SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU:"

Transcript

1 Centro di Alta Formazione e Ricerca Avanzata QUA_SI SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU: CYBERBULLISMO E USO DELLE TECNOLOGIE TRA I GIOVANI DAVIDE DIAMANTINI GIULIA MURA Università di Milano-Bicocca Milano, 3 Novembre 21 1

2 1. COS è il CYBERBULLISMO Litigi iniziati dietro i banchi di scuola che proseguono via SMS, gelosie o incomprensioni nate durante comunicazioni in chat o su un sito di social network che sfociano in aggressioni, pubblicazioni online di video offensivi, violenti e denigratori, sono alcuni degli esempi di cyberbullismo che sempre più spesso vengono riportati da chi lavora a stretto contatto con i giovani e che, sempre più frequentemente, arrivano fino alle pagine dei giornali. A causa della novità del fenomeno però, gli studi e, di conseguenza, la progettazione di azioni efficaci nel prevenirlo e contrastarlo sono ancora insufficienti. A livello accademico, l assenza di una definizione condivisa di cyberbullismo rende difficile confrontare i dati rilevati in diverse nazioni, o anche solo in differenti ricerche. Avendo in mente queste considerazioni, un network internazionale di ricercatori ha messo a punto un progetto di ricerca in grado di rilevare dati comparabili, che permettano di investigare a fondo gli aspetti comuni del fenomeno, e che al contempo siano in grado di evidenziare eventuali specificità attraverso un confronto interculturale. 2. QUALI CENTRI SI SONO OCCUPATI DI QUESTO ARGOMENTO I paesi anglosassoni sono tra i precursori delle ricerche su questo fenomeno, di cui si sono interessati principalmente psicologi ed educatori, da un lato, e avvocati e studiosi della legislazione dall altro. In USA sono già numerose le ricerche volte a monitorare in modo sistematico la diffusione e gli utilizzi di ICT tra i giovani, ad esempio gli studi del 27 promossi dal Pew Internet & American Life Project, e dal National Crime Prevention Council. Nel Regno Unito tale azione è stata intrapresa, tra gli altri, dalle forze congiunte di due colossi quali Action for Children (NCH) e Tesco. Molti sono i siti in inglese nati per fornire informazioni e supporto sul cyberbullismo e l uso sicuro di Internet, ad esempio beatbullying.org nel Regno Unito o cyberbullying.us negli Stati Uniti. Anche la Comunità Europea ha di recente promosso un iniziativa quadriennale (Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships in educational settings) che vede la partecipazione di ricercatori di tutta Europa in uno sforzo congiunto di indagine e prevenzione del cyberbullismo. Tutte le survey realizzate hanno concordato nel rilevare la crescente espansione del fenomeno, che segue di pari passo la sempre maggiore diffusione di ICT tra i giovani. Anche in Italia tale problema viene affrontato in stretta collaborazione da esperti del settore dell educazione, della ricerca, ed altri enti come il Telefono Azzurro o la Polizia Postale, impegnati a prevenire e contrastare i crimini online, con un attenzione speciale a stalking e pedopornografia, ovvero due tra le più perniciose evoluzioni del cyberbullying. 3. COSA SI SA GIÀ SU QUESTO ARGOMENTO Le quattro caratteristiche che lo distinguono dal bullismo tradizionale sono: 1. Anonimato: possibilità da parte di chi lancia l attacco di nascondersi dietro a un nickname; 2. Facilità di diffusione: le informazioni messe in rete si diffondono in modo rapidissimo e a volte incontrollabile, anche da parte dei diretti interessati; 3. Impossibilità di sottrarsi all attacco: attraverso telefono cellulare e connessione internet, l attacco può continuare anywhere and anytime; 2

3 4. Intenzionalità dell attacco: la facilità di fraintendimenti e la difficoltà a valutare esattamente la gravità delle azioni messe in atto nel mondo virtuale aumentano il rischio di azioni percepite come più aggressive di quanto inteso dall autore. Le tipologie di attacco si modificano rapidamente, a seconda della tecnologia maggiormente in voga; attualmente quelle con il maggior impatto sembrano essere la diffusione di fotografie e video imbarazzanti, la creazione di hate page, ed il furto di identità virtuale, usate per creare falsi profili sui siti di social network o inviare messaggi compromettenti a nome della vittima. Rispetto al bullismo tradizionale è alta la presenza di giovani che sono allo stesso tempo bulli e vittime, mentre i risultati riguardanti le differenze di genere sono contrastanti. La mancanza di una definizione condivisa rende particolarmente difficile la comparazione dei risultati ottenuti nelle diverse ricerche. Le peculiarità della comunicazione mediata da ICT rendono particolarmente difficile per i ragazzi i processi di empatia e percezione del disagio della controparte, aumentando il rischio di insistere in uno scherzo senza rendersi conto del danno che si sta provocando. La facilità con cui le informazioni viaggiano in rete é alla base di alcuni dei fenomeni più eclatanti quali lo Star wars kid e Moshilla. 4. COSA HA FATTO BICOCCA L Università di Milano-Bicocca ha scelto diversi paesi in via di sviluppo (Brasile, Colombia, India, Turchia), per integrare i dati già presenti in quelli avanzati e per ogni paese ha selezionato un campione di studenti delle scuole superiori cui ha somministrato un ampio questionario durante le ore di scuola, comparandoli con i dati raccolti in Italia. L intento principale della ricerca è stato quello di ottenere una valutazione non solo della diffusione degli episodi di cyberbullismo, ma anche della rappresentazione che i ragazzi hanno del fenomeno, delle differenze nella netiquette adottata, del peso che gli eventuali attacchi subiti hanno avuto nella loro esperienza personale, della distanza tra quanto i ragazzi ritengono lecito fare in Internet o utilizzando il cellulare e ciò che viene considerato illecito per la legislazione nazionale. Il focus della ricerca non è esclusivamente centrato sulle vittime di cyberbullismo, ma su tutte le parti coinvolte, includendo sia i cyberbulli, sia i cosiddetti bystanders, il cui ruolo risulta cruciale nel permettere o bloccare la diffusione dei messaggi offensivi. 5. I RISULTATI IN DUE PAROLE I risultati principali del lavoro dell Università di Milano-Bicocca possono essere riassunti nei seguenti concetti chiave: 1. La comunicazione online avviene principalmente tra persone che si conoscono, per i ragazzi che passano molte ore a scuola, il cyberbullismo è legato ai compagni di classe e all ambiente della scuola. 2. I ragazzi si rendono conto dell ampiezza del fenomeno, ma ne sottovalutano la gravità. Vedono tutto in modo abbastanza goliardico e in termini di affermazione della propria personalità o innalzamento dello status. Non è quindi la possibilità di rimanere anonimi a fare la differenza nella pervasività del fenomeno, quanto il distacco, la difficoltà ad empatizzare provocata dal filtrare la comunicazione attraverso uno schermo. 3

4 3. Grande assente è l educazione alla netiquette: i comportamenti, che pure da un punto di vista legale sono passabili di sanzioni penali, vengono valutati come ammissibili, a seconda del contesto. Se una persona in qualche modo se lo merita, anche il comportamento valutato come immorale o ingiustificabile viene ammesso. 4. Si innesca un circolo vizioso deleterio: spesso chi è vittima è anche bullo, anzi, l essere vittima sembra facilitare il passaggio a bullo. Per gli interventi, è importante individuare le vittime e fermare la catena di azione/reazione. (differenza con bullismo tradizionale) 5. Non c è correlazione tra quanto una persona viene attaccata (la frequenza degli episodi di vittimizzazione), e la sofferenza personale: anche a causa dell effetto di diffusione virale di un attacco via Internet, può bastare un singolo episodio a causare una profonda sofferenza. 6. Il cyberbulllismo appare direttamente collegato e quasi come un effetto collaterale della propensione al narcisismo e della ricerca di empatia facile, immediata, veicolata dalla rete. I ragazzi che sono più esposti a questo tipo di problemi sembrano connessi proprio a questi profili. 7. Gli adulti, all interno della famiglia o del contesto scolastico, non sono un punto di riferimento: non si va a chiedere aiuto ai professori o ai genitori, che sono visti come poco esperti per tutto quello che riguarda il mondo virtuale. 6. I NOSTRI NUMERI Qual è la situazione italiana Il campione. Hanno partecipato alle varie fasi della ricerca 862 studenti italiani di Istituti superiori pubblici (sia licei che Istituti Tecnici o scuole medie), di età compresa tra gli 11 ed i 19 anni, di cui 51% maschi e 49% femmine dell area di Milano e della Provincia. Per quanto riguarda gli episodi di prevaricazione e aggressione, solo il 18% del campione dichiara di non aver subito nemmeno un episodio di aggressione virtuale negli ultimi sei mesi, il 37% è stato attaccato una o due volte, ed il 45% tre volte o più. Gli attacchi possono essere portati avanti con una medesima modalità ripetuta nel tempo, o utilizzando differenti strumenti e modalità. 4

5 Comportamenti di cyberbullismo subiti 14% 23% nessun episodio esclusione forum furto ID pubb mess privati 11% 18% pubb foto sms cattivi 11% 9% 8% 4% 2% commenti su Social Network diff gossip scherzi tel Lo stesso vale per la misurazione degli episodi che vedono i rispondenti parte attiva: il 16% dichiara di non aver mai attuato, negli ultimi sei mesi, alcuno dei comportamenti elencati, il 36% lo ha fatto una o due volte, ed il 48% tre volte o più. Comportamenti di cyberbullismo agiti 23% nessun episodio esclusione da forum 15% furto ID 16% pubb foto sms cattivi 12% 1% 1% 8% 4% 2% pubb mess priv commenti su Social Network diff gossip scherzo tel La differenza Maschi/Femmine: - Le ragazze sembrano avere maggiore moralità e hanno una percezione più netta delle conseguenze e della possibilità di ferire con azioni di cyberbullismo, mentre i ragazzi vivono il tutto in modo decisamente più goliardico; 5

6 - Entrambi i generi fanno cyberbullismo, ma le ragazze sono più orientate al gossip e alle cattive, mentre i ragazzi sono più propensi al furto di ID e alle telefonate Maschi Femmine La situazione internazionale Il questionario è stato sottoposto a un campione di 623 studenti di Brasile, Colombia, India e Turchia, il 58,7% maschi ed il 41,3% femmine, di età compresa tra i 13 ed i 19 anni (m=15,8, Var=1,26) Si tratta di un campione di estrazione socio-economica medio/alta, con un alta percentuale di laureati sia tra i padri che tra le madri. Episodi di aggressione e prevaricazione: Solo il 15% del campione non ha mai subito un episodio di attacco virtuale. Il 5% del campione ha subito minimo 3 attacchi negli ultimi sei mesi. Gli scherzi telefonici, forse i nonni del cyberbullismo, rimangono l attacco denunciato più spesso. Seguono la ricezione di messaggi offensivi o aggressivi su una pagina di social network, la diffusione online di pettegolezzi e, solo leggermente più in coda, la pubblicazione di messaggi privati. Meno frequenti la ricezione di o sms cattivi e la pubblicazione di foto imbarazzati, mentre solo in pochissimi casi viene segnalata l esclusione dai forum online o il furto di ID virtuale. 6

7 Frequenza dei comportamenti di cyberbullismo subiti mai forum furto ID pubb foto pubb priv mess gossip commenti scherzo su Social telefonico Network Comportamenti di cyberbullismo subiti nessuno 22% esclusione da forum 13% furto ID 11% 15% pubb foto pubb priv mess 11% 9% 7% 6% 6% gossip commenti cattivi su Social Network scherzo telefonico Bullismo: Solo il 22% del campione non ha mai fatto alcuna delle azioni indicate come cyber bullismo. Il 42% ha lanciato tre o più attacchi negli ultimi sei mesi. Il fenomeno colpisce in modo abbastanza equilibrato i due sessi, anche se nel campione presente si riscontra una leggerissima propensione al cyber bullismo nei maschi più che nelle ragazze potrebbe essere dovuto ad una diversa possibilità di accesso alle tecnologie). Sembra inoltre raggiungere un picco di diffusione tra i 15 ed i 17 anni. Anche tra gli atti di cyberbullismo compiuti, lo scherzo telefonico è al primo posto. Seguono la pubblicazione di messaggi privati e l aggressione attraverso commenti 7

8 velenosi sulle pagine di social network, segnalati con la medesima frequenza. Troviamo quindi la diffusione online di pettegolezzi e l esclusione da forum. Ancora un gradino più in basso vi è l ammissione di aver inviato mail o sms dal contenuto aggressivo e di aver pubblicato foto compromettenti, e infine, in rarissimi casi, il furto di ID. Comportamenti di cyberbullismo agiti 14% 17% furto ID foto mail 12% 22% forum gossip pubb mess priv 1% commento su Social Network 9% 6% 6% 4% scherzi telefonici nessuno Questi ragazzi usano in modo particolarmente intenso sia il cellulare che internet e valutano le tecnologie come maggiormente funzionali al mantenimento dei rapporti interpersonali Valutazione vittima bullo Come è facile osservare da queste tabelle, la percezione dei ragazzi è quasi esattamente speculare nel valutare gli stessi episodi di cyberbullismo in quanto vittime o perpetratori: se da un lato troviamo le vittime, propense a valutare gli episodi come abbastanza o 8

9 molto spiacevoli, gli stessi ragazzi, quando descrivono come hanno trovato l esperienza di fare del cyberbullismo, tendono a valutarlo come abbastanza/molto divertente. Osservando gli stessi dati da un altro punto di vista, è possibile rilevare che anche tra chi ha dichiarato di non essere mai stato coinvolto in episodi di cyberbullismo troviamo un certo numero sia di divertiti che di persone ferite. Lo stesso vale per chi dichiara di aver vissuto le esperienze solo in quanto vittima, ma esprime una valutazione anche degli episodi agiti, e viceversa di chi si è dichiarato solo bullo, ma poi sostiene di essersi divertito o esserci rimasto male quando si è trovato coinvolto come vittima. Si tratta probabilmente di chi, seppur rassicurato rispetto alla confidenzialità delle informazioni fornite, non ha voluto riportare quanto fatto o subito. In questo gruppo si trovano anche coloro che non hanno partecipato direttamente a degli episodi, ma vi hanno assistito o ne sono venuti a conoscenza. 14 Valutazione dell'esperienza di cybervittimizzazione non coinvolti vittime bulli-vittime bulli 2 Spiacevole Irrilevante Divertente Gli episodi sono spiacevoli non solo per le vittime o i bulli vittima, ma anche per chi ufficialmente si è dichiarato non coinvolto. I bulli per lo più tendono a sottovalutare l esperienza da vittima, definendola come irrilevante. 9

10 14 Valutazione dell'esperienza di cyberbullismo non coinvolti vittime bulli-vittime bulli 2 Spiacevole Irrilevante Divertente Come ci si poteva aspettare, i bulli confermano la valutazione delle loro azioni come divertenti o, al massimo irrilevanti. La stessa tendenza è presente nei bulli/vittime, che di spesso sono ragazzi provocati, che rispondono ad uno stimolo ricevuto. Tra chi si è dichiarato non coinvolto in alcun modo, e chi ha denunciato solo episodi di vittimizzazione, si trovano comunque ragazzi che riportano di aver trovato per lo più irrilevante ma a volte divertente compiere atti di cyberbullismo. Valutando caso per caso quanto ritengano giustificabili/non condannabili i vari comportamenti, troviamo in ordine crescente di gravità: Scherzi telefonici Esclusione da forum Pubblicazione di messaggi privati Commenti cattivi su pagina di Social Network Pettegolezzo online e sms cattivi Pubblicazione di foto Furto ID 1

11 Valutazione di gravità Frequenza episodi Bulli Vittime Scherzi telefonici Furto ID Esclusione da forum Esclusione da Pubblicazione di foto Furto ID forum Pubblicazione e sms cattivo Pubblicazione di foto messaggi privati Commenti cattivi Esclusione da forum e sms cattivo su pagina SN Pettegolezzo online Pettegolezzo online Pubblicazione messaggi privati e sms Pubblicazione Pettegolezzo online cattivo messaggi privati Pubblicazione di foto Commenti cattivi su pagina SN Commenti cattivi su pagina SN Furto ID Scherzi telefonici Scherzi telefonici Il confronto con l Italia Uso tecnologia: Il campione italiano ha maggiore accesso alla tecnologia rispetto ai paesi in via di sviluppo presi in considerazione; tutto il campione ha comunque in media accesso a cellulare e internet almeno una volta al giorno. Vittimizzazione: tranne che per il furto di ID e la pubblicazione di messaggi privati (più frequente nel resto del campione), i ragazzi italiani e quelli di Brasile, Colombia e India riportano simili frequenze nell aver subito aggressioni online. Anche per quanto riguarda la valutazione dell esperienza come più o meno negativa, non ci sono differenze significative. Episodi di cyberbullismo a confronto - vittime 2 1 Italia Estero Bullismo: Non si riscontrano grandi differenze tra il campione italiano e quello straniero. L unico evento significativamente meno frequente è l esclusione dai forum online, che 11

12 in Italia non sembrano essere particolarmente diffusi. Per tutti gli altri fenomeni l andamento è molto simile. Anche la valutazione di tali esperienze è significativamente più positiva nel campione italiano. 2 1,5 1,5 Italia Estero Valutazione Cyberbullismo: gli italiani generalmente valutano gli episodi come meno gravi, rispetto al resto del campione, sia quando si tratta di giudicarli in astratto sia, in modo più marcato, quando rispondono sulla base della loro esperienza diretta Valutazione gravità degli episodi Italia Estero 12

13 7. CHE COSA C È DA FARE L ingresso dei ragazzi nel mondo virtuale sembra richiedere una preparazione specifica, in quanto molte delle norme relazionali acquisite negli anni della formazione non riescono ad essere automaticamente tradotte ad una applicazione efficace nelle comunicazioni mediate da ICT. Il problema deve essere affrontato su due fronti principali: - Sicurezza online: spiegare ai ragazzi quali sono i principali rischi legati alla comunicazione via ICT: la facilità con cui le informazioni lasciate su siti differenti possono essere messe insieme per ricostruire un dettagliatissimo profilo personale, la perdita di controllo sulla propria immagine connessa al pubblicare in rete foto e video personali, la facilità con cui azioni apparentemente innocenti potrebbero portare a conseguenze anche legali (creare un profilo in cui bonariamente viene preso in giro un professore, pubblicare foto piccanti di se stessi e del proprio partner, se anche solo uno de due è minorenne) - Netiquette: sia la famiglia che la scuola si preoccupano, negli anni della formazione, dell educazione civica e morale dei giovani che si avventurano in modo sempre più autonomo ed indipendente nella società. Tale educazione non può prescindere oggigiorno dal tenere in considerazione anche il mondo virtuale al quali i ragazzi rischiano arrivare impreparati. Se da un lato è necessario spiegare come le norme di educazione civile e prudenza valide nella vita quotidiana si declinino nella modalità virtuale, dall altro è necessario provvedere ad una educazione studiata ad hoc che renda i ragazzi consapevoli degli specifici rischi connessi alla comunicazione mediata da ICT, delle difficoltà relative alla lettura ed alla gestione delle emozioni quando ci si relaziona con una controparte invisibile, delle problematiche legate al rispetto della privacy e di tutte quelle norme che consentiranno ai ragazzi di diventare dei buoni (e protetti) cittadini virtuali 8. COSA POSSONO FARE LE FAMIGLIE In questo contento sembra che i genitori abbiano abdicato, riconoscendo nei figli una autorità superiore in materia di computer; rassicurati dal fatto che i figli siano in casa. Ma l esperienza di vita deve poter essere trasposta anche nel mondo virtuale e il genitore deve mantenere vivo l interesse su quello che è un momento di socializzazione importante per i ragazzi. Non accontentarsi dei filtri imposti a priori all hardware, ma chiarire il fatto che le regole di buona educazione e convivenza civile vanno estese anche alle relazioni in Internet è l unica strategia per restituire un ruolo educativo ai genitori e per rendere più sicuri i ragazzi. 9. PERCHÉ LA RICERCA DI BICOCCA È IMPORTANTE Il lavoro del dell Università di Milano-Bicocca è 1) la prima ricerca internazionale con dati comparativi rilevati per accedere a una tendenza intrinseca della rete ovvero anche nei paesi dove la pratica con le nuove tecnologie è meno diffusa; 2) la prima ricerca che intervista i ragazzi come bulli e mette alla prova le ipotesi, fino ad allora, solo teorica della ricerca internazionale sull immagine dei bulli; 3) uno strumento guida per interventi educativi anche per il mondo della scuola e della famiglia. La stessa ricerca ha costituito un momento importante per una presa di coscienza tra i partecipanti, ragazzi e docenti allo stesso tempo, sulla diffusione del fenomeno. 13

14 QUA_SI/UNIVERSISCUOLA, è un centro di alta formazione che si rivolge in primo luogo, ma non esclusivamente, alla scuola. Nasce dalle esperienze di formazione e di collaborazione con le scuole maturate sul campo dall Università di Milano-Bicocca e in particolare, dalle attività di aggiornamento, tirocinio, orientamento, ricerca e sperimentazione in ambito formativo. Il nome del Centro è noto a molte scuole lombarde già convenzionate con l Ateneo con le quali l Università collabora, fa ricerca, si confronta sull orientamento e nelle quali si svolgono i tirocini formativi per i futuri insegnanti. Il centro si propone come interlocutore per sostenerne il processo di crescita qualitativa nell organizzazione, nei contenuti disciplinari e nella didattica attraverso specifiche iniziative di aggiornamento proposte e concordate con le scuole. I servizi di formazione e consulenza sono organizzati secondo un approccio multidisciplinare che privilegia le diverse competenze ed esperienze elaborate dall Università di Milano- Bicocca. Le attività di sostegno alla scuola si realizzano attraverso corsi di formazione. incontri di approfondimento su temi specifici, attività di ricerca sulla valutazione, laboratori didattici intensivi, seminari residenziali. La sede del Centro è presso la Villa Di Breme-Forno, ristrutturata e attrezzata grazie a un accordo con il Comune di Cinisello Balsamo, dove sono attive iniziative formative e scientifiche quali master, seminari e convegni. DIRETTORE: Susanna Mantovani VICE DIRETTORE: Davide Diamantini RESPONSABILE PROGETTI: Mirella Ferrari STAFF: Anna Lettig, Mariangela Tommasone /Universiscuola, Università di Milano-Bicocca Piazza dell Ateneo Nuovo 1, 2126 Milano; Villa di Breme-Forno, Via Martinelli 23, 292 Cinisello Balsamo;

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it

«CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA. Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it «CYBERBULLISMO» LE INIZIATIVE DEL GARANTE DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Italo Tanoni www.ombudsman.marche.it Fermignano, 18/10/2013 DEFINIZIONE Con il termine cyberbullismo si identificano le azioni

Dettagli

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network

Bullismo in rete tramite sms, video, mail o immagini offensive, caricate sui social network «Reiterarsi dei comportamenti e atteggiamenti diretti o indiretti volti a prevaricare un altro con l intenzione di nuocere, con l uso della forza fisica o della prevaricazione psicologica» Farrington,1993

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Restituzione dati bullismo, cyberbullismo e uso problematico di Internet. a.s. 2014-2015

Restituzione dati bullismo, cyberbullismo e uso problematico di Internet. a.s. 2014-2015 Indagine sul fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nella scuola secondaria superiore di San Marcello Pistoiese (PT): Incidenza e correlati individuali Restituzione dati bullismo, cyberbullismo e uso

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati raccolti in provincia

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Il cyberbullismo. E. Modica

Il cyberbullismo. E. Modica Il cyberbullismo E. Modica Definizione di cyberbullismo Il cyberbullismo consiste nell uso delle nuove tecnologie per molestare, imbarazzare, intimorire, far sentire a disagio o escludere altre persone.

Dettagli

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web CONVEGNO ABUSO e MALTRATTAMENTO nell ETA EVOLUTIVA: IERI E OGGI EQUIPE ATTENTI AL LUPO 21 OTTOBRE 2014 INTERVENTO CONDOTTO DA MONICA MOLINARI, infermiera legale e forense MARITA CERETTO, esperta di web

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Indagine sul Cyber-bullismo

Indagine sul Cyber-bullismo Indagine sul Cyber-bullismo Realizzata da O.N.F. Osservatorio Nazionale Federconsumatori sul comportamento dei ragazzi italiani dai 12 ai 17 anni RISULTATI DI SINTESI Più di 8 ragazzi su 10 possiedono

Dettagli

Corso di formazione edizione 2012-13

Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING, CYBERSTALKING L USO INCORRETTO DELLA RETE FRA RAGAZZI E RAGAZZE Corso di formazione edizione 2012-13 CYBERBULLYING Cyberbullying cyberbullismo è l uso delle tecnologie informatiche per commettere

Dettagli

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo IL BULLISMO Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo Bullying Bullismo Prepotenze Bullying Dan Olweus 1978 Bullo = persona arrogante, violenta o anche colui che ostenta la sua vanità maschile mediante atteggiamenti

Dettagli

IL DISAGIO ADOLESCENZIALE. L. Bernardo

IL DISAGIO ADOLESCENZIALE. L. Bernardo IL DISAGIO ADOLESCENZIALE L. Bernardo Presidente della Commissione Nazionale per la Prevenzione del Disagio e del Bullismo Direttore Dipartimento Materno - Infantile Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA?

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? LUOGHI COMUNI SUL BULLISMO IL BULLISMO ESISTE SOLO NEI CONTESTI DEGRADATI IL BULLISMO E UNA QUESTIONE TRA MASCHI LA VIOLENZA FISICA VA CONTRASTATA, LE ALTRE PREPOTENZE

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Il ruolo della cooperazione pubblicoprivato nella prevenzione e nel contrasto ai crimini d identità SEMINARIO DI FORMAZIONE Elisa Martini

Il ruolo della cooperazione pubblicoprivato nella prevenzione e nel contrasto ai crimini d identità SEMINARIO DI FORMAZIONE Elisa Martini WEB PRO ID - Developing web-based data collection modules to understand, prevent and combat ID related crimes and facilitate their investigation and prosecution With financial support of the Prevention

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...?

SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? IL BULLISMO SCHERZO..LITIGIO...BULLISMO...? M. è il più bravo della classe. Prende regolarmente in giro L. perché studia poco e rischia la bocciatura. Il primo giorno di scuola un ragazzo di quinta, nell

Dettagli

Sicur@mente in Rete. Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza

Sicur@mente in Rete. Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza Sicur@mente in Rete Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza INDICE CYBERBULLISMO PEDOFILIA ON LINE STALKING ON LINE CYBERBULLISMO Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia "bullismo" online) è il termine

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet

I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet I rischi della navigazione dei minori sulla rete Internet Dott. Marco Valerio Cervellini Sost. Commissario della Polizia di Stato Responsabile dei progetti di educazione alla legalità e navigazione sicura

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni sono destinate ai genitori, allo scopo di informarli sugli eventuali rischi nei quali i figli in età

Dettagli

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Laura Volpini 28 Marzo 2007 Università di Roma La Sapienza Il perché del numero verde: Richiesta da parte

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Via Cavalieri di Vittorio Veneto n. 21 36050 (VI)

COMUNE DI SOVIZZO Via Cavalieri di Vittorio Veneto n. 21 36050 (VI) AUTORIZZAZIONE MINORE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI INTERNET IN BIBLIOTECA Il /la sottoscritto/a (COGNOME E NOME DEL GENITORE) Numero carta d identità Luogo e data rilascio Scadenza Codice Fiscale PADRE/MADRE

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Marzo 2013 Bozza 11/07/2013 Introduzione... 1 Metodi... 1 Risultati... 1 Discussione... 5 Conclusioni... 6 Introduzione Nell ottobre 2012, in seguito ad un

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET. Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono... cellulare.. email..

SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET. Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono... cellulare.. email.. Allegato 1 SCHEMA DI MODULO DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO INTERNET Io sottoscritto/a. nato/a. il.. residente a... in via... telefono........ cellulare.. email.. CHIEDO di essere iscritto al servizio Internet

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

IL SERVIZIO ORIENTAMENTO

IL SERVIZIO ORIENTAMENTO IL SERVIZIO ORIENTAMENTO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO E CONSULENZA PSICOLOGICA Il Servizio di Consulenza Psicologica e Orientamento nelle scuole turche è una struttura che opera con un apposito regolamento

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET di Luisa Donato EDUCAZIONE E INTERNET: IL PUNTO DI VISTA DEI 15-enni DELL INDAGINE PISA 2009 Quando si pensa a chi nei prossimi anni

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec: miic8cy00p@pec.istruzione.it

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK

REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK REALIZZATO DA MATTEO & CHRISTIAN 3 A - INTERNET E LA SICUREZZA - GLI HACKER E I CRACKER - I SOCIAL NETWORK Internet non è sicuro nemmeno se lo si sa usare, ovvero le vostre informazioni non sono mai al

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori

Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori www.tecnostress.it Ricerca sulla percezione del rischio Tecnostress fra i lavoratori realizzata in collaborazione con: www.puntosicuro.it Il senso di questa ricerca Il tecnostress è una sindrome causata

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Comparazione dei Risultati dell Indagine

Comparazione dei Risultati dell Indagine Comparazione dei Risultati dell Indagine DOCTAE (Agr. nr. 2007-1983 001/001) Questo progetto è stato finanziato con il supporto della Commissione Europea. Questo documento riflette unicamente il punto

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino

I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE. Sabrina Marzo, Psicologa, Torino I FIGLI NELLE FAMIGLIE RICOSTITUITE Sabrina Marzo, Psicologa, Torino Riassunto La diffusione delle famiglie ricostituite e la presenza di diritti e responsabilità risultanti conflittuali per la complessità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola.

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Gli attori IL PREVARICATORE LA VITTIMA Caratteristica: prepotenza

Dettagli

PAROLEdelcuore. Attività di gruppo per Bambini e Ragazzi. La VALIGIA per la SCUOLA MEDIA CONFLITTO, SCONTRO, INCONTRO! AttentaMENTE!

PAROLEdelcuore. Attività di gruppo per Bambini e Ragazzi. La VALIGIA per la SCUOLA MEDIA CONFLITTO, SCONTRO, INCONTRO! AttentaMENTE! PAROLEdelcuore Attività di gruppo per Bambini e Ragazzi GIOCHIAMO con le PAROLE AttentaMENTE! BULLI e PUPE CONFLITTO, SCONTRO, INCONTRO! La VALIGIA per la SCUOLA MEDIA Il progetto propone un training fonologico,

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Sgonfiamo il bullo!!!

Sgonfiamo il bullo!!! Sgonfiamo il bullo!!! Questo progetto pilota ideato e curato dalla Dottoressa Onorina del Mauro, psicologa e psicoterapeuta, in stretta collaborazione con la Professoressa Cristina dell Orco è stato realizzato

Dettagli

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO Via F.lli De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia) ; Tel. 030.9038250 Fax 030.9068974 codice ministeriale BSIC89600Q - C.F.

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli