OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione"

Transcript

1 Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1

2 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta estera, confluiti nell OIC 26 - «Operazioni, attività e passività in valuta estera» Sono state date alcune definizioni: - Ricavi e costi di commessa - Ricavo maturato - Revisione di prezzo -Varianti - Stato avanzamento lavori - Incentivi 2

3 OIC 23 - Principali novità Sono stati definiti i requisiti indispensabili al fine di applicare il criterio della «percentuale di completamento» È stato chiarito che nel caso di commesse a breve termine è consentito usare sia il criterio della «commessa completata» che quello della «percentuale di completamento» Sono state precisate le modalità di trattamento contabile di «anticipi» e «acconti» 3

4 OIC 23 - Principali novità È stata chiarita la modalità di imputazione della perdita per completamento commessa e dell uso del fondo rischi e oneri Si è chiarito quando includere tra i ricavi di commessa gli incentivi e le richieste di corrispettivi aggiuntivi Si è chiarito il trattamento contabile dei costi per acquisizione della commessa e dei costi «pre-operativi» 4

5 OIC 23 - Modifiche rispetto alla versione in consultazione «Appaltatore» = «esecutore del lavoro» Il criterio della «percentuale di completamento» «si applica» per i lavori in corso su ordinazione di durata ultrannuale se sono soddisfatte determinate condizioni I costi «pre-operativi» entrano nel computo del margine di commessa «in funzione dell avanzamento dei lavori» Inserite indicazioni relativamente alla capitalizzazione degli oneri finanziari (metodo della percentuale di completamento) 5

6 OIC 23: a chi si applica? Il principio: - si applica per contabilizzare i lavori in corso nei bilanci dell appaltatore (inteso come «esecutore del lavoro») - non si applica né ai beni prodotti per il magazzino (OIC 13 - «Rimanenze»), né a quelli prodotti internamente (OIC 16 - «Immobilizzazioni materiali») 6

7 OIC 23: alcune definizioni RICAVI DI COMMESSA Costituiti dai corrispettivi che vengono pattuiti fra l appaltatore e il committente, comprendono il prezzo, le maggiorazioni conseguenti alle revisioni, incentivi, rettifiche di prezzo, ecc COSTI DI COMMESSA (a preventivo) Costi che si stima verranno sostenuti relativamente a una determinata commessa. Includono costi diretti di commessa (materiali, mano d opera, ecc ), e altri costi che possono essere addebitati al committente sulla base del contratto 7

8 OIC 23: alcune definizioni COSTI DI COMMESSA (a consuntivo) Costi sostenuti dalla data di stipula del contratto ad altra data antecedente il completamento della commessa MARGINE DI COMMESSA Differenza fra ricavi e costi di commessa 8

9 OIC 23: alcune definizioni STATO AVANZAMENTO Altrimenti definibile come «percentuale di completamento» consiste nella misurazione (in percentuale o sulla base di altre misurazioni fisiche) della consistenza dei lavori a una certa data, che precede il completamento della commessa 9

10 OIC 23: alcune definizioni ANTICIPI Importi addebitati ai committenti prima dell inizio dei lavori ACCONTI Importi addebitati in corso d opera, in via non definitiva, «non necessariamente determinati in funzione del valore dei lavori eseguiti» (generalmente per ragioni finanziarie) 10

11 OIC 23: alcune definizioni REVISIONE DEI PREZZI Rappresenta una maggiorazione dei ricavi di commessa sulla base di formule o indici contrattualmente previsti VARIANTI Richieste di modifica del contratto da parte del committente 11

12 OIC 23: alcune definizioni CORRISPETTIVI AGGIUNTIVI (CLAIM) Corrispettivi aggiuntivi richiesti dall appaltatore a fronte di maggiori oneri sostenuti a seguito di richieste del committente (non formalizzate) INCENTIVI Somme addizionali rispetto ai ricavi di commessa che si conseguono al raggiungimento di determinati obiettivi 12

13 OIC 23: alcune definizioni CONTRATTI «A CORRISPETTIVO PREDETERMINATO» Nei contratti di questo tipo l appaltatore esegue l opera sulla base di un prezzo (o più prezzi) pre-determinati (anche su unità prodotte). Sono possibili clausole di revisione CONTRATTI CON «CORRISPETTIVO BASATO SUL COSTO CONSUNTIVO PIÙ MARGINE» In questa tipologia di contratti il corrispettivo viene calcolato sulla base di una misura pari ai costi sostenuti cui viene aggiunto un margine (% spese generali, altre spese, profitto) 13

14 Valutazioni civilistiche - art COMMESSA COMPLETATA (art. 2426, n. 9, c.c.) Valutazione al costo PERCENTUALE DI COMPLETAMENTO (art. 2426, n. 11, c.c.) Valutazione sulla base del corrispettivo maturato contrattualmente (anche se superiore al costo) 14

15 Criterio della Commessa completata CARATTERISTICHE La valutazione non ha correlazioni con il corrispettivo ma è basata sul costo sostenuto. Il criterio è analogo a quello previsto per la valutazione delle rimanenze: valutazione al minore fra costo e presumibile valore di realizzo WARNING Ricavi e utile di commessa solo alla consegna dell opera 15

16 Criterio della Commessa completata VANTAGGI Risultato di commessa basato sui dati definitivi SVANTAGGI Non consente di «spalmare» il risultato di commessa sulla base dello stato avanzamento Può generare «andamenti irregolari» dei singoli risultati d esercizio 16

17 Criterio della Percentuale di completamento CARATTERISTICHE Rispetta il principio della competenza e non viola quello della prudenza Se sono rispettate determinate condizioni, può essere utilizzato per la valutazione dei lavori in corso di durata ultrannuale WARNING Può essere utilizzato solo se esista un contratto «vincolante per le parti» e si può stimare attendibilmente il risultato della commessa 17

18 Condizioni per utilizzo metodo della percentuale di completamento Esistenza di un contratto vincolante per le parti che definisca chiaramente le obbligazioni e il diritto al corrispettivo per l appaltatore Maturazione, con ragionevole certezza, del diritto al corrispettivo Assenza di condizioni di incertezza nel rispetto dell adempimento degli obblighi contrattuali (o di fattori esterni che incidano sul regolare adempimento) Risultato di commessa misurabile attendibilmente 18

19 Ricapitolando Lavori in corso di durata ultrannuale si applica il metodo della percentuale di completamento (se rispettate le condizioni summenzionate), o in alternativa il metodo della commessa completata Lavori in corso di durata inferiore all anno Possono essere valutati con entrambi i metodi non esistendo problemi di irregolarità di valutazione 19

20 Criteri di valutazione: modifica possibile? È consentita la modifica dei criteri di valutazione (art bis); in nota integrativa devono essere indicate le ragioni del cambiamento e gli effetti sull utile d esercizio e sulla situazione patrimoniale (vd. OIC 29 «Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili») 20

21 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Le rimanenze per lavori in corso su ordinazione sono valutate sulla base dei ricavi maturati al termine dell esercizio sulla base dello stato avanzamento lavori Ricavi e costi di commessa sono rilevati nell esercizio di esecuzione dei lavori Perdite probabili sono rilevate nell esercizio in cui sono prevedibili 21

22 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Nella voce A1 devono essere riportati i ricavi delle vendite e prestazioni corrispondenti ai lavori «liquidati in via definitiva nell esercizio» Nella voce A3 (variazione lavori in corso su ordinazione) sono indicate le variazioni conseguenti a lavori «eseguiti ma non ancora liquidati in via definitiva» Nella macroclasse B (costi della produzione) si indicheranno costi e oneri sostenuti nell esercizio 22

23 Percentuale di completamento: rilevazione contabile ANTICIPI e ACCONTI - VOCE D6 Fatturazione provvisoria anticipi o acconti Clienti a Clienti c/anticipi (VOCE D6) Clienti a Clienti c/acconti (VOCE D6) 23

24 Percentuale di completamento: rilevazione contabile ANTICIPI e ACCONTI - VOCE D6 Fatturazione definitiva dei lavori Clienti c/anticipi (VOCE D6) a Ricavi (VOCE A1) Clienti c/acconti (VOCE D6) a Ricavi (VOCE A1) 24

25 Percentuale di completamento: rilevazione contabile RICAVI contabilizzati solo se esiste la certezza che il ricavo è riconosciuto in via definitiva all appaltatore quale corrispettivo per i lavori eseguiti La certezza si ottiene tramite SAL costruito in contraddittorio con il committente e da questo accettato 25

26 Percentuale di completamento: rilevazione contabile Non sempre le fatturazioni dell appaltatore coincidono con il S.A.L. Le fatturazioni contrattualmente determinate costituiscono «anticipazioni finanziarie» e vanno contabilizzate come anticipi da clienti, a meno che non trovino corrispondenza con i lavori eseguiti 26

27 Percentuale di completamento: iter applicativo Determinazione ammontare ricavi commessa Predisposizione preventivi di costo (secondo iter lavoro) Rilevazione costi consuntivi di commessa Accertamento rilevazione costi commessa tempestivo e coerente con avanzamento fisico 27

28 Percentuale di completamento: iter applicativo Aggiornamento periodico preventivo di costo Aggiornamento ricavi di commessa Appropriata determinazione dello stato avanzamento 28

29 Percentuale di completamento: iter applicativo Accertamento periodico possibile perdita per completamento commessa Effettuazione accantonamenti per costi post chiusura commessa 29

30 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto (cost-to-cost) Costi di commessa sostenuti Percentuale di completamento = Costi totali di commessa stimati Per l applicazione del principio è necessario che esista un sistema procedurale interno che consenta stime attendibili e aggiornate di costi e ricavi di commessa e che tali stime siano formulabili in relazione, ad esempio, al tipo di lavori o alle clausole contrattuali 30

31 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto AGGIORNAMENTO STIME Nel caso di variazione di ricavi/costi di complessivi l esercizio di competenza degli effetti è quello in cui avviene l aggiornamento COSTI RELATIVI AD ATTIVITÀ FUTURE Materiali acquistati ma non ancora utilizzati, somme fatturate dagli appaltatori eccedenti rispetto ai lavori eseguiti, et similia, non vengono considerati nella percentuale di completamento. Ad esempio i materiali sono inclusi nelle rimanenze 31

32 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B Prezzo contratto costo preventivo inizio costo consuntivo 800 inizio anno anno anno anno chiusura anno complessivo

33 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B UTILE LORDO CONTRATTO anno 1 anno 2 anno 3 Prezzo contratto costi a consuntivo costi stimati completamento preventivo costi saldo costi 830 utile lordo del contratto Rapporto costi consuntivi e preventivo costo 25% 60% 100% Utile lordo maturato chius. es in ogni singolo esercizio

34 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B AGGIORNAMENTO PREVENTIVO ANNO 2 - effetti Percentuale completamento 60% Utile lordo contratto su prev aggiornato 96 Utile lordo contratto su prev iniziale 120 Effetto aggiornamento

35 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B COMPOSIZIONE UTILE LORDO COMMESSA ANNO 2 Percentuale avanzamento (60% - 25%) 35% Utile lordo maturato in anno 2 56 percentuale utile lordo anno 1 su consuntivo 40 percentuale utile lordo anno 1 su preventivo 50 diminuzione utile anno 1-10 Utile lordo commessa anno

36 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Costo sostenuto Esempio OIC 23 - Appendice B CONTO ECONOMICO anno 1 anno 2 anno 3 Ricavi Variazione rimanenze % di (60% di ) Valore della Produzione Costi della Produzione UTILE LORDO MATURATO

37 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate La percentuale di avanzamento è calcolata in funzione delle ore lavorate rispetto alle ore complessive previste Il metodo è consigliabile laddove nella commessa la componente lavoro sia preponderante rispetto agli altri oneri 37

38 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valore aggiunto = Ricavi previsti commessa meno Costi previsti commessa esclusa mano d opera (materiali + costi diretti) Ore necessarie per completamento commessa Valore aggiunto orario = Valore aggiunto complessivo Ore totali previste 38

39 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valore aggiunto = Valore aggiunto orario X ore effettivamente lavorate 39

40 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate METODOLOGIA DI CALCOLO Valutazione opere in corso di esecuzione = Valore aggiunto maturato più Costi effettivi commessa esclusa mano d opera (materiali + costi diretti) 40

41 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Ricavi pattuiti: Costi stimati relativi a materiali: Altri costi diretti (spese assicurative, ecc ): Ore complessive di lavorazione stimate: Ore totali lavorate anno 1: Costo per materiali e altri diretti anno 1:

42 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Anno 1 - valutazione Valore aggiunto stimato: = Valore aggiunto orario: : = 46,96 42

43 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Ore lavorate ESEMPIO Anno 1 - valutazione Valore aggiunto maturato: Valore aggiunto orario X ore lavorate = 46,96 X = Valorizzazione commessa anno 1: Costi sostenuti anno 1 + Valore aggiunto maturato = =

44 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DELLE UNITÀ CONSEGNATE Applicabile in caso di commesse pluriennali consistenti nella fornitura di beni omogenei in cui il flusso della produzione è allineato a quello delle consegne Le unità di produzione consegnate (o accettate) sono valutate a prezzi contrattuali, quelle in corso di lavorazione o finiti ma non consegnate sono valutate al costo di produzione e vengono classificate fra le rimanenze 44

45 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DELLE MISURAZIONI FISICHE Applicabile per imprese di costruzione nelle quali lo stato avanzamento lavori viene rilevato periodicamente Vengono rilevate le unità prodotte (o dimensione delle opere eseguite o durata lavorazioni eseguite) e si procede alla valutazione sulla base dei prezzi contrattuali Condizione per applicabilità è la statuizione oggettiva dei prezzi per ciascuna opera o lavorazione «nell unità di misura utilizzata per la rilevazione delle quantità prodotte» 45

46 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori METODO DELLE MISURAZIONI FISICHE In questo metodo: i costi afferenti ad attività per le quali non è contrattualmente previsto un prezzo sono sospesi o imputati a conto economico in funzione della percentuale di completamento i costi per materiali acquisiti e non impiegati per opere oggetto di misurazione/valutazione sono sospesi e trattati come rimanenze 46

47 Metodi di determinazione Stato avanzamento lavori Altri metodi METODO DEI CORRISPETTIVI UNITARI E CORRISPETTIVI FRAZIONATI In caso di applicazione del criterio della percentuale di completamento è necessario computare il risultato di commessa in funzione dell avanzamento del contratto «considerato nella sua interezza» Se una commessa è suddivisa in più fasi è consentito l utilizzo dei corrispettivi frazionati per alcune fasi solo se si verifichino le condizioni di cui al p.to 84 del Principio OIC 23 47

48 Criterio commessa completata Ricavi e margine di commessa riconosciuti solo al completamento della commessa Valutazione al minore fra il costo di produzione e il valore di realizzazione Si rendono applicabili i principi contenuti nell OIC 13 - Rimanenze 48

49 Criterio commessa completata CONDIZIONI PER RICONOSCIMENTO RICAVI/COSTI DI COMMESSA Costruzione completata e bene accettato dal committente Collaudi effettuati con esito positivo Costi successivi al completamento non significativi Stimabili con ragionevolezza e possibile stanziamento effetti conseguenti a situazioni di incertezza connessi alla commessa (presenti nonostante completamento) 49

50 Possibili modifiche ricavi Revisione dei prezzi Varianti Altre richieste corrispettivi (claim) Incentivi 50

51 Possibili modifiche ricavi Revisione dei prezzi Conseguono a variazioni espressamente previste nel contratto, consistenti nel riconoscimento da parte del committente di maggiori somme a titolo di rimborso di possibili incrementi di oneri legati a fattori produttivi. Se il contratto indica metodi oggettivi per la quantificazione della revisione essi possono essere rilevati fra i ricavi di commessa via via che i lavori vengono eseguiti 51

52 Possibili modifiche ricavi Varianti Sono richieste del committente. Se formalizzate possono comportare una conseguente variazione dei ricavi di commessa 52

53 Possibili modifiche ricavi Altre richieste di corrispettivi (claim) Conseguono a richieste dell appaltatore per rimborso maggiori oneri, varianti non formalizzate, ecc, per cause imputabili al committente. Possono essere contabilizzate solo se alla data del bilancio sono formalmente accettate dal committente (anche in assenza di formalizzazione se ci sono elevate probabilità di accettazione) 53

54 Possibili modifiche ricavi Incentivi Somme aggiuntive ottenute al raggiungimento di determinati obiettivi. Contabilizzate se obiettivo raggiunto entro la data del bilancio (o altamente probabile) 54

55 Altri costi di commessa Costi per acquisizione commessa Costi pre-operativi Costi da sostenersi dopo la chiusura della commessa 55

56 Costi da sostenersi dopo la chiusura della commessa Se si applica valutazione su ricavi/costi di commessa, i costi da successivi alla chiusura della commessa (smobilizzo cantiere, collaudi, penalità contrattuali, manutenzioni, ecc ) devono essere inclusi fra quelli di commessa e nel preventivo di costo Se utilizzati metodi Ricavi-costi, dopo la chiusura della commessa è opportuno effettuare accantonamento a fondo rischi per ammontare di costi non ancora sostenuti Se metodo misurazioni fisiche o simili, accantonamento progressivo 56

57 Perdite probabili Se è prevedibile che i costi superino i ricavi della singola commessa la perdita andrà rilevata in diminuzione dei lavori in corso su ordinazione Se la perdita supera tale misura, l eccedenza rispetto al valore dei lavori in corso è oggetto di accantonamento al fondo rischi 57

58 Oneri finanziari Da rilevarsi tendenzialmente a conto economico dal momento che solitamente i lavori in corso su ordinazione sono finanziati dai committenti attraverso l erogazione di anticipi e acconti 58

59 Oneri finanziari - commessa completata Possono essere inclusi nei costi di commessa se: l appaltatore non riceve anticipi ed acconti in misura tale da evitare squilibri nei flussi finanziari (in sostanza laddove la quota finanziata dal committente non sia rilevante) gli interessi sono recuperabili attraverso i ricavi di commessa (dimostrabile con preventivo che ne tenga conto) 59

60 Oneri finanziari Il Bilancio d'esercizio I nuovi OIC - percentuale di completamento Stesse condizioni della commessa completata più: gli aspetti finanziari sono elemento determinante per valutare la redditività della commessa la percentuale di completamento è stimata con metodi che tengono conto di ricavi e costi di commessa e non con metodo delle misurazioni fisiche o simili 60

61 Indicazioni in nota integrativa ELEMENTI DA INDICARE Criterio scelto: commessa completata o percentuale di completamento Metodo di calcolo dello stato avanzamento Criterio di contabilizzazione costi acquisizione commessa, costi pre-operativi, costi post chiusura Trattamento contabile oneri finanziari (contabilizzabili fra i costi di commessa a determinate condizioni) Ammontare probabili perdite 61

62 Indicazioni in nota integrativa ALTRI IMPEGNI NON RISULTANTI NELLO STATO PATRIMONIALE (impegni per opere e servizi ancora da eseguire se non indicati nei conti d ordine) Effetti aggiornamento preventivi Richieste corrispettivi aggiuntivi Distinzione fra anticipi e acconti (se non effettuata in SP) 62

63 Data di entrata in vigore Il principio si applica «ai bilanci chiusi a partire dal 31 dicembre 2014» 63

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi

OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi Dal principio sono stralciati i paragrafi riguardanti le commesse in valuta estera in attesa dell approvazione dell OIC 26 Si definiscono

Dettagli

DOCUMENTO A CURA DELLA COMMISSIONE PRINCIPI CONTABILI (Presidente Claudia Mezzabotta)

DOCUMENTO A CURA DELLA COMMISSIONE PRINCIPI CONTABILI (Presidente Claudia Mezzabotta) DOCUMENTO A CURA DELLA COMMISSIONE PRINCIPI CONTABILI (Presidente Claudia Mezzabotta) Gruppo di studio: Myriam Amato, Franco Grasso, Alessandra Maggioni, Fabio Mischi, Barbara Premoli, Anna Maria Sanchirico,

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le rimanenze di magazzino 1 Le rimanenze 1) DEFINIZIONE: individuazione del significato e delle caratteristiche 2) QUANTIFICAZIONE: enumerazione

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23)

Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23) Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

OPERAZIONI, ATTIVITÀ E PASSIVITÀ IN VALUTA ESTERA

OPERAZIONI, ATTIVITÀ E PASSIVITÀ IN VALUTA ESTERA OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OPERAZIONI, ATTIVITÀ E PASSIVITÀ IN VALUTA ESTERA BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 23 Lavori in corso su ordinazione OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Classificazione Rilevazione dei corrispettivi fatturati a titolo definitivo

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

Bilancio Conto economico

Bilancio Conto economico Bilancio Conto economico Le perdite su «Lavori in corso su ordinazione» nel bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Le perdite su «lavori in corso su ordinazione» devono essere imputate al conto economico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali

IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali IAS 37 - OIC 31: Accantonamenti, attività e passività potenziali Roma, marzo/maggio 2015 Finalità dei due principi IAS 37 OIC 31 Assicurare che agli accantonamenti e alle passività e attività potenziali:

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera - Sintesi dei principali interventi

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera - Sintesi dei principali interventi OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera - Sintesi dei principali interventi Ai fini della conversione delle poste in valuta l OIC 26 segue un approccio basato sulla distinzione tra poste

Dettagli

Bilancio: l attivo circolante e le passività

Bilancio: l attivo circolante e le passività Bilancio: l attivo circolante e le passività e il passivo Riferimenti normativi e disposizioni contabili 2424-2424 bis -2426-2427 c.c. - Rappresentazione, definizione, valutazione e informazioni integrative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Il bilancio delle società di capitali

Il bilancio delle società di capitali Il bilancio delle società di capitali RIMANENZE La voce comprende: - le merci: i prodotti che l impresa acquista per la rivendita; - le materie prime: le materie e le sostanze che sono destinate ad entrare

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

RIMANENZE DI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (LCO)

RIMANENZE DI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (LCO) RIMANENZE DI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE (LCO) Caratteri economico-aziendali Criteri di valutazione Metodo della commessa completata Art. 2426, n. 9: iscrizione al costo di acquisto o di produzione,

Dettagli

BILANCIO 2015: APPROVAZIONE e NOVITÀ CONTABILI

BILANCIO 2015: APPROVAZIONE e NOVITÀ CONTABILI Circolare informativa per la clientela n. 8 del 06 marzo 2015 BILANCIO 2015: APPROVAZIONE e NOVITÀ CONTABILI In questa Circolare 1. Termini e modalità di approvazione del bilancio 2. Adozione dei nuovi

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO OPERAZIONI E POSTE IN VALUTA Documento n. 3 del 12 gennaio 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting Construction Contracts IAS 11 1 International Financial Reporting Introduzione Obiettivi ü Identificare le parti coinvolte nel progetto ü Elencare e descrivere le tipologie di contraenti coinvolte ü Definire

Dettagli

Il capitale circolante

Il capitale circolante j l k l d o ^ c f b C o n t a b i l i t à e b i l a n c i o Renzo Pravisano Il capitale circolante RIMANENZE, CREDITI E DEBITI, DISPONIBILITÀ LIQUIDE Valutazione Analisi finanziaria per indici e flussi

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015 Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE Anno Accademico 2014-2015 Parte speciale: la logica e il sistema delle rilevazioni

Dettagli

LE NOVITÀ DEL BILANCIO 2013

LE NOVITÀ DEL BILANCIO 2013 GLI ASPETTI PRINCIPALI 1. Perdite su crediti Novità della Legge di stabilità 2014 (L. 147/2013) 2. Utilizzo Fondo svalutazione crediti alla luce dei «mini crediti» 3. Correzione errori Circolare 31/E/2013

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.

In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc. Le Rimanenze In questa lezione verranno trattate le rimanenze di magazzino «propriamente dette» : materie prime, semilavorati, prodotti finiti, etc.; in un apposita lezione verranno trattate le rimanenze

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Lavori in corso su ordinazione

PRINCIPI CONTABILI. Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/IR DEL 16 NOVEMBRE 2010

CIRCOLARE N. 21/IR DEL 16 NOVEMBRE 2010 CIRCOLARE N. 21/IR DEL 16 NOVEMBRE 2010 OPERE ULTRANNUALI ADEMPIMENTO DEL CONTRATTO, TRATTAMENTO CONTABILE E IMPLICAZIONI FISCALI SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La disciplina del contratto di appalto:cenni.

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli

RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO 1. Matteo Pozzoli RIMANENZE DI MAGAZZINO E LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Matteo Pozzoli Premessa: La presente dispensa è specificamente indirizzata agli studenti del corso di Contabilità e Bilancio per i percorsi MII e

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa

Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 285 CAPITOLO 6 Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa SOMMARIO SEZIONE I Definizioni e regole generali I. Principi applicabili 2200 II.

Dettagli

LAVORATORI DIPENDENTI. LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE infrannuali e ultrannuali - Art. 92 / 93 / 2426

LAVORATORI DIPENDENTI. LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE infrannuali e ultrannuali - Art. 92 / 93 / 2426 L LAVORATORI DIPENDENTI Vedi: Retribuzioni e contributi dipendenti - Trattamento di fine rapporto LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE infrannuali e ultrannuali - Art. 92 / 93 / 2426 I principali casi ipotizzabili

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002)

ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002) ESAME DI CONTABILITÀ AZIENDALE E BILANCIO (COD. 20002) SOLUZIONE 06/07/2005 Tempo a disposizione: ore 1. 30 ESERCIZIO 1 In data 20/04/2004 si approva il bilancio della Purchasing S.p.A. relativo all esercizio

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

I FONDI RISCHI ED ONERI. a cura di Fabrizio Bava Docente di Bilancio d esercizio - Università degli Studi di Torino Dottore Commercialista

I FONDI RISCHI ED ONERI. a cura di Fabrizio Bava Docente di Bilancio d esercizio - Università degli Studi di Torino Dottore Commercialista I FONDI RISCHI ED ONERI a cura di Fabrizio Bava Docente di Bilancio d esercizio - Università degli Studi di Torino Dottore Commercialista 1 modulo I fondi per rischi ed oneri: aspetti generali I FONDI

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione CONSORZIO GROSSETO LAVORO (consorzio costituito ai sensi dell'art. 2602 e seg. del Codice Civile) Sede Legale: VIA CAIROLI 3 GROSSETO (GR) Iscritta al Registro Imprese di: GROSSETO C.F. e numero iscrizione:

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Nona lezione: Le rimanenze di magazzino Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Le rimanenze nello SP C) ATTIVO CIRCOLANTE I - Rimanenze: 1) materie

Dettagli

Principi contabili nazionali

Principi contabili nazionali www.pwc.com/it Principi contabili nazionali Tutte le novità introdotte dall Organismo Italiano di Contabilità 2 Principi contabili nazionali L OIC ha pubblicato le nuove versioni dei principi contabili

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa

Fiscal News N. 105. Rimanenze: valutazione di materie e merci. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2014. Rivalutazione beni d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 105 08.04.2014 Rimanenze: valutazione di materie e merci Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili In chiusura del

Dettagli

HOTEL PARCO DEI PRINCIPI S.R.L. UNIPERSONALE

HOTEL PARCO DEI PRINCIPI S.R.L. UNIPERSONALE HOTEL PARCO DEI PRINCIPI S.R.L. UNIPERSONALE Sede legale: LUNGOMARE DE GASPERI 70 GROTTAMMARE (AP) Iscritta al Registro Imprese di ASCOLI PICENO C.F. e numero iscrizione 01151770441 Iscritta al R.E.A.

Dettagli

I nuovi principi OIC: le novità e criticità in bilancio

I nuovi principi OIC: le novità e criticità in bilancio I nuovi principi OIC: le novità e criticità in bilancio a cura di Claudia Mezzabotta Dottore commercialista e revisore legale in Milano Membro EFRAG SME WG Bruxelles 10 marzo 2015 Incontro del Martedì

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali. di Roberto Moro Visconti (*)

Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali. di Roberto Moro Visconti (*) Bilancio TFR Trattamento di fine rapporto: «questione» italiana, principi internazionali di Roberto Moro Visconti (*) Se il TFR può considerarsi una prerogativa italiana e in tal senso disciplinata dall

Dettagli

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione.

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. I DEBITI I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. Principio contabile nazionale Doc. n. 19 Definizione

Dettagli

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

Le immobilizzazioni immateriali

Le immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali B) IMMOBILIZZAZIONI I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento; 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità; 3) diritti di brevetto industriale

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014

FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI. Relazione sulla gestione alla relazione economico patrimoniale al 31/12/2014 FONDAZIONE DELL'ORDINE DEGLI INGEGNERI Sede in VIA CEFALONIA 70-25100 BRESCIA (BS) Fondo di Dotazione dell Ordine degli Ingegneri di Brescia Euro 51.661,00 I.V. Relazione sulla gestione alla relazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 ASSOCIAZIONE DI MUTUA ASSISTENZA TRA IL PERSONALE DELLA BANCA MPS NOTA INTEGRATIVA DEL RENDICONTO 2014 ESERCIZIO 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 Introduzione Il Bilancio al 31 Dicembre 2014 è formato dallo

Dettagli

Consiglio Nazionale Dottori commercialisti e Ragionieri. Documento n. 23

Consiglio Nazionale Dottori commercialisti e Ragionieri. Documento n. 23 Consiglio Nazionale Dottori commercialisti e Ragionieri Documento n. 23 LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Indice: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Documento N. 23 della Commissione per la Statuizione dei Principi Contabili SOMMARIO: SCOPO E CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO. LA CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa

LA NOTA INTEGRATIVA. a cura di Norberto Villa LA NOTA INTEGRATIVA a cura di Norberto Villa Vecchio Codice 4 mesi 6 mesi se 2364-2 Nuovo Codice 120 giorni 180 giorni se Previsto da statuto Esigenze particolari Previsto da statuto Nel caso di... Nel

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

REVISIONE del FONDO per RISCHI ed ONERI e del TFR

REVISIONE del FONDO per RISCHI ed ONERI e del TFR REVISIONE LEGALE Guida alla REVISIONE del FONDO per RISCHI ed ONERI e del TFR Approfondiamo il tema della revisione dedicata ai fondi: rischi ed oneri e Tfr, con il dettaglio delle modalità operative finalizzate

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

Brescia, 9 febbraio 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 9 febbraio 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 9 febbraio 2015 OIC 12 COMPOSIZIONE E SCHEMI DEL BILANCIO DI ESERCIZIO www.pirolapennutozei.it PRELIMINARY REMARKS L OIC (Organismo Italiano di Contabilità) ha elaborato una nuova edizione dell

Dettagli

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO

COSTI DI RICERCA E SVILUPPO 4 COSTI DI RICERCA E SVILUPPO Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC 12; Documento OIC 16; Documento OIC 24; Guida all applicazione dell impairment test dello IAS 36 1 PREMESSA La voce B.I.2 dello Stato

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO

IL COMMERCIALISTA VENETO IL COMMERCIALISTA VENETO n. 177 - MAGGIO / GIUGNO 2007 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le norme IAS-IFRS Breve sintesi dei nuovi Principi Contabili Internazionali ADRIANO

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright:

COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright: COME FARE UN INVENTARIO DI MAGAZZINO: I BENI IN CATEGORIE OMOGENEE by Fabriziomax copyright: A tal fine, il primo passo da compiere per la determinazione del valore è quello di raggruppare i beni in categorie

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2 4 COSTI DI PUBBLICITÀ Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC n. 24; Comitato consultivo per le norme antielusive, pareri 19.2.2001 n. 1; 24.2.2004 n. 1; 5.5.2005 n. 8 e 7.3.2006 n. 5; R.M. 5.11.74 n. 2/1016;

Dettagli

Struttura e contenuto del bilancio d esercizio

Struttura e contenuto del bilancio d esercizio Struttura e contenuto del bilancio d esercizio Che cos è il bilancio? 1. E il documento sul quale confluiscono le rilevazioni sistemiche effettuate tramite la CO.GE. 2. E il documento attraverso il quale

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010

DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 DYNAMO ACADEMY SRL IMPRESA SOCIALE UNIPERSONALE Sede in VIA XIMENES N. 662-51028 SAN PARCELLO PISTOIESE (PT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Cod. fisc. e Reg. Imp. Pistoia 01722500475 - Rea 173738

Dettagli

COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876. Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999

COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876. Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999 COLLEGIO DEI RAGIONIERI DI BRESCIA 25122 BRESCIA, VIA MARSALA 17 TEL. (030) 3754670 - FAX (030) 3754876 E-Mail: raggbs@numerica.it Prot. n. 49/99 Brescia, 18 gennaio 1999 A Tutti i Colleghi L o r o S e

Dettagli