Classi 2.0 Didattica 2.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classi 2.0 Didattica 2.0"

Transcript

1 Classi 2.0 Didattica 2.0 Scelte didattico organizzative IC Castro dei Volsci di Frosinone

2 La nostra scuola primaria palestra aule laboratori aule uffici anfiteatro

3 idee condivise (anche con il I CD di Cassino altra scuola assegnataria di classi 2.0 con cui abbiamo lavorato insieme) Utilizzo delle TIC all interno della didattica ordinaria, come mediatori didattici importanti per stimolare l attenzione, promuovere la motivazione e facilitare il processo di insegnamento e di apprendimento. Acquisto graduale nel triennio dei materiali previsti in progetto Elaborazione di unità didattiche per ambito e/o insegnamento specialistico, già in programmazione didattica annuale, per progettare ed organizzare la lezione prevedendo l utilizzo delle nuove tecnologie e e la documentazione dell esperienza Ricerca raccolta di link e materiali in rete che possano essere utili per la realizzazione delle attività lezione Condivisione modello didattico Gagnè, ritenuto tra i più completi riguardo alla struttura della lezione e agli eventi pedagogici costitutivi

4 Il LAVORO DI PROGETTAZIONE DEL TEAM Scelta del modello didattico Progettazione didattica e lezione Inserimento delle TIC come mediatori didattici privilegiati Definizione delle competenze Strutturazione delle Unità didattiche

5 Modello didattico : RM Gagnè Eventi considerati nella progettazione della lezione attirare e controllare l attenzione comunicazione dell obiettivo alla classe informare gli alunni dei risultati attesi richiamo dei prerequisiti inerenti al compito presentazione degli stimoli inerenti al compito fa da guida all apprendimento fornire il feedback durante la guida valutare la performance provvedere al transfer assicurare la ritenzione

6 Progettazione didattica e lezione La progettazione didattica viene sviluppata per unità tematiche (riconducibili agli argomenti centrali /trasversali delle aree disciplinari) Per ogni unità sono indicati gli obiettivi in termini di conoscenze ed abilità e la competenza in uscita Ciascun obiettivo è presentato in termini di performance La programmazione della lezione relativa all unit unità didattica è curata dal docente che: prevede i materiali ed i mediatori didattici da utilizzare per stimolare l apprendimento, l per presentare il compito, per la verifica organizza l ambiente l di apprendimento e le modalità di funzionamento dei gruppi di apprendimento

7 Le TIC come mediatori didattici privilegiati Nella programmazione della lezione: per ognuno degli eventi pedagogici si inserisce l utilizzo l delle TIC che integrano la comunicazione verbale e talvolta la sostituiscono l utilizzo delle TIC è specificato sia per le azioni didattiche del docente, sia per le azioni percorsi di apprendimento degli alunni

8 Le competenze Oltre alla verifica del raggiungimento dell obiettivo viene prevista una situazione di problem solving, che consente agli alunni di sperimentare conoscenze ed abilità in situazione d uso d decontestualizzata Competenza = conoscenza, abilità,, atteggiamenti personali in situazione operativa di risoluzione di una situazione problematica diversa dal contesto del compito tipicamente scolastico

9 Le Unità didattiche Sono unità riprese dalla programmazione didattica elaborata per classi parallele all inizio dell anno scolastico Per ogni unità didattica le docenti hanno programmato gli eventi didattici principali della lezione secondo il modello adottato ed hanno previsto i mediatori didattici privilegiati Tra i mediatori didattici indicati in queste unità è centrale l utilizzo della la LIM, del notebook, della fotocamera digitale e della rete

10 Unità didattica programmazione classi terze Obiettivo formativo finale dell unit unità: Osservare, conoscere e presentare il proprio ambiente di vita : Castro dei Volsci Aree disciplinari coinvolte: storia, Italiano, irc e inglese

11 Obiettivi specifici di apprendimento 1) presenta il Paese soffermandoti in particolar modo sugli usi, costumi e i personaggi famosi di Castro, ricercando il materiale da utilizzare da internet e altre fonti di informazione 2) identifica indicandone le caratteristiche essenziali, le tracce ce del passato sul territorio di Castro : preistoria, civiltà romana, medioevo 3) descrivi ed interpreta i segni ed i simboli del cristianesimo nell arte e negli edifici del Paese 4) distingui ed identifica alcune erbe medicinali del territorio o di Castro ed indicane almeno una proprietà 5) presenta il Paese negli elementi che lo caratterizzano: Mamma Ciociara, chiesa di Sant Oliva, Campana della pace, Torre dell orologio, Torrioni, Porte di accesso al paese, utilizzando immagini e parole chiave il proprio paese in L2

12 Presenta il paese utilizzando le informazioni su usi, costumi e personaggi famosi, apprese attraverso la rete e le fonti scritte ed orali raccolte Identifica indicandone le caratteristiche essenziali, le tracce del passato sul territorio di Castro : preistoria, civiltà romana, medioevo Distingui ed identifica alcune erbe medicinali del territorio di Castro ed indicane almeno una proprietà Osservare, conoscere e presentare il proprio ambiente di vita : il Paese Presenta il Paese negli elementi che lo caratterizzano: Mamma Descrivi ed interpreta i segni Ciociara, chiesa di Sant Oliva, ed i simboli del cristianesimo Campana della pace, Torre dell nell arte e negli edifici del orologio, Torrioni, Porte di Paese in cui vivi accesso al paese,, utilizzando immagini e parole in L2

13 UU.DD. Storia Lingua 2 Italiano Scienze Religione

14 STORIA (unità didattica della programmazione di storia IV bimestre OBIETTIVO: Identifica, indicandone le caratteristiche essenziali, le tracce del passato sul territorio di Castro: il periodo preistorico, romano e medievale. ATTIRARE E CONTROLLARE L ATTENZIONE: utilizzo alcuni reperti del passato del paese di Castro: cartoline e foto realizzate dai bambini in occasione dell ultima uscita sul territorio COMUNICARE L OBIETTIVO ALLA CLASSE: visualizzazione obiettivo della lezione e trascrizione sul quaderno delle verifiche RICHIAMO DEI PREREQUISITI INERENTI AL COMPITO: sono richiamati i prerequisiti, ossia la conoscenza delle quattro tipologie di fonti storiche: materiali, iconografiche, scritte ed orali e della sudddivisione della storia nei grandi periodi Con il supporto della LIM si riprenderà la classificazione delle fonti storiche, stimolando gli alunni alla verbalizzazione ed alla reminescenza dei prerequisiti e si visualizzerà la striscia del tempo realizzata dagli alunni (dalla cartella storia )

15 PRESENTAZIONE DEGLI STIMOLI INERENTI AL COMPITO: gli alunni lavoreranno per gruppi di 4/5, eterogenei per livello di apprendimento, ai quali verrà assegnato un tipo di fonte storica da collocare nel tempo e da rintracciare nei luoghi di interesse storico relativi al Paese di Castro dei Volsci. Proiezione video realizzati in occasione delle ultime visite guidate effettuate sul territorio: località Montenero, scavi della Villa Romana, centro storico, biblioteca comunale. Le argomentazioni trattate verranno approfondite attraverso la ricerca nella rete attraverso i link suggeriti a ciascun gruppo L INSEGNANTE FA DA GUIDA ALL APPRENDIMENTO: suggerimenti operativi e indicazioni orientative del docente che ruoterà fra i gruppi in attività FORNIRE IL FEEDBACK DURANTE LA GUIDA: l insegnante verifica e valuta la conoscenza acquisita sugli argomenti trattati attraverso conferme, indicazioni all attenzione e alla revisione del lavoro VALUTARE LA PERFORMANCE: verifica del raggiungimento dell obiettivo attraverso la somministrazione di una prova oggettiva di verifica strutturata dal docente (domande a risposta multipla e quiz con vero/falso ) PROVVEDERE AL TRANSFER: ogni gruppo visualizza, utilizzando la LIM, il proprio lavoro trasferendolo agli altri ASSICURARE LA RITENZIONE: verifica sulla LIM e studio a casa, con approfondimenti assegnati per gruppi ed effettuati sia su internet che documenti e testi posseduti in casa.

16 LINGUA STRANIERA ( unità didattica della programmazione di L2 IV bimestre) OBIETTIVO: presentare il proprio Paese negli elementi che lo caratterizzano: Mamma Ciociara, chiesa di Sant Oliva, Campana della pace, Torre dell orologio, Torrioni, Porte di accesso al Paese, utilizzando immagini e parole chiave il proprio paese in L2 ATTIRARE E CONTROLLARE L ATTENZIONE : l insegnante entra in classe e, per attirare l attenzione, porta con sé diversi materiali, tra i quali alcuni cd su Castro ed inizia a chiedere notizie sul Paese. COMUNICAZIONE DELL OBIETTIVO ALLA CLASSE : l obiettivo viene comunicato alla classe RICHIAMO DEI PREREQUISITI INERENTI AL COMPITO: Richiamo 1.mappa concettuale con notizie su Castro e proiettata sulla LIM, individuando parole chiave relative agli elementi che caratterizzano il Paese; 2.le strutture linguistiche in L2 essenziali per la descrizione, visualizzando i fumetti realizzati in classe (cartella L2) ; 3. richiamo lessicale

17 PRESENTAZIONE DEGLI STIMOLI INERENTI AL COMPITO: l insegnante stimola l attenzione degli alunni proiettando in video del CD ed evidenzia alcune parole chiave in inglese sull argomento trattato. Fa ascoltare la pronuncia delle parole chiave nuove anche attraverso il traduttore in rete L INSEGNANTE FA DA GUIDA ALL APPRENDIMENTO: gli alunni divisi per gruppi realizzano documento formato word di sintesi delle informazioni apprese e delle parole chiave in L2 per descrivere il Paese in L2; l insegnante guida ed aiuta in itinere il percorso di apprendimento fornendo informazioni e non inibendo la spontaneità. FORNIRE IL FEEDBACK DURANTE LA GUIDA : tutte le varie fasi del lavoro svolto sulla LIM vengono riportate nella lista pagine; si classificano le parole chiave; si richiama l attenzione nei vari punti di ritorno trattati; l insegnante offre suggerimenti aggiuntivi e indicazioni orientative VALUTARE LA PERFORMANCE: l insegnante assicurerà i risultati attesi presentando agli alunni giochi interattivi: cruciverba, test con le TIC PROVVEDERE AL TRANSFER: lavorando con più gruppi, ognuno trasferisce agli altri gruppi le conoscenze diverse acquisite attraverso l uso della LIM ed applica l apprendimento per presentare altri soggetti proposti dal docente ASSICURARE LA RITENZIONE: attraverso attività aggiuntive assegnate a casa a cura degli stessi gruppi che prevedono la ricerca di parole chiave su internet, l utilizzo del traduttore.

18 ITALIANO ( unità didattica della programmazione di italiano mese di febbraio marzo) OBIETTIVO: presenta il Paese soffermandosi sugli usi, costumi e i personaggi famosi di Castro, ricercando il materiale da utilizzare da internet e altre fonti di informazione ATTIRARE E CONTROLLARE L ATTENZIONE: l insegnante inizia l attività creando un ambiente positivo all apprendimento,proponendo cartoline in forma cartacea, oggetti, souvenir riferiti al paese per attrarre l attenzione sulle festività più importanti ed i personaggi più conosciuti di Castro e valutando, attraverso domande,la conoscenza dell argomento trattato da parte degli alunni,mentre sono già disposti in gruppi di lavoro. COMUNICAZIONE DELL OBIETTIVO ALLA CLASSE: l insegnante comunica, visualizzandolo, l obiettivo della lezione e precisa che la descrizione del Paese dovrà prevedere almeno 10 elementi descrittivi su sagre, feste popolari e personaggi famosi RICHIAMO DEI PREREQUISITI INERENTI AL COMPITO: richiamo agli alunni la mappa operativa sulla produzione dei testi descrittivi, da utilizzare per parlare di Castro. La mappa è visualizzata e sono poste domande agli alunni per accertare che ognuno ricordi la struttura del testo descrittivo. Esemplificazioni. Inoltre si proietta l intervista su Castro realizzata in biblioteca all Assessore alla cultura e, si ricordano le informazioni acquisite e le esperienze vissute durante le visite guidate sul territorio.

19 PRESENTAZIONE DEGLI STIMOLI INERENTI AL COMPITO: gli alunni,già suddivisi in gruppi, lavorano con i notebook nella produzione di un documento in formato word per descrivere gli aspetti socio culturali di Castro, ricercano informazioni aggiuntive e scaricano immagini significative nei siti indicati dal docente L INSEGNANTE FA DA GUIDA ALL APPRENDIMENTO: l insegnante sarà di aiuto e coordinamento per suggerimenti ed informazioni ulteriori sul lavoro che gli alunni stanno svolgendo, passando tra i gruppi e proponendo, indirettamente, frasi chiave e stimoli diversi e nuovi e monitorando il lavoro effettuato FORNIRE IL FEEDBACK DURANTE LA GUIDA:alunni ed insegnanti interagiscono durante l attività per arricchire le conoscenze, saranno confermate ed apprezzate le affermazioni corrette e saranno corrette quelle sbagliate, motivando incoraggiando ed orientando VALUTARE LA PERFORMANCE: a turno i gruppi illustreranno il loro lavoro, visualizzandolo sullo schermo e contestualmente sia il docente, sia i gruppi non coinvolti integreranno il lavoro e lo correggeranno PROVVEDERE AL TRANSFER: ogni gruppo trasferisce agli altri alunni, mediante il proprio tutor, le informazioni acquisite attraverso le ricerche e lo studio di materiali sia cartacei che virtuali. Successivamente le stesse informazioni saranno utilizzate in altri contesti di apprendimento (anche esterni es presentazione videoregistrata per gli alunni della scuola con cui siamo gemellati) ASSICURARE LA RITENZIONE:. I gruppi saranno impegnati in un lavoro analogo da svolgere a casa e riferito al paese di Vallecorsa.Il docente offre modelli e link

20 SCIENZE ( unità didattica della programmazione di scienze mese di febbraio marzo) OBIETTIVO: identifica le seguenti piante medicinali del territorio di Castro: malva, menta, salvia, borragine e per ognuna e indicane almeno una proprietà. ATTIRARE E CONTROLLARE L ATTENZIONE: l insegnante porta a scuola le piante medicinali da osservare ed invita gli alunni ad esprimere le proprie curiosità e conoscenze. COMUNICARE L OBIETTIVO ALLA CLASSE: si comunica l obiettivo proiettandolo sulla LIM e poi l insegnante, conversando con gli alunni, riferisce che durante la lezione conosceranno meglio alcune piante medicinali che crescono sul territorio di Castro e che una volta si usavano come rimedi per curare alcuni malanni. RICHIAMO DEI PREREQUISITI INERENTI AL COMPITO: si visualizza sulla LIM una tabella sulla classificazione delle piante: alberi, arbusti e erbe, ponendo l attenzione sulle erbe aromatiche e medicinali.

21 PRESENTAZIONE DEGLI STIMOLI: con l ausilio di siti specifici tratti da internet, si proietteranno sulla LIM le immagini delle erbe da osservare nel loro ambiente naturale. Gli alunni, suddivisi in gruppi, seguiranno uno schema visualizzato sulla LIM per preparare poi un file con: l immagine dell erba medicinale, il nome popolare, dove si trova, le proprietà. L insegnante suggerirà anche i siti dai quali scaricare immagini ed informazioni e fornirà l impostazione del file, ossia il programma, il tipo del carattere e la dimensione, affinchè i file siano tutti dello stesso formato. L INSEGNANTE FA DA GUIDA ALL APPRENDIMENTO: l insegnante monitorerà e guiderà gli alunni passando tra i banchi. FORNIRE IL FEEDBACK DURANTE LA GUIDA: l insegnante osserverà il lavoro e fornirà stimoli e suggerimenti per ricordare e consolidare le fasi del percorso. VALUTARE LA PERFORMANCE: ogni gruppo dovrà realizzare il file richiesto e conoscere almeno una proprietà dell erba medicinale su cui ha realizzato il lavoro. PROVVEDERE AL TRANSFER: un alunno del gruppo sarà in grado di illustrare alla classe il lavoro svolto con la realizzazione del file ASSICURARE LA RITENZIONE: l insegnante assegnerà a casa lo stesso lavoro con altre erbe medicinali del territorio: camomilla, tarassaco, finocchio selvatico e ortica. I file saranno utilizzati per la realizzazione di un erbario virtuale.

22 RELIGIONE ( unità didattica della programmazione di religione mese di febbraio marzo) OBIETTIVO: descrivi e interpreta i segni ed i simboli del cristianesimo nell arte e negli edifici del paese in cui viviamo. ATTIRARE E CONTROLLARE L ATTENZIONE: brainstorming: quali sono le chiese che conosciamo? A chi sono dedicate? Dove si trovano? l insegnante riporta sulla LIM le informazioni ricavate e individua la posizione geografica delle chiese di Castro dei Volsci, utilizzando google earth con zoommate successive COMUNICARE L OBIETTIVO ALLA CLASSE: con chiarezza si condivide con gli alunni l obiettivo da raggiungere con l ausilio della LIM RICHIAMO DEI PREREQUISITI INERENTI AL COMPITO: si ricorda che la necessità di avere luoghi di culto e del bisogno di spiritualità per l uomo si èsempre evidenziata nella storia. Ricerca sul vocabolario on line e su wikipedia del significato di culto segno simbolo Richiamo dei principali segni e simboli del cristianesimo appresi

23 PRESENTAZIONE DEGLI STIMOLI INERENTI AL COMPITO: proiezione di materiali inerenti ai luoghi di culto e alle immagini sacre di Castro. Proiezione video visita chiesa di S. Oliva e visita virtuale nella cappella Sistina L INSEGNANTE FA DA GUIDA ALL APPRENDIMENTO: l insegnante assegna il compito di ricercare, per gruppi di bambini, materiale sulle pagine web. evidenzia ciò che èimportante per conseguire l obiettivo prefissato, guidando il percorso necessario per il processo di apprendimento. FORNIRE IL FEEDBACK DURANTE LA GUIDA: le varie fasi del lavoro fatto saranno riportate sulla LIM, elaborando una mappa concettuale. VALUTARE LA PERFORMANCE: domande a risposta multipla PROVVEDERE L TRANSFER: il materiale viene elaborato creando i collegamenti alla mappa concettuale e viene utilizzato per riflessioni sul culto cristiano e sui suoi segni e simboli rintracciabili anche in altri culti ASSICURARE LA RITENZIONE: il materiale viene presentato in Power Point in un documento preparato a casa per gruppi assistiti da un adulto competente nell uso delle ICT e presentato in classe.

24 Documentazione delle attività Le attività ed i loro prodotti sono documentate attraverso: video, foto, presentazioni, supporti iconografici cartacei.le realizzazioni analogiche e/o digitali saranno proiettate ai genitori degli alunni della classe 2.0 già coinvolti fin dalla sua fase iniziale I prodotti degli alunni ed i materiali didattici dei docenti raccolti, digitalizzati, e catalogati costituiranno un patrimonio di risorse a disposizione degli alunni e degli insegnanti per utilizzi futuri

25 L insegnante fa da guida all apprendi mento Osservare le teste e le posture degli alunni.. Un momento interessante delle attività (lezione di scienze)

26 Grazie all USR ed al MIUR per averci consentito di vivere questa esperienza e per l attenzione l preziosa alla programmazione di questi momenti di scambio ed arricchimento reciproco Grazie al coordinatore Daniele Aletti che ci ha incoraggiato ed orientato ed è stato presente (anche fisicamente) in alcune fasi del nostro lavoro Grazie ai docenti che si sono messi in gioco, rivedendo modi di fare didattica consueti e rassicuranti e smanettando progressivamente con le ICT.. (non senza ansie.. ma con grande ed apprezzabile professionalità)

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli