VD2-16 VD2-16. Visualizzatore di grandezze analogiche e di testi con ingresso diretto/binario/seriale. Visualizzatore di messaggi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VD2-16 VD2-16. Visualizzatore di grandezze analogiche e di testi con ingresso diretto/binario/seriale. Visualizzatore di messaggi"

Transcript

1 VD2-16 Visualizzatore di grandezze analogiche e di testi con ingresso diretto/binario/seriale Manuale versione Luglio 1999 FOXEL Electronics S.r.l Via Frasconà, VIGEVANO PAVIA ITALY Tel.: Fax: Ver. 2.0 Luglio

2 INDICE Il Visualizzatore VD Caratteristiche principali... 3 Caratteristiche tecniche... 5 Dimensioni... 7 Collegamenti... 8 Collegamento RS Schemi tipici di collegamento... 9 Descrizione dei tasti frontali Funzionamento Programmazione manuale tramite tastiera Il Software per la programmazione seriale Caratteristiche e funzioni del software Programmazione dei messaggi e degli allarmi Lettura allarmi Configurazione degli ingressi analogici Configurazione del visualizzatore VD Monitor Seriale Per i programmatori Protocollo di comunicazione seriale per display VD Lista parametri Nota: Le informazioni contenute in questo manuale possono essere soggette a modifiche in qualsiasi momento e senza preavviso. Si declina inoltre ogni responsabilità per un uso improprio o errato dello strumento che possa arrecare danno a persone o cose 2 Ver. 2.0 Luglio 1999

3 Il Visualizzatore VD2-16 VD2-16 è uno strumento che permette di visualizzare, in modo personalizzato, messaggi e valori analogici per il controllo in ambito industriale, impiantistico e domestico. Grazie alla sua flessibilità, VD2-16 rende comprensibile all utente qualsiasi informazione relativa ad allarmi, eventi e misure facilitando la gestione di qualsiasi impianto o macchina. I settori di impiego del visualizzatore VD2-16 sono molteplici; fra questi ricordiamo: Macchine Processi industriali Impianti Building automation Impianti di allarme e segnalazione ATTENZIONE: il presente manuale si riferisce al visualizzatore VD2-16 ver. 2.x (verificare la versione in vostro possesso riportata nella casella firmware sulla targhetta posta sullo strumento). La versione del firmware viene inoltre visualizzata sul display LCD all accensione dello strumento per circa un secondo. Caratteristiche principali VD2-16 può memorizzare sino a 130 messaggi di 2 righe per 16 caratteri; ogni messaggio viene richiamato e visualizzato sul display LCD retro illuminato al verificarsi dell evento ad esso associato. Per quanto riguarda il richiamo dei messaggi memorizzati, sono possibili due modi di funzionamento: DIRETTO: ognuno dei 16 ingressi richiama il corrispondente messaggio; in questo modo possono essere visualizzati sino a 16 stati/allarmi. Questo tipo di funzionamento risulta comodo quando si vuole collegare lo strumento a contatti presenti in campo. BINARIO: l equivalente codice binario presente agli ingressi richiama il relativo messaggio; in questo modo possono essere visualizzati sino a 127 stati/allarmi. Questo tipo di funzionamento risulta comodo quando si vuole collegare lo strumento ad un PLC. Gli eventi appena descritti verranno d ora in poi, in questo manuale, chiamati eventi o allarmi digitali, in quanto si riferiscono a stati ON-OFF. È possibile inoltre un terzo modo di funzionamento: mediante un Personal Computer si possono inviare al display i testi da visualizzare tramite la linea seriale; in questo modo il visualizzatore funziona come semplice monitor remoto controllato da PC. Lo strumento comprende due relè interni per la gestione, ad esempio, di allarme e preallarme (OUT1 e OUT2). Ogni punto di allarme digitale può essere definito come segue: da contatto normalmente aperto o normalmente chiuso con memorizzazione o senza attivazione o non attivazione relè di allarme 1 attivazione o non attivazione relè di allarme 2 Gli eventi digitali vengono memorizzati in ordine cronologico; se sono presenti più allarmi, lo strumento cicla ad intervalli di tempo regolari, da un messaggio all altro. E inoltre possibile la ciclatura manuale utilizzando i pulsanti presenti sul pannello frontale. Ver. 2.0 Luglio

4 La sequenza di allarme è conforme alla norma ISA-M (completa di First Out) con pulsanti di ACK e RESET su pannello frontale e/o con pulsanti esterni collegati alla morsettiera posta sul retro. VD2-16 consente inoltre di visualizzare sino a 2 grandezze analogiche applicate ai relativi morsetti dello strumento; gli ingressi disponibili sono sia di tipo 0 10V che 4 20mA. L utente può definire liberamente, per ogni canale analogico, vari parametri relativi ai valori da visualizzare, quali ad esempio: tipo di ingresso (0 10V o 4 20mA) unità di misura valore di inizio scala valore di fondo scala etichetta (dicitura della grandezza misurata) numero di decimali abilitazione/disabilitazione della media (averaging) soglia minima per allarme 1 soglia massima per allarme 1 soglia minima per allarme 2 soglia massima per allarme 2 bande di allarme La sezione analogica dello strumento permette di memorizzare valore minimo e massimo, per ogni canale, del segnale analogico applicato; questi valori possono essere azzerati dall utente, in qualsiasi momento, agendo sui pulsanti del pannello frontale. Sono inoltre presenti due messaggi di 2 righe per 16 caratteri che vengono richiamati quando il relativo ingresso analogico assume un valore che rientra nella banda di allarme selezionata (vedi configurazione ingressi analogici). VD2-16 può essere collegato, via RS232 o via RS485, ad un sistema di supervisione (PC o PLC) per riportare a video, registrare e archiviare tutte le informazioni relative al funzionamento dell impianto. La connessione al PC consente inoltre, mediante un pacchetto software fornito a corredo, una facile programmazione di qualsiasi parametro dello strumento. La possibilità del collegamento via RS485 consente di collegare in rete sino a 31 strumenti VD2-16 dislocati su una estensione massima di 1.2Km, rendendo possibile tenere sotto controllo, da un unico punto, la situazione in tempo reale di impianti anche molto complessi. ATTENZIONE: la sezione analogica del visualizzatore VD2-16 è opzionale e va specificata in fase d ordine: per verificare se lo strumento in vostro possesso ha l opzione analogica abilitata, fare riferimento alle due caselle DIG e AN/DIG sulla targhetta posta sul contenitore: casella DIG barrata: strumento solo digitale casella AN/DIG barrata: strumento analogico e digitale Il tipo di opzione viene inoltre visualizzata sul display LCD all accensione dello strumento per circa un secondo. Nel caso di strumento digitale, tutte le funzioni relative agli ingressi analogici sono disabilitate. 4 Ver. 2.0 Luglio 1999

5 Caratteristiche tecniche Display a cristalli liquidi retro illuminato 2 righe da 16 caratteri con contrasto programmabile Ingresso cavi con morsettiere estraibili 2 ingressi analogici selezionabili, in modo indipendente, 0 10V o 4 20mA a 12 bit; campionamento ogni 60msec.; isolamento galvanico dagli altri circuiti Visualizzazione delle grandezze analogiche a 5 cifre con numero di decimali e unità di misura impostabili dall utente 16 ingressi digitali da contatti puliti (NO o NC programmabili) con comune generato dallo strumento interfacce seriali RS232 e RS485 galvanicamente isolate dagli altri circuiti 2 relè a disposizione a per segnalazione allarmi di 1º o 2º livello con portata da 30W in c.c. o 60VA in c.a. (carico resistivo). Alimentazione 24Vca o cc Tasti di ACK e di RESET riportati all esterno a mezzo relè con portata da 30W in c.c. o 60VA in c.a. (carico resistivo). Ingressi per pulsanti ACK e RESET esterni Dimensioni 72x144x100 (DIN 43700) Inserzione dei testi da tastiera frontale o tramite computer Possibilità di collegare sino a 31 strumenti in rete RS485 per supervisione da PC Ogni ingresso digitale o analogico ha la possibilità di poter essere associato a nessuno, a 1 o a 2 relè di allarme 2 indicazioni ottiche a LED sul pannello frontale per segnalare il tipo di allarme intervenuto Selezione del modo di funzionamento degli ingressi digitali (diretto DIR 16 o binario BIN 127: in modo binario possono essere visualizzati 127 messaggi più un messaggio di nessun allarme presente). Ver. 2.0 Luglio

6 Parametro Valore Tensione di funzionamento 24 Vcc/ca ± 25% Assorbimento totale di corrente Display Corrente ingressi digitali Minima durata segnali digitali Portata contatti relè Numero ingressi analogici Risoluzione segnali analogici Errore di linearità Impedenza ingressi 0 10V Impedenza ingressi 4 20 ma Tipico: 100mA; Max: 210mA LCD retro illuminato 2 righe per 16 caratteri 4.5mA per ciascun ingresso 50msec 30W in cc; 60VA in ca (carico resistivo); Max corrente commutabile 1A; Max tensione commutabile: 48V cc/ca 2 galvanicamente isolati dagli atri circuiti 12 bit ± 1 LSB 159 Kohm 250 Ohm Campo di misura ingressi 0 10V 0 10V Campo di misura ingressi 4 20mA Tempo di campionamento Precisione ingressi analogici Fattore di scala Interfacce di comunicazione Temperatura di funzionamento Temperatura di immagazzinaggio Umidità relativa Gradi di protezione 0 24 ma 60 msec 0.5% del valore di fondo scala ± 1 digit Programmabile; Campo di visualizzazione ± con punto decimale RS232 e RS485 galvanicamente isolate dagli altri circuiti 10ºC +55ºC 20ºC +85ºC Max 85% senza condensa Frontale: IP50 Posteriore: IP20 Dichiarazione di conformità FOXEL Electronics S.r.l. Via Frasconà, Vigevano (PV) ITALY dichiara che il prodotto VD2-16 descritto in questo manuale è in conformità con le seguenti normative: Emissione: EN : EN55011 Immunità: EN : EN , EN , ENV50140, ENV50204, ENV Ver. 2.0 Luglio 1999

7 Dimensioni Dimensioni di ingombro del visualizzatore VD2-16 Foro fronte quadro Ver. 2.0 Luglio

8 Collegamenti Il visualizzatore VD2-16 è provvisto di 4 morsettiere estraibili per i collegamenti dell alimentazione e dei segnali analogici/digitali. Inoltre è presente una presa a 9 poli per il collegamento RS232 con un Personal Computer. La comunicazione sulle linee RS232 e RS485 è mutuamente esclusiva; la commutazione dalla linea RS485 alla linea RS232 avviene in modo automatico all inserzione del connettore nella porta RS232 a patto che sia presente il segnale DTR del PC collegato. Vista lato morsettiere Morsetto Funzione 1 16 (DIG. INP.) Ingressi digitali; nel caso di configurazione DIR 16 rappresentano i 16 ingressi diretti, mentre nel caso di configurazione BIN 127, i morsetti 1 7 sono relativi al codice binario e il morsetto 16 è lo STROBE. In tal caso il codice presente sui morsetti 1 7 viene letto dallo strumento solo se lo STROBE è attivo. La polarità degli ingressi è programmabile (vedi Configurazione VD2-16). +COM (DIG. INP.) Uscita comune 24 Volt per ingressi digitali 0V (DIG. INP.) Uscita comune 0 Volt per ingressi digitali +COM (IN) ACK (IN) RST (IN) Uscita comune 24 Volt per ingressi ACK e RST Ingresso ACK esterno Ingresso RESET esterno ACK (OUT) RST (OUT) ARC (OUT) Uscita tasto ACK (contatto pulito) Uscita tasto RESET (contatto pulito) Comune uscite ACK e RST OUT1 OUT2 Contatto uscita 1 (contatto pulito) Contatto uscita 2 (contatto pulito) V (AN.1) Ingresso 0 10V canale analogico 1 I (AN.1) Ingresso 4 20mA canale analogico 1 0 (AN. 1) 0V canale analogico 1 V (AN.2) Ingresso 0 10V canale analogico 2 I (AN.2) Ingresso 4 20mA canale analogico 2 8 Ver. 2.0 Luglio 1999

9 0 (AN.2) 0V canale analogico 2 A (RS485) B (RS485) SH (RS485) Linea A doppino seriale RS485 Linea B doppino seriale RS485 Schermatura doppino seriale RS485 RS232 Presa linea seriale RS232 (vedi figura seguente) V1-V2 Alimentazione Collegamento a terra Collegamento RS 232 Cavo di collegamento RS232 PC VD2-16 Schemi tipici di collegamento Alimentazione Ver. 2.0 Luglio

10 Collegamento 16 ingressi diretti da contatti puliti Interfacciamento con PLC (VD2-16 in modalità binaria BIN127) Tasti ACK e RST esterni 10 Ver. 2.0 Luglio 1999

11 Tacitazione e reset del secondo VD2-16 mediante i pulsanti di ACK e RST del primo VD2-16 Collegamento di 2 segnali analogici 0 10V Collegamento di 2 segnali analogici 4 20mA Ver. 2.0 Luglio

12 Collegamento linea seriale RS485 Descrizione dei tasti frontali ACK per tacitare la sirena o per memorizzare i dati in programmazione manuale RESET per cancellare gli allarmi o per uscire dalla programmazione manuale, UP e DOWN per ciclare gli allarmi o scegliere le funzioni in fase di programmazione manuale ENTER per azzerare i valori di picco o per confermare le operazioni in fase di programmazione manuale Funzionamento VD2-16 all accensione visualizza per circa 1 secondo la versione del firmware e lo stato dell opzione digitale o analogico/digitale. Quanto segue si riferisce ad uno strumento con opzione analogica installata; per la versione digitale, ignorare tutte le funzioni riguardanti la sezione analogica. Se il visualizzatore è stato configurato con almeno un ingresso analogico attivo, allora dopo il messaggio relativo alla versione firmware vengono visualizzate le grandezze misurate (i 4 caratteri all inizio della riga indicano la dicitura, o etichetta, della grandezza misurata, vedi configurazione degli ingressi analogici); nel caso non siano presenti o configurati ingressi analogici viene visualizzato il messaggio di riposo (messaggio numero 0). Attivazione di allarmi analogici Se interviene un allarme analogico (soglia alta o bassa o fuori banda), il visualizzatore richiama dalla memoria il relativo messaggio (IN1 o IN2, vedi programmazione dei messaggi) e lo mostra sul display; inoltre viene attivata l uscita di allarme programmata (OUT1 e/o OUT2). Il relativo LED sul pannello frontale lampeggia. L indicazione lampeggia fino a quando l allarme non viene riconosciuto mediante il tasto ; la pressione di questo tasto, inoltre, riporta o meno allo stato di riposo i relè di allarme (OUT1 e/o OUT2) a seconda che sia stata selezionata la sequenza di allarme STANDARD o SPECIALE (vedi 12 Ver. 2.0 Luglio 1999

13 configurazione dello strumento). La pressione del tasto riarma lo strumento (vale a dire lo riporta in condizioni di riposo), a patto che non vi siano più allarmi presenti. Nota: gli allarmi analogici vengono sempre memorizzati. Attivazione allarmi digitali Quando interviene un allarme digitale, il visualizzatore richiama dalla memoria il relativo testo (vedi programmazione messaggi) e lo mostra sul display. Viene attivata l uscita programmata (OUT1 e/o OUT2) e il relativo LED sul pannello frontale lampeggia. L indicazione lampeggia fino a quando l allarme non viene riconosciuto mediante il tasto ; la pressione di questo tasto, inoltre, riporta o meno allo stato di riposo i relè di allarme (OUT1 e/o OUT2) a seconda che sia stata selezionata la sequenza di allarme STANDARD o SPECIALE (vedi configurazione dello strumento). La pressione del tasto riarma lo strumento (vale a dire lo riporta in condizioni di riposo), a patto che non vi siano più allarmi presenti. Il messaggio rimane visualizzato anche se il segnale di ingresso torna a riposo solo nel caso in cui sia stata programmata la funzione MEM per quel particolare allarme (vedi programmazione messaggi), altrimenti (funzione NOMEM) il messaggio viene automaticamente rimosso. Presenza di più allarmi (ciclatura) Quando intervengono più allarmi digitali, il visualizzatore continua a ciclare i testi degli allarmi attivi o memorizzati in ordine cronologico. Il tempo di rinfresco è 2 secondi. Nel ciclo viene inserita anche la visualizzazione degli eventuali segnali analogici (se configurati) e dei testi relativi agli allarmi analogici (se presenti). Nota: gli allarmi analogici, quando presenti, non vengono visualizzati in ordine cronologico. Ciclatura manuale È possibile ciclare manualmente tutti i messaggi attivi mediante i tasti (messaggio successivo), (messaggio precedente). La ciclatura riprende automaticamente 5 secondi dopo l ultima pressione dei tasti. Nella ciclatura manuale vengono inserite anche le informazione relative ai valori minimi (m minuscola) e massimi (M maiuscola) assunti dalle grandezze analogiche. Tali valori possono essere azzerati premendo il tasto al momento della loro visualizzazione. Tacitazione Premendo il tasto si effettua il riconoscimento degli allarmi secondo la modalità impostata nella configurazione dello strumento. Sequenza allarme standard (ISA-M): Il visualizzatore mostra il primo allarme digitale intervenuto (first-out), le uscite OUT1 e OUT2 tornano allo stato di riposo e i LED da lampeggianti diventano fissi. Sequenza allarme speciale: Il visualizzatore mostra il primo allarme digitale intervenuto (first-out), le uscite OUT1 e OUT2 rimangono attive e i LED da lampeggianti diventano fissi. Ver. 2.0 Luglio

14 Nota: il first-out è sempre relativo ad un allarme di tipo digitale. Reset degli allarmi Premendo il tasto vengono cancellati gli allarmi intervenuti e non più attivi secondo la modalità impostata nella configurazione. Sequenza allarme standard (ISA-M): Gli allarmi eventualmente ancora presenti non vengono rimossi dalla lista e continuano ad essere visualizzati. Il LED sul pannello frontale non associato agli allarmi ancora attivi viene spento, mentre quello (uno solo o entrambi) relativi agli allarmi ancora attivi rimane acceso fisso. Se non vi sono più allarmi viene visualizzato il messaggio di riposo e quindi le grandezze analogiche se configurate. Sequenza allarme speciale: Gli allarmi eventualmente ancora presenti non vengono rimossi dalla lista e continuano ad essere visualizzati. L uscita e il LED sul pannello frontale non associati agli allarmi ancora attivi vengono spente, mentre quelli relativi agli allarmi ancora attivi rimangono attivati. Se nessun allarme è presente viene visualizzato il messaggio di riposo e quindi le grandezze analogiche se configurate. Programmazione manuale tramite tastiera Per entrare nel modo programmazione si devono premere contemporaneamente i tasti, e. Si deve quindi selezionare il menu desiderato tramite i tasti, e premere Menu I menu sono 3: Texts & Alarms (Testi e allarmi) Analog Inputs (Ingressi analogici) VD2-16 Configuration (Configurazione) Modifica parametri All interno del menu prescelto mediante il tasto, utilizzando i tasti, si seleziona il testo o il parametro da modificare e quindi si deve premere viene visualizzato sulla seconda riga). per entrare nella modalità "MODIFICA" (il cursore Il tasto fa avanzare il cursore di una posizione (ove necessario) mentre i tasti, modificano il carattere o l impostazione corrente del parametro. 14 Ver. 2.0 Luglio 1999

15 Salvataggio parametri Per memorizzare il nuovo testo o parametro si deve premere il tasto Per uscire dalla modalità "MODIFICA" senza salvare il parametro variato si deve premere il tasto Se non ci si trova nella modalità "MODIFICA" il tasto fa tornare al menu precedente mentre il tasto fa uscire dalla programmazione manuale. Parametri I parametri impostabili sono auto esplicativi. Meritano una nota i seguenti: Analog InN:Avrg: se posto su On la lettura è il risultato della media aritmetica degli ultimi 16 campioni. Input Logic: un + indica un contatto normalmente aperto, un - indica un contatto normalmente chiuso. Da sinistra a destra si hanno rispettivamente gli ingressi da DIG.INP 16 a DIG.INP. 1. Msg:IN1 e Msg:IN2: sono i messaggi che vengono richiamati quando il relativo ingresso analogico entra nella banda di allarme configurata. Alarm sequence: imposta la sequenza di riconoscimento e di cancellazione allarme. Possibili scelte sono Standard(ISA-M) e Speciale (vedi Funzionamento) Tester Mode: tale opzione se impostata su On fa in modo che il visualizzatore ignori le impostazioni relative agli ingressi analogici e imposti automaticamente i parametri di Zero e Fondo scala rispettivamente a 0 e 10V per gli ingressi in tensione e a 4 e 20 ma per gli ingressi in corrente. Le unità di misura vengono modificate in Volt e ma. Pertanto attivando il modo tester è possibile avere lettura diretta dei segnali applicati agli ingressi. Disabilitando il modo tester manualmente oppure automaticamente resettando il visualizzatore, ritornano operativi i parametri precedentemente memorizzati. Calibration Code: l operazione di taratura serve in fabbrica durante il collaudo e la verifica dello strumento per la taratura degli ingressi analogici e non è consentita all utente. Note I parametri modificati diventano operativi all uscita della programmazione. Durante la programmazione manuale la comunicazione seriale rimane comunque attiva. Per programmare e/o modificare i testi e i parametri di VD2-16 si consiglia di usare sempre, a meno di particolari impedimenti, l apposito pacchetto software fornito a corredo; questo programma, infatti, ha enormi vantaggi nella semplicità di utilizzo e nella velocità con cui possono essere impostati i parametri, rispetto alle stesse operazioni effettuate da pannello. Ver. 2.0 Luglio

16 Il Software per la programmazione seriale Il software VD2-16 consente di programmare in modo estremamente facile e veloce tutti i dati e i parametri di funzionamento del visualizzatore. Il programma può essere eseguito sia in ambiente Windows 3.1, che Windows95/98/NT e richiede circa 2 Mbyte di spazio libero sul disco fisso. Per ottenere i migliori risultati è necessario un personal computer con processore 486 o superiore e una risoluzione video di almeno 1024x768 pixel (usando risoluzioni inferiori non si possono visualizzare contemporaneamente tutte le informazioni sullo schermo, ma il programma rimane comunque utilizzabile). ATTENZIONE: la versione 2.x del visualizzatore VD2-16 richiede la versione 2.x dell omonimo software di supporto; verificare la versione in vostro possesso sull etichetta dei dischetti a corredo, oppure selezionare, dal menu principale del software, la voce Aiuto e Informazioni su VD2-16. Caratteristiche e funzioni del software Il software VD2-16 è stato realizzato per agevolare le operazioni di programmazione e di verifica del visualizzatore omonimo. Per eseguire il programma è necessario dapprima procedere all installazione sul proprio PC (mediante i dischetti forniti a corredo con il prodotto). Il programma una volta eseguito presenta la seguente finestra a tutto schermo: Sulla barra del titolo appare il file di dati in uso (all inizio è sempre UNTITLED.VD, con i dati di default). 16 Ver. 2.0 Luglio 1999

17 Il menu consente le seguenti operazioni: File: Nuovo : inizializza i dati al valore di default Apri : carica i dati da un file precedentemente salvato su disco Salva: salva i dati correnti nel file corrente; se questo è UNTITLED.VD allora viene richiesto il nome del file che si vuole creare. Salva come : salva i dati correnti in un file specificato dall utente Stampa : stampa i dati correnti sulla stampante di sistema Trasferisci: invia al visualizzatore collegato alla porta seriale tutti i dati correnti Esci: termina il programma Predisposizione: Testi e Allarmi: visualizza la finestra per l impostazione o il controllo dei testi e degli allarmi Ingressi Analogici: visualizza la finestra per l impostazione o il controllo degli ingressi analogici Configurazione: visualizza la finestra per l impostazione o il controllo delle impostazioni di configurazione del visualizzatore Disponi Finestre: ordina le finestre sullo schermo Esecuzione: alcune opzioni non sono disponibili in tutte le versioni del software Monitor: consente di monitorare, per scopi diagnostici, gli ingressi e di comandare le uscite del visualizzatore collegato alla porta seriale del PC. Taratura: effettua la taratura della sezione analogica del visualizzatore collegato alla porta seriale. Test di Rete: effettua un test su rete RS485 di 5 visualizzatori Comunicazione: Impostazioni : seleziona la porta seriale e imposta i parametri di comunicazione Indirizzo VD2-16: seleziona l indirizzo dello strumento con il quale si desidera comunicare (utile quando ci sono più di un visualizzatore collegati al PC in rete RS485) Seriale: consente di controllare il visualizzatore in modo seriale ed utilizzarlo com monitor remoto Lingua: seleziona la lingua del programma Italiano: imposta i menu e le informazioni in lingua italiana English: imposta i menu e le informazioni in lingua inglese Aiuto: visualizza le informazioni utili Ver. 2.0 Luglio

18 Programmazione dei messaggi e degli allarmi Il visualizzatore VD2-16 memorizza fino a 127 testi di 2 righe di 16 caratteri ciascuna da associare agli allarmi digitali più ulteriori 2 testi da associare agli allarmi analogici. È inoltre possibile definire un ulteriore messaggio visualizzato in condizioni di non allarme (messaggio a riposo o messaggio zero). Per impostare i testi nel programma si deve selezionare dal menu la voce Predisposizione Testi e Allarmi. La finestra relativa ai messaggi verrà visualizzata con i testi di default. Essa comprende 6 colonne; da sinistra a destra si può notare: il numero del messaggio (da 0 a 127, più due linee IN1 e IN2 relative ai testi degli allarmi analogici); il messaggio zero è il testo a riposo, cioè quello visualizzato quando non ci sono allarmi presenti la prima e la seconda linea del testo da visualizzare due colonne relative alla programmazione delle uscite di allarme ALL2 e ALL1 rispettivamente (non valido per allarmi analogici IN1 e IN2) l ultima colonna MEM imposta la memorizzazione o meno del relativo testo anche quando il contatto di ingresso torna nella posizione di riposo (non valido per allarmi analogici IN1 e IN2) Per modificare il testo di un messaggio basta fare doppio click sulla cella della griglia relativa e il testo verrà riportato nella linea di editing sotto la barra del titolo della finestra. È possibile quindi scrivere il nuovo testo e premere <Invio> per confermare le modifiche. Le ultime tre colonne sulla destra indicano con una X l attivazione della relativa uscita o opzione. Per modificare l impostazione basta fare doppio click sulla cella desiderata (non valido per allarmi analogici IN1 e IN2). È possibile generare un allarme, al VD2-16 collegato, facendo click con il mouse sul numero dell allarme desiderato in prima colonna: con il tasto sinistro del mouse si simula la condizione di allarme on, mentre con il tasto destro la condizione di allarme off. Quanto appena esposto non vale per gli allarmi analogici IN1 e IN2. 18 Ver. 2.0 Luglio 1999

19 Funzioni dei pulsanti: Legge la memoria del visualizzatore VD2-16 collegato al computer tramite linea seriale Programma la memoria del visualizzatore VD2-16 con il testo corrente Apre la finestra per la lettura degli allarmi presenti (vedi prossimo paragrafo) Forza un comando di reset al visualizzatore Chiude la finestra dei testi e allarmi Lettura allarmi È possibile leggere dal visualizzatore collegato alla linea seriale del computer gli allarmi attivi. Per aprire questa finestra selezionare il pulsante della finestra Testi e Allarmi (vedi paragrafo precedente) Nella prima colonna viene visualizzato il numero e l ordine cronologico degli allarmi presenti. Nella seconda e terza colonna viene richiamato dalla memoria del visualizzatore il testo relativo agli allarmi presenti. La seconda griglia visualizza eventuali allarmi dei due ingessi analogici IN1 e IN2 (la prima colonna è relativa all allarme OUT1, mentre la seconda all allarme OUT2). Ver. 2.0 Luglio

20 Funzioni dei pulsanti: Legge gli allarmi presenti dal visualizzatore collegato al computer tramite linea seriale Effettua il riconoscimento remoto degli allarmi attraverso la linea seriale (equivale alla pressione del tasto ACK sullo strumento) Effettua il reset remoto degli allarmi attraverso la linea seriale (equivale alla pressione del tasto RESET sullo strumento) Chiude la finestra degli allarmi Configurazione degli ingressi analogici VD2-16 consente la visualizzazione di 2 grandezze analogiche indipendentemente programmabili. I parametri configurabili dall utente sono raccolti nella seguente finestra: Tipo della grandezza analogica: ciascun ingresso analogico può essere configurato come ingresso 0-10V oppure 4-20mA. Inoltre la visualizzazione può essere controllata tramite linea seriale da un supervisore esterno (modo seriale degli ingressi analogici). Il campione letto può essere mediato per ottenere un andamento più smorzato ed eliminare eventuali disturbi in ingresso. Etichetta: fino a 4 caratteri per specificare un nome associato alla misura indicata Formato: fissa la posizione del punto decimale 20 Ver. 2.0 Luglio 1999

21 Valore min: è il valore visualizzato quando l ingresso vale 0V oppure 4mA Valore max: è il valore visualizzato quando l ingresso vale 10V oppure 20mA Soglia bassa: è il valore programmabile per la soglia di allarme B Soglia alta: è il valore programmabile per la soglia di allarme A U.M.: è possibile specificare fino a 4 caratteri per indicare l unità di misura per ciascun ingresso. Allarme1: seleziona l intervallo di attivazione dell uscita di ALL1 in funzione delle soglie A e B Allarme2: seleziona l intervallo di attivazione dell uscita di ALL2 in funzione delle soglie A e B Funzioni dei pulsanti: Legge l impostazione corrente del visualizzatore VD2-16 collegato al computer tramite linea seriale Programma la memoria del visualizzatore VD2-16 con l impostazione corrente Forza un comando di reset al visualizzatore Chiude la finestra degli ingressi analogici Configurazione del visualizzatore VD2-16 La configurazione del visualizzatore VD2-16 prevede l impostazione dei parametri di funzionamento: Indirizzo: è l indirizzo del visualizzatore (fra 1 e 255) per la comunicazione seriale su linea RS485. Ogni visualizzatore risponde al proprio indirizzo e all indirizzo 0 ( indirizzo jolly) Contrasto LCD: programmabile da 0 a 100 Ver. 2.0 Luglio

22 Tipo Display: è possibile scegliere fra 16 ingressi diretti (16 messaggi) e 127 ingressi con codifica binaria richiamanti 127 messaggi Polarità Ingressi: ogni ingresso può essere indipendentemente programmato normalmente chiuso oppure normalmente aperto BaudRate: selezionabile da 2400 a per la comunicazione seriale con un supervisore Sequenza Allarme: è possibile selezionare fra due modi operativi di riconoscimento degli allarmi presenti: la sequenza standard prevede l acquisizione da parte dell operatore mediante il tasto ACK con conseguente disattivazione dei relè e, una volta rimossa la causa di allarme il ripristino mediante il tasto di RESET. Se viene impostata la sequenza speciale, i relè si disattivano soltanto dopo il RESET nel caso in cui non vi siano più allarmi presenti Relè 1: seleziona il modo di funzionamento del relè di allarme 1: normalmente off o normalmente on Relè 2: analogo al relè 1 per quanto riguarda l uscita di allarme 2 Funzioni dei pulsanti: Legge l impostazione corrente del visualizzatore VD2-16 collegato al computer tramite linea seriale Programma la memoria del visualizzatore VD2-16 con l impostazione corrente Forza un comando di reset al visualizzatorevd2-16 Chiude la finestra della configurazione dei parametri del visualizzatore VD2-16 Monitor Seriale Il visualizzatore VD2-16 può funzionare come monitor remoto controllato via seriale da un supervisore. Automaticamente il display sospende l eventuale visualizzazione delle grandezze analogiche in corso e la ciclatura degli allarmi fino al ricevimento di un comando di reset. Il software di supporto per lo strumento VD2-16 implementa a titolo dimostrativo la funzione di controllo seriale del visualizzatore. Selezionando Comunicazione Seriale dal menu principale, appare la seguente finestra di dialogo: 22 Ver. 2.0 Luglio 1999

23 È possibile inviare al display il testo da visualizzare sulla prima oppure sulla seconda linea. Per far ciò è necessario fare click col mouse nell area gialla del display ed inserire il testo, quindi premere i pulsanti oppure secondo la linea che si desidera inviare. Premendo i tasti oppure si visualizza sul PC il testo attualmente visualizzato dallo strumrento VD2-16. I tasti e cancellano le rispettive linee sul display. Il pulsante consente di continuare in modo automatico la lettura del display e di ricopiare sul video del PC, in modo continuo istante per istante, la visualizzazione dello strumento. Una ulteriore funzione implementata a titolo dimostrativo è lo scroll (scorrimento orizzontale del testo). Nella casella è possibile inserire un testo e quindi inviarlo al visualizzatore in blocchi di 16 caratteri per volta in modo tale da simularne lo scorrimento sulla prima linea del display. Per far ciò premere dopo avere inserito il testo. I tasti e regolano la velocità dello scorrimento. Note: Per far riprendere al display le sue normali funzioni di visualizzazione delle grandezza analogiche e degli allarmi si deve inviare un comando di reset. Evitare di attivare contemporaneamente lo scrolling di un testo ed il monitor. Ver. 2.0 Luglio

24 Per i programmatori Il seguito di questa documentazione è dedicato ai programmatori che intendono sviluppare un proprio software di gestione dei visualizzatori VD2-16 tramite la linea seriale di un supervisore. Seguono tutte le informazioni riguardo il protocollo utilizzato e la lista dei parametri del display. Protocollo di comunicazione seriale per display VD2-16 Il protocollo di comunicazione utilizzato è quello NRZ con un bit di start, 8 bit dati, nessuna parità, 1 bit di stop. Il baud rate è programmabile a 2400, 4800, 9600 e baud. Il formato dei messaggi è il seguente: Indirizzo Codice #Byte Dato 1. Dato N Check sum Dove: Indirizzo: 1 byte, indirizzo del display. L indirizzo 0x00 è valido per ogni nodo Codice: 1 byte, codice del messaggio #Byte: 1 byte, numero di byte dati Check sum: 1 byte, somma complementata di tutti i byte del messaggio. I messaggi sono utilizzati per la programmazione/lettura dei testi, dei parametri, e per la richiesta dello stato dello strumento e dei valori analogici. I possibili messaggi sono: Comando/Richiesta Risposta Funzione Codice # Byte Dati # Byte Dati Programmazione testi 0xF0 0x12 #testo, #riga, 16 caratteri (1) 0x01 0x00 = OK, 0xFF = Errore Lettura testi 0xF1 0x02 #testo, #riga (1) 0x12 0x01 #testo, #riga, 16 caratteri (1) 0xFF = Parametri richiesta errati Programmazione parametri 0xF2 0x05 #parametro, valore (2) 0x01 0x00 = OK, 0xFF = Errore Lettura parametri 0xF3 0x01 #parametro (2) 0x05 #parametro, valore (2) Forzatura allarmi digitali 0xF4 0x01 #allarme (3) 0x00 0x00 = OK, 0xFF = Errore parametro Lettura lista allarmi digitali 0xF5 0x01 Numero allarme (4) 0x01 #allarme Lettura allarmi analogici 0xF6 0x00 0x01 1 byte con lo stato allarmi analogici (5) ACK e RESET da seriale 0xF7 0x01 0x00 = ACK, 0xFF = RESET 0x00 0x00 = OK, 0xFF = Errore parametro Tarature e procedure 0xF8 0x01 #procedura (6) 0x00 0x00 = OK, 0xFF = Errore parametro Scrittura memoria 0xF9 0x12 Indirizzo di partenza (7), 16 byte 0x01 0x00 = OK, 0xFF = Errore Lettura memoria 0xFA 0x02 Indirizzo di partenza 0x12 0x01 Indirizzo di partenza, 16 byte 0xFF = Indirizzo errato Visualizzazione testo 0xFB 0x11 #riga, 16 caratteri (1) (8) 0x01 0x00 = OK, 0xFF = Errore parametro Lettura testo visualizzato 0xFC 0x01 #riga (1) 0x10 0x01 16 caratteri (1) 0xFF = Parametri richiesta errati 24 Ver. 2.0 Luglio 1999

25 Note 1 #testo è un numero compreso tra 0 e 129, indicante il numero dell allarme a cui il testo si riferisce #riga è un numero uguale a 1 oppure a 2, indicante il numero di riga del testo I 16 caratteri sono i sedici caratteri ASCII del testo. 2 #parametro e il rispettivo valore sono definiti dalla Tabella 1 (se il numero di byte del valore è minore di quattro, i byte più significativi sono uguale a 0x00). 3 #allarme è un numero compreso tra 0 e 127, indicante il numero dell allarme che si vuole generare (il bit più significativo indica lo stato dell allarme). 4 Numero dell allarme in ordine cronologico (1 = primo allarme, ). Se = 0 si richiede il numero totale di allarmi. 5 Il significato dei bit è il seguente b0: IN1 < soglia bassa 1 b1: IN1 > soglia alta 1 b2: IN2 < soglia bassa 2 b3: IN2 > soglia alta 2 b4: IN1 genera allarme 1 b5: IN1 genera allarme 2 b6: IN2 genera allarme 1 b7: IN2 genera allarme 2 6 #procedura è il numero di procedura di taratura da eseguire definito dalla Tabella 2. 7 L indirizzo di partenza deve essere multiplo di Il visualizzatore arresta la visualizzazione delle grandezze analogiche e la ciclatura dei messaggi di allarme. Per far riprendere al display le sue normali funzioni è necessario inviare un comando di reset (procedura #0) Ver. 2.0 Luglio

26 Lista parametri TABELLA 1: Numero dei parametri e possibili valori #param Parametro Valore Note 0x Baud Rate = 2400, 1 = 4800, 2 = 9600, 3 = 19200, 0x Configurazione allarme ALL2 ALL1 MEM 0x Configurazione allarme 2 Come sopra 0x7F 127 Configurazione all. 127 Come sopra 0x Indirizzo byte notazione binaria 0x Tipo display = 16 ingressi diretti, 1 = binario 127 messaggi 0x Contrasto LCD byte notazione binaria 0x Sequenza allarme = standard (ISA-M), 1 = speciale (Ansaldo) 0x Sicurezza intrinseca relè Relè 2 N.C Relè1 N.C 0x Polarità ingressi diretti 2 byte: 0 = N.A., 1 = N.C. 0x Tipo ingresso IN RS232 Average Enable 0=0-10V 1=4-20mA 0x Unità di misura IN1 4 caratteri ASCII 0x Posizione punto dec IN Punto decimale IN1 0x Range IN1 valore minimo byte notazione binaria 0x8A 138 Range IN1 valore max byte notazione binaria 0x8B 139 Soglia LOW IN byte notazione binaria 0x8C 140 Soglia HIGH IN byte notazione binaria 0x8D 141 Tipo allarme IN1 0 AL2 se >=H AL2 se compreso AL2 se <= L 0 AL1 se >=H AL1 se compreso AL1 se <= L 0x8E 142 Tipo ingresso IN RS232 Average Enable 0=0-10V 1=4-20mA 0x8F 143 Unità di misura IN2 4 caratteri ASCII 0x Posizione punto dec IN Punto decimale IN2 0x Range IN2 valore minimo byte notazione binaria 0x Range IN2 valore max byte notazione binaria 0x Soglia LOW IN byte notazione binaria 0x Soglia HIGH IN byte notazione binaria 0x Tipo allarme IN2 0 AL2 se >=H AL2 se compreso AL2 se <= L 0 AL1 se >=H AL1 se compreso AL1 se <= L 0x9E 158 Valore U.M. IN byte notazione binaria 0x9F 159 Valore A/D IN byte notazione binaria 0xA0 160 Valore medio IN byte notazione binaria 0xA1 161 Valore massimo IN byte notazione binaria 0xA2 162 Valore minimo IN byte notazione binaria 26 Ver. 2.0 Luglio 1999

27 #param Parametro Valore Note 0xA3 163 Valore U.M. IN byte notazione binaria 0xA4 164 Valore A/D IN byte notazione binaria 0xA5 165 Valore medio IN byte notazione binaria 0xA6 166 Valore massimo IN byte notazione binaria 0xA7 167 Valore minimo IN byte notazione binaria 0xA8 168 Ingressi digitali 3 byte notazione binaria (tastiera + 16 ingressi) (solo lettura) 0xA9 169 Uscite allarmi 0 0 Blink LED1 Blink LED2 RELE2 RELE1 LED2 LED1 0xAA 170 Etichetta IN1 4 caratteri ASCII 0xAB 171 Etichetta IN2 4 caratteri ASCII TABELLA 2: Procedure #procedura Procedura Note 0x00 Reset strumento Azzeramento allarmi e ricarica parametri (inizializzazione come al power on) Ver. 2.0 Luglio

28 VD2-16 è un prodotto FOXEL Electronics S.r.l. Vigevano Pavia - Italy 28 Ver. 2.0 Luglio 1999

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

S T R U M E N T I & S E R V I Z I

S T R U M E N T I & S E R V I Z I Via S. Silvestro, 92 21100 Varese Tel + 39 0332-213045 212639-220185 Fax +39 0332-822553 www.assicontrol.com e-mail: info@assicontrol.com C.F. e P.I. 02436670125 STRUMENTI & SERVIZI per il sistema qualità

Dettagli

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional

Serie 70. The Future Starts Now. Termometro digitale Temp70. Temp70 RTD Professional Serie 70 Termometro digitale Temp70 Temp70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Termometro Temp70 _ Ver. 1.0 01/2014 Indice dei contenuti

Dettagli

Interfaccia software per pc

Interfaccia software per pc Interfaccia software per pc Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche quotidiane.

Dettagli

Sistema PICnet - PN Digiterm

Sistema PICnet - PN Digiterm Sistema PICnet - PN Digiterm PN DIGITERM - modulo di termoregolazione e gestione camera Il modulo PN DIGITERM è costituito da un modulo da guida DIN (6m) per le connessioni con le apparecchiature e da

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA 7IS-80376 29/06/2015 SOMMARIO FUNZIONI ALBERGHIERE... 3 Richiamo funzioni tramite menu... 3 Check-in... 3 Costi... 4 Cabine... 4 Stampe... 5 Sveglia... 6 Credito... 6 Stato

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Invert er LG Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Mot ori elet t ric i Informazioni preliminari... 2 Installazione... 3 Avvio del programma... 4 Funzionamento Off-Line... 7 Caricamento di una

Dettagli

Manuale Terminal Manager 2.0

Manuale Terminal Manager 2.0 Manuale Terminal Manager 2.0 CREAZIONE / MODIFICA / CANCELLAZIONE TERMINALI Tramite il pulsante NUOVO possiamo aggiungere un terminale alla lista del nostro impianto. Comparirà una finestra che permette

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO PS Remote Control Rel.2.0 Ver 2.0.0 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO MANUALE UTENTE di Angrilli Ing. Davide Via Iseo, n.4/b 65010 Spoltore (PE) Tel/fax 0854972260

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001

PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 PANNELLO REMOTO PER BARRIERE 48BFC000 E 48BFC001 ART.48BFA000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il terminale 48BFA000 permette di

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Indicazioni per una corretta configurazione del browser Versione ottobre 2014 MOBS--MUT-01-V03_ConfigurazioneBrowser.docx pag. 1 di 25 Uso: ESTERNO INDICE 1 CRONOLOGIA VARIAZIONI...2 2 SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4)

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) MANUALE DEL SOFTWARE DI CONFIGURAZIONE IMQ APPROVED CERTIF. N :CA12.00048 (PMT200) CA12.00049 (PMT202) Sw20xa02 del 01.09.2000 INDICE GENERALE Installazione

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 INDICE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE...1 CONFIGURAZIONE AREA51...2 IMPOSTAZIONE ANAGRAFICA...2 CONFIGURAZIONE BILANCIA...2

Dettagli

Guida rapida Cisco SPA 504G

Guida rapida Cisco SPA 504G Guida rapida Cisco SPA 504G Indice Indice Introduzione 3 Panoramica del telefono 4 Gestione delle chiamate 6 Effettuare una chiamata 6 Rispondere a una chiamata 6 Concludere una chiamata 7 Mettere una

Dettagli

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI:

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: info@asmi-italy.it tel./fax 041-5190439 www.asmi-italy.it GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: PW220902: CARATTERISTICHE

Dettagli

Procedure per l upgrade del firmware dell Agility

Procedure per l upgrade del firmware dell Agility Procedure per l upgrade del firmware dell Agility L aggiornamento firmware, qualsiasi sia il metodo usato, normalmente non comporta il ripristino dei valori di fabbrica della Centrale tranne quando l aggiornamento

Dettagli

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo AurCord-Controller Ver.4.0

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo AurCord-Controller Ver.4.0 Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo AurCord-Controller Ver.4.0 1 Indice Indice...2 Introduzione...3 Specifiche tecniche...3 Installazione del software...4 Collegamenti della

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE w w w.pr otexital i a. it Combinatore Telefonico GSM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 8 numeri di telefono per canale 2 canali vocali o sms programmabili 2 teleattivazioni 2 risposte a teleattivazioni Display

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.1.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.1.0. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.1.0 DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 CONTABILITA... 3 1.1 Consultazione Mastrini: Richiamo movimenti di anni

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Manuale riferito alla versione 1.2.0

Manuale riferito alla versione 1.2.0 Manuale riferito alla versione 1.2.0 1 INDICE Pag. 1 INSTALLAZIONE DI XSTREAMING 3 1.1 AZIONI PRELIMINARI 3 1.1.1 OTTENERE UN FILE DI LICENZA 3 1.2 INSTALLAZIONE 3 1.3 VERSIONI 3 1.4 CONFIGURAZIONE HARDWARE

Dettagli

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 Pagina 1 di 31 I.B.S. Intelligent Building System Pagina 2 di 31 INDICE I.B.S. INTELLIGENT BUILDING SYSTEM 1. Cosa è I.B.S. Descrizione pag. 4 2. Componenti

Dettagli

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437

41126 Cognento (MODENA) Italy Via Bottego 33/A Tel: +39-(0)59 346441 Internet: http://www.aep.it E-mail: aep@aep.it Fax: +39-(0)59-346437 QUICK ANALYZER Manuale Operativo Versione 5.3 Sommario 1.0 Generalità... 2 CONTRATTO DI LICENZA... 3 2.0 Configurazione dei Canali... 4 2.1 Gestione DataLogger IdroScan... 7 3.0 Risultati di Prova... 9

Dettagli

Guida rapida Cisco SPA 303

Guida rapida Cisco SPA 303 Giugno 2011 Guida rapida Cisco SPA 303 www.vodafone.it numero breve 42323, gratuito da cellulare Vodafone numero verde 800-227755, dalle 8.00 alle 24.00 Questo materiale è stato realizzato con carta riciclata

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 PV_0001 Rev. A Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 Pronti via! "Pronti... via!" è una raccolta di informazioni interattive, che permette una consultazione rapida delle principali informazioni necessarie all'utilizzo

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System

BILANCE ZENITH con Zenith System BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 20 febbraio 2013 Installazione di Zenith System 1. Creare la cartella C:\Vulcano\Zenith; 2. Installare il driver Zenith System (versione 200 o superiore),

Dettagli

SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione Pagina 1 di 15 SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione Per usare l Editor non occorre l apparecchiatura. Funziona autonomamente offline. Serve per preparare files di configurazioni personalizzate

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

CGLMS. Sistema di controllo e allarme per edifici. Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy)

CGLMS. Sistema di controllo e allarme per edifici. Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy) CGLMS Sistema di controllo e allarme per edifici Caccialanza & C., SpA Via Pacinotti 10 I-20090 Segrate / Milano (Italy) CGLMS-presentazione sh/05.02.2009/16:57 I_CGLMS.doc, 1 CGLMS il sistema Il sistema

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Guida all installazione di Fiery proserver

Guida all installazione di Fiery proserver Guida all installazione di Fiery proserver Il presente documento descrive la procedura di installazione di EFI Fiery proserver ed è rivolto ai clienti che intendono installare Fiery proserver senza l assistenza

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

PLC VS ANDROID MANUALE APPLICAZIONE

PLC VS ANDROID MANUALE APPLICAZIONE PLC VS ANDROID MANUALE APPLICAZIONE 1 Indice 1. Installazione App Android pag.3 2. Menù Impostazioni pag.4 2.1. Comunicazione pag.5 2.2. Configurazioni pag.6 2.3. Grafica Pagine pag.7 2.4. Lavoro pag.8

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma Procedura di inventario totale con l utilizzo del Gestionale E-SHOP Le operazioni di Inventario Totale possono essere effettuate utilizzando il Lettore QuickData/Datalogic Formula 725 osservando i seguenti

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Programmatore per telaio scheller

Programmatore per telaio scheller Divo Di Lupo Sistemi per telai Cotton Bentley Monk Textima Scheller Closa Boehringer http://www.divodilupo.191.it/ Programmatore per telaio scheller Attuatore USB semplificato Numero totale di pagine =

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

COMBINATORE TELEFONICOMOD. KIM10GSM Istruzioni Base

COMBINATORE TELEFONICOMOD. KIM10GSM Istruzioni Base TechnologicalSupport S.N.C. di Francesco Pepe & C. Via Alto Adige, 23 04100 LATINA (ITALY) Tel +39.0773621392 www.tsupport1.com Fax +39.07731762095 info@tsupport1.com P. I.V.A. 02302440595 COMBINATORE

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA Manuale istruzioni 093 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA RADIOCLIMA Indice. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Installazione 2 4. Collegamenti 3 5. Comandi e segnalazioni del comunicatore

Dettagli

ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS

ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS BROCHURE Pagina 1 di 9 Brochure ABE_1500 Caratteristiche principali ABE_1500 analizzatore per Metano (CH4), Biossido di carbonio (CO2), Monossido di carbonio

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

MANUALE D USO DEL SW PER PROCEDURE STANDARDIZZATE

MANUALE D USO DEL SW PER PROCEDURE STANDARDIZZATE GENERALITÀ SULL USO DEL SW In tutti gli ambiti in cui è stato possibile farlo, sono stati predisposti menù a tendina o tabelle predefinite (conformi alle indicazioni ministeriali) allo scopo di inserire

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Agritherm50. Software per la visualizzazione e controllo delle temperature SPECIFICHE

Agritherm50. Software per la visualizzazione e controllo delle temperature SPECIFICHE Agritherm50 documentazione tecnica 825A143A Software per la visualizzazione e controllo delle temperature Sistema di monitoraggio e supervisione Rilevamento in continuo di tutti i punti di lettura di sonde

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019

EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019 EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019 Via Serraglio, 48 - Imola (BO) - Italy Tel. 0542 641770 - Fax 0542 641761 www.elcotronic.it - info@elcotronic.it Pagina 1 di 17 Pagina

Dettagli

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528 MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CAF528 è una centrale di semplice utilizzo da parte dell utente il quale può attivare l impianto in modo totale o parziale per mezzo dei PROGRAMMI

Dettagli

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 -

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 - CENTRALE serie R Manuale Utente - Versione 4.1-00 1 Menù Utente CODICE PERSONALE (DEFAULT utente 1= 111111) Frecciagi ù INSERIMENTO Invio ( ) Utilizzare i Tasti Numerici per configurare i Programmi da

Dettagli

Hotel Manager. Ospite non in camera Ospite in camera Non disturbare Camera riassettata o pronta ad accogliere un nuovo ospite

Hotel Manager. Ospite non in camera Ospite in camera Non disturbare Camera riassettata o pronta ad accogliere un nuovo ospite Hotel Manager 1.0 - Introduzione Hotel Manager è un software sviluppato per permettere la supervisione di un hotel realizzato mediante il sistema bus PICnet. Il software è perfettamente integrato nell

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione

Word Libre Office. Barra degli strumenti standard Area di testo Barra di formattazione SK 1 Word Libre Office Se sul video non compare la barra degli strumenti di formattazione o la barra standard Aprite il menu Visualizza Barre degli strumenti e selezionate le barre che volete visualizzare

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

FDE- 712. Modulo per la sostituzione dei floppy disk nei pannelli DLsistemi modello DL104 Nuovo software per la gestione dei programmi

FDE- 712. Modulo per la sostituzione dei floppy disk nei pannelli DLsistemi modello DL104 Nuovo software per la gestione dei programmi FDE- 712 Modulo per la sostituzione dei floppy disk nei pannelli DLsistemi modello DL104 Nuovo software per la gestione dei programmi Figura 1 Vista la progressiva scomparsa dei dischi floppy, adatti al

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore

08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore 08880820 Centrale controllo sole/vento/pioggia 1 motore 1 DESCRIZIONE La centrale S\V\P\T CON DISPLAY è in grado di comandare un motore. Il comando avviene per mezzo di un di una tastiera con display da

Dettagli

LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE LP 2000 INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDICATORE, REGOLATORE DI LIVELLO PER IL COMANDO DI DUE POMPE CON SENSORE PIEZORESISTIVO TIPO LP 2000 Questo strumento è stato studiato per dare una soluzione tecnologicamente

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 2.1.1.1 Primi passi col computer Avviare il computer Windows è il sistema operativo più diffuso per la gestione dei personal computer, facile e amichevole

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 C.D.V.ITALIA S.r.l. MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 ver. CDV-137 007 rev. 1.9 \\Z8xdm2vfarmupsa\shareddocs\documentazione tecnica\doko\cdv italiano\cdv 137 007_19_utente_A5.doc CDV-137

Dettagli

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso.

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. -Introduzione. Il software consente, tramite opportuna interfaccia USB Rowan C426S, di leggere e scrivere i dati presenti

Dettagli

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00 NV780 (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi Manuale d installazione V2.51 DT02168DI0612R00 Introduzione Il rivelatore NV780 incorpora due rivelatori

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI. Cronotermostato MILUX

MANUALE DI ISTRUZIONI. Cronotermostato MILUX MANUALE DI ISTRUZIONI Cronotermostato MILUX GENERALITÁ ITA Il cronotermostato MILUX è un termostato digitale programmabile, in grado di controllare e regolare direttamente gli impianti di riscaldamento

Dettagli

Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE

Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE Esposimetro HD450 con registrazione dati INTRODUZIONE AL SOFTWARE Questo programma può raccogliere dati provenienti dall HD450 quando l apparecchio è collegato a un PC e anche scaricare dati memorizzati

Dettagli

GSM Dialer. Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 COMBINATORE GSM - DIALER

GSM Dialer. Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 COMBINATORE GSM - DIALER COMBINATORE GSM - DIALER Combinatore telefonico GSM con funzione combinatore telefonico a linea fissa.dispositivo da collegare ad antifurti PSTN ma anche ad altre apparecchiature. Invia chiamate vocali

Dettagli

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN Procedura di aggiornamento firmware inverter Ingeteam serie Ingecon Sun Lite Tel. + 39 0546 651490 Fax: +39 0546 655391 e-mail: italia.energy@ingeteam.com Pagina

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

Geass-Link Manuale di istruzione

Geass-Link Manuale di istruzione Geass-Link Manuale di istruzione GEASS S.r.l. - Via Ambrosini 8/2 10151 Torino - Tel. 011.22.91.578 - Fax 011.27.45.418 - info@geass.com - www.geass.com GEASS-LINK V.1.0.4 Software di Gestione e Acquisizione

Dettagli

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio Progetto Software to Fit - ShellMemory Pagina 1 Manuale d'uso ShellMemory Memory è un gioco didattico realizzato con l'obiettivo di aiutare l'alunno ad esercitare la capacità di memorizzazione o le capacità

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli