Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo»"

Transcript

1 AIDA ANNALI ITALIANI DEL DIRITTO D AUTORE DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO Anno XIX 2010 (Estratto) ANTONIO ALBANESE Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo» MILANO - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE

2 Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo» SOMMARIO. 1. L esclusione della responsabilità dell Internet service provider per gli illeciti compiuti dai destinatari del servizio: le ragioni di una disciplina speciale. 2. Le fattispecie di «irresponsabilità» come cause di giustificazione dell illecito e la ripartizione dell onere probatorio. 3. Scambio di dati peer to peer e criteri soggettivi d imputazione della responsabilità al provider: la necessaria integrazione del diritto secondo con le regole del diritto primo. 4. Il collegamento ipertestuale ad altri siti web come ipotesi disciplinata dal codice civile. 5. L abuso del diritto e il ritorno alla regola generale di responsabilità. 1. Lo sviluppo delle tecnologie informatiche applicate a Internet ha determinato un mutamento nelle modalità di utilizzo della rete telematica, aprendo una serie di questioni giuridiche inedite (1). In particolare nel passaggio del Web 1.0 al Web 2.0 l utente non è più soltanto destinatario passivo di dati e informazioni che sono immessi in rete da chi gestisce professionalmente i siti Internet, ma diviene parte attiva nella trasmissione e comunicazione di contenuti di vario genere, che, grazie alle nuove tecnologie, egli stesso è in grado di produrre o di diffondere, condividendoli con un ampio pubblico di utenti interessati (2). Questo fenomeno, se per un verso accresce le possibilità materiali di manifestare liberamente il proprio pensiero e di scambiare informazioni utili allo sviluppo della singola persona e della società nel suo complesso, per altro verso amplifica il rischio di lesioni a beni e diritti tutelati dall ordinamento. La facilità di diffusione dei dati immessi nella rete costituisce infatti di per sé una fonte di pericolo per i diritti che per loro stessa natura sono esposti ai rischi tipici della comunicazione di massa. La novità del fenomeno ripropone quindi in forme diverse un problema di tutela di interessi già riconosciuti dalla legge rispetto ad attività prima sconosciute, che pur essendo astrattamente lecite, possono risultare, per le peculiari caratteristiche di ciascuna o per le loro concrete modalità di svolgimento, lesive non solo di diritti essenzialmente non patrimoniali come quello alla riservatezza o alla reputazione, ma altresì di diritti suscettibili di valutazione economica come la proprietà intellettuale o industriale. Proprio per la particolarità del fenomeno i legislatori nazionali e sovranazionali hanno ritenuto inadeguata la disciplina tradizionale, dotandosi di una specifica normativa. Così, anche nel nostro ordinamento il decreto legislativo n. 70 del 2003 ha dato attuazione alla direttiva CE 2000/31 (3). (1) Vedi in tal senso C. CASTRONOVO, La nuova responsabilità civile 3, Milano, 2006, p. 265 s. (2) Questi aspetti di novità sono sottolineati da U. PAGALLO, Sul principio di responsabilità giuridica in rete, in Dir. inf., 2009, p. 704 s. (3) Sulla necessità di norme uniformi in materia di responsabilità del prestatore di servizi 354

3 Tale intervento peraltro non trae origine dalla necessità di colmare una lacuna legislativa, regolando casi altrimenti privi di disciplina (4), ma piuttosto è volto ad adeguare il regime di responsabilità alle peculiari esigenze del fenomeno in esame. In mancanza di tali disposizioni, infatti, le «nuove fattispecie» non ricadrebbero in uno spazio giuridicamente neutro d irrilevanza né potrebbero ricondursi a una regola generale e non scritta di libertà e di irresponsabilità, ma sarebbero comunque assoggettate alla disciplina dettata dagli artt s. c.c. La previsione di norme ad hoc non è quindi dovuta all impossibilità di trovare sul piano logico una soluzione giuridica, ma deriva da una valutazione di opportunità che induce a regolare diversamente le fattispecie considerate, derogando per certi aspetti alla disciplina generale in ragione di precise scelte di politica del diritto. In tal senso, fine dichiarato della normativa speciale è quello di favorire lo sviluppo della rete come mezzo di libera manifestazione del pensiero e strumento di comunicazione sociale attraverso un opportuna delimitazione della responsabilità del provider, funzionale a ridurre di costi di gestione del servizio e a migliorare conseguentemente le condizioni economiche di accesso da parte degli utenti (5). Da questa prospettiva di deresponsabilizzazione si spiega la singolare formulazione delle norme in questione, che, anziché individuare positivamente le fattispecie di responsabilità, dispongono in termini negativi che il provider non è responsabile nello svolgimento di determinate attività tipizzate dalla legge. Così, ad esempio, con specifico riferimento all attività di semplice trasmissione di dati (c.d. mere conduit) l art. 14 d. lgs. 2003/70 stabilisce le condizioni alle quali il provider non risponde insieme al destinatario del servizio dei danni che quest ultimo abbia a cagionare a terzi con le informazioni trasmesse. Derogando alla disciplina generale si esclude quindi la responsabilità extracontrattuale in casi nei quali essa potrebbe ricorrere, ove ne sussistessero concretamente gli elementi costitutivi. Si configurano pertanto regole di «irresponsabilità», dettate con riguardo ad alcune tipologie di servizi telematici, tutti caratterizzati dall essenziale estraneità del prestatore rispetto ai contenuti trasmessi o memorizzati. 2. A fronte di tale precisa scelta della legge, l interprete non può però limitarsi a prendere atto della deroga e delle ragioni di politica del diritto che la giustificano, ma, assolvendo al proprio compito di giurista positivo, deve dare una precisa forma giuridica all esclusione di responsabilità, riconducendola a un sistema razionale di norme. In quest ottica la condotta del prestatore di servizi telematici, nella misura in cui rimanga confinata entro precisi limiti normativamente posti, deve ritenersi assistita da una specifica causa di giustificazione, riconducibile al legittimo esercizio di elettronici per risolvere le incertezze nell applicazione delle varie discipline nazionali vedi P. LEOCANI, La direttiva UE sul commercio elettronico: cenni introduttivi, in Europa dir. priv., 2000, p. 652 s. (4) Sembra invece escludere la possibilità di risolvere le controversie in esame in base ai principi già conosciuti dall ordinamento PAGALLO, op. cit., p. 706 s. (5) Così G. PINO, Assenza di un obbligo generale di sorveglianza a carico degli Internet Service Providers sui contenuti immessi da terzi in rete, in Danno e resp., 2004, p

4 AIDA 2010 un diritto a sua volta manifestazione della libertà d iniziativa economica privata. Non sembra invece corretto spiegare l esclusione della responsabilità alla stregua di una valutazione legale tipica di assenza degli elementi costitutivi della relativa fattispecie (6). In tal modo si finirebbe infatti per ammettere un insanabile vulnus tra la norma considerata e la realtà da essa regolata. Anche la semplice trasmissione d informazioni, così come la loro memorizzazione temporanea o definitiva, costituisce infatti condotta senza dubbio dotata di efficienza causale rispetto all illecito commesso dai terzi, che si avvalgono di tale servizio come strumento necessario per la lesione del diritto. Ove pertanto ricorresse anche un criterio d imputazione a titolo di dolo o di colpa, sussisterebbe l illecito civile e/o penale. Negare inoltre questo incontrovertibile dato di fatto, ricorrendo a una finzione giuridica, non consentirebbe di comprendere le reali ragioni e interessi sottostanti alla scelta della legge di escludere a priori la responsabilità del provider, precludendo l accertamento tanto di un nesso causale adeguato quanto di un criterio d imputazione. La deroga alla disciplina generale recupera invece un proprio fondamento logico, sottraendosi alle possibili censure d illegittimità costituzionale, ove sia correttamente intesa come previsione di un fatto impeditivo della fattispecie, che attribuisce rilevanza a un interesse diverso e contrapposto rispetto a quello del danneggiato, ritenuto prevalente in base a un bilanciamento secondo criteri di ragionevolezza e proporzionalità. Non si tratta peraltro di indulgere a sterili leziosismi accademici, ma di predisporre l apparato teorico in grado di dare risposte a concreti problemi interpretativi. Una volta ricostruito il rapporto con la disciplina codicistica in termini di deroga a una regola potenzialmente applicabile, può correttamente individuarsi il criterio di ripartizione dell onere probatorio, in base al quale l internet provider dovrà provare che il servizio da lui prestato rientra esattamente tra quelli per i quali vale l esclusione della responsabilità (7). Così, con riferimento all attività di mere conduit prevista dall art. 14 d. lgs. 2003/70, egli dovrà provare non solo di aver trasmesso esclusivamente informazioni fornite dal destinatario del servizio, ma anche a) di non aver dato origine alla trasmissione; b) di non averne selezionato il destinatario; c) di non aver selezionato o modificato le informazioni trasmesse. Il mancato compimento di questi atti costituisce infatti condizione necessaria per poter identificare l attività svolta come fatto impeditivo di una responsabilità, che in base alle regole ordinarie potrebbe sussistere. Viceversa, se si legge isolatamente il «testo» della norma, senza collocarla in un (6) Questa è invece la ricostruzione proposta da F. DELFINI, La responsabilità dei prestatori intermediari nella direttiva 2000/31/CE e nel d.lgs. n. 70/2003, in Riv. dir. priv., 2004, p. 66, secondo cui, in presenza delle condizioni alle quali la legge subordina l esclusione della responsabilità, «l eventuale illecito commesso dal cliente perde ogni rapporto di suitas con il provider». (7) In tal senso anche Trib. Catania, 29 giugno 2004, in Dir. inf., 2004, 474 pone in capo al provider l onere di provare che il servizio prestato costituiva esercizio di semplice attività di hosting. 356

5 «contesto» sistematico, la sua formulazione negativa potrebbe indurre a configurare una regola di irresponsabilità, rispetto alla quale le tre ipotesi in cui l internet service provider è responsabile potrebbero erroneamente intendersi non come casi riconducibili alla regola generale, bensì come autonome e distinte fattispecie di illecito (8), delle quali spetterebbe al danneggiato provare gli elementi costitutivi. 3. La corretta ricostruzione sistematica del rapporto tra disciplina generale (c.d. diritto primo) e regole speciali (c.d. diritto secondo) assume peraltro rilevanza non solo in termini processuali di onere della prova, ma anche dal punto di vista del diritto sostanziale applicabile. Così, là dove il provider non si sia limitato a svolgere un attività di mera trasmissione d informazioni e anzi abbia concorso alla commissione dell illecito mediante una delle condotte previste dalle lett. a), b), c) dell art. 14, co. 2, d. lgs. 2003/70, non potrà operare l esclusione di responsabilità prevista dalla norma, ma ciò non si traduce in un automatica affermazione di responsabilità. In mancanza di deroga, troverà infatti applicazione la regola generale contenuta nell art c.c., in base alla quale vi sarà responsabilità ove sussistano gli elementi costitutivi della fattispecie ivi prevista e quindi, oltre a un danno che deve essere ingiusto, occorrerà altresì la colpa o il dolo e il nesso di causalità tra la condotta agevolatrice del provider e l evento lesivo. Da questa prospettiva sistematica si rivela invece fuorviante l argomento «a contrario» in virtù del quale la legge nelle ipotesi in cui non ha escluso la responsabilità del provider, ha invece inteso renderlo sempre e comunque responsabile. Tale conclusione finirebbe del resto per tradursi surrettiziamente in una regola di responsabilità oggettiva, che non trova fondamento né nella lettera della norma né negli scopi di politica del diritto perseguiti dal legislatore. Pertanto in mancanza di una norma che preveda un criterio oggettivo di imputazione, deve ritenersi che il provider possa concorrere nell illecito altrui soltanto allo stesso titolo di dolo o di colpa dell autore primario della condotta (9). Analogamente, ove presti un servizio diverso da quelli con riguardo ai quali gli artt d. lgs. 2003/70 escludono la sua responsabilità, l internet provider sarà responsabile degli atti compiuti da terzi destinatari del servizio soltanto qualora ricorrano tutti gli elementi costitutivi dell illecito civile o penale. Quest affermazione peraltro è espressamente contenuta nella sentenza Google vs. Vividown pronunciata dal Tribunale di Milano, il quale ha ritenuto che il servizio prestato dal c.d. content provider, se pure vale a differenziarne la posizione rispetto (8) A questa conclusione perviene L. BUGIOLACCHI, Verso un sistema della responsabilità civile dell internet provider? Considerazioni su un recente «anteproyecto» spagnolo di recepimento della direttiva 2000/31/CE sul commercio elettronico, in Resp. civ. prev., 2002, p (9) Vedi in tal senso con specifico riferimento all attività di hosting Trib. Catania, 29 giugno 2004, cit., 474, secondo il quale si configura una responsabilità che è «colposa, allorché il fornitore del servizio, consapevole della presenza sul sito di materiale sospetto, si astenga dall accertarne l illiceità e, al tempo stesso, dal rimuoverlo; dolosa, quando egli sia consapevole anche della antigiuridicità della condotta dell utente e, ancora una volta, ometta di intervenire». 357

6 AIDA 2010 a quella del c.d. host provider o di chi svolge un attività di mere conduit, non è di per sé sufficiente a determinarne la responsabilità, ove manchi un idoneo criterio soggettivo d imputazione (10). Lo stesso giudice riconosce peraltro che tale affermazione di principio solo in apparenza contraddice la conclusione cui è giunta la terza sezione penale della Cassazione in materia di lesione del diritto d autore (11), la quale, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità del sequestro preventivo del sito web thepiratebay.org, ha bensì riconosciuto un concorso del provider nel reato compiuto da terzi mediante l illegittima immissione in rete di opere protette dal diritto d autore, ma non ha in alcun modo mostrato di prescindere dall accertamento degli elementi oggettivi e soggettivi dell illecito. Più precisamente la Corte ha affermato che la particolare tecnologia informatica di condivisione di file tra utenti della rete internet (c.d. file sharing) e l utilizzo di protocolli che consentono il trasferimento dei file direttamente tra utenti (c.d. peer to peer), senza la necessità che l opera sia memorizzata sul server del sito web e da questo trasmessa ai destinatari del servizio, non vale a rendere estraneo a tale condotta delittuosa il provider. Quest ultimo, infatti, non si limita semplicemente a mettere in comunicazione tra loro gli utenti che rispettivamente caricano e scaricano contenuti, ma elabora costantemente i dati da essi provenienti, predisponendo motori di ricerca o apposite liste di indicizzazione, che consentono ai soggetti interessati di orientarsi nella ricerca delle opere che intendono scaricare. Non è invece condivisibile la diversa ricostruzione recentemente proposta dalla giurisprudenza spagnola, secondo cui l attività del provider che organizza un servizio di scambio di opere e materiali peer to peer si risolve nella mera trasmissione di dati, che non lede alcun diritto d autore (12). Al contrario è evidente che il provider non opera come mero «corriere», che organizza ed esegue il trasporto di dati, ma svolge un attività che lo rende partecipe dell illecito in termini non soltanto di apporto causale alla condotta altrui, ma anche di consapevolezza del fatto che i dati trasferiti sono potenzialmente coperti dal diritto d autore. Del pari erronea è l opinione espressa dal giudice Orejudo nella sentenza in questione, secondo cui la condivisione di file immessi nella rete non implica né distribuzione né riproduzione né comunicazione al pubblico delle opere protette. Proprio le modalità con cui si compie la ricerca dei contenuti da scaricare dimostrano invece che il servizio offerto dal provider è funzionale non alla trasmissione di dati tra due soggetti già determinati, ma alla loro diffusione tra un novero indefinito di utenti interessati. Non è quindi corretto invocare l eccezione di copia privata rispetto ad attività che esulano dalla sfera ristretta in cui si svolge la vita privata del fruitore dell opera. In definitiva le caratteristiche intrinseche del servizio di condivisione file sono incompatibili con un atteggiamento agnostico del provider rispetto agli illeciti com- (10) Trib. Milano IV sez. pen., 12 aprile 2010, n. 1972, in Resp. civ. prev., 2010, p s.. (11) Vedi Cass. pen., 23 dicembre 2009, n , in Dir. inf., 2010, p. 437 s. (12) Così Juzgado mercantil n. 7 Barcellona, 9 marzo 2010, n. 67, in 358

7 messi dagli utenti e spiega la maggiore frequenza e facilità con la quale l autorità giudiziaria accerta il concorso nella violazione della proprietà intellettuale rispetto ad altri casi in cui la lesione riguarda diritti non patrimoniali della persona all onore e alla reputazione o alla riservatezza. La ragione di tale differente trattamento non risiede peraltro nella diversa importanza dei beni protetti, che anzi dovrebbe condurre a una conclusione opposta, ma nelle caratteristiche della condotta posta in essere dal provider. In un caso questi svolge un attività strutturata e organizzata per diffondere opere, che sono oggetto di un diritto esclusivo di comunicazione al pubblico, nell altro caso invece appresta un servizio le cui modalità di utilizzo rimangono neutrali rispetto al contenuto delle informazioni immesse nella rete telematica. Se, pertanto, gli elementi costitutivi della fattispecie illecita in termini generali e astratti sono i medesimi, diverso può essere in concreto l esito del relativo riconoscimento giudiziale. Alla luce di tali considerazioni è peraltro evidente che la responsabilità penale dell internet service provider non discende dalla semplice constatazione della mancanza di un attività qualificabile come mero trasporto ai sensi dell art. 14 d. lgs. 2003/70, ma presuppone altresì il positivo accertamento dei requisiti necessari a configurare un concorso di persone nel reato (13). Analogamente, ai fini della responsabilità civile e degli eventuali provvedimenti cautelari volti a prevenire il danno, non è sufficiente che il servizio prestato sia diverso da quello di mero trasferimento di dati, ma occorre altresì accertare la positiva sussistenza degli elementi costitutivi della fattispecie prevista dall art c.c. A tale riguardo è ragionevole ritenere che il provider, pur non conoscendo ex ante quali siano le singole opere che saranno scaricate e se queste siano coperte da diritto d esclusiva oppure no, è comunque in grado di prevedere che il servizio da lui prestato agevolerà una pluralità indefinita di violazioni della proprietà intellettuale. Si potrà quindi configurare un concorso nell illecito altrui se non a titolo di dolo per lo meno a titolo di colpa (14). Analogamente, ove pure il danno concretamente subito non possa essere provato nel suo esatto ammontare, il pericolo di ulteriori violazioni potrà legittimare provvedimenti cautelari volti a impedire la prosecuzione della condotta illecita. 4. A conclusioni non diverse si deve inoltre giungere in un altro caso simile a quello già esaminato riguardante un sito che attraverso un collegamento ipertestuale telematico (link) verso un altro sito web consentiva ai propri utenti di assistere alla trasmissione di contenuti televisivi coperti da diritti di esclusiva. Anche in questo caso si configura un attività diversa da quella di mere conduit (13) Da questa prospettiva Cass. pen., 23 dicembre 2009, n , cit., p. 442 ha convalidato il provvedimento di sequestro preventivo del sito che consentiva lo scambio di opere coperte da diritto d autore. (14) Cfr. DELFINI, op cit., p. 67 il quale ritiene sufficiente ai fini della responsabilità del provider la colpa come requisito psicologico minimo richiesto dalla norma cardine della responsabilità aquiliana. 359

8 AIDA 2010 in quanto il provider non trasmette contenuti utilizzando il proprio server come mezzo di comunicazione, ma mette in collegamento diretto i propri utenti con il sito che ne cura la diffusione. I dati immessi in rete inoltre sono informazioni fornite non «da» un destinatario del servizio, come invece richiede l art. 14 d. lgs. 2003/70, ma «a» un destinatario del servizio, che viene «selezionato» dal provider proprio mediante l accesso al sito contenente i link. In pari tempo l intermediario seleziona determinati siti in base all interesse che possono riscuotere presso i propri visitatori (15). Il servizio prestato dal provider, quindi, per un verso non comprende la trasmissione dei dati immessi in rete, per altro verso implica un quid pluris, traducendosi in un contributo causale nel favorire una più ampia diffusione dei contenuti coperti da diritto di esclusiva (16). Né rileva il fatto che l attività del provider si collochi temporalmente in un momento in cui le opere protette sono già state in parte divulgate, ben potendo configurarsi anche in questo caso un concorso nell illecito, che, avendo carattere permanente, può protrarsi nel tempo, aggravando le conseguenze dannose per il titolare del diritto leso. Per converso, il fatto che non ricorra alcuna delle ipotesi legislativamente previste di irresponsabilità non legittima un argomento «a contrario», in base al quale l internet service provider è certamente responsabile degli illeciti commessi dai destinatari del servizio da lui prestato. Tale ragionamento incorrerebbe, infatti, in un vizio logico, equiparando la mancanza di un fatto impeditivo della fattispecie alla presenza dei suoi elementi costitutivi. Ugualmente formalistico e fuorviante sarebbe peraltro un argomento «a fortiori» che pretenda all opposto di escludere a priori la responsabilità del provider, allegandone la mancata partecipazione alla trasmissione dei dati. In realtà, là dove non opera l esclusione derogatoria della responsabilità, questa potrà ugualmente sussistere a condizione però che ne ricorrano i presupposti sostanziali, secondo le regole generali dell ordinamento. A tal fine occorre quindi distinguere a seconda dei casi: se il collegamento ipertestuale ha per oggetto un sito, che in modo per così dire istituzionale svolge un attività illecita, allora vi sarà anche una responsabilità concorrente del soggetto che, ponendosi come intermediario, facilita la diffusione dei contenuti trasmessi. In tal senso la terza sezione penale della Cassazione ha accertato gli estremi dell illecito nella condotta del provider che, pur non avendo compiuto l azione tipica, ha posto (15) Diversamente P. SAMMARCO, I diritti televisivi su manifestazioni sportive: natura giuridica e loro tutela da sfruttamento non autorizzato agevolato dalle tecnologie informatiche, in Dir. inf., 2006, p. 760, il quale con riferimento al caso di specie esclude la responsabilità dell intermediario che si sia limitato a «veicolare le informazioni a favore di altri utenti, senza dare origine alle trasmissioni stesse o selezionarne i destinatari». (16) Sull astratta rilevanza di tale nesso causale G. DALIA, Sky vs. Cina: terzo, e non ultimo, atto, in Dir. internet, p , il quale però esclude in concreto un concorso di persone nel reato in mancanza del presupposto costituito dall esistenza di un prodotto oggetto di un diritto esclusivo di divulgazione. 360

9 in essere una condotta consapevole, avente efficienza causale sulla lesione del bene tutelato, facilitando la sincronizzazione con eventi sportivi trasmessi in violazione del diritto d autore (17). Ma in altri casi la condotta del provider che agevoli l accesso a un sito che svolge legittimamente la sua attività non presenta di per sé profili d illiceità, salvo che egli non fornisca consapevolmente all utente il mezzo per usufruire di contenuti, che non avrebbe il diritto di ottenere. Là dove invece il collegamento ipertestuale abbia per oggetto opere e contenuti di cui il destinatario del servizio avrebbe comunque potuto prendere visione legittimamente, manca quell evento lesivo che costituisce il presupposto stesso della responsabilità. All eventuale arricchimento indiretto del provider per le inserzioni pubblicitarie non corrisponde del resto alcuna perdita economica a carico del titolare del diritto di esclusiva. Anche in questo caso quindi il riferimento alla disciplina generale del codice civile, ponendo la necessità di accertare tutti gli elementi costitutivi della fattispecie, circoscrive entro limiti determinati i possibili esiti di responsabilità del provider. Tale conseguenza risponde peraltro a un esigenza di coerenza sistematica dell ordinamento, che, in mancanza di una previsione legislativa di un criterio d imputazione diverso da dolo o colpa, non ammette che il prestatore di servizi telematici sia assoggettato a un regime di responsabilità più grave di quello applicabile ai soggetti autori primari dell illecito, nel quale egli concorre. 5. In altri casi tuttavia ricondurre la fattispecie concreta alla disciplina generale significa espandere l area della responsabilità. In questo senso la ricostruzione della regola d irresponsabilità come previsione di una scriminante, che alla stregua dell esercizio del diritto opera come elemento impeditivo della fattispecie generale d illecito, consente all interprete di verificare se la condotta del provider, pur formalmente contenuta entro i limiti posti dalla norma, non sia in realtà funzionale a realizzare interessi e scopi sostanzialmente diversi da quelli che, secondo la stessa valutazione legislativa, devono ritenersi meritevoli di tutela nell ambito di un corretto esercizio della specifica attività d impresa. Così, ad esempio, potrà configurarsi una responsabilità del provider là dove e- gli, nell eseguire la propria prestazione, che pure resta di mero trasporto, abbia intenzionalmente agevolato il fatto illecito del destinatario del servizio, garantendone l anonimato già al momento in cui il rapporto si è instaurato, in modo da impedire in futuro gli eventuali accertamenti delle autorità competenti (18). Questa condotta quindi va ben oltre il legittimo rifiuto di fornire informazioni riservate a soggetti privati che intendono servirsene per le loro azioni civili (19) e si (17) Cass., 10 ottobre 2006, n , in Dir. inf., 2006, p (18) La responsabilità del provider che garantisce l anonimato all autore dell illecito trova peraltro ampio riconoscimento in dottrina: sul punto cfr. G. CASSANO e F. BUFFA, Responsabilità del content provider e dell host provider, in Corr. giur., 2003, p. 81. (19) Per una ricostruzione del dibattito giurisprudenziale e dottrinale sul punto vedi R. CASO, Il conflitto tra diritto d autore e protezione dei dati personali: appunti dal fronte euro i- 361

10 AIDA 2010 sostanzia nell impedire illegittimamente l accertamento e la repressione dei reati commessi. Tale ipotesi e altre equivalenti, sebbene non contemplate tra quelle in cui è e- spressamente riconosciuta la responsabilità del provider, neppure possono essere ricondotte nell ambito di quel corretto esercizio dell attività di trasferimento dati, che impedirebbe di affermarne l illiceità secondo le regole ordinarie. Si configura invece una situazione assimilabile all abuso del diritto che non consente di invocare l esclusione della responsabilità a tutela d interessi che, secondo la ratio della stessa legge non sono meritevoli di protezione. Il provider è quindi responsabile in base alla disciplina generale, mentre non potrebbe trovare applicazione né diretta né analogica la più specifica disposizione dell art. 17, co. 2, lett. b), che prevede bensì l obbligo di «fornire senza indugio, a richiesta delle autorità competenti, le informazioni in suo possesso che consentano l identificazione del destinatario del suo servizio», ma sul presupposto che tali informazioni siano state correttamente assunte fin dall inizio e comunque solo nelle ipotesi in cui le parti abbiano posto in essere «accordi di memorizzazione dei dati». Tale disposizione peraltro si configura come eccezionale in un quadro normativo chiaramente ispirato a una logica di deresponsabilizzazione, che si traduce nella formulazione negativa di norme di esclusione della responsabilità e dell obbligo generale di sorveglianza in capo al prestatore di servizi telematici. In questo contesto devono pertanto ritenersi eccezioni alla regola, come tali non suscettibili di applicazione analogica, le ipotesi in cui il provider risponde dei danni derivanti dalle informazioni che trasmette o memorizza (20). Ma ciò non toglie che, là dove la norma d irresponsabilità non possa operare per i limiti connaturati alla sua stessa razionalità, troverà applicazione, in mancanza di deroghe, la disciplina generale dettata dagli artt s. c.c. (21), con conseguente equiparazione del provider agli altri soggetti che consapevolmente concorrono nell illecito. Alla luce di un principio di uguale trattamento si potrebbe allora legittimare un giudizio di responsabilità del provider anche al di fuori delle fattispecie normativamente previste, nelle quali egli abbia dato origine alla trasmissione o abbia selezionato il destinatario della stessa o abbia selezionato o modificato le informazioni trasmesse. Una volta, infatti, ricondotte tali ipotesi alla disciplina del codice civile, questa potrà trovare applicazione anche in altri casi, in cui all attività tipizzata dalla norma come inidonea a far sorgere la responsabilità si aggiunga un ulteriore ele- taliano, in Dir. internet, 2008, p. 459 s. (20) Così CASTRONOVO, La nuova responsabilità civile, cit., p. 271, secondo il quale «l affermazione di responsabilità in termini di eccezione rispetto alla non responsabilità» costituisce «il modello normativo capace di limitare l evoluzione dell ordinamento ad opera di una giurisprudenza creativa». (21) Rimane invece nell ambito della disciplina speciale la fictio giudiziale alla quale fa riferimento G. PINO, op. cit., 838, e in base alla quale si ritiene che «il service provider che non sia in grado di rendere identificabili gli autori di eventuali comunicazioni illecite debba essere considerato a sua volta un content provider, e quindi direttamente responsabile per i contenuti illeciti immessi». 362

11 mento non contemplato dalla legge, ma parimente determinante in termini non soltanto di contributo materiale alla commissione dell illecito, ma anche di partecipazione al disvalore ad esso sotteso. E allora evidente che la riconduzione delle norme speciali a un sistema unitario di regole, che si traduca in un ampliamento o in una restrizione della responsabilità del provider, soddisfa comunque una fondamentale esigenza di coerenza e di razionalità nell interpretazione del diritto, contemperando le istanze politiche di protezione di interessi settoriali con le scelte di fondo dell ordinamento nel suo complesso. 363

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci

Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci 1. È ritenuto amministratore di fatto colui che esercita funzioni di amministrazione in una società di capitali, cioè prende

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli