E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B TRENTO (I)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E PROMOZIONE OF RESEARCH AND. Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I)"

Transcript

1 CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B TRENTO (I) Tel. (39) Fax. (39)

2 Bolzano, 11 aprile 2008 Convegno sul turismo accessibile e la mobilità in Alto Adige Tagung zum barrierefreien tourismus und mobilität in Südtirol Verso una buona pratica Leris Fantini C.E.R.P.A. - ITALIA Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell Accessibilità 2

3 Background Solo guide cartacee con diverse modalità di esprimere l accessibilità spesso non esaustiva La presenza delle guida all accessibilità si possono ritrovare già agli inizi degli anni 80. Guide nate soprattutto dalla volontà, da parte di associazioni delle persone con disabilià, di voler facilitarela mobilità e l accesso ai servizi pubblici attraverso l informazione sull accessibilià delle strutture. Perché l informazione deve essere oggettiva L'analisi attenta del materiale cartaceo circolante in Italia e non solo aveva messo in luce come spesso le informazioni relative all'accessibilità degli edifici (poco interesse è stato manifestato verso i percorsi urbani), erano incomplete o peggio basate su un'analisi soggettiva. L informazione recuperata durante il sopralluogo all interno delle strutture spesso si concretizzava in un giudizio riassuntivo espresso con uno o massimo tre simboli grafici. Dunque, dietro ad un simbolo, si celava un giudizio soggettivo di un operatore o di una persona con disabilità che spesso e volentieri esprimeva una percezione personale dell accessibilità, quindi un giudizio viziato e fuorviante rispetto alla complessità reale che ogni persona vive rispetto all ambiente, alla propria disabilità, al proprio ausilio, all età, al percorso riabilitativo, all approccio psicologico e conseguentemente alla visione positiva o negativa della difficoltà. L informazione oggettiva Nasce all interno del progetto A.V.A.N.T.I. nel 1995 Trova una sua prima esternazione pubblica durante il convegno nazionale sul turismo accessibile (CO.IN.) nel 1997 Il primo prodotto in termini di servizio, consultabile su internet fu la rete delle biblioteche comunali di Firenze del 1998 Il concetto si consolida ulteriormente quando l esperienza entra all interno del progetto nazionale Italia per tutti-stare dove l approccio concettuale viene condiviso dal Coordinamento Nazionale delle associazioni di persone con disabilità e viene realizzata la prima rilevazione dell accessibilità, su scala nazionale, delle strutture turistiche (circa 6.000) secondo una metodologia definita I.G.-vae. La chiave di svolta è l idea di rendere le persone protagoniste delle proprie scelte. Lo scatto culturale è avvenuto all interno di un progetto europeo: il progetto A.V.A.N.T.I.. Il progetto ha consentito per la prima volta di svolgere una ricerca mirata all individuazione dei bisogni da parte delle persone con disabilità che abitualmente viaggiavano per turismo e non solo. Il progetto ha avuto negli anni a seguire altre opportunità di applicazione e sviluppo, in particolare il progetto Italia per tutti. Informazione oggettiva significa non giudicare, non emarginare ma bensì valorizzare i servizi, farli conoscere, offrire una fotografia reale dell ambiente, dei servizi, della fruibilità di questi e mettere, il cliente (con necessità speciali) nelle condizioni di 3

4 scegliere secondo le proprie esigenze e le proprie aspirazioni. quindi un Cliente PROTAGONISTA Filosofia ed obiettivi del progetto C.A.R.E. Far crescere le città ospitali città che sapranno soddisfare le esigenze più difficili, come quelle espresse da portatori di bisogni speciali, sono città più funzionali ed accoglienti per tutti attraverso la costruzione di reti di servizi specializzati reti di servizi ospitali che vanno dai servizi legati al leisure e al tempo libero alla qualità dell arredo urbano C.A.R.E. Città Accessibili delle Regioni Europee è l ultima esperienza che ha permesso di perfezionare l approccio al tema dell accessibilità, gli strumenti di rilevazione e il principio di sistema ospitale. Attività prevista nel progetto C.A.R.E. Analisi dei bisogni speciali per la definizione di una città ospitale Definizione e applicazione di una metodologia condivisa comune Trasferimento di know-how sul tema dell accessibilità Costruire un sistema a rete tra le città Monitoraggio e divulgazione dei risultati L attività ha coinvolto 5 nazioni europee, tre regioni italiane, quattro province, due comuni e l Associazione Si Può che possiede inoltre la paternità del progetto. Alcune specificità del progetto C.A.R.E. immagini Queste tre immagini riassumono la professionalità del lavoro svolto che si è concretizzato con un informazione testuale mirata ai reali bisogni dei turisti con il supporto grafico e fotografico di disegni e immagini che hanno contribuito alla personalizzazione della scelta di una struttura piuttosto che un altra. Organizzazione dell informazione Immagini I tre grafici a seguire illustrano in modo sintetico quali sono le principali informazioni da recuperare con il sopralluogo ma soprattutto la modalità di restituzione dell informazione stessa. Un eccesso di dati produce rindondanza e penalizza la fruibilità e l uso dei dati stessi. Come possono essere gestiti i dati Guida su supporto cartaceo: Informazioni standard Immagine fotografica Commento generale Indicazione orientativa dell accessibilità generale Oltre a definire i formati di restituzione dei dati è necessario scegliare le informazioni più appropriate per il supporto utilizzato nella comunicazione 4

5 Come possono essere gestiti i dati Dati su supporto informatico (CD-rom): Informazioni standard Immagine fotografica dell edificio Informazioni logistiche Informazioni specifiche legate alla tipologia Informazioni specifiche determinate dagli spazi funzionali: Parcheggio Percorso esterno Ingresso Percorsi interni Servizi igienici (Planimetrie) Collegamenti verticali Camere (Planimetrie) Bagni (Planimetrie + foto di particolari) Sale Sicurezza Commento generale Indicazione orientativa dell accessibilità generale Indicazione orientativa dell accessibilità suddivisa per spazi funzionali Interrogazione per campi o voci chiave. Ovviamente un supporto informatico, contrariamente al supporto cartaceo, offre la possibilità di trasferire al turista maggiori informazioni sia di tipo statico che dinamico. Come possono essere gestiti i dati Dati su rete internet: Informazioni standard Immagine fotografica dell edificio Informazioni logistiche Informazioni specifiche legate alla tipologia Informazioni specifiche determinate dagli spazi funzionali: Parcheggio Percorso esterno Ingresso Percorsi interni Servizi igienici (Planimetrie) Collegamenti verticali Camere (Planimetrie) Bagni (Planimetrie + foto di particolari) Sale Sicurezza Commento generale Indicazione orientativa dell accessibilità generale Indicazione orientativa dell accessibilità suddivisa per spazi funzionali. Interrogazione per tipologie di clienti con necessità speciali 5

6 Descrizione riassuntiva orientata alle persone non vedenti (TXT) La rete internet offre ulteriori vantaggi quali quello dell aggiornamento immediato dei dati e costi di diffusioni praticamente irrisori. Come avviene la consultazione (schema) La presenza su Internet non basta, occorre definire un sistema di navigazione semplice, intuitivo e visibile già dalle prime pagine principali. Condividere la filosofia C.A.R.E. sviluppare nuove strategie di comunicazione e divulgazione degli eventi a favore di un turismo per tutti attraverso i canali esistenti nel settore. No prodotti specifici. comunicazione positiva Occorre inoltre calare l informazione speciale, che poi tanto speciale non è (si tratta soprattutto di informazione di qualità maggiore), all interno dei normali canali di informazione turistica. Il progetto C.A.R.E. ha quindi sviluppato interessati modalità di approccio alla progettazione del sistema ospitale sia in termini tecnici che di servizi. Condividere la filosofia C.A.R.E. sviluppare percorsi formativi con le associazioni di categoria per gli operatori turistici addetti alla ristorazione e alla recettività favorire percorsi formativi per creare attraverso enti di formazione nuove figure professionali preparate per la rilevazione dell accessibilità e fruibilità dei servizi sul territorio regionale L accessibilità dei parchi: Il rispetto delle opere di ingegneria idraulica diventano stimoli e occasioni per sviluppare idee innovative sul principio del design for all L accessibilità dei parchi: L'obiettivo principale della progettazione deve essere la costruzione di un ecosistema inclusivo e ospitale. Ogni azione deve tener conto del requisito dell'accessibilità attraverso i diversi strumenti di gestione e controllo del territorio che sono: urbanistici, economici e sociali. L accessibilità dei parchi, come delle città è costituito sostanzialmente da un sistema, da una catena di servizi dove l interruzione di qualsiasi anello produce disagio, perdita di opportunità, un abbassamento della qualità del servizio e quindi un maggior costo sociale da parte della collettività. L accessibilità dei parchi: La fruibilità della natura e dell'ambiente assicura una migliore qualità della vita e quindi garantita a tutti i cittadini con attenzione alle diverse esigenze e nel rispetto rigoroso degli ecosistemi 6

7 Le immagini a corredo trasferiscono alcuni messaggi importanti: La prima: (altitudine 1257 mt) volere è potere e quindi spesso è possibile fare; La seconda: Intelligenza e attenzione, accompagnata da un confronto con le associazioni può solo restituire qualità all intervento; La terza: l accessibilità non è solo tecnica ma anche culturale attraverso lla didattica; La quarta, rappresenta la motivazione: io non frequento quel luogo perché è accessibile ma soprattutto perché si mangia bene. L accessibilità delle strutture turistiche: La qualità dell accoglienza non è data solo dall informazione dedicata ma anche da una maggiore professionalità degli operatori turistici. Investire dunque su strumenti formativi che possono alzare la qualità dell accoglienza e quindi trasformarla in un valore aggiunto. L informazione sui servizi di particolare interesse per i CLIENTI con esigenze maggiori deve trovare collocazione nei normali canali di comunicazione e promozione turistica. Esempi si pagine in Internet che trattano con qualità e in modo similare l informazione. Fotografare l ambiente con la metodologia C.A.R.E. Dall esperienza, alla sperimentazione alla definizione di modelli. La motivazione della vacanza da parte dei clienti con necessità speciali: Non è la scelta di un territorio solo accessibile ma sono le offerte culturali, enogastronomiche, sanitarie, di svago, ecc presenti. Valorizzare il territorio, la cultura locale, le tradizioni, gli eventi, i servizi attraverso una lettura trasversale dell accessibilità. Gli ultimi risultati Spiagge più accessibili, ma non per moda. Il turismo letto a 360 rappresenta dunque un sistema ospitale dove nonostante tutto occorre fare ulteriori sforzi per migliorare o sviluppare ulteriori opportunità. Dunque, con queste ultime immagini intendo sollecitare la platea e gli operatori a un raccordo maggiore dei singoli sforzi per definire strumenti comuni di lavoro, partendo da ambiti nuovi o considerati, in questo momento, i più deboli. Gli ultimi risultati Accessibilità e fruibilità degli ambienti naturali e storici attraverso tecnologie e ausili come valore aggiunto al sistema ospitale esistente 7

8 Gli ultimi risultati Rilevazione della rete pedonale per integrare l informazione esistente sulle strutture turistiche ai fini di una migliore organizzazione e permanenza dei turisti sul territorio. Gli ultimi risultati Condivisione in generale degli strumenti di rilevazione attuali e sviluppo di metodologie per la rilevazione di territori morfologicamente complessi. Gli ultimi risultati Creare un Call Centre locale per l Assistenza Turistica che sia in grado di fornire informazioni ed indicazioni per l accoglienza, gestire la ricerca e le prenotazioni di strutture. Disporre di un sistema di informazioni capace di migliorare il criterio di scelta e quindi la fruibilità delle strutture e infrastrutture turistiche. Raccogliere le segnalazioni sulle disfunzioni riscontrate dall utenza turistica; Fornire servizi di assistenza al consumatore turista; Attivare un sistema di orientamento e di informazione all impresa tale da sostenere l adeguamento delle prestazioni nei confronti dell utenza ed eliminare le carenze infrastrutturali e gestionali riscontrate. Conclusioni Turismo accessibile è l insieme delle strutture e dei servizi che consentono a chiunque di vivere una vacanza in modo soddisfacente. Il grado di soddisfazione del turista con disabilità deve diventare un parametro di valutazione del sistema di accoglienza. L informazione deve tener conto di tutte le esigenze, ivi comprese quelle finora meno considerate, quali le disabilità sensoriali, invisibili e intellettive. 8

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

Turismo & Accessibilità

Turismo & Accessibilità TURISMO ATTIVO Turismo & Accessibilità Relatore Sandrino Porru o Operatore sociale da circa 30 anni, o Dirigente della Coop. Soc.Eugò Sardegna - Turismo accessibile o Responsabile di Relazione di Banca

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

Il turista diversamente abile: Ospitality Service Gruppo Italia S.r.l. Una società al servizio del turismo italiano

Il turista diversamente abile: Ospitality Service Gruppo Italia S.r.l. Una società al servizio del turismo italiano Il turista diversamente abile: Ospitality Service Gruppo Italia S.r.l. Una società al servizio del turismo italiano Cosa è il turismo per i disabili Il turismo è uno dei motori principali dell economia,

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni

Beatrice Benesperi acquisizione delle informazioni restituzione delle informazioni implementazione aggiornamento delle informazioni Beatrice Benesperi In quest'intervento parlerò della seconda fase del lavoro, cioè della conoscenza dello stato di fatto dei luoghi. Dopo la costituzione del laboratorio comunale per accessibilità si passa

Dettagli

Viaggiare senza limiti

Viaggiare senza limiti Territorio i accessibile: la catena dell accessibilità Viaggiare senza limiti Intervento di: Nadia Bravo Seminario Strumenti e proposte per il turismo accessibile nelle Valli di Lanzo Ceronda e Casternone

Dettagli

Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari

Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari Edificio 1 Servizi Educativo Riabilitativi e Sanitari rea ricerca Uffici Sala multiuso ccoglienza F G H D E C ule e Laboratori mbulatorio prove visive mbulatori mbulatorio prove audiometriche Edificio

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile

Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile Cooperativa Sociale La Cruna esperienze sul turismo accessibile Introduzione La Cruna è una cooperativa sociale di inserimento lavorativo. Fin dalla sua nascita, nel 1997, si è specializzata nella formazione

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

Ci sta a cuore la vacanza di tutti

Ci sta a cuore la vacanza di tutti Ci sta a cuore la vacanza di tutti New objective: tourism without Barrier. Turismo senza barriere! E non solo architettoniche, ma anche e soprattutto culturali ed ideologiche che allontanano i soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO

REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO COMUNE DI CALATABIANO Provincia di Catania REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO [legge regionale n. 11 del 02 agosto 2013] INDICE PREMESSA 3 Art. l.

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano)

COMUNE DI BARANZATE (Provincia di Milano) PROGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE PARCO VIA AQUILEJA UBICAZIONE: AREA VERDE VIA AQUILEJA PROSPICIENTE LA SCUOLA DOCUMENTO: RELAZIONE TECNICA Opere: LAVORI DI MANUTENZIONE

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI. del. Science Centre

LA CARTA DEI SERVIZI. del. Science Centre LA CARTA DEI SERVIZI del Science Centre SOMMARIO SOMMARIO... 2 PRESENTAZIONE... 3 INTRODUZIONE... 4 2 I PRINCIPI... 6 LA DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA... 7 LA TIPOLOGIA DEI SERVIZI... 7 LA VALUTAZIONE DELLA

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO

CARTA DEI SERVIZI. del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO SOCIO EDUCATIVO ARCOBALENO A cura del Comune di Castelfidardo Ufficio Assistenza PREMESSA Allo scopo di garantire informazione, trasparenza e standard adeguati di efficacia

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

PROFESSIONISTI PER UNA PROGETTAZIONE SOCIALE E SOSTENIBILE / seminari specialistici - 2015

PROFESSIONISTI PER UNA PROGETTAZIONE SOCIALE E SOSTENIBILE / seminari specialistici - 2015 OBIETTIVI Questo progetto formativo è nato dalla collaborazione tra gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti della provincia di Bologna, Assiabo e le équipe dei Centri CRA e CAAD di Corte Roncati.

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

MUOVERSI nell IMMOBILE

MUOVERSI nell IMMOBILE MUOVERSI nell IMMOBILE superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale PREMESSA premio per tesi di laurea in architettura e ingegneria L istituzione del premio di laurea è

Dettagli

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA www.qualisoft.org PREMESSA Nel mese di giugno 2004 l'aree onlus - Associazione Regionale Età Evolutiva - di Cagliari ha organizzato

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni COMUNE DI PRATO Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni Gruppo di lavoro per l elaborazione del Piano per l Accessibilità Urbana Coordinatore Gruppo Arch.

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità

Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità Convegno "La disabilità in Lombardia: cosa è cambiato e cosa cambierà Milano, 31 marzo 2011 Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità Mario Melazzini Regione Lombardia

Dettagli

Il document delivery elettronico nel sistema bibliotecario dell Università di Firenze Paolo Salvi, salvi@biblio.unifi.it

Il document delivery elettronico nel sistema bibliotecario dell Università di Firenze Paolo Salvi, salvi@biblio.unifi.it Il document delivery elettronico nel sistema bibliotecario dell Università di Firenze Paolo Salvi, salvi@biblio.unifi.it L uso del document delivery elettronico nelle biblioteche dell Università di Firenze

Dettagli

L accessibilità degli spazi in riferimento a persone con disabilità motoria

L accessibilità degli spazi in riferimento a persone con disabilità motoria L accessibilità degli spazi in riferimento a persone con disabilità motoria di Leris Fantini (progettista; componente del CERPA Italia Onlus - Centro europeo di ricerca e promozione dell accessibilità;

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus OSTELLO INTEGRATO VITA AUTONOMA CURATA PER PERSONE CON SINDROME DI DOWN L OSTELLO Totale 380 mq I NOSTRI tot. 8 camere PARTNER da letto tot. 22-24 posti

Dettagli

LINEE PER I PROGETTI DI INCLUSIONE ASC INSIEME Casalecchio di Reno (BO)

LINEE PER I PROGETTI DI INCLUSIONE ASC INSIEME Casalecchio di Reno (BO) LINEE PER I PROGETTI DI INCLUSIONE ASC INSIEME Casalecchio di Reno (BO) L'APPROCCIO INCLUSIVO Il termine inclusione lo si ritrova nei convegni, nelle circolari ministeriali, nei progetti finalizzati all

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco Piano dei Servizi ZONA E Allegato alla tav. S6 (PdS) ( le previsioni contenute nel Piano dei Servizi e concernenti le aree necessarie

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Turismo e Innovazione Obiettivi e strumenti ALLEGATO 1

Turismo e Innovazione Obiettivi e strumenti ALLEGATO 1 AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE PER IL TURISMO, COMMERCIO, E ATTIVITA' TERZIARIE VERSO IL PIANO REGIONALE DELLO SVILUPPO ECONOMICO 2006/2010 Turismo e Innovazione Obiettivi e strumenti ALLEGATO 1 LA PAGINA

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI DEL PROGETTO E PER LA VALUTAZIONE - SCHEDA B Traccia per la scuola capofila

SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI DEL PROGETTO E PER LA VALUTAZIONE - SCHEDA B Traccia per la scuola capofila Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Progetto Nazionale I CARE GRUPPO DI LAVORO REGIONALE SCHEDA PER IL MONITORAGGIO DELLE FASI FINALI

Dettagli

Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi

Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi Progetto Sentiamoci in rete www.eldy.org ELDY ONLUS L'associazione no profit Eldy promuove azioni concrete per l'inclusione sociale di anziani e disabili.

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Turismabile: Un modello per il Turismo Accessibile in Italia

Turismabile: Un modello per il Turismo Accessibile in Italia Convegno Internazionale Turismo accessibile e Piemonte for All Dal Piemonte all Europa: potenzialità e opportunità del mercato del turismo accessibile Turismabile: Un modello per il Turismo Accessibile

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione

Dettagli

L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE:

L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE: L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE: La sponsorizzazione come promozione sociale SportABILI ALBA Onlus Asd Associazione Sportiva Dilettantistica senza scopo di lucro e con fini di attività sociale (Onlus

Dettagli

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità

L accessibilità in Piemonte. Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità L accessibilità in Piemonte Il progetto Musei per Tutti Dal monitoraggio all informazione sui livelli di accessibilità COSA SI INTENDE PER ACCESSIBILITA L accessibilità è la possibilità, anche per persone

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche

Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche Tutti insieme nella CACCIA alla BARRIERA Campagna di Segnalazione Spontanea delle Barriere Architettoniche PRESENTAZIONE VI PRESENTO ALCUNI NOSTRI AMICI GIUSEPPE MAMMA MARIA NONNO GIACOMO BABBO ADELMO

Dettagli

Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007

Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007 Progetto Valutazione e monitoraggio della Qualità delle Strutture Alberghiere 2007 presso la sede della Regione Lombardia Progetto interregionale finanziato dalla Regione Lombardia e realizzato con la

Dettagli

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Processo: Monitoraggio della soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia P 5.2 Pagina 1 di 8 Questionari

Dettagli

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini

Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Carta del Servizio Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili psico-fisici Villa Bellini Residenza Sanitaria Assistenziale per disabili Via Flavia 60131 Ancona Tel. & fax. 071 2905118 e-mail: villabellini@strutture.cooss.it

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Il Progetto Hermes 3.0

Il Progetto Hermes 3.0 Il Progetto Hermes 3.0 Centro Studi Helios Ver 1.0 del 25/03/2015 Sommario Il Progetto Hermes 3.0... 3 Premessa.... 3 Il Portale Hermes... 4 I siti del Circuito Hermes... 7 La Mappa dei sapori... 7 Turismo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MUSCO CATANIA ANNO SCOLASTICO 2011-2012. Progettazione Educativa Scuola dell infanzia

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MUSCO CATANIA ANNO SCOLASTICO 2011-2012. Progettazione Educativa Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO A. MUSCO CATANIA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Progettazione Educativa Scuola dell infanzia PREMESSA: FINALITÀ EDUCATIVE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Gli Orientamenti del 91 avevano dato

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

L impegno di Turismabile per un Piemonte più accogliente per tutti

L impegno di Turismabile per un Piemonte più accogliente per tutti CONVEGNO NAZIONALE Piemonte, un Emozione da Vivere per Tutti Novara, 22 Giugno 2011 L impegno di Turismabile per un Piemonte più accogliente per tutti Giovanni FERRERO - Direttore CPD Onlus Viaggiare senza

Dettagli

Il Turismo accessibile nell Altopiano dei 7 Comuni. F. Antonio Compostella Direttore Generale Azienda Sanitaria ULSS 3

Il Turismo accessibile nell Altopiano dei 7 Comuni. F. Antonio Compostella Direttore Generale Azienda Sanitaria ULSS 3 Il Turismo accessibile nell Altopiano dei 7 Comuni F. Antonio Compostella Direttore Generale Azienda Sanitaria ULSS 3 TURISMO ACCESSIBILE E RUOLO DELL ULSS Per Turismo Accessibile si intende l insieme

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO VIII DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO COMMERCIALE ARTIGIANALE E TURISTICO Servizio Polizia Amministrativa REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI "BED & BREAKFAST" ART. 1 FINALITA In armonia con gli indirizzi

Dettagli

TOOK CM - Transfer Of Organised Knowledge Cilento-Marche «The Smart Countryside»

TOOK CM - Transfer Of Organised Knowledge Cilento-Marche «The Smart Countryside» TOOK CM - Transfer Of Organised Knowledge Cilento-Marche «The Smart Countryside» Ernesto Marcheggiani University of Leuven / Università Politecnica delle Marche Ancona, 20 Novembre 2013 1 Background Il

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

C.P.A.H. A.N.G.L.A.T. Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti Sezione Provinciale di Treviso. Programma per CORSO BASE di

C.P.A.H. A.N.G.L.A.T. Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti Sezione Provinciale di Treviso. Programma per CORSO BASE di Programma per CORSO BASE di PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITÀ AD UNA UTENZA GLOBALE CON L ORGANIZZAZIONE Associazione di Promozione Sociale e la COLLABORAZIONE A.N.G.L.A.T. Associazione Nazionale Guida

Dettagli

QUESTIONARIO SU ARTIGIANATO ARTISTICO DEL MARMO E DELLA PIETRA IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA

QUESTIONARIO SU ARTIGIANATO ARTISTICO DEL MARMO E DELLA PIETRA IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA QUESTIONARIO SU ARTIGIANATO ARTISTICO DEL MARMO E DELLA PIETRA IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Denominazione impresa Comune di residenza E-mail ANAGRAFICA A2. Sesso dell imprenditore 1. Maschio 2. Femmina

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Dalla crisi un nuovo modello di sviluppo Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell

Dettagli

Indagine conoscitiva 2012 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili

Indagine conoscitiva 2012 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, Ambito distrettuale di Muggia, Ambito distrettuale di Duino - Aurisina, Azienda per i Servizi Sanitari n.

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA ULSS 21 RIPARTIZIONE ETA ADULTA E ANZIANI / SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (S.I.L.) Il Servizio di integrazione lavorativa (S.I.L.): Percorsi formativi finalizzati al

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Il progetto intende favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane, attraverso la sua digitalizzazione e

Dettagli

Turismo Accessibile Case History Camping Florenz

Turismo Accessibile Case History Camping Florenz Turismo Accessibile Case History Camping Florenz A Pescara lo scorso ottobre si è tenuta la Conferenza Nazionale sul Turismo e tra i vari gruppi di lavoro previsti uno di quelli che più ha riscosso l'attenzione

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI Allegato alla deliberazione giuntale n. 36 di data 25 febbraio 2008 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER IL RILANCIO E LA VALORIZZAZIONE DELL ORATORIO ROSMINI Tra PARROCCHIA DI S. MARCO COMUNITA MURIALDO

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

Piemonte, un Emozione da Vivere per Tutti

Piemonte, un Emozione da Vivere per Tutti CONVEGNO NAZIONALE Piemonte, un Emozione da Vivere per Tutti Novara, 22 Giugno 2011 Valorizzare il proprio territorio in un ottica di fruibilità allargata: l esperienza del G.A.L. Valli di Lanzo, Ceronda

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO SINTESI DELLE ATTIVITÀ

VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO SINTESI DELLE ATTIVITÀ FOCUS GROUP IN MODALITÀ BLENDED VENEZIA CAPITALE MONDIALE DEL TURISMO Venezia, 21 settembre 28 settembre 2004 SINTESI DELLE ATTIVITÀ È ormai opinione condivisa che uno sviluppo urbano sostenibile, che

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

MIGLIORI INSEGNE ANNO!

MIGLIORI INSEGNE ANNO! 1 a EDIZIONE LA SFIDA FRA LE MIGLIORI INSEGNE DELL ANNO! Main Sponsor REGOLAMENTO CNCC RETAILER AWARDS 2015 1 a EDIZIONE PREMESSA E REQUISITI Il CNCC Retailer Awards nasce come espressione del nuovo corso

Dettagli

Rapporto stato progetto. Nome relatore Data presentazione

Rapporto stato progetto. Nome relatore Data presentazione Rapporto stato progetto Nome relatore Data presentazione PANORAMICA SULLE APPS PER L'INCLUSIONE DIFFUSA Daniela Orlandi architetto Responsabile canale Senza Barriere ContactCenter Superabile Panoramica

Dettagli