR della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Anno finanziario 2015 Finanziamento legato AID 10499/01/6

23 Delibera n. 7 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo ed in particolare l art. 1, comma 2, l art. 2, commi 1 e 3 lett. b); Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87, approvato con il DPR del 12 aprile 1988, n.177; Vista la richiesta della Rappresentante dell United Nations High Commissioner for Refugees (UNHCR) a Gibuti e la proposta dell Ambasciata di Addis Abeba per la concessione di un contributo volontario all organismo per il finanziamento dell iniziativa a Gibuti Protezione e assistenza multisettoriale a rifugiati, richiedenti asilo e migranti ; Visto l art.1, comma 249 della Legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (Legge di Stabilità 2014) che dispone l assegnazione di 60 milioni di Euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 a favore delle azioni di Cooperazione allo sviluppo realizzate dal Ministero degli Affari Esteri a valere sulle disponibilità del Fondo di Rotazione di cui alla Legge 16 aprile 1987, n.183 (c.d. Legge La Pergola); Considerata la complementarietà e coerenza della presente iniziativa con le politiche di Cooperazione allo Sviluppo della U.E. e che la stessa si concentra su uno dei settori prioritari dell Agenda for Change; Considerato che l iniziativa corrisponde al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O1 (Sradicare la povertà estrema e la fame) - T1 (Ridurre di due terzi, fra il 1990 e il 2015, la percentuale di persone il cui reddito è inferiore a 1 $ al giorno), tipo di contributo: slegato; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera è approvata la concessione di un contributo volontario a favore di UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugee), per la realizzazione a Gibuti dell iniziativa Protezione e assistenza multisettoriale a rifugiati, richiedenti asilo e migranti per l importo di ,00 (cinquecentomila), a valere sul Capitolo di spesa 2180/0400 della U.p.B. n. 9 del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Cooperazione allo Sviluppo - per l esercizio finanziario AID 10507

24 Delibera n. 8 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n.49, sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87 approvato con il DPR 12 aprile 1988, n.177; Vista la Delibera del Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo n.19 del 16 marzo 2005, con il quale è stato approvato il finanziamento dell iniziativa di Cooperazione Mozambico - Programma di sostegno al sistema dell istruzione tecnico-professionale (Pretep) per un importo complessivo di Euro ,00; Vista la richiesta del Ministero dell Educazione mozambicano, inoltrata dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale con Nota Verbale n.6564 del 23 novembre 2012, relativa alla richiesta di appoggio finanziario, da parte dell Italia, quantificato nel valore di 35 milioni di Euro, per il sostegno all educazione tecnico-professionale in Mozambico; Considerato che il programma si inserisce nella strategia della Cooperazione italiana in Mozambico per il triennio , volta a porre le basi per uno sviluppo sostenibile del Paese attraverso la formazione del capitale umano e lo sviluppo di competenze atte a favorire gli investimenti e a incrementare la qualità dei servizi pubblici e di sostegno alla produzione; Visto il Parere del Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo n.19 dell 11 novembre 2014, con il quale è stato approvato il finanziamento a credito d aiuto dell iniziativa di cooperazione in Mozambico denominata Supporto alla riforma dell Educazione Tecnico Professionale ; Vista la Delibera del Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo n.142 dell 11 novembre 2014, con la quale è stato approvato il finanziamento a dono della componente Fondo Esperti (AID ) e della I tranche prevista per la componente Fondo in Loco (AID ), nell ambito dell iniziativa di Cooperazione in Mozambico denominata Supporto alla riforma dell Educazione Tecnico Professionale ; Considerata la necessità di assicurare il finanziamento dell iniziativa in parola nella sua interezza, come da piano finanziario originario, e, pertanto, della II e della III tranche della componente Fondo in loco ; Considerato che l iniziativa corrisponde al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O1 Sradicare la povertà estrema e la fame, T2 Raggiungere un occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti, inclusi donne e giovani ; Tipo di Aiuto: slegato 100%; Sulla base della documentazione predisposta dalla D.G.C.S. ed acquisita agli atti della presente

25 Delibera L approvazione della II e della III tranche della componente Fondo in loco nell ambito dell iniziativa di Cooperazione in Mozambico denominata Supporto alla riforma dell Educazione Tecnico Professionale, per un importo totale di ,00 a valere sul Capitolo di spesa 2182/400 del C.d.R. del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, secondo la seguente ripartizione: Totale AID Fondo in loco , , , AID 10395/04/4

26 Delibera n. 9 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo ed in particolare l art. 1, comma 2, l art. 2, commi 1 e 3 lett. b) e d); Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n. 49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Vista la Legge n. 141 del 1 ottobre 2014, Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 1 agosto 2014, n. 109, recante proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione, nonché disposizioni per il rinnovo dei Comitati degli italiani all'estero ; Vista la decisione della DGCS, di concerto con le Autorità locali, di intervenire nella riabilitazione di alcune strutture sanitarie, considerate essenziali dove opera la Cooperazione italiana sia bilateralmente che come delegata dell Unione Europea; Viste le richieste delle competenti Amministrazioni dei tre Stati coinvolti nell iniziativa; Considerata l opportunità, condivisa dall Ambasciata/UTL di Khartoum, di affidare la realizzazione dell iniziativa a UNOPS, in considerazione dell esperienza pregressa acquisita da tale organizzazione nelle realizzazione di opere civili in Sudan; Considerato che l iniziativa corrisponde in particolare al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O5 Ridurre la mortalità materna T1- Ridurre di tre quarti, fra il 1990 e il 2015, il tasso di mortalità materna e T2-Raggiungere, entro il 2015, l accesso universale ai sistemi di salute riproduttiva; tipo di Aiuto, slegato al 100%; Sulla base della documentazione predisposta dalla D.G.C.S. ed acquisita agli atti della presente Delibera è approvata la concessione di un contributo finalizzato a UNOPS, per la realizzazione del progetto in Sudan denominato Sostegno alla riabilitazione e costruzione di strutture sanitarie volte al rafforzamento della salute materno-infantile, in località identificate negli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala per l importo di 500,000,00 a valere sul cap. 2180/0400 del C.d.R. del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, per l esercizio AID /01/1

27 Delibera n. 10 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo ed in particolare gli art. 9, comma 4 lett. e), 17, 21 e 22; Visto il Regolamento di esecuzione della suddetta Legge n. 49/87, approvato con il DPR 12 aprile 1988, n. 177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 10 del 15 marzo 2010 che approva la nuova procedura per le lunghe missioni del personale estero; Vista la Delibera del Comitato Direzionale n. 75 del 26 giugno 2014, con la quale è stata approvata l'iniziativa di Cooperazione in gestione diretta Sostegno allo Sviluppo dei Sistemi Sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala ed Integrazione al Programma di Cooperazione Delegata della UE - SUDAN - per un importo complessivo di Euro ,00; Considerato che nell ambito della suddetta Delibera tra l altro è stata approvata la componente Fondo Esperti, per un importo complessivo pari ad Euro ,00; Considerato che la summenzionata iniziativa è ancora in corso di esecuzione; Visti gli esiti della procedura di selezione 8/3/BOR/2014 pubblicata sul sito della DGCS il 4 dicembre 2014 che ha identificato quale vincitore il candidato Valerio Pastori; Considerato che l iniziativa contribuisce in particolare al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O4 (Ridurre la mortalità infantile) - T1 (Ridurre di 2/3, fra il 1990 e il 2015, il tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni). Tipo di Aiuto: Legato; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS e acquisita agli atti della presente Delibera E approvata la lunga missione dell esperto di seguito indicato: Valerio Pastori Privato Funzione: Capo Programma - Sostegno allo Sviluppo dei Sistemi Sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala ed Integrazione al Programma di Cooperazione Delegata della UE - SUDAN Periodo della Missione: 12 mesi Importo presunto: ,00 Capitolo 2182/0400 del C.d.R. Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo esercizio finanziario AID 10239/02/5

28 Delibera n. 11 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n.49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di Sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n.49/87, approvato con il DPR del 12 aprile 1988 n.177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 75 del 26 giugno 2014; Visto l art.1, comma 249 della Legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di Stabilità 2014) che dispone l assegnazione di 60 milioni di Euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 a favore delle azioni di cooperazione allo sviluppo realizzate dal Ministero degli Affari Esteri a valere sulle disponibilità del Fondo di Rotazione di cui alla Legge 16 aprile 1987, n.183 (c.d. Legge La Pergola) Considerato che l Italia, sin dal 2006, è impegnata in un ampio programma di assistenza integrata alle popolazioni degli Stati del Sudan orientale e che, congiuntamente all Ambasciata/UTL di Khartoum, si è ritenuto di rafforzare questo approccio con un programma specifico di lotta alla Povertà; Considerata la complementarietà e coerenza della presente iniziativa con le politiche di Cooperazione allo Sviluppo della Unione Europea, a sostegno delle aree rurali e periurbane sudanesi ed, in particolare, con l iniziativa di cooperazione delegata da noi gestita denominata: Promoting Qualitative Health Services in Eastern Sudan (PQHS) ; Considerato che l iniziativa contribuisce in particolare al raggiungimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O4/T1: Ridurre la mortalità infantile; fondo in loco slegato 100%: Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera l'approvazione delle due annualità residue del Fondo in Loco dell'iniziativa di cooperazione in gestione diretta in Sudan denominata Sostegno allo Sviluppo dei Sistemi Sanitari degli Stati di Gedaref, Red Sea e Kassala ed Integrazione al Programma di Cooperazione Delegata della UE - SUDAN - per un importo complessivo di ,00 a valere sul cap. 2182/0400 del C.d.R. del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, secondo la seguente ripartizione: AID Totale Fondo in loco ,00 Fondo in loco , ,00 AID 10239

29 Delibera n. 12 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n.49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge n.49/87, approvato con il DPR del 12 aprile 1988 n.177; Vista la delibera del Comitato Direzionale n. 93 del 29 luglio 2014; Visto l art.1, comma 249 della Legge n.147 del 27 dicembre 2013 (Legge di Stabilità 2014) che dispone l assegnazione di 60 milioni di Euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 a favore delle azioni di cooperazione allo sviluppo realizzate dal Ministero degli Affari Esteri a valere sulle disponibilità del Fondo di Rotazione di cui alla Legge 16 aprile 1987, n.183 (c.d. Legge La Pergola) Considerato che l Italia, sin dal 2006, è impegnata in un ampio programma di assistenza integrata alle popolazioni degli Stati del Sudan orientale e che, congiuntamente all Ambasciata/UTL di Khartoum, si è ritenuto di rafforzare questo approccio con un programma specifico di lotta alla Povertà; Considerata la complementarietà e coerenza della presente iniziativa con le politiche di Cooperazione allo Sviluppo della Unione Europea, a sostegno delle aree rurali e periurbane sudanesi ed, in particolare, con l iniziativa di cooperazione delegata da noi gestita denominata: Promoting Qualitative Health Services in Eastern Sudan (PQHS) ; Considerato che l iniziativa contribuisce in particolare al raggiungimento dell Obiettivo del Millennio O1/T2: Sradicare la povertà e la fame attraverso il raggiungimento di un occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti, inclusi donne e giovani; fondo in loco slegato 100%; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera l'approvazione delle due annualità residue del Fondo in Loco dell'iniziativa di cooperazione in gestione diretta in Sudan denominata Poverty Alleviation Project per gli Stati di Kassala e Red Sea - per un importo complessivo di ,00 a valere sul cap. 2182/0400 del C.d.R. del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, secondo la seguente ripartizione: AID Totale Fondo in loco ,00 Fondo in loco , ,00 AID 10017

30 Parere n. 2 del 24 marzo 2015 Vista la Legge del 26 febbraio 1987, n. 49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo e in particolare gli artt. 6 e 9 comma 4 lett. f); Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge, approvato con DPR del 12 aprile 1988, n. 177; Visto il parere del Comitato Direzionale n. 18 del 30 luglio 2004 con cui veniva approvata la componente a credito di aiuto dell iniziativa Albania Potenziamento del Centro Traumatologico Nazionale di Tirana per un importo pari a euro ,00; Vista la Nota Verbale del Ministero della Sanità albanese n. 4081/1 del 15 dicembre 2014 che propone emendamento all allegato 2 dell Accordo intergovernativo in merito alla riduzione del grado di legamento dal 60% al 40% per gli acquisti di beni di origine italiana e la modifica del mercato di riferimento da quello dei Paesi in via di Sviluppo a quello dei Paesi OSCE; Visto l allegato all appunto UTC n del 07 gennaio 2015, concernente la Nota Tecnica; Acquisito il parere dell Ufficio X della DGCS con il quale si accolgono le due modifiche e si specifica il grado slegamento pari al 60%; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Esprime parere favorevole all emendamento del grado di legamento dal 60% al 40% per gli acquisti di beni di origine italiana e alla modifica del mercato di riferimento da quello dei Paesi in via di sviluppo a quello dei Paesi OSCE dell Accordo intergovernativo tra il Ministero degli Affari Esteri (MAE) e il Ministero della Sanità, firmato a Tirana il 13 luglio 2006, relativo all iniziativa in Albania denominata Albania Potenziamento del Centro Traumatologico Nazionale di Tirana. La Nota Verbale farà stato della modifica della denominazione del Ministero degli Affari Esteri in Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. AID 8098/01/06

31 Parere n. 3 del 24 marzo 2015 Vista la Legge del 26 febbraio 1987, n. 49 sulla disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo e in particolare gli artt. 6 e 9, comma 4, lett. f); Visto il Regolamento di esecuzione della citata Legge, approvato con DPR del 12 aprile 1988, n. 177; Considerato che, in occasione della Commissione mista svoltasi a Tirana l 8 e il 9 aprile 2002, nell ambito del Protocollo di Cooperazione è stato assunto l impegno di sostenere il rafforzamento e lo sviluppo della Pmi albanese; Visto il parere del Comitato Direzionale n.18 del 30 luglio 2004 con cui veniva approvata la componente a credito di aiuto dell iniziativa: Albania Programma di sviluppo del settore privato mediante la costituzione di una linea di credito in favore delle Pmi albanesi per un importo pari a euro ,00; Vista la Nota Verbale del Ministero dello Sviluppo Economico, Commercio e Imprenditoria albanese n. 133 del 4 novembre 2014 che propone emendamento all art. 1 e art. 7 dell Accordo di Programma che prevedono rispettivamente l aggiornamento delle denominazioni delle due controparti istituzionali, e un grado di slegamento pari al 60% per gli acquisti di beni e servizi di origine italiana per importi compresi tra ,00 e ,00 euro; Tenuto conto che l iniziativa oggetto del presente parere, con Obiettivo di Sviluppo del Millennio O8-T2, con percentuale di slegamento pari al 30% rientra nel Protocollo di Cooperazione tra Italia e Albania per il ; Visto l allegato all appunto UTC n del 28 novembre 2014, concernente la Nota Tecnica; Acquisito il parere dell Ufficio X della DGCS con il quale si accolgono le due modifiche e si specifica il grado slegamento pari al 60%; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Esprime parere favorevole alla stipula di Nota Verbale al fine di emendare gli articoli 1 e 7 dell Accordo intergovernativo tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e il Ministero dello Sviluppo Economico, Commercio e Imprenditoria albanese (MSECI), firmato a Tirana il 25 giugno 2005, relativo all iniziativa in Albania denominata Albania - Programma di sviluppo del settore privato mediante la costituzione di una linea di credito in favore delle Pmi albanesi AID 7961/01/5

32 Delibera n. 13 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo, in particolare gli artt. 17 e 27; Visto il Reg. di esecuzione della predetta Legge n. 49/87, approvato con DPR del 12 aprile1988, n. 177; Vista la Delibera del Comitato Direzionale n. 10 del 15 marzo 2010 con la quale è stata approvata la disciplina per l invio in lunga missione di esperti esterni; Visto che a seguito di Avviso d Incarico n. 4/6/Sen/2014 pubblicato il 5 dicembre 2014 e della relativa selezione viene accordata la preferenza alla Dr.ssa Caterina Carugati, per la funzione di Esperto nel settore ambiente nell ambito dell iniziativa in Albania denominata: Cooperazione Delegata in Albania: Progetto Pilota per il Sostegno alla gestione centralizzata indiretta di Fondi Europei IPA ; Considerato che l iniziativa sopra descritta è stata approvata con Delibera D.G. n. 50 del 19 febbraio 2013; Considerato che il programma contribuisce al conseguimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O8-T1; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera è approvato l invio in lunga missione dell Esperto Caterina Carugati, che graverà sul capitolo di bilancio 2182/0300 piano gestionale 1, del C.di R. del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Paese: Albania Iniziativa: Cooperazione Delegata in Albania: progetto Pilota per il Sostegno della Gestione centralizzata indiretta di Fondi Europei IPA. Finanziamento legato. Nominativo: Caterina Carugati Funzioni: Esperto nel Settore Ambiente Durata missione: 12 mesi Costo presunto: ,00. AID 10000/02/3

33 Delibera n. 14 del 24 marzo 2015 Vista la Legge 26 febbraio 1987, n. 49 sulla nuova disciplina della Cooperazione dell Italia con i Paesi in via di sviluppo; Visto il Regolamento di esecuzione della Legge n. 49/87, approvato con DPR del 12 aprile 1988, n. 177, ed in particolare l art. 18; Vista la Legge n. 28 del 14 marzo 2014; Visto il Decreto Missioni approvato in occasione della seduta del Consiglio dei Ministri n. 49 del 10 febbraio 2015 relativo al Contrasto del terrorismo e Missioni Internazionali, che autorizza interventi di Cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace dal 1^ gennaio 2015 al 30 settembre 2015; Considerato che l iniziativa: Progetto pilota per lo sviluppo di un sistema di monitoraggio sanitario e sorveglianza epidemiologica nella Regione Autonoma del Kurdistan Iraq, recepisce le Linee Guida e gli indirizzi di programmazione della Cooperazione italiana allo Sviluppo nel triennio ; Considerato che l iniziativa mira a contribuire al miglioramento delle capacità di risposta del sistema sanitario della Regione Autonoma del Kurdistan, attraverso l introduzione di sistemi standardizzati ed informatizzati nella raccolta dei dati; Considerato che un tempestivo avvio dell iniziativa può aiutare in maniera concreta le autorità sanitarie del Kurdistan a prevenire e gestire tempestivamente fenomeni epidemiologici nella popolazione sfollata in Kurdistan; Tenuto conto che l ammontare complessivo dell iniziativa corrisponde a ,00 di cui ,00 sono a carico della DGCS Task Force Iraq, ,00 a carico del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata, in qualità di Ente Esecutore, mentre i restanti ,00 sono a carico del Ministero della Salute della Regione Autonoma del Kurdistan, quale controparte locale; Tenuto conto che l iniziativa contribuisce al conseguimento dell Obiettivo di Sviluppo del Millennio O6: Combattere l AIDS, la malaria e le altre malattie ; ( T3) Arrestare entro il 2015, invertendo la tendenza, l'incidenza della malaria e delle altre principali malattie ; Sulla base della documentazione predisposta dalla DGCS ed acquisita agli atti della presente Delibera è approvato il finanziamento di ,00 per l iniziativa in Iraq denominata Progetto pilota per lo sviluppo di un sistema di monitoraggio sanitario e sorveglianza epidemiologica nella Regione Autonoma del Kurdistan Iraq, a valere sul Capitolo di bilancio 2182/3300, P.G. 6 dello stato di

COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE

COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE RIUNIONE n. 3/2016 10 maggio 2016, ore 12.00 Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Sala Onofri Elenco proposte approvate

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE

COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Iniziativa bilaterale a dono 69. AFRICA ETIOPIA AID 10240

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE Nota informativa con delibera 103. NON RIPARTIBILE Revisione e semplificazione dei formati standard per

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA

COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA 159. AFRICA Burkina Faso AID 10060 Unità mobile di pronto intervento sociale. 45.400,00 160. AFRICA Eritrea AID

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 DELIBERE ELENCO INIZIATIVE APPROVATE Contributi volontari 111. BMVO - Libano AID 9957 Sostegno all Appello globale al Piano di Risposta Regionale (RRP) per i rifugiati

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014

COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014 COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Credito d aiuto 88. AFRICA ETIOPIA AID 10254 Programma per la resilienza alle siccità e la sicurezza alimentare.

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE PRIMO INCONTRO Roma, 27 aprile 2015 Carlos Costa Che cos è il progetto? Il progetto è un insieme di azioni programmate per essere

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS L internazionalizzazione dei servizi innovativi Roma, 30 giugno 2010 I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS Intervento del Min. Plen. Filippo Scammacca del Murgo capo dell Ufficio Finanziario della

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP LABORATORI DI PROGETTAZIONE Firenze, 28 settembre 2015 14.00 15.30 I processi di riforma e i nuovi approcci Le autorità locali nel quadro della nuova legge sulla

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA

INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE DETERMINAZIONE. Estensore VITELLONI PIERPAOLO. Responsabile del procedimento BERARDI LUCA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE SISTEMI NATURALI DETERMINAZIONE N. G09628 del 03/08/2015 Proposta n. 11798 del 27/07/2015 Oggetto: Regolamento (CE)

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

Legge 26 febbraio 1987, n. 49. Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. Art.1. Finalità.

Legge 26 febbraio 1987, n. 49. Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. Art.1. Finalità. Legge 26 febbraio 1987, n. 49 Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 28 febbraio 1987, n. 49, S.O.) Art.1. Finalità. 1. La cooperazione

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per la politica finanziaria

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

ITALIANI ED EUROPEI PER RAFFORZARE IL PARTENARIATO TRA SOCIETÀ CIVILE E SETTORE PRIVATO

ITALIANI ED EUROPEI PER RAFFORZARE IL PARTENARIATO TRA SOCIETÀ CIVILE E SETTORE PRIVATO I NUOVI STRUMENTI DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SESSIONE I: CONTESTI, POLITICHE e STRUMENTI ITALIANI ED EUROPEI PER RAFFORZARE IL PARTENARIATO TRA SOCIETÀ CIVILE E SETTORE PRIVATO Cons. Francesco Capecchi,

Dettagli

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012).

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012). Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Divisione VI Europa e Mediterraneo RESOCONTO 35 COMITATO

Dettagli

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7;

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7; COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELIBERA n. 66 del 30.5.14 Il Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 18 novembre 2014, n. 794 DGR n. 353/2014 - Approvazione schema dell'aggiornamento dell'"accordo Quadro per la realizzazione del

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD)

IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD) 104 IX) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO (IFAD) Attività dell anno 1. Nel 2000 l IFAD 1 ha approvato 27 nuovi progetti, finanziati attraverso prestiti per un importo pari a 409 milioni di

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA A LEGGE DI BILANCIO PER L ANNO 2015 E PER IL TRIENNIO 2015 2017 DELL ISTITUTO AGRONOMICO PER L OLTREMARE

NOTA INTEGRATIVA A LEGGE DI BILANCIO PER L ANNO 2015 E PER IL TRIENNIO 2015 2017 DELL ISTITUTO AGRONOMICO PER L OLTREMARE MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato generale del bilancio NOTA INTEGRATIVA A LEGGE DI BILANCIO PER L ANNO 2015 E PER IL TRIENNIO 2015

Dettagli

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Finanziamenti DGCS (dati in euro) SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA ANNO TOTALE (doni + crediti) DONI (MULTIBILATERALE) DONI (BILATERALE) CREDITI Deliberato

Dettagli

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993"

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993 Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 74AB-Ufficio Formazione Continua e A.F Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

CODICE AVVISO: 01/ALB/2013

CODICE AVVISO: 01/ALB/2013 AVVISO DI SELEZIONE DI UN ESPERTO SENIOR PER IL SUPPORTO AI PROGRAMMI IN GESTIONE CENTRALIZZATA INDIRETTA (COOPERAZIONE DELEGATA) DI FONDI EUROPEI (IPA) DA ASSUMERE IN ALBANIA PRESSO L AMBASCIATA D ITALIA

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI Siena 09/12/2013 Nicole Mascia Firenze 29 giugno 2012 Il punto di partenza Legge Regionale n.26 del 2009 Piano

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale;

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE E CON IL MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

INIZIATIVE DI AIUTO UMANITARIO: VADEMECUM

INIZIATIVE DI AIUTO UMANITARIO: VADEMECUM INIZIATIVE DI AIUTO UMANITARIO: VADEMECUM A cura dell Ufficio VI e dell Area Tematica Emergenza dell UTC Anno - 2015 1. DEFINIZIONE DI AIUTO UMANITARIO E AMBITO DI UTILIZZO DEI FORMATI STANDARD I formati

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA. Responsabile del procedimento CESARE PIERDOMINICI

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore PAOLILLO ANDREA. Responsabile del procedimento CESARE PIERDOMINICI REGIONE LAZIO Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: DETERMINAZIONE N. G05531 del 20/12/2013 Proposta n. 20573 del 10/12/2013 Oggetto: Presenza annotazioni contabili

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER BREVE MISSIONE

AVVISO DI SELEZIONE PER BREVE MISSIONE AVVISO DI SELEZIONE PER BREVE MISSIONE Rif.: Delibera n.168 approvata dal Comitato Direzionale l 8/11/2010 1. DESCRIZIONE DELL INCARICO 1.1 Ente richiedente: Direzione Generale per la Cooperazione allo

Dettagli

Gli strumenti finanziari del partenariato pubblico-privato

Gli strumenti finanziari del partenariato pubblico-privato Gli strumenti finanziari del partenariato pubblico-privato nella Cooperazione allo Sviluppo Cons. Leg. Francesco Capecchi, Capo Ufficio X DGCS Milano, 26 luglio 2013 Gli strumenti finanziari del partenariato

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 8248 REP. 515 DEL 21.02.2013

DETERMINAZIONE N. 8248 REP. 515 DEL 21.02.2013 DETERMINAZIONE N. 8248 REP. 515 Oggetto: Piano straordinario per l occupazione e per il lavoro Anno 2011. Piano regionale per i servizi, le politiche del lavoro e l occupazione 2011-2014. Avviso pubblico

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87.

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Delibera 92 del CIPE approvata il 6 novembre 2009 Premesse Visto l articolo

Dettagli

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO

IN ATTESA DI REGISTRAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI IL CAPO DIPARTIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA FORMAZIONE SUPERIORE E PER LA RICERCA Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e Valorizzazione della Ricerca

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 luglio 2014. Ripartizione delle risorse relative al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» 2013-2014

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI

IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA INTERNAZIONALI La Cooperazione allo Sviluppo Vittoria Maria Peri- UCREL - INT Workshop Roma 18 novembre 2013 1 OECD - DAC Da 50 anni a questa parte, il Comitato di Aiuto allo

Dettagli

LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA

LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Palazzo dei Congressi di Roma, 29 maggio 2013 LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA Dr. Sandro Accorsi Esperto in Sistemi Informativi Sanitari

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione ADMO Associazione dei Donatori di Midollo Osseo PROTOCOLLO D INTESA Il Ministero della Pubblica Istruzione e l ADMO, Associazione dei Donatori di Midollo Osseo VISTA

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. 23 gennaio 2006 Programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

DECRETO (ASSUNTO IL 15/10/2015 PROT. N. 1861) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 11477 del 23 ottobre 2015

DECRETO (ASSUNTO IL 15/10/2015 PROT. N. 1861)  Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria  N. 11477 del 23 ottobre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale 0Prot. MPIA00DRPU. 10577 Bari, 24 settembre 2015 e p.c. Ai Dirigenti degli Istituti Scolastici Statali del primo ciclo di Istruzione della Puglia Loro sedi Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici dell USR

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Fascicolo 2016.II/3/1.17 "Manutenzione e servizi per le scuole di Marghera - anno 2016"

COMUNE DI VENEZIA. Fascicolo 2016.II/3/1.17 Manutenzione e servizi per le scuole di Marghera - anno 2016 COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE: MUNICIPALITA' MARGHERA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE (Decreto legislativo 18 Agosto 2000, n. 267 Regolamento di contabilità art. 33) OGGETTO: Determinazione a contrattare ex

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O.

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G14777 del 20/10/2014 Proposta n. 16625 del 30/09/2014 Oggetto: Presenza annotazioni contabili D.G.R. 3 febbraio 2012,

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE

ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE ACCORDO TECNICO TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LO STATO D ERITREA SULLO STATUS DELLE SCUOLE ITALIANE IN ASMARA E DEL LORO PERSONALE Il Governo della Repubblica italiana e quello dello Stato di Eritrea (di

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346

DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346 37788 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 168 del 22-11-2012 DETERMINAZIONE DELL AUTORITA DI GESTIONE PSR 2007-2013 15 novembre 2012, n. 346 P.S.R. Puglia 2007-2013. Asse I - Bando pubblico

Dettagli

RICERCA FINALIZZ., INNOVAZ. E GREEN ECONOMY DETERMINAZIONE. Estensore LOSAPIO ANNAMARIA. Responsabile del procedimento LOSAPIO ANNAMARIA

RICERCA FINALIZZ., INNOVAZ. E GREEN ECONOMY DETERMINAZIONE. Estensore LOSAPIO ANNAMARIA. Responsabile del procedimento LOSAPIO ANNAMARIA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE RICERCA FINALIZZ., INNOVAZ. E GREEN ECONOMY DETERMINAZIONE N. G09577 del 03/08/2015 Proposta n. 12185 del 31/07/2015 Oggetto:

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-04-2013 (punto N 6 ) Delibera N 299 del 29-04-2013 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 INTERVENTI PER L EMERGENZA IDRICA NEL MEZZOGIORNO CONTINENTALE ED INSULARE: INTERCONNESSIONE DEI SISTEMI IDRICI TIRSO E FLUMENDOSA-CAMPIDANO E

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli