SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU:"

Transcript

1 Centro di Alta Formazione e Ricerca Avanzata QUA_SI SINTESI DELLA RICERCA INTERNAZIONALE SU: CYBERBULLISMO E USO DELLE TECNOLOGIE TRA I GIOVANI DAVIDE DIAMANTINI GIULIA MURA Università di Milano-Bicocca Milano, 3 Novembre 21 1

2 1. COS è il CYBERBULLISMO Litigi iniziati dietro i banchi di scuola che proseguono via SMS, gelosie o incomprensioni nate durante comunicazioni in chat o su un sito di social network che sfociano in aggressioni, pubblicazioni online di video offensivi, violenti e denigratori, sono alcuni degli esempi di cyberbullismo che sempre più spesso vengono riportati da chi lavora a stretto contatto con i giovani e che, sempre più frequentemente, arrivano fino alle pagine dei giornali. A causa della novità del fenomeno però, gli studi e, di conseguenza, la progettazione di azioni efficaci nel prevenirlo e contrastarlo sono ancora insufficienti. A livello accademico, l assenza di una definizione condivisa di cyberbullismo rende difficile confrontare i dati rilevati in diverse nazioni, o anche solo in differenti ricerche. Avendo in mente queste considerazioni, un network internazionale di ricercatori ha messo a punto un progetto di ricerca in grado di rilevare dati comparabili, che permettano di investigare a fondo gli aspetti comuni del fenomeno, e che al contempo siano in grado di evidenziare eventuali specificità attraverso un confronto interculturale. 2. QUALI CENTRI SI SONO OCCUPATI DI QUESTO ARGOMENTO I paesi anglosassoni sono tra i precursori delle ricerche su questo fenomeno, di cui si sono interessati principalmente psicologi ed educatori, da un lato, e avvocati e studiosi della legislazione dall altro. In USA sono già numerose le ricerche volte a monitorare in modo sistematico la diffusione e gli utilizzi di ICT tra i giovani, ad esempio gli studi del 27 promossi dal Pew Internet & American Life Project, e dal National Crime Prevention Council. Nel Regno Unito tale azione è stata intrapresa, tra gli altri, dalle forze congiunte di due colossi quali Action for Children (NCH) e Tesco. Molti sono i siti in inglese nati per fornire informazioni e supporto sul cyberbullismo e l uso sicuro di Internet, ad esempio beatbullying.org nel Regno Unito o cyberbullying.us negli Stati Uniti. Anche la Comunità Europea ha di recente promosso un iniziativa quadriennale (Cyberbullying: coping with negative and enhancing positive uses of new technologies, in relationships in educational settings) che vede la partecipazione di ricercatori di tutta Europa in uno sforzo congiunto di indagine e prevenzione del cyberbullismo. Tutte le survey realizzate hanno concordato nel rilevare la crescente espansione del fenomeno, che segue di pari passo la sempre maggiore diffusione di ICT tra i giovani. Anche in Italia tale problema viene affrontato in stretta collaborazione da esperti del settore dell educazione, della ricerca, ed altri enti come il Telefono Azzurro o la Polizia Postale, impegnati a prevenire e contrastare i crimini online, con un attenzione speciale a stalking e pedopornografia, ovvero due tra le più perniciose evoluzioni del cyberbullying. 3. COSA SI SA GIÀ SU QUESTO ARGOMENTO Le quattro caratteristiche che lo distinguono dal bullismo tradizionale sono: 1. Anonimato: possibilità da parte di chi lancia l attacco di nascondersi dietro a un nickname; 2. Facilità di diffusione: le informazioni messe in rete si diffondono in modo rapidissimo e a volte incontrollabile, anche da parte dei diretti interessati; 3. Impossibilità di sottrarsi all attacco: attraverso telefono cellulare e connessione internet, l attacco può continuare anywhere and anytime; 2

3 4. Intenzionalità dell attacco: la facilità di fraintendimenti e la difficoltà a valutare esattamente la gravità delle azioni messe in atto nel mondo virtuale aumentano il rischio di azioni percepite come più aggressive di quanto inteso dall autore. Le tipologie di attacco si modificano rapidamente, a seconda della tecnologia maggiormente in voga; attualmente quelle con il maggior impatto sembrano essere la diffusione di fotografie e video imbarazzanti, la creazione di hate page, ed il furto di identità virtuale, usate per creare falsi profili sui siti di social network o inviare messaggi compromettenti a nome della vittima. Rispetto al bullismo tradizionale è alta la presenza di giovani che sono allo stesso tempo bulli e vittime, mentre i risultati riguardanti le differenze di genere sono contrastanti. La mancanza di una definizione condivisa rende particolarmente difficile la comparazione dei risultati ottenuti nelle diverse ricerche. Le peculiarità della comunicazione mediata da ICT rendono particolarmente difficile per i ragazzi i processi di empatia e percezione del disagio della controparte, aumentando il rischio di insistere in uno scherzo senza rendersi conto del danno che si sta provocando. La facilità con cui le informazioni viaggiano in rete é alla base di alcuni dei fenomeni più eclatanti quali lo Star wars kid e Moshilla. 4. COSA HA FATTO BICOCCA L Università di Milano-Bicocca ha scelto diversi paesi in via di sviluppo (Brasile, Colombia, India, Turchia), per integrare i dati già presenti in quelli avanzati e per ogni paese ha selezionato un campione di studenti delle scuole superiori cui ha somministrato un ampio questionario durante le ore di scuola, comparandoli con i dati raccolti in Italia. L intento principale della ricerca è stato quello di ottenere una valutazione non solo della diffusione degli episodi di cyberbullismo, ma anche della rappresentazione che i ragazzi hanno del fenomeno, delle differenze nella netiquette adottata, del peso che gli eventuali attacchi subiti hanno avuto nella loro esperienza personale, della distanza tra quanto i ragazzi ritengono lecito fare in Internet o utilizzando il cellulare e ciò che viene considerato illecito per la legislazione nazionale. Il focus della ricerca non è esclusivamente centrato sulle vittime di cyberbullismo, ma su tutte le parti coinvolte, includendo sia i cyberbulli, sia i cosiddetti bystanders, il cui ruolo risulta cruciale nel permettere o bloccare la diffusione dei messaggi offensivi. 5. I RISULTATI IN DUE PAROLE I risultati principali del lavoro dell Università di Milano-Bicocca possono essere riassunti nei seguenti concetti chiave: 1. La comunicazione online avviene principalmente tra persone che si conoscono, per i ragazzi che passano molte ore a scuola, il cyberbullismo è legato ai compagni di classe e all ambiente della scuola. 2. I ragazzi si rendono conto dell ampiezza del fenomeno, ma ne sottovalutano la gravità. Vedono tutto in modo abbastanza goliardico e in termini di affermazione della propria personalità o innalzamento dello status. Non è quindi la possibilità di rimanere anonimi a fare la differenza nella pervasività del fenomeno, quanto il distacco, la difficoltà ad empatizzare provocata dal filtrare la comunicazione attraverso uno schermo. 3

4 3. Grande assente è l educazione alla netiquette: i comportamenti, che pure da un punto di vista legale sono passabili di sanzioni penali, vengono valutati come ammissibili, a seconda del contesto. Se una persona in qualche modo se lo merita, anche il comportamento valutato come immorale o ingiustificabile viene ammesso. 4. Si innesca un circolo vizioso deleterio: spesso chi è vittima è anche bullo, anzi, l essere vittima sembra facilitare il passaggio a bullo. Per gli interventi, è importante individuare le vittime e fermare la catena di azione/reazione. (differenza con bullismo tradizionale) 5. Non c è correlazione tra quanto una persona viene attaccata (la frequenza degli episodi di vittimizzazione), e la sofferenza personale: anche a causa dell effetto di diffusione virale di un attacco via Internet, può bastare un singolo episodio a causare una profonda sofferenza. 6. Il cyberbulllismo appare direttamente collegato e quasi come un effetto collaterale della propensione al narcisismo e della ricerca di empatia facile, immediata, veicolata dalla rete. I ragazzi che sono più esposti a questo tipo di problemi sembrano connessi proprio a questi profili. 7. Gli adulti, all interno della famiglia o del contesto scolastico, non sono un punto di riferimento: non si va a chiedere aiuto ai professori o ai genitori, che sono visti come poco esperti per tutto quello che riguarda il mondo virtuale. 6. I NOSTRI NUMERI Qual è la situazione italiana Il campione. Hanno partecipato alle varie fasi della ricerca 862 studenti italiani di Istituti superiori pubblici (sia licei che Istituti Tecnici o scuole medie), di età compresa tra gli 11 ed i 19 anni, di cui 51% maschi e 49% femmine dell area di Milano e della Provincia. Per quanto riguarda gli episodi di prevaricazione e aggressione, solo il 18% del campione dichiara di non aver subito nemmeno un episodio di aggressione virtuale negli ultimi sei mesi, il 37% è stato attaccato una o due volte, ed il 45% tre volte o più. Gli attacchi possono essere portati avanti con una medesima modalità ripetuta nel tempo, o utilizzando differenti strumenti e modalità. 4

5 Comportamenti di cyberbullismo subiti 14% 23% nessun episodio esclusione forum furto ID pubb mess privati 11% 18% pubb foto sms cattivi 11% 9% 8% 4% 2% commenti su Social Network diff gossip scherzi tel Lo stesso vale per la misurazione degli episodi che vedono i rispondenti parte attiva: il 16% dichiara di non aver mai attuato, negli ultimi sei mesi, alcuno dei comportamenti elencati, il 36% lo ha fatto una o due volte, ed il 48% tre volte o più. Comportamenti di cyberbullismo agiti 23% nessun episodio esclusione da forum 15% furto ID 16% pubb foto sms cattivi 12% 1% 1% 8% 4% 2% pubb mess priv commenti su Social Network diff gossip scherzo tel La differenza Maschi/Femmine: - Le ragazze sembrano avere maggiore moralità e hanno una percezione più netta delle conseguenze e della possibilità di ferire con azioni di cyberbullismo, mentre i ragazzi vivono il tutto in modo decisamente più goliardico; 5

6 - Entrambi i generi fanno cyberbullismo, ma le ragazze sono più orientate al gossip e alle cattive, mentre i ragazzi sono più propensi al furto di ID e alle telefonate Maschi Femmine La situazione internazionale Il questionario è stato sottoposto a un campione di 623 studenti di Brasile, Colombia, India e Turchia, il 58,7% maschi ed il 41,3% femmine, di età compresa tra i 13 ed i 19 anni (m=15,8, Var=1,26) Si tratta di un campione di estrazione socio-economica medio/alta, con un alta percentuale di laureati sia tra i padri che tra le madri. Episodi di aggressione e prevaricazione: Solo il 15% del campione non ha mai subito un episodio di attacco virtuale. Il 5% del campione ha subito minimo 3 attacchi negli ultimi sei mesi. Gli scherzi telefonici, forse i nonni del cyberbullismo, rimangono l attacco denunciato più spesso. Seguono la ricezione di messaggi offensivi o aggressivi su una pagina di social network, la diffusione online di pettegolezzi e, solo leggermente più in coda, la pubblicazione di messaggi privati. Meno frequenti la ricezione di o sms cattivi e la pubblicazione di foto imbarazzati, mentre solo in pochissimi casi viene segnalata l esclusione dai forum online o il furto di ID virtuale. 6

7 Frequenza dei comportamenti di cyberbullismo subiti mai forum furto ID pubb foto pubb priv mess gossip commenti scherzo su Social telefonico Network Comportamenti di cyberbullismo subiti nessuno 22% esclusione da forum 13% furto ID 11% 15% pubb foto pubb priv mess 11% 9% 7% 6% 6% gossip commenti cattivi su Social Network scherzo telefonico Bullismo: Solo il 22% del campione non ha mai fatto alcuna delle azioni indicate come cyber bullismo. Il 42% ha lanciato tre o più attacchi negli ultimi sei mesi. Il fenomeno colpisce in modo abbastanza equilibrato i due sessi, anche se nel campione presente si riscontra una leggerissima propensione al cyber bullismo nei maschi più che nelle ragazze potrebbe essere dovuto ad una diversa possibilità di accesso alle tecnologie). Sembra inoltre raggiungere un picco di diffusione tra i 15 ed i 17 anni. Anche tra gli atti di cyberbullismo compiuti, lo scherzo telefonico è al primo posto. Seguono la pubblicazione di messaggi privati e l aggressione attraverso commenti 7

8 velenosi sulle pagine di social network, segnalati con la medesima frequenza. Troviamo quindi la diffusione online di pettegolezzi e l esclusione da forum. Ancora un gradino più in basso vi è l ammissione di aver inviato mail o sms dal contenuto aggressivo e di aver pubblicato foto compromettenti, e infine, in rarissimi casi, il furto di ID. Comportamenti di cyberbullismo agiti 14% 17% furto ID foto mail 12% 22% forum gossip pubb mess priv 1% commento su Social Network 9% 6% 6% 4% scherzi telefonici nessuno Questi ragazzi usano in modo particolarmente intenso sia il cellulare che internet e valutano le tecnologie come maggiormente funzionali al mantenimento dei rapporti interpersonali Valutazione vittima bullo Come è facile osservare da queste tabelle, la percezione dei ragazzi è quasi esattamente speculare nel valutare gli stessi episodi di cyberbullismo in quanto vittime o perpetratori: se da un lato troviamo le vittime, propense a valutare gli episodi come abbastanza o 8

9 molto spiacevoli, gli stessi ragazzi, quando descrivono come hanno trovato l esperienza di fare del cyberbullismo, tendono a valutarlo come abbastanza/molto divertente. Osservando gli stessi dati da un altro punto di vista, è possibile rilevare che anche tra chi ha dichiarato di non essere mai stato coinvolto in episodi di cyberbullismo troviamo un certo numero sia di divertiti che di persone ferite. Lo stesso vale per chi dichiara di aver vissuto le esperienze solo in quanto vittima, ma esprime una valutazione anche degli episodi agiti, e viceversa di chi si è dichiarato solo bullo, ma poi sostiene di essersi divertito o esserci rimasto male quando si è trovato coinvolto come vittima. Si tratta probabilmente di chi, seppur rassicurato rispetto alla confidenzialità delle informazioni fornite, non ha voluto riportare quanto fatto o subito. In questo gruppo si trovano anche coloro che non hanno partecipato direttamente a degli episodi, ma vi hanno assistito o ne sono venuti a conoscenza. 14 Valutazione dell'esperienza di cybervittimizzazione non coinvolti vittime bulli-vittime bulli 2 Spiacevole Irrilevante Divertente Gli episodi sono spiacevoli non solo per le vittime o i bulli vittima, ma anche per chi ufficialmente si è dichiarato non coinvolto. I bulli per lo più tendono a sottovalutare l esperienza da vittima, definendola come irrilevante. 9

10 14 Valutazione dell'esperienza di cyberbullismo non coinvolti vittime bulli-vittime bulli 2 Spiacevole Irrilevante Divertente Come ci si poteva aspettare, i bulli confermano la valutazione delle loro azioni come divertenti o, al massimo irrilevanti. La stessa tendenza è presente nei bulli/vittime, che di spesso sono ragazzi provocati, che rispondono ad uno stimolo ricevuto. Tra chi si è dichiarato non coinvolto in alcun modo, e chi ha denunciato solo episodi di vittimizzazione, si trovano comunque ragazzi che riportano di aver trovato per lo più irrilevante ma a volte divertente compiere atti di cyberbullismo. Valutando caso per caso quanto ritengano giustificabili/non condannabili i vari comportamenti, troviamo in ordine crescente di gravità: Scherzi telefonici Esclusione da forum Pubblicazione di messaggi privati Commenti cattivi su pagina di Social Network Pettegolezzo online e sms cattivi Pubblicazione di foto Furto ID 1

11 Valutazione di gravità Frequenza episodi Bulli Vittime Scherzi telefonici Furto ID Esclusione da forum Esclusione da Pubblicazione di foto Furto ID forum Pubblicazione e sms cattivo Pubblicazione di foto messaggi privati Commenti cattivi Esclusione da forum e sms cattivo su pagina SN Pettegolezzo online Pettegolezzo online Pubblicazione messaggi privati e sms Pubblicazione Pettegolezzo online cattivo messaggi privati Pubblicazione di foto Commenti cattivi su pagina SN Commenti cattivi su pagina SN Furto ID Scherzi telefonici Scherzi telefonici Il confronto con l Italia Uso tecnologia: Il campione italiano ha maggiore accesso alla tecnologia rispetto ai paesi in via di sviluppo presi in considerazione; tutto il campione ha comunque in media accesso a cellulare e internet almeno una volta al giorno. Vittimizzazione: tranne che per il furto di ID e la pubblicazione di messaggi privati (più frequente nel resto del campione), i ragazzi italiani e quelli di Brasile, Colombia e India riportano simili frequenze nell aver subito aggressioni online. Anche per quanto riguarda la valutazione dell esperienza come più o meno negativa, non ci sono differenze significative. Episodi di cyberbullismo a confronto - vittime 2 1 Italia Estero Bullismo: Non si riscontrano grandi differenze tra il campione italiano e quello straniero. L unico evento significativamente meno frequente è l esclusione dai forum online, che 11

12 in Italia non sembrano essere particolarmente diffusi. Per tutti gli altri fenomeni l andamento è molto simile. Anche la valutazione di tali esperienze è significativamente più positiva nel campione italiano. 2 1,5 1,5 Italia Estero Valutazione Cyberbullismo: gli italiani generalmente valutano gli episodi come meno gravi, rispetto al resto del campione, sia quando si tratta di giudicarli in astratto sia, in modo più marcato, quando rispondono sulla base della loro esperienza diretta Valutazione gravità degli episodi Italia Estero 12

13 7. CHE COSA C È DA FARE L ingresso dei ragazzi nel mondo virtuale sembra richiedere una preparazione specifica, in quanto molte delle norme relazionali acquisite negli anni della formazione non riescono ad essere automaticamente tradotte ad una applicazione efficace nelle comunicazioni mediate da ICT. Il problema deve essere affrontato su due fronti principali: - Sicurezza online: spiegare ai ragazzi quali sono i principali rischi legati alla comunicazione via ICT: la facilità con cui le informazioni lasciate su siti differenti possono essere messe insieme per ricostruire un dettagliatissimo profilo personale, la perdita di controllo sulla propria immagine connessa al pubblicare in rete foto e video personali, la facilità con cui azioni apparentemente innocenti potrebbero portare a conseguenze anche legali (creare un profilo in cui bonariamente viene preso in giro un professore, pubblicare foto piccanti di se stessi e del proprio partner, se anche solo uno de due è minorenne) - Netiquette: sia la famiglia che la scuola si preoccupano, negli anni della formazione, dell educazione civica e morale dei giovani che si avventurano in modo sempre più autonomo ed indipendente nella società. Tale educazione non può prescindere oggigiorno dal tenere in considerazione anche il mondo virtuale al quali i ragazzi rischiano arrivare impreparati. Se da un lato è necessario spiegare come le norme di educazione civile e prudenza valide nella vita quotidiana si declinino nella modalità virtuale, dall altro è necessario provvedere ad una educazione studiata ad hoc che renda i ragazzi consapevoli degli specifici rischi connessi alla comunicazione mediata da ICT, delle difficoltà relative alla lettura ed alla gestione delle emozioni quando ci si relaziona con una controparte invisibile, delle problematiche legate al rispetto della privacy e di tutte quelle norme che consentiranno ai ragazzi di diventare dei buoni (e protetti) cittadini virtuali 8. COSA POSSONO FARE LE FAMIGLIE In questo contento sembra che i genitori abbiano abdicato, riconoscendo nei figli una autorità superiore in materia di computer; rassicurati dal fatto che i figli siano in casa. Ma l esperienza di vita deve poter essere trasposta anche nel mondo virtuale e il genitore deve mantenere vivo l interesse su quello che è un momento di socializzazione importante per i ragazzi. Non accontentarsi dei filtri imposti a priori all hardware, ma chiarire il fatto che le regole di buona educazione e convivenza civile vanno estese anche alle relazioni in Internet è l unica strategia per restituire un ruolo educativo ai genitori e per rendere più sicuri i ragazzi. 9. PERCHÉ LA RICERCA DI BICOCCA È IMPORTANTE Il lavoro del dell Università di Milano-Bicocca è 1) la prima ricerca internazionale con dati comparativi rilevati per accedere a una tendenza intrinseca della rete ovvero anche nei paesi dove la pratica con le nuove tecnologie è meno diffusa; 2) la prima ricerca che intervista i ragazzi come bulli e mette alla prova le ipotesi, fino ad allora, solo teorica della ricerca internazionale sull immagine dei bulli; 3) uno strumento guida per interventi educativi anche per il mondo della scuola e della famiglia. La stessa ricerca ha costituito un momento importante per una presa di coscienza tra i partecipanti, ragazzi e docenti allo stesso tempo, sulla diffusione del fenomeno. 13

14 QUA_SI/UNIVERSISCUOLA, è un centro di alta formazione che si rivolge in primo luogo, ma non esclusivamente, alla scuola. Nasce dalle esperienze di formazione e di collaborazione con le scuole maturate sul campo dall Università di Milano-Bicocca e in particolare, dalle attività di aggiornamento, tirocinio, orientamento, ricerca e sperimentazione in ambito formativo. Il nome del Centro è noto a molte scuole lombarde già convenzionate con l Ateneo con le quali l Università collabora, fa ricerca, si confronta sull orientamento e nelle quali si svolgono i tirocini formativi per i futuri insegnanti. Il centro si propone come interlocutore per sostenerne il processo di crescita qualitativa nell organizzazione, nei contenuti disciplinari e nella didattica attraverso specifiche iniziative di aggiornamento proposte e concordate con le scuole. I servizi di formazione e consulenza sono organizzati secondo un approccio multidisciplinare che privilegia le diverse competenze ed esperienze elaborate dall Università di Milano- Bicocca. Le attività di sostegno alla scuola si realizzano attraverso corsi di formazione. incontri di approfondimento su temi specifici, attività di ricerca sulla valutazione, laboratori didattici intensivi, seminari residenziali. La sede del Centro è presso la Villa Di Breme-Forno, ristrutturata e attrezzata grazie a un accordo con il Comune di Cinisello Balsamo, dove sono attive iniziative formative e scientifiche quali master, seminari e convegni. DIRETTORE: Susanna Mantovani VICE DIRETTORE: Davide Diamantini RESPONSABILE PROGETTI: Mirella Ferrari STAFF: Anna Lettig, Mariangela Tommasone /Universiscuola, Università di Milano-Bicocca Piazza dell Ateneo Nuovo 1, 2126 Milano; Villa di Breme-Forno, Via Martinelli 23, 292 Cinisello Balsamo;

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Dati della Scuola Secondaria di appartenenza Dati dello studente / studentessa CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Non cadere nella rete!

Non cadere nella rete! Non cadere nella rete! Campagna Informativa Non cadere nella rete! Cyberbullismo ed altri pericoli del web RAGAZZI Introduzione In questo opuscolo vi parleremo di cose che apprezzate molto: il computer,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI

GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza GARANTIRE I DIRITTI DEI MINORENNI Vademecum per le forze di polizia a cura del Gruppo Tecnico previsto dal Protocollo d'intesa tra Ministero dell'interno

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli