OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione"

Transcript

1 Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1

2 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta estera, confluiti nell OIC 26 - «Operazioni, attività e passività in valuta estera» Sono state date alcune definizioni: - Ricavi e costi di commessa - Ricavo maturato - Revisione di prezzo -Varianti - Stato avanzamento lavori - Incentivi 2

3 OIC 23 - Principali novità Sono stati definiti i requisiti indispensabili al fine di applicare il criterio della «percentuale di completamento» È stato chiarito che nel caso di commesse a breve termine è consentito usare sia il criterio della «commessa completata» che quello della «percentuale di completamento» Sono state precisate le modalità di trattamento contabile di «anticipi» e «acconti» 3

4 OIC 23 - Principali novità È stata chiarita la modalità di imputazione della perdita per completamento commessa e dell uso del fondo rischi e oneri Si è chiarito quando includere tra i ricavi di commessa gli incentivi e le richieste di corrispettivi aggiuntivi Si è chiarito il trattamento contabile dei costi per acquisizione della commessa e dei costi «pre-operativi» 4

5 OIC 23 - Modifiche rispetto alla versione in consultazione «Appaltatore» = «esecutore del lavoro» Il criterio della «percentuale di completamento» «si applica» per i lavori in corso su ordinazione di durata ultrannuale se sono soddisfatte determinate condizioni I costi «pre-operativi» entrano nel computo del margine di commessa «in funzione dell avanzamento dei lavori» Inserite indicazioni relativamente alla capitalizzazione degli oneri finanziari (metodo della percentuale di completamento) 5

6 OIC 23: a chi si applica? Il principio: - si applica per contabilizzare i lavori in corso nei bilanci dell appaltatore (inteso come «esecutore del lavoro») - non si applica né ai beni prodotti per il magazzino (OIC 13 - «Rimanenze»), né a quelli prodotti internamente (OIC 16 - «Immobilizzazioni materiali») 6

7 OIC 23: alcune definizioni RICAVI DI COMMESSA Costituiti dai corrispettivi che vengono pattuiti fra l appaltatore e il committente, comprendono il prezzo, le maggiorazioni conseguenti alle revisioni, incentivi, rettifiche di prezzo, ecc COSTI DI COMMESSA (a preventivo) Costi che si stima verranno sostenuti relativamente a una determinata commessa. Includono costi diretti di commessa (materiali, mano d opera, ecc ), e altri costi che possono essere addebitati al committente sulla base del contratto 7

8 OIC 23: alcune definizioni COSTI DI COMMESSA (a consuntivo) Costi sostenuti dalla data di stipula del contratto ad altra data antecedente il completamento della commessa MARGINE DI COMMESSA Differenza fra ricavi e costi di commessa 8

9 OIC 23: alcune definizioni STATO AVANZAMENTO Altrimenti definibile come «percentuale di completamento» consiste nella misurazione (in percentuale o sulla base di altre misurazioni fisiche) della consistenza dei lavori a una certa data, che precede il completamento della commessa 9

10 OIC 23: alcune definizioni ANTICIPI Importi addebitati ai committenti prima dell inizio dei lavori ACCONTI Importi addebitati in corso d opera, in via non definitiva, «non necessariamente determinati in funzione del valore dei lavori eseguiti» (generalmente per ragioni finanziarie) 10

11 OIC 23: alcune definizioni REVISIONE DEI PREZZI Rappresenta una maggiorazione dei ricavi di commessa sulla base di formule o indici contrattualmente previsti VARIANTI Richieste di modifica del contratto da parte del committente 11

12 OIC 23: alcune definizioni CORRISPETTIVI AGGIUNTIVI (CLAIM) Corrispettivi aggiuntivi richiesti dall appaltatore a fronte di maggiori oneri sostenuti a seguito di richieste del committente (non formalizzate) INCENTIVI Somme addizionali rispetto ai ricavi di commessa che si conseguono al raggiungimento di determinati obiettivi 12

13 OIC 23: alcune definizioni CONTRATTI «A CORRISPETTIVO PREDETERMINATO» Nei contratti di questo tipo l appaltatore esegue l opera sulla base di un prezzo (o più prezzi) pre-determinati (anche su unità prodotte). Sono possibili clausole di revisione CONTRATTI CON «CORRISPETTIVO BASATO SUL COSTO CONSUNTIVO PIÙ MARGINE» In questa tipologia di contratti il corrispettivo viene calcolato sulla base di una misura pari ai costi sostenuti cui viene aggiunto un margine (% spese generali, altre spese, profitto) 13

14 Valutazioni civilistiche - art COMMESSA COMPLETATA (art. 2426, n. 9, c.c.) Valutazione al costo PERCENTUALE DI COMPLETAMENTO (art. 2426, n. 11, c.c.) Valutazione sulla base del corrispettivo maturato contrattualmente (anche se superiore al costo) 14

15 Criterio della Commessa completata CARATTERISTICHE La valutazione non ha correlazioni con il corrispettivo ma è basata sul costo sostenuto. Il criterio è analogo a quello previsto per la valutazione delle rimanenze: valutazione al minore fra costo e presumibile valore di realizzo WARNING Ricavi e utile di commessa solo alla consegna dell opera 15

16 Criterio della Commessa completata VANTAGGI Risultato di commessa basato sui dati definitivi SVANTAGGI Non consente di «spalmare» il risultato di commessa sulla base dello stato avanzamento Può generare «andamenti irregolari» dei singoli risultati d esercizio 16

17 Criterio della Percentuale di completamento CARATTERISTICHE Rispetta il principio della competenza e non viola quello della prudenza Se sono rispettate determinate condizioni, può essere utilizzato per la valutazione dei lavori in corso di durata ultrannuale WARNING Può essere utilizzato solo se esista un contratto «vincolante per le parti» e si può stimare attendibilmente il risultato della commessa 17

18 Condizioni per utilizzo metodo della percentuale di completamento Esistenza di un contratto vincolante per le parti che definisca chiaramente le obbligazioni e il diritto al corrispettivo per l appaltatore Maturazione, con ragionevole certezza, del diritto al corrispettivo Assenza di condizioni di incertezza nel rispetto dell adempimento degli obblighi contrattuali (o di fattori esterni che incidano sul regolare adempimento) Risultato di commessa misurabile attendibilmente 18

19 Ricapitolando Lavori in corso di durata ultrannuale si applica il metodo della percentuale di completamento (se rispettate le condizioni summenzionate), o in alternativa il metodo della commessa completata Lavori in corso di durata inferiore all anno Possono essere valutati con entrambi i metodi non esistendo problemi di irregolarità di valutazione 19

20 Criteri di valutazione: modifica possibile? È consentita la modifica dei criteri di valutazione (art bis); in nota integrativa devono essere indicate le ragioni del cambiamento e gli effetti sull utile d esercizio e sulla situazione patrimoniale (vd. OIC 29 «Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili») 20

21 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Le rimanenze per lavori in corso su ordinazione sono valutate sulla base dei ricavi maturati al termine dell esercizio sulla base dello stato avanzamento lavori Ricavi e costi di commessa sono rilevati nell esercizio di esecuzione dei lavori Perdite probabili sono rilevate nell esercizio in cui sono prevedibili 21

22 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Nella voce A1 devono essere riportati i ricavi delle vendite e prestazioni corrispondenti ai lavori «liquidati in via definitiva nell esercizio» Nella voce A3 (variazione lavori in corso su ordinazione) sono indicate le variazioni conseguenti a lavori «eseguiti ma non ancora liquidati in via definitiva» Nella macroclasse B (costi della produzione) si indicheranno costi e oneri sostenuti nell esercizio 22

23 Percentuale di completamento: rilevazione contabile ANTICIPI e ACCONTI - VOCE D6 Fatturazione provvisoria anticipi o acconti Clienti a Clienti c/anticipi (VOCE D6) Clienti a Clienti c/acconti (VOCE D6) 23

24 Percentuale di completamento: rilevazione contabile ANTICIPI e ACCONTI - VOCE D6 Fatturazione definitiva dei lavori Clienti c/anticipi (VOCE D6) a Ricavi (VOCE A1) Clienti c/acconti (VOCE D6) a Ricavi (VOCE A1) 24

25 Percentuale di completamento: rilevazione contabile RICAVI contabilizzati solo se esiste la certezza che il ricavo è riconosciuto in via definitiva all appaltatore quale corrispettivo per i lavori eseguiti La certezza si ottiene tramite SAL costruito in contraddittorio con il committente e da questo accettato 25

26 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Non sempre le fatturazioni dell appaltatore coincidono con il S.A.L. Le fatturazioni contrattualmente determinate costituiscono «anticipazioni finanziarie» e vanno contabilizzate come anticipi da clienti, a meno che non trovino corrispondenza con i lavori eseguiti 26

27 Percentuale di completamento: iter applicativo Determinazione ammontare ricavi commessa Predisposizione preventivi di costo (secondo iter lavoro) Rilevazione costi consuntivi di commessa Accertamento rilevazione costi commessa tempestivo e coerente con avanzamento fisico 27

28 Percentuale di completamento: iter applicativo Aggiornamento periodico preventivo di costo Aggiornamento ricavi di commessa Appropriata determinazione dello stato avanzamento 28

29 Percentuale di completamento: iter applicativo Accertamento periodico possibile perdita per completamento commessa Effettuazione accantonamenti per costi post chiusura commessa 29

30 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto (cost-to-cost) Costi di commessa sostenuti Percentuale di completamento = Costi totali di commessa stimati Per l applicazione del principio è necessario che esista un sistema procedurale interno che consenta stime attendibili e aggiornate di costi e ricavi di commessa e che tali stime siano formulabili in relazione, ad esempio, al tipo di lavori o alle clausole contrattuali 30

31 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto AGGIORNAMENTO STIME Nel caso di variazione di ricavi/costi di complessivi l esercizio di competenza degli effetti è quello in cui avviene l aggiornamento COSTI RELATIVI AD ATTIVITÀ FUTURE Materiali acquistati ma non ancora utilizzati, somme fatturate dagli appaltatori eccedenti rispetto ai lavori eseguiti, et similia, non vengono considerati nella percentuale di completamento. Ad esempio i materiali sono inclusi nelle rimanenze 31

32 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B Prezzo contratto costo preventivo inizio costo consuntivo 800 inizio anno anno anno anno chiusura anno complessivo

33 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B UTILE LORDO CONTRATTO anno 1 anno 2 anno 3 Prezzo contratto costi a consuntivo costi stimati completamento preventivo costi saldo costi 830 utile lordo del contratto Rapporto costi consuntivi e preventivo costo 25% 60% 100% Utile lordo maturato chius. es in ogni singolo esercizio

34 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B AGGIORNAMENTO PREVENTIVO ANNO 2 - effetti Percentuale completamento 60% Utile lordo contratto su prev aggiornato 96 Utile lordo contratto su prev iniziale 120 Effetto aggiornamento

35 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B COMPOSIZIONE UTILE LORDO COMMESSA ANNO 2 Percentuale avanzamento (60% - 25%) 35% Utile lordo maturato in anno 2 56 percentuale utile lordo anno 1 su consuntivo 40 percentuale utile lordo anno 1 su preventivo 50 diminuzione utile anno 1-10 Utile lordo commessa anno

36 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B CONTO ECONOMICO anno 1 anno 2 anno 3 Ricavi Variazione rimanenze % di (60% di ) Valore della Produzione Costi della Produzione UTILE LORDO MATURATO

37 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate La percentuale di avanzamento è calcolata in funzione delle ore lavorate rispetto alle ore complessive previste Il metodo è consigliabile laddove nella commessa la componente lavoro sia preponderante rispetto agli altri oneri 37

38 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valore aggiunto = Ricavi previsti commessa meno Costi previsti commessa esclusa mano d opera (materiali + costi diretti) Ore necessarie per completamento commessa Valore aggiunto orario = Valore aggiunto complessivo Ore totali previste 38

39 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valore aggiunto = Valore aggiunto orario X ore effettivamente lavorate 39

40 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valutazione opere in corso di esecuzione = Valore aggiunto maturato più Costi effettivi commessa esclusa mano d opera (materiali + costi diretti) 40

41 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Ricavi pattuiti: Costi stimati relativi a materiali: Altri costi diretti (spese assicurative, ecc ): Ore complessive di lavorazione stimate: Ore totali lavorate anno 1: Costo per materiali e altri diretti anno 1:

42 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Anno 1 - valutazione Valore aggiunto stimato: = Valore aggiunto orario: : = 46,96 42

43 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Anno 1 - valutazione Valore aggiunto maturato: Valore aggiunto orario X ore lavorate = 46,96 X = Valorizzazione commessa anno 1: Costi sostenuti anno 1 + Valore aggiunto maturato = =

44 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DELLE UNITÀ CONSEGNATE Applicabile in caso di commesse pluriennali consistenti nella fornitura di beni omogenei in cui il flusso della produzione è allineato a quello delle consegne Le unità di produzione consegnate (o accettate) sono valutate a prezzi contrattuali, quelle in corso di lavorazione o finiti ma non consegnate sono valutate al costo di produzione e vengono classificate fra le rimanenze 44

45 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DELLE MISURAZIONI FISICHE Applicabile per imprese di costruzione nelle quali lo stato avanzamento lavori viene rilevato periodicamente Vengono rilevate le unità prodotte (o dimensione delle opere eseguite o durata lavorazioni eseguite) e si procede alla valutazione sulla base dei prezzi contrattuali Condizione per applicabilità è la statuizione oggettiva dei prezzi per ciascuna opera o lavorazione «nell unità di misura utilizzata per la rilevazione delle quantità prodotte» 45

46 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori METODO DELLE MISURAZIONI FISICHE In questo metodo: i costi afferenti ad attività per le quali non è contrattualmente previsto un prezzo sono sospesi o imputati a conto economico in funzione della percentuale di completamento i costi per materiali acquisiti e non impiegati per opere oggetto di misurazione/valutazione sono sospesi e trattati come rimanenze 46

47 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DEI CORRISPETTIVI UNITARI E CORRISPETTIVI FRAZIONATI In caso di applicazione del criterio della percentuale di completamento è necessario computare il risultato di commessa in funzione dell avanzamento del contratto «considerato nella sua interezza» Se una commessa è suddivisa in più fasi è consentito l utilizzo dei corrispettivi frazionati per alcune fasi solo se si verifichino le condizioni di cui al p.to 84 del Principio OIC 23 47

48 Criterio commessa completata Ricavi e margine di commessa riconosciuti solo al completamento della commessa Valutazione al minore fra il costo di produzione e il valore di realizzazione Si rendono applicabili i principi contenuti nell OIC 13 - Rimanenze 48

49 Criterio commessa completata CONDIZIONI PER RICONOSCIMENTO RICAVI/COSTI DI COMMESSA Costruzione completata e bene accettato dal committente Collaudi effettuati con esito positivo Costi successivi al completamento non significativi Stimabili con ragionevolezza e possibile stanziamento effetti conseguenti a situazioni di incertezza connessi alla commessa (presenti nonostante completamento) 49

50 Possibili modifiche ricavi Revisione dei prezzi Varianti Altre richieste corrispettivi (claim) Incentivi 50

51 Possibili modifiche ricavi Revisione dei prezzi Conseguono a variazioni espressamente previste nel contratto, consistenti nel riconoscimento da parte del committente di maggiori somme a titolo di rimborso di possibili incrementi di oneri legati a fattori produttivi. Se il contratto indica metodi oggettivi per la quantificazione della revisione essi possono essere rilevati fra i ricavi di commessa via via che i lavori vengono eseguiti 51

52 Possibili modifiche ricavi Varianti Sono richieste del committente. Se formalizzate possono comportare una conseguente variazione dei ricavi di commessa 52

53 Possibili modifiche ricavi Altre richieste di corrispettivi (claim) Conseguono a richieste dell appaltatore per rimborso maggiori oneri, varianti non formalizzate, ecc, per cause imputabili al committente. Possono essere contabilizzate solo se alla data del bilancio sono formalmente accettate dal committente (anche in assenza di formalizzazione se ci sono elevate probabilità di accettazione) 53

54 Possibili modifiche ricavi Incentivi Somme aggiuntive ottenute al raggiungimento di determinati obiettivi. Contabilizzate se obiettivo raggiunto entro la data del bilancio (o altamente probabile) 54

55 Altri costi di commessa Costi per acquisizione commessa Costi pre-operativi Costi da sostenersi dopo la chiusura della commessa 55

56 Costi da sostenersi dopo la chiusura della commessa Se si applica valutazione su ricavi/costi di commessa, i costi da successivi alla chiusura della commessa (smobilizzo cantiere, collaudi, penalità contrattuali, manutenzioni, ecc ) devono essere inclusi fra quelli di commessa e nel preventivo di costo Se utilizzati metodi Ricavi-costi, dopo la chiusura della commessa è opportuno effettuare accantonamento a fondo rischi per ammontare di costi non ancora sostenuti Se metodo misurazioni fisiche o simili, accantonamento progressivo 56

57 Perdite probabili Se è prevedibile che i costi superino i ricavi della singola commessa la perdita andrà rilevata in diminuzione dei lavori in corso su ordinazione Se la perdita supera tale misura, l eccedenza rispetto al valore dei lavori in corso è oggetto di accantonamento al fondo rischi 57

58 Oneri finanziari Da rilevarsi tendenzialmente a conto economico dal momento che solitamente i lavori in corso su ordinazione sono finanziati dai committenti attraverso l erogazione di anticipi e acconti 58

59 Oneri finanziari - commessa completata Possono essere inclusi nei costi di commessa se: l appaltatore non riceve anticipi ed acconti in misura tale da evitare squilibri nei flussi finanziari (in sostanza laddove la quota finanziata dal committente non sia rilevante) gli interessi sono recuperabili attraverso i ricavi di commessa (dimostrabile con preventivo che ne tenga conto) 59

60 Oneri finanziari Il Bilancio d'esercizio I nuovi OIC - percentuale di completamento Stesse condizioni della commessa completata più: gli aspetti finanziari sono elemento determinante per valutare la redditività della commessa la percentuale di completamento è stimata con metodi che tengono conto di ricavi e costi di commessa e non con metodo delle misurazioni fisiche o simili 60

61 Indicazioni in nota integrativa ELEMENTI DA INDICARE Criterio scelto: commessa completata o percentuale di completamento Metodo di calcolo dello stato avanzamento Criterio di contabilizzazione costi acquisizione commessa, costi pre-operativi, costi post chiusura Trattamento contabile oneri finanziari (contabilizzabili fra i costi di commessa a determinate condizioni) Ammontare probabili perdite 61

62 Indicazioni in nota integrativa ALTRI IMPEGNI NON RISULTANTI NELLO STATO PATRIMONIALE (impegni per opere e servizi ancora da eseguire se non indicati nei conti d ordine) Effetti aggiornamento preventivi Richieste corrispettivi aggiuntivi Distinzione fra anticipi e acconti (se non effettuata in SP) 62

63 Data di entrata in vigore Il principio si applica «ai bilanci chiusi a partire dal 31 dicembre 2014» 63

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Documento N. 23 della Commissione per la Statuizione dei Principi Contabili SOMMARIO: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO. LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Partecipazioni e azioni proprie

Partecipazioni e azioni proprie OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Partecipazioni e azioni proprie Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli