Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia forense e della Comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia forense e della Comunicazione"

Transcript

1 Psicologia & Giustizia Anno XV, numero 1 Gennaio Luglio 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN PSICOLOGIA FORENSE, CRIMINALE E INVESTIGATIVA Fondazione Guglielmo Gulotta di Psicologia forense e della Comunicazione Gennaio Giugno 2013 IL WEB COME LUOGO DI ADESCAMENTO DOCENTE Avv. LORENZO ZIRILLI ELABORATO di DOTT. SSA FRANCA BERTI 1

2 INDICE 1. Le nuove forme di criminalità: la cyberpedofilia.pag Intimità, sessualità e eros.pag Attaccamento alla macchina, bisogno di attenzione e rispecchiamento...pag Caso E..pag Anamnesi e biografia di E pag Omosessualita : e. Puo raggiungere un identita omosessuale?...pag Le personalita con cui e. Commette i reati sessuali pag Ipotesi diagnostiche..pag Relazione psicodiagnostica per E pag Conclusioni..pag Bibliografia..pag. 30 2

3 1. LE NUOVE FORME DI CRIMINALITÀ: LA CYBERPEDOFILIA Sempre più la nuova tecnologia diventa strumento proprio e improprio di conoscenza, contatti e informazioni. La ricchezza e la vastità delle informazioni reperibili nel Web appaiono però, essere coniugate all assenza di regole chiare ed esplicite che codifichino e selezionino le modalità ed i contenuti accessibili ai minori. Da qualche tempo l Web è divenuto, infatti, luogo di adescamento sessuale, favorito dall anonimato, dalla libertà di espressione e dalla possibilità di assumere identità camaleontiche, garantiti dallo strumento Internet. Nella rete cadono, prevalentemente, bambini e adolescenti. Internet è dunque divenuto il canale preferenziale attraverso il quale ad un individuo, il cui comportamento può essere ricondotto nell aggressività predatoria,è dato di incontrare individui con le medesime aspettative, con i quali condividere esperienze personali, normalizzando inoltre, la gravità delle proprie azioni. A tale proposito il progetto di ricerca clinica e criminologica condotto in seguito alla promulgazione della legge n. 38/2006, condotto dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, presso la quale successivamente è stato istituito il Centro Nazionale per il Monitoraggio della Pornografia Minorile sulla Rete Internet, ha permesso di tracciare il profilo del predatore on-line. Si configura come un individuo di sesso maschile, d età compresa tra i venti ed i trenta anni, spesso privo di precedenti penali, che ama ricercare materiale pedo-pornografico prevalentemente durante le ore serali ed utilizzare la chat come mezzo privilegiato di comunicazione per l adescamento. La personalità dell adescatore risulta avvalersi di tratti di aggressività di tipo predatorio, caratterizzata dalla pianificazione espletata in assenza di coinvolgimento emotivo, agita su vittime estranee e volta al perseguimento della soddisfazione sessuale. L assenza di rimorso e la non curanza nei confronti dei diritti altrui, portano ad ipotizzare nel predatore la presenza di tratti specifici della personalità antisociale. La sua ricerca incessante di contatti con minori potrebbe indicare la necessità dello stesso di creare rapporti interpersonali protetti, nei quali possa percepirsi al sicuro da eventuali attacchi alla propria persona, evidenziando,così anche la presenza di aspetti peculiari della personalità paranoide. L adescamento, che letteralmente significa attirare a sé con lusinghe, definisce l abilità di chi, con atti o parole, sa catturare l interesse e l attenzione di un altro, insieme alla 3

4 sua fiducia, con lo scopo ultimo di possederne il corpo e tenere il soggetto, solitamente un minore, in una condizione di sottomissione. L interesse di chi adesca è quello di esercitare un potere, anche quando l interesse è sessuale; un potere psicologico fatto di manipolazione e dominio. L adescamento è quel processo che porta ad attirare su di sé l attenzione e la fiducia (di un minore ad es.) per poterlo controllare e al fine di ottenere da lui ciò che si vuole. Nel campo degli abusi sessuali gli adescatori sono interessati ad ottenere prestazioni sessuali che possono riguardare veri e propri atti sessuali, oppure azioni senza contatto diretto, quali esibizionismo, scambio di foto, voyeurismo, sesso telefonico, oppure ancora utilizzo dell altro per la produzione di materiale pornografico. Chiunque sia l adescatore, prima di arrivare ad ottenere ciò che desidera, segue delle fasi ben precise, accuratamente pensate in anticipo. O Connel nel 2003 ha individuato e riconosciuto sei fasi specifiche del grooming, tecnica secondo la quale l adulto, potenzialmente abusante, cura (dall inglese grooms) la potenziale vittima, inducendola gradualmente a superare le resistenze attraverso tecniche di manipolazione psicologica, facendogli regali (ricariche telefoniche ad es.), con l obiettivo di costruire una relazione di fiducia con la propria vittima, così che la relazione sessuale venga poi inscritta in un quadro connotato da vicinanza emotiva ed empatia e non da soggezione, prepotenza o addirittura violenza. La fase 1. secondo O Connel è caratterizzata dalla selezione delle vittime, e dal contatto iniziale, e consiste nella ricerca di potenziali vittime nelle chat, che abbiano caratteristiche di vulnerabilità, ingenuità e disponibilità e possibilmente con deboli e fragili relazioni sociali e affettive. In questo primo passaggio l adescatore cerca di sedurre l altro ascoltandolo, rendendosi simpatico ed accogliente. Seguirà una breve presentazione dell adescatore (più o meno veritiera), che poi chiederà al minore di raggiungerlo in una stanza privata della chat. Nella fase 2. vi sarà la creazione dell amicizia, che comprende l uso, da parte dell adulto, di una serie di tattiche di manipolazione psicologica allo scopo di guadagnarsi la totale fiducia del minore, comportandosi con pazienza e rispetto nei suoi confronti. La fase 3. è caratterizzata dalla creazione della relazione. E la fase in cui avviene un probabile passaggio all uso di mezzi di comunicazione più intimi (cellulare, mail) e può 4

5 durare anche mesi in quanto il fine è quello di diventare il maggior confidente del minore, facendogli credere che sia una relazione importante per entrambi. Durante la fase 4. l adescatore valuta il rischio di essere scoperto. La fase 5. è definita dell esclusività: in cui l adulto manipola il minore a livello psicologico, facendo leva sulla fiducia acquisita e sull esclusività del loro rapporto, inducendo la vittima a tenere segreta la loro relazione e producendo l isolamento del giovane intensificando i contatti con lui per diminuirne gli scambi relazionali e comunicativi con gli altri. La fase 6. sarà quella sessuale, in cui l adulto introduce nella conversazione col minore argomenti esplicitamente sessuali, approfittando della fiducia acquisita al fine di far abbandonare al minore le sue reticenze e farlo cedere così alle sue richieste. Lo scopo finale è l incontro offline, ossia dal vivo, in modo da poter perpetrare l abuso. A questo punto il contatto che si è creato tra adescatore e vittima è ormai talmente invischiato e tenuto isolato da un contesto sociale e relazionale altro, che si sono create le condizioni ideali per il perpetuarsi dell abuso. La vittima, al contrario di ciò che si pensa, può trovare realmente piacere in ciò che subisce, non riuscendo a vederne la violenza e la perdita della sua volontà. Le emozioni, talmente contrastanti, impediscono sempre più di reagire. Spesso i ragazzi risultano non essere vittime inconsapevoli di ciò che incontrano in rete e non è adatto alla loro crescita. Frequentemente essi stessi si trovano a cercare attivamente materiali che suscitano la loro curiosità ed eccitazione sessuale e, proprio per questo motivo, il primo aiuto di cui necessitano da parte degli adulti è una presenza costante, vigile e attenta, considerato che la prevenzione è l unico intervento possibile. Ciò che fatichiamo normalmente ad immaginare è che i minori non siano passivi navigatori in rete. E vero che ci può essere chi li adesca, ma va anche specificato che in molti casi sono gli stessi minori che utilizzano Internet per scopi inadeguati o per avere informazioni e sollecitazioni di natura sessuale, condizione questa che si verifica sempre più di frequente se il minore vive in una famiglia e in un ambiente educativo incapace di parlare di affettività e sessualità. David Finkelhor, uno dei maggiori studiosi di adescamento via Internet, spiega che ciò di cui dobbiamo dotare i nostri adolescenti non è la paura dello sconosciuto incontrato 5

6 in Internet, bensì la conoscenza dei processi intrapsichici associati allo sviluppo sessuale, al desiderio e alla ricerca di piacere. E bene discutere con gli adolescenti le implicazioni emotive, affettive e psicologiche derivanti da un simile contatto con una persona adulta. Va tenuto conto di come vi siano conseguenze anche in età adulta per coloro che sono state vittime di adescamento. Tra le molteplici conseguenze psicologiche riscontrate sulla vittima di adescamento on-line, in sede terapeutica sono state evidenziate ostilità e rabbia, unitamente a bassi livelli di autostima, senso di frammentazione, di confusione e di colpa legato al dubbio di aver provocato la molestia e/o l abuso. 2. INTIMITÀ, SESSUALITÀ E EROS Sherry Turkle ha delineato per la prima volta il modo in cui, usando il computer, tendiamo a proiettare nella macchina le nostre relazioni oggettuali, per esempio considerando il computer stesso come un sostituto della madre, la digitalizzazione è progredita molto nella corsa alla digitalizzazione della realtà. Con i social network ed i siti di incontri romantici, oggi sembra possibile riportare le relazioni oggettuali verso il mondo degli esseri umani, trasformandoli in icone e oggetti cliccabili. Una volta che nella nostra mente le persone diventano degli oggetti, ci vuole poco a diventare insensibili o potenzialmente offensivi nei loro confronti. Da quanto risulta il 35% degli utenti di Internet svolge qualche tipo di attività sessuale online, masturbazione o cybersesso, e i contenuti sessuali rappresentano oltre un terzo del materiale totale scaricato. Quasi la metà degli utenti visita dei siti porno. Sesso e porno rientrano tra i primi cinque termini nelle ricerche online dei ragazzi sotto i 18 anni. Il porno è nato come l altra faccia della repressione sessuale: esplicitare i propri desideri e mostrare il lato disinibito di se stessi, quantomeno a livello di immaginazione. Probabilmente la società contemporanea è permeata di messaggi sessuali come nessun altra epoca storica, e la tendenza è in costante aumento. Eppure Eros sta sbadigliando. Oggi i messaggi di tipo sessuale sono presenti in ogni angolo della società. Su Internet il porno è pervasivo. 6

7 Più sono i media a stimolare questo desiderio erotico e più i legami sensuali quotidiani vengono filtrati dalle norme sociali che di fatto impediscono il fluire di un erotismo spontaneo tra le persone, trasformando l eros in un bene di consumo. Quando l erotismo non riesce a manifestarsi nella vita quotidiana, s insinua in modalità più distaccate come il porno e il cybersesso, dove si può evitare l impegno di un incontro reale, pur consentendo alla mente di rilasciare la tensione tramite la masturbazione. L eros maturo, il vero erotismo non ha alcuna funzione nella società di mercato: è liberamente disponibile, non ha bisogno di prodotti. Come illustrato da Wilhelm Reich, l erotismo fornisce alla nostra energia quella direzione che previene atteggiamenti aggressivi pericolosi. L aggressività dell eros collega tra loro gli individui, mentre l aggressione della guerra li separa. I messaggi sessuali diffusi da tutti i media, per quanto possano sembrare aperti e liberatori, sono un surrogato del reale fluire erotico. L eros porta con sé energie possenti, al punto di incunearsi anche nel virtuale, limitando però la sua portata, in quanto a prevalere è la componente mentale a scapito della multidimensionalità dell esperienza erotica, che viene ridotta a livello digitale. Il cybersesso, ad esempio, è una pratica talmente diffusa, che pare che ad alcuni uomini interessi solo fare chat a sfondo sessuale. Per lui, la stimolazione sessuale risulta stimolante, e va di pari passo con l eccitazione nella ricerca di incontri sessuali online senza alcun tipo di legame. Il cybersesso supera ogni differenza culturale, puntando direttamente alle radici degli istinti. Oggi c è poca pazienza per le attese e per le lunghe narrative, così il lento ritmo della seduzione viene soppiantato dal desiderio per la gratificazione istantanea; atteggiamento, questo, che ritroviamo nel comportamento adolescenziale. L attitudine del non attaccamento tipica del mondo online riflette la realtà odierna caratterizzata dalla gratificazione istantanea e dal rapido cambiamento degli oggetti di desiderio, come succede di solito online. Molte attività inizialmente sociali con il tempo si sono trasformate in situazioni individuali, soprattutto nell ambito della tecnologia. La tendenza verso l individualismo è emersa anche in ambiti dove si tendeva naturalmente alla condivisione, come la 7

8 sessualità. La masturbazione è in netto aumento. Il piacere diventa così un qualcosa di solitario, il piacere deve essere immediato, personalizzato, ricco di opzioni e, ovviamente efficace: l orgasmo veloce è garantito. Dover aspettare per un orgasmo sarebbe come attendere il caricamento di un sito Web per via di una connessione lenta a Internet. La tecnologia può dare il massimo controllo, quindi perché avere a che fare con gli umori alterni di un amante? Si può decidere quanto, come, per quanto tempo vogliamo che duri il piacere, è possibile anche sfuggire a timori di indisponibilità dell altro o di mancanza di passione, elementi che suscitano insicurezza, l Web fornisce il partner perfetto! La tecnica concede di celare qualsiasi insicurezza e la paura di non essere accettati. Il sesso via Web, inoltre, offre il controllo, opzioni per una varietà di scelte, indipendenza e immediatezza. 3. ATTACCAMENTO ALLA MACCHINA, BISOGNO DI ATTENZIONE E RISPECCHIAMENTO Gli esseri umani si sono evoluti sotto il terrore dei predatori, quindi i segnali visivi e uditivi sono associati a qualcosa di potenzialmente pericoloso. Davanti ad una minaccia si attivano i meccanismi istintivi del cervello, specialmente quelli dell amigdala, descritta per la prima volta da Ivan Pavlov nel 1927, la reazione di orientamento, è la reazione istintiva a qualsiasi stimolo, nuovo o improvviso, visivo o uditivo. Questo è il primordiale meccanismo di sopravvivenza. Ogni volta che si presta attenzione ad un nuovo stimolo, si attiva il meccanismo della ricompensa. A livello neurofisiologico viene rilasciata la dopamina, responsabile della sensazione di benessere e di euforia, che rafforza la reazione, aumentando le possibilità di sopravvivenza. Qualsiasi cosa favorisca la sopravvivenza della specie risulta gratificante, come il piacere sessuale. In rete sono numerosi gli eventi che anticipano e attivano il sistema di ricompensa: annunci di nuove mail, messaggi istantanei, aggiornamenti su Twitter o Facebook, nuovi articoli nei blog, notizie. L amigdala viene stimolata da tutti i media. Internet ha moltiplicato gli stimoli concentrando i canali testuali, visivi, uditivi e interattivi in un unico medium. Il sistema di ricompensa si attiva anche quando ci si attende una 8

9 ricompensa. Quindi un semplice segnale sonoro che avverte dell arrivo di una mail o di un messaggio istantaneo produce dopamina. Ogni azione che stimola il meccanismo di ricompensa ne attiva anche un altro, quello della dipendenza. Anche in mancanza di una dipendenza seria, molti fanno fatica a staccarsi dalle attività online. Gli stimoli che prima suscitavano una determinata risposta naturale, con il tempo producono un effetto sempre più modesto. Di conseguenza è necessario ricevere stimoli più numerosi, più vari e più frequenti. Il cervello, in particolare l amigdala e l ippocampo, equivoca continuamente questi stimoli con la sopravvivenza e quindi diventa difficile distogliere l attenzione dalla loro fonte. Oltre a innescare il meccanismo neurologico della sopravvivenza, molti dei contenuti online riguardano quest ultima di fatto, come il sesso e perciò si produce dopamina. In genere la ricerca di stimoli sociali non è considerata un atteggiamento compulsivo o capace di generare dipendenza, visto però che la tecnologia coopta la vita sociale, rendendola una delle numerose finestre presenti sullo schermo, si può diventare dipendenti da Facebook, a causa anche della produzione di dopamina. Potremmo dire che la macchina è in grado di far spostare la richiesta d attenzione, il bisogno di relazione, di sesso, dall uomo al computer. La personalità riesce a tenersi unita legandosi in qualche modo agli oggetti del suo attaccamento. Se l ancora e il riferimento della vita è l Web, allora si resterà legati a questo. Le relazioni oggettuali sono state trasferite alla tecnologia con Mamma Google o Web, che nutre attraverso il suo cordone ombelicale infinito, ovunque possa arrivare un telefono mobile. L aspetto dell amore e della sessualità che genera l attaccamento psicologico viene replicato online. Il cybersesso prospera su bisogni di questo tipo. La psiche ha il bisogno naturale di rispecchiarsi negli altri, procedendo nella costruzione del senso di identità, essere visti e riconosciuti nella vera natura, aiuta a riconoscere il vero sé. Per questo, condividere la vita online dà l idea di essere visti e compresi, un riflesso che raramente la maggior parte della gente riesce ad ottenere, sia nell infanzia che più avanti nella vita. In Web, nelle mail, vige il tacito accordo di darsi prevalentemente un riscontro reciproco positivo. Se così non fosse, c è la possibilità di impedire a qualcuno il contatto, cancellando qualsiasi cosa non rispecchi le aspettative. La gran parte degli utenti Internet sono complici nella violazione della propria privacy. 9

10 Sembra che un azione o un pensiero non abbiano alcun valore se non vengono visti o caricati online e se manca un pubblico a confermarne l esistenza. Rinunciare alla privacy individuale su Internet sembra un buon affare, in cambio dell opportunità di mettersi in mostra e di riempire il vuoto lasciato dalle scarse occasioni di rispecchiarsi negli altri. Ciò può diventare soltanto un altra immagine di sé, parimenti inconsistente qualora venga prodotta soltanto dalla mente, poiché le autorappresentazioni mentali sono considerate degli ostacoli per la comprensione di se stessi, inducendo inoltre la formazione del falso sé. La costruzione della personalità e dell autostima online lascia destabilizzati e insoddisfatti. Questo quadro ci chiarisce come anche giovani con problemi di origine diversa, incapaci di affrontare la crescita e l uscita dall adolescenza, possano diventare al tempo stesso vittime e carnefici, nell Web, che si trasforma nelle loro mani in strumento dietro al quale si può nascondere un identità confusa, un falso sé che ha tutto lo spazio di esprimersi dietro falsa identità. 4. CASO E. E. all età di 22 anni viene arrestato dalla Polizia Postale di Trento e condotto presso la Casa Circondariale di Bolzano in data dove è rimasto fino al , quando gli sono stati concessi gli arresti domiciliari presso l abitazione dei genitori. I capi di imputazione sono: 1. l art. 81 cpv 609 bis, comma 2 n. 1 e 2 cp e 56,60 bis poiché fingendo di essere una nota signora nobile adescava minori di sesso maschile tramite il falso profilo su Facebook inducendoli ad avere rapporti sessuali telefonici con richiesta di masturbarsi al fine di trarre lui stesso piacere, con abuso delle condizioni di inferiorità psichiche dei minori e traendoli in inganno per essersi sostituito a persona di sesso femminile. Inoltre commetteva il reato di tentata prostituzione minorile perché, dopo aver indotto S. di 14 anni ad avere rapporti sessuali con lui in un bar e nella cantina di casa dove lo aveva condotto, abusando delle condizioni fisiche e psichiche (art. 609 bis comma 2 n. 1 cp) cercava di convincerlo dietro promessa di regali consistenti (computer e denaro), a 10

11 mantenere la relazione sessuale, non riuscendo nell intento per cause indipendenti dalla sua volontà. 2. Del reato P:E:P: dell art. 600 quater perché deteneva materiale pedo-pornografico realizzato, utilizzando minori di anni 18, che si era procurato dagli stessi minori, senza destinarlo alla diffusione (6 ragazzi), talvolta dietro pagamento o promessa di pagamento di ricariche telefoniche (tre ragazzi hanno inviato foto ed hanno avuto in cambio una ricarica da euro 10). 3. Del reato P.E.P. degli art. 81 cpv, 56, 600 bis, comma 1 cp e 609 bis cp perché in esecuzione del medesimo disegno criminoso compiva atti idonei diretti in modo non equivoco ad indurre il minore di 17 anni, mediante dialoghi in chat e incontri privati, nei quali offriva vini pregiati, ad avere incontri sessuali dietro promessa di costosi regali, non riuscendo nell intento per cause indipendenti dalla sua volontà ed in un occasione dopo avergli chiesto di spogliarsi all interno della sede della società di un amico, utilizzava violenza consistita nell afferrare improvvisamente il suo pene, accarezzandolo per circa 10 minuti. Fin qui la scarna, quanto eloquente parte giuridica. Ma chi è E.? Quale è la sua storia personale? Solo analizzando attentamente questa parte saremo in grado di avanzare ipotesi prima, di costruire una difesa poi. 5. ANAMNESI E BIOGRAFIA DI E. E. nasce in Sud- America, a circa tre mesi viene adottato da una coppia bolzanina e portato in Italia. Le sue condizioni di salute apparivano da subito molto gravi a causa di una grave dissenteria che non si fermava con i farmaci, tanto che è stato concesso di trasferirlo immediatamente in Italia per sottoporlo a terapie adeguate. Ai genitori era stato detto che la gravità era tale che avrebbe potuto non sopravvivere al viaggio. Il problema dissenterico durò fino agli oltre due anni di età. Svestendo il bambino, i genitori si accorsero che sul corpo c erano numerose macchie e ferite di bruciature, che sarebbero poi state diagnosticate dai medici come bruciature di sigarette. E., quindi, aveva subito vere e proprie torture delle quali non se ne saprà mai l origine. I segni sul 11

12 corpo sparirono negli anni, ciò che non possiamo sapere con certezza è se queste ferite sono state realmente state cancellate anche dalla sua psiche. Entrambi i genitori di E. lavorano ed il bambino viene presto affidato ai nonni materni che abitano nell appartamento adiacente. Il rapporto con la nonna, dai suoi racconti, pare essere stato in qualche modo sostitutivo di quello materno. All età della scuola materna il bambino viene iscritto alla scuola tedesca ed il primo anno fa molta fatica a separarsi dagli affetti familiari, ne ha paura, si tranquillizza solo quando vede che ad attenderlo all uscita c è la nonna, che non è stato abbandonato ma può fare ritorno a casa. I mesi di vacanza li trascorre al mare ed in montagna con i nonni, mentre i genitori restano a Bolzano per motivi di lavoro. E. parte alla chiusura delle scuole e fa ritorno quando le scuole riaprono. Quando E. ha tre anni i genitori adottano un altro bambino, sempre sud- americano. La prolungata assenza dei genitori dovuta al viaggio ed il loro ritorno a casa con un altro bambino scatenano in lui una profonda gelosia: non è più solo ed il timore che gli vengano sottratti gli affetti dal nuovo arrivato lo fa soffrire. Il nuovo fratello non verrà mai sentito come tale, verso di lui sembra permanere una certa diffidenza ed una sostanziale indifferenza. A sei anni E. viene iscritto alla scuola elementare sempre in lingua tedesca. Va sottolineato che il bambino appartiene ad una famiglia italiana e che ciò non facilita il suo inserimento. In terza elementare incominciano le difficoltà scolastiche, legate in modo particolare alla percezione del bambino di non essere accettato. Ricorda che una maestra parlando con una mamma aveva denigrato i suoi genitori, affermando che avrebbero adottato i due bambini solo per un capriccio, considerato che non erano poi loro ad assumersene la responsabilità, ma li scaricavano ai nonni. (non ci è dato sapere se questo lo ha colpito perché in qualche modo era una cosa che avvertiva anche lui). In prima ed in terza media viene bocciato, i disagi di E. incominciano a prendere forma, ma ancora non vengono riconosciuti dagli adulti significativi. Durante l anno in cui ripete la terza media abbandona anche l hockey, sport che pratica da quando era piccolo. A sedici anni si iscrive alla Scuola Alberghiera di lingua tedesca a Merano, ma la abbandona prima della fine del primo anno, nonostante il profitto positivo. La causa addotta da E. sono le relazioni difficili con i compagni e con qualche insegnante. Finirà 12

13 qui la sua carriera scolastica ed avrà inizio un percorso fatto di solitudine, qualche lavoro occasionale di breve durata, allontanamenti da casa. Incominciano le prime bugie circa la sua vera identità, a diciassette anni va nella pasticceria più ricercata di Bolzano, prende una torta e la fa segnare a nome di una nobile e conosciuta famiglia locale, dicendo di essere il nipote. Si presenta ai genitori di un amico, con il quale aveva concordato precedentemente l imbroglio, e, affermando di essere rampollo della famiglia nobile bolzanina, garantisce un suo intervento presso un Ente che avrebbe firmato la licenza per la sopraelevazione del maso (o casa) della coppia. Per fare questo avrebbe chiesto 8000 euro in due tranche per ungere le ruote come da lui affermato. La coppia dopo avergli dato i soldi e visto che nessuna autorizzazione veniva rilasciata, lo ha denunciato al tribunale per i minori, dove gli è stata data la messa alla prova. In questa occasione il padre rifonde i danni materiali arrecati dal figlio alla coppia, ma non è in grado di assumere alcuna posizione autorevole con il figlio. La madre di fronte alle difficoltà fugge e si chiude in se stessa, l unica comunicazione avviene con scoppi di rabbia ed un approccio isterico. E. è un giovane seduttivo, che esprime all interlocutore molta collusività, pensando di ottenere così la benevolenza e l accettazione dell altro. Narra di sé in modo confuso, attingendo più ad un immagine di sé da lui stesso costruita, che non alla realtà del suo essere e del suo vissuto. Ha un problema con il suo corpo, non lo accetta. E obeso, ha tentato di seguire diete prescritte da dietologi, ma non le ha mai portate a termine, non gli piacciono i suoi capelli crespi, rifiuta il colore olivastro della pelle. A quindici anni ha una relazione affettiva e sessuale con un compagno, con il quale fugge per andare a stare a casa di un anziana signora che li ospita. L unica ad andarlo a cercare e ad accertarsi della situazione è la nonna. In lui emerge chiaramente un falso Sé, che trasforma il racconto di vita reale in mitologie personali e familiari e crea una continua serie di rappresentazioni del Sé, con facciate socialmente attraenti. Il falso Sé nasce in una dialettica col vero Sé (Winnicott, 1981). Quando prevale il falso Sé è perché all inizio, fin da quando cioè il soggetto è piccolo, c è una pressione esterna che tende a far prevalere i bisogni ambientali su quelli del bambino, piuttosto che adattarsi a questi. Così il bambino verrà indotto ad adattarsi totalmente alle richieste 13

14 esterne. E. fin dall infanzia è stato esposto a comportamenti contraddittori, ambigui e confusi da parte degli adulti di riferimento. La nonna ha sempre affermato di appartenere ad una famiglia tedesca benestante, quando in realtà a soli quattordici anni ha dovuto andare a lavorare; il padre ha sempre nascosto le sue vere origini di bambino dato in affidamento ad una famiglia contadina della quale credeva di essere figlio e quando all età di otto anni la madre naturale lo è andato a prendere lui rifiutava di accettare l idea che si trattasse di sua madre, così come rifiutava di vivere con il patrigno ed il fratellastro che era nato durante la sua assenza. Così come ha sempre nascosto l omosessualità del fratellastro e la sua morte per AIDS. Il falso Sé produce in E. inautenticità, simulazione e compiacenza. Il falso Sé non può essere, in questo caso, associato ad una funzione difensiva. Risulta invece possibile ritenere che i processi identificativi con la madre prima e con il padre in adolescenza, siano stati distorti. Si nota infatti come E. tenda a mutuare identità, mediante processi imitativi da altre persone, a scapito di un identità reale. E. diventa negli anni sempre più squalificante nei confronti dei membri della famiglia, poiché il rapporto con questi lo riporta alla realtà ed a confrontarsi con quel Sé reale che nasconde a se stesso e agli altri. Riemergono, con una mutata consapevolezza, anche i traumi infantili: l abbandono da parte della madre naturale, la mancanza di cure ed i maltrattamenti di cui è stato vittima in orfanotrofio, le inadeguate cure della madre adottiva, la fragilità del ruolo paterno, costantemente esautorato da madre e nonna, figure tra loro conflittuali ma coese nell escludere e sminuire il padre. E. è cresciuto con una figura fragile, incapace di dare regole, di proporre un modello maschile strutturato in cui identificarsi; con una madre che si è sempre sottratta dall affrontare le difficoltà del figlio, con marcati tratti anaffettivi; con una nonna troppo spesso complice, anche nella menzogna. 6. OMOSESSUALITÀ: E. PUÒ RAGGIUNGERE UN IDENTITÀ OMOSESSUALE? L adolescente che oggi si affaccia alla sessualità adulta si trova immerso in uno scenario culturale e sociale in cui la scelta dell oggetto d amore appare molto più libera rispetto alle generazioni precedenti, meno condizionata da pregiudizi etici e da anatemi sociali 14

15 contro chi non segue l orientamento sessuale da sempre considerato normale, quello eterosessuale, che corrisponde all esigenza della continuità della specie. E sceglie invece un amore non procreativo, amando chi appartiene allo stesso sesso. Ciò potrebbe agevolare, da un punto di vista sociale, una scelta in tal senso, anche se sono ancora molti gli omosessuali, uomini e donne, che rifiutano di uscire allo scoperto, dichiarandosi pubblicamente tali nel nuovo rito del coming out, inaugurato anni fa dai gay americani. Oggi omosessuale non è più soltanto lo stilista di grido, il regista famoso, il letterato eccentrico, il poeta maledetto, la pop star o la tennista di fama, per i quali questa inclinazione viene considerata quasi un fiore all occhiello, e la diversità un diritto acquisito. Oggi possono dichiararsi omosessuali senza provocare pubblico scandalo il ragazzo del quartiere periferico come l impiegato di banca, l operaio come lo studente, il parrucchiere come il manager. La tendenza emergente è oggi quella della normalizzazione dell omosessualità anche nell ambito dei diritti civili. Nonostante, però, la relativa normalizzazione in atto, la scoperta della propria inclinazione omosessuale continua a suscitare nell adolescente angosce e paure che non riguardano solo le possibili reazioni familiari e sociali alla sua scelta, ma hanno radici profonde nel suo inconscio. Questo è uno dei motivi per cui molti gay, e non solo, preferiscono sostenere l origine genetica della loro inclinazione. In realtà l origine genetica, più volte ipotizzata nelle neuroscienze e prima nella neuroendocrinologia, non è mai stata dimostrata in modo inconfutabile, come riconoscono gli stessi ricercatori. A parte i casi di squilibri ormonali e cromosomici presenti nel feto, che accentuano poi i caratteri secondari del sesso opposto nel maschio e nella femmina, l origine esclusivamente biologica dell omosessualità continua a rimanere un ipotesi.(vegetti- Finzi S.,2001) Le origini quindi vanno ricercate anche nell ambiente, nella storia personale, nelle relazioni affettive che contribuiscono a formare l identità personale dell individuo. E. ha avuto la sua prima esperienza omosessuale a quattordici anni e mezzo con un ragazzo di un anno più grande di lui. Non potevo più fare a meno di stare con lui, eravamo sempre insieme, se non potevamo vederci ci mandavamo centinaia di messaggi. A lui ho dato il primo bacio vero. Ci siamo accarezzati le parti intime per noi era come un gioco - e ancora: Io comunque ero il più forte,se gli davo una spinta, o gli dicevo che volevo fare una cosa era sempre lui a cedere. Anche nei rapporti intimi io 15

16 non ho mai accettato di essere sodomizzato, io prima non mi ero neanche mai masturbato, non mi interessava il sesso, né con le donne né con gli uomini A quattordici anni ho baciato una ragazza perché facevamo il gioco della bottiglia, ma non ho provato proprio niente, lo ho dovuto fare - Questo riferisce E. della sua prima esperienza omosessuale. Appare come, amando il proprio simile, E. soddisfi il suo investimento narcisistico, molto presente ancora oggi in lui, che diventa specchio del suo ideale. Mantenendo un ruolo attivo nei rapporti sessuali, che gli impedisce di abbandonarsi ad un reciproco scambio delle parti, sembra poter dimenticare lo spettro dell impotenza ed essere affascinato dal potere che esprime in ogni sua espressione. Questo primo episodio si può inquadrare, anche per la sua tipologia, in un esperienza da adolescente, con la caratteristica, quindi, della transitorietà, non destinata a sfociare necessariamente in una scelta definitiva, ma può, invece, rappresentare una fase, un rito di passaggio nella ricerca di una propria identità sessuale, molto frequente soprattutto fra i maschi in un età compresa fra i dodici ed i quindici anni. Nella scoperta di sé, del proprio corpo, delle sue potenzialità erotiche, il rapporto omosessuale fra coetanei rappresenta, nello sviluppo della sessualità adulta, uno stadio successivo a quello della masturbazione. Pratica, quest ultima, sconosciuta ad E. fino ai quattordici anni. Nel confronto con E. vi è un elemento sempre sotto traccia, quello della differenziazione dalla sua famiglia, dalla coppia genitoriale adottiva, che lo porta all idealizzazione della madre naturale penso a volte che vengo da una famiglia importante, forse erano dei principi, mia madre magari mi ha dovuto abbandonare perché, appartenendo ad una famiglia blasonata e avendomi concepito con un servo, non poteva tenermi -. Un tentativo di uscire dalle dinamiche confusive della famiglia adottante, confusione che ripropone però nel romanzo familiare, (Freud, 1908,1972) quasi delirante, legato ai genitori naturali. Sembra voler affermare: no, io non sono come voi, la mia sessualità non ha niente a che fare con la vostra e neanche con quella da cui sono nato! E quindi una scelta oppositiva, confusa, non maturata ed immatura che sembra condurre E. a comportamenti devianti e criminali, che culminano con la sua incriminazione. 7. LE PERSONALITÀ CON CUI E. COMMETTE I REATI SESSUALI 16

17 E. apre due profili Facebook uno a nome di una donna nobile tirolese, l altro a nome di un uomo anche della stessa nobiltà, attraverso i quali chiede contatti, raccontando unicamente menzogne a partire dall identità. - Mentivo sulla mia identità soprattutto perché ho sempre avuto paura di non essere accettato per quello che sono, ero donna in Facebook perché così potevo contattare più persone, ma sento anche che sono due parti mie, Lisa dimostra come gli uomini ragionino con il cazzo e sono degli stronzi. Forse lei è quella parte di me che io non posso essere: sicura di sé, sa di piacere, riesce ad ottenere ciò che vuole, è comprensiva - questa la spiegazione di E.. Sicuramente ancora troppo semplicistica per essere l unica verità, ma lui non è in grado di andare oltre. Fino agli otto anni prendeva di nascosto i vestiti della mamma e le sue scarpe e gli piaceva indossarli e girare per casa con i tacchi. E uscito più di una volta per mano alla nonna con il rossetto sulle labbra. Fino ai diciassette anni assisteva alle sfilate delle amiche alle quali faceva indossare gli abiti che la madre teneva nell armadio. Questi appaiono comportamenti volti a comprendere quali potessero essere le caratteristiche femminili che gli appartenevano, o quali era in grado di mutuare. Stefan era invece il maschio, omosessuale, capace di incarnare il suo mito familiare, un nobile ricco appartenente al gruppo etnico tedesco, del quale E. si è sempre voluto sentire parte. Stefan sono io con tutti i miei problemi. - Solo che lui è tedesco e nobile, ciò che E. non è, ma vorrebbe essere. E. tende quindi ad identificare in ciò che non può essere quelle caratteristiche di sicurezza del sé, di maturità, che avverte assenti in lui. Lisa attirava diversi ragazzi e scambiava con loro mail in cui, inizialmente, si inviavano messaggi di informazioni sulle identità reciproche, sugli interessi musicali e culturali che condividevano. Questi scambi non duravano molto, prevaleva il tutto e subito dell adolescente, e quindi E., sempre mutuando l identità di Lisa, chiede al suo interlocutore cosa ne pensa degli italiani, imposta con lui un discorso a sfondo etnico, ancora molto sentito tra una parte dei giovani sudtirolesi di lingua tedesca, alcuni dei quali appartengono a gruppi neonazisti. Poi li interroga circa i gusti sessuali. Ha bisogno, da un lato, di assicurarsi di non rischiare di trovarsi di fronte un naziskin di cui 17

18 conosce la violenza per esserne stato vittima, dall altro di poter pensare che l interlocutore è pronto a ricevere proposte sessuali anche diverse. Lisa quindi incomincia ad inviare all interlocutore le sue foto raffiguranti i genitali (rigorosamente trovate in Internet) e gli chiede di fotografare il suo pene in erezione e di mandarle la foto. Successivamente, ma sempre in tempi molto ravvicinati, racconta di avere un cugino, e qui entra in campo Stefan A volte Lisa diceva di avere una grave malattia che doveva curare urgentemente, ma che in quel momento i suoi non erano in Italia e non potevano darle i soldi per le visite e le medicine. Chiedeva all interlocutore di consegnare duecento euro a Stefan, che avrebbe fatto da tramite. - Così avveniva l incontro tra Stefan e la persona contattata da Lisa, a volte prendevo i soldi e me ne andavo, altre volte facevamo qualche cosa di sessuale perché lui era d accordo. Con alcuni di questi conosciuti in Facebook ci divertivamo ad andare nei bagni dove c erano gli orinatoi e guardare il pene degli altri uomini, questi dovevano avere dai venti ai trent anni, altrimenti non ci piacevano. Vedevamo entrare uno che ci sembrava carino e io andavo a vedere cosa aveva nei pantaloni, quando uscivo, a seconda delle facce che facevo, ci facevamo delle grandi risate. Per noi era tutto un po un gioco. Via Web venivano scambiati anche numeri di cellulare, in tal modo le foto ed i messaggi avvenivano in doppio circuito. E. ha frequentato per lunghi periodi anche omosessuali locali della sua età o di qualche anno più grande, ma con loro non è mai nata una storia, neanche di carattere sessuale, andava con loro alla scoperta di discoteche gay di Milano, dove incontrava ragazzi, con i quali in solo poche occasioni c è stato un rapporto sessuale. Ha invece mantenuto la compulsione a imbrogliare e a inviare foto da parte di giovani, tra cui cinque minori di età compresa tra i quindici ed i diciassette anni e mezzo, con alcuni di loro ha anche fatto sesso telefonico come Lisa, scambiando solo gemiti e sospiri per non essere scoperto. Gli accordi venivano presi precedentemente via Web o sms telefonici. E., che di fronte al dato di realtà della denuncia, comprende come questo agito nei confronti di minori sia stigmatizzabile e colpevole, tuttavia continua a ripetere che a volte questi ragazzi gli sembravano addirittura più grandi di lui, più maturi, che per tutti era un gioco ( frase questa ripetuta anche dai minori sentiti durante l incidente probatorio per noi era un gioco, solo il denunciante, che pare essere istigato da un 18

19 maggiorenne con il quale E. ha avuto una storia, afferma di aver vissuto l incontro con E. come una violenza). E. oggi tende a definirsi omosessuale e quando vuol motivare la sua scelta afferma:- ho bisogno di sentire vicino qualcuno che prende in mano la situazione, perché non prendo la patente? Perché mi piace che mi porti qualcuno! Mi piace che qualcuno mi sappia dominare, che però mi faccia anche sentire che sono io quello che porta i pantaloni, perché so che anche se cerco di dominare in realtà ho bisogno di essere dominato. Una donna non potrebbe farlo, per questo mi innamoro dei maschi, poi mi piace il corpo maschile, quello femminile mi lascia indifferente.- E. ha avuto una storia durata circa sei mesi con un ragazzo che studiava ad Innsbruck, conosciuto in Web prima come Lisa e poi come Stefan. Con lui ha convissuto e a lui ha fatto spendere quarantamila euro in questi mesi. Dovevano andare in Hotel di lusso a trascorrere i fine settimana, consumare i pasti in ristoranti rinomati e bere bottiglie costose. Il giovane è stato sollecitato a rinnovare il suo guardaroba, cambiare i mobili dell appartamento e svecchiare anche l arredo della sua casa, perché non gli doveva ricordare troppo tristemente il periodo in cui i genitori, morti entrambi, vivevano lì con lui ed il fratello. Lo accompagnava sulla tomba della madre per farlo piangere fra le sue braccia e al ritorno da scuola gli faceva trovare il pranzo pronto, spesso gli preparava anche la colazione e gli lasciava un biglietto di buona giornata nella tasca. Di fatto E. giocava a fare il genitore protettivo e forte, proiettando così i suoi bisogni più profondi sul compagno, in un gioco adolescenziale incapace di lasciare spazio alla realtà. A lui però chiedeva di essere portato a fare i giri in macchina quando faceva fatica ad addormentarsi, o quando gli veniva in mente di andare a Monaco a trascorrere un pomeriggio diverso. Le cose si complicavano via via che passava il tempo, quando il compagno scriveva a Lisa parlandole di Stefan e questa doveva rispondergli, quando questa triplice identità veniva vissuta da E. come una condanna dalla quale riteneva di non poter uscire con un atto di sincerità. Temeva ogni momento di poter essere scoperto e che potesse finire tutto, questo lo induceva ad essere ossessivamente presente ed ogni cambiamento di umore del compagno lo attribuiva ad una possibile scoperta della sua vera identità. Fino a che un giorno gli è caduto il tesserino sanitario dalla borsa con il suo vero nome ed 19

20 alla domanda dell amico ma questo chi è? - E., apparentemente impassibile, in realtà terrorizzato, ha risposto E uno dei miei nomi - e tutto si è risolto così. Il rapporto si è interrotto a seguito dell incarcerazione di E. di cui il compagno non è venuto a conoscenza da lui, ma sembra che abbia appreso del fatto da altre fonti. Alcuni dei ragazzi contattati da E. via Web sono stati anche portati a casa, infatti la cantina di cui si parla è di fatto una cantina ristrutturata ed attrezzata a salone e stanze da letto. E. a tal proposito afferma Li portavo a casa quasi per non dover esser io a rivelare la mia vera identità, ma fossero le circostanze a svelarla. Gli adulti per E. significativi, hanno sempre finto di non vedere, di non sapere e non mi riferisco all età dei ragazzi che era di difficile definizione certamente. Se osavamo dirgli qualche cosa ci rispondeva male - Questa è la spiegazione dei genitori al fatto di non essere mai intervenuti. Comunque eravamo sicuri che non eccedevano nel bere perché controllavamo le bottiglie e non facevano uso di droga, E. cucinava, perché vedevamo che mancavano dal frigo le cose che avevamo comperato e lo sgridavamo, perché lo faceva senza chiedere neppure il permesso, ma lui alzava le spalle e faceva quello che voleva lo stesso. Se non c era niente da noi andava nel frigo della nonna Del vero problema evidentemente non erano in grado di occuparsene, di discuterne con il figlio, non sono stati capaci di porre un divieto non per quello che veniva consumato dal frigo, ma per ciò che veniva consumato in quell ambiente. Quando E. contattava in Web le persone, anche minori, non ha mai usato lo schema classico dell adescatore, né si è mai preoccupato che questi potessero parlare, non ha mai chiesto loro il silenzio rispetto alle altre persone a loro vicine. Quando ha fatto le ricariche telefoniche ai ragazzi è stato perché erano rimasti senza ricarica a causa dell invio di foto e quindi si sarebbe interrotto il circuito porno- ossessivo, che alla fine per E. diventava quasi un gioco delle figurine in cui conquistarne, per qualcuno, valeva quasi più che non guardarle e goderne per i personaggi che raffiguravano. E. nei colloqui afferma non ho mai dato importanza all età, ma al fatto di trovarmi bene con quelle persone. Ci sono delle cose contraddittorie, a volte pensavo di essere io il più furbo, quello che sapeva dominare la situazione, poi mi rendevo conto che facevo tutto quello che mi chiedevano gli altri, ho passato un sacco di tempo in Internet a cercare foto di Lisa perché non volevo si capisse che le trovavo su Web. Qui mi sentivo furbo e pensavo che gli stupidi erano loro che non se ne accorgevano e il gioco andava 20

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA ASPETTI TEORICI DEL TRAUMA NEI CASI DI ABUSO E MALTRATTAMENTO SUI BAMBINI, INDICATORI E LINEE GUIDA NELLA SEGNALAZIONE.. DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA COSA SI INTENDE

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE

VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE neanche con un fiore!! VIOLENZA DOMESTICA E SESSUALE CONTRO LE DONNE Tipologie di violenza e aspetti psicologici Ciriè 9 maggio 2012 Servizio di Psicologia Ospedaliera Area Consultori Familiari Direttore

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI: DIFFERENZE CULTURALI

I BISOGNI EDUCATIVI: DIFFERENZE CULTURALI I BISOGNI EDUCATIVI: DIFFERENZE CULTURALI I Centri Albatros per l'accoglienza dei MSNA M.Contardi Premessa Definizione di minore straniero non accompagnato Per minore straniero non accompagnato presente

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti

I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti I pericoli di internet e della rete, sessione per genitori e docenti Oggi purtroppo dobbiamo prendere atto che nella nostra società manca quasi totalmente una vera educazione ai pericoli della rete perché

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING Dott.ssa Claudia Cazzaniga, Psicologa Psicoterapeuta C.A.DO.M. 25 novembre 2010 Palazzo delle Stelline, Milano IL CADOM www.cadom.it Un associazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 Centro Antiviolenza DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 L Associazione Demetra Donne in aiuto è stata fondata il 25 luglio del 2005 per aprire anche nel territorio lughese un

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine.

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Fino alla fine, atto unico di 70 minuti scritto e

Dettagli

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it

Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it 12 Istituto Comprensivo A.Moro 1 Istituto Comprensivo A.Moro Via Olimpiadi,1 Dalmine Tel. 035 56.15.26 dirigente@icmorodalmine.it segreteria@icmorodalmine.it GIANNA BERETTA MOLLA - Via N. Sauro, 1 - Sabbio

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Definizione di abuso sessuale

Definizione di abuso sessuale Definizione di abuso sessuale Il coinvolgimento di un minore, da parte di un partner preminente, in attività sessuali anche non caratterizzate da violenza esplicita Dichiarazione di Consenso del CISMAI

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL FENOMENO DELL UDIRE VOCI Se lei ha, o ha avuto,

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia Comune di VOGHERA Provincia di Titolo del progetto (o, in alternativa, descrizione) Obiettivi PAVIA Progetto di Educazione alla legalità nelle scuole medie cittadine per l anno scolastico 2011-2012 Vedi

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli